FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO"

Transcript

1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Comitato Provinciale Allenatori di Salerno CORSO ALLIEVO ALLENATORE ANGRI 2008 Quaderno tecnico DIRETTORE DEL CORSO:Antonio Savino FORMATORE: Antonio Petillo ASSISTENTE FORMATORE: Gennaro Zagaria FORMATORE C.I.A.: Gennaro Papallo PREPARATORE FISICO: Mario Petruzzo PSICOLOGA: Tonia Bonacci

2 Indice: Modulo 1: Presentazione... Modulo 2: Ball-handling... Modulo 3: Individuali senza palla... Modulo 4: Arresti e partenze... Modulo 5: Tiro... Modulo 6: Palleggio... Modulo 7: Passaggio... Modulo 8: Individuali di difesa... Modulo 9: Regolamento... Modulo 10: Aspetti Biomedici... Modulo 11: Preparazione Fisica... Modulo 12: Elementi di didattica... Modulo 13: Aspetti psicologici e pedagocici...

3 Corso Allievo Allenatore 2008 di Angri Quaderno tecnico modulo 1: Presentazione Obiettivi tecnici Gli obiettivi tecnici che ci si prefigge di raggiungere sono in funzione all efficacia dei metodi e sistemi utilizzati per trasmettere ai giocatori le conoscenze dei fondamentali e la loro corretta applicazione pratica. L allenatore è considerato un facilitatore della trasmissione di una comunicazione e i giocatori come dei ricettori. Area del sapere Gli strumenti 1c1 situazione di gioco Durante le fasi di insegnamento dei fondamentali l attenzione si focalizza sulla comprensione degli strumenti da utilizzare per trasmettere le conoscenze dei fondamentali al fine di affrontare successivamente le diverse situazioni di gioco. Area del saper fare Dimostrazione corretta dei fondamentali Dopo aver compreso ed assimilato l aspetto teorico dei fondamentali risulta necessario per affrontare il gioco nelle varie azioni agonistiche applicare praticamente i fondamentali attraverso una dimostrazione che tende a richiamare l attenzione sui movimenti corretti da adottare; in questa fase non bisogna preoccuparsi di fare canestro e quindi del risultato ultimo da raggiungere ma concentrarsi sul mezzo per raggiungerlo, sull esatto movimento per... Per questo motivo è opportuno durante la dimostrazione eseguire i movimenti non velocemente al fine di concentrare il giocatore sulla correttezza del singolo gesto in equilibrio con tutto il corpo. Concetti di pallacanestro integrata Tecnica/fisica/mentale I concetti che devono essere divulgati abbracciano contemporaneamente gli aspetti tecnici, fisici e mentali. Un insegnamento di un determinato concetto (es. tecnica) ha dei risvolti anche sugli altri aspetti (nell es. fisici e mentali), per cui in un ottica di integrazione dei tre aspetti cosa rilevante è migliorare e mantenere il loro equilibrio (tecnica/fisica/mentale) sia del singolo giocatore sia dell intera squadra. Correzioni L allenatore deve porre la sua attenzione principale sulla correzione dell errore commesso sul movimento per eseguire un fondamentale. Una volta che l allenatore ripete lentamente il movimento corretto o lo spiega nuovamente a voce è opportuno osservare come il giocatore abbia assimilato, eventualmente con varie ripetizioni per fargli acquisire la padronanza e la massima coordinazione e scioltezza nel movimento. Obiettivi finali del giocatore L uso efficace degli strumenti applicativi sono orientati al raggiungimento dei seguenti obiettivi: Insegnamento dei fondamentali individuali di base: necessarie premesse per affrontare ogni situazione di gioco successiva. Giocatori autonomi e responsabili: non dimenticare che il ricettore di un insegnamento è il giocatore e pertanto bisogna inculcargli i fondamentali essenziali per renderli autonomi nei movimenti nello spazio del campo con i tempi adeguati e responsabili di fare delle scelte vantaggiose per sé e per la squadra in ordine sia al caso in cui si ha la palla e quindi decidere

4 per un tiro, una penetrazione, un passaggio sia al caso in cui non si ha la palla e pertanto come muoversi senza di essa. Corso Allievo Allenatore 2008 di Angri Quaderno tecnico modulo 2: Ball-Handling Ball Handling significa letteralmente palla maneggiata ; il concetto è legato a come toccare la palla, come prenderla e avere confidenza con la stessa. Con il Ball Handling si prefiggono diversi obiettivi, quali: Migliorare la capacità di padronanza della palla: migliorare e sviluppare le potenzialità di padroneggiare con la palla e di dominanza del pallone. Favorire lo sviluppo delle capacità coordinative: l esecuzione di un esercizio di Ball Handling richiede lo sviluppo sia dell area del corpo interessata per il singolo movimento sia di tutto il corpo; pertanto, bisogna eseguire un movimento curando la coordinazione completa del singolo movimento con l intero corpo. Favorire l incremento delle abilità: con opportuni, mirati e ripetuti esercizi di Ball Handling si favorisce la trasformazione delle potenzialità nell esecuzione abile del movimento. Aumentare la sicurezza del trattamento della palla: con il Ball Handling si raggiunge la piena sicurezza nel trattamento, nella cura del pallone ( sentire il pallone come parte integrante dei propri movimenti ). Lo scopo del coach è assistere ed addestrare i giocatori per incrementare e migliorare gli aspetti tecnici e tattici, le prestazioni fisiche e mentali per un maggior rendimento nel gioco. Pertanto, è necessario individuare le potenzialità dei singoli e trasformarli in abilità e competenze che possano comportare un maggior valore per sé e per la squadra. Esercizi di Ball Handling Obiettivi specifici degli esercizi Attraverso lo svolgimento degli esercizi di Ball Handling si prefiggono degli obiettivi specifici: Presa della palla: il corretto posizionamento delle mani sul pallone; Sensibilità delle dita: sviluppo dei polpastrelli nel trattamento della palla; Rapidità delle mani: come muovere velocemente le mani sulla palla; Reattività: incremento della velocità e sviluppo della prontezza delle mani sulla palla. Propedeuticità per i movimenti tecnici: gli esercizi di Ball Handling sono utilizzati frequentemente per il riscaldamento (prima di un allenamento o prima di una partita) perché la loro funzione è di essere dei fondamentali dei fondamentali ; con questo concetto si vuole evidenziare la loro importanza come requisiti necessari per una corretta esecuzione del successivo movimento fondamentale quale il passaggio, il tiro o il palleggio. Modalità di esecuzione La modalità di esecuzione degli esercizi può essere: Da fermi: si effettuano esercizi in modo progressivo intorno al corpo; avanti o indietro il corpo, sopra la testa o sotto le gambe. In movimento: con dei passi o correndo più o meno velocemente. Con palleggio (1 o 2 palloni): considerando gli obiettivi sopra esposti (presa, sensibilità,

5 rapidità, reattività), con il palleggio si sviluppa la propedeuticità del Ball Handling a questo fondamentale. Individuale o a coppie: si introducono con tali esercizi gli elementi essenziali per l esecuzione di corretti tiri e passaggi; quindi esercizi propedeutici allo sviluppo di questi altri due fondamentali. Progressione didattica Osservare la figura seguente. Difficoltà esercizio La difficoltà degli esercizi durante l allenamento deve avere un andamento crescente con un aumento della velocità e combinazione degli stessi. Fasi di allenamento Fase di defaticament o Fase di riscaldamento T empo Il metodo di insegnamento deve essere improntato sulla considerazione di questi concetti: Dal facile al difficile: partire da esercizi facili per poi insegnare i più difficili; Progressive difficoltà: le difficoltà negli esercizi devono essere affrontate progressivamente curando l andamento del singolo giocatore nel contesto della squadra; con questo concetto si sottolinea l importanza di passare al livello di difficoltà successivo quando tutti i giocatori sono stati capaci e abili nell assimilare e superare la difficoltà dell esercizio in corso di svolgimento (anche se è necessario fare un lavoro approfondito ad un determinato giocatore per porre l attenzione su alcuni particolari omessi o sbagliati precedentemente). Aumento della velocità di esecuzione: iniziando da una dimostrazione che cura non velocemente il particolare del movimento, successivamente con i vari esercizi l obiettivo è raggiungere una buona abilità nell eseguire il movimento del fondamentale correttamente aumentando la velocità di esecuzione per affrontare al meglio la situazione di gioco corrente (es. 1c1); questo obiettivo si raggiunge dopo aver assimilato profondamente il movimento da eseguire ed essere padrone dello stesso attraverso esercizi mirati e ripetuti. Combinazione di più esercizi: bisogna creare un sistema di esercizi in continuo collegamento tra loro con un trend stratificato di difficoltà crescente in modo da ottenere dei miglioramenti continui osservando l esecuzione corretta assimilazione velocità passaggio all esercizio successivo collegato al precedente con una difficoltà maggiore. Postulati I principi fondamentali della pallacanestro necessari affinché un giocatore possa effettuare delle buone scelte nelle diverse situazioni di gioco sono:

6 Spazio/Tempo: il concetto di spazio è inerente alla possibilità e al modo più efficace ed efficiente di occupare lo spazio del campo prima, in anticipo rispetto all avversario per guadagnare un vantaggio con o senza palla; si richiede di fare dei movimenti necessari per liberarsi dell avversario, quindi prima che l avversario si adegui; pertanto, è opportuno sviluppare le capacità del giocatore di anticipare il movimento dell avversario per superarlo, ovvero se il giocatore è in possesso della palla bisogna fare un palleggio in avanti (es. penetrazione) con un movimento della gamba in avanti a superare e giungere nel nuovo spazio del campo prima dell avversario; oppure se non si ha la palla, non vagare in campo disorientati, ma avere una visone contemporanea della palla, del canestro e dell avversario, per creare la migliore linea di passaggio per sé o per un compagno di squadra (es. con un blocco). Il concetto di tempo è legato alla gestione e organizzazione dei movimenti in base alla tempistica di esecuzione in ordine alla necessità di svolgere un atto o un azione più rapida dell avversario per superarlo e in virtù del fatto che il gioco deve essere organizzato in base ad una tempistica prestabilita dal regolamento (es. 24 per concludere a canestro). Equilibrio: per equilibrio si intende l equilibrio fisico e mentale del giocatore e della squadra. L equilibrio fisico è necessario per fare dei movimenti coordinati che permettono di ottenere posizioni favorevoli rispetto all avversario, mentre l equilibrio mentale è importante per concentrarsi sulla comprensione dei propri movimenti, dell intera squadra e più in generale dell ambiente circostante affinché le forze esterne non ne modificano le condizioni di stabilità. Ritmo: il ritmo è necessario per la scansione dei tempi a seconda del gioco in considerazione ad una determinata azione in attacco o una particolare difesa; ogni giocatore deve essere in grado di adeguare il proprio ritmo con quello della squadra in un ottica di sintonia e sincronia dei movimenti dei giocatori. Ad esempio: gli avversari si passano la palla, i difensori si adeguano in difesa seguendo il ritmo dei passaggi. Collaborazioni: in un gioco di squadra come la pallacanestro, sebbene con risultati dipendenti anche dalle individualità dei singoli giocatori, non si può prescindere dalla collaborazione e interazione tra i giocatori. Con questo concetto si introduce l importanza della comunicazione verbale e non verbale tra i giocatori in campo affinché ognuno si adegui ai movimenti dei compagni sia in azioni di attacco sia di difesa e prenda l iniziativa per acquisire un vantaggio non solo per sè ma anche per i compagni. Ad esempio: eseguire un taglio senza palla può significare smarcarsi ma anche liberare uno spazio per un compagno, che magari lo invade con una penetrazione in palleggio. Esercizi di Ball Handling Esercizio n 1: maneggiare la palla; l esercizio consiste nello sporcarsi le mani sul pallone; obiettivo è prendere contatto delle mani e familiarità con il pallone. Esercizio n 2: tirare la palla in alto con i polpastrelli di una mano e successivamente chiuderla; obiettivo è sviluppare la sensibilità delle dita. Esercizio n 3: con le braccia in alto sopra la testa passare la palla da una mano all altra con i polpastrelli guardando avanti; obiettivo è sviluppare la sensibilità delle dita, la coordinazione del movimento tra le due braccia e la capacità di concentrazione. Esercizio n 4: stesso esercizio precedente con la variante di porre le braccia in avanti; stesso obiettivo del precedente esercizio. Esercizio n 5: passare la palla su tutto il corpo, intorno al capo fino alla caviglia; obiettivo è migliorare la sensibilità delle dita e il movimento coordinato delle mani. Esercizio n 6: passare la palla con i polpastrelli sotto le gambe ad otto in un senso e nell altro; obiettivo dell esercizio è migliorare la coordinazione, la rapidità e reattività del movimento.

7 9-10 con e senza rotazione Esercizio n 7: lancio della palla da dietro la schiena in avanti; obiettivo è migliorare la presa, la coordinazione del movimento e la concentrazione. Esercizio n 8: mano sopra la palla e passaggio della stessa mano sotto la palla; obiettivo è sviluppare il contatto con la palla e la rapidità del movimento. Esercizio n 9: con i polpastrelli di una mano lancio in alto della palla senza rotazione; obiettivo è la sensibilità delle dita, coordinazione del movimento ed equilibrio del corpo propedeutico al fondamentale di tiro. Esercizio n 10: stesso esercizio precedente con la variante della rotazione; stesso obiettivo dell esercizio precedente. Esercizio n 11: distesi a terra, con i polpastrelli di una mano lancio in alto della palla; stesso obiettivo dell esercizio precedente con maggiore difficoltà.. Esercizio n 12: corretta posizione delle mani sulla palla: presa con i polpastrelli, pollice sx e pollice dx ad una distanza di circa 6-7 cm e posizione delle dita a V non troppo aperti né troppo vicini, il palmo non tocca la palla e quindi presenza dello spazio tra palmo e pallone; obiettivo è sviluppare la corretta presa del pallone. Esercizio n 13: lanciare la palla in alto e presa; obiettivo è sviluppare la presa corretta. Esercizio n 14: passaggio della palla contro il muro e presa; obiettivo è sviluppare la presa corretta propedeutico al passaggio. Esercizio n 15: palla sotto le gambe e presa incrociata; obiettivo è sviluppare la presa corretta migliorando la rapidità e reattività del movimento. Esercizio n 16: palla davanti al ginocchio in avanti e con l altro poggiato a terra, battito delle mani sotto la gamba e presa; obiettivo è migliorare la presa corretta, la rapidità, reattività, coordinazione del movimento ed equilibrio del corpo. Esercizio n 17: lancio in alto con i polpastrelli delle mani, battito delle mani dietro la schiena e presa; stesso obiettivo del precedente esercizio. Esercizio n 18: lancio molto in alto con i polpastrelli delle mani battito ripetuto delle mani e presa; stesso obiettivo del precedente esercizio.

8 Esercizio n 19: palleggio eseguendo un otto sotto le gambe; obiettivo è la sensibilità, la coordinazione, rapidità del movimento propedeutico al palleggio. Esercizio n 20: palleggio in avanti e indietro con la stessa mano; stesso obiettivo del precedente esercizio. Esercizio n 21: palleggio in avanti, indietro e lateralmente con la stessa mano; stesso obiettivo del precedente esercizio con maggiore difficoltà. Esercizio n 22: palleggio stessa mano stesso piede in avanti e indietro (step); obiettivo è la sensibilità, la rapidità, la reattività, coordinazione e l equilibrio del corpo propedeutico al palleggio. Esercizio n 23: partenza in palleggio zig zag con compagno che segue dietro e ripete i movimenti; obiettivo propedeutico al palleggio per migliorare l equilibrio, il ritmo e la collaborazione adeguandosi al compagno. Esercizio n 24: palleggio con due palloni in avanti; obiettivo propedeutico al palleggio per sviluppare la rapidità delle mani e delle braccia, la reattività, la coordinazione e l equilibrio del corpo nel palleggio. Esercizio n 25: palleggio con due palloni, con una mano in verticale e con l altra mano in orizzontale; stesso obiettivo del precedente esercizio con maggiore difficoltà. Esercizio n 26: partenza in palleggio con due palloni, con una mano passaggio dietro la schiena e con l altra passaggio in orizzontale; stesso obiettivo del precedente esercizio con maggiori difficoltà.

9 Corso Allievo Allenatore 2008 di Angri Quaderno tecnico modulo 3: Individuali senza palla Gli individuali senza palla sono i fondamentali per come muoversi in campo, per acquisire il senso della posizione con un azione preventiva rispetto agli spostamenti degli avversari sia in attacco che in difesa. Gli obiettivi da raggiungere sono: Imparare a gestire lo spazio/tempo: come occupare lo spazio in campo in modo efficace in funzione agli spostamenti dei compagni e degli avversari è essenziale per procurarsi posizioni favorevoli per ricevere la palla smarcandosi dall avversario oppure collaborando con i compagni portando un blocco cieco o un blocco senza palla; tali movimenti devono essere fatti in tempo utile al fine di anticipare il movimento dell avversario e superarlo. Prendere e mantenere un vantaggio rispetto all avversario: il movimento senza palla deve prefiggersi come risultato un vantaggio nei confronti dell avversario, anticipando il suo movimento e altresì sviluppare la capacità di mantenerlo, saperlo gestire successivamente per porsi sempre nella migliore posizione per ricevere e una volta ricevuta la palla per effettuare un tiro, una penetrazione o un ulteriore passaggio. figura 1 Scopo dell ala è di occupare uno spazio vantaggioso per la ricezione e per un facile tiro prima del suo difensore; considerare innanzitutto lo spazio che si può occupare per ricevere la palla (linea tratteggiata), vedere contemporaneamente palla difensore canestro e anticipare l avversario con un cambio di velocità verso la direzione del canestro, ricezione e tiro da sotto.

10 Fig. 1 Uso degli individuali senza palla L uso può essere per ottenere: Uno smarcamento: Con cambi di velocità, direzione, senso. Dei tagli: ciò permette di migliorare anche la collaborazione tra i giocatori. Mantenere un posizionamento: la posizione di prontezza è mantenuta piegandosi sulle ginocchia, piedi ginocchia spalle in linea quasi alla stessa larghezza, le punte dei piedi leggermente in avanti per sviluppare la reattività dei movimenti (es. per correre, per saltare). Tipologia dei fondamentali senza palla La tipologia dei movimenti senza palla per ottenere un vantaggio sono: Posizione fondamentale: posizione di prontezza per essere rapidi e reattivi. Cambio di velocità: si esegue con un passo iniziale corto e successiva spinta in avanti con rapidità per disorientare e anticipare l avversario e non dargli il tempo di recuperare; Cambio di direzione: per effettuarlo bisogna correre verso una stessa direzione, piegarsi sulle ginocchia, cambio con il piede rivolto verso la nuova direzione e fare con questo piede un piccolo passo e spinta rapida e reattiva per occupare uno spazio del campo più vantaggioso per la ricezione, un taglio o un blocco. Cambio di senso: si esegue correndo verso una stessa direzione, piegarsi sulle ginocchia, cambio di senso imprimendo la punta del piede bene a terra, giro sulla punta verso il nuovo senso, fare un piccolo passo con l altro piede e spinta rapida e reattiva per anticipare l avversario e rendersi imprevedibili senza che intuisca i propri movimenti. Giro e giro in corsa: per occupare la posizione per la ricezione favorevole di un passaggio. Si eseguono girando la schiena al diretto avversario, dopo aver puntato uno dei piedi verso di questi, ruotando l avampiede si indirizza l altro piede nella nuova direzione. Questo movimento va eseguito contemporaneamente allo sguardo che deve vedere nella nuova direzione. La pallacanestro è uno sport di iniziativa, in cui ogni giocatore deve assumere un atteggiamento pro-attivo e propositivo cercando un miglioramento continuo della conoscenza del gioco, anticipando, intuendo, leggendo quello che sta per accadere, in relazione alla palla, ai compagni di squadra (collaborazione tra essi), agli avversari (adeguarsi e anticipare i movimenti), allo spazio del campo e al tempo giusto dei movimenti per percepire il tutto mentre sta per succedere nel rispetto

11 di un equilibrio dinamico proprio e dell intera squadra. Esercizi individuali senza palla Esercizio n 1: posizione di prontezza; piegandosi sulle ginocchia, piedi ginocchia spalle in linea quasi alla stessa larghezza; obiettivo è comprendere e migliorare la posizione corretta. Eserzio n 2: dalla posizione di base di prontezza, toccare con le spalle il muro; obiettivo è prendere contatto con la schiena ad una base solida (in una situazione di gioco con il proprio difensore) e migliorare la coordinazione e l equilibrio del corpo. Esercizio n 3: dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte; obiettivo è migliorare la prontezza dei movimenti con coordinazione ed equilibrio del corpo. Esercizio n 4: dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte, poi scatto in avanti; obiettivo è migliorare la rapidità e la reattività dei movimenti con coordinazione ed equilibrio del corpo Esercizio n 5; dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte, poi scatto all indietro; stesso obiettivo dell esercizio precedente. Esercizio n 6: dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte e poi correre ad una velocità media fino a centro campo, poi eseguire cambio di velocità più elevata fino in fondo; obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di velocità con coordinazione ed equilibrio del corpo. Esercizio n 7: dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte e poi correre ad una velocità media fino a centro campo, toccare la mano del coach ed eseguire cambio di velocità più elevata fino in fondo; stesso obiettivo dell esercizio precedente con cambio velocità in un determinato momento. Esercizio n 8: esercizio a due, posizionarsi uno di fronte all altro: dalla posizione di base di prontezza, portarsi all indietro con i talloni e in avanti con le punte e poi correre ad una velocità media fino a toccare la mano del compagno, dopo cambio di velocità più elevata fino a fondo campo; stesso obiettivo dell esercizio precedente migliorando l intesa con il compagno eseguendo l esercizio allo stesso ritmo sincronizzando i movimenti. Esercizio n 9: esercizio a due, posizionarsi su di un lato a metà campo: uno parte in palleggio e l altro difende, l attaccante fa cambio di velocità improvviso e va a concludere; obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di velocità per superare il difensore e concludere da sotto canestro; l importante è cambiare la velocità improvvisamente per non farlo recuperare e non eseguire un accelerazione graduale.

12 5 C A B Esercizio n. 10: esercizio a due, un attaccante e un difensore, con appoggio, passaggio all appoggio al lato opposto corsa e cambio di velocità improvviso verso il canestro, ricezione e tiro da sotto; stesso obiettivo dell esercizio precedente senza palla osservando i movimenti del difensore. Esercizio n. 11: posizionarsi nell angolo del fondo campo, correre fino a metà campo e cambio di direzione; obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di direzione con coordinazione ed equilibrio del corpo per acquisire un nuovo spazio vantaggioso nel campo. Esercizio n. 12: posizionarsi nell angolo del fondo campo, correre fino a metà campo tocco della mano del coach e cambio di direzione; stesso obiettivo dell esercizio precedente con cambio di direzione in un determinato momento. Esercizio n 13: esercizio a due, un attaccante e un difensore, con appoggio, posizionarsi su di un lato a metà campo; passaggio all appoggio al lato opposto, correre verso il prolungamento del tiro libero effettuare un cambio di direzione verso l appoggio in avvicinamento al canestro, ricezione, tiro o penetrazione; obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di direzione leggendo il movimento del difensore per acquisire una nuova posizione di prontezza nel campo favorevole per un tiro, una penetrazione o un passaggio. Esercizio n 14: posizionarsi dietro la linea di fondo campo correre fino a metà campo ed eseguire il cambio di senso; obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di senso con coordinazione ed equilibrio del corpo per acquisire un nuovo spazio vantaggioso nel campo. Esercizio n 15: : esercizio a due, un attaccante e un difensore, con appoggio, posizionarsi dietro la linea di fondo campo, passaggio all appoggio in alto, correre fino al prolungamento del tiro libero ed effettuare il cambio di senso verso canestro (back door); obiettivo è migliorare e sviluppare il cambio di senso leggendo il movimento del difensore per acquisire una posizione vantaggiosa per un tiro semplice da sotto. 10 A A C 13

13 A Corso Allievo Allenatore 2008 di Angri Quaderno tecnico modulo 3: Individuali senza palla Obiettivi Gli obiettivi che ci si prefigge di raggiungere sono: Gestione dello spazio/tempo: necessaria abilità di gestione per crearsi dei vantaggi negli spazi del campo in anticipo rispetto agli avversari. Prendere iniziativa rispetto all avversario: proporsi con movimenti di anticipazione. Autonomia e responsabilità: per adottare scelte risolutive delle diverse problematiche. Tipologie degli arresti Le diverse tipologie di arresti sono: Arresto ad un tempo fermando la palla: l arresto ad un tempo si esegue poggiando contemporaneamente i piedi a terra in modo da planare sul suolo, rasente ad esso con gli avampiedi che toccano terra e con le punte leggermente rivolte verso l interno, considerando: o o il tempo di esecuzione: il più rapido possibile. l equilibrio: importante ottenere l equilibrio concentrando il peso del corpo sui due avampiedi per avere maggiore spinta e reattività. L arresto ad un tempo si esegue poco nella ricezione, perché per non perdere l equilibrio in avanti bisogna correre lentamente, e più frequentemente con palleggio per scegliere il piede perno nel movimento successivo. Arresto a due tempi fermando la palla: l arresto a due tempi si esegue poggiando il primo piede (piede perno) con il tallone e poi l avampiede, successivamente il secondo piede con l avampiede; il peso del corpo ricade sul secondo piede. Si utilizza per di più nella ricezione perché consente l arresto senza sbilanciare il corpo dopo una corsa veloce, ma si usa anche in palleggio. Arresto a due tempi in palleggio: si esegue quando si è in velocità ma anche per leggere i

14 movimenti del difensore e adeguarsi. Arresto a due tempi a seguito ricezione della palla: arresto più sicuro in caso di ricezione in corsa veloce. Tipologia delle partenze La scelta delle partenze sono subordinate allo spazio disponibile che si può occupare, dipendente dai movimenti del difensore, e alla tattica posseduta dal giocatore per crearsi nuovi spazi (uso delle finte). I tipi di partenze possono essere: Partenza incrociata: con tale partenza si pone maggiore peso sul piede perno e spinta incrociando l altro piede, a tagliare il difensore per occupare il nuovo spazio in anticipo. La partenza incrociata si effettua quando il difensore si interpone tra il passatore e il ricevente come nella figura 1. Partenza omologa: si effettua palleggiando subito, facendo un passo corto con lo stesso piede della mano con cui si palleggia al fine di superare rapidamente il difensore e occupare uno spazio vantaggioso. La partenza omologa si esegue quando il difensore si pone al lato opposto alla linea di passaggio tra passatore e ricevente come nella figura 2. Uso del piede perno: il piede perno serve per cercare spazi vuoti intorno a sé ed eseguire un tiro o maggiormente per cercare corridoi liberi di passaggio della palla ad un compagno, eludendo l ostacolo del difensore. Fig. 1 Partenza incrociata Fig. 2 Partenz a omolog

15 Scelta degli arresti Gli arresti si scelgono in base a: Arresto ad un tempo fermando la palla: per eseguire un movimento di arresto nel caso non si corre molto velocemente e per scegliere il piede perno. Arresto a due tempi fermando la palla: per eseguire un movimento di arresto quando si corre molto velocemente. Arresto a due tempi in palleggio: per affrontare un raddoppio di marcatura. Arresto a due tempi a seguito di ricezione della palla: per fronteggiare il canestro. Scelta delle partenze Le partenze si scelgono in base a: Incrociata, se il difensore è sbilanciato in anticipo. Diretta, se il difensore segue in ritardo Uso del piede perno Il piede perno si usa per migliorare gli angoli di passaggio palla, in particolare: Giro avanti per fronteggiare il difensore. Giro indietro per allargare gli spazi per passare e liberarsi. Giro per proteggere la palla dal difensore. Le scelte di partenze o giro sono dettate dalla lettura dello spazio vantaggioso. Esercizi per parti dell allenamento Attivazione 1. Esercizio n 1 Ball Handling: esercizio a due, uno di fronte all altro, i giocatori passano la palla ed eseguono skip in avanti e indietro; obiettivo sollecitare la reattività dei piedi propedeutico all arresto e partenze. 2. Esercizio n 2 Ball Handling: stesso esercizio precedente con la variante di skip laterale; stesso obiettivo precedente. Tema della giornata 3. Esercizio n 3: palleggio e arresto a un tempo; obiettivo è sviluppare l arresto a un tempo con il palleggio. 4. Esercizio n 4: palleggio e arresto a due tempi; obiettivo è sviluppare l arresto a due tempi con il palleggio. 5. Esercizio n 5: passaggio in avanti presa e arresto a un tempo; obiettivo è sviluppare l arresto a un tempo con la ricezione. 6. Esercizio n 6: passaggio in avanti presa e arresto a due tempi; obiettivo è sviluppare l arresto a due tempi con la ricezione. Esercizi per automatizzazione della nuova abilità 7. Esercizio n 7: dalla linea di fondo palleggio e arresto a un tempo sulle linee di tiro libero e sulla linea di centro campo con tiro finale facendo attenzione a ricadere nella stessa posizione; obiettivo è sviluppare l arresto a un tempo in un determinato punto del campo con attenzione all equilibrio del corpo. 8. Esercizio n 8: stesso esercizio precedente con la variante dell arresto a due tempi; stesso obiettivo precedente con l arresto a due tempi 9. Esercizio n 9: esercizio a due: uno dietro l altro, il giocatore dietro passa la palla avanti e il

16 giocatore davanti esegue arresto in un tempo; obiettivo è sviluppare l arresto a un tempo ponendo l attenzione sull arrivo della palla improvvisamente Esercizio n 10: stesso esercizio precedente con la variante dell arresto in due tempi; stesso obiettivo precedente con l arresto a due tempi. 11. Esercizio n 11: esercizio a due uno di fronte all altro: un passatore e un ricevitore che arresta a due tempi spostandosi lateralmente a destra e sinistra; obiettivo è sviluppare l arresto a due tempi con la ricezione. 7-8: palleggio e arresto sui punti con tiro finale Esercizio n 12: una fila a centro campo con palla e un appoggio sulla lunetta; passaggio all appoggio corsa a destra o sinistra, ricezione e arresto a due tempi rispettivamente con piede sinistro - destro e con piede destro sinistro e partenza incrociata; obiettivo è sviluppare l arresto a due tempi con coordinazione e la partenza incrociata. 13. Esercizio n 13: una fila a centro campo con palla e un appoggio sulla lunetta; passaggio all appoggio corsa a destra o sinistra, ricezione e arresto a due tempi rispettivamente con piede sinistro - destro e con piede destro sinistro, finta e passaggio di nuovo all appoggio, corsa all altro lato, ricezione rispettivamente con piede destro - sinistro e con piede sinistro destro e partenza incrociata; obiettivo è sviluppare l arresto a due tempi con coordinazione, la finta e la partenza incrociata.

17 A Esercizio n 14: esercizio a due con due palloni posti sulle linee laterali: passaggio e ricezione in due tempi, il passatore corre per ricevere la palla consegnata, si gira ed esegue partenza incrociata, palleggia fino a posizionare la palla sulla linea laterale, si rigira e riceve palla dal compagno con arresto a due tempi e così via; obiettivo è sviluppo dell arresto a due tempi, partenza incrociata con collaborazione e ritmo. 15. Esercizio n 15: esercizio a due, un difensore e un attaccante dalla linea di fondo con un appoggio all altezza del prolungamento del tiro libero; passaggio dell attaccante all appoggio, corsa di entrambi verso l appoggio, il difensore tocca la mano destra dell appoggio e l attaccante esegue partenza incrociata e penetrazione a sinistra dell appoggio; obiettivo è sviluppare la partenza incrociata in situazione di 1c1; 16. Esercizio n 16: stesso esercizio precedente con la variante che il difensore tocca la mano sinistra dell appoggio e l attaccante esegue partenza omologa e penetrazione; obiettivo è sviluppare la partenza omologa in situazione di 1c1; Verifica agonistica del lavoro svolto 17. Esercizio n 17: due coppie, due difensori e due attaccanti, in posizione di ala con l appoggio centrale in alto, incrocio degli attaccanti e ricezione con arresto, in base alla posizione del difensore, partenza incrociata o omologa; obiettivo è utilizzare l arresto e la partenza in situazioni di gioco. 18. Esercizio n 18: una coppia all altezza del post basso, un difensore e un attaccante, e una fila al centro in alto con palla; passaggio al post e taglio, il post esegue giri in avanti, indietro per crearsi spazio usando il piede perno e passaggio al compagno che taglia. 15 A Partenza omologa A Partenza incrociata

18 17 A Partenza incrociata o omologa Movimento in Post e passaggio al taglio Corso Allievo Allenatore 2008 di Angri Quaderno tecnico modulo 5: IlTiro Fine ultimo del gioco della pallacanestro è quello di segnare più punti della squadra avversaria. Per far ciò i giocatori dovranno effettuare una serie di tiri a canestro. L'utilizzo dei fondamentali, la collaborazione tra compagni, il gioco di squadra tutto è finalizzato alla costruzione di un buon tiro. Un tiro può essere considerato un buon tiro se effettuato in situazione di equilibrio, senza la pressione degli avversari. Il tiro è il movimento più personalizzato tra i fondamentali. Ogni giocatore crescendo modifica in modo più o meno accentuata quella che è l'esecuzione classica del tiro. Il tiro: Obbiettivi I principali obbiettivi del fondamentale di tiro sono: Concretizzare un vantaggio di spazio o di tempo acquisito da se stessi o da un compagno Finalizzare il gioco (segnare punti) Fig.1 Concretizzare un vantaggio acquisito attraverso un tiro

19 Nella situazione di gioco rappresentata nel diagramma rappresentato in figura 1 possiamo notare come il giocatore in possesso di palla concretizzi la situazione di vantaggio acquisito dal compagno di squadra effettuando un tiro. Il giocatore numero 2 concretizza il vantaggio acquisito dal suo compagno attraverso la penetrazione in area effettuando un tiro a canestro in situazione di equilibrio. Il tiro: Principali fattori I principali fattori che intervengono nell'esecuzione di tiro sono di tre ordini e più precisamente: tecnico, fisico, mentale. Possiamo infatti distinguere: Sensibilità delle dita ( il fattore interviene soprattutto nella fase di ricezione o raccolta della palla e nel movimento preparatorio di sistemazione della palla sulla mano - che precede l'atto di tiro) Equilibrio (da intendersi sia come equilibrio di tipo fisico, sia di tipo mentale. Un buon tiro va effettuato con raziocinio e fiducia in se stessi) Coordinazione (nell'atto di tiro è fondamentale avere una buona coordinazione di tutto il corpo. Quindi, sia degli arti superiori sia di quelli inferiori che intervengono nella fase di spinta) Meccanica di tiro ( l'esecuzione tecnica e stilistica del gesto. Spesso viene subordinata all'efficacia dello stesso. Se infatti un tiro non stilisticamente ineccepibile risulta comunque efficace si tende a non correggere il gesto) Forza ( è data dalla risultante della spinta ricevuta dall'insieme delle leve del corpo. Bisogna tenere conto, quindi, che la forza è il risultato della spinta data sia dagli arti inferiori sia da quelli superiori) Mira ( essendo, il tiro, un gesto fortemente automatizzato quasi nessun giocatore è conscio di dove guarda durante l'esecuzione di un tiro. Si usa, comunque, consigliare ai giocatori di guardare sempre il ferro d'avanti quello più vicino a noi quando si esegue un tiro.) Autonomia e responsabilità ( Il tiro è fortemente influenzato da fattori psicologici, esso è il momento più individuale nel gioco della pallacanestro. Nel decidere di tirare un giocatore esclude la collaborazione con i compagni di squadra, assumendosi pienamente la responsabilità di finalizzare l'azione. I principali fattori emotivi che condizionano il tiro sono dunque: la determinazione del giocatore che effettua il tiro, il coraggio di assumere su di se la responsabilità di finalizzare l'azione, il giusto egoismo del giocatore che fa una scelta individuale. Un tiro per essere efficace deve tener conto di tutti questi fattori e deve perciò essere effettuato in condizioni di equilibrio psico-fisico senza tener conto di eventuali pressioni temporali. Il movimento di tiro deve essere sempre pulito e completo per essere efficace.) Il tiro: Caratteristiche tecniche Le caratteristiche tecniche del tiro sono: Presa della palla: presa della palla con i polpastrelli delle dita delle mani aperte a formare una V. Posizione della palla e del corpo: palla sopra la testa (vedere il canestro da sotto); mano destra sotto la palla (tale da mantenere la palla senza il sostegno dell altra mano) e sopra l occhio destro (per i mancini è il contrario); mano sinistra (mano destra per i mancini) a lato della palla per la mira; gomito verso il canestro; posizione equilibrata del corpo, allineamento: avampiedi leggermente verso l interno, ginocchio, gomito, occhio, mano di

20 tiro; piede forte e busto leggermente in avanti. Bisogna prestare attenzione alla posizione della palla mentre si esegue un movimento, come la posizione giusta mentre si riceve, mentre ci si gira al fine di sfruttare i tempi non impiegati diversamente. Movimento e rilascio palla: il tiro è il risultato di una sequenza di movimenti coordinati di tutto il corpo che parte dai piedi per finire con le mani. Il rilascio del pallone avviene nella fase finale con la spinta della mano forte in alto e con torsione verso il basso del polso in modo da alzare la parabola e permettere al pallone di fare una rotazione all indietro per creare l effetto necessario e agevolare l entrata nel canestro. Spinte: tutto il corpo spinge la palla verso canestro, non solo le gambe o le braccia; la spinta parte dagli avampiedi e termina con la mano forte con precise angolazioni delle ginocchia e dei gomiti. L uso delle finte è frequente per disorientare il difensore e crearsi spazi disponibili per tiri più agevoli. Bisogna ricordare che il tiro è il movimento meno naturale tra quelli che caratterizzano il gioco del basket. La meccanica di tiro è ottenuta tramite un lavoro di condizionamento organico attraverso il quale abituiamo l'organismo ad eseguire un determinato movimento. E' importante, dunque, tener presente il concetto del mentre. Il movimento di tiro non è formato da una catena di movimenti successivi, ma, al contrario è un insieme di movimenti quasi contemporanei (ad es. mentre ricevo la palla fronteggio il canestro, mentre fronteggio il canestro lascio scivolare la palla tra le mani per ottenere una presa corretta, mentre lascio scivolare la palla tra le mani, la porto sull'occhio destro...etc etc) Tipi di tiro I principali tipi di tiro sono: Palleggio arresto e tiro (con arresto a 1 e a 2 tempi) Tiro piazzato (in elevazione o da tiro libero) In uscita (fronteggiando il canestro) Tiro in corsa ( 2 o 3 tempo) Il palleggio arresto e tiro: Esecuzione: è la naturale prosecuzione del fondamentale di palleggio e quindi di movimento sul campo. Si esegue raccogliendo la palla dal palleggio effettuiamo dunque un ultimo palleggio più forte in modo da portare la palla all'altezza del petto ed effettuando un arresto ad 1 o a 2 tempi. La mano debole (ovvero quella che non tira) va tenuta di fianco al pallone con le dita rivolte verso l'alto. I pollici della mano debole e della mano forte devono formare una T. Il tiro non va effettuato con la mano intera (infatti la palla non deve toccare il palmo della mano), bensì con i polpastrelli che assicurano una giusta rotazione ed una giusta parabola. Da ricordare che il gomito del braccio forte (ovvero quello da cui parte il tiro), deve essere piegato a 90 gradi e anche il polso, a sua volta, deve avere questa angolatura (l'angolatura viene considerata corretta se levando la mano d'appoggio la palla non cade). Per garantire un maggiore equilibrio, le gambe devono essere aperte quanto la larghezza delle spalle e il gomito della mano forte deve essere allineato con la gamba dello stesso lato. Mentre le gambe si piegano, la mano forte e la mano debole iniziano a disporsi come sopra descritto, e quando il piegamento delle gambe sarà terminato si sentirà nella mano la forza necessaria per effettuare il tiro; con la frustata del polso della mano forte si sfrutta questa forza in modo tale da ottenere un tiro preciso. Dopo l'esecuzione del gesto le braccia dovranno restare alte il polso dovrà essere piegato a 90 con le dita rivolte verso il basso e i bicipiti dovranno trovarsi d'avanti alle orecchie di colui che ha effettuato il tiro.

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE Anno VI Num.3/12 SOMMARIO ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE DI M. RIGA.. 1 ALLENAMENTI PER LA CATEGORIA U15-17 - SECONDA PARTE DI R. PACIUCCI...4 SOFTWARE BASKETCOACH PLAY BOOK...7 WBSC SUPERCAMP - GLI ESERCIZI

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Primo non fare disastri

Primo non fare disastri Primo non fare disastri Attenzioni alle abitudini senza ritorno : 1. Aspettare l errore dell attaccante è mortale per creare DIFENSORI, 2. Difendere = fatica dove può essere il piacere gusto, 3. Prendere

Dettagli

<< CENTO ESERCIZI PER I GIOVANI >>

<< CENTO ESERCIZI PER I GIOVANI >> > Sviluppati e riadattati sulla base della famosa serie U.C.L.A. da Bruno Boero Questa progressione di lavoro sui fondamentali individuali, particolarmente adatta per i

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

La Ricezione del Servizio

La Ricezione del Servizio 1 La ricezione del servizio La Ricezione del Servizio La ricezione è un aspetto fondamentale della pallavolo che deve essere padroneggiato affinché la squadra raggiunga un alto livello di gioco. Senza

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori Esercizio Uno contro zero serie auto passaggio Giocatori disposti come da diagramma n. 43. Il primo della fila esegue nell ordine: auto passaggio, ricezione, fronteggiare il canestro, partenza incrociata

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

Argomenti dei moduli:

Argomenti dei moduli: Argomenti dei moduli: L attacco nella pallavolo femminile di alto livello Muro/difesa e Contrattacco nella pallavolo femminile ad alto livello Alberobello 16 maggio 2004 L attacco si allena in funzione

Dettagli

Giglioli Mauro IL MURO

Giglioli Mauro IL MURO Giglioli Mauro IL MURO Il muro è la prima linea di difesa della squadra. Fare muro è una manovra esplosiva che assolve a diverse funzioni. La funzione primaria è intercettare l attacco avversario e respingerlo

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO

Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO 1 - Bagher e Attacco Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO Relatore prof. Bosetti 2 - Bagher e Attacco Il BAGHER L analisi del prof. Bosetti è mirata esclusivamente al settore giovanile, ponendo quasi

Dettagli

CENTRI MINIBASKET BAMBINI ISTRUTTORI 2500 125.000 7200 PULCINI 2003/2004 SCOIATTOLI 2001/2002 GAZZELLE F 2000/2001/2002 AQUILOTTI 1999/2000 ESORDIENTI M 1998/1999 F 1998/1999/2000 INCONTRO TRA MINIBASKET

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ALLIEVO ALLENATORI (REGIONE MARCHE 2013) Gli aggiornamenti rispetto alla Guida al Corso della versione 2012 sono evidenziati in verde

PROGRAMMA CORSO ALLIEVO ALLENATORI (REGIONE MARCHE 2013) Gli aggiornamenti rispetto alla Guida al Corso della versione 2012 sono evidenziati in verde PROGRAMMA CORSO ALLIEVO ALLENATORI (REGIONE MARCHE 2013) Gli aggiornamenti rispetto alla Guida al Corso della versione 2012 sono evidenziati in verde INTRODUZIONE 2013 Le modifiche apportate rispetto ai

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica:

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica: Alba 3 novembre 2010 Lezione tecnica per allenatori Le colpe degli allenatori: 1. Presentare la difesa come una serie di DOVERI da seguire ciecamente, 2. Dare troppi in-put spesso non collegati alla realtà

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001 DISPENSA 2000 e 2001 prof. Piergiorgio Manfrè - aggiornamento novembre 2001 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla

Dettagli

Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile

Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile Bari 20 maggio 2006 Tali aspetti sono sempre concatenati tra di loro e gli uni propedeutici agli altri Se partiamo

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

CENTRO DI QUALIFICAZIONE PROVINCIALE ROMA GUIDA TECNICA SETTORE FEMMINILE

CENTRO DI QUALIFICAZIONE PROVINCIALE ROMA GUIDA TECNICA SETTORE FEMMINILE CENTRO DI QUALIFICAZIONE PROVINCIALE ROMA GUIDA TECNICA SETTORE FEMMINILE GUIDA TECNICA FEMMINILE INTRODUZIONE LA RICEZIONE ANALISI TECNICA DEL FONDAMENTALE: ESERCIZI PER LA SENSIBILIZZAZIONE DEL BAGHER

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

Contro la parete. Principianti (2 punti per ogni ripetizione) Avanzati (3 punti per ogni ripetizione) Esperti (4 punti per ogni ripetizione)

Contro la parete. Principianti (2 punti per ogni ripetizione) Avanzati (3 punti per ogni ripetizione) Esperti (4 punti per ogni ripetizione) Contro la parete Lanciare la palla a due mani contro una parete e riprenderla. Palleggiare la palla contro la parete senza interruzione. Far rimbalzare due palloni contemporaneamente contro la parete usando

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007)

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) (Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) ATTACCO ALLA UOMO BASATO SU PRINCIPI DI GIOCO COLLETTIVO - Quello che gli americani chiamano Reading Offense, cioè Attacco basato sulla

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 Es.1: RICEZIONE DOPO SMARCAMENTO + PARTENZE. Durata: 10 min 1 passa a C effettua taglio a canestro, ritorna per ricevere la palla con arresto + strappo con partenza incrociata

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

Pratica della velocita

Pratica della velocita Training B Ticino 2011 l. Di Tizio Pratica della velocita 1. Riscaldamento intensive con eserzitazioni dinamiche - corricchiare e saltellare sugli avampiedi differenti velocita e direzioni - slanci rimbalzati

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O Rev. N 9 Data: 03/10/2013 Le modifiche sono evidenziate in campo giallo e riguardano: Ruoli 1 e Ruoli 2 (la palla a questi giocatori può essere solo consegnata o passata con passaggio

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici Test di nuoto 1 8 Distintivi d incoraggiamento I test svizzeri negli sport acquatici Test 1 Balena Crawl con movimento delle anche Bracciata crawl. Nel momento dell immersione della mano le anche si sollevano.

Dettagli

CENTRO QUALIFICAZIONE NAZIONALE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE

CENTRO QUALIFICAZIONE NAZIONALE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE di Luigi Schiavon * * Allenatore Nazionale Juniores Maschile SITUAZIONE PUNTO Nel momento in cui

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Giochi e proposte per un BASKET GIOVANILE creativo. Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011. per ragazzi nati nell anno 2000

Giochi e proposte per un BASKET GIOVANILE creativo. Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011. per ragazzi nati nell anno 2000 8 dicembre 2011 Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011 PROPOSTE TECNICHE: A) Ball-Handling (dimostratore Fabio Grugnetti Scugnizzo ): -usiamo una progressione precisa con obiettivi identificabili,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO S.S.N.F.

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO S.S.N.F. INDICE Pag 3 Pag 4 Pag 5 Pag 8-11 Pag 12-18 Pag 19-20 Pag 21-25 Pag 26-28 Pag 29-31 Pag 32-33 Pag 34 Regolamento Allenatori e staff Regolamento Atlete Vademecum Genitori Scansione Moduli Allenamento Tipo

Dettagli

Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini

Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini Calcio Imparare la tecnica del colpo di testa con l ausilio delle immagini Documento del capo di disciplina G+S Autore/Capo di disciplina: Bruno Truffer Ottobre 2014 UFSPO 2532 Macolin 2 Indice 1. Importanza

Dettagli

Rotazione. Sostituzione NORME DI BASE Terreno e attrezzature di gioco. Dimensioni. Superficie di gioco. Linee. Partita e punteggio. Zona d'attacco.

Rotazione. Sostituzione NORME DI BASE Terreno e attrezzature di gioco. Dimensioni. Superficie di gioco. Linee. Partita e punteggio. Zona d'attacco. PALLAVOLO La pallavolo fu ideata nel 1895 da William G. Morgan, insegnante di educazione fisica, ma solo ventisette anni dopo fu possibile organizzare il primo torneo internazionale che si disputò a New

Dettagli

I Fondamentali dell Arbitro Iniziale. Set tore Tecnico Comitato Italian o Arb itri

I Fondamentali dell Arbitro Iniziale. Set tore Tecnico Comitato Italian o Arb itri I Fondamentali dell Arbitro Iniziale Set tore Tecnico Comitato Italian o Arb itri Premessa La crescita di un Arbitro di pallacanestro deve essere finalizzata alla sua formazione, come elemento capace di

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1 A cura del Prof. Mario Testi - Testo del Prof. Loredano Rizzoni, Allenatore federale F.I.P.A.V. Il minivolley è un tipo d'attività ludica che utilizza i gesti tipici della pallavolo. In quest'attività

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

"Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter."

Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter. "Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter." A tutte le giocatrci In vista di un lungo ed intenso campionato di basket,che affronteremo insieme, nella prossima

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET LA PALLA: MEZZO E/O METODO PER LO SVILUPPO DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE di Fabio Bagni Camminare per tutta la palestra, lontani l uno dall altro Camminare stando vicini Camminare all indietro, prima lontani,

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI Prima di inoltrarmi ad analizzare le proposte da proporre ai bambini di 5-6 anni, spiego un concetto, a mio parere, importante, il: CARICO MENTALE Quando

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli