Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione"

Transcript

1 La nostra Missione Diffondere la cultura della Qualità e le tecniche per la conformità, il miglioramento, l'eccellenza, la sostenibilità, la gestione del rischio, l'ambiente nelle diverse tipologie di prodotto, servizio, organizzazioni La nostra Visione Essere il riferimento culturale su tematiche storiche e su tematiche emergenti per un più ampio ventaglio di Organizzazioni. Essere riferimento riconosciuto ed autorevole per le professionalità nella Qualità e per la formazione delle Imprese e delle Istituzioni sul Territorio. Conseguire una crescita di sinergie con le nostre Parti Interessate. I nostri Valori Potenziare la professionalità dei Clienti Deliziare i Clienti nel servizio e nel rapporto Valorizzare le diversità dei partecipanti alla formazione Eccellere nella nostra offerta Migliorare continuamente Stimolare il Team Work Favorire la massima espressione del potenziale dei formatori I nostri Clienti Le Imprese I Professionisti Le Istituzioni I partecipanti alla formazione

2 I nostri Know How I cinquantacinque anni di vita dell'associazione I trentasette anni della nostra rivista I nostri Convegni nazionali Le nostre pubblicazioni L'ampia rosa dei nostri Settori e Comitati L'ampia rosa di docenti La lunga esperienza nella Formazione, in Aula e nelle Imprese CATALOGO CORSI 2014 Nota Bene: Nel catalogo corsi sono presenti tutte le proposte formative. Per le date di erogazione di ogni singola proposta si prega di consultare il Calendario Corsi. Per i corsi non inclusi nel calendario si prega di contattare la segreteria:

3 A: PRINCIPI E TECNICHE DELLA QUALITA' Sono inseriti in questa categoria tutti i corsi che spiegano i principi generali della qualità ed insegnano le tecniche più comuni per applicarli. Alcuni dei temi trattati sono parte integrante anche delle norme della ISO 9000: che ha recepito molti di questi principi e rende necessaria la conoscenza delle tecniche. B:CONOSCERE ED APPLICARE LE NORME SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITA' Questi corsi sono dedicati alla conoscenza delle norme relative ai Sistema di Gestione per la Qualità e alle linee guida e strumenti oggetto di normazione da parte dell ISO. C: LA QUALITA NELLE DIVERSE FUNZIONI AZIENDALI In questa categoria sono inseriti tutti i corsi che trattano le applicazioni dei principi della qualità in specifici settori aziendali. Rientrano in questa categoria ad esempio i corsi sulla qualità nella progettazione, negli approvvigionamenti, nella manutenzione ecc. D: LA QUALITA' NEI DIVERSI TIPI DI AZIENDE Questa categoria comprende i corsi che trattano le applicazioni dei principi e delle tecniche della qualità in attività industriali o di servizio che presentano specificità tali da rendere necessaria una trattazione pecifica. Ad esempio i corsi dedicati alle piccole e medie imprese, e quelli relativi alle aziende di servizi. E: EXCELLENCE - FOCUS SULL'ECCELLENZA Questa categoria è rivolta alle tematiche più recenti ed innovative e con il maggior valore aggiunto, quali ad esempio il TQM ed i Modelli dei premi per la qualità e le tecniche relative. F: RISORSE UMANE Questa categoria comprende i corsi per un approccio alla competitività crescente, iniziando dal momento dell assunzione, gestione dei talenti, indagini di clima aziendale, comunicazione, strumenti per l'innovazione e la creatività, Toyota Production System, ecc. G: AMBIENTE, SICUREZZA, ASPETTI LEGALI E RESPONSABILITA' SOCIALE Questi corsi trattano la tematica del Sistema di Gestione Ambientale, gli aspetti di responsabilità legale di prodotto, il Rischio d Impresa, la sicurezza dell informazione, BS OHSAS 18001: 2007, responsabilità sociale. Sono inoltre presenti Corsi di Aggiornamento per RSPP e ASPP sulle tematiche della Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro identificati dai codici G06- G07 - G20.

4 S: GLI STRUMENTI QUANTITATIVI PER LA QUALITA' - Metododi statistici di base ed avanzati per la Qualità Questa categoria include i temi classici della qualità sempre importanti e necessari quali le tecniche statistiche. CORSI SU RICHIESTA La progettazione di corsi specifici per le Aziende associate, anche presso la loro sede. MASTERS Effettuati in collaborazione con Università ed Aziende Metodi Quantitativi e Gestione dei Sistemi per la Qualità In collaborazione con l'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Affidabilità e Qualità delle Misure In collaborazione con Mitutoyo Italiana Srl Per informazioni si prega di prendere contatto con la Segreteria allo 02/

5 Principi e Tecniche della Qualità LA GESTIONE DEI RECLAMI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il corso è pensato per aiutare le aziende di produzione di beni o di servizi, in particolare le piccole e medie imprese, a gestire in modo efficace i reclami. Il concetto presentato è quello del reclamo come opportunità perché permette di passare dall insoddisfazione alla fidelizzazione del Cliente. Attraverso le esercitazioni, studiate appositamente per il corso, e lo scambio di esperienze gestito da docenti, i partecipanti potranno sperimentare la differenza tra vivere il reclamo come una seccatura o piuttosto considerarlo come un occasione per riconquistare la fiducia di un cliente insoddisfatto, o per introdurre miglioramenti operativi. La gestione ottimale dei reclami produce contemporaneamente risultati positivi per l azienda e contribuisce al soddisfacimento di alcuni requisiti fondamentali della UNI EN ISO : soddisfazione del cliente e miglioramento continuo. Durata: 2 gg - Codice A04 PROCESSI AFFIDATI ALL'ESTERNO (OUTSOURCING): COME IDENTIFICARLI E TENERLI SOTTO CONTROLLO La Norma ISO 9001:2008, al punto 4.1 precisa che devono essere definite le modalità per tenere sotto controllo i processi eventualmente affidati all esterno che abbiano influenza sulla conformità del prodotto ai requisiti. Questa precisazione ha fatto sorgere numerosi dubbi nelle organizzazioni che devono applicare la norma, nei consulenti che dovrebbero aiutarle nella progettazione ed attuazione del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), negli enti di certificazione e negli auditor, incaricati di verificarne la conformità. Siamo alla presenza di un nuovo requisito? Esiste una differenza, o addirittura una contrapposizione, tra Outsourcing e Approvvigionamento? Che cos è un processo affidato all esterno? Cosa significa tenere sotto controllo un processo affidato all esterno, e quali competenze sono necessarie? Dopo una sessione introduttiva, l argomento sarà analizzato attraverso esempi applicativi in settori diversi, dal manifatturiero ai servizi. Gli esempi potranno essere ricavati anche da situazioni particolari suggerite dai partecipanti. Durata: 0,5 g - Codice A05 IL LATO ECONOMICO DELLA QUALITÀ: PERSEGUIRE IL MIGLIORAMENTO ATTRAVERSO LA GESTIONE DEI COSTI I costi della qualità costituiscono un dispositivo di misura dell'andamento dei Sistemi di Gestione Aziendali e permettono di quantificare (insieme con il fatturato, il valore aggiunto ecc.) i rischi, i costi ed i benefici delle scelte strategiche riguardanti la gestione per la qualità. Obiettivo del corso è di fornire ai partecipanti gli strumenti per impostare un sistema di rilevazione e gestione dei costi che permetta di attivare i programmi di miglioramento che portino all ottenimento di benefici economici e finanziari per l azienda, come suggerito anche dalla ISO Il corso prevede l esposizione della panoramica della normativa e dei modelli in materia, indicazioni sul come attuare sistemi di rilevazione e controllo dei costi della qualità ed esempi pratici di realizzazione ed applicazione di tali sistemi. Workshop e momenti di discussione sono anche parte integrante del corso. Durata: 2 gg - Codice A09

6 Conoscere ed applicare le Norme sui sistemi di Gestione per la Qualità CRITERI E METODI PER PROGETTARE E DOCUMENTARE UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (I REQUISITI DELLA NORMA ISO 9001:2008 E DELLA GUIDA ISO 10013) Condurre e far funzionare un organizzazione con successo richiede una gestione sistematica, visibile e adeguatamente documentata. Questo corso fornisce le informazioni necessarie per documentare razionalmente un Sistema di Gestione per la Qualità utilizzando il ricco materiale didattico fornito. Il corso prevede anche l esecuzione di lavori di gruppo mirati a preparare procedure documentate di sistema e/o di processo che saranno discusse e corrette direttamente in aula. Durata: 2 gg - Codice B01 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNI DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (IN ACCORDO CON LA NORMA ISO 19011:2012 Il corso si propone di fornire la preparazione necessaria per l organizzazione, la programmazione e l esecuzione delle verifiche ispettive interne, del Sistema di Gestione per la Qualità aziendale, a fronte delle norme ISO 9001:2008 ed ISO Per consentire ai partecipanti di acquisire la competenza necessaria per effettuare con efficacia le verifiche ispettive, all insegnamento dei principi e delle tecniche, saranno alternate delle esercitazioni, dei casi di studio e role-playing, in modo da simulare delle verifiche ispettive. Il corso, indispensabile per tutti coloro che devono effettuare verifiche ispettive interne, è ritenuto valido dagli organismi di certificazione per dimostrare l addestramento sulle verifiche ispettive. Al termine del corso si tiene un esame, facoltativo, che ha lo scopo di valutare e garantire il livello di apprendimento raggiunto. Durata: 3 gg - Codice B02 LA GESTIONE PER PROCESSI NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Ripensare l organizzazione in modo da renderla più efficiente, più efficace e flessibile è lo stimolo che viene dall edizione della norma ISO 9001:2008 che raccomanda l utilizzo dell approccio per processi. Tuttavia, per una piccola o media organizzazione, può non essere agevole passare da uno schema tradizionale all approccio per processi, che consiste nell individuare i processi e governarli. Durante il corso i partecipanti potranno, grazie alla metodologia particolarmente studiata per le PMI, tracciare il proprio percorso graduale verso il nuovo approccio che punta essenzialmente al miglioramento delle performance aziendali. Il corso si propone di fornire gli elementi di base per comprendere ed attuare un approccio per processi nell ambito del sistema di gestione per la qualità. Per la profondità, il tipo di tematiche e per l interdisciplinarietà degli argomenti trattati, il corso è studiato particolarmente per i Responsabili Qualità, Responsabili dei processi aziendali e Titolari delle piccole e medie aziende. Durata: 2 gg - Codice B03

7 I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000 E LA LORO APPLICAZIONE: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE E LEADERSHIP NELLE ISO 9000 La Responsabilità della Direzione e la Leadership costituiscono, due dei principi ispiratori delle norme ISO 9000; essi sono indispensabili per un efficace applicazione dell intera norma e sono dettagliati in numerosi requisiti specifici particolarmente importanti. Scopo del corso è di presentare sia il senso complessivo della Responsabilità della Direzione (quali sono le responsabilità della direzione? quanto sono delegabili?), sia la messa in pratica di ciascuna delle sue singole componenti e relativi requisiti. Varie esercitazioni integrano la presentazione dei concetti e dei metodi. Persone interessate a capire i contenuti, vederne le applicazioni e discuterle in gruppo. Durata: 1 g - Codice B04 LE ISO 9001: PRINCIPI, CONTENUTI ED ESERCITAZIONI. (CORSO PRATICO DI APPRENDIMENTO PER COLORO CHE SI ACCOSTANO PER LA PRIMA VOLTA ALLE NORME UNI EN ISO 9000) Il corso si propone di fornire l apprendimento delle norme ISO 9001:2008 e la capacità di applicarle a diverse tipologie di organizzazioni. Per ottenere questo risultato, il corso prevede, per ogni paragrafo della norma, anzitutto la spiegazione dei requisiti; a questa segue la discussione di casi di studio in gruppi di lavoro ristretti, per terminare con una discussione collegiale del lavoro fatto, guidata dal docente. Il corso è indispensabile per coloro che intendono effettuare un adeguata preparazione per collaborare alla realizzazione del Sistema di Gestione per la Qualità nella loro organizzazione; in particolare il corso è indispensabile per svolgere con competenza i compiti del rappresentante della direzione o del valutatore. Durata: 3 gg - Codice B05 COME AFFRONTARE LA PIANIFICAZIONE, IL RIESAME, LA VERIFICA E LA VALIDAZIONE DELLA PROGETTAZIONE I requisiti contenuti nel paragrafo 7.3 della norma ISO 9001:2008, non differiscono nella sostanza da quanto era previsto allo stesso paragrafo della ISO 9001:2000, ma già da allora si riteneva che i requisiti richiesti dalla norma per tenere sotto controllo la progettazione fossero i più pesanti da applicare all interno di un organizzazione. In entrambe le norme non è più possibile escludere la progettazione, nel momento in cui questa attività ha influenza sulla capacità dell'organizzazione, o sulla sua responsabilità, di fornire prodotti che siano conformi ai requisiti del cliente e a quelli cogenti applicabili. Spesso le fasi di pianificazione, riesame, verifica e validazione vengono affrontate in maniera puramente formale per fornire un evidenza plausibile al team di audit dell Ente di Certificazione, senza riuscire a sintonizzare pienamente quanto richiesto dalla norma con il proprio modo di lavorare. La trattazione intende suggerire degli spunti per integrare i requisiti della norma nel proprio modo di lavorare senza appesantimenti formali, identificando quelle attività che assicurano la conformità alla norma e, al tempo stesso, del reale valore aggiunto al processo di progettazione. L argomento sarà analizzato attraverso esempi applicativi in settori diversi, scelti tra quelli di interesse tra i partecipanti. Durata: 1 gg - Codice B06

8 GLI INDICATORI DI PRESTAZIONI AZIENDALI = INDICATORI PER COMPETERE Disporre di adeguati indicatori di processo e di prestazione non è solo un esigenza che nasce dall applicazione delle norme della famiglia ISO E molto di più. I Responsabili, a tutti i livelli dell organizzazione, hanno la necessità di disporre di indicatori di prestazione del business che gestiscono per prendere decisioni basate su elementi concreti e dati di fatto. Gli indicatori assumono oggi molteplici valenze: guidare il cambiamento, indirizzare e coordinare gli obiettivi, supportare la gestione interna per il conseguimento di una sempre maggiore efficienza e efficacia, ecc. Oggi, grazie anche ai sistemi informativi, le organizzazioni dispongono di diverse misure o indicatori, ma non sempre sono coerenti e bilanciati con valori, strategie, obiettivi, attività e risultati. Questo seminario offre l opportunità di rivedere gli indicatori esistenti, di analizzare la necessità di nuove misure di previsioni, di andamento delle attività in modo da poter competere meglio e di accrescere il valore per tutte le parti interessate. Durata: 1 g - Codice B07 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR DEI SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (40 ORE) Il corso è organizzato per rispondere alla richiesta di formazione ed addestramento sulle metodologie di esecuzione delle Verifiche Ispettive secondo la norma UNI EN ISO 19011, applicata alla valutazione e sorveglianza di sistemi di gestione per la qualità realizzati in conformità alle norme della famiglia UNI EN ISO 9000:2005 ed in particolare ISO 9001:2008. Il corso è di estremo interesse: per le persone che si propongono di accedere all iter di certificazione dei VSGQ, per tutte le persone o organizzazioni che intendono instaurare un sistema qualità o che intendono utilizzare lo strumento degli audit come mezzo di verifica dell efficacia del proprio sistema qualità o per la selezione, valutazione e sorveglianza dei propri fornitori. Il corso è stato completamente rinnovato per renderlo più pratico e per ristrutturarlo in due moduli. Il corso risponde completamente ai requisiti richiesti dalla AICQ-SICEV per l ammissione agli esami di auditor dei sistemi di gestione per la qualità (V.S.G.Q.). Il corso segue le regole definite dalla Organizzazione Europea per la Qualità (E.O.Q.), in modo da poter accedere ad eventuali futuri riconoscimenti a livello europeo della figura del V.S.G.Q. (E.O.Q.- Quality Auditor). Durata : 5 gg - Codice B08 COME PORTARE L AZIENDA ALLA CERTIFICAZIONE (UN PERSORSO FORMATIVO PER PREPARARE LE AZIENDE ALLA CERTIFICAZIONE) Il percorso formativo proposto riunisce e semplifica i contenuti dei corsi B05, B01 e B02, ed ha l'obiettivo di preparare le Organizzazioni alla comprensione ed alla realizzazione di un Sistema di Gestione per la Qualità ed alla relativa certificazione. Il percorso è articolato in tre moduli: _ il primo, della durata di tre giorni, tratta in modo approfondito e pratico i requisiti della norma ISO 9001:2008 ed è particolarmente ricco di esercitazioni; _ il secondo, della durata di due giorni, tratta la progettazione e la documentazione del Sistema di Gestione per la Qualità; _ l'ultimo modulo, della durata di due giorni, tratta delle verifiche ispettive interne. I tre moduli si svolgono a distanza di qualche giorno l'uno dall'altro e sono ricchi di materiale didattico (che include anche un CD che contiene un esempio di Manuale Qualità, le Procedure richieste dalla ISO 9001:2008 e una raccolta di Moduli per le registrazioni della Qualità), di esempi, esercitazioni e lavori di gruppo. Durata: 3 moduli di gg - Codice B09

9 COME AUMENTARE I BENEFICI ECONOMICI DELLA QUALITÀ: LA NORMA ISO Troppo spesso la Qualità viene considerata un costo, una tassa necessaria. La recente Norma ISO 10014, ha invece un titolo molto esplicativo: "Gestione per la Qualità-Linee guida per ottenere benefici economici e finanziari", e vuole indicare un metodo per come fare ad ottenere lo scopo. Il corso, dopo aver richiamato le tappe principali dell'evoluzione della tematica sull'economia della Qualità, presenta il contenuto della Norma stessa attraverso i suoi blocchi principali: la nuova griglia di maturità, il doppio questionario di autovalutazione, il metodo Radar, la ricca biblioteca degli strumenti disponibili per trarre benefici economici da quanto individuato. Si passa quindi, mediante esercitazioni, a provare ad applicare il metodo e ad approfondire l'utilizzo di strumenti, tra quelli ritenuti più idonei. Durata: 1 g - Codice B11 NOVITA' - CORSO SULLA NUOVA ISO 9004:2009. GESTIRE UN'ORGANIZZAZIONE PER IL SUCCESSO DUREVOLE - L'APPROCCIO DELLA GESTIONE PER LA QUALITÀ La norma intende fornire un aiuto di sostanza alle organizzazioni interessate a raggiungere i propri obiettivi nel proprio contesto esterno. Poiché questo contesto in moltissimi casi è ormai estremamente dinamico e competitivo, la norma assegna grande importanza alla strategia, all innovazione ed all apprendimento. La norma fornisce quindi una prospettiva di gestione per la qualità più ampia rispetto alla ISO La norma offre un aiuto di sostanza a quella parte di aziende che accetta la sfida di rimanere competitive in un contesto sempre più difficile: - essa estende le esigenze ed aspettative dei clienti a quelle di tutte le pertinenti parti interessate, per realizzare più forti sinergie e prospettive di patrimonio, non solo di qualità delle forniture; - essa fornisce una guida per il miglioramento sistematico e continuo delle prestazioni complessive dell'organizzazione in una prospettiva che include l oggi ma considera anche il domani e il dopodomani. Durata: 1 g - Codice B13 CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE (40 ORE MODULARE) Il corso è organizzato per rispondere alla richiesta di formazione ed addestramento sulle metodologie di esecuzione delle Verifiche Ispettive secondo la norma UNI EN ISO 19011, applicata alla valutazione e sorveglianza di sistemi di gestione ambientali realizzati in conformità alla norma ISO Il corso è di estremo interesse: per le persone che si propongono di accedere all iter di certificazione dei VSGA, per tutte le persone o organizzazioni che intendono implementare un sistema ambientale o che intendono utilizzare lo strumento degli audit come mezzo di verifica dell efficacia del proprio sistema ambientale e/o per la selezione, valutazione e sorveglianza dei propri fornitori. Il corso è completamente rinnovato per renderlo più pratico ed è composto di due moduli. Il corso risponde completamente ai requisiti richiesti dalla AICQ-SICEV per l ammissione agli esami di valutatore dei sistemi di gestione ambientale (VSGA). Il corso segue le regole definite dalla Organizzazione Europea per la Qualità (E.O.Q.), in modo da poter accedere ad eventuali futuri riconoscimenti a livello europeo della figura del VSGA. Durata : 5 gg - Codice B17

10 COME METTERE IN PRATICA I REQUISITI PIÙ IMPORTANTI DELLE NORME DELLA FAMIGLIA ISO 9000 Corsi monografici della durata di un giorno ciascuno che possono essere frequentati anche singolarmente, per imparare e mettere in pratica i requisiti più importanti delle norme della famiglia ISO I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000: MISURE E INDICATORI La misurazione è uno dei Principi della Gestione per la Qualità, ed è alla base del miglioramento (senza misurazione non si migliora), e può essere una importante opportunità per le aziende. Che cosa misurare? Che cosa (di importante) "non stiamo misurando"? Perché misurare? Come misurare? La coppia coerente di norme 9000 e 9004 introduce alcuni requisiti generali e fissa alcuni tipi di misurazioni che vengono ora espressamente richiesti. Essi sono: la soddisfazione dei clienti, i processi, i prodotti, le verifiche ispettive. Durata: 1 g - Codice B21 I REQUISITI DELLA FAMIGLIA ISO 9000: IL MIGLIORAMENTO CONTINUO (I REQUISITI, LA LOGICA, L APPLICAZIONE) Il miglioramento continuo costituisce, nelle norme della famiglia ISO 9000, uno dei principi ispiratori ed è inserito in numerosi requisiti specifici particolarmente importanti. Questo corso si propone di mettere a fuoco il significato e illustrare le sue applicazioni operative: che cosa migliorare e decidere di migliorare? A quale livello? Quanto migliorare, come migliorare? Quest'ultimo quesito apre il ventaglio delle tecniche, dal miglioramento continuo a quello a grandi passi, dall'autovalutazione al benchmarking. Durata: 1 g - Codice B22 GLI STRUMENTI PIÙ IMPORTANTI PER IL MIGLIORAMENTO Il miglioramento continuo rappresenta uno degli otto principi fondamentali considerati dalle norme della famiglia ISO 9000 per la gestione del Sistema Qualità. Le azioni per il miglioramento continuo dovrebbero diventare quindi un obiettivo permanente dell'organizzazione e comprendere i seguenti passi: - creazione della motivazione per il miglioramento; - valutazione dell'efficacia e dell'efficienza del processo esistente; - individuazione delle cause di problemi; - individuazione delle possibili soluzioni; - valutazione dei risultati ottenuti; - consolidamento delle nuove soluzioni; - valutazione dell'efficienza del nuovo processo e dell'efficacia delle azioni di miglioramento. Durata: 1 g - Codice B24

11 EXECUTIVE AUDITOR: LA NUOVA FRONTIERA DELL'AUDITOR Il mondo dei sistemi di gestione, in particolare per la qualifica degli auditor, da sempre ha regolamentato i criteri di certificazione degli addetti. In particolare con l evoluzione del mondo aziendale verso i temi organizzativi si sono evidenziate delle esigenze di formazione aggiuntive per soddisfare le competenze richieste. Attualmente gli addetti ai lavori sono competenti sulle normative applicabili, sui sistemi di produzione, sulle tecniche di controllo ed in generale sul come valutare le strutture organizzative, il gap di competenze da colmare riguarda principalmente tre aspetti: - come individuare in modo semplice, veloce ed efficace le strategie delle imprese per orientare gli audit affinché possano fornire anche una indicazione su quanto il sistema di gestione sia effettivamente allineato agli obiettivi direzionali; - come interpretare al meglio la finalità dell approccio per processi che rappresenta una delle opportunità migliori derivate dalle teorie organizzative per orientare la gestione in base agli obiettivi; - come valutare la coerenza degli indicatori definiti dalle organizzazioni ed interpretare quelli di natura economico finanziaria. Durata: 2 gg - Codice B26 LE REGOLE DELLA VALUTAZIONE ED ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITÀ ED I SUOI PROCESSI Per valutazione della Conformità si intende (ISO 17000): "la dimostrazione che requisiti specificati relativi ad un prodotto, processo, sistema, persona od organismo sono soddisfatti". Essa include la messa a punto e l'applicazione dei metodi, generali e specifici, perché essa sia credibile e riconosciuta. Il suo campo è quindi vastissimo e la sua importanza è enorme: quanto conforme?, come possiamo provarlo?, come decidere se è accettabile?. Appare evidente che, in un mondo sempre più interconnesso e globale, le domande precedenti stanno assumendo un'importanza grandissima e crescente, possono aprire o chiudere mercati, e sono alla base di moltissimi problemi, riassumibili nelle seguenti domande cruciali: quanto ci possiamo fidare? Quanto ci possiamo fidare dei cibi che consumiamo? quanto ci possiamo fidare delle prestazioni di nuovi prodotti? quanto ci possiamo fidare delle misure di un laboratorio sconosciuto? quanto ci possiamo fidare delle certificazioni? quanto ci possiamo fidare degli accreditamenti? quali sono i requisiti base per sottoscrivere Accordi di Mutuo Riconoscimento? Sono tutti esempi di quesiti a cui i metodi della Valutazione di conformità danno le risposte possibili. Il corso presenta i concetti generali unificanti che sono ora alla base dei metodi ( l'approccio funzionale ) ed i metodi descritti dalle nuove Normative per i singoli campi, tra cui: la certificazione dei prodotti, l'accreditamento degli Organismi di Certificazione (la ISO 17021), l'accreditamento dei Laboratori, la dichiarazione di conformità del Fornitore, la certificazione del Personale. Viene considerato sia l'ambito volontario che quello cogente, retto dalle direttive Europee sul Nuovo approccio (in larga misura già allineate alla Normativa internazionale). Durata: 1 g - Codice B27

12 La Qualità nelle diverse Funzioni Aziendali APPROCCIO APPLICATIVO ALLA STIMA DELL INCERTEZZA DI MISURA Tutti gli ambienti applicativi condividono oggi una problematica: lo stretto legame tra il rischio decisionale nelle valutazioni di conformità o non conformità a specifiche di prodotto o di servizio per le aziende o dei risultati di Prove o Analisi per i Laboratori e l incertezza associata alle misure. La centralità di questa problematica è sottolineata dall intensa emissione di nuove norme (o loro revisioni) mirate alla qualità dei processi di misurazione in tutti i settori (parametri ambientali, sicurezza e salute dell uomo, qualità dei prodotti e della strumentazione con cui si misurano caratteristiche e parametri, ecc.): si citano ad esempio la 17025:2005 per la competenza dei Laboratori di Prova e di Taratura, la 10012:2004 sul sistema di gestione delle misure e sulla conferma metrologica, la 5725/1 6:2004 sull accuratezza dei risultati e dei metodi di misurazione, la 13843:2003 sulla qualità dell acqua, la :2001 sulla gestione dell incertezza di misura, la13005:2000 per il calcolo dell incertezza di misura, eccetera. Questo corso, di taglio essenzialmente pratico applicativo, riassume i passi essenziali per stimare l incertezza connessa ai vari processi di misurazione e porta a familiarizzare con il suo calcolo attraverso la risoluzione di casi che frequentemente si presentano nella quotidianità lavorativa. Durata: 2 gg - Codice C01 NOZIONI DI BASE PER MISURE AFFIDABILI: QUALITÀ, COSTI E RISCHI Il corso è progettato per fornire una conoscenza concreta, solida e pratica di ciò che sta alla base di ogni processo di misurazione aziendale o di laboratorio. Presenta una rassegna ordinata e sistematica degli elementi presenti in ogni processo di misurazione che svolgono un ruolo nel far raggiungere al risultato del processo (cioè alla misura) l'affidabilità necessaria a prendere decisioni corrette. Il corso esamina i più comuni e diffusi errori connessi all'uso della strumentazione, alla lettura dei dati di taratura o delle specifiche dei costruttori, alla valutazione dell'influenza degli ambienti, alla manualità degli operatori, all'impiego dei SW di calcolo o di gestione, alla compilazione delle procedure e istruzioni operative interne, alla mancata o superficiale valutazione dei servizi di taratura, eccetera. Durata: 2 gg (4 trânches di 4 ore se effettuato in house) - Codice C02 QUALITÀ DELLE FORNITURE: IL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Per un numero sempre maggiore di imprese la soddisfazione dei clienti è fortemente dipendente dalla qualità delle forniture dei prodotti o dei servizi. L'approvvigionamento diventa un processo strategico per la soddisfazione dei clienti e per la competitività dell'impresa. Il valore generato da un eccellente processo di approvvigionamento può essere fondamentale per la creazione di un organizzazione eccellente. Il corso si propone di fornire la preparazione necessaria per progettare, gestire o valutare un processo di approvvigionamento ed applicare in modo efficace ed efficiente i requisiti della ISO 9001:2008 e le indicazioni della linea guida ISO 9004:2009. Inoltre saranno illustrate metodologie specifiche per la gestione del processo di approvvigionamento: scelta e valutazione dei fornitori, misura delle prestazioni dei fornitori (vendor rating), costo all'impiego, acquisto dei processi in outsourcing, relazioni di partnership con i fornitori, competenze del personale addetto, ecc... Durata: 2 gg - Codice C03

13 NOVITA': CONFERMA METROLOGICA, TARATURA, VERIFICA E CONTROLLI INTERMEDI Le più recenti norme e guide ufficialmente emesse (UNI 9000:2005, VIM 3a edizione 2007, UNI 17025:2005, UNI 10012:2004, ecc.) riconfermano queste attività, i cui contenuti consentono se propriamente assimilati e applicati un significativo risparmio di risorse e una gestione più affidabile delle apparecchiature e dei processi di misurazione di laboratorio e d azienda. Che sussista qualche difficoltà interpretativa nei loro confronti è reso evidente da quanto si riscontra nella realtà applicativa: da una parte nette sovrapposizioni delle attività connesse a questi requisiti (con inutili sprechi economici) e, di contro, vuoti d applicazione a scapito dell affidabilità dei risultati. Scopo principale di questo corso è appunto quello di rendere familiari questi concetti attraverso un linguaggio che abbia immediato riscontro dal punto di vista applicativo. Secondariamente, dare evidenza attraverso esemplificazioni operative del risparmio in risorse che si può ottenere adottando modelli gestionali che sfruttino al massimo le opportunità offerte dalla corretta interpretazione dei requisiti stessi. Durata: 1 g Codice C04 NOVITA : LABORATORI DI PROVA E DI TARATURA: AUDIT E INDICATORI Quando l audit interno viene condotto con la dovuta competenza sia tecnica che gestionale diventa un mezzo potente e prezioso sia per prevenire non conformità od osservazioni da parte di auditor esterni (di parte seconda o di parte terza) sia per l innesco di azioni preventive o di miglioramento. Purtroppo, nella pratica operativa, capita troppo spesso che l auditor di sistema non abbia la dovuta sensibilità verso gli aspetti specificatamente metrologici connessi alla propria organizzazione e la giusta percezione del rischio che questa corre nell utilizzare i risultati delle misurazioni per le normali decisioni di conformità a requisiti normativi o di legge o a specifiche di prodotto o di sistema e l appropriata esposizione dei risultati su rapporti destinati ai clienti. Il corso mette anche in evidenza le più frequenti lacune riscontrate nel corso di verifiche ispettive condotte da organismi di certificazione e di accreditamento. Anche la scelta di indicatori specifici per l attività di laboratorio costituisce un elemento importante e prezioso per poter condurre con efficacia il riesame di direzione. Indicatori quantificabili, selezionati sulla base di svariate esperienze operative, verranno presentati e discussi per una loro corretta personalizzazione ad ogni tipo di laboratorio. Il corso è destinato, quindi, a chi ha la responsabilità di effettuare verifiche periodiche sul sistema di gestione delle misurazioni di laboratorio e d azienda o a chi, come responsabile dello stesso sistema, vuole valutarne l adeguatezza e individuare dei parametri quantitativi di valutazione del suo andamento nel tempo. Durata: 1 g Codice C05

14 LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI SECONDO LE NORME DELLA FAMIGLIA ISO 9000 Nella progettazione e nello sviluppo di prodotti e processi per la direzione dovrebbe assicurarsi che l organizzazione sappia prendere in esame non solo le prestazioni e le funzioni fondamentali dei suoi prodotti e dei suoi processi, ma anche tutti gli altri fattori che contribuiscono a raggiungere gli obiettivi prestazionali attesi dai clienti e dalle altre parti interessate. Il corso, che va ben oltre i requisiti previsti dalle nuove ISO, insegna a governare questo importante processo del programma Qualità e permette di far nascere progetti di prodotti e di processi in tempi brevi e senza sorprese. I rilevanti successi ottenuti con la Concurrent Engineering fanno considerare l area della progettazione e sviluppo come quella più ricca di potenziale per ridurre il cosiddetto tempo al mercato (time to market). Il corso è rivolto a tutti coloro che dirigono le attività di progettazione e/o di sviluppo di prodotti e di processi. Durata: 2 gg - Codice C07 L ANALISI DEI MODI E DEGLI EFFETTI DI GUASTO E DELLA LORO CRITICITÀ (FMEA/FMECA) L'analisi FMEA/FMECA, come tante altre metodologie attuali, ha avuto origine alla NASA per il programma missilistico spaziale ma ha trovato un'immediata applicazione nel settore automobilistico estendendosi poi in ogni settore manifatturiero e, con qualche adattamento, ai servizi. Questa analisi è basata su quattro principi incontrovertibili: 1 - è meglio frazionare in componenti digeribili i problemi di grosse dimensioni; 2 - una catena si spezza dove è presente l'anello più debole; 3 - il risultato di una stima di un gruppo di persone competenti non è mai lontana dal vero; 4 - anche quando le componenti di un problema sono molte, solo poche sono determinanti. L'analisi FMEA/FMECA è considerata l'azione preventiva per eccellenza e trova la sua più pratica applicazione per la prevenzione dei rischi di qualsiasi natura. Il corso proposto sviluppa l'analisi FMEA/FMECA per le attività di progettazione di prodotti, di processi e di sistemi. Saranno considerati, con esempi pratici, come stimare la probabilità che una causa di guasto possa insorgere, come determinare la gravità dell'effetto di guasto e come migliorare la rilevabilità del guasto stesso. Vengono al fine fatte considerazioni utili relativamente all'indice di priorità di rischio (IPR) e di come intervenire al fine di poterlo minimizzare. Durata: 1 g - Codice C08 PROJECT MANAGEMENT: METODOLOGIE E CRITICITÀ Il corso si propone di approfondire le metodologie necessarie a governare progetti complessi, innovativi e interfunzionali. Le tre giornate si aprono con una breve illustrazione dei principi e dei campi di applicazione del Project Management quale disciplina organizzativa. E quindi approfondita la fase di pianificazione del progetto, analizzandone le varie tecniche, partendo dai risultati operativi da realizzare per arrivare alla definizione del conto economico di progetto. Nella seconda parte si esaminano le tecniche connesse con il controllo del progetto, in particolare quelle relative al monitoraggio dello stato di avanzamento dei tempi/costi e alla gestione delle modifiche in corso d opera.

15 Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di: - decidere quando convenga organizzare il lavoro utilizzando metodologie di project management; - stilare un piano operativo di progetto coinvolgendo tutto il team e seguendo la logica dei dieci passi ; - impostare l attività di controllo dell avanzamento del progetto e di reporting alla committenza interna ed, eventualmente, esterna; - impostare l attività di gestione delle modifiche al progetto. I destinatari del corso sono professionisti che, a tempo pieno o parziale, sono chiamati a coordinare progetti aziendali di diversa natura, strategici e altamente interfuzionali. Durata: 3 gg - Codice C10 LA NORMA UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 PER I LABORATORI DI PROVA La norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 viene adottata dai laboratori di prova per conseguire l accreditamento da parte dell organismo nazionale ACCREDIA. Il corso fornisce le nozioni di base per l implementazione del Sistema di gestione nei laboratori di prova in conformità ai requisiti della norma e ai requisiti aggiuntivi di ACCREDIA. Obiettivo del corso è quello di far apprendere la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025: 2005, attraverso esercitazioni che si alterneranno alla spiegazione delle modalità di applicazione dei diversi capitoli, tenendo conto anche dei documenti prescrittivi di ACCREDIA e dei documenti tecnici collegati. In particolare sarà presentata la struttura della documentazione del sistema finalizzata al raggiungimento e/o al mantenimento dell accreditamento del laboratorio. Il corso è propedeutico per coloro che, non avendo una sufficiente conoscenza di base delle norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025: 2005, intendessero frequentare il corso per Valutatori Interni del Sistema di Gestione o altri corsi di approfondimento (ad. esempio per la stima dell incertezza di misura). Durata: 2 gg - Codice C12 VALUTATORE INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE, SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 19011:2012, NEI LABORATORI DI PROVA E MEDICI ACCREDITATI UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 E/O UNI EN ISO 15189:2012 Le norme UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 e UNI EN ISO 15189:2012 vengono adottate dai laboratori di prova e dai laboratori medici per conseguire l accreditamento da parte dell organismo nazionale ACCREDIA. Il corso fornisce le nozioni di base per eseguire gli audit interni in un laboratorio di prova seguendo la linea guida contenuta nella norma UNI EN ISO 19011:2012 e avendo come criteri di audit non solo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 e la UNI EN ISO 15189:2012, ma anche i principali documenti gestionali e tecnici di riferimento di ACCREDIA. Il corso si pone l obiettivo di far conoscere ai partecipanti i principi e gli scopi dell attività di audit e di fornire la metodologia di programmazione ed esecuzione, in un laboratorio di prova o medico accreditato ACCREDIA, degli audit interni secondo quanto previsto dalla norma UNI EN ISO 19011:2012. Durata: 2 gg - Codice C13

16 La Qualità nei diversi tipi di aziende Formazione specifica per il Settore Agroalimentare CORSO PER AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE IN AZIENDE AGROALIMENTARI CON RIFERIMENTO ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008 La proposta vuole fornire una guida per la realizzazione di verifiche ispettive interne nelle aziende del settore alimentare, sulla base della norma UNI EN ISO Verranno esposti i principi e le tecniche costantemente accompagnate da esemplificazioni e giochi di ruolo con metodo interattivo. Vengono inoltre forniti esempi pratici di sistemi qualità realizzati in aziende agroalimentari sia di prima produzione, sia di prima e seconda trasformazione. I destinatari del corso sono tutti coloro che intendono effettuare verifiche ispettive interne di parte prima e seconda, allo scopo di valutare l efficacia e la conformità dei sistemi di gestione della qualità in aziende del settore alimentare. Durata: 2+1 gg - Codice D01 RINTRACCIABILITÀ NELLA PRODUZIONE ALIMENTARE: OBBLIGHI DI LEGGE, ESIGENZE DELLE IMPRESE, GARANZIE PER IL CONSUMATORE, OPPORTUNITÀ DI MERCATO Dal regolamento europeo 178 al nuovo "Pacchetto Igiene", a fronte di questi imperativi ed esigenze, la necessità di attuare un Sistema più o meno evoluto di Rintracciabilità è oggi una necessità inevitabile per tutte le imprese che operano nel Settore Alimentare e non solo, ma anche nei settori ad esso collegati. Ma quali gli effettivi obblighi derivanti da leggi e regolamenti? e al di la degli obblighi, quali le opportunità e i vantaggi per le imprese? Solo analizzando a fondo le diverse tipologie ed organizzazioni delle imprese e le situazioni di mercato è possibile dare una risposta concreta a questi interrogativi e a quelli che ci si può porre di conseguenza. Quali i limiti, le difficoltà e gli oneri e fino a che punto è possibili e conveniente sviluppare un sistema di rintracciabilità? Come aggirare gli ostacoli? Questi fra gli altri gli argomenti trattati nel corso organizzato dal Settore Alimentare AICQ: - le motivazioni per organizzare un sistema di rintracciabilità - come si organizza il sistema in azienda - come e perché organizzare un sistema di rintracciabilità di Filiera - cosa, come e quando rintracciare - i movimenti, i percorsi, la storia, i mezzi. Solo analizzando e discutendo i casi pratici presentati da chi ha avuto l'opportunità di realizzare sistemi di diverse tipologie di imprese, ciascuno potrà decidere le migliori soluzioni per i propri problemi. Durata: 1 g - Codice D03

17 PERCORSO FORMATIVO PER L'IGIENE DELLA PRODUZIONE ALIMENTARE Quattro corsi di una giornata ciascuno che consentono un ampio esame delle regole generali di base per la gestione delle produzioni e preparazioni alimentari in condizioni di qualità e sicurezza igienica. Tematiche affrontate: - Norme di buona produzione alimentare; - V.I.S.A Valutazione igienica stabilimenti alimentari; - Realizzazione di un piano di autocontrollo con il metodo HACCP; - Valutazione e verifica di un piano di autocontrollo HACCP. L'intero percorso formativo comprende l'attuazione, il monitoraggio e la verifica delle condizioni indispensabili per la corretta realizzazione di ogni attività correlata con la produzione, trasformazione, preparazione e distribuzione dei prodotti alimentari. Pur consigliando l'intero percorso, ogni seminario è strutturato in modo da dare ai partecipanti la possibilità di poterne seguire uno o più o tutti, in funzione degli specifici interessi. Durata: 4 gg - Codice D05 REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO CON IL METODO HACCP. Come garantire qualità e sicurezza dei prodotti alimentari La prevenzione dei pericoli relativi alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti alimentari consente una gestione più economica delle attività produttive di una impresa. La realizzazione di un piano di autocontrollo secondo i principi dell HACCP, oltre ad essere la forma più conveniente di garanzia igienica, è un obbligo di legge espressamente previsto per la produzione e gestione dei prodotti alimentari. Il seminario si propone di fornire una guida per la messa a punto del Piano con esempi pratici applicativi ricavati dalla diretta esperienza maturata dal docente nella realizzazione del metodo in diverse realtà aziendali e nella organizzazione di gruppi di studio appositamente condotti in AICQ. Durata: 1 g o 2 gg - Codice D06 FORMAZIONE SPECIFICA PER IL SETTORE AUTOMOTIVE ISO/TS 16949: L INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DEI PROCESSI AZIENDALI Il corso illustra in maniera approfondita i contenuti della norma ISO/TS 16949:2002 con l obiettivo di illustrare le reali opportunità offerte da questa specifica tecnica per valorizzare il proprio SGQ. Saranno analizzati in dettaglio i contenuti della Norma, per consentirne una corretta applicazione ed implementazione dei suoi elementi distintivi al fine di migliorare i processi aziendali. Gli esempi di casi reali e le discussioni sugli argomenti trattati permetteranno di chiarire la corretta applicazione delle prescrizioni della specifica tecnica. Il corso si rivolge a tutti i responsabili coinvolti nella gestione e nello sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità, ma anche a tutte quelle persone, che in Azienda sono coinvolte nei programmi di miglioramento dei processi. Durata: 2 gg - Codice D07

18 NOVITA': LA NORMA ISO 22000:2005. SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE (REQUISITI, MODALITÀ APPLICATIVE, CASI PRATICI E TECNICHE DI AUDIT). IN COLLABORAZIONE CON BUREAU VERITAS La sicurezza della produzione alimentare è un obbligo di legge, una garanzia per il consumatore e per il cliente, una esigenza per le imprese del settore. La prevenzione dei pericoli relativi alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti alimentari consente una gestione più economica delle attività produttive di una impresa. La ISO 22000:2005 è uno Standard internazionale, sviluppato da ISO con l intento base di armonizzare i differenti schemi HACCP con i vari standard utilizzati per la verifica della sicurezza igienica. Lo standard è applicabile ad ogni azienda, direttamente (produttori, distributori) e indirettamente interessata alla filiera (produttori di packaging, servizi di pulizia, derattizzazione, ingredienti, produttori di impianti alimentari, logistica e trasporti). Durata: 2 gg - Codice D13 LA SICUREZZA DELLA PRODUZIONE ALIMENTARE E IL PIANO DI AUTOCONTROLLO HACCP NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Anche nelle piccole realtà è necessario rispettare quei principi generali di igiene atti a garantire la salute dei consumatori. La realizzazione di un piano di autocontrollo secondo i principi dell HACCP, oltre ad essere la forma più conveniente di garanzia igienica, è un obbligo di legge espressamente previsto per la produzione e gestione dei prodotti alimentari. Il seminario si propone di fornire una guida per facilitare l applicazione del piano riducendo gli aspetti formali senza ridurne la necessaria efficacia. Durata: 1 g - Codice D15

19 Excellence - Focus sull Eccellenza EFQM (European Foundation for Quality Management) Figure professionali europee per la qualità. Lo scopo della EFQM è di promuovere una cultura sostenibile di eccellenza delle organizzazioni. IL MODELLO DELLA EFQM PER L ECCELLENZA (WORKSHOP) Il seminario di mezza giornata, ha come obiettivo di presentare ai partecipanti i contenuti e le possibili applicazioni del modello EFQM nelle organizzazioni. Durata: 0,5 g - Codice E01 L AUTOVALUTAZIONE SECONDO IL MODELLO DI ECCELLENZA EFQM Il corso è dedicato alle tecniche dell autovalutazione sulla base del modello EFQM. In particolare il corso fornisce le conoscenze necessarie per pianificare e gestire l autovalutazione e per utilizzare i risultati con i massimi benefici. Nel corso sono previste numerose esercitazioni di gruppo basate su un caso di studio che i partecipanti dovranno aver letto e valutato prima dell inizio del corso. E preferita una pregressa conoscenza del Modello EFQM. Durata: 2 gg - Codice E02 EXCELLENCE ASSESSOR Il corso per Valutatori di Sistema TQM intende fornire le basi per introdurre in azienda la Gestione Totale per la Qualità, per effettuare l autovalutazione secondo il modello EFQM e per impostare conseguenti piani/interventi di miglioramento, anche nella prospettiva di una partecipazione al Premio Qualità Italia e allo schema di riconoscimento EFQM Levels of Excellence. Il corso si articola in due moduli: il primo (2 giorni) è dedicato al Modello EFQM e alle metodiche di valutazione, il secondo (3 giorni) è basato sull esame di un caso di studio per sviluppare tecniche di valutazione, consenso e reporting. Durata: 3 gg - Codice E03 DALL AUTOVALUTAZIONE AL MIGLIORAMENTO: LA PRIMA TAPPA DEL PERCORSO VERSO L ECCELLENZA Il corso ha come obiettivo di far comprendere ai partecipanti il processo per il raggiungimento del livello 1 Committed to Excellence, Impegno verso l Eccellenza all interno dei Levels of Excellence, Livelli di Eccellenza della EFQM. In particolare si affronteranno: gli elementi del processo di autovalutazione semplificato, le modalità per passare dalle aree da migliorare all individuazione delle iniziative di miglioramento, la metodologia per mettere in priorità e scegliere le iniziative di miglioramento da sottoporre al processo di validazione, i criteri di validazione dei miglioramenti, i requisiti per la stesura strutturata e la realizzazione del piano di intervento, le problematiche e i criteri del successo connessi all introduzione dei cambiamenti. Durata: 2 gg - Codice E04

20 Risorse Umane RISORSE UMANE INTERNE ED ESTERNE: COME SELEZIONARLE PER FAR FRONTE ALLA SFIDA DELLA COMPLESSITÀ Per far fronte ai cambiamenti esterni, le organizzazioni devono cambiare al proprio interno e essere in grado di avere a propria disposizione non solo le competenze precipue dei ruoli, ma soprattutto e specialmente le competenze della persona con la propensione ad accettare nuove cose e nuovi modi di fare le cose, con energia e flessibilità. Il corso si indirizza a tutti i manager, con vari livelli di responsabilità, che si occupano di intervistare candidati per l inserimento nella propria struttura. Non è quindi un corso solo per addetti ai lavori (v. addetti alla selezione), ma a tutti coloro che devono ridefinire ruoli e responsabilità e comprendere quale possa essere la risorsa umana con le caratteristiche distintive preposte al raggiungimento degli obiettivi prefissati, risorsa umana interna all azienda o di nuova assunzione. Durata: 1 g - Codice F01 LA GESTIONE DEI TALENTI (TALENT PEOPLE) Il workshop ha l obiettivo di far comprendere che cosa si intende per: - talenti ; - alto potenziale - alta prestazione - e analizzare quali sono le strategie e gli approcci per evitare fughe di persone chiave dall azienda. Durante il workshop si esamineranno gli approcci che alcune società vincenti stanno adottando al riguardo e si avranno possibilità di confronto attraverso testimonianze esterne. Durata: 1 g - Codice F02 INDAGINE DI CLIMA Tutte le organizzazioni siano esse dedite alla produzione di beni o all erogazione di servizi hanno la necessità di conservare e deliziare i propri Clienti esterni. Le Risorse Umane, oggi più che mai, costituiscono uno dei veicoli più importanti nella collaborazione con i Clienti e possono davvero essere un differenziatore di Qualità. Le organizzazioni di successo riconoscono i contributi forniti dai propri collaboratori, sviluppano il loro potenziale, migliorano le competenze, riconoscono gli sforzi, gestiscono i talenti, in breve aumentano la soddisfazione dei propri Clienti interni per fidelizzare i Clienti esterni. In molti casi di successo, i Collaboratori sono essi stessi brand dell organizzazione. Questo corso si propone di fornire un metodo per effettuare l indagine sulla soddisfazione dei dipendenti, partendo dai valori, visione, missione e strategia dell organizzazione, identificando e segmentando gli attributi di valore per il cliente interno. La metodologia fornita permette anche di comprendere quando può risultare necessario utilizzare domande aperte, come raccogliere i dati, con quale frequenza effettuare l indagine e come dare priorità ai miglioramenti. Un corso interattivo, con esempi e casi di studio reali. Durata: 1 g - Codice F03

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE A quali temi la vostra organizzazione è al momento interessata? TEMI - relativi ai vostri FORNITORI - relativi ai vostri PROCESSI: efficacia,

Dettagli

Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000

Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000 La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di Specializzazione per Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085

CATALOGO CORSI 2015. In.Co.S srl International Consultant Service Via Guastalla 6 10124 Torino Italy info@incos-consulting.com Mob: +39 349 2577085 CATALOGO CORSI 2015 INDICE CORSI APPROVATI DA ENTE DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACCREDITATO ISO/IEC 17024... 3 ISO 9001:08 SISTEMI DI GESTIONE QUALITÀ... 4 ISO 22000:05 SISTEMI DI GESTIONE DELLA

Dettagli

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova M di conferma metrologica Obiettivi generali Accrescere la competenza e le abilità del personale operante all interno dei laboratori e del controllo qualità Fornire un quadro completo ed esaustivo di tutte

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la 17000:2005 e l architettura concettuale di Giovanni Mattana INTRODUZIONE La valutazione della conformità di prodotti, sistemi,

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA

PROCEDURA ORGANIZZATIVA PO.08 03 pag. 1 di 13 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITÀ 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6. ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

organizzato in partnership corso di alta formazione Lead Auditor di Sistemi di Gestione per la Sicurezza Alimentare

organizzato in partnership corso di alta formazione Lead Auditor di Sistemi di Gestione per la Sicurezza Alimentare organizzato in partnership ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Louis Pasteur - Arbois, Jura, France corso di alta formazione Lead Auditor di Sistemi di Gestione per la Sicurezza Alimentare AI SENSI DI

Dettagli

LA STRUTTURA DEL CORSO

LA STRUTTURA DEL CORSO CORSO PER VALUTATORI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ RIVOLTO AL PERSONALE DEGLI UFFICI METRICI E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI MAGGIO - SETTEMBRE 2011 1 PREMESSA Il sistema Qualità Italia è l

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE 1 L'obbedienza da parte di un produttore, agli standard fissati dalle norme volontarie viene garantita e certificata attraverso una: Certificazione

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Esperto in SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI: AMBIENTE, QUALITA E SICUREZZA V edizione - 2015

Esperto in SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI: AMBIENTE, QUALITA E SICUREZZA V edizione - 2015 Corso di Specializzazione per Esperto in SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI: AMBIENTE, QUALITA E SICUREZZA V edizione - 2015 Presentazione e programma didattico T I M E V I S I O N V i a T a v e r n o l a 6-8

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte:

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte: MODULO 1 Prima parte: Concetti generali introduttivi. Soddisfazione del cliente. Gli 8 principi della Qualità. Seconda parte: I Sistemi di Gestione Normazione, Certificazione e Accreditamento 1 EVOLUZIONE

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Evoluzione della qualità

Evoluzione della qualità SOMMARIO Evoluzione della qualità ISO 9000 L evoluzione delle norme ISO 9000 (Vision 2000) Il Manuale della qualità secondo le ISO 9000 Il ciclo PDCA I punti del Sistema Qualità La Certificazione e i Marchi

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE

CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE CATALOGO CORSI AREA AGROALIMENTARE Anno 2013 Per tutte le aziende della filiera agro-alimentare, la gestione dei rischi legati alla Qualità, Salute & Sicurezza, Ambiente è diventata un importante priorità.

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

CATALOGO CORSI AREA LEAD AUDITOR/AUDITOR

CATALOGO CORSI AREA LEAD AUDITOR/AUDITOR CATALOGO CORSI AREA LEAD AUDITOR/AUDITOR Anno 2013 Il termine AUDIT deriva dalla parola latina AUDITIO AUDITIONIS e vuol dire ASCOLTARE.Sempre dal latino deriva il termine AUDITOR AUDITORIS e significa

Dettagli

Sezione 4 Requisiti Gestionali

Sezione 4 Requisiti Gestionali INDICE Sezione 4 Requisiti Gestionali 4.1 Organizzazione... 2 4.1.1 Organigramma funzionale... 3 4.1.2 Quadro Mansioni e Competenze... 4 4.2 Sistema di Gestione Qualità... 6 4.2.1 Gestione della Politica

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Come mettere a frutto un sistema qualità Analisi Srl, Schio 6 luglio 2012

Come mettere a frutto un sistema qualità Analisi Srl, Schio 6 luglio 2012 Come mettere a frutto un sistema qualità Analisi Srl, Schio 6 luglio 2012 1 Di cosa parliamo Gestire un'organizzazione per il successo durevole: Linee guida per la realizzazione di benefici economici e

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

ISO SERIE 9000 EDIZIONE 2000: UNO STRUMENTO DI GESTIONE AL SERVIZIO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO

ISO SERIE 9000 EDIZIONE 2000: UNO STRUMENTO DI GESTIONE AL SERVIZIO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO Page 1 of 7 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 19/04/2006. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO La realizzazione del percorso formativo per Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza e

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ALLEGATO II.1 INTRODUZIONE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA La presente Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di descrivere gli impegni che la Scuola di Formazione Snc assume

Dettagli

1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ)

1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ) pag. 1 1. Sistema di gestione per la qualità (SGQ) Per perseguire le sue finalità, di cui si è accennato sopra, il Liceo statale Carlo Porta di Monza si è dotato di un Sistema di gestione per la qualità

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Gli 8 principi della Qualità

Gli 8 principi della Qualità LA QUALITA NEL TEMPO Qualità Artigianale fino al ventesimo secolo; Ispezione e Collaudo - fino alla prima guerra mondiale; Controllo Statistico sui prodotti - fino al 1960; Total Quality Control fino al

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Il Modello europeo CAF

Il Modello europeo CAF Roma, 11 novembre 2011 Il Modello europeo CAF (Common Assessment Framework) Benedini Italo La visione dell Unione Europea sulla Qualità: un urgente bisogno di rinnovamento Tutte le organizzazioni, private

Dettagli

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento UNI EN ISO 19011: 2012 Elementi principali di cambiamento 1 ISO 19011 è normalmente intesa come una guida per Audit interni Audit esterni Audit di 1 parte Audit di 2 parte Audit di 3 parte -Certificazione

Dettagli

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE Studio dei principi e dell'applicazione delle metodologie tecniche ed organizzative per la qualità dei prodotti, dei servizi e discipline connesse. In collaborazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO 8 Marzo 2001 SEMINARIO TESTIMONI DI IMPRESA MARCO CAVALCA Executive Summary Introduzione La qualità in azienda (basic( quality

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

PREMESSA UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e UNI CEI EN ISO/IEC 17025, l Istituto Guglielmo Tagliacarne Roma marzo e aprile 2014 UNI EN ISO 9001:2008

PREMESSA UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e UNI CEI EN ISO/IEC 17025,  l Istituto Guglielmo Tagliacarne Roma marzo e aprile 2014 UNI EN ISO 9001:2008 CORSO PER VALUTATORI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ RIVOLTO AL PERSONALE DEGLI UFFICI METRICI E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI ROMA, MARZO APRILE 2014 1 PREMESSA I recenti decreti ministeriali

Dettagli

IL MONDO DEI SERVIZI: INVESTIRE IN CULTURA E PROFESSIONALITÀ

IL MONDO DEI SERVIZI: INVESTIRE IN CULTURA E PROFESSIONALITÀ Le Newsletter di AICQ SICEV: Care Colleghe e Cari Colleghi, dopo alcuni mesi di silenzio riprende la trasmissione delle Newsletter da AICQ SICEV ai propri Associati. L interruzione da Novembre 2009 ad

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà L IMPRESA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Perchè scegliere di rispettare il proprio business e affidarsi a I NOSTRI SERVIZI SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE H.A.C.C.P. AMBIENTE B.ETHIC

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli