Newsletter N. 8 Ottobre 2008 WEST NILE VIRUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter N. 8 Ottobre 2008 WEST NILE VIRUS"

Transcript

1 Responsabile: Dott. Massimo Valsecchi Redazione: D.ssa Giuseppina Napoletano Dott. Federico Gobbi D.ssa Nguyen Thi My Dung Newsletter N. 8 WEST NILE VIRUS Recapiti: tel La presente newsletter e le edizioni precedenti sono reperibili nel sito della Regione del Veneto al seguente indirizzo: +Persona/Sanita/Prevenzione/Stili+di+vit a+e+salute/malattie+viaggiatori+interna zionali/newsletter.htm Nel sito del Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 all indirizzo: ews.html Supporto tecnico: Andrea Comin Il 15 settembre 2008 una signora di 80 anni residente nella campagna tra Ferrara e Bologna lamenta febbre (> 38 C) accompagnata da ripetuti episodi di vomito; viene sospettata un infezione delle vie urinarie e la paziente viene trattata con ciprofloxacina orale. I sintomi persistono nonostante la terapia e il 19 settembre la signora viene ricoverata nella rianimazione dell ospedale di Imola in gravi condizioni: febbre (> 40 C), vomito, allucinazioni e temporanee perdite di coscienza. Durante il ricovero sono segnalati 2 attacchi convulsivi: la frequenza cardiaca è di 99/min, la SO2 98% e la pressione 140/70. Non è possibile effettuare una rachicentesi a causa delle condizioni critiche della paziente. I familiari riferiscono che l anziana signora non ha lasciato negli ultimi 2 anni il piccolo paese dove abita e che si trova in prossimità di paludi popolate da differenti specie di uccelli. In tale area, intensamente infestata da zanzare Culex e Aedes, sono stati riportati 6 casi di West Nile Virus (WNV) in cavalli e 13 casi in uccelli, confermati con isolamento virale e PCR. Un test ELISA, effettuato sul siero della paziente, rivela la positività per IgM e IgG anti WNV, rispettivamente a 1:800 e a 1:400. Un test IHA, effettuato presso l Istituto Superiore di Sanità, conferma la conversione sierologica. Dopo alcuni giorni le condizioni della paziente migliorano sensibilmente e quindi viene successivamente dimessa. In ottobre vengono riportati altri 2 casi di meningoencefalite probabilmente causata da WNV. Il primo caso riguarda un maschio di circa 60 anni residente nella provincia di Ferrara ( ): risultano positivi la PCR su siero e IgG e IgM anti WNV sia su siero sia su liquor. Il secondo caso riguarda una donna di 81 anni, che vive in campagna nella provincia di Rovigo. La paziente è ricoverata in coma nel reparto di rianimazione dell ospedale di Rovigo. Il laboratorio di Virologia e Microbiologia dell Azienda Ospedaliera di Padova ha rilevato la positività nel sangue di IgG e IgM anti WNV: la PCR su liquor è risultata negativa. Tali risultati sono in attesa di conferma dall ISS di Roma.

2 Aspetti epidemiologici delle infezioni da virus West Nile (WN) Il WN fa parte del numeroso gruppo degli Arbovirus; appartiene alla famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus, ed è strettamente correlato a molti altri flavivirus che causano malattie umane e animali in diverse aree del mondo. Il WN viene trasmesso all uomo e agli animali (equini, mammiferi domestici e uccelli) attraverso la puntura di zanzare che hanno acquisito l infezione pungendo uccelli selvatici e domestici infetti, serbatoi della malattia (fig 1); attraverso questi, infatti, l infezione può mantenersi e amplificarsi nell ambiente mediante un ciclo zanzara-uccellozanzara. Il virus non si trasmette da persona a persona, ma soltanto attraverso la puntura delle zanzare, che rimangono infettanti per tutta la durata della loro vita. Nell uomo, infatti, le concentrazioni virali nel sangue sono troppo basse per infettare la zanzara. Nei serbatoi di infezione (uccelli migratori e animali domestici) il virus può persistere da alcuni giorni a qualche mese. Fig. 1 Trasmissione del virus Le zanzare che possono trasmettere la patologia appartengono prevalentemente al genere Culex (C. univittatus, C. modestus, C. pipiens, C. restuans), che tendono a pungere più avidamente all alba e al tramonto, e albergano per lo più in ambienti peridomestici con acque stagnanti. Il virus tuttavia è stato isolato anche da zanzare del genere Aedes sp, Anopheles sp e da zecche. Quale serbatoio di infezione sono state identificate oltre 70 specie di uccelli, per lo più passeriformi e corvidi. Il virus è stato isolato per la prima volta nel 1937 nel distretto ugandese West Nile, da cui prende il nome. Da allora sono state segnalate epidemie di malattia WN in numerosi Paesi dell Africa settentrionale e del Medio Oriente e recentemente anche in alcuni Paesi europei e negli Stati Uniti (Romania, ; Repubblica Ceca, 1999; Russia, 1999; USA ; Israele, 2000; USA ) (FIG. 2). Fig. 2 Diffusione dell'infezione nel mondo 2

3 Le epizoozie negli equini sono molto più frequenti, si presentano con manifestazioni cliniche di tipo encefalomielitico, e recentemente sono state segnalate in Marocco (1996), USA ( ), Francia (2000). In Italia la malattia WN è stata identificata per la prima volta negli equini nel 1998, nella zona umida denominata Palude di Fucecchio (Toscana), in un focolaio che ha provocato la morte di sei cavalli nel periodo compreso fra agosto ed ottobre di quell anno. In seguito a questo focolaio, l Italia ha adottato un Piano di Sorveglianza Nazionale in ambito veterinario della malattia WN (Fig. 3 e 4). Fig. 3 Aree considerate a rischio Oasi di Bando (FE) Fig. 4 Aree di sorveglianza Serre Persano (SA) Laguna di Grado (UD) Ad oggi in Italia sono stati segnalati 3 casi clinici umani di malattia WN, di cui 2 in attesa di conferma. L indagine sieroepidemiologica condotta nella regione Toscana, in occasione del focolaio di encefalomielite equina del 1998, ha dimostrato l avvenuta sieroconversione (riscontro di anticorpi neutralizzanti della classe IgG) in 4 soggetti su circa 130 esposti per motivi occupazionali o ambientali, in assenza di qualsiasi sintomo riconducibile alla malattia WN. 3

4 Aspetti clinici delle infezioni da virus West Nile (WN) La malattia WN nell uomo si manifesta dopo un periodo di incubazione variabile da tre a quindici giorni dopo la puntura infettante. Nella Fig. 4 è riportato il ciclo nell uomo. Fig. 5 Ciclo nell'uomo La maggior parte delle infezioni (circa l 80% dei casi) decorre in modo del tutto inapparente; le infezioni sintomatiche (circa il 20%) possono manifestarsi in forma simil-influenzale con febbre, cefalea, dolori muscolari ed articolari, raramente accompagnati da rash cutaneo. Nelle persone anziane, nei bambini molto piccoli e nelle persone con alterazione dell immunocompetenza, sono possibili manifestazioni più gravi, quali una meningoencefalite caratterizzata da febbre, confusione, disorientamento, atassia, tremori e rigidità nucale (<1% dei casi). Il tasso di letalità, relativo a tutte le infezioni, è pari allo 0,1%. La letalità della malattia nelle forme di tipo meningo-encefalitico può variare tra il 3% ed il 15% (Fonte: Centers for Diseases Control and Prevention CDC, U.S.A). Dopo l infezione si sviluppa immunità che, probabilmente, dura per tutta la vita. Diagnosi A causa dell assoluta aspecificità dei sintomi clinici, la diagnosi di infezione da virus WN è esclusivamente laboratoristica. E possibile effettuare diagnosi sierologica, mediante riscontro di anticorpi delle classi IgM o IgG con metodica ELISA o con le metodiche della inibizione dell emoagglutinazione o della neutralizzazione anticorpale (in strutture laboratoristiche dotate almeno di livello di sicurezza biologica BSL2). L isolamento virale, in adeguato substrato cellulare o mediante la metodica della Polymerase Chain Reaction (PCR) è riservato a strutture laboratoristiche dotate almeno di livello di sicurezza biologica BSL3. Il Laboratorio Nazionale di Riferimento per la conferma delle infezioni da WN è il Reparto Malattie Virali e Vaccini attenuati del Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate dell Istituto Superiore di Sanità, viale Regina Elena 299, 00161, Roma. Terapia Non esiste al momento una terapia specifica per il WNV e si ricorre solo ad una terapia di supporto. I casi di meningoencefalite richiedono l assistenza in terapia intensiva e, alcuni di essi, l ausilio della ventilazione meccanica. 4

5 MISURE DI PREVENZIONE E CONTROLLO Il controllo dei vettori di infezione rappresenta il metodo più efficace per prevenire l introduzione del WN in territori indenni e la trasmissione di questo come di altri arborvirus agli esseri umani e agli animali, nonché per controllare eventuali manifestazioni epidemiche o epizootiche. I metodi di controllo dei vettori comprendono sia misure di controllo ambientale (controllo della popolazione di zanzare, periodici interventi di disinfestazione ed eliminazione, soprattutto in prossimità delle abitazioni, delle raccolte d acqua che possono essere sfruttate dalle zanzare per la riproduzione, applicazione di zanzariere e altri mezzi protettivi alle finestre delle abitazioni) che misure di profilassi comportamentale per la riduzione del rischio di esposizione alla puntura di insetti. Raccomandazioni per la popolazione generale nelle aree con circolazione accertata di West Nile La più efficace protezione è costituita dalle misure che impediscono o riducono al minimo le punture di zanzara. È quindi necessario: indossare abiti di colore chiaro (i colori scuri e accesi attirano gli insetti), con maniche lunghe e pantaloni lunghi, che coprano la maggior parte del corpo quando si è all aperto, soprattutto all alba e al tramonto. Gli indumenti dovrebbero essere trattati con insetticidi per evitare che le zanzare pungano attraverso i tessuti. Alcuni piretroidi di sintesi, come la permetrina e la deltametrina, hanno una lunga azione residua e rimangono attivi fino a 4 mesi. evitare l uso di profumi e dopobarba perché attraggono le zanzare; applicare prodotti repellenti sulle parti del corpo che rimangono scoperte (tenere presente che il sudore ne riduce l effetto). Si consiglia di usare prodotti sicuramente efficaci, come quelli a base di N,N dietiltoluamide (DEET) alla concentrazione del 30% o di Icaridina anche nota come KBR o Bayrepel, ripetendo l applicazione, in caso di sudorazione intensa, ogni 2-3 ore. I bambini di età inferiore a 12 anni dovrebbero consultare il proprio medico o il farmacista prima dell utilizzo. I repellenti sono controindicati nei bambini sotto i 3 mesi di età; in questi casi indossare abiti protettivi e usare zanzariere trattate con insetticidi; alloggiare in locali con aria condizionata o con finestre dotate di zanzariere, curando che queste siano integre e ben chiuse (meglio se impregnate con insetticidi come permetrina). Prima di coricarsi, nebulizzare nell ambiente un insetticida spray per eliminare le zanzare presenti nella stanza; spruzzare insetticidi a base di piretro o di permetrina nelle stanze di soggiorno o utilizzare diffusori di insetticida a corrente elettrica. Raccomandazioni per i viaggiatori che tornano da aree endemiche per Chikungunya, Dengue e West Nile Si raccomanda ai viaggiatori di rivolgersi subito ad un medico o ad un centro di medicina tropicale in caso di insorgenza di febbre elevata di qualsiasi natura, soprattutto se accompagnata da disturbi articolari, nei 15 giorni successivi al ritorno da una zone endemiche per CHIKV, Dengue e West Nile, per effettuare i tests diagnostici del caso. Sorveglianza La sorveglianza per l identificazione di possibili infezioni da virus WN in campo umano dovrebbe procedere di pari passo con quanto previsto dal Piano di sorveglianza nazionale per la encefalomielite equina WN che prevede, tra l altro, 5

6 l attivazione di un sistema di allerta rapido, per evidenziare la presenza dell infezione in campo veterinario. La sorveglianza in campo umano potrebbe essere condotta in forma attiva o passiva e sarà effettuata secondo quanto indicato nel Piano di Sorveglianza di West Nile Disease (WND) in Veneto, attualmente all approvazione della Giunta Regionale. Sorveglianza attiva La sorveglianza di tipo attivo, con ricerca dei sintomi e segni di infezione andrebbe effettuata su lavoratori o altri soggetti esposti per motivi occupazionali o ambientali/ricreativi (residenti in prossimità di aree in cui è stata dimostrata la presenza dell infezione tra uccelli o equidi). La sorveglianza attiva richiede, tra l altro, l attivazione di modalità per l acquisizione del consenso informato da parte dei soggetti candidati e potrebbe non portare a risultati apprezzabili, in considerazione del basso tasso di attacco dell infezione (meno dell 1% delle punture di zanzare infette si traduce in infezione sintomatica, mentre le infezioni asintomatiche potrebbero essere più frequenti). Ai fini di una sorveglianza attiva potrebbero essere sfruttate le occasioni offerte da controlli periodici dello stato di salute di lavoratori quali guardie forestali, provinciali, veterinari, addetti agli allevamenti, operatori in oasi faunistiche) senza necessità di ricorrere a prelievi aggiuntivi di sangue. Sorveglianza passiva I casi di meningite ed encefalite acuta virale sono soggetti a notifica obbligatoria secondo quanto previsto dal D.M. 15 dicembre 1990 per le malattie di Classe II e V. La sorveglianza passiva delle forme umane di malattia di WN andrebbe istituita immediatamente nel caso, attraverso il sistema di allerta rapido in campo veterinario attivato con l Ordinanza 4 aprile 2002, venga dimostrata la presenza del virus WN sul territorio nazionale. Per la sorveglianza passiva della malattia WN andrebbero individuati, in ogni regione, almeno uno o due centri ospedalieri che, in aggiunta alle indagini laboratoristiche di routine sui casi sospetti di encefalite/meningoencefalite, eseguano direttamente la ricerca degli anticorpi anti-wn, ovvero inviino adeguati campioni di siero e/o liquor al laboratorio nazionale di riferimento dell Istituto Superiore di Sanità. In considerazione delle condizioni climatiche del nostro Paese, il periodo in cui effettuare la sorveglianza passiva della malattia WN va da febbraio ad ottobre nelle regioni centro-settentrionali, e si estende a tutto l anno in quelle meridionali ed insulari. I casi in cui richiedere eventualmente la conferma dell infezione da WN, rispondono alla seguente definizione di caso: - casi ospedalizzati di encefaliti e/o meningiti asettiche ad eziologia sconosciuta; - casi sintomatologia febbrile con rash cutaneo nelle zone in cui la malattia WN sia stata accertata negli animali. Per quanto riguarda la Regione Veneto i campioni (di sangue intero, siero e liquor) vanno inviati al Laboratorio di Riferimento Regionale, secondo le modalità indicate nel Piano di Sorveglianza Regionale: U.O.C. Microbiologia e Virologia, Azienda Ospedaliera di Padova, v. Giustiniani, 2, Padova. Tel Il laboratorio di riferimento invia, per la conferma, i campioni risultati positivi al Reparto Malattie Virali e Vaccini attenuati del Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate dell Istituto Superiore di Sanità, viale Regina Elena 299, Roma. 6

7 EPIDEMIE NEL MONDO (FONTE WHO) 22 ottobre 2008 Sud Africa: Malattia non identificata. Possibile un'infezione da Arenavirus Il 12 settembre 2008 una guida turistica residente a Lusaka (Zambia), è stata trasportata a Johannesburg (Sud Africa), dove è stata ricoverata in condizioni critiche. La donna presentava inizialmente sintomi come febbre, mialgia, vomito, diarrea e successivamente anche eruzioni cutanee, insufficienza epatica e convulsioni. Esami più approfonditi hanno rilevato anche un edema cerebrale. Dopo 10 giorni dalla comparsa dei primi sintomi la donna è morta. L'infermiere che si era occupato della donna ha poi sviluppato gli stessi sintomi, è stato ricoverato il 27 settembre ed è morto il 2 ottobre scorso. Anche un'infermiera del reparto di terapia intensiva che aveva curato la donna ha sviluppato gli stessi sintomi: è stata ricoverata il 1 ottobre ed è morta il 5 ottobre per una sindrome da insufficienza respiratoria. In entrambi i casi il periodo di incubazione è stato circa di una settimana. Il 13 ottobre è stato riportato un quarto caso: si tratta di una donna del personale paramedico che era stata a contatto con il primo infermiere contagiato. Il 12 ottobre 2008 il National Institute of Communicable Diseases del Sud Africa ha identificato l'agente patogeno responsabile della malattia in un virus della famiglia Arenaviridae. Ulteriori accertamenti sono in corso ad Atlanta con la collaborazione del CDC. Le caratteristiche cliniche dei primi 3 casi corrispondono a quelle della febbre di Lassa, la cui trasmissione, attraverso un animale vettore, sarebbe compatibile con l'attività lavorativa svolta dalla prima donna contagiata, potenzialmente esposta al contatto con roditori nelle aree rurali. Si tratterebbe del primo accertamento di infezioni da febbre di Lassa nei Paesi dell'africa meridionale. Nuove analisi di laboratorio consentiranno di mettere a confronto le caratteristiche dei virus associati a questa epidemia con i virus responsabili della febbre di Lassa, già individuati in alcuni Paesi dell'africa occidentale (Sierra Leone, Liberia, Guinea e Nigeria). Anche se in Sud Africa e Zambia non si registrano casi dal 13 ottobre 2008, poiché il periodo di incubazione degli Arenavirus può raggiungere le 3 settimane, altri casi di contagio secondario potrebbero ancora emergere. Per i viaggiatori il rischio di contrarre la malattia è molto basso, ma si consiglia comunque di evitare contatti con roditori e di usare le adeguate precauzioni ed equipaggiamento protettivo in caso di lavoro negli ambienti sanitari. 30 ottobre 2008 Repubblica Centro Africana: Febbre Gialla Il 22 ottobre il Ministro della Salute della Repubblica Centroafricana ha riportato 2 casi di Febbre gialla confermati in laboratorio dall Istituto Pasteur di Dakar. Il primo caso è stato un uomo di 32 anni del villaggio di Ngotto, villaggio sotto la prefettura di Boto, prefettura di La lobaye, che ha presentato sintomi di febbre e ittero. È in vita e continua le cure per la malattia. Sono stati posti sotto sorveglianza 34 contatti del caso indice, 4 hanno presentato sintomi di febbre o ittero e gli altri 30 sono risultati asintomatici. E stato deciso di vaccinare contro la febbre gialla persone in 4 subprefetture di La Lobaye e di La Sangha. La prefettura di La Lobaye non è un area endemica per la febbre gialla. Nel marzo 2008 la Repubblica Centro Africana ha riportato alcuni casi di febbre gialla nel nord ovest del Paese ed è stata condotta con successo nella Regione una campagna di vaccinazione di massa contro la Febbre Gialla. 7

8 3 novembre 2008 Burkina Faso: Febbre Gialla Il 3 ottobre il Ministro della Salute della Burkina Faso ha riportato 2 casi di Febbre gialla confermati in laboratorio, nel distretto di Ouahigouya, nel nord del Paese, vicino al confine con il Mali. Entrambi i casi hanno manifestato sintomi di febbre e ittero. Il primo caso ha riguardato un bambino di 7 mesi che è stato ricoverato. Il secondo caso è stato un bambino di 6 anni che è deceduto 2 giorni dopo. Entrambi i casi non erano stati vaccinati contro la febbre gialla e sono stati confermati presso il laboratorio dall Istituto Pasteur di Dakar. La vaccinazione di routine contro la febbre gialla nel distretto sanitario di Ouahigouya è iniziata nel 2002 e nel 2007 veniva riportato un tasso di copertura dell 85,3% della popolazione. Tale distretto non era stato considerato particolarmente a rischio durante il Yellow Fever Meeting svoltosi nel distretti sanitari in Burkina Faso beneficeranno di una campagna di vaccinazione di massa contro la febbre gialla che inizierà il 13 novembre Annunci Il Centro di Riferimento Regionale Viaggiatori Internazionali sta organizzando un corso sui Rischi non infettivi nei viaggiatori, rivolto ai Medici e operatori sanitari degli ambulatori viaggiatori internazionali delle Aziende Ulss regionali. Il corso prevede una parte di formazione a distanza (FAD) che si svolgerà dal 10 novembre al 10 dicembre 2008 e una giornata conclusiva residenziale, il 16 dicembre 2008, a Verona, di cui si allega programma. Sono stati richiesti crediti ECM per 50 persone. Per informazioni scrivere a: 8

9 RISCHI NON INFETTIVI NEI VIAGGIATORI Convegno 16 Dicembre 2008 Sala riunioni Banco Popolare di Verona, Via San Cosimo, 10 - Verona Registrazione partecipanti Programma Presentazione e valutazione della FAD Dr. M. Valsecchi Piani formativi sulle vaccinazioni della regione Veneto Dr. F. Russo Risultati del test di gradimento sulla FAD Dr. T. Nguyen Patologie da alta quota Dr. A. Rossanese Morsi e punture da animali: norme di prevenzione e terapia Dr. S. Calligaris Discussione Pausa caffé Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare Dr. P. Cannas Incidenti stradali e aerei Dr. F. Gobbi Presentazione Newsletter Dr. F. Gobbi Follow up viaggiatori Dr. G. Napoletano Discussione Pausa Pranzo Casi clinici interattivi Dr. G. Napoletano, Dr. A. Rossanese, Dr. F. Gobbi Test di valutazione e di gradimento 9

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica?

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? L IZSVe è un ente sanitario di diritto pubblico che svolge attività di prevenzione, di controllo e di ricerca nell ambito del

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA

SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA SORVEGLIANZA DELLA CHIKUNGUNYA Premessa A partire dal Marzo 2005, l isola de La Rèunion (Repubblica Francese) ed altre zone limitrofe dell Oceano Indiano sono state interessate da una epidemia di chikungunya

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZANZARE e ZECCHE nel nostro

Dettagli

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Descrizione ed analisi del problema La febbre West Nile (West Nile Fever) è una malattia provocata dal

Dettagli

Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008

Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008 Le malattie trasmesse da vettori e il piano di controllo di Chikungunya e Dengue 2008 Il ruolo del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Famiglia Dott. R.Piroli NCP Fontanellato Distretto Fidenza

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015

DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015 Direzione Generale della Sanità DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015 Oggetto: Piano regionale integrato per la sorveglianza della West Nile Disease 2015-2018. Lo Statuto Speciale della Regione Autonoma della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex DG PREV A: ASSESSORATI ALLA

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0017674-30/06/2014-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex DG PREV A: ASSESSORATI ALLA SANITÀ REGIONI STATUTO

Dettagli

Comunicati Stampa della Giunta Regionale

Comunicati Stampa della Giunta Regionale Comunicati Stampa della Giunta Regionale Virus Chikungunya: delegazione Ecdc-Oms in Regione (Bologna, 18 settembre 2007) L infezione da virus Chikungunya manifestatasi in Emilia-Romagna è un fatto rilevante

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020115-16/06/2015-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex-dgprev DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno!

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno! La Zanzara tigre in bergamasca La comparsa di un alieno! Raffaello Maffi Dipartimento di Prevenzione Medico Direzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL di Bergamo LE ZANZARE sono insetti presenti in

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI CENTRO EMILIANO ROMAGNOLO DI EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005 IN QUESTO

Dettagli

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi PREMESSA Qualunque sistema di sorveglianza sanitaria di patologie trasmissibili raccoglie ed elabora informazioni

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

3 Allegato n.4 alla nota regionale del 2013, citata nella nota 2 4 Allegato n.5 alla nota regionale del 2013, citata nella nota 2

3 Allegato n.4 alla nota regionale del 2013, citata nella nota 2 4 Allegato n.5 alla nota regionale del 2013, citata nella nota 2 Altrettanto rilevante al fine del buon esito della sorveglianza è l attività dei Dipartimenti di Sanità pubblica (DSP) delle Aziende Usl che, una volta acquisita la segnalazione, dovranno prontamente attivarsi

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07 Attenzione, zecche! Sommario La zecca 05 La borreliosi 06 La meningoencefalite da zecche 07 Misure profilattiche 08/09 Prevenire le punture di zecche Evitare la trasmissione degli agenti patogeni Vaccinazione

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE... 2 SCOPO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 CONTENUTO... 4 PREMESSA... 4 FEBBRE CHIKUNGUNYA E DENGUE... 5 MALATTIA DA VIRUS WEST NILE... 10 ALTRE

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio Contro la zanzara tigre 4 Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio facciamoci in Nell estate del 2007 si è verificato nella nostra regione il primo

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA COMUNE DI TERNI CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA la zanzara CONTRO LA ZANZARA TIGRE facciamoci in 4 Da alcuni anni l Italia è diventata, suo malgrado, uno dei paesi sotto l occhio dei riflettori

Dettagli

Piano sorveglianza arbovirosi 2015

Piano sorveglianza arbovirosi 2015 Allegato 1 Piano sorveglianza arbovirosi 2015 1. Sorveglianza sanitaria dei casi umani di Chikungunya/Dengue Si confermano anche per il corrente anno i due cardini della strategia di prevenzione già ampiamente

Dettagli

Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014

Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014 Patologie trasmesse da punture di insetto. Epidemiologia locale Cona (Ferrara) 7 giugno 2014 Marco Libanore Unità Operativa Complessa Malattie Infettive A.O.U. Nuovo Arcispedale S.Anna Polo Ospedaliero

Dettagli

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM)

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) II Corso Nazionale Teorico Pratico Emergenze in Infettivologia Ferrara, 30 Settembre 2009 Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) Vittorio Sambri Laboratorio CRREM

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Attività di monitoraggio e lotta in Emilia-Romagna contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Descrizione epidemia di febbre da virus Chikungunya 07 L epidemia si è verificata nel corso dell estate

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DEL PROGRAMMA DI DISINFESTAZIONE dell anno 2012

RELAZIONE ANNUALE DEL PROGRAMMA DI DISINFESTAZIONE dell anno 2012 Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione RELAZIONE ANNUALE DEL PROGRAMMA DI DISINFESTAZIONE dell anno 2012 Gennaio 2013 dott.

Dettagli

Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto

Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto Protocollo per la sorveglianza passiva delle febbri estive in Regione Veneto Luglio 2010 1 Premessa Il presente protocollo indica alcune linee operative a integrazione dei precedenti protocolli regionali

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149 REGIONEDEL VENETO. ita regionale

Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149 REGIONEDEL VENETO. ita regionale Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149!3 Consiglio Regionale del Veneto I del 20/10/2014 Prot.: 0019149 Titolario 2.16.2 CRV _^ CRV spc-upa REGIONEDEL VENETO ita regionale Data 17 OTT

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI:

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI: NORME IGIENICHE E GENERALI: CIBI Non mangiare verdura, frutta, legumi crudi o che non possano essere sbucciati o cotti. Evitare uova crude o poco cotte, pesce crudo o allevato in zone paludose o in prossimità

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA Dieci consigli per viaggiare in salute - Repubblica.it http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2011/07/22/news/di... Salute INTERATTIVO Dieci consigli per viaggiare in salute Vacanze in vista? Per

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LE ZECCHE. Di cosa si tratta

LE ZECCHE. Di cosa si tratta LE ZECCHE Di cosa si tratta La zecca è un artropode chelicerato appartenente, insieme a ragni, acari e scorpioni, alla classe degli aracnidi, che si attacca ostinatamente alla pelle, da cui succhia il

Dettagli

ASL - Benevento. Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.

ASL - Benevento. Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1. Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.it La Chikungunya ovvero...

Dettagli

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2008-2011 VIAGGI E SALUTE Reggio Emilia 16/12/2010 La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali nei viaggi internazionali Il Viaggio Trasferimento

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 Allegato 1 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 PREMESSA Come noto l epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria Lotta alla zanzara tigre a Ferrara Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria DPGRER n. 280 del 3 marzo 2008 2.4 Classificazione del territorio

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE CCM Ufficio V ex DGPREV - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale Sorveglianza della

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA SI RICORDA CHE IN CASO, ANCHE SOLO SOSPETTO, DI MENINGITE O MALATTIA INVASIVA BATTERICA, E OBBLIGATORIA LA SEGNALAZIONE IMMEDIATA AL DIPARTIMENTO

Dettagli

Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012

Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012 giunta regionale 9^ legislatura pag. 1/9 Protocollo per la sorveglianza delle febbri estive in Regione Veneto, anni 2011-2012 giugno 2011 pag. 2/9 Premessa Il presente protocollo sviluppa e parzialmente

Dettagli

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Cso. Svizzera, 164 10149 TORINO Tel. PROCEDURA OPERATIVA DA ADOTTARE IN CASO DI ESPOSIZIONE A PAZIENTE CON Pag. 1 di Pag. 16 TIPO DI DOCUMENTO Procedura Operativa ELABORAZIONE

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Malaria: stato dell arte e prospettive future

Malaria: stato dell arte e prospettive future Malaria: stato dell arte e prospettive future Chemioprofilassi antimalarica nel bambino Vania Giacomet Struttura di Infettivologia Pediatrica Dipartimento di Pediatrica AO L Sacco Direttore Prof Zuccotti

Dettagli

L'encefalite equina West Nile: una malattia emergente in Italia di C. Macchi

L'encefalite equina West Nile: una malattia emergente in Italia di C. Macchi L'encefalite equina West Nile: una malattia emergente in Italia di C. Macchi Malattia vescicolare del suino in Lombardia: aggiornamento di G. Zanardi, A. Berlinzani Piano regionale alimenti 1999: alcune

Dettagli

VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi

VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi VFR - Rischi sanitari legati ai viaggi TORNI NEL TUO PAESE D'ORIGINE A TROVARE LA FAMIGLIA E GLI AMICI?...LEGGI CON ATTENZIONE QUESTA BROCHURE Progetto 5x1000 Progetto 5x1000: VFR - Rischi sanitari legati

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate:

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate: RELAZIONE Premessa Zanzare e flebotomi rappresentano due importanti gruppi di insetti ematofagi appartenenti all'ordine dei Ditteri. Entrambi sono di estremo rilievo per la salute dell uomo, degli animali

Dettagli

Ministero della salute. Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie. Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010

Ministero della salute. Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie. Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 00 Allegato TITOLO: Indagine conoscitiva sulle febbri di origine oscura (FOO)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI UFFICIO III ex DGRUERI Tripanosomiasi africana (malattia del sonno)

Dettagli

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE Maria Cristina Rota1, Maria Grazia Caporali1, Grazia Marta Caleo1, Giuseppina Mandarino2, Maria Scaturro2 e Maria Luisa Ricci2 1Centro Nazionale di

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE

LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE LA PREVENZIONE DEL VIAGGIATORE Dott.ssa E. Zamparo Dipartimento di Prevenzione ASS 6 Pordenone Rovigo, 1 dicembre 2006 IL CONTESTO Negli ultimi anni 70% degli italiani ha fatto almeno un viaggio Non è

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Schmallenberg virus: l ennesima emergenza sanitaria per la zootecnia della Sardegna? Nuoro, 20 dicembre 2012 Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Annalisa Oggiano Dipartimento

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola

Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola 22 agosto 2014 1 Considerazioni Generali Il virus Ebola e l epidemia in Africa occidentale Identificato a seguito

Dettagli

LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA?

LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA? LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA? QUALI SONO LE NOSTRE ZANZARE? ZANZARA COMUNE CULEX PIPIENS E MOLESTUS Culex pipiens È una zanzara di piccole dimensioni (6-8 mm di lunghezza),

Dettagli

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI

VACCINAZIONI INTERNAZIONALI VACCINAZIONI INTERNAZIONALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica I viaggi internazionali possono rappresentare un rischio per la salute, a seconda delle caratteristiche del viaggiatore

Dettagli

Malattie più diffuse a cui può essere esposto il viaggiatore

Malattie più diffuse a cui può essere esposto il viaggiatore Contenuto di una farmacia da viaggio Nella farmacia da viaggio occorre inserire: Farmaci di uso abituale (se si soffre di malattie croniche, antidolorifici normalmente utilizzati ecc.) Farmaci antivirali

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE Prot. Gen. n. 37631/2015 ORDINANZA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

Ricerca Corrente anno finanziario 2007

Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Gestione del rischio biologico nell allevamento equino: elaborazione di linee guida per la prevenzione ed il controllo delle infezioni diffusive Responsabile Scientifico:

Dettagli

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Rosolia congenita e in gravidanza News Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Il Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia (PNEMoRc) 00-05 include tra i

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa

La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa Considerando che: (traduzione a cura della redazione di EpiCentro) le raccomandazioni dell Oms e gli standard dell Oie, strumenti importanti

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli