ESAMI DI STATO a.s.2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO a.s.2011/2012"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 2768C/29d del 15/05/2012 n esp.albo 536 del 15/5/2012 ESAMI DI STATO a.s.2011/2012 Documento del Consiglio di Classe 5F Corso diurno Diploma di TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE 1

2 INDICE IL CONSIGLIO DI CLASSE. Pag. 3 ELENCO DEI CANDIDATI CON L INDICAZIONE SULLA TESINA/PERCORSO.. Pag. 4 PROFILO PROFESSIONALE: COMPETENZE PROFESSIONALI E OBIETTIVI TRASVERSALI. Pag. 5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Pag. 6 CONTENUTI DISCIPLINARI: ITALIANO. STORIA. MATEMATICA. ECONOMIA AZIENDALE/APPLICAZIONI GESTIONALI.. DIRITTO ED ECONOMIA INGLESE FRANCESE.. TEDESCO. SPAGNOLO. EDUCAZIONE FISICA I.R.C. Pag. 9 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 12 Pag. 14 Pag. 18 Pag. 20 Pag. 23 Pag. 24 Pag. 25 Pag. 26 ESPERIENZA DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO.. Pag. 27 CRITERI DI VALUTAZIONE PRESENTI NEL P.O.F. Pag. 29 MODALITA DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Pag. 30 STRUMENTI DI LAVORO. Pag. 31 STRUMENTI DI VERIFICA Pag. 31 ATTIVITA INTEGRATIVE ED EXTRACURRICOLARI. Pag. 32 SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME. PRIMA SIMULAZIONE TERZA PROVA-RISPOSTA SINGOLA SECONDA SIMULAZIONE TERZA PROVA-RISPOSTA SINGOLA Pag. 33 Pag. 34 Pag. 41 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA VERIFICHE SCRITTE Pag. 49 GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA VERIFICHE SCRITTE Pag. 53 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA VERIFICHE SCRITTE-RISPOSTA SINGOLA. Pag. 54 PROPOSTA GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL COLLOQUIO Pag. 55 2

3 IL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI FIRME ITALIANO - STORIA MATEMATICA Prof.ssa MARTELLA TIZIANA Prof.ssa GALANTE ANNA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO ED ECONOMIA INGLESE Prof.ssa BARBIZZI MARA Prof.ssa COSTANTINI LUCIA ORNELLA Prof.ssa MONTINO ANNA APPLICAZIONI GESTIONALI FRANCESE Prof.ssa RACANELLI ELISABETTA Prof.ssa RUSCIO ANTONELLA TEDESCO Prof.ssa SERATI MARINA EDUCAZIONE FISICA I.R.C. Prof.ssa GESMUNDO ELISABETTA Prof.ssa MANGANINI CRISTINA SOSTEGNO AREA UMANISTICA - LINGUISTICA Prof.ssa DELL ANNA MELLO ROSARIA IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF. LUCA FRANCO AZZOLLINI 3

4 ELENCO DEI CANDIDATI CON L INDICAZIONE SULLA TESINA/PERCORSO CANDIDATI TESINA/PERCORSO TEMATICO 1. AGGIATO SAMANTHA UN ESAME ECO-SOSTENIBILE 2. ARENA MATTIA LA GLOBALIZZAZIONE 3. BONINA TOMAS ATTENTATO DELLE TORRI GEMELLE 4. BORDIGA RICCARDO IL BUSINESS NEL CALCIO 5. BORRIELLO SIMONE IL MONDO DEL LAVORO 6. BOTTERI CHIARA IL POTERE DEI MASS MEDIA 7. COPPOLA GIADA LE SOCIETA 8. CUKAJ EMANUELA E-COMMERCE: TUTTO A PORTATA DI UN CLICK! 9. DELEO MATTIA VENI, VIDI VINCI! 10. DINICOLA SAMANTHA IL RUOLO DELLA DONNA 11. DOSSOU ORNELLA WORK IN PROGRESS 12. FUCCIO ANDREA L EVOLUZIONE DELLA STORIA AMERICANA 13. GOGLIA FRANCESCA L ABORTO 14. HABTESELLASE THOMAS GANDHI E MARTIN LUTHER KING 15. MADRASSI VALENTINA APPARENZA E REALTÀ 16. MUZZI SILVIA LA RINASCENTE 17. PERUZZOTTI CRISTINA TELETHON, UN PROGETTO PER LA RICERCA 18. SAMMARCO LAURA LA BANCA 19. SCAROLA ROSA IL LAVORO: RISORSE UMANE 20. SCHIFANO MARIA IL FASCISMO 21. SGARLATO ROSANNA INDUSTRIA DELLA COCA-COLA 22. SGARRO ANTONINO ADOZIONE: BILANCIO TRA AMORE E ODIO 23. SPAGNOLO ERIKA LA DANZA: UN PERCORSO IN PUNTA DI PIEDI 4

5 PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Il TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE possiede competenze polivalenti e flessibili derivanti da interventi formativi finalizzati allo sviluppo di un ampia cultura di base, di senso critico, di abilità logico-espressive, di doti di disponibilità e di flessibilità che gli consentono di essere elemento attivo e consapevole nel sistema aziendale. COMPETENZE PROFESSIONALI A. IN TERMINI DI CONOSCENZA: Un approfondita conoscenza delle varie aree organizzative aziendali La conoscenza scritta e parlata di due lingue straniere La conoscenza degli aspetti patrimoniali, economici e finanziari della gestione aziendale La conoscenza delle dinamiche relative alla programmazione dell'attività aziendale e del controllo di gestione La conoscenza del processo di formazione, revisione e riclassificazione di un bilancio aziendale La conoscenza dei principali strumenti di legge che regolano il mercato del lavoro. B. IN TERMINI DI CAPACITA', COMPETENZE E COMPORTAMENTI: La capacità di percepire problemi, controllare situazioni complesse ed individuare soluzioni La capacità di reperire informazioni e strumenti per risolvere problemi Sa comunicare ed operare anche con strumenti informatici, collaborando alla gestione del sistema informatico-contabile aziendale Sa utilizzare metodi e strumenti organizzativi Sa dialogare con soggetti posti ai vari livelli gerarchici, funzionali e di progetto, collaborando per proporre obiettivi, programmare e controllare i risultati economicofinanziari Sa collaborare con le funzioni interessate nella preparazione e interpretazione del budget Assicura alle funzioni interessate la tempestiva segnalazione degli scostamenti significativi di budget. OBIETTIVI TRASVERSALI A. DIDATTICI Saper comunicare efficacemente utilizzando i codici linguistici appropriati di ciascuna disciplina Acquisire capacità di confronto e relazione con realtà culturali e sociali diverse dalla propria Saper elaborare ed esporre autonomamente dei contenuti Saper analizzare e sintetizzare con apporto di contributi personali Sviluppare capacità critiche. B. FORMATIVI Partecipare attivamente al lavoro didattico Saper lavorare in modo autonomo Frequentare con regolarità Sapersi relazionare con gli altri Rispettare i regolamenti dell Istituto 5

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe 5^ F Az si è formata, quest anno, dalla fusione dalle ex 4 E az e ex 4 H az dello scorso a.s. per un totale di 23 studenti, in quanto, dal 19 marzo scorso, una studentessa è passata al corso aziendale serale. Il percorso della classe negli anni è stato caratterizzato da cambiamenti e discontinuità sia relativamente alla componente docenti sia a quella studenti. In particolare, mentre per la ex 4^E per l intero quinquennio è stato possibile assicurare una certa continuità didattico metodologica per la maggior parte delle discipline, per il gruppo di studenti provenienti dalla 4^H, il percorso didattico è stato caratterizzato da numerosi avvicendamenti nel corpo docente durante l intero ciclo di studi ed inoltre, nel primo triennio, ha seguito il Corso IeFP Operatore Commerciale Addetto alle Vendite con una programmazione riferita agli Obiettivi Specifici di Apprendimento della Regione Lombardia che differisce anche sostanzialmente da quella seguita dal resto della classe. Ciò ha comportato la necessità di porre in essere strumenti compensativi per cercare di omogeneizzare il livello di preparazione dell intero gruppo. Tutti i docenti, infatti, hanno effettuato attività di recupero in itinere durante l intero anno scolastico per colmare le lacune pregresse ed evidenziatesi nel corso dell anno. Nella prima parte dell anno è stato attuato un corso di recupero pomeridiano in Economia Aziendale finalizzato alla trattazione di alcuni argomenti, propedeutici e assolutamente necessari al regolare svolgimento della programmazione di tale disciplina in una classe quinta. Il presente anno scolastico è stato caratterizzato, in particolar modo, dall avvicendarsi dei docenti di Economia Aziendale e di Tedesco, fatto questo che ha pesato sul normale svolgimento di un anno particolarmente impegnativo. Una studentessa, pur avendo nel piano di studi come seconda lingua straniera lo Spagnolo, nella prima parte dell anno non è stata valutata in tale disciplina per mancanza di docenza e, nel secondo quadrimestre ha seguito in Istituto lezioni pomeridiane e svolgerà gli esami di Spagnolo da privatista entro il termine dell a.s. Le relazioni docenti-studenti, nel complesso, sono state impostate sulla base della correttezza e del rispetto anche se alcuni atteggiamenti, quali il comportamento non irreprensibile durante le lezioni da parte di alcuni ragazzi o una scarsa partecipazione, hanno condizionato negativamente, a volte, il dialogo educativo. 6

7 Relativamente al comportamento, infatti, c è da rilevare che un gruppo di studenti, fortunatamente non molto numeroso, mostra scarsa attenzione e partecipazione discontinua alle attività proposte in aula, impegno altalenante nello studio individuale e poco rispetto per le consegne. Talvolta l eccessiva esuberanza e demotivazione di alcuni è stata elemento di dispersione per quanto riguarda l attenzione alle lezioni e la partecipazione all attività didattica, che infatti non sempre sono state adeguate in tutte le discipline. Spesso i docenti sono stati costretti a continui richiami per evitare che tali studenti disturbassero il clima di attenzione che le attività didattiche richiedevano. La tutor e i docenti del CdC sono più volte intervenuti in proposito, con interventi individuali e/o rivolti all intero gruppo classe ma, purtroppo, con esiti non del tutto modificati in positivo. Da rilevare, inoltre, le numerose assenze e ritardi, soprattutto nelle prime ore di lezione, fatti dal gruppo di studenti in questione. Per questi, quindi, la preparazione risulta a volte frammentaria e lacunosa a causa di un interesse limitato e di un applicazione saltuaria nello studio. I recuperi didattici attivati secondo quadrimestre hanno consentito di colmare le lacune e consolidare la preparazione che rimane, tuttavia, talvolta ancora di tipo mnemonico, mentre il livello di rielaborazione e di approfondimento critico non sono ancora pienamente soddisfacenti. Fortunatamente, il resto del gruppo classe mantiene un atteggiamento corretto in aula, attua un sostanziale rispetto delle consegne, evidenziando, di conseguenza, un livello di preparazione generale più che accettabile. Si distingue, infatti, un gruppo di alunne dotate di buone capacità logico-espressive, che si è impegnato con costanza e determinazione raggiungendo un livello apprezzabile di conoscenze e competenze. I programmi sono stati, seppur semplificati, svolti regolarmente e nel rispetto delle indicazioni ministeriali. Le attività extracurriculari proposte dai docenti sono state sempre accolte con interesse. Tra esse si segnalano: Campus di orientamento Seminario sullo stalking Rappresentazione teatrale di Rossomalpelo Visione del film Terraferma nel 7

8 Incontro-seminario nella Giornata della Memoria Partecipazione di un gruppo di studenti agli incontri sulla Cultura Giapponese, organizzati dall Istituto Partecipazione di un gruppo di studenti ai corsi di preparazione al Delf organizzati dall Istituto Preselezione dei partecipanti al Gran Premio di Matematica Applicata (tutta la classe), organizzata dall Università Cattolica Partecipazione di un gruppo di studenti alle Gare di Matematica per la selezione dei partecipanti ai Campionati internazionali di Giochi Matematici, organizzati dal Pristem dell Università Bocconi Partecipazione, di un gruppo di studenti della ex 4E al progetto di gemellaggio con un liceo di Valbonne, nel sud della Francia Viaggio di istruzione nella città di Berlino, in preparazione del quale hanno visionato il film Le vite degli altri Il gruppo dell ex 4^E, lo scorso a.s. ha preso parte ad un corso di formazione della durata di 12 ore tenuto da esperti della Barclays-Bank, su tematiche riguardanti la concessione di finanziamenti di breve e medio-lungo termine. La classe ha seguito le lezioni disciplinari di Inglese anche con l ausilio di un insegnante di madrelingua dal , mentre il gruppo di Francese dal entrambe fino al termine del mese di aprile. L attività di alternanza scuola-lavoro, prevista nel piano di studi del quarto anno, si è svolta prevalentemente presso studi commercialistici o Enti pubblici e ha visto gli studenti applicarsi con regolarità e serietà, ottenendo risultati anche soddisfacenti. Nella classe sono presenti un allieva DVA, che segue una programmazione differenziata e che è valutata solo nelle discipline di Italiano, Storia, Diritto, Matematica e Inglese ed un allieva DSA per la quale sono state adottate le misure compensative e dispensative previste dalla normativa vigente. 8

9 CONTENUTI DISCIPLINARI PROGRAMMA DI ITALIANO 5F a.s Prof.ssa Tiziana Martella TESTO ADOTTATO: PAOLO DI SACCO, Mappe di Letteratura, vol. 1, il SETTECENTO E l OTTOCENTO, e vol2, IL NOVECENTO. Ed. Scolastiche B MONDADORI, 2008, MILANO L età del Realismo. Positivismo e Naturalismo francese. Il romanzo verista: caratteri generali. G. Verga: vita, opere, narrativa. Letture: LA LUPA CAVALLERIA RUSTICANA, ROSSO MALPELO ( a teatro ) Simbolismo francese ed Estetismo inglese: caratteri generali. Oscar Wilde: lettura integrale di: IL RITRATTO DI DORIAN GRAY. ( anni precedenti ) Il Decadentismo: caratteri generali. Le Avanguardie del primo Novecento. Il Futurismo: caratteri generali e lettura del MANIFESTO DEL FUTURISMO di Filippo Tommaso Martinetti. Caratteri generali dei Crepuscolari. L Ermetismo: caratteri generali. Gabriele D Annunzio: vita, opere, poetica. ALCYONE : caratteri generali Lettura e commento de LA PIOGGIA NEL PINETO. Giovanni Pascoli: vita, opere, poetica IL FANCIULLINO: lettura parziale e commento MYRICAE: caratteri generali, simbolismo pascoliano. Lettura e commento di: LAVANDARE NOVEMBRE IL LAMPO IL TEMPORALE. CANTI DI CASTELVECCHIO: caratteri generali. Lettura e commento di: LA MIA SERA IL GELSOMINO NOTTURNO. Italo Svevo: vita, opere, narrativa. Concetto di INETTO. Analisi generale dei tre romanzi maggiori e sviluppo del oncetto di malattia. Lettura di alcuni brani tratti da LA COSCIENZA DI ZENO. Luigi Pirandello: vita, opere, poetica. Sviluppo dei concetti di MASCHERA, UMORISMO, con lettura parziale del saggio omonimo. Dal romanzo al teatro. Lettura di brani tratti da SEI PERSNAGGI IN CERCA D AUTORE. Giuseppe Ungaretti: vita, opere, poetica. ALLEGRIA: caratteri generali. Lettura e commento di: I FIUMI SONO UNA CREATURA S.MARTINO DEL CARSO VEGLIA FRATELLI SOLDATI, NATALE. Eugenio Montale: vita, opere, poetica. OSSI DI SEPPIA: caratteri generali. Lettura e commento di MERIGGIARE PALLIDO E ASSORTO SPESSO IL MALE DI VIVERE HO INCONTRATO. LE OCCASIONI: lettura e commento di LA CASA DEI DOGANIERI. XENIA: lettura e commento di HO SCESO LE SCALE MILIONI DI VOLTE... Milano 16 /_04 /2012 9

10 PROGRAMMA DI STORIA 5F a.s Prof.ssa Tiziana Martella TESTO ADOTTATO: R. BALZANI B. BOROCAN, Forum di Storia, NOVECENTO, Ed. B. MONDADORI, MILANO Ripasso ultimi governi della Sinistra storica. L ultimo Ottocento. L età giolittiana: politica interna ed estera di Giovanni Giolitti. Le cause della I GUERRA MONDIALE: motivi pregressi e causa scatenante. Le fasi del conflitto. Le paci dopo il conflitto e il nuovo assetto europeo. La crisi in Europa e in Italia. Il dopoguerra e i problemi emersi. Genesi e sviluppo del Fascismo. Nascita dei principali movimenti sindacali e dei partiti politici italiani. Il BIENNIO ROSSO. Il Fascismo dal 1919 alla marcia su Roma. La crisi della Germania fino all avvento del Nazismo. La crisi del Genesi e sviluppo del Nazismo hitleriano. Hitler. Brevi accenni alla situazione politica della Cina, del Giappone e della Spagna e degli USA negli anni Trenta. La politica espansionistica di Hitler e gli accordi militari prima del nuovo conflitto mondiale. La II GUERRA MONDIALE: genesi, fasi e sviluppo. La Resistenza antifascista e il CLN. La shoah e la politica di sterminio nazista. Conclusione del conflitto e paci. Le conferenze di pace fino all assetto generale dell Europa post bellica. Milano _16 /_04 /

11 MATEMATICA CLASSE 5^ F az a.s Prof.ssa Anna Galante Testo: FORMAZIONE ALL ANALISI Dodero-Baroncini-Manfredi - Ghisetti e Corvi MODULO ARGOMENTI 1- RIPASSO Disequazioni di 1^ e di 2^ grado intere, fratte e sistemi Scomposizioni di un polinomio: quadrato di binomio, differenza di quadrati, raccoglimento a fattor comune totale e parziale, regola di Ruffini Retta: studio e rappresentazione grafica della retta 2 FUNZIONI E DOMINIO Definizioni di funzione, dominio, codominio Calcolo del dominio di una funzione intera, fratta, irrazionale di indice pari, irrazionale di indice dispari e logaritmica 3 - LIMITI Teoremi sui limiti: somma e differenza, prodotto e quoziente Algebra dei limiti: calcolo del limite di una funzione fratta per x x 0 e per x 4 ASINTOTI E INTERSEZIONI ASSI 5 DERIVATE. MASSIMI E MINIMI 6 GRAFICO DI UNA FUNZIONE Classificazione degli asintoti: verticali, orizzontali e obliqui Calcolo degli asintoti verticali, orizzontali e obliqui per funzioni fratte Intersezione di una funzione intera e fratta con gli assi cartesiani Calcolo della derivata prima e seconda di una funzione intera e fratta Calcolo dei massimi e dei minimi di una funzione intera e fratta Rappresentazione grafica di una funzione intera e fratta Studio di funzione e rappresentazione grafica MILANO, 14 aprile 2012 GLI STUDENTI LA DOCENTE Prof.ssa Anna Galante 11

12 ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5^ F az a.s Prof.ssa Mara Barbizzi Testo: Manuale di Economia Aziendale - Classe Quinta Bertoglio Brero MODULO 1: Consolidamento e approfondimento dei contenuti funzionali al lavoro da svolgere nel quinto anno. UD1 UD2 Il fido e i finanziamenti bancari Il prestito obbligazionario MODULO 2: Il fattore lavoro UD1 UD2 UD3 Le forme di tutela del lavoro I contratti collettivi di lavoro La riforma del mercato del lavoro La ricerca di un lavoro Reperimento, selezione, inserimento, addestramento e formazione del personale La remunerazione del personale L amministrazione del personale I rapporti con gli Enti assistenziali e previdenziali e con l amministrazione finanziaria I libri obbligatori La busta paga, i suoi elementi e le relative registrazioni contabili UD4 Lo scioglimento del rapporto di lavoro Il T.F.R. MODULO 3: Il Bilancio di esercizio UD1 Il sistema tributario italiano Il reddito di impresa La determinazione del reddito fiscale L IRPEF L IRAP L IRES Versamenti e dichiarazione unificata 12

13 UD2 UD3 UD4 UD5 Il Bilancio secondo la normativa italiana I principi contabili nazionali ed internazionali I criteri di valutazione Stato Patrimoniale e Conto Economico Il Bilancio in forma abbreviata La Nota Integrativa Il controllo sulla gestione ed il controllo contabile L approvazione del Bilancio La rielaborazione del Bilancio Rielaborazione dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico I margini della struttura patrimoniale L analisi per indici I principali indici economici, patrimoniali, finanziari ed il loro significato MODULO 4: Il controllo budgetario ed i suoi strumenti UD1 UD2 La pianificazione e la programmazione aziendale Piani, programmi e budget Il business plan Il controllo, la gestione dei costi e l evoluzione del controllo dei costi I budget settoriali e generali L analisi degli scostamenti APPLICAZIONI GESTIONALI CLASSE 5^ F az a.s Prof.ssa Elisabetta Racanelli Si fa riferimento alla programmazione di Economia Aziendale Milano 14/04/2012 Gli Studenti LE INSEGNANTI 13

14 Disciplina: DIRITTO-ECONOMIA CLASSE 5^ F az a.s Prof.ssa Lucia Ornella Costantini Testo in adozione: Simone Crocetti Società e cittadini 2 Editore Tramontana CONTENUTI DIRITTO Modulo 3: I contratti tipici e i contratti atipici Vendita e permuta Nozione e caratteri della compravendita Gli elementi del contratto di vendita La vendita di cosa futura, la vendita rateale con riserva di proprietà, la vendita con riserva di gradimento, la vendita con patto di riscatto Le principali obbligazioni delle parti La garanzia per vizi ed evizioni Il contratto di permuta La locazione e i contratti di prestito La locazione in generale Caratteri e requisiti della locazione Gli obblighi del locatore e del conduttore La sublocazione La disciplina speciale della locazione degli immobili urbani L affitto I contratti di prestito Il contratto di lavoro subordinato I diversi rapporti di lavoro Le fonti contrattuali del rapporto di lavoro subordinato La costituzione del rapporto I soggetti del rapporto di lavoro Obblighi e diritti del lavoratore Obblighi e poteri del datore di lavoro La sospensione del rapporto di lavoro La cessazione del rapporto di lavoro L assicurazione Nozione, funzione e tipi di assicurazione I soggetti del rapporto assicurativo Caratteri ed elementi del contratto di assicurazione Il rischio Il premio L assicurazione contro i danni; l assicurazione della responsabilità civile; l assicurazione sulla vita 14

15 L assicurazione contro gli infortuni La riassicurazione I contratti di banca Operazioni e contratti bancari Il deposito bancario L apertura di credito bancario Lo sconto bancario Il conto corrente bancario La tutela dei risparmiatori I contratti per la distribuzione dei prodotti e per la produzione di beni e di servizi Il concetto di distribuzione Il contratto di mandato Il contratto estimatorio e il contratto di somministrazione Il contratto di trasporto, il contratto di deposito Il franchising Modulo 4: I contratti atipici Il leasing Contratti tipici e atipici Il leasing: finanziario e operativo Il factoring Modulo 7: I titoli di credito I titoli di credito in generale Nozione e funzione dei titoli di credito Caratteri dei titoli di credito Documenti di legittimazione e titoli impropri L astrattezza dei titoli di credito e il regime delle eccezioni La circolazione dei titoli di credito L ammortamento dei titoli di credito La classificazione dei titoli di credito Le cambiali Nozione, funzione e tipi di cambiale La cambiale-tratta Il vaglia cambiario I requisiti della cambiale La girata della cambiale L accettazione della cambiale L avallo Il pagamento della cambiale Il mancato pagamento della cambiale. Le azioni 15

16 Gli assegni Gli assegni L assegno bancario L assegno circolare ECONOMIA Modulo 9: Le banche e le Borse Le banche Il credito e le banche Le operazioni bancarie e interessi Il TUR (Tasso ufficiale di riferimento) La liquidità bancaria Le caratteristiche del sistema bancario italiano La Banca d Italia Gli strumenti della politica monetaria e creditizia Il sistema finanziario e la Borsa valori Il mercato finanziario Il ruolo della Borsa valori nel sistema economico La riforma del mercato finanziario italiano Gli intermediari di Borsa Gli strumenti finanziari I servizi di investimento La Borsa valori: un mercato privatizzato Le quotazioni dei titoli L ammissione dei titoli in Borsa Gli operatori di Borsa La gestione collettiva dei patrimoni mobiliari Modulo 10: I rapporti economici internazionali Le relazioni economiche tra Stati Le caratteristiche del commercio internazionale Le ragioni del commercio internazionale I vantaggi e gli inconvenienti del commercio internazionale La politica commerciale La politica protezionistica Gli strumenti del protezionismo La politica liberistica Il commercio internazionale e la globalizzazione Le organizzazioni economiche internazionali La cooperazione economica internazionale 16

17 La WTO Il G8 Il processo di integrazione europea Gli atti e gli organi dell Unione Europea La bilancia dei pagamenti Cenni Modulo 11: Lo sviluppo economico e le sue problematiche Crescita economica e sviluppo La ricchezza di un Paese: prodotto e reddito nazionale La dimensione temporale dello sviluppo economico Crescita e sviluppo Gli strumenti di misurazione dello sviluppo I fattori che determinano la crescita economica L accumulazione del capitale Il progresso tecnologico I cicli economici e i problemi legati allo sviluppo Le fluttuazioni cicliche Le cause dell andamento del ciclo La politica economica anticiclica Le problematiche dello sviluppo dei sistemi economici industrializzati Gli squilibri del sistema I limiti dello sviluppo: la questione ecologica Lo sviluppo sostenibile Paesi sviluppati e Paesi sottosviluppati Le cause del sottosviluppo Il problema dell indebitamento Milano, 20/04/2012 Gli studenti L insegnante Prof.ssa Lucia Ornella Costantini 17

18 INGLESE CLASSE 5^ F az a.s Prof.ssa Anna Montino TESTO IN ADOZIONE: Online for business - Longman Edizioni CONTENUTI Revisione grammaticale di strutture e di funzioni linguistiche Present, Past, Future, Conditionals, Passive BUSINESS COMMUNICATION Business Letters review Offers and Replies Enquiries and Replies Making enquiries in writing Internet enquiries Planning the reply to a written enquiry Orders and Replies An online order form Making orders in writing Responding to orders, giving confirmation Complaints and Replies Making complaints in writing Responding to complaints Reminders and Replies Writing a letter of reminder Responding to a letter of reminder Job Applications Finding a job Job advertisements Making an application The CV and The Covering letter The job interview BUSINESS THEORY How business is organised Companies: Multinationals Positive and negative aspects for the host country Franchising Papa John s Pizza franchise Multinationals: more harms than good? Nike* Ethical Trading: The Body Shop* Import-export: a general overview International organizations for global trade Globalisation : the pros and cons What is anti-globalisation? 18

19 Marketing What marketing is about The marketing mix: Product, Price, Promotion, Place Advertising Media Spamming Is Spamming Here to Stay? Generation Y: how to capture their hearts and dollars THE CULTURAL CONTEXT The Crown, Parliament and Government, Political Parties Brits united by Royal Wedding, from The Sun, May 2011 (photocopy) British economy LITERATURE Aestheticism - Oscar Wilde: biography The Portrait of Dorian Gray: summary, The Preface* James Joyce: biography Dubliners: summary Eveline, portrait of a young lady* Legenda: * materiale da altro testo Milano / /2012 Gli studenti L INSEGNANTE 19

20 FRANCESE CLASSE 5^ F az a.s Ripasso : Prof.ssa Antonella Ruscio Testo : D.Traina Commerce.fr La communication commerciale - Minerva Italica Grammaire : Testo : P.Vietri Fiches de Grammaire Edisco Grammaire : - Le Futur et le Conditionnel des verbes réguliers, irréguliers et leur emploi. Correspondance commerciale : - La lettre commerciale (les éléments principaux d une lettre commerciale) : la lettre de réponse à une demande de renseignements ; la commande de la marchandise, sa modification ou son annulation - Dossier technique 2 : la vente. Module 9 Rechercher du personnel ou chercher un emploi - La demande et l offre d emploi : l annonce, le recrutement du personnel et la recherche de l emploi. - Offres et demandes d emploi - Lettre de démission - Offre d emploi et lettre de candidature - Le C.V. éuropéen - Acceptation de candidature - Lettre de motivation - Candidature refusée - Candidature spontanée Module 10 - Informer le personnel et la clientèle de l entreprise - La communication de l entreprise avec le personnel et avec la clientèle. La communication interne et la communication externe - Convocation des directeurs de l entreprise - Note de service aux directeurs - Remboursement des frais de déplacement - Changement de modèle - Invitation à une inauguration / à un salon - Nouveaux services - Changement de nom - Hausse de prix - Changement de personnel Module 11 Promouvoir les ventes - La publicité de l entreprise ( le publipostage, l annonce presse et le prospectus) - Lettre publicitaire commentée - Offre promotionnelle - Offre d abonnement à des conditions privilégiées - Rélance d offre 20

21 - Le dépliant - Offre de produits financièrs Module 14 : Exporter - L export : les partenaire, les services bancaires et les services des tranporteurs. - Ouverture d un compte à la banque ( esercizio di ascolto e comprensione) - Possibilité de financement ( esercizio di ascolto e comprensione ) - Offre de conditions de la banque - Réponse à une demande de prêt - Expédition de conteneur (esercizio di ascolto e comprensione Dossier Technique 3 : L action commerciale La communication publicitaire - Les éléments du système de communication : la communication commerciale et les moyens de communication. - De la publicité à la communication globale de l entreprise : la publicité, la communication globale,les cibles stratégiques,les acteurs du marché publicitaire,les principaux moyens de communication ( parrainage, mécénat, relations, publicité sur le lieu de vente, foires et salons) - Les étapes d une campagne publicitaire : les objectifs publicitaires, la cible,les médias et les supports de l action publicitaire, stratégie de création publicitaire, le plan de campagne, le contrôle de l action. - La mercatique directe : les supports utilisés, les objectifs de la mercatique directe, les avantages majeurs de la mercatique directe, la transmission des messages, les supports de la mercatique directe ( le publipostage et les autres supports) Dossier Technique 4 : La distribution - La distribution : ses rôles. Le commerce de gros et le commerce de détail. - Le circuit direct : la vente à domicile, la vente par correspondance,la télédistribution, le téléachat, le commerce électronique, le magasin d usine et la vente en distributeurs automatiques. - Les principales formes de distribution : le commerce indépendant de détail et de gros. Le commerce intégré de type capitaliste ( les grands magasins, les magasins populaires, les magasins à succursales multiples, les sociétés de vente par correspondance, les grandes et moyennes surfaces, les centrales d achat et supercentrales) et le commerce associé ( le groupement d achat et de détaillants, les centres commerciaux, les centres de magasins d usines, les chaînes volontaires, la franchise) - La force de vente ( vendeurs salariés et non salariés) Dossier Technique 5 : L internationalisation - Définition d internationalisation - Les avantages - Les risques : les risques traditionnels, les riques nouveaux et les risques de contrefaçon. - Les organismes d aide à l exportation - De l exportation à la multinationalisation : la stratégie d intermédiation, d implantation et 21

22 la multinationalisation. - La phase de prospection ( la participation à un salon, la mission de prospection et la prospection sans déplacement et l invitation en France d acheteurs étrangers) - La phase logistique de l internationalisation - Le cadre du transport international ( la présentation du transport, les auxliaires de transport et les solutions de transport) - Les modes de transport - Le transport par route - Le transport par mer - Le tranport par air - Le transport ferroviaire - La protection de l expédition : l assurance transport de marchandises. - Les concepts douaniers : le rôle de la douane, les régimes douaniers, la politique douanière intracommunitaire. - Les incotermes Un partenaire, la Banque - Les paiements internationaux : les moyens de paiement simples et les moyens de paiements documentaires ( accenni) - Les modes de financement.l affacturage et le forfaitage ; le crédit fournisseur et le crédit acheteur ; le crédit-bail international ( accenni) - Garantie d exportation et assistance financière : l assurance crédit et la coface ( accenni). Civilisation - Testo : D.Traina «Civilisation.fr» Minerva Italica Institutions et administration : le pouvoir exécutif et législatif.l administration locale. La Vème République ( fotocopie) BRANI : tratti da D.Traina Commerce.fr La communication commerciale - Minerva Italica Pag.144 Chère publicité Pag.145 Mulhouse la fin du fromage suisse Pag.164 «Le bon coup de Kelkoo» Pag.165 «Les 4 x 4 gardent la cote» Pag «La recherche fait pousser l industrie» Pag. 209 «Seb comment battre les Chinois» tratti da : D.Traina Civilisation. fr Minerva Italica - Pag. 160 / 161 «Le commerce extérieur français» Pag 162 / 163 «Les atouts en chiffres» Milano, / /2012 La Docente Gli Studenti 22

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Usate un solo foglio risposta per ogni esercizio; per ognuno deve essere riportata una sola soluzione, pena

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli