Rapporto di valutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di valutazione"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione e Riduzione integrata degli inquinamenti Settore Qualità dell aria, rischi industriali, prevenzione e riduzione integrata dell inquinamento Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della qualità dell'aria (PRRM) ALLEGATO 1 AL DOCUMENTO DI PIANO Rapporto di valutazione Allegato1 - pag 1

2 DENOMINAZIONE DEL PIANO PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL'ARIA (PRRM) DURATA RIFERIMENTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 351/99 RIFERIMENTI PROGRAMMATICI DIREZIONE GENERALE SETTORE COMPETENTE PRAA PRS PIR 3.1 "POLITICHE DI ECOEFFICIENZA PER IL RISPETTO DI KYOTO E QUALITÀ DELL'ARIA" POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI QUALITÀ DELL ARIA, RISCHI INDUSTRIALI, PREVENZIONE E RIDUZIONE INTEGRATA DELL INQUINAMENTO DIRIGENTE RESPONSABILE ALTRE STRUTTURE REGIONALI COINVOLTE MARIO ROMANELLI Allegato1 - pag 2

3 Rapporto di valutazione INDICE 1 Analisi della fattibilità tecnico-finanziaria (sequenza, tempi, risorse); 2 Valutazione di coerenza esterna 2.1. Coerenza tra quadro analitico (conoscitivo) e obiettivi generali del piano 2.2. Coerenza esterna verticale 2.3.Coerenza esterna orizzontale 3 Valutazione di coerenza interna 3.1. Valutazione di coerenza interna verticale 3.2 Valutazione di coerenza interna orizzontale 4 Individuazione delle modalità di confronto e informazione 4.1. Forme, strumenti e contenuti del processo di confronto e partecipazione 5 Valutazione degli effetti attesi 5.1 Gli effetti sulla dimensione ambientale 5.2 Gli effetti sulla dimensione economica 5.3 Gli effetti sulla dimensione territoriale 5.4 Gli effetti sulla dimensione di salute 5.5 Gli effetti sulla dimensione sociale 5.6 Sintesi 5.7 Schede degli effetti del Piano 5.8 Matrice di valutazione degli effetti del Piano 5 Sistema di monitoraggio del piano Allegato1 - pag 3

4 Il seguente rapporto di valutazione è stato predisposto secondo le procedure e le modalità tecniche per l effettuazione della valutazione integrata degli strumenti di programmazione regionale e le relative forme di partecipazione previste nel Regolamento di disciplina dei processi di valutazione integrata e di valutazione ambientale degli strumenti di programmazione di competenza della Regione in attuazione dell articolo 16 della legge regionale 11 agosto 1999, n. 49 (Norme in materia di programmazione regionale) e dell articolo 11 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio). Il presente rapporto non è accompagnato dal Rapporto ambientale in quanto il Piano in questione non risulta sottoposto a valutazione ambientale ai sensi della direttiva 2001/42/CE, come emerso in seguito alla verifica preventiva già espletata in sede di esame del rapporto di valutazione della proposta iniziale (si veda l allegato contenente il modello B per l esecuzione dell autovalutazione ai fini della verifica dei presupposti per eseguire la valutazione ambientale integrata). 1. ANALISI DELLA FATTIBILITÀ TECNICO-FINANZIARIA (SEQUENZA, TEMPI, RISORSE) Sequenza logica e funzionale delle fasi di elaborazione Il percorso logico e funzionale per l elaborazione del piano segue quello delineato nel modello analitico per piani e programmi redatto ai sensi dell articolo 10 della L.R. 49/99 e del Regolamento 2 novembre 2006, n.51/r, che definisce tale percorso logico per la formazione degli atti di programmazione regionali. Il PRRM è un piano complesso che deve necessariamente svilupparsi progressivamente insieme agli elementi di integrazione, di tipo conoscitivo, normativo e di rapporti istituzionali che si modificano anche alla luce della evoluzione delle situazioni ambientali. Le tre fasi del procedimento sono: 1. redazione della proposta iniziale di documento di piano e del rapporto di valutazione da esaminare e validare da parte del NURV, da parte del CTP e da inoltrare al Consiglio Regionale da parte della Giunta. I due documenti contengono le motivazioni della scelta di procedere alla sua formazione, i presupposti normativi di riferimento, il contesto conoscitivo e la sintesi del precedente ciclo di attività regionali inerenti la gestione della qualità dell aria. I documenti procedono, a definire la finalità e gli obiettivi generali dell atto, insieme alla definizione dei soggetti istituzionali da coinvolgere, alle valutazioni di coerenza esterna e di fattibilità tecnico-finanziaria. 2. redazione della proposta intermedia di documento di piano per la seconda fase di valutazione integrata. La proposta intermedia è stata elaborata tenendo conto delle osservazioni emerse nel corso dei processi di partecipazione e consultazione. La proposta iniziale di piano è stata, quindi, integrata e completata con ulteriori contenuti quali gli obiettivi specifici ed eventuali alternative di piano, le azioni e strumenti di attuazione. In particolare, vengono forniti gli elementi relativi alla coerenza interna del piano, la sua fattibilità finanziaria, gli effetti attesi e la definizione del sistema di monitoraggio e valutazione in itinere ed ex post. Il procedimento dell articolo 22 del Regolamento n. 51/R prevede che la proposta intermedia di piano sia sottoposta ad un secondo esame e validazione del NURV, all esame del CTP e della Giunta per la sua adozione. 3. approvazione del piano. La proposta finale di piano deve essere predisposta al termine dei processi di partecipazione e consultazione. Tale documento, insieme al rapporto di valutazione ed agli ulteriori allegati deve essere sottoposto all esame della Giunta regionale che ne dispone l invio al Consiglio regionale per l approvazione. Allegato1 - pag 4

5 A causa delle sue peculiarità, si ritiene che debba essere approfondita la possibilità di individuare un processo flessibile di aggiornamento/modifica di parti del PRRM che tenga conto, appunto, delle valutazioni di efficacia, di risultato e di effetti delle azioni del piano che saranno attuate. Esame di impatto di genere Ai sensi della deliberazione GR n.831 del 13 novembre 2006 avente come oggetto l integrazione dell ottica di genere in tutte le articolazioni del processo di programmazione regionale, l esame di impatto di genere determina per il piano una assenza di impatto in quanto gli effetti di questo sono rivolti alla totalità della popolazione, senza alcuna discriminazione. Cronoprogramma, percorso di elaborazione e relativa tempistica A seguito dell iter seguito dalla Proposta iniziale (di seguito descritto) si possono indicare le ulteriori fasi di elaborazione del percorso/processo del PRRM insieme alla loro tempistica. Proposta Iniziale gennaio 2007: elaborazione della Proposta iniziale del Piano, comprensiva della prima bozza del Rapporto di Valutazione, da parte del settore ed esame del NURV; febbraio 2007: esame della Proposta Iniziale da parte del CTP, adozione da parte della Giunta Regionale e trasmissione al Consiglio; 29 marzo 2007 : Proposta iniziale illustrata in VI Commissione consiliare ( il Consiglio non ha ritenuto indicare ulteriori indirizzi ); aprile 2007: avvio della fase di confronto e informazione esterna sulla Proposta Iniziale; maggio 2007: attivazione del portale sul PRRM (http://servizi.regione.toscana.it/aria/) e presentazione del Piano nell ambito della XII Conferenza Regionale sull Ambiente; maggio giugno 2007: tavoli di concertazione istituzionale, generale e di Agenda 21 Durante la fase di confronto e informazione esterna sulla Proposta Iniziale non sono pervenute oservazioni. Proposta intermedia maggio 2007: avvio del percorso di elaborazione della Proposta Intermedia del Piano, comprensiva della seconda bozza del Rapporto di Valutazione; giugno 2007: elaborazione di una prima bozza di Proposta Intermedia ( contenente i risultati del nuovo aggiornamento al 2005 dell IRSE, le elaborazioni dei dati di qualità dell aria a tutto il 2006, la nuova classificazione del territorio regionale aggiornata al 2006 ); ottobre novembre 2007: elaborazione definitiva della Proposta Intermedia, comprensiva degli allegati; metà novembre 2007: esame della Proposta Intermedia, comprensiva degli allegati, da parte del NURV e del CTP; 17 dicembre 2007: adozione della proposta intermedia da parte della Giunta; Allegato1 - pag 5

6 dicembre 2007 febbraio 2008: avvio e conclusione della seconda fase di confronto ( tavolo di concertazione istituzionale, tavolo di concertazione generale e tavoli informali con le categorie economiche-sociali ) e informazione esterna. Durante la fase di confronto e informazione esterna sulla Proposta Intermedia non sono pervenute oservazioni. Proposta finale febbraio 2008: redazione della Proposta Finale del Piano, comprensiva degli allegati; metà marzo 2008: adozione da parte della Giunta della Proposta Finale del Piano, comprensiva degli allegati e trasmissione al Consiglio per l approvazione. Risorse necessarie L attuazione del piano, come si è visto, si deve basare su di un quadro conoscitivo robusto e scientificamente affidabile (stato della qualità dell aria e conoscenza dei fattori di pressioneemissioni, principalmente), inoltre deve prevedere l utilizzo di una serie di strumenti conoscitivi previsionali per formulare e valutare scenari emissivi e di stato della qualità dell aria derivanti dalle azioni e misure previste e dalle condizioni meteorologiche prevedibili. Le attività e le azioni già realizzate forniscono il quadro conoscitivo necessario, sia per la Regione che per gli EE.LL., ad attivare la procedura di piano. Alcuni degli studi realizzati insieme a LaMMA, Università toscane, ARPAT e Techne permettono di effettuare le previsioni di scenari emissivi (che devono tenere conto, anche e soprattutto, delle azioni degli altri settori direttamente sinergici e complementari) con una buona affidabilità, determinanti per la prima individuazione delle misure più efficaci al minor costo. La fase successiva relativa alla valutazione degli effetti sulla qualità dell aria delle azioni di riduzione delle emissioni presuppone l impiego di modellistica complessa, di affidabilità variabile, che, ad esempio, per il PM 10 (e l ozono), tenga conto delle reazioni chimiche in atmosfera per la formazione del PM 10 secondario. A livello nazionale è stata attivata una collaborazione con ENEA e APAT per applicare, a livello regionale, la modellistica messa a punto per le previsioni di qualità dell aria a livello di UE e per bacini nazionali interregionali (cioè di area vasta, con poco dettaglio spaziale). La prosecuzione e il completamento di queste attività, che fanno parte anche del processo di monitoraggio del Piano, comportano la disponibilità di risorse specifiche. Le risorse utilizzate per l elaborazione del Piano, per la messa a punto di uno strumento di valutazione degli effetti degli interventi sulla qualità dell aria, che ha visto il coinvolgimento di LaMMA, Università, ARPAT, sono state pari a euro - Progetto Modivaset II. Per le attività di monitoraggio del piano si prevedono risorse pari a per prossimi 3 anni. Tali risorse sono previste negli interventi Programmazione delle attività e rapporti con Arpat e Studi, ricerche e incarichi in campo ambientale della scheda E6 di PRAA, di cui alla UPB 432 Azioni di sistema per la tutela dell ambiente spese correnti. Relativamente alle risorse necessarie per l attuazione delle azioni/misure che il piano prevede, si deve premettere che queste possono essere suddivise in risorse dirette, cioè risorse riferite specificatamente al problema ambientale come, ad esempio, quelle gestite dal settore specifico (risorse del PRAA ) e risorse indirette, cioè individuabili/reperibili presso altri settori ambientali e non, destinate ad azioni che presentano effetti efficaci relativamente alla riduzione delle emissioni di sostanze inquinanti e di gas ad effetto serra. Allegato1 - pag 6

7 Il seguente schema indica le risorse dirette già previste da utilizzarsi per gli interventi del PRRM, come indicato al punto 3 del Documento di Piano della Proposta Intermedia. Si tratta delle risorse finanziarie previste nel PRAA (Macrobiettivi A1 e C1). UPB Risorse previste nel PRAA macrobiettivi A1 e C1 Fonte PRAA macrobiettivi A1 e C1- SPESE Investimento PRAA macrobiettivi A1 e C1- SPESE Correnti Risorse finanziarie ( ) Totale Totali Nella tabella successiva si riportano le risorse della quota UE/Stato del POR CReO 2007/2013, attività 2.3, stanziate sul bilancio 2008/2010: Risorse previste nel POR Toscana Asse 2 "Sostenibilità ambientale" UPB 427 Fonte RISORSE UE/Stato POR Risorse finanziarie ( ) Totale , , , ,07 Sempre per la qualità dell aria, in particolare nell Area metropolitana fiorentina, sono previste risorse pari a 7 mil. di euro in due anni, all interno del Programma finanziario degli interventi per la valorizzazione ambientale di cui alla L.R. 70/2005 (scheda E6 di PRAA, intervento n 1). Tale programma finanziario è stato approvato con DCR n. 91/2007 (UPB 431). A queste risorse vanno aggiunte ulteriori disponibilità a valere sulla scheda E6 del PRAA per il supporto al progetto di ricerca fondamentale Studio di emissioni di biogas da discarica finanziato per 200 mila euro con fondi CIPE (non ancora iscritti in bilancio) ed inserito nel III atto integrativo dell APQ Ricerca e trasferimento tecnologico per il sistema produttivo approvato con DGR 767 del Inoltre, ulteriori risorse potranno derivare da futuri Accordi di Programma con il MATTM che ha previsto per il triennio circa 70 ml. di euro per anno da destinare alle Regioni per interventi di mitigazione dell inquinamento atmosferico (Decreto MATTMT del 16 ottobre 2006). L importo che potrà essere attribuito alla Regione Toscana da destinare ad interventi previsti dai PAC comunali e per una quota parte, pari al 20% del totale, per approfondimenti conoscitivi ed acquisizione di strumenti di valutazione e previsione, è stimabile in 10 milioni di Euro per i tre anni. Partecipando all Accordo anche il comune capoluogo dell area metropolitana coinvolta ( Firenze per l area metropolitana di Firenze Prato Pistoia ) l Accordo potrà disporre di ulteriori 5 milioni di euro. Le suddette risorse finanziarie statali, subordinatamente alla loro effettiva assegnazione ed iscrizione in bilancio, saranno destinate agli interventi sopra citati con le successive deliberazioni della GR di attuazione del PRRM. Allegato1 - pag 7

8 UPB Riepilogo risorse dirette (iscritte in Bilancio) Fonte PRAA macrobiettivi A1 e C1- SPESE DI INVESTIMENTO PRAA macrobiettivi A1 e C1- SPESE CORRENTI RISORSE UE/Stato POR SPESE DI INVESTIMENTO RISORSE DCR 91/2007 * SPESE DI INVESTIMENTO Risorse finanziarie ( ) Totale , , , , , , , , , , , , , ,00* Totali , , , ,07* * si aggiungono 4 Ml euro in corso di impegno nel 2007 UPB Riepilogo ulteriori risorse dirette Fonte Risorse finanziarie ( ) Totale Da iscrivere RISORSE CIPE , ,00 Da iscrivere RISORSE MATTMT Decreto , , , ,00 ottobre 2006* Totali , , , ,00 * comprensivi dei 5 Ml di euro riferibili alla partecipazione del Comune capoluogo all Accordo Di seguito sono invece indicate le risorse indirette relative a strumenti di programmazione diversi ma le cui azioni si integrano con quelle previste dal PRRM. Si tratta di interventi che agiscono nel settore della mobilità urbana (esempio la tramvia dell area metropolitana fiorentina) e nel settore dell energia (es. azioni sul risparmio energetico, promozione energia da fonti rinnovabili etc.). Si indicano le risorse già iscritte in Bilancio: UPB Fonte Riepilogo risorse indirette (iscritte in Bilancio) Risorse impegnate in precedenti esercizi Risorse finanziarie ( ) Totale RISORSE UE/Stato POR Azione 4.3A (Tramvia area Fiorentina) , , , ,58 RISORSE REGIONALI tecnologie per riduzione inquinanti su mezzi TPL- SPESE CORRENTI , ,00 RISORSE UE/Stato POR Azione 4.3B (sistema tramvia Prato) , , , ,97 Allegato1 - pag 8

9 RISORSE Regione- Azione 4.3A (Tramvia area Fiorentina) RISORSE per POR Azione 3.1 e 3.2 RISORSE per programma Solare/Termico RISORSE per incentivi per fonti rinnovabili RISORSE Regione per POR Azione 3.1 e , , , , , , , , , , , , , , , , , ,99 Totali , , , , ,10 Allegato1 - pag 9

10 2. VALUTAZIONE DI COERENZA ESTERNA 2.1. Coerenza tra quadro analitico (conoscitivo) e obiettivi generali del piano Il PRRM assume come proprio il quadro di riferimento europeo e nazionale del settore in quanto si pone come finalità quella di perseguire una strategia regionale integrata sulla tutela della qualità dell aria ambiente e sulla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra. La strategia è fondata un quadro conoscitivo coerente con quello richiesto (e realizzato) a livello europeo e nazionale, sia in termini di compatibilità di strumenti conoscitivi che di espressione dei risultati. La struttura del piano segue per quanto possibile l articolazione indicata dalle direttive europee e recepita nell ordinamento nazionale con l allegato 3 del DM n. 261/02 (si veda l allegato 2). L obiettivo territoriale del piano è l intero territorio regionale e, in particolare, le aree/zone dove non si rispettano i valori limite di qualità dell aria vigenti e di futura applicazione. Per tali aree/zone le azioni e le misure individuate a livello regionale da attuare dovranno essere integrate da quelle locali, identificate, in particolare modo, sulla base della conoscenza delle cause delle situazioni di inquinamento e inserite nei Piani di Azione Comunali PAC. Le azioni e le norme regionali di regolamentazione delle sorgenti di emissione, di valenza generale, saranno mirate prevalentemente all obiettivo del mantenimento dei livelli di qualità dell aria già buoni e del loro miglioramento progressivo Coerenza esterna verticale Nel delineare una strategia regionale integrata sulla tutela della qualità dell aria ambientale e sulla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, il PRRM tiene conto delle indicazioni contenute negli strumenti di programmazione sovraordinati: il Programma Regionale di Sviluppo (PRS ), il Piano di Indirizzo Territoriale (PIT) ed il Piano Regionale di Azione Ambientale (PRAA ). Rispetto a questi piani, il PRRM condivide innanzitutto lo sforzo diretto verso l integrazione delle politiche di settore (si veda in particolare l obiettivo generale e volto ad integrare le considerazioni sulla qualità dell aria nelle altre politiche settoriali), con l intento di superare i limiti in termini di efficacia ed efficienza delle azioni progettuali messe in campo dalla programmazione regionale, nonché il principio di fondo dello sviluppo sostenibile. Per quanto riguarda il rapporto con il Programma Regionale di Sviluppo, il complesso degli obiettivi generali del PRRM risultano coerenti con quanto prevede il Piano, e vanno a dare attuazione alla sfida dell ambiente lanciata dal PRS (all interno della quale si ritiene necessario ridurre l inquinamento atmosferico che contraddistingue soprattutto i centri urbani della Toscana e riuscire a rispettare gli impegni presi con il Protocollo di Kyoto relativo alle emissioni di gas serra), ed al terzo Programma Strategico, relativo alla Sostenibilità ambientale dello sviluppo. Il nuovo PRS, a differenza del precedente periodo di programmazione, configurandosi come un atto di vera e propria programmazione di legislatura e non più un mero atto di indirizzo, individua specifici Progetti Integrati Regionali (PIR) quali strumenti attuativi dei Programmi Strategici. Per il Programma strategico Sostenibilità ambientale dello sviluppo, il PRS prevede cinque PIR; il PRRM risulta coerente con gli obiettivi generali di tali PIR e contribuisce a dare attuazione in particolare al PIR 3.1 Politiche di ecoefficienza per il rispetto di Kyoto e qualità dell aria, volto al: - miglioramento della sostenibilità ambientale dell accessibilità, con lo scopo di migliorare la qualità dell aria Allegato1 - pag 10

11 - ridurre le emissioni di gas serra in coerenza con il Protocollo di Kyoto; - operare nella direzione del risparmio energetico, della diversificazione delle fonti energetiche, dello sviluppo delle fonti rinnovabili. Il settore energetico rappresenta infatti uno dei principali settori all origine di emissioni di sostanze inquinanti nell atmosfera e allo stesso tempo di emissioni di gas climalteranti; - sviluppare interventi di salvaguardia e miglioramento delle foreste; - sviluppare le certificazioni ambientali e promuovere l ecoefficienza presso il sistema produttivo toscano. Il complesso deli obiettivi del PRRM risulta, inoltre, coerente in particolare anche con quanto previsto da altri progetti integrati: PIR 3.2 Sostenibilità e competitività del sistema energetico, volto a favorire e promuovere l uso di energia proveniente da fonti rinnovabili, con minori impatti in termini di emissioni di gas serra e di inquinanti atmosferici; PIR 1.7 Accessibilità territoriale, mobilità integrata, volto a rendere ambientalmente sostenibile (oltre che socialmente ed economicamente) lo sviluppo della mobilità sul territorio, potenziando tra l altro il trasporto pubblico e potenziando la mobilità su ferro; ed anche: PIR 1.1 Lo spazio regionale della ricerca e innovazione, volto tra l altro a promuovere la ricerca e l innovazione nel mondo produttivo e nel campo dell ecoefficienza e della sostenibilità ambientale; PIR 1.3 Distretto integrato regionale: il sistema delle politiche industriali PIR 4.3 Coordinamento politiche territoriali urbane e metropolitane Per quanto riguarda il rapporto con il nuovo PIT, quest ultimo costituisce una lettura territoriale della programmazione strategica del PRS e quindi della progettualità contenuta nei PIR; esso fornisce pertanto un orientamento verticale per i Piani e Programmi regionali di settore. Il PRRM risulta coerente con la visione complessiva contenuta nel PIT, che è volto a realizzare un governo del territorio e delle sue risorse capace di coniugare qualità e dinamismo, custodendo il patrimonio territoriale regionale e facendo di esso, ad un tempo, fattore di sviluppo. Nel complesso, gli obiettivi generali del PRRM appaiono coerenti con l insieme del PIT, ed in particolare con il metaobiettivo di PIT Conservare il valore del patrimonio territoriale della Toscana volto, insieme agli altri metaobiettivi del PIT, al conseguimento di uno sviluppo sostenibile. Il PRRM, nella sua strategia di perseguire una sempre migliore qualità dell aria ambiente, deve determinare una serie di vincoli per le attività pubbliche e private che procurano emissioni di sostanze inquinanti e di gas ad effetto serra. La legge regionale n.1 del 3 gennaio 2005 sul governo del territorio promuove lo sviluppo sostenibile delle stesse attività che incidono sul territorio medesimo ed inoltre garantisce la tutela delle risorse essenziali tra cui l aria (art. 3, c.2). La strategia dello sviluppo territoriale è delineata dal PIT che deve indicare e definire, tra l altro, le azioni integrate per la tutela e la valorizzazione delle risorse essenziali. Per rendere efficace l azione del PRRM è, quindi necessario, che le azioni in esse individuate siano in armonia con il PIT, i suoi regolamenti e gli altri provvedimenti attuativi operanti a vari livelli, utilizzandoli per i suoi fini e calando in essi i suoi obiettivi e contribuendo, con le valutazioni relative alla tutela della qualità dell aria, alla loro efficacia ambientale. Allegato1 - pag 11

12 Lo stato della qualità dell aria ambiente, dei fattori di pressione e delle modalità con cui esplicano i loro effetti, dovranno far parte integrante, con modalità omogenee e coerenti del quadro conoscitivo degli atti di programmazione degli EE.LL. (PTC e PS), al fine di poter disporre basi conoscitive comuni e coerenti sulle quali si potrà effettuare previsioni di scenario ex ante e valutazioni ex post confrontabili. Un esempio di iniziale partecipazione integrata tra le esigenze della tutela della qualità dell aria e strumenti attuativi della Legge n. 1, può essere indicato nel regolamento contenente i parametri di riferimento per la definizione da parte dei comuni, nel quadro degli strumenti di pianificazione territoriale, della dotazione di infrastrutture per la mobilità, parcheggi, verde urbano ed altre opere di urbanizzazione primaria, in relazione alla tutela e valorizzazione degli insediamenti, da emanarsi ai sensi dell articolo 37, comma 2, lettera a) e comma 3, che prevede una serie di misure da realizzarsi in sede locale, connesse ai sistemi di urbanizzazione e della mobilità, che intervengono nella riduzione delle emissioni sia di sostanze inquinanti che di gas ad effetto serra. PRRM e Governo del territorio La legge regionale sul governo del territorio in quanto tale non contiene espliciti riferimenti alla problematica delle emissioni di inquinanti in atmosfera, tuttavia le sue finalità sono coerenti agli obiettivi del PRRM e comprendono contenuti, in numerosi articoli, che tendono a contenere le emissioni inquinanti oppure a mitigarne gli effetti. I disposti più pertinenti, in quanto collegati a specifici regolamenti attuativi della legge o a disposizioni rivolte agli strumenti degli altri soggetti del governo del territorio ( P.S. e P.T.C. ) che affrontano con un maggior livello di dettaglio le azioni che hanno influenza sulla qualità dell aria ambiente, sono: Art.1: la Regione e le province nel perseguire la qualità insediativa e dell edilizia sostenibile, garantiscono la sanità ed il benessere dei fruitori, nelle forme e nelle modalità di esercizio delle proprie funzioni. Art.3: la legge include la risorsa aria tra le risorse essenziali del territorio che non possono essere ridotte in modo significativo o irreversibile. Questo significa che nel bilancio complessivo delle risorse, ai fini delle trasformazioni del territorio, dovrà essere valutata la quota parte di effetti indotti da tale trasformazione sulla risorsa aria. Art.11: nell ambito del processo di valutazione integrata (prevista per gli strumenti di pianificazione e per gli atti di governo del territorio) i soggetti del governo del territorio operano le scelte sulla base della valutazione integrata degli effetti anche relativi alla salute umana (vedi regolamento di valutazione integrata) Art.14: la legge include tra i criteri per l effettuazione della valutazione integrata nell ambito del Regolamento Urbanistico l intensità degli effetti derivanti dai rischi per la salute umana e per l ambiente. Art.37: ai fini della tutela e valorizzazione degli insediamenti, la legge prevede che gli strumenti ed atti del governo del territorio garantiscano il rispetto dei requisiti di qualità ambientale assicurando: - il contenimento energetico degli edifici (comma 2) - una dotazione di verde urbano capace di compensare le emissioni di gas all interno dell area urbana, secondo i parametri di conversione contenuti in uno specifico regolamento attuativo (commi 8 e 9). (vedi regolamento tutela e valorizzazione degli insediamenti) Art.145: la Regione definisce specifiche linee guida che contengono criteri tecnico-costruttivi, tipologici ed impiantistici per garantire buoni livelli sostenibilità edilizia. Disciplina del PIT 1 In particolare, la disciplina del Piano di Indirizzo Territoriale PIT, principale strumento di governo regionale e di indirizzo delle azioni degli Enti locali, contiene utili riferimenti quali: Art.15 la città policentrica toscana. Il commercio. La norma individua, tra i criteri per l individuazione delle aree sature dove escludere la possibilità di realizzare medie e grandi strutture di vendita, le aree con alto livello di emissioni inquinanti dovute all intensità del traffico veicolare e/o ad altre attività produttive presenti. Art. 18 la presenza industriale in Toscana Nell ambito delle previsioni di mutamento di destinazione d uso delle aree industriali dismesse, il PIT consente ai comuni di programmare nuove funzioni (qualora non sia possibile il trasferimento delle attività in altra sede) da insediare solo a seguito di una valutazione del carico urbanistico ed ambientale che viene a determinarsi a seguito dell intervento. La valutazione dell incidenza del nuovo intervento sulla qualità dell aria nel contesto 1 Adottato con deliberazione del Consiglio Regionale n. 45 del 4 aprile Allegato1 - pag 12

13 urbanistico di riferimento costituisce pertanto elemento valutativo ai fini del bilancio ambientale. Art. 27 Il patrimonio costiero della Toscana Il PIT orienta gli interventi di potenziamento e riorganizzazione delle strutture ed infrastrutture legate alla filiera produttiva e manutentiva della nautica, verso la tutela e la salvaguardia delle risorse ambientali e paesaggistiche delle coste toscane. In tal senso si promuove l utilizzo di tecnologie realizzative, impiantistiche e gestionali a difesa della salubrità dell aria e della salute umana. Regolamenti ai sensi della LR 1/05 Anche numerosi regolamenti, previsti dalla legge, si indirizzano verso azioni che prevedono anche il contenimento delle emissioni inquinati. Si ritiene utile segnalare i seguenti: Regolamento di attuazione dell art. 11, comma 5 LR 1/05 in materia di valutazione integrata 2. In coerenza con la direttiva 2001/42/CE del Parlamento Europeo, il regolamento prevede l effettuazione della valutazione ambientale (VAS) prevista per piani e programmi, all interno del più generale processo di valutazione integrata. Ai sensi del regolamento regionale viene definita valutazione ambientale il processo che comprende l elaborazione di un rapporto che espliciti gli impatti sull ambiente derivanti dall attuazione di uno strumento di pianificazione o da un atto del governo del territorio mentre si definisce rapporto ambientale il complesso della documentazione di carattere scientifico contenente le informazioni di cui all all.1 della dir. 2001/42/CE. Nell ambito delle fasi di cui si compone il processo di valutazione assume particolare rilievo la valutazione intermedia in cui si opera una prima valutazione integrata degli effetti territoriali, ambientali, economici e sulla salute umana attesi rispetto alle azioni derivanti dalla possibili scelte alternative. Regolamento di attuazione dell art.37, comma 3, LR 1/05, disposizioni per la tutela e valorizzazione degli insediamenti 3. La finalità del Regolamento è quella di definire criteri ed indirizzi per gli strumenti di pianificazione territoriale, gli atti del governo del territorio ed i regolamenti edilizi comunali affinché gli interventi in essi contenuti siano attuati nel rispetto dei requisiti di qualità ambientale (in cui rientra a pieno titolo la tutela ed il mantenimento della qualità dell aria) e degli immobili con particolare riferimento alla salubrità degli stessi ed il contenimento energetico. 2 Approvato con decreto del Presidente della Giunta Regionale 9 febbraio 2007, n. 4/R. 3 Approvato con decreto del Presidente della Giunta Regionale 9 febbraio 2007, n. 2/R. Tra le componenti della qualità urbana il regolamento include la dotazione di verde urbano quale elemento che concorre a garantire l equilibrio ecologico e quale fattore di compensazione delle emissioni di anidride carbonica derivanti dalle attività antropiche. Nel determinare il fabbisogno complessivo di verde urbano i comuni tengono conto di alcuni criteri tra i quali la quantità dei veicoli circolanti giornalmente sul territorio. Ai fini del contenimento energetico degli edifici il regolamento promuove una forte azione dei comuni nel sostenere, all interno dei propri strumenti di pianificazione e programmazione, l impiego di tecnologie bioclimatiche e l utilizzo di fonti di energia rinnovabile (fotovoltaica, idroelettrica, eolica e quella derivante da biomasse). Linee guida per la valutazione della qualità ambientale ed energetici degli edifici in Toscana 4. Le linee guida contengono nella prima sezione una serie di schede tecniche di valutazione riferite a 7 aree tematiche tra le quali è inclusa anche la qualità ambientale esterna, che costituiscono il riferimento per condurre una corretta analisi delle condizioni del sito su cui si intende intervenire. La scheda 1.3. relativa alla qualità ambientale esterna prende in considerazione, come elemento per la valutazione, l inquinamento atmosferico locale per il quale definisce il relativo indicatore di prestazione (valori di concentrazione di sostanze inquinanti) e l unità di misura (limiti percentuali di concentrazione di sostanze inquinanti). Rispetto all obiettivo di garantire idonee condizioni di qualità esterna dell aria rispetto a possibili concentrazioni di sostanze inquinanti (biossido di zolfo, ossidi di azoto, monossido di carbonio, ozono, piombo, polveri), la scheda individua una serie di strategie progettuali e di soluzioni tecnologiche ritenute idonee a ridurre gli effetti dei forme diverse di inquinamento provenienti da fonti poste nell intorno del sito. Di seguito si riportano le strategie di riferimento indicate nella scheda: localizzare gli spazi aperti sopra vento rispetto alle sorgenti inquinanti; localizzare gli spazi aperti lontano dai canali di scorrimento degli inquinanti (edifici orientati parallelamente alle correnti d aria dominanti); utilizzare le aree perimetrali del sito come protezione dall inquinamento, ad esempio creando rimodellamenti morfologici del costruito, a ridosso delle aree critiche; schermare i flussi d aria, che si prevede possano trasportare sostanze inquinanti, con fasce vegetali composte da specie arboree e arbustive efficaci nell assorbire le sostanze stesse (valutare la densità 4 Approvate con delibere della Giunta Regionale n. 218 del 03/04/06 e n. 322 del 28/02/05. Allegato1 - pag 13

14 della chioma, i periodi di fogliazione e defogliazione, dimensioni e forma, accrescimento); utilizzare barriere artificiali, con analoghe funzioni di schermatura; localizzare gli edifici e gli elementi d arredo degli spazi esterni, in modo tale da favorire l allontanamento degli inquinanti, anziché il loro ristagno; ridurre le fonti di inquinamento all interno dell area del sito di progetto; introdurre elementi naturali/artificiali con funzione di barriera ai flussi d aria trasportanti sostanze inquinanti; prevedere la massima riduzione del traffico veicolare all interno dell area, limitandolo all accesso ad aree di sosta e di parcheggio, con l adozione di misure adeguate di mitigazione della velocità; prevedere la massima estensione delle zone pedonali e ciclabili, queste ultime in sede propria; mantenere una distanza di sicurezza tra le sedi viarie interne all insediamento, o perimetrali, e le aree destinate ad usi ricreativi; disporre le aree parcheggio e le strade interne all insediamento, percorribili dalle automobili, in modo da minimizzare l interazione con gli spazi esterni fruibili. Per quanto riguarda la coerenza con il Piano Regionale di Azione Ambientale, che costituisce attuazione del Programma Regionale di Sviluppo, perseguendo le finalità di tutela, valorizzazione e conservazione delle risorse ambientali in una prospettiva di sviluppo sostenibile, il PRRM tiene conto da un lato delle linee di indirizzo contenute nel PRAA ( in qualità di Piano di indirizzo ) che indica ai Piani di settore gli obiettivi a cui devono attenersi, mentre dall altro lato ne costituisce strumento di attuazione, andando a dettagliare, ma anche ad integrare, gli interventi previsti dal PRAA in tema di tutela dall inquinamento atmosferico e di lotta ai cambiamenti climatici. Quale Piano di settore, il PRRM recepisce e dà attuazione alle priorità espresse dal PRAA in riferimento alle tematiche dell inquinamento atmosferico e delle emissioni di gas serra. Il PRRM fa dunque propri i macrobiettivi del PRAA volti a: - Ridurre la percentuale di popolazione esposta all inquinamento atmosferico, al fine di raggiungere livelli di qualità dell aria che non comportino rischi o impatti negativi significativi per la salute umana e per l ambiente, rispettando i valori limite di qualità dell aria per le sostanze inquinanti entro le date previste dalla normativa (Area di Azione prioritaria Ambiente e Salute ); - Ridurre le emissioni di gas serra in accordo con il Protocollo di Kyoto (Area di Azione prioritaria Cambiamenti Climatici ). Inoltre, il PRRM risulta coerente con gli altri due macrobiettivi di PRAA relativi all area di Azione prioritaria Cambiamenti climatici, volti alla Razionalizzazione e riduzione dei consumi energetici e all Aumento della percentuale di energia proveniente da fonti rinnovabili, in quanto il perseguimento di tali obiettivi generali permetterà di ottenere benefici sia in termini di minori emissioni di sostanze inquinanti sia in termini di minori emissioni di gas ad effetto serra Coerenza esterna orizzontale L analisi di coerenza esterna orizzontale indica che la politica di tutela della qualità dell aria ambiente è, forse, quella che presenta il maggior numero di interrelazioni, legami ed elementi di complementarietà con altre politiche regionali ambientali e non. Tra gli atti di pianificazione/programmazione, quelli che presentano i maggiori elementi di integrazione sono di seguito riportati: Energia Piano di indirizzo energetico regionale Il consumo di energia determina importanti pressioni sull ambiente e quindi l utilizzo più efficiente dell energia e un migliore sfruttamento delle risorse naturali sono due elementi chiave che Allegato1 - pag 14

15 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre 2007 permettono di contribuire anche a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra e di sostanze inquinanti l aria ambiente. Esiste cioè un legame indissolubile tra energia derivante da combustibili fossili ed impatti sull ambiente atmosferico, almeno fino a quando non verranno utilizzate largamente nuove forme di energia. Uno degli obiettivi primari anche di un piano di indirizzo energetico è quello di contribuire a mitigare gli effetti a scala globale delle emissioni di gas climalteranti e gli effetti locali delle emissioni di sostanze che generano situazioni di criticità relative alla qualità dell aria. Il perseguire azioni e misure che possano determinare la riduzione contemporanea di queste emissioni deve essere privilegiata al massimo, anche in un ottica virtuosa di miglior utilizzo delle risorse. Per ottenere ciò si deve essere consapevoli che occorre integrare e raccordare la politica energetica e degli altri diversi settori che hanno il consumo energetico come motore del loro sviluppo (primariamente trasporti, attività produttive, agricoltura) con quella ambientale ai fini della sostenibilità complessiva. E attualmente in corso di definizione il Piano di Indirizzo Energetico Regionale, che definisce le politiche regionali in materia di energia in attuazione delle priorità individuate dal PRS e dal PRAA. La concomitante elaborazione di entrambi i Piani (PIER e PRRM) può rappresentare un importante occasione per dare maggiore coerenza al perseguimento di obiettivi di sviluppo energetico da un lato, e obiettivi ambientali globali e locali dall altro. Relativamente agli impegni che il Protocollo di Kyoto ha determinato per lo Stato italiano (riduzione al del 6,5% delle emissioni di gas ad effetto serra rispetto alle emissioni del 1990), in attesa di un reale coinvolgimento delle Regioni nella politica nazionale per Kyoto da parte del MATTM, occorre valutare gli effetti delle azioni, misure ed interventi del Piano sulle emissioni regionali complessive di gas ad effetto serra. La disponibilità in Regione di un sistema di Inventario di tali emissioni e di una metodologia di stima degli assorbimenti (CNR IBIMET Osservatorio di Kyoto) costituisce il punto di partenza fondamentale per delineare scenari energetici futuri collegati alle prevedibili emissioni connesse. Nel complesso delle relazioni e sinergie con gli altri Piani e Programmi regionali, il PRRM trova, in particolare, importanti e determinanti elementi di integrazione con il PIER, con riferimento in particolare a due dei tre obiettivi generali del Piano energetico: l obiettivo Sostenibilità, nelle sue accezioni ambientali che si traducono nella sfida di sviluppare le fonti energetiche rinnovabili, ridurre l impiego di combustibili fossili più inquinanti, e contribuire alla riduzione dei gas serra, e l obiettivo Efficienza, che si traduce in uno sforzo al contenimento dei consumi energetici attraverso una maggiore efficienza E evidente come il perseguimento di tali obiettivi attraverso gli interventi programmati del PIER darà al tempo stesso un importante contributo al raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell inquinamento atmosferico e delle sostanze responsabili del fenomeno dell effetto serra che il PRRM si pone. I provvedimenti attuativi del PIER devono contenere le valutazioni e gli scenari relativi agli adempimenti di Kyoto ed al rispetto dei vincoli di qualità dell aria derivanti dall attuazione delle azioni e delle misure previste. Inoltre devono essere determinate le modalità di monitoraggio del percorso di attuazione al fine di poter apportare le eventuali modifiche necessarie per il raggiungimento degli obiettivi. Trasporti e mobilità Piano Regionale della Mobilità e della Logistica Per affrontare in modo programmatico ed operativo le questioni legate alla mobilità delle persone e delle merci sul territorio regionale, la Regione Toscana con D.C.R. 63 del , si Allegato1 - pag. 15

16 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre 2007 è dotata di un Piano della Mobilità e della Logistica che costituisce l atto di pianificazione del sistema infrastrutturale e dei servizi di trasporto pubblico. Il PRRM deve necessariamente operare sinergicamente, in particolare, con due degli obiettivi strategici posti da tale Piano, poiché questo prevede un aumento della mobilità stimato al 2015 in + 30% (e quindi anche di un incremento potenziale delle emissioni di sostanze inquinanti e CO 2 ). Il primo consiste nell orientare la mobilità delle persone verso il trasporto pubblico in modo da diminuire l utilizzazione del mezzo privato e ridurre gli inquinamenti atmosferico ed acustico. Le principali azioni previste sono: offerta di servizi ad elevata capacità, frequenza, regolarità a partire dai servizi ferroviari che costituiscono l asse portante del sistema; miglioramento degli Interscambi fra le diverse modalità di trasporto; rinnovamento e adeguamento del parco veicoli; integrazione e semplificazione tariffaria; informazione all utenza in tempo reale (Contact Center per l informazione sulla rete integrata regionale: come spostarsi da luogo a luogo, orari, corrispondenze, costo del viaggio...). Il secondo prevede di sviluppare l intermodalità nel trasporto merci ed innovare la logistica e intende perseguirlo tramite: - lo sviluppo del trasporto merci su ferro - la promozione dell innovazione logistica e l integrazione operativa delle imprese che offrono servizi di logistica - lo sviluppo operativo degli interporti Questi obiettivi sono perfettamente coerenti con quelli del PRRM, in termini di riduzione delle emissioni inquinanti e di CO 2 derivanti dal sistema mobilità, in particolare nelle aree urbane. Master Plan : La rete dei porti toscani Il master plan dei porti toscani costituisce uno specifico atto di programmazione del sistema portuale del PIT; obiettivo generale del Piano è quello di rafforzare la competitività del sistema portuale toscano, sviluppando la piattaforma logistica costiera attraverso la promozione dell integrazione del territorio toscano con le reti transeuropee di trasporto, promuovendo l intermodalità, incentivando il trasporto ferroviario, il sistema aeroportuale, il trasporto merci e passeggeri via mare (Short Sea Shipping), le autostrade del mare e le vie navigabili interne ed il trasporto marittimo a corto raggio. L obiettivo generale del PRRM di tutelare la qualità dell aria ambiente risulta coerente con l obiettivo del master plan di privilegiare la multimodalità e di potenziare modalità di trasporto diverse dal trasporto stradale. Master Plan : Il sistema Aeroportuale Toscano Obiettivo generale del master plan è il potenziamento della competitività del sistema aeroportuale toscano, anche in funzione dello sviluppo della piattaforma logistica costiera al fine di promuovere l integrazione del territorio toscano con le reti transeuropee di trasporto. Occorre peraltro osservare che il potenziamento del trasporto aereo comporterà un aumento delle emissioni di sostanze inquinanti; sarà pertanto necessario ricercare il massimo raccordo con gli obiettivi di tutela della qualità dell aria propri del PRRM. Sanità Allegato1 - pag. 16

17 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre 2007 Piano Sanitario Regionale (PSR ) Il Piano Sanitario Regionale attualmente in vigore si pone come obiettivo primario la tutela della salute della popolazione toscana, riconoscendo l importanza dei fattori ambientali nel determinare il benessere dei cittadini. Il PSR prevede uno specifico obiettivo Migliorare la salute con un ambiente di qualità volto ad intervenire sui principali fattori di rischio ambientali per la salute della popolazione. Tra questi, l esposizione all inquinamento atmosferico comporta rischi, anche importanti, nei confronti della salute dei cittadini. Questo fatto è ben rispecchiato dai valori limite di qualità dell aria che sono obiettivi sanitari da rispettare e che sono individuati, nei livelli e nella struttura, sulla base delle indicazioni dell OMS. Ridurre i livelli di inquinamento, anche ben al disotto dei valori limite, significa operare nella prevenzione di una serie di effetti dannosi sulla salute. Il Piano Sanitario si basa anche sullo sviluppo della prevenzione collettiva, in particolare dagli effetti delle pressioni ambientali. Tra gli strumenti della programmazione sanitaria, si ritiene che i Piani Integrati di Salute, sviluppati a livello locale, debbano contribuire ad attuare gli indirizzi e le azioni di miglioramento progressivo della qualità dell aria. Il PRRM deve, quindi, prevedere un raccordo con la programmazione sanitaria a livello regionale e locale, fornendo elementi conoscitivi ed indirizzi validi per la loro operatività nei confronti della prevenzione dai rischi derivanti dalle esposizioni e per la conoscenza degli effetti. E al momento in corso di elaborazione l aggiornamento del PSR per il triennio ; facendo riferimento alla proposta iniziale del nuovo PSR (adottata dalla G.R. in data 6 agosto 2007), si evidenzia in particolare una forte coerenza degli obiettivi del PRRM - in particolare gli obiettivi generali a), b), c), d) ed e) - con l obiettivo generale del PSR Rispondere alle nuove sfide mediante azioni tese a ridurre i rischi nell ambiente di vita e di lavoro e le malattie connesse al clima e all inquinamento ambientale. In questo senso, gli interventi volti a migliorare e mantenere la qualità dell aria ambiente previsti dal PRRM danno un contributo importante al raggiungimento dell obiettivo di tutela della salute della popolazione oggetto della programmazione sanitaria regionale. Agricoltura e foreste Piano di Sviluppo Rurale (PSR ) e Piano Forestale Regionale (PFR ) Le politiche per la tutela dall inquinamento dell aria e per la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra hanno rapporti fondamentali con le attività agro-forestali: molte di queste sono infatti attività generatrici di emissioni (attività agricole con consumi energetici, con utilizzo di fertilizzanti e fitofarmaci, allevamenti, incendi forestali, ecc.), hanno un ruolo di bersagli di effetti negativi (danni forestali e colturali da inquinanti) e possono contribuire alla mitigazione degli effetti (assorbimenti di CO 2 ). Quindi, le attività agro forestali contribuiscono a determinare problemi di inquinamento atmosferico e di emissioni di gas ad effetto serra e, nello stesso tempo, a contrastare il fenomeno dei cambiamenti climatici (Protocollo di Kyoto). In particolare, si riscontra una coerenza tra gli obiettivi del PRRM ed il PFR; quest ultimo individua infatti come obiettivo generale la tutela dell ambiente, ed in particolare la mitigazione ed il contrasto ai cambiamenti climatici, perseguiti attraverso interventi di rimboschimento, diffusione di Allegato1 - pag. 17

18 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre 2007 tecniche di gestione forestale sostenibile, il sostegno all utilizzo delle biomasse forestali a fini energetici. Relativamente agli altri settori ambientali vi sono poi altri piani/programmi che possiedono elementi di complementarietà, coerenza e di integrazione negli obiettivi tra i quali si citano, principalmente: Piano di tutela delle acque DCR n 6 del 25/01/2005 Gli obiettivi del PRRM di contrastare l inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell aria risultano infatti coerenti con gli obiettivi di tutela della qualità delle acque, e di lotta ai fenomeni di acidificazione ed eutrofizzazione legate alle emissioni di ossidi di zolfo, ossidi di azoto ed ammoniaca. Si fa inoltre riferimento agli atti di programmazione in materia di rifiuti: Piano Regionale di gestione dei rifiuti (1 stralcio)- Rifiuti Urbani e Assimilati DCR n 88 del 07/04/1998- Piano Regionale di gestione dei rifiuti (2 stralcio)- Rifiuti speciali anche pericolosi DCR n 385 del 21/12/1999 Piano Regionale di gestione dei rifiuti (3 stralcio)- Bonifica aree inquinate DCR n 384 del 21/12/1999- Programma Regionale per la riduzione dei rifiuti urbani biodegradabili da collocare in discarica in attuazione del D.lgs 36/03 (integrazione del Piano regionale gestione rifiuti). DCR n 151 del 23/11/2004 Gli obiettivi di riduzione dei quantitativi di rifiuti prodotti e di aumento della raccolta differenziata previsti dalla programmazione in materia di rifiuti possono infatti contribuire all efficace raggiungimento degli obiettivi di qualità dell aria e di rispetto del protocollo di Kyoto che il PRRM si pone, se si considera il ruolo delle emissioni derivanti dal ciclo dei rifiuti, in particolare per il metano, importante gas ad effetto serra, e dell ammoniaca; per quest ultimo inquinante infatti il macrosettore Trattamento e Smaltimento Rifiuti, che comprende le attività connesse al ciclo dei rifiuti con emissioni in atmosfera, quali l incenerimento o la coltivazione delle discariche, rientra tra i principali responsabile delle emissioni regionali con una quota pari 10% di ammoniaca (cfr. par del Documento di Piano). 4 Programma triennale per le aree protette DCR n 154 del 23/11/2004 Circa le Aree protette le norme relative alla qualità dell aria prevedono la fissazione di valori limite, per alcune sostanze inquinanti, per la protezione della vegetazione e degli ecosistemi in generale. Inoltre, è previsto che le Regioni possano individuare zone del proprio territorio con particolari caratteristiche di pregio e/o protezione per le quali si potrà applicare vincoli relative alla attivazione di nuove emissioni (anche nei territori limitrofi) ed anche fissare valori limite di qualità dell aria più restrittivi. Coerenza con la programmazione negoziata Il Piano regionale di Risanamento e Mantenimento della qualità dell aria Ambiente risulta inoltre coerente con la programmazione negoziata contenuta nei Patti per lo sviluppo locale (PASL), strumento di adesione volontaria di natura negoziale tra Regione, Enti Locali, parti sociali, Allegato1 - pag. 18

19 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre 2007 associazioni ambientaliste ed altri soggetti pubblici e privati, con il quale vengono individuate le priorità strategiche condivise per lo sviluppo del territorio. In particolare, nella fase attuale di costruzione della progettualità dei Patti per lo sviluppo locale, si rileva infatti come tra i progetti contenuti nel PASL della provincia di Firenze e tra quelli relativi al PASL dell Area vasta metropolitana (Province di Firenze, Prato e Pistoia), rivesta priorità 1 il progetto Ecoincentivi per la promozione della mobilità sostenibile, il cui obiettivo consiste nel risanamento e miglioramento della qualità dell aria ambiente in ambito urbano, attraverso il cofinanziamento degli interventi individuati nei Piani di Azione Comunali (PAC) dei Comuni firmatari del nuovo Accordo di Programma sottoscritto il 10 maggio 2007 (Allegato9). Allegato1 - pag. 19

20 (Allegati) Proposta intermedia 17 dicembre VALUTAZIONE DI COERENZA INTERNA La coerenza interna di un programma è rappresentata dalla corrispondenza e dalla consequenzialità delle fasi attraverso le quali, dall analisi della situazione di partenza e dei problemi che ne emergono, si passa all individuazione dei singoli interventi in grado di far pervenire al conseguimento degli obiettivi determinati. Essa risulta indispensabile al fine di evitare la presenza di carenze, conflitti o duplicazioni tra i diversi elementi costituenti il piano. La coerenza interna del PRRM è assicurata dalla stessa modalità di predisposizione del Piano; infatti, è proprio a partire da una attenta ricostruzione degli scenari generali - europei, nazionali e regionali nell ambito dei quali si inserisce il PRRM (per la descrizione dei quali si rimanda al cap. 1 del Documento di Piano), che sono stati definiti gli obiettivi da raggiungere, dapprima gli obiettivi generali, quindi gli obiettivi specifici, formulati anche tenendo conto degli obblighi derivanti dalla normativa comunitaria e nazionale esistente, nonché di quella in via di aggiornamento. Sono stati di conseguenza individuati gli interventi necessari per il perseguimento degli obiettivi stessi, evidenziandone i risultati attesi. Ciò peraltro è illustrato in maniera chiara e schematica dalle schede obiettivi-interventi riportate al punto 3.6. del Documento di Piano, a cui si rinvia. Il risultato di tale modalità di costruzione del Piano è che esso si caratterizza per una forte integrazione verticale tra gli scenari generali e gli obiettivi definiti dal PRRM (si veda la tabella sottostante), nonché per una forte integrazione orizzontale tra i vari obiettivi e tra i diversi interventi, anche in conseguenza del fatto che esso è stato impostato secondo un approccio fondato sul principio di integrazione, quanto mai necessario nell affrontare le tematiche dell inquinamento atmosferico. Le misure previste dal piano per ridurre l inquinamento atmosferico si integrano infatti strettamente tra loro, agendo su diverse zone territoriali (essendo tali misure pensate per intervenire in ambito urbano, nelle zone di risanamento, nelle zone di mantenimento, o su tutto il territorio regionale), su diverse sostanze inquinanti, che tuttavia derivano in buona parte da sorgenti comuni, e sono dirette a incidere sui diversi settori responsabili delle emissioni (mobilità, riscaldamento domestico e terziario, attività produttive). Vi sono poi una serie di interventi destinati a sviluppare i quadri conoscitivi e l informazione al pubblico, che si collocano trasversalmente al complesso degli interventi. Nel deriva che complessivamente le azioni previste si rafforzano reciprocamente, incrementando l efficacia del Piano nel raggiungimento dell obiettivo generale di tutela della popolazione dall inquinamento atmosferico. Allegato1 - pag. 20

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE. Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali

LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE. Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali PRS 2006-2010 Strumento attuativo del Programma di Governo Atto di programmazione degli

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 07-05-2007 (punto N. 9 ) Delibera N.316 del 07-05-2007 DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 07-05-2007 (punto N. 9 ) Delibera N.316 del 07-05-2007 DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 07-05-2007 (punto N. 9 ) Delibera N.316 del 07-05-2007 Proponente MARINO ARTUSA DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI

Dettagli

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana Ambiente e industria L esperienza di Ecosind, focalizzata sullo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie e metodologie

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE. Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali

LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE. Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali LA PROGRAMMAZIONE COME METODO E PROCESSO DEL GOVERNO REGIONALE Processo di formazione di Piani e Programmi Regionali PROGRAMMARE NELLA SUSSIDARIETA ISTITUZIONALE STATUTO REGIONALE E PROGRAMMAZIONE IL PROCESSO

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art. 17 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.

Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art. 17 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _F_ Dgr n. 305 del 18/03/2015 pag. 1/11 Valutazione Ambientale strategica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art.

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

Convegno IMPIANTI FOTOVOLTAICI E PAESAGGIO. Potere al piano nella legge regionale 21 marzo 2011 n. 11

Convegno IMPIANTI FOTOVOLTAICI E PAESAGGIO. Potere al piano nella legge regionale 21 marzo 2011 n. 11 Convegno IMPIANTI FOTOVOLTAICI E PAESAGGIO Potere al piano nella legge regionale 21 marzo 2011 n. 11 Prato, Palazzo Buonamici, via Ricasoli n.25 13 marzo 2012 Al momento dell entrata in vigore delle linee

Dettagli

17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122

17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122 D.G.R. n. 316/2007 relativa all accordo per la riduzione delle emissioni inquinanti e la prevenzione

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

INTESA GENERALE QUADRO. tra. GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA e REGIONE CAMPANIA

INTESA GENERALE QUADRO. tra. GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA e REGIONE CAMPANIA INTESA GENERALE QUADRO tra GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA e REGIONE CAMPANIA ROMA, CONSIDERATO che la regione Campania ha una popolazione residente pari a circa il 10% della popolazione italiana con

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 nel rispetto degli obiettivi di Kyoto A solo due anni dalla sua approvazione è

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l.

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. PROGETTO So.S.-M.Bi.O SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. 25 luglio 2006 Premesse I comuni del Patto Territoriale Zona Ovest

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare TECHITALY 2012 L innovazione industriale come motore della crescita europea Sessione 2 Le azioni del Ministero dell ambiente per la mobilità

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A.

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Nota informativa per la stampa Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Sommario 1. Tratti salienti 2. Il Piano di sviluppo al 2044 3. Occupazione: più di 230mila posti di lavoro 4. Grande

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 30 ) Delibera N.381 del 22-03-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 30 ) Delibera N.381 del 22-03-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 30 ) Delibera N.381 del 22-03-2010 Proponente ANNA RITA BRAMERINI DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano Allegato A GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano 0. Premessa Il

Dettagli

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO Quadro di riferimento comunitario: la Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali

Dettagli

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COLLEGNESE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Data, 08 febbraio 2005 Relazione n M2.02.REL.02/16344 INDICE

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione Integrata degli Inquinamenti e Programmazione

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO

GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO ALL. n. 1 GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Settore Programmi Comunitari in materia extragricola DOCUP Obiettivo 2 Anni 2000-2006 COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE Firenze, 18

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA LA PROVINCIA DI FORLI -CESENA L ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it

Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Comune di Ranica Provincia di Bergamo Via Gavazzeni, 1 24020 Ranica - 035/479015 Fax 035/511214 e-mail: tecnico@comune.ranica.bg.it Settore Gestione Territorio e sue Risorse VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas ANDREA OGLIETTI Direttore Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Milano, 4 aprile 2014 1 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. la Regione Campania. il Comune di PORTICI. per

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. la Regione Campania. il Comune di PORTICI. per PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Campania e il Comune di PORTICI per L elaborazione e l attuazione del Programma Integrato Urbano della città di Portici L anno 2008, il giorno., del mese di luglio, nella

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob. 2 2000-2006 Misura 4.1 Programma

Dettagli

"Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici"

Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici "Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici" La proprietà pubblica: opportunità/ difficoltà attuative in Toscana Firenze, 21 giugno 2012 Dott. Rita Montagni Regione Toscana DG Politiche

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli