ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a B SERVIZI COMMERCIALI A.S IL CONSIGLIO DI CLASSE Ivana Botta Maria Lucia Franchina Vito Ventre Andrea Ronco Anna Marfia Laura Padricelli Monica Maria Zonca Maura Mori Domenico Tuttolomondo Diritto/Economia Tecniche professionali dei servizi commerciali Matematica Tecniche di comunicazione e relazione Italiano e Storia Scienze motorie e sportive Inglese Tedesco Compresenza laboratorio trattamento testi - Posta certificata codice meccanografico VARC02000L C.F

2 Sommario 1. L indirizzo Servizi commerciali secondo il nuovo ordinamento Settore: Servizi - Indirizzo: Commerciale (DPR 15 marzo 2010 n 87) Pag Profilo dell'indirizzo Servizi commerciali Pag Alternanza scuola - lavoro Pag Profilo della classe Pag Programmazione Collegiale del Consiglio di Classe Pag Simulazione prove scritte e griglie di valutazione: - griglie di valutazione prima prova - testo della simulazione seconda prova - griglie di valutazione seconda prova - testo delle simulazioni terza prova - griglia di valutazione terza prova Pag Pag Pag. 14 Pag. 15 Pag Pag Programma di Diritto/Economia Pag Programma di Tecniche di comunicazione e relazione Pag Programma di Tecniche professionali dei servizi commerciali Pag Programma di Lingua Tedesca Pag Programma di Lingua Inglese Pag Programma di Scienze motorie e sportive Pag Programma di Matematica Pag Programma di Lingua e letteratura italiana Pag Programma di Storia Pag. 37 2

3 1. L indirizzo Servizi commerciali secondo il nuovo ordinamento - Settore: Servizi - Indirizzo: Commerciale DPR 15 marzo 2010 n 87 L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali, sia nell attività di promozione delle vendite; in tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli grafici e pubblicitari. Le competenze sono declinate per consentire allo studente l opportunità di operare con una visione organica e di sistema all interno di un azienda, affinando la professionalità di base con approfondimenti in uno dei tre ambiti di riferimento che caratterizzano l indirizzo di studi. L identità dell indirizzo tiene conto, inoltre, delle diverse connotazioni che assumono oggi i servizi commerciali, sia per le dimensioni e le tipologie delle strutture aziendali, sia per le diverse esigenze delle filiere di riferimento. L indirizzo consente poi di sviluppare percorsi flessibili e favorire l orientamento dei giovani rispetto alle proprie vocazioni professionali. 3

4 ATTIVITA E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE SERVIZI discipline ORE ANNUE 1 BIENNIO 2 biennio Quinto anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze integrate Scienze motorie e sportive RC o attività alternative Totale ore Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Totale complessivo ore INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI NELL AREA DI INDIRIZZO discipline ORE ANNUE PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO 5 ANNO Scienze integrate (Fisica) 66 Scienze integrate 66 Informatica e laboratorio Tecniche professionali dei servizi commerciali Di cui in compresenza 132* 132* 66* Seconda lingua straniera Diritto/economia Tecniche di comunicazione Ore totali Di cui in compresenza 132* 132* 66* 4

5 * L attività didattica di laboratorio caratterizza l area di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza. Le istituzioni scolastiche, nell ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore. 2. Profilo dell indirizzo Servizi commerciali All interno del profilo professionale di riferimento, l ambito commerciale tende a sviluppare, in particolare nel secondo biennio e quinto anno, competenze che orientano lo studente nel contesto economico sociale generale e territoriale, declinate per operare con una visione organica e di sistema all interno dell azienda, di sviluppare una professionalità di base ben strutturata e flessibile nell area economico aziendale, con la possibilità di attivare approfondimenti in relazione alla tipologia del territorio ed alla richiesta delle aziende. Profilo professionale: Il diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi commerciali ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione alle vendite. In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali e internazionali. E in grado di: contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativocontabile; contribuire alla realizzazione di attività dell area marketing; collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; utilizzare strumenti informativi e programmi applicativi di settore; 5

6 utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del territorio e delle corrispondenti declinazioni; comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di settore collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale Competenze in uscita del percorso quinquennale 1. Individuare le tendenze dei mercati locali, nazionali e internazionali. 2. Interagire nel sistema azienda e riconoscere i diversi modelli di strutture organizzative aziendali. 3. Svolgere attività connesse all utilizzazione delle rilevazioni aziendali con l utilizzo di strumenti tecnologici e software applicativi di settore. 4. Contribuire alla realizzazione dell amministrazione delle risorse umane con riferimento alla gestione delle paghe, al trattamento di fine rapporto ed ai connessi adempimenti previsti dalla normativa vigente. 5. Interagire nell area della logistica e della gestione del magazzino con particolare attenzione alla contabilità. 6. Interagire nell area della gestione commerciale per le attività relative al mercato e finalizzate al raggiungimento della customer satisfaction. 7. Partecipare ad attività dell area marketing ed alla realizzazione di prodotti pubblicitari. 8. Applicare gli strumenti dei sistemi aziendali di controllo di qualità e analizzare i risultati. 9. Realizzare attività tipiche del settore turistico e funzionali all organizzazione di servizi per la valorizzazione del territorio e per la promozione di eventi. 10.Interagire col sistema informativo aziendale anche attraverso l uso di strumenti informatici e telematici. 3. ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO 1.a Profilo del tecnico dei servizi commerciali È una figura inserita nel reparto amministrazione delle imprese di ogni dimensione e settore produttivo che si occupa di fornire informazioni dei servizi offerti, relazionarsi con i terzi, redigere la corrispondenza ordinaria, le scritture 6

7 contabili di base e i relativi registri, tenere la prima nota di cassa, utilizzare il computer e pacchetti applicativi, svolgere attività di marketing. 1.b L area professionalizzante L area professionalizzante (ex terza area) legiferata dal D.Lgs. 15 aprile 2005 n. 77, D.P.R. 15 marzo 2010, n. 87, n. 88, n. 89, prevede per le classi IV e V degli istituti professionali 132 ore di attività in alternanza scuola lavoro (art. 8, comma 3, D.P.R. 15 marzo 2010, n. 87). Il nostro Istituto ha organizzato il periodo di stage (66 ore per il quarto anno e altrettanto ore per il quinto anno) in convenzione con aziende pubbliche e private per consentire il raggiungimento delle competenze professionali previste. Per la classe quinta, il periodo di stage è stato svolto dall otto al venti settembre e poi l anno scolastico è stato dedicato al completamento del percorso di alternanza scuola-lavoro con le attività di restituzione delle esperienze dello stage e di certificazione delle competenze acquisite dagli studenti. Gli studenti hanno partecipato al percorso di 15 ore del progetto Giovani e Impresa, realizzato da Sodalitas dal 17 al 19 febbraio La classe ha realizzato il progetto Impresa Simulata con l azienda Seconda Strada. 1.c Competenze professionali Lo studente ha acquisito le competenze attraverso il percorso formativo effettuato in ambito scolastico e in azienda; il livello finale viene registrato in base alle valutazioni riportate in entrambe le situazioni. La valutazione della certificazione finale esprime il giudizio del tutor aziendale dell attività svolta in azienda e l esito delle prove di cui una integrativa, riguardante le discipline professionalizzanti. Ciascun Consiglio di Classe ha facoltà di decidere la misura in cui le competenze professionali potranno concorrere sulle valutazioni delle discipline professionalizzanti. 1.d Competenze verificate Il progetto Alternanza Scuola-Lavoro ha previsto: per la classe quarta: comprendere il processo di organizzazione dell'impresa, rilevare le principali operazioni di gestione delle imprese individuali e collettive, collaborare alla gestione del processo informativo aziendale, anche attraverso l uso di strumenti informatici. Per la classe quinta: saper interagire nel sistema azienda, svolgere attività connesse all'attuazione delle rilevazioni aziendali, anche con l'utilizzo di strumenti tecnologici e software applicativi di settore, collaborare alla gestione 7

8 del processo informativo aziendale, anche attraverso l uso di strumenti informatici. 1.e Punteggi e livelli della valutazione Non ha raggiunto il possesso della conoscenza/competenza (da 0 a 54); Livello base: l allievo/a svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali (da 55 a 65); Livello intermedio: l allievo/a svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite (da 66 a 80); Livello avanzato: l allievo/a svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell uso delle conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli (da 81 a 100) 4. Profilo della classe OMISSIS 8

9 5. Programmazione collegiale Il profilo professionale relativo alle competenze in uscita del V anno dell Istituto professionale/servizi commerciali, richiede in termini di comportamenti alcune qualità quali: flessibilità, disponibilità al cambiamento, capacità di impegnarsi a fondo per conseguire un obiettivo, adeguate abilità di precisione, attenzione e concentrazione, comportamenti improntati alla tolleranza, al confronto, all autocontrollo, nonché la consapevolezza del proprio ruolo unita a doti di affidabilità. Gli obiettivi educativi, previsti dal P.O.F e recepiti dal C. di C. risultano i seguenti:rispettare sé e gli altri, mostrare capacità di ascolto e dialogo, essere disponibili al reciproco aiuto, valorizzare il contributo degli altri, evitare atteggiamenti egocentrici rispettando le idee altrui, saper gestire il tempo scolastico ed extrascolastico in funzione di una maturazione complessiva della propria personalità, saper osservare e interpretare la realtà socio-economica anche in relazione all inserimento nel mondo del lavoro, saper rispettare scadenze e impegni previsti dalle attività didattiche e formative. Nello svolgimento dell attività didattica, ciascun docente, unitamente allo sviluppo delle competenze previste in sede di programmazione disciplinare, ha avuto cura di sviluppare le competenze di cittadinanza previste dall ordinamento vigente, che vengono di seguito elencate: Collaborare e partecipare (interagire in gruppo valorizzando le proprie e le altrui capacità) Agire in modo autonomo e responsabile (sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale) Imparare a imparare (organizzare efficacemente il proprio apprendimento) Progettare (elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie abilità di studio e di lavoro. Gli obiettivi comportamentali che il C. di C. ha identificato risultano essere: impegno e studio costante, frequenza regolare, seria volontà di migliorare la propria preparazione in tutte le discipline, attenzione e partecipazione durante le lezioni. Gli obiettivi didattici, strettamente collegati a quanto previsto dalle singole programmazioni disciplinari, risultano essere: conoscere gli argomenti proposti e saperli applicare nelle prove scritte o orali previste dalle varie discipline (sapere e saper fare), esporre quanto appreso utilizzando un lessico corretto ed una terminologia appropriata operando anche opportuni approfondimenti e collegamenti interdisciplinari, saper valorizzare positivamente l esperienza maturata nelle 9

10 aziende nella fase di alternanza scuola-lavoro. Per quanto riguarda i criteri e strumenti di valutazione i docenti hanno fatto riferimento alla tabella di esplicitazione dei singoli voti allegata al P.O.F. I livelli di attribuzione del punteggio, con esplicitazione delle soglie d accettabilità, sono stati definiti nelle riunioni per materie. La valutazione dei singoli alunni, inoltre, è stata intesa come una verifica degli atteggiamenti nelle varie fasi del processo di apprendimento, in particolare nella valutazione sia intermedia, sia finale si è tenuto conto anche dei livelli di partenza, degli standard di disciplina, dell interesse, impegno e partecipazione attiva al lavoro scolastico, della adeguatezza del metodo di studio. Relativamente all ampliamento dell offerta formativa si fa presente quanto segue: la classe ha partecipato alla Giornata dell Unità nazionale presso il Teatro Apollonio di Varese, ha assistito alla rappresentazione teatrale Sei personaggi in cerca d autore di L. Pirandello, ha partecipato alle giornate di orientamento post-diploma, ha effettuato la visita al Vittoriale. 6. Simulazione prove scritte d esame Sono state svolte simulazioni di prima, seconda e terza prova d esame: prima prova: e stata somministrata in data 2 dicembre 2014 la Prova Ministeriale di Italiano, Sessione ordinaria del Si allega di seguito la griglia di valutazione. Seconda prova: secondo periodo in data 23 aprile Si allega di seguito il testo della prova e la griglia di valutazione. - Terza prova: secondo periodo Si allegano di seguito i testi delle due prove e la griglia di valutazione. Relativamente alle simulazioni della terza prova la tipologia individuata dal C. di C. è stata la B - quesiti a risposta singola - ; le quattro materie oggetto di entrambe le simulazioni sono state : diritto/economia, lingua inglese, lingua tedesca e matematica. La durata della prova è stata di 120 minuti + eventuali 30 minuti per le allieve con D.S.A. Non è stato consentito l uso del vocabolario in lingua straniera nè del Codice Civile. 10

11 SIMULAZIONE PRIMA PROVA GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA A CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. COMPRENSIONE GLOBALE Nulla o molto limitata 0 / 1 Limitata 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 2. ANALISI DEL TESTO Assente o molto limitata 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 3. CONTESTUALIZZAZIONE Assente o molto limitata 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e approfondita 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 11

12 GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA B CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. ADERENZA ALLA TRACCIA E UTILIZZO DEI DOCUMENTI Nulli o molto limitati 0 / 1 Limitati 1,5 Essenziali 2 Completi 2,5 Ampi e rielaborati 3 2. SVILUPPO DEI CONTENUTI E CAPACITÀ CRITICHE Molto limitati 0 / 1 Parziali 1,5 Essenziali 2 Completi 2,5 Ampi e approfonditi 3 3. ORGANICITÀ ED ESPOSIZIONE Elaborato frammentario e incoerente 0 / 1 Elaborato disorganico e poco scorrevole 1,5 Elaborato abbastanza organico e scorrevole 2 Elaborato organico e scorrevole 2,5 Elaborato organico, fluido e strettamente coerente 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZONE ELABORATI TIPOLOGIA C e D CANDIDATO Indicatori e livelli Punteggio 1. ADERENZA ALLA TRACCIA Nulla o molto limitata 0 / 1 Limitata 1,5 Essenziale 2 Completa 2,5 Ampia e rielaborata 3 2. SVILUPPO DEI CONTENUTI Molto limitato 0 / 1 Parziale 1,5 Essenziale 2 Completo 2,5 Ampio e approfondito 3 3. ORGANICITÀ ED ESPOSIZIONE Elaborato frammentario e incoerente 0 / 1 Elaborato disorganico e poco scorrevole 1,5 Elaborato abbastanza organico e scorrevole 2 Elaborato organico e scorrevole 2,5 Elaborato organico, fluido e strettamente coerente 3 4. ORTOGRAFIA, PUNTEGGIATURA E MORFOSINTASSI Gravemente scorrette 0 / 1 Con errori diffusi ma non gravi 1,5 Nel complesso corrette 2 Corrette 2,5 Corrette e curate 3 5. PROPRIETÀ LESSICALE E DI LINGUAGGIO Gravi improprietà lessicali e/o espressive 0 / 1 Lessico / linguaggio poco appropriati 1,5 Lessico / linguaggio correnti 2 Lessico / linguaggio adeguati 2,5 Lessico curato e vario, espressione sciolta 3 PUNTEGGIO TOTALE E VALUTAZIONE Corrispondenza Misurazione / Valutazione 15/14,5=15 14/13,5=14 13/12,5=13 12/11,5=12 11/10,5=11 10/9,5=10 9/8,5=9 8/7,5=8 7/6,5=7 6/5,5=6 5/4,5=5 4/3,5=4 3/2,5=3 2/1,5=2 1/0=1 13

14 TESTO SIMULAZIONE SECONDA PROVA Tecniche professionali dei servizi commerciali Il bilancio d'esercizio fornisce informazioni fondamentali sulla consistenza patrimoniale e sull'andamento finanziario ed economico di un'impresa e deve essere redatto secondo principi contabili corretti. Il candidato illustri i vari documenti che compongono il bilancio d'esercizio e descriva i principi fondamentali di redazione dello stato patrimoniale e del conto economico. La trattazione deve essere integrata con lo sviluppo del seguente caso aziendale. La Felix spa è un'impresa industriale di medie dimensioni. E' dotata di un capitale sociale di di euro, con attività correnti pari al 40% degli investimenti. La struttura economica, patrimoniale e finanziaria dell'azienda nell'esercizio "n" è caratterizzata dai seguenti valori e indici: Utile dell'esercizio euro ROE 5% Margine operativo netto euro ROI 8,20% ROS 6% Incidenza delle passività consolidate 15% Imposte dell'esercizio euro Valore aggiunto 40% dei ricavi netti di vendita. Utilizzando i dati a disposizione e ipotizzando opportunamente quelli mancanti, redigi lo Stato patrimoniale sintetico (rielaborato senza tenere conto della destinazione dell'utile d'esercizio) e il Conto economico sintetico nella configurazione a valore aggiunto. Di seguito il candidato sviluppi uno dei seguenti punti. A Il candidato esponga e commenti le fasi in cui si sviluppa il processo di pianificazione all'interno di un'azienda soffermandosi sul seguente argomento: le differenze tra contabilità a costi pieni (full costing) e quella a costi variabili (direct costing) evidenziando pregi e vantaggi delle due contabilità. B Il candidato illustri l importanza dell analisi di bilancio per una corretta e approfondita interpretazione del medesimo e per esprimere un giudizio sullo stato di salute dell azienda 14

15 TOTALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA CANDIDATO /A IL VOTO DELLA PROVA SI OTTIENE DIVIDENDO IL TOTALE PER IL NUMERO DEGLI INDICATORI (5). IN CASO DI DECIMALI, IL VOTO SI ARROTONDA ALL UNITA SUPERIORE PER FRAZIONI MAGGIORI O UGUALI A 0,5. Nulla Assol. insuff./ Grav. Insuff. Insuff. Suff. Discreto/Buono Ottimo/Eccellente Esito prova Quindicesimi/ Decimi/ Indicatori 1. D escrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Descrizione del livello Aderenza alla traccia Nulla Appena accennata, frammentaria, lacunosa Generica Essenzial e Completa Completa e approfondita Conoscenze Nulle Appena accennate, frammentarie, lacunose Esposizione organica e terminologicame nte corretta Del tutto inesistente Forma scorretta con gravi improprietà lessicali Generich e Forma scorretta con imprecisi oni Essenzial i Lessico semplice e non sempre specifico Complete Lessico appropriato con utilizzo della terminologia specifica Esaurienti, corrette, approfondite Lessico ricco con utilizzo appropriato della terminologia specifica Applicazione Nessuna Gravenente errata, frammentaria, lacunosa Con errori diffusi ma non gravi Analisi e sintesi Assente Approssimativa e marginale Non bene articolata Essenzial e Essenzial e Corretta ma con imprecisioni Soddisfacente ma con imprecisioni Completa, corretta e organica Soddisfacente TOTALE: Voto prova /15 15

16 I^SIMULAZIONE TERZA PROVA 9/3/ 15 CLASSE V B TPOPLOGIA B DIRITTO/ECON NOME E COGNOME 1) Definisci il Reddito Nazionale Lordo e i suoi impieghi nel sistema economico attraverso i flussi reali e monetari... 2) Descrivi le modalità di misurazione dell inflazione, da parte dell Istat, attraverso il sistema dei numeri indice... 3) Dopo aver definito l autonomia contrattuale e il contratto in generale, indicane gli elementi essenziali e accidentali... 16

17 Cognome e nome Lunedì 9 marzo 2015 classe 5 B Simulazione 3 prova inglese 1. choose a possible means of transportation for goods and explain pros and cons 2. what is a trading bloc? What are its aims and advantages? 3. the euro and the euro zone: explain advantages and disadvantages 17

18 NAME. Lunedì 9 marzo 2015 classe 5 B Tedesco 1. Was ist der Unterschied zwischen Marketing und Werbung? 2. Warum wurde Ferrero wegen Fernsehwerbung verklagt? 3. Was ist charakteristisch für die Werbung von Milka? 18

19 SIMULAZIONE TERZA PROVA DI MATEMATICA Classe a.s. 2014/2015 Prof. Ventre Nome 1. Sia data la funzione il cui grafico è mostrato in figura: Determinare il volume del solido che si ottiene da una rotazione completa del grafico intorno all asse x nell intervallo [-2;2]

20 2. Determinare massimi, minimi, flessi orizzontali per la seguente funzione: Determina una primitiva per il seguente integrale: 20

21 II Simulazione TERZA PROVA 15/4/ 15 TIPOLOGIA B DIR.-ECON. 1) Spiega quali sono le principali differenze fra il contratto di locazione e il contratto di mutuo ) Indica le finalità della cosiddetta manovra finanziaria anche attraverso i progetti di legge e i documenti predisposti annualmente dal Governo ) Analizza gli ambiti operativi degli interventi della legislazione sociale in base a quanto disposto dall art. 38 Cost

22 Nome e Cognome 15 aprile 2015 Terza Prova Inglese 1. What is a market research? How and why is it performed? 2. How do companies differentiate their products from those of the competitors? 3. Define promotion online 22

23 NAME classe V B 15 aprile 2015 Tedesco 4. Welche sind die wichtigsten Banken Deutschlands? 5. Wie ist der Teddybär weltweit bekannt geworden? 6. Was ist charakteristisch für die Werbung von HARIBO? 23

24 SIMULAZIONE TERZA PROVA MATEMATICA Prof. Vito Ventre 15 aprile 2015 Classe V B Nome 1. Un urna contiene 4 palline numerate da 1 a 4. Si estraggono consecutivamente 3 palline. Si costruisca il diagramma ad albero che rappresenta lo spazio degli eventi; Si determini la probabilità che le tre palline estratte contengano solo numeri dispari; Si determini la probabilità che la sequenza estratta sia ordinata in ordine crescente. 2. Scrivere l equazione della tangente al grafico della funzione in corrispondenza di 24

25 3. Determinare il valore del seguente integrale: 25

26 A.S classe VB SCHEDA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA tipologia B quesiti a risposta singola Tempo a disposizione: 120 minuti + eventuali 30 minuti per alunni DSA Non è consentito l uso del Codice Civile Non è consentito l uso di Dizionari in lingua straniera Alunno/a... classe... Punteggio singoli quesiti Indicatori 5 punti Risposta esauriente e completa 4 punti Risposta completa con qualche imprecisione o quasi completa, ma corretta 3,3 punti Risposta accettabile, sono riportati gli elementi essenziali, complessivamente corretta 2 punti Risposta parziale, con errori diffusi, ma non gravi 1 punto Risposta parziale, generica, confusa e con errori 0,5 punti Risposta non data Quesito1 Disciplina1 Disciplina2 Disciplina3 Disciplina4 totale Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../5 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../15 Tot.../60 Varese,... VOTO PROVA.../15 26

27 Programmi svolti Programma di Diritto/Economia prof. Ivana Botta Testo in uso: S. Crocetti Società e cittadini oggi 2 Tramontana IL CONTRATTO (20 ore*) Da pag. 12 a pag Il contratto in generale 2. Gli elementi del contratto 3. L invalidità del contratto 4. La rescissione e la risoluzione del contratto 5. I principali contratti tipici 6. I principali contratti d impresa 7. I principali contratti di lavoro DOSSIER LAVORO (12 ore*) Da pag. 220 a pag Cercare il lavoro: il metodo 2. Il primo passo: preparare il curriculum 3. la lettera di presentazione 4. i canali di ricerca 5. La mia presentazione ha funzionato: il colloquio 7. che cosa mi offrono? I contratti atipici 8. E se mi mettessi in proprio? Il lavoro autonomo 9. cercare lavoro nell Unione Europea ECONOMIA POLITICA E INFORMAZIONE ECONOMICA (25 ore*) Da pag. 50 a pag Attività economica ed economia politica 2. Il problema delle scelte 3. La scienza economica 4. L economia politica e le altre discipline 5. L importanza dell informazione economica 6. La rappresentazione grafica dei dati economici 7. L informazione economica statistica 8. Il calcolo dell inflazione 9. I dati occupazionali 10. Gli altri canali dell informazione economica 11. I dati della contabilità nazionale 12. Il prodotto nazionale e interno 13. I vari modi di calcolare il prodotto nazionale 14. Il reddito nazionale 15. I documenti della contabilità nazionale 16. Gli indicatori dello sviluppo 17. Gli indicatori della finanza pubblica 18. I documenti della programmazione pubblica 27

28 LA LEGISLAZIONE SOCIALE (25 0RE*) Da pag. 114 a pag Il sistema di sicurezza sociale 2. Il sistema della previdenza 3. La pensione di vecchiaia e la pensione anticipata 4. le prestazioni previdenziali per la perdita della capacità di lavorare 5. le prestazioni a sostegno del reddito 6. L assicurazione contro gli infortuni e malattie professionali 7. la tutela del lavoro femminile 8. L integrazione lavorativa 9. la legislazione sociale sanitaria 10. le aziende Usl 11. L assistenza sociale 12. La legislazione in materia di sicurezza sul lavoro 13. Il T.U. sulla sicurezza sul lavoro 81/ Gli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro 15. il servizio di prevenzione e protezione e gli obblighi dei lavoratori IL DOCUMENTO DIGITALE (10 ore*) pag. 174 (cenni) Pag. 175 (cenni) Pag. 178 (cenni) Pag. 181 (cenni) Pag (cenni) Pag. 187 (cenni) Pag. 191 (cenni) Pag (cenni) riservatezza 1) Il documento giuridico 2) L efficacia probatoria delle scritture private 3) La nozione di documento informatico 4) Modalità di utilizzo della firma digitale 5) L efficacia probatoria del documento informatico 6) Posta elettronica certificata 7) La fattura elettronica 8) La protezione dei dati personali e il diritto alla *= esclusi tempi di verifica scritta e orale, recupero/approfondimento e simulazioni terza prova Programma di tecniche della comunicazione e relazione Prof. Andrea Ronco classe Vb anno scolastico Modulo 1: Il direct marketing (8 ore) - Gli obiettivi del marketing di relazione - Gli strumenti del direct marketing - Il database - Il telemarketing - La misurabilità del DM e la campagna di direct marketing - Il Customer Relationship Management Modulo 2: Comunicare con gli eventi (5 ore) - Cosa s intende per evento - La pianificazione - Scegliere la sede dell evento e promuoverlo 28

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI MATERIA CLASSE Sandra Bianco Patrizia Qualizza Economia d azienda - Laboratorio trattamento testi 5AP OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI CONOSCENZE,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Prof. Novaresio Domenico Obiettivi generali trasversali Nel corso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G DIPARTIMENTO: ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 4 AII-ABIT - pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 4AII-4BIT CLASSE E Monte ore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: Perata Simonetta CLASSE: IV A c SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni a.s.2014/2015 INFORMATICA E LABORATORIO TECNOLOGIE INFORMATICHE LAB. TECNICHE PROFESSIONALI A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni L AMBITO DISCIPLINARE DI INFORMATICA E LABORATORIO,

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti.

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti. Pagina 1 di 9 DISCIPLINA: MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CLASSE: 4 SI DOCENTE : ENRICA GUIDETTI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture 1 Ripasso Retta e coniche;

Dettagli

ROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015

ROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it -vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 5^ SI DOCENTE: BONOMINI MIRELLA A B C D Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture I CARATTERI DELLE Le

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 11/02/2015 12.24 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA LINGUA INGLESE DOCENTI ANTONELLA MANTOVANI - SUSANNA FORTUNA Competenze

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi Commerciali L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali

Dettagli

Disciplina: MATEMATICA e COMPLEMENTI di MATEMATICA - ore settimanali 3 Docente prof. Domenico QUARANTA. Quadro sintetico dei Moduli

Disciplina: MATEMATICA e COMPLEMENTI di MATEMATICA - ore settimanali 3 Docente prof. Domenico QUARANTA. Quadro sintetico dei Moduli Classe 5S Sede di Alberobello A.S. 2015/2016 Indirizzo di studio Art. Produzione e Trasformazione Disciplina: MATEMATICA e COMPLEMENTI di MATEMATICA - ore settimanali 3 Docente prof. Domenico QUARANTA

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi Commerciali L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali

Dettagli

Documento sulla valutazione dell Istituto

Documento sulla valutazione dell Istituto ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di ALZANO LOMBARDO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 grado Via F.lli Valenti, 6 Alzano Lombardo (Bg) 035/511390 035/515693 e-mail: intranetbgic82100t@istruzione.it

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE INSEGNANTE: VASSALLO ENRICA CLASSE: V A settore: servizi - indirizzo: servizi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 5 26/01/2015 14.12 PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ QUINTO ANNO TCNICO PR IL TURISMO 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Discipline turistiche e aziendali DOCNTI: Claudia Paccagnella Competenze da conseguire

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Classe: 5 Disciplina: Economia Aziendale prof. Competenze disciplinari: Ultimo anno COMPETENZE DESCRITTORI DI ABILITA / PRESTAZIONI 7. Inquadrare l attività

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche CLASSE : 3 TURISTICO MATEMATICA (Ramella) Situazione di partenza : 25 alunni. Valutazione d ingresso: 40% negativa, 60% positiva. 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF./ PROF.SSA LORETTA BETTINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE IVB I.T.T. Finalità formative Nel corso del triennio superiore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici LA VALUTAZIONE La valutazione tiene conto processo di apprendimento, comportamento e rendimento scolastico complessivo degli alunni. Ha soprattutto una finalità formativa in quanto permette di individuare

Dettagli