Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo. Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016"

Transcript

1 Il futuro della IeFP: verso la costruzione di un sistema duale lombardo Brunella Reverberi UO Sistema Educativo e Diritto allo Studio 6 maggio 2016

2 Nuovi scenari per la piena occupazione Evoluzione del mercato del lavoro : rischi e opportunità La ricerca «The future of jobs and skills» (WEF) si basa sulle indicazioni di 350 tra le principali aziende mondiali in 15 tra i maggiori Paesi del mondo (fra cui UK, USA, India,Cina). Nei prossimi 5 anni l evoluzione del lavoro è dovuta a : Fattori tecnologici (Industria 4.0); Fattori demografici e socio-economici -7 milioni di posti di lavoro in ambito Manifatturiero, Amministrazione e Produzione +2 milioni di nuovi posti di lavoro in Management, ICT, Operations -5 milioni di posti di lavoro persi a livello globale. Gli impieghi del FUTURO (STEM) Science (scienze naturali) Technology (tecnologia) Engineering (informatica) Mathematics (matematica)

3 Qual è il modello vincente per rispondere alle sfide future? A scuola si apprendono le competenze per essere competitivi nel mercato del lavoro SISTEMA DUALE BASATO SULL INTEGRAZIONE FRA SISTEMA EDUCATIVO E MONDO DEL LAVORO Le aziende diventano il luogo dove apprendere skills nei settori d avanguardia e progettare il futuro L alleanza tra Istituzioni formative e mondo della produzione è un sistema win-win

4 Alleanza forte tra il sistema educativo e le imprese Su cosa punta Regione Lombardia: 1. facilitare la transizione dalla scuola al lavoro con un ruolo attivo delle istituzioni scolastiche e formative 2. favorire collaborazioni stabili tra sistema educativo e quello delle imprese e potenziare l apprendistato formativo in tutte le sue forme 3. rafforzare e sostenere economicamente il sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) e la sua evoluzione verso un modello duale 4. rilanciare l istruzione tecnica superiore, centrata su una interlocuzione sistematica tra teoria e pratica

5 Un sistema integrato di politiche ISTRUZIONE E FORMAZIONE PTP L.r. 30/2015 Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Lombardia.. LAVORO GENERAZIONE WEB DOTE IeFP ITS Adotta un apprendista DOTE APPRENDISTATO FORMATIVO (I e III livello) DOTE SCUOLA DOTE MERITO IFTS Servizi di placement (FiXo) ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tirocinio curriculare ed extra curriculare Mobilità nazionale e transnazionale 3/14 anni 16 anni 17 anni 19 anni 20/29 anni 45/50 anni 65 anni Giovane Occupato Disoccupato Situazioni di svantaggio Età pensionabile

6 LA NUOVA FILIERA PROFESSIONALIZZANTE DEI PERCORSI DI IEFP: RAFFORZAMENTO E INNOVAZIONI Dote IeFP (I,II,III e IV anno) 206,6 MLN (di cui 24 MLN per IV anno) IFTS 5 MLN (di cui 2,5 Mln da Sperimentazione Duale) Risorse Sperimentazione Duale 27,48 MLN

7 LA NUOVA FILIERA PROFESSIONALIZZANTE Decreto n. 81/2015 Revisione Apprendistato L.r.30/2015 Innovazione del sistema di istruzione, formazione e lavoro L.107/2015 Buona scuola EQF V EQF IV Diploma ITS Certificato IFTS Nuova filiera professionalizzante dei percorsi di IeFP con forte vocazione all alternanza scuola e lavoro e all apprendistato EQF IV EQF III Diploma IeFP IV anno Qualifica IeFP III anno

8 La sperimentazione del sistema duale in Lombardia Avviso della sperimentazione del sistema DUALE con importante rafforzamento della componente di alternanza scuola lavoro nella IeFP (All. C dgr. 4872). Avvio percorsi modulari per NEET e allievi CPIA Estensione della sperimentazione duale ai frequentanti il II, III e IV anno di IeFP Avvio di nuove classi di IeFP in alternanza scuola-lavoro (dai 15 anni) Avvio di percorsi di IV anno in alternanza scuola-lavoro 17,9 MLN almeno 400 ore all anno di alternanza scuolalavoro e/o impresa simulata Oltre alle esperienze di alternanza, viene garantita la possibilità di concludere il percorso di studi mediante l Apprendistato di I livello per la Qualifica, il Diploma e il certificato di IFTS (art. 43 D.lgs. 81/2015) 7 MLN

9 Il modello di intervento del sistema duale: l alternanza scuola lavoro Contrasto alla dispersione : interventi modulari per i giovani NEET, ovvero non iscritti e non frequentanti un percorso di IeFP Contrasto alla dispersione 2 : sperimentazione di percorsi formativi dedicati agli allievi provenienti dai CPIA Moduli di alternanza percorsi ordinamentali : allargamento dell esperienza di apprendimento duale ai percorsi di II, III, IV anno già attivi (con ampliamento della durata oraria annua).

10 Il modello di intervento del sistema duale: l alternanza scuolalavoro Classi sistema duale : avvio di classi di I, II e III anno in alternanza scuolalavoro (pari al 50% della durata oraria ordinamentale) IV anno : avvio di percorsi per il diploma in alternanza scuola-lavoro (anche aggiuntivi rispetto alla programmazione approvata)

11 IFTS 2016/2017 DESTINATARI La L. 107/2015 stabilisce che i diplomati di IV IeFP in possesso anche di specializzazione IFTS possono accedere ai percorsi ITS SOGGETTI AMMISSIBILI: Fondazioni ITS Associazioni Temporanee di Scopo composte, come standard minimo, da Istituzione scolastica, Ente di Formazione, Impresa o Associazione di imprese e Università Poli Tecnico Professionali

12 IFTS 2016/2017 DURATA di cui 40% tirocinio/alternanza PROGETTO DIDATTICO integrato con le nuove competenze introdotte dall Accordo Stato-Regioni del 20/01/2016 (Inglese, matematica e italiano) INTRODUZIONE COSTO STANDARD 5 milioni di cui 2,5 sistema duale

13 Il modello di intervento del sistema duale: APPRENDISTATO Linee di intervento la per qualifica di IeFP Assunzione in apprendistato del 5% degli studenti dotati III anno 16/17. I servizi possono essere erogati solo dal CFP che ha gestito la seconda annualità del percorso per la qualifica durante l anno formativo precedente Assunzione in apprendistato degli studenti delle I e II classi della IeFP. (dai 15 anni) Assunzione in apprendistato di soggetti non frequentanti i percorsi di IeFP per acquisizione della qualifica

14 Il modello di intervento del sistema duale: l apprendistato IV anno Assunzioni in apprendistato ed attivazione di classi ad hoc finalizzate al conseguimento del diploma professionale (anche al di fuori della programmazione approvata). Assunzione in apprendistato ed inserimento in classi ordinamentali o del sistema duale. Linea IFTS: I soggetti assunti con contratto di apprendistato per il certificato di specializzazione tecnica superiore, possono essere inseriti in: - percorsi IFTS ordinamentali; - percorsi IFTS in apprendistato progettati ad hoc (senza soglia minima di 20 studenti per classe e anche al di fuori della programmazione approvata).

15 Azioni di sistema: alcune ipotesi progettuali Per promuovere l apprendistato quale misura principale per l accesso al mercato del lavoro dei giovani abbiamo ipotizzato di finanziare azioni di sistema innovative volte in particolare a: Rafforzare la sinergia fra i PTP e le aziende locali; Informare, sostenere e assistere le aziende (da parte di PTP, Centri per l impiego e accreditati al lavoro) per : informazioni sulla normativa dell apprendistato, gli incentivi e i vantaggi economici e retributivi connessi (con calcolo del risparmio effettivo per l azienda); assistenza nella selezione del giovane; definizione dello schema di protocollo e del Piano Formativo individuale tra istituzione formativa e datore di lavoro.

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Skills and Jobs of the Future: Modelli ed azioni di Regione Lombardia Assessore Valentina Aprea Febbraio 2016 Un sistema integrato di politiche Libertà di scelta,

Dettagli

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola La valorizzazione del capitale umano in Regione Lombardia - X legislatura Assessore Valentina Aprea I principi delle politiche di Istruzione, formazione e lavoro

Dettagli

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro. Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS. Brunella Reverberi 21 Giugno 2016

Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro. Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS. Brunella Reverberi 21 Giugno 2016 Apprendistato, Garanzia Giovani, Alternanza scuola-lavoro Programmazione 2016/2017: Percorsi IFTS e ITS Brunella Reverberi 21 Giugno 2016 PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) Nuovi

Dettagli

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità

Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Dall istruzione al mondo del lavoro: strumenti, esperienze, prospettive, opportunità Firenze, 8 febbraio 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it Formazione strategica ITS IFTS Alternanza scuola lavoro

Dettagli

DECRETO N Del 07/10/2016

DECRETO N Del 07/10/2016 DECRETO N. 9870 Del 07/10/2016 Identificativo Atto n. 785 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto AVVIO DI PERCORSI SPERIMENTALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE PER LA LOTTA

Dettagli

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia

IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO. Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia IL MODELLO LOMBARDO PER IL LAVORO Assessore all' Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Lombardia OBIETTIVI PRIMARI DELL AZIONE REGIONALE DOTE UNICA LAVORO: UN SISTEMA DI POLITICHE ATTIVE Attiva da ottobre

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016 PROGRAMMA TRIENNALE DELLE POLITICHE ATTIVE E PER IL LAVORO 22 GIUGNO 2016 COSA C È DI NUOVO? 1. IL PRIMO PIANO POST PROVINCE: UNA PROGRAMMAZIONE UNITARIA PER L INTERA REGIONE 2. UNA PROGRAMMAZIONE IN UNA

Dettagli

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO EDUCAZIONE, ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA SETTORE ISTRUZIONE E EDUCAZIONE Il

Dettagli

Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali

Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali Le nuove opportunità per l alternanza scuola lavoro nelle linee di sviluppo regionali 2016-2018 Firenze, 21 luglio 2016 RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77 Definizione

Dettagli

SCUOLA, LAVORO, IMPRESA: AL VIA L APPRENDISTATO IN AZIENDA

SCUOLA, LAVORO, IMPRESA: AL VIA L APPRENDISTATO IN AZIENDA SCUOLA, LAVORO, IMPRESA: AL VIA L APPRENDISTATO IN AZIENDA di Alessandra PAPA L articolo è una breve ma esauriente analisi del d.lgs. 81/2015 che ha introdotto importanti novità in materia di apprendistato

Dettagli

Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale

Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale Passo dopo passo: la via italiana al sistema duale Roma, 7 giugno 2016 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sala Massimo D Antona 1. LA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE: OBIETTIVI E AZIONI PRINCIPALI

Dettagli

Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia. Cristina Colombo. 7 febbraio 2014

Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia. Cristina Colombo. 7 febbraio 2014 Dalla scuola al lavoro Le policy di Regione Lombardia Cristina Colombo 7 febbraio 2014 Dalla scuola al lavoro - Le policy di Regione Lombardia Regione Lombardia crede e lavora nella direzione di un avvicinamento

Dettagli

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato C SISTEMA REGIONALE DI ALTA FORMAZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Il sistema duale lombardo ha nell alta formazione tecnica il suo completamento in termini di specializzazione e di perfezionamento

Dettagli

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola

Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola Studiare in azienda Trovare lavoro a scuola APPRENDISTATO: PILASTRO DEL SISTEMA DUALE Gianni Bocchieri Febbraio 2016 APPRENDISTATO: PILASTRO DEL SISTEMA DUALE L apprendistato rappresenta l asse portante

Dettagli

Dote Unica Lavoro Garanzia Giovani I provvedimenti attuativi per Garanzia Giovani in Regione Lombardia

Dote Unica Lavoro Garanzia Giovani I provvedimenti attuativi per Garanzia Giovani in Regione Lombardia Dote Unica Lavoro Garanzia Giovani I provvedimenti attuativi per Garanzia Giovani in Regione Lombardia Giuseppe Di Raimondo Dirigente U.O Mercato del Lavoro Adesione a Garanzia Giovani Tutti i giovani

Dettagli

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA

SISTEMA UNITARIO DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DELLA REGIONE LOMBARDIA Allegato B SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Premessa La Legge Regionale n. 30/2015 Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di Istruzione, Formazione e Lavoro

Dettagli

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Sonia Rizzoli Parma, 14 aprile 2012 Sintesi dell intervento Alcuni dati sul contesto economico e sulla situazione occupazione dei

Dettagli

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013 III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, 11-13 Settembre 2013 Il caso dell Italia Arduino Salatin (Università Cà Foscari e Università IUSVE, Venezia) 1 La

Dettagli

POLI TECNICO PROFESSIONALI

POLI TECNICO PROFESSIONALI POLI TECNICO PROFESSIONALI sul territorio ligure. Genova, 17 luglio 2014 1 I POLI TECNICO PROFESSIONALI Interconnessione funzionale, formalizzata attraverso un accordo di rete, tra i soggetti della filiera

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DECRETO N. 4018 Del 18/05/2015 Identificativo Atto n. 455 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA

Dettagli

Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Gli interventi FSE 2014-2020 della Regione Toscana Ripartiamo con il Fondo Sociale Europeo Investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Marco Masi Regione Toscana Coordinatore

Dettagli

APPRENDISTATO I LIVELLO

APPRENDISTATO I LIVELLO APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL DIPLOMA DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE E IL CERTIFICATO DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA SUPERIORE I LIVELLO D.lgs. 15 giugno 2015, n. 81 24

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA e FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI Maggi Catene Spa Cicsa Srl Cogliati Aurelio Srl A.A.G. Stucchi Srl socio unico Fomas Spa

Dettagli

3 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO AI SENSI DELL ART. 43 D.

3 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO AI SENSI DELL ART. 43 D. Allegato 3 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO AI SENSI DELL ART. 43 D.LGS. 81/2015. INDICE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO

Dettagli

Formazione Innovazione PER l Occupazione Scuola e Università

Formazione Innovazione PER l Occupazione Scuola e Università Formazione Innovazione PER l Occupazione Scuola e Università Progetto Obiettivi Target Utilità Progetto I Istituto Lucio Lombardo Radice partecipa al Programma FIxO Formazione ed Innovazione per l Occupazione

Dettagli

Repertorio atti n. [ ] del [ ] LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO

Repertorio atti n. [ ] del [ ] LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO Accordo ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997 n. 281 sul progetto sperimentale recante Azioni di accompagnamento, sviluppo e rafforzamento del sistema duale nell ambito dell Istruzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 6426 Seduta del 03/04/2017

DELIBERAZIONE N X / 6426 Seduta del 03/04/2017 DELIBERAZIONE N X / 6426 Seduta del 03/04/2017 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO

FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO FIXO LINEA 2 SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA DUALE e APPRENDISTATO DI I LIVELLO T I M E V I S I O N S C A R L C o r s o A l c i d e D e G a s p e r i, 1 6 9 C a s t e l l a m m a r e d i S t a b i a ( N A

Dettagli

La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI

La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI La proposta di Italia Lavoro per Garanzia Giovani: Il Programma FIxO YEI Obiettivi dell intervento L intervento proposto intende coinvolgere le Scuole secondarie superiori di secondo grado e le Università

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e di ricerca (art. 5 - D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) PROTOCOLLO DI INTESA

Apprendistato di alta formazione e di ricerca (art. 5 - D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) PROTOCOLLO DI INTESA Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale Apprendistato di alta formazione e di ricerca 2012-2014 (art. 5 - D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Piemonte E la Confederazione

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI Firenze, 01 giugno 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it L Avviso

Dettagli

MOBILITA E LAVORO IN EUROPA

MOBILITA E LAVORO IN EUROPA MOBILITA E LAVORO IN EUROPA J D E U R O P E A N B Y S 2 0 1 3 Jessica Spezzano DG Istruzione, Formazione e Lavoro Milano, 14 ottobre 2013 Il lavoro in Lombardia: qualche dato Politiche regionali per il

Dettagli

L'apprendistato nella Regione Piemonte dopo il Jobs Act

L'apprendistato nella Regione Piemonte dopo il Jobs Act @bollettinoadapt, 28 novembre 2016 L'apprendistato nella Regione Piemonte dopo il Jobs Act di Alessia Battaglia Tag: #Apprendistato #Piemonte #JobsAct La Regione Piemonte, con Deliberazione di Giunta Regionale

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 2/2017 (Atti del Consiglio) Disposizioni in materia di istruzione, formazione e di concertazione con le parti sociali. Modifiche alla l.r. 32/2002.

Dettagli

L apprendimento basato sul lavoro nel contesto nazionale

L apprendimento basato sul lavoro nel contesto nazionale NetWBL - Conferenza Nazionale WBL L apprendimento basato sul lavoro: prospettive e potenzialità L apprendimento basato sul lavoro nel contesto nazionale Roma, 5 giugno 2015 I dispositivi nazionali di alternanza

Dettagli

A. Unife / Programma PIL / a.a (Corsi PIL e Master)

A. Unife / Programma PIL / a.a (Corsi PIL e Master) Corso PIL 2010 Direzione Cantiere MaSTeM Ambiente A. Unife / Programma PIL / a.a. 2010 - (Corsi PIL e ) Struttura proponente Ateneo Facoltà Architettura e Ingegneria Facoltà Scienze MM FF NN.. Finanziamento

Dettagli

JOB ACT. Disciplina organica dei contratti di lavoro. D.lgs. 15 giugno 2015 n.81 APPRENDISTATO. Modena, 25 maggio 2016

JOB ACT. Disciplina organica dei contratti di lavoro. D.lgs. 15 giugno 2015 n.81 APPRENDISTATO. Modena, 25 maggio 2016 JOB ACT Disciplina organica dei contratti di lavoro D.lgs. 15 giugno 2015 n.81 APPRENDISTATO Modena, 25 maggio 2016 APPRENDISTATO Fino al 24.06.15 (T.U. D.lgs. n.167/2011) Dal 25.06.15 ( D.lgs. n.81/2015)

Dettagli

IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO dopo il Jobs Act (Art , D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81) Incentivi ed opportunità per le imprese

IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO dopo il Jobs Act (Art , D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81) Incentivi ed opportunità per le imprese IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO dopo il Jobs Act (Art. 41 47, D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81) Incentivi ed opportunità per le imprese Tipologie di apprendistato Jobs Act: 1. apprendistato per la qualifica

Dettagli

Programma Operativo FSE 2014-2020 Approvato dall Assemblea Legislativa il 25 Giugno 2014 Inviato alla Commissione Europea il 17 Luglio 2014

Programma Operativo FSE 2014-2020 Approvato dall Assemblea Legislativa il 25 Giugno 2014 Inviato alla Commissione Europea il 17 Luglio 2014 Programma Operativo FSE 2014-2020 Approvato dall Assemblea Legislativa il 25 Giugno 2014 Inviato alla Commissione Europea il 17 Luglio 2014 FSE FNR RER TOTALE 393.125.091,00 275.187.563,70 117.937.527,30

Dettagli

Rapporto Annuale di Esecuzione 2010

Rapporto Annuale di Esecuzione 2010 Comitato di Sorveglianza Programma Operativo FONDO SOCIALE EUROPEO 2007/2013 Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione Regione Emilia-Romagna Rapporto Annuale di Esecuzione 2010 Bologna, 16 giugno

Dettagli

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro

Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro Il contributo della Regione Veneto per l'alternanza scuola lavoro 26 settembre 2016 Dott. Santo Romano Direttore Area Capitale Umano e Cultura IL CONTESTO NORMATIVO Legge Moratti (L.53/2003) D.Lgs. 77/2005

Dettagli

Allegato D 1 / 5. fonte: http://burc.regione.campania.it

Allegato D 1 / 5. fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato D Potenziamento istruzione tecnica e professionale di qualità / PAC III Riprogrammazione Regione Campania Interventi anticiclici Misure di attuazione dell azione Potenziamento dell istruzione

Dettagli

Il sistema toscano di Istruzione e Formazione Professionale: lo stato dell'arte e le prospettive di sviluppo

Il sistema toscano di Istruzione e Formazione Professionale: lo stato dell'arte e le prospettive di sviluppo SCUOLE PROFESSIONALI: QUALI PROSPETTIVE La Toscana verso la creazione di un proprio modello di relazioni tra scuola, formazione e mondo del lavoro Firenze, 27 febbraio 2017 Il sistema toscano di Istruzione

Dettagli

Il contratto di apprendistato «formativo» & gli incentivi previsti. Sassari, 26 maggio 2017

Il contratto di apprendistato «formativo» & gli incentivi previsti. Sassari, 26 maggio 2017 Il contratto di apprendistato «formativo» & gli incentivi previsti Sassari, 26 maggio 2017 Il contratto di apprendistato 2 Definizione Attualmente è disciplinato dal d.lgs 81/2015 che ha abrogato la normativa

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Martedì 09 agosto 2016

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Martedì 09 agosto 2016 25 D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.u.o. 4 agosto 2016 - n. 7835 Interventi per lo sviluppo e il rafforzamento del sistema duale lombardo Approvazione avvisi per il potenziamento dell alternanza

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2771 Seduta del 05/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2771 Seduta del 05/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2771 Seduta del 05/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

a cura di VALERIA ANNONI Referente per la progettazione formativa presso AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE

a cura di VALERIA ANNONI Referente per la progettazione formativa presso AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura di VALERIA ANNONI Referente per la progettazione formativa presso AZIENDA BERGAMASCA FORMAZIONE Dopo la terza media REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

AVVISI PER CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI COLLOCAMENTO MIRATO DI FIRENZE FONDO REGIONALE LEGGE

AVVISI PER CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI COLLOCAMENTO MIRATO DI FIRENZE FONDO REGIONALE LEGGE AVVISI PER CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI COLLOCAMENTO MIRATO DI FIRENZE FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 anno 2017 http://www.cittametropolitana.fi.it/collocamento-mirato/avvisi-pubblici-collocamento-disabili-e-categorie-protette/

Dettagli

Sgravi contributivi per chi assume giovani

Sgravi contributivi per chi assume giovani #merito&bisogno Sgravi contributivi per chi assume giovani Team Economico @ Palazzo Chigi 3 novembre 2016 Decontribuzione e formazione Decontribuzione per le aziende che assumono giovani dopo uno stage

Dettagli

APPRENDISTATO: il SISTEMA DUALE

APPRENDISTATO: il SISTEMA DUALE APPRENDISTATO: il SISTEMA DUALE SISTEMA DUALE in pillole 1. Normativa di riferimento - Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 81 - D.M. 12 ottobre 2015 - Accordi tra Regione del Veneto e Parti Sociali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E CONFAPI MODENA, ASSOCIAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E CONFAPI MODENA, ASSOCIAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE PROTOCOLLO D INTESA TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA SEDE DI MODENA E CONFAPI MODENA, ASSOCIAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DI MODENA, IN MATERIA DI ALTA

Dettagli

L implementazione EQAVET a livello nazionale

L implementazione EQAVET a livello nazionale L implementazione EQAVET a livello nazionale Seminario di Info-formazione per la rete nazionale di diffusione Euroguidance Italy Roma,10 Ottobre 2013 ISFOL Auditorium Raccomandazione europea sulla Qualità

Dettagli

BOZZA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER UN SISTEMA REGIONALE DI MOBILITA DEI CITTADINI TOSCANI TRA PREMESSO

BOZZA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER UN SISTEMA REGIONALE DI MOBILITA DEI CITTADINI TOSCANI TRA PREMESSO BOZZA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER UN SISTEMA REGIONALE DI MOBILITA DEI CITTADINI TOSCANI L'anno, il giorno La Regione Toscana TRA E Parti sociali. PREMESSO - Che

Dettagli

LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI

LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI ED OCCUPATI 10.03.2017 Direttore dott. Mauro Ghirotti 1 LA FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E OCCUPATI Intervento 3 FORMAZIONE PER DISOCCUPATI, LAVORATORI A RISCHIO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

Garanzia Giovani come opportunità di recruiting per le aziende

Garanzia Giovani come opportunità di recruiting per le aziende Incontro informativo Garanzia Giovani come opportunità di recruiting per le aziende Relatore - Davide Ballabio - Area Sistema Formativo e Capitale Umano Assolombarda Questo materiale è predisposto da Assolombarda

Dettagli

Sistema ITS: le Fondazioni in Lombardia

Sistema ITS: le Fondazioni in Lombardia Sistema ITS: le Fondazioni in Lombardia Alessandro Mele Coordinatore Cabina di Regia Sistema ITS Milano, 6 marzo 2017 1 Agenda ITS perché... Il Sistema ITS Lombardo Le prospettive Agenda ITS perché...

Dettagli

A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI

A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI 383 MILIONI DI EURO PER LE DOTI E INNOVAZIONE A SCUOLA Regione Lombardia ha stanziato 383 milioni di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE QUALITA, INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE NEI SISTEMI DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN LOMBARDIA PREMESSA Il contesto di sviluppo economico,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PUGLIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

NOTA SU APPRENDISTATO, FORMAZIONE E ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO di Fabrizio Dacrema

NOTA SU APPRENDISTATO, FORMAZIONE E ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO di Fabrizio Dacrema NOTA SU APPRENDISTATO, FORMAZIONE E ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO di Fabrizio Dacrema ANALISI DELLE NUOVE NORME La riforma dell'apprendistato contenuta nel decreto legislativo attuativo del Jobs Act interviene

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA. VISTA la Legge regionale 30 giugno 2011, n. 5 Disciplina del sistema regionale dell istruzione e formazione professionale e s.m.

ACCORDO QUADRO TRA. VISTA la Legge regionale 30 giugno 2011, n. 5 Disciplina del sistema regionale dell istruzione e formazione professionale e s.m. ACCORDO QUADRO TRA Regione Emilia Romagna Assessorato Scuola, Formazione professionale, Università e Ricerca, Lavoro rappresentata dal Direttore Generale Cultura Formazione e Lavoro, Cristina Balboni,

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 580 02/09/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 14649 DEL 27/08/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: LAVORO Area: AFFARI GENERALI Prot. n. del OGGETTO: Schema di

Dettagli

FONDAZIONE OPERA MADONNA DEL LAVORO IMPRESA FORMATIVA CIRCOLO UFFICIALI DI BOLOGNA

FONDAZIONE OPERA MADONNA DEL LAVORO IMPRESA FORMATIVA CIRCOLO UFFICIALI DI BOLOGNA FONDAZIONE OPERA MADONNA DEL LAVORO IMPRESA FORMATIVA CIRCOLO UFFICIALI DI BOLOGNA www.fomal.it fomal@fomal.it INDICE FOMAL è un Ente Diocesano che opera per la promozione della persona nella società,

Dettagli

1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Allegato A AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI ANNUALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALL ESAME DI STATO ANNUALITA 2016/2017 INDICE 1. QUADRO NORMATIVO DI

Dettagli

Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo

Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo Una prima sperimentazione di integrazione delle fonti regionali Romina Filippini, Annelisa Giordano Istat Progetto Archimede Annalisa

Dettagli

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Dettagli

Agostino Petrangeli Responsabile Area Transizione Istruzione Formazione Lavoro Italia Lavoro

Agostino Petrangeli Responsabile Area Transizione Istruzione Formazione Lavoro Italia Lavoro 24 Novembre 2014 Education GIORNATA DI STUDIO SUL SISTEMA DUALE TEDESCO Agostino Petrangeli Responsabile Area Transizione Istruzione Formazione Lavoro Italia Lavoro Villa Vigoni, Centro Italo-Tedesco per

Dettagli

MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO

MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO MODELLO DI SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO PROGRAMMA FIxO S&U ITALIA LAVORO ITALIA LAVORO SPA Ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Aree strategiche di intervento: Welfare to

Dettagli

Istituti Tecnici Superiori

Istituti Tecnici Superiori Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Puglia Assessorato per il Diritto allo Studio e alla Formazione Istituti Tecnici Superiori Secondo i dati dell indagine Excelsior 2010,

Dettagli

8 29.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 LEGGE REGIONALE 25 gennaio 2016, n. 2

8 29.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 LEGGE REGIONALE 25 gennaio 2016, n. 2 8 29.1.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 LEGGE REGIONALE 25 gennaio 2016, n. 2 Riordino delle funzioni in materia di orientamento e formazione professionale in attuazione della l.r.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ordine degli Avvocati di Mantova Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ordine degli Avvocati di Mantova Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IX Ambito Territoriale di Mantova Ufficio Studi e Programmazione in supporto all autonomia

Dettagli

Apprendistato di alta formazione Disciplina Regione Liguria. Confindustria La Spezia 30 maggio 2014

Apprendistato di alta formazione Disciplina Regione Liguria. Confindustria La Spezia 30 maggio 2014 Apprendistato di alta formazione Disciplina Regione Liguria Confindustria La Spezia 30 maggio 2014 Obiettivi Strumento in grado di fornire alle imprese una risposta alle esigenze di competenze ad elevato

Dettagli

IL POR FSE PIEMONTE

IL POR FSE PIEMONTE IL POR FSE PIEMONTE 2014-2020 La strategia del PO si articola in : Assi Priorità di investimento Obiettivi specifici (Risultati attesi) Azioni le prime due derivanti direttamente dai Regolamenti UE gli

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO AVVIO DEL PROGRAMMA E RELATIVE PROCEDURE L AVVIO DEL PROGRAMMA Incontri con il partenariato istituzionale,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FIXO YEI _ AZIONI IN FAVORE DEI GIOVANI NEET IN TRANSIZIONE ISTRUZIONE-LAVORO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FIXO YEI _ AZIONI IN FAVORE DEI GIOVANI NEET IN TRANSIZIONE ISTRUZIONE-LAVORO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FIXO YEI _ AZIONI IN FAVORE DEI GIOVANI NEET IN TRANSIZIONE ISTRUZIONE-LAVORO TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, Direzione Generale

Dettagli

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O Antonella Colombo Responsabile Area Progettazione ed Eventi Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro della Provincia di Como Como Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PER LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI

Dettagli

Studenti insegnanti genitori forze sociali e sindacali

Studenti insegnanti genitori forze sociali e sindacali Studenti insegnanti genitori forze sociali e sindacali meno diseguale, innovativa, democratica, cooperativa, di qualità, accessibile a tutti e tutte vera autonomia: comunità educativa, diritto allo studio,

Dettagli

In Regione Lombardia. Il Programma GARANZIA GIOVANI

In Regione Lombardia. Il Programma GARANZIA GIOVANI In Regione Lombardia Il Programma GARANZIA GIOVANI La raccomandazione dell Unione Europea Garantire che tutti i giovani di età inferiore a 25 anni ricevano un'offerta qualitativamente valida di lavoro,

Dettagli

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV INDICE LA DEFINIZIONE DELLA VISION E DELLA MISSION DELLA SCUOLA CAP. 1 LE PRIORITÁ STRATEGICHE 1.1 - DESCRIZIONE DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO E DELLE RISORSE DISPONIBILI 1.1.1 - Popolazione scolastica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE SICILIANA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UN TITOLO AI SENSI DELL ART. 43 D.LGS.

1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UN TITOLO AI SENSI DELL ART. 43 D.LGS. Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UN TITOLO AI SENSI DELL ART. 43 D.LGS. 81/2015. INDICE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 2.

Dettagli

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA

POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2014/2020 PIANI DI AZIONE PER SETTORI DI INTERVENTO Piani di Azione per settori di intervento I Piani di Azione sono degli atti generali di programmazione e di indirizzo che definiscono: le

Dettagli

Lo stage e il Jobs act. Cosa è cambiato nell inserimento lavorativo dei giovani

Lo stage e il Jobs act. Cosa è cambiato nell inserimento lavorativo dei giovani Lo stage e il Jobs act. Cosa è cambiato nell inserimento lavorativo dei giovani SALA DEGLI AFFRESCHI PALAZZO ISIMBARDI 03 marzo 2016 MARINA VERDERAJME PRESIDENTE ACTL SPORTELLO STAGE FINITO LO STAGE COSA

Dettagli

Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro

Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro Il modello lombardo di alternanza scuola lavoro Baveno 3 aprile 2014 Maria Rosaria Capuano Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia IL CONTESTO LOMBARDO NEL RAPPORTO SCUOLA LAVORO consolidata tradizione

Dettagli

AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani. BURL 28 novembre 2012

AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani. BURL 28 novembre 2012 AVVISO Dote Lavoro Tirocini Giovani BURL 28 novembre 2012 Il presente Avviso intende favorire i giovani e le aziende attraverso interventi atti a : - sostenere i giovani nell attivazione e realizzazione

Dettagli

I SERVIZI OFFERTI AI CITTADINI

I SERVIZI OFFERTI AI CITTADINI PROGETTI DI CONTINUITA SCUOLA-LAVORO - Studenti in obbligo formativo con disabilità accertata dalla Commissione medica integrata ai sensi della Legge n. 104/1992 o con certificazione scolastica rilasciata

Dettagli

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi

Fase valutazione, monitoraggi, individuazione indicatori TUTTI I DIRIGENTI TECNICI. Fase istruttoria e fase assegnazione fondi AREE DI INTERVENTO COMUNI a Dirigenti Tecnici e al Personale utilizzato per il supporto all autonomia delle Sistema Nazionale di Valutazione: supporto alle esami di Stato, di qualifica, di abilitazione

Dettagli

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA Finalità L obiettivo del presente Avviso è sostenere programmi di ricerca afferenti alle seguenti tipologie di progetto: ricerca

Dettagli

Comitato di sorveglianza POR FSE

Comitato di sorveglianza POR FSE Comitato di sorveglianza POR FSE Iniziativa Occupazione Giovani Garanzia Giovani Paolo Baldi Direttore Istruzione e Formazione Firenze, 27 Maggio 2016 Quadro di riferimento e dotazione finanziaria Garanzia

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17. Incontri sul territorio Valle dei Laghi

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17. Incontri sul territorio Valle dei Laghi PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17 Incontri sul territorio Valle dei Laghi Le priorità di questa legislatura rispetto alla scuola Questa legislatura mette

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 110 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 110 del 46880 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 settembre 2016, n. 1413 DGR n. 1216 del 02/08/2016 - Piano triennale territoriale della offerta di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore, ai sensi dell

Dettagli

Evento annuale POR FSE Toscana 2007-2013 Livorno, 5 dicembre 2014

Evento annuale POR FSE Toscana 2007-2013 Livorno, 5 dicembre 2014 Le criticità della partecipazione giovanile al mercato del lavoro (1) Tasso di occupazione 15-24 anni. 2008-2013 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 40,8 37,4 32,5 34,9 28,7 24,4 20,4 16,3 UE27 UE15 Italy Toscana

Dettagli

AVVISO DOTE APPRENDISTATO

AVVISO DOTE APPRENDISTATO AVVISO DOTE APPRENDISTATO PREDISPOSIZIONE DEL CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO - PERIODO FORMATIVO 2012-2013 In rosso sono riportate le modifiche apportate dai

Dettagli

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it In Abruzzo Opportunità per le imprese http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it LA GARANZIA GIOVANI PARTE. CON LE IMPRESE. L Unione Europea promuove Garanzia Giovani per rafforzare le opportunità occupazionali

Dettagli

Scuola internazionale di Dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro. Giovani e Lavoro in Italia. Giulia Rosolen

Scuola internazionale di Dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro. Giovani e Lavoro in Italia. Giulia Rosolen Scuola internazionale di Dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro Giovani e Lavoro in Italia. Giulia Rosolen Giovani e lavoro in Italia Tassi di occupazione, disoccupazione e inattività

Dettagli

CONVENZIONE ISTITUZIONALE tra MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CONVENZIONE ISTITUZIONALE tra MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE CONVENZIONE ISTITUZIONALE tra MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro e Regione Umbria L anno duemilatredici,

Dettagli

L apprendistato dopo il riordino dei contratti del Jobs Act quadro normativo e di regolamentazione regionale: le novità del primo e terzo livello

L apprendistato dopo il riordino dei contratti del Jobs Act quadro normativo e di regolamentazione regionale: le novità del primo e terzo livello L apprendistato dopo il riordino dei contratti del Jobs Act quadro normativo e di regolamentazione regionale: le novità del primo e terzo livello Antonio Sassi (ASF) L apprendistato nel riordino contrattuale

Dettagli