Relazione Scientifica secondo anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Scientifica secondo anno"

Transcript

1 Relazione Scientifica secondo anno Progetto: Dinamica di altissima frequenza nei mercati finanziari. Efficienza e struttura dei mercati finanziari e modellizzazione quantitativa delle scelte di portafoglio in presenza di innovazioni tecnologiche. Il secondo anno di attività ha visto il procedere dell attività scientifica e tecnica del progetto al fine di perseguire gli obiettivi indicati in fase di proposta. Ciascuna Unità di ricerca ha svolto la propria attività cercando di massimizzare le possibilità di interazioni tra i ricercatori ed i gruppi delle varie Unità. Inoltre le Unità di ricerca hanno continuato ad interagire sistematicamente con i colleghi del progetto EGRID al fine di collaborare alla realizzazione e messa in opera della facility nazionale di dati finanziari di altissima frequenza. Per quanto riguarda il contributo del nostro progetto alla realizzazione della facility nazionale dei dati di alta frequenza è continuata la collaborazione instauratasi tra il nostro gruppo di persone che ha lavorato all individuazione, all acquisto ed al filtraggio dei dati ed il gruppo di collaboratori del progetto EGRID. La facility è oggi dotata di una significativa mole di dati finanziari presenti sia in forma grezza che pre-processata e quindi pronta per analisi di ricerca. Diverse ricerche sono già state svolte su questi dati come documentato nella parte di questa relazione dedicata alla descrizione delle attività svolte dalle singole Unità e con collaborazioni avviate tra le Unità. Prevediamo di effettuare in data 22 e 23 Settembre 2005 un incontro tra i vari ricercatori coinvolti nel progetto per approfondire i risultati fin qui ottenuti e pianificare le attività di singola Unità e delle collaborazioni fra Unità per il periodo restante del progetto. Obiettivo 1 Contributo INFM alla costituzione ed alla gestione di una facility nazionale di dati finanziari. Personale partecipante: Rosario N. Mantegna (responsabile) - Enzo Marinari (Unità di Roma1) Alessandra Tedeschi (personale dipendente del progetto-borsista - luogo di attività Unità di Roma1) - Manuel Glorioso (personale dipendente del progetto-borsista - luogo di attività Unità di Palermo) - Adam Ponzi (Unità di Palermo) - Fabrizio Lillo (Unità di Palermo) - Salvatore Miccichè (Unità di Palermo) - Christian T. Brownless (Unità di Firenze) - Claudia Colonnello (Unità di Palermo). Il nostro progetto strategico coordinato da INFM ha contribuito alla costituzione della facility nazionale di dati finanziari gestita da ICTP portando a completamento l acquisto di dati finanziari di alta frequenza di importanti mercati. Nella maggior parte dei casi l acquisto è stato effettuato garantendo che tutti i gruppi di ricerca espressamente interessati ai dati via via considerati e coinvolti nel presente progetto o nei progetti EGRID e Area di Trieste armonizzati con il presente progetto possano accedere ai dati di interesse durante il periodo di svolgimento del progetto. Il gruppo di lavoro ha quindi 1

2 completato gli acquisti, avviato una serie significativa di pre-processing, ad esempio ricostruendo il libro degli ordini completo per le principali azioni trattate nel London Stock Exchange ed ha prodotto una serie di dati secondari come ad esempio i dati di correlazioni calcolati a vari orizzonti temporali per le azioni più capitalizzate trattate nei mercati equity di New York e Londra. In particolare per quanto riguarda gli acquisti dei dati finanziari di alta frequenza, si è proceduto a: Acquisto degli Intraday Historical Euronext Data per le borse di Parigi, Amsterdam e Brussells per l anno Acquisto delle Trades del Tokyo Stock Exchange per l anno Acquisto dei Depositi Interbancarii trattati sul mercato elettronico gestito da E- MID S.p.a. per l anno Acquisto dell Indice S&P 500 e del Future su tale Indice da TickData per gli anni Ordine per l acquisto dei dati MTS Time Series da EuroMTS l.t.d. da Aprile 2003 a Marzo La facility nazionale è entrata nella fase operativa. In particolare, per quanto riguarda la sua gestione, sono stati caricati nella memoria di griglia della GRID tutti i dati originali acquisiti ed alcune versioni pre-processate in formati più facilmente fruibili per gli utenti. È stato inoltre prodotto un documento che descrive brevemente la struttura della GRID e la tipologia di tutti i dati presenti. Nell ambito del pre-processing dei dati: Si è sviluppato il codice per la trasformazione dei files binarii in files di testo per i dati Open Book del NYSE. Si è proceduto alla generazione di nuovi formati standard per i dati del Rebuild Order Book del London Stock Exchange, rispondenti alle esigenze dei vari utenti. Sono stati testati ed adattati alla GRID programmi già esistenti per l estrazione dei dati Trades and Quotes del NYSE. Si è fatto fronte alle specifiche esigenze dei ricercatori dei 3 progetti partners fornendo in tempo reale i samples di dati richiesti. Gli acquisti effettuati nel secondo anno naturalmente completano quelli già effettuati nel corso del primo anno che qui di seguito brevemente elenchiamo: - Acquisto del Rebuild Order Book del London Stock Exchange (LSE) per l'anno Accordo con Borsa Italia S.p.A. per l'utilizzazione gratuita, per soli fini di ricerca, dei dati Best Bid & Best Ask Singole Transazioni, Primi 5 ordini di vendita e di acquisto per l'anno Acquisizione a titolo gratuito dei datasets Trades and Quotes (2003) e Open Book (2002) del New York Stock Exchange (NYSE). In sintesi per quel che riguardo il nostro progetto, l organizzazione attuale della GRID è la seguente. La struttura principale è gestita dal progetto egrid mentre il nostro progetto 2

3 partecipa con i nodi Firenze, Roma1 e Palermo oltre che per quanto riguarda l acquisto e la gestione dei dati, il pre-processing e lo sviluppo di software dedicato alle attività di ricerca scritto in un formato GRID compatibile. Obiettivi scientifici del progetto per il secondo anno La descrizione analitica dei risultati raggiunti dalle varie Unità di ricerca riportata qui di seguito, mostra che la gran parte degli obiettivi previsti per le altre attività sono stati raggiunti in accordo con l articolazione temporale del progetto originariamente presentato. Il progetto si svolge quindi essenzialmente secondo le previsioni ed ha già prodotto una serie di importanti risultati tra cui il contributo all infrastruttura prototipale di information technology basata su GRID, pubblicazioni scientifiche, disseminazione di risultati e comunicazioni a congresso, prototipi software e formazione di nuove figure professionali coerenti con il progetto. Obiettivi 2, 3 e 4 delle varie Unità di ricerca Vengono qui di seguito discusse le attività avviate ed i risultati ottenuti da ciascuna Unità di ricerca. Unità di ricerca INFM Unità di Palermo Resp. Prof. Rosario N. Mantegna Partecipanti al progetto: Rosario N. Mantegna (responsabile) - Fabrizio Lillo - Salvatore Miccichè - Adam Ponzi - Gabriella Vaglica - Michele Tumminello. Per quanto riguarda l attività A1.1 di obiettivo 4 nel corso del secondo anno abbiamo studiato teoricamente il ruolo della indeterminazione statistica in serie multivariate finite descritte da modelli a fattore. Lo studio è stato effettuato utilizzando strumenti e concetti della random matrix theory [1]. I modelli a fattore considerati sono stati sia di tipo a fattori indipendenti che modelli a fattori strutturati gerarchicamente. In collaborazione con Tomaso Aste e Tiziana Di Matteo, partecipanti all Unità di Alessandria del progetto, sebbene attualmente operanti presso la Australian National University di Canberra, abbiamo sviluppato una nuova metodologia di clustering basata su correlazioni che consente di considerare una quantità di informazione sulle misure di similarità superiore a quella associata al minimum spanning tree (ottenibile con la procedura di clustering del single linkage) ma che viene associata allo stesso albero gerarchico. Il metodo usa concetti di topologia per individuare la soglia scelta per la selezione di informazioni legate alle misure di similarità addizionalmente considerate. Il primo incremento dal minimum spanning tree si ha considerando un grafo che viene posto su una superficie 3

4 topologicamente planare (e quindi un piano o una sfera). Per questo motivo il nuovo grafo ottenuto è stato chiamato grafo planare a filtraggio massimale. Il metodo, che può essere applicato a qualsiasi serie multivariata, si è rivelato particolarmente efficace per le serie dei rendimenti di azioni finanziarie. In particolare, analizzando 100 serie di rendimenti di azioni altamente capitalizzate trattate nei mercati di equity statunitensi, si è visto che il metodo è particolarmente efficace nella stima quantitativa delle connessioni intrasettoriali e intersettoriali dei vari clusters associati a differenti settori di attività economica [2]. Le conoscenze acquisite nelle attività di correlation based clustering sono state utilizzate per valutare quanto una selezione delle informazioni rilevanti della matrice di correlazione possa influenzare la migliore previsione del profilo ottimale del rischio in un portafoglio di azioni trattato in un mercato finanziario. Si è visto che sostituire alla matrice di correlazione la matrice ultrametrica associata al single linkage e all average linkage, diminuisce significativamente la distanza (sia assoluta che percentuale) tra la frontiera efficiente prevista e quella effettivamente realizzata ad un orizzonte temporale prefissato, sia rispetto al caso classico di Markowitz che rispetto al caso in cui la matrice di correlazione di Markowitz venga svestita dalla incertezza statistica inevitabilmente associata con i metodi basati sulla random matrix theory. Questi risultati, ottenuti in collaborazione con Mauro Gallegati e Vincenzo Tola (alla Banca D Italia da Maggio 2005) sono presentati in un manoscritto sottomesso per la pubblicazione [6]. All interno dell attività A1.2 di obiettivo 3 si sono investite risorse umane e computazionali per avere un controllo accurato dell andamento temporale del limit order book del London Stock Exchange (LSE) per un insieme multivariato di titoli. Oggi siamo in grado di seguire (almeno in linea di principio) l evoluzione sincrona del limit order book in un set di stocks simultaneamente trattate nel LSE. Le attività di ricerca sono in corso. Il tema della correlazione a lungo range osservata in alcune serie di dati finanziari (il caso paradigmatico è quello della volatilità) è stato indagato all interno dell attività A1.3 di obiettivo 3 dove si sono considerate, in particolare, le proprietà di correlazione delle serie temporali dei segni (collegati all operazione di vendita o di acquisto) degli ordini (sia al meglio che di mercato) sottomessi in un mercato elettronico altamente efficiente (appunto il LSE). Questo studio [3] ha evidenziato che queste serie temporali sono caratterizzate da una memoria a lungo range estremamente ben caratterizzata da un punto di vista statistico. L osservazione empirica solleva numerosi interrogativi perchè ad un primo momento sembra essere in contraddizione con la presenza di efficienza nei mercati finanziari. Tuttavia la contraddizione è solo apparente come dimostrano modelli statistici sviluppati proprio a seguito di questa osservazione empirica. Molti risultati ottenuti dal nostro gruppo di ricerca sono stati presentati in un review recentemente pubblicato su invito presso la rivista della Società Italiana di Fisica Il Nuovo Saggiatore [5] La nostra Unità inoltre continua a partecipare attivamente alla collaborazione con il progetto EGRID volto alla realizzazione della facility nazionale dei dati finanziari. Oltre ad avere estensivamente lavorato sui dati del limit order book del LSE abbiamo anche preparato tutta una serie di correlation based networks. Si tratta in particolare di 4

5 minimum spanning trees e di grafi planari ottenuti per i dati del NYSE su insiemi di 100, 500 e 1071 azioni per il periodo e per tutti i singoli anni solari. Per gli insiemi di 100 e 500 azioni oltre all intervallo temporale giornaliero sono stati ottenuti i correlation based graphs associati a risoluzioni temporali fino ad un minimo di 5 minuti di trading. Lo stesso tipo di grafi sono anche stati ottenuti per le 92 azioni del set 1 del LSE per il periodo 2002 con risoluzione temporale dei rendimenti che vanno da 1 giorno borsistico fino a 5 minuti di trading. Pubblicazioni: [1] Fabrizio Lillo and Rosario N. Mantegna, Spectral density of the correlation matrix of factor models: a Random Matrix theory approach, Phys. Rev. E 72, (2005). [2] Michele Tumminello, Tomaso Aste, Tiziana Di Matteo, and Rosario N. Mantegna, A tool for filtering information in complex systems, PNAS 102, 10421, (2005). [3] Fabrizio Lillo, J. Doyne Farmer, The Long Memory of the Efficient Market, Studies in Nonlinear Dynamics & Econometrics 8, pag 1-33 (2004). [4] Fabrizio Lillo, Szabolcs Mike, and J. Doyne Farmer, Theory for long memory in supply and demand, Phys. Rev. E 71, (2005). [5] Fabrizio Lillo, Salvatore Miccichè, Rosario N. Mantegna, Econofisica: il contributo dei fisici allo studio dei sistemi economici, Il Nuovo Saggiatore 21 (1-2), 68-81, (2005). Manoscritti: [6] Vincenzo Tola, Fabrizio Lillo, Mauro Gallegati, Rosario N. Mantegna, Cluster analysis for portfolio optimization, preprint physics/ Dettagli ulteriori sono disponibili a partire da: Unità di ricerca INFM Unità di Roma Resp. Prof. Enzo Marinari Partecipanti al progetto: Enzo Marinari (responsabile) Andrea De Martino Irene Giardina - Alessandra Tedeschi (personale dipendente del progetto-borsista). Per quanto riguarda l attività A7.2 di obiettivo 4 consistente nello sviluppo di codici ed algoritmi di ottimizzazione, si è effettuata attività di ricerca volta allo sviluppo di algoritmi Monte Carlo per lo studio di sistemi in cui lo spazio delle configurazioni presenta una struttura di grande complessità [1]. È stata avviata una collaborazione con alcuni ricercatori del gruppo dell Università del Piemonte Orientale su Analisi della microstruttura dei mercati finanziari, attraverso lo studio empirico degli order book del London Stock Exchange e del New York Stock 5

6 Exchange rivolta alla misura del tempo di attesa tra due successive transazioni, che viene svolta all interno dell attività A4.2 di obiettivo 4 [2] Il gruppo di ricerca di Roma1 ha inoltre continuato a contribuire ad una organica collaborazione con l Unità di Trieste sull attività A2.1 di obiettivo 2. [3-9]. A questo riguardo, va anche citato, che è stata avviata una collaborazione con l Unità dell' Università Politecnica delle Marche - Dip. Economia e con l'unità dell Università del Piemonte Orientale riguardante l'applicazione del concetto di equilibrio statistico in economia, nell'ambito dei modelli ad agenti eterogenei. Pubblicazioni: [1] E. Marinari and R. Monasson, Circuits in random graphs: from local trees to global loops, JSTAT PO9004, (2004). [5] A. Tedeschi, A. De Martino and I. Giardina, Coordination, intermittency and trends in generalized minority games, Physica A, accepted for publication, (2005). [6] A. De Martino and M. Marsili, On the interplay between fluctuations and efficiency in a model economy with heterogeneous adaptive consumers, Proceedings of SPIE, vol. 5848, Editor(s): Derek Abbott, Jean-Philippe Bouchaud, Xavier Gabaix, Joseph L. McCauley, Publication Date: May 2005, in print. [7] A. De Martino, I. Giardina, M. Marsili and A. Tedeschi, From perceived risk to collective behavior in minority games, Proceedings of NEW2004. [9] A. De Martino, Statistical mechanics of resource allocation, Prog. Theor. Phys. 157, 308 (2005). Manoscritti: [2] E. Scalas, T.Kaizoji, M. Kirchler, J. Huber, A. Tedeschi, Waiting times between orders and trades in double-auction markets, submitted to Physica A (2005). [3] A. De Martino and M. Marsili, Typical properties of optimal growth in the Von Neumann expanding model for large random economies, preprint physics/ (2005). [4] A. De Martino, T. Galla, Dynamics of adaptive agents with asymmetric information, preprint cond-mat/ (2005). [8] D. Challet, A. De Martino, M.Marsili and I. Perez Castillo, Minority games with finite score memory, preprint cond-mat/ (2004). Unità di ricerca INFM Unità di Trieste SISSA Resp. Prof. Matteo 6

7 Marsili Partecipanti al progetto: Matteo Marsili (responsabile) - Ginestra Bianconi (borsista del contratto) - Giacomo Raffaelli (PhD student SISSA). Nel secondo anno del progetto l'attività di ricerca ha portato da una parte a consolidare i risultati ottenuti nell'anno precedente (vedi lavori pubblicati) e dall'altra ad estenderlo in nuove direzioni. Principalmente ci siamo concentrati sulla comprensione di modelli stilizzati di mercati con più assets, sia con approcci basati sul minority game che con modelli fenomenologici. Nel primo caso, lo studio verte a caratterizzare la componente di fluttuazioni dovuta alla speculazione ed il suo impatto su proprietà di efficienza informativa. Dall'altra ci siamo concentrati sulla modellizzazione di quella componente dell'attività finanziaria dovuta a strategie di minimizzazione del rischio alla Markovitz. Il risultato preliminare che abbiamo trovato è che se il volume o l'impatto degli investimenti riconducibili a questa componente è maggiore di un valore critico, il mercato entra in una fase di instabilità dinamica delle correlazioni. L'esistenza di una tale transizione di fase dimostra che il comportamento dinamico delle correlazioni dei mercati finanziari non è necessariamente solo riconducibile alla dinamica di fattori esterni (fundamentals), ma può essere generato anche dalla dinamica non-lineare interna del mercato. Abbiamo anche sviluppato un metodo per localizzare vari mercati nello spazio delle fasi del modello (attività A2.2 di obiettivo 2). Risultati preliminari mostrano che i mercati reali sono sorprendentemente vicini alla transizione di fase. La nostra ricerca si è anche concentrata sull'analisi del comportamento di herding, che può essere responsabile per la formazione di bolle speculative nei mercati finanziari. Abbiamo introdotto il forecasting game che si offre come modello stilizzato di agenti interagenti per descrivere l'emergenza di un comportamento imitatorio (herding behavior) quando gli agenti devono fare delle previsioni basandosi sia su informazione privata che sull'informazione proveniente dagli altri agenti. Nel quadro del modello si vede che l'emergere di un herding behavior può portare a una maggioranza di previsioni concordi su una previsione sbagliata, come mostrato da recenti dati empirici. Pubblicazioni: [1] F. F. Ferreira, M. Marsili, Real payoffs and virtual trading in agent based market models, Physica A 345 (3-4), (2005). [2] A. De Martino, I. Giardina, A. Tedeschi, et al., Generalized minority games with adaptive trend-followers and contrarians, Phys. Rev E 70 (2), , (2004). [3] D. Challet, M. Marsili, A. De Martino, Stylized facts in minority games with memory: a new challenge, Physica A 338, (2004). Manoscritti: [4] Damien Challet, Andrea De Martino, Matteo Marsili, Isaac Perez Castillo, Minority games with finite score memory, preprint cond-mat/

8 [5] Andrea De Martino, Matteo Marsili, On the interplay between fluctuations and efficiency in a model economy with heterogeneous adaptive consumers, preprint condmat/ [6] Philippe Curty, Matteo Marsili, Phase coexistence in a forecasting game, preprint physics/ Unità di ricerca Università di Alessandria Resp. Prof. Enrico Scalas Partecipanti al progetto: Enrico Scalas (responsabile, Alessandria), Matteo Leccardi (Alessandria) - Massimo Riani (Genova) - Andrea Ridi (Genova) - Tiziana Di Matteo (Canberra) - Tomaso Aste (Canberra). La prima commessa prevista nell'attività A4.1 di obiettivo 3 è stata completata. Dopo un bando di gara cui sono state invitate a partecipare cinque aziende, si è selezionata l'offerta di Tethis S.r.l. che ha successivamente distaccato presso il laboratorio di Alessandria un suo collaboratore, il Dr. Matteo Leccardi da novembre 2004 ad aprile Nel contempo è stata portata a termine la ricerca di mercato sul dispositivo idoneo alla progettazione del prototipo di generatore di rumore leptocurtico. Si è scelta la scheda di sviluppo FPGA "Spartan 3 Starter Kit" della Xilinx, per le sue caratteristiche di versatilità e di costo contenuto. Dopo un'analisi approfondita di vari algoritmi per la generazione di rumore di Levy, caratterizzato da una distribuzione simmetrica alfa-stabile (si veda la pubblicazione [1]), si è scelto di modificare una variante dell'algoritmo di reiezione: l'algoritmo ziggurat di Marsaglia e Tsang, per poter usare l'aritmetica intera, senza dover progettare un DSP sull'fpga. Il generatore realizzato è in grado di produrre rumore di Levy con alfa pari a 0.6, 0.7, 0,8, 0,9, 1,0, 1,1, 1,2, 1,3, 1,4, 1,5, 1,6, 1,7, 1,8, 1,9, 1,95, 1,99. Stiamo preparando un articolo da sottoporre alla Review of Scientific Instruments sul generatore di rumore (M. Leccardi, E. Scalas, A Lévy noise generator, in preparazione.). Si prevede una seconda commessa per la realizzazione di un valutatore di opzioni su FPGA. Si stanno cominciando a valutare varie possibilità. Nell'ambito dell attività A4.2 di obiettivo 3, la collaborazione con J. Huber e M. Kirchler a Innsbruck si è consolidata. Insieme ad altri due autori (Alessandra Tedeschi e Taisei Kaizoji) abbiamo presentato al congresso WEHIA 2005 i risultati dell'analisi dei tempi di attesa tra ordini e contrattazioni in esperimenti in presenza di asimmetria informativa. Nella maggior parte dei casi presi in considerazione l'ipotesi nulla di tempi di attesa tra ordini o contrattazioni distribuiti esponenzialmente non può essere accettata [2]. Nell'ambito dell attività A4.3 di obiettivo 3, dopo uno studio approfondito del comportamento dei tempi di attesa tra le contrattazioni che è stato finalmente pubblicato [3,4], la disponibilità dei dati del book del London Stock Exchange ha consentito un confronto con gli esperimenti discussi al punto precedente (si veda sempre la pubblicazione [2]). Un recente articolo di A.-L. Barabasi su Nature (The origin of bursts and heavy tails in human dynamics, Nature 435, , 2005) ha introdotto un modello 8

9 teorico che potrebbe spiegare il carattere non esponenziale dei tempi di attesa tra ordini e contrattazioni nei mercati finanziari. Una semplice descrizione fenomenologica era comunque già stata proposta nei nostri lavori [2,3] in termini di miscele di distribuzioni esponenziali. Infine, Tiziana Di Matteo ha redatto un rapporto dettagliato sul multiscaling in finanza (T. Di Matteo, Multiscaling in finance, working paper) in vista di una più estesa collaborazione sul tema tra il gruppo di Alessandria e quello di Canberra. L attività A4.4 di obiettivo 3 è all'inizio. Lo Starter Kit sopra descritto è un ambiente di sviluppo sufficientemente versatile e dovrebbe essere possibile la realizzazione hardware di vari metodi di valutazione di opzioni. Si avvieranno al più presto consultazioni al riguardo con il gruppo di Genova. Pubblicazioni: [1] M. Leccardi, E. Scalas, Comparison of three algorithms for Levy noise generation. L'articolo, insieme a una dimostrazione del generatore di rumore, sarà presentato al congresso ENOC '05, nell'ambito del Mini Symposium on Fractional Derivatives and their Applications. [3] E. Scalas, R. Gorenflo, H. Luckock, F. Mainardi, M. Mantelli, M. Raberto, Anomalous waiting times in high-frequency financial data, Quantitative Finance, 4, , [4] E. Scalas, R. Gorenflo, H. Luckock, F. Mainardi, M. Mantelli, M. Raberto, On the intertrade waiting-time distribution, Finance Letters, 3, 38-43, Manoscritti: [2] E. Scalas, T. Kaizoji, M. Kirchler, J. Huber, A. Tedeschi, Waiting times between orders and trades in double-auction markets, sottoposto a Physica A. Seminari e Presentazioni a Congressi: [c1] E. Scalas, Waiting times between orders and trades in double-auction markets. Oral presentation at WEHIA 2005, Colchester. [c2] S. Cincotti, L. Ponta, M. Raberto, E. Scalas, Poisson-process generalization for the trading waiting-time distribution in a double-auction mechanism. Presented by Silvano Cincotti at Fluctuation and Noise 2005, Austin, TX, USA. Organizzazione di congressi: Enrico Scalas ha organizzato nel settembre del 2004 il First Bonzenfreies Colloquium on Market Dynamics and Quantitative Economics. Sebbene non siano stati usati fondi di questo progetto per il finanziamento del congresso, vale la pena di menzionarlo per l'affinità degli argomenti trattati da circa quaranta giovani studiosi e studiose nel corso di due giorni. 9

10 Unità di ricerca CNR Istituto Applicazioni Calcolo Roma Resp. Prof. Massimo Bernaschi Partecipanti al progetto: Massimo Bernaschi (responsabile) - Massimiliano Adamo - Maya Briani - Marco Papi - Benedetto Piccoli - Davide Vergni. Le attività dell'iac dall'inizio del progetto a oggi hanno riguardato esclusivamente l'obiettivo 4, ossia le Scelte di Portafoglio. Rispettando l'articolazione temporale prevista nel progetto, in questo periodo sono state avviate le attività A3.3 che riguardano lo sviluppo di moduli per la generazione di scenari di evoluzione dei tassi di interesse e di alcune variabili macroeconomiche, prima tra tutte l inflazione, che hanno particolare impatto sull andamento dei tassi stessi. All interno dell attività A3.1 sono stati inoltre considerati ed inclusi nel modello di ottimizzazione nuovi tipi di titoli legati all inflazione media europea introdotti dal Tesoro recentemente. L utilizzo di modelli più sofisticati per i tassi ha richiesto uno studio accurato di metodi di calibrazione statistica. È inoltre iniziato lo studio di metodi per l analisi e la rappresentazione del rapporto costo-rischio per un dato portafoglio e per la selezione all interno dell insieme dei portafogli ottimi (per ogni scenario simulato esiste un solo portafoglio ottimo che soddisfa tutti i vincoli) di quello più aderente alla politica di gestione che si intende perseguire. Manoscritti: [1] M. Bernaschi, M. Briani, M. Papi e D. Vergni, Scenario-Generation Methods for an Optimal Public Debt Strategy. Sottomesso a Quantitative Finance (2005). [2] M. Bernaschi, L. Torosantucci, A. Uboldi, Empirical evaluation of the market price of risk using the CIR model. Sottomesso a International Journal of Theoretical and Applied Finance (2004). Seminari e Presentazioni a Congressi: [c1] M. Bernaschi, Optimal Strategies for the Issuances of Public Debt Securities, Seminario presso il King s College di Londra (Novembre, 2004) Prototipi Software: È ormai operativo presso il Ministero di Economia e delle Finanze il prototipo software per la generazione degli scenari e la definizione della politica ottimale di emissione per uno scenario dato. Di questo prototipo è stata completamente ridisegnata l interfaccia utente per venire incontro alle richieste degli utenti del Ministero ed è in corso di completamento un manuale on-line per l utilizzo che affianca la documentazione cartacea. 10

11 Unità di ricerca Università di Firenze Resp. Prof. Giampiero M. Gallo Partecipanti al progetto: Giampiero M. Gallo (responsabile) - Marco J. Lombardi - Christian T. Brownlees - Margherita Velucchi - Fabrizio Cipollini - Alessandro Rossi. Per quanto riguarda i dati TAQ nell attività A5-(i) di obiettivo 3, lo sviluppo del software di estrazione e trattamento è stato terminato, e sono state altresì sviluppate delle routines in Matlab per interfacciare in maniera semplice il database. Si sta inoltre procedendo a sviluppare apposite routine che consentano il calcolo di misure di volatilità ricavate da dati ad alta frequenza (e.g. realized volatility, absolute variation, multipower variation). Nel lavoro di referenza [2] si esamina il contenuto informativo di tali indicatori attraverso un modello a errore moltiplicativo, nell ambito dell attività A5-(vii) di obiettivo 3. L analisi dei dati ad altissima frequenza necessita di conoscere in modo approfondito le regole e procedure dei mercati finanziari di riferimento, la struttura dei database dei dati ad altissima frequenza e i metodi necessari per trasformare i dati grezzi nelle serie d interesse. Parte degli sforzi dell'unità di ricerca sono stati dedicati allo studio di questi temi. I frutti di queste indagini per quanto riguarda il New York Stock Exchange sono stati sintetizzati in referenza [1] che verrà presentato prossimamente alla conferenza S.Co Circa l analisi della dinamica intragiornaliera dei mercati di attività A5 (ii) e (v) si sono avviati ulteriori progetti. Si sta sviluppando in particolare, in collaborazione con Fabrizio Cipollini, nell ambito dell attività A5.1-A5.4 (viii), una versione multivariata dei modelli a errore moltiplicativo (MEM, Engle, 2002); un caso speciale di tali modelli è la famiglia ACD (Engle e Russell, 1998). In questo filone, il lavoro di referenza [3] sui modelli ACD con mistura di esponenziali è stato pubblicato. Per il modello a indicatori multipli per la dinamica intragiornaliera della volatilità scelto all interno dell attività A5-(vii), il lavoro originario, a firma Engle e Gallo [5], è stato accettato per la pubblicazione sul Journal of Econometrics. In questo filone sono stati analizzati modelli a volatilità stocastica e modelli GARCH e si è mostrato, su dati simulati, come l introduzione di ulteriori indicatori migliori la qualità delle stime dei parametri nell equazione della volatilità. Circa la stima di modelli a volatilità stocastica, nel lavoro di referenza [4], Rossi e Gallo sviluppano un modello Markov switching che viene confrontato con misure nonparametriche di volatilità ricavate su dati ad altissima frequenza. Il paper è in corso di pubblicazione sul Journal of Empirical Finance. Un modello a volatilità stocastica con code pesanti, stimato tramite un approccio indiretto è stato proposto da Lombardi e Calzolari (M. J. Lombardi e G. Calzolari, Indirect estimation of α-stable stochastic volatility models, in preparation). Il lavoro verrà presentato alla conferenza annuale della Bundesbank in onore di Benoit Mandelbrot. Pubblicazioni: 11

12 [3] G. De Luca and G.M. Gallo, Mixture processes for financial intradaily durations, Studies in Nonlinear Dynamics and Econometrics, 8, (2004). [4] A. Rossi and G.M. Gallo, Volatility estimation via hidden Markov models, Journal of Empirical Finance, accettato per la pubblicazione, (2005). [5] R. F. Engle and G.M. Gallo, A Multiple Indicator Model for Volatility Using Intra- Daily Data, Journal of Econometrics, accettato per la pubblicazione, (2005). Manoscritti: [1] C. T. Brownlees e G.M. Gallo, Everything you always wanted to know about ultrahigh frequency financial data but were afraid to ask, da presentarsi alla conferenza S.Co.2005, settembre [2] G. M. Gallo e M. Velucchi, Ultra--high Frequency Measures of Volatility: an MEM-- based Investigation, da presentarsi alla conferenza S.Co. 2005, settembre Unità di ricerca Università Politecnica delle Marche Resp. Prof. Gallegati Partecipanti al progetto: Mauro Gallegati (responsabile) - Antonio Palestrini - Alberto Russo - Vincenzo Tola. Nel secondo anno di attività del progetto è stato sviluppato ed esteso il framework teorico di riferimento per l'analisi della dinamica dei prezzi degli asset, costruito nel corso del primo anno di attività. I modelli sviluppati nell'ambito di questo framework (attività A6.1 di obiettivo 2) descrivono l'interazione tra gli agenti eterogenei attraverso processi imitativi, come "mean-field" rispetto alle scelte attese del mercato. I risultati più interessanti che sono scaturiti dall'analisi condotta nel corso del secondo anno di attività (partendo da quanto già fatto nel corso del primo anno) riguardano i seguenti punti: dinamiche del prezzo dell'asset non legate alla soluzione fondamentale; esistenza di bolle finanziarie generate da una sufficiente componente d'interazione; esistenza di dinamiche path dependent; esistenza di soluzioni con invest/reject cascade (effetti domino). Il modello di referenza [1] mostra che, implementando un processo di learning, con algoritmi genetici, sullo spazio delle strategie: la distribuzione dei profitti delle strategie non fondamentaliste presenta maggiore volatilità della distribuzione dei profitti delle strategie fondamentaliste; esiste una componente d'interazione razionale, nel senso che la distribuzione dei profitti di coloro che seguono strategie non-fondamentali non è statisticamente dominata dalla distribuzione dei profitti delle strategie fondamentaliste. 12

13 Una estensione del framework proposto nel primo anno di attività riguarda l'analisi della dinamica dei pattern tipici delle bolle speculative (attività A6.2 di obiettivo 2). Il modello di referenza [2] è stato sviluppato in modo da replicare l'andamento tipico delle bolle speculative osservate nei dati empirici dei mercati finanziari. Inoltre, sono stati confermati i risultati (ottenenuti in via preliminare nel corso del primo anno) relativi al tipico period of di stress che precede il crollo del prezzo di un titolo e al suo legame con l'esistenza di vincoli di liquidità degli investitori. Più in dettaglio, il modello [2] mostra come una dinamica stocastica dei prezzi degli asset in presenza di "herding", vincoli finanziari e witching nelle strategie degli agenti sia in grado di spiegare la presenza di un periodo di financial di stress che segue il picco e precede il crash di una bolla speculativa. Il modello è stato sviluppato seguendo le linee di ricerca proposte da Kindleberger C. (2000), Manias, Panics and Crashes: A History of financial Crisis (New York: John Wiley). Le simulazioni del modello mostrano che i periodi di "financial distress" sono legati alla dinamica della distribuzione dei redditi degli agenti i quali vendono (switching della strategia) dopo il picco della bolla, a causa dell'esistenza di vincoli finanziari. Una maggiore propensione allo switching delle strategie da parte degli agenti fa aumentare la lunghezza dei periodi di "financial distress" e fa diminuire l'ampiezza delle bolle speculative mentre una più forte interazione tra gli agenti genera bolle speculative di maggiori dimensioni. Pubblicazioni: [1] Gian-Italo Bischi, Mauro Gallegati, Laura Gardini, Roberto Leombruni, Antonio Palestrini, Herd Behavior and Non-Fundamental Asset Price Fluctuations in Financial Markets, Macroeconomics Dynamics, in corso di pubblicazione, (2005) Manoscritti: [2] Mauro Gallegati, Antonio Palestrini, J. Barkley Rosser, Jr., The Period of Financial Distress in Speculative Markets: Interacting Heterogeneous Agents and Financial Constraints, working paper, Maggio 2005 Unità di ricerca Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Tor Vergata - Resp. Prof. Michele Bagella Partecipanti al progetto: Michele Bagella (responsabile) - Rocco Ciciretti (personale del progetto) - Gabriele Susinno. L attività di ricerca presso questa Unità parte nel mese di maggio 2005 data la procedura di trasferimento della responsabilità da CMA (società del gruppo Deloitte ora liquidata) all Università di Tor Vergata. Il trasferimento ha ottenuto il nulla osta in data 27 gennaio 2005 ed è diventato effettivo in data 17 marzo

14 Il progetto sotto la responsabilità dell Unità Tor Vergata ha come scopo: a) Consolidamento dello studio dell allocazione ottimale di portafoglio alla luce delle dinamiche delle diverse componenti di rischio. Sviluppo tecnologico per l importazione di tecniche di calcolo parallelo nell ambito delle imprese. Formazione/Collaborazione Studenti (attività A8.1 di obiettivo 4 del progetto). b) Utilizzazione di HPC per servizi di Computer Aided Asset Liability Management e per ingegnerizzazione di prodotti finanziari (attività A8.2 di obiettivo 4 del progetto). c) Analisi dell impatto di shocks ed eventi politici ed economici sulla dinamica dei prezzi degli asset e delle ripercussioni sulla gestione di portafoglio. Formazione/Collaborazione Studenti (attività A8.3 di obiettivo 4 del progetto). Coerentemente con quanto sopra l Unità Tor Vergata ha provveduto ad attivare una risorsa: il Dott. Rocco Ciciretti. Visto l avvio recente dell attività all interno del nuovo gruppo di ricerca all interno del progetto sono state individuate le coordinate culturali su cui basare l attività di ricerca. Il lavoro ha lo scopo di sviluppare nuove tecniche di gestione degli attivi coerenti con i profili del passivo delle società operanti nel mercato assicurativo vita. L interesse di tale studio si iscrive in un contesto di mercato di tassi relativamente bassi rispetto al minimo garantito dalle polizze di Ramo I. Questa situazione, associata ad esigenze di competitività nell offerta di un rendimento in linea con le esigenze commerciali, spinge ad assumere posizioni a lungo termine che consentano dei rendimenti relativamente più elevati. Tale approccio, totalmente coerente in un contesto di gestione tradizionale e di duration matching, ha un rovescio della medaglia difficilmente trascurabile. Infatti la prossima introduzione dei principi IAS avrà come primo effetto quello di ridurre fortemente le quote di titoli immobilizzati al fine di evitare le penalizzazioni collegate ad un loro smobilizzo prima della scadenza. In realtà, tralasciando l'approccio puramente attuariale, le polizze analizzate sotto un profilo finanziario evidenziano, tramite le garanzie fornite, l'esistenza di opzioni implicite di esoticità non trascurabile. La conseguenza più immediata dell introduzione dei nuovi principi contabili, sarà che le Compagnie non potranno più disporre dell arma dell immobilizzazione per smussare la volatilità dei mercati. Esse dovranno invece seguire il criterio del fair value per la maggior parte delle proprie posizioni, facendo emergere in bilancio gli effetti del reale profilo di rischio dei propri attivi. La maggiore volatilità indotta dall effetto congiunto dell allungamento della duration e delle modalità di accounting degli attivi implicano importanti rischi da investimento del Patrimonio con il rischio di una maggiore patrimonializzazione per coprire i rendimenti di mercato qualora questi non fossero in grado di consentire la gestione del minimo garantito venduto. Ovviamente il problema si trasferirà, pro quota consolidamento, nel bilancio delle controllanti in termini di perdita economica e in termini di volatilità dell eventuale quotazione. Il presente progetto ha lo scopo di definire delle linee guida operative che consentano di adeguare al presente ambito di operatività della gestione alcune tecniche di portfolio insurance estremamente in voga per la strutturazione di strumenti finanziari a capitale 14

15 garantito. Metodi che, tramite un controllo dinamico della volatilità di portafoglio, consentono di valutare l opportunità di avvalersi in modo protetto di strumenti di tipo absolute return nei limiti consentiti dalle normative vigenti. Affinché ciò sia possibile, è necessario rivedere il modello complessivo di gestione del business definendo sia i ruoli che le responsabilità tra azionista e Compagnia definendo da un lato, il livello di rischio massimo sopportabile e massimizzando conseguentemente la redditività del business coerentemente con i vincoli imposti. Chiaramente tale approccio, basato sul budget di rischio massimo impone di andare oltre l uso dei classici modelli di Asset Liability Management basati sul Cashflow matching e sul duration gap adottando strumenti adeguati di misurazione del profilo di rischio integrato attivo passivo. Va infine notato che la futura introduzione del fair value per il passivo contribuirà ad abbattere un rischioso disallineamento metodologico di valutazione consentendo una gestione finanziaria efficace, coesa e coerente tra attivo e passivo. E importante infatti non dimenticare che le polizze, data la loro implicita strutturazione in derivati, sono anch esse grandezze finanziarie e come tali dovrebbero essere considerate per una coerente ed affidabile valutazione del profilo di rischio e conseguente gestione. Chiaramente tale approccio richiede metodologie di calcolo adeguate ed un approccio metodologico allineato alle più avanzate tecniche di ingegneria finanziaria. Sulla base di queste considerazioni, il piano di sviluppo della ricerca da svolgere prevede l indagine di quanto segue: 1. L impatto dei nuovi IAS sul bilancio delle compagnie assicurative; 2. Eventi finanziari ed eventi non finanziari al fine di integrare l approccio attuariale e finanziario; 3. Mercato non completo: quadratic hedging; obiettivi di gestione: l immunizzazione del return on equities (ROE); 4. Passport/Vacation options. Come punto di inizio della ricerca si intende sviluppare impatto normativo dei nuovi IAS nel settore assicurativo. L approccio viene schematizzato qui di seguito. Cosa cambia con l introduzione dei nuovi IAS nel settore assicurativo: contratti assicurativi diversi dai contratti di investimento; eliminazione delle riserve non a copertura di rischi specifici; introduzione di un liability/adeguacy test sulle passività basto su cash flow futuri; richiesta di separare alcuni derivati embedded. Cosa cambierà in futuro: ulteriore sviluppo delle stime sull impatto dei rischi di mercato; tendenza a ridurre l eccessiva prudenza nel calcolo delle riserve; riduzione dell opacità di alcune poste di bilancio ed aumento della trasparenza di bilancio. Pubblicazioni: [1] M. Bagella, G. Susinno, R. Ciciretti, Mathematical Characterization of Behavioral 15

16 Dynamics: From Stylized Agents to Aggregate Price Process in Transparency, Governance and Markets, a cura di Michele Bagella, Leonardo Becchetti e Iftekhar Hasan, in corso di pubblicazione ELSEVIER, (2005) Manoscritti: [2] M. Bagella, G. Susinno, R. Ciciretti, Market Dynamics as a Consequence of Local Complementarity and Global Substitutability in Agent's Strategies, Working Paper; Seminari e Presentazioni a Congressi: [c1] M. Bagella, G. Susinno, R. Ciciretti, Market Dynamics as a Consequence of Local Complementarity and Global Substitutability in Agent's Strategies alla XIII International Tor Vergata Conference on Banking and Finance, Roma, Italia; [c2] M. Bagella, G. Susinno, R. Ciciretti, Market Dynamics as a Consequence of Local Complementarity and Global Substitutability in Agent's Strategies all Ente Luigi Einaudi, Roma, Italia; [c3] M. Bagella, G. Susinno, R. Ciciretti, Market Dynamics as a Consequence of Local Complementarity and Global Substitutability in Agent's Strategies all Univeristà LUISS Guido Carli, Roma, Italia; Questo documento, le pubblicazioni ed i manoscritti in esso citati sono disponibili in rete al seguente indirizzo: 16

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli