ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a B SERVIZI COMMERCIALI A.S IL CONSIGLIO DI CLASSE Ivana Botta Maria Lucia Franchina Vito Ventre Andrea Ronco Anna Marfia Laura Padricelli Monica Maria Zonca Maura Mori Domenico Tuttolomondo Diritto/Economia Tecniche professionali dei servizi commerciali Matematica Tecniche di comunicazione e relazione Italiano e Storia Scienze motorie e sportive Inglese Tedesco Compresenza laboratorio trattamento testi - Posta certificata codice meccanografico VARC02000L C.F

2 Sommario 1. L indirizzo Servizi commerciali secondo il nuovo ordinamento Settore: Servizi - Indirizzo: Commerciale (DPR 15 marzo 2010 n 87) Pag Profilo dell'indirizzo Servizi commerciali Pag Alternanza scuola - lavoro Pag Profilo della classe Pag Programmazione Collegiale del Consiglio di Classe Pag Simulazione prove scritte e griglie di valutazione: - griglie di valutazione prima prova - testo della simulazione seconda prova - griglie di valutazione seconda prova - testo delle simulazioni terza prova - griglia di valutazione terza prova Pag Pag Pag. 14 Pag. 15 Pag Pag Programma di Diritto/Economia Pag Programma di Tecniche di comunicazione e relazione Pag Programma di Tecniche professionali dei servizi commerciali Pag Programma di Lingua Tedesca Pag Programma di Lingua Inglese Pag Programma di Scienze motorie e sportive Pag Programma di Matematica Pag Programma di Lingua e letteratura italiana Pag Programma di Storia Pag. 37 2

3 1. L indirizzo Servizi commerciali secondo il nuovo ordinamento - Settore: Servizi - Indirizzo: Commerciale DPR 15 marzo 2010 n 87 L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali, sia nell attività di promozione delle vendite; in tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli grafici e pubblicitari. Le competenze sono declinate per consentire allo studente l opportunità di operare con una visione organica e di sistema all interno di un azienda, affinando la professionalità di base con approfondimenti in uno dei tre ambiti di riferimento che caratterizzano l indirizzo di studi. L identità dell indirizzo tiene conto, inoltre, delle diverse connotazioni che assumono oggi i servizi commerciali, sia per le dimensioni e le tipologie delle strutture aziendali, sia per le diverse esigenze delle filiere di riferimento. L indirizzo consente poi di sviluppare percorsi flessibili e favorire l orientamento dei giovani rispetto alle proprie vocazioni professionali. 3

4 ATTIVITA E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE SERVIZI discipline ORE ANNUE 1 BIENNIO 2 biennio Quinto anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze integrate Scienze motorie e sportive RC o attività alternative Totale ore Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Totale complessivo ore INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI NELL AREA DI INDIRIZZO discipline ORE ANNUE PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO 5 ANNO Scienze integrate (Fisica) 66 Scienze integrate 66 Informatica e laboratorio Tecniche professionali dei servizi commerciali Di cui in compresenza 132* 132* 66* Seconda lingua straniera Diritto/economia Tecniche di comunicazione Ore totali Di cui in compresenza 132* 132* 66* 4

5 * L attività didattica di laboratorio caratterizza l area di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza. Le istituzioni scolastiche, nell ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore. 2. Profilo dell indirizzo Servizi commerciali All interno del profilo professionale di riferimento, l ambito commerciale tende a sviluppare, in particolare nel secondo biennio e quinto anno, competenze che orientano lo studente nel contesto economico sociale generale e territoriale, declinate per operare con una visione organica e di sistema all interno dell azienda, di sviluppare una professionalità di base ben strutturata e flessibile nell area economico aziendale, con la possibilità di attivare approfondimenti in relazione alla tipologia del territorio ed alla richiesta delle aziende. Profilo professionale: Il diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi commerciali ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione alle vendite. In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali e internazionali. E in grado di: contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativocontabile; contribuire alla realizzazione di attività dell area marketing; collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; utilizzare strumenti informativi e programmi applicativi di settore; 5

6 utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del territorio e delle corrispondenti declinazioni; comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di settore collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale Competenze in uscita del percorso quinquennale 1. Individuare le tendenze dei mercati locali, nazionali e internazionali. 2. Interagire nel sistema azienda e riconoscere i diversi modelli di strutture organizzative aziendali. 3. Svolgere attività connesse all utilizzazione delle rilevazioni aziendali con l utilizzo di strumenti tecnologici e software applicativi di settore. 4. Contribuire alla realizzazione dell amministrazione delle risorse umane con riferimento alla gestione delle paghe, al trattamento di fine rapporto ed ai connessi adempimenti previsti dalla normativa vigente. 5. Interagire nell area della logistica e della gestione del magazzino con particolare attenzione alla contabilità. 6. Interagire nell area della gestione commerciale per le attività relative al mercato e finalizzate al raggiungimento della customer satisfaction. 7. Partecipare ad attività dell area marketing ed alla realizzazione di prodotti pubblicitari. 8. Applicare gli strumenti dei sistemi aziendali di controllo di qualità e analizzare i risultati. 9. Realizzare attività tipiche del settore turistico e funzionali all organizzazione di servizi per la valorizzazione del territorio e per la promozione di eventi. 10.Interagire col sistema informativo aziendale anche attraverso l uso di strumenti informatici e telematici. 3. ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO 1.a Profilo del tecnico dei servizi commerciali È una figura inserita nel reparto amministrazione delle imprese di ogni dimensione e settore produttivo che si occupa di fornire informazioni dei servizi offerti, relazionarsi con i terzi, redigere la corrispondenza ordinaria, le scritture 6

7 contabili di base e i relativi registri, tenere la prima nota di cassa, utilizzare il computer e pacchetti applicativi, svolgere attività di marketing. 1.b L area professionalizzante L area professionalizzante (ex terza area) legiferata dal D.Lgs. 15 aprile 2005 n. 77, D.P.R. 15 marzo 2010, n. 87, n. 88, n. 89, prevede per le classi IV e V degli istituti professionali 132 ore di attività in alternanza scuola lavoro (art. 8, comma 3, D.P.R. 15 marzo 2010, n. 87). Il nostro Istituto ha organizzato il periodo di stage (66 ore per il quarto anno e altrettanto ore per il quinto anno) in convenzione con aziende pubbliche e private per consentire il raggiungimento delle competenze professionali previste. Per la classe quinta, il periodo di stage è stato svolto dall otto al venti settembre e poi l anno scolastico è stato dedicato al completamento del percorso di alternanza scuola-lavoro con le attività di restituzione delle esperienze dello stage e di certificazione delle competenze acquisite dagli studenti. Gli studenti hanno partecipato al percorso di 15 ore del progetto Giovani e Impresa, realizzato da Sodalitas dal 17 al 19 febbraio La classe ha realizzato il progetto Impresa Simulata con l azienda Seconda Strada. 1.c Competenze professionali Lo studente ha acquisito le competenze attraverso il percorso formativo effettuato in ambito scolastico e in azienda; il livello finale viene registrato in base alle valutazioni riportate in entrambe le situazioni. La valutazione della certificazione finale esprime il giudizio del tutor aziendale dell attività svolta in azienda e l esito delle prove di cui una integrativa, riguardante le discipline professionalizzanti. Ciascun Consiglio di Classe ha facoltà di decidere la misura in cui le competenze professionali potranno concorrere sulle valutazioni delle discipline professionalizzanti. 1.d Competenze verificate Il progetto Alternanza Scuola-Lavoro ha previsto: per la classe quarta: comprendere il processo di organizzazione dell'impresa, rilevare le principali operazioni di gestione delle imprese individuali e collettive, collaborare alla gestione del processo informativo aziendale, anche attraverso l uso di strumenti informatici. Per la classe quinta: saper interagire nel sistema azienda, svolgere attività connesse all'attuazione delle rilevazioni aziendali, anche con l'utilizzo di strumenti tecnologici e software applicativi di settore, collaborare alla gestione 7

8 del processo informativo aziendale, anche attraverso l uso di strumenti informatici. 1.e Punteggi e livelli della valutazione Non ha raggiunto il possesso della conoscenza/competenza (da 0 a 54); Livello base: l allievo/a svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali (da 55 a 65); Livello intermedio: l allievo/a svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite (da 66 a 80); Livello avanzato: l allievo/a svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell uso delle conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli (da 81 a 100) 4. Profilo della classe OMISSIS 8

9 5. Programmazione collegiale Il profilo professionale relativo alle competenze in uscita del V anno dell Istituto professionale/servizi commerciali, richiede in termini di comportamenti alcune qualità quali: flessibilità, disponibilità al cambiamento, capacità di impegnarsi a fondo per conseguire un obiettivo, adeguate abilità di precisione, attenzione e concentrazione, comportamenti improntati alla tolleranza, al confronto, all autocontrollo, nonché la consapevolezza del proprio ruolo unita a doti di affidabilità. Gli obiettivi educativi, previsti dal P.O.F e recepiti dal C. di C. risultano i seguenti:rispettare sé e gli altri, mostrare capacità di ascolto e dialogo, essere disponibili al reciproco aiuto, valorizzare il contributo degli altri, evitare atteggiamenti egocentrici rispettando le idee altrui, saper gestire il tempo scolastico ed extrascolastico in funzione di una maturazione complessiva della propria personalità, saper osservare e interpretare la realtà socio-economica anche in relazione all inserimento nel mondo del lavoro, saper rispettare scadenze e impegni previsti dalle attività didattiche e formative. Nello svolgimento dell attività didattica, ciascun docente, unitamente allo sviluppo delle competenze previste in sede di programmazione disciplinare, ha avuto cura di sviluppare le competenze di cittadinanza previste dall ordinamento vigente, che vengono di seguito elencate: Collaborare e partecipare (interagire in gruppo valorizzando le proprie e le altrui capacità) Agire in modo autonomo e responsabile (sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale) Imparare a imparare (organizzare efficacemente il proprio apprendimento) Progettare (elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie abilità di studio e di lavoro. Gli obiettivi comportamentali che il C. di C. ha identificato risultano essere: impegno e studio costante, frequenza regolare, seria volontà di migliorare la propria preparazione in tutte le discipline, attenzione e partecipazione durante le lezioni. Gli obiettivi didattici, strettamente collegati a quanto previsto dalle singole programmazioni disciplinari, risultano essere: conoscere gli argomenti proposti e saperli applicare nelle prove scritte o orali previste dalle varie discipline (sapere e saper fare), esporre quanto appreso utilizzando un lessico corretto ed una terminologia appropriata operando anche opportuni approfondimenti e collegamenti interdisciplinari, saper valorizzare positivamente l esperienza maturata nelle 9

10 aziende nella fase di alternanza scuola-lavoro. Per quanto riguarda i criteri e strumenti di valutazione i docenti hanno fatto riferimento alla tabella di esplicitazione dei singoli voti allegata al P.O.F. I livelli di attribuzione del punteggio, con esplicitazione delle soglie d accettabilità, sono stati definiti nelle riunioni per materie. La valutazione dei singoli alunni, inoltre, è stata intesa come una verifica degli atteggiamenti nelle varie fasi del processo di apprendimento, in particolare nella valutazione sia intermedia, sia finale si è tenuto conto anche dei livelli di partenza, degli standard di disciplina, dell interesse, impegno e partecipazione attiva al lavoro scolastico, della adeguatezza del metodo di studio. Relativamente all ampliamento dell offerta formativa si fa presente quanto segue: la classe ha partecipato alla Giornata dell Unità nazionale presso il Teatro Apollonio di Varese, ha assistito alla rappresentazione teatrale Sei personaggi in cerca d autore di L. Pirandello, ha partecipato alle giornate di orientamento post-diploma, ha effettuato la visita al Vittoriale. 6. Simulazione prove scritte d esame Sono state svolte simulazioni di prima, seconda e terza prova d esame: prima prova: e stata somministrata in data 2 dicembre 2014 la Prova Ministeriale di Italiano, Sessione ordinaria del Si allega di seguito la griglia di valutazione. Seconda prova: secondo periodo in data 23 aprile Si allega di seguito il testo della prova e la griglia di valutazione. - Terza prova: secondo periodo Si allegano di seguito i testi delle due prove e la griglia di valutazione. Relativamente alle simulazioni della terza prova la tipologia individuata dal C. di C. è stata la B - quesiti a risposta singola - ; le quattro materie oggetto di entrambe le simulazioni sono state : diritto/economia, lingua inglese, lingua tedesca e matematica. La durata della prova è stata di 120 minuti + eventuali 30 minuti per le allieve con D.S.A. Non è stato consentito l uso del vocabolario in lingua straniera nè del Codice Civile. 10

11 SIMULAZIONE PRIMA PROVA GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA A CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. COMPRENSIONE GLOBALE Nulla o molto limitata 0 / 1 Limitata 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 2. ANALISI DEL TESTO Assente o molto limitata 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 3. CONTESTUALIZZAZIONE Assente o molto limitata 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 11

12 GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA B CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. ADERENZA ALLA TRACCIA E UTILIZZO DEI DOCUMENTI Nulli o molto limitati 0 / 1 Limitati 1,5 Essenziali 2 Completi 2,5 Ampi e rielaborati 3 2. SVILUPPO DEI CONTENUTI E CAPACITÀ CRITICHE Molto limitati 0 / 1 Parziali 1,5 Essenziali 2 Completi 2,5 Ampi e approfonditi 3 3. ORGANICITÀ ED ESPOSIZIONE Elaborato frammentario e incoerente 0 / 1 Elaborato disorganico e poco scorrevole 1,5 Elaborato abbastanza organico e scorrevole 2 Elaborato organico e scorrevole 2,5 Elaborato organico, fluido e strettamente coerente 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA C e D CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. ADERENZA ALLA TRACCIA Nulla o molto limitata 0 / 1 Limitata 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e rielaborata 3 2. SVILUPPO DEI CONTENUTI Molto limitato 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completo 2,5 Ampio e approfondito 3 3. ORGANICITÀ ED ESPOSIZIONE Elaborato frammentario e incoerente 0 / 1 Elaborato disorganico e poco scorrevole 1,5 Elaborato abbastanza organico e scorrevole 2 Elaborato organico e scorrevole 2,5 Elaborato organico, fluido e strettamente coerente 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 13

14 TESTO SIMULAZIONE SECONDA PROVA Tecniche professionali dei servizi commerciali Il bilancio d'esercizio fornisce informazioni fondamentali sulla consistenza patrimoniale e sull'andamento finanziario ed economico di un'impresa e deve essere redatto secondo principi contabili corretti. Il candidato illustri i vari documenti che compongono il bilancio d'esercizio e descriva i principi fondamentali di redazione dello stato patrimoniale e del conto economico. La trattazione deve essere integrata con lo sviluppo del seguente caso aziendale. La Felix spa è un'impresa industriale di medie dimensioni. E' dotata di un capitale sociale di di euro, con attività correnti pari al 40% degli investimenti. La struttura economica, patrimoniale e finanziaria dell'azienda nell'esercizio "n" è caratterizzata dai seguenti valori e indici: Utile dell'esercizio euro ROE 5% Margine operativo netto euro ROI 8,20% ROS 6% Incidenza delle passività consolidate 15% Imposte dell'esercizio euro Valore aggiunto 40% dei ricavi netti di vendita. Utilizzando i dati a disposizione e ipotizzando opportunamente quelli mancanti, redigi lo Stato patrimoniale sintetico (rielaborato senza tenere conto della destinazione dell'utile d'esercizio) e il Conto economico sintetico nella configurazione a valore aggiunto. Di seguito il candidato sviluppi uno dei seguenti punti. A Il candidato esponga e commenti le fasi in cui si sviluppa il processo di pianificazione all'interno di un'azienda soffermandosi sul seguente argomento: le differenze tra contabilità a costi pieni (full costing) e quella a costi variabili (direct costing) evidenziando pregi e vantaggi delle due contabilità. B Il candidato illustri l importanza dell analisi di bilancio per una corretta e approfondita interpretazione del medesimo e per esprimere un giudizio sullo stato di salute dell azienda 14

15 TOTALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA CANDIDATO /A IL VOTO DELLA PROVA SI OTTIENE DIVIDENDO IL TOTALE PER IL NUMERO DEGLI INDICATORI (5). IN CASO DI DECIMALI, IL VOTO SI ARROTONDA ALL UNITA SUPERIORE PER FRAZIONI MAGGIORI O UGUALI A 0,5. Nulla Assol. insuff./ Grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto/Buono Ottimo/Eccellente Esito prova Quindicesimi/ Decimi/ Indicatori 1. D escrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Aderenza alla traccia Nulla Appena accennata, frammentaria, lacunosa Generica Essenzial e Completa Completa e approfondita Conoscenze Nulle Appena accennate, frammentarie, lacunose Esposizione organica e terminologicame nte corretta Del tutto inesistente Forma scorretta con gravi improprietà lessicali Generich e Forma scorretta con imprecisi oni Essenzial i Lessico semplice e non sempre specifico Complete Lessico appropriato con utilizzo della terminologia specifica Esaurienti, corrette, approfondite Lessico ricco con utilizzo appropriato della terminologia specifica Applicazione Nessuna Gravenente errata, frammentaria, lacunosa Con errori diffusi ma non gravi Analisi e sintesi Assente Approssimativa e marginale Non bene articolata Essenzial e Essenzial e Corretta ma con imprecisioni Soddisfacente ma con imprecisioni Completa, corretta e organica Soddisfacente TOTALE: Voto prova /15 15

16 I^SIMULAZIONE TERZA PROVA 9/3/ 15 CLASSE V B TPOPLOGIA B DIRITTO/ECON NOME E COGNOME 1) Definisci il Reddito Nazionale Lordo e i suoi impieghi nel sistema economico attraverso i flussi reali e monetari... 2) Descrivi le modalità di misurazione dell inflazione, da parte dell Istat, attraverso il sistema dei numeri indice... 3) Dopo aver definito l autonomia contrattuale e il contratto in generale, indicane gli elementi essenziali e accidentali... 16

17 Cognome e nome Lunedì 9 marzo 2015 classe 5 B Simulazione 3 prova inglese 1. choose a possible means of transportation for goods and explain pros and cons 2. what is a trading bloc? What are its aims and advantages? 3. the euro and the euro zone: explain advantages and disadvantages 17

18 NAME. Lunedì 9 marzo 2015 classe 5 B Tedesco 1. Was ist der Unterschied zwischen Marketing und Werbung? 2. Warum wurde Ferrero wegen Fernsehwerbung verklagt? 3. Was ist charakteristisch für die Werbung von Milka? 18

19 SIMULAZIONE TERZA PROVA DI MATEMATICA Classe a.s. 2014/2015 Prof. Ventre Nome 1. Sia data la funzione il cui grafico è mostrato in figura: Determinare il volume del solido che si ottiene da una rotazione completa del grafico intorno all asse x nell intervallo [-2;2]

20 2. Determinare massimi, minimi, flessi orizzontali per la seguente funzione: Determina una primitiva per il seguente integrale: 20

21 II Simulazione TERZA PROVA 15/4/ 15 TIPOLOGIA B DIR.-ECON. 1) Spiega quali sono le principali differenze fra il contratto di locazione e il contratto di mutuo ) Indica le finalità della cosiddetta manovra finanziaria anche attraverso i progetti di legge e i documenti predisposti annualmente dal Governo ) Analizza gli ambiti operativi degli interventi della legislazione sociale in base a quanto disposto dall art. 38 Cost

22 Nome e Cognome 15 aprile 2015 Terza Prova Inglese 1. What is a market research? How and why is it performed? 2. How do companies differentiate their products from those of the competitors? 3. Define promotion online 22

23 NAME classe V B 15 aprile 2015 Tedesco 4. Welche sind die wichtigsten Banken Deutschlands? 5. Wie ist der Teddybär weltweit bekannt geworden? 6. Was ist charakteristisch für die Werbung von HARIBO? 23

24 SIMULAZIONE TERZA PROVA MATEMATICA Prof. Vito Ventre 15 aprile 2015 Classe V B Nome 1. Un urna contiene 4 palline numerate da 1 a 4. Si estraggono consecutivamente 3 palline. Si costruisca il diagramma ad albero che rappresenta lo spazio degli eventi; Si determini la probabilità che le tre palline estratte contengano solo numeri dispari; Si determini la probabilità che la sequenza estratta sia ordinata in ordine crescente. 2. Scrivere l equazione della tangente al grafico della funzione in corrispondenza di 24

25 3. Determinare il valore del seguente integrale: 25

26 A.S classe VB SCHEDA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA tipologia B quesiti a risposta singola Tempo a disposizione: 120 minuti + eventuali 30 minuti per alunni DSA Non è consentito l uso del Codice Civile Non è consentito l uso di Dizionari in lingua straniera Alunno/a... classe... Punteggio singoli quesiti Indicatori 5 punti Risposta esauriente e completa 4 punti Risposta completa con qualche imprecisione o quasi completa, ma corretta 3,3 punti Risposta accettabile, sono riportati gli elementi essenziali, complessivamente corretta 2 punti Risposta parziale, con errori diffusi, ma non gravi 1 punto Risposta parziale, generica, confusa e con errori 0,5 punti Risposta non data Quesito1 Disciplina1 Disciplina2 Disciplina3 Disciplina4 totale Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../60 Varese,... VOTO PROVA.../15 26

27 Programmi svolti Programma di Diritto/Economia prof. Ivana Botta Testo in uso: S. Crocetti Società e cittadini oggi 2 Tramontana IL CONTRATTO (20 ore*) Da pag. 12 a pag Il contratto in generale 2. Gli elementi del contratto 3. L invalidità del contratto 4. La rescissione e la risoluzione del contratto 5. I principali contratti tipici 6. I principali contratti d impresa 7. I principali contratti di lavoro DOSSIER LAVORO (12 ore*) Da pag. 220 a pag Cercare il lavoro: il metodo 2. Il primo passo: preparare il curriculum 3. la lettera di presentazione 4. i canali di ricerca 5. La mia presentazione ha funzionato: il colloquio 7. che cosa mi offrono? I contratti atipici 8. E se mi mettessi in proprio? Il lavoro autonomo 9. cercare lavoro nell Unione Europea ECONOMIA POLITICA E INFORMAZIONE ECONOMICA (25 ore*) Da pag. 50 a pag Attività economica ed economia politica 2. Il problema delle scelte 3. La scienza economica 4. L economia politica e le altre discipline 5. L importanza dell informazione economica 6. La rappresentazione grafica dei dati economici 7. L informazione economica statistica 8. Il calcolo dell inflazione 9. I dati occupazionali 10. Gli altri canali dell informazione economica 11. I dati della contabilità nazionale 12. Il prodotto nazionale e interno 13. I vari modi di calcolare il prodotto nazionale 14. Il reddito nazionale 15. I documenti della contabilità nazionale 16. Gli indicatori dello sviluppo 17. Gli indicatori della finanza pubblica 18. I documenti della programmazione pubblica 27

28 LA LEGISLAZIONE SOCIALE (25 0RE*) Da pag. 114 a pag Il sistema di sicurezza sociale 2. Il sistema della previdenza 3. La pensione di vecchiaia e la pensione anticipata 4. le prestazioni previdenziali per la perdita della capacità di lavorare 5. le prestazioni a sostegno del reddito 6. L assicurazione contro gli infortuni e malattie professionali 7. la tutela del lavoro femminile 8. L integrazione lavorativa 9. la legislazione sociale sanitaria 10. le aziende Usl 11. L assistenza sociale 12. La legislazione in materia di sicurezza sul lavoro 13. Il T.U. sulla sicurezza sul lavoro 81/ Gli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro 15. il servizio di prevenzione e protezione e gli obblighi dei lavoratori IL DOCUMENTO DIGITALE (10 ore*) pag. 174 (cenni) Pag. 175 (cenni) Pag. 178 (cenni) Pag. 181 (cenni) Pag (cenni) Pag. 187 (cenni) Pag. 191 (cenni) Pag (cenni) riservatezza 1) Il documento giuridico 2) L efficacia probatoria delle scritture private 3) La nozione di documento informatico 4) Modalità di utilizzo della firma digitale 5) L efficacia probatoria del documento informatico 6) Posta elettronica certificata 7) La fattura elettronica 8) La protezione dei dati personali e il diritto alla *= esclusi tempi di verifica scritta e orale, recupero/approfondimento e simulazioni terza prova Programma di tecniche della comunicazione e relazione Prof. Andrea Ronco classe Vb anno scolastico Modulo 1: Il direct marketing (8 ore) - Gli obiettivi del marketing di relazione - Gli strumenti del direct marketing - Il database - Il telemarketing - La misurabilità del DM e la campagna di direct marketing - Il Customer Relationship Management Modulo 2: Comunicare con gli eventi (5 ore) - Cosa s intende per evento - La pianificazione - Scegliere la sede dell evento e promuoverlo 28

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli