Facoltà di Economia. Cattedra di Corporate Governance e Internal Auditing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Economia. Cattedra di Corporate Governance e Internal Auditing"

Transcript

1 Facoltà di Economia Cattedra di Corporate Governance e Internal Auditing Il ruolo del Sistema di Controllo Interno nella prevenzione ed individuazione delle Frodi Aziendali RELATORE: Chiar.mo Prof. Simone Scettri CORRELATORE: Chiar.ma Prof.ssa Carolyn Dittmeier CANDIDATO: Corrado Artale Matr Anno Accademico 2009/2010

2 Indice Premessa La Frode Aziendale Definizione, Natura e Caratteristiche della Frode I requisiti fondamentali che configurano il concetto di frode I soggetti che commettono una frode aziendale, il perché li commettono e le vittime L inganno, il beneficio ingiusto e il danno ingiusto Le principali forme di frodi aziendali Considerazioni finali Il contesto normativo internazionale, comunitario e nazionale in tema di frodi Sarbanes-Oxley Act La legge sul risparmio (262/2005) Il D.lgs 231/ Regolamentazione nel settore bancario: Basilea II Conclusioni Il rischio di Frode e le organizzazioni Il Sistema di Controllo Interno Approccio Preventivo Approccio Dirigista Approccio del monitoraggio Approccio Ispettivo Approccio Assicurativo L impulso dato dal Decreto Legislativo231/2001 nella lotta ai reati di frode: Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo SKY e Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Iveco Fiat Oto Melara a confronto Considerazioni Finali Diffusione della cultura etica come possibile soluzione Bibliografia Sitografia

3 Premessa I motivi della scelta di un tema di tesi, come quello che qui si sviluppa, sono dettati da un percorso formativo e da una curiosità su un argomento di centrale interesse per le aziende, per la società e per le istituzioni. L obiettivo principale di questa tesi è di esaminare un fenomeno assolutamente complesso quanto articolato come quello delle frodi aziendali, e di analizzare come i legislatori internazionali, europei ed italiani si sono mossi per creare leggi ad hoc atte a contrastare tale problema e tappare i vuoti legislativi esistenti o che si creavano con le nuove condizioni di mercato e, soprattutto, analizzare come le aziende hanno operato ed operano internamente per prevenire ed individuare le frodi e quali meccanismi e strumenti hanno adottato ed adottano. In tutto il mondo le frodi si confermano come una delle principali minacce per le aziende indipendentemente dal settore di appartenenza, dalla dimensione e dal paese in cui operano. Tale fenomeno è molto diffuso ma spesso sottovalutato dagli agenti stessi. Ciò spesso accade sia perché il management di un azienda spesso si illude di aver realizzato una struttura in cui semplicemente tali cose non succedano e pertanto proteggersi sarebbe solo superfluo, sia perché spesso si crede che la frode sia qualcosa di fisiologico ed incontrollabile, sia perché si crede che basti un semplice sistema di controllo interno per risolvere il tutto. In molti casi la stessa vittima non si accorge neanche della frode che sta subendo, e 2

4 quando la scopre preferisce piuttosto tenere nascosto l accaduto per salvaguardare la propria immagine che renderlo noto. Ovviamente i casi noti di frode sono solo i più clamorosi, non soltanto per il valore della frode in sé ma anche e soprattutto per i danni inferti alla platea dei piccoli risparmiatori, spesso poco tutelati da Sistemi di Controllo Interno delle organizzazioni, che si sono dimostrati poco adeguati o poco efficaci. Uno studio condotto dall ACFE negli Stati Uniti ha esaminato ben 1134 casi di frode negli ultimi anni, a cui spesso il management non ha dato seguito facendo una denuncia per non subire gli effetti negativi sull immagine dell azienda. Un altro aspetto molto importante da rilevare è l atteggiamento di benevolenza, oserei dire, quasi di simpatia che questo tipo di reato a volte suscita, paradossalmente, nell opinione pubblica, in quanto la frode, spesso, non comportando violenza fisica, mette in evidenza la notevole intelligenza e preparazione dello o degli autori. La tentazione di commettere una frode è un elemento da sempre presente nell animo umano: di fatto, si realizza sempre con un inganno anche se cambiano gli strumenti con cui si pratica e gli oggetti della stessa. Quanto alle attività di contrasto delle frodi, appare evidente che evolvendo i meccanismi e gli oggetti delle frodi stesse debbono radicalmente ed efficacemente evolvere pure i sistemi di lotta contro quest ultime, per creare i presupposti utili a realizzare una efficace ed efficiente azione di contrasto e repressione dei fraudolenti. 3

5 Scopo finale di tale tesi è quello di dimostrare, in base ad una attenta analisi dei dati relativi al tema, (dati ricavati da studi effettuati da organi e da associazioni di categoria,) se veramente le nuove norme istituzionali siano efficaci e se siano efficaci anche i nuovi meccanismi adottati all interno delle aziende per la prevenzione ed individuazione di tale fenomeno. Inoltre spero di dare, modestamente, il mio contributo per individuare una o più possibili soluzioni. 4

6 I CAPITOLO 1. La Frode Aziendale 1.1 Definizione, Natura e Caratteristiche della Frode. Negli ultimi quindici anni il mondo del capitalismo occidentale è stato sconvolto da un ondata di scandali aziendali e societari (vedi ad esempio il caso Enron, Parmalat, Lehman Brothers) generati dall adozione di comportamenti fraudolenti da parte di soggetti assolutamente senza scrupoli, ma con un grande ingegno, che hanno dato vita a numerose e sofisticate frodi aziendali. La Frode risulta essere sicuramente uno dei reati più ingegnosi e affascinanti che, a differenza di molti altri, genera spesso nelle persone una strana simpatia ed ammirazione fino ad essere accolta, quasi in modo benevolo, dall immaginario collettivo. Tale simpatia, ammirazione e benevola accoglienza dipende, forse, dal fatto che il reato di frode non comporta alcuna violenza fisica a danno delle vittime e inoltre, se ben realizzata, risulta essere indolore 1. Il reato di Frode è considerato uno scontro fra intelligenze 2, caratterizzato da uno scontro tra attore e vittima dove l attore della frode è sicuro e consapevole di 1 Diciamo indolore perché se è vero che la vittima non si rende conto della Frode è altrettanto vero che nella maggior parte dei casi finisce, prima o poi, per rendersi conto dei danni conseguiti pur non comprendendone i motivi sottostanti. 5

7 saper e poter raggirare la vittima mediante la sua intelligenza e senza nessun atto di violenza nei confronti di essa, assicurandosi un profitto per se o per gli altri 3. Per addentrarci meglio nello studio dell argomento e riuscire a comprendere le tematiche che tratterò più avanti è necessario, prima di tutto, partire col dare una definizione del concetto di frode sia da un punto di vista etimologico sia da un punto di vista giuridico-legislativo. Nel lessico comune la frode indica un atto premeditato, diverso dalla omissione e dall errore, compiuto in maniera clandestina per ledere un altrui diritto attraverso l inganno 4. Naturalmente, una frode può anche iniziare a causa di un innocente errore o irregolarità non rilevati dal sistema, errore e irregolarità che vengono invece sfruttati a proprio vantaggio dal frodatore per mettere in atto tale crimine. 5 Invece da un punto di vista giuridico-legislativo il concetto di frode non viene definito in modo chiaro ed esplicito. Il nostro impianto normativo civilistico non 2 Cfr Fanelli, (1998), pag. 3 3 Le Frodi Aziendali: frodi amministrative, alterazione di bilancio e computer crime. Marco Allegrini, Giuseppe D Onza, Daniele Mancini, Stefano Garzella. Pag: 9. Casa editrice: FrancoAngeli S.r.l.. Anno: In questo senso Devoto-Oli e Treccani. Scrivono inoltre Johnson e Rudesill use of one s occupation for personal financial gain trough deliberate misure or misapplication of the business resources and assets and is a three step process: the act, concealment and converion in An investigation into fraud prevention and detenction of small business in the United States: responsibilities of auditors, managers and business owners - Accounting Forum Marzo 2001, Vol. 25, Issue I pag. 57. Si veda anche 2002 Report t the Nation Occupational Fraud and Abuse Association of Certified Fraud Examiners (2002), pag Il ruolo dell internal auditor nella prevenzione ed il controllo delle frodi. Position Paper AIIA. pag. 5 6

8 qualifica la frode ma si limita elusivamente a configurare l ipotesi di contratto in frode alla legge (art c.c.) 6. L impianto normativo del codice penale, pur non parlando esplicitamente di frode, è quello che risulta essere più preciso per un primo inquadramento del problema, qualificando non il reato di frode ma la fattispecie della truffa. Si ha la truffa quando uno più soggetti con artifizi e raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o agli altri un ingiusto profitto con altrui danno 7. Prima di addentrarci ulteriormente nello studio dell argomento è indispensabile, però, porsi una domanda, la cui risposta, ahimé, è sicuramente tutt altro che scontata: L assenza fino ad oggi di una definizione specifica di frode da parte dell impianto normativo sia civile che penale non rappresenta un paradosso visto la serie lunghissima di scandali che ha sconvolto il nostro Paese in questi ultimi anni? 1.2 I requisiti fondamentali che configurano il concetto di frode. Nel paragrafo precedente mi sono soffermato esclusivamente ad analizzare le singole definizioni che vengono attribuite al concetto di frode sia da un punto vista generale sia da un punto di vista giuridico-legislativo. In tale paragrafo, 6 Il contratto in frode alla legge è un contratto che viene usato per eludere l'applicazione di una norma imperativa 7 Da Codice Penale, art 640-Truffa. Si veda anche AIIA (1995), pag 24 e seg. 7

9 invece, analizzo, nel dettaglio, i requisiti fondamentali necessari a configurare il reato di frode e le varie forme attraverso il quale tale reato si manifesta. Il processo di realizzazione della frode si sviluppa attraverso un processo elementare: l attore (soggetto attivo) attraverso artifici e raggiri induce in errore la vittima (soggetto passivo) e procura a sé stesso o ad altri un vantaggio ingiusto unito ad un ingiusto danno per la vittima o per altri. Quindi gli elementi qualificanti del reato di frode sono l attore, la vittima, l inganno, il beneficio ingiusto e il danno ingiusto 8. SCHEMA: Gli elementi qualificanti della Frode 9 : La frode Attore Inganno Vittima Beneficio ingiusto Danno ingiusto 8 Nell analisi della frode si distinguono generalmente gli elementi soggettivi attore e vittima da quelli oggettivi inganno e danno patrimoniale. Per inquadramento degli elementi costitutivi della frode: Fanelli (1998), Zanotti (1993), Maggini (1988). 9 Le Frodi Aziendali: frodi amministrative, alterazione di bilancio e computer crime. Marco Allegrini, Giuseppe D Onza, Daniele Mancini, Stefano Garzella. Pag: 15. Casa editrice: FrancoAngeli S.r.l.. Anno:

10 Tale schema proposto ci sarà utile per proseguire nell analisi dei singoli requisiti che costituiscono anche il processo di realizzazione delle frodi aziendali. 1.3 I soggetti che commettono una frode aziendale, il perché li commettono e le vittime. Il campo di azione delle Frodi aziendali e societarie comprende l intero mondo societario e ogni tipologia di azienda senza nessun bisogno di distinguere tra società di persone e società di capitali. Le frodi messe in atto possono essere commesse a favore e/o a danno delle organizzazioni; ma è frequente che le frodi realizzate a favore delle organizzazioni, nel medio lungo-termine, risultano essere poi elemento danneggiante di quest ultime per vari motivi che analizzeremo più avanti. Quindi, senza alcun problema, possiamo affermare che, anche se l atto fraudolento viene commesso in favore della società, questo il più delle volte si ripercuote sulla stessa anche se l intento non era assolutamente quello. In questo paragrafo rispondo, con il mio modo di vedere, ad una serie di domande che rappresentano il punto di partenza della mia analisi. Queste le domande: quali sono i possibili soggetti che possono assumere la figura dell attore e quali quella della vittima nell ambito delle frodi aziendali? Quali sono i fattori che fanno si che un individuo o più individui possano commettere un simile reato? Inoltre quali sono le cause che spingono un soggetto a compiere un atto fraudolento? 9

11 Nella sfera delle frodi di tipo societario possiamo avere diversi soggetti che possono assumere sia il ruolo di attore sia il ruolo di vittima della frode in base alle singole situazione che si vengono a creare. Una frode può essere realizzata da soggetti terzi (ad esempio clienti, fornitori, ecc) a danno delle organizzazioni, degli amministratori e dei dipendenti della stessa organizzazione per perseguire i propri interessi. Anche gli amministratori o rappresentanti delle organizzazioni possono porre in atto comportamenti fraudolenti per acquisire vantaggi per la società a discapito degli inconsapevoli stakeholder o, in piena autonomia, per perseguire interessi e vantaggi personali. Si può addirittura assistere a certe situazioni in cui soggetti interni ed esterni di una azienda (amministratori e soggetti terzi) si accordano per commettere una frode e ledere sia l azienda sia gli azionisti Le Frodi Aziendali: frodi amministrative, alterazione di bilancio e computer crime. Marco Allegrini, Giuseppe D Onza, Daniele Mancini, Stefano Garzella. Pag: 22. Casa editrice: FrancoAngeli S.r.l.. Anno:

12 Frode societaria Attore La società (per mezzo degli amministratori) Gli amministratori e i rappresentanti I terzi Eventuale complicità tra più soggetti agenti inganno inganno inganno inganno Eventuale molteplicità dei soggetti vittime Vittima I terzi e i dipendenti La società e/o i terzi La società e/o gli amministratori Inoltre esiste, generalmente, una equa distribuzione nella realizzazione di una frode tra il genere maschile e quello femminile (59,1% contro 40,9% nel 2008), ma tuttavia il valore medio delle frodi commesse dalle donne è al di sotto di un terzo. 11

13 Fonte:ACFE - Report to the Nation on Occupational Fraud and Abuse (2008) Chiavi di lettura molto più interessanti pervengono dall età del frodatore e dal livello di scolarizzazione. La più elevata concentrazione di reati (35,5%) è tra soggetti di età compresa tra i anni. Si tratta della tipica fascia di età in cui nelle aziende, ad esempio, vengono meno le motivazioni ed aumentano i delusi per una carriera mancata. Alte sono anche le opportunità derivanti dall esperienza che posseggono. Inoltre il 34,4% dei soggetti frodatori ha un diploma di scuola superiore. Fonte:ACFE - Report to the Nation on Occupational Fraud and Abuse (2008) 12

14 Fonte:ACFE - Report to the Nation on Occupational Fraud and Abuse (2008) In conclusione, quindi, mi chiedo: Chi è il frodatore tipo? Il frodatore è chiaramente una figura atipica di criminale. E un uomo comune, spesso un impiegato modello, colto, credente, lucido. E soggetto assolutamente allineato al conformismo sociale. Ciò ci porta ad una considerazione importante: non esiste un profilo di frodatore e non esiste un profilo di dipendente infedele. Qualunque dipendente, qualunque fornitore, qualunque venditore in azienda può trasformarsi in un frodatore. Ma allora: perché le persone commettono frodi e cosa spinge un dipendente modello a trasformarsi in un frodatore? Nel tempo sono stati teorizzati differenti modelli con l obiettivo di descrivere le motivazioni sottostanti al perpetrarsi di una frode aziendale. Il modello più 13

15 famoso, cui generalmente si fa riferimento, è quello comunemente chiamato triangolo della frode, fornito da D.R. Cressey 11 a seguito di una indagine empirica sulle frodi e dopo aver individuato tre variabili alla base del crimine. L eccessiva pressione cui è sottoposto un individuo può essere considerata una delle variabili che incentiva la attuazione di una frode. La pressione può derivare sia da fonti interne che esterne all organizzazione. Nel primo caso, ad esempio, possono essere le forti aspettative verso un determinato risultato aziendale a spingere il management ad una falsificazione delle scritture contabili, soprattutto quando i meccanismi di remunerazione sono correlati alle performance aziendali Nel secondo caso la pressione può derivare dal bisogno urgente di denaro per far fronte ad una spesa imprevista ovvero dall abitudine del singolo a vivere al di sopra dei propri mezzi. Nel corso della propria attività i membri dell organizzazione possono avvertire esigenze di varia natura (finanziarie, sociali etc.) che sono soddisfatte attraverso le ricompense ottenute (retribuzione, avanzamenti di carriera etc.). In alcune circostanze sorgono tuttavia dei bisogni che in assenza di soluzioni alternative possono indurre un individuo a valutare l ipotesi di commettere una frode. La presenza di un problema che grava sull individuo, però, da sola, non porta l attore alla realizzazione di una frode. 11 Sociologo Americano 14

16 In accordo con il Triangolo della frode la pressione eccessiva avvertita dal singolo è il motivo per compiere la frode, ma parimenti lo stesso deve ritenere di avere l opportunità di compierla senza essere scoperto. L opportunità di commettere una frode nasce dalla consapevolezza dell autore di sfruttare i punti deboli esistenti nel sistema dei controlli interni. Il meccanismo della razionalizzazione costituisce il terzo elemento della teoria del Triangolo della frode e come gli altri è un componente necessario del crimine ed interviene prima che lo stesso venga compiuto. Il meccanismo della razionalizzazione consiste nell abilità dell attore di riuscire a giustificare a se stesso e, qualora venisse scoperto, anche agli altri membri dell organizzazione, la frode realizzata. Questo accade perché il frodatore non si identifica in un criminale. Attraverso questo meccanismo perverso anche i dipendenti più onesti riescono ad annullare la portata dell atto criminale e possono essere indotti a realizzare una frode. L azione criminale (es. furto di cassa) viene tramutata in altro (es. prestito temporaneo ottenuto dall azienda), oppure viene minimizzata (es. è così poco per l organizzazione, c è chi fa peggio ), oppure viene concepita come una sorta di compensazione per le ingiustizie subite (es. se lo meritano perché mi sfruttano ). 15

17 SCHEMA: Il triangolo della frode. 12 Incentivi e pressioni Opportunità Atteggiamenti e razionalizzazione Lo stesso Cressey paragonava il triangolo della frode al triangolo del fuoco, relativo al processo di combustione, costituito da ossigeno, calore e combustibile: affinché si verifichi un incendio occorre necessariamente il concorso di tutti e tre gli elementi e per spegnere un incendio è necessario eliminare almeno uno dei tre. Anche nelle frodi aziendali è necessario il concorso di tutti e tre gli elementi componenti il triangolo della frode, che sono tra loro interattivi. Solitamente l elemento su cui è possibile attuare una più efficace azione preventiva è l opportunità di commettere una frode, mediante l implementazione e lo sviluppo 12 Auditing e Servizi di Assurance, un approccio integrato. Alvin A. Arens, Randal J Elder, Mark S. Beasley. Pag: 238. Casa editrice: Pearson Education Italia s.r.l. Anno:

18 di un adeguato sistema di controllo interno 13. Quest ultimo sarà oggetto di analisi nei capitolo successivi. Oltre alle variabili che costituiscono il triangolo della frode, affinché un reato fraudolento si verifichi sono necessarie anche delle motivazioni che spingano un soggetto a compiere tale reato. Qui di seguito sono elencate circa 25 motivazioni ricorrenti per le quali impiegati, dipendenti e dirigenti possono compiere frodi di varia natura nelle organizzazioni di appartenenza. Queste sono state individuate da esperti criminologi, sociologi, riskmanager, fraud auditor, anche sulla base di rapporti di polizia e cause legali. Esse sono: il desiderio o il bisogno disperato di arricchirsi o possedere l oggetto di attrazione; l incapacità di gestire adeguatamente i propri denari, insolvenze temporanee o la necessità di affrontare spese ritenute necessarie; il desiderio di realizzare con poca fatica le proprie aspirazioni. l insoddisfazione e la frustrazione generate da alcuni aspetti del proprio lavoro; l insoddisfazione e la frustrazione generate da alcuni aspetti della propria vita professionale non legati al lavoro; 13 Auditing e Servizi di Assurance, un approccio integrato. Alvin A. Arens, Randal J Elder, Mark S. Beasley. Pag: Casa editrice: Pearson Education Italia s.r.l. Anno:

19 il desiderio di equilibrare inconsciamente gli squilibri emozionali di un cattivo rapporto di lavoro con i propri superiori attraverso vendette sostitutive; l idea che una piccola sottrazione non possa né interessare né preoccupare coloro che gestiscono business di ben più elevata portata; la perdita, per diversi motivi, del proprio autocontrollo e la realizzazione di danni e di frodi senza che le stesse siano dovute, come nei casi precedenti, a reali o ipotetiche costrizioni; l idea che la frode possa essere una realizzazione tale da generare una vera e propria sfida all organizzazione che non considera il ruolo delle persone che in essa operano; l infanzia difficile, che può generare degli scompensi nell età matura e ostacolare una completa realizzazione personale; la ricerca di emozioni per compensare il vuoto creato nella propria vita personale e lavorativa; la reazione a quelli che sono stati classificati come degli ingiusti trattamenti ricevuti sul lavoro; la mancanza di interessamento da parte dell azienda ai problemi relativi al personale e la mancanza de flessibilità 18

20 della stessa nel recepire esigenze individuali all interno delle necessità aziendali; la realizzazione di furti o frodi ogniqualvolta si crei un contrasto con la società per i più disperati motivi; la mancanza, per motivi più disperati, di ogni sorta di ritengo morale nei confronti dell azione compiuta a danno della società; la mancanza, per cause legate a destini aziendali, del senso di identificazione nella società e il desiderio di realizzare le proprie aspettative tradite; l insicurezza del proprio rapporto di lavoro; l idea che si possa eludere ogni controllo relativo alle azioni commesse in azienda; l errata valutazioni delle conseguenze legali ed umane dell eventuale evidenziazione della frode commessa e della sua denuncia; la consapevolezza di vivere in un mondo, in una società, in un organizzazione in cui i propri capi commettono delle azioni scorrette senza subire conseguenze. Il dipendente pensa di fare lo stesso; la consapevolezza che il livello e la qualità del controllo interno sono facilmente superabili; 19

21 la constatazione che la società non ha mai realmente perseguito chi ha commesso frodi e la consapevolezza che essa non si è mai seriamente impegnata nel reprimere fenomeni di frode al proprio interno; la mancanza di controlli sistematici nella società da parte di auditor interni o esterni qualificati ovvero il fatto che le frodi sono state rilevate per puro caso e da ciò l indiretta consapevolezza che il rischio che si sta per correre è realmente minimo; la consapevolezza che eventuali frodi non porteranno a conseguenze detentive anche se scoperte l imitazione dei propri capi dei quali si sono scoperte le malefatte. Se i capi rubano o imbrogliano, allora anch essi lo fanno senza problemi. 14 Tra le motivazioni elencate, quella che risulta essere la più comune è la prima e cioè il desiderio o il bisogno disperato di arricchirsi. La ricchezza, purtroppo, è entrata a fa parte dei così detti valori moderni, ma non può essere perseguita da tutti con sistemi leciti, cioè tramite il duro lavoro, il sacrificio e la fortuna. Per molti, quindi, l attività criminale diventa l unico modo per conseguire il traguardo del successo economico, che per molti resta un utopia, a meno che non si 14 Bilanci Falsi, come nascono le frodi societarie, come scoprirle, come prevenirle. G. Laganà, P. Gallo Riva, D. Mastromarchi. Pag: Casa editrice: Il sole 24 ore. Anno:

22 infrangano le regole. Ed è forse proprio la posizione di alcuni soggetti, in bilico tra il quasi ricco e il non povero a generare un senso di frustrazione per il mancato conseguimento del traguardo sociale ricchezza e da qui la spinta motivazionale a cercare di raggiungere la ricchezza con ogni mezzo, non perché ne hanno veramente bisogno ma come status symbol e strumento di affermazione nella società capitalista moderna. Spesso tutto ciò deriva da valori culturali, sociali e personali, dalla concezione di cosa sia giusto o sbagliato e di cosa sia importante o meno nella vita. C è da chiedersi però: come mai determinati sintomi come la sensazione di colpa e di paura che generalmente nascono quando si fa qualcosa di sbagliato, non scattano anche in queste persone? Forse è che tali soggetti sono sempre figli dell ambiente in cui sono cresciuti ma in cui tutti noi siamo coinvolti e che contribuiamo a rendere quello che è con le azioni di ogni giorno. A volte semplicemente solo voltando la faccia dall altra parte. 1.4 L inganno, il beneficio ingiusto e il danno ingiusto. Il terz ultimo elemento qualificante della frode è l inganno. L inganno può essere realizzato mediante artifici e/o raggiri. Nel primo caso l inganno viene causato tramite un attività di persuasione fino ad arrivare ad un ingegnoso avvolgimento di parole ed argomentazioni. 21

23 Mentre nel secondo caso l inganno viene messo in atto attraverso una distorsione della realtà. SCHEMA: l inganno. 15 INGANNO ARTIFICIO RAGGIRO Ogni idonea simulazione o dissimulazione, atta ad indurre in errore persona, in modo che questa riceva l immediata percezione di una falsa apparenza materiale. Ogni avvolgimento ingegnoso di parole destinato ad ingannare. Anche il silenzio malizioso può essere considerato un fattore determinante dell inganno. Infatti l attore può approfittare di una situazione di errore persistente serbando maliziosamente il silenzio e, così, indurre la vittima in errore. Tutto ciò mi permette di dire che i limiti del comportamento fraudolento sono definiti dall idea di correttezza e di buona fede di ogni soggetto e lealtà e rispetto nei rapporti di lavoro e contrattuali di carattere commerciale. Inoltre nel valutare il comportamento fraudolento non bisogna prendere in considerazione la 15 Le Frodi Aziendali: frodi amministrative, alterazione di bilancio e computer crime. Marco Allegrini, Giuseppe D Onza, Daniele Mancini, Stefano Garzella. Pag: 11. Casa editrice: FrancoAngeli S.r.l.. Anno:

24 valutazione del livello di ingenuità del soggetto che subisce la truffa e non bisogna neanche rilevare il grado di sofisticazione raggiunta per mettere in atto l intento. La frode causa sia un beneficio ingiusto a vantaggio dell attore che commette la frode sia un ingiusto danno patrimoniale, a danno della vittima, che può comprendere anche il lucro cessante, cioè l impossibilità da parte della vittima di poter percepire e continuare a percepire utilità economica che si sarebbe aggiunta al suo patrimonio se il reato non fosse stato commesso. A questo si aggiunge, anche, il danno indiretto. Per quanto riguarda le aziende, il danno patrimoniale si verifica quando si ha una riduzione della potenzialità economica (elemento costituente del patrimonio aziendale; patrimonio aziendale assolutamente non inteso come la somma dei beni analiticamente considerati), a causa delle circostanze descritte precedentemente a cui si può aggiungere anche il danno reputazionale Le principali forme di frodi aziendali. Come già detto precedentemente tutte le organizzazioni, indipendentemente dal settore di appartenenza e dal tipo di business, sono esposte al rischio di frodi, che può causare, e in diverse occasioni ha concretamente causato, gravi conseguenze 16 Le Frodi Aziendali: frodi amministrative, alterazione di bilancio e computer crime. Marco Allegrini, Giuseppe D Onza, Daniele Mancini, Stefano Garzella. Casa editrice: FrancoAngeli S.r.l.. Anno:

25 patrimoniali anche a realtà aziendali solide, conducendole in alcuni casi al fallimento. Il rischio di frode è dunque quantificabile principalmente in termini economici, connessi al danno o alla perdita che ne deriva, cui si deve aggiungere il danno reputazionale. Individuati e analizzati gli elementi qualificanti della frode aziendale (attore, vittima, inganno), occorre che si ci addentri progressivamente ancora di più nello studio dell argomento e si analizzi, per tanto, le svariate forme di frodi aziendali. Le frodi possono essere schematicamente divise in due categorie: frodi interne e frodi esterne. Le frodi interne sono quelle che si manifestano all interno del contesto organizzativo della società, contro l interesse della stessa o dei suoi clienti. I principali attori sono quindi rappresentati dagli amministratori, dai rappresentanti legali, dai dipendenti e dagli agenti della società. Viceversa le frodi esterne sono quelle che vengono perpetrate da individui o entità che operano esternamente all azienda e che quindi quest ultima può più difficilmente controllare. Gli attori sono tipicamente rappresentati dai clienti e dai fornitori. All interno della categoria delle frodi interne possiamo, inoltre, individuare altre due tipologie di frodi: le Corporate Fraud e le White Collar Crime. Le Corporate Fraud, sono tutti quei reati fraudolenti che vengono realizzati dal vertice sociale di una organizzazione, nei maggiori dei casi, compiuti proprio dal consiglio di amministrazione. Tali eventi sono, spesso, anticipati da modifiche, anche radicali, della struttura aziendale e del sistema di controllo interno. 24

26 Le White Collar Crime 17, invece, sono quella tipologia di frode realizzata dall agente o dal dipendente, insinuandosi e sfruttando le imperfezioni e le falle del sistema di governo e di controllo aziendale. Tale tipologia di frode interna è quella che risulta essere più frequente. 18 Infine, le frodi possono essere ancora distinte in base al fatto che esse possono essere sia di tipo contabile (frodi on the book) e sia di tipo extracontabile (off the book). Tale distinzione tra le due tipologie di frode è importante non solo per il loro carattere normativo ma anche e soprattutto per le tecniche di individuazione e di prevenzione che devono essere adottate e che tratterà nei capitoli successivi. Considerando questa distinzione delle frodi aziendali, le forme di frode, secondo i risultati della V Global Economic Crime Survey , condatta da PricewaterhouseCoopers 20, che colpiscono le aziende in tutto il mondo sono infinite, ma generalmente quelle più comuni sono rappresentate da: 17 L espressione white collar crime (criminalità dei colletti bianchi) è stata utilizzata per la prima volta da E. H. Sutherland, negli Stati Uniti d America, nel 1939, nella sua opera intitolata, appunto, White Collar Crime, attraverso la quale descrive i reati fraudolenti e criminosi realizzati da soggetti assolutamente impensabili che occupano cariche dirigenziali. Attraverso tale opera Sutherland spiega la sua teoria sostenendo che la criminalità non è assolutamente una caratteristica dei ceti popolari ma esiste una significativa categoria di reati commessi da persone benestanti, rispettabili e dall elevato ceto sciale, che sono emotivamente stabili e socialmente integrate 18 Lezioni antifrode. 19 La V Global Economic Crime Survey 2009 (Survey 2009) è uno studio dedicato sul problema delle frodi nella crisi economica. Tale studio è stato condotto su un campione di oltre 3000 aziende intervistate in 54 paesi. Il risultato che emerge è che la criminalità economico-finanziaria rappresenta un rischio cruciale e generalizzato per le aziende, a prescindere dal settore di appartenenza e dal paese di provenienza. 20 PricewaterhouseCoopers è un Network Internazionale specializzato nella consulenza alle imprese in materia fiscale, di revisione di bilancio, di outsourcing contabile e legale. La società odierna è il risultato della fusione tra la Pricewaterhouse e la Coopers & Lybrand avvenuta nel Con un fatturato a livello mondiale di oltre 22 miliardi di dollari nel 2007 PwC si è confermata la maggiore tra le quattro grandi società che si spartiscono la gran parte del mercato; le altre tre big sono Ernst & Young, Deloitte & Touche e KPMG. 25

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli