di Giuseppe Del Giudice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giuseppe Del Giudice"

Transcript

1 Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazionedella realtà. Falsa fiducia e rischio del rischio costrutto della comunicazionesociale.degenerazionedelsistema?* digiuseppedelgiudice SOMMARIO:1.Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazione della realtà 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale 3. I media moderni costruttori di nuova realtà. 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale 1. Il sistema della comunicazione sociale e manipolazione della realtà. Larealtàdellasocietàèsoltantolarealtàdellarealtàdei media della comunicazione (1), s identifica così la realtà della società nel mondo, di un mondo che Nietzsche definì falso, scompaginatodagliuominicheiviviabitano. L evoluzione storica che vorrei ora lato sensu intendere come evoluzione del sistema del potere ha inventato nuovi metodi di raccoltadelconsenso : L ottocento disegnò, sotto la spinta illuminista, una nuova concezionedisocietas,universalitàdellaragioneecostruzionediun nuovoordinepolitico giuridico.ilmondoeradivisointerritorinei qualilo stato esercitavalasua sovranità.icittadinieranocittadini delle nazioni, considerati nell uguaglianza come esseri razionali. L ordine del mondo era l ordine degli stati e quindi la coesistenza delle nazioni (2). Ben presto la ragione che assicurava che si sarebberocostruitecondizionigiusteperl umanità razionalmente, tendendo al un bene comune, venne sfigurata all inizio del secolo dal bisogno di sicurezza che si manifestò come guerra. Arrivò il tempodellederivetotalitarielacuirisoluzioneinnescònuove derive fredde nei rapporti tra nazioni, che a loro volta generarono altre guerre. (1) Così scrive R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006,p35. (2) R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nella società del mondo,pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,2006,p14.

2 Allora l ordine del mondo non corrisponde più all ordine della ragione (3),essanonriescearegolarelacomplessitàdell ordinedel mondo stesso; si era immaginato un mondo in cui uguaglianza, giustizia e diritto avrebbero realizzato il bene comune, in cui la ragioneavrebbedirettoilcamminoevolutivo: Ilmondosirivelainvececomeinafferrabileorizzontediirriducibili indeterminatezze (4).Ancora evoluzione. Tecnichediraccoltadelconsenso miparesipossachiamarle,le sperimentazionigrazieallequali,ilsistemadelpotere reinventato dal Rousseau come legittimo o legittimato proprio dal consenso popolare (principio accolto poi dal costituzionalismo moderno italiano,ancheseinformadiversadaquellateorizzatadalrousseau) sigarantiscelagovernabilitàdiunanazione. Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, avvenuta di pari passo all invenzione del sistema rappresentativo; dallo stato monoclasse,allostato pluriclasse delledemocraziepluralisteedei partitipoliticidimassa : L evoluzione del sistema della rappresentanza, ha inventato un nuovo modo di raccolta del consenso e parimenti nuovi sistemi dell agire istituzionale. Ma evoluzione del sistema della rappresentanza significa evoluzione del diritto del cittadino, del diritto di voto, di scelta del proprio rappresentante alla guida della comunità: il Suffragio universale (nel quale a sua volta è immanente un evoluzione dell attenuazione delle differenze sociali uomo donna).ipartitidimassa,divengonobenpresto cacciatoridel consenso popolare ; si sviluppano ideologie, e si inventano le linee dipartito concoerenzaversoisostenitori votanti delmovimento. Ecco che divengono convogliatori di richieste, rappresentanti di partidisocietà.peroracisifermiqui. (3)CosìsiesprimeR. DE GIORGI descrivendoun ordinedelmondo che non corrisponde più all ordine della ragione; ragione di un illuminismo che assicurava che si sarebbero costruite razionalmente condizioni giuste per l umanità, mentre ora la ragione si rivela incapace di controllare l indeterminabile complessità che si riversa su un mondo che era stato immaginato come una connessione di organizzazioni uguali e liberamente ordinatesecondogiustiziaedirittoesirivelainvececomeinafferrabileorizzonte di irriducibili indeterminatezze in Condizioni della descrizione della complessitànellasocietàdelmondo,pubblicatoin Temidifilosofiadeldiritto, 2006,p.16ss. (4)R. DE GIORGI,cit.p18(vedinotaprec.)

3 La simultaneità dell accadere produce più eventi di quanto non è possibile controllare con l attenzione: Questo eccesso di possibilità la chiamiamocomplessita (5) (6).ParafrasandoancoraDeGiorgiper acquisizione evolutiva si intende che la società evolve, rectius: si producono trasformazioni la cui caratteristica comune è la non programmabilità : Per evoluzione, allora, si intende un processo attraverso il quale improbabilità si rendono possibili da se, dove per improbabilità si intende trasformazioni non programmate che siproducononellasocietàcheevolve. Insieme alla società che evolve, anche la percezione dell accadere si migliora, si struttura, assume la forma dell informazione,elestrutturedell informazionesidiffondonofinoa rendere possibile una simultaneità dell accadere : Dalla mera percezione della complessità della piccola comunità fino a permetterelaconoscenzadellacomplessitàdelmondo. Larealtà diviene complessa. Ma cosa si intende nel senso qui accolto perrealtà? Pertentaredirispondereaquestointerrogativo,siabbisognadi unapremessanecessaria: Accadimentinelmondo,lontani nelsensofisico dachiriceve l informazione, non possono essere nient altro che ricostruzioni o descrizioni di un fatto accaduto (che evidentemente suscita interesseneldivulgarlo),operadiuominiperaltriuomini.dunquesi comprende facilmente, come possa anche essere soggettiva la ricercaelaraccoltadiunanotizia,eancorapiù soggettivo il modo di descrivere un determinato accadimento al destinatario dell informazione. Il soggetto fisicamente lontano dall ubicazione dell accadimento del fatto è informato: è destinatario di una descrizione dell accadimento stesso. Esso è destinatario di una descrizionedellarealtà,quest ultimaintesacome descrizionediun evento (ecorollari) odiunaseriedieventi cosìcome riportati dall autoredelladescrizione. (5)Sulproblemadella riduzionedellacomplessitàdelmondo eil sistemasociale,si vedalateoriasociologicadin. LUHMANN,trattatanellavorodiR. DE GIORGI,Scienzadel dirittoelegittimazione,lecce,pensamultimedia,ristampa2005pp217ss (6)CosìR. DE GIORGI cit.

4 Talemodusoperandi,sidiffondeeinteresocietàsonoinformatecirca una parte dell incommensurabile quantità di accadimenti che simultaneamente si verificano nel mondo, ed è informata conseguentemente circa le motivazioni di parte, le cause, le responsabilità, i meriti ecc. insomma: i corollari entro cui il dibattito cheilsistemadell informazioneoffre sisnoda. Nellasocietàdelmondo sièdetto lapercezionedell accaderesi trasforma, si struttura, evolve : Assume la forma dell informazione, dunque può essere considerata mera descrizione soggettiva della realtà;macomesidiffondenellasocietàmodernal informazione?e, soprattutto,qualiiprodotti? Domanda banale ma centrale la prima: Si potrebbe dire evoluzione del sistema dell informazione attraverso i mezzi, quest ultimi prodottodell invenzioneumana hannorivoluzionato il sistema. Naturalmente è con il diffondersi dei giornali prima, e della radio poi,chetalesistemahaimplementatolasuaimportanza. La società moderna ha conosciuto lo sviluppo tecnico informatico: nasceinternetconipersonalcomputer,e sovrana la televisione. Quest ultima, ha implementato fortemente la descrizione dell accadere, mezzo che nella societas moderna ( la società del modo hascrittodegiorgi (7) )haconsacrato piùdiognialtro la possibilità della simultaneità dell accadere in tutti i luoghi civilizzati del pianeta: La possibilità dell informare in tempi brevi e con una semplicità implementata, con tutti i confort propri di una nuova sperimentazione dell uso dell immagine e del linguaggio, che facilita la descrizione dell accadere. Così che giorno dopo giorno, il sistema d informazione della televisione che intanto è stata inventata come sevizio pubblico, perché pubblico non è descrive l accaderee offre tale descrizione (chepurdevedirsi soggettiva, non potendo essere mai obiettiva, o in assoluto conforme alla realtà)all esercenteilservizio. (7) Si consulti il lavoro di R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nellasocietàdelmondo,trad.ita.intemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006.

5 Descrizionedieventi dopo descrizionedieventi si descrivela realtà, che altro non diventa che descrizione della realtà da parte dei media dell informazione, questo perché la simultaneità dell accadereelacomplessitàimmanenteallasocietàdelmondo,non permette di analizzare ogni accadimento o fatto o evento che descrivelarealtàautenticadapartediunosservatore. Una realtà vera, pura, è impossibile vederla, ma è possibile percepirne una meno descritta o ri descritta solo all interno di un sistema sociale molto molto ristretto. In esso la complessità è estremamente ridotta, tale da poter essere trattata, conosciuta direttamente dall individuo (8) : ciò elimina il raccontatore, il medium che descrive la realtà per il destinatario di quella informazione. Non è ipotesi remota che quel racconto si riveli aberrante. Queste operazioni di descrizione dell accadere, assumono una funzione centrale in quella che si potrebbe dire percezione della realtàdapartedell individuo (chenonosserva),nelmomentoincui la comprensione del senso della comunicazione (9), è assunto dal destinatario come vero, autentico, e si accoglie il senso prodotto dai mezzi di informazione(coloro che hanno intenzione di comunicare, chetrasferisconoun informazione)comelarealtàassoluta,come ciò cherealmentestaaccadendointorno. (8)Unarealtàchesiailmenopossibile descritta daaltriadaltri(attraversoilsistema della comunicazione sociale), è possibile solo in presenza di un livello di complessità molto minimo, tale da poter controllare la complessità degli eventi, trattarli e comprenderli direttamente.cambialapercezionestessadell accaderema,credo,non sipossamaidiredipoter conoscerelarealtàpura,neancheinpresenzadiunaminima complessità.isistemiodierni naturalmente nonpermettonociò,dunque,partedella realtà ovverociòchevienepercepito,postalacomplessitàprodottadallasimultaneità dell accadere del sistema mondo e del sistema nazione è destinata ad essere raccontata daaltriadaltrisfruttandoilsistemadellacomunicazione. (9) Si chiama COMUNICAZIONE SOCIALE un operazione elementare che producesenso. Per descrivere la STRUTTURA DELLA COMUNICAZIONE, si deve far riferimento a tre elementifondamentali: a)attodelcomunicare:puòesserequalsiasiattopresoinconsiderazioneper osservareeprodurresignificato; b) INFORMAZIONE: Differenza che produce una differenza (non una differenza di quellochesihainorigine); c) COMPRENSIONE: E una prestazione di colui che comprende; è il risultato di comunicazione,chepuòessereutilizzatadaunaltroosservatore,soltantoseapartireda essasiattivaun operazionedicomunicazione.

6 Il tutto ciò che accade intorno è ancora più considerato autentico, tanto più la pluralità dei media dell informazione (10) lo descrive allostessomodooinmodosimile,senzachelalogorroicainsistenza sulla mera descrizione degli eventi contribuisca all arricchimento delsenso (11) (Sulpuntopiùspecificatamentedopo). Paradossale, tutto ciò, se si pensa al ruolo centrale all interno della società, di un media come il sistema televisivo, finestra sul mondo e sull Italia da dove guardare ogni ora del giorno e ogni giorno dell anno. E aberrante che da questa finestra, non si possa vedere la realtà, ma solo la realtà costrutto della comunicazione socialedeimediadell informazione: Provandoarispondereallaprecedentedomanda,cosasiintende nel senso qui accolto per realtà? Rispondo con quanto hanno avutoascriverer.degiorgien.luhmann: Larealtàdellasocietàè soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione (12), come società del mondo è il prodursi, l accadere, il verificarsi del mondonellecomunicazioni (13). (10) Si è detto pluralità dei media dell informazione: Si intende la stessa descrizione (rectius:ri descrizione)dellarealtàoperata(neimodioradetti,apareredichiscrive) non solo dal mezzo d informazione più diffuso (la TV), ma anche dalla stampa. Naturalmente il modus operandi rimane il medesimo, e ciò non può che affidare maggiore autenticità alla descrizione agli occhi del destinatario. Attraverso l apporto descrittivo di più fonti che intervengono a correggere una descrizione, smentendo la veridicità dell informazione data, riproponendola, magari esponendosi ad una nuova integrazione o correzione,sipervieneaduna arricchimentodisenso,e quellache pursempreunadescrizionerimane puòaccogliersicome piùplausibile. (11) Ha scritto R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicato nel volume Temi di filosofia del diritto, p. 35. Un continuo surplus di comunicazione,quasiuncontinuonecessarioinsisteredellacomunicazionesenzachela ridondanzachesiproducecontribuiscaallaimmissionedivariazione,all arricchimento delsenso.[ ]Ladimensionetemporaledellacomunicazionesiespandeecomprime[ ] la dimensione materiale, quella che permette di determinare il senso, di osservarlo, di indicarlo. Una comunicazione paradossale nella quale l osservatore esterno può osservarecheillivelloalqualesitrattailtemadellacomunicazione[ ]èsempremeno rilevante,sfumacontinuamente,siperde[ ]Mentresisenteel osservatoreavvertitolo puòosservare,chelacomunicazionecomunicasemprequalcosadinoncomunicato. (12)R. DE GIORGI,cit.p35 (13)CosìNIKLASS LUHMANN: WeltgesellschaftistdasSich ereignenvonweltinder Kommunikationen.

7 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale. Ci si era fermati nel racconto dell evoluzione che ha interessatoilc.d.sistemadellarappresentanza nelmomentoincuii partiti politici inventano nuove tecniche di raccolta del consenso, ove la forma di governo democratica accoglie il principio della sovranitàpopolare(art.1,co2,cost.)èstabiliscelalegittimazionedei rappresentantiagovernarepreviadesignazionepopolareespressada libereelezioni.l eserciziodelpoteredigovernosifondasull opinione pubblica. I partiti, convogliatori di richieste, ma anche interpreti dei bisognideglielettori,inizialosfruttamentodei temi :Lecondizioni sociali disagiate, dunque povertà ecc., i tassi di criminalità, la diminuzionedeisalari,ecosìindicando.tutti temi chesicuramente risultano rispecchiare, le difficoltà e i bisogni di una società, si in evoluzione,maperquestoespostaalmutareignotodellacondizioni inmelius/inpeius: Tecnichediraccoltadelconsenso. I cittadini concedono il consenso alla formazione partitica che meglio ha saputo interpretare i bisogni e proporre (o promettere) unasoluzionerazionaleaidisagi.concedonofiducia. Ben presto ai problemi non si trovano le soluzioni, e questo costituisce perdita di consenso, l opinione pubblica, cambia, a favore di un altro promettitore. Altrettanto in fretta, si comprende come l occultamento della verità, può nascondere a sua volta un cattivooperato,magarireinventarlocomebuono.quest ultimoviene rivenduto nellacampagnaelettorale. I strateghi dellaraccoltadelconsenso,reinventanouna nuova politica,sipotrebbedirechelapoliticasiristruttura.essa ordine fornito di un alto potenziale adattivo si evolve: La politica si è ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosiallacontinuarevisionedeisuoiprogrammi (14). (14)CosìR. DE GIORGI,inIldirittonellasocietàdelrischio,pubblicatoinTemidifilosofia deldiritto,pensamultimedia,lecce,2006,cit.p75(lasottolineaturaèmia).

8 Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, trasformazioni, ristrutturazioni, nuove intuizioni portano ad orientare l attenzione al sistema che più di ogni altro comincia ad orientare l opinione pubblica, e ancor più centrale la realtà: Il sistemadellacomunicazionesocialeattraversoimedia. E tale struttura di operazioni che produce senso, descrive gli eventi passati, futuri (che potrebbero accadere come risultato di scelte),soprattuttopresenti:e unastrutturachehaachefareconil tempo. Per raccogliere consenso al presente non si può far altro che seguire la realtà descritta dai media. Si rivedono interi programmi elettorali, si reinventano slogan. Si comprende che se si vuole esistere si deve essere inglobati nella descrizione della realtàperpetuatadaimedia. Il costituzionalismo moderno, aveva compreso l importanza del poteredell espressioneliberadelpensiero, conlaparola,loscrittoe ogni altro mezzo di diffusione, direttamente esplicitando che la stampanonpuòesseresoggettaadautorizzazioniocensure (art21, co 1, 2 Cost.). La costituente formula l art 21 Cost., memore delle campagne fasciste di censura, della stampa, ma anche di ogni barlumedipensierochenonsiapropedeuticoalregime.unprincipio fondamentalediunamodernademocrazia. L evoluzione del sistema porta a trasformazioni non programmabili (15), così come non programmabile è stato il nuovo assetto del sistema della comunicazione; un nuovo campo ove esercitareildiritto adesprimereliberamenteilpropriopensiero. Il sistemadellapolitica,conia moltosagacemente una nuova formula : dopo essersi come su detto ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosi alla continuarevisionedeisuoiprogrammi,propendeper ristrutturare la realtà prodotta dai media della comunicazione di massa, disponendola alla sua continua revisione, in base ai suoi programmi. Talemodusprocedendi,verrà,chiamato controllodell informazione. (15)HadettoDE GIORGI delleimprobabilitàchesipossonocostruiredase.

9 3.Imediamodernicostruttoridi nuovarealtà. La realtàprodotta dai media della comunicazione di massa (16), produce opinione pubblica. Trattare quest ultima è fondamentale per il potere, dal momentoincui,sièristrutturatocomesistemadellarappresentanza legittimatoalpoteredal votopopolare. Laparadossalitàdella realtàdelpresente (17) èuna realtà (ciò che esiste, ciò che è) che non è realtà. Ma un paradosso è inosservabile. Per superarlo si deve trovare una distinzione. Una distinzionenonfaaltrocheoccultareunparadosso.diversamentela circolarità non ci consentirebbe di osservare ciò che vogliamo osservare:la realtàdelpresente. Si potrebbe dire: realtà descritta (18) e realtà ri descritta. Proverò perciòchequipremedimostrare asvolgerelaseconda partedelladistinzione. Si è detto sino ad ora, che i media della comunicazione descrivono l accadere. Che la comprensione da parte dei destinatari dell informazione produce percezione dell accadere, frutto pur sempre di descrizioni. E compito dei mezzi di informazione descrivere gli accadimenti, gli eventi, ai destinatari, posto che altrimenti la percezione di ciò che accade in luoghi distanti non potrebbe verificarsi (e naturalmente vi è interesse alla conoscenza di ciò che accade, anche solo dal punto di vista istituzionale,peresercitarealmeglioipoteriderivati dallasovranità popolare ). (16) Si veda quanto detto in questo scritto a proposito della sistema della comunicazionesocialee manipolazione dellarealtà. (17)Siintendela realtàdelpresente,comepercezionedell accaderecheilsingoloha, in conseguenza alla descrizione dell accadere perpetuato dai media della comunicazione. (18)Comedettoprima,miparesipossadirechelapercezionediunarealtà nazionale ofinanco mondiale pura,vera,nonpuòpercepirsi,perilsempretroppoaltogradodi complessità immanente in questi sistemi. Conseguentemente non posso che tentare di definireuna distinzione trauna realtà (descrizionediunaseriedieventiecorollari), sìdescritta,ma pensata capaceadavvicinarsiallarealtà(diqueideterminatieventie corollari), e una realtà RI DESCRITTA, ovvero manipolata (o come altro si vuol definirla),lecuiomissioniinficianola descrizione deglieventi.

10 Tale descrizione della realtà produce realtà che a sua volta indirizza opinione pubblica. Il sistema dei partiti, preso il controllo diretto o per influenza su l intero apparato dell informazione, indirizzaladescrizionedellarealtàeconessaproduceprodomosua una nuovarealtà,propedeuticaaiprogrammielettorali. Il risultato è il consenso raccolto in base ad una realtà RIdescritta adhoc,dasfruttareperfinielettorali,postoche comeha scritto R. De Giorgi (19) definendo il paradosso della sovranità popolare ilpopoloèsovranoperchéèprivodipotere,alsistema dipotereservelasolalegittimazioneagovernare. Sièinpresenzadiunsurplusdiinformazionefinancosterile,non vièalcunarricchimentodisenso,sitrasferisceinformazionechenon informa circa i corollari di un evento(motivi, cause, effetti ecc), ma solo del verificarsi dello stesso, i cui corollari sono lasciati alla discussionepolitica(attraversoimedesimi mezzi dicomunicazione di massa), alla eterna propaganda elettorale: sicché ogni parte politica,fasuo ilmerito efadell avversariola causadiundanno. Ilparadossodell opinionepubblicaèche ètantomenoinformata quantopiùfagocitataèl informazione (20). Si è detto che la realtà della società è soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione. Se non si è inclusi in tale realtà alla percezione dell opinione pubblica non si esiste. Eventi scomodi sono esclusi, come eventi favorevoli sono inclusi. Dove la dialettica inclusione/esclusione equivale a esistere/non esistere. RI descrizionedellarealtà. Con il controllo dell informazione, si sono sviluppate, sempre più raffinate tecniche di raccolta del consenso. I temi sfruttati, divengonoprestodue: Ilrischio e lafiducia. (19)R. DE GIORGI,cit.p17 (20)CosìsiesprimeR. DE GIORGI,cit.p77

11 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà Cos è Fiducia? Fiducia è un dispositivo, un meccanismo, una tecnica che operaerendepossibilioperazioninellasocietàmoderna[ ]daultimo comeunoschemadellacostruzionediaspettative (21). Lafiduciahaachefareconiltempo,essaèunvincolodeltempo: E una possibilità di costruzione del futuro, permette di affrontarlo utilizzando il non sapere di cui disponiamo al presente (22). Il complesso semantico della fiducia si evolve, dalla fiducia nella divinità al XIX secolo: il secolo della fiducia : I sindacati incanalano la fiducia degli operai; nelle fabbriche si cerca di instaurareunrapportodifiduciatradatoredilavoroelavoratore;il costituzionalismoinstauralo statodidiritto ela democrazia,così chelapoliticasiapreallafiducia,ristrutturandosicome luogodella fiducia, in cui riporla. Cosicché al sistema politico si da fiducia,e si legittimaa prenderedecisioni propriosull ontadiquellafiducia. Come ha scritto De Giorgi (23), si sviluppa la certezza della partecipazione alla costruzione del futuro attraverso l autoinclusione nellaparadossalecircolaritàdellapolitica :Sihafiducianellafiducia nellapolitica, nellacontinuitàdell agirepolitico,nellarealtàcheesso sicostruisce.siriponefiduciainunafictio. Perquellochesivuoledire,cisidevefermarequi: Fiducianella politica (24). (21)SivedaR. DE GIORGI,inEvoluzionedellafiduciaeperiferiedell accadere,pubblicato intemidifilosofiadeldiritto,2006cit.p25. (22)Sivedalanotaprec. (23)R. DE GIORGI,cit.p31. (24) Si ha l occasione, però, di specificare quanto scritto prima a proposito della legittimità del potere, nel senso seguente: Legittimità a governare, implica cercare il riconoscimento della sua autorità nei cittadini, proprio attraverso la retorica della fiducia ( vedi molto più sapientemente e specificatamente R. DE GIORGI, Fiducia nella fiducia.riduzione della complessità e orizzonti dell incertezza, pub. in Temi di fio., cit. p 46).Unparadosso,sesipensachefiduciaimplicaunasortadiaccettazione,un sapere dellealternative,cheilsingolononha.

12 Ricerca del consenso, è tentativo di ispirare fiducia, essa si è detto legittima l esercizio del potere. Questa operazione della politica, si può svolgere con l azione, ergo: azione produce dei risultati, questi possono essere positivi o negativi, a loro volta positività o negatività del risultato è determinato soggettivamente. Risultati positivi importano fiducia, negativi fanno perdere fiducia. Ma questa è una semplificazione che non regge, se non affiancata daglialtri modi per guadagnarefiducia. Questi hanno a che fare con la realtà, con i mezzi di comunicazione di massa financo con il controllo dell informazione dapartedellapolitica. Si è definito fiducia uno dei mezzi che utilizzano i media della comunicazione, per garantire il consenso a parti del sistema politica. Si è anche detto come il sistema della comunicazione utilizzato dai media di massa, ri descriva la realtà che verrà poi percepita dai destinatari delle informazioni; effettuando questo insieme di operazioni è possibile implementare la fiducia nei confrontidiunapartedelsistemapolitica. Ciò è tanto vero quanto una serie di eventi o azioni che producono risultati negativi o siano essi stessi negativi, producano perdita di fiducia, succede che vengono taciute o descritte senza nessunaproduzioneulterioredisenso. Capitacheazionisiano descritte inuntalmododarisultarenon tanto negative quanto dovrebbero esserlo, la comprensione è il risultato della comunicazione, e la prima (la comprensione) è ciò che contiene le informazioni relative ad una determinata azione, informazione su informazione di azione su azione, formano una opinione (di colui che compie le azioni o le ispira), da qui, scaturisceuna decisione :Quelladidareonondare fiducia. Ingeneralesipotrebbedirechela realtà[creata]daimediadella comunicazione implementifiducia verso ilsistemadipoterechela controlla. Mafiduciaprodottainbaseadazioniconsideratepositive(o ridescritte comepositive,osenegativenon descritte affatto )nonè l unico mezzo per implementare la fiducia in un determinato movimentopolitico:hascrittor.degiorgi lafiduciamodernaache fareconilrischio (25) (25)CosìR. DE GIORGI,cit.p50

13 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale Come lafiduciamodernaachefareconil rischio,cosìessohaachefare con l azione (26), e conseguentemente con l imputazione delle conseguenze di un azione o di un agire sbagliato o, financo di una strategiadell agire sbagliata. Ciò è tanto più centrale in un sistema democratico stante la c.d. responsabilità politica che ogni rappresentante ha davanti agli elettori,checoncedendofiduciasonorimasti delusi. Succedechela ri descrizione dellarealtàpossamitigareanche questieffettiallapercezionedeicittadini. Rischio è una minaccia del pericolo di un risultato negativo nel futuro.senonfossacosìogniprogetto,dunque,ogniazionepotrebbe essere programmata e portata a compimento secondo le previsioni iniziali. Ma il rischio interrompe quest ordine, e se c è deve essere eliminato,quantomenomitigato,attraverso misuredisicurezza. Il sapere del possibile verificarsi di un rischio impone di prevenirlo, l orizzontelungoilqualesivalutalarischiositàdelrischio èlasicurezza[ ]l alternativaalrischio,insommaèlasicurezza (27). Il rischio ha a che fare anche con la percezione della realtà. La stessa percezione del rischio ha a che fare con il sistema della comunicazione di massa. A che titolo? Questi ultimi nel ridescrivere la realtà hanno imparato a implementare la percezione sociale di determinati rischi piuttosto che altri; rischi a cui puntualmente la politica si è dedicata con tanto di politiche di sicurezza (se penso alla recente campagna mediatica contra extracomunitari),chenonsonoaltrocheidiscorsichelegittimanola c.d. tolleranzazero. (26)Suirapportitrarischioeazionesiesprimecosì R. DE GIORGI,cit.p50: Ilrischio esponeilfuturoall azione[ ]ilrischiononc èprimadell azione[ ]ilrischiopresuppone l azionechepresupponeilrischio.ilrischio,quindistafuori.[ ]Lacomplessatecnologia delrischio,però,rendepossibilel azione.questastranacircolarità,questoparadossoci permettediagire,comesidice,insituazionidiincertezza.eancora: Lafiduciamoderna trasferisceilrischiosulleproprieaspettative.essainveste,cioèrischia,sulleaspettative cheorientanol azione.sitrattadiuninvestimentorazionaleperchérendepossibile l azione[ ]. (27)MoltochiaramenteR. DE GIORGI,cit.p58oveindicacomelasicurezzacome alternativaalrischio,èaltamenterischiosa.

14 Tali modus operandi hanno gravi conseguenze nella costruzione delfuturo,allequalicontinuamentelavoranoisingolisistemisociali (28), si potrebbe parlare di rischio del rischio costrutto della comunicazione sociale (29) : La percezione del rischio alterata, non permette una osservazione della realtà obiettiva, a sua volta implementando il rischio che una percezione distorta dei rischi nella realtà (descritta dai media dell informazione) implementi una fiducia in chi millanta una risoluzione di un rischio che potrebbe anchenonessereunrischio.questoperchéla fiduciaapparebasata suunarealtà ri descritta,nellaqualeil rischioimplementatodalla comunicazione di massa non è altro che una parte dell opera di alterazionedellarealtàstessa. Non è escluso che tutto ciò possa portare all occultamento di rischi reali o di quelli che pur immanenti alla realtà non si vedono. *Questo tentativodiriflessione,nascedallaletturadeltesto Temi difilosofiadeldiritto diraffaeledegiorgi,esiproponeuntentativo disviluppodiunaproblematicaattualeutilizzandoitemitrattatinel testoacuifrequentementeildiscorsosirichiama. (28)CosìDE GIORGI,cit.p63;Unesempioattualeilc.d. allarmesicurezza. (29)R. DE GIORGIhadefinitoilrischio costruttodellacomunicazionesociale.

15

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale PARIGI 16.11.1972 Materia: RECUPERO E PROTEZIONE DI BENI CULTURALI - ECOLOGIA CONVENZIONE RIGUARDANTE LA PROTEZIONE SUL PIANO MONDIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE Data Firma Accordo: 16/11/1972

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

A CIASCUNO IL SUO. Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico *

A CIASCUNO IL SUO. Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico * A CIASCUNO IL SUO Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico * di Alberto Martini e Marco Sisti Da qualche anno a questa parte è sempre più frequente leggere articoli di giornale nei quali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli