IL PROTOCOLLO DI KYOTO, I MECCANISMI FLESSIBILI E GLI EFFETTI ATTESI SUL SISTEMA ENERGETICO NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROTOCOLLO DI KYOTO, I MECCANISMI FLESSIBILI E GLI EFFETTI ATTESI SUL SISTEMA ENERGETICO NAZIONALE"

Transcript

1 OSSERVATORIO SULLA POLITICA ENERGETICA FONDAZIONE EINAUDI Draft Ricerca IL PROTOCOLLO DI KYOTO, I MECCANISMI FLESSIBILI E GLI EFFETTI ATTESI SUL SISTEMA ENERGETICO NAZIONALE Roma, 8 luglio 2004

2 CURATORE: Stefano da Empoli, OPEF Fondazione Einaudi e Università Roma Tre AUTORI: Rossella Baselice, OPEF Fondazione Einaudi e Università di Roma Tor Vergata Barbara Bernardi, Università di Verona Cristian Bovo, Politecnico di Milano Chiara Carnabuci, Università di Roma La Sapienza Cristiana Carletti, Università di Roma Tre Maurizio Delfanti, Politecnico di Milano 1

3 Indice Capitolo 1..4 QUANTO SONO FLESSIBILI I MECCANISMI FLESSIBILI PREVISTI?..4 Introduzione Gli strumenti previsti dal Protocollo di Kyoto e precisati dalle Conferenze delle parti successive (Emission Trading, Joint Implementation, Clean Development Mechanism) Emission trading (ET) Joint implementation (JI) Clean development mechanism (CDM) Gli strumenti di cooperazione della Banca Mondiale (il PCF, il PCF plus, il CDCF nonché la predisposizione degli ERPAs) e delle altre agenzie di sviluppo.. 23 a. La Banca mondiale. 24 b. Il Programma delle Nazioni Unite per l Ambiente (UNEP) Lo schema UE di emission trading Il quadro normativo generale L emission trading (ET) e la direttiva 2003/87/CE La joint implementation (JI) ed il clean development mechanism (CDM): la proposta di direttiva COM (2003) 403 def. 46 Capitolo 250 L APPLICAZIONE DEGLI ACCORDI SOVRANAZIONALI NELL ORDINAMENTO ITALIANO La legislazione italiana attuativa dei principali strumenti giuridici sovranazionali in materia ambientale La Convenzione quadro sui cambiamenti climatici Il Protocollo di Kyoto La direttiva emission trading La legge comunitaria Lo schema di piano nazionale di allocazione Spazi di manovra per un eventuale rinegoziazione.. 78 Capitolo 386 IL MERCATO EUROPEO DELL EMISSION TRADING: QUALCHE PREVISIONE DI PREZZO86 Introduzione Costi marginali di abbattimento Il modello POLES Costi di abbattimento europei: un confronto con altri modelli Il modello POLES e i Piani Nazionali di Allocazione

4 3.5 I Piani Nazionali di Allocazione I prezzi dei diritti di emissione nel triennio : stime. 97 Conclusioni. 100 Capitolo UNA SIMULAZIONE DEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO IN UN CONTESTO DI EMISSION TRADING Descrizione del modello di allocazione presente nel PNA Descrizione del piano di allocazione implementato Determinazione del costo totale di produzione Costo marginale di produzione Costo associato alla CO Simulazione del mercato elettrico e modello zonale impiegato Il modello zonale con domanda inelastica: massimizzazione del benessere sociale Ulteriori osservazioni sul calcolo dei prezzi zonali Struttura zonale della RTN Simulazione e analisi dei risultati Lo scenario di costo adottato per i combustibili Lo scenario di costo adottato per il prezzo dei diritti di emissione Lo scenario adottato per i diritti di emissione Ipotesi sulla simulazione del mercato Ipotesi sull applicazione del PNA simulato Esito delle simulazioni Alcuni commenti. 145 Capitolo LE POTENZIALITÁ DEI MECCANISMI JI E CDM PER LE IMPRESE ITALIANE DEL SETTORE: PRIMI RISULTATI DI UN QUESTIONARIO L internazionalizzazione delle imprese del settore I risultati del questionario. 156 BIBLIOGRAFIA.168 3

5 Capitolo 1 QUANTO SONO FLESSIBILI I MECCANISMI FLESSIBILI PREVISTI? Introduzione La preservazione delle condizioni ambientali del pianeta terra è un tema che ha assunto una progressiva importanza nella comunità internazionale sotto il profilo giuridico, politico ed economico, soltanto a partire dai primi anni 70. E proprio nel quadro dei lavori della Conferenza di Stoccolma sull ambiente umano, organizzata nell ambito delle Nazioni Unite dal 5 al 16 giugno 1972, che sono emerse evidenti preoccupazioni sul deterioramento dell ambiente, dovuto a fattori inquinanti i cui effetti non hanno più alcun limite spaziale e che vanno necessariamente contrastati attraverso un ampio e costoso utilizzo delle così dette tecnologie pulite. Tali argomentazioni, sviluppate nella Dichiarazione di Stoccolma, sono state riprese nel 1992, anno in cui ha avuto luogo a Rio de Janeiro, dal 3 al 14 giugno, il Vertice della Terra: una Conferenza dedicata all Ambiente e allo Sviluppo alla quale hanno partecipato 183 Stati, che ha portato all adozione di alcuni importanti strumenti giuridici: la Dichiarazione di principi su ambiente e sviluppo, l Agenda per lo sviluppo (più nota come Agenda 21), un programma nel quale sono indicati i principali obiettivi della tutela ambientale che gli Stati sono chiamati a realizzare attraverso l attuazione di appropriate misure e politiche nazionali, la Dichiarazione autorevole di principi per un consenso globale sulla gestione, conservazione e sviluppo sostenibile delle foreste. Nella stessa Conferenza sono state adottate ed aperte alla firma anche la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici e la Convenzione sulla diversità biologica, poi entrate in vigore rispettivamente nel 1993 e nel E nel contesto della prima delle due Convenzioni sopra citate che sono stati formulati per la prima volta precisi impegni in materia di sostenibilità ambientale sotto l aspetto climatico a carico degli Stati parti contraenti: di portata generale, consistenti nella elaborazione di adeguate politiche nazionali nonché di appositi strumenti tecnici, volti a misurare le emissioni di gas ad effetto serra sulla base di determinati parametri; di portata specifica in quanto ascrivibili ai soli Paesi sviluppati e diretti al conseguimento di una riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra entro i livelli del Al fine di verificare il rispetto di tali impegni, nella Convenzione quadro è stata predisposta 4

6 l istituzione della Conferenza delle Parti (Conference of Parties COP), organo convocato annualmente, incaricato di monitorare l applicazione della Convenzione da parte degli Stati contraenti. Soltanto in un successivo momento l opportunità di richiamare gli Stati ad una più valida applicazione della Convenzione quadro ha condotto alla elaborazione del Protocollo di Kyoto, adottato ed aperto alla firma nei lavori della COP/3, l 11 dicembre 1997, per concertare un insieme di misure atte a ridurre il livello globale delle emissioni di gas ad effetto serra. Molteplici sono le motivazioni che hanno ostacolato sino ad ora l entrata in vigore del Protocollo. A fronte dell indicazione di un limitato numero di gas responsabili dell aumento della temperatura dell atmosfera terrestre (Allegato A del Protocollo), sono stati stabiliti determinati obblighi di riduzione delle emissioni a carico degli Stati firmatari (Allegato B del Protocollo, che rinvia all Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, in cui sono inclusi ventiquattro Paesi sviluppati, membri dell OCSE, l Unione europea, il Lichtenstein, Monaco, e dodici Paesi con economie in transizione EITs geograficamente collocabili nell Europa centrale ed orientale). Tali obblighi non vincolano però i Paesi in via di sviluppo, ai quali è richiesto soltanto il rispetto degli impegni già assunti in qualità di Parti contraenti della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici (e che pertanto vengono definiti come Paesi non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro ). Inoltre, nel Protocollo non sono state chiaramente indicate le modalità operative di attuazione dei contenuti. Questo aspetto è stato oggetto di articolati dibattiti nel corso della COP/4 (Buenos Aires, 2 13 novembre 1998) e della COP/6 (L Aja, novembre 2000 e Bonn, luglio 2001). Una parziale risposta in tal senso è stata data attraverso la predisposizione di appositi strumenti finanziari e di controllo: lo Special climate change fund, il Fund for least developed countries e il Kyoto Protocol Adaptation fund, atto a finanziare programmi e progetti per l adattamento ai cambiamenti climatici, insieme alla creazione del Compliance Committee, costituito da un Facilitative Branch e da un Enforcement Branch, al fine di verificare e sanzionare il mancato impegno di riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra da parte degli Stati contraenti. E nell ambito dei lavori della COP/7 (Marrakesh, 29 ottobre 10 novembre 2001) che il piano d azione, già conosciuto come Buenos Aires Plan of Action, e poi denominato come Bonn Agreements, è stato revisionato e negoziato allo scopo di adottare i Marrakesh Accords. Attraverso tali accordi sono stati resi operativi gli strumenti di natura finanziaria e di controllo sopra citati, e sono state delineate in dettaglio le tipologie di meccanismi attivabili nel quadro del Protocollo (emission trading ET, joint implementation JI, clean development mechanism CDM), 5

7 stabilendo quali siano gli obblighi di emissione a carico degli Stati contraenti e descrivendo i possibili vantaggi derivanti dalla partecipazione e messa in opera di questo strumento giuridico. In questo contesto una particolare rilevanza è stata attribuita ai processi di deforestazione che di afforestazione e riforestazione (land use, land use change and forestry - LULUCF), in quest ultimo caso determinando l assorbimento dei gas stessi nei suoli agricoli e forestali (definiti sink, ovvero serbatoi che immagazzinano i gas ad effetto serra). Secondo quanto enunciato nell art. 25, paragrafo 1, del Protocollo, si attende che almeno 55 Parti della Convenzione, tra le quali Parti incluse nell Allegato I le cui emissioni totali di biossido di carbonio rappresentano almeno il 55% delle emissioni totali al 1990 dell Allegato I, abbiano depositato i loro strumenti di ratifica, approvazione, adesione, accettazione. Supportata dall obiettivo prioritario di promuovere un adeguato sviluppo sostenibile, nel quale va ricompreso il fenomeno dei cambiamenti climatici correlato al progressivo aumento della temperatura terrestre, che è stato richiamato nei lavori sia del Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile (Johannesburg, 26 agosto - 4 settembre 2002) sia della COP/8 (New Dehli, 22 ottobre 1 novembre 2002), la soluzione giuridica raggiunta in fase negoziale ha ceduto il passo alle consultazioni politiche che hanno avuto luogo nella COP/9 (Milano, 2 12 dicembre 2003). Tuttavia, anche in questa circostanza, dopo l abbandono dei negoziati da parte degli Stati Uniti nel 2001, il processo ha subito una nuova battuta d arresto poiché la Russia ha comunicato, nel corso della COP/9, il posticipo del deposito del proprio strumento di ratifica (allo stato attuale le ratifiche depositate sono 120 e la percentuale totale delle emissioni è pari al 44,2%). Allo stesso tempo però valutazioni positive sono state espresse in merito al completamento della raccolta dei dati e delle informazioni circa le condizioni climatiche del pianeta terra, con specifico riferimento alle emissioni di gas ad effetto serra ed alle misure adottate dagli Stati nel periodo , procedura condotta sulla base delle comunicazioni nazionali presentate dai Paesi sia inclusi sia non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Questa fase rappresenta, infatti, il punto di partenza per l attivazione dei fondi sopra citati nel quadro di attuazione dei meccanismi flessibili, in particolar modo del CDM nel cui ambito debbono essere conseguiti due principali obiettivi: il trasferimento di tecnologie sostenibili nei Paesi in via di sviluppo ed il potenziamento della loro capacity-building per l attuazione di adeguate politiche in conformità a quanto disposto dal Protocollo di Kyoto. E proprio sulla base di tali valutazioni che la COP/9 ha approvato il budget di spesa per il biennio , che attribuisce a carico degli Stati parti contraenti i relativi importi contributivi per il funzionamento dei meccanismi flessibili, comprese le attività di studio ed analisi 6

8 come anche quelle logistico-organizzative, tenendo nella dovuta considerazione l ipotesi di entrata in vigore o meno del Protocollo Gli strumenti previsti dal Protocollo di Kyoto e precisati dalle Conferenze delle parti successive (Emission Trading, Joint Implementation, Clean Development Mechanism) Il Protocollo di Kyoto può essere considerato un significativo tentativo di elaborazione di uno strumento giuridico internazionale nel quale l elemento del vincolo è stato formulato in maniera flessibile, in modo tale, cioè, che gli obblighi a carico degli Stati parti contraenti per il raggiungimento degli obiettivi in esso prefissati siano modulabili sulla base di una valutazione sostenibile del rapporto costi-benefici di ciascuno Stato incluso nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Gli Stati parti contraenti devono ridurre o limitare le emissioni di gas ad effetto serra rispetto ai livelli rilevati nel 1990, anno di riferimento (baseline), entro il periodo (commitment period). Una verifica temporale intermedia è prevista per il 1 gennaio 2006, data di scadenza per la presentazione dei rapporti nazionali nei quali gli Stati dimostrano di essersi conformati agli impegni assunti in qualità di Stati parti contraenti del Protocollo. Per conseguire tale obiettivo sono stati predisposti tre principali meccanismi partecipativi: l emission trading (ET), la joint implementation (JI) ed il clean development mechanism (CDM). Nell ampio ed articolato quadro degli incontri sessionali della COP (COP/6, L Aja, novembre 2000, e Bonn, luglio 2001; COP/7, Marrakesh, 29 ottobre 10 novembre 2001; COP/8, New Dehli, 22 ottobre 1 novembre 2002, COP/9, Milano, 2-12 dicembre 2003), il processo di revisione di questi tre meccanismi è stato caratterizzato da molteplici difficoltà ed ostacoli, parzialmente superati mediante la predisposizione di ulteriori strumenti atti a verificarne l operatività e l efficacia. Il principio sul quale gli Stati parti contraenti hanno condotto i negoziati per definire con esattezza la portata dei suddetti meccanismi e gli effetti che essi sono in grado di produrre è consistito nell affermare che il loro utilizzo è sì rilevante ma complementare rispetto agli interventi che i singoli Stati sono chiamati ad attuare per limitare le proprie emissioni di gas ad effetto serra. In sostanza si è voluto affermare con chiarezza che, al di là del ricorso ai meccanismi, gli Stati debbono adoperarsi per realizzare veri e propri interventi strutturali sui propri sistemi produttivi ed 7

9 energetici, coinvolgendo gli attori sia pubblici che privati operanti in tali sistemi: questo è il presupposto necessario per il conseguimento degli obiettivi del Protocollo. L appropriato utilizzo dei meccanismi flessibili è garantito dalla pubblicità e dalla trasparenza delle seguenti operazioni: la raccolta di dati ed informazioni concernenti la quantità di emissioni prodotta dagli Stati parti contraenti, l adozione di misure in conformità a quanto predisposto dal Protocollo, l effettivo utilizzo dei meccanismi flessibili. La raccolta di dati ed informazioni deve essere condotta inizialmente dagli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, i quali presentano un rapporto al fine di illustrare il funzionamento del proprio sistema nazionale, dotato di un apposito registro, indicando in tale documento la quantità di emissioni prodotta affinché possa essere assegnata loro, singolarmente, la quota limite di emissioni per il primo periodo di adempimento al Protocollo (assigned amount). Il registro nazionale contiene informazioni relative alle quote che lo Stato detiene sotto forma di AAU, RMU, ERU e CER (vedi oltre), ed elementi di valutazione atti a supportare la pianificazione delle politiche nazionali consistenti nel disporre delle unità di scambio in senso conservativo (retirement) o di esclusione (cancellation). Tale quota viene inserita in un database gestito ed aggiornato dal Segretariato della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Nel database sono riportate tutte le informazioni relative alle transazioni delle unità di scambio attivate nell ambito dei meccanismi flessibili. Il Segretariato è stato incaricato altresì di curare una pubblicazione annuale del contenuto del database, da inviare all attenzione della Conferenza delle Parti agente come Conferenza delle Parti al Protocollo (COP/MOP), del Compliance Committee (vedi oltre) ed accessibile a tutti gli Stati parti contraenti. Attraverso uno studio comparato delle pubblicazioni annuali viene elaborato il documento base per una verifica del rispetto dei limiti delle quote di emissione per ciascuno Stato parte contraente, oggetto di un ulteriore rapporto del Segretariato al termine del primo periodo di adempimento al Protocollo. Un ulteriore strumento informativo è rappresentato da un inventario annuale nel quale i singoli Stati indicano la quantità delle emissioni di gas ad effetto serra prodotta, informano circa eventuali modifiche apportate al sistema nazionale o al registro nazionale, comunicano la propria partecipazione ai meccanismi flessibili. L inventario viene analizzato da gruppi di esperti (expert review teams), i quali possono anche effettuare una visita nello Stato interessato e, nel caso in cui accertino discrepanze tra i dati forniti e le reali condizioni ambientali, possono chiedere allo Stato di operare una revisione degli strumenti di raccolta dei dati. Nell ipotesi in cui lo Stato non concordi sulla soluzione operativa proposta è previsto l intervento del Compliance Committee (vedi oltre). 8

10 L esame delle misure adottate dagli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici in conformità a quanto predisposto dal Protocollo si basa, invece, sulla elaborazione e successivo invio di una comunicazione nazionale. L invio è effettuato in genere ogni tre cinque anni (nel 2003 si è conclusa la prima presentazione delle comunicazioni nazionali), e nella comunicazione sono delineati in dettaglio: la predisposizione del sistema nazionale e del relativo registro, l utilizzo dei meccanismi flessibili secondo il criterio della complementarietà rispetto alle misure nazionali, l attuazione di politiche atte a conseguire gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, ulteriori strumenti finanziari atti a supportare la realizzazione di politiche sostenibili negli Stati inclusi nell Allegato II della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Anche in questo caso la comunicazione viene analizzata da un gruppo di esperti, che esprimono le proprie valutazioni in un apposito rapporto e che predispongono, ove necessario, una visita nello Stato interessato. Nell ipotesi di non adempimento agli impegni assunti con la ratifica del Protocollo, interviene il Compliance Committee, strutturato in un Facilitative Branch e da un Enforcement Branch, ciascuno composto da dieci membri, convocato in sessione plenaria e supportato nello svolgimento delle sue attività da un proprio Ufficio. Il Facilitative Branch fornisce assistenza agli Stati membri nell attuazione dei meccanismi a livello nazionale (sotto forma di raccomandazioni e decisioni, nonché di mobilizzazione di risorse tecniche e finanziarie). L Enforcement Branch è competente nel determinare se uno Stato membro non si sia conformato agli obblighi assunti in qualità di Parte dell Allegato I: in tale circostanza lo Stato membro in questione deve presentare un piano d azione nel quale siano indicate in dettaglio le misure che verranno attuate al fine di garantire la piena applicazione del Protocollo. Per quanto riguarda il grado di utilizzazione dei meccanismi flessibili particolarmente importante è la valutazione effettuata sul comportamento virtuoso degli Stati parti contraenti. Nello specifico il ricorso ai suddetti meccanismi, seppur in via complementare rispetto all adozione di apposite misure nazionali, incide sugli impegni assunti dagli Stati parti contraenti nel senso che, nel periodo di adempimento, essi possono utilizzare i crediti conseguiti mediante la partecipazione ai meccanismi flessibili. Va menzionato altresì che un indiscusso ruolo, in questo contesto, è rivestito dagli attori non istituzionali, ovvero i partners commerciali e la società civile, in grado di sollecitare gli Stati al più ampio ricorso agli stessi meccanismi flessibili in favore di soluzioni produttive fortemente sostenibili. Nel dettaglio l attivazione di questi meccanismi, rispetto alla quota di emissioni attribuita a ciascuno Stato parte contraente del Protocollo (denominata AAU, assigned ammount unit), consiste: 9

11 a) nell ambito dell emission trading (ET): nel mettere a disposizione RMUs (removal units) nei progetti di ET che potranno essere realizzati a partire dal Le RMUs sono calcolabili come differenza tra la quantità di gas ad effetto serra presente nell atmosfera terrestre e la quantità degli stessi gas assorbita da piante ed alberi. Tale differenza, espressa in unità di credito, consente allo Stato parte contraente del Protocollo e partner di un progetto di ET di venderle in quanto in surplus rispetto alla quota limite di emissioni ad esso attribuita. b) nell ambito della joint implementation (JI): nell acquisire e, eventualmente, nel trasferire ERUs (emission reduction units) nei progetti che potranno essere realizzati successivamente al 1 gennaio Le ERUs sono in sostanza i crediti di emissione acquisiti da uno Stato, consistenti nella differenza tra la quantità di gas ad effetto serra emessa nella realizzazione del progetto e quella che sarebbe stata prodotta senza alcuna progettazione di JI. Questi crediti vanno sommati alla quota limite di emissioni (AAU) attribuita a ciascuno Stato parte contraente del Protocollo partner della JI, il quale può decidere anche di venderli in quanto in surplus rispetto alla quota limite di emissioni ad esso attribuita. c) nell ambito del clean development mechanism (CDM): nell acquistare e, eventualmente, nel trasferire CERs (certified emission reductions) nei progetti che potranno essere realizzati a partire dal Come già delineato nell ambito della JI, le CERs sono i crediti di emissione acquisiti da uno Stato, calcolati come differenza tra la quantità di gas ad effetto serra emessa nella realizzazione del progetto e quella che sarebbe stata prodotta in assenza di progettazione di CDM. Anche in questa tipologia di progettazione i crediti vanno sommati alla quota limite di emissioni (AAU) attribuita a ciascuno Stato parte contraente del Protocollo partner della JI, il quale può decidere di venderli in quanto in surplus rispetto alla quota limite di emissioni ad esso attribuita. Le tre unità sopra analizzate corrispondono all equivalente di una tonnellata cubica di CO2, calcolata utilizzando il potenziale di riscaldamento globale definito con la decisione 2/CP.3 (adottata nella COP/3, Kyoto, 1 11 dicembre 1997). Gli Stati parti contraenti hanno l obbligo di mantenere nel loro registro nazionale quella che viene chiamata la commitment period reserve, ovvero una quota calcolata per ciascuno Stato in conformità a quanto disposto nell art. 3 (paragrafi 7 ed 8) del Protocollo, la quale non dovrà scendere sotto il 90% della quota inizialmente assegnata. Nell ipotesi in cui ciò si verifichi, lo Stato ha trenta giorni per ricostituire la quota prestabilita. 10

12 1.1.1 Emission trading (ET) L emission trading (ET) consente ad una Parte contraente inclusa nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici di vendere il surplus quantitativo (RMUs) calcolato sulla quota di riduzione delle emissioni da essa prodotte, secondo quanto prescritto nell Allegato B del Protocollo, ad un altra Parte contraente, la quale incontra molteplici difficoltà e deve sostenere notevoli costi nel raggiungere il proprio limite di emissioni e che dunque preferisce acquistare tale surplus (art. 17 del Protocollo di Kyoto). Il processo di cessione/acquisizione di crediti di emissione vede quali attori gli Stati parti contraenti del Protocollo, ovvero quelli inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Gli Stati, per poter attivare il meccanismo dell ET debbono soddisfare i seguenti requisiti, verificati i quali essi possono essere inseriti in una apposita lista, consultabile ed aggiornata dal Segretariato della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici: - lo status di Stato parte contraente del Protocollo; - l assegnazione di una quota di emissioni, in conformità all art. 3 del Protocollo; - la creazione di un sistema nazionale per la misurazione della quantità di emissioni di gas ad effetto serra, in conformità all art. 5 del Protocollo; - la predisposizione di un registro nazionale, in conformità all art. 7 del Protocollo; - la predisposizione di un inventario nazionale, in conformità all art. 5 para. 2 ed all art. 7 para. 1 del Protocollo; - la trasmissione di tutti i dati e le informazioni di natura supplementare circa la quota di emissioni assegnata, in conformità all art. 7 paragrafo 1 del Protocollo. L ET può essere attivato altresì da soggetti giuridici non meglio identificati (legal entities), i quali debbono essere inseriti in una apposita lista, resa pubblica e aggiornata nel registro nazionale di ciascuno Stato parte contraente del Protocollo ed incluso nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Tuttavia gli Stati sono responsabili dell operato di tali soggetti nell attuazione dei contenuti del Protocollo ai fini del conseguimento degli obiettivi in esso prestabiliti; pertanto, qualora gli stessi Stati non soddisfino i requisiti sopra indicati, i suddetti soggetti non saranno abilitati ad attivare l ET. Nel caso in cui uno Stato parte contraente stia operando nel quadro dell ET e non si conformi all impegno di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, il Compliance Committee può attribuire a suo carico l obbligo di copertura a cui va aggiunto un ulteriore 30% sulla quota ad esso assegnata nel successivo periodo di adempimento, o può sospenderlo dalla partecipazione al 11

13 meccanismo dell ET. Attualmente la procedura non ha valore vincolante: la discussione in merito è stata rinviata ad un momento successivo all entrata in vigore del Protocollo. Allo stato attuale la progettazione sotto forma di ET non può essere ancora descritta, tuttavia una peculiare predisposizione di questo meccanismo è stata effettuata nel quadro dell Unione europea, per la cui analisi di dettaglio si rinvia oltre Joint implementation (JI) La joint implementation (JI) consente ad una Parte contraente inclusa nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici di finanziare un progetto atto a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra in un altra Parte contraente non inclusa nell Allegato I, ottenendo in tal modo dei crediti di emissione (ERUs) che essa può utilizzare per rispettare il proprio limite di emissioni, in conformità con quanto disposto nell Allegato B del Protocollo (art. 6 del Protocollo di Kyoto). Questo meccanismo era stato già delineato nel quadro dei lavori di redazione della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici (art. 4.2.a), e rielaborato poi nell ambito della COP/1 per la predisposizione di un progetto pilota denominato Activities implemented jointly under pilot phase, in cui però si escludeva l ipotesi di utilizzo da parte degli Stati partecipanti dei crediti generati tramite queste attività di natura progettuale, per adempiere ai propri obblighi. Soltanto nella COP/3 il progetto pilota è stato nuovamente esaminato e gli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro hanno proposto di trasformarlo in un programma di azione congiunta basato sul dispositivo di ricevimento di crediti per i progetti da essi realizzati nei Paesi in via di sviluppo. Tale proposta è stata contrastata dagli stessi Paesi in via di sviluppo, mentre l Unione europea ha presentato un programma alternativo, consistente nell attivazione di questo meccanismo soltanto tra Paesi inclusi nell Allegato I. Nella fase conclusiva il meccanismo di JI prescelto è stato quello europeo, contraddistinto da determinati elementi ed attivabile secondo due tipologie procedurali. La prima procedura (track one) presuppone che lo Stato sia incluso nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici e sia parte contraente al Protocollo, e che l individuazione del limite delle emissioni ad esso attribuite sia conforme alla metodologia di calcolo prescritta nel Protocollo (art. 3, para. 7-8); inoltre lo Stato deve aver attivato un proprio sistema nazionale, dotato di un registro, e deve aver effettuato una stima nazionale delle emissioni e della capacità di rimozione dei sink (serbatoi di assorbimento dei gas ad effetto serra) di tutti i gas 12

14 non controllati dal Protocollo (art. 5 para. 1) e dalle linee guida successivamente adottate, fornendo tutte le informazioni suppletive richieste. La seconda procedura (track two) viene attivata qualora si riscontrino solo le prime due condizioni sopra descritte, insieme alla creazione del registro nazionale. In tal caso gli Stati interessati presentano un progetto da realizzare attraverso il meccanismo della JI. La quota di unità di scambio viene indicata da un apposito organismo, il Supervisory Committee, istituito dalla COP/MOP. Tale Comitato dovrà essere composto da dieci membri, di riconosciuta competenza nel settore: tre rappresentanti gli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici contraddistinti da economie in transizione, tre rappresentanti gli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, tre rappresentanti Stati non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, un rappresentante di un Paese insulare in via di sviluppo. I componenti del Comitato di Verifica saranno eletti dalla COP/MOP ed eserciteranno il loro mandato per un periodo di due o tre anni, rinnovabile una sola volta. Il Comitato sarà convocato almeno per due sessioni annuali e le decisioni da esso adottate dovranno essere prese sulla base del consenso dei membri. Il Comitato di Verifica è chiamato ad operare in diretto contatto con la COP/MOP, presentando ad essa rapporti periodici sul proprio lavoro o raccomandazioni specifiche concernenti opportune revisioni delle linee guida per l attuazione del Protocollo (la prima revisione dovrà essere attuata non più tardi di un anno dalla scadenza del periodo di adempimento ). Esso, inoltre, ha competenza per accreditare enti indipendenti incaricati di valutare la validità dei progetti presentati nel quadro della JI sulla base di determinati requisiti (la capacità del progetto di ridurre le emissioni di gas ad effetto serra o di incrementare la potenzialità di assorbimento dei sink - serbatoi di assorbimento dei gas ad effetto serra - che deve essere supplementare a quelle che si potrebbero verificare altrimenti) nonché di calcolare i crediti derivanti dall attuazione dei progetti stessi. La valutazione del progetto spetta ad un ulteriore organo, denominato independent entity, sulla base di una chiara e puntuale indicazione circa il periodo temporale di riferimento per la misurazione della quantità di emissioni da ridurre, e della pianificazione di un azione di monitoraggio atta a verificare il raggiungimento dell obiettivo di riduzione delle emissioni. Nel caso in cui uno Stato partecipante al progetto o almeno tre membri della independent entity rilevino l assenza di tali prerequisiti, il progetto deve essere revisionato nei successivi quarantacinque giorni. Se il progetto è già in corso e l independent entity evidenzi l assenza dei prerequisiti, la procedura di revisione è limitata ai quindici giorni successivi alla presentazione di un rapporto dettagliato del progetto da parte dei partecipanti. 13

15 L articolazione procedurale della JI, sopra descritta, consente indubbiamente agli Stati parti contraenti del Protocollo di promuovere una ampia partecipazione dei soggetti sia pubblici che privati, pronti a partecipare in qualità di co-partners a livello nazionale nella progettazione sotto forma di JI. E chiaro, infatti, che l apertura di contatti di natura commerciale con soggetti operanti nel medesimo settore nei Paesi non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici rappresenta un importante strumento in termini di acquisizione di crediti di emissione, poiché in sostanza i costi di produzione energetica vengono a ridursi e, allo stesso tempo, si consegue l obiettivo del contenimento della produzione di gas ad effetto serra rispetto alla quota assegnata allo Stato in cui tali soggetti operano. Inoltre questo risparmio consente agli stessi soggetti di investire nella ricerca al fine di sperimentare ed adottare tecnologie più pulite o, comunque, di promuovere un più ampio uso delle fonti energetiche rinnovabili. Come già rilevato in relazione all ET, anche per quanto riguarda l attivazione della JI è prevista una competenza di tali soggetti, denominati legal entities, tuttavia su autorizzazione degli Stati che rimangono pertanto responsabili dell operato di tali soggetti nell attuazione dei contenuti del Protocollo ai fini del conseguimento degli obiettivi in esso prestabiliti. Al fine di delineare un quadro della progettazione di JI non completamente astratto, possono essere citate a titolo esemplificativo alcune ipotesi, la cui realizzazione potrebbe aver luogo a seguito dell entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (per una descrizione di dettaglio si rinvia alla progettazione-pilota predisposta dall Italia vedi oltre). Nell ambito della produzione energetica derivante da fonti non rinnovabili, uno Stato parte contraente del Protocollo o una legal entity potrebbe presentare un progetto per la conversione di una centrale in un Paese non incluso nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici predisponendo l utilizzo di combustibili fossili contraddistinti da una minore quantità di CO2, oppure per la costruzione di un nuovo impianto dotato di un sistema ad alta efficienza della produzione energetica. Il progetto potrebbe rispondere altrimenti all esigenza di ridurre il fabbisogno energetico di un impianto attraverso un intervento di natura conservativa dell energia o di recupero dell energia stessa per alimentare in modo più pulito l impianto stesso (come per la produzione di cemento o dei metalli). Infine la risposta ad una generale domanda di energia pulita potrebbe essere data da una progettazione mirata alla conversione o alla costruzione di impianti alimentati soltanto da fonti rinnovabili. Sebbene la procedura di attivazione del JI sopra descritta non sia stata ancora attivata nella sua completezza, già nella COP/1 su indicazione dei due organi sussidiari, il Subsidiary Body for Scientific and Technological Advice e il Subsidiary Body for Implementation, gli Stati parti 14

16 contraenti erano stati invitati ad istituire appositi organismi nazionali incaricati di ricevere ed esaminare i primi progetti di JI, informandone successivamente la COP attraverso il Segretariato della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici sulla base di un modello uniforme di rapporto. Al 23 maggio 2000 gli Stati parti contraenti che non hanno ancora istituito tali organismi hanno indicato degli enti di riferimento, qui di seguito elencati: Australia International Greenhouse Partnerships Office - Department of Industry, Science and Resources Belgium ENOVER/CONCERE - Ministère des Affaires Economiques, Administration de l'energie Belize Ministry of Energy, Science, Technology and Transportation Bolivia Ministerio de Desarrollo Sostenible y Medio Ambiente Bulgaria Ministry of Environment and Water Canada CDM & JI Office, Climate Change and Energy Division, Department of Foreign Affairs and International Trade Costa Rica Oficina Costarricense de Implementación Conjunta (OCIC) Czech Republic Focal Point AIJ CR, Ministry of the Environment, International Relations Department Denmark Ministry of Environment and Energy, Danish Energy Agency France Agence Française de Développement, Fond Français pour l'environnement Mondial Germany Federal Ministry for the Environment, Nature Conservation and Nuclear Safety Greece Ministry of Environment, Physical Planning and Public Works - Department of International Relations and European Union Affairs Guatemala 15

17 FUNDESA Ireland Department of Environment and Local Government, Air Quality/Climate Section Japan Inter-Ministerial/Agency Coordination Committee for AIJ (IMACC) Secretariat Mexico Instituto Nacional de Ecología (INE-SEDESOL) Netherlands The Netherlands Pilot Phase Programme on Joint Implementation - Ministry of Housing, Spatial Planning and Environment, Directorate General for Environmental Protection - Directorate Air and Energy IPC/640 - Climate Change Department Norway National Pilot Phase Programme - Ministry of Foreign Affairs, Department of Natural Resources and Environmental Affairs Poland National Found for Environmental Protection and Water Management, Joint Implementation Secretariat Romania Ministry of Waters, Forests and Environmental Protection, Division for Strategies & Regulations for Environment Protection Suriname Ministry of Public Works, Meteorological Service Switzerland State Secretariat for Economic Affairs, Swiss AIJ Pilot Program Secretariat Program Manager Uganda Department of Meteorology or Ministry of Natural Resources United States of America United States Initiative on Joint Implementation (USIJI) 16

18 1.1.3 Clean development mechanism (CDM) Il clean development mechanism (CDM) é assimilabile per certi aspetti alla JI. Il fattore che lo contraddistingue è correlato alla tipologia dei soggetti partecipanti, ovvero gli Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici nonché i Paesi in via di sviluppo, per il conseguimento di un duplice obiettivo: supportare i primi nel raggiungere e rispettare i propri limiti di emissione, indicati nell Allegato B del Protocollo, e promuovere nei secondi un sostenibile sviluppo economico (art. 12 del Protocollo di Kyoto). I settori nei quali possono essere presentati i progetti inseriti nel quadro del CDM sono l efficienza energetica, l energia rinnovabile, la riduzione delle emissioni antropogeniche di gas ad effetto serra; la progettualità legata alle attività di natura antropica, limitata agli interventi di afforestazione e riforestazione ed incidente sull 1% della quota di emissioni assegnata rispetto al 1990 (da moltiplicare per 5, ovvero per ogni anno del periodo di adempimento ), è stata inclusa tra le modalità operative del CDM nella recente COP/9 (Milano, 2 12 dicembre 2003). Data la complessa struttura del CDM rispetto alle altre procedure sopra descritte, si è ritenuto opportuno istituire, nei lavori della COP/7 (Marrakesh, 29 ottobre 10 novembre 2001), un apposito organo: il Comitato Esecutivo é composto da dieci membri scelti tra le Parti contraenti tenendo conto di criteri sia geografici che politici: un rappresentante per ciascuno dei cinque gruppi regionali delle Nazioni Unite, due rappresentanti di Stati inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, due rappresentanti di Stati non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, un rappresentante di un Paese insulare in via di sviluppo. Esso é incaricato di monitorare l attuazione del CDM e l osservanza da parte degli Stati coinvolti, soprattutto dei Paesi industrializzati, utilizzatori potenziali di tale strumento per reperire più facilmente i crediti di riduzione delle emissioni per il rispetto dei limiti previsti per ciascuno di essi. Il Comitato Esecutivo si riunisce almeno tre volte all anno, richiedendosi una presenza di almeno due terzi dei rappresentanti costituenti la maggioranza dei Paesi inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici e dei Paesi non inclusi nell Allegato I, che devono essere presenti per costituire il quorum. Le decisioni del Comitato Esecutivo sono adottate per consensus o, altrimenti, con la maggioranza dei tre quarti dei membri presenti e votanti. Tra le principali funzioni attribuite al Comitato Esecutivo si possono menzionare la formulazione di raccomandazioni alla COP/MOP su eventuali modifiche circa le modalità e le procedure del CDM, o di rapporti da sottoporre all attenzione della COP/MOP concernenti la propria attività come anche la distribuzione regionale e sub regionale dei progetti nell ambito del CDM, completata da un analisi atta ad identificare barriere sistemiche per una loro equa distribuzione; la compilazione di 17

19 rapporti e database nei quali siano analizzate le principali fasi di adempimento dei progetti e gli obiettivi conseguibili; l accreditamento (cui segue la conferma formale della COP/MOP) e la creazione di una lista, pubblica e costantemente aggiornata, degli organi incaricati di valutare e registrare i progetti (operational entities vedi oltre). Dal punto di vista tecnico-procedurale per partecipare alla realizzazione di un progetto nel quadro del CDM gli Stati partecipanti, inclusi e non inclusi nell Allegato I della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, devono essere entrambi parti contraenti al Protocollo e devono entrambi istituire un organo di controllo nazionale (designated national authority) incaricato di verificare l applicazione del CDM stesso nell ambito domestico. 18

20 Country Antigua and Barbuda Argentina Armenia Austria Azerbaijan Bhutan Bolivia Brazil Cambodia Colombia Costa Rica Cuba Denmark Egypt El Salvador European Community Fiji Georgia Germany Italy Jamaica Japan Jordan Lao People's Democratic Republic Lebanon Madagascar Malaysia Maldives Mali Organization Environment Division, Ministry of Tourism and Environment Oficina argentina del Mecanismo para un Desarollo Limpio Ministry of Nature Protection Federal Ministry of Agriculture, Forestry, Environment and Water Management Ministry of Ecology and Natural Resources National Environment Commission Secretariat Programa Nacional de Cambios Climáticos - Oficina de Desarrollo Limpio Comissão Interministerial de Mudança Global do Clima Ministry of Environment, Climate Change Office Ministerio del Medio Ambiente Oficina Costarricense de Implementación Conjunta (OCIC), Ministerio de Ambiente y Energia (MINAE) Ministerio de Ciencia, Tecnología y Medio Ambiente (CITMA) Danish Ministry of the Environment Egyptian Environmental Affairs Agency Ministerio del Medio Ambiente y Recursos Naturales Directorate General Environment Ministry of Local Government, Housing, Squatter Settlement and Environment Ministry for the Environment of Georgia Federal Ministry for the Environment, Nature Conservation and Nuclear Safety Ministry for the Environment and Territory, Department for Global Environment, International and Regional Conventions Ministry of Land and Environment The Liaison Committee for the Utilization of the Kyoto Mechanisms The Ministry of Environment Science Technology and Environment Agency (STEA), Prime Minister's Office Ministry of Environment Ministére de l'environnement, des Eaux et Forets Conservation and Environmental Management Division, Ministry of Science, Technology and the Environment Ministry of Home Affairs, Housing and Environment Secrétariat Technique Permanent du Cadre Institutionnel de la Gestion des Questions Environmentales (STP/CIGQE) 19

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Dott.ssa Elisa Scanzi ERSAF Prof. Maurizio Borin UNIPD - Patto di collaborazione Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

ASTRA ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI

ASTRA ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI STRANIERI DA PARTE DEGLI STATI MEMBRI DELL ECAC EUROPEAN CIVIL AVIATION CONFERENCE. CHE COSA È L ECAC? L ECAC è una organizzazione

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE CONSUMATORI E UTENTI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DETERMINAZIONE N. 08/DCOU/2012 PROCEDURE E MODALITÀ OPERATIVE PER CONSENTIRE ALLA SOCIETÀ GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI S.P.A. L ACCESSO ALLE INFORMAZIONI NECESSARIE PER LE VERIFICHE DEL DIVIETO DI CUMULO

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2.

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE DI TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA PRODUZIONE

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 140/136 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 406/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO (OTD) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 168/22.12.2011 In vigore dal 1 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO Giovanni Maiocchi UNIVERSITÀ DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2008-4- 2

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il progetto EnergyNetwork:

Il progetto EnergyNetwork: Il progetto EnergyNetwork: Il kit a supporto delle Agenzie per l Energie di Renael 1 KIT DELLE AGENZIE ANEA: Coordinamento, ottenimento TEE e vendita presso il GME Agenzia Partner: Promozione sul territorio

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli