Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. dati al 31/12/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. dati al 31/12/2011"

Transcript

1 2012 Centrale di Turbigo Dichiarazione Ambientale dati al 31/12/2011

2 2 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Indice PRESENTAZIONE... 3 INFORMAZIONI GENERALI...4 INFORMAZIONI TECNICHE...5 LOCALIZZAZIONE E AREE DI INTERESSE NATURALISTICO...6 LA GESTIONE AMBIENTALE, LA SICUREZZA E LE PERSONE (SINTESI)...7 LA POLITICA DELLA CENTRALE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI...9 I PROGETTI REALIZZATI...11 LE ATTIVITÀ PER LA COMUNITÀ...12 Le Convenzioni...12 Edipower per la scuola...12 Edipower e l istruzione superiore...12 LE PERSONE E IL PERSONALE...13 Salute e sicurezza...13 Il decreto legislativo 334/99 Seveso ter...14 Gestione delle emergenze...14 IDENTIFICAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI.. 15 ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI...16 ACQUE - Scarichi idrici...16 ACQUE - Falda acquifera...17 ACQUE - Scarichi termici...18 ARIA - Emissioni in atmosfera...19 ARIA - Sistemi di controllo della qualità dell aria (RRQA)...20 ARIA - Sostanze lesive della fascia di ozono ed a effetto serra...20 ARIA - Emission Trading e CO 2 equivalente per le sostanze ad effetto serra...21 SUOLO - Rifiuti SUOLO - Contaminazione del suolo IMMISSIONI - Rumore ENERGIA - Efficienza termica IMPATTO VISIVO GESTIONE SOSTANZE PERICOLOSE - Amianto BIODIVERSITÀ - Aree verdi nel sito ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Fornitori ed appaltatori Traffico indotto Radiazioni non ionizzanti OBIETTIVI AMBIENTALI OBIETTIVI AMBIENTALI BILANCIO AMBIENTALE DELLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI TURBIGO...29 DATI DI INPUT DATI DI OUTPUT INDICATORI AMBIENTALI...31 EMISSIONI - CONFRONTO CON VALORI EMETTIBILI EMISSIONI - ANDAMENTO EMISSIONE SPECIFICA DI CO EMISSIONI - ANDAMENTO EMISSIONE SPECIFICA DI CO 2 EQUIVALENTE DA CH 4, N 2 O, HFC, SF ENERGIA - EFFICIENZA TERMICA SUOLO - RIFIUTI PERICOLOSI SUOLO - RIFIUTI NON PERICOLOSI CERTIFICATI...35 REGISTRAZIONE EMAS - VALIDITÀ E CONVALIDA DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE...36

3 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Presentazione Il presente documento costituisce la nuova Dichiarazione Ambientale predisposta per il rinnovo della registrazione EMAS. I dati riportati in Dichiarazione sono riferiti all anno Ai sensi del Regolamento (CE) n. 1221/2009, nel documento sono aggiornati: Struttura della società Prestazioni ambientali Obiettivi e traguardi Indicatori ambientali Normativa di riferimento Validità e convalida della Dichiarazione Ambientale Le edizioni precedenti della Dichiarazione Ambientale sono disponibili all indirizzo: Edipower S.p.A. Centrale di Turbigo (Codice NACE Produzione di energia elettrica) Questo sito è dotato di un sistema di gestione ambientale e i risultati raggiunti in questo settore sono comunicati al pubblico conformemente al sistema comunitario di ecogestione e audit.

4 4 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Informazioni generali Denominazione Indirizzo Centrale Termoelettrica Edipower di Turbigo Via Centrale Termica, Turbigo (MI) Contatti Tel Fax Sito web Capo Centrale Rappresentante della Direzione Attività svolta Anno di costruzione Ing. Carlo Rabbi Tel Fax Dott. Fulvio Miccoli Tel Fax Produzione di energia elettrica attraverso combustione di gas metano e olio combustibile 1928 Centrale di Ponente (dismessa) 1967 Centrale di Levante Numero dipendenti al 31/12/

5 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Informazioni tecniche Indirizzo Tipologia Superficie Occupata Potenza in esercizio Combustibili utilizzati Produzione lorda di energia (2011) Produzione netta di energia (2011) Macchinari principali Via Centrale Termica, Turbigo (MI) Centrale termoelettrica composta da: 3 sezioni a vapore, della potenza complessiva di circa 900 MW 1 modulo in ciclo combinato, costituito da due sezioni di produzione con turbine a gas e da una sezione di produzione con turbina a vapore, per una potenza complessiva di 855 MW m 2 area di Centrale, di cui una parte in zona industriale e una in area naturale protetta (Parco Regionale della Valle del Ticino) MW Gas naturale e olio combustibile a bassissimo tenore di zolfo (STZ) 2,23 TWh 2,15 TWh Sezioni a vapore: 3 turbine a vapore; 3 alternatori; 3 condensatori; 3 trasformatori principali. 3 camini da 150 metri. Sezione CCGT: 2 turbine a gas; 2 generatori di vapore a recupero di calore; 1 turbina a vapore; 3 alternatori; 1 condensatore di vapore; 3 trasformatori principali. 2 camini da 120 metri.

6 6 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Localizzazione e aree di interesse naturalistico ID Mappa Distanza Status di protezione Peculiarità A m ZPS-IT Valle del Ticino: presenza di lanche con interessante flora idrofila e popolamenti avifaunistici. Greti a vegetazione xerofila con alcune specie rare e lembi di bosco planiziale con partecipazione di cerro e orniello, su terrazzi. Discesa a quote planiziali di specie montane e presenza delle erpetocenosi più complete del Piemonte. Area: 660 Ha B 260 m ZPS-IT (Lombardia) C m SIC-IT (Piemonte) D 260 m SIC-IT (Lombardia) Boschi del Ticino: frammenti di habitat fondamentali per la riproduzione delle specie di uccelli nidificanti, per la sosta dei migratori e la sopravvivenza delle popolazioni svernanti. Area: 2055 Ha Valle del Ticino: ampia valle fluviale con presenza di boschi ripariali, ampi greti e differenti ambienti acquatici ben conservati sia di acque correnti che stagnanti. Area: 659 Ha Turbigaccio, Boschi di Castelletto e Lanca di Bernate: habitat di notevole interesse naturalistico, ambiti forestali di elevato livello ambientale, ricchezza floristica e faunistica, con presenza di specie di importanza comunitaria, rare o appartenenti alle Liste Rosse, nonché specie caratteristiche degli ambienti umidi. Tra le altre specie faunistiche di rilevante valore conservazionistico: Panzarolo o Ghiozzetto dei fontanili. Area: 248 Ha E 250 m IBA018 Fiume Ticino: Presenza di coppie nidificanti di specie migratrici e residenti. Area: Ha (Lombardia/Piemonte) F 260 m PNR-EUAP0218 (Lombardia) G 260 m PNR-EUAP0842 (Lombardia) Parco Naturale della Valle del Ticino: insieme della vegetazione padana nel tempo e nello spazio. Presenza della Farnia (appartenente alla famiglia delle querce), dalla malva selvatica, dall Orchis tridentata. Area residua per la fauna della Pianura. Presenza di popolamenti animali diversificati e di specie ormai scomparse altrove. Area: 6561 Ha Parco Naturale Lombardo della Valle del Ticino: insieme della vegetazione padana nel tempo e nello spazio. Presenza della Farnia (appartenente alla famiglia delle querce), dalla malva selvatica, dall Orchis tridentata. Area residua per la fauna della Pianura. Presenza di popolamenti animali diversificati e di specie ormai scomparse altrove. Area: Ha

7 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale La Gestione Ambientale, la Sicurezza e le Persone (sintesi) Sistemi di gestione Certificazione ISO dal 2000 Registrazione EMAS (I ) dal 2001 Certificazione BS OHSAS dal luglio 2011 Certificazione ISO 9001 per il Laboratorio Chimico dal luglio 2011 Contenimento emissioni in atmosfera Sistema di monitoraggio delle emissioni (SME) Rete di rilevamento della qualità dell aria (RRQA) Gruppi 1 e 2: denitrificatori catalitici (DeNO X ) per ridurre le emissioni di ossidi di azoto; precipitatori elettrostatici (PE) per ridurre le emissioni di polveri; Gruppo 3: sistema di combustione a bassa emissione di NO X per ridurre le emissioni di ossidi di azoto; precipitatori elettrostatici (PE) per ridurre le emissioni di polveri; Sezione CCGT: combustione con abbattimento degli ossidi di azoto a secco (Dry Low NO X ). Controllo e registrazione delle emissioni di ossidi di azoto, monossido di carbonio, polveri e biossido di zolfo. I dati vengono trasmessi semestralmente all Autorità di controllo (ARPA). La Centrale è proprietaria di cinque postazioni per il rilevamento della qualità dell aria in cui si misurano i seguenti parametri: Castano (NO2 - PM2,5), Galliate (NO2 - SO2), Cuggiono (NO2 - O3), Turbigo (NO2 - SO2 - PM10), Robecchetto con Induno( NO2 - CO - PM10). Le postazioni sono parte integrante della rete di rilevamento di qualità dell aria della Provincia di Milano e sono gestite direttamente da ARPA Lombardia, in conformità a quanto stabilito da apposita convenzione. I dati rilevati dalle postazioni di controllo della qualità dell aria sono validati da ARPA e disponibili al pubblico al link: Sistema trattamento scarichi idrici Le acque reflue di Centrale sono trattate da un impianto chimico-fisico dedicato (ITAR) i cui scarichi sono controllati in continuo. Le acque sono sottoposte al processo di disoleazione prima dell invio allo scarico. Dal 2007 la Centrale si è dotata di: una rete di raccolta per le acque meteoriche confluenti in una serie di vasche di prima pioggia; le acque sono in seguito trattate da un impianto dedicato costituito da filtri a sabbia e a carbone prima dell invio allo scarico; una rete di raccolta per le acque oleose, trattate da un impianto dedicato costituito da filtri a sabbia e a carbone prima dell invio allo scarico. Il controllo di tutti gli scarichi viene effettuato con procedure specifiche in ottemperanza a quanto stabilito nel Piano di Monitoraggio e Controllo emesso da ISPRA.

8 8 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Indagini ambientali (impatto nuovi ciclo combinato) Prima degli interventi di revamping degli impianti, è stato realizzato uno Studio di Incidenza, al fine di valutare i possibili effetti del funzionamento della Centrale sulle specie e sugli habitat delle aree SIC e ZPS prossimi alla Centrale. Anche se le analisi effettuate non evidenziano impatti diretti sulla biodiversità di tali aree dovuti alle attività della Centrale, è in corso un attività di biomonitoraggio della diversità lichenica. I dati ottenuti nella campagna ante operam del 2007 verranno confrontati con i risultati della campagna da effettuare al termine della realizzazione della Fase II del progetto. Indagini ambientali (emissioni) Indagini ambientali (ambiente di lavoro) Nel corso del 2011 sono state eseguite le campagne sulle emissioni previste nel Piano di Monitoraggio e Controllo emesso da ISPRA. Le misure hanno riguardato le caldaie convenzionali, i cicli combinati e le caldaie ausiliarie. Tutti parametri rilevati sono risultati di diversi ordini di grandezza inferiori ai limiti previsti nel decreto autorizzativo AIA DVA-DEC Nel corso del 2011 è stata aggiornata la mappatura delle componenti coibentate in materiale contenente amianto, con sopralluoghi delle zone interessate, verifica dello stato dei rivestimenti, indagini ambientali costituite da campionamenti in aria delle fibre aerodisperse e analisi con tecnologia SEM (microscopia elettronica a scansione), univoca nel riconiscimento delle fibre di amianto. I rilievi effettuati hanno confermato che non esiste indice di inquinamento in atto dovuto a fibre aerodisperse di amianto. E stata effettuata con esito positivo una campagna di caratterizzazione dell'impatto acustico verso l esterno. Infine, nel 2011 sono state svolte tutte le campagne di monitoraggio delle emissioni previste nel Piano di Monitoraggio e Controllo in ambito AIA. Autorizzazione Integrata Ambientale La Centrale è in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ottenuta con decreto DVA-DEC del 6/07/2010, entrato in vigore il 30/07/2010 a seguito della pubblicazione del relativo avviso in GU. Dietro prescrizione AIA, la Centrale ha conseguito la certificazione ai sensi della norma ISO 9001 del proprio Laboratorio Chimico per l erogazione dei servizi di analisi chimico-fisiche-biologiche su acque reflue. L AIA sostituisce "ogni altra autorizzazione, visto, nulla osta o parere in materia ambientale previsti dalle disposizioni di legge e dalle relative norme di attuazione" con le sole eccezioni delle normative "Seveso" e delle autorizzazioni di scarico delle acque fognarie soggette a concessioni locali. L autorizzazione ha validità di otto anni dalla data della pubblicazione nella G.U. ed è disponibile in visione al pubblico sul sito del MATT all indirizzo:

9 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale La Politica della Centrale in materia di Salute e Sicurezza dei lavoratori, di tutela dell Ambiente e di Prevenzione degli Incidenti Rilevanti

10 10 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo

11 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale I progetti realizzati La Centrale è localizzata in un'area ad alta sensibilità ambientale ed è per questo che il Progetto di Riqualificazione Ambientale autorizzato nel 2005 e ad oggi in fase di realizzazione, segna un importante risultato. La conclusione della prima fase delle attività di riqualificazione ambientale è avvenuta nel 2008 con l'entrata in esercizio commerciale del ciclo combinato da 855 MW che ha aumentato il rendimento dell'impianto ed ha permesso significativi miglioramenti delle prestazioni ambientali. In particolare: nel 2010 le emissioni specifiche nette dell intera Centrale di ossidi di azoto, monossido e biossido di carbonio sono state ridotte rispettivamente del 67%, 92% e 35% rispetto al 2007; sono state pressoché annullate le emissioni di biossido di zolfo e polveri; i consumi e gli scarichi idrici si sono notevolmente ridotti, grazie al più contenuto utilizzo d'acqua per la condensazione del vapore e del raffreddamento dei macchinari (- 40% prelievo acque e - 25% scarichi idrici rispetto al 2007). Il progetto di riqualificazione ambientale prosegue: è prevista la conversione dell'unità 3 in un ciclo combinato da 430 MW, alimentato a gas metano; in particolare, sono state ultimate le opere di demolizione dell area ex-tg FIAT in preparazione del sito per l installazione del ciclo combinato T400. La nuova locazione, rispetto a quella precedentemente prevista (vedi box), garantisce una riduzione dell impatto acustico sull ambiente circostante la Centrale. oltre alla già avvenuta installazione di centraline per la rilevazione delle concentrazioni di polveri (PM 10), la gestione della rete di qualità dell'aria è stata affidata ad ARPA con apposita convenzione; nel corso del 2010, sono stati poi completati gli interventi relativi all installazione del nuovo sistema di elaborazione/trasmissione dati ad ARPA ed è stato attivato l accesso ai dati SME da parte della Regione Piemonte. Sono state altresì attivate la trasmissione dei dati della stazione meteo di Centrale alla regione Piemonte e la trasmissione dei dati della postazione RQA di Galliate, come previsto dal decreto di trasformazione in Ciclo Combinato. al fine di valutare i possibili effetti del funzionamento della Centrale sulle specie e sugli habitat delle aree di interesse naturalistico prossime all'impianto, è stato realizzato uno Studio di Incidenza nel 2007 i cui risultati saranno confrontati con quelli della campagna di monitoraggio che verrà realizzata al termine della Fase II del progetto. Iter autorizzativo Nel marzo del 2009, Edipower ha presentato: un istanza di modifica non sostanziale inerente al cambio di layout del nuovo Turbogas per ottimizzare l impatto acustico sul territorio; una istanza di modifica non sostanziale inerente l utilizzo nel ciclo combinato di fase 2 della turbina a vapore dell unità convenzionale TL31 al posto della turbina a vapore dell unità convenzionale TL21, a causa delle difficoltà tecniche evidenziate nella modifica della turbina convenzionale dell unità TL21 (320 MW e ), per renderla idonea a ricevere il vapore prodotto dalla nuova caldaia a recupero del nuovo ciclo combinato di fase 2. Con successivo Decreto 55/06/2010 MD del 8 settembre 2010 il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato la modifica del layout del ciclo combinato in fase II e l utilizzo della turbina del gruppo TL 31 al posto della turbina dell unità convenzionale TL 21. In ambedue le richieste di modifica non sostanziale, non si richiede alcuna variazione rispetto alle prescrizioni disposte con i decreti n. 55/03/2005 e n. 55/09/2007 MD. Infine, in seguito alle modifiche progettuali presentate nelle due istanze, il Ministero dello Sviluppo Economico con Decreto 55/03/2010 PR ha ridefinito le date di primo parallelo (entro il giugno 2013) e di termine dei lavori,comprese demolizioni (entro 1 semestre 2014). Con l utilizzo nel ciclo combinato di fase 2 della turbina a vapore dell unità convenzionale TL31 al posto della turbina a vapore dell unità convenzionale TL21, alla fine dei lavori di fase 2, la Centrale di Turbigo sarà composta dai seguenti impianti: Ciclo combinato fase 1 di cui ai citati decreti n. 55/03/2005 e n. 55/09/2007 MD; Ciclo combinato fase 2 di cui ai citati decreti n. 55/03/2005 e n. 55/09/2007 MD; Gruppo convenzionale TL11, esercito in assetto isolato; Gruppo convenzionale TL21, esercito in assetto isolato.

12 12 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Le Attività per la Comunità elementari medie superiori università master Le Convenzioni Dal 2006 è in atto una convenzione tra Edipower ed i Comuni di Turbigo e Robecchetto con Induno. Con la sottoscrizione di tale convenzione Edipower si è impegnata a: realizzare il progetto di riqualificazione ambientale della Centrale; mantenere per tutta la vita della Centrale la registrazione EMAS; rendere disponibile il vapore come fonte di calore per un eventuale sistema di teleriscaldamento urbano; sostenere i Comuni sino al 2013 nella realizzazione di progetti e opere di interesse pubblico. La convenzione tra Edipower ed il Consorzio del Parco Lombardo della Valle del Ticino, siglata nel 2005, impegna la Società a realizzare un programma di verifiche da effettuare prima dell intervento di riqualificazione e dopo un congruo intervallo di tempo, tendente a valutare esclusivamente in termini differenziali l incidenza sul comparto idrico dell intervento stesso. Edipower si è impegnata inoltre a contribuire economicamente alla realizzazione del Centro Parco dell Energia sull area attualmente occupata dal cantiere e, quindi, al termine delle attività di conversione dell unità 3. Tale progetto, oltre a permettere il recupero della naturalità dell area a fini ecologici, servirà a fini didattici e a migliorare l inserimento della Centrale nel contesto territoriale, evidenziando la compatibilità di un impianto di produzione di energia elettrica con l ambiente circostante. Dal 2006, Edipower corrisponde un contributo economico annuale per interventi di miglioramento e mantenimento forestale delle aree di proprietà del Parco ricomprese nei Comuni di Turbigo, Robecchetto con Induno, Cuggiono e Bernate. Sponsorizzazioni Manifestazione Natale Insieme Buon Natale Italia Comune di Turbigo Scuola Materna Asilo Infantile Ente Morale - Lavori di adeguamento ai fini della prevenzione degli incendi dell edificio scolastico Edipower per la scuola "Edipower per la scuola" è il progetto di comunicazione che Edipower rivolge già da otto anni alle scuole presenti sui territori dove sono ubicati i suoi siti produttivi al fine di sostenere la crescita didattica degli studenti. Le attività comprendono: Visite in centrale: Edipower apre le sue centrali termoelettriche ed i suoi nuclei idroelettrici ai ragazzi delle scuole presenti sul territorio, illustrando loro il mondo dell'energia ed il funzionamento di un sito produttivo. L'esperto in classe: Edipower mette a disposizione delle scuole interessate un rappresentante per una lezione in classe sull'energia, sul mercato elettrico e sull'importanza del risparmio energetico. Nel 2011 nel progetto sono stati interessati: 285 alunni in visita 235 alunni coinvolti nelle lezioni l esperto in classe Dal 2010 il progetto è attivo anche presso la Centrale di Turbigo; il 31/05/2011 sono state premiate le classi vincitrici a cui è stato consegnato un buono per l acquisto di una postazione multimediale Edipower e l istruzione superiore Nel corso del 2011 hanno visitato la Centrale: 57 studenti del master in Imprenditorialità e strategia aziendale della SDA Bocconi; 38 studenti dei master della Business School del Sole 24 ORE. 17 studenti dei master della Business Integration Partners

13 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Le persone Alla data del 31/12/2011, la Centrale conta 108 dipendenti, i quali nel corso dell anno hanno ricevuto complessivamente 1821 ore di formazione. 33% 67% Salute e Sicurezza sul Lavoro Ambiente Salute e sicurezza La sicurezza e la tutela della salute negli ambienti di lavoro rappresentano, insieme alla tutela dell ambiente naturale, temi di interesse prioritario per Edipower. La Centrale Edipower ha integrato il Sistema di gestione Ambientale già in atto con un Sistema di Gestione della Sicurezza conforme alla normativa OHSAS e un Sistema di Gestione per la Prevenzione dei Rischi Rilevanti come previsto dal D.Lgs. 334/99. Il Sistema di Gestione Integrato Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Pericolo di Incidenti Rilevanti, viene indicato con l acronimo SGSA-PIR. La nuova Politica emessa in seguito alla integrazione dei sistemi riassume l impegno ad adottare e mantenere il sistema di gestione, i principi e i criteri a cui la Centrale si ispira nella sua attuazione, nonché gli obiettivi che intende perseguire nel campo della prevenzione e del controllo degli incidenti rilevanti e non, per la salvaguardia dei lavoratori, della popolazione e dell ambiente. Nell'affidamento di lavori ad Imprese Appaltatrici sono in particolare sistematicamente applicate le modalità di valutazione preliminare dei rischi da interferenza e di coordinamento in sito e la valutazione preliminare delle misure di sicurezza da attuare nelle attività lavorative a carico delle imprese terze (piani di sicurezza delle imprese). L aumento dell indice di frequenza degli infortuni nelle imprese terze, se pur relativo in quanto legato a bassi indici di gravità, sarà oggetto di azioni di richiamo alle imprese a porre maggior attenzione nelle attività lavorative nel pieno rispetto dei piani di sicurezza approvati. Infortuni tra i dipendenti Numero di infortuni Indice di frequenza (IF) Indice di gravità (IG) Infortuni tra contrattisti Numero di infortuni Indice di frequenza (IF) 11,49 13,01 28,39 Indice di gravità (IG) 0,55 0,14 0,45 IF: indice di frequenza = numero infortuni x / ore lavorate IG: indice di gravità = numero giorni di assenza x / ore lavorate

14 14 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Il decreto legislativo 334/99 Seveso ter Per effetto dell avvenuto mutamento della classificazione di sostanze pericolose secondo il Regolamento CE n. 1272/2008 (Regolamento CLP) la Centrale rientra nel campo di applicazione del Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose, come modificato dal Decreto Legislativo 21 settembre 2005, n In particolare, a partire dal 1 dicembre 2010, il suddetto Regolamento CLP, classifica l Olio Combustibile Denso come sostanza pericolosa per l ambiente ovvero molto tossica per gli organismi acquatici con frase di rischio (R50-53) secondo la direttiva 67/548/CEE (R50-53) e indicazione di pericolo H400-H410 secondo il regolamento CLP. Dal momento che lo stoccaggio di sostanze pericolose per l ambiente nella Centrale supera i limiti soglia riportati nella parte 2, colonna 3 del suddetto decreto, la Centrale ha provveduto in particolare a: Effettuare la Notifica, inviare la Scheda di informazione alla popolazione e trasmettere il Rapporto di Sicurezza; Redigere la politica in materia di Salute e Sicurezza dei lavoratori, di Ambiente e di Prevenzione degli Incidenti Rilevanti; Aggiornare il Piano di Emergenza Interno (PEI) ed informare le Autorità affinché provvedano all elaborazione del Piano di Emergenza Esterno. In accordo con la propria politica di prevenzione degli incidenti rilevanti, la Centrale ha integrato il Sistema di Gestione della Sicurezza e Ambiente con la prevenzione dei pericoli derivati dagli incidenti rilevanti, allo scopo di prevenire e controllare gli scenari incidentali, a partire da quelli riportati nel Rapporto di Sicurezza. Gestione delle emergenze Le situazioni di emergenza che si possono originare all interno della Centrale sono trattate dal Piano di Emergenza Interno (PEI) redatto ai sensi dell art. 5 del DM e di quanto indicato dalla norma ISO 14001:2004, dal Regolamento EMAS, e dal D.Lgs. 334/99. Il documento analizza le possibili situazioni e gli scenari incidentali fornendo linee guida comportamentali/procedurali da applicare in condizioni di emergenza. Tutto il personale della squadra di emergenza è formato ed addestrato con corsi di formazione specifici ed esame a cura VVF ed esegue periodicamente esercitazioni e prove di emergenza. Tutto il personale Edipower esegue periodicamente prove di evacuazione. La Centrale è in possesso di CPI (Certificato di Prevenzione Incendi, pratica n con scadenza 16/12/2012) aggiornato in relazione alla modifica impiantistica relativa all installazione del nuovo modulo 4 a ciclo combinato. Le attività presenti nel CPI ai sensi del D.M. 16/02/1982 sono le seguenti: n. 63 (attività principale) e per le attività secondarie n b Preparazione alle emergenze Esercitazioni di Emergenza Prove di evacuazione La Centrale, ricadendo nell ambito di applicazione dell art. 8 del D.Lgs. 334/99, non è soggetta al DPR 151/2011 (ibid., art. 2, comma 6).

15 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Identificazione degli aspetti ambientali Nell analisi degli aspetti ambientali diretti e indiretti della Centrale Termoelettrica di Turbigo sono stati individuati i rilasci, sono emersi i l utilizzazione di materiali e risorse naturali che generano o possono generare un impatto sull ambiente. In particolare sono stati presi in considerazione i seguenti comparti ambientali: Emissioni controllate ed incontrollate in atmosfera Scarichi controllati e incontrollati nell acqua o nella rete fognaria Rifiuti pericolosi e non pericolosi Contaminazione del terreno Uso del terreno, di acqua, di combustibili, di energia e di altre risorse naturali Scarico di energia termica Campi elettromagnetici Consumi energetici Questioni locali (rumore, impatto visivo) Rischi di incidenti ambientali (v. D.Lgs. 334/99) Biodiversità Incidenze su componenti ambientali specifiche e diverse da quanto sopra elencato Tra tutti gli aspetti ambientali individuati, sia diretti che indiretti, sono stati selezionati quelli significativi valutandone l impatto da essi derivati tramite criteri oggettivi descritti nella procedura PGSATL05 Individuazione degli aspetti-impatti ambientali. Ciascun impatto è stato analizzato e valutato con l attribuzione di un "codice di rilevanza" qualitativo/quantitativo, in questa analisi è stata considerata la presenza di una o più delle seguenti condizioni: vincoli legati a prescrizioni autorizzative, disposizioni di legge vigenti oppure di prevedibili evoluzioni normative; esistenza di impatti ambientali oggettivamente rilevabili, con particolare riguardo ad eventuali componenti ambientali critiche o ad ecosistemi sito-specifici anche in relazione alla ubicazione del sito nel territorio del Parco del Ticino; correlazione con obiettivi strategici della politica ambientale dell azienda; conseguenze economiche; impatto sulla sensibilità sociale locale. L analisi degli aspetti ambientali è stata aggiornata a seguito del completamento dei lavori sul ciclo combinato Modulo 4. Dall analisi sono emersi come significativi i seguenti aspetti ambientali. ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI Diretti Scarichi idrici Falda acquifera Scarichi termici Emissioni in atmosfera Sostanze lesive della fascia di ozono Emission trading CO 2 Rifiuti pericolosi e non pericolosi Contaminazione del terreno Rumore Energia - Efficienza termica Amianto Indiretti Traffico indotto Fornitori appaltatori Radiazioni non ionizzanti

16 16 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI ACQUE - Scarichi idrici La Centrale esegue controlli periodici sulle acque reflue secondo quanto previsto da procedura operativa specifica. Nelle tabelle sono riassunti i risultati dei controlli annui sulle diverse tipologie di acque reflue trattate; i risultati sono espressi come concentrazione media rilevata nel periodo preso a riferimento (anno 2011). I dati rilevati nelle analisi periodiche non hanno evidenziato diversità sostanziali e sono sempre stati inferiori di alcuni ordini di grandezza ai limiti di legge. Parametro unità di misura Punto di scarico finale (punto 3) - Media annuale Trattamento acque oleose Media annuale Limiti di legge D.Lgs.152/2006 BOD 5 mg/l <5 <5 <5 40 COD mg/l <10 <10 < ph 7,8 7,7 8,1 5,5-9,5 Solfati mg/l 26,2 26,1 26, Cloruri mg/l 9,1 10,7 7, Floruri mg/l <0,1 <0,1 <0,1 6 Fosfati mg/l <0,1 <0,1 <0,1 10 Azoto mg/l <0,5 <0,5 <0,5 15 ammoniacale Per le acque oleose l unico Azoto nitrico mg/l 0,81 0,80 0,66 20 parametro soggetto a controllo è Azoto nitroso mg/l <0,1 <0,1 <0,1 0,6 la presenza di idrocarburi totali Test tossicità con % (Decreto AIA, par. 9.4, comma c) <50 Daphnia Escherichia coli UFC/100 ml <5000 Cadmio mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,02 Cromo mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,2 Nichel mg/l <0,005 <0,005 <0,005 2 Piombo mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,2 Rame mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,1 Zinco mg/l 0,009 0,007 0,012 0,5 Alluminio mg/l 0,04 0,04 0,03 1 Ferro mg/l 0,03 0,03 0,03 2 Idrocarburi totali mg/l <0,2 0,6 (1) 0,9 <0,2 0,7 (1) 0,6 5 Frequenza di analisi mensile quindicinale (1) Nel corso del 2010 è stato modificato il metodo analitico. Il metodo adottato ha un limite di rilevabilità più alto del precedente (0,5 mg/l) Parametro unità di misura Uscita Impianto Trattamento Acque Reflue (ITAR) acque acide/alcaline - Media annuale Limiti di legge D.Lgs.152/ Torbidità NTU 1,7 1,4 2,3 - COD mg/l < ph - 7,2 7,12 7,07 5,5-9,5 Solfati mg/l Cloruri mg/l Azoto nitrico mg/l 1,81 1,86 1,62 20 Azoto nitroso mg/l <0,1 <0,1 <0,1 0,6 Azoto ammoniacale mg/l 1,2 0,8 0,8 15 Cadmio mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,02 Cromo mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,2 Nichel mg/l 0,014 0,009 0,014 2 Piombo mg/l <0,005 <0,005 <0,005 0,2 Rame mg/l 0,038 0,009 0,009 0,1 Zinco mg/l 0,021 0,039 0,036 0,5 Ferro mg/l 0,11 0,08 0,14 2 Frequenza di analisi Settimanale/quindicinale

17 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale ACQUE - Falda acquifera Conformemente al Piano di Monitoraggio e Controllo, il monitoraggio delle acque di falda viene effettuato con periodicità semestrale utilizzando: n. 9 piezometri posti all interno e all esterno dell area di Centrale per il controllo periodico delle acque di falda superficiale (fino a profondità di 10 m); n. 4 pozzi di emungimento all interno dell area di Centrale che pescano nella falda profonda (circa m). Per i pozzi di emungimento è stata ottenuta una concessione da parte della Regione Lombardia con specifico decreto D.d.s. n del 23/12/2010. Nelle tabelle sono riportati i risultati dei campionamenti semestrali nel corso del I valori rilevati confermano l assenza di situazioni di contaminazione; le variazioni delle concentrazioni dei parametri analizzati sono influenzate dalla stagionalità: periodi siccitosi, livelli degli effluenti nei canali, livello della falda, ecc. Piezometri di monitoraggio della falda acquifera Parametro unità di misura PN 1 PN 2 PN 3 PN 4 PN 5 PN 6 Alluminio μg/l P7 PZ 1 PC I semestre 2011 II semestre PN 1 PN 2 PN 3 PN 4 PN 5 PN 6 P PZ PC Limiti di legge D.Lgs. 152/ Cromo totale μg/l <1 1 1 <1 <1 1 <1 50 Ferro μg/l Nichel μg/l <1 <1 <1 1 1 <1 2 <1 < <1 <1 < Vanadio μg/l <2 <2 4 <2 55 <2 13 <2 < <2 2 3 <2 - Floruri μg/l <1 <1 <1 <1 <1 < Nitriti μg/l <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 <5 < < Solfati μg/l Idrocarburi < < < < < < < < < < < < < < < < < disciolti o μg/l emulsionati < 10 - Pozzi di emungimento Parametro unità di misura Pozzo 1 Pozzo 2 Pozzo 3 Pozzo 4 Pozzo 1 Pozzo 2 Pozzo 3 Pozzo 4 Limiti di legge D.Lgs. 152/2006 I semestre 2011 II semestre 2011 Alluminio μg/l Cromo totale μg/l Ferro μg/l Nichel μg/l < Vanadio μg/l <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 <2 - Floruri μg/l <10 <10 <10 < Nitriti μg/l <50 <50 <50 <50 <50 <50 <50 < Solfati μg/l Idrocarburi disciolti o emulsionati μg/l < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 -

18 3-ott 10-ott 17-ott 24-ott 31-ott 7-nov 14-nov 21-nov 28-nov 5-dic 12-dic 19-dic 26-dic 1-gen 8-gen 15-gen 22-gen 29-gen 5-feb 12-feb 19-feb 26-feb 5-mar 12-mar 19-mar 26-mar 2-apr 9-apr 18 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo ACQUE - Scarichi termici La Centrale termoelettrica di Turbigo utilizza le acque del canale industriale Naviglio Grande per il raffreddamento dei condensatori. Le acque di raffreddamento sono prelevate e ordinariamente scaricate al Naviglio Grande. Nei periodi delle asciutte manutentive del Naviglio Grande, programmate dal Consorzio di Bonifica Est Ticino-Villoresi gestore della rete dei Navigli, le acque sono convogliate direttamente al Ticino attraverso un canale dedicato, di proprietà Edipower (canale di restituzione). In questo caso il punto di controllo per la temperatura è quello a valle dello scarico del canale di restituzione al fiume Ticino. Le modalità di gestione degli scarichi termici è regolamentata da specifica procedura operativa. I grafici riportati evidenziano il rispetto del limite previsto dal D.Lgs. 152/06 a valle dello scarico del canale di restituzione al Ticino (viene sempre rispettato il limite di ΔT di 3 C). Il rispetto del ΔT di 1 C sulla semisezione del corpo recettore, in caso di scarico al Ticino, è garantita con l applicazione di un modello di calcolo che simula il profilo termico dello scarico sia in altezza che in profondità. La validità del modello è stata confermata con una specifica campagna di misura. ΔT C scarichi termici - periodo primavera ,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 ΔT C ΔT C scarichi termici - periodo autunno ,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 ΔT C

19 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale ARIA - Emissioni in atmosfera Nel 2011 è stato utilizzato come combustibile solo gas naturale, sia per le unità a ciclo convenzionale che per le unità a ciclo combinato. Questo ha comportato valori estremamente bassi del biossido di zolfo e delle polveri nelle emissioni. Nelle tabelle sottostanti sono riportati i valori medi annui delle emissioni, espresse in mg/nm 3, per ciascuna unità termoelettrica relativi al 2011 ed il riepilogo emissivo degli ultimi 3 anni. I limiti di legge sono stabiliti dai seguenti Decreti: Decreto del Ministero Attività Produttive n. 55/03/2005 Decreto del Ministero Sviluppo Economico n. 55/09/2007 Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio n. DEC (AIA) emesso il 06/7/2010 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 29/07/2010 relativo alla Autorizzazione integrata Ambientale (AIA). Nel corso del 2011 sono state eseguite le campagne sulle emissioni previste nel Piano di Monitoraggio e Controllo emesso da ISPRA. Tutti parametri rilevati sono risultati di diversi ordini di grandezza inferiori ai limiti previsti nel decreto autorizzativo AIA DVA-DEC Valori medi di emissione Parametro unità di misura TL1 TL2 TL3 Limiti di legge TL42 TL43 Limiti di legge (*) per 100% gas Modulo in ciclo Sezioni a vapore combinato SO 2 mg/nm 3 3,4 0,5 2,8 35 (*) n.a. n.a. n.a. NO X mg/nm 3 158,6 136,2 113, ,97 14,24 30 Polveri mg/nm 3 0,2 1,3 0,7 5 (*) n.a. n.a. n.a. CO mg/nm 3 4,4 12,4 2, ,1 0,4 30 n.a. non applicabile Riepilogo annuale delle emissioni Parametro unità di misura SO 2 t 105,15 1,24 0,63 NO X t 326,36 305,22 231,41 Polveri t 2,49 0,34 2,43 CO t 16,32 10,73 12,15 Il dati emissivi 2011 relativi a SO 2 e polveri, risultano poco significativi dal confronto con i limiti di legge ed in linea con i dati emissivi degli anni precedenti, in quanto: anche per tutto l anno 2011 il mix è stato solo a 100% gas naturale; entrambi risentono dell errore strumentale degli analizzatori (misura effettuata al valore più basso misurabile degli strumenti). Per quanto riguarda le emissioni specifiche di SO 2, NO X, polveri e CO 2, gli andamenti degli ultimi anni sono riportati nel capitolo: Indicatori ambientali.

20 20 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo ARIA - Sistemi di controllo della qualità dell aria (RRQA) A partire da questo rinnovo della Dichiarazione Ambientale, la Centrale non riferisce più in merito alla rete di controllo della qualità dell aria in quanto tale aspetto ambientale è stato ritenuto non significativo poiché è stato dimostrato che l attività della Centrale non ha una ricaduta significativa sui parametri di qualità dell aria. Inoltre, a partire dal 2010, le capannine di rilevamento della qualità dell aria sono gestite direttamente dall ARPA competente territorialmente. ARIA - Sostanze lesive della fascia di ozono ed a effetto serra In relazione alla loro composizione molecolare ed alla loro stabilità nell ambiente, le sostanze utilizzate come fluidi refrigeranti negli impianti di climatizzazione e condizionamento e nel settore antincendio come agenti estinguenti (Halon) vengono così classificate: Gas lesivi per l ozono Gas ad effetto serra CFC (Clorofluorocarburi), HCFC (idroclorofluorocarburi), Halon HFC (idrofluorocarburi) e miscele SF 6 (esafluoruro di zolfo) Tra le sostanze definite come lesive della fascia di ozono i CFC e gli Halon, sono considerate come sostanze di elevato impatto a causa della loro alta stabilità ambientale. Per questo il Parlamento Europeo fin dal 2000 ne ha vietato l immissione sul mercato (vedi Regolamento CE n. 2037/2000). Inoltre, in considerazione della composizione chimica delle molecole degli HCFC (idroclorofluorocarburi) che impattano sullo strato di ozono impoverendolo, tale regolamento prevede di: Vietare, dal 01/1/2010, l utilizzo di HCFC puri nella manutenzione ed integrazione degli impianti. Vietare, dal 01/01/2015, l utilizzo di tutti gli HCFC, anche presenti in miscele. Nella Centrale di Turbigo, sono state eliminate tutte le miscele contenti HCFC. Il controllo dei prodotti ancora utilizzati sull impianto come composti fluorurati (HCF e SF 6 ), è eseguito in conformità al Regolamento (CE) n. 842/2006 che dispone di: Effettuare un controllo periodico delle perdite con personale certificato Registrare sul libretto di impianto le quantità di gas fluorurati aggiunti e recuperati La quantità integrata negli impianti di condizionamento di sostanze fluorurate nell anno 2011 è pari a: HFC integrati 180 kg Negli impianti di condizionamento a servizio del nuovo modulo a ciclo combinato non sono utilizzate sostanze fluorurate. L esafluoruro di zolfo (SF 6 ) è contenuto nelle apparecchiature elettriche della stazione elettrica, nei condotti che contengono le sbarre ed i cavi ad alta tensione e negli interruttori di media tensione (6 kv). L andamento dei SF 6 integrato nell ultimo triennio è indicato nella tabella sottostante Esafluoruro (SF₆) presente (kg) 5808,7 5808,7 5797,7 Esafluoruro (SF₆) integrato (kg) 0 8,7 2,3

21 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale ARIA - Emission Trading e CO 2 equivalente per le sostanze ad effetto serra La Centrale di Turbigo è stata autorizzata ad emettere gas ad effetto serra dal DEC/RAS/2179/2004 con autorizzazione n Le emissioni di CO₂ dell anno 2011, risultate pari a tonnellate, sono oggetto di monitoraggio mediante specifica procedura operativa e controllate da verificatore accreditato (RINA). In seguito alla verifica, le quantità certificate sono state trasmesse al Ministero dell Ambiente per l iscrizione al Registro nazionale delle emissioni APAT. A seguito del nuovo Regolamento EMAS n. 1221, nelle emissioni di gas ad effetto serra sono calcolate le sostante che pur non essendo CO 2, possono anch esse contribuire all effetto serra. Le sostante di nostro interesse sono: metano (CH 4 ); protossido di azoto (N 2 O); esafluoruro di zolfo (SF 6 ) Idrofluorocarburi (HFC). I quantitativi annuali emessi di questi gas vengono trasformati in emissioni di tonnellate d CO 2, mediante il GWP (potenziale di riscaldamento globale) riportata nel Regolamento CE 842/2006 cos i definito: GWP o potenziale di riscaldamento globale è il potenziale di riscaldamento climatico di un gas fluorurato ad effetto serra rispetto a quello dell'anidride carbonica. Il potenziale di riscaldamento globale (GWP) è calcolato sulla base del potenziale di riscaldamento in 100 anni di un chilogrammo di un gas rispetto ad un chilogrammo di CO 2. Il metodo di calcolo del potenziale di riscaldamento globale (GWP) di un preparato è riportato nella parte 2 dell allegato I al Regolamento CE 842/2006 a partire da GWP specifici. Negli Indici Ambientali sono riportati gli andamenti delle emissioni specifiche di CO 2 da combustione e le emissioni specifiche di CO 2 equivalente da CH 4, N 2 O, HFC espresse come % sul totale da combustione. La quantità di CO 2 equivalente emessa nell anno 2011 per le sostanze ad effetto serra è la seguente: Tipologia gas HFC N 2 O CH 4 SF 6 CO 2 equivalente emessa (kg) da gas ad effetto serra CO 2 Equivalente emessa % sul totale di CO 2 emessa da combustione 0,11 0 0,06 0,01

22 22 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo SUOLO - Rifiuti Le quantità complessiva di rifiuti pericolosi smaltiti nel corso del 2011 è rimasta dell ordine di grandezza di quella del Nel trasporto di rifiuti pericolosi, la Centrale applica la normativa ADR ed i suoi dettami legislativi, in accordo e consultando il consulente aziendale per la normativa relativa al trasporto dei merci pericolosi (ADR). L andamento dell indicatore ambientale in kg/gwh è riportato nel grafico contenuto nel capitolo Indicatori ambientali. Rifiuti Non Pericolosi C.E.R. Denominazione 2009 kg 2010 kg 2011 kg Indicatore Ambientale 2011 kg/gwh netti Rifiuti contenenti silicone diversi da quelli menzionati alla voce Toner per stampante esauriti diversi da quelli di cui alla voce , Ceneri pesanti, scorie e polveri di caldaia Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, diversi da cui alla voce Fanghi acquosi da operazioni di pulizia caldaia,diversi da quelli di cui alla voce Rifiuti di allumina , Limatura e truccioli di materiali ferrosi , Rifiuti di saldatura , Materiale abrasivo di scarto,diverso da quello di cui alla voce , Imballaggi in plastica , Imballaggi in legno , Imballaggi metallici Imballaggi in materiali misti , Assorbenti, materiali filtranti,stracci,indumenti protettivi diversi da quelli di cui alla voce , Apparecchiature fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci da a , Rifiuti inorganici, diversi da quelli di cui alla voce , Rifiuti organici diversi da quelli di cui alla voce (liquido schiumogeno-polielettrolita) , Batterie alcaline (tranne ) , Altre batterie ed accumulatori Soluzioni acquose di scarto, diverse da quelle di cui alla voce ,94 (acqua + cenere non concentrata) Rivestimenti e materiali refrattari provenienti da lavorazioni non metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce , Mattonelle e ceramiche (isolatori elettrici in ceramica/metallo) , Vetro di scarto e frammenti di vetro, ecc , Alluminio , Ferro e acciaio , Metalli misti , Cavi, diversi da quelli di cui alla voce , Materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci e , Resine di scambio ionico sature ed esaurite , Carta e cartone , Rifiuti biodegradabili , residui della pulizia stradale , Fanghi delle fosse settiche , Rifiuti della pulizia delle fognature ,23 Totale (kg)

23 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Rifiuti Pericolosi C.E.R. Denominazione 2009 kg 2010 kg 2011 kg Indicatore Ambientale 2011 kg/gwh netti * Morchie depositate sul fondo dei serbatoi , * Acido solforico ed acido solforoso , * Altri acidi * Idrossido di calcio , * Altre basi (soda -carbonato di sodio-acqua + ammoniaca) , * Mercurio ,7 0, * Altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acque madri (acqua con glicole) , * Soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri (detergente TG) , * Pitture e vernici di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose , * Ceneri leggere di olio combustibile e polveri di caldaia , * Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli affluenti, contenenti sostanze pericolose (1) , * Rifiuti di sgrassaggio contenenti sostanze pericolose * Emulsioni non clorurate (morchie + alghe) , * Scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione non clorurati , * Oli minerali isolanti e termoconduttori non clorurati , * Oli sintetici isolanti e termoconduttori * Clorofluorocarburi, HCMC, HFC (Freon) 0 7,2 78,0 0, * Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose , * Imballaggi metallici contenenti matrici solide porose pericolose (ad esempio amianto), compresi i contenitori a pressione vuoti , * Assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell'olio non specificati altrimenti) stracci e indumenti protettivi contaminati da sostanze ,92 pericolose * Veicoli fuori uso , * Apparecchiature fuori uso contenenti componenti pericolose diversi da quelli di cui alle voci e (video-monitorcondensatori) , * Rifiuti inorganici, contenenti sostanze pericolose * Gas in contenitore a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose , * Sostanze chimiche da laboratorio contenenti o costituite da sostanze pericolose, comprese le miscele di sostanze chimiche di 6,5 26,5 15,8 0,01 laboratorio * Accumulatori al piombo(smaltimento tramite Cobat) , * Batterie al nichel cadmio , * Batterie contenenti mercurio 0,5 0, * Rifiuti contenenti olio , * Soluzioni acquose di scarto contenenti sostanze pericolose (lavaggio pezzi/deterg. lavaggio turbogas/soluz. acquose/acqua + cenere) , * Concentrati acquosi contenenti sostanze pericolose * Terre e rocce contenenti sostanze pericolose * Materiali isolanti contenenti amianto , * Altri materiali isolanti contenenti o costituiti da sostanze pericolose ,08 Totale (kg) (1) I fanghi smaltiti rappresentano tre anni di funzionamento.

24 24 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo SUOLO - Contaminazione del suolo La Centrale di Turbigo prosegue le attività di monitoraggio della falda acquifera secondo i piani di monitoraggio previsti nelle certificazioni di completamento delle attività di verifica e con quanto indicato nel Piano di Monitoraggio e Controllo emesso da ISPRA. Per i seguenti interventi di bonifica, sono state emesse certificazioni del completamento degli interventi: Messa in sicurezza dell area compresa tra le unità TL2 e TL3 (competenza Comune di Turbigo): Certificazione Provincia di Milano prot. n /2007 del 26/07/2007 Messa in sicurezza dell area ex DCO (competenza Comune di Robecchetto con Induno): Certificazione Provincia di Milano prot. n /2011 del 28/11/2011 IMMISSIONI - Rumore Nel corso del 2010 sono stati portati a termine alcuni interventi di insonorizzazione al fine di ridurre ulteriormente l emissione acustica prodotta dell impianto. Inoltre, come ulteriore misura di mitigazione acustica, è stata piantumata l area precedentemente occupata dagli uffici del cantiere affacciata sul Naviglio Grande e avente superficie pari a circa m 2 (vedi paragrafo cortina arborea). È da segnalare che Nel corso del 2010 Edipower ha presentato ricorso al TAR di Milano, per l annullamento della delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 28 luglio 2010, con cui il Comune di Robecchetto con Induno ha approvato definitivamente la classificazione acustica del territorio comunale. Il ricorso è stato accolto invalidando la classificazione del Comune, ripristinando i limiti del DPCM 14/11/1997. Il rispetto dei limiti delle immissioni di rumore vigenti è stato verificato tramite una campagna di misura dell impatto acustico con l impianto funzionante a pieno regime, nel periodo luglio-agosto ENERGIA - Efficienza termica L installazione di turbine a gas a ciclo combinato è considerata tecnicamente il più efficiente sistema di produzione di energia elettrica. Il rendimento elettrico netto del nuovo impianto a ciclo combinato, modulo 4, si caratterizza per un efficienza pari al 56%, in accordo con quanto indicato con le linee guida MTD (Migliori Tecniche Disponibili indicate dal Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare). Il maggior rendimento del nuovo modulo a ciclo combinato contribuisce a diminuire notevolmente il consumo specifico (c.s.), cioè il rapporto tra la quantità di calore sviluppata dal combustibile e la corrispondente quantità di energia elettrica netta prodotta, espresso in kcal/kwh netti. L andamento del consumo specifico (c.s.) viene rappresentato negli indici ambientali, prendendo come riferimento il valore dell anno 1994 = 1 (2267 kcal/kwh netti). La formula di calcolo è: IMPATTO VISIVO A partire da questo rinnovo della Dichiarazione Ambientale, la Centrale non riferisce più in merito all impatto visivo in quanto tale aspetto ambientale è stato ritenuto non significativo poiché regolato da decreti e regolamenti; inoltre, a livello comunale la Centrale è considerata parte storica integrante del territorio e quindi non è considerata elemento critico. GESTIONE SOSTANZE PERICOLOSE - Amianto Per quanto riguarda la gestione dell amianto, la Centrale ha da tempo adottato una procedura operativa che prevede: Controllo annuale e classificazione delle coibentazioni contenenti amianto con metodo denominato INDEX. Monitoraggio annuale delle fibre aerodisperse in SEM (campionamenti per il controllo dell esposizione dei lavoratori). Le scoibentazioni del materiale contenete amianto vengono effettuata da ditte specializzate in ottemperanza dei dettami legislativi e sotto la sorveglianza delle Autorità di controllo. Le quantità di amianto smaltite nel corso del 2011 sono rappresentate nella tabella relativa ai rifiuti pericolosi. BIODIVERSITÀ - Aree verdi nel sito A partire da questo rinnovo della Dichiarazione Ambientale, la Centrale non riferisce più in merito alla biodiversità in quanto tale aspetto ambientale è stato ritenuto non significativo poiché non strettamente correlato con l attività svolta in sito.

25 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Fornitori ed appaltatori Edipower prosegue nel processo di qualificazione per l inserimento nell Albo Fornitori. La valutazione del fornitore è attuata coerentemente con i sistemi di gestione ambientale e di sicurezza adottata dagli impianti Edipower. I dettagli del sistema di qualifica ed i suoi principi sono illustrati nel sito: I fornitori e gli appaltatori vengono informati degli aspetti ambientali significativi specifici e dei vincoli ambientali dell impianto di Turbigo durante le riunioni di coordinamento ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/08. Fornitori e appaltatori sono altresì tenuti a informare la Centrale di sostanze eventualmente introdotte in sito per lo svolgimento delle proprie attività tramite il DUVRI, nonché di eventuali altri aspetti aventi impatto ambientale ad esse correlate (rifiuti, sversamenti accidentali). Infine, Edipower effettua audit in materia di ambiente, salute e sicurezza alle ditte terze operanti a lungo termine in Centrale. Traffico indotto Nel 2011 si è registrato un occasionale aumento del traffico indotto a causa del trasferimento di OCD alla Centrale A2A di Monfalcone (GO), effettuato tra giugno e settembre. A partire da questo rinnovo della Dichiarazione Ambientale, la Centrale non riferisce più in merito al traffico indotto in quanto tale aspetto ambientale è stato ritenuto non significativo poiché non strettamente correlato con l attività svolta in sito. Radiazioni non ionizzanti La Centrale è fonte di radiazioni non ionizzanti dovute ai campi elettromagnetici indotti dal collegamento dell impianto alla rete elettrica nazionale di trasporto dell energia; l area interessata da tali campi è in genere limitata a qualche decina di metri dall asse della linea di alta tensione.

26 26 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo OBIETTIVI AMBIENTALI Rif. Obiettivo Luogo /Traguardo Costi Anno Stato Beneficio 2.01 Manipolazione materiali contenti amianto Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto BOX EX STAZIONE ELETTRICA - Eliminazione delle parti contenenti amianto e sostituzione con nuovo materiale isolante ecologico Completato Eliminazione del 100% dell amianto presente nei locali di comando staz. elettrica 2.03 Manipolazione materiali contenti amianto Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto TL3 LOCALE 6 KV INTERRUTTORI MT Eliminazione delle parti contenti amianto e sostituzione con nuovo materiale isolante ecologico Completato nel 2010 Eliminazione del 100% dell amianto presente negli interruttori di media tensione. Beneficio raggiunto al % Produzione di rifiuti e detersivi Allontanamento delle colonie di piccioni per problemi di igiene e sicurezza per le persone e le parti di impianto TUTTO L IMPIANTO - Utilizzo dei falchi per l allontanamento colonia di piccioni - campagna periodica Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2009, 100% 2.06 Sostituzione dei lubrificanti tradizionali con l adozione di lubrificanti biodegradabili su parti d impianto nelle quali può sussistere la possibilità di contatto olio-acqua di fiume PARTI E COMPONENTI D IMPIANTO sostituzione di lubrificanti minerale con lubrificanti biodegradabili Completato Sostituzione del 15% dell olio presente nei macchinari interessati 1.01 Progetto di riqualificazione ambientale trasformazione in ciclo combinato della sezione TL41 da 885 MW Realizzazione di due nuove turbine a gas taglia 260 MW e dismissione della caldaia di tipo convenzionale. Miglioramento del rendimento (55%) MESSA IN SERVIZIO MODULO 4 Il termine dei lavori (Fase I) è previsto per il 30/06/ Completato Riduzione delle emissioni dell impianto rispetto al 2004 del : NOx -38% SOx -26% Polveri -26% 1.02 Sostituzione fluido R22 impianti di refrigerazione HCFC sostanze lesive della fascia di ozono R22 - Sostituzione dei fluidi R22 con sostanze non lesive della fascia di ozono Completato nel 2010 Eliminazione del 70% degli HCFC presenti sull impianto 2.02 Manipolazione materiali contenti amianto - Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto INTERRUTTORI 6 kv - Eliminazione delle parti contenti amianto e sostituzione con nuovo materiale isolante ecologico Completato nel 2011 L azione è risultata efficace. Beneficio raggiunto alla fine del 2010 pari al 90% Manipolazione materiali contenti amianto - Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto TL1 - MONTACARICHI - Eliminazione nel vano di corsa delle parti contenenti amianto e rimozione del rivestimento antimeteorico (in eternit) ad esso associato Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2010 al 100%

27 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Rif. Obiettivo Luogo /Traguardo Costi Anno Stato Beneficio 2.07 Sostituzione dei solventi tradizionali con l'adozione di solventi ecologici PARTI E COMPONENTI D'IMPIANTO - sostituzione di solventi tradizionali con solventi di tipo ecologico Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2010 al 100% 2.08 Manipolazione materiali contenti amianto Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto BONIFICA TUBAZIONI TL 1/2/3 - Eliminazione delle parti contenti amianto e sostituzione con nuovo materiale isolante ecologico. Bonifica tubazioni TL Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2010 al 100% 2.09 Manipolazione materiali contenti amianto Eliminazione delle fibre ceramiche refrattarie e di amianto C. LE PONENTE INTERVENTI CONTENITIVI - Eliminazione delle parti contenti amianto e sostituzione con nuovo materiale isolante ecologico Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2010 al 100% 3.02 Insonorizzazione parti e componenti d'impianto Unità TL 4R - Insonorizzazione drenaggi della tubazione SH/AP ingresso TV Completato Abbattimento della rumorosità dell unità TL4R sulle immissioni di rumore in modo da ottenere 45 db A sul perimetro 3.03 Insonorizzazione parti e componenti d'impianto PORTONI - Sostituzione portoni di accesso alle sale macchine Completato Abbattimento della rumorosità ambientale verso l esterno dell unità TL3/4 Beneficio raggiunto alla fine del 2010 pari al 90% 3.04 Mitigazione delle emissioni acustiche prodotte dall'impianto produttivo TUTTO L IMPIANTO - Creazione di una cortina arborea ed arbustiva lungo il perimetro Nord - Est della centrale adiacente il Naviglio Grande, al fine di mitigare l'emissione acustica prodotta dell'impianto Completato nel 2011 Mitigazione in modo continuativo dell inquinamento acustico prodotto dall impianto in direzione del centro abitato in prossimità della centrale Mitigazione delle emissioni acustiche prodotte dall'impianto produttivo TUTTO L IMPIANTO - Rifacimento impianto interfonico di centrale, al fine di mitigare l'emissione acustica prodotta dell'impianto Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2010 al 100% 2011_9 Rimozione amianto Rimozione amianto nelle tubazioni e drenaggi gruppi TL2-3-4 (dettaglio a SAP) Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2011 al 100% 2011_5 Installazione copriflange di sicurezza TV41 TUBAZIONI OLIO Riduzione dalle perdite dalle tubazioni di olio relativamente al TV41 mediante installazione di copriflange Completato L azione è risultata efficace. Beneficio anno 2011 al 100%

28 28 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo OBIETTIVI AMBIENTALI Rif. Descrizione Obiettivo/traguardo Valore k Anno Indicatore Beneficio 2012_08 Smaltimento amianto 10 t Tonnellate smaltite/tonnellate da smaltire Maggiore tutela salute lavoratori e ambiente 2012_17 Riduzione dei reagenti chimici impianto DEMI Valori di riferimento anno % 1, Tonnellate di acido e soda consumate rispetto al valore storico Miglioramento tutela ambiente 2012_18 Produzione di rifiuti e detersivi Utilizzo dei falchi per l allontanamento colonia di piccioni campagna periodica Mantenere un grado di pulizia conforme all impianto 7, Numero di campagne di pulizia specifica piano governo /anno Miglioramento tutela ambiente 2013_01 Smaltimento amianto 10 t Tonnellate smaltite/tonnellate da smaltire 2013_02 Recupero delle acque oleose finalizzato alla riduzione dei prelievi di acqua formalizzazione del progetto, realizzazione, entrata in funzione (segue consuntivazione a 12 mesi a impianto completato) 100% % di avanzamento del cantiere rispetto al crono programma 2014_01 Smaltimento amianto 10 t Tonnellate smaltite/tonnellate da smaltire Maggiore tutela salute lavoratori e ambiente Maggiore tutela ambiente Maggiore tutela salute lavoratori e ambiente

29 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Bilancio Ambientale della Centrale termoelettrica di Turbigo Dati di Input Unità di misura Combustibili consumati totale combustibili liquidi kt 24,02 0,58 0,92 gas naturale Sm 3 x ,93 474,61 433,5 contenuto di zolfo nel combustibile (media) % 0, Prelievo di acque raffreddamento Raffreddamento condensatori (da fiume) m 3 x ,48 319,64 281,09 Prelievo di acque per uso industriale da fiume m 3 x ,52 404,63 389,01 da pozzo m 3 x ,24 0,38 0,63 acque per uso industriale (totale prelevato) m 3 x ,76 405,01 389,64 P r o d o t t o Produzione termoelettrica Produzione termoelettrica lorda GWh 2.549, , ,55 Produzione termoelettrica netta GWh 2.444, , ,27 Totale da combustibili liquidi GWh Totale da gas naturale GWh 2.364, , ,27 Materiali di consumo approvvigionati (*) Consumo Indicatore Consumo Indicatore Consumo Indicatore u.m. totale (u.m./gwh) totale (u.m./gwh) totale (u.m./gwh) Azoto 10 2 * L 124 0, , ,054 Acido cloridrico t 50 0,020 40,29 0,017 30,38 0,014 Acido solforico t 4,72 0, , ,000 Soda caustica t 31,5 0,013 25,09 0,011 23,32 0,011 Resina t 0,5 0,000 0,5 0, ,000 Cloruro ferrico t 0 0,000 3,12 0,001 5,64 0,003 Ammonio idrato t 7,3 0, , ,000 Calce idrata t 19,6 0, ,004 18,62 0,009 Polielettrolita t 2 0, ,001 2,5 0,001 Anidride carbonica t 24,15 0, ,010 18,6 0,009 Totale materiali di t 263,77 0, , ,06 0,100 consumo Oli lubrificanti approvvigionati t 124 0, , ,054 (*)per i prodotti in soluzione si intende l effettiva quantità di prodotto in base alla concentrazione della soluzione.

30 30 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo Dati di Output O u t p u t Unità di misura Emissioni Emissioni SO 2 t 105,15 1,24 0,63 Emissioni NO 2 t 326,36 305,22 231,41 Emissioni Polveri t 2,49 0,34 0,21 Emissioni SF 6 kg 0,00 8,70 2,30 Presenza SF 6 kg 5.808, ,07 Emissioni CO t 16,32 10,73 12,15 Emissioni CO 2 totale kt 1.025,16 941,66 856,68 Emissioni CO 2 combustione kt 1.023,43 939,48 855,23 Emissioni CO 2 equivalente kt 0,00 0,21 1,442 Scarichi idrici Scarichi idrici - totale m 3 x ,52 293,99 255,63 da raffreddamento condensatori m 3 x ,50 284,50 246,38 da impianto di trattamento acide/alcaline m 3 x da impianto trattamento acque oleose m 3 x , ,93 997,16 da trattamento acque meteoriche m 3 x ,80 24,48 24,62 da trattamento acque potenzialmente inquinabili da oli m 3 x , , ,16 Rifiuti Rifiuti Pericolosi t 264,23 302,10 233,31 Rifiuti Non Pericolosi t 540,84 660,77 587,19

31 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale Indicatori ambientali EMISSIONI - Emissioni specifiche 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 SO 2 - Emissione specifica cicli convenzionali (t/gwh) 0,62 0,06 0,04 0,0005 0, ,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 NOx - Emissione specifica (t/gwh) 0,33 0,19 0,13 0,130 0, Nel 2011 continua la diminuzione dei valori emissivi di SO 2 da attribuire al solo utilizzo di gas naturale come combustibile per il funzionamento dei cicli convenzionali. Nel 2011 i valori emissivi di NO x sono dello stesso ordine di grandezza dell anno 2010, in quanto prevale il funzionamento del ciclo combinato con livelli emissivi molto bassi di NO X. 0,05 0,04 0,03 0,02 0,01 0,00 CO - Emissione specifica (t/gwh) 0,04 0,01 0,007 0,0044 0, ,02 0,02 0,01 0,01 0,00 Polveri - Emissione specifica cicli convenzionali (t/gwh) 0,01 0,0004 0,0010 0,0001 0, Nel 2011 i valori emissivi di CO sono dello stesso ordine di grandezza dell anno 2010, poiché prevale il funzionamento del ciclo combinato con livelli emissivi molto bassi di CO. Il funzionamento solo a gas naturale nel corso dell anno 2011, ha portato i valori emissivi pressoché minimi di polveri pari al livello dell errore strumentale degli strumenti.

32 32 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo EMISSIONI - Confronto con valori emettibili Gen. Feb. Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic SO2 emesso (t) 0,09 0,00 0,00 0,00 0,00 0,11 0,05 0,09 0,00 0,00 0,10 0,19 SO2 emettibile (t) 0,94 0,00 0,00 0,00 0,00 0,75 2,03 2,23 0,00 0,00 0,42 1, Gen. Feb. Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic NOx emesso (t) 4,0 0,1 0,0 0,3 0,0 3,8 6,7 9,8 4,1 0,0 1,3 3,4 NOx emettibile (t) 6,2 0,2 0,0 0,6 0,0 4,8 9,7 17,1 5,6 0,0 2,4 5, Gen. Feb. Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Polveri emesso (t) 0,03 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,07 0,05 0,01 0,00 0,02 0,03 Polveri emettibile (t) 0,15 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,27 0,83 0,05 0,00 0,09 0, Gen. Feb. Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic NOx TG emesso (t) 22,3 21,2 25,5 6,2 19,3 15,5 24,1 11,4 29,0 2,7 4,6 16,1 NOx TG emettibile (t) 46,2 45,7 61,1 14,0 46,9 41,2 56,6 26,7 64,3 6,8 9,3 31, Gen. Feb. Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic CO TG emesso (t) 1,2 1,7 1,4 0,2 0,5 0,5 0,5 0,2 0,8 0,1 1,1 1,9 CO TG emettibile (t) 45,8 41,8 56,3 12,6 54,4 42,5 53,3 22,4 28,3 2,7 9,0 37,9

33 Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale EMISSIONI - Andamento Emissione specifica di CO Emissione specifica (g/kwh) CO I valori emessi confermano i bassi livelli emissivi attribuibili all utilizzo di solo gas naturale con bassi coefficienti emissivi EMISSIONI - Andamento emissione specifica di CO 2 equivalente da CH 4, N 2 O, HFC, SF 6 0,15 0,10 0,05 0,00 Emissione specifica anno 2011 CO 2 equivalente da CH 4, N 2 O, HFC (% sul totale CO 2 da combustione) 0,11 0 0,06 0,01 CH4 N2O HFC SF6 L emissione specifica è di molto inferiore ai valori considerati de minims cioè risulta molto inferiore 2% della CO2 totale emessa. ENERGIA - Efficienza termica 1,50 1,00 0,50 0,00 1,00 1,034 Consumo specifico netto (kcal/kwh netti) (riferimento al 1994 valore 1) 0,819 0,772 0,755 0, Il consumo specifico netto, confrontabile con gli anni precedenti, conferma le buone performance del modulo a ciclo combinato. ACQUE - Efficienza termica Rapporto acqua prelevata m 3 / GWh netti prodotti Valore analogo al 2010 dovuto al basso consumo del ciclo combinato.

34 34 Dichiarazione ambientale 2011 Centrale di Turbigo SUOLO - Rifiuti pericolosi Rifiut pericolosi kg / GWh Si conferma l andamento del periodo precedente SUOLO - Rifiuti non pericolosi Rifiuti non pericolosi/ GWh Si conferma l andamento del periodo precedente.

35 Certificati Centrale di Turbigo Dichiarazione ambientale

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli