BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI. Programmi di Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI. Programmi di Formazione 2012. www.sdabocconi.it/baif"

Transcript

1 Milano Italy BANCHE, ASSICURAZIONI E INTERMEDIARI FINANZIARI Programmi di Formazione 2012

2 AllArgA i tuoi orizzonti. EmPowEr your vision. Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti e qualificate per sviluppare una visione manageriale completa. Empower your vision è il nostro invito, ma anche il nostro impegno. Alberto grando Dean, SDA Bocconi School of Management I nostri programmi formativi sono focalizzati su temi centrali del management e delle professionalità. Con contenuti e modelli didattici di frontiera aiutiamo a rafforzare la visione manageriale per il successo delle persone e delle organizzazioni. Giacomo De Laurentis Director, Executive Education Open Programs Division

3 Paola Musile Tanzi Direttore, Area Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni Accresci il tuo valore Le energie che spendi nella tua vita professionale, l esperienza che accumuli ogni giorno, sono parte di te. Sono un valore da gestire attivamente. È importante coltivare l apertura mentale, il confronto costante e l aggiornamento sui temi più avanzati e più attuali della tua professione. Questa crescita in profondità e in ampiezza ti coinvolge insieme alla tua azienda, ai tuoi colleghi e ai tuoi clienti. In questo percorso vogliamo essere al tuo fianco, con una Faculty di esperti e un offerta formativa a livello nazionale e internazionale. Dedica tempo al tuo valore. Noi lo dedicheremo a te. APERTURA, CONFRONTO, AGGIORNAMENTO. DEDICATI A TE. 1

4

5 Programmi per aree tematiche 4 Governance e General Management 4 Corporate Banking 11 Valutazione del Rischio di Credito 13 Private Banking e Wealth Management 15 Finanza Mobiliare e Asset Management 19 Retail Banking 21 Risk Management 25 Amministrazione e Controllo nelle Banche 30 Assicurazioni e Risk Management 33 Programmi internazionali 36 Percorsi formativi 40 Executive Master 42 Formazione su misura 44 Ricerche 45 Osservatori, Community, Workshop 46 Faculty 48 Sintesi dei programmi di formazione 49 Informazioni generali 52

6 Governance e General Management CIB - Executive Management Program in Banking Corso Intensivo di Gestione Bancaria Il processo di crescita dei partecipanti a livello manageriale si basa sullo sviluppo delle capacità di identificazione, di analisi dei problemi e di decisione. Ciò consente loro di operare coerentemente nell ambito di crescenti responsabilità, di acquisire una visione unitaria e interfunzionale dei complessi problemi di strategia e di gestione bancaria e il conseguente sviluppo delle capacità di gestione di relazioni con molteplici funzioni e aree aziendali. Il programma è destinato ai dirigenti e ai quadri operanti nel settore finanziario con responsabilità di livello direttivo delle unità centrali e di rete che intendono acquisire una visione integrata e interfunzionale della gestione bancaria. Primo modulo - Evoluzione ambientale e regole del gioco Le metodologie di analisi e di valutazione dello scenario macroeconomico domestico nel contesto europeo. I cambiamenti del sistema finanziario e gli effetti sulle scelte delle imprese e dei risparmiatori. La struttura e le trasformazioni dei mercati finanziari: concentrazione, competitività, modelli organizzativi, performances. Le politiche monetarie nell eurosistema: assetti istituzionali, strumenti e strategie. Le politiche regolamentari e di vigilanza alla luce dei problemi posti dalle nuove sfide. secondo modulo - risk management e Performance measurement I modelli di risk management per la creazione del valore. La politica dei prestiti e i modelli di credit risk management. La costruzione e la gestione dei modelli di Asset Liability Management per il governo della profittabilità, per il presidio dei rischi e per l ottimizzazione della funzione obiettivo in condizioni di incertezza. L identificazione e la gestione del rischio operativo. Gli strumenti per la valutazione operativa delle performance e dell equilibrio reddituale e finanziario. I sistemi di Programmazione e Controllo: strumento di supporto ai comportamenti dei manager, modalità di valutazione e di misurazione della creazione di valore. L orientamento dei sistemi di controllo alla dimensione di processo: l Activity Based Costing e l Activity Based Management. terzo modulo: strategie di business La definizione degli assetti distributivi sulla scorta delle variabili competitive prevalenti e della profilatura della clientela e le politiche di integrazione dei canali. Il Retail Banking e le politiche di orientamento al cliente. Il Corporate Banking: gli aspetti organizzativi e funzionali, le politiche di segmentazione di portafoglio e di pricing. Il Private Banking per tipologie di assetti organizzativi, di relazione con il cliente e di riflessi economici per la banca. L Asset Management: evoluzione del settore e innovazione di prodotto e di processo. Quarto modulo: Assetti organizzativi e meccanismi operativi La struttura degli assetti, dei processi e dei ruoli organizzativi e di governo coerenti con le caratteristiche dell ambiente e la strategia perseguita. La gestione del personale: un sistema di equilibrio fra le attese reciproche e i modelli di scambio tra azienda e persona. La cultura aziendale: missing link dell organizzazione e strumento manageriale. Il ruolo strategico dell IT per gli assetti produttivi e per il mercato. L organizzazione per la qualità: customer satisfaction e ridisegno dei processi aziendali. networking Per favorire lo scambio di esperienze i partecipanti al CIB hanno accesso alla Community CIB. L iscrizione alla Community consente di partecipare al workshop annuale di confronto tra ex partecipanti e opinion leader di settore. Complessivamente 20 giorni su 4 moduli I modulo: dal 10 al 14 settembre 2012 II modulo: dall 1 al 5 ottobre 2012 III modulo: dal 22 al 26 ottobre 2012 IV modulo: dal 12 al 16 novembre IVA Comprensiva dell iscrizione alla Community CIB. Adalberto Alberici 4

7 Governance e General Management I Consiglieri non Esecutivi e Indipendenti: ruoli, competenze e responsabilità Giornate di Formazione sul Consiglio di amministrazione e sulla Corporate Governance: XIV edizione. Il programma di formazione intende: presentare un quadro analitico delle problematiche di Corporate Governance affrontate dalle imprese italiane ed europee nell attuale fase evolutiva dei mercati e della regolamentazione; proporre modelli e soluzioni di efficace funzionamento e di valutazione dell operato dei Consigli di amministrazione, e in prospettiva del Consiglio di sorveglianza e del Consiglio di gestione Il programma nell edizione 2012 si concentra sui seguenti aspetti: I modelli alternativi di amministrazione e controllo. Il sistema dei controlli interni ed esterni. La valutazione delle performance del Consiglio e dei Consiglieri. La remunerazione del Consiglio e dei top manager. I Consiglieri indipendenti e Lead director. Il programma è indirizzato a tutti coloro che, all interno di imprese industriali, commerciali e di servizi o di banche, assicurazioni ed intermediari finanziari, sono interessati a capire quale ruolo può avere il Consiglio di amministrazione nelle imprese moderne e quali sono le condizioni affinché tale ruolo possa svolgersi in modo efficace. I destinatari dell iniziativa sono quindi rappresentati da: consiglieri non esecutivi e indipendenti, anche in imprese che hanno adottato il modello dualistico; chi, nel prossimo futuro, sarà chiamato ad assumere l incarico di Consigliere non esecutivo e di Consigliere non esecutivo e indipendente in una diversa realtà aziendale; altre figure chiave del Consiglio di amministrazione, che intendano ottimizzare il funzionamento del Consiglio e stabilire una proficua collaborazione con i Consiglieri non esecutivi e indipendenti; membri del collegio sindacale 2 gior ni 4 e 5 ottobre al IVA Paola Schwizer 5

8 Governance e General Management Efficienza Organizzativa Metodi e tecniche per l analista di organizzazione Negli ultimi anni il ventaglio di strumenti di analisi e di progettazione degli assetti organizzativi si è notevolmente ampliato e l impiego dei modelli e delle tecniche ha portato ad un significativo cambiamento dei modi di fare organizzazione. Nel programma si ha l obiettivo di offrire: contenuto specialistico e operativo orientato a fornire la cassetta degli attrezzi ; marcato orientamento applicativo volto all impiego degli strumenti; logica integrata di analisi e di progettazione, le tecniche presentate sono integrate in un modello unico e coerente. Il programma si rivolge a coloro che sono o si apprestano a diventare analisti di organizzazione. 6 giorni su 2 moduli, 2 edizioni I edizione I modulo: dal 26 al 28 marzo 2012 II modulo: dal 7 al 9 maggio 2012 II edizione I modulo: dal 22 al 24 ottobre 2012 II modulo: dal 21 al 23 novembre IVA Andrea Pontiggia Il programma si articola in due moduli e prevede, al termine del secondo modulo, un attività di tutorship, svolta dai docenti dell iniziativa; di fatto, un assistenza individuale nella realizzazione dei progetti aziendali. Gli argomenti trattati sono: i modelli di organizzazione e le matrici di interdipendenza e complessità; la microstruttura e la composizione delle mansioni: metodologie per l analisi e logiche di intervento; le tecniche di strutturazione e di formalizzazione dei processi aziendali; gli strumenti per la definizione del valore e della criticità dei processi; le metodologie di rilevazione e definizione della metrica organizzativa; la costruzione degli indici di produttività e l impostazione di un sistema di controllo dell efficienza organizzativa; le griglie per il dimensionamento degli organici e i meccanismi di rilevazione dei carichi di lavoro; la valutazione dei costi e dei benefici delle soluzioni organizzative. 6

9 Governance e General Management Change Management Gestire i cambiamenti e gli eventi inattesi nelle organizzazioni Il programma Change Management fornisce le competenze per l analisi e la gestione dei cambiamenti organizzativi. L obiettivo principale è quello di lavorare sulle capacità e sulle tecniche per: analizzare le dimensioni individuali e organizzative del cambiamento supportare il leader nella guida del cambiamento comprendere gli effetti organizzativi del cambiamento individuare ed utilizzare i fattori chiave del successo del Cambiamento Il corso si rivolge a coloro i quali devono attivare o sono coinvolti nella gestione di cambiamenti organizzativi. i modulo Gestire il cambiamento: attività o processo? Riconoscere e classificare il cambiamento. La simulazione Flying an Experience Le dimensioni del cambiamento: attività, processo o progetto? Stabilità, instabilità: comportamenti individuali e organizzativi nei contesti turbolenti Guidare il cambiamento: leadership dinamica, stress, energia Caratteristiche del leader che vuole guidare il cambiamento Cambiare nei momenti di crisi organizzativa Gestire lo stress nei processi di cambiamento Le organizzazioni devono cambiare? Effetti organizzativi del cambiamento: trend nella gestione del cambiamento La diagnosi del cambiamento: fenomeni organizzativi e tecniche di analisi Gli strumenti per comprendere il processo di cambiamento ii modulo L azione di cambiamento: una simulazione organizzativa Le azioni del cambiamento. La simulazione EIS. Cambiamento come progetto. Gestire il cambiamento: l arte del bilanciamento Le tecniche per assumere un ruolo attivo nel processo di cambiamento. Trovare un giusto bilanciamento tra le capacità dell agente del cambiamento e gli elementi strutturali. Fattori chiave per il successo di iniziative di cambiamento organizzativo. metodologia Didattica Il corso prevede l intervento di testimonianze e l utilizzo di due simulazioni (EIS e Flying an Experience ) per creare un applicazione concreta di quanto discusso in aula. 5 giorni su 2 moduli I modulo: dal 14 al 16 novembre 2012 II modulo: dal 17 al 18 gennaio IVA Andrea Montefusco 7

10 Governance e General Management Programma di Leadership Come allenarsi al mestiere di capo Il Programma di Leadership ha la finalità di sviluppare le competenze manageriali per ricoprire il ruolo di capo. L obiettivo principale è quello di migliorare le capacità di auto-analisi delle proprie caratteristiche individuali e dei propri comportamenti nell indirizzo e nella guida degli altri. Inoltre, il corso consente di accrescere competenze per il governo di dinamiche di potere e di influenza che coinvolgono colleghi, collaboratori, partner esterni e vertici dell organizzazione. Il corso si rivolge a chiunque svolga o si appresti a intraprendere il mestiere di capo a livello medio/alto all interno della struttura organizzativa aziendale. Il partecipante ideale è colui che ha la necessità di sviluppare conoscenze finalizzate al raggiungimento di organizzativi attraverso dinamiche di influenza Essere leader in un organizzazione Il contesto strutturale e strategico in cui si attivano i processi di leadership L interpretazione dei processi di sviluppo e di crisi Gli errori sistematici del leader I valori etici della leadership 4 giorni su 2 moduli I modulo: dal 11 al 12 maggio 2012 II modulo: dall 8 al 9 giugno IVA Massimo Magni Il corso intende analizzare la leadership da tre prospettive differenti: il leader come individuo La personalità, il background e i processi di selezione e di auto-selezione Le pressioni psicologiche sul leader Comportamenti regressivi e sintomi di stress Le reazioni offensive e difensive alla pressione e alla complessità il leader in relazione al gruppo I problemi del potere e dell autorità I processi di chiarificazione, confronto e azione con il gruppo di pari La qualità delle relazioni tra leader e collaboratori La competizione, la collaborazione e la decisione come dinamiche interpersonali 8

11 Governance e General Management Programma di Leadership Advanced Il Programma di Leadership Advanced si articola secondo una struttura seminariale finalizzata a discutere le problematiche più critiche e pressanti che i leader devono sostenere a fronte dell attuale contesto economico. Fondandosi sul confronto e la discussione, i seminari sviluppano pratiche avanzate per guidare organizzazioni e cambiamenti ampi e complessi. In particolare, il corso supporta i partecipanti ad interpretare il ruolo di leader con energia e con equilibrio, facendo leva sulla propria integrità e credibilità, e attivandosi come modello di riferimento. Il corso è destinato ai manager con una consolidata maturità professionale ed esperienze in tema di comando e responsabilità. Candidati preferenziali sono tutti gli Alumni di programmi Executive e di Leadership. I contenuti sono legati alle criticità più rilevanti relative all eccellenza dei processi di Leadership. lead to change Le condizioni per condurre il cambiamento Come convivere in situazioni di incertezza: istruzioni per organizzazioni caotiche Gli errori sistematici della leadership leadership is a night job Come affrontare e reagire alla pressione sui risultati Costruire un progetto consapevole di vita organizzativa e individuale Il tempo come risorsa di benessere individuale e di potere organizzativo leadership across cultures La leadership in varie parti del mondo Come impatta la cultura sulla mia leadership? (Self-assessment) Competenze di leadership in un contesto multiculturale 4 giorni su 2 moduli I modulo: dal 27 al 28 settembre 2012 II modulo: dal 25 al 26 ottobre IVA Beatrice Bauer leading through people Gestire un gruppo sotto pressione di risultati: regole e disciplina Il "particolare" e lo spirito di gruppo: come gestire comportamenti opportunistici Fuoriclasse e devianti: come convivere con talenti anomali 9

12 Governance e General Management Project Management L organizzazione del progetto, la gestione del Project Portfolio Flessibilità e rigore, innovazione e pianificazione, autonomia e controllo. Il progetto è il luogo in cui queste dimensioni critiche, apparentemente in conflitto, si contemperano. Il programma accresce: le competenze tecniche e organizzative di progettazione di meccanismi operativi di integrazione del team di progetto con il contesto aziendale; di definizione del piano di progetto e utilizzo di strumenti per la pianificazione e il controllo di attività, tempi, costi, persone di progetto e dei fattori di rischio; di progettazione e utilizzo di strumenti informatici di supporto alle attività di progetto; le competenze gestionali e relazionali di individuazione e condivisione degli di progetto; di progettazione e conduzione di team di lavoro; di leadership di progetto e capacità negoziali. Il programma è indirizzato a quanti vogliono apprendere logiche, metodologie e tecniche necessarie per saper organizzare e condurre progetti, in particolare: coloro che sono chiamati a realizzare un progetto e a gestirne persone e risorse; staff di gruppo di progetto, che devono progettare e realizzare i meccanismi operativi del team; coloro che, facendo parte di direzioni funzionali o di programma, devono individuare futuri responsabili di progetto, stabilire gli, le priorità e le linee guida di realizzazione del progetto stesso nonché proporre alla direzione nuove strutture e ruoli in funzione dell'innovazione. Elementi caratteristici del progetto: definizione degli ; ciclo di vita; fattibilità tecnica, economica e finanziaria del progetto. Avvio e organizzazione del team: selezione; motivazione e gestione dei conflitti; gestione dei gruppi e delle riunioni; negoziazione e decisione. Organizzazione e gestione del progetto: avvio del progetto; ruoli organizzativi del progetto; meccanismi di funzionamento; tecnologia a supporto dell'organizzazione di progetto. Pianificazione, programmazione e controllo dei progetti: il piano di progetto; strumenti e tecniche di supporto (WBS, reticoli, GANTT, matrici di responsabilità); elementi di programmazione e controllo e logiche economiche del progetto; integrazione del controllo di progetto con il sistema di programmazione e controllo aziendale; analisi del rischio. L approccio al multiprogetto. Il programma permette di accumulare crediti (PDU) per l accesso alle certificazioni del Project Management Institute (PMI) e per il loro mantenimento. Complessivamente 10,5 giorni su 2 moduli I modulo: dal 22 al 26 ottobre 2012 II modulo: dal 19 al 24 novembre IVA Alfredo Biffi Barbara Imperatori 10

13 Corporate Banking Corporate Finance per Ristrutturare e Crescere Il programma fornisce un insieme di competenze, strumenti e casistica, finalizzato alla crescita di una più efficace capacità di valutazione aziendale su basi industriali e finanziarie, fondamentale ai fini dell origination, della strutturazione e dell implementazione di operazioni di Corporate Finance. L attuale scenario economico richiede alle aziende di ripensare profondamente business model, assetto proprietario, struttura dell attivo e del passivo, ideando e implementando operazioni di finanza strategica capaci di adeguare le imprese alle importanti sfide che le attendono nel prossimo futuro. Il programma si rivolge a CFOs, Senior Manager, Financial Manager e Manager di Gruppo, Responsabili Amministrazione, Professionisti operanti in impresa, a tutti i professionisti della banca che operano nelle strutture di Investment Banking, di Finanza Strutturata e di Private Equity e a coloro che occupano il ruolo di gestore imprese o di responsabile di clientela Corporate. L iniziativa presenta rilevante interesse anche per le banche d affari, le società finanziarie e gli studi professionali che qualificano la propria attività grazie all offerta di servizi di finanza straordinaria per le imprese. Le specificità della domanda e dell offerta di servizi di Corporate Finance in Italia. La riconfigurazione degli assetti di governance nell ambito delle operazioni di finanza straordinaria. Quando e perché procedere ad operazioni di ristrutturazione. La costruzione del piano industriale e finanziario a supporto delle operazioni di Corporate Finance. La valutazione del capitale economico delle aziende: le principali metodologie e le problematiche applicative. L analisi delle principali operazioni di Corporate Finance: acquisizioni, fusioni, spin offs e scissioni societarie. Ristrutturazioni societarie e capitali per lo sviluppo. Il ruolo dei fondi mobiliari chiusi di investimento. La creazione di valore attraverso processi di disinvestimento, deconstruction, outsourcing e delocalizzazione. L operatività delle banche d affari a supporto di un operazione di Corporate Finance: i servizi di advisory sell-side e buy-side offerti dagli intermediari finanziari. La due diligence per le operazioni di Corporate Finance. La fiscalità delle operazioni di finanza straordinaria. Testimonianze di interventi di buy-out a supporto di ristrutturazioni aziendali. 5 giorni Dal 22 al 26 ottobre IVA Vincenzo Capizzi n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 11

14 Corporate Banking Factoring Regole, mercato, gestione L iniziativa fornisce un quadro aggiornato dell attività di factoring, attraverso l analisi delle specificità economiche e giuridiche dello strumento e delle implicazioni gestionali e di mercato. L approccio didattico privilegia un efficace equilibrio tra rigore scientifico e concretezza operativa. Riconoscere e valorizzare le specificità del factoring rispetto ai finanziamenti bancari. Valutare la convenienza del factoring per la clientela. 3 giorni Dal 14 al 16 novembre IVA Alessandro Carretta Personale delle società di factoring, con particolare riguardo alle funzioni operative, commerciali, di valutazione della clientela e di gestione dei crediti. Personale delle banche coinvolte nella gestione e/o distribuzione del factoring, con particolare riguardo ai ruoli di interfaccia con la clientela corporate e con le società prodotto. Durante il programma verrà effettuata un esercitazione supportata dal software didattico Factor sviluppato da sda Bocconi school of management per valutare la convenienza del factoring per la clientela. Evoluzione e prospettive del mercato del factoring. La regolamentazione dell attività di factoring. Il nuovo assetto del prodotto factoring dopo l introduzione degli IAS: il contratto di factoring e la contabilizzazione delle operazioni. La valutazione della convenienza del factoring per la clientela. Il trattamento del factoring nella nuova normativa di vigilanza. Introduzione all implementazione di un sistema di rating interno per il factoring. Controlli interni, compliance e auditing nell attività di factoring. L organizzazione dell attività di factoring ed i principali processi produttivi. n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 12

15 Valutazione del Rischio di Credito Analisi di Bilancio per la Valutazione d Affidabilità Il programma si propone di: fornire le metodologie di analisi dei bilanci aziendali ai fini di valutazione dell affidabilità; supportare lo sviluppo delle conoscenze tecniche in materia di bilancio di esercizio; tracciare un chiaro e completo schema di analisi che consenta all analista di interpretare in modo coerente e razionale il complesso delle contenute nei documenti di bilancio; presentare, attraverso approfondimenti tematici, i principi di base per la comprensione del bilancio consolidato e illustrare l ambito di applicazione dell introduzione dei principi contabili internazionali (IAS/IFRS) in Europa. Analisti di banche ed altri intermediari finanziari e, più in generale, tutti coloro che sono coinvolti nel processo di analisi dell affidabilità di aziende. I confini e le logiche di fondo della valutazione d impresa: gli strumenti di analisi e le prassi operative. Obiettivi e ruolo dell analisi dei bilanci aziendali ai fini della valutazione dell affidabilità aziendale. Un approccio avanzato alla lettura e alla valutazione integrata del bilancio di esercizio: dalle clausole generali di redazione del bilancio alla diagnosi delle singole poste secondo la visuale dei principi contabili e della prassi operativa. Gli schemi di riclassificazione dei valori di conto economico e di situazione patrimoniale. Gli indicatori di bilancio: modalità di costruzione e schema coordinato di interpretazione dei risultati aziendali. L apprezzamento del rischio operativo e finanziario (leva operativa e leva finanziaria). L analisi della dinamica finanziaria d impresa. La costruzione e l interpretazione di un rendiconto finanziario. Le determinanti dei fabbisogni finanziari d impresa: la valutazione delle esigenze di finanziamento. I principi di base per la comprensione e l analisi del bilancio consolidato. L introduzione dei principi contabili internazionali (IAS-IFRS) in Europa: fonti normative, ambito di applicazione e caratteristiche generali. 5 giorni Dal 26 al 30 marzo IVA Edmondo Tudini n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 13

16 Valutazione del Rischio di Credito Analisi Strategico-Finanziaria d Impresa Il programma mira a fornire la conoscenza e gli strumenti necessari per integrare l analisi del business dell impresa con l analisi finanziaria. I partecipanti imparano a costruire gli economics delle aziende e a valutarne le loro prospettive economico finanziarie. Focalizzandosi sui collegamenti tra i value drivers operativi dell azienda e i suoi dati finanziari, i partecipanti migliorano le loro abilità di valutazione delle strategie, di previsione delle performance finanziarie attese, di individuazione delle opportunità di ristrutturazione. Il programma sviluppa le competenze per andare oltre i dati di bilancio, attraverso un processo organico e strutturato di analisi previsionale finalizzato alla corretta valutazione delle decisioni di investimento e di finanziamento. Ciò consente il passaggio dalla semplice valutazione del rischio di credito, all approccio in un ottica relazionale e di non breve periodo dei rapporti banca-impresa. Il programma si rivolge a chiunque abbia la necessità di affrontare il tema dell analisi e della valutazione dell impresa. I partecipanti delle scorse edizioni sono stati: settoristi, gestori della clientela corporate delle banche, analisti delle unità preposte alla formulazione di giudizi valutativi all interno delle banche, degli intermediari creditizi e mobiliari e delle SGR di fondi di private equity, operatori del settore Corporate Finance, investitori equity, direttori amministrativi e finanziari d impresa, soggetti che sono interessati a comprendere e ad approfondire le logiche di analisi dell azienda dal punto di vista dell investitore/finanziatore. I partecipanti si misurano con una intensa combinazione di lezioni, casi aziendali e momenti di discussione e di confronto. I principali temi trattati sono: le prospettive e le finalità d uso della valutazione aziendale: la mappatura delle aree di rischio dell impresa e il loro collegamento con le voci del bilancio. La comprensione del modello di business dell impresa e del suo posizionamento competitivo. Possibilità di opportunità di ristrutturazione in un contesto di crisi. L analisi avanzata di bilancio per la valutazione della strategia aziendale e dei rischi prospettici: approfondimenti metodologici rispetto agli schemi tradizionali. Il raccordo fra diagnosi competitiva dell impresa e la sua valutazione finanziaria in ottica previsionale. La previsione economica e finanziaria per l ottimizzazione delle scelte di struttura finanziaria: costruzione ed analisi. Sensitivity analysis e stress test sui fattori chiave della previsione e i relativi spazi di manovra delle politiche di gestione. Il montaggio dell operazione di finanziamento dell impresa cliente: debt capacity, capacità di rimborso, rendimenti attesi. Il programma è ulteriormente arricchito dall utilizzo di un software avanzato di simulazione finanziaria, che permette di discutere in modalità interattiva gli impatti prospettici dei fattori chiave e gli spazi di manovra delle politiche di gestione dell azienda analizzata. 5 giorni Dal 14 al 18 maggio IVA Claudio Zara n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 14

17 Private Banking e Wealth Management Private Wealth Management: nuove prospettive di Tax Planning L iniziativa scaturita dalla collaborazione tra SDA Bocconi School of Management e J.P. Morgan Private Bank, intende presentare i principali strumenti relativi alle problematiche di tax planning nell ambito della gestione patrimoniale e finanziaria. Nella serie di incontri verrà proposto un inquadramento sistematico del contesto normativo interno e transnazionale con cui gli operatori devono confrontarsi, abbinato ad un approccio di taglio operativo volto a fornire una rassegna della prassi professionale più aggiornata ed innovativa. Il programma è rivolto a tutti coloro vogliano ampliare le proprie competenze in questo ambito di attività professionale, in continua evoluzione e si rivolge sia a coloro che si occupano di tematiche di gestione della variabile fiscale, sia a coloro che operano in un più ampio contesto di pianificazione strategica e finanziaria. Il programma si articola in sette sessioni dedicate alle seguenti tematiche guida: Introduzione alla fiscalità in Italia (aspetti rilevanti per il private wealth management ). La tassazione dei redditi finanziari: tipologie base. Intermediari finanziari, fondi comuni di investimento e la tassazione dei prodotti assicurativi e previdenziali in Italia. Aspetti fiscali internazionali del private wealth management. Paradisi fiscali e scambio di. Gestione degli aspetti fiscali della successione e dei trust. Country Tax Perspectives on Private Wealth Planning (in lingua inglese con traduzione simultanea). 7 giorni Marzo; 13 Aprile; 4-18 Maggio; 1-15 Giugno IVA Carlo Garbarino 15

18 Private Banking e Wealth Management Private Banking Executive Program La gestione degli high net worth individuals richiede figure professionali in grado di fornire un servizio di pianificazione finanziaria globale, finalizzato alla risoluzione di problemi di ordine finanziario, fiscale, assicurativo, previdenziale e immobiliare. In quest ambito le regole del gioco, dettate da MiFID, favoriscono lo sviluppo di un approccio consulenziale, ad alto valore aggiunto, intrinseco all attività di Private Banking e Wealth Management. Nel corso del programma l analisi di casi, affrontati utilizzando diverse prospettive, è lo strumento di verifica costante delle competenze acquisite. Evening sessions arricchiscono il programma, consentendo di ampliare i momenti di confronto. Il programma si rivolge ai Private Banker e a tutti coloro che hanno l esigenza di possedere un adeguata strumentazione, al fine di gestire patrimoni familiari complessi. Il programma è articolato su due moduli. i modulo - la pianificazione delle esigenze finanziarie Private Banking/Wealth Management: contenuti, target e regole del gioco. Il Risk Management di portafoglio per conto del cliente. L Asset Allocation obbligazionaria e la previsione. La componente azionaria: dinamiche del mercato e metodologie di valutazione degli assets. L utilizzo degli hedge funds nella diversificazione del portafoglio. La valutazione della performance di portafogli multibrand. La finanza comportamentale per il financial planning. Event benefit serale: Art Banking Workshop. ii modulo - il supporto consulenziale globale Le soluzioni di Private Insurance. La mappatura dei bisogni del cliente imprenditore: principi di Wealth Management per il Family Business. Il piano di investimento immobiliare. Il tax planning dei patrimoni familiari. La successione di patrimoni familiari. L utilizzo dell intestazione fiduciaria e la pianificazione fiscale internazionale. Event benefit serale: Assessment sul ruolo del Private Banker. I temi trattati troveranno riscontro in esercitazioni, simulazioni operative, tavole rotonde. Complessivamente 8 giorni su 2 moduli I modulo: dal 28 al 31 maggio 2012 II modulo: dal 19 al 22 giugno IVA Paola Musile Tanzi FPA La uropean Financial Planning Association ha accreditato il programma quale percorso formativo per il mantenimento della certificazione FA. n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 16

19 Private Banking e Wealth Management Wealth Management per il Family Business La diffusione nel mercato italiano di aziende di piccola e media dimensione a proprietà familiare pone al centro dell attenzione il tema della gestione e della continuità nel tempo del patrimonio. Da un lato, gli intermediari finanziari possono cogliere e soddisfare la gamma di fabbisogni che nasce dalla presenza di un "patrimonio complesso" costituito sia dalle componenti tangibili - i valori mobiliari e immobiliari - sia da quelle intangibili, riferite ai legami che si instaurano fra la famiglia e l'impresa. Dall altro lato, la famiglia di imprenditori deve proteggere e gestire il capitale economico e quello umano, a fronte dei rischi e delle incertezze, per assicurare continuità e sviluppo al progetto imprenditoriale. Particolare rilievo assume in questa prospettiva anche l'ottimizzazione della variabile fiscale e assicurativo-previdenziale mediante un adeguato tax planning. Il programma si rivolge a tutti coloro che si occupano dell'attività di Private Banking e di Wealth Management con riferimento al Family Business dal lato della famiglia proprietaria e dal lato degli intermediari finanziari. In questo caso, il target è riferito a banche, intermediari finanziari specializzati e SGR, nonché a consulenti e a studi di commercialisti. L'iniziativa, per le sue finalità, presenta rilevante interesse anche per tutte quelle strutture dedicate di Corporate Banking che presentano una particolare sensibilità al tema della valutazione delle caratteristiche del patrimonio delle famiglie di imprenditori. la comprensione del wealth management: un attività fra proprietà, famiglia e impresa La definizione degli dell attività di wealth management nel nuovo contesto di mercato La mappatura del patrimonio rilevante. L individuazione e la gestione dei flussi di ricchezza dalla proprietà all impresa L individuazione e la gestione dei flussi di ricchezza dall impresa alla proprietà. La pianificazione fiscale unitaria impresa proprietà - famiglia. l advisory per il governo della proprietà e della famiglia La gestione della continuità: la definizione degli equilibri interni alla famiglia. La gestione della discontinuità: il global design della successione e della riallocazione del capitale. Il sistema di mutuo riconoscimento ricchezza e posizioni di governo nell azienda. Il tema del patto di famiglia e il raccordo fra scelte familiari e ricadute finanziarie. l advisory per la pianificazione fiscale nell era post scudo I criteri di fondo della pianificazione fiscale internazionale della ricchezza. La mappa delle combinazioni paesi veicoli alla luce del concetto di rischio fiscale. La gestione del Trust. La gestione delle Holding. La gestione dei veicoli innovativi (le società multicelle). l advisory assicurativa e previdenziale per il rapporto proprietà-impresa La dimensione assicurativa e previdenziale nel rapporto tra impresa e proprietà. La mappa dei bisogni assicurativi e previdenziali. Trasferimento e crescita della ricchezza attraverso servizi previdenziali e assicurativi. L utilizzo della leva e della struttura fiscale domestica e cross-border. wealth management e Corporate Finance L utilizzo del corporate finance come strumento di gestione della ricchezza. La dinamica della ristrutturazione aziendale nella prospettiva di creazione della ricchezza. Le logiche di cessione, di acquisizione e di utilizzo del private equity. Il tema del real estate. L intero sviluppo del programma prevede l utilizzo di esempi, simulazioni e modellistica fruibili per i partecipanti. 5 giorni Dal 19 al 23 novembre IVA Stefano Caselli n.b. Questo programma fa parte di un percorso formativo (vedi pag 40) 17

20

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli