Tecnologia dei dispositivi impiantabili Boston Scientific. Focus sulla prevenzione con Screening delle Apnee Notturne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologia dei dispositivi impiantabili Boston Scientific. Focus sulla prevenzione con Screening delle Apnee Notturne"

Transcript

1 Tecnologia dei dispositivi impiantabili Boston Scientific Focus sulla prevenzione con Screening delle Apnee Notturne

2 Domanda Qual è la patologia che ha l 80% di prevalenza nella popolazione CRM 6-18, è spesso sottodiagnosticata 33-38, è associata a numerosi eventi clinici importanti e dispone di valide opzioni terapeutiche ? Aumenta il rischio di FA e SCD nella popolazione ICD e CRT Aumenta la mortalità e morbidità nella popolazione HF popolazione HF: 80% Prevalenza e 80% Sottodiagnosticata????????????? Nota: popolazione CRM (pazienti con pacemaker): 60% prevalenza 1-5, 80% sottodiagnosticata eventi clinici importanti e dispone di valide opzioni terapeutiche 83-96

3 Risposta: Apnea Notturna Apnea Notturna: Cessazione della respirazione durante il sonno Sleep Apnea Syndrome (SAS) Sleep Apnea Centrale (CSA): Il Cervello non invia il segnale che induce la respirazione Sleep Apnea Ostruttiva (OSA): Ostruzione delle vie aeree superiori CSA OSA Ipopnea: Riduzione del flusso del respiro senza una cessazione totale Disturbi Respiratori del Sonno (SDB)

4 Apnea Notturna e conseguenze cardiovascolari L Apnea Notturna è un predittore indipendente di nuovi episodi di FA 134, e potrebbe essere un fattore scatenante lo sviluppo di FA 135 L Apnea Notturna aumenta la probabilità di recidive FA dopo cardioversione 136 Le Recidive FA decrescono dopo terapia CPAP x rischio AF 2 x rischio mortalità HF Sleep Apnea La Mortalità per Scompenso raddoppia Nei pazienti trattati aumenta la sopravvivenza x rischio morbidità HF OSA favorisce una progressione dello Scompenso ed una refrattarietà alla terapia OSA raddoppia la morbilità per Scompenso. 126 CSA è un fattore di rischio indipendente di riammissioni a 6 mesi [2012] 127 Studi dimostrano che l Apnea Notturna aumenta di 2-3 volte il rischio di VT/VF 132,133 3 x rischio di SCD 3 x rischio di CVE OSA Severa accresce di 3 volte il rischio di eventi fatali. 128 L utilizzo regolare della terapia CPAP riduce la morbilità CV ed aumenta gli outcomes nello Scompenso [2012 ]

5 Conseguenze Cardiovascolari dell Apnea Notturna HF x 2 SCD x 3 Mortalità per Scompenso Cardiaco La Mortalità per HF raddoppia 117 La Sopravvivenza nei pazienti HF con Apnea Notturna Severa non trattata peggiora rispetto ai pazienti con nessuna o Lieve Apnea Notturna (76% Vs 88%). 138 Aumenta la sopravvivenza nei pazienti trattati. 117 Comorbidità nello Scompenso Cardiaco OSA favorisce una progressione dello Scompenso ed una refrattarietà alla terapia OSA raddoppia la morbilità per Scompenso. 126 Eventi Cardiovascolari OSA Severa accresce di 3 volte il rischio di eventi fatali L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 124. S.Javaheri 1998 Circulation 125. V.K.Somers 2005 J Am Coll Cardiol 126. M.Arzt 2006 Arch Intern Med 128. J.M.Marin 2005 Lancet Survival (%) Survival (%) 296 CHF pts, 7 years FU Unadjusted HR 2.3 (95%Cl P=0.003) 164 HF pts, 7 years FU P=0.029 Time of follow-up (months) Time (months) No severe SDB (17 events, 18%) Severe SDB (60 events, 34%) No Sleep Apnea OSA 117. Jilek, EJHF 2011 M-NSA (14 deaths, 12%) Untreated OSA (9 deaths, 24%) 138. Wang, JACC 2007

6 Conseguenze Cardiovascolari dell Apnea Notturna FA x 4 Morte Improvvisa L Apnea Notturna aumenta di 2-3 volte il rischio di TV/FV e di terapie appropriate dell ICD. 132,133 L Apnea Notturna aumenta il rischio di morte cardiaca improvvisa notturna rispetto alle ore diurne (RR: 2.57). 139 Event-free survival Event-free survival from appropriate ICD therapies in HF population with CSA, OSA, no or mild SDB Fibrillazione Atriale L Apnea Notturna è un predittore indipendente di nuovi episodi di FA 134, e potrebbe essere un fattore scatenante lo sviluppo di FA CRTD pts, 4 years FU Time (months) 566 pts Bitter, EHJ 2011 L Apnea Notturna aumenta la probabilità di FA recidive dopo cardioversione (da 42% a 82%) 136 Percentage (%) Le Recidive decrescono dopo terapia CPAP L.Tomaello 2010 Clin.Cardiol A.S.Gami 2007 J Am Coll Cardiol 136. A.S.Gami 2004 Circulation 137. R.Kanagala 2003 Circulation 139. A.S.Gami 2005 The New England Journal of Medicine 0.9 AF (P=0.003) CVE (P=0.002) 1.2 NSVT (P=0.004) Bigeminy (P=0.02) Quadrigeminy (P=0.01) 135. Mehra, AJRCCM 2006

7 Conseguenze Cardiovascolari dell Apnea Notturna 2012 Clinical Update Morbilità e Mortalità per Scompenso Cardiaco 140 OSA e CSA mostrano una prognosi sfavorevole nei pazienti HF comparati a pazienti senza disturbi respiratori del sonno, considerando morte, trapianto di cuore o impianto di un biventricolare (vedi grafico) CPAP nell Apnea Notturna Severa migliora gli outcomes nei pazienti HF (HR = 0.56, p = 0.031) Rischio di riammissioni cardiache nello Scompenso Cardiaco 127 CSA fattore di rischio indipendente di riammissioni cardiache a 6 mesi in pazienti HF (aumenta il rischio del 53% Vs pazienti senza disturbi respiratori del sonno, p = 0.03) Durante ospedalizzazione per Scompenso Cardiaco, CSA è predittore di un significante aumento della morbilità Follow-up (months) 140. Damy, EJHF 2012 Number of readmissions in 6 months 127. Khayat, JCF 2012

8 Conseguenze Cardiovascolari dell Apnea Notturna 2012 Clinical Update Funzione Cardiaca nei Pazienti HF 130 Strutturali e funzionali cambiamenti nella funzione Ventricolare Sinistra in pazienti con OSA sono comparabili ai cambiamenti nell Ipertensione La Terapia CPAP migliora significativamente la frazione di eiezione LV e riduce lo spessore della parete posteriore in pazienti OSA (p 0.05) LV ejection fraction measured by real-time 3-dimensional echocardiography (3DE) 130. Butt, AHA 2012 Rimodellamento Cardiaco in Pazienti HF 129 In pazienti OSA anomalie sistoliche e diastoliche possono essere ridotte con la Terapia CPAP (3-6 mesi di terapia) La massa ventricolare sinistra diminuisce significativamente già dopo 6 mesi di terapia e continua a migliorare ad 1 anno di trattamento CPAP Therapy duration (months) 129. Colish, CHEST 2012

9 Diagnosi dell Apnea Notturna La diagnosi dell Apnea Notturna viene fatta utilizzando: Poligrafo (PG): identifica il numero di eventi per ora Polisonnigrafo (PSG): definisce il tipo di evento (ipopnea, apnea ostrutiva / centrale). PSG è l esame diagnostico di riferimento PSG = PG + (EEG/EOG/EMG) Apnea/Hypopnea Index (AHI) = Numero di apnee + Ipopnee per ora di sonno 5 AHI< 15 Apnea Notturna lieve 15 AHI< 30 Apnea Notturna moderata AHI 30 Apnea Notturna severa ossimetro Poligrafia Sensore nasale Fascia toracica e addominale Polisomnografia Diagnosi di SAS è confermata per AHI 5 No Lieve Moderata American Academy of Sleep Medicine Task Force (Sleep 1999;22: ): EEG = Electro EncephaloGram, EOG = ElectroOculoGram, EMG = Electro MioGram Severa AHI (Numero di Eventi per Ora)

10 Trattamenti dell Apnea Notturna OSA, Terapie 141 : Perdita di peso, Modifica della posizione durante il sonno, Ventilazione forzata (es. CPAP), Interventi chirurgici (es. interventi faringei) Treatment with a continuous positive airway pressure (CPAP) should be considered in obstructive Sleep Apnea (OSA) documented by polysomnography (PSG) European guidelines 144, classe IIa, livello di evidenza C2 CSA, Strategie di trattamento 141 : Ottimizzazione del trattamento farmacologico per HF, Terapia CRT Terapia di Ventilazione (CPAP, BPAP, ASV), O2 notturno Le conseguenze negative dell Apnea Notturna possono essere ridotte da un appropriata terapia CPAP = Continuous Positive Airway Pressure BPAP = Bi-Level Positive Airway Pressure ASV = Auto Servo Ventilation Sources found at end of presentation

11 HF guidelines: importanza dello screening e del trattamento dell Apnea Notturna in pazienti HF Le nuove Linee Guida sullo Scompenso stanno cominciando a sottolineare l'importanza di un accurato screening e trattamento dell Apnea Nottura nei pazienti Scompensati (L.M.Jaffe McKelvie 2011) L Apnea Notturna rimane spesso non diagnosticata nello Scompenso e nella popolazione CRM. I pazienti CRM non sono sintomatici come altri soggetti, malgrado la diagnosi positiva di apnea notturna 126, I sintomi e il punteggio della scala di sonnolenza (Epworth) sono meno affidabili nell identificare la presenza di apnee notturne nei pazienti con Scompenso 126, Epworth score r=0.01 p=ns Lo screening sistematico di questi pazienti dovrebbe essere eseguito a causa delle particolari conseguenze cardiovascolari delle [apnee notturne] Nb/h Apnea-hypopnea index No significant correlation was found between the AHI and the Epworth score 142 Sources found at end of presentation

12 AP Scan and ApneaScan come strumento di screening AP Scan / ApneaScan utilizza il Sensore Ventilazione Minuto per monitorare i pattern respiratori AP Scan / ApneaScan identifica l Evento di Disturbo del Sonno (RDE) quando l ampiezza respiratoria è ridotta di almeno il 26% per almeno 10 secondi (incluse pause respiratorie) Sensore di respirazione basato sull impedenza misurata dai dispositivi impiantabili: es. Evento di Apnea / Ipopnea 5000 Duration Threshold (10 s) Hypopnea Amplitude Threshold (26% reduction) Impedance Incepta TM ICD Reference Guide EN Europe 06/11 Incepta TM CRT-D Reference Guide EN Europe 06/11 Airflow Seconds 3 x Seconds

13 Riduce il Rischio di Comorbidità: screen and follow-up Sleep Apnea AP Scan /ApneaScan consente di identificare i pazienti impiantati con alto rischio di sleep apnea severa ed è disponibile sia sulla piattaforma dei nuovi pacemaker che in quella dei defibrillatori impiantabili. AP Scan /ApneaScan mostra la media degli Eventi di Disturbi Respiratori (RDE) per ora che il paziente ha durante il periodo di sonno programmato, riportato come Indice di Disturbo Respiratoro (RDI) trend 1 anno Il numero di RDI definisce il differente grado dei Disturbi Respiratori del Sonno. Apnea Notturna severa > 30 Eventi/ora. AP Scan testato su una popolazione di pazienti PM ha mostrato 145 : RDI è correlato con l indice clinico AHI (R=0.8) 82% sensitività e 88% specificità 88% di PPV nell identificare pazienti con Apnee Notturne Severe (AHI >= 30) Sources found at end of presentation

14 Percorso Diagnostico-Terapeutico Cardiologia Pneumologia Screening Diagnosi Terapia Medica Ottimizzata Paziente impiantato SCREENING AP Scan TM ApneaScan TM DIAGNOSI (es. PSG) Terapia Medica Ottimizzata (es. CPAP)

15 Conclusioni L apnea notturna è: Ad elevata prevalenza nella popolazione CRM Una delle maggiori co-morbidità Associata a un incremento del rischio di FA, SCD nei pazienti con ICD e CRT Associata ad un incremento della morbilità e mortalità nella popolazione con scompenso Fortemente non diagnosticata Le conseguenze delle apnee notturne possono essere ridotte grazie ad una terapia appropriata (es. terapia ventilatoria, ottimizzazione della terapia farmacologica) Le strategie solitamente usate per lo screening delle apnee notturne sono meno efficaci nella popolazione con scompenso ApneaScan TM / ApneaScan TM è disegnato per identificare i pazienti a rischio di apnea notturna severa per ulteriori analisi e valutazione di una ottimizzazione della terapia medica

16 Bibliografia Prevalence CRM 1. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 2. W.Grimm 2012 Europace 3. W.Grimm 2009 PACE 4. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 5. S.Garrigue 2007 Circulation HF 6. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 7. T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 8. R.Khayat 2012 Journal of Cardiac Failure 9. T.Bitter 2011 European Heart Journal 10. L.Tomaello 2010 Clin.Cardiol. 11. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 12. K.Dickstein 2008 European Heart Journal 13. A.Vazir 2007 Eur J Heart Fail 14. S.Garrigue 2007 Circulation 15. H.Wang 2007 J Am Coll Cardiol 16. S.Javaheri 2006 Int J Cardiol 17. D.D. Sin 1999 Am J Respir Crit Care Med 18. S.Javaheri 1998 Circulation General pop. 19. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 20. C.Fuhrman 2012 Sleep Medicine 21. T.D.Bradley 2003 Circulation 22. T.Young 1993 The New England Journal of Medicine Undiagnosed CRM 23. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 24. W.Grimm 2012 Europace 25. W.Grimm 2009 PACE 26. N.M.Punjabi 2008 Proc Am Thorac Soc 27. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 28. S.Garrigue 2007 Circulation 29. P.Defaye 2004 J Cardiovasc Electrophysiol 30. J.Ronald 1999 SLEEP 31. V.K.Kapur 1999 SLEEP 32. T.Young 1997 SLEEP HF 33. T.Kasai 2012 J Cardiol. 34. T.Kasai 2011 J Am Coll Cardiol 35. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 36. S.Garrigue 2007 Circulation 37. M.Arzt 2006 Arch Intern Med 38. S.Javaheri 1998 Circulation General pop. 39. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 40. C.Fuhrman 2012 Sleep Medicine 41. V.K.Kapur 1999 SLEEP 42. T.Young 1997 SLEEP

17 Bibliografia Consequences CRM 43. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 44. W.Grimm 2012 Europace 45. M.Butt 2012 Circulation 46. T.Zeidan-Shwiri 2011 Heat Rhythm 47. P.G.Macedo 2011 Am J Cardiol 48. N.M.Punjabi 2009 PLoS Med 49. T.Young 2008 SLEEP 50. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 51. P.Lawie 2007 Eur Respir Rev 52. A.S.Gami 2007 J Am Coll Cardiol 53. R.Mehra 2006 Am J Respir Crit Care Med 54. J.M.Marin 2005 Lancet 55. A.S.Gami 2005 The New England Journal of Medicine 56. A.S.Gami 2004 Circulation 57. R.Kanagala 2003 Circulation 58. P.Buch 2003 Eur Respir J 59. T.D.Bradley 2003 Circulation 60. V.K.Kapur 2002 SLEEP 61. C.M.Baldwin 2001 SLEEP 62. J.Ronald 1999 SLEEP 63. A.Bahammam 1999 SLEEP 64. P.Tousignant 1994 SLEEP HF 65. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 66. T.Kasai 2012 J Cardiol. 67. M.Butt 2012 Circulation 68. T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 69. R.Khayat 2012 Journal of Cardiac Failure 70. C.Jilek 2011 Eur J Heart Fail 71. T.Bitter 2011 European Heart Journal 72. T.Kasai 2011 J Am Coll Cardiol 73. D.Gottlieb 2010 Circulation 74. L.Tomaello 2010 Clin.Cardiol. 75. T.Koyama 2010 Circulation 76. D.Yumino 2009 Heart 77. V.K.Somers 2008 J Am Coll Cardiol 78. K.Dickstein 2008 European Heart Journal 79. S.Javaheri 1998 Circulation General pop. 80. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 81. A.S.Gami 2007 J Am Coll Cardiol 82. J.M.Marin 2005 Lancet

18 Bibliografia Treatment options CRM 83. L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 84. J.Colish 2012 (pre-published 2011) CHEST 85. S.K.Sharma 2011 The New England Journal of Medicine 86. J.B. Pietzsch 2011 SLEEP 87. T.I.Morgenthaler 2007 SLEEP 88. N.Dursunoglu 2006 Respiratory 89. N.T.Ayas 2006 Arch Intern Med 90. C.Philippe 2005 Heart 91. A.S.Gami 2005 The New England Journal of Medicine 92. R.Kanagala 2003 Circulation 93. P.Buch 2003 Eur Respir J 94. C.D'Ambrosio 1999 CHEST 95. A.Bahammam 1999 SLEEP 96. P.Tousignant 1994 SLEEP HF 97. M.Miyata 2012 J Cardiol. 98. A.Yoshihisa 2012 Circ J 99. T.Kasai 2012 J Cardiol. 100.R.N.Aurora 2012 SLEEP 101.L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 102.R.Khayat 2012 Journal of Cardiac Failure 103.T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 104.C.Jilek 2011 Eur J Heart Fail 105.T.Bitter 2011 European Heart Journal 106.T.Koyama 2010 Circulation 107.K.Dickstein 2008 European Heart Journal 108.C.B.Johnson 2008 Can J Cardiol 109.V.K.Somers 2005 J Am Coll Cardiol 110.T.D.Bradley 2005 The New England Journal of Medicine 111.P.Buch 2003 Eur Respir J General pop. 112.L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 113.T.Zeidan-Shwiri C.Philippe 2005 Heart 115.A.S.Gami 2005 The New England Journal of Medicine 116.P.Buch 2003 Eur Respir J

19 Bibliografia By topic 117.C.Jilek 2011 Eur J Heart Fail 118.T.Kasai 2011 J Am Coll Cardiol 119.T.Bitter 2011 European Heart Journal 120.T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 121.L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 122.T.Kasai 2012 J Cardiol. 123.L.M.Jaffe 2012 European Heart Journal 124.S.Javaheri 1998 Circulation 125.V.K.Somers 2005 J Am Coll Cardiol 126.M.Arzt 2006 Arch Intern Med 127.R.Khayat 2012 Journal of Cardiac Failure 128.J.M.Marin 2005 Lancet 129.J.Colish 2012 (pre-published 2011) CHEST 130.M.Butt 2012 Circulation 131.T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 132.T.Bitter 2011 European Heart Journal 133.L.Tomaello 2010 Clin.Cardiol. 134.A.S.Gami 2007 J Am Coll Cardiol 135.R.Mehra 2006 Am J Respir Crit Care Med 136.A.S.Gami 2004 Circulation 137.R.Kanagala 2003 Circulation 138.H.Wang 2007 J Am Coll Cardiol 139.A.S.Gami 2005 The New England Journal of Medicine 140.T.Damy 2012 Eur J Heart Fail 141.Somers, Expert Consensus Document, Sleep Apnea and Cardiovascular Disease, J Am Coll Cardiol, S.Garrigue 2007 Circulation 143.T.Kasai 2011 J Am Coll Cardiol 144.ESC Guidelines for HF European Heart Journal Shalaby 2006 PACE

Disturbi del sonno e pazienti cardiopatici: le nuove tecnologie per contrastare l Apnea Notturna

Disturbi del sonno e pazienti cardiopatici: le nuove tecnologie per contrastare l Apnea Notturna Disturbi del sonno e pazienti cardiopatici: le nuove tecnologie per contrastare l Apnea Notturna Defibrillatori e Pacemaker di ultima generazione individuano una patologia spesso non diagnosticata Ne soffrono

Dettagli

Documento dell Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) a cura del gruppo di studio Disturbi Respiratori nel Sonno

Documento dell Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) a cura del gruppo di studio Disturbi Respiratori nel Sonno La terapia con dispositivo a pressione positiva nelle vie aeree: raccomandazioni per la prescrizione nel soggetto adulto affetto dalla sindrome delle apnee ostruttive nel sonno G. Insalaco*, A. Sanna**,

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

Disturbi respiratori sonno correlati: impatto sulla salute e costi sociali. Antonio Corrado A.O.U. CAREGGI FIRENZE

Disturbi respiratori sonno correlati: impatto sulla salute e costi sociali. Antonio Corrado A.O.U. CAREGGI FIRENZE Disturbi respiratori sonno correlati: impatto sulla salute e costi sociali Antonio Corrado A.O.U. CAREGGI FIRENZE Disturbi respiratori sonno-correlati APNEA IPOPNEA AROUSALS FRAMMENTAZIONE DEL SONNO ATTIVAZIONE

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

APNEA DEL SONNO E RUSSAMENTO: la terapia con il dispositivo orale sweet dream

APNEA DEL SONNO E RUSSAMENTO: la terapia con il dispositivo orale sweet dream APNEA DEL SONNO E RUSSAMENTO: la terapia con il dispositivo orale sweet dream Dott. Sergio Terranova Medico- Chirurgo, specialista in Ortognatodonzia - Roma Dott. Marco Brunori Medico-Chirurgo, Dirigente

Dettagli

Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi

Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici. Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi Le cardiopatie nel paziente anziano: spazi e limiti diagnostico-terapeutici Egidio Marangoni USC Cardiologia, Lodi SCOMPENSO CARDIACO 1. Epidemiologia e impatto organizzativo dello scompenso nell anziano

Dettagli

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi

RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi RPM for brady device should be easy to use and without patient interaction: Latitude NXT Dott. P.G. De Marchi Source: EHRA WhiteBook 2012 2011 Italy CRTP CRTD CRT tot ICD PM 2.000 10.380 12.380 11.970

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti ASL 04 La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL Sestri levante 21-10-2011 Pellegrina Moretti BILEVEL OBIETTIVI:migliorare ventilazione alveolare migliorare ossigenazione arteriosa prevenire atelettasia

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Le metodiche polisonnografiche: Scoring degli eventi respiratori nel sonno nel bambino e nell adolescente

Le metodiche polisonnografiche: Scoring degli eventi respiratori nel sonno nel bambino e nell adolescente Le metodiche polisonnografiche: Scoring degli eventi respiratori nel sonno nel bambino e nell adolescente Silvia Miano Centro Di Medicina del Sonno in Età Pediatrica UOC Pediatria Ospedale S.Andrea- Roma

Dettagli

Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE

Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE Aristotele durante la digestione si formano vapori che salgono

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Disturbi respiratori nel sonno

Disturbi respiratori nel sonno CORSO AVANZATO UP TO DATE IN nel sonno Ospedale G.B. Morgagni - L. Pierantoni UP TO DATE IN nel sonno 27-28 Gennaio 2012 I disturbi respiratori nel sonno ( DRS ) ed in particolare la sua forma più diffusa,

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

Disturbi respiratori nel sonno

Disturbi respiratori nel sonno III CORSO AVANZATO UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose aggiornate Con il patrocinio di Forlì, 13-14 Novembre 2014 UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose

Dettagli

Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Complicanze cardiovascolari e rischio aritmico

Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Complicanze cardiovascolari e rischio aritmico Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno Complicanze cardiovascolari e rischio aritmico G. Forconi Torino giugno 2006 DEFINIZIONE DI OSAS Sindrome clinica caratterizzata da episodi ricorrenti di ostruzione

Dettagli

Respirare di notte con un aiuto meccanico. Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M.

Respirare di notte con un aiuto meccanico. Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M. Respirare di notte con un aiuto meccanico Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M.Eloisa Cabano Trattamento dell OSAS OBIETTIVO Mantenere pervie le vie aeree

Dettagli

Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno: una patologia emergente

Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno: una patologia emergente Seminari del Venerdì del Gruppo di Ricerca Geriatrica Brescia, 18 settembre 2015 Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno: una patologia emergente Piera Ranieri Responsabile Ambulatorio di Fisiopatologia

Dettagli

Disturbi respiratori nel sonno

Disturbi respiratori nel sonno III CORSO AVANZATO UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose aggiornate Con il patrocinio di Forlì, 13-14 Novembre 2014 UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri

IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri Laboratorio per lo studio dei segnali cardiorespiratori. Il laboratorio per lo studio dei segnali cardiorespiratori svolge attività clinica e di ricerca nell ambito dell

Dettagli

La sindrome delle apnee ostruttive notturne OSAS

La sindrome delle apnee ostruttive notturne OSAS Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea In Medicina e Chirurgia Medicina Interna V anno professore Gianluigi Vendemiale A.A. 2012/2013 La sindrome delle apnee ostruttive

Dettagli

Disturbi respiratori del sonno

Disturbi respiratori del sonno 23 Disturbi respiratori del sonno Introduzione i Punti chiave La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) costituisce un problema maggiore di salute pubblica in Europa. L obesità è un fattore di

Dettagli

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili

Gestione infermieristica nel controllo remoto dei pazienti portatori di Device impiantabili Azienda Ospedaliera AAS 5, UO Cardiologia, Pordenone S.S.di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione Coordinatrice infermieristica Edda Pollesel Referente di Dipartimento M.C. Zorzi Direttore M. Cassin Gestione

Dettagli

INFORMAZIONE DI SICUREZZA

INFORMAZIONE DI SICUREZZA BiPAP autosv Advanced System One (60 Series, 30 cm) BiPAP autosv Advanced System One (60 Series) BiPAP autosv Advanced System One (50 Series) BiPAP autosv Advanced w/smartcard (SV3) BiPAP autosv w/smartcard

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

APPLICAZIONE LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO MEDIANTE VENTILAZIONE NON INVASIVA DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

APPLICAZIONE LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO MEDIANTE VENTILAZIONE NON INVASIVA DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA APPLICAZIONE LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO MEDIANTE VENTILAZIONE NON INVASIVA DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA Dr. Franco Cosimo INTRODUZIONE Il concetto di ventilazione meccanica non invasiva (NIV) si

Dettagli

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio.

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. 0 SIMPSI MERIDINALE AARI -EMAC ANESTESIA RIANIMAZINE TERAPIA DEL DLRE Crotone, 4-5-6 ottobre 01 Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. Giuseppe Natalini

Dettagli

L esperienza della Cardiologia dell Osp Maria Vittoria di Torino

L esperienza della Cardiologia dell Osp Maria Vittoria di Torino Controllo remoto nei dispositivi impiantabili di defibrillazione e resincronizzazione ventricolare: Dipartimento di Cardiologia un esempio di organizzazione, ruolo dell infermiere e grado di soddisfazione

Dettagli

CPAP nell edema edema polmonare acuto

CPAP nell edema edema polmonare acuto CPAP nell edema edema polmonare acuto Nola 28 settembre 2010 G. Foccillo Un po di storia.. 1912 Maintenance of lung expansion during thoracic surgery (S. Brunnel) 1936 Left-sided heart failure with pulmonary

Dettagli

Sindrome dell apnea del sonno

Sindrome dell apnea del sonno GIAC Volume 10 Numero 1 Marzo 2007 Sindrome dell apnea del sonno S. Sarzi Braga, R.F.E. Pedretti G Ital Aritmol Cardiostim 2007;1:38-45 TITOLETTO I disturbi respiratori notturni sono una patologia frequente

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE SCODITTI CRISTINA Fondazione S.Maugeri, Sede di Cassano delle Murge (BA) Reparto di Pneumologia I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE QUALI TEST FUNZIONALI? PFT DLCO 6 MWT CPET VALORE DIAGNOSTICO

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

Primario: Prof. Claudio Vicini INFORMAZIONI GENERALI PER IL PAZIENTE AFFETTO DA RONCOPATIA

Primario: Prof. Claudio Vicini INFORMAZIONI GENERALI PER IL PAZIENTE AFFETTO DA RONCOPATIA INFORMAZIONI GENERALI PER IL PAZIENTE AFFETTO DA RONCOPATIA Gentile Signore/a queste pagine sono state pensate per fornirle indispensabili informazioni sulla roncopatia, termine utilizzato per comprendere

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli

CRITERI DI OPERABILITA : Dr. Alessandro Brunelli CRITERI DI OPERABILITA : OVVERO CHI DEVE ESSERE OPERATO DA CHI Dr. Alessandro Brunelli U.O. Chirurgia Toracica AOU Ospedali Riuniti Ancona Abbadia di Fiastra (Macerata) 22 Aprile 2005 ALGORITMO VALUTAZIONE

Dettagli

RUSSARE. Il russamento, soprattutto se abituale, è stato recentemente riconosciuto come patologia e come fattore di rischio per malattie gravi.

RUSSARE. Il russamento, soprattutto se abituale, è stato recentemente riconosciuto come patologia e come fattore di rischio per malattie gravi. RUSSARE Circa il 30% della popolazione adulta dei paesi industrializzati russa con un'incidenza doppia negli uomini rispetto alle donne La percentuale sale al 60% tra i maschi in età superiore ai 60 anni.russare

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE PERRONE FILARDI Indirizzo Via Belsito 4, Napoli Telefono +39 0815753402; +39 0817462232 Fax +39

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Studio dell Arousal autonomico mediante analisi spettrale tempo-variante della HRV

Studio dell Arousal autonomico mediante analisi spettrale tempo-variante della HRV Studio dell Arousal autonomico mediante analisi spettrale tempo-variante della HRV Giovanna Calandra Buonaura Dipartimento di Scienze Neurologiche Università di Bologna AROUSAL MicroArousal (MA) is defined

Dettagli

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Daliento Luciano Via Ognissanti 65.35129 Padova Telefono +39 3389391942 Fax +39 049 8211802 E-mail Luciano.daliento@unipd.it

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Giugno 2014 EPLERENONE 25 mg 50 mg cpr

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

La semplificazione della ventilazione non invasiva

La semplificazione della ventilazione non invasiva Intelligent Ventilation La semplificazione della ventilazione non invasiva La vostra idea di ventilazione non invasiva Desiderate un ventilatore non invasivo che offra le prestazioni di un dispositivo

Dettagli

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare?

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Il cuore Francesco Grigioni Istituto di Cardiologia Università di Bologna Agenzia sanitaria e sociale regionale PREVALENZA

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

APPROCCIO DEL MMG AL PAZIENTE RONCOPATICO E/O CON APNEE NOTTURNE ASL BRESCIA

APPROCCIO DEL MMG AL PAZIENTE RONCOPATICO E/O CON APNEE NOTTURNE ASL BRESCIA APPROCCIO DEL MMG AL PAZIENTE RONCOPATICO E/O CON APNEE NOTTURNE ASL BRESCIA La «scaletta» della mattinata 8.30-9-Registrazione dei partecipanti 9-10.45 - I Parte Roncopatia e OSAS 10.45-11-Intervallo

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi. Studi Universitari Università di Milano, Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode; 1973

CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi. Studi Universitari Università di Milano, Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode; 1973 CURRICULUM VITAE E STUDIORUM del Prof. Federico Lombardi Nome Luogo e data di nascita Federico Lombardi Brescia 28:1:49 Stato Civile Coniugato con tre figli Cittadinanza Italiana Maturità Liceo Classico

Dettagli

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE -respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOPATIE NON OPERATE IMA Cardiopatia ischemica post-ima Scompenso cardiaco Arteriopatia obliterante cronica periferica Valvulopatia CARDIOPATIE CHIRURGICHE Cardiopatia

Dettagli

sione di riempimento telediastolico del ventricolo sin. è l ORTOPNEA (4). Con l indice cardiaco meglio correla la Proportional

sione di riempimento telediastolico del ventricolo sin. è l ORTOPNEA (4). Con l indice cardiaco meglio correla la Proportional L EDEMA POLMONARE ACUTO DAL TERRITORIO AL PRONTO SOC- CORSO: COME GESTIRLO? QUALI PROTOCOLLI TERAPEUTICI? Binetti N. Med d urgenza e PS Ospedale S. Orsola-Malpighi, Bologna L Edema Polmonare Acuto cardiogeno

Dettagli

Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi

Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi EDIZIONE //// 1/2013 Apnea da sonno: una lunga sofferenza prima della diagnosi Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno I sintomi più frequenti sono:

Dettagli

Azienda Ospedaliera G. Salvini U. O. Pneumologia Garbagnate Milanese. Giuseppe Pepe

Azienda Ospedaliera G. Salvini U. O. Pneumologia Garbagnate Milanese. Giuseppe Pepe Azienda Ospedaliera G. Salvini U. O. Pneumologia Garbagnate Milanese Sindrome delle apnee ostruttive durante il sonno ostruttive durante il sonno Giuseppe Pepe Obstructive Sleep-Apnea (OSA) Episodi intermittenti

Dettagli

Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto

Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto Ossigeno ad alti flussi nella bronchiolite: un passo avanti? G.Barlocco; S.Falorni; L.Bertacca U.O.C. Pediatria e Neonatologia Grosseto Lancet Vol 368 July 22,2006 Rosalind L Smyth, Peter J M Openshaw

Dettagli

L ASSISTENZA AL PAZIENTE IN VENTILAZIONE NON INVASIVA A PRESSIONE POSITIVA CONTINUA CPAP

L ASSISTENZA AL PAZIENTE IN VENTILAZIONE NON INVASIVA A PRESSIONE POSITIVA CONTINUA CPAP ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS AND GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY XXVI GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI Relatore: Daniele CAPECE L ASSISTENZA AL PAZIENTE IN VENTILAZIONE NON INVASIVA A PRESSIONE POSITIVA

Dettagli

Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO

Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO Fisiopatologia del cuore polmonare cronico Ipossia Acidosi ipercapnica Viscosità ematica

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Università degli Studi di Torino A.O.U. S. Giovanni Battista di Torino Corso Dogliotti 14 10126 Torino GTA FNZ 51T26 B706H

Università degli Studi di Torino A.O.U. S. Giovanni Battista di Torino Corso Dogliotti 14 10126 Torino GTA FNZ 51T26 B706H F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fiorenzo Gaita Indirizzo Telefono 011 6636165 Università degli Studi di Torino A.O.U. S. Giovanni Battista

Dettagli

LA VALUTAZIONE MAXILLO-FACCIALE E IL TRATTAMENTO DELLA SLEEP APNEA CON APPARECCHI DENTALI

LA VALUTAZIONE MAXILLO-FACCIALE E IL TRATTAMENTO DELLA SLEEP APNEA CON APPARECCHI DENTALI CATTEDRA e UOC di CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Direttore: Prof. G. Ferronato LA VALUTAZIONE MAXILLO-FACCIALE E IL TRATTAMENTO DELLA SLEEP APNEA CON APPARECCHI DENTALI Luca Guarda Nardini COSA IN COMUNE?

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Versatile. Facile da usare. Completo. Discover Innovation 3. Versatile Facile da usare Completo

Versatile. Facile da usare. Completo. Discover Innovation 3. Versatile Facile da usare Completo TELIGEN ICD Defibrillatore cardioverter impiantabile Specifiche meccaniche 5 Dispositivo Modello Numero * GDT-LLHH = 4-SITE. Non ancora disponibile nell AEE. Dispositivo Tipo Dimensioni (cm) Massa (g)

Dettagli

COLLABORAZIONI. IRCCS Fondazione Santa Lucia Roma OSAS

COLLABORAZIONI. IRCCS Fondazione Santa Lucia Roma OSAS Comune di Valmontone Università Sapienza Roma COLLABORAZIONI Centro di Medicina del Sonno Complesso Integrato Columbus Università Cattolica del Sacro Cuore Roma IRCCS Fondazione Santa Lucia Roma OSAS La

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Servizio di telemedicina THOLOMEUS

Servizio di telemedicina THOLOMEUS Servizio di telemedicina THOLOMEUS Presentazione Ver 6.0 del 02/07/2015 Di cosa si tratta? THOLOMEUS è l acronimo di Telemedicine and HOme telemonitoring for MEdical surveillance of chronic diseases Si

Dettagli

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico Novara, Maggio 2012 Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Le componenti del sistema Le prestazioni della terapia sono soggette e alle caratteristiche

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Disturbi respiratori nel sonno

Disturbi respiratori nel sonno IV CORSO AVANZATO UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose aggiornate Patrocinio richiesto Forlì, 14-15 Settembre 2015 UP TO DATE IN Disturbi respiratori nel sonno Cose nuove e cose

Dettagli

Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014

Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014 Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day ) 14 Marzo 2014 o La giornata Mondiale del Sonno è un evento con cadenza annuale inteso ad aumentare la coscienza dei disturbi del sonno e l impatto negativo

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dichiarazione resa ai sensi dell'art. 46 D.P.R 28 dicembre 2000, n.445, consapevole che in caso di dichiarazione mendace sarà punito ai sensi dell'art. 76 cod.

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore di Crema Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

Pneumologia Pratica: C o r s o t e o r i c o - p r a t i c o. Diagnostica e Terapia in Medicina Respiratoria. 21-22, 28-29 Gennaio 2016

Pneumologia Pratica: C o r s o t e o r i c o - p r a t i c o. Diagnostica e Terapia in Medicina Respiratoria. 21-22, 28-29 Gennaio 2016 C o r s o t e o r i c o - p r a t i c o Pneumologia Pratica: Diagnostica e Terapia in Medicina Respiratoria 21-22, 28-29 Gennaio 2016 Hotel Nettuno - Catania Razionale Scientifico 2 Le patologie respiratorie

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli