Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico"

Transcript

1 Acqua 2.0 Tutela e valorizzione del patrimonio idrico Riparte la civilizzazione del Paese Strumenti finanziari per rilanciare gli investimenti per il settore idrico Alfredo Macchiati Roma, 27 marzo 2014

2 La Cassa conguaglio per il settore elettrico (CCSE) è un ente pubblico non economico che opera nei settori dell elettrico, del gas e dell'idrico, sottoposto alla vigilanza dell AEEGSI e del MEF La Cassa svolge l attività di incasso di componenti tariffarie, sovrapprezzi e quote di prezzo pagate dai clienti dei settori energetici CCSE provvede alla gestione finanziaria dei fondi incassati ed alle conseguenti erogazioni di contributi a favore degli operatori del settore CCSE, inoltre, svolge, nei confronti dei soggetti amministrati, attività ispettive 2

3 Le attività della CCSE Amministrative e Contabili Riscossione componenti tariffarie Erogazione contributi Recupero crediti Attività Ispettiva Recuperi CIP 6/92 Supporto alla Regolazione Perequazione generale Regimi tariffari speciali Integrazioni tariffarie IEM Compensazioni sisma settore idrico Clienti energivori Market coupling Servizi per il Consumatore Bonus Gas ed Elettrico Progetti consumatori Perequazione Specifica Aziendale (PSA) Regime Individuale gas (RIG) Efficienza energetica Ricerca di Sistema Lo sfondo più scuro indica le attività svolte parzialmente in outsourcing 3

4 Le attività di Cassa nell idrico OGGI Compensazioni terremoto maggio 2012 POSSIBILI SVILUPPI Perequazione Bonus sociale idrico Fondo di garanzia delle opere idriche Recupero partite pregresse e conguagli tariffari 4

5 Fabbisogno investimenti nel SII 65 miliardi di euro nei prossimi 30 anni Solo il 9,1% si stima possa essere soddisfatto da investimenti pubblici Impossibilità di finanziare gli interventi necessari solo con la tariffa Settore poco attrattivo per gli investitori privati (scarsa redditività, incertezza quadro normativo) 5

6 Strumenti finanziari innovativi Strumenti di copertura del rischio o di aumento del credito delle imprese, finalizzati a creare condizioni favorevoli ad attrarre la finanza privata nel settore, ovvero concentrare gli interventi di finanza pubblica in favore di strumenti in grado di intercettare investimenti privati Fondo di garanzia opere idriche Meccanismo di recupero dei conguagli tariffari 6

7 Valore residuo nei casi di subentro Il disallineamento tra la durata delle concessioni e il periodo di ammortamento degli investimenti realizzati dal gestore determina a fine concessione, nei casi di subentro, la necessità di riconoscere al gestore uscente il valore residuo dei cespiti non ancora ammortizzati Condizione sfavorevole alla sostenibilità finanziaria degli investimenti e alla bancabilità degli interventi infrastrutturare nel settore, specie nell approssimarsi della scadenza dell affidamento Intervento di una garanzia che fornisca adeguata copertura assicurativa rispetto al valore immobilizzato del gestore uscente 7

8 Fondo di garanzia opere idriche «A decorrere dal 2014 è istituito presso la Cassa conguaglio per il settore elettrico [ ] un Fondo di garanzia per gli interventi finalizzati al potenziamento delle infrastrutture idriche in tutto il territorio nazionale. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri [ ] sono definiti gli interventi prioritari, i criteri e le modalità di utlizzazione del Fondo, privilegiando l uso del Fondo per interventi già pianificati e immediatamente cantierabili. Il Fondo è alimentato tramite una specifica componente della tariffa del servizio idrico integrato» Art. 24 DDL "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)" 8

9 Caratteristiche del Fondo Assicurazione a copertura dei casi di situazioni patologiche in cui il gestore uscente non riesca a recuperare in tempi rapidi l intero ammontare del valore residuo dei cespiti non ammortizzati alla scadenza della concessione Meccanismo assicurativo fortemente correlato con l attività regolatoria dell AEEGSI (prescrizioni sul contenuto del Piano d Ambito, definizione dei contenuti della convenzione tipo, garanzia dell equilibrio economicofinanziario della gestione) Chiari dispositivi regolatori, fissati dall AEEGSI, che agiscano ex-ante (definiscano delle regole di accesso alle garanzie del fondo) ed ex-post (contenimento delle perdite e ricostituzione dello stock) 9

10 Questioni aperte Soggetto da assicurare: solo nuovo concessionario? Mitigazione del rischio per chi assicura: ridurre le probabilità di perdite; aumentare la rapidità di ricostituzione dei capitali escussi dal fondo. Alimentazione del fondo solo attraverso una componente tariffaria o previsione di un premio dovuto dal gestore per l adesione al meccanismo? 10

11 Interventi complementari per un efficace funzionamento del Fondo Definizione convenzioni tipo Previsione di stringenti poteri sostitutivi in caso di inerzia degli enti competenti all affidamento Estensione della durata delle concessioni Revisione della funzione del Piano d Ambito e allineamento del PEF alla durata delle concessioni 11

12 Le partite pregresse e i conguagli tariffari Per molti gestori esistono, a causa di inadeguati aggiornamenti tariffari, ingenti partite pregresse da recuperare, anche risalenti a periodi lontani Inoltre, contrazioni dei volumi (rispetto all anno di riferimento con cui è costruita la tariffa), aumenti di voci di costo (non intercettate al momento dell aggiornamento tariffario) e limiti previsti ai ricavi riconosciuti al gestore determinano ulteriori partite da recuperare a conguaglio nella tariffa, col criterio n+2 (MTI) 12

13 Il recupero delle partite pregresse Il recupero delle partite pregresse e dei conguagli tariffari per i gestori, specie se di ammontare rilevante, risulta fortemente condizionato dall impossibilità di aumenti tariffari che siano sostenibili Periodi di recupero lunghi distraggano risorse finanziare che potrebbero essere destinate per gli investimenti e lo stock di debito aggrava le condizioni di accesso al credito Progettazione di meccanismi di recupero che, coinvolgendo Cassa, possano, sia rendere più liquidi i crediti, sia innalzare il livello di credito dei gestori presso potenziali finanziatori 13

14 Partite pregresse e conguagli tariffari: possibili meccanismi di recupero I Componente tariffaria applicata agli utenti finali, versata alla CCSE e trasferita, con ciclicità definita, al gestore. Il gestore diventare creditore, per i conguagli dovuti, nei confronti della CCSE la quale, assicurando un flusso finanziario certo e costante in favore del gestore, aumenta la certezza di recupero del credito e la sua spendibilità presso potenziali finanziatori. II La CCSE trasferisce al gestore risorse a copertura delle partite pregresse e dei conguagli tariffari spettanti anche in misura superiore al gettito proveniente da una componente tariffaria appositamente istituita, al fine di accelerare il recupero dei conguagli, con possibilità, quindi, di anticipazioni finanziarie da parte di Cassa 14

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli

Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni della riforma Galli Seconda Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità Energia Elettrica e Gas Qualità, investimenti e sostenibilità finanziaria: un equilibrio da trovare nella regolazione a vent anni

Dettagli

Piano strategico triennale 2014-2016. Sommario

Piano strategico triennale 2014-2016. Sommario Piano Strategico Triennale 2014-2016 2016 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Contesto interno ed esterno... 3 2.1 Chi siamo... 3 2.2 Il contesto esterno... 4 3. Azioni strategiche e progetti... 6 3.1 Sviluppo

Dettagli

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I.

LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI D INVESTIMENTO NEL SETTORE S.I.I. 17 Aprile 2015 pag. 1 Track Record MPSCS nel Settore SII AATO Ombrone Bridge to Project 105 mln AATO Alto Valdarno Total Senior Financing 70

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Incontro Confindustria

Incontro Confindustria 13 Novembre 2013 Incontro Confindustria Energivori DM 5 Aprile 2013 Indice La storia e il presente della CCSE Cassa ed energivori : cosa è stato fatto Criticità ricorrenti Navigazione della piattaforma

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici

III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici Autorità per l energia elettrica, il gas ed il sistema idrico III Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici AUDIZIONE DI FEDERUTILITY Milano, 24 novembre 2014 Dopo due decenni caratterizzati

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

INFORMATIVA SULLE PARTI CORRELATE

INFORMATIVA SULLE PARTI CORRELATE previsto dall articolo 6 della delibera 585/2012, si segnala che la Conferenza Territoriale, riunitasi il 19 aprile 2013, ha deciso di non approvare le proposte tariffarie 2012 e 2013 rinviando le decisioni

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 13/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL UFFICIO D AMBITO DI COMO L AUTORITÀ

Dettagli

Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per facilitare l'accesso al credito

Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per facilitare l'accesso al credito settembre 2014 laboratorio Fondo di Garanzia per le Opere Idriche: uno strumento per Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Le opere del servizio idrico sono beni demaniali che non possono essere

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia»

WATER FUTURE. «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» WATER FUTURE Conferenza internazionale «Le prospettive per i servizi idrici in Italia» Adolfo Spaziani, Federutility Il quadro normativo ambientale in Italia Il quadro normativo italiano in ambito ambientale,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Il ruolo della CCSE nella Ricerca di Sistema elettrico

Il ruolo della CCSE nella Ricerca di Sistema elettrico Il ruolo della CCSE nella Ricerca di Sistema elettrico Avv.Roberto Poppi Responsabile della Segreteria Operativa Cassa conguaglio per il settore elettrico 28/11/2012 Cassa conguaglio per il settore elettrico

Dettagli

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL - Direttore Scientifico IFEL Torino, 20 febbraio 2012 Attualmente il contributo dei singoli comparti della PA alla manovra è calcolato in base al criterio del peso di ognuno in relazione alla spesa totale

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana Autorità Idrica Toscana Osservazioni e proposte al documento 290/2012/R/IDR Consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti tariffari in materia di servizi idrici IL METODO TARIFFARIO TRANSITORIO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 17 LUGLIO 2014 349/2014/R/IDR APPROVAZIONE DEGLI SPECIFICI SCHEMI REGOLATORI, RECANTI LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTI DAL CONSIGLIO DI BACINO VERONESE L AUTORITÀ

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 APRILE 2015 189/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL ENTE D AMBITO AQUILANO L AUTORITÀ

Dettagli

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL)

COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) COMPARAZIONE ARTICOLI (CDL) VERSIONE ORIGINALE ART. 3 DECORRENZA E DURATA DELLA CONVENZIONE 2. Al termine di cui al precedente c.1, la presente Convenzione si intende risolta a tutti gli effetti, senza

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 12 FEBBRAIO 2015 50/2015/R/IDR APPROVAZIONE DELLO SPECIFICO SCHEMA REGOLATORIO, RECANTE LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTO DALL ATO 3 PELIGNO ALTO SANGRO L AUTORITÀ

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

regolazione e investimenti

regolazione e investimenti La Regolazione: quali strumenti per incentivare lo sviluppo del servizio idrico regolazione e investimenti Claudio Cosentino L Aquila, ottobre 2013 Quanto si investe nei servizi idrici? Nel 2011: 1,6 miliardi

Dettagli

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011

QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE ANNO 2011 Consiglio di Bacino dell Ambito Bacchiglione Sede legale: via Palladio, 128 fraz. Novoledo 36030 Villaverla (VI) Sede operativa: Corso Stati Uniti, 14/D 35127 PADOVA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AI SENSI

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative?

I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? I finanziamenti necessari nel settore idrico: possono esserci soluzioni innovative? Valentina Menin Consultant Forlì 12 aprile 2013 Agenda Le criticità del settore idrico Meccanismi tariffari volti ad

Dettagli

Deliberazione 643/2013/R/IDR

Deliberazione 643/2013/R/IDR Deliberazione 643/2013/R/IDR Prime analisi e considerazioni metodologiche ed operative ASPETTI GENERALI IL METODO TARIFFARIO IDRICO 1 Come è strutturata la Delibera 643/2013/R/IDR? DELIBERA (9 articoli)

Dettagli

VENDITA DISTRIBUZIONE

VENDITA DISTRIBUZIONE UTENTI FINALI Libero mercato VENDITA.. Concessione DISTRIBUZIONE Monopolio TRASPORTO In Provincia di Torino attualmente operano 15 distributori di gas su 264 comuni. Italgasè il principale distributore

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

La nuova regolazione del servizio idrico

La nuova regolazione del servizio idrico La nuova regolazione del servizio idrico Il nuovo metodo tariffario transitorio Egidio Fedele Dell Oste Uff. Speciale Tariffe e Qualità dei Servizi Idrici Autorità per l energia elettrica e il gas Geneva,

Dettagli

Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze

Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi certezze luglio 2014 Valore residuo delle opere del servizio idrico: cercasi Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract La certezza sul valore residuo delle infrastrutture del servizio idrico e sulle sue modalità

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

L assetto gestionale e la razionalizzazione delle aziende. Alessandro Petretto Convegno ANEA Roma, 15 maggio 2015

L assetto gestionale e la razionalizzazione delle aziende. Alessandro Petretto Convegno ANEA Roma, 15 maggio 2015 L assetto gestionale e la razionalizzazione delle aziende partecipate Alessandro Petretto Convegno ANEA Roma, 15 maggio 2015 Outlinedell intervento Le determinanti delle performance aziendali secondo gli

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.01.02 ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 50 Snam Relazione Finanziaria Annuale 2011 / Distribuzione di gas naturale Principali indicatori di performance (milioni di ) 2009 (*) 2010 2011 Var.ass. Var.% Ricavi della

Dettagli

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Roma, 22 gennaio 2015 Ufficio Crediti cr@abi.it Esiti della Terza Rilevazione ABI-ABI LAB Osservatorio "Banche e Green Economy"

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico

Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico Chiarimenti Metodo Tariffario Idrico Deliberazione 643/2013/R/IDR Documento congiunto ANEA FederUtility Seminario di approfondimento 26 Febbraio 2014 Roma 1 Perché i chiarimenti? Frutto della collaborazione

Dettagli

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011

La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici. Roma, 14 dicembre 2011 La regolazione tariffaria degli investimenti nei servizi pubblici Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici Roma, 14 dicembre 2011 La finanziabilità dei Piani nel servizio idrico Ovvero,

Dettagli

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle "leve" investimenti e organizzazione;

5.1 Strategia. - una congrua qualità del servizio offerto ai clienti e ai cittadini, grazie alle leve investimenti e organizzazione; 5.1 Strategia Il piano economico-finanziario è la traduzione in termini monetari di scelte gestionali di varia natura (tecniche, organizzative, ecc.), ma non per questo esso è privo di propri indirizzi

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa

Cassa depositi e prestiti spa FORUM BANCHE PA 2010 Sessione Parallela C2 Partenariato Pubblico Privato Intervento di Cristiano Cannarsa Responsabile Direzione Imprese CDP - Roma, 19 febbraio 2010 - www.cassaddpp.it 1 La normativa nelle

Dettagli

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione Commenti e proposte Anigas Milano, 28 giugno 2013 1 Premessa

Dettagli

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012 Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito Uno sforzo comune per un servizio migliore 04 Dicembre 2012 Focus Quadro normativo Procedura di gara Preparazione Svolgimento

Dettagli

MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I

MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I MEMORIA 11 DICEMBRE 2014 604/2014/I DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE PER PROMUOVERE MISURE DI GREEN ECONOMY E PER IL CONTENIMENTO DELL USO ECCESSIVO DI RISORSE NATURALI (AS 1676)

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 12/2015/R/IDR APPROVAZIONE DEGLI SPECIFICI SCHEMI REGOLATORI, RECANTI LE PREDISPOSIZIONI TARIFFARIE PER GLI ANNI 2014 E 2015, PROPOSTI DAL CONSIGLIO DI BACINO LAGUNA DI VENEZIA

Dettagli

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri

Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri La distribuzione del gas: gli ATEM e le gare per gli affidamenti Modifiche al D.M. 12 novembre 2011, n. 226 Regolamento Criteri Bologna, 22 ottobre 2014 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Direzione Generale

Dettagli

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Senato Commissioni riunite 10ª (Industria, commercio, turismo) - 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Roma,

Dettagli

Metodi tariffari a confronto

Metodi tariffari a confronto Energia Elettrica Gas - Acqua APPUNTI DI REGOLAZIONE TARIFFARIA Energia Elettrica Gas Acqua Giorgia Ronco 1 Giugno 2012 Energia Elettrica Gas - Acqua Informazioni sull autrice: Giorgia Ronco, dott. ing.

Dettagli

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO

PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO PROGETTO PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI AMBITO Piano Economico Finanziario Novembre 2010 1. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1.1 INTRODUZIONE Il presente piano presenta il dettaglio della programmazione del

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 675/2014/R/COM AGGIORNAMENTO, DAL 1 GENNAIO 2015, DELLE COMPONENTI TARIFFARIE DESTINATE ALLA COPERTURA DEGLI ONERI GENERALI E DI ULTERIORI COMPONENTI DEL SETTORE ELETTRICO

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici

La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM. I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici La distribuzione del gas naturale nel nuovo assetto normativo: i comuni verso gli ATEM I principali fattori di cambiamento: gli elementi economici Ing. Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni utili per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Milano, 12 febbraio 2015 Indice Le voci della bolletta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE AL BILANCIO D ESERCIZIO 2014

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE AL BILANCIO D ESERCIZIO 2014 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE AL BILANCIO D ESERCIZIO 2014 Gentili Soci, con la presente Relazione al Bilancio di Esercizio 2014 si intende riassumere le attività poste in essere nel corso dell anno

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Il servizio idrico e relativi scenari

Il servizio idrico e relativi scenari Il servizio idrico e relativi scenari Milano, 26 Novembre 2013 Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab SPESA MEDIA ANNUA (rapporto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il

Dettagli

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015

Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Piano Programma delle attività per l anno 2015 con Bilancio economico di previsione anno 2015 Con la legge regionale 27 dicembre 2010 n. 21 Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 (Disciplina

Dettagli

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO

CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO CAPITOLO 1. OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO TOSCANO 1.1 PREMESSA La Legge n. 36 del 1994, cosiddetta Legge Galli, fu promulgata a fronte della necessità di dare in Italia risposte ai problemi

Dettagli

- per le imprese distributrici di energia elettrica: file distributori ELETTRICO ;

- per le imprese distributrici di energia elettrica: file distributori ELETTRICO ; Allegato A Allegato A PROCEDURA PER IL RICONOSCIMENTO DELLE COMPENSAZIONI DI CUI AGLI ARTICOLI 6 E 12 E PROCEDURA PER L OTTENIMENTO DELLE ANTICIPAZIONI BIMESTRALI PREVISTE AI COMMI 6.2 E 12.2 DELLA DELIBERAZIONE

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 IL CONTESTO FINANZIARIO 1 LA MANOVRA DEL COMPARTO COMUNALE ANNI 2007-2014 Valori in milioni di euro Totale Cumulato 2007-2014 Manovra di cui: 16.177 L obiettivo

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas I Comuni e le gare d ambito per la concessione delle reti gas Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas Milano, 6 giugno 2013 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6.1 Le ipotesi alla base del Piano economico-finanziario Il Piano economico-finanziario risponde a due esigenze fondamentali: - completare il processo di pianificazione

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA

Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA 1. PREMESSA Con il presente documento, la Cassa Conguaglio per il Settore

Dettagli

g. Oneri ed impegni finanziari stimati e stanziati in bilancio, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati.

g. Oneri ed impegni finanziari stimati e stanziati in bilancio, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati. COMUNE DI CHIARAVALLE (Provincia di Ancona) Allegato 26 al bilancio di previsione pluriennale 2015-2017 Nota integrativa allegata al progetto di bilancio di previsione pluriennale 2015-2017 approvato dalla

Dettagli

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese Sblocca Italia I mille cantieri per far ripartire il Paese 1. Grandi cantieri sbloccati Grandi opere ferme e già finanziate, individuate secondo priorità strategiche e rimuovendo gli ostacoli burocratici

Dettagli

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali Avv. Stefano Sorrentino Indice Parte 1 Opportunità: I Provvedimenti del Governo Monti Parte 2 Strumenti: - Concessione

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri

SPALMA INCENTIVI FV. Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014. Presentazione a cura di: Raul Ruggeri SPALMA INCENTIVI FV Gli effetti del D.Lgs. 91/2014 L. 116/2014 Presentazione a cura di: Raul Ruggeri DISPOSITIVO 1/2 Art. 23 Riduzione delle bollette elettriche a favore dei clienti forniti in media e

Dettagli

144 Glossario. Glossario

144 Glossario. Glossario 144 Glossario Glossario Glossario 145 Il glossario dei termini finanziari, commerciali, tecnici e delle unità di misura è consultabile sul sito internet www.snam.it. Di seguito sono indicati quelli di

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Trento, 2 ottobre 2015 Indice Le voci della bolletta elettrica

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE MANIFATTURIERE A FORTE CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA

LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE MANIFATTURIERE A FORTE CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE MANIFATTURIERE A FORTE CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione Roma Milano, Confindustria

Dettagli

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Note e contributi ISSN 2464-9139 Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Claudia Ferretti e Patrizia Lattarulo IRPET N. 7 - Dicembre 2015 1. L esenzione dell abitazione principale dalla

Dettagli

Servizio idrico integrato: i prossimi passi della regolazione

Servizio idrico integrato: i prossimi passi della regolazione marzo 2015 Laboratorio Servizi Pubblici Locali Abstract Alla vigilia dell'avvio del nuovo periodo regolatorio nel servizio idrico, AEEGSI espone le linee strategiche di intervento che faranno da filo conduttore

Dettagli

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti:

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti: DELIBERAZIONE 30 giugno 2009. Aggiornamento per il trimestre luglio-settembre 2009 delle componenti tariffarie destinate alla copertura degli oneri generali e di ulteriori componenti del settore elettrico

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Definizione, in attuazione di quanto previsto dall articolo 4, comma 1, della deliberazione 26 settembre 2013, 405/2013/R/com, delle modalità e tempistiche delle dichiarazioni

Dettagli

STATI GENERALI ACQUE PULITE Martedì 24 marzo 2015. Tavola rotonda Politica e finanziamenti: fare investimenti o pagare le sanzioni?

STATI GENERALI ACQUE PULITE Martedì 24 marzo 2015. Tavola rotonda Politica e finanziamenti: fare investimenti o pagare le sanzioni? STATI GENERALI ACQUE PULITE Martedì 24 marzo 2015 Tavola rotonda Politica e finanziamenti: fare investimenti o pagare le sanzioni? Relazione presentata dal Presidente Franco Bassanini SOMMARIO Executive

Dettagli

Autorità di Ambito Territoriale Ottimale RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL A.A.T.O.N.2 MARCHE CENTRO ANCONA

Autorità di Ambito Territoriale Ottimale RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL A.A.T.O.N.2 MARCHE CENTRO ANCONA Autorità di Ambito Territoriale Ottimale RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL A.A.T.O.N.2 MARCHE CENTRO ANCONA Autorità di Ambito Territoriale Ottimale RELAZIONE ANNUALE SULLO

Dettagli

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030)

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030) Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti (periodo 2011-2030) 1. IPOTESI DI BASE Per effettuare un analisi di scenario legata al fabbisogno finanziario degli investimenti, sono state

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Roma, 11 giugno 2013 Scenario AMMONTARE DEI DEBITI DELLA PA: 90 miliardi (stima Banca d Italia) TEMPI DI PAGAMENTO PA: 180

Dettagli

EGIDIO FEDELE DELL OSTE

EGIDIO FEDELE DELL OSTE ACQUA Il nuovo Metodo Tariffario per i servizi idrici EGIDIO FEDELE DELL OSTE Autorità per l energia elettrica e il gas Uff. Speciale Tariffe e Qualità dei Servizi Idrici Napoli, 4 ottobre 2012 Autorità

Dettagli

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 2 MARCHE CENTRO ANCONA

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 2 MARCHE CENTRO ANCONA AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 2 MARCHE CENTRO ANCONA RENDICONTO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE CONTO DEL BILANCIO CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO INTRODUZIONE L'ordinamento

Dettagli