Relazioni e Bilancio. Anno Esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilancio. Anno 2005 19 Esercizio"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio Anno Esercizio 1

2 Sommario

3 CARICHE SOCIALI pag. 5 LA NUOVA STRUTTURA DEL BILANCIO pag. 7 LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI pag. 9 Riconciliazione SP D.Lgs. 87/92 - IAS all 1/1/2004 pag. 17 Riconciliazione SP D.Lgs. 87/92 - IAS al 31/12/2004 e 1/1/2005 pag. 21 Riconciliazione SP D.Lgs. 87/92 - IAS al 31/12/2005 pag. 26 RELAZIONE SULLA GESTIONE pag. 29 SCHEMI DI BILANCIO Stato patrimoniale pag. 40 Conto economico pag. 42 Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto pag. 43 Rendiconto finanziario pag. 44 NOTA INTEGRATIVA Parte A: politiche contabili pag. 48 Parte B: informazioni sullo stato patrimoniale pag. 72 Parte C: informazioni sul conto economico pag. 93 Parte D: altre informazioni pag. 102 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE pag. 117 RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE pag. 119 AVVISO DI CONVOCAZIONE pag

4 Cariche Sociali

5 Consiglio di Amministrazione Presidente: Vitale Ugo * Vice Presidente: Gentili Gianluigi * Direttore Generale: Fimiani Ercole Consiglieri: Alessandrelli Alessandro Campogiani Domenico * Cassia Elio* Cattaneo Gaudenzio Lazzaroni Maurizio* Orazietti Carlo Collegio Sindacale Presidente: Polidori Evildo Sindaci Effettivi: Mancinelli Fabrizio Scoponi Luigi * Membri del Comitato Esecutivo 5

6 La nuova struttura del Bilancio

7 Nel mese di febbraio 2005 il Legislatore nazionale ha emanato il Decreto legislativo che defi nisce le scelte rimesse a ciascuno stato membro UE in tema di obbligo/facoltà di applicazione dei principi IAS/IFRS ai bilanci individuali ed al relativo adeguamento delle disposizioni fi scali, in attuazione delle deleghe contenute nell art. 25 della Legge n. 306 del 2003 (Legge Comunitaria per il 2003). Tale schema di decreto prevede per le banche, le società fi nanziarie capogruppo dei gruppi bancari iscritti nell albo di cui all art. 64 del Decreto Legislativo n. 385/93, le SIM, le SGR e le società iscritte nell albo di cui all art. 107 del Decreto Legislativo n. 385/93 redigono il bilancio consolidato sulla base dei principi contabili internazionali a partire dal 2005, mentre per il bilancio individuale tale obbligo decorre dal E tuttavia ammesso, in via facoltativa non ritrattabile, anticipare già al bilanci individuale 2005 l applicazione dei suddetti principi. Coerentemente con quanto previsto dalla Capogruppo BPU Banca, Esaleasing ha inteso adottare i principi contabili internazionali per la redazione del bilancio individuale già a decorrere dall esercizio 2005, usufruendo della facoltà sopradetta. L adozione diffusa dei principi contabili internazionali a livello di Gruppo, pur comportando un iniziale sforzo dal punto di vista tecnico-organizzativo, consente di semplifi care i processi amministrativi riducendo il rischio di errori ed evita oneri che diversamente andrebbero ad incidere sia sulla Capogruppo tenuta alla redazione del bilancio consolidato, sia in Esaleasing tenuta a fornire le necessarie informazioni. L applicazione dei nuovi principi contabili internazionali ha determinato importanti modifi che nella rappresentazione delle transazioni, nella valutazione delle attività e delle passività e nella struttura stessa dei bilanci. Le norme che disciplinano la prima applicazione dei principi IAS/IFRS richiedono la predisposizione, con i medesimi principi, di almeno un esercizio di raffronto. Tuttavia, il ritardo con cui è stato omologato il principio contabile IAS 39 quello di gran lunga più rilevante nell ambito dell operatività ha indotto il Legislatore Europeo ad escludere che le informazioni comparative riguardanti il 2004 debbano essere conformi al citato principio 39. Pertanto i dati relativi all esercizio 2004 non sono comparabili con riferimento alla valutazione degli strumenti fi nanziari. Gli schemi contabili utilizzati fanno riferimento al Provvedimento della Banca d Italia del 14 febbraio 2006 per gli Intermediari Finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 del Decreto Legislativo n. 385/93. 7

8 Transizione ai principi contabili internaz. IAS/IFRS

9 Al fi ne di comprendere adeguatamente il processo di transizione dai principi contabili nazionali (D.Lgs. 87/1992 e Circolare Banca d Italia n. 166/1992 e successivi aggiornamenti) applicati sino all esercizio 2004, ai principi contabili internazionali IAS/IFRS applicati dall esercizio 2005, si fornisce qui di seguito un quadro riassuntivo dei principali aspetti normativi e dei principi IAS/IFRS stessi. Viene inoltre descritto lo svolgimento del processo di transizione presso la Esaleasing Spa. SINTESI NORMATIVA Il processo di armonizzazione contabile promosso dalla Commissione Europea ha portato, nel luglio del 2002, all emanazione del Regolamento n. 1606/2002 dal quale scaturisce l obbligo, per le società quotate dell Unione Europea, di applicare i principi contabili internazionali IAS/IFRS nei bilanci consolidati a partire dall esercizio Tale evento ha segnato il primo passo nella direzione auspicata dai mercati internazionali rivolta ad una convergenza, in termini di comparabilità, dell informativa fi nanziaria delle imprese al fi ne di favorire l evoluzione della concorrenza a livello internazionale. L utilizzo generalizzato della nuova disciplina contabile va visto pertanto in un ottica di sviluppo, nell interesse pubblico, di un comune corpo di principi applicabili ad un numero sempre maggiore di società. La transizione dalla normativa nazionale previgente ai principi contabili internazionali IAS/IFRS avviene tramite l omologazione, in sede comunitaria, degli stessi 1. In particolare la ratifi ca dello IAS 39 2, il principio contabile di maggior impatto per le banche e gli altri enti fi nanziari, è avvenuta solo nel mese di dicembre 2004 tramite la pubblicazione con Legge 363/04 3 nella Gazzetta Uffi ciale Europea del Regolamento CE 2086/2004. Sul fronte nazionale il Legislatore, in ottemperanza alla delega ricevuta dal Parlamento, ha esteso, per mezzo del D.Lgs. n. 38 del 28 febbraio 2005, l ambito d applicazione dei principi contabili internazionali anche ai bilanci individuali (in via facoltativa per il 2005 e obbligatoria dal 2006) delle società quotate, delle banche ed altri enti fi nanziari vigilati e delle imprese di assicurazione non quotate. Il suddetto decreto ha inoltre concesso la facoltà di applicare i nuovi principi alle imprese tenute alla redazione del bilancio consolidato e alle imprese controllate da quest ultime, dalle società quotate, dalle banche e dagli enti vigilati. La Banca d Italia, nel dare attuazione ai poteri regolamentari disposti all art. 9, comma 1, del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n. 38, ha diffuso, con provvedimento del 14 febbraio 2006, gli schemi e le regole di compilazione dei bilanci IAS individuali per le società fi nanziarie vigilate. 1 Per omologazione si intende quel processo lungo e non privo di ostacoli tramite cui viene accertato che il principio contabile non presenta disposizioni in contrasto con la restante normativa comunitaria. 2 Rif. IAS 39 Strumenti fi nanziari: rilevazione e valutazione. 3 Gazzetta Uffi ciale Unione Europea n. 363 del 9 dicembre

10 Nella nota integrativa sono riportate talune delle informazioni maggiormente rappresentative ed utili per apprezzare e valutare l andamento patrimoniale, fi nanziario ed economico della Società. I NUOVI PRINCIPI CONTABILI Il bilancio, secondo la nuova disciplina contabile, è lo strumento atto a fornire le informazioni indispensabili, ai diversi destinatari del medesimo, per assumere ponderate ed oculate valutazioni e scelte economiche. In tale ottica i principi contabili IAS/IFRS mirano a fornire informazioni qualitative che soddisfi no le priorità dei lettori del bilancio rendicontando, tra l altro, i risultati conseguiti dagli amministratori e dalla direzione aziendale. Tra le caratteristiche qualitative che rendono utili le informazioni fornite in bilancio riveste notevole importanza l affi dabilità dell informazione; quest ultima deve rappresentare fedelmente le operazioni e gli eventi e perché ciò si realizzi è necessario che tali eventi siano rilevati e rappresentati in bilancio in conformità alla loro sostanza economica e non meramente secondo la loro forma giuridica. La nuova disciplina contabile prevede pertanto diverse novità relativamente alle modalità di rappresentazione in bilancio dei fatti economici, con particolare riferimento ai momenti della rilevazione, della classifi cazione e della valutazione delle diverse poste. Nella logica dei principi contabili internazionali, inoltre, l informazione contabile è tanto più utile quanto più rifl ette il valore corrente dell attività/passività iscritta in bilancio. In tale ottica i suddetti principi promuovono un utilizzo esteso della valutazione al fair value 4 e, comunque, l espressione dei valori di bilancio secondo criteri fi nanziari anziché di valore nominale (v. ad es. attualizzazione Fondi Rischi). In ciò consiste, in larga parte, una delle principali novità introdotte dalla nuova disciplina contabile. Nel sintetizzare le principali novità connesse all introduzione dei principi contabili internazionali con riguardo ad una società fi nanziaria vigilata, ci si deve innanzitutto riferire allo IAS 39, principio applicabile agli strumenti fi nanziari dove, con tale termine, si ricomprendono, ad esempio, titoli, derivati, crediti/debiti e passività emesse. In sede di rilevazione iniziale lo IAS 39 prescrive che ogni attività/passività fi nanziaria, ad eccezione di quelle di negoziazione, sia iscritta al fair value comprensivo degli oneri/ proventi direttamente connessi alla transazione. Nel caso descritto, quindi, gli oneri/ proventi di transazione non affl uiscono immediatamente a conto economico, ma sono iscritti in aumento/diminuzione del valore iniziale dello strumento fi nanziario salvo poi essere iscritti a conto economico secondo una logica fi nanziaria. Rispetto alla normativa previgente rappresenta una novità di notevole portata la 4 Def. Corrispettivo al quale un attività potrebbe essere scambiata o una passività estinta, in una libera transazione fra parti consapevoli e disponibili Par. 11 IAS 32 Strumenti fi nanziari: esposizione nel bilancio e informazioni integrative. 10

11 previsione d iscrivere i suddetti strumenti in quattro categorie specifi che a cui sono associati metodi di valutazione propri. Le attività/passività di negoziazione, e le attività disponibili per la vendita sono valutate al fair value (per le prime la valutazione è imputata a conto economico, per le seconde è iscritta in un apposita riserva di patrimonio netto), diversamente le attività detenute sino a scadenza e i crediti/fi nanziamenti presuppongono una valutazione con il metodo del costo ammortizzato 5. Va inoltre segnalato che, in ossequio al già citato principio delle prevalenza della sostanza sulla forma, lo IAS 39, con riguardo alle attività e passività fi nanziarie, stabilisce che un attività fi nanziaria possa essere cancellata dal bilancio se, e solo se, mediante la cessione l impresa ha trasferito sostanzialmente tutti i rischi e benefi ci connessi all attività stessa 6 ; laddove si tratti di una passività fi nanziaria questa può essere rimossa dal bilancio esclusivamente quando l obbligazione derivante dal contratto risulta scaduta, cancellata o estinta. Con riguardo al comparto dei titoli, ad esempio, il portafoglio immobilizzato e non immobilizzato nelle previsioni del D.Lgs. 87/92 deve, in fase di prima applicazione, essere riallocato nelle suddette quattro categorie. Tale suddivisione presuppone tra l altro la necessità di valutare al fair value anche titoli non quotati se classifi cati tra le attività di negoziazione o disponibili per la vendita. I risultati della valutazione di attività/passività disponibili per la vendita, e ciò rappresenta una novità assoluta rispetto alla previgente normativa, vanno sospesi in un apposita riserva di patrimonio netto sino al momento del realizzo. Per ciò che concerne i prodotti derivati, lo IAS 39 prescrive la necessità di dover riconoscere tali fattispecie quali attività/passività fi nanziarie da iscriversi nel novero delle attività/passività dello stato patrimoniale e pertanto non più sotto la linea. Tutti i derivati, siano questi di negoziazione o di copertura, quotati o non quotati, devono essere iscritti e valutati al fair value. Per ciò che concerne i crediti i principi contabili internazionali prevedono che le posizioni non performing (sofferenze, incagli, ristrutturati e ristrutturandi) siano valutate 5 Def. Valore al quale un attività/passività fi nanziaria é valutata al momento della rilevazione iniziale al netto dei rimborsi di capitale, accresciuto o diminuito dell ammortamento complessivo (attraverso il metodo dell interesse effettivo) delle differenze tra il valore iniziale e quello a scadenza, al netto di qualsiasi svalutazione. Par. 9 IAS 39 Strumenti fi nanziari: rilevazione e valutazione. L utilizzo del tasso di interesse effettivo permette la ripartizione degli interessi attivi e passivi, oltre che dei costi/proventi direttamente attribuibili, lungo la vita attesa dello strumento fi nanziario. 6 L impresa dovrà pertanto continuare a rilevare in bilancio, anche se formalmente cedute, le attività per le quali sono riconducibili in capo alla medesima sia i rischi che i benefi ci connessi ai beni ceduti. 11

12 analiticamente tenendo conto dell effetto tempo connesso alle previsioni in termini di tempi di recupero, con conseguente attualizzazione al tasso di interesse effettivo originario delle previsioni di recupero. I crediti che non presentano evidenze di perdite di valore (c.d. crediti performing) devono essere valutati collettivamente, mediante la loro suddivisione in categorie di rischio omogeneo alle quali vengono associate svalutazioni stimate sulla base di esperienze storiche di perdite. Tale processo valutativo non deve basarsi su eventi futuri presumibili bensì meramente su esperienze di perdite passate ovvero su eventi attuali ma ancora non specifi camente ponderati dall azienda. Con riguardo ai criteri di rilevazione in bilancio di attività e passività non fi nanziarie, i nuovi principi contabili statuiscono criteri differenti per l iscrizione sia di attività immateriali sia di fondi del passivo rispetto a quanto precedentemente concesso. Quanto alle attività immateriali, lo IAS 38 7 prescrive criteri molto più rigidi per l iscrizione di una posta in tali fattispecie tanto che, a titolo esemplifi cativo e non esaustivo, non è più concesso capitalizzare spese di pubblicità, costi di ricerca, di ristrutturazione, di marchi e diritti generati internamente. Con riguardo ai Fondi Rischi, lo IAS 37 8 prescrive che possano essere stanziati accantonamenti a tali fondi solo qualora l azienda abbia in essere un obbligazione derivante da eventi passati, risulti probabile che per l adempimento di tale obbligazione si renderà necessario l impiego di risorse ed inoltre si sia in grado di stimare in modo attendibile la passività. Diversamente da quanto previsto dalla disciplina contabile precedente, gli IAS/IFRS richiedono di dover procedere all attualizzazione dell accantonamento, al fi ne di tener conto del differimento della passività sino al momento in cui l azienda sarà tenuta ad estinguere l obbligazione, qualora l effetto dovuto al trascorrere del tempo sia signifi cativo. Una novità di notevole portata introdotta dai principi contabili internazionali 9 è riconducibile al diverso trattamento riservato al Fondo TFR che, per la nuova disciplina contabile è qualifi cabile come un benefi cio a prestazione defi nita che si sostanzia in una passività complessa per il calcolo della quale l azienda é tenuta a stimare la data prevista di interruzione del rapporto di lavoro, tenendo inoltre conto del peso di variabili demografi che (vedasi ad esempio tassi di mortalità, tassi di rotazione del personale) e fi nanziarie (vedasi ad esempio livello delle retribuzioni future) che infl uenzeranno il valore dell obbligazione assunta dall azienda. Il valore del Fondo TFR, pertanto, non si fonda più sull ipotesi della risoluzione del rapporto di lavoro alla data di riferimento del bilancio ma l ammontare già maturato deve essere in primis proiettato al futuro per stimare l ammontare da pagare al momento della risoluzione del rapporto e poi essere attualizzato così da tener conto del tempo che trascorrerà prima dell estinzione dell obbligazione. 7 Rif. IAS 38 Attività Immateriali 8 Rif. IAS 37 Accantonamenti, passività e attività potenziali. 9 Rif. IAS 19 Benefi ci per i dipendenti. 12

13 La prima applicazione dei principi contabili internazionali è effettuata con modalità che portano a simulare quale sarebbe stata l entità patrimoniale aziendale qualora si fosse da sempre (con gli accorgimenti propri dell IFRS 1) applicata la normativa IAS/ IFRS. In tal senso si sottolinea la circostanza secondo la quale, in sede di transizione, tutte le rettifi che/differenze generate dalla prima applicazione dei principi contabili internazionali, devono essere riconosciute in una riserva di patrimonio netto. Tale prescrizione permette pertanto la rilevazione, nello stato patrimoniale di apertura, di tutte le variazioni derivanti dall applicazione dei principi IAS/IFRS senza che venga quindi registrato alcun impatto nel conto economico. L illustrazione completa dei nuovi principi contabili adottati è riportata nel capitolo relativo ai Criteri di redazione. LA PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IAS/IFRS Il sopracitato IFRS 1 deve essere applicato dalle società nella redazione del primo bilancio in conformità agli IAS/IFRS. Posta la complessità del processo di transizione dalla previgente normativa ai nuovi principi contabili internazionali, al fi ne anche di facilitare tale processo, è stato emanato da parte dello IASB 10 un principio specifi co, l IFRS 1, dedicato esclusivamente alla gestione della prima applicazione dei principi contabili internazionali. Il principio in parola prevede la presentazione di almeno un bilancio comparativo in occasione della redazione del primo bilancio redatto in applicazione dei principi internazionali. Da ciò discende che la data di transizione, il passaggio cioè agli IAS/IFRS, avviene all apertura dell esercizio che ha inizio il 1º gennaio Esaleasing, che ha optato per la produzione di un solo anno di comparazione dei dati contabili (esercizio 2004), ha inoltre deciso di avvalersi della facoltà concessa dal principio in parola con riferimento alla non applicazione retrospettiva degli IAS 32 e 39. L esenzione in parola nasce dalla consapevolezza dello IASB dell estrema diffi coltà di ricostruire gli aspetti di contabilizzazione e la valutazione di operazioni fi nanziarie quali quelle creditizie, di trading, di copertura ecc.. Tale diffi coltà è stata ulteriormente accentuata dal ritardo dicembre 2004 con cui i due principi contabili di riferimento (IAS 32 e 39) sono stati omologati in sede europea. Posto ciò, con effetto retroattivo alla data del 1º gennaio 2004 Esaleasing applica tutti gli IAS/IFRS omologati ad eccezione degli IAS 32 e 39; diversamente l applicazione di questi ultimi è effettiva dal 1º gennaio IASB - International Accounting Standard Board, ente emanatore dei principi contabili internazionali IAS/IFRS. 13

14 l IFRS 1 prescrive: la redazione di uno stato patrimoniale di apertura, secondo le regole IAS/IFRS, alla data di transizione (1 gennaio 2004); l applicazione dei principi IAS/IFRS nel primo bilancio redatto in conformità ai nuovi principi oltre che in tutte le situazioni contabili di raffronto 11 ; la redazione di un informativa che illustri gli impatti di natura patrimoniale, fi nanziaria, economica ovvero sui fl ussi fi nanziari derivanti dalla transizione agli IAS/IFRS. Lo stato patrimoniale di apertura (1 gennaio 2004 per tutti gli IAS/IFRS ad eccezione di IAS 32 e 39 per i quali la data di riferimento è 1º gennaio 2005) deve essere conforme agli IAS/IFRS e pertanto dovrà: rilevare tutte le attività e le passività la cui iscrizione è richiesta dai principi contabili internazionali; stornare la attività e passività la cui iscrizione non è consentita dagli IAS/IFRS; riclassifi care le poste rilevate sulla base delle nuove regole; applicare gli IAS/IFRS nella valutazione di tutte le attività e passività rilevate. L applicazione dei principi contabili internazionali comporta, in sede di transizione, la necessità di effettuare determinate scelte strategiche, di cui nel seguito si riporta una breve descrizione. Crediti (IAS 32 e 39) data di transizione 01/01/2005 Tutti i crediti in essere alla data di transizione sono stati classifi cati nella categoria L&R e contabilizzati attualizzando i fl ussi di cassa attesi al tasso effettivo originario (l importo dell erogato in essere coincide con il valore attuale dei fl ussi di cassa futuri); tali crediti si riferiscono a fi nanziamenti erogati direttamente all utilizzatore, rimborsati con pagamenti fi ssi e determinati e non quotati su un mercato attivo; il criterio del costo ammortizzato (IAS 39), che si ottiene portando ad incremento o a riduzione del valore di iscrizione i costi o proventi che determinano una differenza tra tasso di interesse effettivo e nominale, è stato invece applicato ai crediti leasing a partire dall 1 gennaio Sono state sottoposte a valutazione analitica tutte le posizioni classifi cate ad incaglio e sofferenza e la perdita di valore è stata calcolata come differenza tra il valore contabile ed il valore attuale dei fl ussi di cassa futuri stimati, attualizzati mediante il tasso di interesse effettivo applicato al momento dell erogazione originaria. Sono stati sottoposti a valutazione collettiva tutti i crediti non assoggettati a valutazione analitica, in particolare sulla base di categorie omogenee di crediti (nel nostro caso 11 L IFRS 1 prevede alcune eccezioni obbligatorie unitamente ad alcune esenzioni di natura facoltativa. 14

15 per prodotto) applicando basi storiche di recupero per ciascuna categoria di credito. Immobilizzazioni (IAS 16 e 38) data di transizione 01/01/2004 Per le immobilizzazioni materiali è stato utilizzato il modello del costo in quanto le aliquote utilizzate sono rappresentative della vita utile dei beni (non sono presenti immobili e terreni). Le immobilizzazioni immateriali sono state anch esse valutate con il metodo del costo, considerando gli oneri di diretta imputazione; non vengono capitalizzate le spese di start-up, le spese per la formazione del personale, le spese di pubblicità e/o promozione e le spese di ricollocamento o di riorganizzazione, ecc. Derivati (IAS 39) data di transizione 01/01/2005 Tutti i derivati sono stati valutati al fair value, in caso di relazione di copertura effi cace e valida vengono attribuiti alla tipologia di copertura fair value hedge ; nel caso la relazione di copertura non fosse valida (o non determinabile come il nostro derivato indicizzazione paniere di tassi ) il derivato viene trattato come strumento di trading e classifi cato nella categoria Financial asset of liability at fair value trough profi t or loss (FVPL) come strumenti held for trading. Secondo le regole dell hedge accounting una relazione di copertura del tipo fair value hedge prevede la valutazione al fair value dello strumento coperto relativamente al rischio oggetto di copertura. Accantonamenti e passività (IAS 37) data di transizione 01/01/2004 I fondi rischi sono stati mantenuti o rilevati solo se basati su fattori o eventi osservabili e quantifi cabili (incurred loss) e non su eventi prospettici o futuri (expected loss). L importo verrebbe attualizzato se di rilevanza contabile e per le scadenze di medio/ lungo periodo. In osservanza alle disposizioni dello IAS 37 quota parte del fondo rischi ed oneri, almeno per la parte relativa all indennità di clientela e al fondo rischi fi nanziari generali presenti alla data di transizione, è confl uita direttamente a patrimonio netto dopo analisi del trattamento fi scale all epoca della costituzione, di cui si dirà in seguito. Benefi ci per i dipendenti - Fondo TFR (IAS 19) data di transizione 01/01/2004 Lo IAS 19 consente di utilizzare il metodo del corridoio ovvero di non rilevare parte degli utili/perdite attuariali quando la variazione rispetto all esercizio precedente sia inferiore al 10%. L applicazione retroattiva di tale metodo avrebbe imposto alle società di dover suddividere gli utili e le perdite attuariali cumulate in una parte rilevata e in una non rilevata. L IFRS 1 consente l applicazione del metodo del corridoio anche solo in via prospettica ed il gruppo BPU ha rilevato integralmente gli utili/perdite attuariali 15

16 cumulati sino al passaggio agli IAS/IFRS. Effetti fi scali di FTA (IAS 12) data di transizione 01/01/04-01/01/05 Nella determinazione della riserva di FTA, tutte le variazioni che si sono determinate dalla diversa valutazione delle attività e passività hanno dato luogo ad iscrizione di imposte differite o anticipate con esclusione delle partite già tassate in sede di costituzione. PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE Ai prospetti di riconciliazione che seguono è attribuita la funzione di illustrare come il passaggio dai precedenti principi contabili agli IAS/IFRS infl uenzi la situazione patrimoniale e fi nanziaria, l andamento economico e i fl ussi fi nanziari presentati. In particolare vengono esposti: 1) le riconciliazioni del patrimonio netto secondo i precedenti principi contabili con il patrimonio netto rilevato in conformità agli IAS/IFRS: alla data di passaggio agli IAS/IFRS (1 gennaio 2004); alla data di chiusura dell ultimo esercizio il cui bilancio è stato redatto in conformità ai precedenti principi contabili (31 dicembre 2004); alla data di prima applicazione degli IAS 32, 39 e dell IFRS 4 (1 gennaio 2005); 2) le riconciliazioni del risultato economico riportato nell ultimo bilancio d esercizio redatto in base ai precedenti principi contabili con il risultato economico derivante dall applicazione degli IAS/IFRS per il medesimo esercizio (31 dicembre 2004). 16

17 Riconciliazione fra Stato Patrimoniale ex D.Lgs. 87/1992 (riclassificato IAS) e Stato Patrimoniale IAS/IFRS al 1 gennaio 2004 (Importi in migliaia di Euro) 1 gennaio 2004 D.Lgs. 87/92 riclassifi cato IAS Effetti derivanti dalla transizione agli IAS/IFRS 1 gennaio 2004 IAS/IFRS (esclusi IAS 32/39) ATTIVITA Cassa e disponibilità liquide 7 7 Crediti Attività materiali Attività immateriali Attività fi scali Altre attività Totale attività PASSIVITA Debiti Passività subordinate Passività fi scali Altre passività Trattamento di fi ne rapporto del personale 442 (3) 439 Fondi per rischi e oneri (148) Riserve da valutazione Riserve Sovrapprezzi di emissione Capitale Utile (Perdita) dell esercizio Totale patrimonio netto Totale passività e patrimonio netto L effetto riconducibile alla transizione agli IAS/IFRS evidenzia una variazione in aumento del patrimonio netto per 150 mila euro. 17

18 FTA Effetto di transizione al 1 gennaio 2004 (Importi in migliaia di Euro) 1 gennaio 2004 Patrimonio netto ex D.lgs. 87/ Rettifiche da effetto transizione agli IAS/IFRS: 150 Trattamento di fi ne rapporto del personale 3 Fondi per rischi e oneri 148 Effetto fi scale (1) Totale patrimonio netto IAS/IFRS Con riferimento ai prospetti di riconciliazione, i principiali effetti possono essere così illustrati: 1) Trattamento di fi ne rapporto I principi contabili internazionali richiedono l iscrizione del fondo di trattamento di fi ne rapporto per un valore attuale determinato in applicazione di criteri attuariali in quanto questa posta è considerata un piano a benefi ci defi niti. Data la complessità alla base delle metodologie che consentono la determinazione del corretto ammontare del debito da iscrivere in bilancio, in fase di prima applicazione ci si è avvalsi di un attuario indipendente che ha effettuato una stima per tutte le Società del Gruppo. L applicazione delle logiche attuariali e la determinazione del valore attuale del debito ha comportato un effetto complessivamente positivo pari a circa 3 mila che determina una variazione in aumento del patrimonio netto. 2) Fondi per rischi ed oneri I principi IAS/IFRS permettono l iscrizione di fondi per rischi ed oneri solo se riconducibili ad un obbligazione esistente (legale od implicita), derivante da un evento passato, quantifi cabile attendibilmente e dalla quale è probabile si renderà necessario un esborso di risorse per il suo adempimento. In fase di prima applicazione si è provveduto quindi a stornare il fondo indennità agenti pari a circa 148 mila euro. 3) Riserve / Riserve da valutazione I principi contabili internazionali stabiliscono di imputare in apposita riserva di patrimonio netto gli effetti derivanti dalla prima applicazione degli stessi. In particolare la voce Altre riserve recepisce gli effetti derivanti dalla riclassifi cazione del Fondo rischi fi nanziari generali per mila euro, 18

19 dall attualizzazione del Fondo per rischi ed oneri per 148 mila euro e dall applicazione delle logiche attuariali al Fondo TFR per circa 2 mila euro al netto dell impatto fi scale. 4) Impatti fi scali L impatto fi scale è stato determinato in base alla legislazione vigente (ivi compreso il D.Lgs. 38/2005). In particolare: L IRES è stata calcolata applicando l aliquota del 33%; L IRAP è stata calcolata in base all aliquota del 5,15%. Lo IAS 12 Imposte sul reddito dispone che l onere fi scale di periodo è formato dalle imposte correnti nonché dalla fi scalità differita attiva/passiva. In particolare la fi scalità differita deve essere rilevata ogni qualvolta si realizza una differenza temporanea tra il valore contabile di una attività o di una passività ed il suo valore fi scale. 19

20 Riconciliazione fra Conto economico ex D.Lgs. 87/1992 (riclassificato IAS) e Conto economico IAS/IFRS al 31 dicembre 2004 CONTO ECONOMICO 31 dicembre 2004 D.Lgs. 87/92 riclassifi cato IAS Effetti derivanti dall applicazione degli IAS/IFRS (esclusi IAS 32/39) (Importi in migliaia di Euro) 31 dicembre 2004 IAS/IFRS (esclusi IAS 32/39) Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati (22.570) (22.570) Commissioni attive Commissioni passive (2.483) (2.483) Rettifi che di valore nette per deterior. di crediti (2.871) (2.871) Spese amministrative (3.423) 7 (3.416) Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (54) 54 0 Rettifi che di valore nette su attività materiali (84) (84) Rettifi che di valore nette su attività immateriali (44) 2 (42) Altri oneri/proventi di gestione (2) Imposte sul reddito dell eserc. dell operat. corrente (7.499) (23) (7.522) Utile (Perdita) d esercizio Per effetto dell applicazione dei principi contabili internazionali, nel corso dell esercizio 2004 si sono generati effetti positivi rispetto al risultato dell esercizio determinato ai sensi del D.Lgs. 87/1992 per un totale di circa 38 mila euro. Le più signifi cative variazioni derivanti dall applicazione dei principi IAS/IFRS che hanno effetto sul risultato d esercizio possono essere così dettagliate: 1) Interessi passivi L aumento degli interessi passivi per circa 5 mila euro è ascrivibile alla riduzione del tempo di attualizzazione riconducibile al fondo TFR. 2) Spese amministrative La diminuzione riscontrata tra le spese amministrative per il personale pari a un totale di circa 12 mila euro è dovuta alla rettifi ca degli interessi passivi di cui sopra per 5 mila euro e ad un minor accantonamento al fondo TFR per 7 mila euro. 3) Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri La voce in parola diminuisce per 54 mila euro per annullamento dell accantonamento in quanto non rispondente ai requisiti IAS. 20

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Banca Popolare Valconca Società Cooperativa per azioni Sede Sociale e Direzione generale in Morciano di Romagna FONDATA NEL 1910 104 ESERCIZIO RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Approvato dal Consiglio

Dettagli

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e TELECOM ITALIA CONFIDENZIALE - RISERVATO AD AGCOM NON ACCESSIBILE E NON PUBBLICABILE - Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006 Principi e criteri di Separazione

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE SOCIETA COOPERATIVA Prospetti contabili predisposti per la determinazione dell utile semestrale ai fini del calcolo del patrimonio di vigilanza

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2011 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2011 "CREDITO VALDINIEVOLE" BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MONTECATINI TERME E BIENTINA SOCIETA' COOPERATIVA Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL.

BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. BANCA DI CASCINA CREDITO COOPERATIVO S.C. VIALE COMASCO CAMASCHI, 4 56021 CASCINA P.I./C.F. 00172460503 R.E.A. DI PISA N. 11812 TEL. 050717111 TELEFAX 050717227 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2007

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006 101 Esercizio Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2006 234 Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. 238 Conto economico 239

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

BILANCIO CIVISLISTICO, PROSPETTO DEI MOVIMENTI DEL PATRIMONIO NETTO, RENDICONTO FINANZIARIO E NOTE ESPLICATIVE 31/12/2005

BILANCIO CIVISLISTICO, PROSPETTO DEI MOVIMENTI DEL PATRIMONIO NETTO, RENDICONTO FINANZIARIO E NOTE ESPLICATIVE 31/12/2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. Sede Lege Milano Vie Monza, 265 Capite Socie sottoscritto e interamente versato Euro 120.000= i.v. iscritta Registro Imprese di MILANO n. 04441590967 e n. 1747663 del R.E.A. della

Dettagli

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO BANCA POPOLARE ETICA ASSEMBLEA dei SOCI Utilizzo di stime e assunzioni nella predisposizione del bilancio consolidato La redazione del bilancio consolidato richiede anche il ricorso a stime e ad assunzioni

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA LA LEGGE FINANZIARIA 2008 IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS Renzo Parisotto 26 Gennaio 2008 IRES Modifiche specifiche per i

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552.

STATO PATRIMONIALE  Totale dell'attivo 1.097.639.736 1.115.552.611 Totale del passivo e del patrimonio netto 1.097.639.736 1.115.552. CREDITO COOPERATIVO FRIULI SOC. COOP. cod..fiisc..02216020301 Bilancio di esercizio al 31.12.2014 Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Udine Autorizzazione numero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

AEM Torino S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A.

AEM Torino S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A. 189 190 INDICE Premessa... 193 Prima applicazione dei principi contabili internazionali (IFRS 1)... 194 Principi contabili e criteri di

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli