ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 1. FRONTESPIZIO ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE Sistemi informativi aziendali CLASSE 5ASA Il presente documento, composto da n. pagine, compresa la presente, approvato e sottoscritto da tutti i docenti del Consiglio di classe, viene affisso all albo dell Istituto in data 15 maggio Il Dirigente Scolastico Ing Elena Maria D ambrosio 1

2 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 2. SOMMARIO 1. FRONTESPIZIO 2. SOMMARIO 3. ELENCO CANDIDATI 4. ELENCO DOCENTI 5. PRESENTAZIONE 6. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 7. OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE 8. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PROFITTO 10. IL PERCORSO CLIL 12. ATTIVITA COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE 13. PROGRAMMI DISCIPLINARI SVOLTI Disciplina: Scienze Motorie e Sportive Disciplina: Economia Aziendale Disciplina: Diritto Disciplina: Economia politica Disciplina: Italiano Disciplina: Storia Disciplina: Insegnamento Religione Cattolica Disciplina: Matematica Applicata Disciplina: Informatica 14. SIMULAZIONE DELLE PROVE D ESAME (v. allegati) Simulazione prima prova + griglia correzione Simulazione seconda prova + griglia correzione Simulazioni terza prova + griglie correzione 2

3 Anno Scolastico 2014/ ELENCO CANDIDATI Classe 5^ ASA N. NOMINATIVO 1 ASAVEI NICOLAE LUCIAN 2 BANFI ARIANNA 3 BARBUZZA MICHELE 4 BASSO MATTEO 5 BOIANO MARTIN 6 CATTANEO STEFANO 7 CERIANI NICHOLAS DAVIDE 8 CIRILLO DAVIDE 9 CONTRI ALBERTO 10 CONTRI ALEX 11 CORNALE ALESSIO 12 COSTA JENNIFER 13 DEKSNYS KAROLIS 14 DELL'ARENA MARCO 15 FACCENDA DAVIDE 16 FILIPPINI MAURO 17 GALASSO GIANLUCA 18 GALIANO FEDERICA 19 GALLO ANDREA 20 LONETTO ALESSANDRO 21 MAININI MARTINA 22 MARCIULIANO VIVIANA 23 MONTI PAOLO 24 PICCINNI DANIELE 3

4 25 PILLITU CORRADO 26 RADRIZZANI ANDREA 27 SALA ADRIANO 28 SCOTILLO ALESSIO 29 SORRENTINO PIER PAOLO 30 VALSECCHI LUCA 31 XIANG MANMAN 32 ZAPPULLI DAVIDE ANDREA Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 4. ELENCO DOCENTI N. Cognome e nome Disciplina Firma 1 TURCONI MARGHERITA IRC / MATERIE ALTERNATIVE 2 ITALIANO / BUZZI GRAZIELLA STORIA 3 CANDIANI ANNA MARIA MATEMATICA / MATEMATICA APPLICATA 4 FOGLIA MORIS DIRITTO EC. / EC. POLITICA 5 BALLETTA GIUSEPPE ECONOMIA AZIENDALE 6 CASALASPRO DANIELA INGLESE 11 MALIZIA FABIO INFORMATICA 11 TIRONI CATIA LABORATORIO INFORMATICO 12 CASTIGLIONI AMBROGIO SCIENZE MOTORIE 4

5 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA COMMISSARI INTERNI N. 1 BUZZI GRAZIELLA ITALIANO / STORIA 2 CANDIANI ANNA MARIA MATEMATICA / MATEMATICA APPLICATA 3 FOGLIA MORIS DIRITTO EC. / EC. POLITICA 5

6 6

7 Anno Scolastico: 2014/2015 Classe 5^ ASA 5. PRESENTAZIONE PROFILO PROFESSIONALE DELL INDIRIZZO Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: - rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; - redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; - gestire adempimenti di natura fiscale; - collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; - svolgere attività di marketing; - collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; - utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. 7

8 Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. 8

9 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 6. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Classe Terza 2012/2013 Numero totale degli studenti Provenienti da questo Istituto da altri Istituti ripetenti della stessa classe Ritirati entro il 15 marzo Non promossi Classe Quarta 2013/2014 Numero totale degli studenti Provenienti da questo Istituto da altri Istituti ripetenti della stessa classe Ritirati entro il 15 marzo Non promossi Classe Quinta 2014/2015 Numero totale degli studenti Provenienti da questo Istituto da altri Istituti ripetenti della stessa classe Ritirati entro il 15 marzo Non promossi

10 PROFILO GENERALE DELLA CLASSE (in particolare riferendosi agli esiti di profitto, al comportamento, all impegno, La classe è numerosa e disomogenea poiché gli alunni che hanno iniziato il percorso in terza hanno sempre mantenuto un vivo interesse per il lavoro in classe e hanno mostrato una partecipazione attiva, responsabile e un buon impegno personale e in qualche caso eccellente, mentre gli alunni che si sono inseriti in quarta hanno manifestato un impegno ed una partecipazione meno assidua e spesso funzionale alle verifiche. Anche per quanto riguarda la motivazione allo studio, si riscontra la presenza sia di persone molto motivate che hanno colto le opportunità di approfondimento nelle varie discipline, che di allievi che si sono limitati allo studio prettamente scolastico. Per quanto concerne la continuità didattica gli insegnanti di quasi tutte le discipline sono stati gli stessi nel corso del triennio. Qualche difficoltà si è presentata per diritto, economia politica e scienze delle finanze, in quanto per alcuni periodi non hanno avuto l'insegnante con un notevole avvicendamento di docenti supplenti. Comunque in tutto il triennio la classe è sempre stata sostenuta con attività di recupero in itinere in tutte le discipline. Stante quanto sopra, ad oggi, la classe si presenta così strutturata: - alcuni studenti hanno maturato un metodo di studio (abbastanza) organizzato e, grazie ad un impegno serio e costante, hanno conseguito un buon livello di preparazione generale; - la restante parte della classe, invece, ha conoscenze e competenze rispondenti mediamente ai minimi disciplinari a seguito di uno studio poco personale e poco rielaborativo. 10

11 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 7. OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Sulla base della situazione della classe il Consiglio di Classe ha stabilito gli obiettivi trasversali che si riportano e ha adottato le modalità di lavoro e gli strumenti di valutazione di seguito riportati, nonché ha fatto proprio la griglia di valutazione del Collegio Docenti Obiettivi comportamentali 1. RISPETTA I RUOLI, IL LAVORO E LE OPINIONI ALTRUI Rispetta le persone, riconoscendone i diversi ruoli Rispetta le opinioni altrui anche se diverse dalla propria Contribuisce positivamente allo svolgimento delle attività Rispetta e collabora con i compagni di classe Obiettivi didattici COMPETENZE Sa produrre testi orali e scritti Sa risolvere un problema. Sa analizzare e utilizzare un testo Sa svolgere un analisi comparativa CAPACITA' 1a. Sa relazionare usando in maniera pertinente i linguaggi specifici richiesti. 1b. Sa esprimere un punto di vista in modo pertinente, argomentando le affermazioni. 1c. Sa fare un confronto tra i diversi punti di vista emersi. 2a. Sa riconoscere gli obiettivi 2b. Sa individuare i dati utili e un percorso per il raggiungimento degli obiettivi posti 2c. Sa verificare i risultati in relazione alle premesse 11

12 3a. Sa individuare gli elementi costitutivi di un testo 3b. Sa usare le informazioni in una situazione nuova 3c. Sa effettuare anche collegamenti interdisciplinari 4a. Sa utilizzare in modo trasversale le conoscenze e le abilità acquisite nelle varie discipline CONOSCENZE: si rimanda ai programmi dei singoli docenti (vedi punto 13) Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 8. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PROFITTO VOTO GIUDIZIO INDICATORI 1 INESISTENTE Rifiuta la verifica, consegna in bianco 2 NULLO Non conosce le informazioni e il lessico di base 3 GRAVEMENTE Non consegue alcuna abilità per le lacune nelle INSUFFICIENTE informazioni, nelle regole e nel lessico di base 4 MOLTO INSUFFICIENTE Conosce in modo frammentario e superficiale le informazioni, le regole e il lessico di base; commette gravi errori nell applicazione delle stesse 5 INSUFFICIENTE Conosce e comprende, in linea di massima, le informazioni, le regole e il lessico di base; applica, però, con difficoltà le stesse in situazioni semplici e note 6 SUFFICIENTE Conosce e comprende le informazioni, le regole e il lessico di base; applica con sufficiente correttezza (senza commettere gravi errori) le stesse in situazioni note 7 DISCRETO Conosce e comprende le informazioni, le regole e il lessico delle discipline; applica correttamente le stesse 12

13 8 BUONO 9 OTTIMO 10 ECCELLENTE in situazioni note Conosce e comprende le informazioni, le regole e il lessico delle discipline; applica correttamente le stesse in situazioni note dove è in grado di effettuare sia l analisi che la sintesi Applica correttamente anche in situazioni non note le informazioni, le regole e il lessico delle discipline; sa collegare gli argomenti valutando la pertinenza dei materiali e delle procedure rispetto al compito Sa esprimere valutazioni critiche e trovare approcci personali alle problematiche; sa adeguare il registro linguistico all interlocutore; sa affrontare un problema in maniera multidisciplinare Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 9. MODALITA DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA IRC/ ATT ICIT A' ALT ERN ATI VA ITA LIA NO STO RIA ING LES E 2^ LIN GU A MA TE MA TIC A APP DIRI TTO SCI ENZ E FIN AN EC AZI END ALE INFO RMA TICA ED FISI CA Lezione frontale Lezione interattiva Metodo deduttivo X x x X x X x x X x X X X X X X X X X X X X X X X 13

14 Metodo induttivo Lavoro di gruppo Attività di recupero in itinere Recupero in orario extracurricolare Ricerche personali Altro X X X X X x x X x X X X X x x X x X X X X X X x x X X x 14

15 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 10. IL PERCORSO CLIL Il percorso CLIL è stato svolto durante le ore di informatica in collaborazione e sotto la supervisione dell insegnante di inglese. In particolare le lezioni sono state svolte interamente in lingua inglese o alternando la lingua inglese all italiano tenendo conto di vari fattori: La complessità dell argomento La stanchezza degli studenti Il tempo a disposizione (il docente di informatica ha constatato che mediamente una lezione in CLIL richiede il doppio del tempo di una lezione in italiano) E possibile trovare un dettaglio degli argomenti trattati con la metodologia CLIL nel programma di Informatica. 15

16 11. STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE ATTIVITA Colloquio IRC /AT TIC ITA' AL TER NA TIV A ITA LIA NO STO RIA ING LES E 2^ LIN GU A MA TE MA TIC A APP DIR ITT O SCI ENZ E FIN AN x x x x X X X EC AZI EN DA LE INFO RMA TICA ED FISI CA Interrogazion e breve Prova scritta Risoluzione di casi/problemi Prova strutturata/ Semistrutturata Questionario Esercizi a casa Altro x x x x x x x x x X X X X X X X X x x x X X X x x X x x x X X 16

17 17

18 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ ASA 12. ATTIVITA COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE Tipo di attività Convegni, mostre, visite aziendali Breve descrizione Numero Partecipanti Viaggi d istruzione, scambi culturali Viaggio di istruzione a Barcellona (Marzo 2015) 22 su 32 Alunni Alternanza scuola-lavoro (classe 3^ - 4^) Stage (classe 4^) Esperienze in aziende, studi ed enti (tutto il mese di giugno) Tutta la classe Altro Traduzione dall inglese del testo Free confinement testimonianza di un ebrea scampata alla Shoa 18

19 19

20 Anno Scolastico 2014/2015 Classe 5^ASA 13. PROGRAMMI DISCIPLINARI SVOLTI 20

21 Docente: Prof. Ambrogio Castiglioni Disciplina: Scienze Motorie e Sportive Libro/i di testo : Movimento + sport= Salute. Balboni Dispensa. Ed. Il capitello PROGRAMMA SVOLTO Argomento La resistenza aerobica. Concetti di base e sviluppo pratico. Controllo palla. Tecnica del controllo della palla con tutte le parti del corpo. Volteggio al cavallo. Passaggio framezzo, divaricata e ribaltata. Pallacanestro. Tecniche di controllo e passaggio della palla. Collaborazione per gestire la palla e le azioni di gioco. Judo: concetti di base. Tecniche di caduta avanti, indietro e laterale. Tecniche di proiezione e schieramento dell avversario. Pallavolo. Le azioni d attacco di primo, secondo e terzo tempo. Le azioni di difesa, alzata e attacco. Ruoli dei giocatori, posizioni e movimenti sul campo. Argomenti teorici La resilienza, lettura del libro: Resisto dunque sono di Pietro Trabucchi Il doping. Passaporto biologico, sostanze dopanti e loro effetti. La resistenza. Fattori che la regolano e come si incrementa. Concetti base per il controllo della palla. Concetti di base del judo. Pallavolo: i ruoli dei giocatori e il loro utilizzo durante il gioco. 21

22 Saronno, Firme dei Rappresentanti Firma del Docente CONSIDERAZIONI SULLA CLASSE La maggior parte della classe all inizio dell anno scolastico era molto restia a impegnarsi durante le lezioni, dimostrando scarso interesse per gli argomenti affrontati nel primo periodo. Nella seconda parte dell anno la partecipazione è migliorata e l interesse per le proposte migliorato RISULTATI RAGGIUNTI Sono stati raggiunti con la maggior parte della classe, i risultati di collaborazione e aiuto reciproco nelle situazioni in cui era necessaria la partecipazione di tutti i componenti per la proposte da sviluppare. 22

23 Docente: Prof. Giuseppe Balletta Disciplina: Economia Aziendale Libro di testo Con Noi in AZIENDA Plus - LE MONNIER SCUOLA PROGRAMMA SVOLTO Il bilancio d esercizio. Funzioni, caratteristiche e composizione del bilancio d esercizio I postulati del bilancio Struttura e contenuto dello Stato Patrimoniale Struttura e contenuto del Conto Economico La Nota integrativa I criteri di valutazione L analisi di bilancio la riclassificazione dello Stato Parimoniale la riclassificazione del conto Economico a Valore Aggiunto la riclassificazione del conto economico a ricavi e costo del venduto gli indici di struttura gli indici di copertura gli indici di solvibilità gli indici di redditività il rendiconto finanziario delle variazioni di CCN il rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità 23

24 L imposizione fiscale La fiscalità dirette nelle imprese Reddito di bilancio e reddito fiscale d impresa I principi fiscali Le variazioni al reddito di bilancio Le plusvalenze patrimoniali nel Tuir Le rimanenze di magazzino nel TUIR L ammortamento fiscale Le spese di manutenzione e riparazione La svalutazione dei crediti L IRAP L IRES Strategie, programmazione e controllo di gestione La pianificazione strategica Le fasi della pianificazione strategia L analisi dei punti di forza e punti di debolezza La contabilità analitico-gestionale (differenze con la CO.GE. e requisiti) Classificazione dei costi Classificazione dei costi secondo la variabilità (costi fissi e variabili) La determinazione del punto di pareggio Le configurazioni di costo L imputazione dei costi La contabilità full costing e direct costing l Activity based costing 24

25 I preventivi d impianto (tecnico, economico, finanziario) I costi standard I budget Il budget d esercizio Il budget delle vendite, il budget delle quantità da produrre, il budget del fabbisogno e degli approvvigionamenti, il budget della manodopera diretta Analisi degli scostamenti 25

26 I principali rapporti tra le banche e le aziende Il fido e le sue fasi I mutui ipotecari Lo smobilizzo dei crediti di fornitura (sconto cambiario, anticipi su RI.BA, anticipi su fatture) Saronno Firme dei Rappresentanti Firma del Docente ( Giuseppe Balletta ) CONSIDERAZIONI SULLA CLASSE Nel corso del triennio la classe ha assunto un comportamento abbastanza disomogeneo. 26

27 Infatti, mentre alcuni alunni hanno partecipato all attività didattica con consapevolezza e responsabilità, altri si sono limitati ad uno studio superficiale e opportunistico. Il numero elevato dei componenti della classe (32) e l atteggiamento non sempre partecipativo ha condizionato l andamento e il profitto della classe. RISULTATI RAGGIUNTI I risultati raggiunti possono considerasi pienamente soddisfacenti per un gruppo ristretto di alunni, sufficienti o quasi sufficienti per il resto della classe. Docente: Prof. Moris Foglia Disciplina: Diritto Libro: Diritto. Stato, servizi, imprese di L. Bobbio - E. Gliotti - L. Lenti - S. Foà Mondadori Education Lo Stato italiano. Gli organi costituzionali. PROGRAMMA SVOLTO Lo Stato italiano e i suoi elementi costitutivi Le forme di Stato Le forme di governo Il Parlamento Il Governo Il Presidente della Repubblica La Corte costituzionale 27

28 La magistratura Raffronto tra l attuale Costituzione repubblicana con lo Statuto Albertino e con il ddl costituzionale volto ad operare la revisione della Carta fondamentale (lavoro di gruppo) Le Regioni e gli Enti locali Centro e periferia Le ragioni del decentramento Le vicende delle Autonomie territoriali in Italia Regioni, Città Metropolitane, Province e Comuni Il Titolo V della Costituzione La struttura amministrativa La politica e l Amministrazione L espansione della Pubblica Amministrazione Le Amministrazioni Pubbliche I Ministeri Gli organi periferici dello Stato Gli organi ausiliari I controlli amministrativi Le Autorità indipendenti L attività amministrativa I principi dell attività amministrativa Atti di diritto pubblico e atti di diritto privato I provvedimenti amministrativi La discrezionalità amministrativa Tipi di provvedimenti amministrativi Il procedimento amministrativo L invalidità degli atti amministrativi I rimedi contro gli atti amministrativi invalidi La giustizia amministrativa 28

29 I cittadini e la Pubblica Amministrazione I ricorsi amministrativi I ricorsi giurisdizionali I giudici amministrativi Il processo amministrativo I giudici amministrativi speciali Il difensore civico Lo Stato e l economia I modelli di governo dell economia Lo Stato liberale. I diritti di libertà negativa L affermarsi dello Stato sociale Il welfare state e i diritti sociali Gli interventi diretti dello Stato in campo economico: lo Stato imprenditore La Costituzione economica Dallo Stato sociale allo Stato regolatore Saronno Firme dei Rappresentanti Firma del Docente ( Moris Foglia ) CONSIDERAZIONI SULLA CLASSE La classe, pur essendo particolarmente corposa, offre comunque le condizioni per uno svolgimento ottimale dell attività didattica. Il comportamento rilevato è corretto e disponibile all ascolto. La partecipazione non sempre costante, né involgente l intera classe. Lo studio profuso e il grado di attenzione prestati nel corso dell anno si sono dimostrati alquanto 29

30 disomogenei in un ottica di raffronto tra i vari studenti: invero, se mediamente è riscontrabile un livello di preparazione buono, o comunque sufficiente, vanno altresì segnalate, da un lato, alcune punte di eccellenza, dall altro, talune carenze e difficoltà riconducibili ad altri alunni. RISULTATI RAGGIUNTI La classe, sia in diritto, sia in economia politica/scienza delle finanze, scontava geneticamente gravi carenze e lacune addebitabili al continuo avvicendamento dei docenti di cattedra. L imprescindibile necessità di riprendere e consolidare prioritariamente le nozioni base delle discipline, unitamente al ritardo con cui ciò è potuto avvenire, ha posto nell impossibilità di affrontare tutti gli argomenti del programma svolto con il medesimo grado di approfondimento, il quale talvolta, si è dovuto limitare ai soli concetti chiave. Tanto premesso, la classe si è mostrata disponibile ad affrontare il percorso, assumendo, come detto, una condotta responsabile che ha reso agevole lo svolgimento delle attività didattiche. Stante, tuttavia, il diverso grado di partecipazione, attenzione e studio dimostrato dai vari studenti, i risultati raggiunti appaiono diversificati, i medesimi potendosi considerare ottimali per un gruppo circoscritto di alunni, apprezzabili o sufficienti per buona parte della classe, denotanti alcune criticità per taluni altri discenti. Docente: Prof. Moris Foglia 30

31 Disciplina: Economia politica Libro: Economia e finanza pubblica di R.M. Vinci Orlando Tramontana PROGRAMMA SVOLTO Economia pubblica e politica economica Lo studio dell economia pubblica Caratteri dell attività economica pubblica L intervento pubblico nell economia I compiti dello Stato e le dimensioni dell intervento pubblico. Evoluzione storica Le imperfezioni del mercato e le ragioni dell intervento pubblico Le difficoltà e i limiti dell intervento pubblico Gli strumenti della politica economica Le diverse modalità dell intervento pubblico La politica fiscale La politica monetaria La regolazione Le imprese pubbliche Il demanio e il patrimonio Le funzioni di redistribuzione, stabilizzazione, sviluppo La redistribuzione 31

32 La stabilizzazione Limiti e rischi della politica fiscale per la stabilizzazione Lo sviluppo Le spese pubbliche La struttura della spesa pubblica L aggregato Amministrazioni pubbliche Le entrate pubbliche Il sistema delle entrate pubbliche Classificazione delle entrate I prezzi I tributi La pressione tributaria La struttura delle entrate pubbliche in Italia La finanza locale L autonomia degli Enti territoriali Il sistema di finanziamento Il federalismo fiscale Evoluzione della finanza regionale e locale in Italia Funzione e struttura del bilancio Le funzioni del bilancio La normativa sul bilancio Caratteri del bilancio I principi del bilancio La struttura del bilancio I risultati differenziali L equilibrio dei conti pubblici 32

33 Il problema del pareggio e le teorie sulla politica di bilancio Indebitamento pubblico e reddito nazionale Indebitamento e debito I vincoli europei e i limiti alla creazione di disavanzi Il principio costituzionale del pareggio Le imposte e il sistema tributario L imposta Le diverse tipologie di imposta Principi fondamentali del sistema tributario L equità dell imposizione Universalità e uniformità dell imposizione Teorie sulla ripartizione del carico tributario Gli indicatori della capacità contributiva Confronto tra i diversi tipi di imposta La certezza e la semplicità dell imposizione L applicazione delle imposte L accertamento La riscossione Confronto tra i diversi tipi di imposta Gli effetti economici dell imposizione Effetti macroeconomici ed effetti microeconomici del prelievo fiscale L evasione L elusione La rimozione La traslazione L ammortamento dell imposta La diffusione dell imposta 33

34 Struttura del sistema tributario italiano Evoluzione del sistema tributario italiano Lineamenti del sistema vigente I principi costituzionali e le norme tributarie Lo Statuto del contribuente Saronno Firme dei Rappresentanti Firma del Docente ( Moris Foglia ) CONSIDERAZIONI SULLA CLASSE La classe, pur essendo particolarmente corposa, offre comunque le condizioni per uno svolgimento ottimale dell attività didattica. Il comportamento rilevato è corretto e disponibile all ascolto. La partecipazione non sempre costante, né involgente l intera classe. Lo studio profuso e il grado di attenzione prestati nel corso dell anno si sono dimostrati alquanto disomogenei in un ottica di raffronto tra i vari studenti: invero, se mediamente è riscontrabile un livello di preparazione buono, o comunque sufficiente, vanno altresì segnalate, da un lato, alcune punte di eccellenza, dall altro, talune carenze e difficoltà riconducibili ad altri alunni. RISULTATI RAGGIUNTI La classe, sia in diritto, sia in economia politica/scienza delle finanze, scontava geneticamente gravi carenze e lacune addebitabili al continuo avvicendamento dei docenti di cattedra. L imprescindibile necessità di riprendere e consolidare prioritariamente le nozioni base delle discipline, unitamente al ritardo con cui ciò è potuto avvenire, ha posto nell impossibilità di 34

35 affrontare tutti gli argomenti del programma svolto con il medesimo grado di approfondimento, il quale talvolta, si è dovuto limitare ai soli concetti chiave. Tanto premesso, la classe si è mostrata disponibile ad affrontare il percorso, assumendo, come detto, una condotta responsabile che ha reso agevole lo svolgimento delle attività didattiche. Stante, tuttavia, il diverso grado di partecipazione, attenzione e studio dimostrato dai vari studenti, i risultati raggiunti appaiono diversificati, i medesimi potendosi considerare ottimali per un gruppo circoscritto di alunni, apprezzabili o sufficienti per buona parte della classe, denotanti alcune criticità per taluni altri discenti. Docente: Prof.ssa Graziella Buzzi Disciplina: Italiano Libro/i di testo : Letteratura + Volume 3 di Marta Sambugar e Gabriella Salà 35

36 PROGRAMMA SVOLTO Unità 1 L'età del Positivismo: il Naturalismo e il Verismo Il Positivismo e la sua diffusione: - Una nuova fiducia verso la scienza - La nascita dell evoluzionismo Il Naturalismo e il Verismo: - Dal Realismo al Naturalismo - Il Verismo Autori e opere: - Emile Zola - Il romanzo sperimentale - L Assomoir pag. 4 pag. 6 pag. 8 pag. 11 pag. 19 pag. 23 pag. 23 -Luigi - Le paesane Capuana pag. 40 Unità 2 Giovanni Verga e il mondo dei vinti - Vita - Le opere Il pensiero e la poetica: - I principi della poetica verista - Le tecniche narrative - La visione della vita nella narrativa di Verga Opere: - Vita dei campi - I Malavoglia - Prefazione - La famiglia Malavoglia - L arrivo e l addio di Ntoni pag. 58 pag. 61 pag. 66 pag. 67 pag. 69 pag. 72 pag. 86 pag. 88 pag. 91 pag

37 - Novelle rusticane - Libertà - Mastro Don Gesualdo - Nedda - Rosso Malpelo pag. 102 pag. 110 pag. 117 Drive Google Drive Unità 4 Simbolismo, Estetismo e Decadentismo L affermarsi di una nuova sensibilità: - Il superamento del Positivismo - Il Simbolismo - L Estetismo - Il Decadentismo Charles Baudelaire - I fiori del male - Spleen - Corrispondenze - L albatro pag. 162 pag. 162 pag. 166 pag. 168 pag. 179 pag. 179 pag. 180 pag. 182 Google Drive Paul Verlaine, Cose lontane, cose recenti pag. 185 Arthur - Vocali Stéphane - Brezza marina Rimbaud Mallarmé pag. 189 pag. 190 pag. 193 pag. 194 Joris - Kar Huysmans da A ritroso - Una vita artificiale (righe 45-79) pag. 196 pag. 196 pag. 197 Unità 6 Gabriele D Annunzio esteta e superuomo 37

38 Vita pag. 270 Opere: - Il Piacere: Il ritratto di un esteta -Laudi: La sera fiesolana La pioggia nel pineto pag. 283 pag. 284 pag. 304 pag. 305 pag. 310 Unità 5 Giovanni Pascoli e il poeta fanciullino Vita pag. 214 Le opere: (Myricae - Primi e Nuovi Poemetti - Canti di Castelvecchio - Fanciullino) pag. 217 Opere: - Il fanciullino E dentro di noi un fanciullino - Myricae Lavandare X Agosto L assiuolo - Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno pag. 226 pag. 230 pag. 230 pag. 232 pag. 235 pag. 257 Unità 9 Le Avanguardie Le Avanguardie storiche L Espressionismo Il Futurismo I principi della poetica Manifesto del Futurismo (1909) Pag. 412 Pag. 413 Pag. 414 Pag. 416 Pag. 426 Unità 10 Italo Svevo e la figura dell inetto 38

39 Vita Opere Il pensiero e la poetica - Una vita - Senilità - La coscienza di Zeno L ultima sigaretta pag. 448 pag. 451 pag. 453 pag. 457 pag. 461 pag. 466 pag. 473 Unità 11 Luigi Pirandello e la crisi dell individuo Vita Il pensiero e la poetica Il teatro La Carriola Il fu Mattia Pascal - Cambio treno - Io e l ombra mia Uno, nessuno e centomila - Salute! Così è (se vi pare) - Come parla la verità pag. 496 pag. 507 pag. 502 Internet pag. 518 pag. 529 pag. 536 pag. 557 pag. 558 pag. 562 pag. 563 Unità 12 Giuseppe Ungaretti e L Allegria 39

40 La vita Il pensiero e la poetica - La prima fase: lo sperimentalismo Veglia Fratelli Sono una creatura Soldati Unità 13 Eugenio Montale e la poetica dell oggetto La vita Le opere Una poesia "metafisica" (no figura femminile) Ossi di seppia Non chiederci la parola "Spesso il male di vivere ho incontrato" Ho sceso, dandoti il braccio Unità 14 Umberto Saba e il Canzoniere La vita La capra Trieste A mia moglie Città vecchia Avevo Salvatore Quasimodo dal periodo fascista alla poesia impegnata Ed è subito sera Alle fronde dei salici pag. 590 pag. 594 pag. 605 pag. 607 pag. 609 pag. 622 pag. 678 Pag. 680 Pag. 682 Pag. 689 pag. 695 Pag. 699 Pag. 727 Pag. 734 Pag. 744 Pag. 746 Pag. 749 Pag. 754 Drive Unita 17 - Il Neorealismo 40

41 La narrativa della resistenza e del dopoguerra pag.842 Gli intellettuali e l impegno politico pag.842 Il Neorealismo pag.844 Il cinema neorealista pag.848 Beppe Fenoglio da Il partigianojohnny La scelta della lotta partigiana pag.853 pag.855 Lettura integrale del romanzo di E.M. Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale Saronno, Firme dei rappresentanti Firma del docente CONSIDERAZIONI SULLA CLASSE La classe è numerosa e disomogenea: c è un gruppo impegnato di studenti che partecipando attivamente al lavoro didattico in classe e a casa sanno dare anche un contributo personale ai contenuti di studio, altri studenti sono rispettosi delle consegne scolastiche, altri ancora non sono stati puntuali nell impegno scolastico e hanno tenuto un atteggiamento prevalentemente passivo. RISULTATI RAGGIUNTI Chi ha lavorato e studiato con impegno, collaborando attivamente, ha raggiunto risultati brillanti, con attività di approfondimento che li ha allenati a lavori di ricerca e di iniziativa personale nei confronti del sapere letterario e storico. Altri studenti, quelli che hanno studiato con costanza anche 41

42 se in modo scolastico, hanno raggiunto risultati più che sufficienti o sufficienti. Qualche studente pur essendo riuscito a recuperare la lacune pregresse ha raggiunto un profitto appena sufficiente. 42

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa Tutti a posto con... STEP Accounting FOR SCHOOL IL GESTIONALE CLOUD INTEGRATO FACILE DA INTERROGARE PER UNA SCUOLA UNO STEP AVANTI GESTIONE SEGRETERIA SCOLASTICA + Rapidità nelle procedure di pre-iscrizione,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli