Strumenti finanziari e opportunità per la ripresa dell universo cooperativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti finanziari e opportunità per la ripresa dell universo cooperativo"

Transcript

1 Visita il sito Anno XXV - N giugno 2014 Primo piano Strumenti finanziari e opportunità per la ripresa dell universo cooperativo Sono stati illustrati nel corso di un seminario nazionale che si è svolto a Bologna Foto Gaia Levi a pagina 2-3 Ritratti Greetings from Alghero: la start up per creativi Un opportunità in più per Alghero. Ad aprirla sono Rosaria Agueci, Marta Pettinau, Sara Pettinau e Antonello Ragnedda, età media 30 anni, soci fondatori della cooperativa Greetings from Alghero. La cooperativa mira, infatti, a rigenerare la cultura e l artigianato locali, incoraggiando artisti e designer a rileggere... Dall Argentina nuove opportunità per la cooperazione italiana Italia-Argentina, un alleanza per la cooperazione. Nei giorni scorsi si è svolta... Legacoop Coop Comunità Si di Anas al sindaco Castelli, casa cantonierasaràcooperativa Dopo Bobbio la statale 45 ci regala dei panorami mozzafiato sui meandri... Settori Legacoopsociali Impresa sociale, un master di alta formazione Promosso da Human Foundation e sostenuto da Fondazione Vodafone Italia... Territori Liguria Decolla coordinamento europeo per le nuove cooperative Il supporto per la creazione di nuove cooperative si coordina in Europa.... Imprese Conad Nonostante la crisi chiude un altro anno positivo +5,9% Il 2013 è stato l anno peggiore dal dopoguerra. Ciononostante Conad conferma il trend di crescita in tutte le regioni italiane, portando il giro d affari a 11,6 miliardi di euro 648 milioni più del 2012 (+5,9 per cento) e rafforzando ulteriormente la leadership nel canale dei supermercati, al 18,5 per cento, e nei negozi di prossimità, al 14,3 per cento (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, II semestre 2013). Le famiglie... leggi Sondaggio Osservatorio SWG Sì al Daspo. Colpire il triangolo tangentizio Il quadro della corruzione e del malaffare pubblico, per gli italiani, è limpido nella sua composizione. Il suo assetto assume i contorni di un triangolo scaleno, con al vertice i politici, attori indiscussi del malcostume italico; sul lato più lungo, si posizionano i burocrati della pubblica amministrazione (funzionari e dirigenti), i quali non perdono occasione per mostrarsi parte integrante della morsa cleptocratica... Nota della redazione Questo numero è stato chiuso il 19 giugno 2014 alle ore 14,30 Segreteria di Redazione: Anna Colomberotto Tel Fax Organo ufficiale della Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue Settimanale di notizie a cura dell Ufficio Stampa di Legacoop Direttore Responsabile: Dora Iacobelli Registrazione al Tribunale di Roma n /90 del

2 Primo piano 2 Strumenti finanziari e opportunità per la ripresa dell universo cooperativo Sono stati illustrati nel corso di un seminario nazionale che si è svolto a Bologna Legacoop in campo, con le strutture di sistema, per le cooperative. Per favorire l uscita dalla crisi e favorire la ripresa. Strumenti diversi, per rispondere a esigenze sempre più diversificate. Il punto è stato fatto giovedì 19 giugno a Bologna, nel corso del Seminario sugli strumenti finanziari e le opportunità per le imprese cooperative presso la Sala A della Torre Legacoop in Viale Aldo Moro. Strumenti tradizionali, che confermano il proprio impegno, ma anche opportunità nuove, come quelle offerte dai minibond. Secondo un rapporto recente del Centro Studi che indaga sulla possibilità delle cooperative oggetto dell indagine, di emettere titoli (obbligazioni, minibond) cercando strumenti di finanziamento alternativi al canale bancario per gestire l attività ordinaria, sono 407 le cooperative italiane potenzialmente interessate ad accedere al mercato dei capitali di debito. In base alla dimensione aziendale si tratta di 44 imprese con valore della produzione oltre i 50 milioni di euro (dato 2012) pari al 10,8% del totale e 363 società di dimensioni medio piccole, pari all 89,2%. "Stanno proseguendo ha spiegato Mauro Gori, responsabile del Dipartimento Attività Economico-finanziarie di Legacoop gli incontri con quei fondi specializzati in mini bond che hanno dimostrato interesse per la nostra impostazione. L'obiettivo di abbassare la soglia minima indicata per una emissione sembra essere conseguibile, così come quello di un contenimento dei costi indiretti, ossia non relativi agli interessi da pagare per il finanziamento. Nelle prossime settimane potrebbero concretizzarsi due operazioni di emissioni di mini bond da parte di due cooperative di piccole/medie dimensioni, afferenti a territori e settori diversi, entrambe associate a Legacoop. Si tratterebbe di un importante risultato e dell'inizio di un percorso che anche altre imprese cooperative potranno a breve intraprendere". Anche Coopfond sta guardando con interesse verso i nuovi strumenti finalizzati alla disintermediazione bancaria, sta valutando nuovi interventi a sostegno degli start up cooperativi e sta potenziando la ricerca di risorse oltre il tradizionale 3% derivante dagli utili delle cooperative. Intanto comunque prosegue l attività ordinaria, che nel corso dell ultimo esercizio ha visto deliberare 45 interventi nell attività rotativa con un impegno complessivo pari a 42,5ml di. Il maggior numero di interventi si colloca nelle sezioni sviluppo, con-solidamento e prestiti in convenzione comprendendo tra questi anche i pro- getti speciali destinati a particolari settori con un incremento della sezione consolidamento, volta al riequilibrio economico-finanziario e patrimoniale delle cooperative. È significativo considerare che negli ultimi 5 esercizi, cioè dall inizio della crisi, Coopfond ha deliberato sull attività caratteristica oltre 210 ml di su 286 interventi, cui va aggiunto un importo molto sostenuto tra le partecipazioni stabili a supporto di Cooperare, Cooperfactor, le finanziarie territoriali e il sostegno a Cooperfidi. Foto Gaia Levi CFI è un investitore istituzionale che dal 1986 opera a supporto delle imprese cooperative di produzione lavoro e delle cooperative sociali, che nel 2013 ha deliberato interventi per 10,5 milioni di euro a sostegno di 29 progetti cooperativi (+45% ri- Continua>>

3 Primo piano 3 spetto al 2012; + 125% rispetto al 2011) mentre nel biennio obiettivo è investire 30 milioni di euro a sostegno di circa 80 progetti di impresa, che avranno un impatto occupazionale non inferiore alle unità. CFI, nel corso dell ultimo triennio, oltre a diversificare in modo significativo i settori di intervento, ad aumentare il livello di accessibilità a cooperative di piccola dimensione e ai giovani, a rafforzare le cooperative del comparto industriale, più sofferenti, e a continuare il trend di impieghi nel settore del sociale, più stabile nelle performance e più dinamico negli investimenti, manterrà primario l impegno nei workers buyout, principale mission di CFI e della legge Marcora. Proprio in riferimento a questa tipologia di operazione è stato perfezionato un approccio innovativo, connotato da un taglio molto pragmatico, facendo sistema con le associazioni e i diversi strumenti finanziari Legacoop, approccio che oggi consente di dare risposte rapide ed efficaci ad una domanda che cresce, il cui impatto in termini di occupazione e fiducia verso il futuro è immediato. Alcuni numeri possono confermare il trend: dal 2011 ad oggi, su 86 operazioni approvate, 42 sono state per wbo e start up; nel solo 1 semestre 2014 su 34 progetti deliberati, 15 appartengono al wbo; la diffusione di tale strumento per fronteggiare la crisi di impresa cresce, anche grazie ai diversi casi di successo e al consolidamento delle buone pratiche. Cooperfidi Italia, il confidi nazionale della Cooperazione, ha chiuso il bilancio 2013 con un incremento superiore al 30% delle garanzie rilasciate alle cooperative rispetto al 2012 mentre la base sociale ha superato le unità. Il nuovo Consiglio di Amministrazione insediato dall assemblea dei soci di maggio proseguirà nell attività di ulteriore allargamento della base sociale e delle garanzie rilasciate. Per conseguire questo risultato nel corso del 2014 sono state intraprese iniziative per sviluppare il rilascio delle fideiussioni commerciali verso enti pubblici o privati che le cooperative, anche con un buon standing creditizio, spesso hanno difficoltà ad acquisire. Con i fondi mutualistici è in corso di definizione un operazione per facilitare la capitalizzazione delle cooperative. Con Banca prossima del Gruppo Intesa stiamo mettendo a punto una specifica attività di rilascio di garanzie verso il settore no profit. Prosegue infine il sostegno alla filiera della cooperazione agroalimentare.

4 Primo piano 4 RITRATTI DI NUOVE COOPERATIVE Greetings from Alghero: la start up cooperativa per designer e creativi Un opportunità in più per Alghero. Ad aprirla sono Rosaria Agueci, Marta Pettinau, Sara Pettinau e Antonello Ragnedda, età media 30 anni, soci fondatori della cooperativa Greetings from Alghero. La cooperativa mira, infatti, a rigenerare la cultura e l artigianato locali, incoraggiando artisti e designer a rileggere e reinventare in chiave contemporanea e originale materiali, tecniche, identità, luoghi, storie e tradizioni della città e della Sardegna. Come? Coinvolgendo le aziende sul territorio, gli abitanti della città, attraverso laboratori di creatività partecipata, con la promozione di partnership con i giovani creativi, gli enti pubblici e privati che operano nel settore del turismo. Come siete passati dall idea alla creazione di un impresa cooperativa? Venivamo da studi in architettura, arte contemporanea e grafica, con esperienze importanti anche all estero spiega Marta Pettinau, socia della cooperativa. Per circa un anno abbiamo provato ad elaborare un progetto architettonico e culturale nei locali di in un ex cotonificio del territorio. La ristrutturazione non era alla nostra portata, - racconta - ma dall esperienza abbiamo estrapolato il progetto imprenditoriale e trasformato l idea dell ex cotonificio negli Atelier. Siamo venuti a conoscenza del bando Culturability per start up creative e abbiamo pensato di partecipare per provare a realizzare il nostro obiettivo. Siamo riusciti a superare la prima fase e con il supporto di Legacoop Sardegna, da sempre nel nostro percorso, - sottolinea Pettinau - abbiamo presentato il business plan e vinto il finanziamento. È stata per noi una grande infusione di fiducia perché è stata riconosciuta la validità del progetto imprenditoriale. Di cosa si occuperà la cooperativa Greetings from Alghero? Gli artisti emergenti e le nuove leve della creatività e della manifattura locale saranno sostenuti e promossi, tramite lo sviluppo di progetti, dentro e fuori i confini dell isola attraverso l apertura di atelier, dove saranno esposti i manufatti da loro prodotti con il marchio Greetings from Alghero, affinché possano essere i testimonial della diffusione di una nuova immagine di Alghero e della qualità della sua classe creativa. Un marchio per dare una lettura innovativa e contemporanea della città spiega - ed incoraggiare nuove sperimentazioni che vadano oltre il solito souvenir con oggetti di scarsa qualità. Stiamo ora individuando gli spazi che diventeranno gli Atelier per i designer sardi e non che sono il cuore del progetto. A breve organizzeremo una mostra - racconta - con le opere di itinerante nel centro storico di Alghero per conto di una associazione del territorio, con negozianti e ristoratori che vogliono ridare valore alla lingua e alle tradizioni. Abbiamo inoltre avviato rapporti per farci conoscere in particolare con l Università e la facoltà di Architettura per coinvolgere artisti emergenti. Consigliereste questa esperienza ad altri giovani in cerca di opportunità? Non conoscevamo la forma d impresa cooperativa prima, racconta Marta Pettinau ed il percorso di tutoraggio offerto dal bando ci ha permesso di informarci e capire che poteva essere la tipologia adatta al nostro progetto e per superare i limiti dell associazione no profit. L idea di aprire una cooperativa è stata una sfida spiega - veniamo da esperienze varie di lavoro senza garanzie e abbiamo voluto costruirci il lavoro che volevamo, sapendo che faremo sicuramente sacrifici - dice - ma vogliamo rischiare e metterci in gioco per una vera soddisfazione professionale e la cooperativa è una forma di impresa snella, dove i rapporti sono democratici ed è quindi utile per i giovani che vogliono intraprendere una esperienza di lavoro autonomo per costruire il proprio futuro.

5 Alleanza 5 >> Alleanza Cooperative Italiane >> Alleanza Cooperative Italiane >> Alleanza Cooperative Pesca ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE Dall Argentina nuove opportunità per la cooperazione italiana Italia-Argentina, un alleanza per la cooperazione. Nei giorni scorsi si è svolta una missione che, sostenuta dal Ministero dello Sviluppo economico, ha portato in Italia una delegazione di 16 dirigenti cooperativi argentini in rappresentanza di altrettante organizzazioni e imprese dei principali settori cooperativi di quel Paese, ospiti di Legacoop e Confcooperative. La cooperazione italiana ed argentina hanno una lunga storia di rapporti e collaborazioni che hanno visto impegnati, nel corso degli anni, molti cooperatori dei due Paesi, provenienti da settori, regioni e territori diversi. La delegazione argentina era guidata dall amministratore di Cooperar, l organizzazione nazionale delle cooperative argentine, Mario Descarga, accompagnato dai Presidenti delle Federazioni e delle imprese cooperative dei settori del credito, consumo, sanitario, turismo, agricoltura, assicurazioni, lavoro e servizi, energia, telefonia. Da parte italiana, oltre ai soggetti cooperativi e istituzionali promotori del progetto indicati sopra, hanno partecipato i rappresentanti delle strutture settoriali, di alcune regioni e delle imprese di Legacoop e Confcooperative dei settori omologhi. L iniziativa, nei suoi vari momenti organizzativi, tra cui anche incontri B2B e visite a cooperative delle due Organizzazioni italiane, è stata occasione di reciproco approfondimento della conoscenza ed ha permesso di porre le basi per future collaborazioni tra le Organizzazioni e le imprese cooperative dei due Paesi. Il programma generale, realizzato con il prezioso supporto organizzativo dell Agenzia ICE, ha avuto come evento centrale il workshop Italia e Argentina: quali spazi di collaborazione per le imprese cooperative? che si è tenuto presso la sede centrale dell ICE Agenzia a Roma. Il seminario è stato aperto dai saluti istituzionali di Maurizio Cotrona, della Direzione Generale Politiche Internazionalizzazione e Promozione degli Scambi del Ministero dello Sviluppo Economico, di Maria Carmela Ottaviano, Dirigente Ufficio Intersettoriale Grandi Progetti Internazionali dell ICE-Agenzia (in sostituzione del Direttore Giovanni Sacchi), da Gianna Perra, Ufficio Relazioni Internazionali Confcooperative (in sostituzione di Antonello Ciambriello). Sono poi intervenuti il Ministro Plenipotenziario dell Ambasciata argentina in Italia, Carlos Cherniak, il Segretario Socio-Economico dell Istituto Italo-Latino Americano (IILA), José Luis Rhi-Sausi, e il Direttore dell Ufficio ICE di Buenos Aires, Sergio La Verghetta,. i quali hanno presentato ai partecipanti il quadro politico, economico e sociale dell Argentina e, più in generale gli scenari dell America Latina, sottolineando l interesse con il quale moltissimi paesi guardano all esperienza cooperativa italiana anche in un ottica di promozione degli scambi e delle collaborazioni in ambito economico e commerciale. Il workshop ha affrontato varie tematiche: nella prima sessione, coordinata da Stefania Marcone, Responsabile Ufficio Relazioni Internazionali, Internazionalizzazione e Politiche Europee si è discusso di Internazionalizzazione e Innovazione Cooperativa: opportunità di partenariati nell ambito dei rapporti tra sistemi Paese con il contributo di Filomena Maffullo Cooperativa Città Solidale, Simone Mattioli, Presidente Consorzio Indaco, Marcelo O. Gallo, Presidente Federazione Argentina Cooperative Elettriche e Servizi Pubblici (FACE). Nella seconda sessione, coordinata da Alberto Zevi, Presidente Centro Studi Legacoop, si sono affrontati i temi legati alle Esigenze finanziarie e strumenti di sostegno per le imprese italiane ed argentine nell ambito degli scambi commerciali tra i due Paesi con il contribuito al dibattito, presentando le rispettive esperienze e riflessioni in materia di: Juan Lopez, Responsabile Servizio Studi e Ricerche, Federcasse Confcooeprative; Elisa Bottoni, Ufficio Relazioni Internazionali, ICCREA Holding ; Dora Iacobelli, Direttore Progetti Coopfond e Vice Presidente Legacoop; Alberto Bavestrello, Consigliere FAC CREDITO; Dario Dofman, CEO Fondazione Banco CREDICOOP; Antonio Massoli Taddei, Responsabile SACE Training e Carlo De Simone, Responsabile Relazioni Istituzionali e Studi Simest. Il Vice Presidente di Legacoop, Giorgio Bertinelli, nel concludere il workshop ha sottolineato i valore delle reti cooperative nella promozione della conoscenza e dell innovazione come pure l importanza del la-

6 6 voro di affiancamento e supporto da parte delle Istituzioni dei due Paesi nella promozione degli scambi. ALLEANZA COOPERATIVE ITALIANE Impresa sociale, firmato protocollo d intesa con Unioncamere Garantire l assistenza tecnica alla nascita di nuove imprese offrendo il supporto per elaborare il piano d impresa; assicurare la formazione imprenditoriale e manageriale necessaria allo start-up; mettere a disposizione strumenti di assistenza tecnica per stabilire rapporti con i confidi e le banche, in particolare per l accesso al microcredito. Sono questi i principali contenuti del protocollo d intesa firmato il 17 giugno a Roma - nel corso dell assemblea di Confcooperative- Federsolidarietà dal Presidente di Unioncamere,Ferruccio Dardanello e dal Portavoce dell Alleanza delle Cooperative Italiane Settore sociale, Giuseppe Guerini anche in rappresentanza di Paola Menetti, presidente di Legacoopsociali ed Edoardo De Crescenzo, presidente AgciSolidarietá. L impresa sociale è un tassello indispensabile al tessuto produttivo del Paese ha detto il Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, questo modo di fare impresa ha dimostrato di tenere i livelli occupazionali meglio di altre forme e, anzi, di dare opportunità a chi ha perso un lavoro. E la base di un nuovo welfare comunitario che va realizzato per intercettare i nuovi bisogni della società e rispondere con le soluzioni più appropriate. Il protocollo di oggi rafforza una collaborazione già solida tra sistema camerale mondo della cooperazione e che sta dando frutti concreti. Per il progetto Start up imprenditoria sociale cui hanno aderito 38 Camere di commercio - abbiamo ricevuto oltre 500 idee imprenditoriali valide. Grazie al Protocollo potremo supportarle meglio. Sulla base del protocollo ci impegniamo a favorire affiancamenti (mentoring) tra imprese sociali nascenti e imprese già attive, disponibili a favorire il decollo e a offrire l assistenza a tutte le start up sociali per le procedure di costituzione e per la redazione e la predisposizione dell atto costitutivo e dello statuto, dice Giuseppe Guerini, portavoce dell Alleanza delle Cooperative Sociali. Nell ambito dell intesa della durata di tre anni - Le parti si impegnano a costituire un Gruppo di lavoro composto indicativamente da tre rappresentanti di Unioncamere e tre rappresentanti dell Alleanza Cooperative Italiane Settore Sociale per l attuazione di quanto previsto nel presente protocollo. I componenti del gruppo opereranno a titolo gratuito e avranno anche il compito di proporre possibili ulteriori linee di collaborazione tra Unioncamere e l Alleanza Cooperative Italiane Settore Sociale. ALLEANZA COOPERATIVE PESCA Presentazione dei Piani di Gestione nei compartimenti pugliesi Sei compartimenti marittimi pugliesi con circa imbarcazioni e oltre 3000 mila addetti (indotto escluso) per un fatturato complessivo di circa 180 milioni di euro. Un settore cruciale dell economia pugliese, con caratteristiche fortemente diversificate, per il quale la sperimentazione di Piani di Gestione Locali della Pesca è strategia efficace per valorizzare la risorsa mare, tutelando la produttività delle imprese di pesca, i posti di lavoro e scongiurando il rischio di collasso dell intero settore. Nei compartimenti marittimi di Bari, Manfredonia, Brindisi, Molfetta, Gallipoli e Taranto, le tre principali centrali cooperative, Legacoop Pesca, Confcooperative Federcoopesca e Agci Agrital, insieme a Federpesca (con un Intervento finanziato dal FEP Puglia Misura Progetti Pilota), hanno sperimentato Piani di Gestione Locali, per l autoregolamentazione dello sforzo di pesca, perché, come è stato più volte sottolineato, non possono essere definite regole senza la partecipazione e la condivisone dei pescatori. Una sperimentazione che si è posta l obiettivo di verificare le possibili soluzioni alle criticità del settore e di rispondere concretamente a una crisi che ha una portata nazionale e che investe tutta la filiera ittica: -31% in 10 anni i ricavi di impresa,- 38% l occupazione,- 48% la produzione. E stata una scelta importante e, direi, anche coraggiosa - ha esordito il portavoce delle organizzazioni di rappresentanza, Angelo Petruzzella -, presa dall Associazione delle Cooperative Italiane della Pesca, insieme a Federpesca, ovvero di affrontare una problematica così difficile e complessa, in una fase drammatica che da anni ormai vive il settore pesca in Italia e in Puglia. Prima criticità, e punto di partenza del lavoro, ha riguardato le regole di pesca profondamente diverse tra la parte nord della Puglia (compartimenti di Manfredonia, Molfetta e Bari) e la parte sud (compartimenti di Brindisi, Gallipoli e Taranto), che ha determinato la necessità di individuare ipotesi di lavoro diverse, per l autoregolamentazione dello sforzo di pesca, nelle due aree geografiche. I progetti sperimentali in ciascuno dei compartimenti pugliesi pilota hanno fatto emergere ulteriori elementi di criticità e, di conseguenza, proposte di intervento propedeutiche all attuazione di piani di gestione locale in Puglia (che, com è noto, possono essere presentati solo se hanno l adesione del 70% delle imprese di pesca): la necessità, già da tempo avanzata dalle Associazioni, di includere il settore pesca nel sistema di ammortizzatori sociali in vigore per il settore agricolo ( è stata denunciata la man-

7 7 cata liquidazione della cassa integrazione straordinaria relativa al fermo 2013). Bisogna incrementare le risorse a sostegno delle imprese che aderiscono a forme di autoregolamentazione dello sforzo di pesca, quelle previste dalla nuova regolamentazione comunitaria (FEAMP) sono assolutamente insufficienti. Occorre intensificare e concentrare le risorse del prossimo FEAMP sulla valorizzazione del prodotto, soprattutto vendita diretta e condizionamento del prodotto (pre-lavorazione). Con interventi a favore, in primis, delle imprese di pesca. Serve un piano di controllo stringente, forte, concreto, che elimini le attività illegali della pesca non professionale. Una semplificazione degli adempimenti amministrativi, burocratici, di controllo delle attività di pesca. Obiettivo dei Piani di Gestione nei compartimenti pugliesi non è solo quello di salvaguardare la risorsa mare, ma anche di preservare il lavoro di tutti coloro che sono impiegati nel settore. Sono in gioco posti di lavoro, il reddito di famiglie e la gestione di un bene e una risorsa comune che è patrimonio vitale per l intero Paese. Contro ogni forma di illegalità.

8 Legacoop 8 >> Coop Comunità >> Coop Comunità COOP COMUNITÀ Si di Anas al sindaco Castelli, casa cantoniera diverrà cooperativa Dopo Bobbio la statale 45 ci regala dei panorami mozzafiato sui meandri del fiume Trebbia. Ma nel Piacentino, in località Rovaiola di Cortebrugnatella, quella casa cantoniera, di proprietà dell Anas, che cade a pezzi, non è un bel vedere. In passato questi edifici erano concessi come alloggio ai cantonieri ai quali Anas affidava i lavori di manutenzione e presidio delle strade. Oggi questi servizi sono assegnati a terzi e molte delle case cantoniere sparse su tutto il territorio nazionale sono perlopiù abbandonate. Ma c è chi, per fortuna, ha visto, nei resti di quella costruzione fatiscente, sulle rive del fiume, una opportunità per costruire futuro. Chi quel territorio lo vive tutti i giorni e ne conosce limiti e potenzialità. Nel nostro territorio abbiamo degli indici demografici che registrano una elevatissima presenza di persone anziane rispetto a quella dei giovani. Siamo in presenza di una vera e propria desertificazione umana. C è una forte necessità di creare occupazione giovanile; per questo dobbiamo fermare i pochi giovani rimasti mettendo in atto tutto quello che può essere fatto su questo versante - dichiara il sindaco di Cerignale Massimo Castelli - Le comunità montane in Emilia Romagna - prosegue - che dopo la riforma del Rio si sono trasformate in Unioni Montane, oltre ad avere il compito di presidiare e promuovere lo sviluppo socio economico dei territori montani, in applicazione delle nuove leggi dei riordini territoriali e delle gestioni associate, devono seguire di fatto, per conto dei comuni aderenti, le gestioni dei servizi associati, dallo scuola bus agli uffici tecnici etc. La burocrazia della pianificazione territoriale - sottolinea - purtroppo incide moltissimo sul versante dello sviluppo. Nei territori di montagna, dove esistono vincoli legati per natura al territorio stesso, come il dissesto idrogeologico etc, a fronte della realizzazione di un opera o di un intervento c è bisogno di particolari autorizzazioni da parte degli enti preposti come, Regione, Provincia, Sovraintendenza, che devono dare i loro pareri senza essere in contrasto con la pianificazione territoriale. Un anno fa - prosegue Castelli - ho partecipato ad un convegno organizzato sull Appennino Reggiano dalla cooperativa di comunità i Briganti di Cerreto e da lì è nata l idea che bisognava darsi da fare. La nostra bellissima statale, che collega Genova alla Pianura Padana, è molto frequentata da turisti; il fiume Trebbia è balneabile e fornisce grande utenza ma c è carenza nella zona di punti di ristoro e strutture che siano in grado di dare servizi adeguati ai turisti. Vivo il territorio e ritengo che le case cantoniere dell Anas seppur abbandonate e fatiscenti siano costruzioni degli anni 30 di un certo pregio e spesso ubicate in punti strategici da poter essere sfruttate turisticamente al meglio. Tempo fa in qualità di Presidente dell Unione Montana - puntualizza - ho inviato una lettera ad Anas, dove chiedevo la possibilità di utilizzare la casa cantoniera. Il Responsabile nazionale del patrimonio di Anas mi ha convocato a Bologna la scorsa settimana confermando la fattibilità della mia idea. Mediante una convenzione prima ed una concessione poi Anas potrà cedere all Unione montana l immobile. L ente dovrà agganciarsi ai prossimi fondi di aree interne o i prossimi psr, ristrutturare e valorizzare l edificio per trasformarlo in un punto di ristoro con ristorate e Ostello e costituire una cooperativa di comunità di giovani che lo gestisca; ed in futuro si potrebbe pensare a puntare ad un turismo di comunità e alla creazione di alberghi diffusi. Il progetto della prima cooperativa di comunità dovrebbe nascere in collaborazione con Policoro, un progetto organico della Chiesa italiana, attivo nella Diocesi di Piacenza-Bobbio, che mira al sostegno dei giovani in cerca di lavoro e alla valorizza-

9 Legacoop 9 zione delle loro potenzialità e delle risorse del territorio attraverso percorsi di formazione e animazione territoriale. In quest area a forte deficit di sviluppo- conclude il sindaco - la casa cantoniera rappresenterà davvero la casa, il luogo fisico dove la cooperativa di comunità potrà partire. Vogliamo fornire ai giovani una opportunità, l ipotesi di un lavoro. Ma l impegno ce lo devono mettere loro. Regaleremo loro una macchina per permettergli di viaggiare. COOP COMUNITÀ Alberobello, questionario Verso la cooperativa di comunità Considerata in tutto il mondo la capitale dei Trulli, tra i 49 siti italiani inseriti dall Unesco nella World Heritage List, la cittadina dell entroterra barese, attraverso un percorso di cittadinanza attiva, lancia l opportunità alla comunità: attraverso la compilazione del questionario Alberobello mi piace?, e alla possibilità di segnalare i propri bisogni personali, mira alla costituzione di una cooperativa di comunità. Il progetto Verso una cooperativa di comunità, nato dall idea di un gruppo di giovani alberobellesi è finanziato dalla Regione Puglia nell ambito di Piccoli sussidi 2014 ; ha visto la collaborazione dell Università degli Studi di Bari nello studio e nella costruzione del questionario ed è patrocinato dall O.d.V. E.S.A.S Consultorio Familiare Diocesano. Il progetto intende stimolare i cittadini ad essere protagonisti attivi per lo sviluppo della città di Alberobello, inserirli in un sistema sociale che impegni loro a dare una risposta ai bisogni rilevati dal questionario che tratterà tematiche fondamentali; dall assetto urbanistico, la presenza di parcheggi e spazi verdi, l efficacia dei collegamenti con le zone periferiche della città e con i paesi limitrofi, la qualità dei servizi scolastici etc. La forma di partecipazione al questionario è anonima e volontaria e la popolazione sarà informata per partecipare alla restituzione dei risultati. A tal proposito è utile ricordare che la Regione Puglia, rappresenta la prima realtà in Italia ad aver approvato una legge sulle cooperative di comunità definendole lo strumento aggregativo attraverso il quale i cittadini si associano per svolgere l attività di interesse generale. Il progetto Cooperative di Comunità deve riconoscere la centralità del capitale umano, il che significa impostare modelli organizzativi e gestionali che favoriscano la partecipazione di tutti i cittadini attivi come soci. La cittadinanza attiva, dunque, come valore per riscoprire il senso di comunità, attraverso la tradizione mutualistica e cooperativa.

10 Settori 10 >> Legacoop Sociali LEGACOOPSOCIALI Impresa sociale, un master di alta formazione Promosso da Human Foundation e sostenuto da Fondazione Vodafone Italia, la prima edizione dell Executive Master in Social Entrepreneurship (EMSE) - MHUSE è realizzata da ALTIS Università Cattolica in collaborazione con - LUISS, - Politecnico di Milano, - Digital Accademia per offrire una formazione manageriale alle imprese non profit, cooperative sociali, associazioni, ONG, ONLUS, fondazioni ecc., operanti in qualsiasi ambito di attività. Per i primi 30 iscritti che superano la selezione, è disponibile un contributo offerto da Human Foundation del valore di 5.000, a parziale copertura della quota di partecipazione. Emse è in collaborazione con Legacoopsociali e Confocooperative, partner ufficiali, e vede la mediapartner di quotidiano on line della cooperazione sociale. Scarica i documenti utili: 1) qui 2) qui Altre informazioni su

11 Territori 11 >> Alto Adige-Südtirol >> Liguria >> Veneto >> Veneto >> Emilia Romagna >> Romagna >> Toscana >> Campania >> Puglia >> Calabria >> Sardegna >> Ferrara >> Ferrara >> Reggio Emilia >> Parma >> Grottammare >> Ragusa ALTO ADIGE-SÜDTIROL Legacoopbund aumenta il numero degli occupati È stato presentato il 12 giugno il bilancio sociale dell associazione di cooperative Legacoopbund - 21 nuove cooperative e più di occupati Le cooperative associate a Legacoopbund si presentano in controtendenza rispetto alla crescente disoccupazione registrata in Alto Adige negli ultimi anni: Dal 2009 ad oggi il numero complessivo degli occupati nelle cooperative di Legacoopbund è rimasto pressoché invariato ed ha addirittura registrato un lieve aumento. Nel 2013 le 190 cooperative associate a Legacoopbund contavano occupati, nel 2009 erano Anche i risultati del recente rapporto sulla cooperazione di Euricse avevano rilevato dati postivi rispetto all occupazione: secondo questo studio tra il 2008 e il 2011 il numero degli occupati nelle cooperative altoatesine è aumentato del 6,34%. Abbiamo notato negli ultimi anni un crescente interesse per la cooperazione, afferma Heini Grandi, Presidente di Legacoopbund: L anno scorso abbiamo sostenuto la costituzione di 21 nuove cooperative, quasi il doppio dell anno precedente. Questo dimostra che le persone sono alla ricerca di modelli economici alternativi che pongono la persona e non la massimizzazione del profitto al centro del proprio agire e che le cooperative sono una forma d impresa in grado di rispondere ai bisogni attuali della società. Con il sostengo dello sportello di consulenza Coop- Point di Legacoopbund quest anno sono già state costituite 11 nuove cooperative. Nelle cooperative la gestione democratica e il coinvolgimento dei soci nell attività d impresa sono una buona base per lo sviluppo di nuove idee e progetti, spiega Heini Grandi: L innovazione è posta in primo piano dalle cooperative; lo confermano le neocostituite imprese cooperative che lavorano nei settori della ricerca, dell innovazione e della green economy. Ne è un esempio la cooperativa di ricerca e innovazione sociale Sophia o la cooperativa Green Evolution attiva nel settore dello sviluppo di prodotti e servizi a basso impatto ambientale. I 131 milioni di euro di valore della produzione delle cooperative associate a Legacoopbund sono una prova del fatto che le cooperative stanno percorrendo la via giusta. Creare un plusvalore per la comunità locale è lo scopo delle cooperative ed in particolare delle cooperative sociali nelle quali durante il persone svantaggiate hanno trovato un lavoro ed altre 104 hanno svolto un tirocinio. Conciliare impegno sociale e risultati economici sembra essere la specialità delle cooperative. LIGURIA A Goteborg decolla coordinamento europeo per le nuove cooperative Il supporto per la creazione di nuove cooperative si coordina in Europa. A Goteborg i partecipanti al progetto Coopstarter, coordinato a livello europeo da Legacoop Liguria, si sono riuniti per mettere a punto gli strumenti e le metodologie per favorire la crescita di nuove imprese. Un confronto tra i diversi partners - Confcooperative Emilia Romagna, Kooperationen (DN), Coompanion (SE), Cooperatives Europe (BE), NABCO (IRE), Febecoop (BE) e K.A.P.A. Network ( EL), oltre ovviamente a Legacoop Liguria - che ha permesso di condividere una metodologia comune di azione per affrontare il problema della disoccupazione giovanile che non è un problema solo italiano. Per raggiungere questo obiettivo abbiamo analizzato alcuni casi specifici e le migliori metodologie applicate nei diversi paesi commenta Paola Bellotti, responsabile dell area finanza e del progetto Coopstarter per Legacoop Liguria -. Quali sono le principali barriere per le start up europee? In prima battuta le barriere legali come la burocrazia che ammazza la voglia di fare impresa, quindi la difficoltà di trovare capitale

12 Territori 12 di rischio visto che i giovani hanno difficoltà ad investire direttamente o a trovare finanziatori terzi, a cominciare dalle banche. Una due giorni a Goteborg che ha permesso di conoscere da vicino una cooperativa sociale di tipo b che integra nel mondo del lavoro donne provenienti da paesi in conflitto, come Iraq o Siria; oppure una cooperativa finanziata attraverso il crowdfunding che ha permesso ad una compagnia teatrale di gestire uno spazio proprio dove organizzano spettacoli di improvvisazione, corsi di teatro, cene e aperitivi. Un occasione, quella del crowdfunding, conclude Paola Bellotti che riteniamo sia fondamentale come elemento di sostegno per la nascita di nuove cooperative. Ormai sono molti i casi di successo e grazie a Coopstarter vorremmo confrontarci con i principali esperti di questo settore per capire come realizzare una piattaforma a livello europeo. Al meeting di Goteborg di Coopstarter, un partnerariato che nasce all interno del Progetto Up promosso da Legacoop e incentrato sulle azioni di promozione verso i giovani, hanno partecipato per la Liguria anche Lorenzo Novaro della Cooperativa Diciannove, Katia De Luca di Legacoop Puglia e di Generazioni e Stefano Calvillo, progettista di Coserco. VENETO Mauro Lusetti in visita alla Nuova Cooperativa Lavoratori Zanardi Nel pomeriggio di venerdì 13 giugno il presidente di Legacoop nazionale Mauro Lusetti ha incontrato la neonata Cooperativa Lavoratori Zanardi, associata a Legacoop Veneto, nata da un operazione che vede un gruppo di ex dipendenti rilevare l attività dell azienda fallita. La visita si è svolta presso lo stabilimento di via Venezuela a Padova: presenti alcuni soci lavoratori tra cui Pietro Del Popolo, presidente e già general manager dell ex gruppo editoriale Zanardi, e Mario Grillo, componente del consiglio di amministrazione della coop (e prima amministratore unico dell azienda), oltre al presidente di Legacoop Veneto Adriano Rizzi e a Devis Rizzo, responsabile del Settore Produzione e lavoro, che ha accompagnato l intero percorso dal momento in cui si è profilata l ipotesi della costituzione in coop. «Quello della mancanza di lavoro è un dramma che vivete sulla vostra pelle e da lungo tempo» ha esordito Lusetti continuando: «Anche per questo, come movimento cooperativo dobbiamo prestare particolare attenzione alle nuove cooperative e imprese, così come al sostegno e allo sviluppo di settori emergenti. Il workers buy out in questo senso è una delle risposte più belle, valide e significative: lavoratori e maestranze che mettono a rischio tutto ciò che hanno per rilevare l attività delle aziende in crisi. Quando le persone si mettono in gioco in prima persona è fondamentale sentire il sostegno, l appartenenza ad un gruppo: questo è il senso vero dell essere parte del sistema cooperativo, specie in giorni come questi, in cui alla ripresa che ci dicono sia prossima ognuno di noi vuole credere, nonostante non se ne vedano ancora i segnali». Durante l incontro è stato tracciato un primo bilancio sull attività di rilancio avviata per l appunto attraverso il processo di workers buy out, che ha portato alla firma dell atto costitutivo della cooperativa il 25 maggio. Proprio negli scorsi giorni sono cominciate le trattative con i potenziali finanziatori, ai quali è stato presentato il business plan: «Gli esiti di queste azioni iniziali sono positivi: procediamo spediti col progetto» spiega Rizzo. «A breve interloquiremo con altri potenziali soggetti investitori, a partire da Veneto Sviluppo, per arrivare quanto prima alla stipula di un contratto di affitto o acquisto della sede dell ex Zanardi e riavviare la produzione». «Noi vogliamo esservi accanto in tutti i modi possibili: dal supporto finanziario alla vicinanza morale» ha affermato Lusetti. «Sono qui per testimoniarvi questa vicinanza, a nome di tutta l organizzazione: noi ci siamo, siamo con voi. Siete diventati un caso mediatico, ma io avevo bisogno di conoscervi, di incontrarvi personalmente: ho deciso di andare a visitare una realtà al mese sul territorio, proprio poiché sento nel profondo che il mio ruolo non è seduto a Roma ma fra i soci, le cooperative, a capire ciò per cui vale la pena combattere, a toccarlo con mano. Nell ultimo anno sono nate quasi una trentina di esperienze come la vostra, grazie alle quali si stanno recuperando circa un migliaio di posti di lavoro. Dunque non siete rimasti una realtà isolata, ma avete lasciato dietro di voi una scia importante». Fondo di solidarietà residuale Inps, Legacoop Più ombre che luci Preoccupazione per il fondo di solidarietà residuale istituito presso l INPS dal Governo ai sensi dell art.3, comma 14 della legge 92/12 (Legge Fornero). Scendendo nel dettaglio, nel fondo - gestito con il vincolo di pareggio di bilancio da un comitato di gestione paritetico -, afferirà anche la cooperazione, dunque le imprese con più di quindici addetti che non sono tenute al versamento dei contributi Cigo e Cigs all Inps. La funzione è di integrare i salari in caso di riduzione dell orario di lavoro - secondo le medesime causali di Cigo e Cigs - per un tempo di tre mesi continuativi (e un massimo complessivo di nove mesi in un biennio). Il valore economico delle prestazioni corrisponde ai massimali della Cig, e similmente prevede la copertura previdenziale dei periodi di calo di lavoro mediante l integrazione del fondo. «Ciò che preoccupa - afferma Nicola Comunello, responsabile delle Relazioni industriali dell associazione - è l onere di versamento che spetta (retroattivamente) alle aziende: dal primo gennaio 2014 infatti per ciascun lavoratore delle imprese con più di quindici addetti le cooperative dovranno versare al fondo un contributo addizionale dello 0,5% del salario. In caso di utilizzo concreto delle prestazioni del fondo invece, le aziende con meno di cinquanta addetti dovranno versare un contributo per singolo dipendente beneficiario pari al 3%

13 Territori 13 del salario; mentre per quelle con più di cinquanta addetti, il contributo cresce fino al 4,5%». Conclude Comunello: «Imporre alle imprese, già provate da una lunghissima e pesante crisi, questo tipo di costi aggiuntivi, rischia di rendere ancora più ardua la loro sopravvivenza sul mercato, in particolare per le cooperative che versano in maggiore difficoltà. Con il potenziale effetto paradossale di una grande ondata di licenziamenti. Speriamo quindi nella revisione del decreto in direzione di un abbassamento degli oneri». VENETO Continuano le esperienze di workers buy out Dopo la D&C Modelleria Società cooperativa di Vigodarzere (nel Padovano) nata dal fallimento dell ex Modelleria Quadrifoglio Srl, e la Cooperativa Lavoratori Zanardi - sempre di Padova - costituitasi per rilanciare l attività in crisi del Gruppo editoriale Zanardi, questi giorni hanno visto la costituzione una terza cooperativa sempre di Legacoop Veneto (sono in fase di conclusione le pratiche di adesione all associazione), ancora attraverso un processo di workers buy out. Si tratta della Kuni, nata dal fallimento della MoRuPa, con sede a Giacciano con Baruchella, nel rodigino, azienda con una trentina di addetti specializzata nella produzione di arredamenti in legno su misura sia per la casa (cucine, camere da letto, pareti attrezzate, mobili per il bagno,.) che per il settore navale (in particolare il nel comparto crocieristico) e quello del contract. Una decina i lavoratori che si son già costituiti in cooperativa e stanno progettando una partnership con la coop C.O.F.A di Saonara (Padova) che produce arredi interni, realizzati in metallo, per navi da crociera. Una sinergia che genererebbe una massa critica in grado di aggredire questo specifico segmento di mercato con un offerta completa per i materiali utilizzati. Già contattati Coopfond e CFI: la Cooperazione Finanza Impresa, in particolare, ha deliberato una prima tranche di finanziamento pari a 50mila euro destinata alla fase iniziale di start up. Come nel caso della Cooperativa Lavoratori Zanardi anche i soci della Kuni che avranno la possibilità di farlo metteranno a capitale l anticipo dell indennità di mobilità. EMILIA ROMAGNA Rifiuti, innovativo accordo tra Regione e Legacoop Dopo l accordo per il recupero delle materie plastiche sottoscritto ad aprile, la Regione Emilia-Romagna aggiunge un nuovo tassello alla lotta alla produzione dei rifiuti, suggellando un innovativa intesa con Legacoop Emilia-Romagna la quale associa alcune delle più importanti insegne della distribuzione organizzata sul territorio regionale. L accordo con Legacoop ed Atersir, sottoscritto il 17 giugno nella sede di Legacoop a Bologna, riconosce i punti vendita come luoghi strategici in cui attuare politiche di recupero e prevenzione, in cui è possibile agire sulle scelte di consumo dei cittadini ma anche dove vengono attualmente prodotti grandi quantitativi di rifiuti, non solo da imballaggio. L accordo si inserisce nelle nuove politiche regionali di prevenzione dei rifiuti, parte integrante del nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti (Prgr), che si pone come obiettivo una riduzione della produzione dei rifiuti pari al 20-25% entro il 2020 e che riconosce proprio nelle intese pubblico-private un efficace strumento per perseguire tale ambizioso target. «Lavorare con il sistema della distribuzione organizzata nella nostra regione afferma il sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna, Alfredo Bertelli significa poter contare su un partner che storicamente ha dimostrato una forte sensibilità e un deciso impegno sul fronte ambientale. Con questa intesa si vuole capitalizzare l esperienza consolidata nel corso degli anni, consentendo di sistematizzare e diffondere quanto di buono è stato fatto e al contempo progettare e avviare insieme nuovi percorsi virtuosi». «Le nostre associate sono da tempo impegnate su questo terreno con vantaggi evidenti per tutti ha detto Giovanni Monti, presidente di Legacoop Emilia-Romagna. L accordo è uno stimolo a fare di più e meglio. All azione di contenimento e riuso dei rifiuti dovrebbe tuttavia corrispondere una più decisa politica di agevolazioni tariffarie che premi i più virtuosi e valorizzi in generale le iniziative di prevenzione e di recupero, in particolare quelle a forte valenza sociale». La definizione delle singole azioni da intraprendere è affidata a specifici accordi di dettaglio, che potranno dare operatività a progetti molto diversi tra loro e che vedranno la luce nei prossimi mesi, come frutto dell attività di appositi gruppi di lavoro tematici. Questi affronteranno argomenti di grande rilevanza e attualità quali il recupero dei beni non commercializzabili, esperienza che ha già dimostrato enormi potenzialità in alcuni territori (più di tonnellate di merce recuperata e donata in un anno a oltre persone); il recupero degli oli alimentari esausti; un sistema di qualificazione ambientale dei punti vendita, che ne innalzerebbe complessivamente le prestazioni ambientali migliorando non solo l aspetto legato ai rifiuti. L accordo è stato sottoscritto alla presenza dei rappresentanti dei soggetti firmatari: il sottosegretario Bertelli, il direttore generale Ambiente della Regione Emilia-Romagna Giuseppe Bortone, il direttore di Atersir Vito Belladonna e il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti. ROMAGNA Tagli ai servizi sociali? Le coop scrivono ai sindaci «Chiediamo ai Sindaci della Romagna di pronunciarsi con chiarezza sulla nuova spending review prevista dal Governo Renzi: dobbiamo aspettarci nuovi tagli ai servizi sociali?». AGCI, Confcooperative e Legacoop esprimono la forte preoccupazione delle cooperative sociali sul Decreto Legge 66 varato lo scorso aprile. La norma prevede la possibilità per le amministrazioni pubbliche di «ridurre gli importi dei contratti in essere aventi ad oggetto acquisto o fornitura di beni e servizi, nella misura del 5 per cento, per tutta la durata residua dei contratti medesimi».

14 Territori 14 A livello nazionale l Alleanza delle Cooperative Italiane ha già provveduto a presentare una proposta di emendamento, chiedendo che siano esclusi dal provvedimento i servizi di natura socio-sanitaria e assistenziale rivolti alle persone e quelli che hanno per finalità l inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Si cerca in tal modo di evitare che la riduzione del 5% porti a una diminuzione drastica della quantità e soprattutto della qualità delle prestazioni, nonché a una contrazione dell occupazione, essendo questi settori caratterizzati da una elevata intensità di lavoro. In questo momento però la palla è in mano ai Sindaci. «Facciamo affidamento sulla volontà politica delle amministrazioni locali di considerare quanto previsto nel DL 66 per quanto realmente è, vale a dire una facoltà e non una imposizione di un obbligo», commentano le centrali cooperative delle tre province della Romagna. Lo stesso testo normativo, infatti, attribuisce inoltre alle parti la «facoltà di rinegoziare il contenuto dei contratti, in funzione della suddetta riduzione» e di stipulare nuovi contratti accedendo a convenzioniquadro di Consip S.p.A., a quelle di centrali di committenza regionale o tramite affidamento diretto nel rispetto della disciplina europea e nazionale sui contratti pubblici. «Continuiamo ad essere convinti che la spesa pubblica vada riqualificata e non solo tagliata», precisano le centrali cooperative. «Occorre sì intervenire su sprechi e inefficienze, ma questi non possono essere genericamente affrontati con la scure dei tagli lineari, come avvenuto anche in passato. A nostro avviso, invece, andrebbero riviste le modalità organizzative tra pubblico e privato sociale, liberando in questo modo maggiori risorse con le quali rendere i servizi stessi più efficienti, I servizi alla persona andrebbero salvaguardati maggiormente in quanto proprio per la loro specificità sono solo parzialmente regolati da prezzi di riferimento e esclusi dall obbligo del ricorso a Consip. I costi per il lavoro e per la sicurezza, che rappresentano la maggiore voce di spesa nelle nostre cooperative sociali, sono costi che non possono essere compressi o decurtati, se non con conseguenze inaccettabili». «Auspichiamo che durante l iter di approvazione del Decreto Legge vengano recepite le sollecitazioni avanzate in tal senso dalle centrali cooperative a livello nazionale», aggiungono. «Temiamo infatti si tratti di un nuovo colpo al nostro welfare e per la tenuta dei servizi alle persone e del lavoro in un settore delicato come quello delle prestazioni socio-sanitarie e dell inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Il possibile taglio rischia di creare contrazioni nella quantità, e nella qualità dei servizi, a discapito dell occupazione. Stiamo parlando di settori delicati come l assistenza agli anziani, ai disabili, l educazione dei minori e l inclusione lavorativa delle fasce deboli». TOSCANA Toscana: costituito Generazioni network under 40 di Legacoop Si è costituito il 13 giugno a Firenze, Generazioni Toscana, il network under 40 dei giovani cooperatori di Legacoop. Tra gli obiettivi principali del nuovo gruppo, quello di proporre agli organismi dirigenti possibili politiche e strumenti di sviluppo, innovazione e sostenibilità, con particolare attenzione ai temi del ricambio generazionale, della formazione e della crescita dei cooperatori, promuovendo la cultura e il modello cooperativo tra i giovani. I cooperatori riunitisi in assemblea hanno eletto all unanimità come coordinatore regionale Sara Guidelli (Resposabile settore industriale in Arcpl Toscana). Per quanto riguarda invece l esecutivo, votato anch esso all unanimità, sono stati eletti: Guido Bassi (Cesvip), Giacomo Giusti (Consorzio Pegaso), Barbara Fortini (Cla1921), Dario Santillo (coop Biolabor), Sara Cavallini (coop 21/coop Wipala), Lucia Arcangioli (coop Beta) e Andrea Rapisardi (coop Lama). «Il nostro obbiettivo di giovani cooperatori toscani ha sottolineato Sara Guidelli nel corso dell incontro - non è quello di arrivare tranquilli ai 41 anni ma quello di giungere a essere non più giovani avendo lavorato per il raggiungimento di un risultato: essere stati protagonisti nella costruzione di un nuovo modello di movimento cooperativo italiano e aver contribuito alla promozione di una cultura che rimetta la persona, il lavoro e la cooperazione al centro delle dinamiche di sviluppo». Hanno partecipato ai lavori dell Assemblea anche il coordinatore nazionale di Generazioni, Matteo Ragnacci, e il presidente di Legacoop Toscana, Stefano Bassi. La ricerca sui lavoratori delle cooperative aderenti a Legacoop Lavorare in cooperativa. Partecipazione e qualità del lavoro in tempi di crisi. Questo il tema della ricerca sui lavoratori delle cooperative aderenti a Legacoop Toscana, che verrà presentata a Firenze il 30 giugno, alle ore 9.30, presso la Sala Onice, Palazzo dei Congressi Firenze, (Piazza Adua 1). Presentazione Paolo Cantelli, illustrazione della ricerca sui lavoratori delle cooperative di Legacoop Toscana Tavola rotonda Franca Maria Alacevich, docente sociologia dei processi economici e del lavoro Università di Firenze Stefano Ciacci, presidente Coop Cellini Elena Lattuada, segretaria nazionale Cgil Eleonora Vanni, vicepresidente nazionale Legacoopsociali Presiede Stefano Bassi, presidente Legacoop Toscana CAMPANIA Presentazione accordo per interventi efficienza energetica Banca Prossima, Coopfond e la Cooperativa Manutencoop hanno creato uno strumento per permettere alle cooperative sociali e di abitanti di realizzare dei programmi di miglioramento dell efficienza energetica delle loro strutture, in modo da ridurre i costi energetici. Si tratta di uno strumento articolato, che garantisce un supporto completo, sia sul piano tecnico che su quello finanziario. In una prima fase dell intervento, Manutencoop offre alla cooperativa un qualificato audit energetico gratuito, in cui saranno indicati gli eventuali interventi necessari per il risparmio energetico. Micro interventi come sostituzioni di caldaie, installazione di

15 Territori 15 pompe di calore e simili, possono essere oggetto di questo strumento di sostegno. Nella fase successiva della realizzazione dell intervento, la cooperativa, per finanziare gli investimenti necessari, potrà avvalersi della convenzione tra Banca Prossima e Coopfond. Infatti, il progetto di investimento, una volta valutato e approvato da Coopfond e Banca Prossima, sarà finanziato in pool da questi ultimi. Per illustrare in modo approfondito e completo il progetto in Campania, Legacoop e Legacoopsociali regionali hanno organizzato un incontro con le cooperative interessate e con i partner del progetto che si terrà il 26 giugno, con inizio alle ore 11.00, presso Gesco (via Vicinale S. Maria del Pianto, 61 Complesso Polifunzionale Torre 1 p. 9 Napoli). Programma Saluti Sergio D Angelo, Direttore Gesco Mario Catalano, Presidente Legacoop Campania Luca Sorrentino, Responsabile Legacoopsociali Campania Introduzione Vanni Rinaldi, Responsabile Energia Legacoop Interventi Roberto Leonardi, Advisor Fondazione per l Innovazione Terzo Settore Gerardo Iula, Responsabile Coordinamento Commerciale Banca Prossima Dora Iacobelli, Direttore Coopfond Maurizio Bottaini, Responsabile Efficienza Energetica Manutencoop Matching cooperativo con Banca Prossima, Coopfond, Manutencoop PUGLIA Rating di legalità alle imprese Legacoop: Ottima norma ma... Una norma virtuosa ma che, di fatto, esclude la micro-impresa che, più di tutte, pur agendo in contesti di legalità, continua a subire gravi restrizioni, soprattutto rispetto all accesso al credito bancario. Così il responsabile dell ufficio Legislazione Lavoro Legacoop Puglia, Massimiliano Maggio, ai margini della Conferenza permanente provinciale in Prefettura, svoltasi a Bari il 18 giugno, per approfondire, alla presenza delle PP.AA. provinciali, insieme a sindacati, parti sociali e rappresentanti delle forze dell ordine, la disciplina e i criteri di attribuzione del rating di legalità alle imprese, in applicazione del decreto 20 febbraio 2014, n. 57. Riteniamo, come organizzazione di rappresentanza regionale delle cooperative, quanto un decreto siffatto, pur nella bontà degli obiettivi, releghi a una condizione di ulteriore marginalità realtà di micro impresa rispetto a quelle medie, piccole e, soprattutto, grandi, che concretamente vedranno semplificate le procedure per l accesso a finanziamenti pubblici e accesso al credito. Economie regionali del Sud, come la nostra, si reggono, soprattutto, sulle piccolissime imprese, già oberate da obblighi fiscali e contributivi. Incentivare, a buon diritto, grandi e medie imprese, dimenticando le altre, significa allargare il gap economico anche tra aree regionali. Con conseguenze irreparabili economiche e sociali. L auspicio conclude - è che vengano apportati emendamenti al decreto e al regolamento dell Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm), sì da permettere la valutazione di legalità anche alla micro-impresa. CALABRIA La solidarietà di Legacoop all azienda Guglielmo Pubblichiamo, di seguito, il messaggio di solidarietà inviato da Giuseppe Pellegrino, presidente di Legacoop Calabria, all azienda Giuliano. L attentato all azienda Guglielmo è un vile atto che non deve intimidire i titolari, i lavoratori e le loro famiglie; a tutti loro va la mia personale vicinanza, quella della Legacoop Calabria e dell interno settore della cooperazione. Purtroppo nella nostra regione, spesso, troppi e numerosi sono gli attacchi a coloro che decidono di non piegare la testa e rispondere alla illegalità con dignità, diritti e lavoro, lo sanno bene le nostre cooperative e i nostri soci soprattutto quelli che spendono la loro attività sui terreni confiscati alla criminalità organizzata. Sono fiducioso nell attività degli inquirenti che faranno luce sulla vicenda. L invito all azienda Guglielmo, e a Daniele Rossi che conosco personalmente, è di andare avanti con sempre maggiore determinazione e la consapevolezza del sostegno della gran parte dei calabresi che vogliono dire basta a malaffare ed illegalità. SARDEGNA Prorogate al 2020 le concessioni di pesca Il Consiglio Regionale ha approvato la Legge che proroga, anche per la Regione Sardegna, le concessioni ad uso di pesca e acquacoltura al 31/12/2020, modificando quanto legiferato in precedenza e parificando pertanto la normativa regionale a quella nazionale. In un primo momento la Regione Sardegna, unica in tutta Italia, aveva prorogato le concessioni demaniali solo fino al 31/12/2014 e pertanto, come affermano i rappresentanti di Federcoopesca Sardegna, Lega Pesca Sardegna, Agci Agrital Sardegna e Associazione Armatori Sardi, quello ottenuto con l approvazione di questa legge deve essere considerato un importante risultato che pone le basi per costruire, assieme agli operatori, una strategia politica a medio-lungo termine per una gestione razionale delle aree demaniali a fini di pesca e acquacoltura, partendo da un analisi dell esistente e tenendo in considerazione tutti gli aspetti produttivi, sociali, economici e ambientali. FERRARA Il 27 giugno seminario Cooperazione e territorio Cooperazione e territorio. Cooperative di consumo, case del popolo, cooperative arte e spettacolo rivivono per dare risposta ai nuovi bisogni: welfare, lavoro, cultura. Questo il tema al centro del seminario promosso da Legacoop Ferrara che si terrà il 27 giugno presso la Cooperativa di Consumo di Alberone (Alberone di Ro Ferrara). Esiste un patrimonio comune, fatto di edifici, storie, persone, esperienze, diffuso in tutta Italia, alla cui crescita hanno contri-

16 Territori 16 buito centinaia di cooperatori, che nelle Case del Popolo, nelle piccole Cooperative di Consumo, nelle Cooperative Arte e Spettacolo, hanno trovato soddisfazione ai propri bisogni. Economici, culturali, sociali. Un patrimonio che oggi tende ad essere dimenticato, sostituito da risposte più commerciali, standardizzate, spesso insoddisfacenti per chi vive nei luoghi periferici o spesso solo decentrati. A volte però le comunità hanno solo bisogno di ritrovarsi e di scoprire che i bisogni possono essere condivisi, così come le risposte. Legacoop Ferrara, in collaborazione con la Cooperativa Camelot, sta sperimentando percorsi di riattivazione delle comunità, a partire dalla valorizzazione del patrimonio cooperativo ancora presente, per trovare nuove risposte ai nuovi bisogni, con risultati incoraggianti. La Cooperativa di Consumo di Alberone, proprietaria di due immobili situati sotto l argine del Po, in una posizione strategica, dal punto di vista turistico, agricolo e paesaggistico, ha le carte in regola per diventare un laboratorio, in cui continuare a sperimentare, coinvolgendo tutti gli attori del territorio. Proprio per le sue caratteristiche sperimentali, l iniziativa si colloca all interno di un più ampio progetto nazionale di promozione di nuove cooperative per e con i giovani che fa perno sulle opportunità del territorio e sui bisogni delle comunità locali, sostenuto da Coopfond, il fondo mutualistico di Legacoop TAVOLA ROTONDA Antonio Giannini - Sindaco di Ro Ferrarese Introduzione e saluti Chiara Berteli - Legacoop Ferrara/Generazioni La risposta cooperativa ai bisogni del territorio, radici e prospettive Anna Baldoni - Cooperativa Camelot I percorsi di riattivazione delle comunità e il patrimonio cooperativo Maurizio Davolio - Legacoop Turismo II turismo di comunità Orazio Torri - Vicepresidente cooperativa Valle dei Cavalieri Community engagement e sviluppo di nuove attività - un caso di successo Aldo Soldi - Direttore Coopfond La promozione cooperativa come leva per lo sviluppo del territorio Il tramonto sulla destra Po Breve itinerario cicloturistico sul Po, dalla Cooperativa di Consumo di Alberone alla Casa del Popolo di Guarda C era una volta la cooperativa di consumo di Alberone Memorie e testimonianze dei soci della Cooperativa di Consumo di Alberone. FERRARA Le Case del Popolo rivivono grazie alla solidarietà dei cooperatori Le Case del Popolo rivivono grazie al Fondo di solidarietà Un ora vale due, che ha raccolto i contributi dei lavoratori delle cooperative italiane, a favore delle comunità colpite dal terremoto. 8 Case del Popolo tra Bondeno, Ferrara e Poggio Renatico sono state riattivate come centri di aggregazione e rilancio di nuove attività produttive attraverso interventi di progettazione partecipata. Le prime Case del Popolo risalgono agli inizi del 900. Furono costruite dai lavoratori (braccianti, manovali, facchini) come luoghi di emancipazione delle classi più deboli. Luoghi di ritrovo, di formazione, di mutuo soccorso tra le persone. In provincia di Ferrara, negli anni 70 si contavano 108 Case del Popolo. Oggi ne sono rimaste una cinquantina. In molti casi hanno perso la loro funzione originaria, ma rimangono in alcuni piccoli centri gli unici luoghi di aggregazione, consentendo anche il mantenimento di servizi essenziali come la presenza dell Ufficio postale, di uffici comunali distaccati, dei patronati. Sono un patrimonio immobiliare, relazionale e sociale, organizzato in forma cooperativa, che in prospettiva può essere la base su cui ricreare luoghi in cui gli abitanti possano trovare risposta ai loro bisogni, attraverso forme di collaborazione e autorganizzazione. Bisogni sociali, culturali, di assistenza, ma anche economici e lavorativi. E sulla base di queste riflessioni che Legacoop Ferrara ha coinvolto le Cooperative Camelot e Le Pagine, nella progettazione di un intervento che potesse fornire strumenti di sostegno alle piccole comunità della provincia di Ferrara che, dopo il terremoto, hanno visto ridursi i luoghi e le occasioni di socialità e di mutuo sostegno. Il progetto è stato presentato al Fondo di solidarietà Un ora vale due, costituito subito dopo il sisma dalle Centrali cooperative e dai Sindacati, per sostenere le comunità colpite dal terremoto. Grazie ai contributi versati dai lavoratori delle cooperative, il Fondo ha raccolto in tutta Italia quasi euro, che ha deciso di destinare a progetti mirati a rivitalizzare il sistema produttivo e le relazioni sociali nei comuni colpiti, in un ottica di lungo periodo. Il progetto Ri-popolare: azioni integrate per il rilancio comunitario post sisma delle Case del Popolo presentato da Camelot e Le Pagine, in collaborazione con la cooperativa Case del Popolo e Arci Ferrara e con il sostegno dei Comuni di Ferrara e Bondeno, è stato finanziato dal Fondo e si è sviluppato nell arco di circa un anno, per concludersi nel maggio scorso. Otto sono le Case del Popolo interessate dal progetto, (di queste, 4 sono ubicate nel Comune di Bondeno (La Schiavona Bondeno, Pilastri, Scortichino e Gavello), 2 nel Comune di Ferrara (Porotto e Corlo), 1 nel Comune di Poggio Renatico (Coronella) e 1 nel Comune di Vigarano Mainarda (Vigarano Pieve) sulle quali sono state realizzate attività diverse, individuate dalle comunità stesse, grazie ad un processo partecipato di coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni e organizzazioni a vario titolo operanti sul territorio, condotto dagli operatori della cooperativa Camelot. Tutti gli interventi sono stati portati avanti con l obiettivo di avviare dei percorsi, che poi i cittadini stessi potessero proseguire e consolidare. Grazie al progetto, la Casa del Popolo di Coronella è ora sede di una ludoteca, gestita da un comitato di genitori, che quasi quotidianamente accoglie più di 20 bambini; la Casa del Popolo Schiavona di Bondeno diventerà presto la sede di un birrificio artigianale, che consentirà l impiego di giovani locali, tra cui anche persone svantaggiate; a Scortichino, i libri donati negli anni da soci e frequentatori della Casa del Popolo sono stati censiti e inseriti in un sistema di cata-

17 Territori 17 logazione che ne consentirà il prestito e la circolazione; la Casa del Popolo di Porotto ha visto alternarsi sul campo di bocce professionale squadre di bambini della Scuola Media De Pisis, che hanno seguito con successo un corso tenuto dalla Federazione Italiana Bocce; il teatro della Casa del Popolo di Pilastri è ora dotato di un impianto audio che consentirà sia alle orchestre che a gruppi musicali giovanili di esibirsi e così via. Il progetto è concluso, ma solo in parte. Saranno gli stessi soci delle cooperative, i cittadini, le associazioni locali a portarlo avanti. Legacoop, con il supporto di Camelot, della cooperativa Le Pagine e delle Case del Popolo continuerà ad investire in progetti che possano trovare risposte ai nuovi bisogni delle comunità, valorizzando il patrimonio che i soci delle Case del Popolo hanno creato e conservato in più di cent anni di storia. Il modello di lavoro ha definito buone prassi riproducibili, pertanto l Ufficio promozione e start up di Legacoop è disponibile a proseguire questo lavoro nei confronti di altre Case del Popolo o Cooperative di utenza presenti sul territorio. Il 27 giugno prossimo, ad Alberone di Ro, presso la Cooperativa di Consumo, si terrà un seminario nazionale proprio su questo tema. I risultati dei progetti sostenuti dal Fondo Un ora vale due sono raccolti sul sito ad esso dedicato REGGIO EMILIA Nuovo fondo per potenziare il servizio civile volontario Con l autunno 2014 per i giovani della provincia di Reggio Emilia si apriranno nuove possibilità di natura occupazionale e formativa grazie ad un impegno congiunto del nostro territorio, grazie ad un progetto di Forum Terzo Settore di Reggio Emilia (a cui partecipa anche Legacoop Reggio Emilia) e Caritas Reggiana. Con il progetto, sostenuto da Fondazione Manodori, Camera di Commercio, Provincia e Comune di Reggio Emilia e presentato nei giorni scorsi alla Fondazione Manodori, verrà ampliata l offerta di posti di Servizio Civile Volontario all interno degli enti accreditati sul territorio cittadino. Un progetto pilota che, grazie anche ad una collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, metterà a disposizione circa euro per raddoppiare la disponibilità dei posti a giovani interessati a partecipare a progetti della durata di 10/12 mesi all interno di associazioni, cooperative sociali, enti del territorio con attività nel campo sociale, educativo, culturale ed assistenziale. Una grande opportunità per la costruzione del senso civico dei ragazzi e contemporaneamente una importante risposta al tema dell occupazione giovanile nell ambito del welfare italiano. Lo strumento del servizio civile volontario, presente in Italia dal 2001, è una opportunità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 28 anni per dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico, civico e civile con forte valore in termini di coesione sociale. A fronte di questo impegno è inoltre riconosciuto al giovane un riconoscimento economico mensile commisurato al monte ore settimanale che va dalle 25 alle 30 ore. Le aree di intervento nelle quali è possibile prestare il Servizio Civile Nazionale sono riconducibili ai settori: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all estero. Il canale prioritario del Servizio Civile Nazionale prevede un finanziamento pubblico gestito dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e dalle Regioni che annualmente permette la copertura di uno o più bandi di progettazione (e conseguente selezione e avvio dei volontari). Negli anni questo fondo ha subito forti tagli e conseguenti riduzioni dei posti disponibili (nel 2006 sono entrati in servizio volontari, nel 2013 solamente ) a fronte di una domanda nazionale che non scende sotto alle domande presentate. Lo scorso anno nella provincia di Reggio Emilia sono stati attivati solamente 84 posti a fronte di circa 600 domande. Con questa iniziativa si ritiene di poter avviare al servizio circa 170 giovani: una reale politica giovanile ed al tempo stesso una politica del lavoro e dell occupazione che presenti una forte connotazione in termini di professionalizzazione, creazione e trasferimento di competenze e riattivazione dei giovani in un settore, quello del no profit che nella nostra provincia rappresenta una realtà importantissima e fondante. La prospettiva è quella di creare un sistema virtuoso che in un prossimo futuro permetta agli enti di attivare posizioni lavorative e formative per i giovani ad un costo sostenibile anche per l ente di servizio civile. PARMA Da Simulimpresa nasce BEC, la cooperativa per prodotti e servizi ICT Oltre trenta studenti di Economia hanno sperimentato la creazione di una cooperativa grazie al Laboratorio Simulimpresa dell università di Parma in collaborazione con Legacoop ed il sostegno di Coopfond BEC è il nome della cooperativa nata dal programma internazionale Simulimpresa, organizzato dall Università di Parma Dipartimento di Economia, in collaborazione con Legacoop Parma e con il sostegno di Coopfond. Il progetto formativo riproduce il modo d operare delle imprese ed è fondato sull actionoriented learning. Trentadue studenti, selezionati in base a curriculum e motivazioni, sono stati coinvolti in 70 ore di attività, da febbraio a maggio, mantenendo un elevato grado di fedeltà alla realtà imprenditoriale, dall elaborazione dell idea alla creazione della società in tutti le sue fasi. L azienda simulata che ne è sorta, BEC, commercializza prodotti e servizi nel settore dell Information and Communication Technology (ICT), dai computer agli smartphone dagli ultrabook alle webcam, con particolare riguardo alla diffusione di app evolute. Nell ambito del programma, gli studenti hanno partecipato anche alla Fiera internazionale di Imprese simulate, tenutasi a Barcellona a marzo. Ieri, nelle aule di via Kennedy, durante la cerimonia di chiusura, i soci imprenditori della cooperativa hanno ricevuto gli attestati e presentato il loro lavoro davanti al prof. Eugenio Pavarani, coordinatore del progetto, a Loretta Losi e Vanessa Sirocchi di Legacoop, e agli ospiti presenti per l occasione. Hanno portato il loro saluto: Andrea Volta, presidente Legacoop Parma e Mauro Lusetti, presidente Legacoop nazionale e Alle-

18 Territori 18 anza delle Cooperative Italiane, a testimonianza dell attenzione del movimento cooperativo nei confronti di questo tipo di iniziative. La cooperativa si tramanda alle generazioni, un peculiarità che dà un senso di infinito a questa forma di impresa, ha detto Lusetti. Inoltre, a riprova del valore concreto di Simulimpresa, alcuni soci di BEC, hanno espresso il desiderio di approfondire la fattibilità del loro business in un ottica di startup. L esperienza, quindi, si pone obiettivi reali per chi intende darsi un opportunità di lavoro attraverso l autoimprenditorialità. GROTTAMMARE Agenzia Res, Koinema e Coos Marche protagoniste del progetto Sprar E un modello di accoglienza diffusa per le persone immigrate quello che propone il Comune di Grottammare e che realizza insieme all associazione temporanea d impresa formata dalle cooperative sociali Agenzia Res, capofila, Cooss Marche e Koinema. Su 300 progetti approvati dal ministero dell Interno per il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati-sprar, quello di Grottammare è arrivato 33 esimo. Il progetto viene finanziato per la maggior parte dal ministero. Punta sul concetto di accoglienza diffusa per personalizzare i benefici rivolti ad ogni singolo ospite a cui non offrire solo assistenza ma anche gli strumenti per crearsi una personale autonomia. Il tempo di accoglienza dura sei mesi. In questo periodo, ognuna delle persone coinvolte nel progetto deve frequentare un tirocinio o un corso professionalizzante. Grazie all attivazione di 13 forme di tirocinio in ristoranti, pizzerie, bar, residence del territorio, queste persone possono imparare un mestiere. RAGUSA Ragusa: Pino Occhipinti torna presidente di Legacoop Cambio al vertice di Legacoop Ragusa. Pino Occhipinti torna a guidare l associazione di categoria con il ruolo di presidente provinciale, sostituendo Roberto Roccuzzo che ha rassegnato le dimissioni. E stata la direzione provinciale, nel corso della riunione tenutasi l 11 giugno, ad indicare in Occhipinti la nuova guida, dopo una parentesi durata quasi un anno e mezzo, dell organizzazione di categoria. Occhipinti, sciclitano, da sempre nel mondo della cooperazione, continuerà comunque a ricoprire l incarico di responsabile del settore agroalimentare di Legacoop Sicilia. Apprezzo l attestato di stima arrivato dai componenti della direzione provinciale afferma Occhipinti e sono pronto a dare di nuovo il massimo nel contesto di un ruolo che conosco benissimo e che, però, occorre affrontare sempre con il dovuto piglio anche per le complesse condizioni socio-economiche che tutti ci troviamo ad affrontare. Legacoop Ragusa, impegnata nella costituzione dell Aci (Alleanza cooperative italiane), insieme con Agci e Confcooperative, vuole continuare ad esercitare una parte di primo piano nel contesto delle dinamiche da adottare per rilanciare l economia a livello locale. Siamo pronti a provarci.

19 Imprese 19 >> Conad >> Coop Adriatica >> Unicoop Tirreno >> Unicoop Tirreno >> Coopservice >> Consorzio Sanità >> Apofruit >> Itaca >> Consorzio Toscana Turismo e Cultura >> Abita.net >> Coop Archeologia >> Coop Occhio del Riciclone CONAD Nonostante la crisi chiude un altro anno positivo +5,9 per cento Il 2013 è stato l anno peggiore dal dopoguerra. Ciononostante Conad conferma il trend di crescita in tutte le regioni italiane, portando il giro d affari a 11,6 miliardi di euro 648 milioni più del 2012 (+5,9 per cento) e rafforzando ulteriormente la leadership nel canale dei supermercati, al 18,5 per cento,e nei negozi di prossimità,al 14,3 per cento (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, II semestre 2013). Le famiglie hanno visto il reddito eroso progressivamente dalla crisi e dalle tasse, mentre le vendite nella grande distribuzione (ipermercati, supermercati e libero servizio) hanno conosciuto una pesante contrazione: -2,1 per cento.e al Sud è andata ancora peggio, -5 per cento (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, dicembre 2013). Si parla tanto di spending review: ebbene, gli italiani hanno incominciato a farla direttamente sulla propria pelle, portando in tavola solo l indispensabile e rinunciando talora anche alla qualità e alla tradizione. E dunque significativa la crescita di Conad in tutto il territorio nazionale, portando la quota di mercato all 11,4 per cento e guadagnando ancora terreno rispetto al leader (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo). Migliorata anche la solidità patrimoniale, che ammonta a 1,95 miliardi di euro (+15,5 per cento). In tale scenario, Conad ha investito nella salvaguardia del potere d acquisto degli italiani con una serie di iniziative di convenienza che hanno dato risposta ai nuovi modelli di consumo e alle esigenze di una clientela che ha come obiettivo primario di risparmiare anche sulla spesa quotidiana. Le iniziative nazionali hanno generato oltre 600 milioni di risparmio per i clienti. In modo particolare Bassi&Fissi, nella quale Conad ha investito 250 milioni di euro, dando risposta a necessità emergenti e accrescendo al contempo la fedeltà alla propria marca (+2,2 per cento). Non meno forte l impegno per le comunità, sia attraverso iniziative mirate quali la seconda edizione di Insieme per la scuola attrezzature informatiche donate a scuole di tante regioni italiane, con un investimento di 3 milioni di euro sia attraverso gli accordi commerciali con piccoli e medi fornitori locali di prodotti di qualità per un valore complessivo, tra consorzio e cooperative, di 3,2 miliardi di euro. Abbiamo ottenuto risultati positivi annota il direttore generale di Conad Francesco Pugliese, ma non possiamo ancora dire di esserci lasciata la crisi alle spalle. I consumi continuano a diminuire, si fa economia su tutto, compreso ciò che si porta in tavola rinunciando talora anche alla qualità. Viviamo una crisi diventata ormai strutturale, in cui la domanda interna non dà segni di ripresa. Per questo investiremo ancora, puntando a crescere e ad essere sempre più il punto di riferimento per la spesa di un numero crescente di persone. La dinamica dei consumi delle famiglie è ancora molto debole; per questo Conad, coerente con la propria natura cooperativa, continuerà ad investire anche nel 2014 in attività di sostegno al potere d acquisto e nello sviluppo dei propri soci. Nel corso del 2013 Conad ha rimodulato la propria rete di vendita, presente in comuni e 108 province italiane. I punti vendita sono scesi a (erano nel 2012) per una superficie complessiva di mq, cresciuta di mq rispetto all anno precedente: 40 ipermercati, 187 Conad Superstore, 936 Conad, 893 Conad City, 717 Margherita Conad e 246 altre insegne. Crescono le piccole metrature, la prossimità, il piccolo negozio di alimentari sotto casa con un buon assortimento anche di prodotti freschi, perché i clienti tornano a frequentare quelli che sono centri commerciali naturali, vale a dire le vie e i centri storici di città e paesi. Ai risultati positivi del 2013 ha contribuito il buon andamento della marca del distributore, che prosegue nel suo trend di crescita a tassi superiori alla media di mercato. Le vendite di prodotti Conad sono aumentate del 15 per cento rispetto all anno precedente, con un mercato che a totale Italia iper e supermercati ha guadagnato solo il 5 per cento, generando un fatturato di 2,5 miliardi di euro. La marca ha raggiunto una quota del 26,2 per cento (1,5 punti percentuali in più rispetto al 2012) distanziando secondo le rilevazioni Symphony Iri il totale Italia di 7,2 punti percentuali e garantendo la qualità da leader con una convenienza del per cento. Dunque, più di un prodotto su quattro venduti è a

20 Imprese 20 marca Conad. La crescita è generalizzata in tutte le categorie merceologiche e si rivela fondamentale per accrescere la fedeltà all insegna, tanto da essere leader nel 43 per cento e occupare la seconda posizione in un altro 30 per cento. Sul fronte dell innovazione di servizio, Conad ha in attività 23 distributori di carburanti che da novembre 2005 anno di apertura del primo impianto a Gallicano, in provincia di Lucca a fine 2013 hanno prodotto un beneficio per gli automobilisti di 55,2 milioni di euro, pari ad un prezzo mediamente inferiore di 8,6 centesimi di euro rispetto al prezzo medio comunicato dal ministero dello Sviluppo Economico. Le 73 parafarmacie hanno prodotto convenienza per i clienti per ulteriori 7 milioni di euro. Si tratta di numeri ancora esigui per certi versi, complice il ritardo se non lo stop a cui vanno incontro le liberalizzazioni del mercato in materia di energia e farmaci, ma che si rivelano importanti anche per la funzione calmieratrice indotta sui prezzi praticati dalla concorrenza. I reparti Ottico (12) e le Cremerie Sapori&Dintorni (22) completano il quadro dei servizi. Nuova tappa anche per il progetto degli store Sapori&Dintorni con l apertura di Sassari; una formula di successo anche alla luce di una produttività ai vertici del mercato con oltre 22 mila euro a metro quadrato.a inizio 2014 ha preso poi avvio il programma di aperture nelle grandi stazioni ferroviarie italiane con l inaugurazione a Roma Termini. La prossima sarà a S. Maria Novella, a Firenze. L export Conad ha chiuso il 2013 con una crescita del 20,7 per cento, attestandosi a 60,3 milioni di euro, focalizzato sui prodotti italiani di maggior successo, sempre più presenti nei canali della grande distribuzione estera, a marchio Conad, Sapori&Dintorni Conad e Creazioni d Italia, quest ultimo creato esclusivamente per il mercato internazionale. Conad conferma il piano strategico degli investimenti per il triennio annunciato nel milioni di euro finalizzati a 260 nuove aperture e assunzioni, anche se ridimensionato a causa dell applicazione dell articolo 62 che ha drenato liquidità dalle casse di Conad per oltre 450 milioni di euro. Lo scorso anno, Conad e UniCredit hanno siglato un innovativo accordo di factoring al servizio degli attori della filiera che ha raggiunto gli 800 milioni di euro di valore, consentendo alle imprese fornitrici coinvolte di disporre di un polmone finanziario non trascurabile nell attuale panorama degli affidamenti. COOP ADRIATICA Approvato il bilancio 2013; Turrini rieletto presidente Si è tenuta sabato 14 giugno l assemblea generale dei soci delegati di Coop Adriatica, che ha votato il nuovo Cda e approvato il Bilancio d esercizio I 281 delegati, scelti in rappresentanza dei soci che hanno partecipato alle 92 assemblee separate svolte nei territori della Cooperativa tra il 15 maggio e il 5 giugno, hanno anche nominato la nuova Commissione etica. Il dati del Bilancio 2013 e il Ristorno sociale Coop Adriatica ha chiuso il 2013 con un bilancio solido in un contesto di grande difficoltà dei consumi: con un utile d esercizio di 32,8 milioni di euro (+6,2 milioni sul 2012), un patrimonio netto di 942,9 milioni (+33,6 milioni) e vendite pari a 2,079 miliardi (in lieve flessione sull anno precedente: -0,6%). I buoni risultati consentono di erogare il Ristorno (la quota percentuale sugli acquisti effettuati l anno precedente che viene restituita ai soci): per le spese del 2013 ammonta allo 0,30%, contro lo 0,25% dell anno precedente, per un totale 4,8 milioni di euro. Il nuovo Cda e la nuova Commissione etica Il Cda di Coop Adriatica è composto da 25 membri: 12 presidenti di Distretto votati direttamente da oltre 75 mila soci nelle elezioni di aprile e 13 consiglieri tecnici, proposti dalla Commissione elettorale. Il Cda, nominato ogni tre anni, ha potere di indirizzo, controllo e decisione, e tutela gli interessi dei soci. La Commissione Etica, invece, è formata da 5 membri. Con l insediamento del Cda si completa il percorso di democrazia per il rinnovo della governance di Coop Adriatica, iniziato due mesi fa con le elezioni dei rappresentanti dei soci. Con le votazioni nei negozi sono stati scelti 463 consiglieri di Zona, 26 presidenti di Zona e 12 presidenti di Distretto: fino al 2017 saranno loro a portare la voce dei soci nella vita della Cooperativa. Il nuovo Consiglio di amministrazione di Coop Adriatica ha confermato Adriano Turrini presidente per i prossimi tre anni. Al suo fianco resta il vicepresidente Elio Gasperoni. Le nomine sono state effettuate durante la prima riunione del neoeletto Consiglio di amministrazione, subito dopo il termine dell assemblea generale di Bilancio. All assemblea generale di Coop Adriatica hanno partecipato, oltre ai soci delegati, anche i dirigenti della Cooperativa, i presidenti eletti nelle 26 Zone soci, i rappresentanti territoriali di Legacoop. Tra gli interventi, anche quelli del presidente di Coop Italia Marco Pedroni, e del presidente di Legacoop Nazionale Mauro Lusetti. UNICOOP TIRRENO Approvato il bilancio 2013 tra luci e ombre Approvato dal CdA di Unicoop Tirreno il bilancio consuntivo: 1.178,2 milioni di euro di vendite, 258,6 milioni di patrimonio netto e 1.164,4 milioni di raccolta del prestito sociale. Poste straordinarie causano una perdita per 24,3 milioni di euro, mentre la Cooperativa investe 26milioni nei territori. Sul risultato economico 2013 hanno influito i risultati negativi di alcune partecipazioni per 20,5 milioni. In primo luogo la controllata Ipercoop Tirreno (gestisce i punti vendita in Campania) ha confermato il risultato negativo presente ormai da anni (-14,7 milioni), mentre altri oneri sono derivati dalla cessione della società Sviluppo Discount (Dico) e dall acquisizione della newco Distribuzione Roma, titolare di 54 supermercati nel Lazio. Da evidenziare nella capogruppo Unicoop Tirreno il risultato positivo di 0,9 milioni della

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli