Gestione della Sicurezza nel gruppo ERG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione della Sicurezza nel gruppo ERG"

Transcript

1 Gestione della Sicurezza nel gruppo ERG Ing. Sebastiano Spampinato Responsabile Rapporti con Enti, Istituzioni ed Associazioni - ERG SpA Genova 29 ottobre 2009 Gestione della Sicurezza nel gruppo ERG Salute, Sicurezza delle persone e tutela dell Ambiente sono i valori primari nella cultura d Impresa del gruppo ERG. In tale ottica, ERG, ha sviluppato una serie di azioni consistenti nella realizzazione di studi, analisi e strumenti, prima inesistenti o affidate a terzi, sfruttando risorse interne e attivando progetti di ricerca con le università italiane. Tali attività rappresentano un impegno concreto per il miglioramento della Sicurezza e degli aspetti Ambientali. Attraverso queste azioni il gruppo ERG opera una concreta Ingegneria della Sicurezza 2 Progetti Speciali Sistemi Gestione Integrata in ERG

2 Progetti Speciali 3 Realizzazione del Progetto Sicurezza di Gruppo Engagement Realizzazione di un software per l emissione e la gestione dei PdL (Safework) Analisi HazOp per l aggiornamento del rapporto di Sicurezza ai sensi dei D.Lgs. 334/99 e 238/05 Albero dei guasti dinamico, permette di conoscere la probabilità d accadimento del Top Event istante per istante Analisi di rischio sui near accident occorsi in stabilimento Analisi di rischio ambientale (Metodologia Speditiva) Modelli di dispersione atmosferica (CALPUFF) SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO IN ERG I Sistemi di Gestione Integrata di ERG sono basati sull attuazione di un ciclo di pianificazione e realizzazione, uniformato alle seguenti norme 4 UNI UNI EN EN ISO ISO (norma volontaria) Sistema di di Gestione Ambientale OHSAS (norma volontaria) Sistema di di Gestione Sicurezza e Salute D.Lgs. D.Lgs. 334/99 334/99 D.Lgs. D.Lgs. 238/05 238/05 (norme cogenti) Sistema di di Gestione Sicurezza (Spesso anche in in siti siti non non RIR) RIR) UNI UNI EN EN ISO ISO (norma volontaria) Sistemi di di Gestione Qualità

3 Ciclo di Deming del SGI 5 Miglioramento continuo Politica Riesame della Direzione Pianificazione Verifica Attuazione e funzionamento Esempio di Politica del Sistema di Gestione Integrato Politica 6 Sicurezza Ambiente Qualità Garantire l efficacia e l efficienza delle prestazioni offerte attraverso l attribuzione di compiti, responsabilità e metodologie di lavoro procedurizzate Elevare il livello e la qualità degli standard dei propri prodotti e servizi Mantenere la conformità di tutte le attività alle leggi dello Stato e alle Direttive Comunitarie in un ottica di miglioramento continuo Promuovere ed attuare ogni ragionevole iniziativa finalizzata a minimizzare i rischi e a rimuovere le cause che possano mettere a repentaglio la sicurezza e la salute del proprio personale e degli altri lavoratori in situ Favorire in campo ambientale uno sviluppo sostenibile Favorire nell ambito della sicurezza sul lavoro una gestione attenta e responsabile Mantenere elevati gli indici di performance in materia di qualità, sicurezza e ambiente, attraverso l implementazione di sistemi di gestione efficaci

4 Esempio di Pianificazione del Sistema di Gestione Integrato Pianificazione 7 Sicurezza Revisione DVR alla luce dei recenti interventi normativi e delle evoluzioni societarie (valutare/rivalutare i rischi, effettuare delle campagne di misura/valutazione del rischio) Aggiornamento del RdS Riduzione errore umano nelle attività di gestione impianti Mantenimento certificazione OHSAS 18001:2008 Ambiente Mantenimento certificazione UNI EN ISO 14001:2004 Adeguamento SGA alle nuove prescrizioni di legge (testo unico ambientale D.Lgs. 152/06), in sinergia con la funzione HSE di gruppo Riduzione impatto ambientale da attività d ufficio e assimilati Comunicazione ambientale Qualità Mantenimento certificazione UNI EN ISO 9001:2008 Sensibilizzazione del personale alla cultura della qualità attraverso la formazione e la promozione delle attività svolte nell ambito del SGQ Ottimizzare il processo di registrazione della formazione Revisione dei documenti di sistema 1/2 Esempio di Pianificazione del Sistema di Gestione Integrato Pianificazione 8 Sicurezza Riduzione dei rischi connessi alle attività nello stabilimento Modificare l organizzazione/procedure per migliorare la sicurezza Redazione schede di sicurezza per gli intermedi di produzione Modificare l impianto per migliorare la sicurezza Ambiente Miglioramento del sistema di raccolta dati contabilità ambientale Sensibilizzazione attraverso attività di audit al miglioramento nella gestione rifiuti c/o cantieri ditte terze Redazione schede di sicurezza per i rifiuti pericolosi le cui caratteristiche non variano sensibilmente che vengono prodotti con maggior frequenza Controllo emissioni Qualità Miglioramento della efficienza della programmazione delle attività ispettive e gestione dei risultati, promuovendo l utilizzo di SAP per la registrazione dell attività di manutenzione Migliorare il sistema di rintracciabilità, di aggiornamento delle informazioni operative e di feedback delle attività svolte in impianto 2/2

5 Esempio di Attuazione e Funzionamento del Sistema di Gestione Integrato Attuazione e Funzionamento 9 Sicurezza Svolgimento emergenze simulate Organizzazione safety walk Supporto alla gestione del Safework Realizzazione software per le segnalazioni HSE Informazione, esecuzione di questionari per la verifica dell apprendimento ditte terze Gestione sicurezza in campo Gestione near accident Razionalizzazione stoccaggio chemicals (acidi, basi, neutri) Verifica semestrale presidi Antincendio Ambiente Formazione (neoassunti, supervisori di fermata) Formazione trimestrale Gestione Aspetti Ambientali (emissioni, scarichi, rifiuti, ecc.) Emergenze simulate ambientali Realizzazione software per le segnalazioni HSE Adeguamento gestione degli adempimenti e aggiornamento scadenziario ambientale Emissions Trading (definizione metodo di calcolo e redazione procedure di Sistema) Qualità Semplificazione del corpo documentale Utilizzo di una nuova codifica per il corpo documentale Redazione delle procedure in una logica di processo e aggiornamento della modulistica Condivisione delle modifiche con le funzioni coinvolte Integrazione delle procedure con gli aspetti di Ambiente e Sicurezza Esempio di Verifica del Sistema di Gestione Integrato Verifica 10 Sicurezza Indicatori di Performance Audit in campo ditte appaltatrici, Ispezioni Ambiente Indicatori di Performance Audit, Ispezioni Monitoraggio Ambientale Qualità Indicatori di Performance Raccolta e gestione delle NC, AC e P Raccolta e gestione delle NC, AC e P Audit cantieri ditte terze Raccolta e gestione delle NC, AC e P Valutazione aspetti ambientali diretti e indiretti Audit cantieri ditte terze Qualifica ditte appaltatrici

6 Esempio di Riesame della Direzione del Sistema di Gestione Integrato Riesame della Direzione 11 Sicurezza Riesami SGS Ambiente Riesami SGA Qualità Riesami SGQ Comitati di Sicurezza e Ambiente di Direzione Piano di Miglioramento continuo del Sistema di Gestione Integrato in ERG Migliora mento continuo 12 Sicurezza Piano di miglioramento Sicurezza Ambiente Piano di miglioramento Ambientale Qualità Piano di miglioramento Qualità

7 Collaborazioni 13 Università di Catania Università di Genova Università di Messina Analisi numerico - simulativa per l ottimizzazione di processi di conversione energetica in impianti di raffinazione e generazione di potenza SOC 3 - safety and operability competence, coscence and consciousness M 3 -materiale and maintenance management Applicazioni di sistemi robotici per il controllo di apparecchiature in impianti petrolchimici Analisi delle prestazioni energetiche e ambientali degli impianti di produzione dell energia in esercizio presso gli stessi stabilimenti di Priolo Engagement Sviluppo di tecniche per l analisi di rischio applicate ad impianto-processo-human factor. Ottimizzazione dei sistemi di sicurezza e mitigazione del rischio incidentale ed intenzionale in raffineria Elaborazione ed interpretazione di sequenze video per la sicurezza di impianto, delle persone e dei trasporti all interno dell area monitorata Processi innovativi ed ecocompatibili per la conversione del gas naturale Tecnologie innovative a basso impatto ambientale per la bonifica dei sedimenti contaminati della rada di Augusta Inquinamento atmosferico da polveri ultrafini e nano particelle emesse da sorgenti antropiche e naturali: interventi di mitigazione Processi innovativi per l utilizzo della CO2 recuperata dall impianto IGCC di Priolo Gargallo Progetto di Sicurezza di Gruppo 14 Concepito per sviluppare la coscienza collettiva in termini comportamentali e culturali del personale ERG in tema di Sicurezza Svolta la fase di studio della situazione attuale con l evidenziazione delle aree di miglioramento È ora in fase di lancio l implementazione che sarà gestita a livello di holding e affidata alle singole società del Gruppo ERG

8 Introduzione al Progetto OBIETTIVI DEL PROGETTO PERIMETRO DEL PROGETTO 15 Promozione sia della revisione e miglioramento delle procedure sia della conoscenza e della rigida applicazione delle stesse Azione sui comportamenti delle persone, elevandone il livello culturale sulle tematiche di sicurezza ed ambiente Coinvolgimento totale dell organizzazione, riconoscimento dell importanza delle tematiche HSE e sviluppo del senso di responsabilità diffuso e collettivo ISAB ISAB Energy Services, per la gestione degli impianti di: - ISAB Energy - NuCe Nord ERG Petroli - Depositi - Rete (focus su manutenzione e nuove costruzioni) ERG Renew (principalmente su manutenzione e nuove costruzioni) Metodologia di lavoro Monitoraggio e continuo miglioramento Gap analysis Implementazione Con il coinvolgimento del top Management di ERG e ISAB, svolgimento di un accurata analisi delle opportunità di miglioramento Per ciascuna area di miglioramento, definizione di obiettivi puntali Coinvolgimento in particolare le Funzioni Esercizio, HSE e HR Da realizzare il piano di lavoro di dettaglio identificato dalla gap analysis Da sviluppare le aree di miglioramento per tutte le direttrici del progetto. (conoscenza, risorse umane, comunicazione) Identificate le direttrici sulle quali focalizzare la fase di implementazione L implementazione è in fase di progettazione Valutato il livello di cultura di sicurezza dell azienda

9 1 Gap Analysis 17 La gap analysis, svolta per valutare il livello di cultura di sicurezza dell azienda, è stata articolata in tre step successivi: Sviluppata la conoscenza e la comprensione del sistema di sicurezza Quantificato il sistema di sicurezza Verificata l implementazione e la conformità sul campo delle politiche di sicurezza In particolare, la valutazione è stata condotta con i seguenti strumenti: Interviste formali (con manager e supervisori) e informali (con capi turno, preposti, operatorie appaltatori) Visite presso i Siti delle aziende incluse nel Perimetro del Progetto La gap analysis ha evidenziato tre direttrici sulle quali focalizzare gli sforzi di miglioramento della Sicurezza del Gruppo: Conoscenza: promuovere da subito lo studio/conoscenza delle procedure esistenti a cominciare da quelle maggiormente rilevanti Comportamento: rivedere gli strumenti tipici di gestione del personale (attività compensation, organizzazione) per sostenere le modifiche di comportamento desiderate Comunicazione / stimolo: introdurre strumenti di supporto che promuovano l attenzione alla sicurezza e spingano l azienda a parlarne in modo continuo 2 Implementazione 18 A seguito della gap analysis è in corso di progettazione la fase di implementazione del piano di azione; sono stati comunque definiti i prossimi passi per i mesi a seguire Vision e strategia aziendale: rivedere la Politica aziendale sui temi legati alla Sicurezza e identificare dei Champions di sicurezza trasversali alle diverse Funzioni (promotori di comportamenti virtuosi) Comunicazione: sviluppare la strategia di comunicazione sulla sicurezza, definendo i messaggi chiave e organizzando eventi ad hoc sui temi della sicurezza Standard e Procedure: identificare le procedure più rilevanti e rivedere le stesse con l obiettivo di renderle più fruibili; inoltre, implementare un piano di formazione Strumenti di Gestione della Sicurezza: aggiornare il sistema di auditing aziendale, per arrivare ai dialoghi di sicurezza sia sugli aspetti tecnici sia comportamentali; implementare sistemi per la di gestione degli incidenti e dei near miss (con il coinvolgimento dei Champions) Struttura HSE/Manageriale e Responsabilizzazione: ripensare il ruolo della funzione HSE, e implementare il piano di formazione di sicurezza per il management La fase di implementazione sarà avviata nei prossimi mesi e coinvolgerà tutte le aziende incluse nel perimetro del Progetto

10 Engagement 19 atteggiamento che scaturisce da un senso profondo di attaccamento al proprio lavoro e alla propria azienda, e, si riflette nella volontà di agire per il bene dell azienda e di investire impegno discrezionale Il progetto nasce dalla necessità di poter contare su personale disposto a impegnarsi in misura superiore a quella minima necessaria. Un dipendente engaged ha un attitudine naturale per l innovazione e l efficienza, talento nel costruire relazioni, si preoccupa per il futuro dell azienda ed è disposto a impiegare un impegno superiore a quello che gli viene effettivamente richiesto. Engagement 20 L analisi dei processi Industriali e della loro interazione con l Ambiente, coinvolge le dimensioni fondamentali: Tecnologia Organizzazione Gestione Risorse umane Le modalità secondo cui si realizza un prodotto o un servizio (tecnologia), gli schemi organizzativi che connettono l attività degli attori aziendali (organizzazione), la strategia che dirime le scelte di breve, medio e lungo periodo (gestione) e l insieme delle persone (attrici/attori) aziendali sono il complesso che senza soluzione di continuità costituisce il sistema e ne decreta il successo o il rispetto delle prestazioni attese.

11 SafeWork Uno strumento elettronico per la gestione dei permessi di lavoro 21 Punti di forza: Sistema elettronico integrabile con gli altri strumenti elettronici dell Azienda Fruibilità delle informazioni in tempo reale Maggiore sicurezza e versatilità del Data Storage Snellimento della Procedura Permessi di Lavoro Riduzione della possibilità di errore Aumento della Sicurezza sul Lavoro Analisi HazOp Individuazione del nodo dell impianto 22 Da 3100-R-101/1 101/1 Quench-Chamber Verso 3100-T

12 Analisi HazOp 23 Analisi HazOp Analisi HazOp Valutazione conseguenze degli eventi incidentali Vento m = Distanza max LC50-CO a quota 35 m

13 Albero dei guasti dinamico Permette di sapere qual è la probabilità d accadimento del Top Event istante per istante, considerando tutti i malfunzionamenti e gli errori umani Dall analisi HazOp si risale alle cause scatenanti il Top Event Dalle informazioni ricavate dall HazOp e da DCS, il software da noi elaborato fornisce graficamente l albero dei guasti 25 Dal sistema DCS si rileva lo stato delle apparecchiature Albero dei guasti dinamico Risultati I risultati ottenuti da questo SW permettono di vedere come il guasto di una singola strumentazione può far variare in modo significativo la probabilità d accadimento del Top Event 26 Probabilità d accadimento con zero guasti Guasto FT 053 7,52*E-05 Probabilità d accadimento con FT guasto 5,90*E Guasto PDV 072 Probabilità d accadimento con FT e PDV guasti 1

14 Analisi di rischio in seguito a near accident Near accident: Danneggiamento toro di distribuzione 27 Analisi di rischio in seguito a near accident Near accident : Perdita dalla VDR della linea di vapore con rilascio di ossigeno all atmosfera, successivo rilascio di syngas in atmosfera MODELLIZZAZIONE RILASCIO OSSIGENO 28

15 Analisi di rischio in seguito a near accident Near accident : Perdita dalla VDR della linea di vapore con rilascio di ossigeno all atmosfera, successivo rilascio di syngas in atmosfera MODELLIZZAZIONE RILASCIO SYNGAS 29 Analisi di rischio ambientale (Metodo Speditivo APAT/ ARPA/ CNVVF) La legge 238/05 prescrive l obbligo per le aziende a rischio di incidente rilevante di effettuare una valutazione ambientale, ma non fornisce nessuna indicazione sulla 30 metodologia da seguire. Per colmare il vuoto normativo, le autorità di riferimento si sono attivate per dare delle linee guida in merito alla valutazione ambientale. La metodologia speditiva si basa sull utilizzo di una procedura ad indici che definisce la valutazione del rischio associato alle attività dei depositi di idrocarburi liquidi attraverso la correlazione tra la propensione al rilascio della sostanza nello stabilimento e la propensione alla propagazione nell ambiente circostante. STABILIMENTO RILASCIO INDICE DI PROPENSIONE AL RILASCIO SUOLO-FALDA CONTAMINAZIONE INDICE DI PROPENSIONE ALLA PROPAGAZIONE

16 Analisi di rischio ambientale (Metodo Speditivo APAT/ ARPA/ CNVVF) IPR esprime la propensione dell unità tecnica o dell impianto al rilascio di una certa quantità di sostanza tossica, mobile o persistente nell ambiente IPR determinato sulla base di misure di emergenza che tendono a diminuire il numero di incidenti 31 (tipo di progettazione meccanica, strumentazioni di controllo e di sicurezza, addestramento del personale) o a minimizzare i danni conseguenti al rilascio accidentale di idrocarburi (sistemi di drenaggio e raccolta, assistenza dei vigili del fuoco) IPR = B x Q x (1+P/100) x [1 + (S + L)/100] PR = PR x (K 1 x K 2 x K 3 x K 4 x K 5 x K 6 ) Fattori che influenzano l IPR Eco-tossicità Fattori che influenzano l IPR Contenimento K 1 I P R Penalizzazione Sostan za Impian to Persistenza Mobilità Quantità Rilasciata Rischi Generali Processo Rischi Particolari di Processo Rischi legati al Layout B Q P S L I P R Compensazione Controllo del Processo Politica di Prevenzione Politica di Protezione Eliminazione/Isolamento delle Sostanze Preparazione all Emergenza K 2 K 3 K 4 K 5 K 6 Analisi di rischio ambientale (Metodo Speditivo APAT/ ARPA/ CNVVF) V x IPO k i = η IPP t = IPV soggiacenz k i ( k,h, i ) ( soggiacenza, k, i ) Individuazione sulla matrice dell indice o livello di rischio per i bersagli e per la falda sulla base dei risultati emersi nella fase 1. Tempo di arrivo in falda IPV Alto: > 6 mesi Medio:1 mese -6 mesi Basso: 96 ore 1 mese Molto Basso: < 96 ore a Livello 1/I Livello 3/II Livello 3/II Livello 3/II 32 E necessario effettuare uno studio idrogeologico su scala locale (dello stabilimento) finalizzato alla definizione dei parametri caratteristici necessari alla costruzione dell indice di propagazione. Velocità effettiva di migrazione orizzontale (metri/giorno) - IPO Molto Bassa Bassa Media Alta < >3 > 100 gg Tempo per percorrere 50 metri (gg) Livello 1/I Livello 4/II Livello 4/III Livello 4/III Livello 2/I Livello 5/III Livello 5/IV Livello 5/IV <15 Livello 2/I Livello 5/III Livello 5/IV Livello 5/V

17 Analisi di rischio ambientale (Metodo Speditivo APAT/ ARPA/ CNVVF) Individuazione dei livelli di rischio e delle aree di isorischio Indice di propensione alla propagazione per i bersagli - IVB 33 Indice di Propensione al rilascio IPR Molto Basso ABC ABC A>200m BC>10m A>400m BC>20m A>1500m BC>500m Basso ABC ABC AB>20m C>100 m AB>400 m C>200 m AB>1500m C>500m Medio ABC in caso di depositi esistenti; altrimenti ARA ABC In caso di depositi esistenti; altrimenti ARA AB>20m C>100 m AB>400m C>200m ARA Alto ARA ARA ARA ARA ARA Modelli di dispersione dell inquinamento atmosferico (Metodo CALPUFF) 34 CALPUFF è un modello di dispersione non stazionario, che veicola i "puff" gaussiani di materiale emesso dalle sorgenti, attraverso un approccio lagrangiano. Simula l effetto della variazione temporale e spaziale delle condizioni meteorologiche sul trasporto, la trasformazione e la diffusione degli inquinanti. Calpuff può essere applicato su diverse scale di chilometri, ma è raccomandato maggiormente per il trasporto long-range. Può funzionare sia in modalità long-term (nel caso si renda necessario stimare valori di concentrazione medi su periodi temporali rappresentativi ad es. un anno), sia in modalità short-term (per studi d impatto ambientale relativi ad uno specifico caso-studio).

18 DOMINIO DI STUDIO 52 KM Origine domini o 64 KM 35 Calpuff prevede lo studio delle concentrazioni di un inquinante in un dominio specificato da una griglia georeferenziata. L analisi è stata incentrata sull area di Siracusa-Augusta-Melilli, quindi il dominio spaziale scelto per la presente applicazione è costituito da un area rettangolare grigliata di 64x52 km^2 costituita da celle di 1x1 km^2. Ogni cella ha un recettore al suo centro per un totale di 64X52 recettori grigliati non necessariamente computazionati. ELABORAZIONE DEL MODELLO DIFFUSIONALE L elaborazione del modello diffusionale è sostanzialmente suddiviso in quattro step fondamentali: Creazione dei dati geometeorologici elaborati dai Pre-Processori 2. Simulazione dei modelli: Calmet e Calpuff 3. Post-Processori che elaborano i dati in uscita dai modelli 4. Visualizzazione grafica tramite Calview L INTERFACCIA CHE RIASSUME TUTTI I PROCESSI CHE PORTANO ALL ELABORAZIONE DEL MODELLO DIFFUSIONALE

19 1 2 VISUALIZZAZIONE GRAFICA CALVIEW importa le informazioni geofisiche, costruendosi punto per punto la mappa del sito in esame visualizzando dispersione e campo di vento nell intervallo di tempo prefissato. L esempio in esame ha uno step di 1 ora E 15.0E 15.2E 15.4E 4500 UTM North (km) N 37.1N Terrain (m) 1/ VISUALIZZAZIONE GRAFICA La simulazione rappresenta la dispersione di gas proveniente da tre sorgenti diverse, disposte in punti differenti del territorio 38 2/2

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl Fig.1 GraficoOrganigrammaDatréSrl AREA PRODUZIONE AREA GESTIONALE AREA FORMAZIONE Rappresentantelegale Direttorestrutturaformativa StefaniaBracci ComitatoScientifico Coordinatore R.W.Stockbrugger SegreteriaEcm

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI SISTEMA GESTIONALE INTEGRATO Ambiente Sicurezza con la collaborazione di: e di: pag. 1 di 272 INDICE Cap. 1 Introduzione... 12 1.1 Premessa... 12 1.2 Perché i sistemi gestionali... 12 1.3 Elementi principali

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente.

Queste sono alcune domande che ci sono venute in mente. Applicazione di metodi statistici per la verifica di Sistemi Qualità in società di servizi. S. Gorla (*), R. Bergami (**), R. Grassi (***), E. Belluco (****) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli