COMUNICATO STAMPA. Comunicazione ai sensi dell art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/1998

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICATO STAMPA. Comunicazione ai sensi dell art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/1998"

Transcript

1 Milano, 3 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Comunicazione ai sensi dell art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/1998 Il Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy S.p.A., con sede in Corso Monforte n. 20, Milano, ai sensi e per gli effetti dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 e secondo le modalità di cui all art. 66 della delibera Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche, in ottemperanza alla richiesta di Consob del , prot , proc /1, cod. dest IN RIFERIMENTO: (i) ai comunicati stampa diffusi in data 16 ottobre e 20 ottobre 2008 aventi ad oggetto l accettazione da parte del Consiglio d Amministrazione di K.R.Energy della proposta pervenuta da SOLGENIA S.p.A., finalizzata all acquisto di una partecipazione pari al 51% del capitale sociale della controllata Gruppo Pro S.p.A., società controllata da K.R.Energy all 80% e operante nel settore dell Information Technology. Il valore complessivo della cessione è pari ad Euro 6 milioni e verrà corrisposto a K.R.Energy come segue: I. 0,5 milioni di euro, al 31 ottobre 2008 a titolo di caparra confirmatoria, da computarsi all atto del contratto di compravendita a decurtazione del prezzo; II. 3 milioni di euro, alla stipula del contratto di compravendita (data del closing), da effettuarsi entro e non oltre il 31 dicembre 2008; III. 1,5 milioni di euro, al 30 giugno 2009; IV. 1 milione di euro, al 31 ottobre La proposta prevede inoltre un opzione irrevocabile in favore di Solgenia S.p.A. per l acquisto di un ulteriore 29% del relativo capitale sociale. Tale diritto potrà essere esercitato da Solgenia S.p.A. entro e non oltre il 31 dicembre 2013, ad un prezzo pari a complessivi euro 3,6 milioni. E stabilito inoltre che K.R.Energy, alla data del closing (prevista entro e non oltre il 31 dicembre 2008) rimborsi a Gruppo Pro l intera somma del finanziamento fruttifero di interessi da quest ultima erogato in favore della controllante in essere alla data del closing e che, alla data del 10 settembre 2008, risulta pari ad 2,579 milioni di euro; (ii) al Documento Informativo relativo all operazione di fusione per incorporazione di Eurinvest Energia S.r.l. in Kaitech S.p.A., redatto ai sensi dell art. 70, comma 4 e 71 bis del Regolamento Consob n.11971/1999 messo a disposizione del pubblico in data 12 giugno 2008 ed alle Integrazioni al Documento Informativo medesimo messe a disposizione del pubblico in data 1 ottobre 2008;

2 COMUNICA a. Considerazioni del Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy S.p.A. in ordine alla compatibilità tra quanto affermato nel Documento Informativo e la decisione di cedere il 51% del capitale sociale della controllata Gruppo Pro S.p.A., nonché di concedere un opzione irrevocabile per l acquisto del residuo 29% L accettazione della proposta di cedere il 51% di Gruppo Pro e di concedere un opzione irrevocabile per l acquisto del residuo 29% comporta una modifica ai programmi del Gruppo K.R.Energy rispetto a quelli presentati nel Documento Informativo relativo alla fusione per incorporazione di Eurinvest Energia S.r.l. in Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy), redatto ai sensi dell art. 70, comma 4 e dell art. 71-bis, del Regolamento approvato con deliberazione Consob n del 14 maggio Infatti il Gruppo che attualmente opera, attraverso le sue partecipate, in due separate Business Unit, quella della Information Technology (IT) e quella dell Energia da fonti rinnovabili ad esito della cessione di Gruppo Pro, uscirà dal business dell IT. Il Consiglio di Amministrazione della Società (come indicato nel Documento Informativo (Sezione Prima, Capitolo VI, Paragrafo 6.2), in relazione alle attività sviluppate nel settore dell Information Technology, si era posto obiettivi di risanamento, riorganizzazione e valorizzazione delle proprie attività in questo specifico settore di attività. Inoltre il Consiglio di Amministrazione, come riportato nel sopra citato Documento (Sezione Prima, Capitolo XIII, paragrafo 13.1), aveva intenzione di portare a termine azioni industriali volte a razionalizzare l assetto produttivo di Gruppo Pro, al fine di conseguire una struttura di costi più competitiva e un consistente abbassamento del punto di pareggio, portando le società appartenenti al settore IT ad avere una struttura produttiva più flessibile e in grado di reagire con maggiore tempestività alle variazioni delle esigenze del mercato e della domanda. In tal senso, il piano 2008, per la Business Unit IT, è stato predisposto facendo riferimento ad una riduzione dei costi operativi, dei costi del personale e dei servizi, ottenuta a seguito di interventi parzialmente avviati nel A tal riguardo, gli Amministratori hanno ritenuto che il conseguimento degli obiettivi previsti da tale piano, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 6 giugno 2008, fosse una condizione essenziale per il recupero dei valori delle attività relative alla partecipata Gruppo Pro. Successivamente nel corso del mese di ottobre 2008 il Consiglio di Amministrazione ha valutato con interesse la proposta pervenuta da Solgenia relativa all acquisto di una partecipazione di controllo di Gruppo Pro, e verificati gli impatti sul piano industriale e sulle strategie future, ha ritenuto di accettarla. Tale accettazione ha comportato la modifica dei propri programmi di sviluppo in quanto, ad esito della cessione di Gruppo Pro, il Gruppo K.R.Energy uscirà dal settore IT e concentrerà tutte le proprie attività nell ambito del settore delle energie da fonti rinnovabili. In tal senso il Consiglio di Amministrazione ha valutato che il business dell Information Technology potesse ritenersi non più strategico all interno dei piani fissati in precedenza, vista la preponderanza che in prospettiva il business dell energia avrebbe avuto rispetto a quello dell IT. L accordo sottoscritto con Solgenia, grazie all ingresso di partner riconosciuto dal punto di vista industriale nel settore IT e con un solido know-how tecnologico, potrebbe infine consentire di accelerare il percorso di risanamento e di rilancio di Gruppo Pro. L operazione infatti consentirà da subito di rafforzare il rapporto di natura commerciale già esistente tra Solgenia e la partecipata Gruppo Pro finalizzato, tra l altro, all ampliamento dell offerta di prodotti e servizi e allo sviluppo di nuove opportunità di business sia per i clienti attivi di ciascuna delle parti che per il mercato potenziale.

3 b. Rappresentazione degli effetti significativi dell operazione di cessione sulle strategie di business dell Emittente Ad esito della cessione del 51% di Gruppo Pro, dopo aver focalizzato l attività nel settore delle energie da fonti rinnovabili, K.R.Energy si pone l obiettivo di acquisire nei prossimi esercizi una posizione di rilievo in Italia tra le società operanti in tale specifico segmento di mercato. In particolare, K.R.Energy si propone di diventare uno dei player di riferimento nella produzione di energia da fonti rinnovabili, sia in Italia che all estero. La Società intende, pertanto, sviluppare e implementare nell ambito e ai fini della produzione di energia da fonti rinnovabili forme di partecipazione, quali partnership e joint-venture con società attive nello sviluppo e produzione di energia da tecnologie innovative, allo scopo di essere in grado di sviluppare nuovi servizi a valore aggiunto e servizi di trading nel campo dell energia rinnovabile (anche di certificati verdi). Conseguentemente, la cessione del pacchetto di maggioranza di Gruppo Pro comporterà l uscita del Gruppo K.R.Energy dal Business dell IT e il contestuale deconsolidamento di tutte le società operanti in tale specifico settore (Gruppo Pro S.p.A., Data Dea S.r.l. e Matian.it S.r.l. in liquidazione). Rimangono inalterati gli altri piani previsti dal Gruppo e in particolare: (i) l emissione e la quotazione di n Warrant, che porteranno un iniezione di liquidità nelle casse sociali in quanto gli stessi, offerti in opzione ai soci di K.R.Energy, in proporzione di 1 warrant ogni n. 9 azioni K.R.Energy possedute, verranno emessi al prezzo di euro 0,12 per ciascun Warrant. L operazione di sottoscrizione dei Warrant K.R.Energy dovrebbe portare al reperimento di risorse finanziarie per complessivi euro ,00. A tal riguardo, Eurinvest Finanza Stabile, socio di maggioranza di K.R.Energy, si è impegnata, a versare tale importo garantendone la sottoscrizione anche per l eventuale inoptato. In caso di successivo esercizio totale del Warrant K.R.Energy incasserà ulteriori euro ,00. In maggiore dettaglio, l iniezione di liquidità riveniente dalla sottoscrizione dei Warrant permetterà a K.R.Energy: (a) di reperire risorse finanziarie necessarie per la realizzazione dei piani di sviluppo nell ambito delle energie da fonti rinnovabili (b) di a far fronte con le risorse rivenienti a breve dalla sottoscrizione del Warrant - al rimborso di debiti finanziari correnti e al pagamento di debiti già scaduti. (ii) K.R.Energy ha inoltre allo studio un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione, riservato ad investitori qualificati, al fine di reperire ulteriori risorse finanziarie per lo sviluppo dei progetti di investimento del Gruppo post fusione, per un importo attualmente ipotizzato in euro ,00. Al riguardo si specifica che non è stata ancora assunta alcuna delibera di proposta all Assemblea degli Azionisti in merito all aumento di capitale sociale,sebbene la Società, ricorrendone i presupposti, intenda procedere in tal senso non appena possibile. c. Motivazioni per le quali non si è ritenuto di acquisire alcuna perizia di soggetti terzi ai fini della cessione della partecipazione di controllo di Gruppo Pro, pari al 51% Gli Amministratori, nell effettuare le proprie valutazioni relativamente all offerta pervenuta da Solgenia S.p.A. che prevede (i) la cessione del 51% di Gruppo Pro ad un prezzo pari a 6,0 milioni di euro, (ii) nonché un opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro per un prezzo pari 3,6 milioni di euro, hanno ritenuto di non avvalersi di perizie effettuate da soggetti terzi.

4 La determinazione del prezzo è stata pertanto rimessa ai contraenti e si è basata sul valore attribuito al 100% del capitale sociale di Gruppo Pro, pari a 12,0 milioni di euro. Detta partecipazione, sulla base delle informazioni riportate nel Prospetto Informativo redatto ai sensi dell art. 57 del Regolamento Emittenti, anche per i fini di cui all art 71 del medesimo, e depositato in Consob in data 7 luglio 2006, fu acquisita nel mese di ottobre 2006, attribuendo al 79,20% del capitale sociale di Gruppo Pro un controvalore complessivo pari a 8,5 milioni di euro. A tale data, le considerazioni che portarono alla determinazione del prezzo furono svolte esclusivamente dai contraenti, prendendo a riferimento la posizione finanziaria netta media consolidata di Gruppo Pro per l esercizio 2005, il patrimonio netto consolidato della stessa al 31 dicembre 2005 e un premio di maggioranza. Sulla base di tali valutazioni, il valore attribuito al 100% del capitale di Gruppo Pro fu valutato essere pari a 10,732 milioni di euro. Pertanto gli Amministratori, valutata la posizione finanziaria netta consolidata di Gruppo Pro, negativa per 2,3 milioni di euro alla data del 30 giugno 2008 rispetto a quella positiva di 0,8 milioni di euro del 31 dicembre 2006, il patrimonio netto consolidato di gruppo della stessa pari 0,9 milioni di euro al 30 giugno 2008 rispetto ai 4,8 milioni di euro del 31 dicembre 2006, l andamento economico negativo per 0,4 milioni di euro del primo semestre del 2008, e quello negativo conseguito nel biennio complessivamente per 1,8 milioni di euro e considerate le precedenti transazioni effettuate sul capitale di Gruppo Pro, hanno ritenuto di non doversi avvalere del supporto di perizie fornite da terzi. Inoltre, nella determinazione del prezzo, si sono tenute in considerazione anche le valutazioni effettuate su dati prospettici, quali test di impairment, effettuate in sede di redazione del bilancio di esercizio e consolidato. d. Valutazioni del Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy in ordine alla congruità del prezzo di cessione, anche tenuto conto della valorizzazione di Kaitech S.p.A. in sede di fusione e della rilevanza di Gruppo Pro S.p.A. nell ambito della società valutata. Le valutazioni effettuate dal Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy in merito al valore da attribuire a Gruppo Pro non sono confrontabili con quelle utilizzate per la valorizzazione di Kaitech effettuate in sede di fusione per incorporazione di Eurinvest Energia in Kaitech, ai fini della determinazione del valore di cambio: per la determinazione del valore del Gruppo Kaitech è stato infatti utilizzato il metodo delle quotazioni di Borsa. K.R.Energy (già Kaitech) è infatti una società quotata la cui capitalizzazione, espressa tramite il prezzo di mercato, opportunamente mediato, è un dato oggettivo e disponibile, che esprime adeguatamente il valore attribuibile alla società, in una situazione normalizzata dei mercati e dell operatività della società stessa. Il metodo delle quotazioni di Borsa stima il valore del capitale in funzione delle quotazioni di Borsa rilevate in un periodo significativo, che si conclude in una data prossima a quella di elaborazione della stima. In tale metodologia non si fa riferimento ai dati patrimoniali della Società, né a dati storici o previsionali di natura economica e/o finanziaria. Tali dati sono invece stati presi in considerazione per effettuare le valutazioni sul valore da attribuire a Gruppo Pro, avendo a disposizione sia dati storici, sia dati previsionali, che recenti transazioni avvenute sul capitale della società. Il Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy S.p.A. ha ritenuto congruo il prezzo di cessione di Gruppo Pro (attribuendo alla stessa un valore per il 100% del capitale pari a mila euro), tenuto in considerazione: il valore attribuito a Gruppo Pro in sede di acquisizione di una partecipazione pari al 79,2% del capitale sociale (corrispondente a mila euro per il 100%), avvenuta nel mese di ottobre del 2006, la posizione finanziaria netta consolidata di Gruppo Pro, il patrimonio netto consolidato di gruppo di Gruppo Pro, e dell andamento

5 economico negativo del primo semestre del 2008, e quello conseguito nel biennio , come sopra indicati al precedente punto c). e. Le conseguenze sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica di K.R.Energy S.p.A. derivanti dalla cessione della quota di maggioranza di Gruppo Pro S.p.A. con indicazione degli effetti proforma dell operazione di cessione sui principali aggregati economici patrimoniali e finanziari, nonché sui margini più significativi di conto economico. Gli effetti derivanti dalla cessione di Gruppo Pro sui dati economico, patrimoniali e finanziari consolidati pro forma del gruppo K.R.Energy saranno resi disponibili in sede di pubblicazione del Documento Informativo, da redigersi ai sensi dell articolo 71 del Regolamento di attuazione del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, adottato dalla Consob con delibera del 14 maggio 1999, n e successive modifiche, entro 15 giorni dall avvenuto perfezionamento della cessione del 51% di Gruppo Pro. I dati proforma di seguito riportati non tengono in considerazione gli effetti economico patrimoniali e finanziari derivanti dalla fusione per incorporazione di Eurinvest Energia S.r.l. in Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy) la cui efficacia è ai fini civilistici è decorsa dallo scorso 6 ottobre Non sono infatti disponibili informazioni storiche economico, patrimoniali e finanziarie che riportino gli effetti civilistici della fusione. In sede di pubblicazione del Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2008, che verrà approvato dal Consiglio di Amministrazione di K.R.Energy S.p.A. il prossimo 14 novembre 2008, verrà fornita informativa in relazione agli effetti sui principali dati economico patrimoniali e finanziari consolidati proforma derivanti sia dalla fusione di Eurinvest Energia S.r.l. in Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy) che dalla prevista cessione del 51% di Gruppo Pro da realizzarsi entro e non oltre il 31 dicembre Di seguito si espongono gli effetti sulla situazione economico, patrimoniale e finanziaria di K.R.Energy S.p.A. (i dati proforma) derivanti dalla cessione del 51% del capitale sociale di Gruppo Pro ad un prezzo pari a 6,0 milioni di euro, nonché della concessa opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro per un prezzo pari 3,6 milioni di euro, entro il 31 dicembre Lo stato patrimoniale, il conto economico e la posizione finanziaria netta proforma di seguito esposti, sono quelli relativi al periodo chiuso al 30 giugno 2008 e sono stati predisposti al fine di simulare, secondo criteri di valutazione coerenti con i dati storici e conformi alla normativa di riferimento, gli effetti della cessione del 51% del capitale sociale di Gruppo Pro, sull'andamento economico e sulla situazione patrimoniale di K.R.Energy S.p.A., come se la stessa cessione avvenisse a livello patrimoniale al 30 giugno 2008 e, per quanto si riferisce ai soli effetti economici, il 1 gennaio Occorre, tuttavia, segnalare che qualora l operazione avvenisse realmente alla data ipotizzata (entro e non oltre il 31 dicembre 2008), non si otterrebbero gli stessi risultati qui rappresentati. I dati proforma di seguito esposti non sono stati oggetto di esame da parte della società di revisione. I dati proforma sono stati derivati dal bilancio semestrale abbreviato consolidato di Kaitech S.p.A.(ora K.R.Energy S.p.A.) al 30 giugno 2008 predisposto in conformità ai principi contabili internazionali omologati dall Unione Europea ed assoggettato a revisione contabile limitata da parte della società di revisione Deloitte & Touche S.p.A., che ha emesso la propria relazione di revisione contabile limitata in data 29 agosto Le rettifiche proforma sono calcolate in base alla seguente regola:

6 con riferimento allo stato patrimoniale, assumendo che le operazioni siano avvenute in data 30 giugno 2008; con riferimento al conto economico, assumendo che le operazioni siano avvenute al 1 gennaio In considerazione delle diverse finalità dei dati proforma rispetto a quelle di un bilancio e poiché gli effetti sono calcolati in modo diverso con riferimento allo stato patrimoniale ed al conto economico, è opportuno che gli stati patrimoniali ed i conti economici proforma siano letti ed interpretati separatamente. Si precisa, inoltre, che i dati proforma rappresentano solamente gli effetti isolabili e misurabili in modo oggettivo delle operazioni sopra descritte, senza tener conto dei potenziali effetti derivanti da scelte gestionali e decisioni operative, eventualmente assunte in conseguenza dell operazione, avendo quest ultime un elevata componente di discrezionalità. Va infine rilevato che, qualora le operazioni oggetto delle scritture di rettifica proforma fossero realmente avvenute alla data ipotizzata, non necessariamente si sarebbero ottenuti gli stessi risultati rappresentati nei prospetti consolidati proforma. In ultimo, si segnala che i Prospetti proforma, di seguito riportati, non intendono in alcun modo rappresentare una previsione dei futuri risultati di K.R.Energy S.p.A. e non devono pertanto essere utilizzati in tal senso. I principi contabili adottati per la predisposizione dei Prospetti proforma, laddove non specificatamente segnalato, sono gli stessi utilizzati per la redazione del bilancio separato al 31 dicembre 2007 da K.R.Energy S.p.A., che è stato predisposto in accordo con gli IFRS. Lo Stato Patrimoniale proforma al 30 giugno 2008 di K.R.Energy S.p.A. è stato predisposto partendo dallo Stato Patrimoniale di Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy S.p.A.) al 30 giugno 2008 apportando ai dati storici di appropriate rettifiche proforma per riflettere gli effetti significativi dell operazione di cessione del 51% di Gruppo Pro S.p.A., nonché l opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale come se l operazione fosse avvenuta al 30 giugno Le rettifiche proforma apportare sono le seguenti: - (colonna 1) effetto dell acquisto dello 0,48% del capitale sociale di Gruppo Pro ad un prezzo pari a 56 mila euro, come effettivamente avvenuto nel corso del mese di luglio 2008; - (colonna 2) effetto del rimborso completo del finanziamento ricevuto da Gruppo Pro che, alla data del 30 giugno 2008, comporterebbe un esborso per K.R.Energy pari a mila euro; - (colonna 2) effetto della cessione del 51% del capitale sociale di Gruppo Pro S.p.A. Il prezzo pattuito è pari a mila euro rispetto ad un valore di iscrizione della partecipazione (pro- quota pari al 51%) pari a mila euro; il pagamento del prezzo, sulla base delle pattuizioni contrattuali, è previsto per incassato alla data dell operazione, i residui mila euro, quale pagamento dilazionato, sono previsti in pagamento nel corso dell esercizio 2009; - (colonna 3) effetto dell iscrizione dell opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro in applicazione degli IAS 39 e IAS 32, pari a 651 mila euro. (determinato sulla base del valore attuale dell importo pattuito per la cessione della partecipazione oggetto di opzione rispetto al valore di carico della residua partecipazione pari al 29%del capitale sociale).

7 K.R.Energy S.p.A. in migliaia di Euro K.R.Energy al Acquisto azioni (1) Cessione 51% G.Pro (2) Valutazione Opzione su partecipazione (3) Pro forma Attività Correnti (A) (56) Attività Non Correnti (B) (5.942) C Totale attivo (A + B) (2.921) Passività Correnti (D) (2.979) Passività non Correnti (E) Patrimonio netto (F) (651) Totale passivo (C + D + E + F ) (2.921) A livello patrimoniale si assiste principalmente ad un incremento delle attività correnti per effetto dell incasso del pagamento del prezzo (3.500 mila) al netto del rimborso del finanziamento (2.979) e per effetto dell iscrizione del prezzo dilazionato (2.500), ad una riduzione delle attività non correnti, per effetto della cessione del 51% della partecipazione in Gruppo Pro; di contro il passivo corrente si riduce per effetto del rimborso del finanziamento precedentemente concesso dalla controllata Gruppo Pro e si incrementa per effetto dell iscrizione della passività sottostante l iscrizione dell opzione sul 29% del capitale sociale di Gruppo Pro. Il conto economico proforma al 30 giugno 2008 di K.R.Energy S.p.A. è stato predisposto partendo dal conto economico di Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy S.p.A.) al 30 giugno 2008 apportando ai dati storici appropriate rettifiche proforma per riflettere gli effetti significativi dell operazione di cessione del 51% di Gruppo Pro S.p.A., nonché gli effetti dell opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale come se l operazione fosse avvenuta al 1 gennaio Le rettifiche proforma apportare sono le seguenti: - (colonna 2) effetto economico della plusvalenza derivante dalla cessione del 51% del capitale sociale di Gruppo Pro S.p.A. Il prezzo pattuito è pari a mila euro, rispetto ad un valore di iscrizione della partecipazione (pro- quota pari al 51%) pari a che genera una plusvalenza pari a 58 mila euro; - (colonna 3) effetto economico derivante dalla concessa opzione irrevocabile di cedere il residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro. Sulla base degli principi contabili l effetto è negativo per 651 mila euro. K.R.Energy S.p.A. in migliaia di Euro K.R.Energy al Acquisto azioni (1) Cessione 51% G.Pro (2) Valutazione Opzione su partecipazione (3) Pro forma Ricavi netti Totale costi diretti (2) (2) Totale costo del personale (38) (38) Totale costi operativi (575) (575) Risultato operativo lordo (378) (320)

8 Totale ammortamenti e svalutazioni (491) (491) Risultato operativo netto (869) (811) Totale gestione finanziaria (37) (651) (688) Risultato prima delle imposte (906) 0 58 (651) (1.499) Totale imposte 0 Risultato d'esercizio (906) 0 58 (651) (1.499) A livello economico sui dati proforma la cessione del 51% della partecipata comporta la realizzazione di una plusvalenza pari a 58 mila euro ed un effetto economico negativo sulla gestione finanziaria pari a 651 mila euro derivante dalla contabilizzazione della passività sottostante l opzione di vendita del residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro. La posizione finanziaria netta proforma al 30 giugno 2008 di K.R.Energy S.p.A. è stato predisposta partendo dalla posizione finanziaria netta di Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy S.p.A.) al 30 giugno 2008, tenendo in considerazione i seguenti effetti proforma : - (colonna 1) effetto dell acquisto dello 0,48% del capitale sociale di Gruppo Pro ad un prezzo pari a 56 mila euro, avvenuto effettivamente nel corso del mese di luglio 2008; - (colonna 2) effetto del completo rimborso dell importo del finanziamento ricevuto da Gruppo Pro che, alla data del 30 giugno 2008 era pari a mila euro; effetto della cessione del 51% del capitale sociale di Gruppo Pro S.p.A, prevista ad un prezzo complessivo pari a mila euro; il pagamento del prezzo, sulla base delle pattuizioni contrattuali, è previsto incassato alla data dell operazione per mila euro, in quanto i residui mila euro verranno incassati nel corso dell esercizio 2009; - (colonna 3) effetto dell iscrizione della passività sottostante la valutazione dell opzione sul residuo 29% del capitale sociale di Gruppo Pro. K.R.Energy S.p.A. in migliaia di Euro K.R.Energy al Acquisto azioni (1) Cessione 51% G.Pro (2) Valutazione Opzione su partecipazione (3) Pro forma A. Disponibilità liquide (56) B. Titoli tenuti a disposizione 0 C. Liquidità (A+B) (56) D. Crediti finanziari correnti E. debiti bancari correnti (181) (181) F. Parte corrente dell'indebitamento non corrente (1.000) (1.000) G. Altri debiti finanziari correnti (3.323) (651) (995) H Indebitamento finanziario corrente (E+ F+G) (4.504) (651) (2.176) I Indebitamento finanziario corrente netto (H+D+C) (1.790) (56) (651) J. Debiti bancari non correnti (3.030) (3.030)

9 K Obbligazioni emesse 0 L.Altri crediti (debiti) non correnti M.Indebitamento finanziario non corrente (J+K+L) (2.454) (2.454) N. Indebitamento finanziario netto (M+I) (4.244) (56) (651) (1.451) A livello finanziario la cessione del 51% della partecipazione di Gruppo Pro, comporta una riduzione dell indebitamento finanziario netto per l effetto combinato dell incremento delle disponibilità liquide conseguite all atto della cessione e della riduzione dell indebitamento finanziario corrente. La posizione finanziaria netta proforma non tiene conto del credito vantato verso l acquirente Solgenia per il residuo pagamento del prezzo, previsto entro l esercizio f. L impatto della operazione di cessione sul piano industriale di K.R.Energy S.p.A. con particolare riguardo agli obiettivi di risultato annunciati e alla politica di copertura dei fabbisogni finanziari del Gruppo. Lo scorso 12 giugno 2008 è stato messo a disposizione del pubblico il Documento Informativo relativo alla fusione per incorporazione di Eurinvest Energia S.r.l. in Kaitech S.p.A. (ora K.R.Energy), redatto ai sensi dell art. 70, comma 4 e dell art. 71-bis, del Regolamento approvato con deliberazione Consob n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, ove (Sezione Prima, Capitolo XIII) si specifica fra l altro che, in data 6 giugno 2008, è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione della società il Piano Industriale relativo all esercizio 2008, i cui dati previsionali sono stati costruiti sulla base delle ipotesi formulate dal Consiglio di Amministrazione, tenuto conto che l attività operativa si sarebbe articolata nel corso dell esercizio 2008 in due distinte Business Unit (BU): Energia e Information Technology (IT). La cessione di Gruppo Pro, prevista entro e non oltre il 31 dicembre 2008, non comporterà a livello economico, variazioni rispetto alle ipotesi di risultato consolidato del Gruppo K.R.Energy, in quanto si terrà conto del risultato derivante dalle attività del settore dell Information Technology fino alla data di cessione del 51% di Gruppo Pro. Pertanto, per quanto riguarda le ipotesi sugli obiettivi di risultato ante imposte consolidati relativi all esercizio 2008 del Gruppo K.R.Energy si evidenzia che, tali risultati continueranno a considerare i risultati di Gruppo Pro fino alla data di effettiva cessione (prevista entro e non oltre il 31 dicembre 2008), ma in separata riga del conto economico al fine di dare specifica informativa in relazione al risultato netto di attività operative cessate. Sulla base delle indicazioni già fornite nell Integrazione al Documento Informativo messo a disposizione del mercato lo scorso 1 ottobre 2008 (Sezione Prima, Capitolo XIII, paragrafo 12.1) è prevedibile tuttavia una riduzione dei volumi di vendita rispetto all esercizio precedente. E prevedibile inoltre anche una riduzione dei volumi di vendita rispetto ai dati previsionali inseriti nel piano I dati effettivi di risultato relativi all esercizio 2008 a seguito della operazione di cessione del 51% di Gruppo Pro, dovranno tener conto della plusvalenza da cessione e della valutazione dell effetto economico derivante dall iscrizione della passività relativa all opzione di vendita sulla residua partecipazione detenuta in Gruppo Pro, offerta all acquirente. Le ipotesi di risultato ante imposte consolidato previsto nel piano 2008 negativo per circa 6 milioni di euro, non presenterebbero variazioni significative nel caso in cui non si fosse tenuto conto in fase di predisposizione di detto piano già delle attività relative alla Business Unit I.T.

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli