Il Mercato degli Arredi Analisi di Mercato nel settore degli Arredi, dei Complementi d Arredo e dell Home Decoration. Sudafrica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Mercato degli Arredi Analisi di Mercato nel settore degli Arredi, dei Complementi d Arredo e dell Home Decoration. Sudafrica."

Transcript

1 Il Mercato degli Arredi Analisi di Mercato nel settore degli Arredi, dei Complementi d Arredo e dell Home Decoration Sudafrica A cura di: 1

2 INDICE 1. Il mercato dell arredamento, dei complementi d arredo e dell home decoration in Sudafrica 1.1 Introduzione generale al mercato in analisi Il mercato degli arredi in Italia. Consumi deboli Il mercato degli arredi in Sudafrica. Importazioni in crescita Stagionalità delle importazioni sudafricane del mercato ACH Interscambio dei prodotti ACH con l Italia Interscambio con la Toscana Analisi della domanda Acquirenti dei prodotti finali Focus: regioni/distretti con maggiori potenzialità Analisi dell offerta I principali produttori La presenza straniera e il posizionamento Made in Italy Il sistema distributivo I canali di distribuzione e i principali distributori Trasporto e logistica, agenti e intermediari Strategie di marketing e comunicazione 2.1 PEST e SWOT analysis Posizionamento del prodotto e segmentazione del mercato Canali di promozione e pubblicità Fiere, expo ed eventi Norme socio culturali in contesti professionali Aspetti legali e doganali 3.1 Tariffe, imposte e regolamentazione Accordi internazionali L attenzione all equità economica: il BBBEE... 79

3 ALLEGATI ALLEGATO A_Scheda Paese A.1 Principali informazioni sul Paese e sulla popolazione A.2 Quadro macroeconomico A.3 Struttura produttiva A.4 Commercio estero ALLEGATO B_ Esportazione delle provincie toscane in SA ALLEGATO C_ Tabella di conversione categorie merceologiche ALLEGATO D_Players della produzione ALLEGATO E_Players della distribuzione ALLEGATO F_Studi di design e architettura ALLEGATO G_Fiere, expo ed eventi ALLEGATO H_Principali enti e uffici di riferimento per gli imprenditori italiani in Sudafrica

4 1. Il mercato dell arredamento, dei complementi d arredo e dell home decoration in Sudafrica 1.1 Introduzione generale al mercato in analisi Da una fonte particolarmente attendibile (il Centro Studi Industria Leggera CSIL) risulta che il consumo mondiale di mobili, valutato a prezzi di produzione 1, nel 2011, è stato di circa 290 miliardi di euro. Le importazioni degli Stati Uniti, Paese che svolge una funzione di traino per il commercio mondiale di mobili, sono andate aumentando fino al 2007, hanno poi subito una decrescita nel biennio , per poi riprendere il trend positivo nel Gli altri grandi Paesi importatori di mobili nel mondo sono Germania, Francia e Regno Unito. Dal lato delle esportazioni, invece, particolare attenzione deve essere prestata alle performance cinesi, il gigante giallo che nel 2001 esportava mobili per un totale di 3,1 miliardi di euro, dieci anni dopo quasi decuplica questa cifra, attestandosi nel 2011 a 28,7 miliardi di euro di esportazioni. L Italia, insieme alla Germania e alla Polonia, risulta essere un altro grande esportatore di mobili. In generale, in questo mercato, il grado di apertura all internazionalizzazione 2 è dell ordine del 28%. Negli ultimi anni si registra una minore redditività per i produttori di mobili, il che è dovuto sia alla stagnazione della domanda che al contemporaneo aumento di capacità produttive dei Paesi emergenti che hanno determinato un eccesso di offerta. Le stime di crescita del 2012 e le previsioni per il 2013 sia per il commercio di mobili, che in generale per il commercio di manufatti, sono piuttosto modeste, ma sono comunque un risultato positivo se confrontate alla grossa contrazione che si è verificata nel Nel grafico qui di seguito riportato si presenta la previsione di variazione in termini reali della domanda di mobili nelle principali aree geografiche del mondo. 1 Rimane cioè esterno a questa valutazione il mark up applicato ai prodotti dal sistema distributivo. 2 Il grado di apertura di un mercato è dato dal rapporto tra le importazioni e il consumo. 2

5 Grafico 1 Previsione dei consumi di mobili per aree geografiche per il Variazioni percentuali a prezzi costanti Fonte: elaborazioni CSIL, 2011 Come si può vedere, ad una sostanziale situazione di recessione dell Europa Occidentale si contrappone una crescita mondiale media del 3,4%, sostenuta dal contributo dei paesi asiatici, sudamericani e africani. Sembra opportuno che i Paesi europei, produttori e storicamente esportatori di mobili, nei prossimi anni volgano la loro attenzione a questi mercati. 1.2 Il mercato degli arredi in Italia. Consumi deboli Nonostante ci siano stati segnali di ripresa nel 2010, la contingenza della situazione italiana (in termini di consumi privati e di reddito disponibile delle famiglie) lascia poche speranze ai mercati di beni durevoli come quello in analisi, almeno per tutto il La debolezza dei consumi interni determina anche una decrescita delle importazioni, soprattutto quelle provenienti dalla zona Euro, mentre grazie alla forza della moneta unica europea le importazione dai Paesi Extra Euro, attualmente, si attestano al 41% del totale delle importazioni di mobili. Ciononostante anche le importazioni da questi Paesi iniziano a presentare segnali di rallentamento. Dal lato export, la situazione è migliore. Il 2011 è stato un anno di crescita delle esportazioni italiane di mobili, i maggiori Paesi destinatari del Made in Italy sono Francia, Germania, Russia e Regno Unito. Rispetto al 2010, nei primi tre Paesi citati, si è registrato un incremento di export italiano, mentre per il Regno unito la situazione è rimasta pressoché invariata. 3

6 Nonostante il rallentamento del commercio estero mondiale, il 2011 si è concluso con una crescita di circa il 2,3% delle esportazioni italiane all estero e l outlook per il 2012 continua ad essere positivo. Dal lato della produzione, nel 2011, si è ravvisata una contrazione del 4,7% a prezzi costanti. Questa diminuzione della produzione è chiaramente determinata dalla debolezza del consumo interno (solo parzialmente compensata dalla crescita delle esportazioni) e anche da altri fattori, in primis, la difficoltà crescente per le aziende di reperire crediti e capitale per il finanziamento sia di investimenti di ampliamento che per l acquisto di materie prime e la gestione del day to day business. Nel grafico 2 si presenta l evoluzione del mercato del mobile in Italia, confrontando i trend di produzione, consumo, import ed export degli ultimi 10 anni. Grafico 2 Il settore del mobile in Italia, Variazioni percentuali a prezzi costanti Fonte: elaborazioni CSIL,

7 1.3 Il mercato degli arredi in Sudafrica. Importazioni in crescita Per conoscere il trend del mercato degli arredi in Sudafrica e, in particolar modo, per capire se il SA rappresenta o meno un mercato promettente per le aziende italiane, si è fatto uso della grande mole di dati presenti nel database del Dipartimento del Commercio e dell Industria sudafricano (Department of Trade and Industry DTI). Poiché il criterio di classificazione utilizzato dal DTI non coincide con il vasto e variegato mercato di interesse della presente analisi, si è pensato di procedere utilizzando degli indicatori proxi che rispondessero: 1. singolarmente al principio di congruità (coerenza tra la specifica merce considerata e il mercato di nostro interesse); 2. complessivamente al principio di completezza (copertura di tutte e tre le specifiche del mercato in analisi: arredi, complementi d arredo, home decoration). Dopo un accurata fase di analisi e valutazione degli indicatori possibili, tra le categorie merceologiche presenti e trattate dal DTI, si sono selezionate le seguenti: Tabella 1 Categorie merceologiche prese in considerazione per la valutazione del mercato sudafricano di arredi, complementi d arredo e home decoration Codice HS (Harmonized System) 69 Prodotti Prodotti di ceramica (piastrelle, tegole, camini, cappe, canne fumarie, ornamenti architettonici, rivestimenti per pareti, vasi, vasellame, acquai, lavabi, vasche da bagno, bidè, tazze per gabinetti, cassette di scarico, orinatoi, altri prodotti da toeletta, statuette ed altri oggetti d'ornamento) 6302 Biancheria da letto, da tavola, da toeletta o da cucina 6303 Tende e tendaggi per interni, mantovane e tendaggi per letto 7323 Tavoli e articoli da cucina in ghisa, ferro o acciaio 9401 Sedie e mobili per sedersi (esclusi quelli per dentisti, barbieri etc.) anche trasformabili in letti. Nome originale dell indicatore Ceramic products Bed, table, toilet and kitchen linens Curtains, drapes, interior blinds, valances Table, kitchen, household items of iron or steel nes Seats (except dentist, barber, etc. chairs) 5

8 9403 Altri mobili e/o parti di questi 9404 Supporti per materassi, materassi, oggetti per il letto (copripiedi, piumini, cuscini, pouf etc.) 9405 Lampade, lampadari, apparecchi per l'illuminazione Other furniture and parts thereof Mattress supports, mattresses, bedding Lamps and lighting fittings, illuminated signs, etc. Nel grafico 3 si mostra il trend di ognuna delle categorie presenti nella tabella 1, relativamente al periodo Grafico 3 Andamento delle importazioni sudafricane per categorie merceologiche. Valori percentuali rispetto al 2001 Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, 2012 Come si può notare, nel lasso di tempo di un decennio, si sono avuti incrementi percentuali molto alti. Il volume dei prodotti in ceramica importati in SA è aumentato di 2,6 volte, le importazioni di sedie e di altri mobili per sedersi sono più che triplicate, l importazione di altri mobili o di loro parti è più che sestuplicata, la domanda di biancheria estera da letto e da tavola è più che decuplicata. Si noti, inoltre, che dalla grave crisi del 2009, con l unica eccezione della categoria sedie e altri mobili per sedersi, 6

9 le importazioni di ogni categoria merceologica citata hanno segnato due anni di continua crescita. Tramite la composizione dei summenzionati otto indicatori in un indice è possibile con buona approssimazione effettuare delle valutazioni che riguardano l intero settore degli arredi, dei complementi di arredo e dell home decoration (che d ora in avanti sarà detto mercato ACH ). Considerando il volume delle importazioni di ognuno degli otto indicatori considerati, rilevato nel 2011, si è proceduto a ponderare gli stessi indicatori per poi costruire l indice che darà luogo al trend dell intero mercato ACH. Nella figura A si esplicitano i valori in termini assoluti (milioni di euro) e in termini relativi (percentuale sul totale degli 8 indicatori) delle importazioni sudafricane delle 8 categorie merceologiche. Figura A Volume delle importazioni delle 8 categorie considerate (in milioni di euro e in valori % sul loro totale) Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, 2012 Siamo ora in grado di presentare l indice che aggregando tutti gli indicatori considerati rappresenta un approssimazione affidabile dell andamento complessivo delle importazioni sudafricane nel mercato ACH. 7

10 Grafico 4 Trend delle importazioni sudafricane nel mercato ACH. Valori % (anno base 2001) *Valore stimato da LBC in base a due criteri combinati: 1) i dati DTI relativi ai primi 3 trimestri del 2012; 2) la stagionalità del mercato ACH (vedi 1.3.1) Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, 2012 Dal 2003 al 2008 le importazioni nel mercato ACH in SA sono costantemente cresciute; nel 2009 si è avuta una brusca interruzione di questo trend, che poi è ricominciato a crescere fino al 2011 recuperando interamente quanto era stato perduto. Nel 2012, nonostante il rallentamento generale dell economia mondiale e in particolare la contrazione degli scambi commerciali internazionali, il trend delle importazioni di prodotti di ACH ha continuato a crescere di altri 10,2 punti percentuali rispetto all anno precedente Stagionalità delle importazioni sudafricane del mercato ACH La stagionalità delle importazioni del mercato ACH scandisce temporalmente il fabbisogno di approvvigionamenti esteri di tali prodotti da parte del Sudafrica. Questo aspetto, carico di indicazioni utili alle aziende nostrane intenzionate ad entrare nel mercato ACH sudafricano, merita un adeguata attenzione. A questo proposito si è 8

11 provveduto alla costruzione di un indice di stagionalità 3 per ognuna delle classi merceologiche considerate (grafico 5) e di un indice generale di stagionalità delle importazioni nel mercato ACH (grafico 6). Grafico 5 Stagionalità delle importazioni relativamente alle 8 categorie merceologiche selezionate 3 Per la costruzione di tale indice si sono considerati i valori delle importazioni mensili (di ognuna delle otto categorie in analisi) relativi agli ultimi 5 anni (da gennaio 2007 a dicembre 2011). I passaggi seguiti sono stati i seguenti: 1) si è sommato il volume delle importazioni di un certo mese (ad es. gennaio) con il volume dello stesso mese (gennaio) di tutti gli altri anni ( ); 2) si è ripetuta la stessa operazione per tutti gli altri mesi; 3) la media della sommatoria di uno specifico mese (gennaio) si è rapportata alla media di tutti i mesi considerati (60 mesi); 4) questa media è stata posta uguale a 100 così da avere un indice con valori di discostamento normalizzati; 5) la stessa operazione è stata ripetuta per ogni categoria merceologica. In linguaggio formale, l operazione effettuata è stata la seguente: [( y y y 12 )/ ȳ ] x100. Dove y 1 è gennaio, y 2 febbraio e così via; y 1 è la sommatoria dei mesi di gennaio negli anni dal 2007 al 2011 e infine ȳ rappresenta la media di tutti i mesi presi in analisi. 9

12 Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, periodo preso a riferimento: gennaio 2007 dicembre 2011 Dalla lettura del grafico 5 emerge una discrepanza non irrilevante tra la stagionalità delle importazioni delle diverse classi di prodotti considerati. Mentre per i materassi e i supporti per il letto la maggiore richiesta si ha nei mesi da maggio a settembre, per lampade e lampadari il picco si ha tra agosto e novembre. Il fabbisogno interno di altri mobili e/o parti di questi importati dall estero inizia a crescere da luglio e continua esponenzialmente fino a novembre, per poi crollare bruscamente a dicembre. Stesso trend per i prodotti di ceramica. Lampade e lampadari insieme a Biancheria da letto e da tavola raggiungono il picco delle importazioni nel mese di ottobre (quest ultima categoria registra addirittura un +48% durante questo mese) per poi diminuire drasticamente nei due mesi successivi. Più altalenante l andamento delle importazioni di tende e tendaggi per interni. I mesi che risultano più propizi per chi vuole esportare tavoli in SA sono quelli compresi tra agosto e novembre, mentre per le sedie e altri mobili per sedersi è più indicato iniziare da giugno e tenere a mente che da novembre a dicembre si registra un calo di più di 40 punti percentuali. Per le aziende che non trattano un singolo tipo di prodotto ma piuttosto un insieme composito di quelli summenzionati è più conveniente guardare all indice globale costruito ad hoc, seguendo i criteri di ponderazione già discussi precedentemente. 10

13 Grafico 6 Stagionalità delle importazioni del mercato ACH. Indice sintetico Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, periodo preso a riferimento: gennaio 2007 dicembre 2011 Il fabbisogno di import dei prodotti del mercato ACH in Sudafrica segue il ciclo delle stagioni. Da dicembre fino ad aprile il volume delle importazioni oscilla tra l 80 e l 87% della media annuale; questo volume inizia a crescere da maggio e continua crescendo in maniera progressiva, fino a toccare il culmine ad ottobre e novembre (rispettivamente +24% e + 22,5% rispetto al resto dell anno). 1.4 Interscambio dei prodotti ACH con l Italia L interscambio generale tra il SA e il nostro Paese verrà trattato nella Scheda Paese (cfr. all. A), mentre in questo paragrafo si analizza la specifica situazione delle importazioni di prodotti italiani relativi al mercato ACH. Si riporta nel grafico 7 un indice sintetico che mostra l andamento generale delle importazioni di tali prodotti (di fattura italiana) in Sudafrica dal 2001 ad oggi. Grafico 7 Andamento complessivo delle importazioni di prodotti italiani ACH in Sudafrica (anni ) 11

14 *Valore stimato da LBC in base a due criteri combinati: 1) i dati DTI relativi ai primi 3 trimestri del 2012; 2) la stagionalità del mercato ACH (vedi 1.3.1) Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, 2012 Come si può vedere dall andamento dell indice, le importazioni dei prodotti italiani del mercato ACH hanno conosciuto un momento di recessione nel 2003, e una successiva crescita continua fino al 2008 che si è rivelato un anno particolarmente positivo per i prodotti italiani ACH. Dopo la recessione del 2009, che ha avuto delle ripercussioni anche nel 2010, il trend ha ricominciato a crescere costantemente: +15,2% nel 2011 e una stima di crescita per il 2012 di +27,4%, raggiungendo un volume del 73% più alto rispetto a quello del Nel grafico 8, invece, si evidenzia l andamento disaggregato delle diverse voci merceologiche prese in considerazione precedentemente e che costituiscono un indicatore proxi di tutto il mercato ACH. Grafico 8 Andamento analitico delle importazioni di prodotti italiani ACH in Sudafrica (anni ) 12

15 *Valori stimati da LBC in base a due criteri combinati: 1) i dati DTI relativi ai primi 3 trimestri del 2012; 2) la stagionalità del mercato ACH (vedi 1.3.1) Nota: Dal grafico sono state espunte le categorie Biancheria da letto e da tavola e Tende e tendaggi perché soggette a variazioni estreme dovute al valore molto basso delle importazioni di tali beni durante l anno Fonte: Elaborazione LBC su dati DTI, 2012 All andamento marcatamente altalenante delle importazioni di materassi e supporti per il letto si contrappone la lenta ma continua ascesa delle importazioni di lampade e lampadari che nel 2012 raggiungono un controvalore di 2,5 volte superiore a quello del Questa categoria è anche l unica ad aver fatto registrare un incremento delle importazioni nel Le importazioni dei prodotti di ceramica, anche a causa del volume di tale controvalore (cfr. Fig. A), sono le più stabili. Hanno raggiunto un punto di massimo relativo nel 2007 (+38,9% rispetto al 2001), per poi perdere di consistenza per tre anni di seguito, fino a raggiungere, nel 2010, un volume di poco superiore a quello di inizio secolo (+7,5%). Il biennio segna per questa categoria altri due anni di crescita delle importazioni che, nel 2012, fanno registrare un +75% rispetto all anno L unica classe di prodotti che dal 2010 peggiora la propria performance di importazioni è quella costituita dai tavoli che nel 2012 si contraggono di 7,6 punti percentuali rispetto a due anni prima. 13

16 La categoria sedie e altri mobili per sedersi ha registrato un forte incremento delle importazioni nel 2012 con un balzo di 37,8 punti percentuali rispetto all anno precedente. Infine la categoria merceologica altri mobili e/o parti di queste che, tra quelle considerate, rappresenta la terza categoria più importante per volume di importazioni (cfr. figura A) ha raggiunto il suo apice nel 2008 (+109,3% rispetto al 2001), per poi contrarsi, nel 2009, di quasi il 40%. Nei tre anni successivi il volume delle importazioni di questi beni sta progressivamente recuperando la consistenza perduta, crescendo in media dell 11% all anno Interscambio con la Toscana Per avere un quadro della situazione regionale delle esportazioni dei prodotti ACH in Sudafrica è utilizzare sono state utilizzate le statistiche dell Istat che forniscono i dati ad un livello territoriale di analisi che arriva anche al livello provinciale. Per analizzare la situazione dell export toscano in Sudafrica, si è proceduto innanzitutto a selezionare le categorie di merci più rappresentative del mercato in analisi, così come classificate nel Codice Ateco Allo scopo di rendere l analisi quanto più omogenea possibile, nella procedura di selezione si è cercato di riprodurre l indice del mercato ACH costruito ad hoc nei paragrafi precedenti. Il risultato di questa selezione è riportato in tabella 2. Tabella 2 Categorie merceologiche utilizzate come proxi di tutto il mercato ACH (arredi, complementi d arredo e home decoration) sussunte dal Codice Ateco 2007 Codice NOME ORIGINALE DELL INDICATORE E DESCRIZIONE DEI SETTORI MERCEOLOGICI ATECO 2007 INCLUSI CONFEZIONAMENTO DI ARTICOLI TESSILI (ESCLUSI GLI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO) Confezionamento di biancheria da letto, da tavola e per l arredamento fabbricazione di articoli confezionati in tessuti di qualsiasi materia, inclusi i tessuti lavorati a maglia: coperte, 4 Il Sudafrica adotta il sistema armonizzato (Harmonized System: HS), un codice di rilevazione sull interscambio commerciale gestito dall Organizzazione mondiale delle dogane (instaurato nel 1952 come Consiglio di cooperazione doganale Ccd) a 6 posizioni. Nel nostro Paese, solitamente, la classificazione delle attività economiche si rifà al Codice Ateco che viene periodicamente aggiornato e riorganizzato dall ISTAT. Anche la classificazione Ateco si stratifica in sei livelli (sezioni, divisioni, gruppi, classi, categorie e sottocategorie) e tra i due codici sono state predisposte specifiche tabelle di corrispondenza. Nonostante ciò, però, non è raro trovare delle discrepanze nell attribuzione di un attività economica ad una o ad un altra categoria, ciò avviene a causa di diversi fattori: il fundamentum divisionis scelto, la rilevanza che per un determinato Paese hanno alcune categorie rispetto ad altre (ciò richiede una intensificazione del livello di analiticità), etc. 14

17 plaid inclusi, biancheria da letto, da tavola, da bagno e da cucina, trapunte, piumini, cuscini, pouf, guanciali, sacchi a pelo eccetera fabbricazione di parti in tessuto di termocoperte fabbricazione di manufatti per l arredamento: tende, balze, mantovane, copriletto eccetera fabbricazione di arazzi tessuti a mano Fabbricazione di articoli in materie tessili n.c.a. fabbricazione di incerate, tende e articoli da campeggio, vele, teli per tende da sole, teloni per autoveicoli eccetera, teli per coprire mobili o macchinari eccetera, bandiere, striscioni, stendardi eccetera, panni per spolverare, strofinacci da cucina e simili, giubbotti di salvataggio, paracadute eccetera FABBRICAZIONE DI TAPPETI E MOQUETTE Fabbricazione di tappeti e moquette fabbricazione di rivestimenti per pavimenti in fibre tessili, incluso il feltro all ago: tappeti, scendiletto, stuoie, zerbini e tappetini FABBRICAZIONE DI PAVIMENTI IN PARQUET ASSEMBLATO Fabbricazione di pavimenti in parquet assemblato Fabbricazione di pavimenti in parquet assemblato fabbricazione di pavimenti di legno: quadroni e strisce per pavimenti a parquet, assemblati in pannelli FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DI CARPENTERIA IN LEGNO E FALEGNAMERIA PER L'EDILIZIA Fabbricazione di porte e finestre in legno (escluse porte blindate) Fabbricazione di porte e finestre in legno (escluse porte blindate) Fabbricazione di altri elementi in legno e di falegnameria per l'edilizia Fabbricazione di altri elementi in legno e di falegnameria per l'edilizia FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA Fabbricazione di piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti Fabbricazione di mattoni, tegole ed altri prodotti per l'edilizia in terracotta FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CERAMICA PER USI DOMESTICI E ORNAMENTALI FABBRICAZIONE DI ARTICOLI SANITARI IN CERAMICA FABBRICAZIONE DI MOBILI Fabbricazione di mobili per ufficio e negozi Fabbricazione di sedie e poltrone per ufficio e negozi Fabbricazione di altri mobili per ufficio e negozi Fabbricazione di altri mobili metallici per ufficio e negozi Fabbricazione di altri mobili non metallici per ufficio e negozi Fabbricazione di mobili per cucina Fabbricazione di mobili per cucina Fabbricazione di materassi Fabbricazione di altri mobili Fabbricazione di mobili per arredo domestico Fabbricazione di sedie e sedili (esclusi quelli per aeromobili, autoveicoli, navi, treni, ufficio e negozi) Fabbricazione di poltrone e divani Fabbricazione di parti e accessori di mobili Finitura di mobili Fabbricazione di altri mobili (inclusi quelli per arredo esterno) COMMERCIO ALL'INGROSSO DI LEGNAME E DI MATERIALI DA COSTRUZIONE, APPARECCHI IGIENICO SANITARI, VETRO PIANO, VERNICI E COLORI Commercio all'ingrosso di legname, semilavorati in legno e legno artificiale Commercio all'ingrosso di materiali da costruzione (inclusi gli apparecchi igienicosanitari) Commercio all'ingrosso di moquette e linoleum Commercio all'ingrosso di altri materiali per rivestimenti (inclusi gli apparecchi igienico sanitari) Commercio all'ingrosso di infissi Commercio all'ingrosso di altri materiali da costruzione Commercio all'ingrosso di vetro piano Commercio all'ingrosso di carta da parati, colori e vernici 15

18 Interrogando la banca dati dell Istat sul commercio internazionale della Toscana (riferita alle categorie incluse nella tabella 2 5 ) dal 2001 ad oggi, si ottiene un panorama complesso e variegato. Dal 2001 al , l Italia ha esportato in Sudafrica prodotti del mercato ACH per un controvalore di 440 milioni di euro. Di questi 440 milioni, 28,4 milioni di euro rappresentano il controvalore di prodotti provenienti dalla Toscana, che dunque copre il 6% delle esportazioni di prodotti ACH italiani in Sudafrica. Scendendo ulteriormente per la scala di generalità territoriale, si analizza la situazione provinciale all interno della regione Toscana (grafico 9). Grafico 9 Export di prodotti ACH delle provincie toscane in Sudafrica. Valori aggregati (anni ) in euro Fonte: Elaborazione LBC su dati Coeweb ISTAT, Le categorie merceologiche prese in considerazione non corrispondono perfettamente a quelle indicate in Tab.2. La ragione di questo disallineamento risiede nel fatto che, per il livello di territorialità di nostro interesse, il database del Coeweb presenta le categorie disaggregate solo al livello di Gruppi (cioè categorie a 3 cifre), dunque esattamente corrispondenti alle categorie Fabbricazione di materiali da costruzione in terracotta e Mobili, ma non alle altre categorie di nostro interesse. Queste ultime, infatti, propriamente sono dei Sottogruppi (cioè a 4 cifre). In un ottica di disclosure metodologica, nell allegato C si dà la misura di questo disallineamento. Infatti, tramite una tabella di conversione, il lettore può confrontare le etichette date alle categorie merceologiche considerate nel testo con i gruppi effettivamente considerati (3 cifre) e le sotto categorie merceologiche all interno di ognuno di questi gruppi (4, 5 e 6 cifre). 6 I dati considerati nel 2012 sono limitati al III trimestre (gli ultimi disponibili nella banca dati ISTAT al momento della stesura di questo rapporto). 16

19 Pisa primeggia tra tutte le provincie, con più di 8 milioni di euro di esportazioni di tali prodotti in Sudafrica; seguono Prato e Firenze con 6,6 milioni di euro e, più distaccata, Pistoia con un controvalore di 2,2 milioni di euro. Un attenta disamina della composizione del valore delle esportazioni provinciali mette in risalto la specializzazione delle provincie toscane (grafico 10). Grafico 10 Export di prodotti ACH in Sudafrica, ripartiti per provincie toscane e categoria merceologica. Valori aggregati (anni ) in euro Fonte: Elaborazione LBC su dati Coeweb ISTAT, 2012 Il 94% delle esportazioni pisane rientrano nella categoria Mobili per cucina, sedie, poltrone e materassi, la sola provincia di Pisa esporta in SA il 5,9% del totale nazionale di questa merce. Discorso analogo per Prato che esporta quasi unicamente Tovaglie, lenzuola, tappeti e moquette (il 98,4% del totale delle sue esportazioni dei prodotti ACH), con un peso a livello nazionale del 5,6%. Siena si distingue come prima esportatrice toscana di Sanitari e prodotti ornamentali in porcellana e ceramica e, insieme a Massa Carrara, di Mattoni, piastrelle e rivestimenti di Massa Carrara. Firenze è invece la prima esportatrice toscana di Parquet, pannelli, porte e finestre ma, a livello nazionale, non 17

20 raggiunge una quota ragguardevole (solo l 1,2% delle esportazioni nazionali di questo genere di merce in SA). Per una disamina puntuale del valore delle merci del mercato ACH esportate in SA da ognuna delle provincie toscane, si vedano i grafici presenti nell allegato B. Altro indicatore importante da considerare per valutare il mercato potenziale dei prodotti ACH toscani in SA è il trend delle esportazioni toscane di questi prodotti. Considerando sempre il lasso di tempo , un po inaspettatamente, si nota che la performance delle aziende toscane di questo settore nell ultimo decennio ha avuto più ombre che luci e che, complessivamente, ha perso molto terreno rispetto all inizio del secolo. Nel grafico 11 sono proiettati i risultati sia delle singole tipologie di merci che dell indice globale delle esportazioni dei prodotti rappresentativi del mercato ACH. Grafico 11 Andamento delle esportazioni toscane dei prodotti ACH in Sudafrica (anni ) *I valori dell ultimo trimestre del 2012 sono frutto di una stima Fonte: Elaborazione LBC su dati Coeweb ISTAT,

21 Come si può notare dal grafico, soltanto le esportazioni delle categorie Sanitari e prodotti ornamentali in porcellana e ceramica e Tovaglie, lenzuola, tappeti e moquette nel 2012 fanno registrare una performance migliore di quella del La prima categoria, negli ultimi 11 anni, ha raddoppiato il volume delle esportazioni in Sudafrica, mentre la seconda categoria summenzionata ha incrementato questo volume del 14,3%. L indice sintetico delle esportazioni dei prodotti ACH, dunque, dal 2001 al 2012 ha fatto registrare una contrazione del 28,2%. Questa indicazione deve essere letta anche, e soprattutto, alla luce dei dati nazionali sulle esportazioni mostrati nella Scheda Paese (grafico 32, allegato A) 7. Grafico 12 Andamento delle esportazioni toscane e nazionali a confronto ( ) Fonte: Elaborazione LBC su dati Coeweb ISTAT, 2012 La regione toscana fino al 2005 ha mostrato un andamento, non solo migliore di quello complessivo italiano, ma addirittura contrapposto: quando le esportazioni italiane diminuiscono (relativamente all anno precedente) quelle toscane aumentano e viceversa. 7 La difformità tra il trend e i dati delle importazioni di prodotti italiani presenti sul grafico 32 e quelli del grafico 12 si spiegano alla luce delle due fonti diverse da cui sono estratti i dati (cfr. note 59 60). Poiché nel grafico 12 i dati sono estratti tutti dalla medesima fonte informativa un confronto tra i due trend (regionale e nazionale) è comunque legittimo. 19

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES

STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES STUDIES 2015 KITCHEN BATHROOM APPLIANCES CSIL, CENTRE FOR INDUSTRIAL STUDIES CHI SIAMO Fondato a Milano nel 1980, CSIL, Centro Studi Industria Leggera è un istituto di ricerca indipendente, specializzato

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli