Programma delle Lezioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma delle Lezioni"

Transcript

1 Università degli Studidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze Politiche, Sociali e Internazionali Microeconomia(A-E) Matteo Alvisi Parte 6 (b) TEORIA DEI GIOCHI E DECISIONI STRATEGICHE 1 Programma delle Lezioni 1. Introduzione alla Teoria dei Giochi 2. Strategie Dominanti e Nozioni di Equilibrio 3. L Equilibrio di Nash Esistenza e Unicità 4. Strategie Miste 5. GiochiRipetutiFinitie Infiniti 6. Giochi Sequenziali e la Forma Estensiva 7. Equilibri Perfetti e Induzione a Ritroso 8. Impegno(Commitment) e Deterrenza all Entrata 2 Matteo Alvisi - Microeconomia 1

2 Decisioni Strategiche Nessun uomo è un isola Studio del comportamento razionale in situazioni interattive o interdipendenti. Ogni individuo deve prendere in considerazione come i rivali reagiranno in risposta alle loro azioni. Teoria dei giochi non-cooperativa: ogni individuo agisce con l obiettivo di massimizzare il proprio beneficio/utilità/guadagno individuale (in gergo economico: payoff) 3 Il Contesto Strategico Le IpotesiDi Base La Struttura del Gioco Le Regoledel Gioco Le Nozioni di Equilibrio 4 Matteo Alvisi - Microeconomia 2

3 Le Ipotesidi Base Razionalità I giocatori hanno una informazione completa del loro interesse e scelgono dunque le strategie che meglio lo realizzano. Esso non compiono mai errori. Conoscenza Comune Tutti i giocatori conoscono le regole del gioco. Tutti i giocatori sanno che tutti gli altri giocatori conoscono le regole del gioco. Tutti i giocatori sanno che tutti gli altri giocatori sanno che tutti conoscono le regole del gioco ecc 5 La Struttura del Gioco Giocatori Gruppo di agenti economici i cui guadagni e benefici individuali dipendono dalle azioni altrui. Strategie Piano completo di azioni. Quando i giocatori scelgono le proprie azioni in sequenza, una strategia specifica una azione per ogni possibile decisione degli altri giocatori. Payoff I guadagni o i livelli di utilità associati ad ogni possibile esito dell interazione. I payoff possono essere in termini attesi se gli esiti ex-ante sono random, ossia definibili solo in termini probabilistici. 6 Matteo Alvisi - Microeconomia 3

4 Le Regole del Gioco La tempistica delle mosse I giocatori scelgono le loro strategie simultaneamente o piuttosto sequenzialmente? Natura del conflitto e dell interazione I giocatori hanno interessi conflittuali o c è spazio per la cooperazione? I giocatori interagiscono una sola volta o ripetutamente? Stato dell informazione L informazione è completa? I giocatori sono informati in modo simmetrico? C è incertezza? 7 Nozioni di Equilibrio Miglior Risposta: La miglior strategia che si può giocare date le strategie scelte dagli altri giocatori. Se tutti stanno giocando la loro miglior risposta, allora nessuno avrà incentivo a modificare unilateralmente la propria strategia. Equilibrio di Nash: Un insieme di strategie, una per ogni giocatore, tale per cui la strategia di ognuno è la migliore a sua disposizione, posto che tutti gli altri giocatori stanno giocando le loro strategie di equilibrio. Equilibrio con Strategie Dominanti: Una strategia dominante per un giocatore ha una perfomancemigliore di tutte le altre strategie disponibili, a prescindere dalle strategie giocate da tutti gli altri avversari. 8 Matteo Alvisi - Microeconomia 4

5 Un Caso Pratico: La Pubblicità delle Sigarette nella TV statunitense Tutte le compagnie statunitensi produttrici di tabacco pubblicizzavano i loro prodotti molto pesantemente in TV. Il Responsabile della Salute Pubblica emette un ammonimento ufficiale Fumare sigarette può essere nocivo per la salute La reazione dei produttori di sigarette Timore di potenziali cause per responsabilità civile (e quindi con risarcimento) Le Compagnie cercano una mediazione Obbligo di stampa dell etichetta sui rischi del fumo e cessazione della pubblicità in TV in cambio dell immunità dall essere perseguiti in sede federale. 9 Giochi in Forma Normale Giocatori: {Reynolds and Philip Morris} Strategie:{Fare Pubblicità, Non Fare Pubblicità} Payoff: I Profitti delle due Compagnie Ipotesi: Ogni impresa guadagna mediamente $70 milioni l anno dai propri clienti Il costo della pubblicità ammonta a $30 milioni per impresa all anno. La pubblicità è in grado di conquistare una fetta di profitti del concorrente pari a $45 milioni se quest ultimo n on fa pubblicità. Se entrambi fanno pubblicità, tali guadagni si elidono l un con l altro. Come rappresentare questo gioco? Gioco simultaneo e giocato una volta sola ( one-shot ) Forma Strategica o Normale: giocatori, strategie, payoff. 10 Matteo Alvisi - Microeconomia 5

6 Forma Normale(Strategica) Giocatori Reynolds Philip Morris No Pubb Pubb No Pubb 70, 70 25, 85 Pubb 85, 25 40, 40 STRATEGIE PAYOFF 11 Miglior Risposta Reynolds No Pubb Philip Morris Pubb No Pubb 70, 70 25, 85 Pubb 85, 25 40, 40 La miglior risposta per Reynolds: Se Philip Morris fa pubblicità: Pubb Se Philip Morris non fa pubblicità : Pubb A prescindere da ciò che si pensi che Philip Morris possa fare, fare pubblicità risulta la miglior risposta. Fare pubblicità è la strategia dominante per Reynolds Lo stesso vale per Philip Morris Fare pubblicità è una strategia dominante. Questo gioco si può risolvere con il criterio della dominanza. 12 Matteo Alvisi - Microeconomia 6

7 La Pubblicità delle Sigarette Dopo l accordo del 1970, la spesa totale in pubblicità per le sigarette diminuì di $63 milioni. I profitti congiunti aumentarono di $91 milioni. L accordo del 1970 aiuto le due imprese a risolvere la situazione da dilemma del prigioniero che si era creata nel mercato delle sigarette. Il punto cruciale del dilemma del prigioniero, una volta di più, è che un equilibrio di Nash può non essere (Pareto-) efficiente. Il dilemma del prigioniero è comunque facilmente risolvibile con il criterio della dominanza. Ma come procedere se non esistono strategie dominanti? 13 Giochi senza Strategie Dominanti Spesso non ci sono strategie dominanti Ridurre il gioco non è sufficiente Il metodo è quello di trovare un equilibrio di NASH nel seguente modo: Si ispeziona la matrice cella per cella chiedendosi se ogni giocatore stia giocando la sua miglior risposta alla strategia del rivale. In breve: si calcola la funzione di reazione di ogni giocatore Problema: Ci possono essere equilibri multipli 14 Matteo Alvisi - Microeconomia 7

8 Giochi di Coordinamento: La Battaglia dei Sessi Un ragazzo e una ragazza si vogliono incontrare di sabato sera. Non hanno alcuna possibilità di comunicare tra loro. Lui ama il calcio, lei la discoteca. Se non si incontrano, la loro serata sarà compromessa, a prescindere da dove hanno scelto di andare. Ragazzo Ragazza Disco Stadio Disco 100, 50 0, 0 Stadio 0, 0 50, Giochi di Coordinamento: Risultati Esistono due equilibri di NASH. Gli equilibri preferiti dal ragazzo e dalla ragazza sono diversi. Come raggiungere l esito preferito? Mosse strategiche: legarsi le mani, impegnandosi credibilmente a scegliere solo una delle due strategie. Rendere il gioco sequenziale: in questo modo è il leader che sceglie l equilibrio. 16 Matteo Alvisi - Microeconomia 8

9 (Non-)Esistenza degli Equilibri di Nash: Il Gioco delle Monete A Testa Ogni giocatore sceglie testa o croce. Entrambi rivelano la faccia della moneta scelta nello stesso momento. Se coincidono, il giocatore A vince 1 da B; se non coincidono, B vince 1 da A. L equilibrio di Nash non esiste. 17 B Croce Testa +1, -1-1, +1 Croce -1,+1 +1, -1 Gioco delle Monete e Strategie Miste Finora, abbiamo considerato strategie pure, ossia azioni univoche intraprese da ogni giocatore quando arriva il suo turno. Tuttavia, i giocatori potrebbero anche randomizzare tra le due strategie disponibili e decidere, ad esempio, di lanciare in aria la moneta quando è il loro turno e mostrare la faccia risultante dal lancio. Questo è equivalente a giocare Testa con probabilità 0.5 e Croce con probabilità 0.5. Prima di iniziare a giocare, tale strategia offre il massimo payoff atteso, che è pari a 0. E inoltre possibile mostrare che questa è in effetti una coppia di strategie che forma un equilibrio di Nash (ex post, l esito non sarà random, e ci sarà dunque un vincente e un perdente). In generale, per i giochi che studieremo esiste sempre un equilibrio di Nash, almeno nelle strategie miste. 18 Matteo Alvisi - Microeconomia 9

10 Interazione Ripetuta Si ipotizzi ora una Interazione ripetuta Si pensi ad una relazione continua nel tempo tra giocatori In altre parole, si pensi allo stesso gioco ripetuto più volte. Le azioni di oggi influenzeranno i comportamenti e le interazioni di domani. In altre parole, le strategie dipenderanno dalla storia del gioco: l azione scelta oggi dipenderà dall interazione passata Definire strategie che dipendono dall evoluzione del gioco può aiutare i giocatori a cooperare, raggiungendo un risultato migliore per entrambi rispetto alla ripetizione dellstrategia dell equilibrio statico. 19 Due tipi di Strategie Grilletto Strategia del Grilletto Puntato (grim trigger) Iniziare cooperando Cooperare fino a che il rivale non devia Se si osserva una deviazione, giocare in modo noncooperativo per il resto del gioco ripetuto. Strategia occhio per occhio (tit-for-tat) Iniziare cooperando Cooperare se il tuo rivale ha cooperato nel periodo più recente. Non cooperare (ad esempio deviare da un accordo collusivo e abbassare il prezzo) se il rivale ha fatto lo stesso nel periodo precedente. 20 Matteo Alvisi - Microeconomia 10

11 Orizzonte Temporale Infinito L interazione tra i giocatori non ha mai fine Non esiste un ultimo periodo, cosicché il costo opportunità della deviazione (ossia i profitti che poi si perdono dalla mancata cooperazione futura) è sempre positivo. Qui, l uso di strategie dipendenti dalla storia funziona molto bene. Strategia occhio per occhio Iniziare cooperando Cooperare fino a che il rivale fa lo stesso Dopo aver osservato una deviazione dall implicita cooperazione, iniziare un periodo di punizione di una data lunghezza nel quale giocare (entrambi) non cooperativamente. 21 Orizzonte Temporale Finito Si ipotizzi che l interazione sul mercato duri per Tperiodi e poi abbia termine. Come si comporterebbe il nostro rivale? Se iniziasse giocando una strategia grilletto, troverebbe in effetti ottimale giocarla fino alla penultima ripetizione. Tuttavia, nel periodo T, fisserebbe sicuramente un prezzo più basso perché questo aumenterebbe i suoi profitti senza il timore di dover subire una rivalsa, una punizione. Infatti, dopo T il gioco finisce. Noto questo, noi stessi sceglieremmo un prezzo basso (noncooperativo) nel periodo T. Procedendo a ritroso al periodo T-1, dato che la non-cooperazione prevarrà comunque in T, entrambi penseremo che dovremmo fissare un prezzo più basso del rivale, guadagnando a suo discapito. Ciò vale a ritroso per ogni stato. Conclusione: Il solo esito razionale è per entrambi fissare un prezzo basso in ogni periodo. La cooperazione non è dunque sostenibile se l orizzonte temporale è finito. 22 Matteo Alvisi - Microeconomia 11

12 La Simulazione di Axelrod R. Axelrod, L evoluzione della Cooperazione Il dilemma del prigioniero viene ripetuto 200 volte Economisti, studiosi di informatica e psicologi furono invitati ad inviare la loro strategia ottimale. Axelrod incrociò le strategie le une con le altre per verificare quale portasse in media i payoff più elevati. Vincitore: Occhio per Occhio La ragione attribuita da Axelrod a tale risultato è che un giocatore che la mette in atto è nello stesso tempo gentile," perché non devia mai per primo. tollerante" perché consente di cooperare ancora dopo una defezione (imbroglio) del rivale reattiva," perché a defezione risponde con defezione. "chiara" perché è facile da capire per gli altri giocatori. 23 Giochi Sequenziali: La Forma Estesa Due giocatori :Entrante (Generico) e Impresa Attiva (Monopolista): G muove per primo 0, 12 G 0, 8-2, 5 4, 6 24 Matteo Alvisi - Microeconomia 12

13 Il Gioco dell Entrata: La Forma Normale G Due Equilibri di Nash (F; Agg) e (D; Acc) Aggressivo Accomodante Solo il secondo equilibrio sopravvive in una contesto sequenziale. La minaccia «aggressivo dopo l entrata» non è credibile D -2, 5 4, 6 F 0, 12 0, 8 25 Si considerino le reazioni future alle mosse dell entrante. L entrante fa la prima mossa.. dovrà considerare come reagirà l impresa attiva In caso di entrata: -2, 5 4, 6 L ex-monopolista non potrà fare altro che essere accomodante nei confronti dell entrante. Se resta fuori, il monopolista produce molto e i profitti dell entrante sono ovviamente zero (vedi pagina successiva) 26 Matteo Alvisi - Microeconomia 13

14 e siscelga in modoottimale Ora si consideri la mossa dell entrata: 0, 12 G acc 0, 8 (Sfoltisci anche questo!) 4, 6 Solo (D, Acc) è sequenzialmente razionale. Dunque, per trovare gli equilibri sequenzialmente razionali (perfetti): Guardarein avanti(ossiaanticiparele mossefuture dell avversario) E ragionarea ritroso. 27 Risolvere Giochi Dinamici Sequenziali In generale, occorre partire dagli ultimi nodi del gioco, ossia dagli ultimi sottogiochi, e risolverli determinando come si comporterà il giocatore in quei punti. A quel punto si può potare l albero dalle strategie non ottimali Si eliminano in altre parole le strategie dominate. Ciò porta ad un gioco semplificato. Si ripete poi la procedura con il nuovo primo sotto-gioco a partire dalla fine; Tale procedura è chiamata Induzione a Ritroso. Questo metodo è stato da noi già implicitamente utilizzato per risolvere i giochi ripetuti un numero T finito di volte, concludendo che l unico equilibrio di Nash è giocare in modo non-cooperativo in ogni periodo. 28 Matteo Alvisi - Microeconomia 14

15 Rendere le Minacce Credibili: L Impegno Le promesse o le minacce a intraprendere azioni subottimali non sono credibili. Una azione è subottimale se, date le risposte degli avversari, fa ottenere meno del massimo profitto ottenibile con azioni alternative. Come rendere credibile una minaccia non credibile? 29 Strategiedi ImpegnoI Bruciare i ponti dietro di sé In guerra, è spesso vantaggioso mostrare di NON essere in grado di ritirarsi e piuttosto dare sempre una possibilità di farlo all esercito rivale. Strategia del legarsi le mani Ci si può impegnare ex-ante attraverso il sostenimento di un costo autoimposto che rende l essere coerente con la promessa più conveniente del deviare da essa. McDonald: è caratterizzato da design e da struttura costosa Non può essere spostato come un chiosco di panini Mostra l intenzione di costruire una reputazione sulla propria qualità. 30 Matteo Alvisi - Microeconomia 15

16 Strategie di Impegno II Auto-imposizione di vincoli alla capacità produttiva Un nuovo entrante può impegnarsi credibilmente a mantenere basso il suo livello di produzione, adottando la strategia dello sguardo del cucciolo ( puppy-dog ploy ) «Puppy-dog ploy»: rimanere debole per evitare una reazione aggressiva. Molti economisti interpretano proprio in questo modo la competizione tra Apple e Microsoft. 31 Un Giocodi ImpegnoEx-Ante con un Investimentoa Fondo Perduto in un Impianto di Ampie Dimensioni Come potrebbe riuscire ad impegnarsi credibilmente ex ante ad essere aggressivo dopo l entrata (ossia a produrre comunque un alto livello di output)? Costruire un grande impianto, sostenendo gli alti costi di installazione. Ora, per decidere di essere accomodante, riducendo il livello di output, è meno efficiente che essere aggressivo (per effetto delle più ampie economie di scala di un grande impianto). In fatti, i suoi payoff sono ora più bassi di prima per ogni possibile esito, ma particolarmente più bassi in caso di basa produzione. La competizione aggressiva diventa una strategia dominante e G considera ora credibile la minaccia, decidendo di rimanere fuori dal mercato. 32 Matteo Alvisi - Microeconomia 16

17 Esempio: Un gioco di Impegno Ex-Ante 0, 10 G 0, 5-2, 4 4, 3 33 Un gioco di Impegno Ex-Ante _(cont) Senza investmento: G Agg Acc F 0, 12 0, 8 D -2,5 4, 6 G Agg Acc F 0, 10 0, 5 D -2,4 4, 3 Con investmento: 34 Matteo Alvisi - Microeconomia 17

18 Un gioco di Impegno Ex-Ante: Il Quadro Generale Impianto esistente Impianto grande D F D F 4, 6-2, 5 0,8 0, 12 4, 3-2, 4 0, 5 0, Un gioco di Impegno Ex-Ante: Il Quadro Generale_(cont) Risolvere a ritroso: è accomodante se G entra e ha l impianto corrente, guadagnando 6. è aggressivo se G resta fuori e ha l impianto corrente, guadagnando 12. Dunque, G entra. è aggressivo se G entra e ha investito in un grande impianto, guadagnando 4. è aggressivo se G resta fuori e ha investito in un grande impianto, guadagnando 10 Dunque, G resta fuori. guadagna un payoff più elevato se investe in un grande impianto. 36 Matteo Alvisi - Microeconomia 18

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali

Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali Etica & Politica / Ethics & Politics, IX, 2007, 2, pp. 148-181 Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali ROBERTO FESTA Dipartimento di filosofia Università di Trieste festa@units.it ABSTRACT Mathematical

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Lezione 10. La Statistica Inferenziale

Lezione 10. La Statistica Inferenziale Lezione 10 La Statistica Inferenziale Filosofia della scienza Secondo Aristotele, vi sono due vie attraverso le quali riusciamo a formare le nostre conoscenze: (1) la deduzione (2) l induzione. Lezione

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento Analisi della varianza a una via a misure ripetute (Anova con 1 fattore within) modello strutturale dell'analisi della varianza a misure ripetute con 1 fattore: y = μ ik 0 +π i +α k + ik ε ik interazione

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA)

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA) Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 4: Analisi della varianza (ANOVA) Analisi della varianza Analisi della varianza (ANOVA) ANOVA ad

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli