Appunti sul Trust. Cenni introduttivi L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti sul Trust. Cenni introduttivi L"

Transcript

1 Appunti sul Trust Cenni introduttivi L e prime forme di trust risalgono alla fine del quattrocento in Inghilterra per risolvere problemi di gestione fiduciaria delle proprietà terriere. Nei secoli successivi il trust si è diffuso a macchia di leopardo in molti paesi sia a civil law che a common law, esclusa l Italia, dimostrando la sua validità nel tempo a risolvere in modo elastico i molti problemi che la realtà presenta ed a colmare le lacune legislative. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti del Tamigi; ma il Trust dimostra di essere sempre vivo e vitale ed è nell ambito della civil law italiana ancora tutto da scoprire nei suoi aspetti applicativi da parte degli operatori. Il successo del Trust sta nella sua struttura dove c è una netta separazione tra proprietà e benefici della proprietà e nella segregazione dei beni e diritti trasferiti in Trust. Per verificare subito la vitalità del Trust vediamo qualche esempio di utilizzo prima di procedere all esame dell istituto sia nella common law che nella civil law italiana. Negli USA la responsabilità del chirurgo per danni professionali è sanzionata pesantemente dalle corti di giustizia. Il costo delle polizze di assicurazione per coprire i rischi professionali ha generato una spirale perversa sugli onorari costringendo i chirurghi alla ricerca di soluzioni alternative. L asset protection Trust nel quale vengono trasferiti i beni personali viene utilizzato in alternativa alla polizza di assicurazione per non mettere continuamente a rischio il patrimonio di famiglia. Ancora negli USA: il matrimonio in presenza di un coniuge ricco coinvolge sovente studi legali impegnati a redigere i patti prematrimoniali, patti scritti per salvaguardare il patrimonio del coniuge ricco nel caso di separazione. Anche qui il Trust può dare una risposta alternativa alla soluzione del problema; il coniuge ricco trasferisce al Trustee il proprio patrimonio riservandosi, quale beneficiario, i frutti solo per la durata del matrimonio. Come il Trust possa poi risolvere i problemi di carattere successorio anche per più generazioni è stato riportato dalla cronaca recente con il caso di un noto armatore greco deceduto anni or sono nel momento in cui è diventata maggiorenne la nipote. La casistica potrebbe continuare, la riprenderemo successivamente nel contesto dell esame dell istituto, esame che cercheremo di fare evitando i condizionamenti mentali della civil law italiana. Il Trust nella common law. Il Trust può risultare in modo implicito quando deriva da una regola di equity, Constructive Trust/Resulting Trust, o può 1

2 essere realizzato in modo esplicito quando deriva da un atto volontario del Settlor, Express Trust. Nei Trusts volontari beni e diritti vengono trasferiti in proprietà da un soggetto, Settlor, ad un altro soggetto, Trustee, il quale dovrà amministrarli a favore dei beneficiari, Beneficiaries, secondo le regole dello statuto del Trust, Deed of Trust/Declaration Trust, ed i desideri del Settlor, Letter of Wishes. Può essere nominato un altro soggetto, Protector, con funzioni di controllo e di supplenza del Trustee. I soggetti del Trust, Settlor, Trustee, Beneficiaries, Protector, possono essere persone fisiche, società, enti. Non vi è alcuna incompatibilità; lo stesso soggetto può poi ricoprire contemporaneamente più ruoli. II calcolo combinatorio lascia spazio a tutte le configurazioni utili. Ad esempio nei Constructive Trust/Resulting Trust, il Settlor e il Trustee sono un unico soggetto e non si ha trasferimento di beni; nei Charitable Trust, Beneficiaries e Trustee sono un unico soggetto. Nel Trust può mancare il Settlor, può mancare il Beneficiary non può però mai mancare il Trustee. I beni ed i diritti possono essere beni materiali, beni immateriali come i brevetti, beni mobili come i valori mobiliari, beni immobili, diritti di credito o altri diritti. Il trasferimento dei beni e dei diritti dal Settlor al Trustee è pieno nel senso che il Settlor perde ogni diritto sugli stessi. In difetto si corre il rischio che le Corti di Giustizia dichiarino che non esiste il Trust, ma nella migliore delle ipotesi solo un mandato o un accordo di gestione. Nella motivazione della decisione di una Corte di Giustizia si legge: «Il Settlor trattò le attività del fondo come sue e considerò il Trustee come un mandatario o un agente. Siamo dell opinione che l accordo era una simulazione, nel senso che doveva apparire come una genuina donazione ma non lo era.» Il trasferimento dei beni e dei diritti dal Settlor al Trustee può essere soggetto a revocatoria se fatto in pregiudizio dei creditori del Settlor; trascorso il periodo previsto per la revocatoria il Trust diventa inattaccabile e i beni e i diritti trasferiti risultano protetti. Domiciliando il Trust in una giurisdizione che abbia incorporato nella propria legislazione la inapplicabilità di Foreign Heirship Rules si risolve anche il problema della lesione della successione legittima o necessaria. In altre parole l erede leso nei suoi diritti non potrà esportare nella giurisdizione del Trust l eventuale sentenza a lui favorevole emessa nel paese di residenza né potrà iniziare un azione legale nel paese di domiciliazione del Trust. I beni ed i diritti trasferiti nel Trust conservano presso il Trustee una loro perfetta autonomia patrimoniale, risultando segregati. La segregazione comporta la protezione dei beni non solo 2

3 nei confronti dei creditori del Trustee, ma anche di quelli del Settlor e dei Beneficiares; nel caso di fallimento del Trustee i beni ed i diritti non concorrono alla formazione dell attivo fallimentare, essi sono però a garanzia per i debiti contratti dal Trustee per la gestione del Trust. Se i beni e i diritti vengono destinati dal Trustee a finalità estranee al Trust, la tutela processuale oltre all esecuzione in forma specifica, da la possibilità del diritto di sequela, Tracing; il Tracing proposto contro chi acquista illegittimamente un bene o un diritto del Trust comporta l assunzione a suo carico delle obbligazioni del Trustee cedente. Il Trustee deve amministrare i beni e i diritti a favore dei Beneficiaries; essi sono titolari di posizioni soggettive nei confronti del Trustee e non hanno diritti reali sui beni in Trust. Nella motivazione della decisione di una Corte di Giustizia si legge che l azione del padre «...è intesa a fare riconoscere che Webb figlio detiene l appartamento a beneficio esclusivo del padre e che, in tale qualità, egli ha il dovere di compiere gli atti necessari per trasferirgli la proprietà dell appartamento...» e che «...il padre invoca solo dei diritti nei confronti del figlio...». I beni ed i diritti devono essere amministrati secondo la Letter of Wishes e secondo il Deed of Trust/Declaration Trust. Il Trustee non è giuridicamente obbligato a seguire le indicazioni della Letter of Wishes; tuttavia nella prassi esse vengono seguite scrupolosamente perché una Trust Company che si comportasse diversamente verrebbe estromessa dal mercato e sarebbe comunque revocata e sostituita dal Protector. Il Deed of Trust/Declaration Trust è invece vincolante per il Trustee e va ritagliato su misura per il caso specifico. In particolare dovranno essere definiti: - la tipologia del Trust: discrezionale o fisso, revocabile o irrevocabile. Il Trust discrezionale è una particolare forma di Trust in cui il Trustee, eventualmente con il concorso del Protector e in base a determinate condizioni e al verificarsi di certi eventi, può modificare a sua discrezione la rosa dei Beneficiaries e anche i benefici di cui essi godono. La previsione nel Deed of Trust/Declaration Trust che la scelta dei Beneficiaries debba essere fatta nel rispetto delle norme sulla successione legittima o necessaria vigenti nel paese del Settlor non fa venire meno la natura discrezionale del Trust. Nel Trust fisso, i beneficiaries sono stabiliti in modo tassativo nel Deed of Trust/Declaration Trust. Nella maggior parte dei casi vengono costituiti Trusts irrevocabili. Se il motivo dominante per la costituzione del Trust è di prevedibile durata come nel caso dei Shareholders Voting Trust si ricorre al Trust revocabile. 3

4 - il domicilio di registrazione; - la legge applicabile; - i poteri del Trustee; - i poteri del Protector. Nella stesura del Deed of Trust/Declaration Trust di Trust volontari è opportuno prevedere forme di pubblicità e il divieto al Settlor di essere Trustee, di essere proprietario dell entità giuridica che funge da Trustee, e di revocare il Trust per evitare presunzioni di simulazioni. Il Trust può essere utilizzato per operazione di investimento, Trust fund, per operazioni commerciali e finanziarie come nel caso in cui una banca è istituita Trustee dei ricavi di un business e ne cura gli incassi e la ripartizione degli stessi fra l imprenditore e le banche finanziatrici o altre tipologie che di seguito vengono citate a titolo esemplificativo e non esaustivo. Bare Trusts, Blind Trusts, Charity Trusts, Grantor Trusts (USA), Purpose Trusts, Secret e Semi-secret Trusts, Protective Trusts, Spendthrift Trusts, "Generation Skipping" Trusts, Thin Trusts, Uni Trusts, Business Trusts, Employee Escrow Trusts, Trading Trusts, Business Purpose Trusts, Creditor Protection Trusts, Loan Purpose Trusts, Collective Investment Trusts, Escrow Trusts, Shareholders Voting Trusts, Insurance Policy Trusts, Tax Planning Trusts, Venture Capital Trusts, Emergency Trusts, Rabbinic Trusts, Corporate Fund Raising Trusts, Real Estate Investment Trusts. La possibilità nel Trust di segregare i beni ed i diritti trasferiti al Trust e di scindere la proprietà dal beneficio economico della proprietà non pone limiti al suo utilizzo, se non quelli insiti nella propria struttura, ed è in continua evoluzione come in evoluzione sono le tematiche giuridiche/economiche a cui si cera di dare una risposta. Il Trust nella civil law italiana Fino a pochi anni or sono il Trust era completamente sconosciuto in Italia. Poi la svolta che ha portato all inizio della corsa al Trust, la svolta della legge 16 ottobre 1989 n.364 entrata in vigore il 1 gennaio 1992, legge che ha ratificato la convenzione sul Trust adottata all Aia il 1 luglio La legge ha la finalità espressa di stabilire la legge applicabile al Trust e di regolarne il suo riconoscimento e la finalità implicita di consentire ai Trustee non residenti di operare nel territorio dello stato italiano. Essa non prevede affatto l importazione dell istituto del Trust nel nostro ordinamento; l importazione del Trust può tuttavia essere un effetto della convenzione, in conseguenza della illimitata liberalità che la stessa concede alla scelta della legge regolatrice del Trust. Inoltre l ambito di applicazione della legge è ristretto ai Trusts costituiti volontariamente e comprovati per iscritto, Express Trust. Sono fuori dalla previsione legislativa i Constructive Trusts e i Resulting Trusts, cioè i Trusts impli- 4

5 citi che derivano da una regola di equity; questi Trusts non residenti potranno tuttavia essere riconosciuti in Italia attraverso l importazione delle sentenze in base alla Convenzione di Bruxelles del 27 settembre 1968 e alla legge n.218 del 31/05/1995 sulla riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato. Si avrà pertanto in Italia una doppia circolazione dei Trusts: - quella libera per i Trusts volontari costituiti per iscritto, Express Trust, residenti o non residenti; - quella giudiziaria per tutti gli altri tipi di Trusts, Constructive Trust, Resulting Trust, non residenti. La circolazione dei Trusts residenti è in corso di sperimentazione da più di dieci anni avendo la magistratura italiana aperto le porte alla costituzione di Trusts residenti. Appunti sui profili tributari in Italia I n mancanza di una normativa specifica, l esame delle operazioni nel Trust richiede un notevole impegno. Esaminiamo per primo il trasferimento dei beni o diritti dal Settlor al Trustee. Il trasferimento inter vivos o mortis causa dei beni o diritti dal Settlor al Trustee, siano o non siano il Settlor e il Trustee residenti o non residenti, pur essendo senza corrispettivo, non realizza alcuna attribuzione liberale dal parte del Settlor esso sarà pertanto soggetto al tributo di registro e si applicherà l articolo 11, parte prima del D.P.R. n.131/1986. In presenza di Settlor e Trustee impresa, se il trasferimento riguarda beni relativi all impresa, le cose si complicano; per il Settlor ci sono i conosciuti problemi relativi alla destinazione dei beni a finalità estranee all esercizio di impresa sia per 1 Iva che per l imposizione diretta, imposizione derivante da plusvalenze e minusvalenze se si tratta di beni patrimoniali o da ricavi se si tratta di beni merce, e per il Trustee il problema della tassazione al valore normale dei beni ricevuti se considerati come un contributo. Per il Settlor professionista valgono le stesse considerazioni sopra esposte per l Iva. Vediamo ora l imposizione corrente in capo al Trustee. Le questioni concernenti la territorialità dell imposizione corrente dovranno trovare sistemazione in capo al Trustee secondo la residenza dello stesso in quanto il Trust non ha alcuna soggettività passiva. Il Trustee residente sarà tassato secondo il principio della universalità dei redditi; la tassazione poi, non essendo separata dagli altri redditi del Trustee, produrrà evidenti distorsioni fiscali, se il Trustee è soggetto diverso da quelli soggetti all Irpeg. Il Trustee non residente invece sarà tassato esclusivamente sui redditi prodotti nello stato italiano. È fatta salva l applicazione dell Iva nelle ipotesi previste dal D.P.R. n.622/

6 Le incertezze e le lacune fiscali consigliano il ricorso alla interposizione di strutture societarie fra il Trustee e i beni o diritti che il Settlor intende trasferire. I beni o diritti vengono trasferiti ad una società residente o non residente le cui azioni o quote sono poi trasferite al Trustee. Il primo ed il secondo passaggio non presentano incertezze fiscali se si adottano le opportune cautele. L interposizione di una società è poi utile non solo per ragioni fiscali, ma anche per gli aspetti civilistici che esso presenta. Il Trustee in presenza di Settlor amministratore della società conferitaria avrebbe solo il ruolo sostanzialmente passivo di azionista; il Settlor mantiene l effettiva gestione e il potere di disposizione dei beni attraverso la società conferitaria pur avendo vincolato le azioni nel Trust. Il Protector, che può essere lo stesso Settlor; torna a mostrare la sua utilità nella struttura illustrata. Se non è possibile o non è conveniente il ricorso alla interposizione della società si può fare ricorso ad atti alternativi a fiscalità collaudata. Il Settlor costituisce il Trust con un apporto simbolico; il Deed of Trust/Declaration Trust sarà già confezionato per gli obiettivi finali del Settlor e potrà essere complesso quanto si vuole. Il Trustee ottenuto un finanziamento bancario garantito dal Settlor acquista da quest ultimo i beni o i diritti pagando il prezzo; il Settlor con i fondi ricevuti estingue il debito bancario del Trustee surrogandosi nel credito bancario che diventerà infruttifero per il Settlor, credito che potrà essere utile al Settlor per estrarre dal Trust flussi finanziari senza imposizione fiscale. Esaminiamo ora la posizione dei Beneficiaries. Sia durante la vita del Trust che in sede di scioglimento i benefici dei Beneficiaries sono conseguenti ad un diritto personale. Il Beneficiary residente che riceve dal Trustee residente o non residente beni o diritti sarà sottoposto all imposta sulle donazioni in quanto si configura una sorta di liberalità indiretta; nella maggior parte dei casi sarà sottoposto solo virtualmente vista l attuale normativa di esenzione in materia di imposta di successione e donazione. Questo nel caso il Trust sia discrezionale. Se il Trust invece è fisso, e se il Beneficiary ha diritto a percepire l utile prodotto dal Trust potrebbe trovare applicazione l art.47, 1 comma, lettera i), del TUIR relativo agli assegni periodici. Accantonando però il reddito nel Trust e distribuendo una tantum il reddito accumulato si potrebbe aggirare la norma. Le considerazioni esposte hanno solo la funzione di essere linee guida per affrontare i problemi fiscali nel Trust e non sono certamente esaustive. Ogni tipologia di Trust ha caratteristiche peculiari con impostazioni giuridiche peculiari dei rapporti fra i vari soggetti del Trust, sia nella 6

7 costituzione, sia nell esercizio, sia nell estinzione, impostazioni giuridiche che determinano la conseguente impostazione fiscale. Appunti sui profili elusivi in Italia I nfine un breve cenno sull elusione nel Trust. L amministrazione finanziaria ha la possibilità di disconoscere gli atti del contribuente facendo prevalere la sostanza economica del rapporto sulla forma giuridica prescelta, nei casi in cui gli atti, i fatti ed i negozi anche collegati fra loro sono privi di valide ragioni economiche a condizione che siano utilizzate le operazioni previste dall art.37 bis del D.P.R. 29 Settembre 1973 n.600. Non sembra che nelle operazioni suddette siano previste le operazioni nel Trust. Pertanto la verifica che l amministrazione può fare è limitata al controllo dell effettivo potere dovere del Trustee di amministrare e disporre dei beni e dei diritti, cioè verificare se esiste o non esiste un Trust. Un disconoscimento del Trust sarà facile per l amministrazione in tutti quei casi in cui il Settlor anche indirettamente come Protector possa esercitare una pesante ingerenza nella gestione del Trust. Lo stesso rischio corre il Trust fisso che preveda come Beneficiary lo stesso Settlor. Rischio di interposizione fittizia. L eventuale accertamento per simulazione soggettiva potrà essere fatto solo nel caso ci sia il concorso del Settlor, del Trustee, del Beneficiary, cioè solo quando esiste un negozio dissimulato fra Settlor e Beneficiary e un negozio simulato fra Settlor e Trustee e solo per via giudiziaria, il problema quindi non si pone nei Trusts discrezionali dove il beneficiario non potrà certamente concorrere alla simulazione non essendo ancora conosciuto all atto della costituzione del Trust. Conclusioni Nonostante la legge 16 Ottobre 1989 n. 364 che ha ratificato la convenzione dell Aia sia entrata in vigore il 1 gennaio 1992, non si è ancora usciti dalla fase sperimentale per i Trust interni. Con spirito realista occorre verificare i motivi della scarsa risposta di mercato nonostante il Trust serva a colmare in modo trasparente le lacune del nostro ordinamento. Il richiamo alla diffidenza degli italiani a spogliarsi della proprietà non mi pare sia un motivo sufficiente anche perché il diffondersi dei Trust non residenti proverebbe il contrario. Trust non residenti creati sovente per vestire capitali all estero non confessati e allo stesso tempo per non sottoporre gli stessi alla prossima ritenuta d imposta del 35% deliberata in sede Ecofin in alternativa alla trasparenza bancaria. Il motivo principale credo sia la scarsa fiducia nei tempi della giustizia italiana, tempi che si 7

8 presume saranno ancora più lunghi nei casi in cui la stessa dovrà giudicare non in base al nostro ordinamento giuridico ma in base ad una legge straniera sul Trust. Sarebbe utile che la dottrina italiana altamente qualificata e gli ordini professionali interessati predispongano una bozza di legge italiana sul Trust da sottoporre ai politici per l approvazione al parlamento dove è già giacente dal 1999 la proposta di legge n.6547, una proposta insufficiente per regolare la materia. Altrettanto utile sarebbe una disciplina specifica delle Trust Company nell ambito della riforma del diritto societario non essendo sufficiente la previsione della disciplina dei patrimoni destinati ad uno specifico affare; disciplina che risolve il problema della segregazione dei beni ma non quello della separazione della proprietà dai benefici. La dottrina e gli ordini professionali interessati diano dei consigli al principe. L esigenza di avere certezze operative lo richiede. 8

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone

L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone L ammissibilità e la disciplina del Trust nel nostro ordinamento Lo sviluppo storico dei Trusts Il Trust è un istituto di matrice anglosassone diffuso nei paesi a Common law ma anche nei paesi a Civil

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST Dott. Massimo Lodi Consigliere d Amministrazione UBI TRUSTEE S.A. 8

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO

TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO TRUST e PROTEZIONE PATRIMONIALE: AMMISSIBILITA e APPLICAZIONE NEL DIRITTO ITALIANO avv. Andrea Moja Presidente Assotrusts prof. a Contratto di International Trade Law nell Universit Università LUIC di

Dettagli

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust

Diritto Societario. Riassunto. Brevi notizie sul trust Diritto Societario Brevi notizie sul trust Riassunto Questo memorandum si propone esclusivamente di dare qualche breve indicazione sul Trust a clienti ed ai loro consulenti. Come usuale in alcuni campi

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI

IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI IL TRUST RICONOSCIUTO IN ITALIA PROFILI CIVILISTICI E TRIBUTARI Studio realizzato dal Gruppo di lavoro presso la Direzione delle Entrate dell Emilia Romagna con la partecipazione di componenti dell Ordine

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio Dott. Andrea Bertolotti 1 Sono società fiduciarie e di revisione quelle che si propongono sotto forma d impresa, di assumere l amministrazione

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

La nascita e la storia... 3. L Istituto del Trust... 5. Le principali figure del Trust... 7. Il Trust immobiliare... 9

La nascita e la storia... 3. L Istituto del Trust... 5. Le principali figure del Trust... 7. Il Trust immobiliare... 9 Family Trust Sommario La nascita e la storia... 3 L Istituto del Trust... 5 Le principali figure del Trust... 7 Il Trust immobiliare... 9 La nostra Trust Company - Lettera del CEO... 11 La nascita e la

Dettagli

Capitolo II I SOGGETTI CUI SI APPLICA LA DISCIPLINA DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA

Capitolo II I SOGGETTI CUI SI APPLICA LA DISCIPLINA DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Capitolo II I soggetti Capitolo II I SOGGETTI CUI SI APPLICA LA DISCIPLINA DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Sommario: 1. Premessa 2. I soggetti cui si applica la disciplina dei redditi di capitale 3.

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

VideoFisco. Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari. Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti

VideoFisco. Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari. Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti VideoFisco 22 settembre 2010 Trasferimento e tutela dei patrimoni familiari Le novità della manovra correttiva destate d estate Relatori: Andrea Scaini e Giovanni Saccenti SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T.

Dettagli

IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE. Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l.

IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE. Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l. IL TRUST APPLICAZIONI PRATICHE Dott. Maurizio CERRANO Wealth Corporate & Tax S.r.l. 2 Trust e individuo/famiglia BLIND TRUST: per risolvere il problema del conflitto di interesse potenziale in capo a soggetti

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Elenco delle principali abbreviazioni... XXV CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE E CENNI STORICI Guida Bibliografica... 3 1.1. Introduzione... 5 1.1.1. La disciplina previgente.... 6 1.1.1.1. La riforma del 1975....

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014

La Convenzione de L Aja, i trust esteri e i trust interni. Bergamo, 7 maggio 2014 , i trust esteri e i trust interni Bergamo, 7 maggio 2014 Agenda 1. La Convenzione de L Aja 2.I trust esteri e i trust interni 2 3 1. La Convenzione de L Aja La fiducia Nella tradizione di common law la

Dettagli

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera Telefono +41 91 260 38 00 www.icam-group.com Affidare la gestione a ICAM Group SA tramite lo strumento ICAMLife INDICE: Introduzione Alternative all investimento

Dettagli

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 RIFERIMENTI PERSONALI Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International

Dettagli

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni A cura di Roberto BONFANTI 1 L atteggiamento dell A.F. nei confronti del Trust L A.F. ha approfondito nel tempo gli aspetti fiscali dei Trust, evolvendo

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009 Le soluzioni di Financial Planning all'interno dello Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale 2009 Approfondimenti normativi e di analisi finanziaria Scuola di Amministrazione Aziendale Università degli Studi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

Parte Terza Joint venture

Parte Terza Joint venture Parte Terza Joint venture 8. La joint venture internazionale e il trust 8.1 La joint venture internazionale La legislazione italiana concede alle parti contraenti una grande autonomia nella negoziazione

Dettagli

TRUSTS PROFILI FISCALI. Bari, 2 aprile 2007

TRUSTS PROFILI FISCALI. Bari, 2 aprile 2007 TRUSTS PROFILI FISCALI Bari, 2 aprile 2007 Avv. Nunzio Dario Latrofa Via Carducci, 17 20123 Milano tel. 028054837 - fax 0272016977 Via Cardassi, 14 70121 Bari tel. 0805244815 - fax 0805212673 1 LE FONTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia Unità di Informazione Finanziaria per l Italia SCHEMA RAPPRESENTATIVO DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D.LGS 231/2007. OPERATIVITA CONNESSA CON L ANOMALO UTILIZZO DI

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Lo strumento del Trust e descrizione di un caso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TUTELA DEL PATRIMONIO: DISAMINA DEI DIVERSI STRUMENTI A DISPOSIZIONE E CRITERI DI SCELTA Lo strumento del Trust e descrizione di un caso STEFANIA TOMASINI

Dettagli

La successione e la donazione

La successione e la donazione La successione e la donazione Voglio pianificare la trasmissione del mio patrimonio, possibili alternative: Il patto di famiglia (aziendale) Un Fondo patrimoniale Un Trust Una polizza vita con beneficiario/i

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI * * * IL REGIME FISCALE DEL TRUST Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma

Dettagli

Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale.

Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale. Una moderna forma di dote matrimoniale : il Fondo patrimoniale. a recente proposta di legge che ha per oggetto la destinazione di beni per favorire il sostegno economico, il mantenimento e l istruzione

Dettagli

GLI UTILIZZI DEL TRUST NELL ESPERIENZA ITALIANA

GLI UTILIZZI DEL TRUST NELL ESPERIENZA ITALIANA GLI UTILIZZI DEL TRUST NELL ESPERIENZA ITALIANA Maggio 2008 Lo studio associato Coen - Palandri, associazione professionale di avvocati e dottori commercialisti da tempo operante a Roma, a livello nazionale

Dettagli

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di 24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE con il patrocinio di ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza - Riproduzione vietata - Tutti i diritti riservati Edizione 10 ottobre 2008 2007

Dettagli

Dott. Luca Castagnetti

Dott. Luca Castagnetti La valutazione economica della consistenza ottimale del fondo patrimoniale rispetto allo sviluppo degli obiettivi dichiarati nel Programma del Contratto di rete. Dott. Luca Castagnetti Introduzione Il

Dettagli

«Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale»

«Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale» «Disciplina generale del Trust con particolare riferimento a fenomeni di carattere elusivo dei trust in ambito internazionale» Col. t.st Danilo Massimo Cardone Guardia di Finanza Nucleo Speciale Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 48/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007

CIRCOLARE N. 48/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007 CIRCOLARE N. 48/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007 OGGETTO: Trust. Disciplina fiscale rilevante ai fini delle imposte sui redditi e delle imposte indirette 2 INDICE PREMESSA...3

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso

Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta. Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Convegno: Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Lo strumento del Trust e descrizione di un caso Dott. Massimo Lodi Direttore Generale UBI TRUSTEE S.A.

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y LIECHTENSTEIN LA FONDAZIONE STIFTUNG NEL LIECHTENSTEIN di Avv. Francesco Misuraca 1. Definizione giuridica Una Fondazione (Stiftung) è una persona giuridica costituita con l'apporto di un fondo al fine

Dettagli

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio IL FONDO P ATRIMONIALE di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio 1 - Inquadramento giuridico del fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è disciplinato dagli artt. 167-171 del codice civile,

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Tassi di interesse v/erario E stato pubblicato sulla

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014 L incontro odierno prosegue sulla scia di quello del 3 dicembre 2013, nell intento di affrontare problematiche che investono aspetti di diritto societario, ma anche del diritto di famiglia e del diritto

Dettagli

SEMINARIO IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA

SEMINARIO IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA IL TRUST: IL MONDO BANCARIO, L IMPRESA E LA FAMIGLIA L ESPERIENZA BANCARIA Avv. Ettore Parlato Spadafora Direttore Affari Legali e Delegato Antiriciclaggio OBIETTIVI DELL INTERVENTO Segnalare l

Dettagli

Impresa e Patrimonio: il passaggio generazionale

Impresa e Patrimonio: il passaggio generazionale Impresa e Patrimonio: il passaggio generazionale La Commissione Europea ci dice che solo il 33% delle aziende supera il primo passaggio generazionale, percentuale che si riduce al 15% al secondo passaggio

Dettagli

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17 ANALISI CAPITOLO 1 BREVE INTRODUZIONE SUGLI ISTITUTI DEL FONDO PATRIMONIALE, DEL TRUST, DELL INTESTAZIONE FIDUCIARIA E SULLE SOCIETÀ HOLDING di Gianluca Cristofori e Maurizio Marullo 1. PREMESSA 13 2.

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

SOCIETA' FIDUCIARIE E TRUST

SOCIETA' FIDUCIARIE E TRUST Diritto e pratica tributaria DPTI Giurisprudenza commerciale Giurisprudenza Tributaria Guida Normativa Guida normativa mensile Il controllo nelle società e negli enti Il Fallimento e le altre procedure

Dettagli

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI a cura di Eugenio Romita 1 CESSIONE D AZIENDA 2 2 Cessione d azienda Isolamento (salvo eccezioni) rispetto alle altre operazioni straordinarie creato

Dettagli

SAG AZIONI CONSIGLIATE

SAG AZIONI CONSIGLIATE SAG AZIONI CONSIGLIATE AZIONI CONSIGLIATE Considerate le esigenze testamentarie di Tizio e preso atto della situazione familiare e patrimoniale così come rappresentata nel parere tecnico redatto dal Servizio

Dettagli

Conseguire un maggior controllo sulla disposizione del patrimonio lasciato in eredità.

Conseguire un maggior controllo sulla disposizione del patrimonio lasciato in eredità. IL TRUST, DOMANDE E RISPOSTE Che cosa è un trust? Un trust è uno strumento giuridico con cui una persona o più persone (Settlor) trasferiscono il titolo di uno o più proprietà ad uno o più gestori (Trustee)

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 82 Profili fiscali del Trust

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 82 Profili fiscali del Trust DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 82 Profili fiscali del Trust ottobre 2007 Profili fiscali del Trust DOCUMENTO ARISTEIA N. 82 PROFILI FISCALI DEL TRUST Con il presente lavoro si vuole offrire un quadro

Dettagli

Gli aspetti fiscali del trust

Gli aspetti fiscali del trust Gli aspetti fiscali del trust Carmine Carlo Sommario 1. Introduzione al diritto dei trust in Italia; 2. Caratteristiche del trust; 3. Normativa di riferimento in Italia; 4. Trust e imposte dirette; 5.

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p.

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. Art. 2407 c.c. Art. 2407 c.c. (Responsabilità) I sindaci devono

Dettagli

Bari 27 novembre 2009. Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche

Bari 27 novembre 2009. Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche Bari 27 novembre 2009 Il trust in Italia Profili generali e applicazioni pratiche Via Luigi Calamatta, n. 16 Corso Italia, n. 1 00193 - Roma 70029 - Santeramo in Colle (Ba) Tel. 066872628 dario@studiolatrofa.com

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

CONFERIMENTO DI AZIENDA

CONFERIMENTO DI AZIENDA CONFERIMENTO DI AZIENDA 1. Aspetti civilistici L operazione denominata «conferimento» è altresì indicata con numerosi sinonimi, questo è dovuto al fatto che tale operazione non è stata presa in considerazione

Dettagli

Trattamento fiscale del Trust nel passaggio generazionale d azienda.

Trattamento fiscale del Trust nel passaggio generazionale d azienda. Trattamento fiscale del Trust nel passaggio generazionale d azienda. Sommario: Alessandro ed Umberto Terzuolo 15/05/2009 1. Profili generali - 2. La normativa vigente - 3. La Risoluzione n. 110/E del 23

Dettagli

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN 1. Il presupposto dell imposta sulle successioni e donazioni, come definito

Dettagli

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Damiano Montani Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Il trust nelle operazioni di finanziamento

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust La tassazione dei dividendi percepiti dal trust L art. 1, comma 655, della legge di stabilità 2015 (1) pone fine ad un regime fiscale di indubbio vantaggio che aveva caratterizzato l imposizione dei dividendi

Dettagli

Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari

Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari Il trust e la gestione di patrimoni aziendali e immobiliari Il trust ed il diritto tributario italiano (Prof. Avv. Dario Stevanato) (Prof. Avv. Raffaello Lupi) Roma, 23 giugno 2005 1 Il trust come figura

Dettagli