INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE"

Transcript

1 INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE

2

3 QUAL È L'INSEGNAMENTO AMBIENTE NATURALE (NET)? Il NET non è strutturato e utilizza la motivazione dello studente e le attività e non è il tutor o insegnante a selezionare il materiale come base per la lezione.

4 CARATTERISTICHE DEL NET Scegliere attività di cui la motivazione è naturalmente forte Compiti e attività variano frequentemente Gli elementi preferiti e le attività scelte dal bambino servono da base per il docente / e l interazione con esso Il rinforzo è diretto e specifico per l'attività Struttura flessibile e molti esempi di concetti sostenere generalizzazione del linguaggio

5 COMPRENDERE LA DIFFERENZA TRA NET & ITT Insegnamento in ambiente naturale potenziamento delle attività Si verifica in un contesto di attività di divertimento Utilizzare gli elementi di rinforzo e materiali che sono di interesse per il bambino Applicare le tecniche di insegnamento Insegnamento intensivo Risponde a guadagnare un rinforzo non correlato Spesso si verifica a un tavolo, ma può verificarsi in qualsiasi ambiente Spesso si usano le schede, le immagini, ma comprende anche altri materiali che sono necessari per insegnare le tecniche di apprendimento.

6 PERCHÉ IL NET? Nonostante i successi degli approcci comportamentali nell insegnamento del linguaggio, lo sviluppo di repertori di comunicazione generalizzati e funzionali nei bambini con autismo è stata deludente (Fay & Schuler, 1980)

7 CHE COSA HA PORTATO A QUESTI RISULTATI DELUDENTI? Molti analisti comportamentali non sono riusciti a utilizzare l'analisi di Skinner del comportamento verbale per guidare i loro programmi di insegnamento del linguaggio e / o incorporare NET nell intervento comportamentale(laski et al, 1988)

8 GUIDA INTRODUTTIVA: PAIRING Il pairing (o associazione ) è un primo passo essenziale, che deve avvenire prima di qualsiasi tipo di insegnamento può essere iniziato in qualsiasi ambiente

9 PAIRING L associazione stimolo-stimolo è un processo mediante il quale uno stimolo neutro (persona, luogo, attività, o un oggetto) diventa un rinforzo condizionato. L'associazione è importante perché insegna al bambino ad associare il suo / suoi terapisti, l area di terapia, terapia e materiali con cose buone. E 'importante che il bambino sia intorno ai suoi operatori per imparare da loro!

10 COME SI SVOLGE UN AZIONE PAIRING Identificare rinforzi il maggior numero possibile di (Profilo potenziale dei rinforzatori) Avere una grande e vasta gamma di elementi di rinforzo per dare al bambino Avvicinatevi al bambino e fornire rinforzo non contingente. Si dovrebbe dare le cose per bambini che a lui / lei piace liberamente.

11 COME SI SVOLGE UN AZIONE PAIRING 4. Massimizzare il numero di volte del rinforzo Rompere rinforzi commestibili in piccoli pezzi in modo da poterli consegnare al bambino più frequentemente Consegnare rinforzi contemporaneamente (TV, cibo, giocattoli, stimolazione sensoriale, ecc) Prova a fornire rinforzi più volte al minuto

12 COME SI SVOLGE UN AZIONE PAIRING 5. Parlate con il bambino, ma non aspettatevi che lui / lei vi parli. 6. Seguire mutevoli interessi del bambino. Se il bambino si annoia con un rinforzo, trovare un altro rinforzo.

13 COME SI SVOLGE UN AZIONE PAIRING 7. Manipolare l'ambiente e interagire con il bambino in modo che si sia ottenuto il massimo divertimento delle attività Esempi: Il bambino è su altalena terapista spinge bambino Bambino ha sete - terapista riempie tazza bambino un po 'piccolo per volta Bambino vuole andare fuori terapeuta sblocca la porta

14 ASSOCIAZIONE ALL AMBIENTE Coppia nei diversi contesti Coppia attraverso stimoli Coppia in tutte le attività

15 ERRORI COMUNI PAIRING Posizionamento esigenze nei confronti del bambino. Resistere alla tentazione di cercare di "insegnare" al bambino facendo domande o fare il "lavoro" bambino per rinforzarlo. E 'necessario costruire prima un rapporto con il bambino prima di insegnare. Il pairing può essere lento, ma non si deve correre. Il tempo trascorso per fare pairing è tempo ben speso!

16 ERRORI COMUNI NEL PAIRING La mancanza di interazione attiva con il bambino. Il pairing è un processo attivo da parte del terapeuta. Il terapeuta deve costantemente dare rinforzi al bambino. L'accoppiamento non sarà efficace se il terapeuta si trova appena nella stanza, mentre il bambino fa ciò che più gli aggrada Il terapeuta deve continuamente agire come il "donatore" e il bambino dovrebbe funzionare come il "beneficiario".

17 ERRORI COMUNI NEL PAIRING 3. Infrequente o rinforzo debole. Se rinforzi forti non sono dati frequentemente, il pairing sarà meno efficace. Trova tutte le opportunità per rafforzare il bambino il più possibile (più al minuto).

18 DETERMINARE SEIL PAIRING È STATO EFFICACE Domande da porre: Il bambino correre da te o lontano da te? Il bambino ti segue quando si lascia la stanza? Una volta che il bambino è spesso e volentieri si avvicina per ottenere rinforzi, si è pronti per cominciare a insegnare il comportamento verbale in un ambiente naturale

19 SVILUPPO DI COMUNICAZIONE FUNZIONALE Ci sono molte funzioni o delle categorie di linguaggio espressivo e di significati quindi molte le parole che diciamo Il significato di una parola è definito dalla sua funzione o categoria non, con la sua grammatica o sintassi

20 LO SVILUPPO DI UN REPERTORIO VERBALE COMPORTAMENTO Molti bambini con autismo non hanno repertori comportamenti verbali che includono le risposte a ciascuna delle categorie per la stessa parola (topografia). Questo accade perché le categorie sono funzionalmente indipendenti e le risposte (parole) non possono essere trasferite tra le categorie senza l'addestramento esplicito. Per esempio, essere in grado di richiedere succo dicendo "succo" non garantisce che lo stesso bambino sarà in grado di usarlo in Tact (etichettarlo ) di succo quando lo vedono e non c'è MO (motivazione) per esso

21 L'IMPORTANZA DI CONOSCERE E SEGUIRE LA MOTIVAZIONE DELLO STUDENTE Incorporando l'analisi di Skinner del comportamento verbale e la manipolazione delle operazioni che stabiliscono (Michael, 1982, 1993, 2001) per gli elementi di didattica dell'ambiente naturale migliorerà l'efficacia delle NET

22 INSEGNA TUTTI I "SIGNIFICATI" succo Mand Tact Ecoico/mimetica Intraverbale Recettivo RFFC contestuale

23 MAND ( RICHIESTA) La risposta verbale di richiesta (vale a dire "Voglio succo.") L insegnamento alle voci mand, attività o oggetti porterà ad un più alto tasso di linguaggio e sosterrà lo sviluppo delle altre classi di risposte verbali (ad esempio TACT, intraverbali, ecc)

24 MIMETICA (IMITAZIONE MOTORIA) La capacità di imitazione o di fare quello che fanno gli altri durante il gioco o altre attività è un'abilità importante per acquisire Durante il NET sarà importante insegnare questa abilità (cioè l insegnante mostra come giocare con i giocattoli in modo appropriato)

25 ECOICO (IMITAZIONE VOCALE) Imitare vocalmente ciò che gli altri dicono è un'abilità importante che porta ad un aumento comportamento vocale verbale Durante il NET l'insegnante fornirà un modello vocale per lo studente in modo che certi suoni e parole diventano in coppia con rinforzo e può quindi essere rafforzato direttamente quando lo studente li ripete.

26 TACT La risposta verbale che è più vicino all etichettatura (ad esempio "Questa è una palla rossa.") Quando uno studente dice o firma ciò che vede, sente, tocca, sapori, odori, ecc, è tact. Il rinforzo per questa risposta non è specifico per ciò che si dice e di solito è il rinforzo sociale di un certo tipo, come riconoscimento di ciò che è detto o lodarlo

27 INSEGNAMENTO AL TACT Ecoico da trasferire in TACT: Tutor: "Cos'è questo? Succo. "(Verbale SD & 0-sec. Ritardo di prompt) Ascoltatore : «Succo" (ecoico) TRASFERIMENTO PROCESSO IMMEDIATO: Tutor: "Cos'è questo?" Ascoltatore: «Succo". Tutor rafforza

28 INTRAVERBALE La risposta verbale ad un altra risposta verbale (vale a dire quando qualcuno ti chiede quello che aveva per la prima colazione, "Ho avuto il succo" è un intraverbale) Questa classe include la risposta «tesoro«di domande e riempire gli spazi vuoti (cioè «Dormi Dormi mio «Le competenze intraverbali sono essenziali per portare avanti una conversazione

29 INSEGNAMENTO INTRAVERBALE Ecoico al Trasferimento: Tutor: "Pronti, partenza... via." (Verbale SD & 0- sec di ritardo prompt.) Ascoltatore : "Via". (Ecoico) TRASFERIMENTO PROCESSO IMMEDIATO: Tutor: "Pronti, partenza,." Ascoltatore : "Via". (Intraverbale) Tutor rafforza

30 RECETTIVO La classe di risposta recettiva si riferisce a capire quello che qualcun altro ha detto Durante il NET questo potrebbe includere la consegna delle richieste a: Eseguire le azioni: «Alzati" (comandi recettivi) Identificare un oggetto toccandolo o quando il docente gli dice "Dammi la palla rossa" (ID ricettivo)

31 RICETTIVO PER FUNZIONI E CLASSE (RFFC) Inoltre, a volte è utile chiedere allo studente di rispondere recettivamente alla descrizione di qualcosa (vale a dire "dammi la bevanda", piuttosto che, "dammi il succo.") RFFC - "Toccare quello che si beve." TFFC - "Quale bevi?" (Presente voce) IFFC - "Che cosa bevi?" (Nessuna voce presente)

32 PROFILO PRECOCE DELL ASCOLTATORE Limitate competenze di base. Ecoico debole Quasi nessun mand formali Poche risposte ricettive al di fuori del contesto Pochi Tact e Intraverbali

33 PROFILO DELL ASCOLTATORE NEL NET Richiede molto poco la risposta e associa voi stessi ai rinforzi. Si rinforzano attraverso il tutor o genitore. Gradualmente aumentare il fabbisogno di risposta. Inizia l'insegnamento senza errori di mand con i prompt per intero e poi dissolvenza prompt.

34 PROFILO DELL ASCOLTATORE INTERMEDIO Diversi Mand(alcuni spontanei) Molti TACT Alcuni Recettivi Alcuni RFFC, TFFC intraverbali semplici

35 ASCOLTATORE INTERMEDIO NEL NET Insegnare nel contesto delle attività che sono di rinforzo e motivante per il bambino. Insegnare mand, semplici, Tact, intraverbali recettivi, e semplici TFFC. Molte di queste risposte saranno molteplici E controllate, ad esempio iniziando dal mand. Inizia l intervento VB in questo ambiente.

36 PROFILO DELL ASCOLTATORE AVANZATO Molti mand spontanei Manding per informazioni Tact complessi TFFC e intraverbali (rispondendo a domande)

37 ASCOLTATORE AVANZATO NEL NET Insegnare nel contesto delle attività di rinforzo o motivazionali del bambino. Moduli complessi di VB che sono conversazioni all'interno di contesti non verbali. Di essi si trovano le risposte alle "domande" nonché Manding di informazioni, ad esempio facendo domande. Avere conversazioni simili, ma meno complesse nelle impostazioni didattiche intensive.

38 PIANI DI LEZIONE NET La Pianificazione di sessioni NET prepara in anticipo l'insegnante a insegnare e generalizzare le competenze mirate seguendo il bambino Spesso è necessario per personalizzare i piani di lezione da seguire MO unico di ogni bambino e insegnare le tecniche di destinazione

39 STEP1: INDIVIDUARE I POTENZIALI RINFORZATORI Guarda il profilo di rinforzo dello studente per ottenere alcune idee a riguardo a ciò che gli può piacere facendo NET

40 STEP2: CONFRONTO DI IDEE PER LE ATTIVITÀ Selezionare una voce di rinforzo / attività dall'elenco. Cercate di confrontarvi su cose creative e divertenti, come molti possibili a che fare con l'elemento / attività. Esempio: il gioco d'acqua

41 STEP2: CONFRONTO DI IDEE PER LE ATTIVITÀ Mescolare colorante alimentare con acqua per creare colori diversi Riempimento spruzzetta con acqua e spruzzando la carta o altro obiettivo registrato verticalmente sulla parete Gioca con vento con giocattoli che vadano bene in piscina in vasca da bagno o affondare Crea «l oceano in una bottiglia" mettendo piccola barca o giocattoli di pesce in bottiglia piena d'acqua Creazione di bottiglie d'acqua mescolando colorante alimentare, glitter, e l'acqua in bottiglia, agitare la bottiglia per effetto visivo Gioco con spugne Gioca con imbuti, tazze, annaffiatoi Portare neve / ghiaccio all'interno della casa con cui giocare, scolpire, ecc Aggiungi sapone in bacinella di acqua. Utilizzare per fare le bolle

42 INCORPORARE OBIETTIVI IN ATTIVITÀ Determinare con quali comportamenti si rivolgerà Cosa farai? Cosa dirai?

43 PIANO DI LEZIONE NET Attività di rinforzo Tipo di abili tà Che insegnamento dirà o farà Risposta del bambino / Competenze da insegnare

44 CONTINUARE A CREARE NUOVE ATTIVITÀ Continuamente attività generatrici nuove aiuta a mantenere lo studente impegnato e crea nuove opportunità di insegnamento Esempi: Acqua + acqua = palloncini palloncini Acqua + musica = riempire bicchieri d'acqua per la produzione di diverse tonalità quando viene colpito con un cucchiaio Acqua + veicoli autolavaggio = gioco

45 CURATO E CREATO DA:

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner Chi parla Operanti Variabili antecedenti DSM V: criteri per la diagnosi di autismo A. Deficit persistente

Dettagli

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa La motivazione Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa Educare nell autismo Il compito dell educazione è quello di sostenere ogni individuo nello sviluppo di nuove abilità per vivere meglio e conoscere il

Dettagli

Analisi del comportamento applicata all autismo

Analisi del comportamento applicata all autismo Analisi del comportamento applicata all autismo selezione slides per il corso di secondo livello organizzato da USP 2011 Elena Clò Analista del comportamento, BCBA Primo livello: 5 incontri su Il trattamento

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria?

Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Autismo e analisi del comportamento nella scuola integrazione possibile o necessaria? Francesca degli Espinosa Valentina Bandini Elena Clò L autismo Un bambino su 100 (Baird 2006) si presenta con una sintomatologia

Dettagli

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI curiousmindsbc.com/assets/2/.../therapy_comparison and_.pdf UN PARAGONE TRA MODELLI E Terapia contro Stile di vita In genere con l i genitori assumono uno staff che lavori con il proprio bambino. Questi

Dettagli

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI

PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI PECS (PICTURE EXCHANGE COMMUNICATION SYSTEM) LA COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI Katia Tonnini Pedagogista Programma Autismo Ravenna katiatonnini@yahoo.it COMUNICAZIONE PER SCAMBIO DI IMMAGINI: Sistema

Dettagli

Il centro Officina Imparo e vado tramite l Associazione ONLUS La Fenice (Anzio, Roma) presenta

Il centro Officina Imparo e vado tramite l Associazione ONLUS La Fenice (Anzio, Roma) presenta Il centro Officina Imparo e vado tramite l Associazione ONLUS La Fenice (Anzio, Roma) presenta CORSO INTEGRATO COMPORTAMENTALE ABA-VB - Per bambini con autismo e disabilità correlate - PREMESSA L'Autismo

Dettagli

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Percorso di Formazione "Dall' autismo all' inclusione sociolavorativa" organizzato da AGSAV ONLUS e ROLP 26 Marzo 2014 Marta Andreetta Contenuti

Dettagli

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior Corso Applicato Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA SUPERVISOR EIP Associazione Pianeta Autismo onlus L intervento

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

26-27-28 Ottobre 2012

26-27-28 Ottobre 2012 WORKSHOP AVANZATO LE ABILITA COMUNICATIVE PER L INTERAZIONE SOCIALE: L APPORTO DI UN PROGETTO INTEGRATO ABA/VB Dr. James W. Partington, Ph.D., BCBA-D Dott.ssa Lucia D Amato, BCBA 26-27-28 Ottobre 2012

Dettagli

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle?

Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? come costruirle? Come mantenerle? Siamo ricercatori nell ambito dell analisi del comportamento applicata

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

www.verbalbehaviornetwork.com

www.verbalbehaviornetwork.com Insegnare Verbal Behavior in aula: Una panoramica Condotta da: Thomas M. Caffrey, M. Ed www.verbalbehaviornetwork.com Tratto dal manuale d'introduzione al Verbal Behavior sviluppato da Vincent J. Carbone,

Dettagli

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI CORSI INDIVIDUALI L'Istituto propone corsi totalmente personalizzati in base alle diverse capacità di apprendimento e al differente livello di partenza di ognuno. Siamo noi a seguire il vostro ritmo di

Dettagli

ABA/VB CORSO INTRODUTTIVO

ABA/VB CORSO INTRODUTTIVO ABA/VB CORSO INTRODUTTIVO 7 Maggio 2012, Grottammare Dott. Milo Montelli (Psicologo) Che cos è ABA/VB? l È una medicina? l È un metodo per guarire l Autismo? l È una forma di addestramento? l È una cosa

Dettagli

DISTURBI GENERALIZZATI ED EDUCAZIONE STRUTTURATA

DISTURBI GENERALIZZATI ED EDUCAZIONE STRUTTURATA DISTURBI GENERALIZZATI ED EDUCAZIONE STRUTTURATA punti di forza e caratteristiche dei bambini con DGS strategie educative per modi diversi di capire ed imparare Sabato 17 ottobre 2015 ore 9.30-12.00 Io

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

L Applied Behavior Analysis Analisi comportamentale applicata. Corso teorico pratico per operatori

L Applied Behavior Analysis Analisi comportamentale applicata. Corso teorico pratico per operatori Sede legale Via don bianchi 9 Terrazzano di Rho (MI) Tel. 347 5197749 Email. info@stellapolareaba.org Sito Web: www.stellapolareaba.org 1 incontro: Autismo e analisi del comportamento 1. Introduzione:

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO

CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE Fino ad ora si è visto come le conseguenze delle risposte modificano il comportamento del soggetto. In quest ottica si è parlato di rinforzamento che è l operazione che descrive

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Perché Giocare è importante?

Perché Giocare è importante? Perché Giocare è importante? Attraverso il gioco, fin dalla nascita, il bambino si costruisce un idea di ciò che è, della sua identità, dello spazio che occupa il suo corpo. Attraverso il gioco si impara

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

Analisi del comportamento applicata all insegnamento delle prime competenze accademiche

Analisi del comportamento applicata all insegnamento delle prime competenze accademiche Analisi del comportamento applicata all insegnamento delle prime competenze accademiche Elena Clò, BCBA Ottobre 2015 Programma 17 ottobre 2015 Competenze accademiche: Prerequisiti per una programmazione

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado Data Insegnante Genitore/i compilatore/i Alunno Nome Data di nascita Scuola di provenienza Cognome Età (anni e mesi

Dettagli

Dott.ssa Giovanna Gualano giannagualano@libero.it

Dott.ssa Giovanna Gualano giannagualano@libero.it Dott.ssa Giovanna Gualano giannagualano@libero.it Autismo Sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo biologicamente determinato con esordio nei primi tre anni di vita Descritto in

Dettagli

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico.

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico. INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA Esperienza di didattica con un bambino autistico. PROGETTO DI VITA INCLUSIVO l offerta formativa realmente inclusiva è data dalla speciale normalità che si può definire

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA. 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini

IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA. 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA 29 APRILE 2016 Dott.ssa Marta Bernardini IL BAMBINO CON AUTISMO A SCUOLA Promuove le interazioni sociali Amplia il repertorio di autonomie personali Favorisce la generalizzazione

Dettagli

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO L ANALISI DEL COMPORTAMENTO E LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI DEI PROPRI ALUNNI Andrea Guido Psicologo, Amministratore Batti Cinque Cooperativa Sociale - ONLUS coopbatticinque@gmail.com andreaguido79@hotmail.com

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa per la sc. primaria) (I traguardi

Dettagli

IL TEACCH A SCUOLA. a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai

IL TEACCH A SCUOLA. a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai IL TEACCH A SCUOLA a cura di Marinella Zingale Simonetta Panerai CAMBIAMENTO DI PROSPETTIVA NELL INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO CAMBIAMENTO DI APPROCCIO RELATIVO ALLA CURA Ciò ha permesso di evidenziare: l

Dettagli

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Eric Shopler, Margaret D.Lansing, Robert J. Reichler, Lee M. Marcus PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Valutazione psicoeducativa Individualizzata TEACCH per bambini con DSA Descrizione del

Dettagli

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale:

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale: di ANGIOLA MARIA SCIBONA - Audioprotesista Diplomata presso l'università degli Studi di Milano SEDE DI LODI: Via Gaffurio,42-26900 LODI - TEL.0371 49 58 85 SEDE DI MILANO: Via Predabissi,3-20131 MILANO

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

precoce SEN Pathfinder UK

precoce SEN Pathfinder UK Parent Training : Strategia primaria di intervento precoce Lalli Gualco Howell SEN Pathfinder UK Parent training visto come prima strategia d intervento precoce: Il lavoro non inizia con il bambino b ma

Dettagli

Le funzioni del gioco

Le funzioni del gioco Ravenna 27 gennaio 2011 Gioco e abilità sociali Angelica Rossi - psicologa Centro Autismo e DPS Ravenna Alessandra Annibali - psicologa ed educatrice Centro Autismo e DPS Ravenna Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

Una scuola in-formata

Una scuola in-formata Una scuola in-formata La cura per eccellenza per le persone con autismo è l EDUCAZIONE (E.Micheli) Mireya Moyano Educare una persona con Autismo È un azione complessa che richiede una progettualità di

Dettagli

Cos è il Software Didattico

Cos è il Software Didattico Cos è il Software Didattico Per poter utilizzare efficacemente il software didattico è necessario innanzitutto capire che cosa si intende con questo termine e quali sono le sue principali caratteristiche.

Dettagli

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS AUTISMO E ABA Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS L AUTISMO L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato, con esordio nei primi 3 anni di vita.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE IDEE E STRATEGIE OPERATIVE CONSIDERARE IL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO DELLA PERSONA Valutazione approfondita e realistica delle competenze e delle abilitàdella persona: cosa sa fare in modo autonomo e

Dettagli

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI

OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI OFFICINA PSICOEDUCATIVA M ILANO VERCELLI V ia M ai o cch i 27 M ilan o V i a D ioniso tti 1 2 V ercelli R af f ael la F ag g i o l i Psico l o g a Psi co terap eu ta E d u catri ce Pro f.l e I scr. A lbo

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

IL METODO ABA Applied Behavior Analysis

IL METODO ABA Applied Behavior Analysis IL METODO ABA Applied Behavior Analysis IL METODO ABA 20 REGOLE DI RIFERIMENTO 1. IL SETTING L ambiente di lavoro deve essere strutturato in modo funzionale all obiettivo dell insegnamento: 1 eliminazione

Dettagli

Seminario sulla raccolta dei documenti

Seminario sulla raccolta dei documenti Seminario sulla raccolta dei documenti Questa lezione e le risorse didattiche collegate possono essere usate per preparare un seminario della durata di tre o quattro ore sulla preparazione, la raccolta,

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Questa attività è stata proposta nell ambito del Progetto LE PAROLE DELLA SCIENZA in una classe dell I.C. M.L.King di Torino e poi condivisa

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento 2 aprile 2014 Percorso di formazione Dall autismo all inclusione sociolavorativa Obiettivi della lezione Presentare strumenti

Dettagli

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Le lingue cui un soggetto è stato esposto entro i primi tre anni di vita vengono ritenute

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

EDUCAZIONE E TRATTAMENTO

EDUCAZIONE E TRATTAMENTO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (TERZA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 EDUCAZIONE E TRATTAMENTO -------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

IL GIOCO E LA PROMOZIONE DELLE ABILITA SOCIALI Corso Base

IL GIOCO E LA PROMOZIONE DELLE ABILITA SOCIALI Corso Base IL GIOCO E LA PROMOZIONE DELLE ABILITA SOCIALI Corso Base Centro Autismo e Disturbi dello Sviluppo Azienda USL di Rimini U.O. di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Formazione insegnanti

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

Cliccare per avanzare

Cliccare per avanzare Cliccare per avanzare UNITÀ DI APPERENDIMENTO Dalla sillaba al fonema TEMPI Otto settimane DESTINATARI bambini e bambine di 5 anni SITUAZIONE INIZIALE La presente unità non può prescindere dal raggiungimento

Dettagli

Quando compro qualcosa ho dei diritti

Quando compro qualcosa ho dei diritti Questa guida è scritta in linguaggio facile da leggere Quando compro qualcosa ho dei diritti cittadino a pieno titolo Il progetto A MODO MIO, cittadino a pieno titolo. è finanziato dal Ministero del Lavoro

Dettagli

Corsi di lingua spagnola - Spagnolo CORSI INDIVIDUALI

Corsi di lingua spagnola - Spagnolo CORSI INDIVIDUALI CORSI INDIVIDUALI L'Istituto propone corsi totalmente personalizzati in base alle diverse capacità di apprendimento e al differente livello di partenza di ognuno. Siamo noi a seguire il vostro ritmo di

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA

Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA um.org Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA S Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare (Gary Zukav) I VANTAGGI I contenuti proposti dai programmi consentono ai partecipanti di:

Dettagli

PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI?

PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI? PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI? Collamati Beatrice Scuola secondaria di I grado di Stresa Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo

Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo Helen Doron Early English è un metodo per i bambini ed i ragazzi dai 3 mesi fino ai 14 anni, sviluppato fin dal 1985 e diffuso in 30

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA

MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA Insegnare a comunicare: il training PECS MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA Alcune premesse. I Disturbi dello spettro Autistico: la triade Compromissione

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Introduzione al Verbal Behavior Insegnare a soggetti con autismo & altri ritardi del linguaggio: come iniziare?

Introduzione al Verbal Behavior Insegnare a soggetti con autismo & altri ritardi del linguaggio: come iniziare? Introduzione al Verbal Behavior Insegnare a soggetti con autismo & altri ritardi del linguaggio: come iniziare? Sviluppato e presentato da: Holly Kibbe, M.S., BCBA Co-fondatrice e socia di Establishing

Dettagli

Verbal Behavior. Lucia D Amato

Verbal Behavior. Lucia D Amato Verbal Behavior Lucia D Amato Tutto nasce Nel 1957 con la pubblicazione del libro Verbal Behavior, scritto da B.F. Skinner L approccio di Skinner fa capo ai principi dell ABA Nel libro Skinner considera

Dettagli

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior EIP Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior 30 ottobre 2014 Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA Supervisor EIP Associazione Pianeta Autismo onlus Compromissione

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE Società Sportiva Dilettantistica a responsabilità limitata ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI IL NUOTO A SCUOLA, UN OPPORTUNITA PER TUTTI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Progetto di Lingua Inglese a.s. 2014 /2015 Insegnante: Donatini Benedetta INTRODUZIONE Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo rappresentano il riferimento normativo

Dettagli

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name:

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name: Identification Etichetta identificativa Label School ID: School Name: TIMSS 2011 Questionario studente Scuola secondaria di I grado classe terza Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Corso di aggiornamento per operatori e volontari del Progetto Filippide Associazione Diversamente onlus

Corso di aggiornamento per operatori e volontari del Progetto Filippide Associazione Diversamente onlus Corso di aggiornamento per operatori e volontari del Progetto Filippide Associazione Diversamente onlus Creare e utilizzare le storie sociali Dott. Marco Pontis Autore del Corso Avanzato Autismo: interventi

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO LA GESTIONE DEL COMPORTAMENTO INADEGUATO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO 22 Aprile 2016 Dott.ssa Marta Bernardini L AUTISMO NEL DSM-5 unica categoria diagnostica: disturbi dello spettro autistico

Dettagli

COMPORTAMENTO VERBALE www.christinaburkaba.com

COMPORTAMENTO VERBALE www.christinaburkaba.com traduzione by MadMax COMPORTAMENTO VERBALE www.christinaburkaba.com Una serie di cose vengono dette sul mondo dell autismo per servire differenti metodologie, approcci diversi, e differenti teorie su come

Dettagli

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English!

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! Nella vita poche cose contano di più dell educazione e del futuro di tuo figlio. Pingu s English gli insegnerà le nozioni fondamentali della lingua

Dettagli