D O C U M E N T O Del Consiglio di Classe

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D O C U M E N T O Del Consiglio di Classe"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRINCIPE DI NAPOLI - INSOLERA VIA MODICA, SIRACUSA Tel Fax Classe 5 a Sezione B Mercurio D O C U M E N T O Del Consiglio di Classe Siracusa, 14 Maggio 2014 Il Dirigente Scolastico Dott. ssa Mangiafico M. Ada

2 I N D I C E Profilo della classe Presentazione del Progetto Mercurio Scheda riassuntiva delle Conoscenze Competenze Capacità Scheda di programmazione educativa e didattica Scheda informativa generale sulla programmazione della terza prova Schede informative analitiche per materia Consiglio di classe

3 IL PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 14 elementi, di cui 7 femmine e 7maschi; tutti provenienti dallo stesso triennio. A partire da gennaio un alunno ha frequentato per motivi personali in modo piuttosto saltuario, da Aprile non ha più frequentato. Gli obiettivi educativi programmati dal Consiglio di classe sono stati, nel complesso, raggiunti in modo sufficiente; solo in pochi hanno mostrato un interesse attivo alle varie discipline ed una partecipazione adeguata al dialogo educativo. Gli alunni sono stati corretti, rispettosi degli altri e delle regole della comunità scolastica. Ciò ha permesso ai Docenti di svolgere con serenità il proprio lavoro. Il processo di apprendimento è stato supportato dall attuazione sia del corso di recupero deliberato dal Collegio dei Docenti, svolto alla fine del I trimestre durante le ore curriculari ed extracurriculari; che dall' utilizzo dello sportello di consulenza didattica. Nel corso del triennio la classe ha svolto diverse attività indicate nelle pagine di seguito riportate. Ma tra queste particolare interesse, ha suscitato la partecipazione al progetto Business Game dove si è distinta l attività di due alunni che hanno lavorato con particolare impegno in una prima fase a scuola (durante le ore pomeridiane ) ottenendo risultati lodevoli, tanto da riuscire a classificarsi primi tra tutte le scuole a livello nazionale. La II fase del progetto si è svolta presso la libera Università Carlo Cattaneo di Castellanza (Va), dove gli alunni grazie alle loro capacità organizzative e alle loro competenze informatiche e tecnico-aziendali sono riusciti a classificarsi primi in tutta Italia. Per quanto riguarda il profitto alcuni alunni, grazie alle loro abilità all'impegno e all'interesse, hanno riportato risultati più che apprezzabili, altri invece hanno mostrato una partecipazione e una motivazione non sempre adeguata alle loro capacità e al momento della stesura del presente documento non hanno ancora conseguito gli obiettivi iniziali prefissati.

4 La preparazione finale rispecchia le competenze di base, le capacità e le predisposizioni verso le varie discipline che rendono la classe piuttosto eterogenea. Nel complesso la preparazione è sufficiente, con l eccezione di qualche elemento che ha raggiunto risultati brillanti.

5 P R E S E N T A Z I O N E D E L P R O G E T T O M E R C U R I O La specificità del progetto sperimentale Mercurio si esplica in due ambiti: 1. Professionale, la cui finalità è quella di promuovere una figura professionale più agile e rispondente agli sbocchi nel mondo del lavoro; 2. Metodologico-didattico, finalizzato a fare acquisire agli allievi conoscenze e competenze in sintonia con le esigenze del mondo della produzione e del lavoro e a consentire loro di sapere riconvertire le abilità professionali acquisite adattandole alla continua evoluzione del saper tecnologico e scientifico. Il ragioniere specializzato in informatica, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico-espressive e logicointerpretative, deve avere conoscenza dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo giuridico, economico, organizzativo, contabile ed informatico. In particolare egli deve essere in grado di intervenire nei processi di analisi, sviluppo e controllo di sistemi informativi automatizzati per adeguarli alle esigenze aziendali e contribuire a realizzare nuove procedure.

6 FINALITA' EDUCATIVE E DIDATTICHE DEL PROGETTO MERCURIO P R O F I L O P R O F E S S I O N A L E D E G L I A L U N N I Il nostro Istituto, da diversi anni, attua il progetto Mercurio nell ambito dell indirizzo programmatori, che tiene conto del ruolo dell informatica nell azienda e attualizza i curricula attraverso la revisione dei contenuti e l inserimento di discipline funzionali al percorso didattico per l acquisizione di specifiche competenze. Nelle aziende è consolidata la convinzione che l informazione ed il suo trattamento, rappresentando una risorsa strategica, fanno del computer uno strumento indispensabile per il lavoro individuale e d ufficio e un prezioso supporto alle decisioni. Questo atteggiamento del mercato, assieme al diffondersi delle reti informatiche (internet, intranet, extranet), richiede delle figure professionali in sintonia con il mondo del lavoro, capaci di riconvertire le professionalità acquisite adattandole all evoluzione del sapere tecnologico e scientifico. Il progetto Mercurio, nelle linee guida, delinea la figura del ragioniere esperto in informatica e individua le caratteristiche professionali più rispondenti ai nuovi sbocchi nel mondo del lavoro. A questa figura professionale si chiede di possedere una consistente cultura generale, accompagnata da buone capacità linguisticoespressive e logico-interpretative e di conoscere i processi che caratterizzano la gestione dell azienda sotto il profilo giuridico, economico, organizzativo, contabile ed informatico. In particolare, gli si chiede di essere in grado di intervenire nei processi di analisi, sviluppo e controllo di sistemi informativi automatizzati per adeguarli alle esigenze aziendali e di contribuire a realizzare nuove procedure.

7 Obiettivi educativi raggiunti: Rispettare l'altrui pensiero, essere solidali e tolleranti nei confronti degli altri; Adempiere agli impegni assunti; Rispettare le norme e le strutture della comunità scolastica; Saper ascoltare, comunicare, rapportarsi agli altri in modo adeguato al contesto. Obiettivi cognitivi raggiunti: C O N O S C E N Z E Media cultura generale Sufficienti capacità linguistico-espressive Medie conoscenze di processi aziendali sotto il profilo contabile ed informatico C O M P E T E N Z E Cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle funzioni aziendali Utilizzare metodi, strumenti e tecniche contabili per la rilevazione dei fenomeni gestionali; Operare all interno del sistema informativo aziendale automatizzato proposti C A P A C I T Á Sa analizzare e decodificare il testo Sa comunicare utilizzando un linguaggio tecnico Sa partecipare al lavoro individuale e di gruppo Sa risolvere e sa elaborare i problemi proposti

8 S C H E D A D I P R O G R A M M A Z I O N E E D U C A T I V A E DIDAT T I C A Strumenti di verifica TEMI PROBLEMI QUESTIONARI TEST Prove strutturate Prove semistrutturate RELAZIONI INTERROGAZIONI LUNGHE E/O BREVI ESERCITAZIONI IN LABORATORIO ANALISI DEL TESTO Strumenti di lavoro LIBRI DI TESTO INTERNET LABORATORIO MULTIMEDIALE VIDEOTECA LETTURA DI QUOTIDIANI RIVISTE SPECIALIZZATE Strategie utilizzate LAVORI DI GRUPPO LEZIONE FRONTALE E INTERATTIVA PROBLEM SOLVING

9 Attività integrative INCONTRO CON L AVIS E DONAZIONE DEL SANGUE INCONTRO DI ORIENTAMENTO CON LE FORZE ARMATE E CON IL MONDO DEL LAVORO CONFERENZE PROGETTO CINEMA E TEATRO; PASQUA DELLO STUDENTE PROIEZIONE FILMS OLIMPIADI DI MATEMATICA ATTIVITA SPORTIVA BUSINESS GAME PROGETTO ICARO PREPARAZIONE ED ESAMI ECDL GIORNATA DELLA MEMORIA Valutazione La valutazione degli allievi ha tenuto conto dei seguenti elementi: CAPACITÀ; IMPEGNO; METODO DI STUDIO; RISULTATO DELLE PROVE SOMMATIVE; PARTECIPAZIONE AL DIALOGO EDUCATIVO; PROGRESSIONE RISPETTO AL LIVELLO DI PARTENZA; COSTANZA NELLO STUDIO

10 Misurazione dell'apprendimento La misurazione dell'apprendimento è stata fissata così come riportato nella griglia di valutazione allegata e tratta dal registro personale. Conoscenze Competenze Capacità Voto Conoscenze gravemente Non riesce ad applicare le pur minime Non è in grado di affrontare ed organizzare i compiti proposti 1-3 lacunose o Conoscenze apprese. dimostrando anche mancanza di inesistenti senso di responsabilità Carenti, frammentarie Superficiali e lacunose Essenziali. Conoscenze complete,ma poco approfondite Complete ed approfondite Molto approfondite ed ampliate Ha notevoli difficoltà nella applicazione delle conoscenze acquisite incorrendo in gravi errori Incorre in errori non gravi nell'organizzare ed applicare le conoscenze Risolve i problemi ed i compiti assegnati in modo semplice ed essenziale Applica correttamente le conoscenze e le procedure acquisite per portare a termine le consegne assegnate Affronta e risolve le situazioni problematiche anche con procedimenti originali e personali Applica in modo autonomo e brillante le conoscenze anche a problemi e compiti complessi Pur se guidato e supportato non riesce a portare a termine i compiti assegnati Necessita di una supervisione attenta e continua e manca di autonomia Porta a termine i compiti assegnati sotto la supervisione ed il supporto dell'insegnante. Porta a termine i compiti assegnati sotto la supervisione dell'insegnante,ma con un certo grado di autonomia Assume la responsabilità di portare a termine i compiti assegnati ed adegua il proprio comportamento alle circostanze nella soluzione del problema Dimostra effettiva autorità,capacità innovativa,autonomia nello sviluppo di idee e compiti originali /10

11 Simulazioni Il Consiglio di Classe ha ritenuto opportuno programmare ed effettuare delle simulazioni delle tre prove scritte per permettere agli alunni di acquisire familiarità con le tipologie proposte, in modo da affrontarle con serenità. Le simulazioni si sono svolte nel mese di Febbraio ed Aprile. Sia la prima che la seconda sono state effettuate tenendo conto delle prove ministeriali proposte negli esami di stato precedenti. Il presente documento sarà corredato dalle griglie di valutazione utilizzate dai docenti per la correzione degli elaborati. Per la terza prova, la tipologia scelta è quella mista (b, c). La simulazione si è svolta nel mese di Aprile ed ha interessato le seguenti discipline: Diritto, Inglese, Matematica, Economia Aziendale. E stata così articolata, due quesiti a risposta singola e quattro quesiti a scelta multipla per ciascuna materia per un totale di numero 24 quesiti. La prova si è svolta in due ore. Per la simulazione, la valutazione è stata così stabilita: punti 4 per ogni risposta singola corretta e punti 1,75 per ogni risposta multipla corretta, assegnando un punteggio di 15 punti per ogni disciplina con un punteggio massimo di 60 da convertire in quindicesimi. Il criterio utilizzato per la valutazione viene indicato dalla seguente tabella Punteggio Giudizio Insufficiente Sufficiente Buono Ottimo Vengono di seguito riportate le griglie di valutazione delle tre prove effettuate e la simulazione della terza prova d esame, nonché la griglia relativa alla simulazione del colloquio della prova orale che sarà effettuata in data 21 Maggio 2014.

12

13

14

15

16

17

18 SCHEDA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA ALUNNO QUESITI A SCELTA MULTIPLA (punti da 0 a 1,75): DISCIPLINE I II III IV Inglese Matemat. Ec. azien Diritto Quesiti Risposta esatta 1,75 punti risposta errata o mancante:0 punti TOTALE QUESITI A A RISPOSTA SINGOLA DISCIPLINE Quesito 1: (punti da 0 a 4,0) Punti Completezza e pertinenza delle da 0 a 1 informazioni Capacità di analisi, sintesi e rielaborazione da 0 a 1 Correttezza formale da 0 a 1 Padronanza del lessico specifico da 0 a 1 I II III IV Inglese Matemat. Ec. azien Diritto TOTALE DISCIPLINE Quesito 2: (punti da 0 a 4,0) Punti Completezza e pertinenza delle informazioni da 0 a 1 Capacità di analisi, sintesi e rielaborazione da 0 a 1 Correttezza formale da 0 a 1 Padronanza del lessico specifico da 0 a 1 I II III IV Inglese Matemat. Ec. azien Diritto TOTALE PUNTEGGI TOTALI PER DISCIPLINA PUNTEGGIO TOTALE PER TUTTE LE DISCIPLINE VOTO FINALE TERZA PROVA IN QUINDICESIMI (PUNTEGGIO TOTALE DISCIPLINE/4)

19 Istituto d Istruzione Superiore Principe di Napoli -Insolera SIRACUSA Simulazione Terza Prova Esame di Stato 2013/2014 Candidato. Classe V B progetto Mercurio Discipline coinvolte : Inglese, Matematica, Informatica, Diritto Docenti coinvolti : Beritelli, Zocco, Asta, La Rocca La prova, di tipologia mista ( B e C), prevede, per ciascuna disciplina : n. 2 quesiti di tipologia B ( risposta singola) ; n. 4 quesiti di tipologia C( risposta multipla con quattro possibilità di opzione) per un totale di n. 24 quesiti. Durata della prova : 2 ore. Nella valutazione della prova verranno assegnati: Punti 4 per ogni risposta esatta di tipologia B ; punti 1.75 per ogni risposta esatta di tipologia C ; punti 0 per ogni risposta errata. N.B. Non è consentito l uso di manuali e di calcolatrici programmabili.

20 Diritto Quesiti a risposta aperta Candidato (la risposta deve essere contenuta in uno spazio massimo di otto righe) 1. Che cosa sono i decreti legge e quali sono le loro caratteristiche? 2. Attraverso quali modalità si svolge l elezione del Presidente della Repubblica

21 Diritto Quesiti a scelta multipla Candidato l allievo deve segnare una x a fianco della risposta che egli ritiene esatta scegliendo tra le quattro soluzioni proposte per ciascuna domanda: 1. Ciascun parlamentare, una volta eletto, nelle liste di un partito politico: non può cambiare gruppo parlamentare durante la legislatura; può cambiare gruppo parlamentare senza difficoltà; se lascia il proprio gruppo parlamentare decade dalla carica; può cambiare gruppo soltanto una volta durante la legislatura; 2. Quale tra i soggetti sotto elencati non può assumere l iniziativa legislativa: Il Governo Il Presidente della Repubblica Il Consiglio Regionale Centomila elettori della Camera dei Deputati 3. I quindici giudici della Corte Costituzionale sono nominati: dal Parlamento in seduta comune; dal presidente della Repubblica; dalle supreme magistrature dello Stato; in parti uguali dal Parlamento riunito in seduta comune, dal presidente della Repubblica e dalle supreme magistrature dello Stato. 4. Non è organo della giurisdizione civile: il Giudice di pace il Tribunale la Corte d Assise la Corte d Appello

22 Alunno INFORMATICA Quesiti a scelta multipla 1. Il linguaggio Php serve per sviluppare applicazioni Web E uno script elaborato lato client Riceve dati da un form e li elabora lato server Riceve dati da un form e li elabora lato client Utilizza pagine Asp 2. Quale delle seguenti definizioni corrisponde al termine Lan? La topologia di una rete geografica che si sviluppa su più continenti L'operazione di ricerca dei computer di rete mediante parole chiave L'operazione di trasferimernto dei file dal proprio computer ad un server Una rete di computer di dimensioni limitate che non attraversa il suolo pubblico 3. Il significato dell'acronimo DNS(Domain Name System) è: definisce i domini e i nomi degli host all'interno dei domini in Internet contiene tutti i nomi dei domini presenti in Internet permette di valutare la qualità del collegamento tra un computer e un qualunque server indica la nazionalità del sito a cui si è collegati 4. Per il trasferimento dei file contenenti le pagine Web dal disco del proprio computer al server Internet dove devono essere pubblicate, si usa: Un programma di posta elettronica Un programma browser Un programma di HTTP Un programma di FTP

23 Alunno INFORMATICA Quesiti a risposta singola 1. Definisci il modello OSI e il modello TCP/IP indicando per ognuno le caratteristiche, la struttura e le differenze tra loro. 2. Sia dato il seguente schema relazionale: GIOCATORE(CodGiocatore, Nome, RuoloIdeale) SQUADRA(CodSquadra, Nome, Città) GIOCA-IN (idgioca CodGiocatore,CodSquadra, Anno, Ruolo) Creare il modello E/R Esprimere nel linguaggio SQL le seguenti interrogazioni: 1. Visualizzare i nomi dei giocatori che hanno giocato nel Milan nel Visualizzare i nomi dei giocatori, che hanno militato nel ruolo di portiere. 3. Visualizzare i nomi dei giocatori ordinati per RuoloIdeale

24 Inglese Quesiti a risposta singola Candidato 1. Shortly explain how modern technologies have changed the way people do their banking, talk about advantages and disadvantages. 2. Translate the following passage about online banking: The first Internet banking service in the UK was launched by the Nationwide Bank on 27 May 1997 and around 13,000 people registered in that year. Online banking has become increasingly popular over the last decade, with the number of people using the service rising rapidly over the last six years. Banks are working on improving security, with PIN card readers being sent out to customers to add more security to their transactions. However there are still concerns about the safety of online banking and the risk of Internet fraud. This is the main reason why many people don t bank online and still prefer the traditional branches with human bank clerks.

25 Inglese Quesiti a scelta multipla Candidato Circle the correct alternative. There is only one possible solution for each sentence. 1. According to the passage about online banking PIN card readers reduce security of online transactions. PIN card readers were introduced on 27 May several bank customers don t bank online because they don t have a PIN card reader. PIN card readers are meant to improve online banking security. 2. According to the passage about online banking A rapidly increasing number of people is not concerned about the safety of online banking. Internet fraud is a programme which adds security to online transactions. The main concern about online banking is the risk of Internet fraud. There are no ways to protect customers from Internet fraud. 3. The SWIFT software ensures delayed exchanges. allows same-day international transfers. transmits information by fax. is used by banks to get fast and reliable information about customers. 4. Open account terms of payment are often offered to new customers. usually granted to regular customers. always preferred by banks. the safest form of payment for the exporter. E consentito l uso del dizionario bilingue

26 Materia : Matematica Quesiti a scelta multipla Alunno: Nome Cognome. L equazione x 2 + y 2-4kx + 2y k = 0, rappresenta: Un fascio di iperboli Un fascio di parabole Un fascio di circonferenze Un fascio di ellissi La disequazione x 3 < 0 individua Il semipiano a sinistra della retta x = 3 compresi i punti di tale retta Il semipiano a destra della retta x = 3 esclusi i punti di tale retta Il semipiano a sinistra della retta x = 3 esclusi i punti di tale retta I punti della retta x = 3 Quale dei seguenti insiemi rappresenta il campo di esistenza della funzione: R R-{0} x 0, x 3, x -3 x 3, x -3 y = x 2 1 x 3-9x Se H (x 0, y 0 ) > 0 e f xx ( x 0, y 0 ) < 0 allora il punto stazionario ( x 0, y 0 ) è per la funzione f(x,y) : Un punto di massimo relativo Un punto di minimo relativo Un punto di sella Non si può dire nulla sulla natura del punto

27 Materia : Matematica Quesiti a risposta singola Alunno: Nome Cognome. Per determinare i punti di massimo e minimo liberi, quali metodi conosci? Descrivili Determinare le ascisse dei punti di massimo relativo o di minimo relativo della seguente funzione : y = 3x 4 20x x 2 + 5

28 SCHEDA DI ITALIANO A.S / 2014 Classe VB Mercurio. Libro di testo: Le Basi Della Letteratura Vol 3 3B Ed Scol. Bruno Mondadori CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA TIPOLOGIA VERIFICHE N. 1 DAL POSITIVISMO ALLE AVANGUARDIE Conosce la complessità di un articolato fenomeno storico e culturale E in grado di accostarsi criticamente ad uno scrittore, apprezzarne il messaggio, comprenderne il valore universale - Colloquio orale - Questionario N. 2 Conosce gli elementi che -Decodifica i termini del - Colloquio orale L ETA DEL caratterizzano un epoca, lessico letterario e li (breve e lungo) DECADENTISMO comprendendo la contestualizza - Prova strutturata relazione tra fattori -Comprende ed analizza - Prova semistrutturata materiali e spirituali ed i il testo poetico ed il testo rapporti tra intellettuale e narrativo potere N.3 Conosce la molteplicità Coglie il significato - Colloquio orale L ETA DELLE dei linguaggi e le fasi essenziale di qualsiasi - Analisi guidata e poi AVANGUARDIE evolutive nell opera di testo e sa procedere alle autonoma (prova scritta) del un autore operazioni di montaggio e testo poetico secondo la rimontaggio scansione: -comprensione complessiva -analisi -contestualizzazione N. 4 Conosce i diversi Legge e apprezza un - Colloquio orale L ETA DEL elementi che romanzo-testimonianza - Relazione NEOREALISMO caratterizzano un complesso momento storico-culturale Siracusa 14 maggio 2014 IL DOCENTE

29 SCHEDA DI STORIA A.S / 2014 Classe VB Mercurio Libro di testo: MARIO PALAZZO MARGHERITA BORGESE CLIO MAGAZINE VOL. 3 Ed. La Scuola CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA TIPOLOGIA VERIFICHE N.1 ALL ALBA DEL 900 LA PRIMA GUERRA E LA RIVOLUZIONE RUSSA Conosce la complessità di un periodo storico e coglie le differenze dei contesti sociali, culturali, politici in cui esso si colloca -Schematizza in sequenza spazio-temporale -Coglie l essenzialità di un problema -Costruisce un percorso - Colloquio orale - Questionario N. 2 -Conosce le relazioni fra E in grado di esprimersi - Colloquio orale IL PRIMO fenomeni diversi con un lessico adeguato e - Prova strutturata DOPOGUERRA E -Sa instaurare nessi di problematizzare ed - Saggio breve L ETA DEI causali fra fenomeni interpretare TOTALITARISMI storici -Comprende le matrici comuni dei regimi totalitari N. 3 -Conosce l importanza di Problematizza e - Colloquio orale LA SECONDA un valore ideale comprende l unitarietà - Relazione scritta GUERRA MONDIALE - Distingue chiaramente del sapere elementi di continuità e di frattura Siracusa 14 maggio 2014 IL DOCENTE

30 SCHEDA DI MATEMATICA Classe V BM Anno scol Libro di testo : Corso base di matematica,vol.5 M.Bergammini-A.Trifone - Zanichelli OBIETTIVI DIDATTICI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITÀ Competenze: saper analizzare la realtà attraverso l uso delle tecniche matematiche apprese. Saper utilizzare gli strumenti informatici di supporto alla matematica. Capacità di: 1. ricercare autonomamente gli strumenti per lo studio. 2. auto aggiornarsi 3. confrontare vari metodi scientifici per la soluzione di problemi. 4. Scegliere i metodi più opportuni. Conoscenze: MACRO UNITÀ SVOLTE DURANTE L ANNO Richiami fasci di curve e disequazioni, funzioni,limiti e derivate Le funzioni di due variabili e le applicazioni in economia La ricerca operativa Statistica descrittiva METODOLOGIE DIDATTICHE Lezione frontale, gruppi di lavoro, ricerche guidate, esercitazione al computer Con uso di excel,derive MATERIALE E ATTREZZATURE DIDATTICHE Libro di testo, fotocopie TIPOLOGIE DI VERIFICHE ASSEGNATE CRITERI DI VALUTAZIONE Relazioni, problemi, esercizi Si fa riferimento a quelle indicate nella programmazione comune a tutti i docenti. Molta importanza è stata data al raggiungimento di capacità trasversali. Docente

31 I.T.E. F. INSOLERA Siracusa SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Classe V Bm Anno scol Libro di testo: F. Bentini, B. Richardson, V. Vaugham, In Business digital edition; ed. Pearson Longman, Macroargomenti svolti Obiettivi fissati inizialmente Criterio di sufficienza adottato Verifiche Tempi Corrispondenza commerciale Argomenti economicoaziendali Aspetti socioculturali Consolidamento ed ampliamento della competenza comunicativa Interpretare ed analizzare testi di carattere generale e di indirizzo Acquisire il lessico specifico necessario alla comprensione e rielaborazione dei testi utilizzati Comunicare, relazionare, documentare in modo appropriato ed efficace su argomenti relativi all indirizzo Confrontare culture, istituzioni, realtà economiche diverse Compilare lettere commerciali Saper utilizzare il dizionario Possedere le conoscenze necessarie per poter comunicare, anche senza approfondimenti Comprendere testi orali e scritti di carattere generali e di indirizzo, a grandi linee e con poche ripetizioni Applicare i contenuti in situazioni nuove, con poche difficoltà, anche commentando qualche errore Individuare la natura e le parti di un testo, le idee principali e secondarie anche se con qualche approssimazione Esprimersi sintetizzando, oralmente e per iscritto, con poche difficoltà e con sufficiente chiarezza, anche commettendo qualche errore di forma Interrogazio ni brevi Interrogazio ni lunghe Questionari scritti ed orali Prove variamente strutturate Composizio ni di lettera su traccia 25 ore 30 ore 25 ore Livelli raggiunti Il livello delle prestazioni raggiunto dagli studenti in termini di conoscenze, competenze e capacità è mediamente sufficiente.

32 Obiettivi effettivamente raggiunti Conoscenze Competenze Capacità Argomenti di carattere generale ed economico-aziendale Argomenti di civiltà. Principali funzioni pragmatiche necessarie all interazione e narrativo-referenziale. Uso corretto dei modi e dei tempi verbali e principali forme morfosintattiche. Il lessico necessario alla comprensione e rielaborazione dei testi utilizzati. Competenza comunicativa generale, in situazioni semplici. Compilare lettere commerciali. Redigere domande di impiego e C.V. riferenti a situazioni e casi diversi. Comprendere il significato globale di testi poco complessi, di vario tipo. Tradurre testi utilizzando il dizionario bilingue. Sintetizzare testi di vario tipo. Utilizzare la lingua straniera in contesti appropriati. Interpretare testi e documenti relativi all indirizzo. Riferire informazioni in modo appropriato. Confrontare realtà diverse senza approfondimenti. Strumenti 1. Libro di testo 2. Dispense 3. Sussidi audiovisivi e multimediali 4. Dizionario bilingue Siracusa 14/05/2014 Docente

33 SCHEDA DI INFORMATICA Libro di testo: C. Iacobelli M.L. Ajme V. Marrone "Top Down Lezioni di Informatica Le basi di dati e la reti Vol. 3 Juvenilia Scuola Moduli Programmazione in ambiente RDBMS Il modello relazionale Le associazioni Le operazioni relazionali, Caratteristiche generali del linguaggio SQL Le operazioni relazionali nel linguaggio SQL Reti di Computer Le reti di computer Tecnologia di trasmissione Tecnologia di comunicazione Tipologie di rete Tecniche di commutazione Il protocollo TCP/IP La rete Internet I servizi di internet Pagine statiche e dinamiche nel web Il Linguaggio Html Le caratteristiche di una pagina Gestione di oggetti multimediali Pagine statiche e introduzione alle pagine dinamiche Elementi di base del Php Database Mysql Il sistema informativo aziendale Intranet e commercio elettronico Sicurezza in Internet Crittografia e firme digitali Gestione delle Risorse Caratteristiche generali dei Sistemi Operativi Modalità di funzionamento Obiettivi mediamente raggiunti nella classe: sapere Requisiti del modello relazionale Operazioni relazionali: Selezione, proiezione e congiunzione Operazioni relazionali in SQL Condizioni di ricerca Ordinamento e raggruppamento Conoscere le caratteristiche e le funzioni delle reti Lan e Wan Conoscere i protocolli della rete Internet Conoscere i programmi per il collegamento ad internet Conoscere la struttura del linguaggio Html Conoscere le istruzioni fondamentali del linguaggio Html Conoscere il software lato Server Conoscere le nuove tecnologie informatiche Conoscere reti aziendali Intranet commercio elettronico Conoscere le tecniche di protezione e sicurezza dei dati Conoscenza le caratteristiche generali del Sistema Operativo Obiettivi mediamente raggiunti nella classe: saper fare Dato un problema costruire il modello E/R e derivare le tabelle Creare il database e le tabelle in ambiente Access Rappresentare le operazioni di selezione,proiezione e congiunzione Scrivere le istruzioni SQL per le operazioni di selezione, proiezione e congiunzione Saper effettuare ricerche, download ed upload Saper utilizzare i servizi di internet Saper creare una pagina Web Saper creare delle Forms Saper individuare gli aspetti tecnologici ed economici del commercio elettronico Rilevare le problematiche della protezione delle reti e della sicurezza Saper utilizzare le risorse di base del sistema operativo per lo sviluppo di programmi applicativi TIPOLOGIA VERIFICHE Interrogazioni Attività in laboratorio Verifica scritta Test Interrogazioni Attività operativa Test Interrogazioni Attività operativa Test Interrogazioni Siracusa, lì Insegnante

34 Docente: Antonio Muratore Materia: Economia Aziendale Libro di testo adottato: DOMANI IN AZIENDA 3 CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE PER IL TRIENNIO - TRAMONTANA - OBIETTIVI DIDATTICI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITÀ Competenze: SAPER RISOLVERE PROBLEMI INERENTI AGLI ARGOMENTI TRATTATI. Capacità: ACQUISIRE CAPACITA PROPRIE PER AUTOGESTIRSI E RISOLVERE I PROBLEMI CHE MAN MANO SI PRESENTANO. Conoscenze: MACRO UNITÀ SVOLTE DURANTE L ANNO 1)LA GESTIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI: LA CONTABILITA GENERALE. 2)L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE: LA DETERMINAZIONE E IL VERSAMENTO DELLE IMPOSTE DIRETTE. 3)IL SISTEMA INFORMATIVO DEL BILANCIO: LA REDAZIONE E LA REVISIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO. 4)LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI: LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI. 5)LA GESTIONE DELLE BANCHE: IL SISTEMA FINANZIARIO E LE BANCHE, LE OPERAZIONI DI RACCOLTA FONDI, LE OPERAZIONI DI IMPIEGO FONDI. Metodologie didattiche Lezioni frontali, lavori di gruppo, esercitazioni. Materiale e attrezzature didattiche Libro di testo, riviste, giornali specializzati, internet. Tipologie di verifiche assegnate Interrogazioni lunghe e brevi, problemi, esercizi, scoperte guidate, test. Criteri di valutazione Si fa riferimento a quelle indicate nella programmazione e comuni a tutti i docenti.

35 Scheda Educazione Fisica Libro di testo: Praticamente Sport ed. G D Anna Firenze Argomenti Obbiettivi: sapere Obbiettivi: saper fare Tip. di verifica Sapere quali sono i Sapere effettuare in modo Test motori. fondamentali di base corretto i fondamentali di base Prove pratiche individuali e di squadra Conoscenza e pratica dell attività sportiva di squadra: la pallavolo Pallavolo: conoscenza della regole del gioco, e dei falli più importanti Educazione alla salute: elementi di pronto soccorso Affinamento e integrazione degli schemi motori acquistati precedenti Educazione alla salute: l Aids la droga il doping Miglioramento delle qualità fisiche: il tono muscolare e lo sviluppo della forza Sapere le regole del gioco, i ruoli, come si gioca, la durata dell incontro i set Come comportarsi in caso di emergenza Saper marciare, correre la corsa aerobica, il concetto di soglia aerobica ed anaerobica Che cosa è l aids, quali sono le droghe e le sostanze dopanti Sapere quali sono i distretti muscolari più importanti del corpo ed il corretto modo di stimolarli Saper arbitrare ed applicare le regole del gioco Saper prestare soccorso in caso di traumi sportivi Saper effettuare vari tipi di corsa, ad andature a ritmi diversi Saper prevenire. Le precauzioni per evitare il contagio e l assunzione di sostanze dannose Saper fare in modo corretto gli esercizi di potenziamento per gli arti inferiori, superiori e per il busto Prove pratiche Simulazioni pratiche, prove orali Test motori di capacità Aerobica Prove orali Test motori

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: OTTOBONI MIRELLA Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Flavia Bentini, IN BUSINESS, Pearson-Longman Sono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento individuale dei docenti LACQUANITI e DE BERNARDI 1) PREREQUISITI per le classi 5^ Inf /Serale Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione, Finanza e marketing Scienze bancarie, finanziarie e assicurative Nodi concettuali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE Classe: 3^B RIM A.S. 2014/15 Docente: prof. Fabio Borghin DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla fine dell anno scolastico, gli alunni dovranno essere

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) pag. 1 di 7 PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Scienze a Tecnologie Applicate Classe: 2 a Sez.

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA SECONDO BIENNIO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA SECONDO BIENNIO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE TUROLDO ZOGNO Procedura Pianificazione, erogazione e controllo attività didattiche e formative Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel secondo biennio si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/661628 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO Liceo Linguistico TECNICO

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Relazione Internazionale per il Marketing Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE BUCCARI-MARCONI INDIRIZZO: ISTITUTO TECNICO A INDIRIZZO TRASPORTI MARITTIMI E LOGISTICA

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PREVENTIVA. CONSIGLIO della CLASSE. dell ISTITUTO TECNICO per GEOMETRI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PREVENTIVA. CONSIGLIO della CLASSE. dell ISTITUTO TECNICO per GEOMETRI ISTITUTO PARITARIO S. MARIA - SIRACUSA REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE - DECRETO n 166/8 del 16/05/2001 SCUOLA MEDIA LICEO SCIENTIFICO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE e per GEOMETRI

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli