DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5B/RI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5B/RI"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO TECNOLOGICO ANDREA MANTEGNA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5B/RI Indirizzo: RELAZIONI INTERNAZIONALI Anno scolastico 2014/2015 Il Coordinatore di classe Prof. Gianni Bonato Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Viviana Sbardella Mantova, 7/5/2015 1

2 Indice - Presentazione dell indirizzo... pag. 3 - Finalità educative e obiettivi comuni...pag. 5 - Scheda di presentazione della classe...pag. 7 - Elenco candidati... pag. 8 - Argomenti approfonditi dai candidati... pag. 9 - Tabella crediti... pag Alternanza scuola-lavoro... pag Elenco docenti del triennio... pag Tabella di corrispondenza tra voti e valutazioni... pag Scheda informativa analitica di Italiano... pag Scheda informativa analitica di Storia...pag Scheda informativa analitica di Matematica... pag Scheda informativa analitica di Diritto Internazionale... pag Scheda informativa analitica di Relazioni Internazionali... pag Scheda informativa analitica di Inglese... pag Scheda informativa analitica di Tedesco... pag Scheda informativa analitica di Francese... pag Scheda informativa analitica di Spagnolo...pag Scheda informativa analitica di Economia Aziendale... pag Scheda informativa analitica di Educazione Fisica... pag Scheda informativa analitica di Religione... pag Simulazione della terza prova... pag Tabella di valutazione della 1^ prova... pag Tabella di valutazione della 2^ prova... pag Tabella di valutazione della 3^ prova... pag Griglia di comparazione decimi-quindicesimi... pag. 51 2

3 PRESENTAZIONE DELL'INDIRIZZO Il Diplomato in Amministrazione, finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali e internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e dei processi aziendali e degli strumenti di marketing. Integra le competenze dell'ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell'azienda e contribuire sia all'innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell'impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando strumenti e tecniche contabili ed extra contabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere ed interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; svolgere attività di marketing; collaborare all'organizzazione, gestione e controllo dei processi aziendali. In particolare nell'articolazione Relazioni internazionali per il Marketing il profilo si caratterizza per il riferimento sia all'ambito della comunicazione aziendale con l'utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. Riconoscere e interpretare tendenze dei mercati nazionali e globali nonché i relativi macrofenomeni. Individuare e accedere alla normativa civilistica e pubblicistica con riferimento alle attività aziendali. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi. Ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Utilizzare con pertinenza terminologie e procedimenti appartenenti ai linguaggi appresi Mettere in atto tecniche di comunicazione adeguate al contesto (anche utilizzando le tre lingue straniere) Lavorare in maniera autonoma e in équipe Registrare e organizzare dati e informazioni, utilizzando anche strumenti informatici e telematici Documentare adeguatamente il proprio lavoro Il diploma è valido per l accesso a tutti i corsi di laurea o di diploma universitario e, secondo propri regolamenti, ai concorsi della pubblica amministrazione, agli albi professionali, agli impieghi nelle aziende private. 3

4 QUADRO ORARIO DELL INDIRIZZO DISCIPLINE Ore settimanali per anno di corso RELIGIONE /ATTIVITA ALTERN ITALIANO STORIA LINGUA STRANIERA LINGUA STRANIERA MATEMATICA LINGUA STRANIERA FISICA DIRITTO CHIMICA SCIENZE DELLA TERRA E GEOGRAFIA BIOLOGIA ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA RELAZIONI INTERNAZIONALI INFORMATICA/ TECNOLOGIA DELLE COMUNICAZIONI TOTALE ORE

5 FINALITA' EDUCATIVE E OBIETTIVI COMUNI FINALITA EDUCATIVE Al fine di diventare protagonista di un personale progetto di vita, assumere il ruolo di cittadino attivo e responsabile, sviluppare le competenze adeguate ai compiti che quotidianamente si affrontano, lo studente verrà incoraggiato a: Esercitare il ragionamento critico Acquisire consapevolezza e sviluppare le risorse individuali Sviluppare la capacità di rapportarsi all ambiente circostante Formulare un progetto personale Essere in grado di motivarsi e di agire per il raggiungimento degli obiettivi Acquisire flessibilità nella gestione del cambiamento Sviluppare la padronanza di se stessi e l autodisciplina AREA COMUNE A TUTTI GLI INDIRIZZI Nell'ambito del quinquennio l'allievo deve essere in grado di: Saper esporre i diversi contenuti in maniera chiara e con linguaggi specifici e appropriati Saper esprimere le proprie opinioni, argomentandole Saper leggere in modo attento e riflessivo un testo o un documento per ricavarne informazioni essenziali Saper utilizzare pacchetti e strumenti informatici Saper inquadrare un fenomeno o un evento nel suo contesto di riferimento Saper utilizzare le lingue straniere in interazioni e in azioni di comprensione di materiale in lingua originale, con competenza di linguaggi settoriali Saper organizzare conoscenze in successione logico-sequenziale Per assicurare una preparazione flessibile e dinamica, a forte spessore culturale, lo studente dovrà: possedere ed utilizzare un patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana, secondo le esigenze comunicative, nei vari contesti sociali e culturali; conoscere le linee essenziali della nostra storia letteraria e orientarsi agevolmente tra testi e autori fondamentali; conoscere le linee essenziali, gli avvenimenti e i personaggi più importanti della storia del nostro paese, inquadrandola in quella europea ed internazionale; conoscere e padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrativi della matematica e della statistica; acquisire conoscenze giuridiche ed economiche; conseguire conoscenze relative alla sicurezza, alla prevenzione e promozione nell'ambito della salute individuale collettiva ed ambientale; possedere nelle lingue comunitarie studiate competenze ricettive, produttive e di interazione; essere consapevoli delle potenzialità comunicative dell'espressività corporea e dell'importanza dell'attività sportiva nell'ambito individuale e sociale; conoscere e comprendere culture e religioni diverse per promuovere il rispetto delle diversità e favorire politiche di giustizia e solidarietà. 5

6 OBIETTIVI TRASVERSALI DEL TRIENNIO OBIETTIVI EDUCATIVI Rispettare le regole e acquisire maggiore autocontrollo Acquisire competenze nell'ambito delle comunicazioni interpersonali Acquisire un atteggiamento critico Assumere un comportamento responsabile e corretto nei confronti di tutte le componenti scolastiche, nonché un atteggiamento di disponibilità e rispetto nei confronti dell altro, anche all esterno della scuola Consolidare e utilizzare il metodo di studio in modo proficuo ed efficace Contenere le assenze soprattutto in coincidenza di prove orali e scritte, per rendere la partecipazione più attiva e costante OBIETTIVI DIDATTICI Acquisire i concetti fondamentali della disciplina Utilizzare la terminologia e il lessico specifici Comprendere e riferire in modo adeguato i contenuti proposti Operare confronti e collegamenti interdisciplinari Utilizzare le conoscenze acquisite per affrontare varie problematiche Saper costruire ed utilizzare mappe concettuali Acquisire la capacità di documentare il proprio lavoro con bibliografie di tipo cartaceo ed informatico Gli insegnanti si impegnano a: Programmare non più di una verifica scritta al giorno Programmare non più di 3 verifiche scritte a settimana, salvo eccezioni nel mese finale di ogni periodo Programmare non più di 3 interrogazioni al giorno Concedere nelle prove orali (interrogazioni) una giustificazione per disciplina in ciascuno dei due periodi in cui è suddiviso l anno scolastico Gli insegnanti richiedono agli alunni l impegno a: Frequentare con regolarità tutte le lezioni e le attività didattiche. Comportarsi in modo corretto e rispettoso sostanziale e formale- nei confronti di tutto il personale della scuola e degli alunni. Utilizzare un linguaggio corretto nel rispetto dei ruoli e dell istituzione scolastica. Rispettare le strutture della scuola senza arrecare danni all edificio e alle attrezzature messe a disposizione. Dimostrare lealtà nei rapporti interpersonali, nelle verifiche, nella vita scolastica. Raggiungere gli obiettivi prefissati per il proprio curricolo, dedicandosi in modo responsabile allo studio e all esecuzione dei compiti richiesti. Essere puntuali nell arrivare a scuola, nel rientrare in aula dopo intervalli e/o attività svolte in altri contesti. Essere puntuali nelle consegne didattiche e di segreteria. Avere con sé il materiale scolastico richiesto per le lezioni. Tenere il telefono cellulare spento durante le ore di lezione. Condividere la responsabilità di rendere accogliente l ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola. Rispettare le norme del regolamento per le studentesse e gli studenti. 6

7 SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE L attuale 5^B è composta da 17 studenti ( di cui 12 femmine e 5 maschi ). All inizio del primo anno di frequenza (a.s ) era formata da 28 alunni; per ritiri e non ammissioni, si è ridotta a 22 in 2^, a 20 in 3^, a 19 in 4^. Per quanto riguarda i docenti, la continuità didattica durante il triennio è stata assicurata in quasi tutte le discipline. E avvenuto un avvicendamento di insegnanti (tra 3^ e 4^) in Spagnolo e in Tecnologia della comunicazione. Il clima della classe, nel corso del triennio, è risultato sempre positivo, per i rapporti interpersonali, generalmente buoni, tra gli studenti e con i docenti. In quest ultimo anno, in particolare, è maturato il senso di responsabilità. Durante le lezioni, la classe ha seguito l attività didattico-educativa con un interesse crescente e con un attenzione continua, anche se la partecipazione attiva è stata di un gruppetto limitato e diversificata a seconda delle materie e degli argomenti. L impegno personale è diventato più regolare, anche se il metodo di studio risulta un po scolastico. Dal punto di vista del profitto, gli alunni hanno avuto un percorso di studio completamente regolare e, nel triennio, i 2/3 della classe sono stati promossi senza debiti formativi. Nel passaggio alla 5^ circa la metà della classe ha ottenuto risultati positivi. Si possono individuare tre gruppi: uno costituito da alunne che hanno dimostrato un impegno costante, un adeguata applicazione allo studio e risultati soddisfacenti in tutte le discipline consolidando, nel corso del triennio, il proprio metodo di lavoro. Un altro gruppetto è formato da alunni che hanno evidenziato uno studio finalizzato soprattutto al momento delle verifiche e che, pur con qualche lieve carenza in alcune discipline, hanno saputo raggiungere gli obiettivi prefissati con un profitto pienamente sufficiente. Infine, qualche studente ha rivelato una certa difficoltà ad operare gli approfondimenti e i collegamenti anche all interno della stessa disciplina ma, nonostante ciò, ha raggiunto gli obiettivi minimi richiesti. Relativamente alle iniziative realizzate nel corso del triennio, finalizzate a far acquisire agli studenti la più ampia ed accurata formazione professionale e culturale, si ricordano, oltre alle attività di alternanza scuolalavoro (così come riportato a pag. 11): - soggiorno-studio di una settimana a Madrid e a Wuerzburg; - visita aziendale (ditta Montana); - soggiorno-studio a Londra; - la partecipazione al progetto Il Mantegna legge ; - la partecipazione a due incontri presso la Camera di Commercio; - viaggio d istruzione a Monaco; - la partecipazione ad un incontro con il direttore di un istituto di credito mantovano; - la partecipazione ad un incontro presso il Centro provinciale per l impiego; - la partecipazione al Job Orienta ; - corso sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Oltre alle tradizionali verifiche, si sono svolte due simulazioni per la prima prova scritta d Esame ( una per quadrimestre), una simulazione per la seconda prova scritta e una per la terza prova scritta. 7

8 ELENCO ALUNNI CANDIDATI N. COGNOME E NOME DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA LUOGO DI RESIDENZA 1 ABADZI Miriam Esinam Schio (VI) Motteggiana (MN) 2 ALLEGRI Alessia Carate Brianza (MI) Castel d Ario (MN) 3 ASCANI Sofia Casalmaggiore (CR) Gazoldo degli Ippoliti 4 DESIDERIO Diodato Mantova (MN) Virgilio (MN) 5 FICO Rebecca Mantova (MN) San Giorgio di Mantova (MN) 6 FIDATO Ciro Federico Casalmaggiore (CR) San Giorgio di Mantova (MN) 7 LUPPI Chiara Mantova (MN) Castel d Ario (MN) 8 MADINI Martina Mantova (MN) Roncoferraro (MN) 9 MILANI Francesca Mantova (MN) Castel d Ario (MN) 10 NARDELLA Federico Mantova (MN) San Giorgio di Mantova (MN) 11 NESTORINO Andrea Mesagne (BR) Porto Mantovano (MN) 12 PASINI Vittoria Mantova (MN) Virgilio (MN) 13 PERBONI Andrea Mantova (MN) Virgilio (MN) 14 RUBINI Maria Teresa Mantova (MN) Virgilio (MN) 15 SIPALA Erica Mantova (MN) Mantova (MN) 16 TASSINI Deborah Mantova (MN) San Giorgio di Mantova (MN) 17 TULLIO Ludovica Mantova (MN) Mantova (MN) 8

9 ARGOMENTI APPROFONDITI DAI CANDIDATI 1 ABADZI Miriam Esinam Il microcredito. 2 ALLEGRI Alessia L apertura di nuovi canali di vendita in Spagna. 3 ASCANI Sofia Imprenditrice o lavoratrice: analogie e differenze di una donna nel mondo del lavoro. 4 DESIDERIO Diodato La guerra. 5 FICO Rebecca L organizzazione di un evento teatrale. 6 FIDATO Ciro Federico Smartphone-mania 7 LUPPI Chiara Repsol: azienda leader nel mercato energetico. 8 MADINI Martina AVIS: ricevere sangue è un Diritto, Donarlo è un Dovere civile. 9 MILANI Francesca Harry Potter: tra fantasia e realtà. 10 NARDELLA Federico PARKOUR: vedere il mondo con occhi nuovi 11 NESTORINO Andrea La libertà e l ironia 12 PASINI Vittoria EXPO MILANO PERBONI Andrea La risata. 14 RUBINI Maria Teresa La fotografia. 15 SIPALA Erica Siamo! Ma chi siamo? 16 TASSINI Deborah Il gioco d azzardo. 17 TULLIO Ludovica EXPORTando all estero: l analisi di mercato. 9

10 TABELLA CREDITI Alunni Crediti 3 anno Crediti 4 anno 1 ABADZI Miriam Esinam ALLEGRI Alessia ASCANI Sofia DESIDERIO Diodato FICO Rebecca FIDATO Ciro Federico LUPPI Chiara MADINI Martina MILANI Francesca NARDELLA Federico NESTORINO Andrea PASINI Vittoria PERBONI Andrea RUBINI Maria Teresa SIPALA Erica TASSINI Deborah TULLIO Ludovica

11 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alunni 4 ANNO 5 ANNO A.S. 2013/14 A.S. 2014/ ABADZI MIRIAM ALLEGRI ALESSIA ASCANI SOFIA DESIDERIO DIODATO FICO REBECCA FIDATO CIRO FEDERICO LUPPI CHIARA MADINI MARTINA MILANI FRANCESCA CABOTO VIAGGI Suzzara Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario Dal al RE.LE.VI SPA - Rodigo Dal al RE.LE.VI. SPA Rodigo Dal al BUSTAFFA EMILIO E FIGLI SPA Bagnolo S.Vito Dal al LUBIAM MODA PER L UOMO SPA Mantova Dal al ZOVI AMM.NE DEL PERSONALE SRL San Giorgio di Mantova Dal al PELLETTERIE PALAZZO San Giorgio di Mantova Dal al MOA SPORT SRL Castel d Ario Dal al MOA SPORT SRL Castel d Ario Dal al COOPERATIVA MURATORI LA LEALE - Roncoferraro Dal al CLIMA EXPERT Roncoferraro Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario APINDUSTRIA ass. Mantova Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario Dal al RE.LE.VI. SPA - Rodigo Dal al I.N.P.S. - Mantova Dal al I.N.P.S. Mantova Dal al PELLETTERIE PALAZZO San Giorgio di MAntova Dal al MOA SPORT SRL Castel d Ario Dal al AGAPE SRL - Roncoferraro Dal al STUDIO MARTINI SEVERI ASSOCIATI Castel d Ario Dal al

12 NARDELLA FEDERICO NESTORINO ANDREA PASINI VITTORIA PERBONI ANDREA RUBINI MARIA TERESA SIPALA ERICA TASSINI DEBORAH TULLIO LUDOVICA Dal al A.B.C. PRATICHE AUTO SNC San Giorgio di Mantova Dal al IMMOBILIARE PORTO MANTOVANO SRL P.to Mantovano Dal al RGB BAMBOO SRL San Giorgio di Mantova Dal al RGB BAMBOO SRL San Giorgio di Mantova Dal al I.N.P.S. - Mantova Dal al I.N.P.S. Mantova Dal al STUDIO TRIBUTARIO CARMELI RAG. GOTTARDO Bagnolo S.Vito Dal al STUDIO TRIBUTARIO CARMELI RAG. GOTTARDO Bagnolo S.Vito Dal al NORSA VIAGGI - Mantova Dal al NORSA VIAGGI Mantova Dal al A.L.E.R. - Mantova Dal al A.L.E.R. Mantova Dal al I.N.P.S. - Mantova Dal al I.N.P.S. Mantova Dal al ZOVI AMM.NE DEL PERSONALE SRL San Giorgio di Mantova Dal al AC SRL P.to Mantovano Dal al KU DISTRIBUTION SRL Bagnolo S.Vito Dal al NORSA VIAGGI. Mantova Dal al KU DISTRIBUTION SRL Bagnolo S.Vito Dal al PEZZOLI GIAMPAOLO E GIAMPIERO SNC - MAntova Dal al ZOVI AMM.NE DEL PERSONALE SRL San Giorgio di Mantova Dal al MANTOVA EXPORT Mantova Dal al

13 DOCENTI DEL TRIENNIO DISCIPLINE DOCENTI Terzo anno Quarto anno Quinto anno ITALIANO STORIA MATEMATICA DIRITTO RELAZIONI INTERNAZIONALI INGLESE SPAGNOLO FRANCESE TEDESCO ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE BONATO GIANNI BONATO GIANNI BONATO GIANNI BONATO GIANNI BONATO GIANNI BONATO GIANNI CICERI FABIO CICERI FABIO CICERI FABIO TASSELLI ROSANNA TASSELLI ROSANNA TASSELLI ROSANNA TASSELLI ROSANNA TASSELLI ROSANNA TASSELLI ROSANNA GABRIELI M. CRISTINA GABRIELI M. CRISTINA GABRIELI M. CRISTINA SEGALA KATJA FASCIOLI MARZIA FASCIOLI MARZIA MULAS CARMEN MULAS CARMEN MULAS CARMEN POLCINI ENNIO POLCINI ENNIO POLCINI ENNIO ORLANDELLI PIERANGELA ORLANDELLI PIERANGELA ORLANDELLI PIERANGELA FRANZONI SILVANA FRANZONI SILVANA FRANZONI SILVANA ZANETTI PAOLO ZANETTI PAOLO ZANETTI PAOLO MAGALINI CLAUDIO MONTANARINI ANGELO ================ 13

14 TABELLA DI CORRISPONDENZA FRA VOTI E VALUTAZIONI Valutazione Conoscenze Competenze 10 Eccellenti: l'alunno dimostra conoscenze Eccellenti: l'alunno autonomamente sa utilizzare le corrette, rigorosamente definite ed conoscenze con padronanza, sicurezza, con correttezza e approfondite. coesione concettuale ed espositiva. Sa affrontare e risolvere autonomamente, con metodo originale e 9 Ottime: l'alunno dimostra conoscenze corrette, ben definite ed esaurienti. 8 Buone: l'alunno dimostra conoscenze corrette e ben definite. coerente, problematiche nuove. Ottime: l'alunno autonomamente sa utilizzare le conoscenze con padronanza, sicurezza, con correttezza e coesione concettuale ed espositiva. Sa affrontare e risolvere autonomamente, con metodo coerente, problematiche nuove. Buone: l'alunno autonomamente sa utilizzare le conoscenze con padronanza, correttezza concettuale ed espositiva. Sa affrontare e risolvere autonomamente con metodo coerente problematiche note, rientranti nella casistica proposta. 7 Discrete: l'alunno dimostra conoscenze corrette, abbastanza esaurienti. Discrete: l'alunno sa utilizzare le conoscenze in modo corretto sia a livello concettuale che espositivo. Sa affrontare e risolvere autonomamente problematiche note, rientranti nella casistica proposta. 6 Sufficienti: l'alunno dimostra conoscenze corrette sui concetti fondamentali. 5 Insufficienti: l alunno dimostra conoscenze non corrette o parziali sui concetti fondamentali. 4 Gravemente insufficiente: l alunno dimostra conoscenze gravemente lacunose. 3 Gravemente insufficiente: l alunno dimostra di non possedere conoscenze pertinenti alle richieste. Sufficienti: l'alunno con parziale autonomia sa utilizzare le conoscenze in modo corretto sia a livello espositivo che applicativo. Sa affrontare e risolvere con parziale autonomia problematiche note, rientranti nella casistica proposta. Insufficiente: l alunno evidenzia mancanza di autonomia; utilizza le conoscenze in modo impreciso, incerto sia a livello concettuale che espositivo, con esiti non del tutto adeguati. Affronta con metodo insicuro e non coerente le problematiche proposte, che non risolve. Gravemente insufficiente: l alunno dimostra mancanza di autonomia; utilizza le conoscenze in modo errato sia a livello concettuale che espositivo, con esiti completamente inadeguati o non pertinenti. Affronta con metodo incoerente e inadeguato le problematiche proposte, che non risolve. Gravemente insufficiente: l alunno dimostra di possedere competenze pertinenti alle richieste. 2 L alunno propone informazioni talmente esigue da non consentire un accertamento di conoscenze e di competenze. 1 L alunno non propone informazioni e quindi non consente un accertamento di conoscenze e di competenze. non 14

15 Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Andrea Mantegna Scheda informativa analitica del programma svolto ITALIANO Classe 5 sez. B/R.I. Anno scolastico 2014/2015 Insegnante: BONATO GIANNI Testo in uso: Le basi della letteratura (Ed. B. Mondadori) OBIETTIVI: Conoscenza: gli elementi fondamentali della tradizione letteraria italiana dal XIX al XX secolo: gli autori e i testi più rappresentativi; gli elementi storici e culturali che contribuiscono a determinare il fenomeno letterario; i caratteri specifici del testo letterario. Competenze: uso corretto della lingua italiana; lettura diretta e personale dei testi; produzione scritta di saggi espositivi, argomentativi ed interpretativi, temi tradizionali, analisi del testo; esposizioni, argomentazioni, interpretazioni, analisi e sintesi orali. Capacità: comprendere gli aspetti principali del fenomeno storico-letterario; rapportare il testo ai codici formali, ai generi letterari, alle altre opere dell'autore e al contesto culturale; cogliere le proposte e le richieste interpretative; rielaborazione personale. CONTENUTI: Vol. 2 A. MANZONI Cenni biografici Il pensiero: Illuminismo e Cristianesimo La poetica del vero OPERE E TESTI: OSSERVAZIONI SULLA MORALE CATTOLICA Tutto si spiega con il Vangelo LETTRE À M. CHAUVET A cosa s interessa la poesia? LETTERA SUL ROMANTICISMO I tre fini della poesia ADELCHI Adelchi morente I PROMESSI SPOSI L epilogo STORIA DELLA COLONNA INFAME Introduzione (fotocopia) 15

16 G. LEOPARDI Cenni biografici La teoria del piacere Il pessimismo storico, cosmico ed eroico La poetica dell indefinito OPERE E TESTI: ZIBALDONE La vita: il giardino della sofferenza La rimembranza CANTI L infinito A Silvia A se stesso OPERETTE MORALI Dialogo della natura e di un islandese Vol. 3a La cultura del Positivismo Il Naturalismo francese Il Verismo G. VERGA La conversione al Verismo La visione della vita nella narrativa di Verga Il ciclo dei Vinti OPERE E TESTI: VITA DEI CAMPI Lettera-prefazione a L amante di Gramigna I MALAVOGLIA Prefazione La famiglia Toscano L arrivo e l addio di Ntoni (fotocopia) 16

17 MASTRO-DON GESUALDO La morte di Gesualdo LA CRISI DEL MODELLO RAZIONALISTA Nietzsche e Freud Il Decadentismo I FIORI DEL MALE Corrispondenze G. D ANNUNZIO Cenni biografici Estetismo Superomismo OPERE E TESTI: IL PIACERE L attesa di Elena Ritratto d esteta Le vergini delle rocce Il programma del superuomo Alcyone La pioggia nel pineto NOTTURNO Imparo un arte nuova G. PASCOLI Cenni biografici Il nido Poeta e società La poetica del fanciullino OPERE E TESTI: Il Fanciullino IL fanciullo che è in noi 17

18 MYRICAE Novembre Il lampo Il tuono Lavandare X agosto CANTI DI CASTELVECCHIO Il gelsomino notturno AVANGUARDIE DIVERSE Il Futurismo F.T. Marinetti Manifesto del Futurismo (p. 56) Bombardamento (p. 451) I poeti crepuscolari G. Gozzano Totò Merumeni S. Corazzini Desolazione del povero poeta sentimentale LA NARRATIVA DELLA CRISI SVEVO Cenni biografici I primi romanzi L incontro con la psicoanalisi OPERE E TESTI: UNA VITA Gabbiani e pesci 18

19 LA COSCIENZA DI ZENO Il fumo Psico-analisi L. PIRANDELLO Cenni biografici Il relativismo Vita e forma La poetica dell umorismo Il teatro OPERE E TESTI: L umorismo Esempi di umorismo NOVELLE PER UN ANNO Pallottoline! UNO, NESSUNO E CENTOMILA Il naso di Moscarda La vita non conclude SEI PERSONAGGI IN CERCA D AUTORE L ingresso dei sei personaggi Vol. 3b LE NUOVE FRONTIERE DELLA POESIA G. UNGARETTI Cenni biografici La sperimentazione OPERE E TESTI: L ALLEGRIA Il porto sepolto I fiumi Veglia Fratelli Commiato 19

20 Mattina SENTIMENTO DEL TEMPO La madre E. MONTALE Un intellettuale appartato Il male di vivere Il correlativo oggettivo OPERE E TESTI: OSSI DI SEPPIA Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato Meriggiare pallido e assorto Cigola la carrucola del pozzo LE OCCASIONI La casa dei doganieri SATURA Ho sceso, dandoti il braccio METODO: Lezione frontale Lezione partecipata TIPOLOGIA PROVE: Questionari Analisi del testo Tema tradizionale Saggi argomentativi Verifiche orali 20

21 Scheda informativa analitica del programma svolto STORIA Classe 5 sez. B/R.I. Anno scolastico 2014/2015 Insegnante: BONATO GIANNI OBIETTIVI: Conoscenza: Conoscere gli elementi fondamentali che servono a definire l epoca o i problemi studiati Competenze: Adoperare concetti e termini adeguati in rapporto agli specifici contesti storicoculturali. Capacità: a) Logico-interpretative: ripercorrere lo svolgersi dei processi e dei fatti principali; cogliere le interazioni tra i soggetti singoli e collettivi; riconoscere gli interessi in campo, le determinazioni istituzionali, gli aspetti politici, sociali, culturali, religiosi. b) Comprensione e comunicazione: saper cogliere le proposte e le richieste interpretative. Saper adeguare le proprie produzioni orali e scritte alle richieste. VOLUME 2 L ITALIA DI FINE SECOLO La democrazia autoritaria di Crispi La crisi di fine secolo VOLUME 3 CAPITOLO 1 ECONOMIA, COMUNICAZIONE E SOCIETÀ DI MASSA Scienza, tecnologia e nuova società di massa Diritto di voto, partiti, ideologie CAPITOLO 2 L ALBA DEL NOVECENTO Le tensioni tra gli Stati europei L Italia di Giolitti CAPITOLO : STATI IN GUERRA, UOMINI IN GUERRA Le origini e lo scoppio della guerra Interventismo e neutralismo: l Italia in guerra 21

22 Il 1917: l anno della svolta La rivoluzione di febbraio Il bilancio della guerra CAPITOLO 4 VERSAILLES O LA PACE DIFFICILE 1918: trionfo dello Stato-nazione? La Conferenza di Parigi e i trattati di pace La Società delle Nazioni CAPITOLO 5 IL COMUNISMO IN RUSSIA TRA LENIN E STALIN La guerra civile in Russia La Nep e la nascita dell Unione Sovietica Stalin al potere La collettivizzazione delle campagne L industrializzazione forzata Il potere totalitario: capo, partito, Gulag CAPITOLO 6 IL DOPOGUERRA IN ITALIA E L AVVENTO DEL FASCISMO Crisi economica e sociale: scioperi e tumulti Crisi istituzionali: partiti di massa e governabilità I Fasci italiani di combattimento : da Giolitti a Facta La marcia su Roma e il governo autoritario Dall assassinio di Matteotti alle leggi fascistissime CAPITOLO 7 IL FASCISMO AL POTERE: GLI ANNI TRENTA Il fascismo entra nella vita degli italiani Il concordato e i rapporti tra Stato e Chiesa La politica economica del regime Le opere pubbliche del fascismo: battaglia del grano e bonifica integrale La rivoluzione culturale del fascismo Imperialismo e impresa d Etiopia CAPITOLO 8 HITLER E IL REGIME NAZIONALSOCIALISTA La Repubblica di Weimar La crisi economica e l ascesa di Hitler al potere 22

23 Il controllo nazista della società Ein volk, ein Reich, ein Fuhrer CAPITOLO 10 DALLA GRANDE CRISI AL CROLLO DEL SISTEMA DI VERSAILLES Gli Stati Uniti negli anni Venti La crisi del 1929 La politica estera del nazismo La Guerra di Spagna La questione di Danzica e il Patto Ribbentrop-Molotov CAPITOLO 12 LA SECONDA GUERRA MONDIALE L invasione della Polonia L intervento italiano in guerra L attacco all URSS e l intervento americano Lo sbarco in Sicilia e la caduta del fascismo L 8 settembre Il crollo della Germania e del Giappone CAPITOLO 14 EST E OVEST NEMICI ( ) Dalla nascita dell Onu alla Dottrina Truman La forte contrapposizione tra Stati Uniti e Unione Sovietica Stati Uniti ed Europa occidentale Unione Sovietica ed Europa orientale Guerra di Corea e rinascita del Giappone Kruscev e la rivolta d Ungheria CAPITOLO 19 LA REPUBBLICA E LA RICOSTRUZIONE L unità antifascista dopo l 8 settembre 1943 I gravi problemi dell immediato dopoguerra Il referendum istituzionale del 2 giugno 1946 e le elezioni per l Assemblea costituente La fine dell unità antifascista La Costituzione della Repubblica italiana e le elezioni politiche del 1948 L epoca del centrismo Dal centrismo a nuove aperture politiche 23

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli