Programma delle Lezioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma delle Lezioni"

Transcript

1 Università degli Studidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze Politiche, Sociali e Internazionali Microeconomia(A-E) Matteo Alvisi Parte 6 (b) TEORIA DEI GIOCHI E DECISIONI STRATEGICHE 1 Programma delle Lezioni 1. Introduzione alla Teoria dei Giochi 2. Strategie Dominanti e Nozioni di Equilibrio 3. L Equilibrio di Nash Esistenza e Unicità 4. Strategie Miste 5. GiochiRipetutiFinitie Infiniti 6. Giochi Sequenziali e la Forma Estensiva 7. Equilibri Perfetti e Induzione a Ritroso 8. Impegno(Commitment) e Deterrenza all Entrata 2 Matteo Alvisi - Microeconomia 1

2 Decisioni Strategiche Nessun uomo è un isola Studio del comportamento razionale in situazioni interattive o interdipendenti. Ogni individuo deve prendere in considerazione come i rivali reagiranno in risposta alle loro azioni. Teoria dei giochi non-cooperativa: ogni individuo agisce con l obiettivo di massimizzare il proprio beneficio/utilità/guadagno individuale (in gergo economico: payoff) 3 Il Contesto Strategico Le IpotesiDi Base La Struttura del Gioco Le Regoledel Gioco Le Nozioni di Equilibrio 4 Matteo Alvisi - Microeconomia 2

3 Le Ipotesidi Base Razionalità I giocatori hanno una informazione completa del loro interesse e scelgono dunque le strategie che meglio lo realizzano. Esso non compiono mai errori. Conoscenza Comune Tutti i giocatori conoscono le regole del gioco. Tutti i giocatori sanno che tutti gli altri giocatori conoscono le regole del gioco. Tutti i giocatori sanno che tutti gli altri giocatori sanno che tutti conoscono le regole del gioco ecc 5 La Struttura del Gioco Giocatori Gruppo di agenti economici i cui guadagni e benefici individuali dipendono dalle azioni altrui. Strategie Piano completo di azioni. Quando i giocatori scelgono le proprie azioni in sequenza, una strategia specifica una azione per ogni possibile decisione degli altri giocatori. Payoff I guadagni o i livelli di utilità associati ad ogni possibile esito dell interazione. I payoff possono essere in termini attesi se gli esiti ex-ante sono random, ossia definibili solo in termini probabilistici. 6 Matteo Alvisi - Microeconomia 3

4 Le Regole del Gioco La tempistica delle mosse I giocatori scelgono le loro strategie simultaneamente o piuttosto sequenzialmente? Natura del conflitto e dell interazione I giocatori hanno interessi conflittuali o c è spazio per la cooperazione? I giocatori interagiscono una sola volta o ripetutamente? Stato dell informazione L informazione è completa? I giocatori sono informati in modo simmetrico? C è incertezza? 7 Nozioni di Equilibrio Miglior Risposta: La miglior strategia che si può giocare date le strategie scelte dagli altri giocatori. Se tutti stanno giocando la loro miglior risposta, allora nessuno avrà incentivo a modificare unilateralmente la propria strategia. Equilibrio di Nash: Un insieme di strategie, una per ogni giocatore, tale per cui la strategia di ognuno è la migliore a sua disposizione, posto che tutti gli altri giocatori stanno giocando le loro strategie di equilibrio. Equilibrio con Strategie Dominanti: Una strategia dominante per un giocatore ha una perfomancemigliore di tutte le altre strategie disponibili, a prescindere dalle strategie giocate da tutti gli altri avversari. 8 Matteo Alvisi - Microeconomia 4

5 Un Caso Pratico: La Pubblicità delle Sigarette nella TV statunitense Tutte le compagnie statunitensi produttrici di tabacco pubblicizzavano i loro prodotti molto pesantemente in TV. Il Responsabile della Salute Pubblica emette un ammonimento ufficiale Fumare sigarette può essere nocivo per la salute La reazione dei produttori di sigarette Timore di potenziali cause per responsabilità civile (e quindi con risarcimento) Le Compagnie cercano una mediazione Obbligo di stampa dell etichetta sui rischi del fumo e cessazione della pubblicità in TV in cambio dell immunità dall essere perseguiti in sede federale. 9 Giochi in Forma Normale Giocatori: {Reynolds and Philip Morris} Strategie:{Fare Pubblicità, Non Fare Pubblicità} Payoff: I Profitti delle due Compagnie Ipotesi: Ogni impresa guadagna mediamente $70 milioni l anno dai propri clienti Il costo della pubblicità ammonta a $30 milioni per impresa all anno. La pubblicità è in grado di conquistare una fetta di profitti del concorrente pari a $45 milioni se quest ultimo n on fa pubblicità. Se entrambi fanno pubblicità, tali guadagni si elidono l un con l altro. Come rappresentare questo gioco? Gioco simultaneo e giocato una volta sola ( one-shot ) Forma Strategica o Normale: giocatori, strategie, payoff. 10 Matteo Alvisi - Microeconomia 5

6 Forma Normale(Strategica) Giocatori Reynolds Philip Morris No Pubb Pubb No Pubb 70, 70 25, 85 Pubb 85, 25 40, 40 STRATEGIE PAYOFF 11 Miglior Risposta Reynolds No Pubb Philip Morris Pubb No Pubb 70, 70 25, 85 Pubb 85, 25 40, 40 La miglior risposta per Reynolds: Se Philip Morris fa pubblicità: Pubb Se Philip Morris non fa pubblicità : Pubb A prescindere da ciò che si pensi che Philip Morris possa fare, fare pubblicità risulta la miglior risposta. Fare pubblicità è la strategia dominante per Reynolds Lo stesso vale per Philip Morris Fare pubblicità è una strategia dominante. Questo gioco si può risolvere con il criterio della dominanza. 12 Matteo Alvisi - Microeconomia 6

7 La Pubblicità delle Sigarette Dopo l accordo del 1970, la spesa totale in pubblicità per le sigarette diminuì di $63 milioni. I profitti congiunti aumentarono di $91 milioni. L accordo del 1970 aiuto le due imprese a risolvere la situazione da dilemma del prigioniero che si era creata nel mercato delle sigarette. Il punto cruciale del dilemma del prigioniero, una volta di più, è che un equilibrio di Nash può non essere (Pareto-) efficiente. Il dilemma del prigioniero è comunque facilmente risolvibile con il criterio della dominanza. Ma come procedere se non esistono strategie dominanti? 13 Giochi senza Strategie Dominanti Spesso non ci sono strategie dominanti Ridurre il gioco non è sufficiente Il metodo è quello di trovare un equilibrio di NASH nel seguente modo: Si ispeziona la matrice cella per cella chiedendosi se ogni giocatore stia giocando la sua miglior risposta alla strategia del rivale. In breve: si calcola la funzione di reazione di ogni giocatore Problema: Ci possono essere equilibri multipli 14 Matteo Alvisi - Microeconomia 7

8 Giochi di Coordinamento: La Battaglia dei Sessi Un ragazzo e una ragazza si vogliono incontrare di sabato sera. Non hanno alcuna possibilità di comunicare tra loro. Lui ama il calcio, lei la discoteca. Se non si incontrano, la loro serata sarà compromessa, a prescindere da dove hanno scelto di andare. Ragazzo Ragazza Disco Stadio Disco 100, 50 0, 0 Stadio 0, 0 50, Giochi di Coordinamento: Risultati Esistono due equilibri di NASH. Gli equilibri preferiti dal ragazzo e dalla ragazza sono diversi. Come raggiungere l esito preferito? Mosse strategiche: legarsi le mani, impegnandosi credibilmente a scegliere solo una delle due strategie. Rendere il gioco sequenziale: in questo modo è il leader che sceglie l equilibrio. 16 Matteo Alvisi - Microeconomia 8

9 (Non-)Esistenza degli Equilibri di Nash: Il Gioco delle Monete A Testa Ogni giocatore sceglie testa o croce. Entrambi rivelano la faccia della moneta scelta nello stesso momento. Se coincidono, il giocatore A vince 1 da B; se non coincidono, B vince 1 da A. L equilibrio di Nash non esiste. 17 B Croce Testa +1, -1-1, +1 Croce -1,+1 +1, -1 Gioco delle Monete e Strategie Miste Finora, abbiamo considerato strategie pure, ossia azioni univoche intraprese da ogni giocatore quando arriva il suo turno. Tuttavia, i giocatori potrebbero anche randomizzare tra le due strategie disponibili e decidere, ad esempio, di lanciare in aria la moneta quando è il loro turno e mostrare la faccia risultante dal lancio. Questo è equivalente a giocare Testa con probabilità 0.5 e Croce con probabilità 0.5. Prima di iniziare a giocare, tale strategia offre il massimo payoff atteso, che è pari a 0. E inoltre possibile mostrare che questa è in effetti una coppia di strategie che forma un equilibrio di Nash (ex post, l esito non sarà random, e ci sarà dunque un vincente e un perdente). In generale, per i giochi che studieremo esiste sempre un equilibrio di Nash, almeno nelle strategie miste. 18 Matteo Alvisi - Microeconomia 9

10 Interazione Ripetuta Si ipotizzi ora una Interazione ripetuta Si pensi ad una relazione continua nel tempo tra giocatori In altre parole, si pensi allo stesso gioco ripetuto più volte. Le azioni di oggi influenzeranno i comportamenti e le interazioni di domani. In altre parole, le strategie dipenderanno dalla storia del gioco: l azione scelta oggi dipenderà dall interazione passata Definire strategie che dipendono dall evoluzione del gioco può aiutare i giocatori a cooperare, raggiungendo un risultato migliore per entrambi rispetto alla ripetizione dellstrategia dell equilibrio statico. 19 Due tipi di Strategie Grilletto Strategia del Grilletto Puntato (grim trigger) Iniziare cooperando Cooperare fino a che il rivale non devia Se si osserva una deviazione, giocare in modo noncooperativo per il resto del gioco ripetuto. Strategia occhio per occhio (tit-for-tat) Iniziare cooperando Cooperare se il tuo rivale ha cooperato nel periodo più recente. Non cooperare (ad esempio deviare da un accordo collusivo e abbassare il prezzo) se il rivale ha fatto lo stesso nel periodo precedente. 20 Matteo Alvisi - Microeconomia 10

11 Orizzonte Temporale Infinito L interazione tra i giocatori non ha mai fine Non esiste un ultimo periodo, cosicché il costo opportunità della deviazione (ossia i profitti che poi si perdono dalla mancata cooperazione futura) è sempre positivo. Qui, l uso di strategie dipendenti dalla storia funziona molto bene. Strategia occhio per occhio Iniziare cooperando Cooperare fino a che il rivale fa lo stesso Dopo aver osservato una deviazione dall implicita cooperazione, iniziare un periodo di punizione di una data lunghezza nel quale giocare (entrambi) non cooperativamente. 21 Orizzonte Temporale Finito Si ipotizzi che l interazione sul mercato duri per Tperiodi e poi abbia termine. Come si comporterebbe il nostro rivale? Se iniziasse giocando una strategia grilletto, troverebbe in effetti ottimale giocarla fino alla penultima ripetizione. Tuttavia, nel periodo T, fisserebbe sicuramente un prezzo più basso perché questo aumenterebbe i suoi profitti senza il timore di dover subire una rivalsa, una punizione. Infatti, dopo T il gioco finisce. Noto questo, noi stessi sceglieremmo un prezzo basso (noncooperativo) nel periodo T. Procedendo a ritroso al periodo T-1, dato che la non-cooperazione prevarrà comunque in T, entrambi penseremo che dovremmo fissare un prezzo più basso del rivale, guadagnando a suo discapito. Ciò vale a ritroso per ogni stato. Conclusione: Il solo esito razionale è per entrambi fissare un prezzo basso in ogni periodo. La cooperazione non è dunque sostenibile se l orizzonte temporale è finito. 22 Matteo Alvisi - Microeconomia 11

12 La Simulazione di Axelrod R. Axelrod, L evoluzione della Cooperazione Il dilemma del prigioniero viene ripetuto 200 volte Economisti, studiosi di informatica e psicologi furono invitati ad inviare la loro strategia ottimale. Axelrod incrociò le strategie le une con le altre per verificare quale portasse in media i payoff più elevati. Vincitore: Occhio per Occhio La ragione attribuita da Axelrod a tale risultato è che un giocatore che la mette in atto è nello stesso tempo gentile," perché non devia mai per primo. tollerante" perché consente di cooperare ancora dopo una defezione (imbroglio) del rivale reattiva," perché a defezione risponde con defezione. "chiara" perché è facile da capire per gli altri giocatori. 23 Giochi Sequenziali: La Forma Estesa Due giocatori :Entrante (Generico) e Impresa Attiva (Monopolista): G muove per primo 0, 12 G 0, 8-2, 5 4, 6 24 Matteo Alvisi - Microeconomia 12

13 Il Gioco dell Entrata: La Forma Normale G Due Equilibri di Nash (F; Agg) e (D; Acc) Aggressivo Accomodante Solo il secondo equilibrio sopravvive in una contesto sequenziale. La minaccia «aggressivo dopo l entrata» non è credibile D -2, 5 4, 6 F 0, 12 0, 8 25 Si considerino le reazioni future alle mosse dell entrante. L entrante fa la prima mossa.. dovrà considerare come reagirà l impresa attiva In caso di entrata: -2, 5 4, 6 L ex-monopolista non potrà fare altro che essere accomodante nei confronti dell entrante. Se resta fuori, il monopolista produce molto e i profitti dell entrante sono ovviamente zero (vedi pagina successiva) 26 Matteo Alvisi - Microeconomia 13

14 e siscelga in modoottimale Ora si consideri la mossa dell entrata: 0, 12 G acc 0, 8 (Sfoltisci anche questo!) 4, 6 Solo (D, Acc) è sequenzialmente razionale. Dunque, per trovare gli equilibri sequenzialmente razionali (perfetti): Guardarein avanti(ossiaanticiparele mossefuture dell avversario) E ragionarea ritroso. 27 Risolvere Giochi Dinamici Sequenziali In generale, occorre partire dagli ultimi nodi del gioco, ossia dagli ultimi sottogiochi, e risolverli determinando come si comporterà il giocatore in quei punti. A quel punto si può potare l albero dalle strategie non ottimali Si eliminano in altre parole le strategie dominate. Ciò porta ad un gioco semplificato. Si ripete poi la procedura con il nuovo primo sotto-gioco a partire dalla fine; Tale procedura è chiamata Induzione a Ritroso. Questo metodo è stato da noi già implicitamente utilizzato per risolvere i giochi ripetuti un numero T finito di volte, concludendo che l unico equilibrio di Nash è giocare in modo non-cooperativo in ogni periodo. 28 Matteo Alvisi - Microeconomia 14

15 Rendere le Minacce Credibili: L Impegno Le promesse o le minacce a intraprendere azioni subottimali non sono credibili. Una azione è subottimale se, date le risposte degli avversari, fa ottenere meno del massimo profitto ottenibile con azioni alternative. Come rendere credibile una minaccia non credibile? 29 Strategiedi ImpegnoI Bruciare i ponti dietro di sé In guerra, è spesso vantaggioso mostrare di NON essere in grado di ritirarsi e piuttosto dare sempre una possibilità di farlo all esercito rivale. Strategia del legarsi le mani Ci si può impegnare ex-ante attraverso il sostenimento di un costo autoimposto che rende l essere coerente con la promessa più conveniente del deviare da essa. McDonald: è caratterizzato da design e da struttura costosa Non può essere spostato come un chiosco di panini Mostra l intenzione di costruire una reputazione sulla propria qualità. 30 Matteo Alvisi - Microeconomia 15

16 Strategie di Impegno II Auto-imposizione di vincoli alla capacità produttiva Un nuovo entrante può impegnarsi credibilmente a mantenere basso il suo livello di produzione, adottando la strategia dello sguardo del cucciolo ( puppy-dog ploy ) «Puppy-dog ploy»: rimanere debole per evitare una reazione aggressiva. Molti economisti interpretano proprio in questo modo la competizione tra Apple e Microsoft. 31 Un Giocodi ImpegnoEx-Ante con un Investimentoa Fondo Perduto in un Impianto di Ampie Dimensioni Come potrebbe riuscire ad impegnarsi credibilmente ex ante ad essere aggressivo dopo l entrata (ossia a produrre comunque un alto livello di output)? Costruire un grande impianto, sostenendo gli alti costi di installazione. Ora, per decidere di essere accomodante, riducendo il livello di output, è meno efficiente che essere aggressivo (per effetto delle più ampie economie di scala di un grande impianto). In fatti, i suoi payoff sono ora più bassi di prima per ogni possibile esito, ma particolarmente più bassi in caso di basa produzione. La competizione aggressiva diventa una strategia dominante e G considera ora credibile la minaccia, decidendo di rimanere fuori dal mercato. 32 Matteo Alvisi - Microeconomia 16

17 Esempio: Un gioco di Impegno Ex-Ante 0, 10 G 0, 5-2, 4 4, 3 33 Un gioco di Impegno Ex-Ante _(cont) Senza investmento: G Agg Acc F 0, 12 0, 8 D -2,5 4, 6 G Agg Acc F 0, 10 0, 5 D -2,4 4, 3 Con investmento: 34 Matteo Alvisi - Microeconomia 17

18 Un gioco di Impegno Ex-Ante: Il Quadro Generale Impianto esistente Impianto grande D F D F 4, 6-2, 5 0,8 0, 12 4, 3-2, 4 0, 5 0, Un gioco di Impegno Ex-Ante: Il Quadro Generale_(cont) Risolvere a ritroso: è accomodante se G entra e ha l impianto corrente, guadagnando 6. è aggressivo se G resta fuori e ha l impianto corrente, guadagnando 12. Dunque, G entra. è aggressivo se G entra e ha investito in un grande impianto, guadagnando 4. è aggressivo se G resta fuori e ha investito in un grande impianto, guadagnando 10 Dunque, G resta fuori. guadagna un payoff più elevato se investe in un grande impianto. 36 Matteo Alvisi - Microeconomia 18

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

Note sulla teoria dei giochi 1

Note sulla teoria dei giochi 1 Note sulla teoria dei giochi 1 1. Le caratteristiche di un gioco La teoria dei giochi è usata per lo studio delle situazioni di interazione strategica, vale a dire le situazioni in cui l'utilità di un

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Teoria dei giochi Cos è un gioco? Si definisce come gioco una situazione in cui ciascuno dei

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 10: Introduzione alla Teoria dei Giochi David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

La teoria dei giochi non cooperativi

La teoria dei giochi non cooperativi La teoria dei giochi non cooperativi Kreps: "Microeconomia per manager" 1 Ci occuperemo soltanto di giochi non cooperativi: l unità d analisi è il singolo giocatore che cerca di compiere le scelte per

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

Lezione IV: Giochi e Strategie

Lezione IV: Giochi e Strategie Lezione IV: Giochi e Strategie Una decisione può essere definita strategica se è basata su di un ipotesi relativa al comportamento di altri soggetti e/o mira ad influenzarlo. Ex: la scelta dei titoli di

Dettagli

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco www.xos.it : 2008 Osvaldo Duilio Rossi : SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco Ho integrato con ulteriori riflessioni

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

Teoria dei giochi cap.13

Teoria dei giochi cap.13 Teoria dei giochi cap.13 Argomenti trattati Decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash Giochi ripetuti F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Un pò di storia Economisti e matematici studiosi

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

Teoria dei giochi. a.a. 2009/2010. Dott. Laura Vici

Teoria dei giochi. a.a. 2009/2010. Dott. Laura Vici Teoria dei giochi a.a. 2009/2010 Dott. Laura Vici Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna E-mail: laura.vici@unibo.it Home page: http://www2.dse.unibo.it/lvici Esercitazione per il corso

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 9 marzo 2010 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2010.html TEOREMI DI ESISTENZA TEOREMI DI ESISTENZA Teorema

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Strategie d Impresa R.M. Grant L analisi strategica per le decisioni aziendali Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi Giochi dinamici a informazione completa Lorenzo Rocco Scuola Galileiana - Università di Padova 01 aprile 2010 Rocco (Padova) Giochi 01 aprile 2010 1 / 24 Giochi in forma

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Teoria dei Giochi - Esternalità

Teoria dei Giochi - Esternalità Corso di Microeconomia Esercitazione del 14-05-2013 Teoria dei Giochi - Esternalità Esercizio 1 Due soggetti, Arnaldo e Bettino, sono impegnati in un gioco la cui matrice dei payoff è la seguente: ARNALDO

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi Esempio. La maggiore produttrice di autovetture italiane (Fiat) nel prendere le decisioni di quando introdurre un nuovo modello sul mercato, con quali accessori, con quali

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

Imprese e reti d impresa

Imprese e reti d impresa Imprese e reti d impresa 6. Elementi di teoria dei giochi non cooperativi Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1 Teoria dei giochi 1. Introduzione ed esempi Vincenzo Cutello 1 Cos è la teoria dei giochi? Da Wikipedia: La teoria dei giochi è la scienza matematica che analizza situazioni di conflitto e ne ricerca soluzioni

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 10 Pensare in maniera strategica: l oligopolio La teoria dei giochi La teoria dei giochi non cooperativi offre gli strumenti matematici per analizzare situazioni in cui l utilità dei vari individui

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Esercizi di teoria dei giochi. Luca Correani

Esercizi di teoria dei giochi. Luca Correani Esercizi di teoria dei giochi Luca Correani Settembre 2006 Indice 1 Giochi Statici con informazione completa 2 1.1 Analisi formale dei giochi e calcolo dell equilibrio di Nash.... 2 2 Giochi Bayesiani

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Reti e standard Introduzione Aspettative dei consumatori

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

PRICE FIXING and REPEATED GAMES

PRICE FIXING and REPEATED GAMES Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Economia Industriale PRICE FIXING and REPEATED GAMES Francesca Beltramelli Giorgio Brembilla Andrea Mazzoleni Eleonora Regazzoni Roberto

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione Il dilemma della cooperazione Matteo Ploner 16 luglio 2015 Cooperazione Di seguito viene fornita una breve introduzione al concetto di cooperazione in un ottica di ragionamento strategico. Cosa si intende

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

2 RAFFINAMENTI DELL EQUILIBRIO DI NASH

2 RAFFINAMENTI DELL EQUILIBRIO DI NASH MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI Anna TORRE 1 1 INDUZIONE A RITROSO Se un gioco è dato in forma estesa ed è finito e a informazione perfetta, un modo per trovare

Dettagli

Contratti con i clienti

Contratti con i clienti Cambiare le regole Contratti con i clienti Most favoured customer clauses Garantire a tutti i propri clienti il prezzo più basso Apparentemente è una clausola che aiuta i clienti ma Rendono i venditori

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

L'oligopolio di Cournot

L'oligopolio di Cournot L'oligopolio di Cournot Esaminiamo la soluzione di Cournot al problema della formazione dei prezzi e delle quantità di equilibrio in oligopolio. Partiamo dal caso più semplice, quello in cui gli oligopolisti

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Mauro Sylos Labini Scuola Superiore Sant Anna, Pisa. Gennaio 2004 1 Introduzione Il Capitolo di Teoria dei Giochi ha ormai conquistato un posto

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia.

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Stefano Papa Università di Teramo 1. L altruismo: Il gioco del dittatore. Il gioco del dittatore è il modello utilizzato per determinare l altruismo. Si

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli