CONTRATTO DI AGENZIA E ARBITRATO: QUALI I LIMITI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO DI AGENZIA E ARBITRATO: QUALI I LIMITI?"

Transcript

1 GUIDO BELLI CONTRATTO DI AGENZIA E ARBITRATO: QUALI I LIMITI? TRIBUNALE UDINE, , N Il fatto. L attrice ha convenuto in giudizio le parti indicate in epigrafe ed anche le presunte società Z. Trading Company Ltd (France) e Z. Trading Company Ltd Uk (London) chiedendo che venisse accertata la nullità o la simulazione relativa (per interposizione fittizia di persona) del contratto di agenzia sottoscritto con la Z. Trading Company Limited in data e dei successivi addendum di data e estensione di data , essendo invece titolare effettivo del rapporto il suo legale rappresentante N.S., o in subordine chiedendo che venisse accertata la cessazione dell efficacia dello stesso contratto e delle successive integrazioni a decorrere dalla data del e quindi l insussistenza di qualsiasi pretesa avanzata dalle società convenute o personalmente dal N.S., nonché l invalidità dei collegati contratti di consulenza di data e , sempre sottoscritti dalla società convenuta Z. Ltd. Nel costituirsi in giudizio le parti convenute resistevano alle domande, eccependo l esistenza di una clausola compromissoria per arbitrato estero che rendeva improcedibile l azione e comunque il difetto di giurisdizione dell adito giudice avendo la società sede a Teheran (Iran) e essendo il N.S. (legale rappresentante della Z.) cittadino iraniano e dovendo il contratto essere eseguito in Iran, svolgendo anche, solo in via subordinata, domanda riconvenzionale, come da epigrafate conclusioni, precisando inoltre che le società Z. France e Z. London in realtà non esistevano, trattandosi di meri recapiti in tali paesi dell unica società esistente e avente sede in Teheran. L attrice di fronte a tali eccezioni di compromesso ha replicato sostenendo che la clausola compromissoria era invalida, non solo perché la controversia in materia di contratto di agenzia non era compromettibile in arbitri, coinvolgendo un soggetto persona fisica, trattandosi di controversia di competenza del giudice del lavoro, ma anche perché l azione di simulazione presupponeva la presenza anche del terzo interponente, quale litisconsorte necessario, estraneo al compromesso. I motivi. Va preliminarmente rigettata l eccezione dell attrice circa l invalidità del mandato rilasciato dalla Z. Ltd., con sede in Teheran (Iran), Boulevard Mirfdamad, in quanto come risulta dalla dimessa documentazione, l amministratore delegato della stessa società N.S. aveva il potere di conferire il mandato, mentre per quanto attiene alle presunte società Z. France e Z. (UK) London non vi è prova che siano autonomi soggetti giuridici, ma piuttosto semplici recapiti della Z. Ltd (v. certificato del Registro delle imprese di Teheran e atto costitutivo, doc. n. 6-7), dovendo l attrice dare prova del contrario, anche perché la denominazione delle due sedi europee appare identica a quella della società Iraniana e si deve quindi presumere, fino a prova contraria, che vi sia piena identità fra le stesse. L eccezione d improponibilità dell azione per la presenza di una clausola compromissoria per arbitrato estero, con conseguente rinunzia alla giurisdizione sia del giudice statale italiano, che di qualsiasi altro giudice straniero, è fondata e va accolta, in quanto sulla base dei contratti sottoscritti dalle parti (v. clausola n. 7.2 del contratto di data , nonché clausole n. 10 dei contratti di consulenza

2 stipulati con la società Z. in data e ) competente a conoscere di ogni controversia relativa agli stessi è l ICC di Parigi, dove è anzi già pendente un arbitrato concernente il contratto di agenzia di data , che fu promosso dalla convenuta Z. in data Va in primo luogo precisato che la questione attinente all interpretazione della clausola arbitrale è una questione di merito affidata alla giurisdizione del giudice adito e non di giurisdizione, preliminare a tutte le altre, che deve essere affrontata dal giudice adito in via di delibazione sommaria (cfr., Cass., sez. Unite , n , secondo cui: In presenza di un compromesso o di una clausola compromissoria per arbitrato estero, si pone una questione non di giurisdizione - posto che il dictum arbitrale è un atto di autonomia privata, non esercitando gli arbitri funzioni giurisdizionali - ma di merito, inerente all accertamento, da effettuarsi dal giudice fornito di giurisdizione secondo i normali criteri di sua determinazione, della validità del patto prevedente l arbitrato estero, il quale comporta la rinuncia ad ogni tipo di giurisdizione, sia essa italiana o straniera e anche in senso conforme Cass., , n. 35, secondo cui: In presenza di un compromesso o di una clausola compromissoria che prevedano il ricorso ad un arbitrato estero, si pone una questione non di giurisdizione ma di merito, inerente l accertamento, da effettuarsi dal giudice fornito di giurisdizione secondo i normali criteri, della validità del patto prevedente l arbitrato estero, che comporta la rinuncia ad ogni tipo di giurisdizione, sia essa italiana o straniera (in applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato con rinvio la decisione del giudice di merito che, dichiarando la giurisdizione del giudice italiano dopo aver escluso che la controversia rientrasse nella clausola arbitrale, ha ritenuto che l interpretazione della clausola integrasse una questione di giurisdizione). E inoltre principio consolidato che spetti al giudice adito verificare preliminarmente, in via di delibazione sommaria la validità, operatività e applicabilità della clausola arbitrale, in quanto L art. 2, 3 comma, della Convenzione di New York del 1958 attribuisce al giudice adito il potere-dovere di verificare, preliminarmente, la validità, operatività ed applicabilità della clausola compromissoria per arbitrato estero, in via di delibazione sommaria, e, all esito favorevole di tale verifica, di rimettere le parti dinanzi agli arbitri. Solo in caso di verifica negativa, il giudice si pronunzierà sulla giurisdizione propria o di altro giudice. La delibazione sommaria effettuata dal giudice adito sulla validità, operatività ed applicabilità della clausola compromissoria, non essendo idonea a formare il Giudicato, non vincolerà né il collegio arbitrale né il giudice straniero, di cui sia stata ritenuta la giurisdizione (Omissis) Va in secondo luogo osservato che le parti nello stipulare il contratto hanno previsto di riferirsi alle norme del codice civile italiano per la risoluzione di eventuali controversie ed è quindi alla luce della nostra legislazione che l indagine sulla validità della clausola e la sua applicabilità deve essere svolta (v. clausola n. 7.1). Non vi sono dubbi nella fattispecie in esame, che con le clausole compromissorie le parti abbiano voluto devolvere la cognizione di ogni controversia relativa alla validità, efficacia e esecuzione del contratto di agenzia alla camera arbitrale, in quanto la clausola n. 7.2 afferma esplicitamente che:...qualsiasi disaccordo in relazione all interpretazione e/o esecuzione e/o cessazione della nomina, verrà risolto tramite arbitrato conformemente alle norme e regolamenti della Camera di Commercio Internazionale di Parigi e che le questioni sollevate nella presente controversia che attengono proprio alla validità o meno del contratto e alla sua efficacia fra le parti (o del terzo interponente, in forza dell asserita simulazione relativa), oltre che conseguentemente alla sua esecuzione, compresa quindi l azione di simulazione, rientrino nelle materie devolute alla competenza del collegio arbitrale estero. Va, infatti, rammentato che anche l accertamento dell eventuale simulazione relativa, per interposizione fittizia di persona, presuppone l accertamento di un accordo simulatorio strutturalmente trilatero, al quale partecipano contraente apparente (interposto), contraente effettivo (interponente) e la controparte, che comporta come conseguenza l efficacia fra

3 le parti dell accordo realmente voluto e l inefficacia di quello simulato. Priva di pregio è poi la tesi che la controversia in esame sia relativa anche a dei rapporti diversi dal contratto di agenzia e che quindi sussista la giurisdizione del giudice ordinario in forza della vis attractiva della giurisdizione statale, nel caso di controversie connesse, atteso che secondo costante giurisprudenza della Suprema Corte il giudice ordinario non può pronunziare anche sulle domande che le parti nella loro autonomia hanno devoluto alla competenza arbitrale, pure in presenza di controversie connesse (v. Cass., , n , secondo cui: L art. 819-bis c.p.c., introdotto dalla legge n. 25 del 1994 ed applicabile alle controversie insorte dopo l entrata in vigore della legge stessa, stabiliva, prima della sostituzione ad opera dell art. 22 del d.lgs. n. 40 del 2006, che la controversia rimessa ad arbitri sulla base di valida clausola compromissoria non era attratta, per ragioni di connessione, da altra causa pendente dinanzi al giudice ordinario, senza che assumesse rilievo il fatto che la causa fosse stata già instaurata dinanzi agli arbitri, ovvero non fosse ancora pendente ). Tale orientamento ha, d altro canto, trovato definitiva affermazione nell art. 819-ter, primo comma, c.p.c., come modificato dall art. 22, comma primo, del d.lgs , n. 40, che ha esplicitamente affermato che la competenza degli arbitri non è esclusa dalla connessione tra la controversia ad essi deferita e una causa pendente davanti al giudice ordinario. Va in tutti i casi osservato che anche nei contratti di consulenza di data e è presente una convenzione di arbitrato (v. clausola n. 10 dei contratti di consulenza), con la conseguenza che anche in questa ipotesi sussiste il difetto di giurisdizione del giudice ordinario. Parimenti infondata appare la tesi della giurisdizione del giudice adito sul presupposto della domanda di accertamento della simulazione soggettiva del contratto (interposizione fittizia di persona), che vedrebbe come vera parte del contratto il S. personalmente e non la interposta società Z., di cui lo stesso peraltro è amministratore (circostanza che già sotto tale profilo fa ritenere ad un esame sommario, l eccezione meramente strumentale per ottenere una artificiosa competenza del giudice ordinario, rispetto a quella arbitrale), con la conseguenza che la domanda coinvolgerebbe delle parti diverse da quelle della convenzione arbitrale, quali litisconsorti necessari, in quanto la posizione di litisconsorte necessario del S., in relazione a tale domanda di simulazione, non esclude la competenza del collegio arbitrale. Va, infatti, rammentato che l art quinquies, secondo comma, c.p.c., così come modificato dalla legge di riforma di cui al d.lgs. n. 40/06, che ha risolto l annosa questione dell intervento del litisconsorte necessario pretermesso nel procedimento arbitrale, stabilisce espressamente che sono sempre ammessi nel procedimento arbitrale l intervento previsto dal secondo comma dell art. 105 e l intervento del litisconsorte necessario (vincolato o non vincolato che sia dalla clausola compromissoria) e che il primo comma del medesimo articolo consente anche l integrazione del contraddittorio (chiamata in arbitrato) nei confronti del litisconsorte necessario, pur estraneo al compromesso, ove le parti e il terzo vi consentano e gli arbitri lo ritengano necessario. Viceversa, anche dopo la modifica legislativa, così come unanimemente ritenuto in precedenza, sotto il vigore della previgente disciplina, si deve escludere il potere delle parti compromettenti e degli arbitri dì costringere il terzo litisconsorte necessario, estraneo al compromesso, a partecipare al giudizio, con la conseguenza che qualora il contraddittorio non sia integrato, l arbitrato deve ritenersi improcedibile e le parti originarie riacquistano il potere di adire l autorità giudiziario ordinaria, senza che le altre parti possano opporre l exceptio compromissi. Alla stregua di tali principi appare evidente che l attrice, essendo già stato promosso l arbitrato davanti al collegio arbitrale parigino era ed è legittimata in tale sede a chiedere l integrazione del contraddittorio del litisconsorte necessario e solo ove l altra parte o il terzo o gli arbitri non lo consentano, potrà far valere l improcedibilità del procedimento arbitrale, onde riacquistare il diritto alla proposizione della domanda davanti al giudice ordinario.

4 Instauratosi, infatti, il giudizio arbitrale spetta solamente agli arbitri decidere della validità della clausola (v. Cass., , n e Cass., , n. 3001, secondo cui: Nell ipotesi in cui al giudice ordinario venga richiesta, dopo l instaurazione del giudizio arbitrale, una decisione sulla questione di competenza, il giudice deve limitarsi a prendere atto della circostanza che l accordo derogatorio della competenza dell autorità giudiziaria ordinaria ha già trovato concreta attuazione, indipendentemente dal fatto che la contestazione in ordine alla legittima investitura del collegio arbitrale sia successiva alla concorde instaurazione del giudizio arbitrale, ovvero se essa sorga ancor prima, a seguito della mera notificazione dell atto di accesso agli arbitri per iniziativa di una delle parti, essendo sufficiente che il giudizio arbitrale abbia comunque avuto inizio e che gli arbitri abbiano risolto la questione affermando la propria competenza a decidere la controversia insorta fra le parti compromettenti. Ne consegue che, ove rilevi (a pendenza del giudizio arbitrale), il giudice adito deve limitarsi a dichiarare improponibile o improseguibile l azione, astenendosi da ogni accertamento in ordine all esistenza ed alla validità dell accordo compromissorio che ha conferito agli arbitri la potestas iudicandi in ordine alla controversia sottoposta al loro esame, atteso che solo a questi ultimi è riservata, in via esclusiva, la preventiva verifica dei propri poteri, salva restando la possibilità di proporre impugnazione per nullità del lodo che si assuma pronunciato da arbitri privi di ogni potere al riguardo ). Va, inoltre, osservato che nel caso di interposizione fittizia di un terzo nel rapporto contrattuale, vale a dire nella simulazione soggettiva, non necessariamente tutte le parti coinvolte nella simulazione e segnatamente il terzo interponente sono parti indispensabili del giudizio, in quanto il litisconsorzio necessario sussiste solo nel caso di domanda di simulazione svolta in via principale, come autonoma domanda, non nel caso di eccezione di simulazione, svolta in via riconvenzionale, tendente a paralizzare la pretesa della controparte (cfr. in tal senso Cass., , n. 3474, secondo cui: Il contraddittorio nel giudizio tra tutti i partecipanti, od i loro eredi, all atto impugnato per simulazione è necessario solo quando la nullità che ne deriva all atto venga posta a fondamento dell azione e non già quando il suo accertamento formi oggetto di una mera eccezione e debba essere effettuato in via incidentale e senza efficacia di giudicato, nonché in senso conforme Cass., n e Cass., n. 3105/05). Ne consegue che la D. convenuta nel giudizio arbitrale è anche legittimata ad avanzare l eccezione di simulazione in tale procedimento, senza necessità di coinvolgere il S., per paralizzare la pretesa della Z. in quella sede, dovendo comunque il collegio arbitrale pronunziarsi su tale eccezione e in caso positivo, respingere la domanda della Z. come improcedibile, dato che presupporrebbe l integrazione del contraddittorio di una parte estranea al compromesso e quindi non coercibile, al fine di accertare in via incidentale la simulazione relativa del contratto, declinando in questo caso per tale ragione la propria competenza a conoscere della controversia (salvo l intervento volontario del S. medesimo o la sua chiamata con il consenso unanime delle parti). Non si dimentichi, infatti, che l azione promossa dalla D. davanti a questo Tribunale in via principale è di mero accertamento negativo dell insussistenza delle obbligazioni a suo carico derivanti dal contratto (asseritamene simulato) ed è quindi in tutto uguale all eventuale eccezione di simulazione formulabile nel procedimento arbitrale, per paralizzare la pretesa della controparte, con la conseguenza che non vi è alcuna compromissione dei diritti dell attore che renda invalida la clausola compromissoria. Nel caso in cui invece la Z. e il S. acconsentano nel giudizio arbitrale alla chiamata in causa del litisconsorte necessario, trova applicazione l art, 816-ter, primo comma, c.p.c., che come già rammentato, ammette tale possibilità di chiamata del terzo estraneo al compromesso, nel giudizio arbitrale, ove sussista il consenso delle parti, del terzo e del collegio arbitrale. Ne consegue che la D. in pendenza della procedura arbitrale, già avviata presso la Camera di Commercio di Parigi, non può far valere in questa sede eccezioni o domande che può svolgere in quella sede e

5 che attengono alla stessa validità del compromesso, dovendo essere gli arbitri ormai investiti della questione a decidere dei loro poteri, salva l impugnazione del lodo con mezzi previsti dall ordinamento. In tutti i casi anche, a voler seguire il diverso orientamento giurisprudenziale - c.d. delle vie parallele - che ammette la competenza contemporanea sia del collegio arbitrale, che del giudice ordinario, di valutare la vincolatività della clausola, pur potendo dar luogo ad un eventuale conflitto di giudicati (cfr. in tal senso Cass., , n e Cass., , n ), con conseguente potere del giudice ordinario adito di in terpretare il patto compromissorio a fini delibativi dell eccezione di compromesso, per le ragioni già esposte appare evidente la validità della clausola, anche in presenza di un litisconsorzio necessario e quindi la sua piena operatività. Del tutto infondata appare, infine, anche la questione relativa all invalidità della clausola arbitrale, in quanto attinente a materia non compromettibile in arbitri, perché sottratta alla disponibilità delle parti, per essere il (presunto) reale rapporto di agenzia (o rapporto atipico, come definito dalla stessa attrice negli atti di causa) fra il S. e la D. qualificabile come un rapporto di competenza del giudice del lavoro, atteso che la qualificazione del rapporto come rientrante fra quelli di competenza del giudice del lavoro ex art. 409 c.p.c., o meno presuppone il previo accertamento dell esistenza della simulazione soggettiva, accertamento che spetta al collegio arbitrale, il quale è l unico che possa valutare la sussistenza o meno di una simulazione relativa del contratto concluso fra la D. e la Z. (eventualmente anche in via incidentale) e anche in questo caso eventualmente declinare la propria competenza a favore del giudice ordinario. La questione preliminare di merito da decidere è, infatti, quella circa la sussistenza del rapporto di simulazione relativa del contratto, atteso che solo nel caso di risposta positiva a tale quesito è possibile scendere nel merito della compromettibilità in arbitri di un rapporto di agenzia (peraltro contestato dall attrice, che lo qualifica essa stessa come atipico e non rientrante in tale tipo contrattuale, con una certa mancanza di coerenza con la sollevata eccezione) che veda coinvolto un agente come persona fisica, con qualificazione personale della prestazione (v. art. 409, primo comma, n. 3, c.p.c., essendo invece escluse le società di capitali; cfr. Cass., , n. 6351) e quindi il problema della ulteriore validità o meno della clausola, che ormai, instaurato l arbitrato estero, per i principi sopra richiamati, è di competenza esclusiva del collegio arbitrale. Tale questione non è quindi delibabile dal giudice che deve decidere sulla fondatezza o meno dell eccezione di compromesso, in quanto in questo caso lo stesso si sostituirebbe al collegio arbitrale nella decisione sulla domanda di simulazione, che appartiene invece alla competenza esclusiva degli arbitri ed è strettamente connessa alla verifica della vincolatività o meno della clausola. Va comunque osservato che, anche ove si affermasse la competenza del giudice ordinario per l azione di simulazione, si deve ritenere che non sussista la giurisdizione del giudice italiano, sulla base dei criteri fissati dall art. 3 della legge n. 218/95, atteso che i convenuti non sono né residenti né domiciliati in Italia, ma piuttosto in Iran (mentre Z. France e Z. UK sono dei meri recapiti, non essendovi prova che le medesime società esistano realmente), né hanno un rappresentante autorizzato a stare in giudizio nel nostro paese e l obbligazione dedotta in giudizio, vale a dire il contratto di agenzia, non è stato concluso in Italia e doveva essere eseguito in Iran (clienti e territorio in cui l agente ha avuto l incarico di promuovere le vendite: Repubblica Islamica dell Iran). Quand anche si volesse ritenere che il S. sia residente in Inghilterra (v. mandato in calce alla comparsa di risposta), la competenza non spetterebbe al giudice italiano neppure in base al regolamento CE n. 44/01, sulla base dei medesimi criteri (v. artt. 2 e 5 del citato regolamento). È, infatti, pacifico che in caso di accertamento negativo l obbligazione rilevante ai fini dell individuazione del luogo di esecuzione è l obbligazione principale o caratterizzante il negozio, vale a dire in questo caso l obbligazione dedotta nel contratto di agenzia e quella di pagamento delle prestazioni, a nulla rilevando le subordinate domande della convenuta, che. sono state avanzate solamente in caso di ritenuta

6 competenza del giudice adito (v. Cass., sez. Unite, ordinanza, , n. 5108, secondo cui: Il foro speciale previsto dall art. 5 della convenzione di Lugano 16 settembre 1988 concernente la competenza giurisdizionale e l esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (resa esecutiva in Italia con la legge 10 febbraio 1992, n. 198), in base al quale il convenuto domiciliato nel territorio di uno Stato contraente può essere citato, in altro Stato contraente, davanti al giudice del luogo in cui l obbligazione dedotta in giudizio è stata o deve essere eseguita, è applicabile non solo alle azioni volte alla realizzazione del vincolo contrattuale, ma anche a quelle di nullità o di annullabilità del negozio o di accertamento negativo dell esistenza dello stesso, posto che anche dette azioni deducono, pur se al fine di contestarne la validità o l esistenza, la volontaria assunzione di un vincolo obbligatorio, in funzione di contrasto con la pretesa che controparte deriva dal ridetto vincolo, ed attengono quindi alla materia contrattuale. E siccome l obbligazione rilevante ai fini dell individuazione del luogo di esecuzione è l obbligazione principale, o caratterizzante il negozio, ove l attore promuova azione di invalidità o di accertamento negativo dell esistenza di un contratto di mandato avente ad oggetto l incarico di svolgere attività di intermediazione finanziaria per la cessione di un pacchetto azionario, è alla detta obbligazione, quale obbligazione principale e caratteristica della convenzione, e non già all obbligazione del mandante di pagare il compenso, che occorre aver riguardo al fine di individuare - in conformità della legge applicabile al contratto sulla base del diritto internazionale privato del giudice adito - il forum solutionis e anche in senso conforme Cass., sez. Unite, , n. 6899, secondo cui (Omissis)). Del tutto infondata, è infine, la tesi dell attrice che i convenuti svolgendo l eccezione di compromesso, che è eccezione di merito, abbiano accettato la giurisdizione del giudice italiano, in quanto in realtà gli stessi hanno svolto in via principale, ma gradata, entrambe le eccezioni sia di difetto di giurisdizione a favore del collegio arbitrale, sia di difetto di giurisdizione del giudice ordinario italiano e il giudice adito deve esaminarle entrambe in sequenza logica, in quanto in primo luogo deve esaminare in via delibativa preliminare la validità e applicabilità della clausola compromissoria (che esclude la competenza di qualsiasi giudice statale), atteso che si tratta di una questione che riguarda la stessa proponibilità dell azione davanti a qualsiasi giudice statale e solo in un secondo tempo, in caso di risposta negativa, scendere all esame dell eccezione di difetto di giurisdizione (v. in tal senso la già citata sentenza della Suprema Corte che afferma (Omissis)). Va comunque osservato che non ha alcuna rilevanza l ordine con cui la convenuta ha sollevato le eccezioni di compromesso e di difetto di giurisdizione, in quanto l ordine giuridico e logico che deve seguire il giudice per decidere tali questioni pregiudiziali e preliminari è determinato dalla legge processuale e non dalle parti ( art 279 c.p.c.), e in questo caso particolare anche dalla convenzione di New York relativa agli arbitrati esteri. E pertanto evidente la carenza di giurisdizione del giudice ordinario (italiano o estero, poco importa) a conoscere di qualsiasi controversia derivante dal medesimo contratto e dai contratti collegati, sia attinente alla sua esistenza, validità ed efficacia fra le parti sia attinenti alla sua esecuzione e la conseguente improponibilità dell azione, vendo le stesse stabilito di comune accordo di ricorrere ad un arbitrato stero, ai sensi del combinato disposto degli artt. 4 della l. n. 218/95 e all art. 11 della convenzione di New York del 1958 sul riconoscimento e l esecuzione delle sentenze arbitrali straniere, rinunziando alla giurisdizione del giudice statale, ed essendo già effettivamente pendente la procedura arbitrale presso la camera parigina. (Omissis) La decisione. Il Giudice Unico fra le parti definitivamente pronunciando, ogni contraria domanda, istanza e deduzione reietta, respinge le domande in quanto improponibili e inammissibili. (Omissis) [PELLIZZONI Giudice unico D. S.p.a. (avv. Campeis) Z. Trading Company Limited e N.S. (avv.ti Crivellaro e Damiani)]

7 SOMMARIO: 1. La vicenda. 2. Le questioni. 1. La vicenda. Qualche tempo dopo aver firmato con una società iraniana un contratto di agenzia, che avrebbe dovuto trovare esecuzione sul territorio della Repubblica Islamica dell Iran, il preponente agiva in giudizio, avanti al tribunale di Udine, chiedendo la pronuncia di invalidità del contratto per interposizione fittizia di persona. Il preponente affermava che il reale contraente andava individuato non già nella società che era semplicemente un interposta bensì nel suo legale rappresentante; resisteva la convenuta eccependo l esistenza, tra le parti, di una clausola compromissoria per arbitrato estero ed il difetto di giurisdizione del giudice italiano. Nel replicare, l attrice insisteva per l accoglimento della domanda di simulazione, affermava la nullità della clausola compromissoria, in quanto avente ad oggetto un rapporto rientrante nella cognizione esclusiva del giudice ordinario, non deferibile ad arbitri, e sosteneva la sussistenza della giurisdizione del giudicante adito. Il tribunale di Udine, nella sentenza in esame, rigetta le domande dell attrice, affrontando la questione della simulazione relativa soggettiva del contratto di agenzia e della compromettibilità in arbitri delle controversie nascenti da tale rapporto. 2. Le questioni. 1. La pretesa esercitata in via principale dall attrice si qualifica, giuridicamente, come azione di simulazione relativa soggettiva, finalizzata ad ottenere la pronuncia di inefficacia del contratto simulato. Nel replicare alle difese assunte dai convenuti nella comparsa di costituzione e risposta, l attrice afferma la nullità della clausola compromissoria per arbitrato estero, per essere a suo dire la

8 qualifica di agente assunta non già dalla società, ma dal suo legale rappresentante persona fisica, con la conseguenza che le controversie nascenti da detto rapporto rientrerebbero nella competenza esclusiva del giudice ordinario e non sarebbero compromettibili in arbitri. Conclude, poi, sostenendo che l arbitrato non sarebbe stato, comunque, praticabile, dal momento che l azione di simulazione presupponeva l intervento di un terzo soggetto (l interponente), estraneo al compromesso. Occorre, al riguardo, dare atto dell esistenza di un differente trattamento, operato dalla giurisprudenza, a seconda che la qualifica di agente sia assunta da un individuo persona fisica, ovvero da un impresa. Agente può, infatti, essere un lavoratore autonomo che si avvale, nello svolgimento dell incarico affidatogli, di una propria organizzazione di mezzi, capitali e persone; oppure un lavoratore parasubordinato, laddove l ingerenza del preponente sia tale da limitare sensibilmente la sua autonomia organizzativa ed operativa. Di una simile impostazione si è fatto consapevole anche il legislatore che, nel novellare con la legge n. 533/1973 l art. 409 c.p.c., ha ricompreso, tra le controversie soggette al rito del lavoro anche quelle relative a rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato. Tali rapporti di agenzia sono soltanto quelli in cui l agente esercita la propria attività in forma individuale e non si serve di una organizzazione a carattere imprenditoriale 1. Qualora, infatti, il requisito della personalità del lavoro non sia soddisfatto, come nelle ipotesi in cui la qualità di agente è assunta da una società di persone o di capitali 2, i contenziosi che derivano dal 1 Cfr. Tribunale Ivrea, sez. Lavoro , n. 60, in D&G, 2005, 39, 28: La controversia tra l assicuratore preponente e l agente assicurativo non è soggetta al rito del lavoro, allorché l agente eserciti la propria attività con autonomia e organizzazione imprenditoriale, desumibile da vari indici quali il volume d affare, la proprietà dei locali dell agenzia ed il numero dei dipendenti. 2 È, pur sempre, ammessa la prova contraria, vale a dire la ricorrenza del requisito della parasubordinazione: In tema di controversie attinenti a rapporti di agenzia, l esistenza di un organizzazione in forma sociale dell agenzia implica una mera presunzione di insussistenza del carattere prevalentemente personale dell attività svolta e, quindi, di insussistenza della parasubordinazione, in ordine alla quale rimane possibile, per qualunque soggetto interessato, fornire la prova contraria (Cass. civ., sez. III , n ).

9 rapporto di agenzia sono soggetti alle regole del processo ordinario di cognizione e sono liberamente compromittibili in arbitri Nella vicenda in esame, posizione preminente assume l accertamento della sussistenza, o meno, della simulazione del contratto, in quanto destinato a ripercuotersi, anche, sulle repliche, successive alla costituzione dei convenuti, avanzate dall attrice. Ma preliminare ad ogni altra è la questione attinente alla validità, operatività ed applicabilità della clausola compromissoria per arbitrato estero, che, qualora immune da vizi, si tradurrebbe nel difetto di giurisdizione di un qualsiasi giudice, italiano o straniero, diverso dagli arbitri designati 4. Su tale questione, che è di merito 5, il giudice adito ha il dovere di pronunziarsi mediante deliberazione sommaria rimettendo, in caso di esito favorevole, le parti dinanzi al collegio arbitrale. Occorre, al riguardo, puntualizzare che i contendenti hanno convenuto, in contratto, di riferirsi, per la soluzione di eventuali controversie, alla legislazione italiana; ne consegue che l indagine sulla validità e sull operatività della clausola compromissoria deve essere compiuta alla luce di tale legislazione. Dalla documentazione prodotta in atti è emerso che le parti hanno voluto deferire, espressamente, alla Camera di commercio 3 Così Cass. civ., sez. Lavoro , n. 9547: Le controversie attinenti al contratto di agenzia rientrano nella competenza del giudice del lavoro solo ove l attività continuativa e coordinata sia svolta, quantomeno in misura prevalente, personalmente dall agente; tale situazione non ricorre quando la qualità di agente è assunta da una società di capitali o di persone, poiché la società costituisce un autonomo centro di imputazione che si pone tra socio e preponente. Analoghi precedenti in Cass. civ., sez. Lavoro , n. 709; Cass. civ., sez. Lavoro , n. 693; Cass. civ., sez. Lavoro , n Cfr. Cass. civ., sez. Unite , n. 412: L art. 2, 3 comma, della Convenzione di New York del 1958 attribuisce al giudice adito il potere-dovere di verificare, preliminarmente, la validità, operatività ed applicabilità della clausola compromissoria per arbitrato estero, in via di deliberazione sommaria e, all esito favorevole di tale verifica, di rimettere le parti dinanzi agli arbitri. Solo in caso di verifica negativa, il giudice si pronunzierà sulla giurisdizione propria o di altro giudice. La deliberazione sommaria effettuata dal giudice adito sulla validità, operatività ed applicabilità della clausola compromissoria, non essendo idonea a formare il giudicato, non vincolerà né il collegio arbitrale né il giudice straniero, di cui sia stata ritenuta la giurisdizione. 5 Così Cass. civ., sez. Unite , n : In presenza di un compromesso o di una clausola compromissoria per arbitrato estero, si pone una questione non di giurisdizione posto che il dictum arbitrale è un atto di autonomia privata, non esercitando gli arbitri funzioni giurisdizionali ma di merito, inerente all accertamento, da effettuarsi dal giudice fornito di giurisdizione secondo i normali criteri di sua determinazione, della validità del patto prevedente l arbitrato estero, il quale comporta la rinuncia ad ogni tipo di giurisdizione, sia essa italiana o straniera.

10 internazionale di Parigi la risoluzione di qualsiasi disaccordo in relazione all interpretazione e/o esecuzione e/o cessazione del contratto di agenzia; ed è proprio per il tramite di tale clausola onnicomprensiva che il giudice adito ha ritenuto rientrante nella competenza degli arbitri l azione di simulazione proposta dall attrice. Del resto, l accertamento, con esito favorevole, della simulazione per interposizione fittizia di persona è destinato ad influire, in maniera determinante, sull esecuzione stessa del contratto, comportando, come conseguenza, l efficacia, inter partes, dell accordo dissimulato e l inefficacia di quello apparente. Analogamente, deve essere disattesa la tesi sostenuta dall attrice, che pretendeva di sottrarre al collegio arbitrale estero la controversia, qualificandola come relativa (e, quindi, connessa) anche a rapporti diversi da quello di agenzia, in forza della vis attractiva della giurisdizione statale. Al riguardo, infatti, la costante giurisprudenza è concorde nell affermare, data la validità della clausola compromissoria, il difetto di giurisdizione del giudice ordinario 6. Il tribunale ha, poi, ritenuto infondata l eccezione attorea che pretende di affermare la sussistenza della giurisdizione del giudicante adito, sul presupposto che l azione di simulazione del contratto di agenzia coinvolgerebbe, quale litisconsorte necessario, anche l interponente (il legale rappresentante ed amministratore della società convenuta), estraneo, invece, alla convenzione arbitrale. In argomento, è noto che il novellato art. 816-quinquies, comma 2, c.p.c., ammette sempre l intervento, nel procedimento arbitrale, del litisconsorte necessario, con la conseguenza che solo quando detto contraddittorio non è integrato, per il rifiuto del litisconsorte di partecipare al giudizio, l arbitrato deve considerarsi improcedibile, in tal caso riacquistando, le parti originarie, la facoltà di adire l autorità giudiziaria ordinaria. Ne deriva che, essendo già stato promosso l arbitrato avanti all Icc di Parigi, in tale sede e solo in essa, l attrice è legittimata a chiedere l integrazione del litisconsorte necessario e, solo ove tale 6 In questi termini cfr. Cass. civ., sez. III , n : L art. 819-bis c.p.c., introdotto dalla legge n. 25 del 1994 ed applicabile alle controversie insorte dopo l entrata in vigore della legge stessa, stabiliva, prima della sostituzione ad opera dell art. 22 del d.lgs. n. 40 del 2006, che la controversia rimessa ad arbitri sulla base di valida clausola compromissoria non era attratta, per ragioni di connessione, da altra causa pendente dinanzi al giudice ordinario, senza che assumesse rilievo il fatto che la causa fosse stata già instaurata dinanzi agli arbitri, ovvero non fosse ancora pendente.

11 intervento non trovi l accordo dell altra parte o manchi il consenso degli arbitri, potrà far valere l improcedibilità del procedimento arbitrale, onde essere ammessa alla proposizione della domanda avanti al giudice ordinario. Instauratosi, infatti, l arbitrato estero spetta solamente agli arbitri pronunciarsi sull interpretazione della clausola compromissoria, dovendo il giudice ordinario astenersi da ogni accertamento in ordine all esistenza e alla validità di tale clausola 7. La giurisprudenza è, poi, concorde nell affermare che, benché l interposizione fittizia di persona presupponga un accordo simulatorio a tre (le parti del contratto simulato da una parte, ed il terzo interponente dall altra), il litisconsorzio processuale di tali soggetti è necessario solo quando l azione di simulazione ex art c.c. è dedotta in via di azione principale e non anche quando, come nel caso di specie, è oggetto di una mera eccezione riconvenzionale Infondata è apparsa, anche, la domanda dell attrice diretta a far valere l invalidità della clausola compromissoria, per essere il (presunto) reale contratto di agenzia stato concluso non già con la società di controparte, ma con il suo legale rappresentante e, come tale, coinvolgendo un agente persona fisica, oggetto di competenza del giudice del lavoro, non compromettibile in arbitri. Una simile pretesa presuppone, infatti, la risoluzione di una questione preliminare di merito quella sulla fondatezza dell azione di simulazione il cui accertamento compete unicamente all Icc di Parigi, essendo stati gli arbitri investiti della controversia, anteriormente al tribunale di Udine. In ogni caso, anche a voler affermare la competenza dell autorità giudiziaria ordinaria per l azione di simulazione, il giudice 7 Cfr. Cass. civ., sez. I , n. 6205, in Giust. civ., 1996, I, 2842: La costituzione del collegio arbitrale sottrae al giudice ordinario ogni potere di deliberare in ordine all esistenza, alla validità ed alla portata dell accordo derogatorio della sua competenza, restando tale accertamento affidato, in via esclusiva, agli arbitri, la cui pronuncia sarà suscettibile di impugnazione per nullità, qualora dovesse essere eccepita la mancanza della loro potestas iudicandi per qualsiasi motivo che comporti carenza dell investitura da parte dei privati contraenti. 8 Tra le più recenti, cfr. Cass. civ., sez. II , n. 3474: Il contraddittorio nel giudizio tra tutti i partecipanti, od i loro eredi, all atto impugnato per simulazione è necessario solo quando la nullità che ne deriva all atto venga posta a fondamento dell azione e non già quando il suo accertamento formi oggetto di una mera eccezione e debba essere effettuato in via incidentale e senza efficacia di giudicato.

12 italiano risulterebbe privo di giurisdizione ai sensi dell art. art. 3, l. 218/1995, atteso che i convenuti non sono né residenti, né domiciliati nel territorio della Repubblica, che il contratto di agenzia non è stato concluso in Italia e che le obbligazioni oggetto dello stesso devono essere eseguite sul territorio iraniano. Analogamente, è da censurare la pretesa dell attrice di affermare la giurisdizione del giudice italiano in base al regolamento CE n. 44/2001, sulla circostanza che il legale rappresentante della società avversa risiede, come si evince dal mandato alle liti in calce alla comparsa di costituzione e risposta, in Inghilterra. È, infatti, pacifico che in caso di accertamento negativo, l obbligazione rilevante ai fini dell individuazione del luogo di esecuzione è quella principale o caratterizzante del contratto di agenzia, a nulla rilevando le domande subordinate avanzate della convenuta, valevoli soltanto nella denegata ipotesi di ritenuta competenza del giudice adito 9. 9 Cfr. Cass. civ., sez. Unite , n. 5108: Il foro speciale previsto dall art. 5 della convenzione di Lugano 16 settembre 1988 concernente la competenza giurisdizionale e l esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (resa esecutiva in Italia con la legge 10 febbraio 1992, n. 198), in base al quale il convenuto domiciliato nel territorio di uno Stato contraente può essere citato, in altro Stato contraente, davanti al giudice del luogo in cui l obbligazione dedotta in giudizio è stata o deve essere eseguita, è applicabile non solo alle azioni volte alla realizzazione del vincolo contrattuale, ma anche a quelle di nullità o di annullabilità del negozio o di accertamento negativo dello stesso, posto che anche dette azioni deducono, pur se al fine di consentirne la validità o l esistenza, la volontaria assunzione di un vincolo obbligatorio, in funzione di contrasto con la pretesa che controparte deriva dal ridetto vincolo, ed attengono quindi alla materia contrattuale. E siccome l obbligazione rilevante ai fini dell individuazione del luogo di esecuzione è l obbligazione principale, o caratterizzante il negozio, ove l attore promuova azione di invalidità o di accertamento negativo dell esistenza di un contratto di mandato avente ad oggetto l incarico di svolgere attività di intermediazione finanziaria per la cessione di un pacchetto azionario, è alla detta obbligazione, quale obbligazione principale e caratteristica della convenzione, e non già all obbligazione del mandante di pagare il compenso, che occorre aver riguardo al fine di individuare in conformità della legge applicabile al contratto sulla base del diritto internazionale privato del giudice adito, il forum solutionis.

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 La clausola compromissoria binaria, che devolva determinate controversie alla decisione di tre arbitri, due dei quali da nominare da ciascuna delle parti, può trovare applicazione

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE VI

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE VI http://www.101mediatori.it/sentenze-mediazione/nelle-liti-contro-le-compagnie-telefoniche-ex-l-n-249-1997- come-anche-nella-mediazione-civile-l-organismo-di-conciliazione-va-individuato-con-412.aspx Controversia

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV Il Giudice, dott. Pier Paolo Lanni, a scioglimento della riserva assunta bel procedimento cautelare iscritto al n. 843 del ruolo degli affari contenziosi

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.)

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) Formule: 2.1. Ricorso per regolamento di giurisdizione proposto dalle parti in causa 2.2. Nota di deposito del ricorso per regolamento

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it

Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it "La L. quindi sostiene che era insussistente la causa della suddetta donazione, in quanto

Dettagli

P R O C U R A G E N E R A L E

P R O C U R A G E N E R A L E N. 26815/14 R.G. P R O C U R A G E N E R A L E della Corte di cassazione IL SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE Letti gli atti; rileva: il Movimento Difesa del cittadino, in persona del presidente pro-tempore,

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 435/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL PROCESSO AMMINISTRATIVO AGGIORNATO A LUGLIO-AGOSTO 2013 ANGELA OZZI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL PROCESSO AMMINISTRATIVO AGGIORNATO A LUGLIO-AGOSTO 2013 ANGELA OZZI OSSERVATORIO SUL PROCESSO AMMINISTRATIVO AGGIORNATO A LUGLIO-AGOSTO 2013 ANGELA OZZI GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA Cons. Stato Sez. V, 30 agosto 2013, n. 4322 Sui poteri del giudice dell ottemperanza nell attuazione

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia - Avv. Maria Elisabetta Contino

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati -dott. Ettore NESTI -dott. Rocco PAVESE -dott.

Dettagli

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale in composizione monocratica ed in funzione di giudice del lavoro

Dettagli

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI La riforma del processo civile (Legge n. 69 del 18 giugno 2009, in S.O. n. 95/L alla G.U. del 19 giugno 2009 n. 140), entrata in vigore sabato 04 luglio 2009, ha modificato

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

A) - Clausole compromissorie per arbitrato ordinario

A) - Clausole compromissorie per arbitrato ordinario Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O Corso Cobianchi, 62 - Verbania (VB) Tel. 0323.516881 - Fax 0323.581832 E-mail: gpetrelli@notariato.it Cod.Fisc. PTR GTN 62D25 F848T P. IVA 01302980030 La convenzione

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M.

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M. P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E R.G. n. 5680/2014 Il P.M. letti gli atti; rilevato che Promozione e Sviluppo s.r.l. depositava ricorso davanti al Tribunale

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CAPITOLO II LA GIURISDIZIONE CONTENZIOSA. Sezione I LE FORME DI TUTELA

INDICE CAPITOLO I CAPITOLO II LA GIURISDIZIONE CONTENZIOSA. Sezione I LE FORME DI TUTELA INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO PROCESSUALE CIVILE E LA FUNZIONE GIURISDIZIONALE 1. Il diritto processuale civile e la giurisdizione... 1 2. La giurisdizione contenziosa... 3 3. Segue: il diritto d azione

Dettagli

TRIBUNALE DI PERUGIA

TRIBUNALE DI PERUGIA TRIBUNALE DI PERUGIA Il Giudice designato per la trattazione del procedimento dr. Aldo Criscuolo, letti gli atti, esaminata la documentazione prodotta, a scioglimento della riserva di cui al verbale dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente N. 01730/2012 REG.PROV.COLL. N. 00698/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Maurizio Massera Presidente del Collegio ABF di Roma Dott. Flavio Lapertosa Presidente del Collegio ABF di Milano Dott. Marcello Marinari Presidente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

Tribunale Ordinario di Verona, Sentenza n. 1458/2015 del 4.06.2015. nella causa civile di II Grado iscritta al n. r.g. 2803/2013 promossa da:

Tribunale Ordinario di Verona, Sentenza n. 1458/2015 del 4.06.2015. nella causa civile di II Grado iscritta al n. r.g. 2803/2013 promossa da: Tribunale Ordinario di Verona, Sentenza n. 1458/2015 del 4.06.2015 nella causa civile di II Grado iscritta al n. r.g. 2803/2013 promossa da: CONDOMINIO GIARDINO (C.F. ), in persona del legale rappresentantepro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Trento Sezione per le CONTROVERSIE DI LAVORO riunita in Camera di Consiglio nelle persone dei Signori Magistrati: 1. DOTT. MARIA GRAZIA

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Maurizio Massera Presidente del Collegio ABF di Roma Dott. Flavio Lapertosa Presidente del Collegio ABF di Milano Dott. Marcello Marinari Presidente

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità.

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Tribunale di Roma 27.09.2010 n. 14015 Dott.ssa Marrocco Z.E. (Avv. Maciejak) - INPS In

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo Mantenimento del figlio maggiorenne in presenza di contratto di apprendistato Cassazione, sez. I civile, sentenza 11.01.2007 n. 407 (Federica Malagesi) L obbligo dei genitori di concorrere tra loro, secondo

Dettagli

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO T.A.R. Lazio, Roma, sez. I, 01.04.09, n. 3482 Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 13 marzo 2012, n. 3969 A cura di Michelangelo Principe

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 13 marzo 2012, n. 3969 A cura di Michelangelo Principe NOTA A CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, 13 marzo 2012, n. 3969 A cura di Michelangelo Principe In tema di appello incidentale tardivo e di impugnazione del chiamato in garanzia impropria 1. - LA FATTISPECIE

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale Competenza in materia di obbligazioni alimentari Regolamento (CE)

Dettagli

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633 Primi passi nell interpretazione dei rapporti tra tribunale per i minorenni e tribunale ordinario secondo il nuovo art.38 delle disposizioni di attuazione del codice civile Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre

Dettagli

D.Lgs. 17/01/03 n.5 Titolo V Dell Arbitrato

D.Lgs. 17/01/03 n.5 Titolo V Dell Arbitrato D.Lgs. 17/01/03 n.5 Titolo V Dell Arbitrato Art. 34. Oggetto ed effetti di clausole compromissorie statutarie 1. Gli atti costitutivi delle società', ad eccezione di quelle che fanno ricorso al mercato

Dettagli

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione 14 Problematiche comuni al recesso e alla esclusione SOMMARIO 14.1. Arbitrato e tutela cautelare dinanzi al Giudice ordinario. Problemi comuni alle ipotesi di recesso e esclusione del socio sono i seguenti:

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

Tribunale Pescara 13/09/1999

Tribunale Pescara 13/09/1999 Tribunale Pescara 13/09/1999 sentenza 13 settembre 1999 n.697 Tribunale di Pescara - sentenza 13 settembre 1999 n.697 - Est. Brindesi - Di Stefano ed A. c. Soc. Coop. Apollo 12 ed A.. Appalto - Art. 1669

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 Svolgimento del processo Il Tribunale di Monza, a seguito di una complessa istruttoria, accoglieva solo parzialmente la domanda di A.F., già dipendente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 01922/2014REG.PROV.COLL. N. 02907/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

DELIBERA N. 5/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MARTELLI XXX/ FASTWEB XXX E BLUNET XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 5/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MARTELLI XXX/ FASTWEB XXX E BLUNET XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 5/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MARTELLI XXX/ FASTWEB XXX E BLUNET XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 506/07 Reg.Dec. N. 3974 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori N 459/2008 R.G.Lav. Sentenza n 657/08 REPUBBLICA ITALIA A In nome del popolo italiano LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori DR. ALBERTO TAGLIENTI Presidente rel. DR.SSA FRANCESCA

Dettagli

parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza.

parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza. 128 parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza. «Queste Sezioni Unite ritengono che debbano qualificarsi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, le delibere

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 omissis SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione ritualmente notificato Verdi Ivan Carlo evocava in giudizio la Banca Popolare del Materano S.p.a., in persona

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 6241/04 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. GIANFRANCO PELLIZZONI PRESIDENTE REL. dott.

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott.

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

FORMULARIO COMMENTATO DELL ARBITRATO DELLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA E DELLA MEDIAZIONE

FORMULARIO COMMENTATO DELL ARBITRATO DELLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA E DELLA MEDIAZIONE LE FORMULE E IL COMMENTO SONO ESTRATTI DALL E-BOOK FORMULARIO COMMENTATO DELL ARBITRATO DELLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA E DELLA MEDIAZIONE Di Lucilla Nigro ARBITRATO 14. Istruzione probatoria (art. 816-ter

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario [Estensore] composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale IL COLLEGIO DI ROMA Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli