dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese."

Transcript

1 dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

2 1. LʼOGGETTO PO FESR Asse VI. Linea 6.1, azione , Titolo III Medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Investimento - PIA Turismo Aiuti alle Bando a sportello aperto. 2

3 2. SOGGETTI BENEFICIARI E ATTIVITÀ 2a (soggetti) Media impresa Consorzio di PMI Le PMI consorziate devono essere in regime di contabilità ordinaria. Il Consorzio può anche non essere stato formalmente costituito. 2b (attività) Sezione I ATECO 2007, limitatamente alle divisioni: alberghi e strutture simili villaggi turistici con esclusivo riferimento ai residence 3

4 3. TIPOLOGIA DʼINTERVENTO a1 a2 b c quadro riassuntivo a1 nuove strutture turistico-alberghiere, anche attraverso il recupero funzionale di immobili; 4

5 3. TIPOLOGIA DʼINTERVENTO a1 a2 b c quadro riassuntivo a2 ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione di strutture turistico-alberghiere esistenti. 5

6 3. TIPOLOGIA DʼINTERVENTO a1 a2 b c quadro riassuntivo b Strutture Connesse di cui allʼart. 11 comma 1 lettera k del Reg. regionale, ovverosia: campi da golf da 18 buche; porti turistici e Aeroclub; infrastrutture sportive idonee ad ospitare eventi agonistici nazionali ed internazionali; centri congressuali e auditorium dalla capienza minima di posti; primo impianto e/o sistemazione a verde di aree attrezzate di almeno 200 ettari (piste ciclabili, sentieri attrezzati, percorsi sportivi, punti sosta, ecc) anche di proprietà pubblica; recupero di aree urbane degradate e/o inquinate da destinare a realizzazione di strutture ricettive, sportive, congressuali, culturali e/o ricreative; parchi tematici; recupero di immobili di pregio (di interesse storico artistico) da riconvertire in strutture turistico-alberghiere aventi capacità ricettiva non inferiore a n. 7 camere; realizzazione di teatri privati. 6

7 3. TIPOLOGIA DʼINTERVENTO a1 a2 b c quadro riassuntivo c. Servizi di cui allʼart. 6 comma 2 del regolamento: Ambiente (EMAS II, ISO 14001, ECOLABEL. Marchi di qualità ecologica, efficienza energetica, ecc); Responsabilità sociale ed etica (adozione di sistemi di gestione etica e sociale -SA8000-); Miglioramento competitivo del sistema turistico (centri di acquisto, servizi complementari allʼaccoglienza, promozione e commercializzazione dellʼofferta turistica, programmi di marketing, materiale informativo e promozionale, partecipazione a fiere e/o eventi internazionali). 7

8 3. TIPOLOGIA DʼINTERVENTO a1 a2 b c quadro riassuntivo a1. nuove strutture turistico-alberghiere, anche attraverso il recupero funzionale di immobili; a2.ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione di strutture turistico-alberghiere esistenti. b. Strutture Connesse di cui allʼart. 11 comma 1 lettera k del Reg. regionale, ovverosia: campi da golf da 18 buche; porti turistici e Aeroclub; infrastrutture sportive idonee ad ospitare eventi agonistici nazionali ed internazionali; centri congressuali e auditorium dalla capienza minima di posti; primo impianto e/o sistemazione a verde di aree attrezzate di almeno 200 ettari (piste ciclabili, sentieri attrezzati, percorsi sportivi, punti sosta, ecc) anche di proprietà pubblica; recupero di aree urbane degradate e/o inquinate da destinare a realizzazione di strutture ricettive, sportive, congressuali, culturali e/o ricreative; parchi tematici; recupero di immobili di pregio (di interesse storico artistico) da riconvertire in strutture turistico-alberghiere aventi capacità ricettiva non inferiore a n. 7 camere; realizzazione di teatri privati. c. Servizi di cui allʼart. 6 comma 2 del regolamento: Ambiente (EMAS II, ISO 14001, ECOLABEL. Marchi di qualità ecologica, efficienza energetica, ecc); Responsabilità sociale ed etica (adozione di sistemi di gestione etica e sociale -SA8000-); Miglioramento competitivo del sistema turistico (centri di acquisto, servizi complementari allʼaccoglienza, promozione e commercializzazione dellʼofferta turistica, programmi di marketing, materiale informativo e promozionale, partecipazione a fiere e/o eventi internazionali). 8

9 4. SPESE AMMISSIBILI a. Acquisto attivi materiali; del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 10% dellʼimporto dellʼinvestimento in b. Opere murarie e assimilate; c. Infrastrutture specifiche aziendali, ivi compresi impianti per il risparmio energetico ed idrico; d. Acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie e arredi (incluse anche le spese relative a corredi, stoviglie e posateria purché iscritte nel libro dei cespiti ammortizzabili), nuovi di fabbrica; e. Acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dellʼimpresa, ivi compresi gli applicativi per la statistica e il collegamento con i sistemi regionali di tele/informazione e tele/ prenotazione e la gestione e la sicurezza delle transazioni economiche su reti telematiche f. Trasferimenti di tecnologia mediante lʼacquisto di diritti di produttive e gestionali dellʼimpresa; g. Spese di dellʼinvestimento. studio e progettazione brevetto e licenze, connessi alle esigenze ingegneristica e di direzione lavori nei limiti del 5% In caso di acquisto di un immobile, sono ammissibili esclusivamente i costi di acquisto da terzi, purché la transazione sia avvenuta a condizioni di mercato. 9

10 5. FORME DI CONTRIBUZIONE Contributo in conto impianti 35% dellʼinvestimento per le medie imprese; 45% dellʼinvestimento per le piccole imprese. Gli aiuti sono cumulabili con gli aiuti de minimis. Strutture Connesse, di cui allʼart. 11 comma 1 lettera k) del Reg. regionale, non può essere inferiore al 40% del costo dellʼintero programma di investimenti. La percentuale di costi per investimenti in 10

11 6. MODALITÀ DI AMMISSIONE ED EROGAZIONE La procedura per la concessione delle agevolazioni prevede le seguenti fasi: a) accesso; b) presentazione progetto definitivo; istruttoria della proposta; d) concessione delle agevolazioni; e) attuazione del progetto. c) I progetti di investimento iniziale devono essere avviati successivamente alla comunicazione del superamento della fase di accesso. 11

12 avv. Fabio Sciannameo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

REGIONE PUGLIA - Aiuti alle imprese per Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Turismo Nota informativa

REGIONE PUGLIA - Aiuti alle imprese per Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Turismo Nota informativa BENEFICIARI REGIONE PUGLIA - Aiuti alle imprese per Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Turismo Nota informativa Possono accedere alle agevolazioni le imprese già costituite, in forma singola o associata:

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

X X X x x x x x X X X x x x x x X x x X X X x x x x x x X x x x x x X x x x X X x x x x x X X X x x x x

X X X x x x x x X X X x x x x x X x x X X X x x x x x x X x x x x x X x x x X X x x x x x X X X x x x x CATEGORIE BANDI LAVORO AUTONOMO MICROIMPRESA FRANCHISING AUTOIMPRENDITORIALITà START UP LEGGE 181/89 TITOLO II ORDINARIO TITOLO II TURISMO PIA TURISMO CONTRATTI DI SVILUPPO START UP IMPRESE INNOVATIVE

Dettagli

Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015. Centro Finanza Agevolata

Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015. Centro Finanza Agevolata Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015 Centro Finanza Agevolata GRIGLIA DELLE OPPORTUNITA CATEGORIA MISURE DISPONIBILI Start Up Prestito d onore Microimpresa NIDI Smart & Start Impresa operativa

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 Azioni congiunte di tutela, sviluppo sostenibile e promozione imprenditoriale del sistema della Rete Ecologica Siciliana Premessa

Dettagli

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Obiettivi La politica di aiuti alle imprese è finalizzata a sostenere,

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Delegato Giunta UNGDCEC Diego La Vecchia Presidente Giuseppe Arleo Segretario Rossana Giacalone Membri di Commissione: Emiliano Capano Alessandro Caronti Silvia

Dettagli

!! "" # $ %! " & & ' # $ ( ' (&! ' % & % # $ % " "" $! ( % ) & ""&! '! # && *(!! '! & ( $! '!! $ % # $ %

!!  # $ %!  & & ' # $ ( ' (&! ' % & % # $ %   $! ( % ) & &! '! # && *(!! '! & ( $! '!! $ % # $ % !! "" #$%! "&&'#$( '(&!' %& %#$% """$!( %)& ""&!'!#&&*(!!'!&( $!'!!$ %#$% DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE OBIETTIVO 2 2000-2006 2006 " % +,-./001%&+23 4' %%% 5& #$ $'6 ASSE 1 4 76 +23 88 +23 78! 7 #

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALL OTTENIMENTO DEL MARCHIO ECOLABEL EUROPEO

CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALL OTTENIMENTO DEL MARCHIO ECOLABEL EUROPEO PO FESR Sardegna 2007 2013 Competitività regionale e occupazione Asse IV. Ambiente, Attrattività Naturale, Culturale e Turismo Linea di attività 4.2.2.a CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI

Dettagli

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE Informativa Soggetti beneficiari: 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI CAMPANE Misura Start up

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI CAMPANE Misura Start up Mario Porcaro Claudio Zollo Michele Grosso Andrea Porcaro Francesco Porcaro Laura Paglia Nicola Intorcia Marco De Iapinis Fabio Cassero Claudia Castaldo Francesca Chiappa revisore legale 1 Fabrizia De

Dettagli

REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO ****************************************************** P.O.

REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO ****************************************************** P.O. REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO ****************************************************** P.O. FESR 2007/2013 Bando pubblico per l attivazione, la riqualificazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue:

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue: 1) Il dott************chiede quanto segue: a) tra le spese finanziabili sono ricomprese anche le opere murarie di ammodernamento (rifacimento bagni, camere ed esterni dell' albergo, residence e bungalow)?

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PON Reti e Mobilità Obiettivo Convergenza 2007 2013 Linea di Intervento I.4.1. Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione

Dettagli

20/10/2015 Esaurimento fondi

20/10/2015 Esaurimento fondi QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Bando Microcredito FSE 2015 Finanziamento Agevolato a tasso 0 max 25.000

Dettagli

modifica l'accesso alle agevolazioni per le imprese.

modifica l'accesso alle agevolazioni per le imprese. Con la pubblicazione del BURP n. 194 suppl. del 30-12-2010, è stato emanato un regolamento che modifica l'accesso alle agevolazioni per le imprese. In particolare: - per gli investimenti sul Titolo II,

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

Soggetti beneficiari. Possono essere presentate da microimprese e da imprese di piccola dimensione:

Soggetti beneficiari. Possono essere presentate da microimprese e da imprese di piccola dimensione: PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea di Intervento 6.1. Azione 6.1.4 "Aiuti ai programmi di investimento promossi da Micro e Piccole Imprese" TITOLO II sino al 31-12-2013. Finalità Agevolare progetti di investimento

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I (con Regolamento n. 28 del 30 dicembre 2013) Requisiti soggettivi Microimprese

Dettagli

commercio elettronico:

commercio elettronico: commercio elettronico: incentivi alle imprese per lo sviluppo dei siti aziendali edizione 2008 La Regione stimola la crescita e l internazionalizzazione delle imprese promuovendo innovazione e utilizzo

Dettagli

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE regione LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E DEL LAVORO LE NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO E DI AUTOIMPRENDITORIALITÀ NUOVA POLITICA INDUSTRIALE REGIONALE HI-TECH INNOVAZIONE FILIERE MANIFATTURIERO Strategia

Dettagli

Le misure/leggi descritte nella presente release hanno un carattere puramente informativo.

Le misure/leggi descritte nella presente release hanno un carattere puramente informativo. Le misure/leggi descritte nella presente release hanno un carattere puramente informativo. Il portale del Comune pur fornendo i dati e le informazioni rappresentati nella presente release, con precisione

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009 7371 REGIONE PUGLIA Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n. 1 del 19 gennaio 2009 (in attuazione del Regolamento (CE) 800/2008 del 06.08.2008) Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI 1. Microimprese

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE - TITOLO II REGION Martedì 11 Febbraio 2014 15:27

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE - TITOLO II REGION Martedì 11 Febbraio 2014 15:27 CHE COSA E E un bando che rientra nella nuova programmazione regionale per l accesso alle agevolazioni e che finanzia attività nel settore ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA, COMPRESA LA RISTORAZIONE. A

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI 1 ALLEGATO A DEFINIZIONI Si intendono per: a) microimpresa, piccola impresa e media impresa : le PMI rispondenti alle definizioni di cui al Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18/04/2005,

Dettagli

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente Parte I PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente - Nome e forma giuridica - sede legale 1 - sede operativa 1 - sede corrispondenza - rappresentante legale - Codice Fiscale - numero di iscrizione

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto

Dettagli

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI OBIETTIVO SPECIFICO CREAZIONE DI IMPRESA GIOVANILE SETTORE MANIFATTURIERO,

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

AVVISO PUBBLICO pubblicato il 24.1.2014

AVVISO PUBBLICO pubblicato il 24.1.2014 AVVISO PUBBLICO pubblicato il 24.1.2014 PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE (PISL) Fase II LINEA DI INTERVENTO 5.3.2.3 Azioni per la qualificazione, il potenziamento e l innovazione dei sistemi di ospitalità

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro); 2. imprese

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI

SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI AVVISO AI SENSI DEL ROGOLAMENTO REGIONALE N. 25 DEL 21.11.2008 PUBBLICATO SUL B.U.R.P. N. 182 DEL 25.11.2008

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI Microimprese:

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti nazionali e l

Dettagli

Riattivazione di una struttura alberghiera con la 488 Turismo

Riattivazione di una struttura alberghiera con la 488 Turismo Il caso pratico 51 di Tommaso Castaldo - Responsabile del servizio «legge 488/92» - Creditalia Sviluppo Impresa S.p.A.. - Società specializzata in finanziamenti agevolati (www.creditalia.it) Programmi

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione

Titolo. Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Ricerca e Competitività Titolo Aiuti alle medie imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione Settori

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008 Agli Enti Locali, alle Parti Economiche e Sociali aderenti all IPA Ai Comuni del GAL. Comunicazione a mezzo e-mail Solighetto, 16 marzo 2011 Oggetto: IPA- INFORMA N. 2 del 16 marzo 2011 Si trasmette il

Dettagli

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE RISERVATO AL

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali

Nota informativa. REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali Nota informativa REGIONE PUGLIA - Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese attraverso Contratti di Programma Regionali BENEFICIARI a) Imprese di grandi dimensioni (imprese che occupano

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando)

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10 milioni

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 Marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Delegato Giunta UNGDCEC Diego La Vecchia Presidente Giuseppe Arleo Segretario Rossana Giacalone Membri di Commissione: Alessandro Caronti Filippo d'amico Sebastiano

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007-2013 POR CALABRIA FSE 2007-2013 PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE MIGLIORAMENTO E AMPLIAMENTO STRUTTURE RICETTIVE ESISTENTI

POR CALABRIA FESR 2007-2013 POR CALABRIA FSE 2007-2013 PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE MIGLIORAMENTO E AMPLIAMENTO STRUTTURE RICETTIVE ESISTENTI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Dipartimento 12 Turismo, Beni Culturali, Sport e Spettacolo, Politiche Giovanili POR CALABRIA FESR 2007-2013 POR CALABRIA FSE 2007-2013 PACCHETTI INTEGRATI

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese

Nota informativa. REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese Nota informativa REGIONE PUGLIA -Aiuti ai Programmi Integrati di Agevolazione PIA promossi da Piccole Imprese BENEFICIARI a) Imprese di piccole dimensioni (imprese che occupano meno di 50 dipendenti e

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI

SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI Ufficio I CARE e Risorse Comunitarie Comune di Gualdo Tadino SINTESI DELL ACCORDO DIPROGRAMMA PER L EX-MERLONI 1) Le misure agevolative gestite da Invitalia 2) Le misure agevolative gestite da Sviluppumbria

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 Capitali per lo sviluppo industriale, commerciale e turistico in Italia Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per grandi progetti di investimento Il Contratto

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE TURISTICO Legge Regionale n. 33/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE TURISTICO Legge Regionale n. 33/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE TURISTICO Legge Regionale n. 33/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 898 del 21 giugno 2011 (BUR n. 49 dell 8 luglio 2011) DGR n. 117 del 31 gennaio 2012 (BUR n. 13 del

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura o nuove modifiche) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti

Dettagli

Newsletter 28/03/2013

Newsletter 28/03/2013 Newsletter 28/03/2013 Finanza Agevolata Bandi Nazionali CONTRIBUTO DEL 50% A FONDO PERDUTO PER L'AVVIO DI DITTE INDIVIDUALI FINO AD UN MASSIMALE DI 25.000 EURO + IVA Fondo per l'auto impiego costituito

Dettagli

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 ALLEGATO 2 AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 Beneficiari Enti locali, soggetti pubblici, società o fondazioni immobiliari a prevalente capitale pubblico che

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Bollettino n 1/2015 (Informazioni sui Finanziamenti pubblici)

Bollettino n 1/2015 (Informazioni sui Finanziamenti pubblici) Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Lecce Bollettino n 1/2015 (Informazioni sui Finanziamenti pubblici) A cura della Commissione per lo studio dei Fondi Pubblici Organi istituzionali

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER FINALITÀ La misura agevola interventi innovativi finalizzati al miglioramento del sistema infrastrutturale, gestionale

Dettagli

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti.

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti. PIA FILIERA ENERGIA Insediamento di linee di produzione di sistemi e componenti nel campo dell efficienza energetica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili POR FESR 2007-2013 Asse I Asse III Regione

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

2.2.2 Articolazione e descrizione delle misure

2.2.2 Articolazione e descrizione delle misure 2.2.2 Articolazione e descrizione delle misure ASSE 1 SVILUPPO E RAFFORZAMENTO DEL SISTEMAPRODUTTIVO Misura 1.1 Sostegno allo sviluppo imprenditoriale Misura 1.2 Aiuti agli investimenti produttivi Misura

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Finanziamenti in atto per le Imprese con. sede nella Regione Friuli Venezia Giulia

Finanziamenti in atto per le Imprese con. sede nella Regione Friuli Venezia Giulia Codroipo, lì 12 marzo 2014 Prot. 1814LM Finanziamenti in atto per le Imprese con sede nella Regione Friuli Venezia Giulia Introduzione Cercando di fornire ai nostri spettabili Clienti delle informazioni

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative.

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative. POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative. Cognome e Nome Funzione Numero telefono Indirizzo e-mail Sintesi

Dettagli

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti Allegato 2 Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti A. L impresa e i suoi protagonisti * Presentazione dell impresa (forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese Paola Casagrande Responsabile Settore Offerta Turistica Regione

Dettagli