DOCUMENTO INFORMATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO INFORMATIVO"

Transcript

1 DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 71 del regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, concernente la disciplina degli emittenti e adottato dalla CONSOB con delibera n del 14 maggio 1999 (come successivamente modificato ed integrato) RELATIVO ALLA CESSIONE DA PARTE DI DELMI S.P.A. (SOCIETÀ CONTROLLATA DA A2A S.P.A.) DELLA PARTECIPAZIONE PARI AL 50% DEL CAPITALE SOCIALE DI TRANSALPINA DI ENERGIA S.R.L. E ALL ACQUISIZIONE DA PARTE DI DELMI S.P.A DELLA PARTECIPAZIONE PARI AL 70% DEL CAPITALE SOCIALE DI EDIPOWER S.P.A. Il presente Documento Informativo è stato messo a disposizione del pubblico presso la sede sociale di A2A S.p.A., sul sito internet di A2A S.p.A. (www.a2a.eu), nonché presso Borsa Italiana S.p.A. in data 8 giugno 2012.

2 Sintesi dei dati economici e patrimoniali consolidati storici e pro-forma del Gruppo A2A e indicatori per azione per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 (milioni di Euro) Conto Conto economico economico consolidato consolidato del Gruppo pro-forma A2A per del Gruppo l esercizio A2A per 2011 l esercizio 2011 Ricavi Margine operativo lordo Risultato operativo netto 301 (839) Risultato netto (916) (681) Risultato di pertinenza di terzi Risultato netto dell esercizio di pertinenza del Gruppo (420) (429) 2 (milioni di Euro) Situazione Situazione patrimoniale- patrimonialefinanziaria finanziaria del Gruppo pro-forma A2A al del Gruppo 31 dicembre A2A al dicembre 2011 Totale attivo Totale passività Totale patrimonio netto Patrimonio netto di Gruppo Interessi di minoranza Dati Dati consolidati consolidati per azione pro-forma del Gruppo per azione A2A per del Gruppo l esercizio A2A per 2011 e al l esercizio 31 dicembre 2011 e al dicembre 2011 Media delle azioni ordinarie del periodo in circolazione (in unità) Risultato netto di pertinenza del Gruppo per azione (in Euro) -0,1352-0,1381 Patrimonio netto di pertinenza del Gruppo per azione (in Euro) 0,8909 0,8722 Cash Flow per azione (in Euro) (1) 0,3033 0,4556 (1) Il cash flow è convenzionalmente definito, ai fini del presente Documento Informativo, come il margine operativo lordo

3 Indice 05 Premessa Avvertenze Avvertenze relative alla Cessione Avvertenze relative all Acquisizione Avvertenze connesse alle assunzioni poste alla base dei dati pro-forma Informazioni relative all Operazione Descrizione sintetica delle modalità e dei termini dell Operazione Descrizione delle società e delle attività oggetto dell Operazione Modalità, condizioni e termini dell Operazione Fonti di finanziamento dell Operazione Motivazioni e finalità dell Operazione Motivazioni dell Operazione e obiettivi gestionali di A2A Programmi elaborati da A2A relativamente alla società acquisita Rapporti con le società oggetto dell Operazione e/o con i soggetti ai quali le attività sono state cedute e dai quali le attività sono state acquisite Rapporti significativi tra A2A, direttamente o indirettamente tramite società controllate, con le società oggetto dell Operazione e in essere alla data dell Operazione Rapporti o accordi significativi tra A2A, le società da essa controllate, i suoi dirigenti e amministratori e i soggetti ai quali le attività sono state cedute e dai quali le attività sono state acquisite Documenti a disposizione del pubblico Effetti significativi dell Operazione Effetti significativi dell Operazione sull attività di A2A Effetti dell Operazione sui rapporti commerciali e finanziari tra le società del Gruppo A2A

4 31 4. Dati economici, patrimoniali e finanziari relativi alle attività acquisite Dati economici, patrimoniali e finanziari relativi a Edipower Note di commento Dati economici, patrimoniali e finanziari consolidati pro-forma di A2A Situazione patrimoniale e finanziaria consolidata pro-forma al 31 dicembre Premessa 2011 e conto economico consolidato pro-forma per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 del Gruppo A2A Ipotesi di base, principi contabili e assunzioni sottostanti la redazione dei Prospetti Consolidati Pro-forma Breve descrizione dell Operazione Prospetti Consolidati Pro-forma Note esplicative ai Prospetti Consolidati Pro-forma Altri aspetti Dati storici e pro-forma per azione Relazione della società di revisione sull esame della situazione patrimoniale e finanziaria consolidata pro-forma al 31 dicembre 2011 e del conto economico consolidato pro-forma per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 del Gruppo A2A Prospettive di A2A e del Gruppo A2A Indicazioni generali sull andamento degli affari di A2A dalla chiusura dell esercizio cui si riferisce l ultimo bilancio pubblicato Informazione in relazione alla ragionevole previsione dei risultati dell esercizio in corso 55 Allegati

5 Premessa Il presente documento informativo (il Documento Informativo ) è stato predisposto da A2A S.p.A. ( A2A o la Società ) ai sensi dell art. 71 e in conformità all allegato 3B del regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 (il TUF ), concernente la disciplina degli emittenti ed adottato dalla CONSOB con delibera n del 14 maggio 1999 (come successivamente modificato ed integrato) (il Regolamento Emittenti ). Il presente Documento Informativo è stato redatto al fine di fornire agli azionisti e al mercato un quadro informativo in relazione alla contestuale esecuzione: (i) della cessione della partecipazione pari al 50% del capitale sociale di Transalpina di Energia S.r.l. ( TdE ), una holding di partecipazioni che deteneva circa il 61,3% del capitale sociale di Edison S.p.A. ( Edison ) (la Cessione ); e (ii) dell acquisizione del 70% del capitale sociale di Edipower S.p.A. ( Edipower ) (l Acquisizione e insieme con la Cessione, l Operazione ). 5 L Operazione è stata realizzata tramite Delmi S.p.A. ( Delmi ), società controllata da A2A, che ha venduto la propria partecipazione pari al 50% di TdE a WGRM Holding 4 S.p.A. ( WGRM ), società interamente posseduta da Electricité de France S.A. ( EdF ), e ha comprato il 70% del capitale sociale di Edipower detenuto da Edison (quanto al 50%) e da Alpiq S.A. ( Alpiq ) (quanto al 20%). Il restante capitale sociale di Edipower è detenuto da A2A (20%) e Iren Energia S.p.A. ( Iren Energia ) (10%). L Operazione si è perfezionata in data 24 maggio 2012 (la Data di Esecuzione ). L Operazione dà attuazione all insieme di principi per il riassetto societario di Edison e di Edipower raggiunto da A2A, EdF, Delmi, Edison e Alpiq, come illustrato nella successiva Sezione 2.2 del presente Documento Informativo. L Operazione ha determinato una piena separazione tra A2A ed Edipower, da un lato, e EdF ed Edison, dall altro, al fine di consentire ad A2A ed EdF di sfruttare al meglio le potenzialità industriali delle rispettive partecipazioni, ossia Edipower ed Edison.

6 Il presente Documento Informativo, pubblicato in data 8 giugno 2012 è a disposizione del pubblico presso la sede sociale della Società in Brescia, Via Lamarmora 230, sul sito internet della Società all indirizzo nonché presso Borsa Italiana S.p.A.. Il presente Documento Informativo contiene alcune dichiarazioni di carattere previsionale circa l andamento futuro di A2A e di Edipower e dei settori in cui esse operano. Data la natura incerta di tali dichiarazioni non è possibile garantire che esse trovino concreta realizzazione. Pertanto, i risultati di A2A e di Edipower e l andamento dei suddetti settori potrebbero risultare differenti da quelli ipotizzati in tali dichiarazioni. 6

7 1 1. Avvertenze 1.1 Avvertenze relative alla Cessione La Cessione, consistente nel trasferimento della partecipazione in Edison (detenuta da A2A per il tramite di Delmi e TdE), avendo tale partecipazione le caratteristiche tipiche dell investimento finanziario, non ha apportato un aumento del profilo di rischio di A2A, né sembra comportare incertezze tali da condizionare in misura significativa le attività della Società. Al contrario, il corrispettivo per la Cessione ha consentito di dare esecuzione all Acquisizione secondo quanto indicato nella successiva Sezione del presente Documento Informativo. 7 Non si ravvisano, pertanto, particolari rischi derivanti dalla Cessione, se non in relazione al meccanismo di aggiustamento del prezzo della Cessione come descritto nella successiva Sezione del presente Documento Informativo. 1.2 Avvertenze relative all Acquisizione Rischi connessi al quadro normativo e regolatorio Edipower opera in un settore fortemente regolamentato e, pertanto, condizionato in misura rilevante dalla normativa comunitaria, domestica e di settore. Tra i fattori di rischio relativi all attività di gestione di Edipower rientra l evoluzione costante del contesto normativo e regolatorio di riferimento. L evoluzione recente e futura della normativa comunitaria, domestica e di settore non sempre prevedibile potrebbe condizionare in maniera negativa l attività di Edipower. Rischi connessi alla materia ambientale Le attività di Edipower sono soggette all applicazione di numerose leggi e regolamenti in materia di ambiente, salute e sicurezza. Poiché tale normativa potrebbe diventare, nei prossimi anni, ancora più restrittiva e comportare rilevanti investimenti e maggiori costi, ne potrebbe derivare un effetto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria di Edipower.

8 Rischi relativi alla generazione di energia La gestione di impianti di generazione di energia è soggetta a diversi rischi, fra i quali le incertezze relative all avviamento degli impianti, l arresto, la rottura o il malfunzionamento di macchinari, linee di trasmissione o condotte per il trasporto di carburanti, l uso di nuove tecnologie, la dipendenza da specifiche fonti di energia o l impatto di abnormi condizioni atmosferiche (inclusi disastri naturali). In particolare, la generazione di energia idroelettrica varia in funzione delle condizioni climatiche dei siti in cui sono localizzati gli impianti, e, in particolare, della piovosità. Dagli eventi che precedono potrebbero conseguire mancati ricavi o maggiori costi per Edipower. Il modello di business adottato da Edipower ai sensi del Contratto di Tolling (come descritto nella Sezione del presente Documento Informativo), trasferirà, tuttavia, parte dei rischi legati alla generazione di energia in capo ai tollers, A2A Trading S.r.l. ( A2A Trading ) e Iren Mercato S.p.A. ( Iren Mercato ). In particolare, i rischi legati all esercizio e alla manutenzione ( operation and maintenance ) degli impianti resteranno in capo al tollee (Edipower) mentre il rischio di mercato sarà trasferito in capo ai tollers (A2A Trading e Iren Mercato). 8 Rischi connessi al mercato dell energia L attività del gruppo facente capo ad A2A (il Gruppo A2A o il Gruppo ) è esposta ai rischi connessi al mercato dell energia influenzato dal perdurare della crisi economica e dalla conseguente instabilità dei margini del comparto elettrico anche a causa dell eccesso di capacità installata che caratterizza tale mercato. In particolare, l attività del Gruppo è esposta al rischio dei prezzi, ivi compreso il rischio relativo ai tassi di cambio e alla volatilità del prezzo delle commodities energetiche trattate, ossia energia elettrica, gas naturale, calore, carbone, olio combustibile e certificati ambientali. I margini economici sottostanti alle attività di produzione e compravendita risentono delle relative fluttuazioni dei prezzi. Tali fluttuazioni agiscono tanto direttamente quanto indirettamente attraverso formule e indicizzazioni presenti nelle strutture di prezzo dell energia elettrica. Il rischio di mercato legato alla volatilità dei margini, al perdurare della crisi economica, alla volatilità del prezzo delle commodities energetiche e del cambio a esse associato potrebbe avere un effetto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo. Al fine di mitigare tale rischio, il Gruppo intraprende una serie di iniziative che prevedono attività di monitoraggio, gestione e copertura di tale volatilità a livello centralizzato. A seguito dell incremento della propria quota di partecipazione in Edipower, il Gruppo sarà maggiormente esposto ai rischi connessi al mercato dell energia. Ai sensi del Contratto di Tolling (come descritto e definito nella Sezione del presente Documento Informativo) il 77% dell energia elettrica prodotta da Edipower sarà commercializzata da A2A (tramite la sua controllata A2A Trading), in incremento rispetto al 20% antecedente all Operazione.

9 Rischi relativi agli accordi in essere tra A2A e gli altri soci di Delmi e Iren Energia Nell ambito dell Operazione, A2A, gli altri soci di Delmi e Iren Energia hanno sottoscritto accordi che prevedono per i soci di minoranza il diritto di cedere la propria partecipazione in Delmi o Edipower ad A2A, con modalità e tempi diversi per ciascuna controparte (per maggiori informazioni si vedano l Accordo Quadro, il Contratto di Permuta, il Contratto di Opzione e la Scrittura Privata, definiti e descritti nella Sezione sub C del presente Documento Informativo). Nell ipotesi in cui uno o più soci di Delmi o Edipower dovessero esercitare tali diritti, A2A, in taluni di questi casi, potrebbe avere la necessità di reperire i finanziamenti necessari per soddisfare le obbligazioni correlate all esercizio di tali diritti, a fronte di un incremento della propria quota di partecipazione in Delmi o Edipower. In aggiunta, si segnala che ai sensi della Scrittura Privata (come definita nella Sezione sub C del presente Documento Informativo) Iren S.p.A. ( Iren ) potrebbe richiedere di dar corso alla scissione parziale di Edipower o cedere ad A2A le proprie partecipazioni e quelle di Iren Energia in Delmi o Edipower. L uscita di Iren e Iren Energia da Edipower, a seguito della scissione o della cessione, comporterebbe (oltre all incremento della quota di partecipazione in Edipower in caso di cessione da parte di Iren e Iren Energia) da un lato una riduzione delle dimensioni complessive del parco di generazione di Edipower e, dall altro, l onere in capo ad A2A di farsi carico della quota di tolling di Iren Mercato in relazione al ridotto parco di generazione di Edipower nei casi previsti dalla Scrittura Privata (per maggiori informazioni si veda la descrizione del Contratto di Tolling nella Sezione del presente Documento Informativo e della Scrittura Privata nella Sezione sub C del presente Documento Informativo). 9 L incremento della partecipazione in Delmi o Edipower - oltre ai rischi connessi all incremento dell indebitamento di cui all avvertenza Rischi connessi all indebitamento - e l incremento della quota di tolling potrebbero comportare un mutamento del profilo di rischio del Gruppo in relazione alla modifica del perimetro del parco di generazione di Edipower e all energia da questo generata (per maggiori informazioni si vedano le avvertenze Rischi relativi alla generazione di energia e Rischi connessi al mercato dell energia di cui sopra). Rischi connessi all indebitamento Come illustrato nella Sezione del presente Documento Informativo, per reperire le risorse necessarie all Acquisizione, Delmi ed Edipower hanno perfezionato un contratto di finanziamento a medio termine con alcune tra le più importanti banche italiane e internazionali per complessivi Euro L indebitamento finanziario netto consolidato risultante dalla situazione patrimoniale consolidata del Gruppo A2A al 31 dicembre 2011 era pari a Euro L Acquisizione ha

10 comportato un incremento dell indebitamento finanziario netto consolidato pari a circa Euro Come indicato nella precedente avvertenza Rischi relativi agli accordi in essere tra A2A e gli altri soci di Delmi e Iren Energia, tale indebitamento potrebbe aumentare qualora il Gruppo avesse la necessità di reperire i finanziamenti necessari per soddisfare le obbligazioni correlate all esercizio dei diritti di uscita in capo a uno o più soci di Delmi o Edipower. In data 31 maggio 2012, l agenzia di rating Moody s ha comunicato la revisione del rating di A2A da Baa1 a Baa2, mantenendo lo stesso under review a seguito dell incremento dell esposizione della Società nelle attività di generazione elettrica in un contesto di mercato influenzato dal perdurare della crisi economica e dalla conseguente instabilità dei margini del comparto elettrico. L incremento dell indebitamento finanziario netto consolidato del Gruppo nonché la revisione al ribasso del rating di A2A a seguito dell Acquisizione non hanno avuto alcun impatto sulle condizioni economiche o sulla durata dei finanziamenti in essere in capo ad A2A. 10 A seguito dell incremento dell indebitamento finanziario netto consolidato del Gruppo, la capacità del Gruppo di ottenere ulteriori finanziamenti in futuro potrebbe essere limitata. Inoltre, anche a seconda dell andamento delle condizioni di mercato, il rifinanziamento dei prestiti in essere che verranno a scadenza potrebbe avvenire a termini e condizioni economiche meno favorevoli di quelle ottenute fino alla data del presente Documento Informativo. 1.3 Avvertenze connesse alle assunzioni poste alla base dei dati proforma I dati pro-forma contenuti nel presente Documento Informativo sono stati predisposti al fine di rappresentare, in conformità ai principi applicabili in materia, gli effetti dell Operazione sull andamento economico e sulla situazione patrimoniale di A2A, come se la stessa fosse stata posta in essere, quanto agli effetti economici, il 1 gennaio 2011 e, quanto agli effetti patrimoniali, il 31 dicembre Essi non riflettono dati prospettici, non sono rappresentativi dei risultati e dei flussi di cassa effettivamente conseguiti da A2A e non sono rappresentativi della situazione contabile, finanziaria, patrimoniale ed economica, nonché dei risultati futuri del Gruppo. Sebbene i dati pro-forma siano stati predisposti nel rispetto delle regole comunemente accettate e utilizzando assunzioni ritenute ragionevoli, vi sono dei limiti connessi alla natura stessa dei dati pro-forma e sussiste il rischio che, qualora l Operazione fosse stata realmente realizzata alle date prese a riferimento per la predisposizione dei dati pro-forma, anziché alla Data di Esecuzione, non necessariamente i dati storici sarebbero stati uguali a quelli pro-forma. Per ulteriori informazioni si invia al Capitolo 5 del presente Documento Informativo.

11 2. Informazioni relative all Operazione 2.1 Descrizione sintetica delle modalità e dei termini dell Operazione Descrizione delle società e delle attività oggetto dell Operazione L Operazione è stata realizzata mediante la contestuale esecuzione da parte di Delmi (società controllata da A2A) della Cessione e dell Acquisizione. Al fine di rendere più chiara la descrizione delle società e delle attività oggetto dell Operazione, si farà riferimento prima alla Cessione, nel presente paragrafo sub A, poi all Acquisizione, nel presente paragrafo sub B e, infine, ai soggetti tramite i quali A2A ha realizzato l Operazione, nel presente paragrafo sub C. 11 A. Descrizione della società e delle attività oggetto della Cessione La Cessione ha comportato la dismissione della partecipazione in Edison, indirettamente detenuta da A2A tramite Delmi e TdE. Costituzione, forma e sede sociale di Edison Edison è una società per azioni di diritto italiano costituita in data 25 maggio 1994, ed ha sede legale in Milano, Foro Buonaparte, 31. Edison è iscritta al registro delle imprese di Milano al n Capitale sociale e durata di Edison Alla Data di Esecuzione, il capitale sociale di Edison, sottoscritto e versato, ammonta a Euro ed è suddiviso in n azioni ordinarie del valore nominale di Euro 1,00 cadauna e n azioni di risparmio del valore nominale di Euro 1,00 cadauna. La società ha durata sino al 31 dicembre Le azioni di Edison sono quotate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A..

12 Oggetto sociale di Edison Ai sensi dello statuto sociale in vigore alla Data di Esecuzione, Edison ha per oggetto lo svolgimento di attività: a) nel settore dell energia elettrica, comprensivo dell attività di ricerca, produzione, importazione ed esportazione, distribuzione, vendita e trasmissione; b) nel settore degli idrocarburi liquidi e gassosi, comprensivo delle attività di ricerca ed esplorazione, estrazione, produzione, importazione ed esportazione, stoccaggio, trasformazione nonché distribuzione e vendita; c) nel settore idrico, comprensivo delle attività di captazione, adduzione, distribuzione, fognatura e depurazione nonché protezione, monitoraggio e potenziamenti dei corpi idrici; d) nel settore delle telecomunicazioni, con la realizzazione di impianti e reti di telecomunicazioni fissi e/o mobili e la fornitura dei relativi servizi; e) nel settore dei servizi a rete e dei servizi di pubblica utilità; [...]. Descrizione delle attività di Edison Il gruppo Edison opera nel mercato dell energia sia nel comparto elettrico sia in quello degli idrocarburi. 12 Nel comparto elettrico, Edison dispone di impianti termoelettrici, principalmente CCGT (Combined Cycle Gas Turbine) ed è inoltre attiva nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, principalmente l idroelettrica e l eolica. Edison ha disponibilità di gas per oltre 15,2 miliardi di metri cubi (dato 2011) e dispone di 49,8 miliardi di metri cubi di riserve proprie di idrocarburi localizzate prevalentemente in Italia e in Egitto. Nel 2011, oltre alle produzioni italiane di gas (0,5 miliardi di metri cubi) Edison ha prodotto e commercializzato 1,7 miliardi di metri cubi di gas all estero e un totale di 3,5 milioni di barili di olio (di cui 2,1 milioni sul territorio nazionale). Edison è inoltre attiva nel settore degli stoccaggi del gas. B. Descrizione della società e delle attività oggetto dell Acquisizione Costituzione, forma e sede sociale di Edipower Edipower è una società per azioni di diritto italiano costituita in data 7 maggio 2001 e ha sede legale in Milano. Edipower è iscritta al registro delle imprese di Milano al n Capitale sociale e durata di Edipower Alla data del presente Documento Informativo, il capitale sociale di Edipower, sottoscritto e versato, ammonta a Euro ed è suddiviso in n azioni ordinarie del valore nominale di Euro 1,00 cadauna. La società ha durata sino al 31 dicembre 2100.

13 Oggetto sociale di Edipower Ai sensi dello statuto sociale di Edipower in vigore alla data del presente Documento Informativo, La società ha per oggetto l esercizio dell attività di produzione di energia elettrica da qualsiasi fonte generata, in Italia, e - a tal fine - può svolgere qualsiasi altra attività ad essa connessa, strumentale, affine o complementare per il conseguimento dell oggetto sociale [...]. Assetti proprietari di Edipower Prima dell Operazione, Edison deteneva il 50% del capitale sociale di Edipower. Il rimanente capitale sociale era detenuto da (i) A2A che ne deteneva il 20%, (ii) Alpiq che ne deteneva il 20% e (iii) Iren Energia che ne deteneva il 10%. A seguito dell Operazione il capitale sociale di Edipower è così suddiviso: (i) Delmi detiene una partecipazione pari al 70% del capitale sociale; (ii) A2A detiene una partecipazione pari al 20% del capitale sociale; e (iii) Iren Energia detiene una partecipazione pari al 10% del capitale sociale. Si riporta qui di seguito uno schema esemplificativo della catena di controllo su Edipower, prima dell Operazione. 13

14 Descrizione delle attività di Edipower Edipower è una tra le maggiori generation company di energia elettrica in Italia con oltre MW di capacità installata. Edipower dispone di una struttura produttiva costituita da centrali di produzione termoelettriche e idroelettriche raggruppate in nove unità situate sull intero territorio nazionale (sei centrali termoelettriche e tre nuclei di produzione idroelettrici). I gruppi di produzione termoelettrici sono costituiti sia da unità tradizionali, alimentate con un mix di combustibili variabile in funzione del rispetto dei limiti autorizzativi alle emissioni di legge, sia da cicli combinati a gas (CCGT: Combined Cycle Gas Turbine) ad alta efficienza presso le centrali di Chivasso, Turbigo, Sermide e Piacenza. I nuclei idroelettrici sono localizzati a Mese (SO), Udine e Tusciano (SA), e sono composti sia da centrali fluenti sia da centrali di produzione a bacino caratterizzate da elevata flessibilità. C. Descrizione dei soggetti attraverso i quali A2A ha realizzato l Operazione 14 Transalpina di Energia S.r.l. TdE è una holding di partecipazioni che, alla Data di Esecuzione, deteneva circa il 61,3% del capitale sociale di Edison e il cui capitale sociale, prima dell Operazione, era detenuto da Delmi (società controllata da A2A) e WGRM (società interamente posseduta da EdF), ciascuna per una quota pari al 50%. A seguito dell Operazione, il capitale sociale di TdE è interamente detenuto da EdF tramite WGRM. TdE è una società a responsabilità limitata di diritto italiano costituita il 30 dicembre 2002 e avente sede legale in Milano, Foro Buonaparte, 31. TdE è iscritta al Registro delle Imprese di Milano al n Alla Data di Esecuzione, il capitale sociale di TdE è pari a Euro , interamente sottoscritto e versato. La società ha durata sino al 31 dicembre Ai sensi dello statuto sociale di TdE in vigore alla Data di Esecuzione, La società, anche attraverso società partecipate o controllate, opera direttamente e indirettamente: (a) nel settore dell energia elettrica, comprensivo dell attività di ricerca, produzione, importazione ed esportazione, distribuzione, vendita e trasmissione; (b) nel settore degli idrocarburi liquidi e gassosi, comprensivo delle attività di ricerca ed esplorazione, estrazione, produzione, importazione ed esportazione, stoccaggio, trasformazione nonché distribuzione e vendita; (c) nel settore idrico, comprensivo delle attività di captazione, adduzione, distribuzione, fognatura e depurazione, nonché protezione, monitoraggio e potenziamento dei corpi idrici; (d) nel settore delle telecomunicazioni, con la realizzazione di impianti e reti di telecomunicazione fissi e/o mobili e

15 la fornitura dei relativi servizi; (e) nel settore dei servizi a rete e dei servizi di pubblica utilità; (f) nell ambito delle attività di manutenzione e assistenza con riferimento ai settori di cui alle lettere a), b), c), d) ed e). La società può acquistare, detenere, gestire e cedere partecipazioni di qualsivoglia natura in società o enti in Italia e all estero [...]. Delmi S.p.A. Delmi è una società per azioni di diritto italiano costituita il 27 agosto 2002, con sede legale in Milano, corso di Porta Vittoria n. 4, capitale sociale di Euro interamente versato e sottoscritto alla data del presente Documento Informativo. Delmi è iscritta al Registro delle Imprese di Milano al n La società ha durata sino al 31 dicembre Ai sensi dello statuto sociale di Delmi in vigore alla data del presente Documento Informativo, La società, anche attraverso società partecipate o controllate, opera direttamente e indirettamente: (a) nel settore dell energia elettrica, comprensivo dell attività di ricerca, produzione, importazione ed esportazione, distribuzione, vendita e trasmissione; (b) nel settore degli idrocarburi liquidi e gassosi, comprensivo delle attività di ricerca ed esplorazione, estrazione, produzione, importazione ed esportazione, stoccaggio, trasformazione nonché distribuzione e vendita; (c) nel settore idrico, comprensivo delle attività di captazione, adduzione, distribuzione, fognatura e depurazione, nonché protezione, monitoraggio e potenziamento dei corpi idrici; (d) nel settore delle telecomunicazioni, con la realizzazione di impianti e reti di telecomunicazione fissi e/o mobili e la fornitura dei relativi servizi; (e) nel settore dei sevizi a rete e dei servizi di pubblica utilità; (f) nell ambito delle attività di manutenzione e assistenza con riferimento ai settori di cui alle lettere a), b), c), d) ed e) [...]. 15 Alla data del presente Documento Informativo, il capitale sociale di Delmi è così suddiviso: (i) A2A detiene una partecipazione pari al 51% del capitale sociale; (ii) Iren detiene una partecipazione pari al 15% del capitale sociale; (iii) Dolomiti Energia S.p.A. ( Dolomiti ) detiene una partecipazione pari al 10% del capitale sociale; (iv) Società Elettrica Altoatesina S.p.A. ( SEL ) detiene una partecipazione pari al 10% del capitale sociale; (v) Mediobanca Banca di Credito Finanziario S.p.A. ( Mediobanca ) detiene una partecipazione pari al 6% del capitale sociale; (vi) Fondazione Cassa di Risparmio di Torino ( Fondazione CRT ) detiene una partecipazione pari al 5% del capitale sociale; e (vii) Banca Popolare di Milano S.c.a r.l. ( BPM ) detiene una partecipazione pari al 3% del capitale sociale. Accordi tra A2A e i soci di Delmi Alla Data di Esecuzione, A2A, gli altri soci di Delmi e Iren Energia (attuale socio di Edipower) hanno sottoscritto un accordo quadro relativo alla governance di Edipower e al suo modello di

16 funzionamento (l Accordo Quadro ). L Accordo Quadro ha una durata pari a 5 anni e prevede una clausola di rinnovo automatico salvo disdetta. L Accordo Quadro risolve e sostituisce i precedenti accordi sottoscritti da A2A e gli altri soci Delmi in data 7 e 18 luglio 2005 che disciplinavano l ingresso di Dolomiti, Mediobanca, BPM, Fondazione CRT e Iren nella compagine sociale di Delmi, l incremento della partecipazione di SEL in Delmi, gli impegni di capitalizzazione e finanziamento dei soci a favore di Delmi, nonché i reciproci rapporti e interessi in relazione alla struttura organizzativa e al funzionamento di Delmi e, per certi aspetti, di TdE ed Edison. 16 Ai sensi dell Accordo Quadro, il consiglio di amministrazione di Delmi ed Edipower è composto da 11 membri, di cui 6 nominati da A2A, 2 congiuntamente da Iren e Iren Energia, 1 da Dolomiti, 1 da SEL e 1 congiuntamente da Mediobanca, BPM e Fondazione CRT. Il primo amministratore delegato di Edipower è nominato su designazione di A2A. Il primo presidente del consiglio di amministrazione di Edipower è nominato su designazione di Iren e Iren Energia congiuntamente. Successivamente alla prima nomina, l amministratore delegato e il presidente saranno nominati dai soci di Edipower che detengano, rispettivamente, la prima e la seconda maggiore partecipazione nel capitale sociale di Edipower. Per l approvazione, sia a livello assembleare sia a livello consiliare, delle deliberazioni di Delmi e di Edipower relative ad alcune materie sono previste dall Accordo Quadro maggioranze rafforzate. Si riporta di seguito una breve sintesi delle più significative previsioni dell Accordo Quadro al riguardo. Per quanto concerne le delibere di competenza dell assemblea straordinaria, fatte salve alcune eccezioni previste dall Accordo Quadro, è richiesto (i) il voto favorevole di oltre il 90% del capitale in relazione a (a) fusioni e scissioni, (b) variazioni dello statuto di Edipower a seguito della Fusione (come successivamente definita) che pregiudichino i diritti dei soci di minoranza, e (c) scioglimento volontario e liquidazione della società e (ii) il voto favorevole di almeno l 80% del capitale in relazione alle altre materie di competenza dell assemblea straordinaria. Per il calcolo delle suddette maggioranze prima della Fusione (come successivamente definita) il capitale di Delmi e quello di Edipower si considereranno suddivisi nelle percentuali di partecipazione post Fusione di seguito indicate. Per quanto concerne le delibere di competenza del consiglio di amministrazione è richiesto: (i) il voto favorevole di almeno 9 consiglieri, incluso almeno un consigliere nominato su designazione di Iren e Iren Energia congiuntamente, in relazione a deliberazioni relative a (a) costituzione o scioglimento di joint venture e, ferme restando altre previsioni

17 dell Accordo Quadro, (b) investimenti di ammontare netto pari o superiore a Euro e cessioni di singoli asset aziendali di valore superiore a Euro ; (ii) il voto favorevole di almeno 9 consiglieri in relazione a deliberazioni relative alla definizione degli indirizzi strategici e delle linee guida relative agli indirizzi gestionali della società ed alle politiche di investimento; e (iii)il voto favorevole di almeno 7 consiglieri, in caso di voto favorevole di almeno un consigliere nominato su designazione di Iren e Iren Energia congiuntamente, ovvero, almeno 8 consiglieri, in relazione a deliberazioni relative a (a) ferme restando altre previsioni dell Accordo Quadro, investimenti di ammontare netto compreso tra Euro ed Euro , (b) approvazione di svalutazioni di attività immobilizzate e/o di accantonamenti di qualsiasi natura di valore superiore al 10% del capitale investito, fermo restando che, in caso di non approvazione per il mancato raggiungimento della maggioranza prevista la decisione sulla svalutazione o accantonamento sarà rimessa a un esperto indipendente, (c) operazioni della società con le parti e/o loro società controllate o con parti correlate di A2A, diverse da operazioni di finanziamento soci, aventi un valore superiore a Euro , (d) remunerazione di amministratori investiti di particolari cariche, (e) stipulazione di contratti di finanziamento (diversi da finanziamenti soci) e concessione di garanzie per importi superiori a Euro per singolo contratto o garanzia, (f) transazioni per un importo pari o superiore a Euro , e (g) stipulazione di contratti di acquisto e/o approvvigionamento di beni e servizi per importi superiori a Euro per singola operazione ove il fornitore non sia stato individuato tramite processo di selezione competitiva, esclusi i contratti per cui siano previste altre maggioranze rafforzate e i contratti di acquisto e/o approvvigionamento di combustibile. 17 L Accordo Quadro prevede che si darà corso non appena possibile alla fusione per incorporazione ai sensi dell art bis del codice civile tra Delmi ed Edipower (la Fusione ), a valle della quale la società risultante dalla Fusione sarà controllata in via diretta da A2A. Successivamente alla Fusione, l azionariato di Edipower sarà indicativamente così composto: A2A (56,2%), Iren (21%), Dolomiti (6,7%) e SEL (6,7%). Le azioni residue (9,4%) saranno detenute da Mediobanca, BPM e Fondazione CRT (1). (1) Si nota, che le quote indicate potranno subire variazioni comunque, assolutamente marginali sulla base dell effettivo rapporto di concambio.

18 Per chiarezza, si riporta di seguito lo schema che semplifica la futura catena di controllo su Edipower, come risultante a seguito della Fusione. 18 L Accordo Quadro contiene inoltre previsioni relative alla circolazione delle azioni di Edipower (lock-up, prelazione, gradimento, diritto di co-vendita e diritto di acquisto) e al disinvestimento da Edipower stessa. Con riferimento a tale ultimo punto, si prevede che a partire dalla data del terzo anniversario della Fusione, le parti dell Accordo Quadro si consulteranno al fine di verificare in buona fede se sussistano le condizioni per la quotazione di Edipower, anche attraverso operazioni di fusione della stessa con società quotate. In caso di quotazione (con modalità diverse dalla fusione con società quotate), Mediobanca, Fondazione CRT e BPM avranno diritto di collocare sul mercato le proprie partecipazioni in via prioritaria rispetto alle altre parti. In caso di mancata quotazione entro il 48 mese dalla data di efficacia della Fusione, Mediobanca, Fondazione CRT e BPM avranno ciascuno diritto di ottenere la liquidazione della propria intera partecipazione in Edipower a fronte di un corrispettivo pari al fair value della stessa, corrisposto in natura attraverso l assegnazione di un ramo d azienda identificato dal consiglio di amministrazione di Edipower. Qualora tale procedura non dovesse perfezionarsi entro il 50 mese dalla Fusione, Mediobanca, Fondazione CRT e BPM avranno ciascuno un opzione di vendita della propria quota a fair value nei confronti degli altri soci di Edipower successivamente alla Fusione in proporzione alla partecipazione da ciascuno detenuta nel capitale di Edipower. Per quanto riguarda il modello di business di Edipower, l Accordo Quadro prevede che quest ultima sia parte del Contratto di Tolling e del Contratto di Somministrazione di Energia Elettrica (come definiti e descritti nella Sezione del presente Documento Informativo). Alla scadenza di tali contratti, che hanno una durata pari a 8 anni, A2A, Iren, Dolomiti e SEL concorderanno il nuovo modello di business di Edipower, fermo restando che A2A, Iren, Dolomiti

19 e SEL avranno comunque diritto in proporzione alla propria quota di partecipazione in Edipower successivamente alla Fusione (calcolata al netto della partecipazione detenuta dagli altri soci), di acquistare l energia prodotta da Edipower o di essere parte di contratti di tolling ai medesimi termini e condizioni (e nelle medesime proporzioni alla quota di partecipazione in Edipower) offerti ad A2A o ad altri soci di Edipower. Contratti tra A2A, Dolomiti, SEL, e Iren Nell ambito dell Operazione, sono stati stipulati altresì i seguenti contratti: (i) in data 15 marzo 2012, A2A e Dolomiti hanno sottoscritto un contratto che prevede un diritto di permuta a favore di Dolomiti (il Contratto di Permuta ); (ii) in data 24 maggio 2012, A2A e SEL hanno sottoscritto un contratto di opzione avente ad oggetto le azioni detenute da SEL in Delmi o in Edipower successivamente alla Fusione (il Contratto di Opzione ); e (iii) in data 15 maggio 2012, A2A, A2A Trading, Iren, Iren Energia e Iren Mercato hanno sottoscritto e successivamente modificato in data 21 maggio 2012, una scrittura privata avente ad oggetto l eventuale uscita di Iren dalla compagine societaria di Edipower (la Scrittura Privata ). 19 Il Contratto di Permuta prevede che Dolomiti avrà il diritto di scambiare le proprie azioni in Delmi o Edipower (successivamente alla Fusione) con le azioni detenute da A2A nella stessa Dolomiti e alcuni cespiti di A2A, in parte ancora da definire. Qualora il fair value dei suddetti cespiti oggetto di permuta risulti inferiore a Euro , è previsto un conguaglio in denaro per la differenza. Tale diritto di permuta potrà essere esercitato da Dolomiti nel corso dei 180 giorni successivi al 24 mese successivo alla data di sottoscrizione del Contratto di Permuta, salvo accelerazione del suddetto termine di esercizio nel caso in cui A2A eserciti un diritto di acquisto delle azioni Delmi o Edipower (successivamente alla Fusione) in forza di previsione parasociale o statutaria. In base al Contratto di Opzione, SEL avrà il diritto di vendere, e A2A avrà il diritto di acquistare, le azioni detenute da SEL in Delmi o Edipower (successivamente alla Fusione). SEL potrà esercitare la propria opzione di vendita nel corso dei 3 mesi anteriori al 5 anniversario della Data di Esecuzione e A2A potrà esercitare la propria opzione di acquisto nel corso dei 3 mesi successivi al 5 anniversario della Data di Esecuzione. Il prezzo di esercizio di tali opzioni è costituito da una parte fissa e da una parte variabile determinata sulla base del fair value delle azioni oggetto dell opzione alla data del relativo esercizio. In data 24 maggio 2012, A2A e SEL hanno altresì stipulato un accordo di transazione e risoluzione consensuale del contratto di opzione tra di loro sottoscritto in data 7 luglio 2005 e successivamente modificato.

20 20 La Scrittura Privata attribuisce ad A2A e Iren il diritto di richiedere, nel mese di gennaio 2013 e nel mese di gennaio 2014, che si proceda alla scissione di Edipower con attribuzione a Iren e Iren Energia di un compendio scisso comprendente alcuni assets di generazione in parte termoelettrici e in parte idroelettrici di valore sostanzialmente equivalente alla quota di partecipazione detenuta da Iren e Iren Energia in Edipower. Nel caso in cui non si potesse eseguire tale scissione, la Scrittura Privata attribuisce a Iren e Iren Energia un opzione di vendita e ad A2A un opzione di acquisto aventi entrambe ad oggetto la partecipazione detenuta da Iren e Iren Energia in Edipower; in caso di esercizio di tali opzioni, Iren acquisterà da Edipower alcuni assets di generazione in parte termoelettrici e in parte idroelettrici di valore sostanzialmente equivalente alla quota di partecipazione detenuta da Iren e Iren Energia in Edipower, contestualmente al trasferimento ad A2A della partecipazione detenuta da Iren e Iren Energia in Edipower oggetto dell opzione. Ai sensi della Scrittura Privata, al fine di consentire l uscita di Iren e Iren Energia dalla compagine sociale di Edipower, a seguito della scissione o dell esercizio delle citate opzioni, A2A o una società dalla stessa controllata potrebbe doversi fare carico della quota di tolling relativa ad Iren Mercato pari al 23% (per maggiori informazioni si veda il Contratto di Tolling come definito e descritto nella Sezione del presente Documento Informativo). La Scrittura Privata prevede altresì che nel caso in cui non si potesse eseguire il trasferimento della partecipazione di Iren e Iren Energia in Edipower oggetto delle menzionate opzioni, la parte alla quale non sia imputabile il mancato trasferimento potrà, tra l altro, revocare l adesione di Iren Mercato al Contratto di Tolling Modalità, condizioni e termini dell Operazione Accordi relativi alla Cessione e all Acquisizione A seguito di un intesa preliminare raggiunta in data 26 dicembre 2011 tra A2A, EdF, Delmi, Edison e Alpiq per il riassetto societario di Edison ed Edipower, in data 15 febbraio 2012 sono stati sottoscritti i contratti per l esecuzione dell Operazione. Il corrispettivo inizialmente pattuito per la Cessione era stato fissato a Euro , corrispondente a una valorizzazione pari a Euro 0,84 per azione Edison. Tale valorizzazione era il risultato di un negoziato tra le parti e in linea con la media dei prezzi di borsa delle azioni Edison dei precedenti dodici mesi. Il corrispettivo inizialmente pattuito per l Acquisizione era stato fissato in complessivi Euro (Euro per la partecipazione pari al 50% del capitale sociale di Edipower detenuta da Edison e Euro per la partecipazione pari al 20% del capitale sociale di Edipower detenuta da Alpiq). Con riferimento ai criteri adottati per la determinazione del corrispettivo inizialmente pattuito per l Acquisizione nonché la congruità del medesimo, su richiesta del consiglio di ammini-

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli