TRAPPOLE METAFORICHE GIORGIO POCHETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRAPPOLE METAFORICHE GIORGIO POCHETTI"

Transcript

1 TRAPPOLE METAFORICHE Prima che arrivasse in casa piazzai delle piccole trappole. Sapevo che era una donna sensibile, molto pignola e grande osservatrice. Ero certo che imprimendo qua e là dei piccoli tocchi di personalità e di amore lei li avrebbe notati. Avrei fatto leva sui particolari per suscitare il suo interesse e cominciare a conquistarla. Cosí composi con cura un vaso con dei fiori secchi preoccupandomi di creare un impercettibile asimmetria, un piccolo fiorellino giallo si allontanava dagli altri e pendeva da una parte arcuandosi con noncuranza verso il telefono. Feci in modo che il bagno fosse ben pulito e in ordine, ma lasciai aperta sulla mensola una bottiglietta di eau de toilette, Action, con il tappo appoggiato poco più in là. Piccole dimenticanze per solleticare l immaginazione. Avrebbe pensato: Vive solo ma è un uomo curato, non trascura la pulizia della casa e, nonostante la fretta, si è dimenticato di chiudere la boccetta ha trovato il tempo per badare all igiene personale. Questo denota amor proprio, grande personalità e interesse per il prossimo. In cucina misi in vista con discrezione spezie orientali e un libro di ricette indiane, ciò avrebbe messo in risalto un certo gusto esotico e una forte propensione all avventura. Avrebbe potuto commentare: È un uomo che sa far tutto in casa; potrebbe sembrare metodico e un po pedante e invece è sempre pronto a trasgredire. Certamente è un tipo imprevedibile. Misi in evidenza sul tavolo un dizionario italianotedesco con un quaderno di appunti vicino. Doveva 7

2 TRAPPOLE METAFORICHE sembrare ci avessi lavorato su fino a qualche istante prima. Sapevo del suo interesse per la letteratura tedesca e quel libro di poesie di Heine che aggiunsi all ultimo momento l avrebbe sicuramente sorpresa: Come, anche tu ti occupi di letteratura tedesca? Mah, faccio delle traduzioni ogni tanto. Ultimamente mi sono occupato della Fine del Titanic di Enzensberger, lo hai letto? Pochi particolari insomma, ma ben orchestrati. Un eccesso sarebbe stato pericoloso perché Wandy era una donna furba e intelligente e avrebbe subito subodorato qualcosa. Io la conoscevo da poco, eppure sapevo tutte queste cose di lei! Non certo perché qualcuno me ne avesse parlato, ma per un piccolo particolare che non molti conoscono di me: sono docente di fisiognomica e scienze comportamentali dei popoli di cultura occidentale. Difficilmente mi sfugge qualcosa di una persona; dal suo aspetto esteriore, dalla sua gestualità, dal modo di camminare e da poche parole (le parole in verità sono le meno importanti), riesco a definirne i complessi, le aspirazioni e l estrazione sociale. A volte mi basta guardare un naso per capire molte cose di una persona, il naso di mio nonno per esempio, bastava guardarlo un momento e seguirne la pendenza che superava i 60 gradi per capire che doveva essere senza dubbio un uomo volitivo e sfuggente o volenteroso e strafottente, a seconda dei casi. So di possedere un arma molto potente per ottenere il controllo sulle persone e per questo sto attento a non approfittarne troppo, ma con Wandy la lotta era alla pari e troppo forte la tentazione di sedurla. Arrivarono le nove, l ora dell appuntamento. Di lí a poco suonò il campanello. Era lei. Provocante, classica ed elegante nel suo tailleur beige, truccata in modo contenuto, tutto di lei tendeva a sottolineare sono una donna semplice ma raffinata, ho un lavoro saltuario ma altamente professionale, questa sera sono qui volentieri, ma non è mio costume accettare inviti del genere... Eppure si era presentata a cena con una giacca a due bottoni, senza camicetta sotto. Si vedeva la carnagione rosata, le sue clavicole e un accenno di seno, ma senza riuscire a immaginare se indossasse il reggiseno oppure no. Non dovevo farmi intrappolare da questa ossessione e soprattutto non dovevo lasciarmi sorprendere a sbirciare, anche distrattamente, attraverso le pieghe della sua giacca. So bene quanto possa essere magnetico il dondolio di un seno e come nel bel mezzo di un discorso di un certo livello possa far perdere il filo di botto e far dire frasi sconnesse compromettendo irrimediabilmente una serata. Perciò ripetei fra me e me: Capire se porta il reggiseno non è cosa che mi deve interessare questa sera. Lo scoprirò stanotte se la mia strategia avrà avuto successo. Wandy entrò e diede una rapida occhiata, in apparenza distratta, a tutta la casa, poi disse: È molto carina! sottolineando molto la elle. Lo disse con un tono significativo, guardandomi bene negli occhi e utilizzando le pause con consumato mestiere. Il metalinguaggio del suo discorso, che non poteva certo sfuggire a un esperto come me, era questo: La prima impressione è ottima. Sei un uomo che potrebbe interessarmi molto; mi metto in uno stato d animo ricettivo e sono pronta a cogliere il prossimo segnale positivo per considerare senz altro la possibilità di un esperimento sentimentale. Le risposi con un sorriso di soddisfazione che voleva dire aspetta e vedrai. Guarda che so fare molto di più! Fu allora che cominciò a osservare la casa con più attenzione, come se volesse sottopormi a un esame più severo. 8 9

3 TRAPPOLE METAFORICHE Quando i suoi occhi si posarono sul vaso di fiori che avevo acconciato in modo volutamente asimmetrico ebbe un fremito, seppure impercettibile, e io per un momento ebbi il timore di essere stato scoperto. Poi vidi i suoi occhi velarsi leggermente. Conosco bene questi sintomi, sono i primi accenni di desiderio; li ho visti in molte donne, dapprima gli occhi cominciano a velarsi fino a diventare quasi opachi, poi diventano brillanti e liquidi e le labbra assumono una colorazione violacea e si fanno dure e tumide. È quello che gli esperti chiamano in termini tecnici coito simulato : un anticipazione riflessa e involontaria dell atto sessuale, un espressione del desiderio ancora a uno stadio subliminale. Chiaramente solo poche persone sono in grado di notare tutto questo, ma io lo notai subito. La osservai reprimere a fatica questo suo momento di debolezza e riprendere fiato con un piccolo gesto di disinvoltura (o di sfida?)... aveva spezzato tra le dita il rametto di fiori secchi che sporgeva sulla sinistra. Le rimase però il segno del colpo appena accusato: sul suo indice destro, appena sopra l attaccatura dell unghia, la pelle era imperlata da minutissime gocce di sudore, certo una piccola traccia, ma significativa per una donna con il suo self control. L asimmetria esercita un fascino irresistibile, questo è risaputo. Nessun uomo può resistere a un seno nettamente sbilanciato da una parte o a un viso di donna perfetto ma con un orecchio più grande dell altro o con due occhi di differente colore. Ricordo che mio nonno si innamorò perdutamente di una bigliettaia d autobus che aveva l ombelico spostato di qualche centimetro sulla destra; a lui bastò solo questo per innamorarsene, ma lei non lo credette mai e finirono per bisticciare. Poi lei lo lasciò per correre dietro a un autista col naso storto. Ma tornando a Wandy, la prima trappola aveva funzionato. Quando tornò dal bagno aveva ormai ripreso il completo dominio della situazione e anzi se ne uscí con una frase dai contorni provocatori e insinuanti che mi turbò un poco: Sai, usiamo lo stesso profumo! Aveva scoperto il mio gioco o voleva che la nostra conversazione si addentrasse oltre i confini dell intimo e del personale? La gente comune usa lo strumento banale dei segni zodiacali, comincia con un innocuo di che segno sei? per poi finire immancabilmente nell ardore sessuale dei Capricorni con ascendente Leone o nella perfetta affinità tra la Vergine e l Acquario. Ma Wandy era una donna raffinata, quel semplice usiamo lo stesso profumo evocava l intimità della toletta personale e la fragranza della sua pelle profumata, accendeva il desiderio di annusarle il collo per scoprire come uno stesso profumo possa raggiungere gradazioni tanto differenti quando si mischia a un diverso sudore; equivaleva insomma a un Sai, voglio mescolare il profumo della mia pelle con quello della tua e vedere cosa ne vien fuori... Questo pensai nell arco di un secondo, peraltro erano cose che conoscevo bene e che avevo sviluppato a fondo nel sesto capitolo del mio libro Sedizione o seduzione?, ma lo stesso rimasi senza respiro per un attimo, poi ripresi il controllo. La cena fu il mio piccolo capolavoro. Iniziai con un piatto tipico tailandese, ananas ripieno della sua polpa e di pezzetti di pollo in salsa medio-piccante. Cambiai via via longitudine con una meticolosità degna di un disegnatore di mappe geografiche. Di quaranta gradi in quaranta gradi toccai l India, con un piatto di riso alla menta e coriandolo; la Turchia, con un superbo Imam baytldi ( L Imam svenne ), un delizioso manicaretto a base di melanzane ripiene; l Andalusia, con una paella fatta al modo gitano; attraversai l oceano per arrivare a Bahia, con una moqueca di gamberi cotta nel latte di cocco; toccai il Messico, con un tacchino in salsa di mole poblano con 10 11

4 TRAPPOLE METAFORICHE mandorle e sesamo, e terminai in Polinesia, con una macedonia afrodisiaca che avevo imparato a preparare nelle Samoa Occidentali. Alla fine della cena lei mi sorprese con questa frase che denotava tutto il suo spirito di osservazione e le sue profonde conoscenze geografiche: Non avresti mica un bicchierino di sakè? Mancava solo il Giappone infatti per concludere il mio piccolo giro del mondo culinario, 40 gradi a ovest della Polinesia, e lei se ne era accorta. Mi aveva chiaramente dimostrato che tra noi si era venuta a creare un intesa perfetta, non le sfuggiva niente, la nostra conversazione poteva contare su un numero limitato di parole altamente simboliche. Potevamo comunicare quasi solo per gesti. Per un professore di fisiognomica e scienze comportamentali questo è il massimo che si possa desiderare, avevo trovato la donna ideale e in quel momento avrei voluto buttare all aria ogni convenzione sociale e ogni simbolo per passare a quello che è il momento comunicativo più diretto, più essenziale e sintetico tra un uomo e una donna. Sarei voluto passare dal metalinguaggio al linguaggio primordiale... Invece non feci niente di tutto questo, mi imposi di resistere ancora un po e andai in cucina a preparare il caffè. Al mio ritorno la trovai sofferente, quasi senza forze, che si dibatteva tra le lame della mia trappola metaforica, la Fine del Titanic di Enzensberger! Si rivolse a me con queste parole: Ach so... ich wusste nicht, dass du Deutsch sprichst. 1 Oh, ich liebe die deutsche Sprache...es ist die Sprache meiner tiefsten und innigsten Gefühle Ah, non sapevo che tu parlassi tedesco 2 Oh, io adoro il tedesco... è la lingua delle mie emozioni più intime e profonde... Mit gelben Birnen hänget und voll mit wilden Rosen das Land in den See, ihr holden Schwäne, und trunken von Küssen tunkt ihr das Haupt ins heilignüchterne Wasser... 3 Hölderlin! Sí. Sai, mia madre era tedesca, quando ero bambina si rivolgeva a me sempre in questa lingua. Cedetti irrimediabilmente alla potenza evocativa dei simboli, caduto anch io nella mia stessa trappola. Il linguaggio, la poesia, gli affetti, l infanzia, l istinto materno, tutto condensato in quelle sue poche parole... non seppi resistere, le slacciai i due bottoni della giacca (ah, dunque non portava il reggiseno!) e misi senza più esitazioni la mano destra sul suo seno sinistro. Da quel giorno non parlammo quasi più, ci bastava comunicare per gesti e più erano complicate le associazioni simboliche più sottile era il piacere che ne ricavavamo. Litigammo solo una volta perché Wandy aveva mal interpretato un mio inarcamento di sopracciglia, credo che gli avesse attribuito dei significati di rimprovero per come stava gestendo i rapporti con mia madre, per il resto la nostra fu un unione perfetta. 3 Con gialle pere si curva / e folto di rose selvagge / il paese nel lago, / voi nobili cigni, / ed ebbri di baci /immergete voi il capo / nell acqua limpida e sacra... (versi tratti da una poesia di Hölderlin) 12 13

5 GLI UMORI DEL SIGNOR BINDI Quando si svegliò era un po euforico. Poi uscí sotto un cielo di stagnola, in preda a sentimenti leggeri come vol-au-vent. Saltò sulla sua Cinquecento che quel giorno pareva fatta di cartoncino Bristol e si diresse al lavoro. Ma prima di andare in ufficio si fermò davanti al mare che sbuffava e schiumeggiava come spumante. Il suo umore ondeggiò al vento per qualche istante; esitò ancora per un altro attimo, sospeso in aria, poi finalmente si condensò sul parabrezza. In ufficio il signor Bindi non ebbe voglia di lavorare, ma in compenso elargí sorrisi sottili come foglietti, che scivolarono sotto gli usci fin nelle stanze dei colleghi più burberi e volarono via come aeroplanini. Poi telefonò alla donna più bella che conoscesse perché desiderava il profumo della sua pelle. La confuse con discorsi aerodinamici, la disorientò con pensieri aerostatici, poi la spogliò. Le tolse la camicia che profumava di Omino Bianco. Fu felice perché era il detersivo della sua infanzia e gli ricordava la collezione di figurine. Pregustò un amore timido e infantile. Poi le tolse le mutandine che sapevano di appretto. Diventò allegro perché appretto è una parola buffa; pensò a cose buffe e ne uscí un amore divertente. Sentí il profumo del suo sesso e fu sopraffatto dal piacere, perché sapeva di coriandoli freschi, appena stampati. Ne uscí un amore scherzoso e un po malizioso. Quando finirono di fare l amore lui le parlò e le parole salivano in alto e si raccoglievano in grumi, sul soffitto. 15

6 Lei disse: Bindi sei proprio un mattacchione. Non avrei mai creduto... Quando uscí stava cadendo dal cielo una pioggerella lattiginosa, tiepida, che addolcí la mente del signor Bindi e la rese molle come Das. Poi un granello di sabbia proveniente dalla Mauritania volteggiò nell aria davanti a lui, percorse una spirale, fece una doppia piroetta, roteò come una trottola impazzita e precipitò nel suo occhio con fragore proporzionato alle sue dimensioni. Il signor Bindi perse delle lacrime che rigarono il suo completo a quadri, poi scoppiò in singhiozzi perché la vita è cosí dolce e cosí fragile e basta un niente perché si inceppi. Anche un granello di sabbia. Quella sera rimase triste e triste si addormentò. Questo poté succedere al signor Bindi, ché era uomo di umori mutevoli. ODORI Fu scelto per caso o, per meglio dire, attraverso un grande concorso nazionale indetto dalla Nebulon con criteri di valutazione esclusivamente statistici. La Nebulon era una fabbrica di cosmetici di risonanza internazionale famosa nel mondo per il lancio, a ogni inizio di stagione, del profumo dell anno, il profumo che sapeva racchiudere meglio di qualsiasi altro le qualità, il fascino, ma soprattutto l evoluzione e i mutamenti della donna moderna. La Nebulon aveva bisogno di un nuovo annusatore ufficiale il cui naso fosse assolutamente imparziale e rispondesse con buona fedeltà al gusto medio del naso femminile; ma, più di ogni altra cosa, doveva sapersi orientare attraverso i meandri profumati della scala olfattiva. Essa si basava sulle cinque caratteristiche fondamentali di tutti gli odori: la nota floreale, che era da desiderare più di ogni altra; la nota muschiata, che aggiungeva al classico floreale una piccola gradazione aspra e selvatica, leggermente maschile e che ben si addiceva a una donna moderna ed emancipata; vi era poi la nota fruttata, essenzialmente giovanile; la nota aldeidica, dal vago aroma di mandorle amare; e infine la nota chetonica, indesiderabile e assolutamente da evitare per la riuscita di un buon profumo. La perfetta mescolanza delle prime quattro note, con l aggiunta, a volte, di un pizzico della quinta, poteva determinare il successo di un profumo e farlo divenire il profumo dell anno. Le ricerche di mercato suggerivano il mutare degli orientamenti nella popolazione femminile e l annusatore ufficiale se ne serviva per dosare la miscela ideale delle cinque note olfattive

7 ODORI Fu scelto il suo naso, tra migliaia di altri nasi. Il suo fu quello che superò in modo prodigioso i due test che erano stati predisposti per il concorso. Nella prima selezione vennero fatti annusare quattro profumi standard che, miscelati insieme in proporzioni incognite, avevano dato origine a un quinto profumo. Chi fosse riuscito ad avvicinarsi entro un certo limite alla proporzione esatta della miscela sarebbe passato alla seconda prova. Il naso di Ottavio Senzaltro si classificò primo, avendo valutato con un 5:1:2:0.7 il rapporto tra i quattro profumi che in realtà erano stati dosati in proporzione 5:1:2:0.6. Fu un risultato sbalorditivo che non combaciò perfettamente con la composizione reale solo a causa di un leggero raffreddore che quel giorno alterava le capacità olfattive di Ottavio. Con lui si qualificarono altri centosette nasi. La seconda prova della Nebulon fu un capolavoro di imparzialità e di rigore scientifico. Venne fatto sentire ai concorrenti l aroma di un altro profumo campione del quale si sarebbe dovuto valutare la proporzione nelle cinque note della scala olfattiva, ma siccome si sarebbe potuto obiettare che la scala olfattiva standard era stata definita attraverso test che erano pur sempre soggettivi, in quanto ogni naso fa storia a sé, si decise che il vincitore sarebbe stato quel naso che più si fosse avvicinato al valore medio del giudizio dato dai centosette candidati. Ebbene, quello di Ottavio si rivelò il naso medio per eccellenza con una deviazione standard di appena 0.01 sigma. Fu assunto con grande soddisfazione dei dirigenti della Nebulon che pensarono di aver trovato un vero talento naturale, ma la soddisfazione fu soprattutto sua. Ottavio infatti era disoccupato da due anni ed era sull orlo della disperazione. In quei due anni aveva provato di tutto, dall ingrassaggio delle saracinesche dei negozi alla vendita di puntine da disegno, dall intarsio di stuzzicadenti all affitto di telefonini portatili durante gli ingorghi d auto; si era anche conquistato una certa popolarità a Napoli come l uomo che riusciva a scrivere con una stilografica fino a venti parole su un granello di riso, ma nessuna di queste attività gli aveva veramente permesso di fare il salto di qualità sempre sognato: un lavoro fisso con la tredicesima, le ferie e la pensione assicurata. In verità nessuno sapeva che Ottavio non molto tempo prima aveva svolto un importante attività per conto della Cacao International Trading Corporation in qualità di assaggiatore ufficiale di cacao e cioccolato. Racconta di lui un impiegato della Cacao International: Di tutti i professionisti del mondo era l unico in grado di dare il 100% di risposte giuste ai test ciechi sul cacao; gli altri non superavano il 50% dopo il secondo assaggio. Il signor Senzaltro ne identificava varietà e provenienza con tale sicurezza che gli scienziati dell Institut National du Goût avrebbero voluto prelevargli un po di papille fungiformi, calciformi e filiformi per carpirne il segreto. Era un talento naturale! Fu lui ad affermare per primo che il cioccolato deve essere né troppo acre né troppo astringente, bensí armonico. Fu lui a inventare i cioccolatini allo zenzero, alla menta e alla cannella o al seme di finocchio. Fu lui ad affermare che, pur tollerando la presenza di alcool nell impasto, solo rari porto e sauternes sono abbastanza morbidi da non disturbare il sapore dei cioccolatini che vanno mangiati molto piano, uno alla volta, fra le dieci e le undici del mattino o le cinque e le sei di sera, a palato riposato. Era un genio... poi gli successe quel deprecabile incidente

8 ODORI Nessuno alla Cacao International aveva voluto mai raccontare cosa fosse veramente accaduto, ma è cosa certa che Ottavio Senzaltro cadde improvvisamente in disgrazia, uscí dalla scena internazionale del cacao e non sfruttò più quel suo talento naturale. Ora Ottavio aveva l occasione di ricostruire la sua fortuna usando l olfatto e tutto per una piccola inserzione della Nebulon su un giornale della sera. Annusa la fortuna! Il tuo naso può renderti felice! La prima cosa che Ottavio fece nell intraprendere il suo nuovo lavoro fu quella di svelare tutti i segreti della concorrenza, in particolare la composizione del famoso profumo Diabolik Pink, che era al primo posto nelle vendite dell anno. Ebbene Ottavio scoprí che oltre ad avere un alta percentuale aldeidica che gli conferiva quel tipico odore di coccoina che faceva impazzire le ragazzine di dodici/quindici anni, avevano aggiunto al profumo un lievissimo aroma che Ottavio non esitò a definire come una nuova nota nella scala olfattiva. La chiamò nota caseinica per il tipico, seppur mascherato, odore di caciotta affumicata. Via via Ottavio inserí ulteriori note e nuove sfumature che lui amava definire i diesis e i bemolle della scala olfattiva. La nota canforata e quella resinata, dalla tipica fragranza di patchouli, sono solo alcune tra quelle che risultarono più preziose per i profumi della Nebulon. Tutto filò a gonfie vele per i primi tempi e Ottavio ebbe modo di essere invidiato e corteggiato persino dai dirigenti della Chanel. Ma un giorno il presidente della Nebulon lo mandò a chiamare: Caro signor Senzaltro, disse in tono piuttosto grave, capisco bene come il suo naso negli ultimi tempi sia stato sottoposto a prove molto dure e stressanti, perciò voglio essere comprensivo con lei e chiudere un occhio sul suo ultimo rapporto. Non capisco, disse Ottavio. Senta un po cosa ha scritto nella relazione che ha preparato lunedí: è un profumo dal delicato aroma fruttato, con sfumature di floreale, florealemuschiato e con un retrogusto timido, via via sempre più imperioso, che non esiterei a definire simile a quello della biancheria intima di Carlotta. È questo che dà corpo al profumo e lo rende desiderabile oltre ogni misura. Se ci fosse spazio per il dolce aroma delle ascelle di Maddalena, trovo che questo profumo potrebbe diventare senz altro il miglior candidato al profumo dell anno... Spero bene che lei non voglia distillare le essenze più intime delle sue fidanzate, pertanto la invito a essere più rigoroso in futuro e a fidarsi più del suo naso che delle sue fantasie erotiche. Senz altro! disse Ottavio e uscí dallo studio del direttore addolorato e confuso. Il rapporto era stato scritto da lui, senza ombra di dubbio. Si era lasciato prendere la mano senza neanche rendersene conto. Era stanco e sotto stress, doveva prendersi un po di riposo. Quella sera cercò sollievo e consolazione tra le braccia di Carlotta, la donna dolce come un cioccolatino al Grand Marnier e profumata come una goccia di Anaïs Anaïs. Com era bella Carlotta con quei suoi seni pieni e le natiche mature e dorate come i frutti del cacao! Si tolse davanti a lui la sottoveste e il profumo del suo corpo si sparse subito per la stanza da letto. Ottavio annusò l aria con fare professionale e attento:...floreale 5, fruttato 3, muschiato 2.5, aldeidico che donna eccezionale... Poi d un tratto Ottavio storse il naso e si lasciò sfuggire un gemito di disapprovazione di nota chetonica! Indesiderabile, sgradevole, assolutamente intollerabile! Questa donna è andata a male... sa d aceto! 20 21

9 ODORI Ottavio si alzò dal letto seminudo e si accomiatò in tutta fretta con una scusa qualsiasi. Tornò a casa a piedi passando per Spaccanapoli. L aria era calda e stagnante. I vicoli erano pieni di odori, tutti perfettamente distinguibili: la pastiera napoletana con il profumo d acqua d arancio, lo zibibbo, i peperoni ripieni, le melanzane fritte, la passata di pomodoro, il soffritto di cipolla, la cannella, l incenso, il puzzo di pipí, il fetore dell immondizia, lo sformato di maccheroni e l inconfondibile odore di caffè. Poi all improvviso gli odori cominciarono a ballare tutti insieme e a mischiarsi tra loro dentro il suo naso, fino a fargli provare nausea e un acuto dolore. Quella sera si addormentò stordito e abbattuto, senza più un briciolo di forza in corpo. Due giorni dopo il capo lo fece chiamare di nuovo e questa volta lo apostrofò severamente: Signor Senzaltro, non sono solito ripetermi, perciò consideri quel che le dico come il mio ultimo avvertimento. Noi non siamo assolutamente interessati alle sfumature olfattive che incontra nei corpi delle sue amanti, siano essi l aroma alla nocciolina della colonna vertebrale di Clarissa o il gusto vanigliato alla banana dei bicipiti di Maddalena dopo che ha fatto jogging o tanto meno il profumo elettrico, di aria ionizzata, della peluria di Rosalia quando sta provando piacere, è chiaro? Ci dia un taglio, signor Senzaltro, questa è l ultima occasione che le do! Ottavio rimase sconvolto, aveva appena perso la sua concentrazione olfattiva e lo spettro della disoccupazione lo rendeva ancora più nervoso e disorientato. Di notte fece l amore con Dorotea e la trovò eccessiva in tutto, troppo floreale, troppo muschiata, troppo fruttata; sembrava una macedonia di frutti tropicali. Si consolò con Assunta, la siciliana, ma rimase nauseato dal profumo penetrante di fico d india e agave marcito al sole che emanava dalla sua pelle, troppo forte, anche per un ex-disoccupato napoletano. Trovò Duilia monotona, era un nella scala olfattiva, equilibrata fino alla paranoia. Per Erminia dovette coniare nuove note, tutte al di sopra delle righe. Il 15 agosto del 1999 Ottavio Senzaltro fu trovato a casa sua in preda alle convulsioni, in piena crisi di allucinazione olfattiva. Fu ricoverato d urgenza in una clinica otorino-laringoiatrica dove subí ripetuti interventi al naso e al palato. Fu prontamente licenziato dalla Nebulon dopo il referto medico del dottor Dreier, incaricato dalla ditta stessa, la cui diagnosi fu pressoché identica a quella che qualche anno prima aveva rilasciato il medico del lavoro della Cacao International: L impiegato Ottavio Senzaltro è affetto dalla sindrome di Coconut: in essa a una prima fase acuta di eccezionale aumento delle percezioni olfattive e gustative segue presto una seconda fase cronica di instabilità e confusione sensoriale, con oscillazioni della sensibilità che possono toccare punte quasi insopportabili e deviazioni della percezione che investono talvolta la sfera psico-emotiva del malato, portando a mania di persecuzione e a stati di schizofrenia. Note aggiuntive: la sindrome di Coconut è assolutamente incurabile. Sei mesi dopo Ottavio fu dimesso dalla clinica e giudicato fuori pericolo. Il suo naso, dopo gli interventi subiti, non era più in grado di percepire alcun odore, né il suo palato poteva più apprezzare alcun sapore. Da allora ha perso completamente ogni appetito sessuale. L ultimo orgasmo della sua vita Ottavio lo aveva avuto sei mesi prima, attraverso il suo naso, di fronte a una bancarella di ciambelle fritte; mai più ne avrebbe avuti altri in seguito. Mai più avrebbe provato piacere per il corpo di una donna

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

la vita non è un film

la vita non è un film Premessa Avete presente quella vostra amica, quella che sembra aver capito tutto della vita? Quella che ha il lavoro dei sogni, il fidanzato dei sogni, la vita dei sogni? Be, quella ragazza non sono io.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Come scoprire i significati della comunicazione non verbale per sedurre gli uomini. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

NARDO. Floreale - Legnosa - Aromatica

NARDO. Floreale - Legnosa - Aromatica Floreale - Legnosa - Aromatica NARDO Bergamotto, Mandarino, Fiore di Nardo, Gelsomino, Incenso, Sandalo, Patchouli, Legno Cedrino, Ambra Grigia, Muschio Bianco, Bacche di Vaniglia, Fava Tonka Nardo è una

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

L'OLFATTO QUINTA UNITA. 1 parte

L'OLFATTO QUINTA UNITA. 1 parte QUINTA UNITA L'OLFATTO 1 parte Anche l'olfatto è un senso poco esplorato; i bambini tendono a percepire "odori" buoni e cattivi, ma non sono abituati a coglierne le sfumature e le innumerevoli gradazioni.

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli