GLI STRUMENTI FINANZIARI NELLA NUOVA S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI STRUMENTI FINANZIARI NELLA NUOVA S.P.A."

Transcript

1 GLI STRUMENTI FINANZIARI NELLA NUOVA S.P.A. 1. La nuova disciplina delle società di capitali così come delineata dalla novella del 2003 ha introdotto una variegata gamma di strumenti finanziari che si collocano in una fascia intermedia tra i due estremi, costituiti dalla partecipazione azionaria (il c.d. capitale di rischio ) e dai prestiti obbligazionari (il c.d. capitale di credito ). In particolare, per quanto concerne la nuova S.p.A., l art. 2346, ult. comma, c.c. prevede che - a fronte dell apporto da parte dei soci o di terzi anche di prestazioni d opera o di servizi - la società possa emettere strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali o anche di diritti amministrativi, escluso il voto nell assemblea generale degli azionisti, demandandone la relativa disciplina alle disposizioni statutarie ed all autonomia negoziale. Come si evince anche dalla Relazione al D.lgs. 17 gennaio 2003 n. 6, la ratio di tale norma è il perseguimento, tra gli altri, dei prioritari obiettivi strategico-politici, enunciati nella L. delega 3 ottobre 2001 n. 366, di favorire la nascita, la crescita e la competitività delle imprese (art. 2, comma 1, lett. a), di adeguare la disciplina dei modelli societari alle esigenze delle imprese, anche in considerazione della composizione sociale e delle modalità di finanziamento (art. 2, comma 1, lett. e), nonchè di consentire l acquisizione di ogni elemento utile per il proficuo svolgimento dell impresa (art. 4, comma 5, lett. a). Il Legislatore ha inteso, così, ampliare le possibilità e le modalità di finanziamento dell impresa sociale (cioè di raccolta di capitale di credito ), rispettando nel contempo i vincoli imposti dalla normativa comunitaria in materia (II dir. cons. 13 dicembre 1976 n. 77/91/CEE), la quale prevede che il capitale sottoscritto può essere costituito unicamente da elementi dell attivo suscettibili di valutazione economica ed esclude espressamente che gli elementi dell attivo possano essere costituiti da impegni di esecuzione di lavori o di prestazione di servizi (cfr. l art. 7 della predetta direttiva e l art. 5 D.P.R. 10 febbraio 1986 n. 30, che ha recepito in Italia la direttiva medesima). 2. Alla S.p.A. è, oggi, dunque, consentita l acquisizione di risorse finanziarie o di altra natura attraverso vari canali di finanziamento, anche diversi da quelli tradizionalmente conosciuti, e gli stessi soci possono contribuire ad aumentare le chance di mercato e la competitività della società e, quindi, le loro possibilità di essere soddisfatti, quali residual claimants, apportando per altra via beni o servizi, il cui conferimento a capitale è espressamente vietato dall art. 2342, ult. comma, c.c.. A fronte di tali apporti, ai soci può essere, altresì, attribuito l esercizio di diritti patrimoniali e/o diritti amministrativi - ulteriori rispetto al diritto di voto, di cui già sono titolari esclusivi - consentendo loro di controllare meglio il proprio investimento ed, eventualmente, di incidere su alcune scelte gestionali della società, mediante l intervento di propri rappresentanti negli organi di amministrazione o di controllo (cfr. art. 2351, comma 5, laddove è previsto che, secondo modalità stabilite dallo statuto, possa essere riservata ai possessori degli strumenti finanziari in esame la nomina di un componente indipendente del consiglio di amministrazione o del consiglio di sorveglianza o di un sindaco ). In buona sostanza, se gli strumenti finanziari partecipativi vengono emessi a fronte di apporti dei soci, i diritti ed i poteri eventualmente ad essi correlati possono costituire un interessante e valida integrazione del diritto di voto in assemblea, quale modo tipico ed esclusivo con cui gli azionisti contribuiscono alla conduzione dell impresa sociale (principio espressamente affermato in altri ordinamenti giuridici, quale ad esempio quello tedesco: cfr. 118 dell Aktiengesetz). Se tale ultima affermazione può considerarsi in linea di principio corretta (il diritto di voto esclusivo della posizione di socio), in dottrina è stato, però, osservato che, attualmente, nella nuova S.p.A. il voto non è più una conseguenza necessaria della partecipazione sociale, poiché ai sensi dell art. 2351, comma 2, è sancita la possibilità di prevedere statutariamente l emissione di azioni senza diritto di voto, il cui valore, peraltro, non può complessivamente superare la metà del capitale sociale (generalizzando, in tal modo, la fattispecie delle azioni di risparmio, finora limitata alle società italiane con azioni ordinarie quotate in mercati regolamentati italiani o di altri Paesi dell UE ex art. 145 T.U.I.F.). 1

2 Si è detto, quindi, che - a seguito dell apporto da parte dei soci o di terzi anche di opera o servizi la società può emettere strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali o partecipativi. Soffermandosi, brevemente, sul termine anche, si desume che il Legislatore abbia voluto consentire apporti di diversa natura, tra i quali appunto le prestazioni d opera o di servizi. Al riguardo, secondo la dottrina, è ammesso l apporto anche di denaro, beni e crediti (entità astrattamente conferibili a capitale), nonchè l apporto di valori o utilità non quantificabili o di ardua quantificazione sul piano patrimoniale, quali, ad esempio, prestazioni a carattere continuativo o periodico, prestazioni professionali, know how in particolari settori, prestazioni di garanzie, etc.. 1 In ogni caso, come si è già ricordato, quale che sia la natura e la tipologia di tali apporti, la caratteristica che li accomuna è data dalla non imputazione a capitale, regime imperativamente disposto dal citato art. 2342, ult. comma, ed indirettamente confermato dal raffronto con il principio contenuto nell art. 2346, comma 5, secondo il quale in nessun caso il valore dei conferimenti può essere complessivamente inferiore all ammontare globale del capitale sociale. Tale ultima disposizione ha, così, creato una barriera tra il genus dei conferimenti e quello degli apporti, per quanto concerne i loro diversi regimi giuridici ed i relativi riflessi sul piano contabile, dei quali si parlerà in seguito. Anche la cause sottostanti agli apporti al pari delle entità apportabili possono essere le più varie: si pensi, a titolo esemplificativo, ad un operazione di finanziamento o ad un contratto di associazione in partecipazione ovvero, ancora, ad un apporto a fondo perduto a titolo di capitale di rischio, cui non viene correlato alcun obbligo di restituzione. 3. Accanto alla fattispecie di cui all art. 2346, ult. comma, c.c. è, inoltre, consentita l assegnazione a favore dei dipendenti della società o di eventuali società controllate di strumenti finanziari, anch essi forniti di diritti patrimoniali o anche di diritti amministrativi, escluso il voto nell assemblea generale degli azionisti (cfr. art. 2349, comma 2). Quest ultima specifica ipotesi può inquadrarsi nell ambito di quei sistemi che mirano ad incentivare i manager e i dipendenti delle società, quali i piani di assegnazione di stock options e di stock grants, soprattutto al fine di motivare il personale e di vincolare alla società le figure professionali di particolare importanza, contribuendo, nel contempo, a far risparmiare liquidità all impresa. L assegnazione di strumenti finanziari ai dipendenti deve essere deliberata in sede di assemblea straordinaria: competenza espressamente prevista dal Legislatore, a differenza dell ipotesi di cui all art. 2346, ult. comma, laddove nulla è detto al riguardo, demandandone la relativa previsione all autonomia statutaria, al pari della disciplina concernente le modalità e le condizioni di emissione, i diritti conferiti, le sanzioni in caso di inadempimento delle prestazioni e, se ammessa, la legge di circolazione. A quest ultimo riguardo, alcuni Autori hanno osservato che gli strumenti finanziari di cui all art. 2346, ult. comma, potrebbero anche essere intrasferibili e tale eventualità non sarebbe contemplata dalla disposizione di cui all art. 1, comma 2, lett. b-bis) T.U.I.F., la quale testualmente recita che per strumenti finanziari si intendono gli strumenti finanziari, negoziabili sul mercato dei capitali, previsti dal codice civile, lasciando, così, intendere che le altre entità, cioè quelle non negoziabili, non possono essere definite quali strumenti finanziari, almeno ai fini del T.U.I.F. 2 D altra parte, proprio avuto riguardo alla definizione fornita dal T.U.I.F., un altra parte della dottrina ha osservato che nel nostro ordinamento giuridico non si rinviene una nozione unitaria di strumento finanziario e che, tenuto conto della relatività di ogni fattispecie alla rispettiva disciplina, non sembra conferente ai fini civilistici fare riferimento alla nozione fornita dal T.U.I.F., la quale si riferisce al settore specifico dell intermediazione finanziaria 3. A prescindere dall ipotesi, sopra menzionata, in cui titolari degli strumenti finanziari in questione siano i soci stessi, qualora gli apporti di cui all art. 2346, ult. comma, siano provenienti da 1 Cfr. G. Giannelli in AA.VV., Diritto delle società. Manuale breve, Milano, II edizione, 2005, p. 168; Libonati, Diritto commerciale. Impresa e società, Milano, 2005, p Cfr. G. Presti e M. Rescigno, Corso di diritto commerciale, Vol. II, Società, Bologna, 2005, p Cfr. amplius L. Salamone, La nozione di strumento finanziario tra unità e molteplicità, in Riv. dir. comm., 1998, I, pp. 711 e ss.. Inoltre, cfr. amplius, con riferimento specifico alla nozione di valore mobiliare, L. Salamone, Unità e molteplicità della nozione di valore mobiliare, Milano,

3 soggetti terzi, questi ultimi non acquistano la qualità di soci - proprio in considerazione della non imputabilità a capitale dei valori apportati - ma partecipano, ugualmente ed a vario titolo, ai rischi connessi all attività sociale. Infatti, i diritti patrimoniali ed amministrativi correlati agli strumenti finanziari possono essere di varia natura e possono attribuire diverse posizioni giuridiche ed economiche, in relazione ad esempio alla ripartizione degli utili ed alla sopportazione delle perdite, creando in tal modo - come è stato affermato in dottrina 4 una sorta di graduazione tra le distinte categorie di finanziatori. Infatti, alcuni finanziatori possono curiosamente assumere le vesti di last o residual claimants rispetto agli altri, nell ipotesi in cui l andamento negativo della società possa pregiudicare in tutto o in parte il loro diritto al rimborso del capitale. Si pensi, al riguardo, anche a quell altra species di strumenti finanziari che condizionano i tempi e l entità del rimborso del capitale all andamento economico della società, richiamati dall art. 2411, comma 3, ai fini dell applicazione agli stessi della disciplina relativa alle obbligazioni. D altra parte, è stato altresì osservato che una medesima graduazione legata all alea della gestione sociale si può, attualmente, riscontrare anche tra le varie categorie di azionisti, essendo ammessa la creazione, con lo statuto o con successive modificazioni di questo, di categorie di azioni fornite di diritti diversi anche per quanto concerne la incidenza delle perdite (cfr. art. 2348, comma 2), nonché di azioni fornite di diritti patrimoniali correlati ai risultati dell attività sociale in un determinato settore (cfr. art. 2350, comma 2) 5. Sempre in tema di diritti patrimoniali ed amministrativi attribuiti ai titolari degli strumenti finanziari in questione, l art prevede che gli stessi stakeholders possono far sentire la propria voice, riunendosi in assemblee speciali statutariamente previste (cfr. art. 2376) e/o nominando un rappresentante comune, al pari di quanto già previsto per gli obbligazionisti (cfr. artt e 2417). L unico limite è esplicitamente sancito dall art. 2346, ult. comma (e dall art. 2349, comma 2) e riguarda, come già anticipato, il divieto di esercitare il voto nell assemblea generale degli azionisti. Il successivo art. 2351, quinto comma, prevede, però, che gli strumenti finanziari possono essere dotati del diritto di voto su argomenti specificamente indicati. Quest ultima previsione, letta in correlazione con il divieto disposto dal citato art. 2346, ult. comma, ha fatto sorgere alcune perplessità in merito alla sua applicazione concreta. In particolare, ci si è chiesti se il diritto di voto su argomenti indicati ad hoc dallo statuto possa essere esercitato in sede di assemblea generale, ovvero se la ratio della norma de qua sia quella di ampliare statutariamente le competenze delle predette assemblee speciali, estendendole anche ad argomenti ulteriori rispetto alle ipotesi nelle quali si riscontri un pregiudizio dei diritti di categoria (cfr. art. 2376, comma 1). Quest ultima sembrerebbe essere l interpretazione più seguita in dottrina, secondo la quale sarebbe da escludere che lo statuto possa attribuire ai titolari degli strumenti finanziari le competenze attribuite per legge all assemblea generale degli azionisti. 4. Un altra species di strumenti finanziari che, a seguito della riforma del 2003, possono essere emessi dalle S.p.A. sono quelli correlati alla partecipazione ad uno specifico affare, per il quale viene deliberata la costituzione di un patrimonio destinato (cfr. art ter, comma 1, lett. e). Si tratta, in particolare, di strumenti che, secondo la dottrina 6, sarebbero correlati ad una causa sottostante di associazione in partecipazione o di cointeressenza e, secondo alcuni Autori, avrebbero natura giuridica di titoli di rischio e, come tali, i loro titolari si assumerebbero l alea della gestione dell impresa sociale 7 ; mentre, secondo altri Autori, avrebbero natura di titoli di debito, il cui rendimento dovrebbe essere parametrato all andamento dell affare 8. 4 Cfr. C. Angelici, La riforma delle società di capitali, Lezioni di diritto commerciale, Padova, pp Cfr. Angelici, op. ult. cit., pp. 54 e ss.. 6 Cfr. Presti e Rescigno, op. cit., p Cfr., tra gli altri, Giannelli in AA.VV., op. cit., p. 177, laddove l Autore afferma che è, pertanto, evidente, la differenza di tali strumenti rispetto alle obbligazioni che rappresentano, pur sempre, un credito nei confronti della società. E però anche netta la differenza di tali strumenti rispetto alle azioni, in quanto, pur essendo (come le azioni) forme di partecipazione al rischio, non rappresentano (a differenza delle azioni) un aliquota del capitale della società emittente (art. 2346, comma 4). 8 Così M. Stella Richter jr., I patrimoni dedicati nel diritto delle società per azioni: appunti sulle prospettive di riforma, pp. 3-4, in Sul punto cfr. anche Libonati, op. cit., p

4 Secondo un altra parte della dottrina, si tratterebbe invece di una species di strumenti finanziari più estesa di quella di cui all art. 2346, ult. comma (che comprenderebbe solo ipotesi di raccolta di capitale di credito) e sarebbe comprensiva di varie modalità di finanziamento dell impresa sociale, funzionali alla raccolta sia di capitali di credito che di capitali di rischio 9. In particolare, gli strumenti finanziari di cui all art ter, comma 1, lett. e), potrebbero essere assimilati agli strumenti finanziari di cui all art. 2411, comma 3, i cui tempi ed entità di rimborso del capitale sarebbero, in tal caso, condizionati dall andamento economico dello specifico affare 10. Tali titoli potrebbero, altresì, consistere in azioni, purché non azioni ordinarie, appartenenti ad una categoria speciale, individuabile eventualmente nella species delle azioni correlate di cui all art. 2350, comma Prendendo in esame quest ultima ipotesi (configurabilità degli strumenti finanziari di cui all art ter, comma 1, lett. e) quali azioni correlate ), taluni Autori hanno riscontrato una certa analogia con l istituto delle tracking o alphabet stocks (così chiamate perché identificate con le lettere dell alfabeto), previste in altri ordinamenti giuridici, quali, ad esempio, quello statunitense, quello francese, quello belga e quello olandese 12. Le alphabet stocks sono, infatti, titoli azionari speciali, le cui performance sono ancorate sul piano finanziario ai risultati della società emittente o a quelli di società da essa controllate. L emissione degli strumenti finanziari di cui all art ter, comma 1, lett. e) è soggetta allo stesso rigoroso limite patrimoniale sancito dall art bis, secondo comma, per la costituzione dei patrimoni destinati di cui alla lettera a) dello stesso articolo, consistente nel valore complessivamente non superiore al dieci per cento del patrimonio netto della società. Inoltre, ai sensi dell art sexies, comma 1, secondo periodo, gli stessi strumenti devono risultare da un apposito libro indicante le loro caratteristiche, l ammontare di quelli emessi e di quelli estinti, le generalità dei titolari degli strumenti normativi e i trasferimenti e i vincoli ad essi relativi. Infine, l art octies prevede che, per ogni categoria di portatori di strumenti finanziari, sia costituita un assemblea speciale, chiamata a deliberare, tra l altro, sulla nomina e sulla revoca del rappresentante comune, sulla costituzione di un fondo per le spese necessarie alla tutela degli interessi comuni e sul relativo rendiconto, nonché su transazioni e rinunce a fronte di eventuali controversie con la società. 5. Un ultima species di strumenti finanziari - cui è opportuno fare cenno in questa breve disamina - è quella degli strumenti emessi, ai sensi dell art. 2526, dalla cooperativa costituita sotto forma di S.p.A., per la cui disciplina il primo comma del citato articolo rinvia genericamente a quella prevista per le S.p.A.. A questo riguardo, alcuni Autori hanno evidenziato che tale rinvio di carattere generale non sarebbe confacente ed, anzi, sarebbe addirittura fuorviante, dal momento che la categoria di cui all art sarebbe più estesa rispetto a quella di cui all art. 2346, ult. comma, e comprenderebbe strumenti finanziari di tipo obbligazionario, di tipo azionario lucrativo (come, ad esempio, le azioni dei soci sovventori e le azioni di partecipazione cooperativa di cui agli artt. 4 e 5 della legge 31 gennaio 1992 n. 59) e di tipo partecipativo 13. A differenza di quanto accade per la S.p.A. - in cui gli apporti ex art. 2346, ult. comma non possono senz altro essere imputati a capitale la nuova disciplina delle cooperative demanda 9 Sulle varie teorie dottrinali circa la natura giuridica degli strumenti finanziari ex art ter, primo comma, lett. e), cfr. amplius G. Marano, I patrimoni destinati in una prospettiva di analisi giuseconomica, in Quaderni di ricerca giuridica della Consulenza Legale della Banca d Italia, n. 57 del Giugno 2004, p. 68, laddove l Autore afferma che le soluzioni prospettate in dottrina coprono tutto il ventaglio delle opzioni possibili: dai titoli di debito, alla natura ibrida (nel cui novero si possono ricomprendere anche quegli strumenti partecipativi ex art. 2346, ultimo co., c.c.) a quella azionaria; del resto, le linee stesse di demarcazione delle categorie sono diventate a esito della riforma più sfuggenti. Cfr. anche F. Fimmanò, Le destinazioni industriali dei patrimoni sociali, in p. 36, laddove l Autore afferma che gli strumenti finanziari in esame possono essere rappresentati da titoli partecipativi, anche ibridi e diversi dalle azioni (anche se ciò poteva e doveva essere chiarito meglio), dalle obbligazioni e anche dalle azioni correlate. 10 Cfr. A. Pisani Massamormile, Azioni ed altri strumenti finanziari partecipativi, in Riv. soc., novembre-dicembre 2003, Milano, p Sul punto cfr. Marano, op. cit., p Cfr. F. Fimmanò, op. cit., pp , Marano, op. cit., p. 29 e ss.. 13 Cfr. Presti e Rescigno, op. cit., p

5 all autonomia statutaria la possibilità di decidere quali strumenti finanziari emettere (di debito o di rischio) e, qualora vengano emessi titoli di rischio, se debbano o meno essere conferiti a capitale. Inoltre, gli strumenti emessi dalle cooperative possono attribuire un diritto di voto pieno, limitato, ovvero nessun diritto di voto (come emerge dagli artt. 2526, secondo e terzo comma, e 2541, comma 1) e possono essere dotati o meno di diritti amministrativi (cfr. l art. 2526, comma 4, laddove, per le cooperative cui si applicano le norme sulle S.r.l., è prevista l emissione di strumenti privi di diritti di amministrazione, che possono essere sottoscritti solo da investitori qualificati). Ancora, la titolarità di tali strumenti, dotati di diritto di voto, può attribuire la qualità di socio (non cooperatore ma socio finanziatore o lucrativo), a differenza degli strumenti finanziari di cui all art. 2346, ult. comma, che sicuramente non consentono l acquisizione dello status giuridico di socio. Da ultimo, l art. 2526, comma 2, demanda all atto costitutivo la previsione relativa alle eventuali condizioni cui è sottoposto il loro trasferimento, lasciando intendere che i titoli in esame devono essere negoziabili, a differenza degli strumenti emessi dalla S.p.A. ex art. 2346, ult. comma, la cui trasferibilità può essere vietata in modo assoluto. D altra parte, taluni Autori ritengono che anche i titoli di cui all art possono essere resi intrasferibili, ma solo per un periodo di tempo limitato (ad esempio mediante una clausola statutaria di lock-up ). 6. È interessante, a questo punto, osservare che, anche a livello comunitario, sono previsti strumenti finanziari che presentano caratteristiche simili a quelli emessi dalle cooperative costituite sotto forma di S.p.A. e dalle S.p.A.. Al riguardo, per quanto concerne la società cooperativa europea (SCE), l art. 64 regol. cons. 22 luglio 2003 n relativo allo statuto della SCE, prevede la possibilità di emettere titoli diversi dalle quote o obbligazioni privi di diritto di voto, che possono essere sottoscritti dai soci o da qualunque persona estranea alla SCE, ma la cui acquisizione non conferisce la qualità di socio. Il Regolamento non specifica quali possono essere i vantaggi particolari che la titolarità di tali strumenti può attribuire (cfr. la rubrica dell art. 64), ma essi potrebbero essere inerenti sia al profilo patrimoniale, sia a quello amministrativo e/o di controllo della gestione dell impresa. Le uniche indicazioni espressamente sancite dalla normativa riguardano il limite del valore nominale complessivo (che non può superare l ammontare stabilito nello statuto) e l esclusione assoluta dell esercizio del diritto di voto in assemblea generale, a differenza della fattispecie di cui al citato art c.c.. A fronte di tale divieto imperativo, è attribuito ai detentori di tali titoli il diritto di partecipare all assemblea generale (cfr. artt. 58, paragrafo 2 e 64, paragrafo 4, del regol. cit.) e la possibilità di prevedere statutariamente la costituzione di un assemblea speciale per tutelare i diritti e gli interessi di categoria (cfr. art. 64, paragrafo 4, regol. cit.). Per quanto riguarda la società per azioni europea (SE), la possibilità di emettere strumenti finanziari diversi dalle azioni e dalle obbligazioni non è espressamente prevista ma solo evocata dall art. 5 regol. (CE) 8 ottobre 2001 n. 2157/2001 relativo allo statuto della SE, laddove si parla di altri titoli assimilabili, per la cui disciplina, peraltro, si rinvia alle disposizioni che si applicherebbero ad una società per azioni con sede nello Stato membro in cui la SE è iscritta. Un altro riferimento ad altri titoli è, inoltre, contenuto nell art. 20, primo comma, lett. f) del citato regol., laddove nel disciplinare la costituzione della SE mediante fusione si prevede che il progetto di fusione debba contenere l indicazione dei diritti accordati dalla SE ai titolari di azioni fornite di diritti speciali e ai portatori di titoli diversi dalle azioni, ovvero le misure proposte nei loro confronti. 7. Tornando agli strumenti finanziari partecipativi dotati del diritto di voto su argomenti specificamente indicati o di altri diritti amministrativi, ai sensi dell art. 2351, ult. comma, questi ultimi al pari delle azioni sono soggetti ai medesimi obblighi di comunicazione in tema di partecipazioni rilevanti e di divieto di controllo, previsti dalla legislazione speciale in materia (cfr. artt. 1, comma 6-bis, 120, comma 4, lett. d-bis) T.U.I.F. e l art. 1, comma 2, lett. h-quater) T.U.B., nonché la disciplina dettata dal Regolamento attuativo del T.U.I.F. adottato dalla CONSOB con delib. 14 maggio 1999 n , concernente la disciplina degli emittenti), nonché in tema di o.p.a. obbligatoria, fermo restando che la 5

6 concreta determinazione degli strumenti finanziari che rilevano in proposito è demandata alla CONSOB ai sensi dell art. 106, comma 3-bis. In ultima analisi, tralasciando al momento alcune specifiche questioni già note e che, presumibilmente, saranno ancora a lungo oggetto di interessanti e vivaci dibattiti in dottrina (si pensi, ad esempio, al problema relativo all effettivo ambito di applicazione del citato art. 2411, comma 3, con particolare riferimento all applicazione del successivo art in tema di limiti all emissione di obbligazioni; ovvero al problema della spettanza o meno ai soci del diritto di opzione in caso di emissione degli strumenti finanziari in questione; ovvero ancora, in assenza di una specifica previsione legislativa, alla questione dell attribuzione o meno all organo amministrativo della competenza in materia di emissione di strumenti finanziari dotati di diritto di voto su specifiche materie), è opportuno soffermarsi su due questioni di ordine più generale, la prima concernente aspetti definitori o terminologici e la seconda attinente alla rappresentazione contabile degli strumenti finanziari in esame. In particolare, per quanto riguarda la prima questione, è ormai diffuso in dottrina l utilizzo dell aggettivo ibridi e dell espressione strumenti ibridi di finanziamento per individuare gli altri strumenti finanziari partecipativi, diversi dalle azioni e dalle obbligazioni, che attribuiscono ai loro titolari una certa partecipazione ai risultati economici dell impresa sociale ed alcuni diritti (sociali) amministrativi 14. In proposito, un autorevole dottrina ha evidenziato che l aggettivo ibridi, se pure carico di suggestioni, può addirittura fuorviare, in quanto interpretabile nel senso dell appartenenza degli strumenti finanziari in questione alla categoria delle partecipazioni azionarie, invece che nel senso della loro assoluta estraneità rispetto a tale categoria: sarebbe, invece, più opportuno fare leva sul termine altri utilizzato dal codice per ricostruire concettualmente una species, caratterizzata da una profonda alterità rispetto al rapporto sociale o, tuttalpiù, da una contiguità al medesimo rapporto, con caratteristiche simili all ipotesi dell associazione in partecipazione tra una società ed un terzo 15. In realtà sempre secondo la citata dottrina - sembrerebbe più corretto ascrivere la categoria in esame al genus dei finanziamenti, applicando ad essa il regime delle obbligazioni, ad eccezione della disciplina dell emissione che resta riservata all autonomia statutaria. Un siffatto inquadramento giuridico di tali strumenti - quali titoli emessi a fronte di un finanziamento concesso all impresa sociale - presenta interessanti risvolti, anche per quanto concerne la rappresentazione contabile in bilancio degli stessi. Infatti, considerato che i titolari di tali partecipazioni (non azionarie) sono sostanzialmente creditori della società, l iscrizione in bilancio dei relativi apporti dovrà, conseguentemente avvenire nelle corrispondenti voci dell attivo dello stato patrimoniale e nella corrispondente voce di debito (di restituzione) nel passivo c.d. reale dello stato patrimoniale (nella sottovoce debiti verso altri finanziatori ovvero - qualora gli apporti siano effettuati dai soci nella sottovoce debiti verso soci per finanziamenti ). Ciò, ad eccezione del caso in cui gli apporti consistano in prestazioni d opera o di servizi o, comunque, non siano suscettibili di restituzione: in tali ipotesi, non essendo possibile l iscrizione nello stato patrimoniale, tali entità possono trovare, eventualmente, riscontro soltanto nell ambito del conto economico, ad esempio in termini di maggiori ricavi per la società per le prestazioni ricevute. Infine, sempre per quanto concerne aspetti contabili, è stata prevista la descrizione degli strumenti de quibus anche nella nota integrativa, con particolare riguardo al numero ed alle caratteristiche di quelli emessi, con l indicazione dei diritti patrimoniali e partecipativi che conferiscono e delle principali caratteristiche delle relative operazioni (cfr. art. 2427, n. 19). Non è, invece, richiesta l indicazione analitica della disciplina cui lo statuto assoggetta le diverse emissioni di strumenti finanziari ed, in particolare, non sono richieste la descrizione delle condizioni per l emissione e l indicazione delle sanzioni previste nel caso in cui i titolari degli strumenti finanziari non siano adempienti alle prestazioni che si sono obbligati ad effettuare in favore della società. 14 Per l utilizzo dell aggettivo ibridi, cfr., tra gli altri, Presti e Rescigno, op. cit., p Cfr. P. Spada, C era una volta la società, in Rivista del notariato, Parte I, 2004, pp. 8 e 9. 6

7 8. Da ultimo, è interessante segnalare che, con delib. 19 luglio 2005, nel disciplinare la raccolta del risparmio da parte di soggetti non bancari, il CICR ha disciplinato l ipotesi della raccolta mediante l emissione di strumenti finanziari. In particolare, l art. 3 del provvedimento citato prevede che costituiscono tale categoria di strumenti le obbligazioni, i titoli di debito e gli altri strumenti finanziari che, comunque denominati ed a prescindere dall eventuale attribuzione di diritti amministrativi, contengono un obbligo di rimborso. Il successivo articolo 4 introduce, inoltre, alcuni limiti alle emissioni di tali strumenti, effettuate da società per azioni e in accomandita per azioni e da società cooperative, statuendo che l importo complessivo non deve eccedere il limite previsto dall art. 2412, comma 1 c.c., e cioè il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili risultanti dall ultimo bilancio approvato. Sono, inoltre, fatte salve le deroghe alle emissioni già previste dallo stesso art Il comma 2 dello stesso art. 4 estende, inoltre, la stessa disciplina anche ai titoli di debito ed agli strumenti finanziari che possono essere, rispettivamente, emessi dalle S.r.l. ex art c.c. e dalle società cooperative ex art c.c.. Infine, il successivo art. 5 dispone che gli strumenti finanziari di raccolta in esame (diversi dalle obbligazioni, con esclusione di quelli destinati alla quotazione in mercati regolamentati emessi da società con azioni quotate in mercati regolamentati), debbano essere emessi con un taglio minimo unitario non inferiore a Euro. Inoltre, qualora siano strumenti garantiti, l identità del garante e l ammontare della garanzia devono essere espressamente indicati sugli stessi, nonchè sui registri ad essi relativi. Paolo Ferrari Funzionario dell Agenzia delle Dogane 7

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario giugno 2003 I PATRIMONI ED I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*]

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] Lucia Calvosa La disciplina introdotta in Italia con il d.lgs.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa settembre 2007 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTO ARISTEIA N. 79 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE INVERSA Sommario:

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra L'assunzione di partecipazioni in altre imprese, anche se prevista genericamente nello statuto, non è consentita, se per la misura e per l'oggetto della partecipazione ne risulta sostanzialmente modificato

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli