ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Documento predisposto dal consiglio della classe 5 a periti aziendali corrispondenti lingue estere Contenuto: Elenco dei candidati Scheda informativa generale Schede informative analitiche relative alle seguenti materie dell'ultimo anno di corso: LINGUA E LETTERATURA 1. ITALIANA 2. STORIA 3. PRIMA LINGUA INGLESE 4. SECONDA LINGUA FRANCESE 5. SECONDA LINGUA SPAGNOLO 6. RELIGIONE CATTOLICA GEOGRAFIA GENERALE ED 7. ECONOMICA 8. TECNICA AZIENDALE 9. TRATTAMENTO TESTI EDUCAZIONE FISICA MATEMATICA APPLICATA DIRITTO PUBBLICO E SCIENZA DELLE FINANZE CONVERSAZIONE SPAGNOLO CONVERSAZIONE INGLESE CONVERSAZIONE FRANCESE Scheda informativa generale sulla programmazione della terza prova e sulle prove svolte durante l'anno scolastico: 1. Criteri seguiti per la progettazione delle terze prove 2. Informazioni relative alle simulazioni di terza prova svolte durante l'anno 3. Modalità di correzione e griglie di correzione adottate per le terze prove 4. ( questa pagina costituisce il frontespizio del documento del consiglio di classe ) 1

2 Altri documenti: 1. Testo e griglia di correzione della simulazione della prima prova 2. Testo e griglia di correzione della simulazione della seconda prova 3. Testi e griglie di correzione delle simulazioni delle terze prove 4. Schede informative delle diverse discipline Casalecchio di Reno, 15 maggio 2011 Il Dirigente Scolastico (Prof. Carlo Braga) ( questa pagina costituisce il frontespizio del documento del consiglio di classe ) 2

3 3

4 Documento del Consiglio di Classe Quinta A pacle Elenco dei candidati interni Classe: QUINTA A P.A.C.L.E. Anno Scolastico: Numero candidati interni: 20 Numero candidati esterni: Cognome e Nome Provenienza Annotazioni 1. Bergonzi Giada ITC Salvemini 2. Casali Marica ITC Salvemini 3. Castellano Filippo ITC Salvemini 4. D Apice Rita ITC Salvemini 5. Faenza Giacomo ITC Salvemini 6. Fusco Veronica ITC Salvemini 7. Langone Matteo ITC Salvemini 8. Marchesi Erika ITC Salvemini 9. Monari Barbara ITC Salvemini 10. Passuti Valentina ITC Salvemini 11. Pecci Elena ITC Salvemini 12. Petroni Granata Matteo ITC Salvemini 13. Pettazzoni Sofia ITC Salvemini 14. Rizzello Camilla ITC Salvemini 15. Romagnoli Chiara ITC Salvemini 16. Salerno Matteo ITC Salvemini 17. Scaffidi Sofia ITC Salvemini 18. Suriano Francesca ITC Salvemini 19. Vecchi Erika ITC Salvemini 20. Zanna Iara ITC Salvemini

5 Documento del Consiglio di Classe Quinta A pacle Scheda Informativa Generale 1. Docenti del Consiglio di Classe Docente Materia Classe/i Membro Interno (SI/NO) Luca Tiribocchi Materie letterarie NO Monica Brunetti Inglese SI Maria Grazia Micheletti Matematica applicata SI Daniela Guidi Tecnica aziendale NO Valeria Magoni Diritto pubblico - NO scienza delle finanze Andrea Passuti Geografia economica SI Loreta Paris Religione Cattolica NO Renzo Rossi Educazione Fisica NO Giuseppina Maggi Francese SI Laura Rossetti Spagnolo SI Elisa Dini Trattamento testi NO Maya Valdivia Conv. Spagnolo NO Sophie Guise Conv. Francese NO Rita Bigiani Conv. Inglese NO 2. Storia della Classe ( situazione iniziale ed evoluzione nel corso del Triennio ) La classe è composta da 20 studenti, 15 ragazze e 5 ragazzi. Nel corso dei due anni precedenti il gruppo originario ha perso diversi elementi fermati in terza e in quarta, recuperando però altri studenti e studentesse da altri corsi o da altri istituti. Vi è stata continuità d insegnamento dalla terza nelle discipline di Italiano e Storia, Inglese e conversazione inglese, Matematica, Tecnica Aziendale, Trattamento Testi, Religione; il più cospicuo avvicendamento di insegnanti è avvenuto fra le classi quarta e quinta. La classe ha posto problemi disciplinari specialmente nel primo anno del triennio, instaurando con i docenti un rapporto non particolarmente partecipativo sul piano delle discipline: la maggioranza infatti ha partecipato 5

6 al dialogo educativo in modo discontinuo e non particolarmente propositivo. Solo una parte ha messo a frutto le proprie capacità, partecipando con continuità e impegno, conseguendo risultati anche discreti. Altri studenti e studentesse, perché meno sorretti dalle doti di base e/o perché si sono impegnati meno, hanno riportato un grado di profitto nell insieme accettabile. Un terzo gruppo, a causa della scarsità dell'impegno e, in qualche caso, anche di una scarsa attitudine allo studio, ha ottenuto un esito solo modesto e in alcuni casi appena sufficiente. Per quanto riguarda lo svolgimento dei programmi ed il raggiungimento degli obiettivi previsti nelle singole discipline si rimanda alle schede informative delle singole materie. 3. Attività pluridisciplinari svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Non sono state previste specifiche attività pluridisciplinari nel corso dell anno. Gli insegnanti hanno comunque sempre tenuto in considerazione il programma dell ultimo anno nelle diverse discipline, sottolineando o realizzando quando possibile riferimenti e collegamenti anche in considerazione dei percorsi individuali da presentare al colloquio di esame e dello svolgimento del colloquio stesso. 4. Attività di recupero svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Recupero in itinere in tutte le discipline. Studio assistito Corsi di recupero 5. Attività svolte durante l anno scolastico nell area di progetto e obiettivi raggiunti Non prevista dalla normativa 6. Metodi utilizzati durante l attività didattica, utilizzo di laboratori e strumentazioni didattiche Sono stati adottati i seguenti metodi didattici: Lezione frontale Lezione interattiva Lavoro a coppie/gruppi Discussione in classe, con interventi spontanei o sollecitati Sono stati utilizzati i seguenti strumenti: Manuale e/o fotocopie Laboratorio di Informatica Registratore, videoregistratore Proiettore 6

7 7. Criteri di verifica e strumenti di valutazione Strumenti per la verifica Strumenti utilizzati per la verifica formativa: Strumenti utilizzati per la verifica sommativa: Domande flash Rapida sintesi della lezione precedente Esercizi alla lavagna e/o in gruppo e correzione immediata Discussione lavori di gruppo Esposizione orale di un testo Interrogazione lunga Interrogazione breve Tema Prove strutturate/semistrutturate Questionario a domande aperte Relazione Problemi/esercizi Lettura e analisi di testi con questionario relativo ( lingue straniere ) Corrispondenza turistica e commerciale, itinerari ( lingue straniere ) Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale Raggiungimento degli obiettivi minimi disciplinari Metodo di studio Partecipazione all attività didattica Impegno Progresso nell apprendimento Livello della classe 7

8 Criteri per la corrispondenza fra voti e livelli di conoscenza e abilità: (secondo quanto definito nel POF) Livello Gravemen te insufficien te Insufficien te Sufficient e Buono Distinto Ottimo Quando lo studente: Non dà alcuna informazione sull argomento proposto; Non coglie il senso del testo; La comunicazione è incomprensibile. Quando lo studente: Riferisce in modo frammentario; Produce comunicazioni poco chiare; Si avvale di un lessico povero e/o improprio. Quando lo studente: Individua gli elementi essenziali dei problemi affrontati; Espone con semplicità, sufficiente proprietà e correttezza; Si avvale, soprattutto di capacità mnemoniche. Quando lo studente: Coglie la complessità dei problemi affrontati; Sviluppa analisi corrette; Espone con lessico appropriato e corretto. Quando lo studente: Possiede conoscenze complete; Sviluppa abilità applicative e di rielaborazione autonoma; Espone con linguaggio tecnico puntuale. Quando lo studente: Definisce e discute con competenza i termini della problematica; Sviluppa sintesi concettuali organiche ed anche personalizzate; Mostra proprietà, ricchezza e controllo dei mezzi espressivi; Apporta contributi originali. Valutazion e in decimi fino a 4,5 4,5 < voto < 6 6 voto < 7 7 voto < 8 8 voto < 9 9 voto Modalità di gestione del colloquio orale e criteri di valutazione Per lo svolgimento del colloquio vengono individuate le seguenti modalità: Presentazione di un argomento a scelta del candidato o presentazione e discussione di un percorso pluridisciplinare proposto e presentato dal 1 fase: candidato, collegato agli argomenti di studio dell anno in corso, illustrato eventualmente anche attraverso mappe concettuali o materiale documentario di approfondimento, anche in forma multimediale. Esposizione di argomenti di interesse disciplinare e interdisciplinare 2 fase: attinenti al lavoro didattico svolto nell ultimo anno, proposti dai docenti. 3 fase: Discussione delle prove di esame. 8

9 Criteri di valutazione per lo svolgimento del colloquio: Conoscenza dei contenuti Capacità di applicazione delle conoscenze teoriche Capacità di operare collegamenti Capacità di rielaborare Capacità espressive Conoscenza e uso dei linguaggi tecnici specifici 9. Attività integrative ed extracurriculari svolte nell ambito della programmazione attività di orientamento Orientamento dell Università di Bologna Conferenza sul colloquio di lavoro Progetto di Orientamento in uscita. Le iniziative programmate e realizzate sono state le seguenti: - progetto di alternanza scuola-lavoro bando regionale (percorso formativo e stage della durata di 3 settimane) - progetto Unindustria Bologna: visita aziendale LAMBORGHINI - Partecipazione al progetto orientamento e-learning con il centro E-Learning d'ateneo - Partecipazione alle giornate d'orientamento organizzate dall'università di Bologna - Partecipazione al progetto tutti uguali, tutti diversi:nuove generazioni al lavoro-azione ProvincE giovani 2010 promosso dalla Provincia di Bologna in collaborazione con il consorzio Alma Laurea ed il Centro per le transizioni (CETRANS) dell Università di Bologna (metodologia utilizzata percorso Alma Orientati) - Incontri sulle seguenti tematiche: - come affrontare il colloquio di selezione e tecniche di ricerca attiva (docente esperto di comunicazione) - Modalità di accesso al mercato del lavoro (funzionari del Ministero del Lavoro) - Visite guidate ad aziende del territorio viaggio di istruzione visite guidate Si veda programmazioni disciplinari 9

10 incontri nell'ambito del progetto salute altre attività (tirocini estivi, laboratori, stage all'estero, ecc.) Prevenzione oncologica 10

11 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa Generale relativa alle simulazioni 1. Simulazioni delle prime due prove d'esame data di svolgimento tempo di svolgimento Simulazione delle prima 13 aprile ORE prova Simulazione delle seconda prova 4 maggio ORE 2. Criteri seguiti per la progettazione delle simulazioni di terza prova La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno di studi. Il Consiglio di Classe tuttavia, tenuto conto del curriculum di studi, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella programmazione didattica, ha individuato come oggetto delle 2 simulazioni in preparazione della Terza Prova scritta degli Esami di Stato le seguenti discipline: A. Geografia B. Diritto pubblico - Finanze C. Tecnica aziendale D. Storia E. Lingua straniera Inglese F. Matematica G. Seconda lingua straniera H. I. J. 3. Informazione relative alla simulazione di terza prova svolte durante l anno Durante l anno scolastico, in coerenza con quanto sopraindicato, sono state effettuate 2 simulazioni di Terza Prova i cui testi vengono allegati a titolo esemplificativo. 11

12 Simulazione n 1 Data di Tempo svolgimen Assegnat to o 24/02/ ore Materie coinvolte nella prova Tipologie di verifica B Lingua straniera 1 Brevi risposte aperte 2 Geografia Brevi risposte aperte 2 Storia Brevi risposte aperte 3 Matematica Brevi risposte aperte 3 N quesiti per materia Simulazione n 2 Data di svolgimen to 18/04/2011 Tempo Assegnat o 4 ore Materie coinvolte nella prova Tipologie di verifica B Diritto-Finanze Brevi risposte aperte 3 Seconda lingua str. Brevi risposte aperte 2 Storia Brevi risposte aperte 2 Tecnica aziendale Brevi risposte aperte 3 N quesiti per materia 4. Modalità di correzione e criteri di valutazione adottati per le prove Si rimanda alla griglia allegata. Considerazioni sull'esito delle simulazioni Le simulazioni della terza prova hanno evidenziato una sostanziale continuità con l andamento medio della classe e di ciascun discente: in alcuni casi è stata ottenuta una valutazione più bassa dell andamento medio, soprattutto nella prima simulazione. Non sono stati raggiunti livelli di ottimo (14) e di eccellenza (15). 12

13 Il presente documento è condiviso all unanimità dal Consiglio di Classe della 5 A p.a.c.l.e. in tutte le sue parti. Docente Firma Luca Tiribocchi Monica Brunetti Maria Grazia Micheletti Daniela Guidi Valeria Magoni Elisa Dini Loreta Paris Renzo Rossi Giuseppina Maggi Laura Rossetti Rita Bigiani Maya Valdivia Sophie Guise Andrea Passuti Casalecchio, 15 maggio

14 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Italiano Luca Tiribocchi Santagata, Casadei Tavoni, Il filo rosso 3 Laterza 1. Argomenti svolti nell anno Il Positivismo: il naturalismo francese e il verismo italiano, affinità e differenze; le poetiche del naturalismo e del decadentismo. La prosa narrativa del secondo Ottocento: GIOVANNI VERGA ed il Verismo; le tecniche della prosa verista: l eclisse dell autore; personaggi e situazioni della prosa verghiana; il Sud d Italia e la prospettiva verista. GIOVANNI PASCOLI: fra vita e mito; la formazione ed il peso della memoria; la poetica del fanciullino; il simbolismo pascoliano. GABRIELE D'ANNUNZIO: vita nel mito; la poetica di un poligrafo imaginifico. LA CULTURA FRA I DUE SECOLI: la crisi del soggetto; l'inconscio; l opera di ITALO SVEVO; La coscienza di Zeno, la novità del romanzo. LUIGI PIRANDELLO: la vita e la personalità; un grande innovatore; la cultura e la poetica; il teatro. FEDERIGO TOZZI LE POETICHE DEL NOVECENTO: poesia della realtà, poesia analogica, la poetica dell oggetto. GIUSEPPE UNGARETTI: la tecnica analogica ne l'allegria; la parola franta. UMBERTO SABA, la poesia delle piccole cose. EUGENIO MONTALE: la poesia del male di vivere ; la tecnica dell emblema oggettivo. LA NARRATIVA DEL NOVECENTO: MORAVIA, GADDA, FENOGLIO Letture: G. Verga I Malavoglia; brani in antologia; Rosso Malpelo.; G. Pascoli: Arano, Lavandare, Novembre, Nebbia, Il gelsomino notturno, La mia sera, Digitale purpurea, E dentro di noi un fanciullino; G. D Annunzio: Da Il piacere Miti elitari, il Verso è tutto ; La sera fiesolana, La pioggia nel pineto; L. Pirandello letture antologiche da Enrico IV e da Il fu Mattia Pascal, Il sentimento del contrario, La vita e le forme, La carriola, Sei personaggi in cerca d autore; I. Svevo: da La coscienza di Zeno, capp. 2, 7, 8; F. Tozzi: brani in antologia da Con gli occhi chiusi; A. Moravia brani in antologia da Gli indifferenti; C. E. Gadda da Quer pasticciaccio brutto : Don Ciccio indagatore dei fatti o delle anime, la conclusione del giallo; B. Fenoglio: da Il partigiano Johnny, Dopo l 8 settembre, la parola partigiano; U. Saba, Città vecchia, Trieste, A mia moglie, Amai; G. Ungaretti, Veglia, Sono una creatura, San martino del Carso, Fratelli, Soldati, I fiumi; E. Montale, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, La casa dei doganieri, Il sogno del prigioniero. 2. Eventuali altre discipline coinvolte Storia 3. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti 4. Eventuali altri elementi significativi per la redazione della terza prova scritta 14

15 5. Criterio di sufficienza adottato Conoscenze essenziali e superficiali, risposte quasi complete, linguaggio elementare, accettabili capacità di orientamento, obiettivo minimo superato in condizioni normali e combinate d esecuzione, correttezza e diligenza prevalenti. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione Prove pratiche, interrogazioni orali, stesura di elaborati, osservazione diretta 6. Numero delle prove svolte 6 7. Ore assegnate per lo svolgimento delle prove 3 in media 8. Altre indicazioni Non sono state svolte simulazioni per la terza prova 15

16 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Storia Luca Tiribocchi Fossati Luppi Zanette, Passato presente. Bruno Mondadori documentari storici 9. Argomenti svolti nell anno 1)L IMPERIALISMO Il mondo dell imperialismo; le potenze dominanti. 2)L ETA GIOLITTIANA L industrializzazione in Italia, politica e società, verso il conflitto mondiale. 3) LA PRIMA GUERRA MONDIALE Le cause del conflitto, l intervento italiano, il 1917, la fine del conflitto. 4) IL DOPOGUERRA Un nuovo scenario mondiale, i trattati di pace, gli USA, l Europa del dopoguerra, la nascita del totalitarismo comunista. 5) LA NASCITA DEL FASCISMO Il primo dopoguerra, il biennio rosso, partiti e masse, dalle origini alla presa del potere, la costruzione dello stato totalitario, il ruolo di Mussolini. 6) DEMOCRAZIA E TOTALITARISMI La crisi del 29, il New Deal,l Europa fra totalitarismi e democrazie liberali, il nazismo, lo stalinismo, la guerra civile spagnola. 7)LA SECONDA GUERRA MONDIALE Le origini del conflitto, l Italia in guerra, la Shoah, la guerra civile in Italia. 8)IL DOPOGUERRA IN ITALIA Verso la Repubblica, la Costituzione, i partiti di massa, il centrismo, il miracolo economico. 9) LA GUERRA FREDDA La guerra fredda, un mondo bipolare, l Europa occidentale, i paesi comunisti. La questione israelo-palestinese. 10. Eventuali altre discipline coinvolte Italiano, Geografia 16

17 11. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti Visione e discussione di documentari, documenti storici e film. 12. Criterio di sufficienza adottato Conoscenze essenziali e superficiali, risposte quasi complete, linguaggio elementare, accettabili capacità di orientamento, obiettivo minimo superato in condizioni normali e combinate d esecuzione, correttezza e diligenza prevalenti. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione Prove pratiche, interrogazioni orali, stesura di elaborati. Risposte brevi a domande aperte nella simulazione della terza prova. 13. Numero delle prove svolte Ore assegnate per lo svolgimento delle prove Un ora in media 17

18 Documento del Consiglio di Classe V APacle Scheda informativa relativa alle materie dell'ultimo anno di corso Materia DIRITTO PUBBLICO- SCIENZA DELLE FINANZE Libro di testo adottato (diritto): Bobbio Gliozzi Lenti Diritto pubblico Ed. Scuola & Azienda Altri testi utilizzati: Costituzione Italiana Docente Valeria Magoni 1. Argomenti svolti nell'anno (diritto): LO STATO Lo Stato e la società: Le caratteristiche dello Stato moderno L apparato statale Il potere politico Le limitazioni della sovranità Il territorio. Il popolo. Stato e nazione Le forme di Stato L ordinamento internazionale Le relazioni internazionali Le fonti del diritto internazionale: la consuetudine e i trattati L ONU La repubblica italiana e l ordinamento internazionale: i principi costituzionali La globalizzazione e il destino degli stati nazionali L Unione Europea Caratteri generali Le tappe dell integrazione europea L organizzazione Le leggi europee Le competenze Le politiche comuni Il futuro dell Unione Europea Le vicende costituzionali dello stato italiano La proclamazione della Repubblica e l Assemblea Costituente 18

19 La Costituzione della Repubblica Italiana La Costituzione (approfondimento pag. 371) I diritti e i doveri dei cittadini Libertà e uguaglianza I diritti inviolabili dell uomo (art.2 Cost) Il principio di uguaglianza (art.3) La tutela della libertà: riserva di legge e di giurisdizione La libertà personale La libertà di domicilio, di corrispondenza e di circolazione La libertà di riunione e di associazione La libertà di manifestazione del pensiero La libertà religiosa I rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose La Costituzione e l economia I rapporti etico-sociali: la famiglia, la salute l istruzione I doveri dei cittadini I partiti politici I partiti politici negli stati contemporanei I partiti politici nella Costituzione Il finanziamento pubblico dei partiti Il sistema di partiti Le elezioni e le altre forme di partecipazione democratica La democrazia nel sistema costituzionale italiano Il corpo elettorale e il voto I sistemi elettorali Il referendum abrogativo Forme di governo: Le forme di governo nello stato democratico. La forma di governo presidenziale e semipresidenziale La forma di governo parlamentare. Il Parlamento: La Camera e il Senato Il Parlamento in seduta comune I parlamentari 19

20 Organizzazione e funzionamento La durata delle Camere e il loro scioglimento anticipato Le funzioni del Parlamento Il procedimento legislativo Le leggi costituzionali Il Governo Il Governo nel sistema politico e costituzionale I governi in Italia La composizione del Governo La formazione del Governo Le crisi di governo La responsabilità politica e la responsabilità penale Le funzioni del Governo I decreti-legge I decreti legislativi I regolamenti Il Presidente della Repubblica Il ruolo del P.d.R. Elezione carica e supplenza La controfirma ministeriale I poteri La responsabilità La Corte Costituzionale: Natura e funzioni Composizione Il giudizio sulle leggi Il giudizio sui conflitti di attribuzione Il giudizio sulle accuse contro il Presidente della Repubblica Il giudizio sull ammissibilità del referendum Il ruolo della Corte Costituzionale in Italia La Magistratura La funzione giurisdizionale I principi generali relativi alla funzione giurisdizionale Magistratura ordinaria e magistrature speciali L indipendenza della magistratura ordinaria Il Consiglio Superiore della Magistratura 20

21 L indipendenza dei singoli giudici L organizzazione della magistratura ordinaria La funzione della Corte di Cassazione L interpretazione della legge La giurisprudenza I problemi della giustizia Materia DIRITTO PUBBLICO- SCIENZA DELLE FINANZE Libro di testo adottato ( scienza F. Poma Corso di finanza pubblica ed. Principato delle finanze): Altri testi utilizzati: Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento (ed. Tramontana) Rosa Maria Vinci Orlando Scienza delle finanze e diritto tributario (ed. Tramontana) Docente Valeria Magoni 1. Argomenti svolti nell'anno: Teoria generale della finanza pubblica e sua evoluzione Settore privato e settore pubblico Gli elementi costitutivi Il ruolo dello Stato nell economia Bisogni e servizi pubblici Gli aspetti giuridici dell economia pubblica Obiettivi e tendenze della finanza pubblica: la finanza neutrale la finanza della riforma sociale la finanza congiunturale la finanza funzionale gli obiettivi della finanza pubblica l aumento tendenziale della spesa pubblica La spesa per la sicurezza sociale ( da: Rosa Maria Vinci Orlando Scienza delle finanze e diritto tributario (ed. Tramontana) I sistemi di sicurezza sociale Previdenza e assistenza: fonti di finanziamento Le politiche della spesa e dell entrata Le spese pubbliche: nozione, classificazione 21

22 effetti economici delle spese redistributive, la spesa pubblica in Italia, il controllo di efficienza della spesa pubblica Le entrate pubbliche: nozione, classificazioni, il patrimonio degli enti pubblici prezzi privati, pubblici, politici, imposte, tasse, contributi le entrate parafiscali L imposta in generale L imposta e le sue classificazioni Elementi dell imposta, imposte dirette e indirette imposte reali e imposte personali imposte generali e imposte speciali imposte proporzionali, progressive e regressive tipi di progressività le imposte dirette sul reddito le imposte dirette sul patrimonio le imposte indirette I principi giuridici e amministrativi delle imposte La ripartizione dell onere delle imposte La teoria della capacità contributiva La discriminazione quantitativa e qualitativa dei redditi La pressione fiscale I valori limite della pressione fiscale La curva di Laffer Il drenaggio fiscale Gli effetti economici delle imposte: evasione, erosione, elisione, elusione La politica di bilancio ( da: Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento ed. Tramontana) Il bilancio: funzione e struttura La funzione del bilancio I principi del bilancio 22

23 Profili tecnici del bilancio Teorie sul bilancio Il bilancio dello Stato italiano Principi costituzionali Formazione e approvazione Gli altri documenti: la decisione di finanza pubblica, la legge di stabilità, il bilancio pluriennale, i disegni di legge collegati Le variazioni e l assestamento del bilancio Imposte dirette: IRPEF: caratteri generali, soggetti passivi, schema di funzionamento dell imposta, le categorie di reddito, il reddito imponibile, il calcolo dell imposta Accertamento e riscossione (dal testo: 2012 ( ed. Tramontana) : l accertamento ( Ardolfi -Palmisano ) la dichiarazione dei redditi ( controllo delle dichiarazioni ( Ardolfi- Palmisano ) Ardolfi -Palmisano ) l accertamento in rettifica e l accertamento d ufficio ( Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento Ardolfi- Palmisano ) L imposta comunale sugli immobili (ICI) Caratteri dell imposta Soggetti Determinazione dell imponibile Aliquote e periodo d imposta Versamento 2. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti : Lettura di quotidiani Partecipazione all Incontro con Gherardo Colombo sulla Costituzione (progetto del Comune di Casalecchio Politicamente scorretto ) 3. Eventuali altri elementi significativi per la redazione della terza prova scritta: Nella simulazione si è privilegiata la materia del diritto, che è stata approfondita e verso cui gli studenti hanno manifestato maggiore interesse. 4. Obiettivi inizialmente fissati: 23

24 Obiettivi di conoscenza degli argomenti trattati( conoscenza) e abilità applicative nonchè di sviluppo di autonome capacità di analisi, rielaborazione autonoma, sintesi e collegamento 5. Criterio di sufficienza adottato: conoscenza semplice e generale degli argomenti nelle linee essenziali, applicazione delle conoscenze semplice ma corretta, esposizione semplice e corretta anche se con qualche imprecisione 6. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione: interrogazioni orali, questionari, domande brevi, simulazione terza prova, recupero in itinere. 7. Numero delle prove svolte: cinque nel primo quadrimestre; tre nel secondo (v.punto 9) 8. Ore assegnate per lo svolgimento delle prove: per le interrogazioni lunghe, circa mezz ora per le verifiche scritte, non meno di un ora 9. Altre indicazioni: Lo svolgimento del programma è stato regolare e terminato in concomitanza con il documento di classe (12 maggio), onde dar modo agli studenti di effettuare approfondimenti e ripasso finale nella seconda metà di maggio e fino alla fine dell anno scolastico. Ulteriori verifiche sugli ultimi argomenti verranno effettuate in tale periodo. Casalecchio di Reno, 12 maggio 2011 (prof. Valeria Magoni) 24

25 Prof. Magoni Valeria Materia: Diritto- Scienza delle finanze Candidato:. Simulazione di III PROVA 18 aprile 2011 V^ A Pacle Quesiti a risposta breve (max 15 righe) 1. In che cosa consiste il divieto del mandato imperativo e quali importanti conseguenze discendono da tale principio? 25

26 2. Corte di cassazione e Consiglio Superiore della Magistratura sono organi distinti con funzioni nettamente diverse tra loro: sapresti brevemente descriverle? 3. Dopo avere enunciato il principio della capacità contributiva e i principi tributari conseguenti, analizza in particolare i concetti di discriminazione qualitativa e quantitativa dei redditi 26

27 27

28 Scheda informativa relativa alle materie dell'ultimo anno di corso Materia Docente Libro di testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Inglese Brunetti Monica Bettinelli Backhouse, Gateway to Business English, Lang cd audio allegato al libro di testo, fotocopie, video 1. Struttura del programma annuale e argomenti svolti nell'anno: MODULO N.1 : Recupero e Consolidamento. It's a brave new world. Grammar Revision Applying for a job MODULO N.2 : Selling products Orders Modification and cancellation of orders Reply to orders Means of transport Incoterms MODULO N.3 : Product distribution Complaints Reply to complaints The Invoice MODULO N.4: Money makes the world go round Reminders Reply to reminders Methods of Payment in International Trade MODULO N.5: Texts and their context The War Poets Oscar Wilde Globalisation The 1929 financial crisis MODULO N.6: Revision Business Written Communication Offers and circulars Enquiries Reply to enquiries Sectors of economic activity The channels of distribution Economic systems Marketing and promotion Area tematica 1 : strutture e funzioni grammaticali (modulo 1) Ripasso di struttura e uso di present simple, past simple e continuous, present perfect simple (tutte le forme), future forms, verbi modali, struttura e uso della forma passiva ( tutti i tempi, forma affermativa, negativa, interrogativa), verbi con il doppio accusativo, conditional sentences ( tutti i tipi), imperative, comparison of adjectives and adverbs, relative clauses, linking words and phrases. Area tematica 2 : microlingua ( moduli 1, 2, 3, 4, 6) 28

29 Applying for a job: Cvs and letters of application, unità 9 Business and its economic background: Sectors of economic activity, file1 The channels of distribution, file 1 Economic systems, file 2 Marketing and promotion, file 4 The balance of payment and trade, file 7 Unsolicited Offers and Circulars: letters of offers and circulars, unità 1 e fotocopie Enquiries: letters of enquiry, unità 2 replies to enquiries, unità 2 International trade: Incoterms, file 8 Means of transport, file 8 Payment in foreign trade, file 9 Invoices, Road Consignment Note, Airway Bill, unit 5 Statement of Account, unit 8 Letters of Credit, unit 7 Orders: placing an order, replying to and modifying an order, unità 3 letters to place an order, unità 3 replies to orders, unità 3 modification or cancellation of orders, unità 3 Complaints: dealing with complaints about late delivery and invoicing errors, unità 4 e 7 letters of complaints about late delivery, unità 4 replies to complaints, unità 4 letters of complaint about invoicing errors, unità 7 replies to complaints, unità 7 letters of complaints following the delivery of goods, unità 6 replies to complaints, unità 6 Reminders: reminders and replies to reminders, unit 8 Area tematica 3 : civiltá e letteratura ( modulo 5) Global culture: Trading in the global village, the WTO, transnational corporations, globalisation and anti-globalisation, Fair Trade, file 7 The Wall Street Crash ( fotocopie) Britain at War (W W 1). The War Poets: analisi e commento delle seguenti poesie ( fotocopie) W. Owen, Dulce et Decorum est R.Brooke, The Soldier I.Rosenberg, August 1914 W.B.Yeats, An Irish Airman Foresees His Death S.Sassoon, Glory of Women Oscar Wilde: ( materiale fornito dall'insegnante) The brilliant artist and the dandy A professor of aesthetic Art for art's sake preface to The Picture of Dorian Gray The picture of Dorian Gray: plot and meaning 3. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti: Il primo e il sesto modulo hanno consolidato le competenze già acquisite negli anni precedenti relativamente agli argomenti grammaticali e commerciali indicati. Il recupero si è svolto in itinere con esercizi ed attività di vario tipo. L'approfondimento di alcune tematiche si è completato con la 29

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli