dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/ CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/2002 4 CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218-"

Transcript

1

2 La demolizione di opere 1 riguarda lo smontaggio di impianti industriali e la demolizione completa di edifici con attrezzature speciali ovvero con uso di esplosivi, il taglio di strutture in cemento armato e le demolizioni in genere, compresa la raccolta dei materiali di risulta, la loro separazione e l eventuale riciclaggio nell industria dei componenti. Questo intervento 2 è annoverato tra le diverse tipologie di opere o dei lavori insieme alla costruzione, al recupero, alla ristrutturazione, al restauro, alla manutenzione, al completamento e alle attività ad essi assimilabili e rientra anche tra quelli di ristrutturazione edilizia 3 nel caso siano previsti interventi di demolizione e successiva ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quella esistente. Storicamente il mercato della demolizione in Italia ha vissuto i suoi anni migliori negli anni '50-60, con una media di circa edifici demoliti l anno, con punte anche di edifici negli anni '60. La saturazione del mercato e il sempre più preponderante peso dei vincoli territoriali hanno portato ad un rallentamento del mercato per tutto il ventennio '70-'80 che ha registrato chiari segnali di ripresa solo nei più recenti anni '90. I dati più attendibili relativi al mercato della demolizione in Italia sono quelli desunti dalla indagine condotta dal CRESME 4 del 1998, in cui la cifra d affari relativa alla demolizione è stata stimata, per quell anno, in oltre miliardi di lire. Un mercato di nicchia visto che ha un peso pari al 3,9% rispetto al valore globale del settore edile, ma che in questi anni ha registrato un deciso incremento. Nell indagine del CRESME si evidenzia come la quota largamente prevalente (92%) dei rifiuti provenienti dalle opere di demolizione è attribuita alla demolizione parziale (microdemolizione) di fabbricati residenziali (52,5% del totale) e non residenziali (39,5%), mentre il restante 8% è attribuito alla demolizione di interi fabbricati e delle opere del genio civile (vedi schema 1). Figura 1 Provenienza dei rifiuti da demolizione e costruzione (Fonte: Indagine CRESME, 1998) 1 Definita nell allegato A del DPR n. 34 del 25/01/ Secondo la lettera b) dell art. 2 del DPR n. 554 del 21/12/ Secondo l art. 3 del DPR n. 380 del 06/06/2001, come successivamente modificato dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/ CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità 1998!!" #!!$" -218-

3 Nella demolizione è necessario quindi fare una distinzione tra interventi che si possono definire massivi (o vuoto per pieno) e altri mirati alla soluzione di un determinato problema tramite un intervento meno invasivo; alternativi ai metodi tradizionali a percussione, utilizzati fino ad oggi nel settore edile e stradale, costituiti essenzialmente da martelli demolitori di peso e potenza variabile. Tali metodi alternativi appartengono alla categoria della demolizione controllata, una tecnica che si avvale delle proprietà del diamante applicato ad utensili a disco o a filo, carotaggi e mezzi idraulici di divaricazione e compressione, per il taglio, la foratura e la lavorazione in genere dei materiali. L utensile diamantato è costituito da un corpo in acciaio sul cui bordo periferico sono montati dei settori a impregnazione di diamante industriale. Tali settori brasati o saldati con sistema laser, formano la parte tagliante dell utensile stesso (vedi fig.2 e 3). Figura 2 Disco circolare della sega diamantata (Fonte: Figura 3 - Particolare dei segmenti diamantati (Fonte: supporto del diamante segmento diamantato supporto posteriore del diamante canale foro perno di trasmissione sporgenza del diamante foro albero macchin cuore Di seguito si analizzerà quindi, in particolare, l attività di demolizione che utilizza la sega da parete a disco diamantato, che rientra tra le macchine utilizzate per la demolizione selettiva (vedi tabella 1), tecnica finalizzata alla separazione dei materiali costituenti il fabbricato in modo da poterli riutilizzare riducendone lo smaltimento, a differenza della demolizione totale o massiva, mediante l esplosivo, la palla, e le ruspe, che invece tende a mischiare i vari materiali ed a richiedere pertanto una loro lenta, successiva cernita a terra. La sega da parete è costituita da una testa porta utensile che scorre su binario con funzionamento elettrico o idraulico, con posizionamento sia in piano che verticale, ideale per eseguire aperture di porte, finestre, rimozione di intere pareti

4 Tabella 1 - Possibili tecniche di demolizione selettiva (Fonte: Appendice B Riduzione dell impatto ambientale dei rifiuti da costruzione terminologia e linee guida UNI, Milano 1999)! martello demolitor e pinze e cesoie idraulich e seghe da parete altri tipi di sega filo carotatrice spaccarocci diamantat a meccanici o o chimici smerigliatric e lancia termica %&& %&&' '" " '!! "&& ' ALTRO -220-

5 ! martello demolitor e pinze e cesoie idraulich e seghe da parete altri tipi di sega filo carotatrice spaccarocci diamantat a meccanici o o chimici smerigliatric e %&& lancia termica ALTRO ()* %&&'& -221-

6 ! martello demolitor e pinze e cesoie idraulich e seghe da parete altri tipi di sega filo carotatrice spaccarocci diamantat a meccanici o o chimici smerigliatric e lancia termica ALTRO ('& +*" * -222-

7 ! martello demolitor e pinze e cesoie idraulich e seghe da parete altri tipi di sega filo carotatrice spaccarocci diamantat a meccanici o o chimici smerigliatric e lancia termica ') () $,'""&-"&!-'* ALTRO -223-

8

9 Si è scelto quindi di approfondire l attività di demolizione realizzata con le tecniche di quella controllata poiché oltre ad essere molto utilizzata soprattutto negli interventi di manutenzione, riconversione di edifici o nel caso di manufatti storici da salvaguardare, si pone come rimedio agli svantaggi che derivano dall applicazione dei vecchi sistemi tradizionali (vedi tabella 2) presentando in prevalenza le seguenti caratteristiche di impiego: assenza di percussioni, assenza di vibrazioni dannose, assenza di polvere, rumorosità contenuta, limitato affaticamento dell operatore, precisione e rapidità; che la qualifica tra le metodologie meno invasive e più rispettose dell ambiente. Tabella 2 - Caratteristiche che differenziano il sistema di taglio con il diamante dal sistema di rimozione tradizionale (Fonte: Sistema di taglio con il diamante Sistema di rimozione tradizionale Tempo veloce lento pochi operatori lavoro intenso lavoro preliminare possibile lavoro preliminare non possibile taglia qualunque materiale è richiesto il taglio del metallo Tolleranza dimensionale taglio preciso aperture non controllate limitati lavori di finitura estesi lavori di finitura Integrità strutturale assenza di vibrazioni alto impatto di vibrazioni che causano microfratture nel cemento capacità di rimuovere grandi quantità di cemento mantenendo l integrità strutturale danno potenziale alle strutture rimanenti o alle attrezzature vicine Rumore, polvere, frammenti non invasivo sulle operazioni circostanti invasivo rumore contenuto rumore forte pezzo tagliato a misura crea macerie Assenza di polvere estremamente polveroso capacità di rimuovere grandi volumi tempo impiegato per fare pulizia Accesso limitato possibili le operazioni disagevoli attrezzatura non flessibile tagli in spazi ristretti movimento limitato possibili le lavorazioni eseguite sottacqua operazioni sottacqua difficili o impossibili facilità di taglio intorno a tubature, impianti ed apparecchiature esistenti difficoltà a lavorare intorno a tubature, impianti ed apparecchiature esistenti "#$%#& Demolizione con sega da parete a disco diamantato di un vano verticale Individuato l intervento da effettuare, si esegue sulla parete la tracciatura del vano. Il sistema della sega a parete pesante oltre 30 kg viene trasportato da due operatori, per evitare lesioni alla schiena e infortuni, sul luogo dove deve essere effettuato il taglio. Si posiziona il binario, asta rigida da fissare alla parete -225-

10 parallelamente alla traccia, ancorandolo al muro con due tasselli. Successivamente sul binario si posiziona la testa della sega a parete (sistema di motori che scorre sul binario) e subito dopo, su questa, si monta il disco, utensile di vario diametro che ancorato al motore esegue il taglio. La lama viene adeguatamente protetta da un carter per eliminare il pericolo di proiezione di materiale. Si procede al collegamento di sette tubi tra il motore e la centralina, di cui sei idraulici per il funzionamento della macchina e uno per l acqua, che risulta fondamentale per il raffreddamento dell utensile diamantato, in quanto l attrito con la superficie e l alto numero dei giri determina un elevatissimo Foto 1 - Sega da parete con disco diamantato posizionata per eseguire un taglio verticale (Fonte: surriscaldamento dello stesso, nonché la sua usura. La centralina, per motivi di sicurezza, rimane distanziata di qualche metro dalla macchina costituendone il gruppo di comando. Si precisa che questa lavorazione non può essere portata a termine senza la presenza nelle vicinanze del taglio di un punto idrico e di un punto di tensione, che fornisca l energia necessaria per la messa in moto della centralina, anche se le tubazioni e le linee in zona devono essere fuori servizio. Dopo aver verificato il corretto funzionamento della macchina e il regolare innesto degli Foto 2 - Sega da parete con disco diamantato posizionata per eseguire un taglio orizzontale (Fonte: attacchi, si può quindi procedere con il primo taglio. Si inizia con il taglio alla base -226-

11 del vano, passaggio fondamentale per il proseguo dei lavori, in quanto se si lasciasse per ultima questa operazione, il peso del blocco in calcestruzzo schiaccerebbe il disco impedendogli appunto di tagliare. In seguito si portano a termine i tagli laterali e, per ultimo, quello superiore. E possibile eseguire dei tagli intermedi in altezza del blocco, onde agevolare la sua liberazione, ma ciascuno di questi deve essere sempre preventivato, per i motivi sopra esposti, in modo da anticipare tale operazione rispetto all ultimo taglio superiore. Qualora vi fosse la necessità di liberare il blocco, suddiviso in questo caso in una porzione superiore più piccola ed una inferiore più grande, si possono effettuare nella prima dei carotaggi in modo da alleggerire ed indebolire la sua massa e, successivamente, nell apertura appena creata, inserire la pinza idraulica atta a frantumare la porzione di blocco rimasta. Tale intervento permette di ridurre i blocchi in piccolissimi conci in grado di essere allontanati in modo pratico e veloce. %' (#&' % #) *+,,-,./% 0 12!03 TITOLO II (ambienti, posti di lavoro e di passaggio): CAPO V (illuminazione); TITOLO IX (manutenzione e riparazione): art.374 (edifici, opere, impianti, macchine ed attrezzature); #1 *+,4-*4./% 0 12!0!3 art.9 (protezione dei posti di lavoro), art.10 (cinture di sicurezza); CAPO IX (demolizioni): art.71 (rafforzamento delle strutture), art.72 (ordine delle demolizioni), art.73 (misure di sicurezza), art.74 (convogliamento del materiale di demolizione), art.75 (sbarramento della zona di demolizione), art.76 (demolizione per rovesciamento) #*+*+,4-5/% art.21 (difesa contro le polveri), art. 24 (rumori e scuotimenti) #).11*+77-))./!!!!07,8.!0 00! 1!0-1!!!0 1!!!!9!!2!!- 6!*, 11 *4 *+7-*

12 #1*, 1!*++*- )/!!!!0 758**58-7)845, * )8-!! 0!! 0! 1! - 2 1! 0-6! 11 51*++5-)*) art. 42 (informazione e formazione), art. 43 (uso dei mezzi individuali della protezione dell udito), art. 44 (controllo sanitario) #1*+!! *++.-4)4/!!!!0 7+8+*8-7+84, ,,8-7+84, ) ) )8 * )55*8.,8 1! 1!! 0!! 03 art.3 (misure generali di tutela); art.4 (obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto) comma 2 5 d) 5 f)-5 q)-11 come modificati dal D.lgs.n.242/96, art.5 (obblighi dei lavoratori), art.6 (obblighi dei progettisti, dei fabbricanti, dei fornitori e degli installatori) come modificato dal D.lgs n.242/96, art.21 (informazione dei lavoratori), art.22 (formazione dei lavoratori) come modificato dal D.lgs n.242/96, art.35 (obblighi del datore di lavoro) come modificato dal D.lgs. n.359/99, art.36 (disposizioni concernenti le attrezzature di lavoro) come modificato dal D.lgs. n.359/99 e dal D.lgs.8 luglio 2003 n.235 che entrerà in vigore il 19/07/2005, art.37 (informazione) come modificato dal D.lgs. n.359/99, n.38 (formazione ed addestramento), art.39 (obblighi dei lavoratori), art.43 (obblighi del datore di lavoro) e art.44 (obblighi dei lavoratori) a proposito dei DPI, art.48 (obblighi dei datori di lavoro) e art.49 (informazione e formazione) a proposito della movimentazione manuale dei carichi, Allegato XIV (elenco delle attrezzature da sottoporre a verifica) come modificato dal D.lgs. n.359/99 #1 * *++,- **, * *, /!!!!0 +)8,+8!0 1!!3 in particolare, art.1 (obbiettivi ed ambito di applicazione), art.2 (definizioni), art.3 (obblighi del produttore e del distributore) #1).1*++4-.,+/ 1! 6!!!!0 7+8+)8- +* ! 00! 1 1!!!0 3 #1*.1!*++4-.+/!!!!0+)8,78! 1! 8! 103 art.2 (obblighi del datore di lavoro), art.4 (informazione e formazione) #1*.1!* /!!!!0+)8,8-!!!!!! 3 art.3 (obblighi del committente o del responsabile dei lavori) e art.4 (obblighi del coordinatore della progettazione) come modificati dal D.Lgs 15/11/1999 n. 528 #)* *+++-,,./ 1!6!! 11 :! 0 3 art.2 (definizioni) # ), 1 )555-. / 1!!!!! :2 1!0 3 Allegato A #411)55*-75/! 1!0 1!! 3 art.3 (definizioni degli interventi edilizi) come modificato dall art.1 lett. a) del D.Lgs. 27/12/2002, n

13 #1.!! )55)-)4)/!! 5)-)4)/!!!!0)5558*.8! 6!!!!!!! 2 6!3 '! 2!!!!-1!)55-.*./#!! 411)55*-75-2!! 1!! 1!0) )55)-5*!!!!0 6! 0!!! 1!!! 3 ;<8% Acquisto Dichiarazione CE di conformità, nonché Marchio CE per macchinari immessi sul mercato dal 22 settembre 1996 e indicazione del livello di potenza sonora garantito (art.5 DPR n.459/96 e successive modifiche, art.3 D.Lgs. n.262/02) Libretto contenente istruzioni d uso, manutenzione, trasporto, montaggio e smontaggio della macchina Noleggio Il noleggio dell attrezzatura avviene, previa stipula di contratto, secondo due modalità denominate dagli operatori del settore come segue: 1) a freddo quando è previsto esclusivamente il nolo della macchina 2) a caldo quando è previsto, non solo il nolo della macchina, ma anche un operatore che si prende carico del suo funzionamento oltre che della manutenzione. Il nolo a caldo è un mercato che vede protagonisti macchinari e impianti complessi e più facilmente soggetti a danneggiamenti ed usura come nel caso di alcuni sistemi di demolizione controllata. E una formula vantaggiosa sia per la società di nolo che per l impresa che noleggia; la prima infatti ha la certezza che i veicoli del proprio parco non vengano danneggiati, la seconda delega a terzi tutte le operazioni che ruotano attorno all impiego del macchinario. Nel nostro paese non esistono normative che regolino il settore del noleggio, viene lasciata quindi piena libertà di decidere la formula più adatta secondo le esigenze

14 La società di noleggio all atto della consegna è tenuta a fornire al contraente il libretto contenente: le istruzioni per l impiego, la manutenzione, la riparazione, il montaggio e lo smontaggio della macchina. #<' %$% (da tenere in cantiere e da esibire, su richiesta, agli organi di vigilanza) Copia del programma delle demolizioni (per demolizioni importanti o estese) firmato dall imprenditore e dal direttore dei lavori (art.72 DPR 164/56) Copia della dichiarazione CE di conformità della macchina utilizzata (gli elementi che deve contenere sono elencati nell Allegato II, previsto dall art.8 del D.Lgs. n.262/2002) Libretto o certificato di abilitazione e libretto contenente le istruzioni per l uso, la manovra e la manutenzione della macchina utilizzata (DPR 459/96, Allegato I previsto dall art.2 comma 1) &$%#%#' $% Individuare il preposto al quale devono essere comunicati per iscritto i compiti affidatigli in questa operazione complessa, legata a molteplici rischi di esposizione dei lavoratori Predisporre nel caso di demolizioni estese o importanti un programma dei lavori con la successione degli interventi firmato dall imprenditore e dal direttore dei lavori (art.72 DPR 164/56) Organizzare gli spazi del cantiere valutando attentamente l area a disposizione per lo stoccaggio del materiale proveniente dalla demolizione al fine di non creare intralcio ai percorsi ed alla viabilità interna nonché alle altre lavorazioni, e l area in cui avverrà lo scarico delle macerie sui mezzi di trasporto Interdire con idonei sbarramenti la zona interessata dalla demolizione alle persone non addette, alle quali deve essere fatto divieto di avvicinamento, sosta e transito (art.75 DPR 164/56) Provvedere alla verifica delle condizioni di conservazione e stabilità della struttura da demolire nel suo complesso e nelle singole parti, individuando la struttura portante (art. 71 DPR n.164/56) Realizzare le necessarie opere di puntellamento e di rafforzamento onde evitare che durante la demolizione si verifichino crolli intempestivi (art.71 DPR 164/56) Decidere le modalità di intervento da adottare, dopo aver effettuato le necessarie verifiche, formalizzandole sull apposito programma -230-

15 Verificare le possibili interferenze delle operazioni di demolizione con linee elettriche o con altri impianti ed in caso positivo adottare tutte le misure necessarie ad eliminare i rischi evidenziati (disattivazione dei servizi) Proteggere adeguatamente e rendere riconoscibili le reti provvisorie necessarie per l esigenza dei lavori di demolizione Assicurare un adeguato livello di illuminazione, naturale o artificiale, diffuso e/o localizzato, proporzionato alla situazione ambientale ed alla lavorazione da eseguire (art.29 DPR 547/55) Predisporre per gli addetti un facile accesso al posto di lavoro e alle opere di rimozione Se si devono eseguire lavori ad una altezza superiore a 2 metri devono essere adottati, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di cadute di persone e di cose (art.16 DPR 164/56) Utilizzare le cinture di sicurezza per lavorazioni eseguite su muri in demolizione (DPR art /56) La demolizione dei muri deve essere fatta servendosi di ponti di servizio indipendenti dall opera in demolizione (art.73 DPR 164/56) Prima dell utilizzo di sega diamantata da muro montata su guida assicurarsi che: - la macchina sia pulita in particolare nei punti di fissaggio dell utensile e che i suoi sistemi di sicurezza siano attivi - il cavo e le spine di alimentazione elettrica siano integre - la lama del disco sia adatta al tipo di materiale che deve essere tagliato - la lama diamantata non presenti fessurazioni, mancanza o rottura dei segmenti - la guida sia dotata di adeguato sostegno a terra - vengano installati il necessario numero di ancoraggi - il disco sia stato fissato sulla macchina rispettando il senso di rotazione indicato con una freccia - la lama e la protezione della lama (carter) siano ben fissati alla sega secondo le specifiche del fabbricante - sia stato controllato il corretto funzionamento di tutti i pezzi che costituiscono la sega - l interruttore di emergenza funzioni correttamente - il cavo di alimentazione elettrica non crei intralci durante la lavorazione ' %<%$%8%# Manutenzione -231-

16 La manutenzione deve essere effettuata da personale esperto (art.35, comma 5 lett. b, D.lgs n.626/94 e successive modifiche) Verificare che sulla macchina utilizzata il marchio del costruttore si mantenga sempre rintracciabile e decifrabile Verificare, come da libretto, le seguenti parti della sega a disco diamantato: - impianto elettrico - impugnature - disco di taglio - sistemi di protezione - pulsante di accensione e arresto - circuito acqua - bloccaggio gambe fisse Controlli periodici La modalità di verifica sulla sega a disco diamantato da cantiere, oltre ad essere di tipo visivo, si attua attraverso una prova funzionale, al momento dell uso della macchina, da parte del manovratore appositamente qualificato e formato ' #( Durante il lavoro Evitare turni di lavoro prolungati e continui Osservare le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali Usare dispositivi di illuminazione a norma con protezione elettrica IP55, meglio a bassa tensione (24 V), e tenere sempre le lampade sollevate da terra fissando i cavi con chiodi o altro ad almeno 2 m dalla pavimentazione Fare attenzione a non pregiudicare la stabilità delle strutture portanti o di collegamento (art.72 DPR 164/56) Procedere allo stesso livello per tutta l estensione dei lavori di demolizione in modo da evitare che gli operai lavorino su piani diversi e possano essere colpiti da materiale caduto accidentalmente dall alto Se vengono riscontrate deficienze negli apprestamenti per la sicurezza o eventuali situazioni di pericolo avvertire subito il responsabile di cantiere (art.5 D.lgs n.626/94 e successive modifiche) Predisporre nei lavori che possono dar luogo a proiezione di schegge (spaccatura o scalpellatura di blocchi o pietre e simili) efficaci mezzi di protezione a difesa sia delle persone direttamente addette che per coloro che sostano o transitano nelle vicinanze (art.9 DPR 164/56) -232-

17 Mantenere la zona di lavoro in ordine e libera da materiali di risulta Trasportare o convogliare il materiale di demolizione in appositi canali (art.74 DPR 164/56) Prevedere un parapetto o un sistema equivalente per impedire che nelle imboccature dei canali in cui si convogliano i materiali da demolizione non possano cadervi accidentalmente le persone e che i raccordi dei suddetti canali, costruiti in maniera tale che ogni tronco imbocca quello successivo, siano rinforzati (art.74 DPR 164/56) Tenere l estremo inferiore del canale di scarico ad una altezza inferiore ai 2 metri dal terreno di raccolta (art.74 DPR 164/56) Vietare la sosta ed il passaggio del personale sotto alla bocca del canale di scarico durante il rovesciamento dei detriti Calare a terra gli elementi pesanti e ingombranti con mezzi idonei (art.74 DPR 164/56) Nel caso di utilizzo di carriola per l allontanamento dei materiali di risulta assicurarsi che: - la ruota sia mantenuta gonfia a sufficienza - i manici siano provvisti di manopole antiscivolo - la carriola non venga trainata, ma spinta Provvedere a ridurre il sollevamento della polvere irrorando con acqua le murature ed i materiali di risulta (art.74 DPR 164/56) Tenere in considerazione il peso del calcestruzzo (1m³ pesa circa 2,6 t) Durante l utilizzo di sega diamantata da muro montata su guida assicurarsi che: - il personale non sia in linea con la lama mentre questa ruota - la sega lavori seguendo le specifiche del fabbricante - nei tagli orizzontali il pezzo su cui si lavora venga opportunamente puntellato evitando che il suo peso possa creare danni all area diamantata della sega - quando occorre vengano posizionati schermi di protezione tra la sega ed il personale impegnato nelle operazioni atti ad evitare il contatto con eventuali oggetti volanti - il personale addetto indossi sempre gli indumenti di protezione Dopo il lavoro Verificare che sia seguita questa procedura di smontaggio della sega diamantata da muro montata su guida: - Scollegare l alimentazione elettrica dell utensile -233-

18 - Pulire il sistema di sega a parete spruzzandola per esempio con acqua - Smontare la protezione del disco - Smontare il disco e conservare con cura le viti o avvitarle nei fori - Disgiungere i tubi idraulici e congiungerli al fine di impedirne lo sporco o il danneggiamento - Svitare la testa della sega a parete - Smontare il binario Se si prevede che la macchina non verrà rimessa in esercizio per lungo tempo: - Soffiare l acqua dal circuito idraulico - Oliare i motori idraulici ed il sistema a binario Metterla in deposito in luogo asciutto "" Divieti Non gettare dall alto il materiale di demolizione (art.74 DPR 164/56) Non accumulare il materiale proveniente dalla demolizione su solai o ponti di servizio ma allontanarlo prontamente secondo le modalità appositamente individuate Non lavorare con utensili elettrici portatili o con apparecchiature mobili alimentate direttamente dalla tensione di terra (CEI 64-8) Non lavorare sui muri in demolizione (art.73 DPR 164/56) Non lavorare in condizioni di precario equilibrio Non rimuovere le protezioni presenti sugli attrezzi Non abbandonare gli utensili prima del loro arresto totale Non lasciare parti pericolanti alla sospensione del lavoro o alla fine della giornata lavorativa Non intralciare i passaggi con il cavo di alimentazione elettrica della macchina utilizzata Non eseguire operazioni di registrazione o riparazione sulla macchina in moto Non utilizzare abiti con parti sciolte e svolazzanti (sciarpe, cinturini, ecc.) che potrebbero impigliarsi nelle parti in movimento di macchine o utensili Dispositivi di protezione individuali (DPI) Elmetto con sottogola Calzature con suola flessibile antisdrucciolevole Guanti Mascherine antipolvere Tuta Occhiali -234-

19 Otoprotettori L utilizzatore del DPI dovrà verificare prima dell utilizzo che sul dispositivo sia riportata in modo visibile, leggibile ed indelebile e per tutto il periodo di durata del DPI stesso, la marcatura CE Informazione Rischi per la sicurezza: Caduta di persone dall alto, caduta di materiale dall alto, crollo accidentale di parte o di tutta la struttura, contatto accidentale con macchine operatrici, contatto con cavi di impianti scoperti, rumore, vibrazioni, inalazioni di polvere, proiezione di materiale Rischi per la salute, possibili danni: Lesioni temporanee o permanenti derivanti da caduta dall alto, tagli, abrasioni, schiacciamenti, lesioni dorso lombari, danni all udito, irritazione delle vie respiratorie da polveri Misure preventive: Informazione sulle procedure di montaggio, impiego, smontaggio (libretto allegato alla macchina) Informazioni sul corretto uso dei DPI Informazione dettagliata sulle corrette procedure di svolgimento delle varie lavorazioni Informazioni sulla movimentazione manuale dei carichi Affissione della adeguata segnaletica di sicurezza Formazione/addestramento E consigliato un corso di addestramento che preveda l insegnamento di un uso efficace e sicuro della macchina e una conoscenza specifica del funzionamento dell impianto elettrico per gli interventi di pulizia e manutenzione Addestramento per il corretto uso dei DPI -235-

20 ' #% DOCUMENTAZIONE VERIFICHE NECESSARIE E stata verificata la presenza del programma delle demolizioni per interventi estesi o importanti? Si possiede copia della dichiarazione CE di conformità della sega a disco diamantato e relativo libretto d uso e manutenzione? Se la risposta è SI Conservare il programma delle demolizioni in cantiere Conservare copia della dichiarazione CE di conformità della sega a disco diamantato e libretto d uso e manutenzione in cantiere PROVVEDIMENTI DA ADOTTARE Se la risposta è NO Verificare la presenza del programma delle demolizioni, per interventi estesi o importanti, che deve essere firmato dall imprenditore e dal direttore dei lavori Verificare la presenza della dichiarazione CE di conformità della sega a disco diamantato e relativo libretto d uso e manutenzione Normativa di riferimento art. 72 DPR 164/56 art. 35 D.Lgs.626/94 art. 2 DPR 459/96 Figure preposte alla verifica (&% > $%#%#' $% ((#' %## % %!0 0 2! &1! 0 2 * Là dove non indicato nulla, lo spazio lasciato consente all operatore di annotare in fase di controllo la rispondenza alla procedura -236-

21 $%#%#' $% (&% ((#' %## %!0 0 &1! % 2! 0 2 E stato individuato il preposto al quale devono essere comunicati per iscritto i compiti affidatigli per l intervento di demolizione? > Individuare il preposto a cui devono essere affidati per iscritto i compiti per l intervento di demolizione Buona norma Viene verificata l immediatezza della comunicazione al responsabile di cantiere di eventuali deficienze negli apprestamenti di sicurezza o di situazioni di pericolo? Verificare che eventuali deficienze negli apprestamenti di sicurezza o situazioni di pericolo vengano subito riferite al responsabile di cantiere; spesso infatti all origine di una situazione pericolosa vi è la scarsa o inefficace comunicazione tra le persone art.5 D.Lgs.626/94 E stato verificata la corretta organizzazione degli spazi del cantiere per lo stoccaggio dei materiali provenienti dalla demolizione? Organizzare gli spazi del cantiere valutando attentamente l area a disposizione per lo stoccaggio del materiale proveniente dalla demolizione al fine di non creare intralcio ai percorsi ed alla viabilità interna Buona norma E stata verificata l interdizione della zona interessata alla demolizione, con idonei sbarramenti, alle persone non addette? Verificare la presenza di idonei sbarramenti alla zona interessata alla demolizione atti a vietare l avvicinamento, la sosta e il transito alle persone non addette art. 75 DPR 164/

22 (&% Sono state verificate le condizioni di conservazione e stabilità della struttura da demolire nel complesso e nelle sue parti? > $%#%#' $% ((#' %## % Verificare le condizioni di conservazione e stabilità della struttura da demolire nel complesso e nelle sue parti individuando la struttura portante %!0 0 2! art. 71 DPR 164/56 &1! 0 2 E stata verificata la presenza delle necessarie opere di puntellamento e di rafforzamento alle opere da demolire? E stata decisa la modalità di intervento da adottare, dopo aver effettuato le necessarie verifiche? E stata verificata l assenza di possibili interferenze delle operazioni di demolizione con linee elettriche o con altri impianti? E stata verificata la presenza di adeguata protezione e riconoscibilità delle reti provvisorie necessarie ai lavori di demolizione? (1) Verificare la presenza delle necessarie opere di puntellamento e di rafforzamento alle opere da demolire atte ad evitare che durante l intervento si verifichino crolli intempestivi Decidere la modalità di intervento da adottare, dopo aver effettuato le necessarie verifiche, formalizzandola sull apposito programma Verificare l assenza di possibili interferenze delle operazioni di demolizione con linee elettriche o con altri impianti Verificare la presenza di adeguata protezione e riconoscibilità delle reti provvisorie necessarie ai lavori di demolizione art. 71 DPR 164/56 Buona norma Buona norma Buona norma (1) Adottare tutte le misure necessarie ad eliminare i rischi evidenziato (disattivazione dei servizi) -238-

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA CONTEMPLATA

PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA CONTEMPLATA PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA LAVORATIVA ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi del Piano Particolareggiato delle Demolizioni che, ai sensi del DPR 164/56, l Impresa deve predisporre in relazione alle proprie

Dettagli

Terza giornata 14 ottobre 2011

Terza giornata 14 ottobre 2011 Benvenuti e Bentornati per la Terza giornata 14 ottobre 2011 BUONE PRASSI NELLE TECNICHE DI DEMOLIZIONE MECCANICA E TRAMITE ESPLOSIVI Introduzione dei lavori: inquadramento normativo sulla sicurezza negli

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia

Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia 21 Novembre 2011 Giornata di Aggiornamento Ing. Domenico Gullì e Ing. Cristina Rognini Demolizioni Indice 1. Definizione 2. La normativa di riferimento

Dettagli

demolizioni e programma delle demolizioni

demolizioni e programma delle demolizioni demolizioni e programma delle demolizioni La Legislazione D.P.R. 7 gennaio 1956 N. 164 art. 71 rafforzamento delle strutture art. 72 ordine delle demolizioni comma 2: La successione dei lavori. deve risultare

Dettagli

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 COLLEGIO DEGLI INGEGNERI E ARCHITETTI DI MILANO CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 Titolo dell intervento : Relatore: Moderatore: Il rischio nelle demolizioni Arch. Carlo Borgazzi Barbò Ing. Giancarlo

Dettagli

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ORDINE DEGLI INGEGNERI BAT LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Domenico SPINAZZOLA Dirigente del Servizio Tecnico della Prevenzione ASL BAT Professore presso l Università degli Studi

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 Macchina utensile in cui il mandrino, orizzontale o verticale, è in grado di eseguire due o più processi di lavorazione

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

MACCHINE DI CANTIERE

MACCHINE DI CANTIERE MACCHINE DI CANTIERE Allegato XV estratto Contenuti minimi del Piano operativo di sicurezza 3.2.1. Il POS contiene almeno i seguenti elementi: g) l'individuazione delle misure preventive e protettive,

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO SEGNALETICA DI COSA RISCHIO! RIFERIMENTO - Vibrazioni e scuotimenti; - Rumore; - Contusioni, lesioni, schiacciamenti, dovuti a: caduta dell utensile sull operatore; proiezione materiale in lavorazione;

Dettagli

1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2. 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3

1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2. 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3 1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3 3.1.1. Indirizzo Del Cantiere 3 3.1.2. Descrizione Del Contesto In Cui E

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MARTELLO PNEUMATICO La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un MARTELLO PNEUMATICO (demolitore, perforatore, picconiere). L operatore

Dettagli

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013

Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo. MANUALE D USO vers. 10/12/2013 Asta motorizzata con testa rotativa di preparazione tubo MANUALE D USO vers. 10/12/2013 AVVERTENZE DI SICUREZZA GENERALI PER IL TRAPANO Leggere tutti gli avvisi di sicurezza e tutte le istruzioni. Se

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA Manuel De Rossi, Giuseppe Semeraro SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA La legislazione di tutela della salute e sicurezza nei cantieri e nei lavori in quota disegnata Sommario Premessa 9 D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 - D. Lgs. 81/2008)

PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (art. 256 - D. Lgs. 81/2008) Timbro/Carta intestata della Ditta All Azienda ASL AL.. SPRESAL Dipartimento di Prevenzione Via Venezia 6 15121 Alessandria PIANO DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN MATRICE COMPATTA

Dettagli

Piano di Demolizione

Piano di Demolizione Piano di Demolizione Elaborato ai sensi dell art.151 D.Lgs. N 81 del 2008 e successive modifiche ed integrazioni IMPRESA (Ragione sociale e dati) Cantiere (identificazione del cantiere) COMMITTENTE (Ragione

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili L utilizzo delle macchine. Nonostante il D.P.R. 459/96 e il D.Lgs 359/99, ancora oggi sono presenti nei cantieri edili macchine da rottamare.

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA 2009 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO [SICUREZZA DELLE MACCHINE] Il presente

Dettagli

Adeguamento di macchine usate

Adeguamento di macchine usate I.M.A. Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO tel. 011/3977501 - fax 011/3977209 Michele Galdi, Marta

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI MACCHINE ED ATTREZZATURE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI MACCHINE ED ATTREZZATURE FILE MACCH18 PAGINA 1 di 3 MACCHINA MOTOSEGA A MISCELA / PNEUMATICO OPERAZIONI PRELIMINARI ALL'UTILIZZO Prima di portare la macchina in cantiere, verificare l integrità strutturale dell attrezzatura. Verificare

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Pala gommata : macchina dai molteplici usi

Pala gommata : macchina dai molteplici usi Pala gommata : macchina dai molteplici usi di Salvatore ESPOSITO e Giuseppe GRECO Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro. I molteplici usi della macchina Tipi di infortuni che possono

Dettagli

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso

SA-1. Seghetto alternativo. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 AVVERTENZE GENERALI Il manuale d installazione, d uso e manutenzione costituisce parte integrante ed essenziale della centrale aspirante monofase e deve essere

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

Schede di sicurezza delle lavorazioni

Schede di sicurezza delle lavorazioni Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009

Dettagli

Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro. Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio

Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro. Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio NORMATIVA ANTINFORTUNISTICA D.P.R. 27-04-55 n.547 norme generali

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA Speciale Inserti: Rischi in Pasticceria Pagina 1 Attività svolta L attività del pasticcere prevede la produzione dei prodotti dolciari, dalla preparazione della materia

Dettagli

PIANO DELLE DEMOLIZIONI

PIANO DELLE DEMOLIZIONI COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI PROVINCIA DI GORIZIA PIANO DELLE DEMOLIZIONI TITOLO IV D.LGS. N 81 DEL 09/04/2008, LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UNA SALA POLIFUNZIONALE DA RICAVARE NELL EDIFICIO DI PROPRIETA

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di muratore/muratrice 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni del

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L ABITARE (A.R.C.A.) NORD SALENTO PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

Dettagli

La sicurezza in officina

La sicurezza in officina La sicurezza in officina Uso di macchine e attrezzatura Presentazione curata da prof. Bevilacqua Carlo sospendere l attività ed informare il Direttore o il responsabile della ricerca o il preposto qualora

Dettagli

PROGETTO METALMECCANICHE 2008

PROGETTO METALMECCANICHE 2008 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA Sede Legale: Via dei Mille, 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI

Dettagli

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l)

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) 13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) La valutazione delle spese di seguito esposta è finalizzata esclusivamente alla

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI

Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI dott. Flavio Valentini Responsabile SPISAL ULSS Dolo-Mirano ALTEZZA ADEGUATA? SI NO - con oltre 5 soci o dipendenti deve essere 3 metri o più

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE Scuola edile di Brescia Seminario tecnico EDILIZIA DI SOSTITUZIONE: DEMOLIZIONI IN SICUREZZA, DECOSTRUZIONI E PIANI DI DEMOLIZIONE 3 Marzo 2012 LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE Ing. Massimo Viarenghi

Dettagli

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative

Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 1 Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative 2 Prog.

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO Split 460 MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO BMG sas - GAETANO GOBBI & C - Via Conche, 34 36026 Pojana Maggiore (VI) info@bmgmixer.it - Tel. 0444 896648 - Fax. 0444 797182 1 Sommario

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

Aedilweb di Bucca Giuseppe ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Aedilweb di Bucca Giuseppe ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ I piani principali del MOS edilizia sono: -- Pos Edilizia e -- Pos Impianti Ad essi sono collegati i documenti e la modulistica necessaria per completare il fascicolo sulla sicurezza che un impresa deve

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

2.4.1 tornio a comando manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12840:2003

2.4.1 tornio a comando manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12840:2003 EBER EBAM INAIL Reg. EMILIA RoMAgNA Reg. MARchE 2.4.1 tornio a comando manuale D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12840:2003 PerIColo ProtezIone Macchina utensile, ad asportazione di

Dettagli

Manutenzione e revisione. Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti

Manutenzione e revisione. Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti Manutenzione e revisione Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti Manutenzione e revisione mezzi ma sarà solo un problema dell impresa, no?! Allegato XV estratto Contenuti

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

R35/8G R60/8G R120/3G. Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua. Informazioni importanti per l allacciamento elettrico.

R35/8G R60/8G R120/3G. Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua. Informazioni importanti per l allacciamento elettrico. R35/8G R60/8G R120/3G IT Istruzioni per l uso Operatori tubolari a corrente continua Informazioni importanti per l allacciamento elettrico. Istruzioni per l uso Indice Introduzione... 4 Garanzia... 4 Istruzioni

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli