DOCUMENTO DI CLASSE CLASSE. 5 LICEO SCIENTIFICO Op. Scienze Applicate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI CLASSE CLASSE. 5 LICEO SCIENTIFICO Op. Scienze Applicate"

Transcript

1 DOCUMENTO DI CLASSE CLASSE 5 LICEO SCIENTIFICO Op. Scienze Applicate ANNO SCOLASTICO 2014/2015

2 Presentazione del corso di studi: Il Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate si inserisce nel novero dei percorsi liceali della nuova Riforma. L impianto curricolare persegue un profilo culturale alto: i valori che lo ispirano sono quelli della civiltà occidentale nelle sue differenti componenti scientifica, umanistica,storicofilosofica.l anima formativa del percorso si struttura attorno ad un asse culturale preciso, quello scientifico. Il metodo scientifico, specie in quanto affiancato all attività laboratoriale, offre risorse conoscitive profonde, particolarmente adatte ad alimentare razionalità critica e culturale, in un orizzonte contemporaneo spesso vulnerato dalla semplificazione e dalla banalizzazione della conoscenza. Anche le discipline dell area umanistica e filosofica, attraverso le loro categorie di pensiero, contribuiscono alla costruzione rigorosa dei linguaggi dell universo della parola scritta, parlata e pensata. La durata quinquennale del corso di lingua inglese offre al liceale gli strumenti necessari al dialogo con il mondo. Ob iettivi gen erali d ell ind irizzo d i stu d i: L'opzione Scienze Applicate conserva i punti forza del Liceo Scientifico Tecnologico già presente al FERRARI e garantisce: una solida preparazione culturale in campo letterario, storico e filosofico (Lingua e letteratura italiana, Storia, Geografia, Filosofia); un approfondito studio della lingua straniera (Inglese); una preparazione scientifica completa e aperta alle nuove tecnologie (Matematica, Fisica, Scienze della Terra, Biologia, Chimica, Informatica, Disegno e storia dell'arte); un'attività sperimentale costante, che si avvale del patrimonio di laboratori e di didattica laboratoriale presenti nell'istituto; un percorso che persegue un profilo di competenza adatto alla prosecuzionedegli studi all Universit à. Obiettivi specifici della classe (conoscenze, competenze, capacità da acquisire alla fine dell'anno scolastico). Si possono sintetizzare nei seguenti punti: 1. raggiungimento di un bagaglio culturale che presenti un livello sufficiente nei vari saperi e non sia inficiato da gravi lacune su specifiche aree tematiche 2. capacità di esprimere correttamente i contenuti acquisiti relativamente alle singole discipline 3. sufficiente capacità nell'individuazione delle connessioni logiche tra i contenuti delle varie discipline 4. acquisizione di un metodo di studio efficace tale da permettere una programmazione autonoma e una autovalutazione delle abilità raggiunte 5. capacità di affrontare con esiti sufficienti tipologie di prove diversificate Per ulteriori valutazioni si rinvia al profilo specifico delle singole discipline. Obiettivi trasversali della classe Sia per l'area linguistico-storico-letteraria che per l'area professionale sono stati individuati i seguenti obiettivi trasversali:

3 Comportamentali: -rispettare le regole

4 -lavorare sia in modo autonomo che in gruppo -collaborare con insegnanti e compagni di corso Cognitivi: -comunicare in modo efficace utilizzando un linguaggio tecnico appropriato -analizzare i fenomeni complessi -risolvere problemi -produrre soluzioni Gli obiettivi specifici di ciascuna disciplina, gli approfondimenti e le simulazioni delle prove d esame sono contenuti di seguito nella parte riservata ai programmi delle singole materie. Simulazione prove effettuate il: -Italiano: 13/04, 06/05. -Matematica:25/02, 22/04, 19/05. -Terza prova: 17/04, 06/05. Metodologie didattiche (lezioni frontali, esercitazioni ecc..) Le metodologie didattiche sono state studiate nell'ottica di fornire agli studenti gli strumenti che consentano un loro più facile e non sprovveduto inserimento nel mondo del lavoro e di essere messi in grado di poter completare autonomamente quella preparazione specifica che sarà loro richiesta sul posto di lavoro. Ciò è avvenuto attraverso: 1. lezioni frontali 2. esercitazioni in classe e per casa 3. lezioni interattive 4. uso dei laboratori multimediali 5. ricerche bibliografiche avvalendosi anche di tecniche multimediali (CD-ROM, INTERNET ecc.) Tali tecniche si sono articolate in modo che la conoscenza dei diversi argomenti sia propedeutica a quelli più complessi. Strumenti di valutazione (tipologia delle verifiche, compiti scritti) 1. verifiche formative in itinere in classe e per casa 2. verifiche sommative in classe 3. interrogazioni orali 4. valutazione delle esperienze di laboratorio 5. valutazione dei progetti specifici attuati 6. rispetto dei tempi di consegna. Negli specifici piani di lavoro sono presenti, laddove necessari, gli ulteriori strumenti utilizzati. Attività integrative di recupero 1. Lezioni di recupero 2. Sostegno e integrazione in itinere 3. Processi individualizzati di recupero

5 PROFILO DELLA CLASSE Storia e situazione della classe La classe risulta composta da due livelli differenti di competenze e abilità acquisite: -prima fascia (livello alto): formato da alunni con una buona preparazione di base, in grado di comprendere le varie materie senza difficoltà, di rielaborare in modo autonomo e personale i contenuti, usando un lessico appropriato e utilizzando con sicurezza gli strumenti in loro possesso. - seconda fascia (livello medio): formato da un gruppo eterogeneo di allievi, alcuni dei quali evidenziano un normale livello cognitivo ed una preparazione di base più che buona, ma presentano qualche incertezza nella produzione orale e scritta in alcune discipline, unita talvolta a un applicazione inferiore alle reali capacità; altri raggiungono livelli accettabili, dimostrando talune incertezze nell elaborazione e nell esposizione dei contenuti. In generale gli studenti si sono distinti per un ' applicazione e un attenzione costanti nei confronti dello studio, e hanno quasi sempre ottenuto risultati soddisfacenti nelle diverse discipline. Complessivamente i risultati sono da ritenersi comunque buoni o più che buoni, anche se in alcune discipline si sono riscontrate talvolta difficoltà. La frequenza alle lezioni è stata costante; la partecipazione alle attività didattiche è stata sempre adeguata da parte di quasi tutti gli studenti. Consigli di classe - 23 ottobre novembre gennaio marzo aprile maggio 2015 Quadro orario della classe:

6 Anno scolastico Classe V Liceo Scienze Applicate Materia:LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Giuliana GIAI Testo adottato: Il canone letterario, Hermann Grosser, ed. Principato, Obiettivi della disciplina: 1. individuare, attraverso la conoscenza degli autori e delle loro opere più rappresentative, le linee fondamentali della storia della letteratura italiana 2. saper individuare, attraverso l'analisi dei testi, le tematiche fondamentali, le caratteristiche stilistiche, la poetica dei vari autori 3. saper analizzare le relazioni tra le tematiche e il contesto culturale e storico dell'epoca in cui si collocano i vari autori 4. sapersi esprimere in forma grammaticalmente corretta, prosasticamente ricca ed efficace, elaborando anche giudizi critici personali 5. saper affrontare, come lettori autonomi, testi di vario tipo, decodificandoli a seconda dei generi e registri linguistici. Metodologie didattiche attivate Il metodo di trasmissione dei contenuti è stato normalmente quello della lezione frontale, integrato con interventi e domande di verifica rapida. È stato privilegiato l'approccio letterario diretto, basato sulla lettura e l'analisi dei più significativi brani, poetici e in prosa. L'analisi del testo letterario è stata affrontata sia dal punto di vista della comprensione delle tematiche e dei contenuti, sia dal punto di vista analitico dello studio delle caratteristiche stilistiche, lessicali, strutturali che ne emergono. Strumenti e modalità utilizzati Testi in adozione, fotocopie fornite dall geografiche. insegnante, Internet, linee del tempo, carte Programma svolto 1.L'età del Realismo Il quadro storico-culturale di riferimento; il Positivismo. I simbolisti francesi Charles Baudelaire, Paul Verlaine, Arthur Rimbaud e le esistenze maledette. Stephane Mallarmé. Letture: da Les fleurs du mal e altre raccolte Il Naturalismo francese G. Flaubert e l'"impassibilità" dell'autore, la novità del romanzo Madame Bovary Letture: da Madame Bovary

7 La Scapigliatura milanese: caratteri generali, vita di Bohème (cenni su Arrighi, Boito, Tarchetti), letture relative Giosuè Carducci La vita L'evoluzione ideologica e letteraria Le raccolte poetiche, con speciale riferimento a Rime nuove e Odi Barbare Letture da Rime nuove e da Odi barbare Il Verismo e i problemi del Meridione d Italia Giovanni Verga Formazione ed esperienze culturali I Malavoglia e Il ciclo dei Vinti La tecnica narrativa di Verga Letture: da I Malavoglia e da Vita dei campi 2. Dal realismo al simbolismo Il Decadentismo Il quadro storico-culturale di riferimento L'origine del termine "Decadentismo" Estetismo e Decadentismo Gabriele D'Annunzio Una vita "inimitabile" Un'eclettica sperimentazione e la conoscenza del mercato letterario L'estetismo e l'identificazione tra vita e opere Il superuomo-tribuno Il poeta e il fascismo Giovanni Pascoli La vita La poetica del fanciullino e il suo mondo simbolico Le raccolte poetiche (con speciale riferimento a Myricae e i Canti di Castelvecchio) I temi della poesia pascoliana Lo stile e le tecniche espressive Letture: da Myricae e da Canti di Castelvecchio: 3. Il primo Novecento I poeti crepuscolari. G. Gozzano Letture: La signorina Felicita Il futurismo e l avanguardia italiana. F. T. Marinetti e le parole in libertà Da La città carnale: All automobile da corsa

8 Da Zang Tumb Tumb: Bombardamento Luigi Pirandello La vita e le opere La visione del mondo e la poetica. Relativismo e umorismo. Letture: Da Il fu Mattia Pascal: Io sono il fu Mattia Pascal Italo Svevo La vita e il contesto culturale La figura dell'inetto La scoperta della psicanalisi e La Coscienza di Zeno (con letture) 4. Il rinnovamento del romanzo C.Pavese, E.Vittorini, B.Fenoglio, P.Levi, I.Calvino (cenni) Elenco letture: Da Se questo è un uomo (P. Levi): Da La luna e i falò (C. Pavese) e da Lavorare stanca 5. Il 900: p oesia p u ra, p oesia d if f icile Umberto Saba. La vita, la formazione, la poetica Il Canzoniere. Giuseppe Ungaretti. La vita, la formazione, la poetica L Allegria Eugenio Montale. La vita, le opere, le varie fasi della produzione poetica Ossi di seppia Elenco letture: U. SABA Dal Canzoniere: Città vecchia La capra A mia moglie Mio padre è stato per me l assassino Inverno G. UNGARETTI Dall Allegria: Fratelli I fiumi Veglia Pellegrinaggio Soldati Mattina

9 Silenzio Notte di maggio Da Il dolore Non gridate più (alcune poesie in morte del figlio) E. MONTALE Da Ossi di seppia: Spesso il male di vivere ho incontrato I limoni Da Satura: Ho sceso, dandoti il braccio, milioni di scale Da Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto La casa dei doganieri Cenni su Carlo Emilio Gadda, Leonardo Sciascia, Pier Paolo Pasolini e il romanzo italiano contemporaneo contestualizzato nel relativo periodo storico.

10 Criteri e griglia di valutazione Italiano INDICATORI DESCRITTORI LIVELLO Basso Suff alto Aderenza alla consegna; rispetto dei vincoli formali richiesti nella prova Pertinenza all argomento 1.ADEGUATEZZA proposto Efficacia complessiva del testo Tipologia A e B: Aderenza alle convenzioni della tipologia scelta ( tipo testuale, scopo, destinatario, destinazione editoriale,ecc.) Articolazione chiara e ordinata del testo 2.ORGANIZZAZIONE DEL TESTO Equilibrio fra le parti Coerenza (assenza di contraddizioni e ripetizioni) Continuità tra frasi, paragrafi e sezioni. 3.CARATTERISTICHE DEL CONTENUTO Ampiezza della trattazione Padronanza dell argomento 4.RIELABORAZIONE CRITICA DEI CONTENUTI (IN FUNZIONE ANCHE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE E DEI MATERIALI FORNITI) 5.CORRETTEZZA ORTOGRAFICA, MORFOSINTATTICA LESSICO E STILE Tipologia A: comprensione ed interpretazione del testo proposto. Tipologia B : comprensione dei materiali forniti e loro utilizzo coerente ed efficace; esattezza e appropriatezza delle citazioni e dei riferimenti ai testi; capacità di argomentazione Tipologia C e D: coerente esposizione delle conoscenze in proprio possesso; capacità di contestualizzazione e di argomentazione. Per tutte le tipologie: pertinenza, compiutezza e originalità delle informazioni, delle idee e delle interpretazioni. Correttezza ortografica Coesione testuale Proprietà e ricchezza lessicale Uso di un registro adeguato alla tipologia testuale, al destinatario, ecc TOTALE /15 Susa,

11 Simulazione prova di Letteratura Nome e cognome... Classe V liceo Verifica di Letteratura (simulazione III prova d'esame) 6 maggio ) Giovanni Verga nella sua poetica trasse ispirazione da: a- il simbolismo francese b- il naturalismo francese c- il verismo d- il regionalismo 2) Il modello del personaggio dandy nel romanzo europeo tra Ottocento e Novecento fu ideato da: a- Arthur Rimbaud b- Oscar Wilde c- Charles Baudelaire d- Gustave Flaubert 3)Gabriele D Annunzio compì l impresa di Fiume nel: a b c d ) Le epifanie sono caratteristiche dell opera di:: a- Joyce-Proust b)- De Amicis-Gozzano c- Pascoli-Joyce d- Scapigliati- Futuristi 5) Le caratteristiche principali dell opera di L. Pirandello, con particolare riferimento a Il fu Mattia Pascal. 6) L età delle avanguardie (sintesi). (le ultime due domande devono essere svolte in non più di 10 righe sul retro del presente foglio) Buon lavoro!

12 MATERIA: STORIA Docente: Giuliana Giai Libro di testo adottato: Giardina-Sabbatucci-Vidotto Storia vol. 3 dal 1900 a oggi ed Obiettivi didattici e disciplinari generali 1. conoscere gli eventi storici e saperne individuare cause e conseguenze per poter ricostruire le connessioni sincroniche e gli sviluppi diacronici dei vari argomenti 2. essere in grado di utilizzare le conoscenze acquisite per ricostruire un fenomeno dal punto di vista politico-istituzionale, economico, sociale, culturale 3. saper utilizzare ed interpretare le testimonianze e le fonti, distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso e le relazioni che intercorrono tra essi. Programma svolto: A L ITALIA UMBERTINA 1.L arretratezza dell Italia umbertina 2. Le riforme del governo Depretis 3. Mafia e clientela in Sicilia 4. La crisi agraria e il protezionismo 5.Il governo di Crispi 6.Il fallimento coloniale di Crispi 7. I fatti di Milano a fine secolo B L'ITALIA NELL ETA GIOLITTIANA 1. Un liberale al governo 2. Giolitti e i nuovi compiti dello Stato liberale 3. Le riforme sociali 4. Il decollo industriale 5. Legislazione sociale, opere pubbliche, riforme 6. La guerra di Libia 7. Socialisti e cattolici nell'età giolittiana 8. I problemi del Mezzogiorno nell'età giolittiana C VENTI DI GUERRA 1.La Belle Epoque 2. Il Movimento Operaio 3.La questione femminile 4.L Europa vicina al collasso D LA PRIMA GUERRA MONDIALE 1. La crisi degli equilibri e la questione della responsabilità del conflitto 2. L attentato di Sarajevo 3. Le ideologie della guerra : dalla guerra di movimento a quella di logoramento; il fronte orientale. 5. L Italia: neutralisti e interventisti; dalla triplice Alleanza alla Triplice Intesa; l intervento.

13 e 1916: la superiorità degli imperi centrali; le conseguenze della guerra sul piano interno; nuove armi e mezzi; il pacifismo umanitario e l antimperialismo socialista : l ingresso degli Stati Uniti; la situazione interna italiana; la disfatta di Caporetto; le controffensive alleate dopo l uscita di scena della Russia; il crollo militare della Germania e la fine della guerra 8. I 14 punti di Wilson 9. La Conferenza del 1919 e i trattati. 10. La Società delle Nazioni: obiettivi, finalità. E CENNI SULLA RIVOLUZIONE RUSSA F IL DOPOGUERRA NEI PAESI EUROPEI G IL DOPOGUERRA IN ITALIA 1.L Italia della vittoria mutilata : l impresa di Fiume 2. Piccola e media borghesia, grande borghesia, classe operaia e contadini 3. La nascita del Partito popolare 4. Il Partito socialista 5. Fondazione e programma dei Fasci di combattimento 6. La crisi della classe dirigente liberale e le elezioni del novembre Il governo Giolitti 8. L occupazione delle fabbriche, gli scioperi e le loro conseguenze 9. Lo squadrismo fascista 10. La nascita del Partito Comunista italiano H IL MONDO IN CRISI: Cenni sulla crisi economica del 1929 e i suoi effetti; l programma di Franklin Delano Roosevelt; il New Deal. elezione e il I IL FASCISMO IN ITALIA 1. Il governo debole 2. La marcia su Roma 3. Il governo di Mussolini e le illusioni della vecchia classe dirigente 4. Il consolidamento del fascismo 5. Il delitto Matteotti; la secessione dell Aventino; le leggi fascistissime; la scelta liberista del regime; l inquadramento della gioventù e il controllo della stampa; la legge elettorale del 28 e le elezioni plebiscitarie del 1929; i Patti Lateranensi; l autarchia; la politica demografica del regime. 6. Gli oppositori del fascismo: concentrazione antifascista; movimento Giustizia e libertà, Partito comunista; le opposizioni liberali e cattoliche L IL NAZISMO IN GERMANIA 1.La sostanziale fragilità della repubblica di Weimar 2. La crisi del 29 e la crescita del partito nazista 3. Ideologia e struttura del Partito nazista 4. Hitler cancelliere 5. La formazione dello stato totale: l incendio del Reichstag; la nazificazione dell apparato burocratico; i rapporti col grande capitale; la notte dei lunghi coltelli; Hitler presidente del Reich. 6. Il regime totalitario: magistratura; Gestapo; l asservimento della cultura universitaria; il rogo dei libri e l arte degenerata; Goebbles; dalle leggi di Norimberga all Olocausto 7. L economia durante il nazismo

14 M LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1. La sconfitta della Polonia 2. L attacco alla Francia e l ingresso in guerra dell Italia 3. La caduta della Francia e il Governo Pétain; l appello di De Gaulle alla resistenza 4. L Attacco giapponese a Pearl Harbor 5.L attacco tedesco all Unione Sovietica; la partecipazione italiana all impresa di Russia; resistenza e riscossa dei sovietici; la battaglia di Stalingrado 6. Le sconfitte dell Asse in Africa 7. Il crollo militare dell Italia e la caduta del fascismo 8. La resistenza italiana e la repubblica di Salò; la resistenza nell Italia del Nord; Aprile: l insurrezione 9. La sconfitta della Germania e del Giappone 10. Il collaborazionismo e la resistenza in Europa; l attentato a Hitler 11. Le conferenze di pace N L OLOCAUSTO 1.I caratteri del dominio nazista in Europa 2.Lo sfruttamento delle risorse umane 3.Il terrore e i lager O IL DOPOGUERRA IN ITALIA 1.Il primo governo de Gasperi 2.Le elezioni della Costituente e il referendum 3.La Costituzione repubblicana 4.Le elezioni del 1948 P BIPOLARISMO E GUERRA FREDDA Si procede inoltre ad una scansione sommaria delle diverse fasi dell età bipolare: 1. fase della guerra fredda 2. fase della coesistenza pacifica 3. fase della distensione 4. fase della seconda guerra fredda 5. fase della nuova distensione 6. Anni di piombo e società italiana (in collaborazione con AIVITER, progetto seguito nel corso dell anno scolastico, con premiazione a Palazzo Lascaris il 29 maggio).

15 Criteri di valutazione, livello di sufficienza, scala numerica adottata Livelli Decimali Conoscenza Competenze 2-3 Nessuna Assenza di comprensione. Anche se guidato, non riesce ad utilizzare le conoscenze suggerite. Non sa parafrasare, analizzare o contestualizzare neppure un testo o un dato semplice. 4-5 Lacunosa e superficiale Numerosi e, talvolta, gravi gli errori commessi nell esecuzione di compiti semplici e nell uso delle conoscenze. Compie induzioni e deduzioni, ma parziali e imprecise. Produce analisi incoerenti manifestando difficoltà nel selezionare e ordinare i dati. 6 Manualistica, essenziale Pur con qualche errore sa applicare le conoscenze eseguendo in modo semplice le competenze disciplinari. Argomenta con coerenza, ma non in modo approfondito. Compie analisi non complesse utilizzando un patrimonio concettuale adeguato. 7-8 Completa Applica le conoscenze correttamente e sa realizzare compiti complessi, pur permanendo alcune imprecisioni nella loro realizzazione. Sa dedurre coerentemente e costruisce analisi complete e approfondite. Pur con qualche incertezza sa formulare valutazioni autonome Organica e approfondita Esegue le competenze applicando con precisione e coerenza conoscenze esatte e rielaborate con originalità. Organizza, utilizzando gli strumenti logici e procedurali in suo possesso, in modo autonomo e formulando valutazioni motivate ed approfondite. Susa,

16 Simulazione Prova di storia Nome e cognome... Classe V liceo Verifica di Storia (simulazione III prova d'esame) 17 aprile ) Il biennio rosso fu: a- un periodo tra il 1918 e il 1920 in cui in Italia si creò il totalitarismo socialista b- un periodo tra il 1918 e il 1920 in cui in Europa prese forza il movimento operaio c- un periodo tra il 1918 e il 1920 in cui prese il potere Mussolini d- un periodo tra il 1918 e il 1920 vi fu la rivoluzione russa 2) Nel corso della I guerra mondiale, nel 1917 accadde che: a- L'Italia subì la sconfitta di Caporetto b- L'Italia riportò una grande vittoria a Caporetto c- Fu stipulato il patto di Londra dal generale A. Diaz d- L'Italia firmò la resa alla Francia e all'inghilterra 3) A. Hitler organizzò il complotto di Monaco nel: a b c d ) I fatti di Palazzo d'accursio del 1920 consistono in: a- una serie di ritorsioni organizzate dai socialisti contro i fascisti a Bologna b- un momento di conflitto tra socialisti e fascisti durante l'insediamento della nuova amministrazione socialista a Roma c- un momento di conflitto tra socialisti e fascisti durante l'insediamento della nuova amministrazione socialista a Bologna d- una protesta dei braccianti della Bassa Padana sfociata in azioni violente a Parma 5) I totalitarismi in Europa e il totalitarismo imperfetto in Italia. 6) La valenza storico-politica dei Patti Lateranensi(le ultime due domande devono essere svolte in non più di 10 righe sul retro del presente foglio) Buon lavoro!

17 DOCUMENTO DI CLASSE CLASSE 5 LICEO SCIENTIFICO Op. Scienze Applicate MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Daniela MARTINA

18 La classe non ha mostrato perlopiù particolare inclinazione nei confronti della materia ma si è applicata con discreta serietà anche se non sempre i risultati sono stati soddisfacenti. Si è pertanto cercato di privilegiare l aspetto pratico degli argomenti tralasciando dimostrazioni e rigorosa teoria. Il comportamento è stato sempre corretto da un punto di vista disciplinare ma non sempre è stato costante l impegno e lo studio. È ovvio che attitudini e applicazioni individuali diverse hanno determinato livelli di preparazione diversi. Sono state effettuate le due simulazioni di seconda prova proposte dal Ministero in data 25 febbraio 2015 e 25 marzo 2015 i cui risultati sono stati piuttosto deludenti in quanto meno del 25 % ha riportato risultati sufficienti, prove che sono state corrette seguendo la griglia proposta dal Ministero. Una terza simulazione sarà effettuata il giorno 19 maggio e sarà corretta seguendo sempre la griglia del Ministero. Durante le simulazioni è stato permesso l uso di un formulario con le derivate e integrali principali, formulario che viene allegato al documento. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Possedere le nozioni ed i procedimenti indicati e saperli organizzare complessivamente 2. Saper affrontare a livello critico problemi di natura scientifica-tecnica, sapendo scegliere strategie di approccio 3. Saper adoperare consapevolmente metodi e strumenti di calcolo 4. Trattare con competenza problemi di carattere tecnico, in modo particolare quelli relativi all'indirizzo di studi. METODI DI INSEGNAMENTO 1. Lezione frontale seguita per lo più da esercizi applicativi 2. Esercitazioni in classe STRUMENTI DI LAVORO 1. Libri di testo 2. Fotocopie e formulari 3. Appunti 4. LIM VERIFICHE - VALUTAZIONE DELL'APPRENDIMENTO Sono state effettuate una interrogazione e 5 verifiche scritte sommative, 3 simulazioni di seconda prova di cui due sono quelle proposte dal Ministero in data 25/02/2015 e 25/02/2015 e una terza che sarà effettuata in data 19/05/2015 e una come simulazione di terza prova effettuata il 17/04/2015 di tipologia mista B+C che prevede quesiti a risposta singola e quesiti a risposta multipla. Ai fini di una valutazione globale si è tenuto conto di 1. Metodo di studio

19 2. Partecipazione all'attività didattica 3. Impegno e applicazione 4. Conoscenze acquisite 5. Abilità raggiunte 6. Comprensione Libro di testo Bergamini Trifone Barozzi MATEMATICA BLU volume 5 - ZANICHELLI PROGRAMMA 1. Continuità e discontinuità di una funzione Contenuti Definizione di continuità di una funzione in un punto e in un intervallo. Punti di discontinuità di una funzione. Cuspidi, punti angolosi e punti a tangenza verticale. Asintoti del diagramma di una funzione. Obiettivi Acquisire la nozione di limite soprattutto in forma intuitiva. Conoscere ed applicare i teoremi sui limiti. Apprendere le tecniche per il calcolo di limiti di funzioni in cui si presentino anche forme di indeterminazione. Riconoscere i punti di discontinuità. Introdurre la nozione di asintoto di una curva piana, come applicazione geometrica del concetto di limite di una funzione. Contenuti 2. Derivate delle funzioni in una variabile. Applicazione del calcolo differenziale Concetto di derivata in un punto e sua interpretazione geometrica. Concetto funzione derivata di una funzione. Derivate di alcune funzioni elementari. Operazioni nella derivazione Correlazione tra continuità e derivabilità. Teorema di Rolle. Teorema di Lagrange o del valor medio. Teoremi di De L Hospital. Punti stazionari, punti a tangente verticale, cuspidi e punti angolosi. Minimi e massimi relativi. Minimi e massimi assoluti. Concavità e flessi.

20 Studio di funzioni e tracciamento dei grafici relativi. Obiettivi Acquisire la nozione di derivata in forma intuitiva. Conoscere i teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Saper applicare la regola di De L Hospital. Acquisire gradualmente gli strumenti matematici che vengono utilizzati per lo studio delle funzioni e per il tracciamento dei relativi grafici. Saper applicare i teoremi fondamentali del calcolo differenziale nella ricerca di minimi, massimi, flessi. Essere in grado di risolvere problemi di minimi e massimo in ambito geometrico, analitico. Saper utilizzare gli strumenti matematici per lo studio delle funzioni e per il tracciamento dei relativi grafici. 3. Calcolo integrale e applicazioni. Equazioni differenziali. Contenuti La primitiva di una funzione. Primitive di una funzione e definizione di integrale indefinito. Integrale indefinito e sue proprietà. Integrali indefiniti immediati. Metodi di integrazione indefinita: integrazione per sostituzione e integrazione per parti. Integrazione indefinita delle funzioni fratte. L integrale definito. Area del trapezoide e definizione di integrale definito di una funzione. Proprietà di integrazione definita. Teorema della media. Funzione integrale. Teorema fondamentale del calcolo integrale o Teorema di Torricelli Barrow. Formula di Leibniz-Newton per il calcolo dell integrale definito. Calcolo dell area di una superficie piana limitata da una o più curve. Calcolo del volume di un solido di rotazione. Calcolo della lunghezza di un arco di curva piana. Area di una superficie di rotazione. Equazioni differenziali del primo e del secondo ordine a variabili separabili. Problema di Cauchy. Obiettivi Apprendere la nozione intuitiva di integrale definito. Acquisire il concetto di primitiva di una funzione. Saper utilizzare i principali metodi di integrazione indefinita. Saper calcolare l area di una superficie piana, il volume di un solido di rotazione, la lunghezza di un arco di una curva piana.

21 4. Analisi numerica. Risoluzione approssimata di equazioni: metodo di bisezione. Integrazione numerica: metodo dei trapezi. Obiettivi Saper risolvere un equazione utilizzando i metodi numerici. Utilizzare metodi numerici per l integrazione definita di una funzione Susa, 11 maggio 2015 L insegnante Daniela Martina I rappresentanti:

22 PROGRAMMA SVOLTO Anno Scolastico 2014/2015 MATERIA DI INSEGNAMENTO: INGLESE DOCENTE: D AVINO GIUSEPPE CLASSE: 5^ A Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate TESTO IN USO: M. Spiazzi, M. Tavella, M. Layton, Performer Culture & Literature 2 and 3, Ed. Zanichelli CONTENUTI Dal testo Performer Culture & Literature 2 MODULO 10 Coming of Age History 10.2 The first half of Victoria s reign p. 284, Milestones: 1851, the Great Exhibition p. 285 Society 10.5 Life in Victorian town p Coketown, C. Dickens, Hard Times (1854) p. 291, 292, The Victorian Compromise p. 299 Literature 10.8 The Victorian novel p Literary language: The Victorian novel p Charles Dickens and the children p Oliver Twist ( ) p Oliver Twist ( ), The story p Oliver wants some more, C. Dickens, Oliver Twist ( ) p. 303, Dickens and a critique of education p The definition of a horse, C. Dickens, Hard Times (1854) p. 309, 310, 311 MODULO 11 A Two-Faced Reality History 11.1 The British Empire p. 324, Milestones: 1877, Queen Victoria becomes Empress of India p. 325 Society 11.2 The Mission of the colonizer p The White Man s Burden, Rudyard Kipling (1899) p. 326

23 Mapping History 11.3 British imperial trading routes p. 329 Science and Philosophy 11.4 Charles Darwin and evolution p Milestones: 1871, Darwin s The Descent of Man and Selection in Relation to Sex p. 330 Literature 11.5 Thomas Hardy and insensible chance p Jude the Obscure (1895), The story p Jude s obscurity p Robert Louis Stevenson: Victorian hypocrisy and the double in literature p The Strange Case of Dr Jekyll and Mr Hyde (1886), The story p. 338 The Arts 11.8 New aesthetic theories p The Pre-Raphaelite Brotherhood p. 347 Literature 11.9 Aestheticism: Walter Pater and the Aesthetic Movement p Literary language: Aestheticism p Oscar Wilde: the brilliant artist and the dandy p The Picture of Dorian Gray (1891) and the theme of beauty p The Picture of Dorian Gray (1891), The story p. 352 Dal testo Performer Culture & Literature 3 MODULO 13 The Drums of War History 13.1 The Edwardian age p. 404, World War I p Milestones: 11 th November 1918, the day the guns fell silent p. 409 Literature 13.5 Modern poetry: tradition and experimentation p The War Poets: Different attitudes to war, Rupert Brooke, Wilfred Owen p The Soldier, R. Brooke p Dulce et Decorum est, W. Owen p. 419, Thomas Stearns Eliot and the alienation of modern man p. 431, The Waste Land (1922): The Structure p The Fire Sermon, T.S. Eliot, The Waste Land (1922), Section III p. 435, 436

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli