Opera d Arte società cooperativa, è

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opera d Arte società cooperativa, è"

Transcript

1 LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia artistica e scientifica di Firenze. Opera d Arte società cooperativa, è attiva dal 1987 nell ambito delle arti figurative e dei beni culturali. Le iniziative ed i servizi spaziano da eventi culturali, gestione museale, accoglienza culturale, didattica, promozione e azioni conoscitive come catalogazione e ricerca. Nel corso degli anni particolare impegno è stato posto nell avvicinare la storia dell arte e la storia della scienza a varie tipologie di gruppi e persone singole, con particolare attenzione alla valorizzazione della ricchezza di patrimonio presente sul territorio fiorentino; da tale esperienza scaturiscono le nostre linee guida, riassumibili in tre parole chiave: CONOSCENZA APPRENDIMENTO VERIFICA Attraverso: obiettivi di apprendimento su una selezione di contenuti chiara e precisa linguaggio specifico della materia reso con chiarezza e semplicità promozione dell interazione con l operatore - eventuali attività di laboratorio possibilità di verifica dell apprendimento estemporanea e/o programmata Indice Musei, Chiese e Monumenti di Firenze Itinerari Tematici a Firenze Cicli di Visite tematiche a Firenze Attività Speciali Informazioni e Prenotazioni

2 Musei, Chiese e Monumenti di Firenze selezionati da Opera d Arte Opera d Arte propone la visita di alcuni luoghi particolarmente significativi per la conoscenza della città di Firenze e della sua storia. Le visite, sono delle vere e proprie lezioni, dove il libro di testo sono l opera d arte e il contesto stesso. 1. La cattedrale di Santa Maria del Fiore e il Campanile di Giotto Cuore religioso di una Firenze in forte espansione economica, politica e demografica, il Duomo con il suo celebre campanile, rappresenta il simbolo della vitalità del primo Trecento fiorentino fino all avvento del Rinascimento. 2. Battistero di San Giovanni Simbolo e fulcro culturale e religioso della città il bel San Giovanni (Dante, Inferno XIX; 17), dotato di uno straordinario apparato decorativo, riassume il percorso artistico figurativo dal Medioevo fino agli albori del primo Rinascimento, scrivendo una pagina ininterrotta dell arte e della civiltà del tempo. 3. Basilica di Santa Croce Monumento fiorentino fra i più celebri al mondo, nato grazie alla presenza dell ordine dei Francescani, eccellente capitolo di architettura trecentesca; di pittura, con gli splendidi cicli di affreschi; di scultura, espressa attraverso l eccezionale complesso delle sepolture. 4. Basilica di San Miniato al Monte Espressione del romanico fiorentino, nella bicromia bianco-verde, San Miniato testimonia quell ininterrotto dialogo dell arte fiorentina con la classicità antica, che fiorirà nel frutto maturo del Rinascimento. 5. Chiesa di Santa Maria Novella Fin dal 1221 i frati inviati da San Domenico presero possesso dell allora piccola chiesa, successivamente ampliata e oggi celebre per la facciata, mirabile intervento quattrocentesco, opera di Leon Battista Alberti, che seppe fondere l esistente parte gotica trecentesca in un insieme di perfetta e geometrica armonia rinascimentale. 6. Basilica di San Lorenzo e Museo del Tesoro Chiesa dalla millenaria vicenda legata alle origini della comunità cristiana di Firenze e poi alla crescita della potenza civile e politica della famiglia Medici, che vi istituì il proprio patronato, San Lorenzo è emblema del Rinascimento fiorentino e del genio di Filippo Brunelleschi. 7. Museo delle Cappelle Medicee Le Cappelle sono parte del complesso Mediceo Laurenziano, mausoleo di famiglia della dinastia de Medici, celebri per la Sacrestia Nuova di Michelangelo costruita specularmente alla Sacrestia Vecchia del Brunelleschi, comprendono la cripta delle sepolture e la sontuosa Cappella dei Principi, capolavoro a commesso del barocco fiorentino. 8. Biblioteca Medicea Laurenziana La Biblioteca è parte del grande complesso Mediceo Laurenziano, fu istituita da Clemente VII papa Medici e conclusa sotto il Granduca Cosimo I. Il progetto nel suo complesso, con il vestibolo caratterizzato dall originalissima scalinata e l ampia sala di lettura, si deve a Michelangelo. Una mostra, allestita nelle sale espositive della Biblioteca, offre l opportunità di conoscere una selezione dei preziosi codici e manoscritti del prezioso patrimonio della Laurenziana. 9. Palazzo Medici Riccardi Cappella dei Magi Considerato il prototipo delle dimore gentilizie fiorentine, fu fatto costruire da Cosimo il Vecchio dall architetto Michelozzo di Bartolomeo al rientro dalla prima cacciata dei Medici da Firenze. Gioiello del primo Rinascimento fiorentino è la Cappella dei Magi, espressione di una pittura narrativa e ornamentale, dove compaiono tutti i personaggi chiave della Firenze di Lorenzo il Magnifico. 10. Museo di Palazzo Davanzati Il palazzo risale alla prima metà del Trecento e acquistato solo due secoli più tardi dalla famiglia Davanzati. La sua struttura architettonica testimonia il momento di passaggio tra le case-torri dell XI-XII secolo e i grandi palazzi rinascimentali. L allestimento delle stanze rievoca usi e costumi della vita del tempo. 11. Museo di San Marco La pittura del Beato Angelico è conosciuta come pittura di luce, di un uomo, un religioso, che ogni volta prima di prendere in mano il pennello affidava il proprio lavoro a Dio. La pinacoteca raccoglie molte delle opere che il frate domenicano aveva dipinto per chiese e conventi di Firenze; al piano superiore si scopre la pittura più intimistica, dedicata alla vita contemplativa dei frati, dove splendida appare l Annunciazione, immagine emblema del pittore Angelico. 12. Museo dell Opera di Santa Maria del Fiore Raccolta delle opere d arte provenienti dal Duomo, dal Campanile e dal Battistero, sia sopravvissute alle trasformazioni subite dai monumenti, altre ivi conservate per sfuggire al degrado, sostituite da copie nei monumenti stessi, in un percorso che dal Trecento giunge sino al Rinascimento fiorentino.

3 13. Museo dell Opificio delle Pietre Dure Testimonianza storica di un arte ancora oggi viva a Firenze, che nasce nel Cinquecento negli opifici medicei, l arte del commesso o della pittura di pietra, è riassunta nella sua evoluzione stilistica e tecnica in questo museo, che come uno scrigno conserva alcuni fra i tesori più significativi prodotti dall opificio delle Pietre Dure fino a tutto il XIX secolo, assieme ai materiali litici usati e agli strumenti di lavorazione. 14. Museo della Fondazione Horne L inglese Herbert Percy Horne, innamorato di Firenze, acquista Palazzo Corsi nel 1911 per ospitare la sua preziosa collezione di dipinti, sculture, disegni e arredi, ricreando l atmosfera e gli ambienti di una dimora rinascimentale. Ancora oggi il Museo Horne si presenta nella forma voluta dal collezionista inglese: uno spazio in cui rivive il passato ed è possibile scoprire usi, costumi e arte della città tra Quattro e Cinquecento. 15. Museo Bardini: Stefano Bardini ( ) fu il più autorevole antiquario italiano e contribuì significativamente a diffondere in tutto il mondo il mito del Rinascimento. Il palazzo, sede del museo, fu acquistato e ristrutturato dallo stesso Bardini nel 1881, trasformando il vecchio edificio in un suggestivo palazzo neorinascimentale. L antiquario mostrò un grande interesse non solo per i grandi capolavori, ma anche per tutte le forme di arte applicata, che ancora oggi costituiscono uno dei motivi di maggior fascino delle collezioni lasciate in eredità al Comune di Firenze. 16. Museo Galileo (ex Museo di Storia della Scienza) Il percorso che proponiamo all interno dell esposizione, attraverso l eccezionale patrimonio di strumenti e apparati di grande importanza scientifica e di straordinaria bellezza, si propone di risaltare come sotto il governo dei Medici e dei Lorena poi, Firenze fu non soltanto fucina delle arti, ma anche centro di eccellenza del sapere scientifico, propulsore di episodi e scoperte che hanno segnato in profondità la storia della scienza moderna e di cui la figura di Galileo è simbolo per eccellenza. 17. Museo di Storia Naturale dell Università degli Studi di Firenze nelle sue sei sezioni La fondazione del Museo di Storia Naturale risale al 1775 ad opera del Granduca Pietro Leopoldo e ospita, nelle sue varie sezioni, reperti di straordinario valore scientifico e naturalistico, coniugando in maniera mirabile, natura, storia, scienza e arte. Sezione di Antropologia e Etnologia: fondato da Paolo Mantegazza nel 1869 con l intento di esporre le diversità umane in campo fisico e culturale, vi si trovano manufatti e oggetti che illustrano gli usi e i costumi dei popoli. Sezione di Botanica: La sezione di Botanica è la più grande raccolta italiana di esemplari vegetali conservati a secco (erbari) e di materiali e modelli vegetali di vario tipo, qui riuniti per scopi di studio, di ricerca, e di esposizione al pubblico. Orto Botanico Il Giardino dei Semplici : L Orto Botanico è nato come Giardino dei piante medicinali, i Semplici, nel 1545 per volere del Granduca Cosimo I de Medici ed è oggi fra i tre Orti più antichi al mondo. Sezione di Mineralogia e Litologia: iniziate ai tempi dei Medici, le collezioni di Mineralogia, per valore storico, scientifico e per consistenza, fanno di questa raccolta una delle più importanti in Italia. Risaltano i grandi geodi di ametista, il secondo cristallo di topazio più grande del mondo, un acquamarina di quasi 100 kg e poi quarzi, legni silicizzati, tormaline, pepite d oro e tante pietre preziose e meteoriti. Sezione di Geologia e Paleontologia: La visita alla sezione di Geologia e Paleontologia, attraverso la collezione dei vertebrati, permette di conoscere i fossili - per lo più di mammiferi italiani - quali preziosi testimoni del passato della Terra, qui raccolti in oltre due secoli di storia. Sezione di Zoologia La Specola. È il più antico museo scientifico d Europa, fondato dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena e aperto al pubblico nel Contiene la più grande collezione al mondo di cere anatomiche, eseguite tra il 1770 e il 1850, e una vastissima collezione di specie di animali ancora esistenti in natura ed estinti. 18. Osservatorio Ximeniano L Istituzione conserva importanti collezioni scientifiche legate alla sua stessa storia risalente al 1756 quando il gesuita Leonardo Ximenes fondò l osservatorio astronomico. Si aggiunsero successivamente attività di rilevazione meteorologica, idraulica, ingegneria, matematica e cartografia, fino alla sismologia, disciplina nascente in ambito scientifico alla metà del sec. XIX. Gli strumenti sono collocati in diverse sale, nello stesso contesto d uso per il quale furono acquisiti, illustrando come l attività scientifica dell Osservatorio sia sempre stata concepita con finalità applicative al territorio.

4 Itinerari Tematici a Firenze Abbinando la visita a più luoghi fra le Chiese, i Monumenti e i Musei sopra proposti, si contribuisce ad entrare in maniera più organica nel cuore e nel contesto di vicende storiche, artistiche e sociali di un epoca, mettendone in risalto alcune caratteristiche particolari, di cui il titolo dell itinerario suggerisce la sintesi. 1. Il cuore religioso di Firenze: il complesso di Piazza del Duomo Dal monumento più antico del complesso, il Battistero, affrontando le vicende costruttive del cantiere della Basilica, la nascita dell Opera del Duomo, attraversando tutto il Trecento, si giunge fino all avvento del Rinascimento con la costruzione della cupola e l analisi delle vicende storico culturali legate alla Firenze dell epoca. 2. L innovazione dell architettura rinascimentale: Brunelleschi e Michelangelo Percorso attraverso la lettura dei canoni rinascimentali di misura, ordine e armonia dell operato di Filippo Brunelleschi in San Lorenzo si giunge, un secolo più tardi, alla drammatizzazione dei temi architettonici della classicità espressi nel progetto della Biblioteca Medicea Laurenziana, opera del genio di Michelangelo, in una delle opere architettoniche più compiute dell artista. 3. La Dinastia de Medici in San Lorenzo I Medici, patroni di San Lorenzo, legano il loro nome al complesso che ne ospita le sepolture sparse fra la basilica, i sotterranei e le cappelle Medicee, molte delle quali realizzate dai grandi artisti della storia dell arte fiorentina. Un interessante percorso alla scoperta delle sepolture del casato fiorentino che governò Firenze per quattro secoli e delle opere d arte che ne hanno suggellato la gloria nel tempo. 4. Rinascimento: innovazione e tradizione in Michelozzo e Beato Angelico al Convento di San Marco Cosimo il Vecchio fece ricostruire nelle attuali forme rinascimentali il più antico convento, ad opera dell architetto Michelozzo di Bartolo, figura chiave nel coniugare l innovazione delle istanze rinascimentali apportate dal Brunelleschi e la tradizione medievale fiorentina. Stesso ruolo ebbe nella pittura l Angelico, capace di far sposare in maniera mirabile gli sfondi dorati della tradizione, con la pittura nuova dello spazio e della prospettiva. 5. La Firenze Medievale tra piazza Duomo e piazza della Signoria Itinerario alla scoperta delle testimonianze più antiche del centro storico con le più significativa case torri, le logge, il Tribunale della Mercanzia, Orsanmichele, tutti documenti di una Firenze che fu città medioevale tra le più importanti d Europa e i cui segni si celano ancora nell attuale tessuto urbano. 6. Da Giotto a Brunelleschi Ripercorreremo insieme più di un secolo di storia, dalla fine del Duecento al primo Quattrocento, i Monumenti saranno il nostro libro di testo: Giotto e Arnolfo di Cambio, Brunelleschi con Donatello, le figure degli artisti che ci accompagneranno in questo percorso da Piazza San Giovanni a Piazza San Lorenzo. 7. Il Complesso Mediceo laurenziano: Brunelleschi e Michelangelo Ripercorreremo più di un secolo di storia, dal primo Quattrocento al Cinquecento inoltrato, attraverso la lettura dei canoni rinascimentali di misura, ordine e armonia dell operato di Filippo Brunelleschi e Donatello, fino alla mirabile opera di Michelangelo nella Sacrestia Nuova e nella Biblioteca Medicea Laurenziana. 8. La narrazione nell affresco rinascimentale a Firenze Domenico Ghirlandaio, nella Cappella Maggiore di S. Maria Novella, in tono elegante e signorile, narra il quotidiano vivere dell alta borghesia fiorentina, ritratta nei personaggi più in vista e maggiormente conosciuti della Firenze dell epoca. La stessa cosa accade nella Cappella di palazzo Medici Riccardi, dove l insieme decorativo unitario e di incantevole bellezza degli affreschi di Benozzo Gozzoli, rimane una delle testimonianze più alte della Firenze medicea quattrocentesca. 9. La Firenze Medievale: i luoghi del vivere e dell abitare Le case torri più significative, le logge celate nel tessuto urbano del centro storico, le strette vie ancora conservate, il Museo di Palazzo Davanzati, testimoniano i modi del vivere quotidiano dei fiorentini popolani e borghesi dall XI al XIV secolo. 10. Firenze Capitale d Italia Firenze è stata città romana, città medievale, città rinascimentale. Il Museo Firenze com era riassume nel suo allestimento i vari momenti di passaggio, la passeggiata per le strade cittadine rivela i luoghi stravolti dallo sventramento dell antico assetto urbanistico avvenuto nel XIX secolo, che ha conferito alla città la forma che oggi vediamo.

5 Cicli di visite tematiche a Firenze In forza della nostra esperienza proponiamo dei cicli di incontri composti da una lezione introduttiva e successive visite, con una cadenza temporale prestabilita tra un appuntamento e l altro. La prima lezione sintetizza e unifica i contenuti che si svilupperanno nelle visite successive. Questa metodologia favorisce la comprensione e l apprendimento dei contenuti proposti, stimolando la partecipazione attiva dei partecipanti. Per le scuole la prima lezione si svolge nelle classi con l ausilio di materiale didattico, inclusivo dei test di valutazione dell apprendimento. Cicli di visite: 1. Principi, frati e mercanti: forme e luoghi dell abitare a Firenze Questo ciclo si propone di indagare come si viveva a Firenze fra il Duecento e il Cinquecento: la tipologia delle abitazioni, le pratiche quotidiane, i modi di vestire; tutte variabili che interagendo e influenzandosi tra loro, cambiano in funzione del ruolo e del ceto sociale di appartenenza. a. Lezione: Le forme dell abitare, i luoghi, le città. b. Itinerario di visita: Le case torri a Firenze fra XI e XII secolo e museo di Palazzo Davanzati. c. Visita: Palazzo Pitti e Giardino di Boboli. 2. Le urne de forti Le sepolture sono oggi confinate nei perimetri delle aree cimiteriali distanti dai centri abitati, ma come vivevano la morte nel passato? Un tema che affascina e intimorisce; scopriremo come la storia dell arte e dell uomo abbia dedicato splendidi capitoli d amore e di bellezza a questo argomento, attraverso le sepolture appartenenti al mondo antico, fino ad arrivare alla basilica di Santa Croce che costituisce il pantheon fiorentino per eccellenza. a. Lezione: Le sepolture nelle varie epoche storiche. b. Visita: Museo Archeologico Nazionale, le sepolture nelle civiltà egizia, etrusca e romana. c. Visita: Basilica di Santa Croce, le sepolture dal XIV al XIX secolo. 3. Firenze Medioevale Percorso attraverso il medioevo del Popolo e delle Arti a Firenze, alla scoperta delle testimonianze più importanti e famose, ma anche delle tracce più antiche, di cui normalmente ci sfugge l esistenza, immerse in contesti figurativi trasfigurati nel corso dei secoli. a. Lezione: La Firenze Medioevale celata nel tessuto urbano odierno. b. Itinerario di visita: Battistero, gli scavi di Santa Reparata e Santa Maria del Fiore. c. Itinerario di visita: Le case torri del centro di Firenze, le loggie, Orsanmichele, il Museo di Palazzo Davanzati. 4. Firenze e Fiesole: il patrimonio archeologico Le testimonianze archeologiche di Fiesole documentano la felice posizione che la città, una fra le più importanti etrusche e alleate di Roma poi, deteneva tra l inizio V e il I sec. a.c., quando si arrese alla supremazia romana, sorpassata dalla nascente colonia di Florentia. Cercheremo di scoprire le tracce più antiche di Firenze, immerse in contesti figurativi trasfigurati nel corso dei secoli. a. Lezione: Le antiche origini di Fiesole e dell antica Florentia. b. Itinerario di visita: Area Archeologica di Fiesole e Museo Civico Archeologico. c. Itinerario di visita: passeggiata alla ricerca dei luoghi dove sorgevano le antiche vestigia della città. 5. La Scienza a Firenze Firenze, oltre a vantare un illustre tradizione artistica, può annoverare una tradizione scientifica altrettanto importante, infatti fin dal Medioevo tra le Arti Liberali che costituivano il curriculum studiorum vi figuravano l astronomia, la geometria e l aritmetica; così sotto il governo dei Medici e dei Lorena poi, Firenze continuò ad essere centro del sapere scientifico, propulsore di episodi e scoperte che hanno segnato in profondità la storia della scienza moderna e di cui la figura di Galileo è simbolo per eccellenza. a. Lezione: La tradizione scientifica della città di Firenze. b. Visita: Museo di Storia Naturale (a scelta fra le sue sezioni). c. Visita: Museo Galileo.

6 Attività speciali con laboratorio (per le scuole primarie di primo grado e secondarie di primo grado) Opera d Arte propone due tipologie di lezionevisita e laboratorio. Sono attività che mirano al coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi attraverso non solo la conoscenza dell opera che avviene durante la visita, ma anche attraverso la parte di laboratorio e di verifica, in cui vengono rielaborati ed espressi in forma creativa e personale i contenuti appresi. 1. L uomo la materia e il colore: l arte a San Lorenzo. Architettura rinascimentale e pietra serena: la forma e il colore come armonia dello spazio L artista è colui che con le sue capacità e il suo genio immagina e rende visibile una percezione della realtà. L artista sempre si serve di una materia, che si tratti di scultura, pittura, architettura, deve sempre confrontarsi con materiali differenti che di per se non sono ancora opera, ma che grazie al genio e all intervento dell uomo, acquistano forma, colore e luce e diventano capolavori. L intento è di osservare l opera e capirne l origine partendo dai materiali, dalla spiegazione del loro utilizzo e degli strumenti impiegati per lavorarli. L attività si svolge in un unica fase, della durata di 90 minuti, cosi suddivisa: Visita: il percorso si svolge attraverso la visita alla Basilica di San Lorenzo e alla Sagrestia Vecchia, osservando la realizzazione architettonica del Brunelleschi e i materiali utilizzati: pietra serena e intonaco bianco. La lezione prosegue con l approfondimento, tramite tecniche multimediali, del ruolo dell architetto nel Rinascimento, attraverso confronti con la tradizione classica romana e romanico-gotica fiorentina, esaminando i significati e gli spazi della Sagrestia Vecchia. Laboratorio: eseguiremo il montaggio di un modello tridimensionale in cartoncino della Sagrestia Vecchia in cui i ragazzi saranno invitati a distinguere le strutture portanti dagli elementi complementari. Verifica: compilazione di un questionario di verifica sugli argomenti trattati. 2. Conosciamoci con l arte! Viaggio interculturale fra le diverse espressioni artistiche dei popoli Un viaggio virtuale intorno al mondo, fatto confrontando e paragonando in modo attivo le similitudini e le differenze che intercorrono fra le produzioni artistiche dei diversi paesi e continenti a seconda del contesto culturale e delle epoche storiche di riferimento. Attraverso l attività di laboratorio si attivano capacità creative ed espressive tramite l uso del linguaggio visuale, fabbricando dei manufatti con l ausilio di tecniche artistiche quali disegno, collage e pittura. Conosceremo infine, attraverso la visita didattica, come i musei del territorio fiorentino conservino nelle loro collezioni i prodotti artistici del proprio e di altri paesi a testimonianza che da sempre l opera e l oggetto d arte hanno costituito un veicolo privilegiato di conoscenza e comunicazione nella storia dei popoli e delle culture. Svolgimento dell attività: L attività didattica si compone di tre interventi, della durata di 90 minuti ciascuno, da svolgere come segue: in classe una lezione frontale con l ausilio di materiale didattico, una visita in ambito museale, nuovamente in classe un laboratorio di attività pratica quale momento di verifica, sperimentazione ed espressione creativa di quanto appreso nel percorso. Temi proposti: Modi e moda L uomo da sempre ha sentito il bisogno di coprire il proprio corpo, non solo per proteggersi dagli agenti atmosferici e per sottostare alle regole sociali poi, ma molto di più per esprimere una parte del proprio essere. Lezione: attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio, scopriremo il costume, gli stili e la moda di popoli e culture diversi alla scoperta del modo di abbigliarsi dei regnanti, dei religiosi, dei guerrieri e del popolo. Visita: Museo Stibbert. Laboratorio: vestiamo un figurino. Forniti di un modello in cartone, attraverso la tecnica del collage e del colore, i ragazzi costruiscono un loro modellino. Infine si esaminano insieme alla classe gli elaborati, mettendo in evidenza quanto appreso e rielaborato durante il percorso didattico. L arte del fare con le mani Fin dalle sue origini l uomo ha costruito oggetti d uso che non hanno svolto solo funzioni di tipo utilitaristico, ma che hanno acquisito nel tempo una sigla di specificità propria di certe aree geografiche, tramandando tradizioni manifatturiere talvolta ancora oggi esistenti. Lezione: attraverso un viaggio virtuale nel tempo e nello spazio, analizzeremo vari tipi di oggetti in ceramica, vetro, legno, paglia, spaziando fra le più significative creazioni di occidente, oriente e Africa. Visita: Museo di storia naturale, Sezione di Antropologia e Etnologia. Laboratorio: Costruire un oggetto. Ognuno sarà anticipatamente invitato a portare vario materiale di recupero, che raccolto, analizzato e scambiato fra i ragazzi, permetterà la realizzazione del proprio manufatto. Infine si esaminano insieme alla classe gli elaborati, mettendo in evidenza quanto appreso e rielaborato durante il percorso didattico.

7 Informazioni e prenotazioni Le visite, le lezioni e i laboratori sono curati da operatori esperti per la didattica storico-artistica e storico-scientifica. Ai partecipanti verrà consegnato un CD contenente le schede didattiche dei Monumenti visitati insieme, completo di un questionario di verifica dell apprendimento ed un repertorio di immagini utile alla ripresa del tema in proprio. La modalità della visita sarà comunque quella di favorire un percorso di tipo interattivo con i partecipanti, con cui constatare insieme la trasmissione dei contenuti proposti. Opera d Arte è in grado di soddisfare richieste personalizzate mettendosi direttamente in contatto con il Servizio di Didattica. Modalità di prenotazione e di pagamento È opportuno prenotare con un anticipo di almeno 10 giorni, ma consigliamo di contattarci prima possibile per avere maggiori possibilità di scelta, soprattutto se si ha intenzione di organizzare le visite nel periodo primaverile. Al momento della prenotazione verrà inviata al richiedente una scheda contenente tutti i dati relativi al servizio didattico prescelto. La prenotazione viene definitivamente confermata, almeno una settimana prima della data concordata, attraverso l inoltro via fax della scheda firmata e dell attestazione di pagamento. Il pagamento avviene a mezzo c/c postale o bonifico bancario secondo le indicazioni riportate nella scheda stessa. L annullamento di una prenotazione deve essere comunicato telefonicamente o via con un anticipo minimo di due giorni lavorativi. Oltre questo limite temporale non verrà effettuato nessun rimborso. Se l annullamento avviene fra 7 e 2 giorni lavorativi prima della visita l importo già versato viene rimborsato per 80%. Per i costi di tutti i servizi verrà inviato un allegato a tutti i richiedenti. Per contattarci: Opera d Arte tel fax lun. mer. e ven. dalle ore 10:00 alle ore 12:00 In copertina e all interno: Domenico di Michelino, La Divina Commedia illumina Firenze, per gentile concessione dell Opera di S. Maria del Fiore / Nicolò Orsi Battaglini

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 3)Titolo del progetto: Nessun museo è lontano

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA DAL MONDO CHIUSO ALL UNIVERSO INFINITO Percorso dii Astronomiia La Provincia di Lodi Servizio Cultura e Istruzione, ha presentato alla Regione Lombardia

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO rt MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, TAVOLI, SCALE, PROGETTI. FORNITURA MARMI E PIETRE PER ABITAZIONI, HOTEL, EDILIZIA. Art Carrara by Amso International Carrara Italy

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano Le piante producono alimenti, legno, carburante, tessuti, carta, fiori e l ossigeno che respiriamo! La vita

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli