Comprendere e gestire i rischi finanziari. di Fabio Montelatici, Corporate Treasurer, Bracco Imaging SpA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comprendere e gestire i rischi finanziari. di Fabio Montelatici, Corporate Treasurer, Bracco Imaging SpA"

Transcript

1 Comprendere e gestire i rischi finanziari di Fabio Montelatici, Corporate Treasurer, Bracco Imaging SpA Milano 27 febbraio

2 L ORGANIZZAZIONE DELLA TESORERIA MIDDLE OFFICE reportistica FRONT OFFICE INTERNAL AUDITING BACK OFFICE 2

3 ATTIVITA DEL FRONT OFFICE GESTIONE DEI LIBRI DEI RISCHI E DELLE COPERTURE GESTIONE DELLA LIQUIDITA CENTRALIZZATA GESTIONE DEL FUNDING E DELLE LINEE BANCARIE GESTIONE DELLE GARANZIE GESTIONE DEI RAPPORTI BANCARI ELABORAZIONE DEL BUDGET ANNUALE DI CASSA 3

4 ATTIVITA DEL MIDDLE OFFICE ELABORAZIONE DEL CASH FLOW REPORT CENTRALIZZATA ELABORAZIONE FORECAST DI CASSA RENDICONTAZIONE POSIZIONE FINANZIARIA DI GRUPPO PERFORMANCE GESTIONE RISCHI/LIQUIDITA 4

5 ATTIVITA DEL BACK OFFICE PER SINGOLA LEGAL ENTITY GESTIONE FLUSSI INCASSI/PAGAMENTI e RICONCILIAZIONI BANCARIE CONTABILITA FINANZIARIA ANALITICA CONTROLLO CONDIZIONI APPLICATE DALLE BANCHE ARCHIVIAZIONE E/C e CONTABILI BANCARIE 5

6 I PRINCIPALI MERCATI FINANZIARI Possiamo considerare tre importanti mercati : MERCATO MONETARIO MERCATO FINANZIARIO MERCATO VALUTARIO 6

7 IL MERCATO MONETARIO Comprende gli scambi in attività finanziaria a breve e brevissima scadenza Gli strumenti finanziari rappresentativi di questo mercato sono : - carte commerciali - obbligazioni di breve periodo - depositi La dottrina economica attribuisce a tale mercato la funzione di gestire gli aggiustamenti di portafoglio di tutti gli operatori 7

8 IL MERCATO MONETARIO Caratteristiche principali del mercato monetario sono : - vastità e continuità degli scambi - basso grado di rischio - elevato grado di liquidabilità degli investimenti in quanto a breve scadenza e facilmente negoziabili - il prezzo che è prevalentemente funzione dei tassi d interesse di breve 8

9 IL MERCATO FINANZIARIO (capital market) Insieme delle negoziazioni aventi per oggetto titoli di finanziamento con vincolo di credito a medio-lungo termine e/o con vincolo di capitale Il mercato finanziario può essere suddiviso : Mercato dei mutui : comprende tutti i titoli rappresentativi di finanziamenti con vincolo di credito assistiti con specifico contratto di mutuo Mercato mobiliare : costituito dal complesso dei prestiti a medio e lungo termine e dei finanziamenti con vincoli di capitale. E così definito per l attitudine dei suoi titoli alla circolazione, che consente lo smobilizzo degli investimenmti e il trasferimento della titolarità dei diritti e degli obblighi in essi incorporati. Tipici strumenti di tale mercato sono : i titoli a reddito fisso nelle varie specie (titoli di Stato e obbligazioni in genere), le azioni, le quote parti di fondi comuni d investimentoì 9

10 IL MERCATO VALUTARIO E rappresentato dagli scambi di valute che si effettuano a fronte di operazioni commerciali e finanziarie internazionali. E un mercato cosiddetto over the counter, ovvero non regolamentato, dove le principali banche agiscono da market maker E un mercato molto liquido in considerazione dei volumi delle transazioni in gioco. 10

11 IL MERCATO VALUTARIO Oggi il mercato delle Fx è sempre più considerato una Assett Class, alla stregua dei Bond, delle Azioni e, più in generale, delle altre forme di investimento. Il mercato delle Fx, differentemente da quanto alcuni ritengono, non è efficiente nel breve e nel medio periodo nonostante la sua liquidità e profondità. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte delle transazioni legate al commercio internazionale, alle coperture etc sono raramente eseguite tenendo conto del ritorno economico in termini di andamento futuro delle Fx Oggi i modelli di trading delle Fx seguono maggiormente strategie legate al diferenziale di interesse tra due currency, piuttosto che a modelli macroeconomici. 11

12 LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI :SCHEMA OPERATIVO Obiettivo del risk Management Ridurre la volatilità dei cash flows migliorando l attendibilità del processo di pianificazione Identificazione e misurazione del rischio Definizione policy e direttive di hedging Scelta ed implementazio ne strategia operativa Misurazione dei risultati & reporting Attività Esposizioni FX e tassi d interesse Profilo di rischio prescelto Management attivo o passivo Esposizioni FX e tassi d interesse Attività Processo annuale di budget Processo di budgeting/ adeguamenti periodici Esercizio corrente Processo di reporting 12

13 LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI :SCHEMA OPERATIVO Strumenti di misurazione La misurazione del rischio consente al vertice aziendale di definire e quantificare il livello di rischio tollerato e costituisce un driver fondamentale per le scelte degli strumenti Prodotti Gli strumenti utilizzati nella definizione delle strategie di copertura sono finalizzati a minimizzare i rischi di avere fair value negativi in bilancio e vengono scelti coerentemente con i parametri della strategia di risk management Reporting La reportistica consente una lettura quantitativa e qualitativa degli effett economici e contabii della gestione nonché una sensibilità sulle posizion aperte e sulle relative coperture 13

14 IL RISCHIO CAMBIO : ECONOMICO Il RISCHIO CAMBIO ECONOMICO è rappresentato dall impatto che l andamento dei cambi valutari determina sulla reddività del business aziendale. MOL/EBITDA BUDGET ECONOMICO PIANI DI ML PERIODO INDEBOLIMENTO VS COMPETITORS 14

15 IL RISCHIO CAMBIO : ECONOMICO 1 ESEMPIO DI RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : L azienda europea produttrice di automobili che esporta una porzione importante delle auto negli U.S.A. Se il dollaro si indebolisce in maniera costante e per un orizzonte temporale di medio periodo, l azienda subisce una contrazione dei propri margini economici 2 ESEMPIO DI RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : Un azienda che vende sul mercato domestico, ma acquista la sua materia prima principale in dollari. Valgono, in senso opposto, le considerazioni fatte nell esempio precedente 15

16 IL RISCHIO CAMBIO : ECONOMICO vs COMPETITIVO Il rischio cambio competitivo è strettamente legato a quello economico in quanto, nel medio periodo, un erosione di margini provocata dal rischio cambio Porta ad un indebolimento vs. i propri competitors Non sempre, però, il rischio competitivo coincide con quello economico. Talvolta, infatti, si manifesta in modo indiretto attraverso l aumento della competitività di concorrenti che hanno una struttura per valute dei propri costi e ricavi diversa. 16

17 IL RISCHIO CAMBIO : ECONOMICO Il RISCHIO CAMBIO ECONOMICO richiede un adeguato sistema di reporting extra- contabile in quanto le coperture determinano un impatto economico quantitativamente diverso da quello generato sulle posizioni da coprire. Il RISCHIO CAMBIO ECONOMICO richiede buoni strumenti e processi interni di pianificazione finanziaria. 17

18 IL RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : differenze cambio sulla copertura vs differenza cambio commerciale 1,60 EUR/USD REGISTRAZIONE DIFFER. CAMBIO differenza cambio di copertura 1,50 differenza cambio commerciale EUR/USD 1,40 1,30 CAMBIO DI COPERURA 1,20 GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO 18

19 IL RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : profilo di rischio del sottostante 2000 CAMBIO DI RIF : 1, Effetto economico Utile sul sottostante Perdita sulla copertura 1,50 Utile sulla copertura Perdita sul sottostante Profilo di rischio della copertura ideale Profilo di rischio del sottostante

20 IL RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : profilo di rischio del sottostante vs copertura a termine 2000 CAMBIO DI RIF : 1,50 Effetto economico Utile sul sottostante Perdita sulla copertura 1,50 1,60 CAMBIO FORWARD DI COPERTURA : 1,60 Utile sulla copertura Perdita sul sottostante

21 2000,00 IL RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : profilo di rischio di un opzione acquistata vs sottostante 1500, ,00 Effetto economico 500,00 0,00-500, ,00 Utile sul sottostante Perdita sulla copertura teorica Premio Utile sulla copertura opzionale Perdita sul sottostante -1500, ,00 21

22 IL RISCHIO CAMBIO ECONOMICO : profilo di rischio di opzione acquistata + sottostante Profilo opz acq + sottostante Profilo termine + sottostante

23 IL RISCHIO CAMBIO : TRANSATTIVO Il RISCHIO CAMBIO TRANSATTIVO è rappresentato dalla variazione che può subire il valore delle singole transazioni economiche dal momento del loro sorgere al momento della trasformazione in valore monetario MOL/EBITDA BUDGET ECONOMICO BUDGET FINANZIARIO PORTAFOGLIO ORDINI CAMPAGNE STAGIONALI FATTURE INCASSI/PAGAMENTI 23

24 IL RISCHIO CAMBIO : TRASLATIVO Il RISCHIO CAMBIO TRASLATIVO è rappresentato dalla variazione che Attività/Passività dello Stato Patrimoniale, denominate in valute differenti dalla valuta di conto, subiscono dal confronto del cambio di registrazione con quello di chiusura di periodo (trimestrale, semestrale, annuale) tato Patrimoniale civilistico Bilancio Consolidato Conto Economico (sotto EBITDA) Partecipazioni estere c/c valutari 24

25 IL RISCHIO CAMBIO : EMBEDDED Il rischio cambio embedded emerge nel caso in cui contratti commerciali, o di altra natura, presentino clausole che indicizzano aspetti economici in Euro (ad es prezzi di listino) all andamento di determinati mercati valutari : ad es. un prezzo in Euro, applicato ad un cliente estero, che si modifica a fronte di determinati scostamenti nel rapporto Euro vs. valuta straniera 25

26 IL RISCHIO CAMBIO : CONTABILE Il RISCHIO CAMBIO CONTABILE è rappresentato dalla variazione del valore delle fatture attive/passive denominate in valute diverse da quella di conto, tra il momento del sorgere del credito/debito e l incasso/pagamento Conto Economico Fondo oscilazione cambi 26

27 GLI STRUMENTI DI COPERTURA RISCHIO CAMBIO ECONOMICO Riequilibrare la propria esposizione al rischio cambio, modificando la struttura geografica del proprio business Ridurre il rischio economico introducendo derivati di copertura su orizzonti temporali di medio periodo (da 1 a 3 anni) 27

28 GLI STRUMENTI DI COPERTURA RISCHIO CAMBIO TRANSATTIVO Copertura dei flussi (transazioni) di budget con strumenti derivati. I flussi devono avere un elevato tasso di prevedibilità ed essere singolarmente identificabili Copertura, con strumenti derivati, dei flussi nel momento della loro registrazione in bilancio 28

29 GLI STRUMENTI DI COPERTURA Finanziare assetts in valuta, con finanziamenti di M/L nella stessa valuta RISCHIO CAMBIO TRASLATIVO Pianificare la politica dei dividendi delle partecipazioni estere Utilizzare opzioni acquistate come paracadute 29

30 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l opzione valutaria acquistata 2000, , ,00 500,00 Profilo di rischio, per un esportatore in Usd, di un opzione Eur/Call vs. un sottostante B.E.P. 0,00 PREMIO -500, , ,00 Out of the money In the the money Prezzo d esercizio 30

31 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : la valutazione del costo di un opzione 31

32 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : il cambio forward 32

33 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l opzione valutaria acquistata 2000, , ,00 500,00 Profilo di rischio, per un importatore in Usd, di un opzione Eur/Put vs. un sottostante B.E.P. Effetto economico 0,00-500,00 Eur/Usd PREMIO -1000, ,00 In the money Out of the money Prezzo d esercizio -2000,00 33

34 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l opzione valutaria venduta 1500, ,00 500,00 Profilo di rischio, per un importatore in Usd, di un opzione Eur/Put vs. un sottostante 0,00-500, , , ,00 34

35 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l opzione valutaria venduta 2000, , ,00 Profilo di rischio, per un esportatore in Usd, di un opzione Eur/Call vs. un sottostante 500,00 0,00-500, , ,00 35

36 IL RISCHIO TASSO D INTERESSE La tematica nasce originariamente all interno del sistema bancario, per ridurre l impatto della dinamica di tassi tra posizioni dell attivo e del passivo con differenti profili temporali. ESEMPIO 1: la banca Alpha raccoglie il denaro mediante emissione di certificati di deposito di breve e finanzia i propri clienti con prestiti ipotecari di lungo periodo. ESEMPIO 2: la compagnia di assicurazione sulla vita Beta, stipula polizze vita ; riceve premi mensili dai propri clienti che vanno a formare la posizione di liquidità (attività di breve), ma ha un debito di lungo periodo, nei confronti dei propri clienti, in quanto dovrà erogare pensioni sulla vita dopo molti anni. 36

37 IL RISCHIO TASSO D INTERESSE : LA CURVA DEI TASSI EURO ( ) 08) 37

38 IL RISCHIO TASSO D INTERESSE: : LA CURVA DEI TASSI DOLLARO ( ) 08) 38

39 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS l E un contratto derivato con il quale le parti si impegnano a versare o a riscuotere, a date prestabilite, importi determinati in base al differenziale di tassi d interese diversi, di cui uno fisso e l altro variabile. 39

40 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : L INTEREST RATE SWAP Le più diffuse tipologie di interest rate swap presenti sul mercato internazionale possono essere raggruppate in tre categorie: 1) Fixed/floating swaps 2) Floating/floating swaps 3) Asset based swaps 40

41 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : L INTEREST RATE SWAP Fixed/Floating Floating A questo gruppo appartengono tutti gli swap che prevedono il pagamento di un tasso fisso contro un tasso variabile. A titolo di esempio si menzionano i seguenti tipi di swap: 1.1) Plain vanilla swap 1.2) Amortising swap 1.3) Zero coupon swap 41

42 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS l Fixed/Floating Floating Plain Vanilla Swap 1.1) E un contratto derivato con il quale le parti si impegnano a versare o a riscuotere, a date prestabilite, importi determinati in base al differenziale di tassi d interese diversi, di cui uno fisso e l altro variabile. Il calcolo viene effettuato con riferimento ad un capitale nominale prepattuito. Quest ultimo, infatti, non viene mai regolato, ma utilizzato solamente per il computo degli interessi. All accensione del contratto si definiscono la divisa, il valore nominale, l entità del tasso fisso ed il parametro di quello variabile, nonché le date di regolamento e di scadenza finale, quando le due parti si scambiano un importo pari al differenziale d interesse calcolato sul periodo di riferimento. Le date rilevanti sono : -La data del pagamento tasso attivo -La data pagamento tasso passivo -E possibile che tali date non coincidano ; ad es. quando il tasso fisso viene regolato annualmente e quello variabile trimestralmente 42

43 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS l Fixed/Floating Floating Amortizing Swap 1.2) Il capitale di riferimento decresce nel tempo, simulando così il piano di ammortamento di un prestito obbligazionario o di un mutuo. 43

44 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS l Fixed/Floating Floating Zero Coupon Swap 1.3) E un contratto che prevede n regolamenti di tasso variabile e uno di tasso fisso pari alla somma dei valori futuri dei singoli flussi di Tf. Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tf 44

45 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS (Interest Rate Swap) SITUAZIONE PRE IRS SOC. A SOC. B Tasso fisso (Tf) 6,50% 7,50% Tasso variabile Libor + 25 bp Libor + 50 bp La società B gode di un rating peggiore della società A SOC. A Si finanzia al 6,50% SOC. B Libor + 0,5% 45

46 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS (Interest Rate Swap) SITUAZIONE POST IRS SOC. A incassa da SOC. B un Tf pari al 6% SOC. B paga a SOC. a un Tv pari al Libor flat SOC. A SOC. B Finanziamento 6,50% Libor + 0,50% IRS - Libor + Libor +6,75% -6,75% Netto Libor - 0,25% 7,25% Commento 1. Entrambe le società hanno conseguito una riduzione di costi 2. La società A ha modificato l'indicizzazione da tasso fisso 6,50% a tasso variabile Libor - 25 bp 3. La società B ha modificato l'indicizzazione da tasso variabile Libor + 50 bp a tasso fisso 7,25% 46

47 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS (Interest Rate Swap) BANCA FINANZIATRICE BANCA FINANZIATRICE capitale tasso variabile tasso fisso capitale tasso variabile SOCIETA' A SOCIETA' B tasso fisso 47

48 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS (Interest Rate Swap) 10 mios Eur Fin.to a tasso variabile Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv 10 mios Eur + Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv Tv IRS Tf Tf Tf Tf 10 mios Eur Risultato sintetico Tf Tf Tf Tf 10 mios Eur + Tf 48

49 GLI STRUMENTI DI COPERTURA : l IRS l Floating/Floating 2) Si è in presenza di un contratto di questo tipo quando i due tassi sono variabili. Ad es., nel passato, quando in Italia esisteva il Libor lira (quotato a Londra) e il Ribor lira (quotato in Italia). Nel dollaro ad es. è il caso di variabile Libor vs. commercial paper contro Libor contro prime rate 49

50 Esempio Policy risk : struttura Ambito della Policy Obiettivi della Policy Tipologie di rischio gestite dalla Policy Approvazione ed applicazione della Policy Strumenti di copertura utilizzati Hedging naturale Limiti all utilizzo degli strumenti derivati Aspetti contabili Ruoli e responsabilità Processo autorizzativo Reportistica Procedura 50

51 Policy risk : benchmark vs riduzione volatilità Vantaggi del benchmarking : - Reale immunità dell azienda agli andamenti del cambio - Coerenza tra previsione e consuntivazione - In ottica di budget vuol dire garantire il budget - Il costo delle coperture è prefissato Svantaggi del benchmarking : - Risulta più difficile da spiegare, in quanto più svincolato da logiche contabili - Può risultare più costoso - Esige forte coerenza tra budget e consuntivo (tra flussi di budget e flussi consuntivati) sia in termini di volumi che di tempistica - Con utilizzo di strumenti di copertura tipo outrights può determinare una certa volatilità in fase di settlement 51

52 Policy rischi : benchmark vs riduzione volatilità Vantaggi dell approccio riduzione della volatilità : - Rispetto al benchmarking è più semplice introdurre coperture naturali (natural hedging) - Può risultare meno costoso in termini di costo della copertura Svantaggi dell approccio riduzione della volatilità : - Più difficile farlo sposare con IAS compliance - Non garantisce alcun cambio di riferimento - E un approccio più contabile e meno di impatto economico 52

53 Definizione operazione Verifica IAS 1 2 Unità coinvolta: tesoreria Relazione di copertura INPUT idefinizione operazione Test di efficacia Report verifica IAS Compliance:si OUTPUT 3 Verifica limiti di delega Compliance: no No operazione 53

54 Tesoreria CFO 3 Verifica limiti di delega Non rientra nei limiti di delega Richiesta dettagliata di autorizzazione 5 4 Ridefinizione operazione No Autorizzazione No operazione Si Finalizzazione telefonica operazione

55 Controparte bancaria Finalizzazione telefonica operazione Tesoreria Back Office 8 Predisposizione preconferma Preconferma Preconferma Librogiornale 9 Predisposizione scheda riepilogativa Scheda riepilogativa Richiesta di pagamento Avviso di incasso Regolamento premio alla stipula Istruzione pagamento Ricezione incasso Registrazione contabili Conto banca Conti transitori Chiusura transitori e attribuzione a corretta a bilancio 15 Contabilità 55

56 Controparte bancaria Tesoreria Back Office Invio conferma 12 Controllo conferma 13 Restituzione conferma 14 Firma persona delegata 56

57 Finalizzazione operazione Tesoreria Repostisitica periodica di monitoraggiop Verifica IAS consuntiva Portafoglio coperture Ias Elaborazione trimestrale compatibilità IAS 16 Verifica IAS prospettica Portafoglio coperture non Ias 57

58 Differenti classi di rischio Ricavi Costi Liquidit à Attivo patr Passivo patr Embedded Valutazione dei rischi Policy di gestione dei rischi Obiettivi di copertura Tolleranza Strumenti 58

59 Forecast X 0 QUANTITÁ PREVISTA Consuntivo X 0 PREZZO IN VALUTA Budget FATTURATO IN VALUTA PREVISTO Termini di incasso MENSILIZZAZIONE Flussi in valuta gennaio X 1 Flussi in valuta febbraio X 1 Flussi in valuta marzo X 1 Flussi in valuta dicembre X 1 CAMBIO DI BUDGET VALORE DEI FLUSSI IN TOTALE FLUSSI DA COPRIRE = VALORE COPERTURE IN CAMBIO DI COPERTURA COSTO DELLE COPERTURE X 0 X 1 59

60 Identificazione sottostante HEDGED ITEM Designazione strumento HEDGE DESIGNATION Stipula contrattto e test di efficacia HEDGING RELATIONSHIP t 0 t 1 t 2 Test di efficacia prospettico trimestrale t 3 t 4 t 60

61 Test di efficacia prospettico trimestrale Intrinsic value + Time value (Opzioni) Forward point movement (outright) = VALORE DERIVATO STATO PATRIMONIALE Diritti di opzioni Riserva Banca c/c CONTO ECONOMICO Oneri e proventi Differenze cambio su outrights 61

62 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CFO Corporate treasurer Comitato finanza Internal auditing Organizzazione interna Ufficio Amministrazione MIO Treasury office 62

63 Budget flussi di cassa mensilizzato Piano coperture Analisi scostamenti budget - consuntivo Scostamento < 10% Scostamento > 10% Revisione flussi di cassa mensilizzati Revisione piano coperture Implementazione piano coperture Implementazione revisione piano coperture 63

64 Budget economico CEO Budget flussi di cassa mensilizzato Group treasurer Piano coperture mensilizzato Group treasurer Approvazione budget ec CDA CEO Approvazione budget fdcm CFO Approvazione piano cm CFO CEO 64

65 BUDGET DEI FLUSSI IN USD MENSILIZZATO INFLOWS gennaio-07 febbraio-07 marzo-07 aprile-07 maggio-07 giugno-07 luglio-07 agosto-07 settembre-07 ottobre-07 novembre-07 dicembre-07 MEDIA BUDGET IN FLOWS TOTALE 2007 MENSILE 2007 PRO QUOTA BDI PRO QUOTA BDI SINE BFE THIRD PARTIES TOTAL ACTUAL IN FLOWS PRO QUOTA BDI PRO QUOTA BDI SINE BFE THIRD PARTIES TOTAL OUTFLOWS BUDGET OUT FLOWS PRO QUOTA BDI THIRD PARTIES TOTAL ACTUAL OUT FLOWS PRO QUOTA BDI THIRD PARTIES TOTAL NET FLOWS BUDGET FLOWS gennaio-07 febbraio-07 marzo-07 aprile-07 maggio-07 giugno-07 luglio-07 agosto-07 settembre-07 ottobre-07 novembre-07 dicembre-07 INFLOWS OUTFLOWS NET FLOWS

66 BUDGET DEI FLUSSI IN USD mensilizzato e piano DELLE COPERTURE CAMBIO DI BUDGET = 1,32 gen-07 feb-07 mar-07 apr-07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 MEDIA BUDGET IN FLOWS TOTALE 2007 MENSILE 2007 INCASSI IN USD PAGAMENTI IN USD (4.592) (2.635) (3.951) (3.920) (3.148) (2.350) (5.418) (3.434) (3.606) (3.606) (3.820) (3.621) (44.101) (3.675) FLUSSI NETTI IN USD CAMBIO DI BUDGET 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 CTV IN EUR PIANO COPERTURE DI RIFERIMENTO OPZIONI ACQUISTATE CAMBIO COPERTURA 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 PREMIO PAGATO (154) (175) (153) (129) (156) (158) (117) (168) (160) (140) (152) (156) (1.819) (152) CTV EUR VENDITE A TERMINE CAMBIO A TERMINE 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 0 CTV EUR SCOSTAMENTO % -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% -0,30% CAMBIO EFFETTIVO 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 PIANO COPERTURE EFFETTIVO al 30 nov OPZIONI ACQUISTATE CAMBIO COPERTURA 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 1,29 PREMIO PAGATO (77) (87) (77) (65) (78) (79) (59) (84) (80) (70) (76) (78) (910) (76) CTV EUR VENDITE A TERMINE CAMBIO A TERMINE 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 0 CTV EUR SCOSTAMENTO % -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% -50,00% CAMBIO EFFETTIVO 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 1,32 66

67 I.A.S. 39 : Test di efficacia Esempio di vendita a termine Eur/Usd SEZIONE 1 - HEDGING RELATIONSHIP Designazione data 21/11/2006 Conformintà alla policy di gestione del rischio L'operazione di copertura in oggetto è conforme agli obiettivi ad alle strtegie di gestione del rischio definiti all'interno delle policy di gruppo in materia di gestione dei rischi finanziari. Nello specifico, l'obiettivo che il gruppo intende perseguire attraverso le operazioni di copertura del Rischio di cambio è quello di mitigare il rischio che variazioni avverse del tasso di cambio si ripercuotano negativamente sulle future vendite in divisa. Rischio sottostante Tipologia Strumento di copertura Rischio di variabilità del controvalore delle future vendite in divisa in relazione all'oscillazione del rapporto di cambio tra la divisa di denominazione (USD) e la moneta di conto (EUR) Cash flow Hedge di future vendite in divisa USD Il rischio di cambio è coperto attraverso la stipula di un "outright" attraverso la quale è fissato un limite massimodal tasso di cambio al quale saranno controvalorizzate le vendite attesa in divisa. E' designato quale strumento di copertura la sole componente intrinseca del valore del derivato. Efficacia della copertura L'efficacia della relazione di copertura è misurata attraverso il confronto tra le variazioni del solo valore intrinseco del derivato di copertura (Intrinsic value based), calcolate rispetto al cambio spot, e la variazione di valore delle vendite attesa sottostanti per il rischio oggetto di copertura. Il valore temporale dell'opzione (Time value) è escluso dalla presente relazione di copertura e le relative variazioni sono trattate contabilmente in modo separato. Verifica dell'efficacia prospettica Verifica dell'efficcacia retrospettiva Simulazione di un'oscillazione di +/- 10% del cambio spot di riferimento rispetto alla data di effettuazione del test e confronto tra la variazione di valore intrinseco del derivato di coperura e quella di valore delle vendite sottostanti, per il rischio di copertura, deteminate dall'oscillazione simulata. Misurazione della variazione di valore intrinseco del derivato di copertura e quella di valore delle vendite sottostanti, per il rischio oggetto di copertura, determinate dall'oscillazione intercorsa nel cambio sot di riferimento rispetto alla data di designazione della relazione di copertura. la copertura è ritenuta retrospettivamente efficace se il rapporto in valore assoluto tra le due variazioni calcolate rientra all'interno del range % Note 67

68 I.A.S. 39 : Test di efficacia Esempio di vendita a termine Eur/Usd SEZIONE 2 - STRUMENTO DI COPERTURA Tipologia "Outright" Codice relazione di copertura 1 Legal Entity SOCIETA' DELTA Controparte BANCA THETA Stipula 21/11/2006 Cambio spot alla data di stipula 1,2825 Scadenza 30/01/2007 Nozionale (USD) Termine 1,2867 Note Flow Hedging SEZIONE 3 - SOTTOSTANTE COPERTO Tipologia Vendite attesa di USD Dollar come da buget dei flussi Codice relazione di copertura 1 Legal Entity Importo nominale Copertura % SOCIETA' DELTA Start date della relazione di copertura Data attesa manifestazione 30/01/2007 Note 68

69 I.A.S. 39 : Test di efficacia Esempio di vendita a termine Eur/Usd SEZIONE 4 - TEST DI EFFICACIA STIPULA DELLO STRUMENTO DERIVATO E DESIGNAZIONE DELLA RELAZIONE DI COPERTURA Cambio spot di riferimento 1,2825 Cambio simulato +10% (USD/EUR) 1,4108 Cambio simulato -10% (USD/EUR) 1,1543 intrisic value 0 time value ( /1,2825)-( /1,4108) Test prospettico Valore corrente Valore simulato +10%(EUR) Delta Valore simulato +10%(EUR) Valore simulato -10%(EUR) Delta Valore simulato -10%(EUR) Strumento di copertura 0, , , , ,34 Sottostante coperto , , , , ,34 Test 100,00% 100,00% /1, /1,

70 I.A.S. 39 : Test di efficacia Esempio di vendita a termine Eur/Usd 01/01/2007 TEST DI EFFICACIA PROSPETTICO Status Relazione di Copertura ATTIVA Cambio spot di riferimento 1,3170 Cambio simulato +10% (USD/EUR) 1,4487 Cambio simulato -10% (USD/EUR) 1,1853 EFFICACE In quanto 1,3170>1,2867 Test Valore corrente ( /1,2825)-( /1,3170) Valore simulato +10%(EUR) Delta Valore simulato +10%(EUR) Valore simulato -10%(EUR) Delta Valore simulato -10%(EUR) Strumento di copertura , , , , ,83 Sottostante coperto , , , , ,83 Fair Value dello strumento derivato Intrinsic Value dello strumento derivato Time Value dello strumento derivato Riserva di Cash flow Hedge(from first trading date) Delta Time Value (from first trading date) Test 100,00% 100,00% /1,3170 #RIF! , , ,35 Not Available EUR EUR EUR EUR 70

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO IN UNO SCENARIO IN CONTINUA EVOLUZIONE RISK MANAGEMENT di Giovanni Segato e Davide Giovanelli Estero >> Commercio internazionale Il continuo rafforzamento dell euro sul dollaro

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione

Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione Gestire il rischio di cambio in uno scenario in continua evoluzione di Giovanni Segato e Davide Giovanelli I l continuo rafforzamento dell euro sul dollaro impone alle aziende esportatrici di considerare

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) Attraverso il caso di una PMI italiana vengono evidenziati alcuni aspetti salienti legati gestione del

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Convegno Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Fabio Massoli, Corporate Treasury Sales Italy Vicenza, 26 ottobre 2011 L impatto dei rischi sul bilancio aziendale

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Case Study. IAS 39 con Fairmat

Case Study. IAS 39 con Fairmat Case Study IAS 39 con Fairmat Revisione #3 Questo tutorial illustra come possono essere implementati in Fairmat i requisiti di hedge accounting ai sensi dello IAS 39. 1 Introduzione Il principio contabile

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie -

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie - Policy di valutazione e pricing - obbligazioni ordinarie - 23 maggio 202 INDICE POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING... 3. CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE DI PRICING E PROCESSO VALUTATIVO... 3.2 MERITO

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio

BIESSE Group Policy di gestione del rischio cambio Marzo 2010 Indice Premessa...4 1 Linee guida della risk policy...6 2...8 2.1 Strutture organizzative coinvolte...8 2.2 Attribuzione di mission e responsabilità e relativo sistema di deleghe...8 2.3 Modalità

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Il software consente alle Aziende che operano nel campo delle costruzioni, delle manutenzioni, della produzione per commesse di

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti Il BUDGET di CASSA (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA comprendente il complesso di analisi e valutazioni con le quali il management si prefigge di verificare scelte

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

Da vincolo a risorsa strategica

Da vincolo a risorsa strategica La gestione della tesoreria aziendale: Aspetti organizzativi, di previsione e di controllo della risorsa finanziaria Da vincolo a risorsa strategica Giuseppe Santoro 1 Finanza strategica Sotto questo aspetto

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A.

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. I prodotti derivati: utilizzo proprio e improprio come strumento di gestione del rischio aziendale. Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. *In attesa di autorizzazione Indice degli argomenti

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali E' un Software ideato e realizzato per poter essere facilmente utilizzato dalle Piccole e Medie Imprese che non possono contare su una struttura

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Codice dei principi di investimento

Codice dei principi di investimento Codice dei principi di investimento delibera CdA n. 31/2013 approvato il 14/03/2013 realizzato da funzione controllo del rischio con il supporto di Mercer Italia s.r.l. Via Antoniotto Usodimare, 31 00154

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Le linee di gestione. Aprile 2014

Le linee di gestione. Aprile 2014 Le linee di gestione Aprile 2014 Obiettivi OBIETTIVO CONSERVAZIONE RENDIMENTO A SCADENZA CORRELAZIONE Protezione del capitale Smoothing downside risk Low volatility Coupon cash flow generation Correlation

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget

I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget I rischi del commercio con l estero: la determinazione del cambio di budget di Giorgio Bomben e Piero Bortolotti Financial Innovations I l calo di attenzione da parte delle imprese alla problematica del

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Sito Internet: www.bancacarim.it REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli