Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi"

Transcript

1 COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore del Ministero dello Sviluppo Economico, la quarta delle sei lezioni del corso Normativa e procedure alla base della realizzazione delle opere pubbliche tenute nella Facoltà di Ingegneria dell Università di Roma La Sapienza. La versione video della lezione è visionabile gratuitamente sul sito sezione e-learning. La fase del collaudo delle opere costituisce uno dei momenti più delicati dell intera procedura dell appalto pubblico, in quanto essa rappresenta un importante momento di verifica, da parte della Stazione Appaltante, sul lavoro dell impresa esecutrice ed indirettamente anche sull attività dello stesso Direttore dei Lavori. L attività del collaudo ha ad oggetto non solo la verifica della corretta realizzazione delle opere e dei lavori, ma anche la documentazione che viene prodotta durante l appalto. Salvo per gli appalti di importo inferiore ad una determinata soglia, per i quali in luogo del certificato di collaudo si redige il certificato di regolare esecuzione, il collaudo è un atto ineludibile e necessariamente propedeutico al pagamento della rata di saldo, dopo che sia stata comunque verificata la correttezza della procedura amministrativa e contabile. Il collaudo: oggetto e modalità di esecuzione La disciplina del collaudo viene trattata nell articolo 120 Collaudo e 141 Collaudo dei lavori pubblici del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici di lavori servizi e forniture e viene regolato nel Titolo X Collaudo dei lavori artt del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, recante il regolamento di attuazione del Codice dei Contratti. Il collaudo ha lo scopo di: verificare e certificare che l opera o il lavoro siano stati eseguiti a regola d arte, secondo il progetto approvato e le relative prescrizioni tecniche;nonché le eventuali perizie di variante, in conformità del contratto e degli eventuali atti di sottomissione o aggiuntivi debitamente approvati; verificare che i dati risultanti dalla contabilità finale (redatta dal Direttore dei Lavori) e dai documenti giustificativi corrispondano fra loro e con le risultanze di fatto, non solo per dimensioni, forma e quantità, ma anche per qualità dei materiali (verificandone la compatibilità con quanto previsto nel capitolato speciale d appalto o capitolato speciale prestazionale), dei componenti e delle provviste, e che le procedure espropriative poste a carico dell esecutore siano state espletate tempestivamente e diligentemente; verificare che il pagamento dei lavori eseguiti sia stato calcolato con i prezzi di contratto; sottoporre le opere realizzate a tutte le verifiche tecniche previste dalla normativa vigente; esaminare le riserve dell esecutore, sulle quali non sia già intervenuta una risoluzione definitiva in via amministrativa, se iscritte nel registro di contabilità e nel conto finale nei termini e nei modi stabiliti dal regolamento. L obbligatorietà del collaudo tecnico - amministrativo è sancita dall articolo 141, comma 7, del codice, che prevede il collaudo in corso d opera, sempre che non sussistano le 71

2 ANNO III n. 16 LUGLIO - AGOSTO 2011 condizioni per il rilascio del certificato di regolare esecuzione di cui all articolo 141, comma 3, del codice, (importo dei lavori inferiore ad euro ,00) è obbligatorio nei seguenti casi: a. quando la direzione dei lavori sia stata affidata al progettista incaricato oppure ad altri soggetti esterni alla Stazione Appaltante; b. in caso di lavoro di particolare complessità di cui all articolo 236; c. nel caso di intervento affidato in concessione ai sensi degli articoli 142 o 153 del codice, nonché con dialogo competitivo o mediante locazione finanziaria; d. nel caso di intervento affidato ai sensi dell articolo 53, comma 2, lettere b) o c), del codice. Nella fattispecie si tratta di quelle particolari tipologie di appalto che prevedono affidamento della progettazione esecutiva e dei lavori (partendo da un progetto definitivo redatto dalla stessa Amministrazione) oppure, previa acquisizione della progettazione definitiva dall impresa (in sede di offerta), affidamento della progettazione esecutiva e lavori. In tale caso l Amministrazione pone in gara solamente un progetto preliminare; e. nel caso di opere o lavori comprendenti significative e non abituali lavorazioni non più ispezionabili in sede di collaudo finale; f. in caso di aggiudicazione con ribasso d asta superiore alla soglia di anomalia determinata ai sensi delle vigenti disposizioni. Opere di particolare complessità tecnica o di grande rilevanza economica: particolarità del collaudo L art. 141 comma 6 del Codice dei Contratti prevede una particolare disposizione relativa alla presenza di certificazioni di qualità dell opera e dei materiali in caso di opere di particolare complessità tecnica o di grande rilevanza economica. Per comprendere meglio la definizione di queste opere si deve fare riferimento al D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 che all art. 236 definisce tali lavori riconducendoli a due grandi categorie, in particolare: importo superiore ai 25 milioni di euro; lavori nei quali le componenti architettoniche e/o strutturale e/o impiantistica siano non usuali e di particolare rilevanza. La figura del collaudatore: requisiti ed incompatibilità La nomina della figura del collaudatore, ove prevista dalla norma, deve essere effettuata entro trenta giorni dalla data di ultimazione dei lavori, mentre nei casi in cui si prevede il collaudo in corso d opera, tale nomina deve essere fatta entro 30 giorni dalla data di consegna dei lavori. In particolare l art. 141 del Codice afferma che l Amministrazione aggiudicatrice deve nominare da uno a tre tecnici di elevata e specifica qualificazione con riferimento alla tipologia dei lavori, alla loro complessità ed all importo dei medesimi. È previsto che nella Commissione di Collaudo possano essere nominati, limitatamente ad un solo componente, i funzionari amministrativi in servizio presso le stazioni appaltanti in possesso di laurea giuridica od economica o equipollente, i quali abbiano prestato servizio in uffici pubblici per un periodo non inferiore a cinque anni. I requisiti di ordine tecnico che la normativa impone per poter accedere alla nomina in Commissioni di Collaudo di un opera pubblica sono: laurea in ingegneria; laurea in architettura; laurea in geologia (solo 1 componente della Commissione); laurea in scienze agrarie e forestali (solo 1 componente della Commissione). Per tutti i casi è sempre richiesta l abilitazione alla professione, oltre che l iscrizione nel rispettivo albo professionale da almeno cinque anni antecedenti all incarico, fatta eccezione per i dipendenti delle Amministrazioni aggiudicatrici. La delicata funzione del collaudo impone grande attenzione nella selezione delle figure professionali cui affidare l incarico, per tale ragione la norma oltre a definire i requisiti dei membri della Commissione di Collaudo, delimita in modo preciso anche le incompatibilità con tale ruolo, in particolare l art. 141 comma 5 del Codice dei Contratti dispone che i Collaudatori: non devono avere svolto alcuna funzione nelle attività autorizzative, di controllo, di progettazione, di direzione, di vigilanza e di esecuzione dei lavori sottoposti al Collaudo; non debbono avere avuto, nell arco temporale che abbraccia gli ultimi tre anni, rapporti di lavoro o di consulenza con l impresa appaltatrice che ha effettuato i lavori; non debbono appartenere ad organismi che svolgano funzioni di vigilanza, controllo o giurisdizionali; non possano essere Magistrati ordinari, amministrativi e contabili; non possano essere Avvocati dello Stato. La documentazione necessaria per il collaudo La documentazione necessaria al Collaudatore deve essere trasmessa dall Amministrazione aggiudicatrice, a cura del Responsabile Unico del Procedimento, secondo le modalità definite dall art. 217 del Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti. Lo stesso articolo al comma 2 sancisce la non esaustività dell elenco documentale citato, infatti si prevede che l organo 72

3 Art Documenti da fornirsi al collaudatore (art. 190, d.p.r. n. 554/1999) 1. Il responsabile del procedimento trasmette all organo di collaudo: a. la copia conforme del contratto d appalto e dei documenti di cui all articolo 137, nonché il provvedimento di approvazione del progetto; b. eventuali perizie di variante e suppletive, con le relative approvazioni intervenute e copia dei relativi atti di sottomissione o aggiuntivi; c. copia del programma di esecuzione dei lavori redatto dall esecutore e relativi eventuali aggiornamenti approvati dal direttore dei lavori; d. verbale di consegna dei lavori; e. disposizioni del responsabile del procedimento e ordini di servizio e rapporti periodici emessi dal direttore dei lavori; f. eventuali verbali di sospensione e ripresa lavori; g. certificato di ultimazione lavori; h. originali di tutti i documenti contabili o giustificativi prescritti dal presente regolamento; i. verbali di prova sui materiali, nonché le relative certificazioni di qualità; l. conto finale dei lavori m. relazione del direttore dei lavori in accompagnamento allo conto finale, relativa documentazione allegata nonché l esito dell avviso ai creditori di cui all articolo 218; n. relazione del responsabile del procedimento sul conto finale; o. relazioni riservate sia del direttore dei lavori, che del responsabile del procedimento sulle eventuali riserve avanzate dall esecutore dei lavori non definite in corso d opera ai sensi degli articoli 239 e 240 del codice; p. certificati inerenti ai controlli eseguiti conformemente al piano per i controlli da effettuare in cantiere nel corso delle varie fasi dei lavori, nel caso di interventi complessi di cui all articolo 3, comma 1, lettera l); q. certificati di cui all articolo 79, comma 17, limitatamente ai lavori relativi alla categoria OS 12-A 2. È facoltà dell organo di collaudo chiedere al responsabile del procedimento o al direttore dei lavori altra documentazione ritenuta necessaria o utile per l espletamento dell incarico. 3. In caso di incarico di collaudo in corso d opera, il responsabile del procedimento trasmette sollecitamente all organo di collaudo la documentazione di cui al comma 1, lettere a), b), c), d), e) ed f), integrandola successivamente con gli altri atti. 4. Ferma la responsabilità dell organo di collaudo nel custodire la documentazione in originale ricevuta, il responsabile del procedimento provvede a duplicarla ed a custodirne copia conforme. di collaudo possa integrare la lista della documentazione da richiedere. La scansione dei tempi nel collaudo: il termine - ritardo - prolungamento delle operazioni Il termine temporale definito dal legislatore per le operazioni di collaudo è contenuto nell art. 141 del Codice dei Contratti ed è pari a sei mesi dalla data di conclusione dei lavori, assunta valida quella di cui al certificato di ultimazione dei lavori redatto dalla Direzione Lavori in contraddittorio con l impresa. È importante fare una piccola notazione a margine, ovvero che essendo il Collaudatore Statico un membro della Commissione di Collaudo tecnico - amministrativo, si intende che entro sei mesi deve essere concluso anche il collaudo statico delle strutture. Pertanto non è possibile ipotizzare un termine temporale differente per le operazioni di collaudo statico. La questione inerente al ritardo nella conclusione delle operazioni di collaudo è purtroppo un tema assai ricorrente nella gestione dell appalto pubblico, e costituisce un problema potenzialmente molto critico per l Amministrazione. Infatti se è vero che il ritardo nella conclusione delle operazioni di collaudo non reca di per sè un danno alle opere realizzate, diventa un problema insidioso se si pone mente al fatto che i citati ritardi sottopongono l impresa esecutrice a maggiori costi in termini di vigilanza, custodia e manutenzione delle opere medesime. Art Richieste formulate dall esecutore sul certificato di collaudo (art. 203, d.p.r. n. 554/1999) Il certificato di collaudo viene trasmesso per la sua accettazione all esecutore, il quale deve firmarlo nel termine di venti giorni. All atto della firma egli può aggiungere le richieste che ritiene opportune, rispetto alle operazioni di collaudo. Tali richieste devono essere formulate e giustificate nel modo prescritto dal presente regolamento con riferimento alle riserve e con le conseguenze previste. L organo di collaudo riferisce al responsabile del procedimento sulle singole richieste fatte dall esecutore al certificato di collaudo, formulando le proprie considerazioni ed indica le eventuali nuove visite che ritiene opportuno di eseguire. 73

4 ANNO III n. 16 LUGLIO - AGOSTO 2011 Tutte le maggiori spese potranno costituire la giustificazione per una richiesta di maggior compenso avanzata dall impresa in sede di sottoscrizione del certificato di collaudo, così come previsto dall art. 233 del Regolamento di attuazione del Codice. È possibile ottenere una proroga del termine delle operazioni di collaudo previa comunicazione, da parte dell organo di Collaudo, al responsabile del procedimento ed all impresa; va da sè che la comunicazione deve recare precisa descrizione delle cause che impediscono la conclusione delle operazioni di Collaudo. In genere tali cause riguardano persistenti condizioni meteo avverse che hanno ostacolato gli accessi alle opere oppure l esecuzione di particolari prove (per esempio di carico) o controlli. Le figure operanti nella fase di collaudo Le figure coinvolte nelle attività di Collaudo sono varie e rientrano nell ambito dell Amministrazione aggiudicatrice e dell impresa esecutrice dei lavori, in particolare: il responsabile del procedimento; il direttore dei lavori; il responsabile dei lavori; il coordinatore per l esecuzione dei lavori; il collaudatore tecnico amministrativo in corso d opera. Responsabile del procedimento: come più volte dichiarato nel corso delle precedenti lezioni, il Responsabile Unico del Procedimento (brevemente il RUP) rappresenta il dominus della situazione ed è quindi presente in tutte le fasi del procedimento di realizzazione dell opera. Analizzando il ruolo del RUP, limitatamente alle operazioni di Collaudo, la norma prevede una serie di adempimenti, relativi in primis alla trasmissione della necessaria documentazione, per finire con la ricezione della documentazione finale di collaudo, in particolare: Avvio del collaudo Trasmissione atti: copia del contratto di appalto, documentazione relativa a contratti di cottimo e provvedimento di approvazione del progetto; perizie di variante e suppletive con i relativi provvedimenti di approvazione e copia degli atti di sottomissione e/o aggiuntivi; programma dei lavori ed eventuali aggiornamenti approvati dall Ufficio di Direzione dei Lavori; verbale di consegna dei lavori; disposizioni emanate dal RUP, ordini di servizio e rapporti della Direzione dei Lavori; verbali di sospensione e ripresa, se presenti; certificato di ultimazione dei lavori; documentazione contabile o giustificativa inerente l appalto in oggetto; certificati di qualità dei materiali uniti ad eventuali verbali di prova dei medesimi; conto finale delle lavorazioni; relazione del Direttore dei Lavori in accompagnamento al conto finale; relazione sul conto finale redatta dal RUP medesimo; in caso siano state avanzate riserve, debbono essere inoltrate al Collaudatore le relazioni riservate del Direttore dei Lavori e del RUP; documentazione inerente ai controlli eseguiti; oltre alla già richiamata documentazione prevista nel caso di collaudo in corso d opera. Deve sempre ricevere informazioni in merito alle cause dell eventuale protrarsi dei tempi previsti per il collaudo ed assegnare un nuovo termine, non superiore a trenta giorni per la conclusione delle operazioni di collaudo. L organo di Collaudo deve trasmettere sempre i verbali di visita al RUP che, in caso di partecipazione attiva alla visita, deve anche firmare i medesimi. Responsabile dei lavori: la figura del Responsabile dei lavori è riconducibile alla normativa in materia di sicurezza, precisamente al Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.81, che all art.89 comma 1 lettera c recita responsabile dei lavori: soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, il responsabile dei lavori è il responsabile photo shutterstock.com/ Haralamby Sertev 74

5 photo shutterstock.com/ Alexander Kalina del procedimento; (lettera così sostituita dall articolo 58 del d.lgs. n. 106 del 2009) Quanto richiamato mette in luce che i principali adempimenti del Responsabile dei Lavori (brevemente RdL) riguardano il rispetto e l applicazione della normativa sulla sicurezza, quindi vanno dalla richiesta di nomina dei coordinatori per la sicurezza al controllo della loro attività, trasmissione del Piano di Sicurezza e Coordinamento nelle occasioni di rito, pianificazione dei lavori o fasi di essi che abbiano particolare rischio per via della loro contemporaneità e/o complessità, ecc. Ufficio Direzione dei lavori: il ruolo riservato al Direttore dei Lavori, durante la fase del Collaudo, è squisitamente di supporto alle operazioni dell Organo di Collaudo fornendo a richiesta informazioni sulle modalità di esecuzione dei lavori e sul generale andamento del cantiere. Deve necessariamente intervenire alla visita di collaudo, firmando con gli appartenenti all Ufficio di Direzione Lavori, i singoli verbali redatti in occasione delle visite. Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione: è il soggetto incaricato dall Amministrazione aggiudicatrice (dipendente interno ad essa oppure professionista esterno selezionato in base alle norme) di garantire il rispetto del Piano di Sicurezza e Coordinamento (brevemente PSC) ed i massimi livelli di sicurezza durante lo svolgimento delle lavorazioni in cantiere. La prima attività che il Coordinatore deve svolgere riguarda la valutazione del PSC alla luce delle lavorazioni da eseguire in cantiere, particolare cura deve essere riservata alle lavorazioni che si svolgono in contemporanea nella medesima zona del cantiere, ma anche alla viabilità esterna ed interna; quindi se necessario deve procedere al relativo aggiornamento. Una volta informato delle varie aziende che dovranno operare, egli deve acquisire per ognuna di esse il Piano Operativo di sicurezza (brevemente POS) e valutarlo, quindi se necessario può richiederne modifiche od integrazioni, così da adattarsi meglio al documento generale di sicurezza ovvero il PSC. Acquisisce la nomina dei responsabili di cantiere per ogni singola azienda e redige le schede di identificazione delle imprese e degli eventuali lavoratori autonomi. Un passaggio molto delicato delle attività del Coordinatore riguarda la convocazione delle riunioni di coordinamento alle quali partecipano: il Direttore dei Lavori; i responsabili di cantiere delle aziende operanti nel cantiere; il responsabile dei lavori; durante questi incontri il Coordinatore illustra le disposizioni contenute nel PSC ed organizza le varie attività da effettuare, con particolare riferimento a quelle che nel cronoprogramma dei lavori risultano essere previste come contemporanee tra loro. L esame della contabilità dei lavori L esame della contabilità si concretizza con un controllo formale-sostanziale della documentazione redatta dall Ufficio di Direzione Lavori durante l esecuzione delle opere. La documentazione contabile amministrativa che viene redatta dalla Direzione Lavori è dettagliatamente elencata dall art. 181 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, in particolare: il giornale dei lavori: è un documento all interno del quale vengono annotate tutte le circostanze ed i fatti di rilievo che si sono verificati durante l esecuzione dei lavori oltre che la forza lavoro e le attrezzature impiegate quotidianamente; libretti di misura delle lavorazioni e delle provviste: è il documento destinato ad accogliere la registrazione delle misure relative alle varie lavorazioni, per esempio metri cubi relativi ad uno scavo, oppure metri lineari di una dorsale posata per impianto elettrico, ecc; liste settimanali: relative agli operai ed ai mezzi impiegati definiscono la forza del cantiere e consentono di verificare se eventuali ritardi siano imputabili all impresa che ha mobilitato una forza lavoro insufficiente rispetto a quanto previsto in sede di cronoprogramma; registro di contabilità: ha la funzione di determinare il credito dell appaltatore, in esso vengono registrate 75

6 ANNO III n. 16 LUGLIO - AGOSTO 2011 Data Annotazioni speciali e generali sull andamento e modo di esecuzione dei lavori, sugli avvenimenti straordinari e sul tempo utilmente impiegato 11/09/2010 Consegna dei lavori elettricisti Operai e mezzi d opera impiegati nel cantiere carpentieri manovali caposquadra bobcat elevatore Osservazioni ed istruzioni emanate dal Direttore dei Lavori 12/09/2010 Inizio dei lavori, installazione uffici, box, servizi di cantiere 14/09/2010 Installazione della recinzione di cantiere /09/2010 Inizio lavorazioni di scavo e collocazione delle relative protezioni 1 1 Tabelle 1A e 1B, Esempio di giornale dei lavori compilato in ordine cronologico le operazioni effettuate dall appaltatore con riferimento ai dati forniti dal libretto delle misure. Viene integrato con i prezzi unitari di progetto e gli importi di ciascuna lavorazione. Il registro è materialmente costituito da una serie di fogli numerati e firmati preventivamente dal RUP, in esso debbono essere annotate eventuali controversie (riserve dell appaltatore). Viene firmato dal RUP e dall impresa; sommario del registro di contabilità; stati di avanzamento dei lavori: generalmente gli appalti pubblici recano all interno del capitolato speciale di appalto una clausola che prevede il pagamento di una certa somma (calcolata in percentuale) al raggiungimento di determinate percentuali di lavori. Pertanto quando l impresa raggiunge tali soglie chiede al Direttore dei Lavori di emettere lo Stato di Avanzamento Lavori (brevemente SAL). I dati per la compilazione sono ricavati dal registro contabilità e forniscono informazioni in merito al costo sostenuto ai fini della liquidazione degli acconti; certificato per il pagamento delle rate di acconto: stabilisce l importo che può essere corrisposto all impresa da ogni rata di acconto. In esso vengono riportate le ritenute di garanzia (0,50%) per la regolarità contributiva in calce vengono riportate i numeri di polizze assicurative contro gli infortuni sul lavoro; conto finale: è di fatto l ultimo SAL, ovvero viene emesso quando l impresa ha maturato il 100% delle lavorazioni previste dal progetto. Viene trasmesso dal Direttore dei Lavori unitamente ad una relazione nella quale sono riepilogate tutte le vicende che si sono verificate durante l esecuzione delle opere; L istituto della riserva nell appalto pubblico Durante la fase di esecuzione delle opere può capitare che insorgano divergenze tra l Amministrazione aggiudicatrice, nella persona del Direttore dei Lavori, e l impresa incaricata dell esecuzione magari in merito all errata stima di quantità riportate in progetto per alcune lavorazioni, oppure in merito ad un grado di definizione progettuale poco. La divergenza si trasforma quindi in una richiesta di maggior compenso dell impresa verso la stazione appaltante. Tale situazione viene definita riserva in quanto permette all impresa si continuare a lavorare senza perdere quello che essa ritiene essere un proprio diritto. Una delle attività che deve svolgere l organo di collaudo è proprio quella legata alla valutazione delle riserve proposte dall impresa. Per essere formalmente valide le riserve debbono essere avanzate con una procedura formale molto precisa, in particolare: la domanda deve essere iscritta sul primo atto idoneo a riceverla e deve essere esplicitata entro i successivi 15 giorni; le riserve debbono essere iscritte nel registro di contabilità; le riserve debbono essere confermate nel conto finale. L accordo bonario Quando l importo delle riserve avanzate dall impresa supera il 10% dell importo contrattuale la Direzione dei Lavori deve comunicare la circostanza al RUP, ove tale comunicazione fosse omessa l Ufficio di Direzione Lavori incorrerebbe nelle sanzioni derivanti dal danno subito dall Amministrazione. Dopo aver ricevuto la notizia dell esistenza di riserve il RUP deve procedere ad una preventiva valutazione delle stesse per stabilirne l ammissibilità e la non manifesta infondatezza quindi, in caso positivo, può dare luogo all attivazione della procedura relativa al cosiddetto accordo bonario ovvero una soluzione delle controversie con l impresa in via stragiudiziale. 76

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI Oggetto del collaudo Il collaudo rappresenta l atto conclusivo della realizzazione di un opera pubblica, mediante il quale viene verificato e certificato che l opera pubblica

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Ing. Francesco Pecorella Evoluzione tecnologica e normativa in materia di lavori pubblici dal D.M. 29.05.1895 alla Legge Merloni (11.02.94 n. 109) 05.07.2005

Dettagli

CONTABILITA DEI LAVORI

CONTABILITA DEI LAVORI CONTABILITA DEI LAVORI E un attività che viene svolta, nel processo di realizzazione di ogni opera, in due fasi ben distinte e con due diverse finalità: In fase preventiva: all atto della redazione del

Dettagli

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Risoluzione n. 97/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Oggetto: Interpello./2001 Articolo11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Ministero della Difesa Direzione generale del Demanio

Dettagli

1 Il collaudo: natura e finalità. 1.1 Introduzione

1 Il collaudo: natura e finalità. 1.1 Introduzione 1 Il collaudo: natura e finalità 5 1.1 Introduzione Con le operazioni di collaudo termina l iter della realizzazione di un opera pubblica. Infatti, queste attività vengono condotte con l intento di verificare

Dettagli

Prof. Ing. Paolo Pizzo

Prof. Ing. Paolo Pizzo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna La normativa sui Lavori Pubblici Settembre 2014 Relatore: Ing. Stefano Boninsegna Il Codice degli appalti (ex Legge Merloni) Scopo: disciplina il processo attuativo che porta alla realizzazione di un opera

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori APPALTI PUBBLICI: L APPROFONDIMENTO Definizioni, compiti e responsabilità alla luce del DLgs 12 aprile, n. 163 - Codice dei Contratti La direzione dei lavori Francesco Musci * e Roberto Scaravaglione **

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale

GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale Le norme per la contabilizzazione Il riferimento normativo per la redazione della contabilità dei lavori è il Capo III del Regolamento 350/1895 (art.

Dettagli

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D CAPITOLATO D ONERI affidamento del servizio di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori di realizzazione del LAVORI

Dettagli

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM PROFESSIONI dalla a alla Z Renzo Busonera VADEMECUM del direttore dei lavori Aspetti tecnici, operativi e procedurali in riferimento al Codice dei contratti pubblici, NTC, e Testo Unico di sicurezza sul

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI.

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI. SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI Disciplinare Disciplinare Sistema di Selezione - Pagina 2 di 6 INDICE 1. Oggetto................................................................................

Dettagli

Una delle attività che la Direzione Lavori. Giacomo Moretti

Una delle attività che la Direzione Lavori. Giacomo Moretti 8 contabilità lavori parte III Giacomo Moretti L analisi degli standard di qualità, le cui prime due puntate apparse sui numeri 53 e 54 della rivista erano dedicate all E02 Direzione Lavori, affronta ora

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio

PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio Provincia di Siena (C.F. 80001130527 P.I. 00166340521) Ing. Federico Cometti P.I. 01731850515 con sede in Bucine ( Arezzo)

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 85 del 12/07/2012 COMUNE DI VILLASOR P R O V I N C I A D I C A G L I A R I REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI CUI ALL ART 92 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Evoluzione del settore delle costruzioni

Evoluzione del settore delle costruzioni Il Progetto normativo Evoluzione del settore delle costruzioni Nell ultimo ventennio profonde mutazioni della struttura del processo edilizio dovute a: evoluzione del quadro normativo (naz. ed intern.)

Dettagli

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Allegato 5 DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE DI COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI EX D.LGS. 81/2008 E S.M.I. PER LE OPERE DI RIORDINO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula Roma, dal 29 ottobre al 19 novembre 2015 Polo Professionale Studio Groenlandia, via Groenlandia,

Dettagli

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (art. 200 del Regolamento di cui al D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207) LAVORI:... IMPRESA:... CONTRATTO:... ISTITUTO SCOLASTICO... (Provincia

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO. Segreteria Tecnica Dirigente Programma triennale. Proposta di decreto caso di

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO. Segreteria Tecnica Dirigente Programma triennale. Proposta di decreto caso di Segreteria Tecnica Art. 128 D. Lgs. Proposta Art. 128 D. Lgs. Programmazione e 163/2006 s.m.i. D.M. Programma triennale Pubblicazione Piano Programmazione dei 163/2006 s.m.i. Sviluppo Ufficio Ministero

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

ACQUISITO il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici, reso in data 22 giugno 2007;

ACQUISITO il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici, reso in data 22 giugno 2007; Regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici (D.lgs 163/2006) Testo bollinato dalla Ragioneria dello Stato e firmato dal Capo dello Stato il 5 Ottobre 2010 VISTO l'articolo 87 della Costituzione;

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E03 Edilizia, urbanistica e ambiente Contabilità dei lavori Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

Il Collaudo. Il Collaudo. Elementi generali

Il Collaudo. Il Collaudo. Elementi generali Il Collaudo Elementi generali La fase conclusiva del procedimento riguardante l'esecuzione dei lavori pubblici attiene al collaudo degli stessi. Finalità del collaudo è quella di verificare che i lavori

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della

Dettagli

Indice 1. PROFILI GENERALI DEL RUP

Indice 1. PROFILI GENERALI DEL RUP Indice 1. PROFILI GENERALI DEL RUP 1.1. Dal Project Manager al Responsabile del Procedimento.................... 9 1.2. Il Responsabile del Procedimento nella legge 241/1990..................... 11 1.3.

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE

DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI - GIORNALE DEI LAVORI - LIBRETTI DELLE MISURE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE - LISTE SETTIMANALI - REGISTRO DI CONTABILITA - SOMMARIO DEL

Dettagli

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO:

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: la progettazione definitiva, progettazione esecutiva ed il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori aventi ad oggetto: a) il risanamento

Dettagli

Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. www.studiolaplaca.it

Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. www.studiolaplaca.it Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. Norme di riferimento Codice dei contratti pubblici: artt. 120, 141 (collaudo) Regolamento: artt. 112, 114, 116 (pagamenti) - 187 e ss. + 208 (collaudo) CGA:

Dettagli

SCHEMA AVVISO PUBBLICO

SCHEMA AVVISO PUBBLICO SCHEMA AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI CUI AFFIDARE INCARICHI DI TECNICI DI CUI AGLI ARTT. 90 E 91 E SERVIZI DI CUI ALL ALL. IIA CATEGORIA 12 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

Dettagli

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI Medaglia d Argento al Merito Civile Cod. Fisc. 00827390725 SEZIONE LAVORI PUBBLICI Prot. N. 11307 lì, 22.10.2013 P.O. FERS 2007-2013, Asse III, Linea 3.4,

Dettagli

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO)

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LL.PP. E PROT.CIV. NUMERO 262 DEL 07/05/2009 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE TOTALE EX CASA COLONICA AREA PASI PER

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

!" #$% & % "'( %& &% "'!" #$% ) "# %* "(+!(#'*,('

! #$% & % '( %& &% '! #$% ) # %* (+!(#'*,(' !" #$% & % "'( %& &% "'!" #$% ) "# %* "(+!(#'*,(' ) "#$!(#')$(')' -'./ #'&$0 -&1'2'"'0 -'./345,%$0 Rep. Num. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TORINO CONTRATTO D APPALTO PER I LAVORI DI LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Municipio Roma XIV Monte Mario U.O. Servizi Sociali ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Art. 1 Oggetto dell

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA PER I LAVORI DI SCHEMA DISCIPLINARE DI INCARICO

COMUNE DI VERBANIA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA PER I LAVORI DI SCHEMA DISCIPLINARE DI INCARICO COMUNE DI VERBANIA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA PER I LAVORI DI SCHEMA DISCIPLINARE DI INCARICO Il giorno del mese di dell anno 2012, tra: Comune di Verbania

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

INDICAZIONI AI R.U.P.

INDICAZIONI AI R.U.P. INDICAZIONI AI R.U.P. Percorso comunicativo delle schede procedura Simog Per iniziare la comunicazione delle schede, successive al perfezionamento, bisogna richiamare ogni singolo CIG attraverso il tasto

Dettagli

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 L anno duemila., il giorno ( ) del mese di., in. presso la sede dell., via.,

Dettagli

Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero

Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero Procedimento, assume in fase esecutiva una connotazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI. Determinazione n. 310 del 23.12.2014

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI. Determinazione n. 310 del 23.12.2014 GESTIONE COMMISSARIALE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni in materia di riordino delle province Decreto P.G.R. n. 90 del 02.07.2013 AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 ART. 1. GENERALITA Il presente titolo costituisce parte integrante del contratto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E URBANISTICA

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E URBANISTICA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DEI BOSCHI CON FINALITA PREVENTIVA DEL RISCHIO DI INCENDI NELLA ZONA FUSINO PIATTA IN COMUNE DI GROSIO PARTICELLE FORESTALI N 10-11B-12B-13B-15-15A-16-78

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO ACREIDE PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO

COMUNE DI PALAZZOLO ACREIDE PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNE DI PALAZZOLO ACREIDE PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO In esecuzione alla Determina del Dirigente del 4 Settore LL.PP. e Servizi Ufficio Tecnico - del Comune di Palazzolo Acreide n. 187 del

Dettagli

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151 00135 - Roma AVVISO per la formazione di elenchi di soggetti idonei al conferimento di incarichi di progettazione, coordinatori

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

presente convenzione, affida all incaricato, che accetta, l incarico professionale di

presente convenzione, affida all incaricato, che accetta, l incarico professionale di COMUNE DI TORTORETO (Prov. TERAMO ) CONTRATTO DISCIPLINARE PER INCARICO PROFESSIONALE PER LA PROGETTAZIONE DIREZIONE LAVORI RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI: Realizzazione rotatoria Via Napoli.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE Premessa Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

(ART. 267 DPR 207/2010) PREMESSA

(ART. 267 DPR 207/2010) PREMESSA AVVISO PUBBLICO PER FORMAZIONE ELENCO PROFESSIONISTI AI FINI DELL AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI PROGETTAZIONE E ATTIVITA TECNICO AMMINISTRATIVE CONNESSE PER CORRISPETTIVI STIMATI DI IMPORTO INFERIORE O PARI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1 SCHEMA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CUP ASSEGNATO AL PROGETTO D31H12000140001 CIG ZAA0BF9AA1 Affidamento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 GS/pf DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Deli15/deli03 N....180... DEL 26 marzo 2015...

Dettagli

Capitolo 6. CONTABILITÀ E PAGAMENTI

Capitolo 6. CONTABILITÀ E PAGAMENTI CONTABILITÀ E PAGAMENTI 6.1- Appalti a corpo e appalti a misura. 6.2- La contabilità dei lavori. Gli atti contabili come atti pubblici. 6.3- I singoli documenti contabili. 6.3.1- Il giornale dei lavori.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALI - C.I.G. Z550DE0DFA.

DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALI - C.I.G. Z550DE0DFA. Registro Protocollo n. OGGETTO: Scrittura Privata per la CONDUZIONE, ESERCIZIO E MANUTENZIONE IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALI - C.I.G. Z550DE0DFA. L'anno duemilaquattordici, addì del mese di

Dettagli

COMUNE DI CARISOLO (TN)

COMUNE DI CARISOLO (TN) COMUNE DI CARISOLO Provincia di Trento ( 0465 501176 (n. 2 linee) Fax 0465 501335 sito: www.carisolo.com e mail comune@pec.comune.carisolo.tn.it comune@carisolo.com C.F. e P.IVA: 00288090228 VERBALE DI

Dettagli

AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE

AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE CAPITOLATO D ONERI OGGETTO: Progetto APT n. 1784 Affidamento dell incarico professionale per l assistenza al direttore dei lavori, la misura e la contabilità, il coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori Paolo Oreto La direzione dei lavori ed il collaudo delle opere pubbliche AGGIORNATO CON Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 30 LA PRATICA AMMINISTRATIVA E CONTABILE NELLA CONDOTTA DELLE OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Schema di disciplinare di incarico professionale-------------------------------------------------

Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- PROT. N.. del. Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- Disciplinare di incarico professionale per Redazione progetto definitivo, progetto esecutivo,

Dettagli

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI BANDO DI GARA 1) Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Gemonio

Dettagli

Programma Operativo Nazionale FESR Ambienti per l apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C

Programma Operativo Nazionale FESR Ambienti per l apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Programma Operativo Nazionale FESR Ambienti per l apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche, l ecosostenibilità e la sicurezza

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE PER. AFFIDAMENTO INCARICO DI C.S.P. E C.S.E. (D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.

COMUNE DI ARGELATO CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE PER. AFFIDAMENTO INCARICO DI C.S.P. E C.S.E. (D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE PER AFFIDAMENTO INCARICO DI C.S.P. E C.S.E. (D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.), DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELLA VIABILITA

Dettagli

SPECIFICA TECNICA. REVISIONI Data 03/03/2003 17/02/2005 31/01/2008 30.09.2008 Segnalazione tipo di modifica Redazione RUOCC. Rev. par. 5.1.1.

SPECIFICA TECNICA. REVISIONI Data 03/03/2003 17/02/2005 31/01/2008 30.09.2008 Segnalazione tipo di modifica Redazione RUOCC. Rev. par. 5.1.1. Pagina 1 di 11 INDICE DELLA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO 7 ALLEGATI REVISIONI Data 03/03/2003 17/02/2005

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza TITOLO IV "Ruoli, responsabilità e sanzioni nel settore pubblico e privato Argomenti: - Principi contenuti nel «Codice degli appalti D.lgs 12 aprile

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001 COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA UFFICIO TECNICO - SETTORE LAVORI PUBBLICI Prot. n 1763 del 20/06/2014 Pubblicato all Albo Pretorio al n 427/2014 dal 20/06/2014 al 15/07/2014 BANDO DI GARA PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 Ing. Luciano Brusaferro 1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI Codice Contratti Pubblici D. Lgs. 12 Aprile 2006

Dettagli

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ]

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] C.I.G. [ 38183287F0 ] SCHEMA DI CONTRATTO 1 Rep. Num. REPUBBLICA

Dettagli

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Normativa, procedure, soggetti e fasi di realizzazione di un opera pubblica: il ruolo dell architetto progettista e direttore dei lavori Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico

COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico CAPITOLATO D ONERI Per Affidamento del servizio di Adempimenti della Sicurezza e Salute sui luoghi di lavoro del comune di Conflenti Art. 1 Contratto

Dettagli