Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione"

Transcript

1 La nostra Missione Diffondere la cultura della Qualità e le tecniche per la conformità, il miglioramento, l'eccellenza, la sostenibilità, la gestione del rischio, l'ambiente nelle diverse tipologie di prodotto, servizio, organizzazioni La nostra Visione Essere il riferimento culturale su tematiche storiche e su tematiche emergenti per un più ampio ventaglio di Organizzazioni. Essere riferimento riconosciuto ed autorevole per le professionalità nella Qualità e per la formazione delle Imprese e delle Istituzioni sul Territorio. Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. I nostri Valori Potenziare la professionalità dei Clienti Deliziare i Clienti nel servizio e nel rapporto Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione Eccellere nella nostra offerta Migliorare continuamente Stimolare il Team Work Favorire la massima espressione del potenziale dei formatori I nostri Clienti Le Imprese I Professionisti Le Istituzioni I partecipanti alla formazione

2 I nostri Know How I cinquantacinque anni di vita dell'associazione I trentasette anni della nostra rivista I nostri Convegni nazionali Le nostre pubblicazioni L'ampia rosa dei nostri Settori e Comitati L'ampia rosa di docenti La lunga esperienza nella Formazione, in Aula e nelle Imprese CATALOGO CORSI 2014 Nota Bene: Nel catalogo corsi sono presenti tutte le proposte formative. Per le date di erogazione di ogni singola proposta si prega di consultare il Calendario Corsi. Per i corsi non inclusi nel calendario si prega di contattare la segreteria:

3 A: PRINCIPI E TECNICHE DELLA QUALITA' Sono inseriti in questa categoria tutti i corsi che spiegano i principi generali della qualità ed insegnano le tecniche più comuni per applicarli. Alcuni dei temi trattati sono parte integrante anche delle norme della ISO 9000: che ha recepito molti di questi principi e rende necessaria la conoscenza delle tecniche. B:CONOSCERE ED APPLICARE LE NORME SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITA' Questi corsi sono dedicati alla conoscenza delle norme relative ai Sistema di Gestione per la Qualità e alle linee guida e strumenti oggetto di normazione da parte dell ISO. C: LA QUALITA NELLE DIVERSE FUNZIONI AZIENDALI In questa categoria sono inseriti tutti i corsi che trattano le applicazioni dei principi della qualità in specifici settori aziendali. Rientrano in questa categoria ad esempio i corsi sulla qualità nella progettazione, negli approvvigionamenti, nella manutenzione ecc. D: LA QUALITA' NEI DIVERSI TIPI DI AZIENDE Questa categoria comprende i corsi che trattano le applicazioni dei principi e delle tecniche della qualità in attività industriali o di servizio che presentano specificità tali da rendere necessaria una trattazione pecifica. Ad esempio i corsi dedicati alle piccole e medie imprese, e quelli relativi alle aziende di servizi. E: EXCELLENCE - FOCUS SULL'ECCELLENZA Questa categoria è rivolta alle tematiche più recenti ed innovative e con il maggior valore aggiunto, quali ad esempio il TQM ed i Modelli dei premi per la qualità e le tecniche relative. F: RISORSE UMANE Questa categoria comprende i corsi per un approccio alla competitività crescente, iniziando dal momento dell assunzione, gestione dei talenti, indagini di clima aziendale, comunicazione, strumenti per l'innovazione e la creatività, Toyota Production System, ecc. G: AMBIENTE, SICUREZZA, ASPETTI LEGALI E RESPONSABILITA' SOCIALE Questi corsi trattano la tematica del Sistema di Gestione Ambientale, gli aspetti di responsabilità legale di prodotto, il Rischio d Impresa, la sicurezza dell informazione, BS OHSAS 18001: 2007, responsabilità sociale. Sono inoltre presenti Corsi di Aggiornamento per RSPP e ASPP sulle tematiche della Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro identificati dai codici G06- G07 - G20.

4 S: GLI STRUMENTI QUANTITATIVI PER LA QUALITA' - Metododi statistici di base ed avanzati per la Qualità Questa categoria include i temi classici della qualità sempre importanti e necessari quali le tecniche statistiche. CORSI SU RICHIESTA La progettazione di corsi specifici per le Aziende associate, anche presso la loro sede. MASTERS Effettuati in collaborazione con Università ed Aziende Metodi Quantitativi e Gestione dei Sistemi per la Qualità In collaborazione con l'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Affidabilità e Qualità delle Misure In collaborazione con Mitutoyo Italiana Srl Per informazioni si prega di prendere contatto con la Segreteria allo 02/

5 Principi e Tecniche della Qualità LA GESTIONE DEI RECLAMI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il corso è pensato per aiutare le aziende di produzione di beni o di servizi, in particolare le piccole e medie imprese, a gestire in modo efficace i reclami. Il concetto presentato è quello del reclamo come opportunità perché permette di passare dall insoddisfazione alla fidelizzazione del Cliente. Attraverso le esercitazioni, studiate appositamente per il corso, e lo scambio di esperienze gestito da docenti, i partecipanti potranno sperimentare la differenza tra vivere il reclamo come una seccatura o piuttosto considerarlo come un occasione per riconquistare la fiducia di un cliente insoddisfatto, o per introdurre miglioramenti operativi. La gestione ottimale dei reclami produce contemporaneamente risultati positivi per l azienda e contribuisce al soddisfacimento di alcuni requisiti fondamentali della UNI EN ISO : soddisfazione del cliente e miglioramento continuo. Durata: 2 gg - Codice A04 PROCESSI AFFIDATI ALL'ESTERNO (OUTSOURCING): COME IDENTIFICARLI E TENERLI SOTTO CONTROLLO La Norma ISO 9001:2008, al punto 4.1 precisa che devono essere definite le modalità per tenere sotto controllo i processi eventualmente affidati all esterno che abbiano influenza sulla conformità del prodotto ai requisiti. Questa precisazione ha fatto sorgere numerosi dubbi nelle organizzazioni che devono applicare la norma, nei consulenti che dovrebbero aiutarle nella progettazione ed attuazione del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), negli enti di certificazione e negli auditor, incaricati di verificarne la conformità. Siamo alla presenza di un nuovo requisito? Esiste una differenza, o addirittura una contrapposizione, tra Outsourcing e Approvvigionamento? Che cos è un processo affidato all esterno? Cosa significa tenere sotto controllo un processo affidato all esterno, e quali competenze sono necessarie? Dopo una sessione introduttiva, l argomento sarà analizzato attraverso esempi applicativi in settori diversi, dal manifatturiero ai servizi. Gli esempi potranno essere ricavati anche da situazioni particolari suggerite dai partecipanti. Durata: 0,5 g - Codice A05 IL LATO ECONOMICO DELLA QUALITÀ: PERSEGUIRE IL MIGLIORAMENTO ATTRAVERSO LA GESTIONE DEI COSTI I costi della qualità costituiscono un dispositivo di misura dell'andamento dei Sistemi di Gestione Aziendali e permettono di quantificare (insieme con il fatturato, il valore aggiunto ecc.) i rischi, i costi ed i benefici delle scelte strategiche riguardanti la gestione per la qualità. Obiettivo del corso è di fornire ai partecipanti gli strumenti per impostare un sistema di rilevazione e gestione dei costi che permetta di attivare i programmi di miglioramento che portino all ottenimento di benefici economici e finanziari per l azienda, come suggerito anche dalla ISO Il corso prevede l esposizione della panoramica della normativa e dei modelli in materia, indicazioni sul come attuare sistemi di rilevazione e controllo dei costi della qualità ed esempi pratici di realizzazione ed applicazione di tali sistemi. Workshop e momenti di discussione sono anche parte integrante del corso. Durata: 2 gg - Codice A09

6 Conoscere ed applicare le Norme sui sistemi di Gestione per la Qualità CRITERI E METODI PER PROGETTARE E DOCUMENTARE UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (I REQUISITI DELLA NORMA ISO 9001:2008 E DELLA GUIDA ISO 10013) Condurre e far funzionare un organizzazione con successo richiede una gestione sistematica, visibile e adeguatamente documentata. Questo corso fornisce le informazioni necessarie per documentare razionalmente un Sistema di Gestione per la Qualità utilizzando il ricco materiale didattico fornito. Il corso prevede anche l esecuzione di lavori di gruppo mirati a preparare procedure documentate di sistema e/o di processo che saranno discusse e corrette direttamente in aula. Durata: 2 gg - Codice B01 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNI DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (IN ACCORDO CON LA NORMA ISO 19011:2012 Il corso si propone di fornire la preparazione necessaria per l organizzazione, la programmazione e l esecuzione delle verifiche ispettive interne, del Sistema di Gestione per la Qualità aziendale, a fronte delle norme ISO 9001:2008 ed ISO Per consentire ai partecipanti di acquisire la competenza necessaria per effettuare con efficacia le verifiche ispettive, all insegnamento dei principi e delle tecniche, saranno alternate delle esercitazioni, dei casi di studio e role-playing, in modo da simulare delle verifiche ispettive. Il corso, indispensabile per tutti coloro che devono effettuare verifiche ispettive interne, è ritenuto valido dagli organismi di certificazione per dimostrare l addestramento sulle verifiche ispettive. Al termine del corso si tiene un esame, facoltativo, che ha lo scopo di valutare e garantire il livello di apprendimento raggiunto. Durata: 3 gg - Codice B02 LA GESTIONE PER PROCESSI NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Ripensare l organizzazione in modo da renderla più efficiente, più efficace e flessibile è lo stimolo che viene dall edizione della norma ISO 9001:2008 che raccomanda l utilizzo dell approccio per processi. Tuttavia, per una piccola o media organizzazione, può non essere agevole passare da uno schema tradizionale all approccio per processi, che consiste nell individuare i processi e governarli. Durante il corso i partecipanti potranno, grazie alla metodologia particolarmente studiata per le PMI, tracciare il proprio percorso graduale verso il nuovo approccio che punta essenzialmente al miglioramento delle performance aziendali. Il corso si propone di fornire gli elementi di base per comprendere ed attuare un approccio per processi nell ambito del sistema di gestione per la qualità. Per la profondità, il tipo di tematiche e per l interdisciplinarietà degli argomenti trattati, il corso è studiato particolarmente per i Responsabili Qualità, Responsabili dei processi aziendali e Titolari delle piccole e medie aziende. Durata: 2 gg - Codice B03

7 I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000 E LA LORO APPLICAZIONE: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE E LEADERSHIP NELLE ISO 9000 La Responsabilità della Direzione e la Leadership costituiscono, due dei principi ispiratori delle norme ISO 9000; essi sono indispensabili per un efficace applicazione dell intera norma e sono dettagliati in numerosi requisiti specifici particolarmente importanti. Scopo del corso è di presentare sia il senso complessivo della Responsabilità della Direzione (quali sono le responsabilità della direzione? quanto sono delegabili?), sia la messa in pratica di ciascuna delle sue singole componenti e relativi requisiti. Varie esercitazioni integrano la presentazione dei concetti e dei metodi. Persone interessate a capire i contenuti, vederne le applicazioni e discuterle in gruppo. Durata: 1 g - Codice B04 LE ISO 9001: PRINCIPI, CONTENUTI ED ESERCITAZIONI. (CORSO PRATICO DI APPRENDIMENTO PER COLORO CHE SI ACCOSTANO PER LA PRIMA VOLTA ALLE NORME UNI EN ISO 9000) Il corso si propone di fornire l apprendimento delle norme ISO 9001:2008 e la capacità di applicarle a diverse tipologie di organizzazioni. Per ottenere questo risultato, il corso prevede, per ogni paragrafo della norma, anzitutto la spiegazione dei requisiti; a questa segue la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro ristretti, per terminare con una discussione collegiale del lavoro fatto, guidata dal docente. Il corso è indispensabile per coloro che intendono effettuare un adeguata preparazione per collaborare alla realizzazione del Sistema di Gestione per la Qualità nella loro organizzazione; in particolare il corso è indispensabile per svolgere con competenza i compiti del rappresentante della direzione o del valutatore. Durata: 3 gg - Codice B05 COME AFFRONTARE LA PIANIFICAZIONE, IL RIESAME, LA VERIFICA E LA VALIDAZIONE DELLA PROGETTAZIONE I requisiti contenuti nel paragrafo 7.3 della norma ISO 9001:2008, non differiscono nella sostanza da quanto era previsto allo stesso paragrafo della ISO 9001:2000, ma già da allora si riteneva che i requisiti richiesti dalla norma per tenere sotto controllo la progettazione fossero i più pesanti da applicare all interno di un organizzazione. In entrambe le norme non è più possibile escludere la progettazione, nel momento in cui questa attività ha influenza sulla capacità dell'organizzazione, o sulla sua responsabilità, di fornire prodotti che siano conformi ai requisiti del cliente e a quelli cogenti applicabili. Spesso le fasi di pianificazione, riesame, verifica e validazione vengono affrontate in maniera puramente formale per fornire un evidenza plausibile al team di audit dell Ente di Certificazione, senza riuscire a sintonizzare pienamente quanto richiesto dalla norma con il proprio modo di lavorare. La trattazione intende suggerire degli spunti per integrare i requisiti della norma nel proprio modo di lavorare senza appesantimenti formali, identificando quelle attività che assicurano la conformità alla norma e, al tempo stesso, del reale valore aggiunto al processo di progettazione. L argomento sarà analizzato attraverso esempi applicativi in settori diversi, scelti tra quelli di interesse tra i partecipanti. Durata: 1 gg - Codice B06

8 GLI INDICATORI DI PRESTAZIONI AZIENDALI = INDICATORI PER COMPETERE Disporre di adeguati indicatori di processo e di prestazione non è solo un esigenza che nasce dall applicazione delle norme della famiglia ISO E molto di più. I Responsabili, a tutti i livelli dell organizzazione, hanno la necessità di disporre di indicatori di prestazione del business che gestiscono per prendere decisioni basate su elementi concreti e dati di fatto. Gli indicatori assumono oggi molteplici valenze: guidare il cambiamento, indirizzare e coordinare gli obiettivi, supportare la gestione interna per il conseguimento di una sempre maggiore efficienza e efficacia, ecc. Oggi, grazie anche ai sistemi informativi, le organizzazioni dispongono di diverse misure o indicatori, ma non sempre sono coerenti e bilanciati con valori, strategie, obiettivi, attività e risultati. Questo seminario offre l opportunità di rivedere gli indicatori esistenti, di analizzare la necessità di nuove misure di previsioni, di andamento delle attività in modo da poter competere meglio e di accrescere il valore per tutte le parti interessate. Durata: 1 g - Codice B07 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR DEI SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (40 ORE) Il corso è organizzato per rispondere alla richiesta di formazione ed addestramento sulle metodologie di esecuzione delle Verifiche Ispettive secondo la norma UNI EN ISO 19011, applicata alla valutazione e sorveglianza di sistemi di gestione per la qualità realizzati in conformità alle norme della famiglia UNI EN ISO 9000:2005 ed in particolare ISO 9001:2008. Il corso è di estremo interesse: per le persone che si propongono di accedere all iter di certificazione dei VSGQ, per tutte le persone o organizzazioni che intendono instaurare un sistema qualità o che intendono utilizzare lo strumento degli audit come mezzo di verifica dell efficacia del proprio sistema qualità o per la selezione, valutazione e sorveglianza dei propri fornitori. Il corso è stato completamente rinnovato per renderlo più pratico e per ristrutturarlo in due moduli. Il corso risponde completamente ai requisiti richiesti dalla AICQ-SICEV per l ammissione agli esami di auditor dei sistemi di gestione per la qualità (V.S.G.Q.). Il corso segue le regole definite dalla Organizzazione Europea per la Qualità (E.O.Q.), in modo da poter accedere ad eventuali futuri riconoscimenti a livello europeo della figura del V.S.G.Q. (E.O.Q.- Quality Auditor). Durata : 5 gg - Codice B08 COME PORTARE L AZIENDA ALLA CERTIFICAZIONE (UN PERSORSO FORMATIVO PER PREPARARE LE AZIENDE ALLA CERTIFICAZIONE) Il percorso formativo proposto riunisce e semplifica i contenuti dei corsi B05, B01 e B02, ed ha l'obiettivo di preparare le Organizzazioni alla comprensione ed alla realizzazione di un Sistema di Gestione per la Qualità ed alla relativa certificazione. Il percorso è articolato in tre moduli: _ il primo, della durata di tre giorni, tratta in modo approfondito e pratico i requisiti della norma ISO 9001:2008 ed è particolarmente ricco di esercitazioni; _ il secondo, della durata di due giorni, tratta la progettazione e la documentazione del Sistema di Gestione per la Qualità; _ l'ultimo modulo, della durata di due giorni, tratta delle verifiche ispettive interne. I tre moduli si svolgono a distanza di qualche giorno l'uno dall'altro e sono ricchi di materiale didattico (che include anche un CD che contiene un esempio di Manuale Qualità, le Procedure richieste dalla ISO 9001:2008 e una raccolta di Moduli per le registrazioni della Qualità), di esempi, esercitazioni e lavori di gruppo. Durata: 3 moduli di gg - Codice B09

9 COME AUMENTARE I BENEFICI ECONOMICI DELLA QUALITÀ: LA NORMA ISO Troppo spesso la Qualità viene considerata un costo, una tassa necessaria. La recente Norma ISO 10014, ha invece un titolo molto esplicativo: "Gestione per la Qualità-Linee guida per ottenere benefici economici e finanziari", e vuole indicare un metodo per come fare ad ottenere lo scopo. Il corso, dopo aver richiamato le tappe principali dell'evoluzione della tematica sull'economia della Qualità, presenta il contenuto della Norma stessa attraverso i suoi blocchi principali: la nuova griglia di maturità, il doppio questionario di autovalutazione, il metodo Radar, la ricca biblioteca degli strumenti disponibili per trarre benefici economici da quanto individuato. Si passa quindi, mediante esercitazioni, a provare ad applicare il metodo e ad approfondire l'utilizzo di strumenti, tra quelli ritenuti più idonei. Durata: 1 g - Codice B11 NOVITA' - CORSO SULLA NUOVA ISO 9004:2009. GESTIRE UN'ORGANIZZAZIONE PER IL SUCCESSO DUREVOLE - L'APPROCCIO DELLA GESTIONE PER LA QUALITÀ La norma intende fornire un aiuto di sostanza alle organizzazioni interessate a raggiungere i propri obiettivi nel proprio contesto esterno. Poiché questo contesto in moltissimi casi è ormai estremamente dinamico e competitivo, la norma assegna grande importanza alla strategia, all innovazione ed all apprendimento. La norma fornisce quindi una prospettiva di gestione per la qualità più ampia rispetto alla ISO La norma offre un aiuto di sostanza a quella parte di aziende che accetta la sfida di rimanere competitive in un contesto sempre più difficile: - essa estende le esigenze ed aspettative dei clienti a quelle di tutte le pertinenti parti interessate, per realizzare più forti sinergie e prospettive di patrimonio, non solo di qualità delle forniture; - essa fornisce una guida per il miglioramento sistematico e continuo delle prestazioni complessive dell'organizzazione in una prospettiva che include l oggi ma considera anche il domani e il dopodomani. Durata: 1 g - Codice B13 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE (40 ORE MODULARE) Il corso è organizzato per rispondere alla richiesta di formazione ed addestramento sulle metodologie di esecuzione delle Verifiche Ispettive secondo la norma UNI EN ISO 19011, applicata alla valutazione e sorveglianza di sistemi di gestione ambientali realizzati in conformità alla norma ISO Il corso è di estremo interesse: per le persone che si propongono di accedere all iter di certificazione dei VSGA, per tutte le persone o organizzazioni che intendono implementare un sistema ambientale o che intendono utilizzare lo strumento degli audit come mezzo di verifica dell efficacia del proprio sistema ambientale e/o per la selezione, valutazione e sorveglianza dei propri fornitori. Il corso è completamente rinnovato per renderlo più pratico ed è composto di due moduli. Il corso risponde completamente ai requisiti richiesti dalla AICQ-SICEV per l ammissione agli esami di valutatore dei sistemi di gestione ambientale (VSGA). Il corso segue le regole definite dalla Organizzazione Europea per la Qualità (E.O.Q.), in modo da poter accedere ad eventuali futuri riconoscimenti a livello europeo della figura del VSGA. Durata : 5 gg - Codice B17

10 COME METTERE IN PRATICA I REQUISITI PIÙ IMPORTANTI DELLE NORME DELLA FAMIGLIA ISO 9000 Corsi monografici della durata di un giorno ciascuno che possono essere frequentati anche singolarmente, per imparare e mettere in pratica i requisiti più importanti delle norme della famiglia ISO I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000: MISURE E INDICATORI La misurazione è uno dei Principi della Gestione per la Qualità, ed è alla base del miglioramento (senza misurazione non si migliora), e può essere una importante opportunità per le aziende. Che cosa misurare? Che cosa (di importante) "non stiamo misurando"? Perché misurare? Come misurare? La coppia coerente di norme 9000 e 9004 introduce alcuni requisiti generali e fissa alcuni tipi di misurazioni che vengono ora espressamente richiesti. Essi sono: la soddisfazione dei clienti, i processi, i prodotti, le verifiche ispettive. Durata: 1 g - Codice B21 I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000: IL MIGLIORAMENTO CONTINUO (I REQUISITI, LA LOGICA, L APPLICAZIONE) Il miglioramento continuo costituisce, nelle norme della famiglia ISO 9000, uno dei principi ispiratori ed è inserito in numerosi requisiti specifici particolarmente importanti. Questo corso si propone di mettere a fuoco il significato e illustrare le sue applicazioni operative: che cosa migliorare e decidere di migliorare? A quale livello? Quanto migliorare, come migliorare? Quest'ultimo quesito apre il ventaglio delle tecniche, dal miglioramento continuo a quello a grandi passi, dall'autovalutazione al benchmarking. Durata: 1 g - Codice B22 GLI STRUMENTI PIÙ IMPORTANTI PER IL MIGLIORAMENTO Il miglioramento continuo rappresenta uno degli otto principi fondamentali considerati dalle norme della famiglia ISO 9000 per la gestione del Sistema Qualità. Le azioni per il miglioramento continuo dovrebbero diventare quindi un obiettivo permanente dell'organizzazione e comprendere i seguenti passi: - creazione della motivazione per il miglioramento; - valutazione dell'efficacia e dell'efficienza del processo esistente; - individuazione delle cause di problemi; - individuazione delle possibili soluzioni; - valutazione dei risultati ottenuti; - consolidamento delle nuove soluzioni; - valutazione dell'efficienza del nuovo processo e dell'efficacia delle azioni di miglioramento. Durata: 1 g - Codice B24

11 EXECUTIVE AUDITOR: LA NUOVA FRONTIERA DELL'AUDITOR Il mondo dei sistemi di gestione, in particolare per la qualifica degli auditor, da sempre ha regolamentato i criteri di certificazione degli addetti. In particolare con l evoluzione del mondo aziendale verso i temi organizzativi si sono evidenziate delle esigenze di formazione aggiuntive per soddisfare le competenze richieste. Attualmente gli addetti ai lavori sono competenti sulle normative applicabili, sui sistemi di produzione, sulle tecniche di controllo ed in generale sul come valutare le strutture organizzative, il gap di competenze da colmare riguarda principalmente tre aspetti: - come individuare in modo semplice, veloce ed efficace le strategie delle imprese per orientare gli audit affinché possano fornire anche una indicazione su quanto il sistema di gestione sia effettivamente allineato agli obiettivi direzionali; - come interpretare al meglio la finalità dell approccio per processi che rappresenta una delle opportunità migliori derivate dalle teorie organizzative per orientare la gestione in base agli obiettivi; - come valutare la coerenza degli indicatori definiti dalle organizzazioni ed interpretare quelli di natura economico finanziaria. Durata: 2 gg - Codice B26 LE REGOLE DELLA VALUTAZIONE ED ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITÀ ED I SUOI PROCESSI Per valutazione della Conformità si intende (ISO 17000): "la dimostrazione che requisiti specificati relativi ad un prodotto, processo, sistema, persona od organismo sono soddisfatti". Essa include la messa a punto e l'applicazione dei metodi, generali e specifici, perché essa sia credibile e riconosciuta. Il suo campo è quindi vastissimo e la sua importanza è enorme: quanto conforme?, come possiamo provarlo?, come decidere se è accettabile?. Appare evidente che, in un mondo sempre più interconnesso e globale, le domande precedenti stanno assumendo un'importanza grandissima e crescente, possono aprire o chiudere mercati, e sono alla base di moltissimi problemi, riassumibili nelle seguenti domande cruciali: quanto ci possiamo fidare? Quanto ci possiamo fidare dei cibi che consumiamo? quanto ci possiamo fidare delle prestazioni di nuovi prodotti? quanto ci possiamo fidare delle misure di un laboratorio sconosciuto? quanto ci possiamo fidare delle certificazioni? quanto ci possiamo fidare degli accreditamenti? quali sono i requisiti base per sottoscrivere Accordi di Mutuo Riconoscimento? Sono tutti esempi di quesiti a cui i metodi della Valutazione di conformità danno le risposte possibili. Il corso presenta i concetti generali unificanti che sono ora alla base dei metodi ( l'approccio funzionale ) ed i metodi descritti dalle nuove Normative per i singoli campi, tra cui: la certificazione dei prodotti, l'accreditamento degli Organismi di Certificazione (la ISO 17021), l'accreditamento dei Laboratori, la dichiarazione di conformità del Fornitore, la certificazione del Personale. Viene considerato sia l'ambito volontario che quello cogente, retto dalle direttive Europee sul Nuovo approccio (in larga misura già allineate alla Normativa internazionale). Durata: 1 g - Codice B27

12 La Qualità nelle diverse Funzioni Aziendali APPROCCIO APPLICATIVO ALLA STIMA DELL INCERTEZZA DI MISURA Tutti gli ambienti applicativi condividono oggi una problematica: lo stretto legame tra il rischio decisionale nelle valutazioni di conformità o non conformità a specifiche di prodotto o di servizio per le aziende o dei risultati di Prove o Analisi per i Laboratori e l incertezza associata alle misure. La centralità di questa problematica è sottolineata dall intensa emissione di nuove norme (o loro revisioni) mirate alla qualità dei processi di misurazione in tutti i settori (parametri ambientali, sicurezza e salute dell uomo, qualità dei prodotti e della strumentazione con cui si misurano caratteristiche e parametri, ecc.): si citano ad esempio la 17025:2005 per la competenza dei Laboratori di Prova e di Taratura, la 10012:2004 sul sistema di gestione delle misure e sulla conferma metrologica, la 5725/1 6:2004 sull accuratezza dei risultati e dei metodi di misurazione, la 13843:2003 sulla qualità dell acqua, la :2001 sulla gestione dell incertezza di misura, la13005:2000 per il calcolo dell incertezza di misura, eccetera. Questo corso, di taglio essenzialmente pratico applicativo, riassume i passi essenziali per stimare l incertezza connessa ai vari processi di misurazione e porta a familiarizzare con il suo calcolo attraverso la risoluzione di casi che frequentemente si presentano nella quotidianità lavorativa. Durata: 2 gg - Codice C01 NOZIONI DI BASE PER MISURE AFFIDABILI: QUALITÀ, COSTI E RISCHI Il corso è progettato per fornire una conoscenza concreta, solida e pratica di ciò che sta alla base di ogni processo di misurazione aziendale o di laboratorio. Presenta una rassegna ordinata e sistematica degli elementi presenti in ogni processo di misurazione che svolgono un ruolo nel far raggiungere al risultato del processo (cioè alla misura) l'affidabilità necessaria a prendere decisioni corrette. Il corso esamina i più comuni e diffusi errori connessi all'uso della strumentazione, alla lettura dei dati di taratura o delle specifiche dei costruttori, alla valutazione dell'influenza degli ambienti, alla manualità degli operatori, all'impiego dei SW di calcolo o di gestione, alla compilazione delle procedure e istruzioni operative interne, alla mancata o superficiale valutazione dei servizi di taratura, eccetera. Durata: 2 gg (4 trânches di 4 ore se effettuato in house) - Codice C02 QUALITÀ DELLE FORNITURE: IL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Per un numero sempre maggiore di imprese la soddisfazione dei clienti è fortemente dipendente dalla qualità delle forniture dei prodotti o dei servizi. L'approvvigionamento diventa un processo strategico per la soddisfazione dei clienti e per la competitività dell'impresa. Il valore generato da un eccellente processo di approvvigionamento può essere fondamentale per la creazione di un organizzazione eccellente. Il corso si propone di fornire la preparazione necessaria per progettare, gestire o valutare un processo di approvvigionamento ed applicare in modo efficace ed efficiente i requisiti della ISO 9001:2008 e le indicazioni della linea guida ISO 9004:2009. Inoltre saranno illustrate metodologie specifiche per la gestione del processo di approvvigionamento: scelta e valutazione dei fornitori, misura delle prestazioni dei fornitori (vendor rating), costo all'impiego, acquisto dei processi in outsourcing, relazioni di partnership con i fornitori, competenze del personale addetto, ecc... Durata: 2 gg - Codice C03

13 NOVITA': CONFERMA METROLOGICA, TARATURA, VERIFICA E CONTROLLI INTERMEDI Le più recenti norme e guide ufficialmente emesse (UNI 9000:2005, VIM 3a edizione 2007, UNI 17025:2005, UNI 10012:2004, ecc.) riconfermano queste attività, i cui contenuti consentono se propriamente assimilati e applicati un significativo risparmio di risorse e una gestione più affidabile delle apparecchiature e dei processi di misurazione di laboratorio e d azienda. Che sussista qualche difficoltà interpretativa nei loro confronti è reso evidente da quanto si riscontra nella realtà applicativa: da una parte nette sovrapposizioni delle attività connesse a questi requisiti (con inutili sprechi economici) e, di contro, vuoti d applicazione a scapito dell affidabilità dei risultati. Scopo principale di questo corso è appunto quello di rendere familiari questi concetti attraverso un linguaggio che abbia immediato riscontro dal punto di vista applicativo. Secondariamente, dare evidenza attraverso esemplificazioni operative del risparmio in risorse che si può ottenere adottando modelli gestionali che sfruttino al massimo le opportunità offerte dalla corretta interpretazione dei requisiti stessi. Durata: 1 g Codice C04 NOVITA : LABORATORI DI PROVA E DI TARATURA: AUDIT E INDICATORI Quando l audit interno viene condotto con la dovuta competenza sia tecnica che gestionale diventa un mezzo potente e prezioso sia per prevenire non conformità od osservazioni da parte di auditor esterni (di parte seconda o di parte terza) sia per l innesco di azioni preventive o di miglioramento. Purtroppo, nella pratica operativa, capita troppo spesso che l auditor di sistema non abbia la dovuta sensibilità verso gli aspetti specificatamente metrologici connessi alla propria organizzazione e la giusta percezione del rischio che questa corre nell utilizzare i risultati delle misurazioni per le normali decisioni di conformità a requisiti normativi o di legge o a specifiche di prodotto o di sistema e l appropriata esposizione dei risultati su rapporti destinati ai clienti. Il corso mette anche in evidenza le più frequenti lacune riscontrate nel corso di verifiche ispettive condotte da organismi di certificazione e di accreditamento. Anche la scelta di indicatori specifici per l attività di laboratorio costituisce un elemento importante e prezioso per poter condurre con efficacia il riesame di direzione. Indicatori quantificabili, selezionati sulla base di svariate esperienze operative, verranno presentati e discussi per una loro corretta personalizzazione ad ogni tipo di laboratorio. Il corso è destinato, quindi, a chi ha la responsabilità di effettuare verifiche periodiche sul sistema di gestione delle misurazioni di laboratorio e d azienda o a chi, come responsabile dello stesso sistema, vuole valutarne l adeguatezza e individuare dei parametri quantitativi di valutazione del suo andamento nel tempo. Durata: 1 g Codice C05

14 LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI SECONDO LE NORME DELLA FAMIGLIA ISO 9000 Nella progettazione e nello sviluppo di prodotti e processi per la direzione dovrebbe assicurarsi che l organizzazione sappia prendere in esame non solo le prestazioni e le funzioni fondamentali dei suoi prodotti e dei suoi processi, ma anche tutti gli altri fattori che contribuiscono a raggiungere gli obiettivi prestazionali attesi dai clienti e dalle altre parti interessate. Il corso, che va ben oltre i requisiti previsti dalle nuove ISO, insegna a governare questo importante processo del programma Qualità e permette di far nascere progetti di prodotti e di processi in tempi brevi e senza sorprese. I rilevanti successi ottenuti con la Concurrent Engineering fanno considerare l area della progettazione e sviluppo come quella più ricca di potenziale per ridurre il cosiddetto tempo al mercato (time to market). Il corso è rivolto a tutti coloro che dirigono le attività di progettazione e/o di sviluppo di prodotti e di processi. Durata: 2 gg - Codice C07 L ANALISI DEI MODI E DEGLI EFFETTI DI GUASTO E DELLA LORO CRITICITÀ (FMEA/FMECA) L'analisi FMEA/FMECA, come tante altre metodologie attuali, ha avuto origine alla NASA per il programma missilistico spaziale ma ha trovato un'immediata applicazione nel settore automobilistico estendendosi poi in ogni settore manifatturiero e, con qualche adattamento, ai servizi. Questa analisi è basata su quattro principi incontrovertibili: 1 - è meglio frazionare in componenti digeribili i problemi di grosse dimensioni; 2 - una catena si spezza dove è presente l'anello più debole; 3 - il risultato di una stima di un gruppo di persone competenti non è mai lontana dal vero; 4 - anche quando le componenti di un problema sono molte, solo poche sono determinanti. L'analisi FMEA/FMECA è considerata l'azione preventiva per eccellenza e trova la sua più pratica applicazione per la prevenzione dei rischi di qualsiasi natura. Il corso proposto sviluppa l'analisi FMEA/FMECA per le attività di progettazione di prodotti, di processi e di sistemi. Saranno considerati, con esempi pratici, come stimare la probabilità che una causa di guasto possa insorgere, come determinare la gravità dell'effetto di guasto e come migliorare la rilevabilità del guasto stesso. Vengono al fine fatte considerazioni utili relativamente all'indice di priorità di rischio (IPR) e di come intervenire al fine di poterlo minimizzare. Durata: 1 g - Codice C08 PROJECT MANAGEMENT: METODOLOGIE E CRITICITÀ Il corso si propone di approfondire le metodologie necessarie a governare progetti complessi, innovativi e interfunzionali. Le tre giornate si aprono con una breve illustrazione dei principi e dei campi di applicazione del Project Management quale disciplina organizzativa. E quindi approfondita la fase di pianificazione del progetto, analizzandone le varie tecniche, partendo dai risultati operativi da realizzare per arrivare alla definizione del conto economico di progetto. Nella seconda parte si esaminano le tecniche connesse con il controllo del progetto, in particolare quelle relative al monitoraggio dello stato di avanzamento dei tempi/costi e alla gestione delle modifiche in corso d opera.

15 Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di: - decidere quando convenga organizzare il lavoro utilizzando metodologie di project management; - stilare un piano operativo di progetto coinvolgendo tutto il team e seguendo la logica dei dieci passi ; - impostare l attività di controllo dell avanzamento del progetto e di reporting alla committenza interna ed, eventualmente, esterna; - impostare l attività di gestione delle modifiche al progetto. I destinatari del corso sono professionisti che, a tempo pieno o parziale, sono chiamati a coordinare progetti aziendali di diversa natura, strategici e altamente interfuzionali. Durata: 3 gg - Codice C10 LA NORMA UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 PER I LABORATORI DI PROVA La norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 viene adottata dai laboratori di prova per conseguire l accreditamento da parte dell organismo nazionale ACCREDIA. Il corso fornisce le nozioni di base per l implementazione del Sistema di gestione nei laboratori di prova in conformità ai requisiti della norma e ai requisiti aggiuntivi di ACCREDIA. Obiettivo del corso è quello di far apprendere la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025: 2005, attraverso esercitazioni che si alterneranno alla spiegazione delle modalità di applicazione dei diversi capitoli, tenendo conto anche dei documenti prescrittivi di ACCREDIA e dei documenti tecnici collegati. In particolare sarà presentata la struttura della documentazione del sistema finalizzata al raggiungimento e/o al mantenimento dell accreditamento del laboratorio. Il corso è propedeutico per coloro che, non avendo una sufficiente conoscenza di base delle norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025: 2005, intendessero frequentare il corso per Valutatori Interni del Sistema di Gestione o altri corsi di approfondimento (ad. esempio per la stima dell incertezza di misura). Durata: 2 gg - Codice C12 VALUTATORE INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE, SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 19011:2012, NEI LABORATORI DI PROVA E MEDICI ACCREDITATI UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 E/O UNI EN ISO 15189:2012 Le norme UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 e UNI EN ISO 15189:2012 vengono adottate dai laboratori di prova e dai laboratori medici per conseguire l accreditamento da parte dell organismo nazionale ACCREDIA. Il corso fornisce le nozioni di base per eseguire gli audit interni in un laboratorio di prova seguendo la linea guida contenuta nella norma UNI EN ISO 19011:2012 e avendo come criteri di audit non solo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 e la UNI EN ISO 15189:2012, ma anche i principali documenti gestionali e tecnici di riferimento di ACCREDIA. Il corso si pone l obiettivo di far conoscere ai partecipanti i principi e gli scopi dell attività di audit e di fornire la metodologia di programmazione ed esecuzione, in un laboratorio di prova o medico accreditato ACCREDIA, degli audit interni secondo quanto previsto dalla norma UNI EN ISO 19011:2012. Durata: 2 gg - Codice C13

16 La Qualità nei diversi tipi di aziende Formazione specifica per il Settore Agroalimentare CORSO PER AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE IN AZIENDE AGROALIMENTARI CON RIFERIMENTO ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008 La proposta vuole fornire una guida per la realizzazione di verifiche ispettive interne nelle aziende del settore alimentare, sulla base della norma UNI EN ISO Verranno esposti i principi e le tecniche costantemente accompagnate da esemplificazioni e giochi di ruolo con metodo interattivo. Vengono inoltre forniti esempi pratici di sistemi qualità realizzati in aziende agroalimentari sia di prima produzione, sia di prima e seconda trasformazione. I destinatari del corso sono tutti coloro che intendono effettuare verifiche ispettive interne di parte prima e seconda, allo scopo di valutare l efficacia e la conformità dei sistemi di gestione della qualità in aziende del settore alimentare. Durata: 2+1 gg - Codice D01 RINTRACCIABILITÀ NELLA PRODUZIONE ALIMENTARE: OBBLIGHI DI LEGGE, ESIGENZE DELLE IMPRESE, GARANZIE PER IL CONSUMATORE, OPPORTUNITÀ DI MERCATO Dal regolamento europeo 178 al nuovo "Pacchetto Igiene", a fronte di questi imperativi ed esigenze, la necessità di attuare un Sistema più o meno evoluto di Rintracciabilità è oggi una necessità inevitabile per tutte le imprese che operano nel Settore Alimentare e non solo, ma anche nei settori ad esso collegati. Ma quali gli effettivi obblighi derivanti da leggi e regolamenti? e al di la degli obblighi, quali le opportunità e i vantaggi per le imprese? Solo analizzando a fondo le diverse tipologie ed organizzazioni delle imprese e le situazioni di mercato è possibile dare una risposta concreta a questi interrogativi e a quelli che ci si può porre di conseguenza. Quali i limiti, le difficoltà e gli oneri e fino a che punto è possibili e conveniente sviluppare un sistema di rintracciabilità? Come aggirare gli ostacoli? Questi fra gli altri gli argomenti trattati nel corso organizzato dal Settore Alimentare AICQ: - le motivazioni per organizzare un sistema di rintracciabilità - come si organizza il sistema in azienda - come e perché organizzare un sistema di rintracciabilità di Filiera - cosa, come e quando rintracciare - i movimenti, i percorsi, la storia, i mezzi. Solo analizzando e discutendo i casi pratici presentati da chi ha avuto l'opportunità di realizzare sistemi di diverse tipologie di imprese, ciascuno potrà decidere le migliori soluzioni per i propri problemi. Durata: 1 g - Codice D03

17 PERCORSO FORMATIVO PER L'IGIENE DELLA PRODUZIONE ALIMENTARE Quattro corsi di una giornata ciascuno che consentono un ampio esame delle regole generali di base per la gestione delle produzioni e preparazioni alimentari in condizioni di qualità e sicurezza igienica. Tematiche affrontate: - Norme di buona produzione alimentare; - V.I.S.A Valutazione igienica stabilimenti alimentari; - Realizzazione di un piano di autocontrollo con il metodo HACCP; - Valutazione e verifica di un piano di autocontrollo HACCP. L'intero percorso formativo comprende l'attuazione, il monitoraggio e la verifica delle condizioni indispensabili per la corretta realizzazione di ogni attività correlata con la produzione, trasformazione, preparazione e distribuzione dei prodotti alimentari. Pur consigliando l'intero percorso, ogni seminario è strutturato in modo da dare ai partecipanti la possibilità di poterne seguire uno o più o tutti, in funzione degli specifici interessi. Durata: 4 gg - Codice D05 REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO CON IL METODO HACCP. Come garantire qualità e sicurezza dei prodotti alimentari La prevenzione dei pericoli relativi alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti alimentari consente una gestione più economica delle attività produttive di una impresa. La realizzazione di un piano di autocontrollo secondo i principi dell HACCP, oltre ad essere la forma più conveniente di garanzia igienica, è un obbligo di legge espressamente previsto per la produzione e gestione dei prodotti alimentari. Il seminario si propone di fornire una guida per la messa a punto del Piano con esempi pratici applicativi ricavati dalla diretta esperienza maturata dal docente nella realizzazione del metodo in diverse realtà aziendali e nella organizzazione di gruppi di studio appositamente condotti in AICQ. Durata: 1 g o 2 gg - Codice D06 FORMAZIONE SPECIFICA PER IL SETTORE AUTOMOTIVE ISO/TS 16949: L INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DEI PROCESSI AZIENDALI Il corso illustra in maniera approfondita i contenuti della norma ISO/TS 16949:2002 con l obiettivo di illustrare le reali opportunità offerte da questa specifica tecnica per valorizzare il proprio SGQ. Saranno analizzati in dettaglio i contenuti della Norma, per consentirne una corretta applicazione ed implementazione dei suoi elementi distintivi al fine di migliorare i processi aziendali. Gli esempi di casi reali e le discussioni sugli argomenti trattati permetteranno di chiarire la corretta applicazione delle prescrizioni della specifica tecnica. Il corso si rivolge a tutti i responsabili coinvolti nella gestione e nello sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità, ma anche a tutte quelle persone, che in Azienda sono coinvolte nei programmi di miglioramento dei processi. Durata: 2 gg - Codice D07

18 NOVITA': LA NORMA ISO 22000:2005. SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE (REQUISITI, MODALITÀ APPLICATIVE, CASI PRATICI E TECNICHE DI AUDIT). IN COLLABORAZIONE CON BUREAU VERITAS La sicurezza della produzione alimentare è un obbligo di legge, una garanzia per il consumatore e per il cliente, una esigenza per le imprese del settore. La prevenzione dei pericoli relativi alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti alimentari consente una gestione più economica delle attività produttive di una impresa. La ISO 22000:2005 è uno Standard internazionale, sviluppato da ISO con l intento base di armonizzare i differenti schemi HACCP con i vari standard utilizzati per la verifica della sicurezza igienica. Lo standard è applicabile ad ogni azienda, direttamente (produttori, distributori) e indirettamente interessata alla filiera (produttori di packaging, servizi di pulizia, derattizzazione, ingredienti, produttori di impianti alimentari, logistica e trasporti). Durata: 2 gg - Codice D13 LA SICUREZZA DELLA PRODUZIONE ALIMENTARE E IL PIANO DI AUTOCONTROLLO HACCP NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Anche nelle piccole realtà è necessario rispettare quei principi generali di igiene atti a garantire la salute dei consumatori. La realizzazione di un piano di autocontrollo secondo i principi dell HACCP, oltre ad essere la forma più conveniente di garanzia igienica, è un obbligo di legge espressamente previsto per la produzione e gestione dei prodotti alimentari. Il seminario si propone di fornire una guida per facilitare l applicazione del piano riducendo gli aspetti formali senza ridurne la necessaria efficacia. Durata: 1 g - Codice D15

19 Excellence - Focus sull Eccellenza EFQM (European Foundation for Quality Management) Figure professionali europee per la qualità. Lo scopo della EFQM è di promuovere una cultura sostenibile di eccellenza delle organizzazioni. IL MODELLO DELLA EFQM PER L ECCELLENZA (WORKSHOP) Il seminario di mezza giornata, ha come obiettivo di presentare ai partecipanti i contenuti e le possibili applicazioni del modello EFQM nelle organizzazioni. Durata: 0,5 g - Codice E01 L AUTOVALUTAZIONE SECONDO IL MODELLO DI ECCELLENZA EFQM Il corso è dedicato alle tecniche dell autovalutazione sulla base del modello EFQM. In particolare il corso fornisce le conoscenze necessarie per pianificare e gestire l autovalutazione e per utilizzare i risultati con i massimi benefici. Nel corso sono previste numerose esercitazioni di gruppo basate su un caso di studio che i partecipanti dovranno aver letto e valutato prima dell inizio del corso. E preferita una pregressa conoscenza del Modello EFQM. Durata: 2 gg - Codice E02 EXCELLENCE ASSESSOR Il corso per Valutatori di Sistema TQM intende fornire le basi per introdurre in azienda la Gestione Totale per la Qualità, per effettuare l autovalutazione secondo il modello EFQM e per impostare conseguenti piani/interventi di miglioramento, anche nella prospettiva di una partecipazione al Premio Qualità Italia e allo schema di riconoscimento EFQM Levels of Excellence. Il corso si articola in due moduli: il primo (2 giorni) è dedicato al Modello EFQM e alle metodiche di valutazione, il secondo (3 giorni) è basato sull esame di un caso di studio per sviluppare tecniche di valutazione, consenso e reporting. Durata: 3 gg - Codice E03 DALL AUTOVALUTAZIONE AL MIGLIORAMENTO: LA PRIMA TAPPA DEL PERCORSO VERSO L ECCELLENZA Il corso ha come obiettivo di far comprendere ai partecipanti il processo per il raggiungimento del livello 1 Committed to Excellence, Impegno verso l Eccellenza all interno dei Levels of Excellence, Livelli di Eccellenza della EFQM. In particolare si affronteranno: gli elementi del processo di autovalutazione semplificato, le modalità per passare dalle aree da migliorare all individuazione delle iniziative di miglioramento, la metodologia per mettere in priorità e scegliere le iniziative di miglioramento da sottoporre al processo di validazione, i criteri di validazione dei miglioramenti, i requisiti per la stesura strutturata e la realizzazione del piano di intervento, le problematiche e i criteri del successo connessi all introduzione dei cambiamenti. Durata: 2 gg - Codice E04

20 Risorse Umane RISORSE UMANE INTERNE ED ESTERNE: COME SELEZIONARLE PER FAR FRONTE ALLA SFIDA DELLA COMPLESSITÀ Per far fronte ai cambiamenti esterni, le organizzazioni devono cambiare al proprio interno e essere in grado di avere a propria disposizione non solo le competenze precipue dei ruoli, ma soprattutto e specialmente le competenze della persona con la propensione ad accettare nuove cose e nuovi modi di fare le cose, con energia e flessibilità. Il corso si indirizza a tutti i manager, con vari livelli di responsabilità, che si occupano di intervistare candidati per l inserimento nella propria struttura. Non è quindi un corso solo per addetti ai lavori (v. addetti alla selezione), ma a tutti coloro che devono ridefinire ruoli e responsabilità e comprendere quale possa essere la risorsa umana con le caratteristiche distintive preposte al raggiungimento degli obiettivi prefissati, risorsa umana interna all azienda o di nuova assunzione. Durata: 1 g - Codice F01 LA GESTIONE DEI TALENTI (TALENT PEOPLE) Il workshop ha l obiettivo di far comprendere che cosa si intende per: - talenti ; - alto potenziale - alta prestazione - e analizzare quali sono le strategie e gli approcci per evitare fughe di persone chiave dall azienda. Durante il workshop si esamineranno gli approcci che alcune società vincenti stanno adottando al riguardo e si avranno possibilità di confronto attraverso testimonianze esterne. Durata: 1 g - Codice F02 INDAGINE DI CLIMA Tutte le organizzazioni siano esse dedite alla produzione di beni o all erogazione di servizi hanno la necessità di conservare e deliziare i propri Clienti esterni. Le Risorse Umane, oggi più che mai, costituiscono uno dei veicoli più importanti nella collaborazione con i Clienti e possono davvero essere un differenziatore di Qualità. Le organizzazioni di successo riconoscono i contributi forniti dai propri collaboratori, sviluppano il loro potenziale, migliorano le competenze, riconoscono gli sforzi, gestiscono i talenti, in breve aumentano la soddisfazione dei propri Clienti interni per fidelizzare i Clienti esterni. In molti casi di successo, i Collaboratori sono essi stessi brand dell organizzazione. Questo corso si propone di fornire un metodo per effettuare l indagine sulla soddisfazione dei dipendenti, partendo dai valori, visione, missione e strategia dell organizzazione, identificando e segmentando gli attributi di valore per il cliente interno. La metodologia fornita permette anche di comprendere quando può risultare necessario utilizzare domande aperte, come raccogliere i dati, con quale frequenza effettuare l indagine e come dare priorità ai miglioramenti. Un corso interattivo, con esempi e casi di studio reali. Durata: 1 g - Codice F03

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Relazione SINCERT Novembre 2005 LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli