ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Documento predisposto dal consiglio della classe 5 a periti aziendali corrispondenti lingue estere Contenuto: Elenco dei candidati Scheda informativa generale Schede informative analitiche relative alle seguenti materie dell'ultimo anno di corso: LINGUA E LETTERATURA 1. ITALIANA 2. STORIA 3. PRIMA LINGUA INGLESE 4. SECONDA LINGUA FRANCESE 5. SECONDA LINGUA SPAGNOLO 6. RELIGIONE CATTOLICA GEOGRAFIA GENERALE ED 7. ECONOMICA 8. TECNICA AZIENDALE 9. TRATTAMENTO TESTI EDUCAZIONE FISICA MATEMATICA APPLICATA DIRITTO PUBBLICO E SCIENZA DELLE FINANZE CONVERSAZIONE SPAGNOLO CONVERSAZIONE INGLESE CONVERSAZIONE FRANCESE Scheda informativa generale sulla programmazione della terza prova e sulle prove svolte durante l'anno scolastico: 1. Criteri seguiti per la progettazione delle terze prove 2. Informazioni relative alle simulazioni di terza prova svolte durante l'anno 3. Modalità di correzione e griglie di correzione adottate per le terze prove 4. ( questa pagina costituisce il frontespizio del documento del consiglio di classe ) 1

2 Altri documenti: 1. Testo e griglia di correzione della simulazione della prima prova 2. Testo e griglia di correzione della simulazione della seconda prova 3. Testi e griglie di correzione delle simulazioni delle terze prove 4. Schede informative delle diverse discipline Casalecchio di Reno, 15 maggio 2011 Il Dirigente Scolastico (Prof. Carlo Braga) ( questa pagina costituisce il frontespizio del documento del consiglio di classe ) 2

3 3

4 Documento del Consiglio di Classe Quinta A pacle Elenco dei candidati interni Classe: QUINTA A P.A.C.L.E. Anno Scolastico: Numero candidati interni: 20 Numero candidati esterni: Cognome e Nome Provenienza Annotazioni 1. Bergonzi Giada ITC Salvemini 2. Casali Marica ITC Salvemini 3. Castellano Filippo ITC Salvemini 4. D Apice Rita ITC Salvemini 5. Faenza Giacomo ITC Salvemini 6. Fusco Veronica ITC Salvemini 7. Langone Matteo ITC Salvemini 8. Marchesi Erika ITC Salvemini 9. Monari Barbara ITC Salvemini 10. Passuti Valentina ITC Salvemini 11. Pecci Elena ITC Salvemini 12. Petroni Granata Matteo ITC Salvemini 13. Pettazzoni Sofia ITC Salvemini 14. Rizzello Camilla ITC Salvemini 15. Romagnoli Chiara ITC Salvemini 16. Salerno Matteo ITC Salvemini 17. Scaffidi Sofia ITC Salvemini 18. Suriano Francesca ITC Salvemini 19. Vecchi Erika ITC Salvemini 20. Zanna Iara ITC Salvemini

5 Documento del Consiglio di Classe Quinta A pacle Scheda Informativa Generale 1. Docenti del Consiglio di Classe Docente Materia Classe/i Membro Interno (SI/NO) Luca Tiribocchi Materie letterarie NO Monica Brunetti Inglese SI Maria Grazia Micheletti Matematica applicata SI Daniela Guidi Tecnica aziendale NO Valeria Magoni Diritto pubblico - NO scienza delle finanze Andrea Passuti Geografia economica SI Loreta Paris Religione Cattolica NO Renzo Rossi Educazione Fisica NO Giuseppina Maggi Francese SI Laura Rossetti Spagnolo SI Elisa Dini Trattamento testi NO Maya Valdivia Conv. Spagnolo NO Sophie Guise Conv. Francese NO Rita Bigiani Conv. Inglese NO 2. Storia della Classe ( situazione iniziale ed evoluzione nel corso del Triennio ) La classe è composta da 20 studenti, 15 ragazze e 5 ragazzi. Nel corso dei due anni precedenti il gruppo originario ha perso diversi elementi fermati in terza e in quarta, recuperando però altri studenti e studentesse da altri corsi o da altri istituti. Vi è stata continuità d insegnamento dalla terza nelle discipline di Italiano e Storia, Inglese e conversazione inglese, Matematica, Tecnica Aziendale, Trattamento Testi, Religione; il più cospicuo avvicendamento di insegnanti è avvenuto fra le classi quarta e quinta. La classe ha posto problemi disciplinari specialmente nel primo anno del triennio, instaurando con i docenti un rapporto non particolarmente partecipativo sul piano delle discipline: la maggioranza infatti ha partecipato 5

6 al dialogo educativo in modo discontinuo e non particolarmente propositivo. Solo una parte ha messo a frutto le proprie capacità, partecipando con continuità e impegno, conseguendo risultati anche discreti. Altri studenti e studentesse, perché meno sorretti dalle doti di base e/o perché si sono impegnati meno, hanno riportato un grado di profitto nell insieme accettabile. Un terzo gruppo, a causa della scarsità dell'impegno e, in qualche caso, anche di una scarsa attitudine allo studio, ha ottenuto un esito solo modesto e in alcuni casi appena sufficiente. Per quanto riguarda lo svolgimento dei programmi ed il raggiungimento degli obiettivi previsti nelle singole discipline si rimanda alle schede informative delle singole materie. 3. Attività pluridisciplinari svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Non sono state previste specifiche attività pluridisciplinari nel corso dell anno. Gli insegnanti hanno comunque sempre tenuto in considerazione il programma dell ultimo anno nelle diverse discipline, sottolineando o realizzando quando possibile riferimenti e collegamenti anche in considerazione dei percorsi individuali da presentare al colloquio di esame e dello svolgimento del colloquio stesso. 4. Attività di recupero svolte durante l anno in corso e obiettivi raggiunti Recupero in itinere in tutte le discipline. Studio assistito Corsi di recupero 5. Attività svolte durante l anno scolastico nell area di progetto e obiettivi raggiunti Non prevista dalla normativa 6. Metodi utilizzati durante l attività didattica, utilizzo di laboratori e strumentazioni didattiche Sono stati adottati i seguenti metodi didattici: Lezione frontale Lezione interattiva Lavoro a coppie/gruppi Discussione in classe, con interventi spontanei o sollecitati Sono stati utilizzati i seguenti strumenti: Manuale e/o fotocopie Laboratorio di Informatica Registratore, videoregistratore Proiettore 6

7 7. Criteri di verifica e strumenti di valutazione Strumenti per la verifica Strumenti utilizzati per la verifica formativa: Strumenti utilizzati per la verifica sommativa: Domande flash Rapida sintesi della lezione precedente Esercizi alla lavagna e/o in gruppo e correzione immediata Discussione lavori di gruppo Esposizione orale di un testo Interrogazione lunga Interrogazione breve Tema Prove strutturate/semistrutturate Questionario a domande aperte Relazione Problemi/esercizi Lettura e analisi di testi con questionario relativo ( lingue straniere ) Corrispondenza turistica e commerciale, itinerari ( lingue straniere ) Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale Raggiungimento degli obiettivi minimi disciplinari Metodo di studio Partecipazione all attività didattica Impegno Progresso nell apprendimento Livello della classe 7

8 Criteri per la corrispondenza fra voti e livelli di conoscenza e abilità: (secondo quanto definito nel POF) Livello Gravemen te insufficien te Insufficien te Sufficient e Buono Distinto Ottimo Quando lo studente: Non dà alcuna informazione sull argomento proposto; Non coglie il senso del testo; La comunicazione è incomprensibile. Quando lo studente: Riferisce in modo frammentario; Produce comunicazioni poco chiare; Si avvale di un lessico povero e/o improprio. Quando lo studente: Individua gli elementi essenziali dei problemi affrontati; Espone con semplicità, sufficiente proprietà e correttezza; Si avvale, soprattutto di capacità mnemoniche. Quando lo studente: Coglie la complessità dei problemi affrontati; Sviluppa analisi corrette; Espone con lessico appropriato e corretto. Quando lo studente: Possiede conoscenze complete; Sviluppa abilità applicative e di rielaborazione autonoma; Espone con linguaggio tecnico puntuale. Quando lo studente: Definisce e discute con competenza i termini della problematica; Sviluppa sintesi concettuali organiche ed anche personalizzate; Mostra proprietà, ricchezza e controllo dei mezzi espressivi; Apporta contributi originali. Valutazion e in decimi fino a 4,5 4,5 < voto < 6 6 voto < 7 7 voto < 8 8 voto < 9 9 voto Modalità di gestione del colloquio orale e criteri di valutazione Per lo svolgimento del colloquio vengono individuate le seguenti modalità: Presentazione di un argomento a scelta del candidato o presentazione e discussione di un percorso pluridisciplinare proposto e presentato dal 1 fase: candidato, collegato agli argomenti di studio dell anno in corso, illustrato eventualmente anche attraverso mappe concettuali o materiale documentario di approfondimento, anche in forma multimediale. Esposizione di argomenti di interesse disciplinare e interdisciplinare 2 fase: attinenti al lavoro didattico svolto nell ultimo anno, proposti dai docenti. 3 fase: Discussione delle prove di esame. 8

9 Criteri di valutazione per lo svolgimento del colloquio: Conoscenza dei contenuti Capacità di applicazione delle conoscenze teoriche Capacità di operare collegamenti Capacità di rielaborare Capacità espressive Conoscenza e uso dei linguaggi tecnici specifici 9. Attività integrative ed extracurriculari svolte nell ambito della programmazione attività di orientamento Orientamento dell Università di Bologna Conferenza sul colloquio di lavoro Progetto di Orientamento in uscita. Le iniziative programmate e realizzate sono state le seguenti: - progetto di alternanza scuola-lavoro bando regionale (percorso formativo e stage della durata di 3 settimane) - progetto Unindustria Bologna: visita aziendale LAMBORGHINI - Partecipazione al progetto orientamento e-learning con il centro E-Learning d'ateneo - Partecipazione alle giornate d'orientamento organizzate dall'università di Bologna - Partecipazione al progetto tutti uguali, tutti diversi:nuove generazioni al lavoro-azione ProvincE giovani 2010 promosso dalla Provincia di Bologna in collaborazione con il consorzio Alma Laurea ed il Centro per le transizioni (CETRANS) dell Università di Bologna (metodologia utilizzata percorso Alma Orientati) - Incontri sulle seguenti tematiche: - come affrontare il colloquio di selezione e tecniche di ricerca attiva (docente esperto di comunicazione) - Modalità di accesso al mercato del lavoro (funzionari del Ministero del Lavoro) - Visite guidate ad aziende del territorio viaggio di istruzione visite guidate Si veda programmazioni disciplinari 9

10 incontri nell'ambito del progetto salute altre attività (tirocini estivi, laboratori, stage all'estero, ecc.) Prevenzione oncologica 10

11 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa Generale relativa alle simulazioni 1. Simulazioni delle prime due prove d'esame data di svolgimento tempo di svolgimento Simulazione delle prima 13 aprile ORE prova Simulazione delle seconda prova 4 maggio ORE 2. Criteri seguiti per la progettazione delle simulazioni di terza prova La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno di studi. Il Consiglio di Classe tuttavia, tenuto conto del curriculum di studi, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella programmazione didattica, ha individuato come oggetto delle 2 simulazioni in preparazione della Terza Prova scritta degli Esami di Stato le seguenti discipline: A. Geografia B. Diritto pubblico - Finanze C. Tecnica aziendale D. Storia E. Lingua straniera Inglese F. Matematica G. Seconda lingua straniera H. I. J. 3. Informazione relative alla simulazione di terza prova svolte durante l anno Durante l anno scolastico, in coerenza con quanto sopraindicato, sono state effettuate 2 simulazioni di Terza Prova i cui testi vengono allegati a titolo esemplificativo. 11

12 Simulazione n 1 Data di Tempo svolgimen Assegnat to o 24/02/ ore Materie coinvolte nella prova Tipologie di verifica B Lingua straniera 1 Brevi risposte aperte 2 Geografia Brevi risposte aperte 2 Storia Brevi risposte aperte 3 Matematica Brevi risposte aperte 3 N quesiti per materia Simulazione n 2 Data di svolgimen to 18/04/2011 Tempo Assegnat o 4 ore Materie coinvolte nella prova Tipologie di verifica B Diritto-Finanze Brevi risposte aperte 3 Seconda lingua str. Brevi risposte aperte 2 Storia Brevi risposte aperte 2 Tecnica aziendale Brevi risposte aperte 3 N quesiti per materia 4. Modalità di correzione e criteri di valutazione adottati per le prove Si rimanda alla griglia allegata. Considerazioni sull'esito delle simulazioni Le simulazioni della terza prova hanno evidenziato una sostanziale continuità con l andamento medio della classe e di ciascun discente: in alcuni casi è stata ottenuta una valutazione più bassa dell andamento medio, soprattutto nella prima simulazione. Non sono stati raggiunti livelli di ottimo (14) e di eccellenza (15). 12

13 Il presente documento è condiviso all unanimità dal Consiglio di Classe della 5 A p.a.c.l.e. in tutte le sue parti. Docente Firma Luca Tiribocchi Monica Brunetti Maria Grazia Micheletti Daniela Guidi Valeria Magoni Elisa Dini Loreta Paris Renzo Rossi Giuseppina Maggi Laura Rossetti Rita Bigiani Maya Valdivia Sophie Guise Andrea Passuti Casalecchio, 15 maggio

14 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Italiano Luca Tiribocchi Santagata, Casadei Tavoni, Il filo rosso 3 Laterza 1. Argomenti svolti nell anno Il Positivismo: il naturalismo francese e il verismo italiano, affinità e differenze; le poetiche del naturalismo e del decadentismo. La prosa narrativa del secondo Ottocento: GIOVANNI VERGA ed il Verismo; le tecniche della prosa verista: l eclisse dell autore; personaggi e situazioni della prosa verghiana; il Sud d Italia e la prospettiva verista. GIOVANNI PASCOLI: fra vita e mito; la formazione ed il peso della memoria; la poetica del fanciullino; il simbolismo pascoliano. GABRIELE D'ANNUNZIO: vita nel mito; la poetica di un poligrafo imaginifico. LA CULTURA FRA I DUE SECOLI: la crisi del soggetto; l'inconscio; l opera di ITALO SVEVO; La coscienza di Zeno, la novità del romanzo. LUIGI PIRANDELLO: la vita e la personalità; un grande innovatore; la cultura e la poetica; il teatro. FEDERIGO TOZZI LE POETICHE DEL NOVECENTO: poesia della realtà, poesia analogica, la poetica dell oggetto. GIUSEPPE UNGARETTI: la tecnica analogica ne l'allegria; la parola franta. UMBERTO SABA, la poesia delle piccole cose. EUGENIO MONTALE: la poesia del male di vivere ; la tecnica dell emblema oggettivo. LA NARRATIVA DEL NOVECENTO: MORAVIA, GADDA, FENOGLIO Letture: G. Verga I Malavoglia; brani in antologia; Rosso Malpelo.; G. Pascoli: Arano, Lavandare, Novembre, Nebbia, Il gelsomino notturno, La mia sera, Digitale purpurea, E dentro di noi un fanciullino; G. D Annunzio: Da Il piacere Miti elitari, il Verso è tutto ; La sera fiesolana, La pioggia nel pineto; L. Pirandello letture antologiche da Enrico IV e da Il fu Mattia Pascal, Il sentimento del contrario, La vita e le forme, La carriola, Sei personaggi in cerca d autore; I. Svevo: da La coscienza di Zeno, capp. 2, 7, 8; F. Tozzi: brani in antologia da Con gli occhi chiusi; A. Moravia brani in antologia da Gli indifferenti; C. E. Gadda da Quer pasticciaccio brutto : Don Ciccio indagatore dei fatti o delle anime, la conclusione del giallo; B. Fenoglio: da Il partigiano Johnny, Dopo l 8 settembre, la parola partigiano; U. Saba, Città vecchia, Trieste, A mia moglie, Amai; G. Ungaretti, Veglia, Sono una creatura, San martino del Carso, Fratelli, Soldati, I fiumi; E. Montale, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, La casa dei doganieri, Il sogno del prigioniero. 2. Eventuali altre discipline coinvolte Storia 3. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti 4. Eventuali altri elementi significativi per la redazione della terza prova scritta 14

15 5. Criterio di sufficienza adottato Conoscenze essenziali e superficiali, risposte quasi complete, linguaggio elementare, accettabili capacità di orientamento, obiettivo minimo superato in condizioni normali e combinate d esecuzione, correttezza e diligenza prevalenti. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione Prove pratiche, interrogazioni orali, stesura di elaborati, osservazione diretta 6. Numero delle prove svolte 6 7. Ore assegnate per lo svolgimento delle prove 3 in media 8. Altre indicazioni Non sono state svolte simulazioni per la terza prova 15

16 Documento del Consiglio di Classe Scheda Informativa relativa alle materie dell ultimo anno di corso Materia: Docente: Libro di Testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Storia Luca Tiribocchi Fossati Luppi Zanette, Passato presente. Bruno Mondadori documentari storici 9. Argomenti svolti nell anno 1)L IMPERIALISMO Il mondo dell imperialismo; le potenze dominanti. 2)L ETA GIOLITTIANA L industrializzazione in Italia, politica e società, verso il conflitto mondiale. 3) LA PRIMA GUERRA MONDIALE Le cause del conflitto, l intervento italiano, il 1917, la fine del conflitto. 4) IL DOPOGUERRA Un nuovo scenario mondiale, i trattati di pace, gli USA, l Europa del dopoguerra, la nascita del totalitarismo comunista. 5) LA NASCITA DEL FASCISMO Il primo dopoguerra, il biennio rosso, partiti e masse, dalle origini alla presa del potere, la costruzione dello stato totalitario, il ruolo di Mussolini. 6) DEMOCRAZIA E TOTALITARISMI La crisi del 29, il New Deal,l Europa fra totalitarismi e democrazie liberali, il nazismo, lo stalinismo, la guerra civile spagnola. 7)LA SECONDA GUERRA MONDIALE Le origini del conflitto, l Italia in guerra, la Shoah, la guerra civile in Italia. 8)IL DOPOGUERRA IN ITALIA Verso la Repubblica, la Costituzione, i partiti di massa, il centrismo, il miracolo economico. 9) LA GUERRA FREDDA La guerra fredda, un mondo bipolare, l Europa occidentale, i paesi comunisti. La questione israelo-palestinese. 10. Eventuali altre discipline coinvolte Italiano, Geografia 16

17 11. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti Visione e discussione di documentari, documenti storici e film. 12. Criterio di sufficienza adottato Conoscenze essenziali e superficiali, risposte quasi complete, linguaggio elementare, accettabili capacità di orientamento, obiettivo minimo superato in condizioni normali e combinate d esecuzione, correttezza e diligenza prevalenti. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione Prove pratiche, interrogazioni orali, stesura di elaborati. Risposte brevi a domande aperte nella simulazione della terza prova. 13. Numero delle prove svolte Ore assegnate per lo svolgimento delle prove Un ora in media 17

18 Documento del Consiglio di Classe V APacle Scheda informativa relativa alle materie dell'ultimo anno di corso Materia DIRITTO PUBBLICO- SCIENZA DELLE FINANZE Libro di testo adottato (diritto): Bobbio Gliozzi Lenti Diritto pubblico Ed. Scuola & Azienda Altri testi utilizzati: Costituzione Italiana Docente Valeria Magoni 1. Argomenti svolti nell'anno (diritto): LO STATO Lo Stato e la società: Le caratteristiche dello Stato moderno L apparato statale Il potere politico Le limitazioni della sovranità Il territorio. Il popolo. Stato e nazione Le forme di Stato L ordinamento internazionale Le relazioni internazionali Le fonti del diritto internazionale: la consuetudine e i trattati L ONU La repubblica italiana e l ordinamento internazionale: i principi costituzionali La globalizzazione e il destino degli stati nazionali L Unione Europea Caratteri generali Le tappe dell integrazione europea L organizzazione Le leggi europee Le competenze Le politiche comuni Il futuro dell Unione Europea Le vicende costituzionali dello stato italiano La proclamazione della Repubblica e l Assemblea Costituente 18

19 La Costituzione della Repubblica Italiana La Costituzione (approfondimento pag. 371) I diritti e i doveri dei cittadini Libertà e uguaglianza I diritti inviolabili dell uomo (art.2 Cost) Il principio di uguaglianza (art.3) La tutela della libertà: riserva di legge e di giurisdizione La libertà personale La libertà di domicilio, di corrispondenza e di circolazione La libertà di riunione e di associazione La libertà di manifestazione del pensiero La libertà religiosa I rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose La Costituzione e l economia I rapporti etico-sociali: la famiglia, la salute l istruzione I doveri dei cittadini I partiti politici I partiti politici negli stati contemporanei I partiti politici nella Costituzione Il finanziamento pubblico dei partiti Il sistema di partiti Le elezioni e le altre forme di partecipazione democratica La democrazia nel sistema costituzionale italiano Il corpo elettorale e il voto I sistemi elettorali Il referendum abrogativo Forme di governo: Le forme di governo nello stato democratico. La forma di governo presidenziale e semipresidenziale La forma di governo parlamentare. Il Parlamento: La Camera e il Senato Il Parlamento in seduta comune I parlamentari 19

20 Organizzazione e funzionamento La durata delle Camere e il loro scioglimento anticipato Le funzioni del Parlamento Il procedimento legislativo Le leggi costituzionali Il Governo Il Governo nel sistema politico e costituzionale I governi in Italia La composizione del Governo La formazione del Governo Le crisi di governo La responsabilità politica e la responsabilità penale Le funzioni del Governo I decreti-legge I decreti legislativi I regolamenti Il Presidente della Repubblica Il ruolo del P.d.R. Elezione carica e supplenza La controfirma ministeriale I poteri La responsabilità La Corte Costituzionale: Natura e funzioni Composizione Il giudizio sulle leggi Il giudizio sui conflitti di attribuzione Il giudizio sulle accuse contro il Presidente della Repubblica Il giudizio sull ammissibilità del referendum Il ruolo della Corte Costituzionale in Italia La Magistratura La funzione giurisdizionale I principi generali relativi alla funzione giurisdizionale Magistratura ordinaria e magistrature speciali L indipendenza della magistratura ordinaria Il Consiglio Superiore della Magistratura 20

21 L indipendenza dei singoli giudici L organizzazione della magistratura ordinaria La funzione della Corte di Cassazione L interpretazione della legge La giurisprudenza I problemi della giustizia Materia DIRITTO PUBBLICO- SCIENZA DELLE FINANZE Libro di testo adottato ( scienza F. Poma Corso di finanza pubblica ed. Principato delle finanze): Altri testi utilizzati: Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento (ed. Tramontana) Rosa Maria Vinci Orlando Scienza delle finanze e diritto tributario (ed. Tramontana) Docente Valeria Magoni 1. Argomenti svolti nell'anno: Teoria generale della finanza pubblica e sua evoluzione Settore privato e settore pubblico Gli elementi costitutivi Il ruolo dello Stato nell economia Bisogni e servizi pubblici Gli aspetti giuridici dell economia pubblica Obiettivi e tendenze della finanza pubblica: la finanza neutrale la finanza della riforma sociale la finanza congiunturale la finanza funzionale gli obiettivi della finanza pubblica l aumento tendenziale della spesa pubblica La spesa per la sicurezza sociale ( da: Rosa Maria Vinci Orlando Scienza delle finanze e diritto tributario (ed. Tramontana) I sistemi di sicurezza sociale Previdenza e assistenza: fonti di finanziamento Le politiche della spesa e dell entrata Le spese pubbliche: nozione, classificazione 21

22 effetti economici delle spese redistributive, la spesa pubblica in Italia, il controllo di efficienza della spesa pubblica Le entrate pubbliche: nozione, classificazioni, il patrimonio degli enti pubblici prezzi privati, pubblici, politici, imposte, tasse, contributi le entrate parafiscali L imposta in generale L imposta e le sue classificazioni Elementi dell imposta, imposte dirette e indirette imposte reali e imposte personali imposte generali e imposte speciali imposte proporzionali, progressive e regressive tipi di progressività le imposte dirette sul reddito le imposte dirette sul patrimonio le imposte indirette I principi giuridici e amministrativi delle imposte La ripartizione dell onere delle imposte La teoria della capacità contributiva La discriminazione quantitativa e qualitativa dei redditi La pressione fiscale I valori limite della pressione fiscale La curva di Laffer Il drenaggio fiscale Gli effetti economici delle imposte: evasione, erosione, elisione, elusione La politica di bilancio ( da: Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento ed. Tramontana) Il bilancio: funzione e struttura La funzione del bilancio I principi del bilancio 22

23 Profili tecnici del bilancio Teorie sul bilancio Il bilancio dello Stato italiano Principi costituzionali Formazione e approvazione Gli altri documenti: la decisione di finanza pubblica, la legge di stabilità, il bilancio pluriennale, i disegni di legge collegati Le variazioni e l assestamento del bilancio Imposte dirette: IRPEF: caratteri generali, soggetti passivi, schema di funzionamento dell imposta, le categorie di reddito, il reddito imponibile, il calcolo dell imposta Accertamento e riscossione (dal testo: 2012 ( ed. Tramontana) : l accertamento ( Ardolfi -Palmisano ) la dichiarazione dei redditi ( controllo delle dichiarazioni ( Ardolfi- Palmisano ) Ardolfi -Palmisano ) l accertamento in rettifica e l accertamento d ufficio ( Nino Ardolfi Rosa Maria Palmisano Scienza delle finanze aggiornamento Ardolfi- Palmisano ) L imposta comunale sugli immobili (ICI) Caratteri dell imposta Soggetti Determinazione dell imponibile Aliquote e periodo d imposta Versamento 2. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti : Lettura di quotidiani Partecipazione all Incontro con Gherardo Colombo sulla Costituzione (progetto del Comune di Casalecchio Politicamente scorretto ) 3. Eventuali altri elementi significativi per la redazione della terza prova scritta: Nella simulazione si è privilegiata la materia del diritto, che è stata approfondita e verso cui gli studenti hanno manifestato maggiore interesse. 4. Obiettivi inizialmente fissati: 23

24 Obiettivi di conoscenza degli argomenti trattati( conoscenza) e abilità applicative nonchè di sviluppo di autonome capacità di analisi, rielaborazione autonoma, sintesi e collegamento 5. Criterio di sufficienza adottato: conoscenza semplice e generale degli argomenti nelle linee essenziali, applicazione delle conoscenze semplice ma corretta, esposizione semplice e corretta anche se con qualche imprecisione 6. Tipologia delle prove di verifica utilizzate per la valutazione: interrogazioni orali, questionari, domande brevi, simulazione terza prova, recupero in itinere. 7. Numero delle prove svolte: cinque nel primo quadrimestre; tre nel secondo (v.punto 9) 8. Ore assegnate per lo svolgimento delle prove: per le interrogazioni lunghe, circa mezz ora per le verifiche scritte, non meno di un ora 9. Altre indicazioni: Lo svolgimento del programma è stato regolare e terminato in concomitanza con il documento di classe (12 maggio), onde dar modo agli studenti di effettuare approfondimenti e ripasso finale nella seconda metà di maggio e fino alla fine dell anno scolastico. Ulteriori verifiche sugli ultimi argomenti verranno effettuate in tale periodo. Casalecchio di Reno, 12 maggio 2011 (prof. Valeria Magoni) 24

25 Prof. Magoni Valeria Materia: Diritto- Scienza delle finanze Candidato:. Simulazione di III PROVA 18 aprile 2011 V^ A Pacle Quesiti a risposta breve (max 15 righe) 1. In che cosa consiste il divieto del mandato imperativo e quali importanti conseguenze discendono da tale principio? 25

26 2. Corte di cassazione e Consiglio Superiore della Magistratura sono organi distinti con funzioni nettamente diverse tra loro: sapresti brevemente descriverle? 3. Dopo avere enunciato il principio della capacità contributiva e i principi tributari conseguenti, analizza in particolare i concetti di discriminazione qualitativa e quantitativa dei redditi 26

27 27

28 Scheda informativa relativa alle materie dell'ultimo anno di corso Materia Docente Libro di testo adottato: Altri testi utilizzati: Altri sussidi didattici utilizzati: Inglese Brunetti Monica Bettinelli Backhouse, Gateway to Business English, Lang cd audio allegato al libro di testo, fotocopie, video 1. Struttura del programma annuale e argomenti svolti nell'anno: MODULO N.1 : Recupero e Consolidamento. It's a brave new world. Grammar Revision Applying for a job MODULO N.2 : Selling products Orders Modification and cancellation of orders Reply to orders Means of transport Incoterms MODULO N.3 : Product distribution Complaints Reply to complaints The Invoice MODULO N.4: Money makes the world go round Reminders Reply to reminders Methods of Payment in International Trade MODULO N.5: Texts and their context The War Poets Oscar Wilde Globalisation The 1929 financial crisis MODULO N.6: Revision Business Written Communication Offers and circulars Enquiries Reply to enquiries Sectors of economic activity The channels of distribution Economic systems Marketing and promotion Area tematica 1 : strutture e funzioni grammaticali (modulo 1) Ripasso di struttura e uso di present simple, past simple e continuous, present perfect simple (tutte le forme), future forms, verbi modali, struttura e uso della forma passiva ( tutti i tempi, forma affermativa, negativa, interrogativa), verbi con il doppio accusativo, conditional sentences ( tutti i tipi), imperative, comparison of adjectives and adverbs, relative clauses, linking words and phrases. Area tematica 2 : microlingua ( moduli 1, 2, 3, 4, 6) 28

29 Applying for a job: Cvs and letters of application, unità 9 Business and its economic background: Sectors of economic activity, file1 The channels of distribution, file 1 Economic systems, file 2 Marketing and promotion, file 4 The balance of payment and trade, file 7 Unsolicited Offers and Circulars: letters of offers and circulars, unità 1 e fotocopie Enquiries: letters of enquiry, unità 2 replies to enquiries, unità 2 International trade: Incoterms, file 8 Means of transport, file 8 Payment in foreign trade, file 9 Invoices, Road Consignment Note, Airway Bill, unit 5 Statement of Account, unit 8 Letters of Credit, unit 7 Orders: placing an order, replying to and modifying an order, unità 3 letters to place an order, unità 3 replies to orders, unità 3 modification or cancellation of orders, unità 3 Complaints: dealing with complaints about late delivery and invoicing errors, unità 4 e 7 letters of complaints about late delivery, unità 4 replies to complaints, unità 4 letters of complaint about invoicing errors, unità 7 replies to complaints, unità 7 letters of complaints following the delivery of goods, unità 6 replies to complaints, unità 6 Reminders: reminders and replies to reminders, unit 8 Area tematica 3 : civiltá e letteratura ( modulo 5) Global culture: Trading in the global village, the WTO, transnational corporations, globalisation and anti-globalisation, Fair Trade, file 7 The Wall Street Crash ( fotocopie) Britain at War (W W 1). The War Poets: analisi e commento delle seguenti poesie ( fotocopie) W. Owen, Dulce et Decorum est R.Brooke, The Soldier I.Rosenberg, August 1914 W.B.Yeats, An Irish Airman Foresees His Death S.Sassoon, Glory of Women Oscar Wilde: ( materiale fornito dall'insegnante) The brilliant artist and the dandy A professor of aesthetic Art for art's sake preface to The Picture of Dorian Gray The picture of Dorian Gray: plot and meaning 3. Attività scolastiche a supporto della preparazione degli studenti: Il primo e il sesto modulo hanno consolidato le competenze già acquisite negli anni precedenti relativamente agli argomenti grammaticali e commerciali indicati. Il recupero si è svolto in itinere con esercizi ed attività di vario tipo. L'approfondimento di alcune tematiche si è completato con la 29

DIRITTO ed ECONOMIA d AZIENDA

DIRITTO ed ECONOMIA d AZIENDA DIRITTO ed ECONOMIA d AZIENDA CLASSE 5 C E LE AZIENDE DI CREDITO Il mercato finanziario e l'intermediazione creditizia: nascita ed evoluzione delle banche. Funzioni, obiettivi e organizzazione dell'azienda

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA Pagina 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA DOCENTE MATERIA CLASSE Romina Bisato Inglese 4 B SIRIO OBIETTIVI DISCIPLINARI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA Pagina 1 di ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO ITC OPERA DOCENTE MATERIA CLASSE Romina Bisato Inglese 4 A SIRIO OBIETTIVI DISCIPLINARI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» Sede legale: Via Italico Brass, 22 34170 GORIZIA tel. 0481/535190

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA c.f. 93020970427 LICEO DI STATO C. RINALDINI Liceo Classico - Liceo Musicale - Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale, 1-60122 ANCONA - 071/204723 fax 071/2072014 e-mail: segreteria@rinaldini.org

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti TOWARDS CLIL: WAR POETRY PROVA

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" Cannaregio, 351-30121 VENEZIA - Tel. 041.716266 - Fax 041.720054 - C.F.: 80012240273 Indirizzo Internet:http://www.istitutoalgarotti.ite-mail:algarotti@tin.itVETN0100N@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: ASCHERI Maria Rosa CLASSE: I A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

SECONDE QUARTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

SECONDE QUARTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1- A BIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - biennio comune Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEI RESPONSABILI DEL DIPARTIMENTO

ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEI RESPONSABILI DEL DIPARTIMENTO a.s.2011/2012 INGLESE A CURA DEI RESPONSABILI DEL DIPARTIMENTO ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE L AMBITO DISCIPLINARE DI INGLESE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA Anno scolastico 2013/2014 Classe Quinta B Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico Prof. Michele Rossitti SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE e GEO - POLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

Flavia Bentini, Michael Delmont, Online for Business, Pearson Longman. Livello cognitivo globale di ingresso per la maggior parte sufficiente

Flavia Bentini, Michael Delmont, Online for Business, Pearson Longman. Livello cognitivo globale di ingresso per la maggior parte sufficiente Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

AREA DI RIFERIMENTO LINGUA STRANIERA: INGLESE

AREA DI RIFERIMENTO LINGUA STRANIERA: INGLESE MATERIA CLASSI: II ITIS INGLESE DOCENTI : BREWER CODICE N 1 DENOMINAZIONE Grammatica della frase e del testo Funzioni linguistico-comunicative Lessico Cultura dei paesi anglofoni AREA DI RIFERIMENTO LINGUA

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

Classe composta da 19 studenti, capaci ma talvolta un po' troppo esuberanti. Si dimostrano comunque interessati alla materia.

Classe composta da 19 studenti, capaci ma talvolta un po' troppo esuberanti. Si dimostrano comunque interessati alla materia. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Anno scolastico 2013-2014 Lingua e civiltà straniera: spagnolo Docente: Laura Fiori Spagnolo terza lingua: classe 4C ( quarto anno dello studio della lingua) n. ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 OBIETTIVI E CONTENUTI Disciplina:STORIA Nucleo fondante:uso DELLE FONTI Obiettivi di apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Unione Europea Fondi strutturali 2007-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico -

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli