L animale normativo. Riflessioni sulla nostra differenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L animale normativo. Riflessioni sulla nostra differenza"

Transcript

1 L animale normativo. Riflessioni sulla nostra differenza ROBERTA DE MONTICELLI Premessa: moralità e natura Ne La questione morale ho sostenuto che la profondità di questa questione, di cui pure parliamo tutti i giorni, ci sfugge ancora quasi completamente. Non si tratta di qualche accidente che riguarda i comportamenti dei politici, e nemmeno soltanto di una degenerazione complessiva, che pure sembra in atto, della funzione di rappresentanza dell interesse pubblico da parte della politica. La questione ha a che fare con i nostri mores, con la nostra vita quotidiana, e con la qualità della nostra esperienza assiologica e della nostra maturità personale. Ho sostenuto che c è una storia profonda della questione morale che né le teorie politiche né quelle etiche della modernità hanno saputo decifrare, e che ci conduce alla situazione in cui ci troviamo oggi in particolare qui, in Italia. E ho argomentato che una ragione per la quale la storia profonda della questione morale non è stata veramente compresa è che siamo abituati a pensare la sfera pratica della nostra vita la sfera delle decisioni, delle scelte, delle azioni, dei comportamenti per comparti separati: etica, diritto, politica, religione e le rispettive filosofie. Mentre la questione morale li attraversa tutti, proprio perché si genera dalle dipendenze fra mores, politica, religione e diritto, in un circolo che ci sfida a ripensare invece, al di là di tutte le necessarie distinzioni, la natura profonda della normalità ovvero della normatività radicata nel nostro comportamento quotidiano. La questione morale è una questione antropologica nel senso che, al di sotto dei modelli di società che ispirano le diverse volontà politiche in competizione nelle arene nazionali e in quella internazionale, si profilano modelli di umanità, e più esattamente dovremmo dire, di normalità personale, molto differenti. La questione morale si chiudeva sulla constatazione che il modello di normalità personale che abbiamo in mente quando parliamo di «personalità adulta» o «matura», che possiamo caratterizzare mediante le nozioni di autonomia e di responsabilità, è una possibilità, non certo una necessità della nostra natura. Per le ragioni che vedremo, vorrei caratterizzare questo modello di normalità personale come modello della veglia morale. A questo modello daremo il nome del personaggio che più intensamente e nobilmente l ha rappresentato nella nostra tradizione: Socrate. Quello che la storia recente ci insegna è che le comunità umane, anche quelle che hanno sviluppato istituzioni come la democrazia, possono facilmente farne a meno, come AldousHuxley vide assai bene quando prospettò, in Brave New World, la sua società di ipnotizzati morali. Se chiamiamo «modello socratico» il modello di normalità personale opposto a quello di Huxley, allora possiamo dire che l umanità socratica è una possibilità antropologica, una possibile via dell evoluzione ma una via che non solo non è necessaria: non è neppure, una volta imboccata, irreversibile. Come imboccarla sempre di nuovo, questa è la parte pratica della questione morale. Cioè la parte che riguarda il che fare: che cosa vogliamo fare di noi stessi. La parte teorica della questione morale riguarda la natura ultima della normalità umana. È questo ultimo aspetto della questione morale come questione antropologica, o questione sulla natura della nostra normalità l orizzonte della mia attuale ricerca, di cui vorrei comunicarvi qualche spunto. Confesso che in questa presentazione non ho solo uno scopo teorico, ma anche uno pratico: indicare quanto urgente sia, per chi condivide la convinzione che il modello socratico di umanità, cioè quello della veglia morale, sia migliore del modello degli ipnotizzati morali, 1

2 convincersi che fra veglia e sonno morale c è una vera differenza, e che non sono semplicemente due modi del sognare, per cui tanto vale continuare a dormire in pace. Il mio ultimo scopo è indicare a tutti noi quanto urgente sia svegliarsi. Un gioco, per cominciare Partiamo da un piccolo gioco, che ciascuno può fare con figli o nipoti purché abbiano almeno nove mesi di età, meglio se già diciotto. Ce lo ha insegnato il famoso psicologo infantile, ma anche comparativista animale, Michael Tomasello. C è una casetta-giocattolo con porta e finestra, e un pupazzetto. Giochiamo a fare entrare in casa il pupazzetto. Io lo faccio bussare prima alla porta, ma è chiusa. Allora lo faccio entrare dalla finestra. Tocca a te, dico al bambino. Lui trova la finestra chiusa. Non è che rinuncia: lo fa entrare dalla porta (che intanto si è aperta). Ha capito non solo quale doveva essere il risultato finale, ma anche la mia intenzione. Non si limita a copiare l azione, ma riproduce l azione per realizzare la stessa intenzione. Capisce cosa voglio fare e lo rifà intenzionalmente. Sembra che le scimmie, quand anche scimmiottino, non sappiano in questo senso imitare, ma solo «emulare» dove il termine è usato per dire appunto che al massimo sanno imitare l uso di un mezzo per scopi che già hanno indipendentemente, non condivisi: ad esempio se insegno loro a usare un bastone per recuperare del cibo altrimenti irraggiungibile. Ma le scimmie non si mettono a giocare con me gratis, e non imparano le regole del gioco. Ad esempio giochiamo a nascondino. Se un altro bambino arriva e non rispetta le regole, i partecipanti glielo dicono: non si fa così. Se poi c è da cambiare ruolo, ora tu aspetti e io mi nascondo, anche qui il bambino non imita l azione, ma il metodo. Anzi a partire da una certa età fa una cosa straordinaria, che nessun animale fa e che si vede meglio con un azione più semplice: se io do un colpetto sulla fronte al bambino, in un gioco di imitazione, lui reciproca, e dà un colpetto sulla fronte a me. Qui è la base di una delle più complesse abilità che sono senza dubbio alla base della comunicazione linguistica, ma rivelano anche un salto cognitivo enorme rispetto al più intelligente dei primati: la capacità di relativizzare il proprio punto di vista sulla realtà, di afferrare che ce ne sono anche altri, di vedere il mondo anche dal punto di vista di questi altri. Imitazione come capacità di cogliere l intenzione altrui, attenzione condivisa come capacità di condividere informazione sul mondo, cooperazione: Tomasello ha mostrato che è esercitando queste capacità che impariamo a stare al mondo come umani. Cioè che effettivamente la trasmissione culturale che sarebbe impossibile senza queste capacità naturali di base, presenti già a partire dal nono mese è parte necessaria del nostro divenire membri «normali» della specie umana. La capacità più basilare fra queste, a quanto pare innata negli umani ma non negli altri primati, è proprio quella di condividere l attenzione a qualcosa. La verifica più limpida che noi abbiamo questa capacità fin da infanti, mentre gli altri primati no, è il più basilare degli atti di comunicazione umana, il puntare il dito. Se stiamo giocando a costruire una casa coi cubetti e io punto il dito, il bambino in fase pre-linguistica capisce e guarda nella direzione indicata, dove c è il pezzo mancante e può anche indicarlo lui stesso a me. Perché questo gesto abbia senso, occorre che condividiamo un contesto nel caso più semplice quello dell azione in corso. Se io punto il dito ora senza nessun contesto comune, non capite cosa io intenda. Ma se io indico a uno scimpanzé il punto dove è nascosta la ricompensa che sta cercando, in genere lui non capisce. Nei due libri di Michael Tomasello successivi a The cultural origins of human cognition, The origins of human communication and Why we cooperate, l autore ipotizza che alla base di questa innata disposizione a condividere azioni e intenzioni, quindi ai giochi cooperativi, ci sia stata la modificazione genetica chiave che ha portato i nostri antenati primati a diventare noi. Questa disposizione dunque sarebbe proprio quella che fa la differenza e permette l ominizzazione, dallo sviluppo del linguaggio alla creazione di tutte le istituzioni sociali, e soprattutto alla trasmissione culturale, che è cosa qualitativamente diversa dall apprendimento sociale animale. 2

3 I primati che imparano a lavare le patate prima di mangiarle o non trasmettono veramente quest arte ai nipoti oppure la cosa non fa gran differenza perché questa possibilità viene di tanto in tanto riscoperta dalle nuove generazioni ma si riparte sempre da zero: non c è alcun cumulo. Non c è propriamente crescita tramite accumulo e innovazione nel mondo animale. Tomasello studia in particolare l effetto ratchet: dove lo strumento viene migliorato attraverso innovazione individuale o cooperativa, e la trasmissione culturale non riparte da zero, ma permette di innovare sul miglioramento già acquisito. Questa è la differenza fra social learning e cultural learning. Un possibile equivoco: la naturalizzazione dell etica Questa individuazione di una precondizione, guadagnata dai nostri predecessori su base evoluzionistica, della nostra umanità, da un lato è indubbiamente affascinante (da una differenza che geneticamente è piccola proverrebbe una cascata spettacolare di conseguenze); ma dall altro rischia di generare un malinteso: la tesi che gli umani sono tali in quanto sono per natura capaci di cooperazione si trasforma impercettibilmente nella tesi che siamo per natura buoni o almeno simpatici, in una specie di tesi neo-roussoviana; i sentimenti di simpatia e la cooperazione sono disposizioni naturali che, instauratisi casualmente, ci hanno assicurato un vantaggio selettivo: e i sistemi normativi umani sono il semplice rafforzamento di questa natura. In una versione ulteriormente semplificata, essere cooperativi è già essere buoni, o è già fondamento di moralità. Che questo rischio ci sia già come tentazione nello stesso Tomasello si vede anche dai due esergo dell ultimo libro: uno è la tesi di Machiavelli «Un principe deve imparare a non essere buono»; l altra una citazione dalla filosofa kantiana, Christine Korsgaard: «the primal scene of morality is not one in which I do something to you or you do something to me, but one in which we do something together» (51). Questo possibile equivoco farebbe delle ricerche ammirevoli di Tomasello una sorta di sostegno a quella corrente oggi molto diffusa che tende alla «naturalizzazione dell etica», non nel senso vago e innocuo che vede nell etica una disciplina normativa priva di altro fondamento che la natura umana, e in particolare priva di fondamento «soprannaturale» insomma l etica non ha a che fare con la religione e non la presuppone, tesi questa che daremo qui per scontata e pacifica. Ma in quale altro senso? Quello, in ultima analisi, di una riduzione delle norme morali (e delle norme in generale) all espressione di regolarità di comportamento, di «leggi» nel senso in cui sono tali le leggi di natura. Su questa base non ci sarebbero differenze qualitative fra le leggi che regolano la nostra digestione e quelle che regolano le nostre azioni.ma una «naturalizzazione dell etica» in questo senso paradossalmente ci farebbe perdere di vista esattamente il risultato della ricerca di Tomasello: che alla formazione dell umanità in ciascuno di noi umani precisamente non basta la natura, ma ci vuole anche la cultura. Tuttavia questa tesi è infine piuttosto nota e acquisita, anche se oggi in vario modo rimessa in discussione. Vogliamo invece metterla a fuoco meglio, proprio a partire dall ipotesi naturalistica di biologia evoluzionistica che la nostra differenza di base dagli antenati pre-umani sia quella mutazione che ha fatto di alcuni di loro degli animali essenzialmente cooperativi e non solo competitivi. Che cosa comporta questa scoperta? Che cosa ci può insegnare sulla natura stessa della cultura? Il fenomeno da cui partire. L animale normativo La «normalità» del nostro vivere, per quanto riguarda la parte cosciente di questo vivere tutta la nostra vita cosciente, quasi nessuno stato escluso, che si tratti di azioni, decisioni, emozioni, pensieri, percezioni va intesa nel senso proprio di normatività. Questo è un fenomeno che stupisce gli attuali studi sulla coscienza esplosi in quantità e qualità fra i filosofi analitici in seguito alla fioritura delle neuroscienze non rilevino, o rilevino molto poco. Ecco invece un passo tratto da un 3

4 filosofo che di questo fenomeno fece il punto di partenza di tutta intera la sua riflessione. Questo filosofo è Edmund Husserl e il passo che vi cito risale al 1924: «L animale è soggetto a meri istinti, l uomo anche a norme. Ogni genere d atto di coscienza è attraversato da una coscienza normativa, intrecciata con esso, del giusto e dell ingiusto (dell adeguato e dell inadeguato, del bello e dell odioso, dell opportuno e dell inopportuno), la quale motiva un agire corrispondente nell ambito della conoscenza, della valutazione, dell azione, sia esso rivolto alle cose o alla società» (71). In effetti è questo il fenomeno più vivido e cospicuo di tutta la nostra vita cosciente, vista dall interno ma anche vista dall esterno: tutti i nostri stati sono per così dire soggetti alla questione implicita o esplicita, a volte semplicemente all interrogativo senza questione: è giusto o sbagliato? Va bene così? Nel passo husserliano vediamo per così dire il lato interno delle decisioni, valutazioni, azioni, atteggiamenti descritti in questo: la parola chiave è «coscienza normativa del giusto e dell ingiusto». Occorre qui intendere la parola nel senso più lato dell italiano «giustezza» (di cui «giustizia» è solo un valore particolare), del tedesco richtig, del latino rectus. C è una coscienza normativa, dice Husserl, che attraversa ogni nostro fare, dire, pensare, percepire, sentire: ci rendiamo conto del suo essere più o meno adeguato, corretto, opportuno, riuscito Più o meno aggiustato, giusto. Più o meno «come si deve». Più o meno conforme a ciò che è richiesto, a ciò che è «esatto» (da esigenza). Vale la pena di insistere sul carattere pervasivo di questo sfondo normativo del vivere umano. Nessun tipo d esperienza resta estraneo a questa possibile (in)adeguatezza. Una percezione può essere illusoria, e per questo la percezione è tanto fallibile quanto correggibile: e noi costruiamo l insieme dei nostri comportamenti sul presupposto che le nostre percezioni siano veridiche. I giudizi sono spesso erronei. Un emozione può essere inappropriata, un sentimento ad esempio disprezzo o rancore infondato, una decisione più o meno opportuna, conveniente, giusta. Forse solo l immaginazione si sottrae a questa pressione della norma ma solo entro certi limiti. Ad esempio, provate a immaginare veramente un quadro alla Escher. Non vi riuscirete più di quanto riusciate a ottenere una percezione «coerente» di un suo quadro. Non si può dunque immaginare proprio qualunque cosa. O forse si può ma solo in sogno. La presenza della questione normativa distingue in effetti gli stati di veglia da quelli di sogno, che possono svolgersi del tutto indipendentemente dai vincoli normativi, anche se non necessariamente lo fanno. La vita cosciente e desta si presenta forse diversamente dal punto di vista esterno? Certamente no, l evidenza è semmai accresciuta. Quando vediamo gli altri fare cose, esprimere pensieri, rendersi o no conto delle circostanze, avere o no percezioni corrette, prendere o no decisioni adeguate, parlare come si conviene o no cosa facciamo se non sollevare tutto il tempo questo interrogativo normativo? «Non giudicare», dice il vangelo: ma questa sembra davvero una richiesta più che umana. Noi umani possiamo essere indulgenti o gentili, ma non possiamo costringerci a non vedere se una cosa è fatta come si deve o no. Al massimo possiamo rivolgere l interrogativo normativo verso noi stessi: il mio giudizio è adeguato? Fondato? Giustificato? Stupisce, dicevamo, che nelle moderne teorie della coscienza questa pervasività dell elemento normativo non sia messa nel giusto rilievo. Si parla ancora di intenzionalità e rappresentazione, si parla di qualia irriducibili a intenzionalità e rappresentazione e non si parla di normalità. Eppure c è anche una specie di indizio linguistico nelle lingue almeno che usano la stessa parola coscienza per gli stati coscienti di qualunque tipo e per la coscienza morale, cioè per una particolare forma di coscienza normativa. Ma una volta che abbiamo colto nei fenomeni del comportamento umano cosciente questa caratteristica dimensione normativa, ecco che abbiamo la base per una concezione nuova della nostra diversità dal resto del mondo animale. Abbiamo fatto una scoperta: l anima di ogni cultura a cominciare dalla suo stesso scheletro, la lingua di quella cultura è un anima normativa, è in qualche modo coscienza di un dovuto. Nell esempio della lingua lo si vede con la massima 4

5 chiarezza. Nessuno parla come gli passa per la testa, perché non parlerebbe affatto. Parlare è piegarsi alle norme di senso della lingua in cui si parla (Fra parentesi, questa è anche la ragione per la quale la degenerazione della lingua nello spazio della ragione pubblica è un sintomo così grave di declino della civiltà intacca una cultura nella sua anima stessa, intacca per così dire la stessa forma del giusto: eleva a «normalità» lo sgorbio, il solecismo, e perfino l osceno. Quando poi si arriva ai gesti da suburra e ai barriti, io credo che si sia oltre il rischio. La civiltà è semplicemente finita. Almeno se come ora nessuno a quanto pare protesta, forse addirittura nessuno se ne accorge. Qui siamo tornati indietro anche rispetto alla linea che separa l asilo nido di Tomasello dalle gabbie dei suoi scimmioni: non un bambino che si fa avanti a dire che sono state infrante le regole del gioco) L animale normativo è l animale neotenico Questo dato è ben noto: siamo gli animali dall infanzia più lunga, quelli che impiegano più tempo a guadagnare l indipendenza vitale. Questo non sorprende, data l immensità del sapere implicito, teorico e pratico, che chiamiamo senso comune, e nell apprendimento del quale consiste l apprendistato alla vita umana. Fra l infinito numero di cose da apprendere ci sono innumerevoli regole implicite, che si assorbono partecipando alla vita della comunità in cui si nasce, insieme con gli abiti, i modi di agire, di sentire, di pensare, le scale di valori e la distribuzione di ruoli, quindi di diritti e doveri, propri di quella comunità: in breve, la sua cultura insieme con la grammatica profonda di questa cultura, la sua lingua. In questo senso, una sorta di coscienza condivisa o comune il senso comune, appunto, che non è solo fatto di opinioni, ma anche di modi «giusti» di comportarsi, di reagire emotivamente, di sentire, di giudicare precede certamente nella formazione di ciascun individuo la coscienza personale se con questo termine intendiamo la capacità di «farsi carico» delle proprie convinzioni, azioni, decisioni di «autenticarle», per così dire, in prima persona. Come scriveva un grande fenomenologo, «L uomo vive in primo luogo più negli altri che in se stesso; più nella comunità che nel suo individuo. Documentano questo tanto i fatti della vita infantile quanto i fatti della vita psichica primitiva di tutti i popoli. Le idee e i sentimenti e le tendenze in cui un bambino vive sono astrazion fatta da quelli più generali come fame, sete eccetera dapprima in tutto e per tutto quelli del suo ambiente, dei suoi genitori, dei parenti, dei fratelli maggiori, degli educatori, del suo paese, della sua stirpe eccetera. [ ] Solo a poco a poco egli solleva, per così dire, la sua testa personale dal flusso che la sommerge e si ritrova ad essere una creatura che ha anche di tanto in tanto sentimenti, idee e tendenze proprie. Questo però ha luogo solo nella misura in cui il bambino pur mentre partecipa ai vissuti del suo ambiente, nei quali dapprima vive, riesce a oggettivarli, e in questo modo a guadagnare una distanza nei loro confronti» (Scheler, 1922, 241, traduz. nostra). Se ora ripensiamo al gioco inizialmente citato, o a molti altri che Tomasello usa per dimostrare quanto differiscano le nostre capacità cooperative, imitative e di cognizione sociale da quelle degli altri primati, ci rendiamo però anche conto dell enorme apprendistato di realtà, di valori e di norme che la pratica di un gioco così semplice mette in luce. Una casa va usata «come si deve». Anche le cose che si possono fare con un pupazzetto e una casa devono avere un senso. Pensate alla quantità di norme che emanano dalle più semplici istituzioni, dalla divisione della giornata a quella di un appartamento. L ontologia sociale è la disciplina che indaga la natura degli oggetti sociali come il denaro e i matrimoni, quindi in particolare delle istituzioni, e della distribuzione di obblighi e diritti che esse istituiscono (pensiamo ad esempio al matrimonio). Una delle cose più giuste che uno dei suoi fondatori, John Searle, ha fatto notare, è che lungi dall avere un ruolo eminentemente repressivo (che certo anche hanno, ma solo in modo derivativo) istituzioni e regole servono ad aumentare enormemente i nostri poteri, cioè il numero delle cose che si possono fare (e naturalmente dei relativi limiti e vincoli). È un po diverso vivere senza, o vivere con la possibilità di studiare e andare all università. E così via. 5

6 Con gli studiosi di ontologia sociale vediamo la ricchissima trama di regole e istituzioni di cui è fatta la nostra quotidiana «normalità». Con Tomasello vediamo come dobbiamo essere fatti per apprendere a vivere in questa «normalità». Ma c è una cosa che né John Searle né Michael Tomasello sembrano aver visto con sufficiente chiarezza. È il nesso fra umanità, normalità e relazione alla verità. La maggior parte dei filosofi contemporanei vedono il nesso fra le due prime cose ma non fra la seconda e la terza. Il fondamento delle norme: libertà e verità Possiamo chiamare «primaria» la normalità di base, quella che ci costituisce membri «normali» non pazzi né dementi di una comunità umana. Vivere al modo umano è una faccenda abbastanza complicata, ma una caratteristica della nostra umanità è sempre stata chiara e riconosciuta: le norme alle quali ci conformiamo non hanno lo stesso stato delle leggi di natura, perché possiamo violarle (per questo una «naturalizzazione dell etica» non sarà mai convincente). Sono obblighi e non necessità, Sollen e non Muessen. La loro esistenza è l altra faccia della nostra libertà. Così nella figura di Eva o in quella di Antigone riconosciamo paradigmi di questa nostra condizione: un poter disubbidire, che chiamiamo libertà. Un potere che ci costituisce persone, e che la sapienza poetica mitica e filosofica riconosce caratteristica dell umano molto ma molto prima che nasca il concetto di libertà come diritto. È un potere di decidersi, che non è una vacua costruzione speculativa, perché è il fenomeno più centrale della vita umana, accanto alla normatività. Tutta la vita umana è prendere posizione: nessuno di noi può sottrarsi all esercizio quotidiano dei sì e dei no, con il quale facciamo di noi stessi quello che ne facciamo. Decidersi è necessario anche per obbedire, conformarsi a un obbligo. Lo è per assumere un qualunque impegno, anche minimo. Molto spesso i sì e i no sono talmente scontati che sono presupposti. Ad esempio se parlando non ci impegnassimo tacitamente ad affermare ciò che crediamo vero, nessuno potrebbe neppure mentire. I nostri sì e no diventano abituali, e fanno la sostanza dei nostri mores. Da dove viene il potere obbligante delle norme? Da Dio, dalla Natura, dalla Società, dalla Ragione? Possiamo ricostruire la storia della filosofia in base alle risposte che si danno a questa questione. Ma se il mondo antico e quello moderno ancora disputano in noi con le loro risposte, c è una cosa che il nostro sguardo preciso sulla prima infanzia oggi ci insegna, ma di cui la nostra filosofia non trae le conseguenze. Perché da un neonato venga fuori un soggetto umano normale, un bambino, occorre che l apprendimento di tutte le regole del gioco umano, qualunque sia la comunità e dunque la cultura in cui si nasce, sia veramente un elementare apprendistato di verità, sia per quanto riguarda i fatti si per quanto riguarda i valori. La sfera del convenzionale o dell arbitrario non può che modificare quella del dovuto, cioè delle risposte giuste, adeguate a ciò che è «esatto» o richiesto dalle cose stesse, ai dati di realtà e di valore: pena l impossibilità di apprendere a stare al mondo. Che il fuoco scotti e il cibo appaghi, che l aspettativa di protezione e nutrimento siano fondate, che il cucchiaio e il seggiolone abbiano un loro modo di essere usati, che una casa sia fatta in un certo modo, una porta e una finestra abbiano certe funzioni: prenderne atto è l adeguatezza al dato iscritta nei giochi che Tomasello ci mostra, e che permettono al bambino di «capire» anche le intenzioni dell adulto, o di costruirne di proprie. Realtà e valore fanno da base normativa, purché l adulto aiuti a svelare il dovuto, l ordine del mondo. E l adulto come fa? Tutta la vita umana è prendere posizione. Ma all inizio le nostre posizioni sono piuttosto caotiche. Il bebè è come bombardato di percezioni ed emozioni. Come fa a far ordine nel mondo? Il genitore porta quest ordine, rafforzando tutte e sole le posizioni adeguate, il giusto pianto e il giusto riso, il sì e il no che presenza e assenza delle cose chiedono. Senza una disciplina dei consensi e dei dissensi, ma anche dei permessi e dei divieti, con cui ogni comunità umana accoglie un nuovo venuto, non può neppure formarsi la coerenza di una mente il possibile, l impossibile, la memoria, il linguaggio. La normalità primaria non si acquista senza individuazione personale primaria. L unità di un soggetto, una persona e la sua coerenza, si edifica soltanto sulla base delle risposte giuste che impariamo a dare alle cose stesse e alle loro esigenze. 6

7 Gli ontologi e gli psicologi sociali contemporanei non sembrano vedere quale sia la controparte della libertà caratteristica dell animale normativo, che appunto non agisce in base a istinti o programmi interni ma in base a norme, e quindi può trasgredirle. Questa controparte è la misura di verità cioè di conoscenza, di presa di coscienza, di esperienza veridica necessaria all individuazione personale a divenire persone normali. La relazione alla verità è fondante prima di essere cosciente. Paradossalmente dobbiamo apprendere un gran numero di «risposte giuste» al livello di base, prima di esserci come soggetti coscienti. Questa è la «libertà guidata», l esperienza compartecipata, le prese di posizioni co-eseguite da chi ha cura di noi che segna tutta la nostra prima infanzia. Il modello della veglia morale e quello dell ipnosi Che tutta la vita sia prendere posizione, significa che c è una libertà per il bene e per il male che ci costituisce persone, agenti liberi e volontari. Questa libertà, che coincide con il potere di riconoscere ma anche di non riconoscere situazioni di fatto e situazioni di valore, questa libertà che è indispensabile per assumere obblighi e impegni ma anche per disattenderli, possiamo anche dire che fa parte della nostra natura: il potere di decisione e di scelta, o la «libera» volontà, fa parte della definizione tradizionale di persona umana. Noi abbiamo visto qualcosa di più, e cioè che una libertà «guidata» è necessaria all inizio perché l animale umano costituisca una sua soggettività coerente o «normale», cosa che può fare soltanto partecipando alla vita della sua comunità d origine, condividendo l attenzione e co-operando, cioè co-effettuando le posizioni «giuste» (cultural learning, apprendimento per «tradizione»). Abbiamo visto cioè che normalità primaria, individuazione primaria e relazione alla verità vanno insieme. Esistono purtroppo persone seriamente «a-normali», nel senso di incapacitate in qualche dimensione della normalità primaria: non tutte queste mancate costituzioni di normalità sono effetto di cattivo accudimento, ma certamente una completa deprivazione dell apprendimento cooperativo di realtà compresa l esposizione al linguaggio inibirebbe seriamente il costituirsi di un soggetto personale (l individuazione primaria). La libertà di Eva fa parte della nostra natura ed Eva noi la conosciamo già uscita dall infanzia. La normalità primaria, e un ben regolato rapporto con la realtà del mondo e delle altre persone, è per noi ciò che corona la fine dell infanzia. Ma quella che noi oggi, con termine kantiano e illuministico, chiamiamo «autonomia» o anche maturità, maggiore età, responsabilità, indipendenza morale non è affatto una necessità, ma solo una possibilità della nostra natura. Ancora maggioritarie, forse, sono nel mondo le culture il cui tipo normativo non prevede affatto che la ricerca di verità che possano fondare le norme duri tutta la vita adulta, che anzi questa consista essenzialmente in una simile ricerca. Che sia questa la «normalità». Adamo ed Eva furono precisamente condannati all esperienza del bene e del male: cioè a una vita di conoscenza personale di ciò che può dare fondamento alle norme, comprese quelle del miglior ordine di convivenza civile e di governo delle città umane. E in effetti Adamo ed Eva cacciati dal giardino e condannati all esercizio personale della libertà sono per noi un immagine archetipa di uscita dall infanzia. Ma il modello di questa normalità umana che vorrei chiamare «secondaria», la normalità dell individuo che emerge dalla comunità vitale d appartenenza e dall anonimato della normalità primaria (ciò che «si fa», «si pensa», «si deve»), prendendo posizione (consenso o dissenso) rispetto alla cultura «tradizionale», ai suoi «si fa» e «si deve», è il modello che vorrei chiamare socratico, o il modello della veglia assiologica, in particolare morale. Fatti non foste a viver come bruti Il modello socratico della normalità umana è interessante precisamente perché non è un ethos fra gli altri cioè un dato ordinamento di priorità di valore, da cui discendono certe norme (ad esempio: la divisione dei ruoli e delle caste nella società della repubblica platonica ecc.). Nel modello della veglia morale la normalità umana è chieder ragione delle norme, è l approfondimento indefinito e in ogni rispetto di ciò che è dovuto, di ciò che la realtà delle cose e delle persone esigono da noi, e quindi il dubbio sulla fondatezza dei doveri già dati. Ma soprattutto l iniziativa di chiedere ragione. 7

8 La normalità come veglia, dubbio e ricerca è il contrario esatto della normalità come routine, indifferenza, inerzia. Lungo la via di Socrate è cresciuto, nell anima d Europa, quasi tutto ciò per cui vale la pena di vivere: la libera ricerca nelle scienze, nelle arti, nell etica, nel diritto, nella politica, nella religione. Conclusioni sull attualità Torniamo alla caratteristica fondamentale che distingue l animale normativo dall animale istintivo. «Ogni genere d atto di coscienza è attraversato da una coscienza normativa, intrecciata con esso, del giusto e dell ingiusto». In effetti: ognuno di questi stati può essere attraversato dal dubbio di (non) essere nel giusto. Non dico che lo sia di fatto nella maggior parte dei casi. Allora saremmo tutti esseri socratici. Dico però che la circostanza che possa essere attraversato da un simile dubbio, diciamo da una modificazione interrogativa, è essenziale e costitutivo di uno stato di coscienza desta umano. La nostra storia sarebbe decisamente andata meglio se avessimo maggiormente posto mente all importanza antropologica dell interrogativo. Anzi, osiamo pure di più: a questa miracolosa sospensione dei meccanismi della attualità, delle leggi della necessità naturale, della corsa cieca dei fati e dei destini, che è il potere più straordinario, apparentemente, delle nostre menti. Il più vivo e silenzioso, vivo nella mente del più grande filosofo come nello sguardo di un bambino che non sa ancora parlare: il potere dell interrogativo. Occorrerebbe scrivere una piccola lirica sulla grazia di quel ricciolo che nelle nostre lingue scritte lo esprime, e sembra mimare il sopracciglio che si solleva, o l arricciarsi pigro dell onda che indugia, sospesa, prima di accettare il suo destino e frangersi sulla battigia Per questa possibilità che abbiamo di stupore e di sdegno, dunque per il potere dell interrogativo che ne dipende, e solo per questo, ci è possibile anche ogni giorno e ogni ora rinnovare le nostre posizioni, rinnovare l insieme dei sì e dei no che ci definiscono e definiscono i nostri mores rinnovare questi stessi mores. L elemento incredibilmente innovativo del modello socratico è proprio questo: che qualcosa di simile alle esperienze fondamentali dell infanzia e dell adolescenza possa in ogni momento venire vissuto al livello di maturità, conoscenza, esperienza che distingue l adulto. Se tutta la vita è prendere posizione, noi abbiamo la possibilità di rinnovare dunque anche rivedere tutte le nostre posizioni. La normalità socratica è il rinnovamento morale quotidiano, nella quotidiana ricerca e verifica dell adeguatezza dei propri mores. In un certo senso è l eterna giovinezza: ma nel senso vero e giusto. La terribile, grottesca, scimmiesca simulazione di questa eterna giovinezza l abbiamo sotto gli occhi nella viziosa gerontocrazia delle caste che stanno dissipando tutte le risorse nostre comuni: della cultura, del paesaggio, della memoria e della bellezza, per continuare indisturbati a vivere secondo le loro leggi di casta. Se c è una cosa che il secondo dopoguerra ci ha mostrato, con il tradimento delle speranze e del progetto di società della generazione uscita dalla guerra, è che, mentre una società ben ordinata, in particolare una democrazia, ha bisogno di un sufficiente numero di persone moralmente, socraticamente «adulte», una società umana purchessia non ne ha affatto bisogno. Al contrario, l esperienza recente getta la più inquietante e cupa delle luci proprio su quell innata capacità di cooperazione che ci distingue come specie. La normalità come rinnovamento tende sempre a sclerotizzarsi nella normalità come routine. La veglia del dovuto tende sempre a decadere nel sonno del «si fa così», lo stupore e lo sdegno tendono sempre a spegnersi nell indifferenza e nella rassegnazione. E questo è possibile precisamente perché le società umane sono organizzate in modo cooperativo. È possibile in quanto la cooperazione funziona tanto nella giustizia quanto nell ingiustizia quello che cambia non è necessariamente l efficienza dell organizzazione, ma la distribuzione EQUA dei doveri e dei diritti, cioè appunto l attenzione al dovuto a ciascuno. Da uno zero a un massimo di giustizia. La nostra situazione di oggi si avvicina allo zero. Il fenomeno più palese della cooperazione senza giustizia è la consorteria, origine di ogni forma di criminalità organizzata, che è oggettivamente la tendenza a co-operare non nel rispetto del dovuto, ma conformemente al vantaggio dei cooperanti qualunque sia lo svantaggio di terzi estranei 8

9 all accordo di cooperazione, e quindi della comunità più vasta cui il gruppo dei cooperanti appartiene. Ma per concludere, e in relazione alla riflessione che abbiamo fatto, a noi interessa soprattutto che cosa sia la consorteria dal punto di vista soggettivo dei cooperanti. La soggettività dell uomo di consorteria è precisamente la soggettività degli ipnotizzati morali. Al meglio, è semplicemente quella dell uomo tribale o dell uomo pre-moderno, che non ha ancora trovato se stesso come qualcosa di distinto dal «noi» collettivo: l uomo che non ha avuto accesso all individuazione secondaria, l uomo-massa. Al peggio, è la soggettività così caratteristica dei nostri giorni, per la quale non abbiamo ancora una parola, se non la banalizzazione della parola «normale». È la normalità incosciente, nel senso letterale di priva di coscienza morale, letteralmente priva di ogni senso di (in)adeguatezza, priva perfino dell ombra di un interrogativo. È la mentalità dell esecutore di posizioni prese altrove, che sia poi quella del complice, del servitore o di quel mezzo fra i due che è il moderno servo dei potenti. È dovunque caratterizzata dalla perfetta assenza di una disponibilità personale a rispondere di decisioni, comportamenti o asserzioni (cioè di responsabilità, e tanto più rivoltante è l uso della parola «responsabili» invalsa nel nostro gergo politico per designare questa razza di servi-padroni); il tipico rappresentante di questa normalità esiste in una gamma quasi infinita di varianti, a seconda del tipo di consorteria a responsabilità personale nulla di cui si tratta: dalle cordate dei concorsi universitari alle cosche mafiose. Ma in ogni punto della gamma, anche quelli più innocui, c è una caratteristica di questa soggettività che giustifica l espressione «ipnotizzati morali». Quella caratteristica assenza di coscienza o di senso di (in)adeguatezza del proprio essere e fare si estende a ogni tipo di esigenza, a ogni aspetto del dovuto. Si estende non soltanto a ogni sentimento del dovuto ad altri, e alle cose tutte che alla nostra coscienza si affidano, dal passato alla cultura, dalla bellezza al paesaggio; ma si estende molto più frequentemente di quanto non si creda anche al sentimento del dovuto a se stessi. Ad esempio, il rispetto. Con questa constatazione abbiamo forse trovato la chiave della forma che ha preso la banalità del male oggi e qui. La banalità del male, questa scoperta del Novecento, non è come voleva Arendt la semplice assenza di «pensiero» del bene e del male. È piuttosto l ottundimento della coscienza assiologica e della stessa vita personale la routinizzazione dei sì e dei no nella cooperazione amorale. Ma c è una formula specialmente italiana della banalità del male, cioè dell ipnosi morale, tutta diversa dalla delirante auto-esaltazione nel nome del Fuehrer, che distingueva l ipnosi morale dei nazisti. È la forma auto-dispregiativa dell ipnosi, è quel caratteristico, sordo, strisciante disprezzo della propria identità così ben significato nella caratteristica espressione «all italiana». Kant aveva scritto: «Quando la giustizia perisce, non ha più alcun valore l esistenza degli uomini sulla terra». Il disprezzo di sé è il ritorno del rimosso dell indifferente morale, è la vendetta dell auto-anestesia dell animale normativo senza più coscienza. Il disprezzo di sé è la forma che prende in lui il sentimento di questa perdita di valore. È il risentimento per l oscura percezione del fatto che letteralmente non vale più la pena di vivere, da «bruto»: da animale normativo, senza rispetto per la propria umanità. Chiunque condivida quest analisi sentirà forte il richiamo della domanda socratica: perché? Perché cooperi a questa routine dell ingiustizia? E cooperi, se non ti fermi, non chiedi ragione, non prendi posizione. Se non ti svegli, se non ascolti il richiamo della giovinezza che hai tradito, se non sei pronto a rinnovare la tua intera vita, i tuoi costumi. Ma per svegliarsi bisogna che si risvegli in noi il dolore, anche per ciò che abbiamo fatto di noi stessi. I greci avevano una parola per indicare l eccellenza umana cui mirava la paideia, anche quella socratica. Simile a un dio appare il ragazzo che si sveglia al pensiero, il kalokagathos. Ma chi ci vuole mantenere nell inerzia del sonno e dell ipnosi, invece? Guardate all ultimo slogan della più grossa consorteria italiana, che schiaccia il dubbio socratico sotto le piazze gremite, all insegna di una collettiva «immensa certezza». Quello slogan, girato quest estate, dice: «Dio c è, ma non sei tu. Rilassati». Indubbiamente efficace. Ma non deve sfuggire l invito: ad affidarsi a qualcun altro, all alzata di spalle, al disimpegno al riposo. E il profondo deprezzamento del nostro essere che queste parole (mal)celano. Esprimono una filosofia della minorità morale e della servilità. Non certo dell umiltà. 9

10 SINTESI E PAROLE CHIAVE L uomo è animale normativo. Questo vuol dire che mentre gli altri primati vivono in base agli istinti, tutta la nostra vita è invece soggetta a norme. Bisognerebbe imparare a sentire, nella parola «normalità», proprio il senso pervasivo della normatività radicata nel nostro comportamento quotidiano. Ma l uomo è anche animale cooperativo. Secondo recenti ipotesi, alla base della cultura c è una mutazione genetica che ci rende animali cooperativi, a differenza degli altri primati come hanno mostrato le ricerche di Michael Tomasello. Ma la cooperazione funziona tanto nella giustizia quanto nell ingiustizia quello che cambia non è necessariamente l efficienza dell organizzazione, ma la distribuzione equa dei doveri e dei diritti. Da uno zero a un massimo di giustizia. PAROLE CHIAVE: Cooperazione, coscienza, norma, primati. BIBLIOGRAFIA Husserl E. (1924). L idea di Europa Cinque saggi sul rinnovamento (a cura di) di C. Sinigaglia. Milano, Cortina, Scheler M. (1922). Wesen und Formender Sympathie. Bonn, Bouvier Verlag, Tomasello M. (1999). The Cultural Origins of Human Cognition. Harvard University Press. Tomasello M. (2008). Origins of Human Communication. MIT Press. Tomasello M. (2009). Why We Cooperate. MIT Press. 10

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli