BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI. Programmi di Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI. Programmi di Formazione 2012. www.sdabocconi.it/baif"

Transcript

1 Milano Italy BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI Programmi di Formazione 2012

2 AllArgA i tuoi orizzonti. EmPowEr your vision. Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti e qualificate per sviluppare una visione manageriale completa. Empower your vision è il nostro invito, ma anche il nostro impegno. Alberto grando Dean, SDA Bocconi School of Management I nostri programmi formativi sono focalizzati su temi centrali del management e delle professionalità. Con contenuti e modelli didattici di frontiera aiutiamo a rafforzare la visione manageriale per il successo delle persone e delle organizzazioni. Giacomo De Laurentis Director, Executive Education Open Programs Division

3 Paola Musile Tanzi Direttore, Area Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni Accresci il tuo valore Le energie che spendi nella tua vita professionale, l esperienza che accumuli ogni giorno, sono parte di te. Sono un valore da gestire attivamente. È importante coltivare l apertura mentale, il confronto costante e l aggiornamento sui temi più avanzati e più attuali della tua professione. Questa crescita in profondità e in ampiezza ti coinvolge insieme alla tua azienda, ai tuoi colleghi e ai tuoi clienti. In questo percorso vogliamo essere al tuo fianco, con una Faculty di esperti e un offerta formativa a livello nazionale e internazionale. Dedica tempo al tuo valore. Noi lo dedicheremo a te. APERTURA, CONFRONTO, AGGIORNAMENTO. DEDICATI A TE. 1

4

5 Programmi per aree tematiche 4 Governance e General Management 4 Corporate Banking 11 Valutazione del Rischio di Credito 13 Private Banking e Wealth Management 15 Finanza Mobiliare e Asset Management 19 Retail Banking 21 Risk Management 25 Amministrazione e Controllo nelle Banche 30 Assicurazioni e Risk Management 33 Programmi internazionali 36 Percorsi formativi 40 Executive Master 42 Formazione su misura 44 Ricerche 45 Osservatori, Community, Workshop 46 Faculty 48 Sintesi dei programmi di formazione 49 Informazioni generali 52

6 Governance e General Management CIB - Executive Management Program in Banking Corso Intensivo di Gestione Bancaria Il processo di crescita dei partecipanti a livello manageriale si basa sullo sviluppo delle capacità di identificazione, di analisi dei problemi e di decisione. Ciò consente loro di operare coerentemente nell ambito di crescenti responsabilità, di acquisire una visione unitaria e interfunzionale dei complessi problemi di strategia e di gestione bancaria e il conseguente sviluppo delle capacità di gestione di relazioni con molteplici funzioni e aree aziendali. Il programma è destinato ai dirigenti e ai quadri operanti nel settore finanziario con responsabilità di livello direttivo delle unità centrali e di rete che intendono acquisire una visione integrata e interfunzionale della gestione bancaria. Primo modulo - Evoluzione ambientale e regole del gioco Le metodologie di analisi e di valutazione dello scenario macroeconomico domestico nel contesto europeo. I cambiamenti del sistema finanziario e gli effetti sulle scelte delle imprese e dei risparmiatori. La struttura e le trasformazioni dei mercati finanziari: concentrazione, competitività, modelli organizzativi, performances. Le politiche monetarie nell eurosistema: assetti istituzionali, strumenti e strategie. Le politiche regolamentari e di vigilanza alla luce dei problemi posti dalle nuove sfide. secondo modulo - risk management e Performance measurement I modelli di risk management per la creazione del valore. La politica dei prestiti e i modelli di credit risk management. La costruzione e la gestione dei modelli di Asset Liability Management per il governo della profittabilità, per il presidio dei rischi e per l ottimizzazione della funzione obiettivo in condizioni di incertezza. L identificazione e la gestione del rischio operativo. Gli strumenti per la valutazione operativa delle performance e dell equilibrio reddituale e finanziario. I sistemi di Programmazione e Controllo: strumento di supporto ai comportamenti dei manager, modalità di valutazione e di misurazione della creazione di valore. L orientamento dei sistemi di controllo alla dimensione di processo: l Activity Based Costing e l Activity Based Management. terzo modulo: strategie di business La definizione degli assetti distributivi sulla scorta delle variabili competitive prevalenti e della profilatura della clientela e le politiche di integrazione dei canali. Il Retail Banking e le politiche di orientamento al cliente. Il Corporate Banking: gli aspetti organizzativi e funzionali, le politiche di segmentazione di portafoglio e di pricing. Il Private Banking per tipologie di assetti organizzativi, di relazione con il cliente e di riflessi economici per la banca. L Asset Management: evoluzione del settore e innovazione di prodotto e di processo. Quarto modulo: Assetti organizzativi e meccanismi operativi La struttura degli assetti, dei processi e dei ruoli organizzativi e di governo coerenti con le caratteristiche dell ambiente e la strategia perseguita. La gestione del personale: un sistema di equilibrio fra le attese reciproche e i modelli di scambio tra azienda e persona. La cultura aziendale: missing link dell organizzazione e strumento manageriale. Il ruolo strategico dell IT per gli assetti produttivi e per il mercato. L organizzazione per la qualità: customer satisfaction e ridisegno dei processi aziendali. networking Per favorire lo scambio di esperienze i partecipanti al CIB hanno accesso alla Community CIB. L iscrizione alla Community consente di partecipare al workshop annuale di confronto tra ex partecipanti e opinion leader di settore. Complessivamente 20 giorni su 4 moduli I modulo: dal 10 al 14 settembre 2012 II modulo: dall 1 al 5 ottobre 2012 III modulo: dal 22 al 26 ottobre 2012 IV modulo: dal 12 al 16 novembre IVA Comprensiva dell iscrizione alla Community CIB. Adalberto Alberici 4

7 Governance e General Management I Consiglieri non Esecutivi e Indipendenti: ruoli, competenze e responsabilità Giornate di Formazione sul Consiglio di amministrazione e sulla Corporate Governance: XIV edizione. Il programma di formazione intende: presentare un quadro analitico delle problematiche di Corporate Governance affrontate dalle imprese italiane ed europee nell attuale fase evolutiva dei mercati e della regolamentazione; proporre modelli e soluzioni di efficace funzionamento e di valutazione dell operato dei Consigli di amministrazione, e in prospettiva del Consiglio di sorveglianza e del Consiglio di gestione Il programma nell edizione 2012 si concentra sui seguenti aspetti: I modelli alternativi di amministrazione e controllo. Il sistema dei controlli interni ed esterni. La valutazione delle performance del Consiglio e dei Consiglieri. La remunerazione del Consiglio e dei top manager. I Consiglieri indipendenti e Lead director. Il programma è indirizzato a tutti coloro che, all interno di imprese industriali, commerciali e di servizi o di banche, assicurazioni ed intermediari finanziari, sono interessati a capire quale ruolo può avere il Consiglio di amministrazione nelle imprese moderne e quali sono le condizioni affinché tale ruolo possa svolgersi in modo efficace. I destinatari dell iniziativa sono quindi rappresentati da: consiglieri non esecutivi e indipendenti, anche in imprese che hanno adottato il modello dualistico; chi, nel prossimo futuro, sarà chiamato ad assumere l incarico di Consigliere non esecutivo e di Consigliere non esecutivo e indipendente in una diversa realtà aziendale; altre figure chiave del Consiglio di amministrazione, che intendano ottimizzare il funzionamento del Consiglio e stabilire una proficua collaborazione con i Consiglieri non esecutivi e indipendenti; membri del collegio sindacale 2 gior ni 4 e 5 ottobre al IVA Paola Schwizer 5

8 Governance e General Management Efficienza Organizzativa Metodi e tecniche per l analista di organizzazione Negli ultimi anni il ventaglio di strumenti di analisi e di progettazione degli assetti organizzativi si è notevolmente ampliato e l impiego dei modelli e delle tecniche ha portato ad un significativo cambiamento dei modi di fare organizzazione. Nel programma si ha l obiettivo di offrire: contenuto specialistico e operativo orientato a fornire la cassetta degli attrezzi ; marcato orientamento applicativo volto all impiego degli strumenti; logica integrata di analisi e di progettazione, le tecniche presentate sono integrate in un modello unico e coerente. Il programma si rivolge a coloro che sono o si apprestano a diventare analisti di organizzazione. 6 giorni su 2 moduli, 2 edizioni I edizione I modulo: dal 26 al 28 marzo 2012 II modulo: dal 7 al 9 maggio 2012 II edizione I modulo: dal 22 al 24 ottobre 2012 II modulo: dal 21 al 23 novembre IVA Andrea Pontiggia Il programma si articola in due moduli e prevede, al termine del secondo modulo, un attività di tutorship, svolta dai docenti dell iniziativa; di fatto, un assistenza individuale nella realizzazione dei progetti aziendali. Gli argomenti trattati sono: i modelli di organizzazione e le matrici di interdipendenza e complessità; la microstruttura e la composizione delle mansioni: metodologie per l analisi e logiche di intervento; le tecniche di strutturazione e di formalizzazione dei processi aziendali; gli strumenti per la definizione del valore e della criticità dei processi; le metodologie di rilevazione e definizione della metrica organizzativa; la costruzione degli indici di produttività e l impostazione di un sistema di controllo dell efficienza organizzativa; le griglie per il dimensionamento degli organici e i meccanismi di rilevazione dei carichi di lavoro; la valutazione dei costi e dei benefici delle soluzioni organizzative. 6

9 Governance e General Management Change Management Gestire i cambiamenti e gli eventi inattesi nelle organizzazioni Il programma Change Management fornisce le competenze per l analisi e la gestione dei cambiamenti organizzativi. L obiettivo principale è quello di lavorare sulle capacità e sulle tecniche per: analizzare le dimensioni individuali e organizzative del cambiamento supportare il leader nella guida del cambiamento comprendere gli effetti organizzativi del cambiamento individuare ed utilizzare i fattori chiave del successo del Cambiamento Il corso si rivolge a coloro i quali devono attivare o sono coinvolti nella gestione di cambiamenti organizzativi. i modulo Gestire il cambiamento: attività o processo? Riconoscere e classificare il cambiamento. La simulazione Flying an Experience Le dimensioni del cambiamento: attività, processo o progetto? Stabilità, instabilità: comportamenti individuali e organizzativi nei contesti turbolenti Guidare il cambiamento: leadership dinamica, stress, energia Caratteristiche del leader che vuole guidare il cambiamento Cambiare nei momenti di crisi organizzativa Gestire lo stress nei processi di cambiamento Le organizzazioni devono cambiare? Effetti organizzativi del cambiamento: trend nella gestione del cambiamento La diagnosi del cambiamento: fenomeni organizzativi e tecniche di analisi Gli strumenti per comprendere il processo di cambiamento ii modulo L azione di cambiamento: una simulazione organizzativa Le azioni del cambiamento. La simulazione EIS. Cambiamento come progetto. Gestire il cambiamento: l arte del bilanciamento Le tecniche per assumere un ruolo attivo nel processo di cambiamento. Trovare un giusto bilanciamento tra le capacità dell agente del cambiamento e gli elementi strutturali. Fattori chiave per il successo di iniziative di cambiamento organizzativo. metodologia Didattica Il corso prevede l intervento di testimonianze e l utilizzo di due simulazioni (EIS e Flying an Experience ) per creare un applicazione concreta di quanto discusso in aula. 5 giorni su 2 moduli I modulo: dal 14 al 16 novembre 2012 II modulo: dal 17 al 18 gennaio IVA Andrea Montefusco 7

10 Governance e General Management Programma di Leadership Come allenarsi al mestiere di capo Il Programma di Leadership ha la finalità di sviluppare le competenze manageriali per ricoprire il ruolo di capo. L obiettivo principale è quello di migliorare le capacità di auto-analisi delle proprie caratteristiche individuali e dei propri comportamenti nell indirizzo e nella guida degli altri. Inoltre, il corso consente di accrescere competenze per il governo di dinamiche di potere e di influenza che coinvolgono colleghi, collaboratori, partner esterni e vertici dell organizzazione. Il corso si rivolge a chiunque svolga o si appresti a intraprendere il mestiere di capo a livello medio/alto all interno della struttura organizzativa aziendale. Il partecipante ideale è colui che ha la necessità di sviluppare conoscenze finalizzate al raggiungimento di organizzativi attraverso dinamiche di influenza Essere leader in un organizzazione Il contesto strutturale e strategico in cui si attivano i processi di leadership L interpretazione dei processi di sviluppo e di crisi Gli errori sistematici del leader I valori etici della leadership 4 giorni su 2 moduli I modulo: dal 11 al 12 maggio 2012 II modulo: dall 8 al 9 giugno IVA Massimo Magni Il corso intende analizzare la leadership da tre prospettive differenti: il leader come individuo La personalità, il background e i processi di selezione e di auto-selezione Le pressioni psicologiche sul leader Comportamenti regressivi e sintomi di stress Le reazioni offensive e difensive alla pressione e alla complessità il leader in relazione al gruppo I problemi del potere e dell autorità I processi di chiarificazione, confronto e azione con il gruppo di pari La qualità delle relazioni tra leader e collaboratori La competizione, la collaborazione e la decisione come dinamiche interpersonali 8

11 Governance e General Management Programma di Leadership Advanced Il Programma di Leadership Advanced si articola secondo una struttura seminariale finalizzata a discutere le problematiche più critiche e pressanti che i leader devono sostenere a fronte dell attuale contesto economico. Fondandosi sul confronto e la discussione, i seminari sviluppano pratiche avanzate per guidare organizzazioni e cambiamenti ampi e complessi. In particolare, il corso supporta i partecipanti ad interpretare il ruolo di leader con energia e con equilibrio, facendo leva sulla propria integrità e credibilità, e attivandosi come modello di riferimento. Il corso è destinato ai manager con una consolidata maturità professionale ed esperienze in tema di comando e responsabilità. Candidati preferenziali sono tutti gli Alumni di programmi Executive e di Leadership. I contenuti sono legati alle criticità più rilevanti relative all eccellenza dei processi di Leadership. lead to change Le condizioni per condurre il cambiamento Come convivere in situazioni di incertezza: istruzioni per organizzazioni caotiche Gli errori sistematici della leadership leadership is a night job Come affrontare e reagire alla pressione sui risultati Costruire un progetto consapevole di vita organizzativa e individuale Il tempo come risorsa di benessere individuale e di potere organizzativo leadership across cultures La leadership in varie parti del mondo Come impatta la cultura sulla mia leadership? (Self-assessment) Competenze di leadership in un contesto multiculturale 4 giorni su 2 moduli I modulo: dal 27 al 28 settembre 2012 II modulo: dal 25 al 26 ottobre IVA Beatrice Bauer leading through people Gestire un gruppo sotto pressione di risultati: regole e disciplina Il "particolare" e lo spirito di gruppo: come gestire comportamenti opportunistici Fuoriclasse e devianti: come convivere con talenti anomali 9

12 Governance e General Management Project Management L organizzazione del progetto, la gestione del Project Portfolio Flessibilità e rigore, innovazione e pianificazione, autonomia e controllo. Il progetto è il luogo in cui queste dimensioni critiche, apparentemente in conflitto, si contemperano. Il programma accresce: le competenze tecniche e organizzative di progettazione di meccanismi operativi di integrazione del team di progetto con il contesto aziendale; di definizione del piano di progetto e utilizzo di strumenti per la pianificazione e il controllo di attività, tempi, costi, persone di progetto e dei fattori di rischio; di progettazione e utilizzo di strumenti informatici di supporto alle attività di progetto; le competenze gestionali e relazionali di individuazione e condivisione degli di progetto; di progettazione e conduzione di team di lavoro; di leadership di progetto e capacità negoziali. Il programma è indirizzato a quanti vogliono apprendere logiche, metodologie e tecniche necessarie per saper organizzare e condurre progetti, in particolare: coloro che sono chiamati a realizzare un progetto e a gestirne persone e risorse; staff di gruppo di progetto, che devono progettare e realizzare i meccanismi operativi del team; coloro che, facendo parte di direzioni funzionali o di programma, devono individuare futuri responsabili di progetto, stabilire gli, le priorità e le linee guida di realizzazione del progetto stesso nonché proporre alla direzione nuove strutture e ruoli in funzione dell'innovazione. Elementi caratteristici del progetto: definizione degli ; ciclo di vita; fattibilità tecnica, economica e finanziaria del progetto. Avvio e organizzazione del team: selezione; motivazione e gestione dei conflitti; gestione dei gruppi e delle riunioni; negoziazione e decisione. Organizzazione e gestione del progetto: avvio del progetto; ruoli organizzativi del progetto; meccanismi di funzionamento; tecnologia a supporto dell'organizzazione di progetto. Pianificazione, programmazione e controllo dei progetti: il piano di progetto; strumenti e tecniche di supporto (WBS, reticoli, GANTT, matrici di responsabilità); elementi di programmazione e controllo e logiche economiche del progetto; integrazione del controllo di progetto con il sistema di programmazione e controllo aziendale; analisi del rischio. L approccio al multiprogetto. Il programma permette di accumulare crediti (PDU) per l accesso alle certificazioni del Project Management Institute (PMI) e per il loro mantenimento. Complessivamente 10,5 giorni su 2 moduli I modulo: dal 22 al 26 ottobre 2012 II modulo: dal 19 al 24 novembre IVA Alfredo Biffi Barbara Imperatori 10

13 Corporate Banking Corporate Finance per Ristrutturare e Crescere Il programma fornisce un insieme di competenze, strumenti e casistica, finalizzato alla crescita di una più efficace capacità di valutazione aziendale su basi industriali e finanziarie, fondamentale ai fini dell origination, della strutturazione e dell implementazione di operazioni di Corporate Finance. L attuale scenario economico richiede alle aziende di ripensare profondamente business model, assetto proprietario, struttura dell attivo e del passivo, ideando e implementando operazioni di finanza strategica capaci di adeguare le imprese alle importanti sfide che le attendono nel prossimo futuro. Il programma si rivolge a CFOs, Senior Manager, Financial Manager e Manager di Gruppo, Responsabili Amministrazione, Professionisti operanti in impresa, a tutti i professionisti della banca che operano nelle strutture di Investment Banking, di Finanza Strutturata e di Private Equity e a coloro che occupano il ruolo di gestore imprese o di responsabile di clientela Corporate. L iniziativa presenta rilevante interesse anche per le banche d affari, le società finanziarie e gli studi professionali che qualificano la propria attività grazie all offerta di servizi di finanza straordinaria per le imprese. Le specificità della domanda e dell offerta di servizi di Corporate Finance in Italia. La riconfigurazione degli assetti di governance nell ambito delle operazioni di finanza straordinaria. Quando e perché procedere ad operazioni di ristrutturazione. La costruzione del piano industriale e finanziario a supporto delle operazioni di Corporate Finance. La valutazione del capitale economico delle aziende: le principali metodologie e le problematiche applicative. L analisi delle principali operazioni di Corporate Finance: acquisizioni, fusioni, spin offs e scissioni societarie. Ristrutturazioni societarie e capitali per lo sviluppo. Il ruolo dei fondi mobiliari chiusi di investimento. La creazione di valore attraverso processi di disinvestimento, deconstruction, outsourcing e delocalizzazione. L operatività delle banche d affari a supporto di un operazione di Corporate Finance: i servizi di advisory sell-side e buy-side offerti dagli intermediari finanziari. La due diligence per le operazioni di Corporate Finance. La fiscalità delle operazioni di finanza straordinaria. Testimonianze di interventi di buy-out a supporto di ristrutturazioni aziendali. 5 giorni Dal 22 al 26 ottobre IVA Vincenzo Capizzi n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 11

14 Corporate Banking Factoring Regole, mercato, gestione L iniziativa fornisce un quadro aggiornato dell attività di factoring, attraverso l analisi delle specificità economiche e giuridiche dello strumento e delle implicazioni gestionali e di mercato. L approccio didattico privilegia un efficace equilibrio tra rigore scientifico e concretezza operativa. Riconoscere e valorizzare le specificità del factoring rispetto ai finanziamenti bancari. Valutare la convenienza del factoring per la clientela. 3 giorni Dal 14 al 16 novembre IVA Alessandro Carretta Personale delle società di factoring, con particolare riguardo alle funzioni operative, commerciali, di valutazione della clientela e di gestione dei crediti. Personale delle banche coinvolte nella gestione e/o distribuzione del factoring, con particolare riguardo ai ruoli di interfaccia con la clientela corporate e con le società prodotto. Durante il programma verrà effettuata un esercitazione supportata dal software didattico Factor sviluppato da sda Bocconi school of management per valutare la convenienza del factoring per la clientela. Evoluzione e prospettive del mercato del factoring. La regolamentazione dell attività di factoring. Il nuovo assetto del prodotto factoring dopo l introduzione degli IAS: il contratto di factoring e la contabilizzazione delle operazioni. La valutazione della convenienza del factoring per la clientela. Il trattamento del factoring nella nuova normativa di vigilanza. Introduzione all implementazione di un sistema di rating interno per il factoring. Controlli interni, compliance e auditing nell attività di factoring. L organizzazione dell attività di factoring ed i principali processi produttivi. n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 12

15 Valutazione del Rischio di Credito Analisi di Bilancio per la Valutazione d Affidabilità Il programma si propone di: fornire le metodologie di analisi dei bilanci aziendali ai fini di valutazione dell affidabilità; supportare lo sviluppo delle conoscenze tecniche in materia di bilancio di esercizio; tracciare un chiaro e completo schema di analisi che consenta all analista di interpretare in modo coerente e razionale il complesso delle contenute nei documenti di bilancio; presentare, attraverso approfondimenti tematici, i principi di base per la comprensione del bilancio consolidato e illustrare l ambito di applicazione dell introduzione dei principi contabili internazionali (IAS/IFRS) in Europa. Analisti di banche ed altri intermediari finanziari e, più in generale, tutti coloro che sono coinvolti nel processo di analisi dell affidabilità di aziende. I confini e le logiche di fondo della valutazione d impresa: gli strumenti di analisi e le prassi operative. Obiettivi e ruolo dell analisi dei bilanci aziendali ai fini della valutazione dell affidabilità aziendale. Un approccio avanzato alla lettura e alla valutazione integrata del bilancio di esercizio: dalle clausole generali di redazione del bilancio alla diagnosi delle singole poste secondo la visuale dei principi contabili e della prassi operativa. Gli schemi di riclassificazione dei valori di conto economico e di situazione patrimoniale. Gli indicatori di bilancio: modalità di costruzione e schema coordinato di interpretazione dei risultati aziendali. L apprezzamento del rischio operativo e finanziario (leva operativa e leva finanziaria). L analisi della dinamica finanziaria d impresa. La costruzione e l interpretazione di un rendiconto finanziario. Le determinanti dei fabbisogni finanziari d impresa: la valutazione delle esigenze di finanziamento. I principi di base per la comprensione e l analisi del bilancio consolidato. L introduzione dei principi contabili internazionali (IAS-IFRS) in Europa: fonti normative, ambito di applicazione e caratteristiche generali. 5 giorni Dal 26 al 30 marzo IVA Edmondo Tudini n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 13

16 Valutazione del Rischio di Credito Analisi Strategico-Finanziaria d Impresa Il programma mira a fornire la conoscenza e gli strumenti necessari per integrare l analisi del business dell impresa con l analisi finanziaria. I partecipanti imparano a costruire gli economics delle aziende e a valutarne le loro prospettive economico finanziarie. Focalizzandosi sui collegamenti tra i value drivers operativi dell azienda e i suoi dati finanziari, i partecipanti migliorano le loro abilità di valutazione delle strategie, di previsione delle performance finanziarie attese, di individuazione delle opportunità di ristrutturazione. Il programma sviluppa le competenze per andare oltre i dati di bilancio, attraverso un processo organico e strutturato di analisi previsionale finalizzato alla corretta valutazione delle decisioni di investimento e di finanziamento. Ciò consente il passaggio dalla semplice valutazione del rischio di credito, all approccio in un ottica relazionale e di non breve periodo dei rapporti banca-impresa. Il programma si rivolge a chiunque abbia la necessità di affrontare il tema dell analisi e della valutazione dell impresa. I partecipanti delle scorse edizioni sono stati: settoristi, gestori della clientela corporate delle banche, analisti delle unità preposte alla formulazione di giudizi valutativi all interno delle banche, degli intermediari creditizi e mobiliari e delle SGR di fondi di private equity, operatori del settore Corporate Finance, investitori equity, direttori amministrativi e finanziari d impresa, soggetti che sono interessati a comprendere e ad approfondire le logiche di analisi dell azienda dal punto di vista dell investitore/finanziatore. I partecipanti si misurano con una intensa combinazione di lezioni, casi aziendali e momenti di discussione e di confronto. I principali temi trattati sono: le prospettive e le finalità d uso della valutazione aziendale: la mappatura delle aree di rischio dell impresa e il loro collegamento con le voci del bilancio. La comprensione del modello di business dell impresa e del suo posizionamento competitivo. Possibilità di opportunità di ristrutturazione in un contesto di crisi. L analisi avanzata di bilancio per la valutazione della strategia aziendale e dei rischi prospettici: approfondimenti metodologici rispetto agli schemi tradizionali. Il raccordo fra diagnosi competitiva dell impresa e la sua valutazione finanziaria in ottica previsionale. La previsione economica e finanziaria per l ottimizzazione delle scelte di struttura finanziaria: costruzione ed analisi. Sensitivity analysis e stress test sui fattori chiave della previsione e i relativi spazi di manovra delle politiche di gestione. Il montaggio dell operazione di finanziamento dell impresa cliente: debt capacity, capacità di rimborso, rendimenti attesi. Il programma è ulteriormente arricchito dall utilizzo di un software avanzato di simulazione finanziaria, che permette di discutere in modalità interattiva gli impatti prospettici dei fattori chiave e gli spazi di manovra delle politiche di gestione dell azienda analizzata. 5 giorni Dal 14 al 18 maggio IVA Claudio Zara n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 14

17 Private Banking e Wealth Management Private Wealth Management: nuove prospettive di Tax Planning L iniziativa scaturita dalla collaborazione tra SDA Bocconi School of Management e J.P. Morgan Private Bank, intende presentare i principali strumenti relativi alle problematiche di tax planning nell ambito della gestione patrimoniale e finanziaria. Nella serie di incontri verrà proposto un inquadramento sistematico del contesto normativo interno e transnazionale con cui gli operatori devono confrontarsi, abbinato ad un approccio di taglio operativo volto a fornire una rassegna della prassi professionale più aggiornata ed innovativa. Il programma è rivolto a tutti coloro vogliano ampliare le proprie competenze in questo ambito di attività professionale, in continua evoluzione e si rivolge sia a coloro che si occupano di tematiche di gestione della variabile fiscale, sia a coloro che operano in un più ampio contesto di pianificazione strategica e finanziaria. Il programma si articola in sette sessioni dedicate alle seguenti tematiche guida: Introduzione alla fiscalità in Italia (aspetti rilevanti per il private wealth management ). La tassazione dei redditi finanziari: tipologie base. Intermediari finanziari, fondi comuni di investimento e la tassazione dei prodotti assicurativi e previdenziali in Italia. Aspetti fiscali internazionali del private wealth management. Paradisi fiscali e scambio di. Gestione degli aspetti fiscali della successione e dei trust. Country Tax Perspectives on Private Wealth Planning (in lingua inglese con traduzione simultanea). 7 giorni Marzo; 13 Aprile; 4-18 Maggio; 1-15 Giugno IVA Carlo Garbarino 15

18 Private Banking e Wealth Management Private Banking Executive Program La gestione degli high net worth individuals richiede figure professionali in grado di fornire un servizio di pianificazione finanziaria globale, finalizzato alla risoluzione di problemi di ordine finanziario, fiscale, assicurativo, previdenziale e immobiliare. In quest ambito le regole del gioco, dettate da MiFID, favoriscono lo sviluppo di un approccio consulenziale, ad alto valore aggiunto, intrinseco all attività di Private Banking e Wealth Management. Nel corso del programma l analisi di casi, affrontati utilizzando diverse prospettive, è lo strumento di verifica costante delle competenze acquisite. Evening sessions arricchiscono il programma, consentendo di ampliare i momenti di confronto. Il programma si rivolge ai Private Banker e a tutti coloro che hanno l esigenza di possedere un adeguata strumentazione, al fine di gestire patrimoni familiari complessi. Il programma è articolato su due moduli. i modulo - la pianificazione delle esigenze finanziarie Private Banking/Wealth Management: contenuti, target e regole del gioco. Il Risk Management di portafoglio per conto del cliente. L Asset Allocation obbligazionaria e la previsione. La componente azionaria: dinamiche del mercato e metodologie di valutazione degli assets. L utilizzo degli hedge funds nella diversificazione del portafoglio. La valutazione della performance di portafogli multibrand. La finanza comportamentale per il financial planning. Event benefit serale: Art Banking Workshop. ii modulo - il supporto consulenziale globale Le soluzioni di Private Insurance. La mappatura dei bisogni del cliente imprenditore: principi di Wealth Management per il Family Business. Il piano di investimento immobiliare. Il tax planning dei patrimoni familiari. La successione di patrimoni familiari. L utilizzo dell intestazione fiduciaria e la pianificazione fiscale internazionale. Event benefit serale: Assessment sul ruolo del Private Banker. I temi trattati troveranno riscontro in esercitazioni, simulazioni operative, tavole rotonde. Complessivamente 8 giorni su 2 moduli I modulo: dal 28 al 31 maggio 2012 II modulo: dal 19 al 22 giugno IVA Paola Musile Tanzi FPA La uropean Financial Planning Association ha accreditato il programma quale percorso formativo per il mantenimento della certificazione FA. n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 16

19 Private Banking e Wealth Management Wealth Management per il Family Business La diffusione nel mercato italiano di aziende di piccola e media dimensione a proprietà familiare pone al centro dell attenzione il tema della gestione e della continuità nel tempo del patrimonio. Da un lato, gli intermediari finanziari possono cogliere e soddisfare la gamma di fabbisogni che nasce dalla presenza di un "patrimonio complesso" costituito sia dalle componenti tangibili - i valori mobiliari e immobiliari - sia da quelle intangibili, riferite ai legami che si instaurano fra la famiglia e l'impresa. Dall altro lato, la famiglia di imprenditori deve proteggere e gestire il capitale economico e quello umano, a fronte dei rischi e delle incertezze, per assicurare continuità e sviluppo al progetto imprenditoriale. Particolare rilievo assume in questa prospettiva anche l'ottimizzazione della variabile fiscale e assicurativo-previdenziale mediante un adeguato tax planning. Il programma si rivolge a tutti coloro che si occupano dell'attività di Private Banking e di Wealth Management con riferimento al Family Business dal lato della famiglia proprietaria e dal lato degli intermediari finanziari. In questo caso, il target è riferito a banche, intermediari finanziari specializzati e SGR, nonché a consulenti e a studi di commercialisti. L'iniziativa, per le sue finalità, presenta rilevante interesse anche per tutte quelle strutture dedicate di Corporate Banking che presentano una particolare sensibilità al tema della valutazione delle caratteristiche del patrimonio delle famiglie di imprenditori. la comprensione del wealth management: un attività fra proprietà, famiglia e impresa La definizione degli dell attività di wealth management nel nuovo contesto di mercato La mappatura del patrimonio rilevante. L individuazione e la gestione dei flussi di ricchezza dalla proprietà all impresa L individuazione e la gestione dei flussi di ricchezza dall impresa alla proprietà. La pianificazione fiscale unitaria impresa proprietà - famiglia. l advisory per il governo della proprietà e della famiglia La gestione della continuità: la definizione degli equilibri interni alla famiglia. La gestione della discontinuità: il global design della successione e della riallocazione del capitale. Il sistema di mutuo riconoscimento ricchezza e posizioni di governo nell azienda. Il tema del patto di famiglia e il raccordo fra scelte familiari e ricadute finanziarie. l advisory per la pianificazione fiscale nell era post scudo I criteri di fondo della pianificazione fiscale internazionale della ricchezza. La mappa delle combinazioni paesi veicoli alla luce del concetto di rischio fiscale. La gestione del Trust. La gestione delle Holding. La gestione dei veicoli innovativi (le società multicelle). l advisory assicurativa e previdenziale per il rapporto proprietà-impresa La dimensione assicurativa e previdenziale nel rapporto tra impresa e proprietà. La mappa dei bisogni assicurativi e previdenziali. Trasferimento e crescita della ricchezza attraverso servizi previdenziali e assicurativi. L utilizzo della leva e della struttura fiscale domestica e cross-border. wealth management e Corporate Finance L utilizzo del corporate finance come strumento di gestione della ricchezza. La dinamica della ristrutturazione aziendale nella prospettiva di creazione della ricchezza. Le logiche di cessione, di acquisizione e di utilizzo del private equity. Il tema del real estate. L intero sviluppo del programma prevede l utilizzo di esempi, simulazioni e modellistica fruibili per i partecipanti. 5 giorni Dal 19 al 23 novembre IVA Stefano Caselli n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 17

20

banche, assicurazioni e intermediari finanziari

banche, assicurazioni e intermediari finanziari milano italy banche, assicurazioni e intermediari finanziari empower YoUr ViSion Programmi di Formazione 2015 Sdabocconi.it/baiF Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

empower YoUR vision. BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI Programmi di Formazione 2014 www.sdabocconi.it/baif

empower YoUR vision. BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI Programmi di Formazione 2014 www.sdabocconi.it/baif Milano Italy empower YoUR vision. BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI Programmi di Formazione 2014 www.sdabocconi.it/baif Allarga i tuoi orizzonti. Empower your vision. Empower your vision

Dettagli

PRIVATE BANKING EXECUTIVE PROGRAM

PRIVATE BANKING EXECUTIVE PROGRAM MILANO ITALY BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI EMPOWER YOUR VISION PRIVATE BANKING EXECUTIVE PROGRAM GIUGNO - LUGLIO 2016 SDABOCCONI.IT/PBEP Le competenze nel wealth management sono l elemento

Dettagli

Master Universitario in Family Banking. Mediolanum Corporate University

Master Universitario in Family Banking. Mediolanum Corporate University Master Universitario in Family Banking Mediolanum Corporate University La fortuna non esiste, esiste il momento in cui il talento incontra l occasione. (Seneca) Family Banker. Quando i numeri diventano

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI:

GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI: GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI: financial planning fiscalità e tutela patrimoniale autostima e consapevolezza di sè abilità relazionali CUOA FINANCE

Dettagli

Master Universitario in Family Banking

Master Universitario in Family Banking Master Universitario in Family Banking La fortuna non esiste, esiste il momento in cui il talento incontra l occasione. (Seneca) La storia ci insegna che ogni successo inizia con lo studio e tra le mura

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag.

Agenda. Chi siamo. I nostri servizi. Contatti. Pag. 2. 1.1 Società, valori di fondo e approccio. 1.2 Partner. Pag. 3. 2.1 Aree di attività. Pag. Agenda Chi siamo 1.1 Società, valori di fondo e approccio 1.2 Partner Pag. 2 Pag. 3 I nostri servizi 2.1 Aree di attività 2.2 Servizi Pag. 4 Pag. 5 Contatti 3.1 Contatti Pag. 8 1 Chi siamo 1.1 Società,

Dettagli

Senior Consultant (citare rif. SC/MI/06)

Senior Consultant (citare rif. SC/MI/06) 31/01/06 Senior Consultant (citare rif. SC/MI/06) KPMG Corporate Governance Financial Services cerca Senior Consultant (citare rif. SC/MI/06) Per l inserimento nella propria struttura di consulenza dedicata

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

La fiducia fa mu overe il mondo

La fiducia fa mu overe il mondo Il valore della fiducia É una percezione, ma si fonda su componenti razionali. É istinto e conoscenza. La fiducia non è un semplice scambio, ma qualcosa di assai più profondo che implica valori e stili

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

La gestione del credito in banca

La gestione del credito in banca FINANCE La gestione del credito in banca La valutazione del merito creditizio delle imprese nell attuale scenario di mercato Come leggere la strategia e il business dell impresa? Come analizzare i piani

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione

Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione Indice Prefazione di Emanuele Maria Carluccio Introduzione di Paola Musile Tanzi XI XIII 1 L approccio al mercato private: scelte di posizionamento nel wealth management e modalità di gestione di Paola

Dettagli

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda.

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Chi siamo Il progetto Amaranto Investment nasce nel 2003 con l obiettivo di

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it 2 A partire dal 2015 è aperto alla partecipazione di professional di Aziende ICT, Società di consulenza e Studi professionali, che prestano attività e servizi a supporto delle aziende

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 13 Accounting & Auditing Corso di Alta Formazione in Contabilità, Bilancio e Revisione Sviluppare le competenze necessarie per gestire il bilancio

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

CAS Foundation in General Management

CAS Foundation in General Management DSAS 3.GMA.FG CAS Foundation in General Management Il Certificate of Advanced Studies (CAS) Foundation in General Management è il primo dei 4 CAS che compongono l (EMBA) e il primo dei due CAS in cui è

Dettagli

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY WEALTH MANAGEMENT ADVISORY Lo Studio Legale Scala, fondato nel 1999 dall Avv. Antonio Scala, fornisce servizi di assistenza legale in ambito giudiziale e stragiudiziale in materia bancaria, finanziaria,

Dettagli

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA Come sarà il business della mia azienda fra 5 anni? Quali sono

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti Company profile Agenda La società Industries I servizi Credentials Il network I contatti 1 La società Profile KEP Consulting è una società di consulenza indipendente creata da professionisti con esperienza

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE

LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE Relatore: Fabrizio Ramazzotti Coordinamento e Sviluppo Commerciale Banca Aletti S.p.A. Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE CUOA Business school Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti CARTELLA STAMPA Ottobre 2013 IR Top Consulting Media Relations & Financial Communication Via C. Cantù, 1 Milano Domenico Gentile, Antonio Buozzi Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 d.gentile@irtop.com ufficiostampa@irtop.com

Dettagli

I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR

I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR a) L Organismo di Formazione ON LINE SERVICE Soc. Coop., presenta la I edizione del Master in FINANCIAL ADVISOR b) La ON LINE SERVICE Soc. Coop. è un Organismo di

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI.

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. Cosa cercano i migliori promotori? Ampia gamma di prodotti Massima autonomia Accogliere i clienti in una banca Guadagno su tutti

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Primi è il marketplace per le Piccole Medie e Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Cos è Primi? Primi è

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività

Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività FINSTUDI Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività di formazione interaziendale attraverso corsi,

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it Le aziende partecipanti 2 Il profilo dei partecipanti 52% Maschi 48% Femmine alle precedenti edizioni I numeri del Banking & Financial Diploma 17 edizioni 4.800 già diplomati titolo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Proposta di Formazione Manageriale per il Comune di Barletta MAP

Proposta di Formazione Manageriale per il Comune di Barletta MAP Proposta di Formazione Manageriale per il Comune di Barletta MAP (ex corso Coperfel) I e II edizione Milano, ottobre 2009 Proposta N P/00/05 Spett.le Comune di Barletta Corso Vitt. Emanuele 94-70051 Barletta

Dettagli

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice Utilizzo di un servizio di consulenza (contrattualizzato) ad un costo aggiuntivo Non si avvale di un servizio/contratto di consulenza ad

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT ENTERPRISE RISK MANAGEMENT UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE STRATEGICA AZIENDALE 2 a edizione 20-22 MAGGIO 2015 www.mib.edu/erm ENTERPRISE RISK MANAGEMENT Rispondendo a un esigenza sempre più sentita

Dettagli

Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale

Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale Offerta formativa TP - Piano studi tempo pieno

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Soluzioni per il Futuro

Soluzioni per il Futuro srls Soluzioni per il Futuro IL NOSTRO IMPEGNO In un sistema economico sempre più complesso, ed in continua e rapida evoluzione, la capacità per l Impresa di operare con successo sul mercato dipende, in

Dettagli

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE 2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE SDA Bocconi School of Management SDA Bocconi School of Management è nata nel 1971 dall Università Bocconi per essere una scuola di cultura manageriale d eccellenza

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

COS È UN MULTI FAMILY OFFICE

COS È UN MULTI FAMILY OFFICE Cos è un multi family office Il multi family office è la frontiera più avanzata del wealth management. Il suo compito è quello di coordinare ed integrare in unico centro organizzativo tutte le attività

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

Fee Only Corporate Finance

Fee Only Corporate Finance Master Fee Only Corporate Finance DALL ANALISI DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI DELL IMPRESA ALLA DETERMINAZIONE DEL RATING Nuove opportunità nella consulenza finanziaria d impresa Basilea 2: miglioramento e

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni sede legale e direzione generale in Bolzano ABI 05856.0 codice fiscale, partita IVA e iscrizione al registro delle imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Le prospettive e le frontiere della formazione nei mercati finanziari

Le prospettive e le frontiere della formazione nei mercati finanziari Le prospettive e le frontiere della formazione nei mercati finanziari SALONE DEL RISPARMIO Milano, 18 aprile 2012 SDA Bocconi Accreditations Community Partners Formazione su misura La formazione su misura

Dettagli

www.bankingdiploma.it

www.bankingdiploma.it www.bankingdiploma.it 2 A partire dal 2015 è aperto alla partecipazione di professional di Aziende ICT, Società di consulenza e Studi professionali, che prestano attività e servizi a supporto delle aziende

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo Gianluca Cinti Barbara Giurlanda 1 Indice 1. Obiettivi del documento 2. PMI e processi di managerializzazione 3. L

Dettagli

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari IL PROGRAMMA Modulo I I soggetti e il contesto operativo e regolamentare 1 2 dicembre 2011 - ore 15.00-19.00 Gli intermediari finanziari di cui al Titolo V del TUB a) La nascita della regolamentazione

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Private Banking Corso Base. XIV Edizione

Private Banking Corso Base. XIV Edizione Private Banking Corso Base 2008 XIV Edizione Motivi di valore La gestione della clientela Private richiede figure professionali in grado di offrire un servizio di pianificazione globale, finalizzato alla

Dettagli

IL FINANCIAL PLANNER. la gestione globale famiglia, patrimonio e impresa FINANCE

IL FINANCIAL PLANNER. la gestione globale famiglia, patrimonio e impresa FINANCE FINANCE IL FINANCIAL PLANNER la gestione globale famiglia, patrimonio e impresa Per la preparazione all esame di livello FP TM ( uropean Financial Planner) in collaborazione con certificato da 1 fondazione

Dettagli

Influencing Skills: negoziare la leadership

Influencing Skills: negoziare la leadership Influencing Skills: negoziare la leadership Milano, 9 e 10 aprile 2014 Due giornate per potenziare le proprie capacità di leadership II edizione Academy Gli strumenti della formazione Metodologia didattica

Dettagli