di Giuseppe Del Giudice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giuseppe Del Giudice"

Transcript

1 Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazionedella realtà. Falsa fiducia e rischio del rischio costrutto della comunicazionesociale.degenerazionedelsistema?* digiuseppedelgiudice SOMMARIO:1.Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazione della realtà 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale 3. I media moderni costruttori di nuova realtà. 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale 1. Il sistema della comunicazione sociale e manipolazione della realtà. Larealtàdellasocietàèsoltantolarealtàdellarealtàdei media della comunicazione (1), s identifica così la realtà della società nel mondo, di un mondo che Nietzsche definì falso, scompaginatodagliuominicheiviviabitano. L evoluzione storica che vorrei ora lato sensu intendere come evoluzione del sistema del potere ha inventato nuovi metodi di raccoltadelconsenso : L ottocento disegnò, sotto la spinta illuminista, una nuova concezionedisocietas,universalitàdellaragioneecostruzionediun nuovoordinepolitico giuridico.ilmondoeradivisointerritorinei qualilo stato esercitavalasua sovranità.icittadinieranocittadini delle nazioni, considerati nell uguaglianza come esseri razionali. L ordine del mondo era l ordine degli stati e quindi la coesistenza delle nazioni (2). Ben presto la ragione che assicurava che si sarebberocostruitecondizionigiusteperl umanità razionalmente, tendendo al un bene comune, venne sfigurata all inizio del secolo dal bisogno di sicurezza che si manifestò come guerra. Arrivò il tempodellederivetotalitarielacuirisoluzioneinnescònuove derive fredde nei rapporti tra nazioni, che a loro volta generarono altre guerre. (1) Così scrive R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006,p35. (2) R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nella società del mondo,pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,2006,p14.

2 Allora l ordine del mondo non corrisponde più all ordine della ragione (3),essanonriescearegolarelacomplessitàdell ordinedel mondo stesso; si era immaginato un mondo in cui uguaglianza, giustizia e diritto avrebbero realizzato il bene comune, in cui la ragioneavrebbedirettoilcamminoevolutivo: Ilmondosirivelainvececomeinafferrabileorizzontediirriducibili indeterminatezze (4).Ancora evoluzione. Tecnichediraccoltadelconsenso miparesipossachiamarle,le sperimentazionigrazieallequali,ilsistemadelpotere reinventato dal Rousseau come legittimo o legittimato proprio dal consenso popolare (principio accolto poi dal costituzionalismo moderno italiano,ancheseinformadiversadaquellateorizzatadalrousseau) sigarantiscelagovernabilitàdiunanazione. Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, avvenuta di pari passo all invenzione del sistema rappresentativo; dallo stato monoclasse,allostato pluriclasse delledemocraziepluralisteedei partitipoliticidimassa : L evoluzione del sistema della rappresentanza, ha inventato un nuovo modo di raccolta del consenso e parimenti nuovi sistemi dell agire istituzionale. Ma evoluzione del sistema della rappresentanza significa evoluzione del diritto del cittadino, del diritto di voto, di scelta del proprio rappresentante alla guida della comunità: il Suffragio universale (nel quale a sua volta è immanente un evoluzione dell attenuazione delle differenze sociali uomo donna).ipartitidimassa,divengonobenpresto cacciatoridel consenso popolare ; si sviluppano ideologie, e si inventano le linee dipartito concoerenzaversoisostenitori votanti delmovimento. Ecco che divengono convogliatori di richieste, rappresentanti di partidisocietà.peroracisifermiqui. (3)CosìsiesprimeR. DE GIORGI descrivendoun ordinedelmondo che non corrisponde più all ordine della ragione; ragione di un illuminismo che assicurava che si sarebbero costruite razionalmente condizioni giuste per l umanità, mentre ora la ragione si rivela incapace di controllare l indeterminabile complessità che si riversa su un mondo che era stato immaginato come una connessione di organizzazioni uguali e liberamente ordinatesecondogiustiziaedirittoesirivelainvececomeinafferrabileorizzonte di irriducibili indeterminatezze in Condizioni della descrizione della complessitànellasocietàdelmondo,pubblicatoin Temidifilosofiadeldiritto, 2006,p.16ss. (4)R. DE GIORGI,cit.p18(vedinotaprec.)

3 La simultaneità dell accadere produce più eventi di quanto non è possibile controllare con l attenzione: Questo eccesso di possibilità la chiamiamocomplessita (5) (6).ParafrasandoancoraDeGiorgiper acquisizione evolutiva si intende che la società evolve, rectius: si producono trasformazioni la cui caratteristica comune è la non programmabilità : Per evoluzione, allora, si intende un processo attraverso il quale improbabilità si rendono possibili da se, dove per improbabilità si intende trasformazioni non programmate che siproducononellasocietàcheevolve. Insieme alla società che evolve, anche la percezione dell accadere si migliora, si struttura, assume la forma dell informazione,elestrutturedell informazionesidiffondonofinoa rendere possibile una simultaneità dell accadere : Dalla mera percezione della complessità della piccola comunità fino a permetterelaconoscenzadellacomplessitàdelmondo. Larealtà diviene complessa. Ma cosa si intende nel senso qui accolto perrealtà? Pertentaredirispondereaquestointerrogativo,siabbisognadi unapremessanecessaria: Accadimentinelmondo,lontani nelsensofisico dachiriceve l informazione, non possono essere nient altro che ricostruzioni o descrizioni di un fatto accaduto (che evidentemente suscita interesseneldivulgarlo),operadiuominiperaltriuomini.dunquesi comprende facilmente, come possa anche essere soggettiva la ricercaelaraccoltadiunanotizia,eancorapiù soggettivo il modo di descrivere un determinato accadimento al destinatario dell informazione. Il soggetto fisicamente lontano dall ubicazione dell accadimento del fatto è informato: è destinatario di una descrizione dell accadimento stesso. Esso è destinatario di una descrizionedellarealtà,quest ultimaintesacome descrizionediun evento (ecorollari) odiunaseriedieventi cosìcome riportati dall autoredelladescrizione. (5)Sulproblemadella riduzionedellacomplessitàdelmondo eil sistemasociale,si vedalateoriasociologicadin. LUHMANN,trattatanellavorodiR. DE GIORGI,Scienzadel dirittoelegittimazione,lecce,pensamultimedia,ristampa2005pp217ss (6)CosìR. DE GIORGI cit.

4 Talemodusoperandi,sidiffondeeinteresocietàsonoinformatecirca una parte dell incommensurabile quantità di accadimenti che simultaneamente si verificano nel mondo, ed è informata conseguentemente circa le motivazioni di parte, le cause, le responsabilità, i meriti ecc. insomma: i corollari entro cui il dibattito cheilsistemadell informazioneoffre sisnoda. Nellasocietàdelmondo sièdetto lapercezionedell accaderesi trasforma, si struttura, evolve : Assume la forma dell informazione, dunque può essere considerata mera descrizione soggettiva della realtà;macomesidiffondenellasocietàmodernal informazione?e, soprattutto,qualiiprodotti? Domanda banale ma centrale la prima: Si potrebbe dire evoluzione del sistema dell informazione attraverso i mezzi, quest ultimi prodottodell invenzioneumana hannorivoluzionato il sistema. Naturalmente è con il diffondersi dei giornali prima, e della radio poi,chetalesistemahaimplementatolasuaimportanza. La società moderna ha conosciuto lo sviluppo tecnico informatico: nasceinternetconipersonalcomputer,e sovrana la televisione. Quest ultima, ha implementato fortemente la descrizione dell accadere, mezzo che nella societas moderna ( la società del modo hascrittodegiorgi (7) )haconsacrato piùdiognialtro la possibilità della simultaneità dell accadere in tutti i luoghi civilizzati del pianeta: La possibilità dell informare in tempi brevi e con una semplicità implementata, con tutti i confort propri di una nuova sperimentazione dell uso dell immagine e del linguaggio, che facilita la descrizione dell accadere. Così che giorno dopo giorno, il sistema d informazione della televisione che intanto è stata inventata come sevizio pubblico, perché pubblico non è descrive l accaderee offre tale descrizione (chepurdevedirsi soggettiva, non potendo essere mai obiettiva, o in assoluto conforme alla realtà)all esercenteilservizio. (7) Si consulti il lavoro di R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nellasocietàdelmondo,trad.ita.intemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006.

5 Descrizionedieventi dopo descrizionedieventi si descrivela realtà, che altro non diventa che descrizione della realtà da parte dei media dell informazione, questo perché la simultaneità dell accadereelacomplessitàimmanenteallasocietàdelmondo,non permette di analizzare ogni accadimento o fatto o evento che descrivelarealtàautenticadapartediunosservatore. Una realtà vera, pura, è impossibile vederla, ma è possibile percepirne una meno descritta o ri descritta solo all interno di un sistema sociale molto molto ristretto. In esso la complessità è estremamente ridotta, tale da poter essere trattata, conosciuta direttamente dall individuo (8) : ciò elimina il raccontatore, il medium che descrive la realtà per il destinatario di quella informazione. Non è ipotesi remota che quel racconto si riveli aberrante. Queste operazioni di descrizione dell accadere, assumono una funzione centrale in quella che si potrebbe dire percezione della realtàdapartedell individuo (chenonosserva),nelmomentoincui la comprensione del senso della comunicazione (9), è assunto dal destinatario come vero, autentico, e si accoglie il senso prodotto dai mezzi di informazione(coloro che hanno intenzione di comunicare, chetrasferisconoun informazione)comelarealtàassoluta,come ciò cherealmentestaaccadendointorno. (8)Unarealtàchesiailmenopossibile descritta daaltriadaltri(attraversoilsistema della comunicazione sociale), è possibile solo in presenza di un livello di complessità molto minimo, tale da poter controllare la complessità degli eventi, trattarli e comprenderli direttamente.cambialapercezionestessadell accaderema,credo,non sipossamaidiredipoter conoscerelarealtàpura,neancheinpresenzadiunaminima complessità.isistemiodierni naturalmente nonpermettonociò,dunque,partedella realtà ovverociòchevienepercepito,postalacomplessitàprodottadallasimultaneità dell accadere del sistema mondo e del sistema nazione è destinata ad essere raccontata daaltriadaltrisfruttandoilsistemadellacomunicazione. (9) Si chiama COMUNICAZIONE SOCIALE un operazione elementare che producesenso. Per descrivere la STRUTTURA DELLA COMUNICAZIONE, si deve far riferimento a tre elementifondamentali: a)attodelcomunicare:puòesserequalsiasiattopresoinconsiderazioneper osservareeprodurresignificato; b) INFORMAZIONE: Differenza che produce una differenza (non una differenza di quellochesihainorigine); c) COMPRENSIONE: E una prestazione di colui che comprende; è il risultato di comunicazione,chepuòessereutilizzatadaunaltroosservatore,soltantoseapartireda essasiattivaun operazionedicomunicazione.

6 Il tutto ciò che accade intorno è ancora più considerato autentico, tanto più la pluralità dei media dell informazione (10) lo descrive allostessomodooinmodosimile,senzachelalogorroicainsistenza sulla mera descrizione degli eventi contribuisca all arricchimento delsenso (11) (Sulpuntopiùspecificatamentedopo). Paradossale, tutto ciò, se si pensa al ruolo centrale all interno della società, di un media come il sistema televisivo, finestra sul mondo e sull Italia da dove guardare ogni ora del giorno e ogni giorno dell anno. E aberrante che da questa finestra, non si possa vedere la realtà, ma solo la realtà costrutto della comunicazione socialedeimediadell informazione: Provandoarispondereallaprecedentedomanda,cosasiintende nel senso qui accolto per realtà? Rispondo con quanto hanno avutoascriverer.degiorgien.luhmann: Larealtàdellasocietàè soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione (12), come società del mondo è il prodursi, l accadere, il verificarsi del mondonellecomunicazioni (13). (10) Si è detto pluralità dei media dell informazione: Si intende la stessa descrizione (rectius:ri descrizione)dellarealtàoperata(neimodioradetti,apareredichiscrive) non solo dal mezzo d informazione più diffuso (la TV), ma anche dalla stampa. Naturalmente il modus operandi rimane il medesimo, e ciò non può che affidare maggiore autenticità alla descrizione agli occhi del destinatario. Attraverso l apporto descrittivo di più fonti che intervengono a correggere una descrizione, smentendo la veridicità dell informazione data, riproponendola, magari esponendosi ad una nuova integrazione o correzione,sipervieneaduna arricchimentodisenso,e quellache pursempreunadescrizionerimane puòaccogliersicome piùplausibile. (11) Ha scritto R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicato nel volume Temi di filosofia del diritto, p. 35. Un continuo surplus di comunicazione,quasiuncontinuonecessarioinsisteredellacomunicazionesenzachela ridondanzachesiproducecontribuiscaallaimmissionedivariazione,all arricchimento delsenso.[ ]Ladimensionetemporaledellacomunicazionesiespandeecomprime[ ] la dimensione materiale, quella che permette di determinare il senso, di osservarlo, di indicarlo. Una comunicazione paradossale nella quale l osservatore esterno può osservarecheillivelloalqualesitrattailtemadellacomunicazione[ ]èsempremeno rilevante,sfumacontinuamente,siperde[ ]Mentresisenteel osservatoreavvertitolo puòosservare,chelacomunicazionecomunicasemprequalcosadinoncomunicato. (12)R. DE GIORGI,cit.p35 (13)CosìNIKLASS LUHMANN: WeltgesellschaftistdasSich ereignenvonweltinder Kommunikationen.

7 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale. Ci si era fermati nel racconto dell evoluzione che ha interessatoilc.d.sistemadellarappresentanza nelmomentoincuii partiti politici inventano nuove tecniche di raccolta del consenso, ove la forma di governo democratica accoglie il principio della sovranitàpopolare(art.1,co2,cost.)èstabiliscelalegittimazionedei rappresentantiagovernarepreviadesignazionepopolareespressada libereelezioni.l eserciziodelpoteredigovernosifondasull opinione pubblica. I partiti, convogliatori di richieste, ma anche interpreti dei bisognideglielettori,inizialosfruttamentodei temi :Lecondizioni sociali disagiate, dunque povertà ecc., i tassi di criminalità, la diminuzionedeisalari,ecosìindicando.tutti temi chesicuramente risultano rispecchiare, le difficoltà e i bisogni di una società, si in evoluzione,maperquestoespostaalmutareignotodellacondizioni inmelius/inpeius: Tecnichediraccoltadelconsenso. I cittadini concedono il consenso alla formazione partitica che meglio ha saputo interpretare i bisogni e proporre (o promettere) unasoluzionerazionaleaidisagi.concedonofiducia. Ben presto ai problemi non si trovano le soluzioni, e questo costituisce perdita di consenso, l opinione pubblica, cambia, a favore di un altro promettitore. Altrettanto in fretta, si comprende come l occultamento della verità, può nascondere a sua volta un cattivooperato,magarireinventarlocomebuono.quest ultimoviene rivenduto nellacampagnaelettorale. I strateghi dellaraccoltadelconsenso,reinventanouna nuova politica,sipotrebbedirechelapoliticasiristruttura.essa ordine fornito di un alto potenziale adattivo si evolve: La politica si è ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosiallacontinuarevisionedeisuoiprogrammi (14). (14)CosìR. DE GIORGI,inIldirittonellasocietàdelrischio,pubblicatoinTemidifilosofia deldiritto,pensamultimedia,lecce,2006,cit.p75(lasottolineaturaèmia).

8 Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, trasformazioni, ristrutturazioni, nuove intuizioni portano ad orientare l attenzione al sistema che più di ogni altro comincia ad orientare l opinione pubblica, e ancor più centrale la realtà: Il sistemadellacomunicazionesocialeattraversoimedia. E tale struttura di operazioni che produce senso, descrive gli eventi passati, futuri (che potrebbero accadere come risultato di scelte),soprattuttopresenti:e unastrutturachehaachefareconil tempo. Per raccogliere consenso al presente non si può far altro che seguire la realtà descritta dai media. Si rivedono interi programmi elettorali, si reinventano slogan. Si comprende che se si vuole esistere si deve essere inglobati nella descrizione della realtàperpetuatadaimedia. Il costituzionalismo moderno, aveva compreso l importanza del poteredell espressioneliberadelpensiero, conlaparola,loscrittoe ogni altro mezzo di diffusione, direttamente esplicitando che la stampanonpuòesseresoggettaadautorizzazioniocensure (art21, co 1, 2 Cost.). La costituente formula l art 21 Cost., memore delle campagne fasciste di censura, della stampa, ma anche di ogni barlumedipensierochenonsiapropedeuticoalregime.unprincipio fondamentalediunamodernademocrazia. L evoluzione del sistema porta a trasformazioni non programmabili (15), così come non programmabile è stato il nuovo assetto del sistema della comunicazione; un nuovo campo ove esercitareildiritto adesprimereliberamenteilpropriopensiero. Il sistemadellapolitica,conia moltosagacemente una nuova formula : dopo essersi come su detto ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosi alla continuarevisionedeisuoiprogrammi,propendeper ristrutturare la realtà prodotta dai media della comunicazione di massa, disponendola alla sua continua revisione, in base ai suoi programmi. Talemodusprocedendi,verrà,chiamato controllodell informazione. (15)HadettoDE GIORGI delleimprobabilitàchesipossonocostruiredase.

9 3.Imediamodernicostruttoridi nuovarealtà. La realtàprodotta dai media della comunicazione di massa (16), produce opinione pubblica. Trattare quest ultima è fondamentale per il potere, dal momentoincui,sièristrutturatocomesistemadellarappresentanza legittimatoalpoteredal votopopolare. Laparadossalitàdella realtàdelpresente (17) èuna realtà (ciò che esiste, ciò che è) che non è realtà. Ma un paradosso è inosservabile. Per superarlo si deve trovare una distinzione. Una distinzionenonfaaltrocheoccultareunparadosso.diversamentela circolarità non ci consentirebbe di osservare ciò che vogliamo osservare:la realtàdelpresente. Si potrebbe dire: realtà descritta (18) e realtà ri descritta. Proverò perciòchequipremedimostrare asvolgerelaseconda partedelladistinzione. Si è detto sino ad ora, che i media della comunicazione descrivono l accadere. Che la comprensione da parte dei destinatari dell informazione produce percezione dell accadere, frutto pur sempre di descrizioni. E compito dei mezzi di informazione descrivere gli accadimenti, gli eventi, ai destinatari, posto che altrimenti la percezione di ciò che accade in luoghi distanti non potrebbe verificarsi (e naturalmente vi è interesse alla conoscenza di ciò che accade, anche solo dal punto di vista istituzionale,peresercitarealmeglioipoteriderivati dallasovranità popolare ). (16) Si veda quanto detto in questo scritto a proposito della sistema della comunicazionesocialee manipolazione dellarealtà. (17)Siintendela realtàdelpresente,comepercezionedell accaderecheilsingoloha, in conseguenza alla descrizione dell accadere perpetuato dai media della comunicazione. (18)Comedettoprima,miparesipossadirechelapercezionediunarealtà nazionale ofinanco mondiale pura,vera,nonpuòpercepirsi,perilsempretroppoaltogradodi complessità immanente in questi sistemi. Conseguentemente non posso che tentare di definireuna distinzione trauna realtà (descrizionediunaseriedieventiecorollari), sìdescritta,ma pensata capaceadavvicinarsiallarealtà(diqueideterminatieventie corollari), e una realtà RI DESCRITTA, ovvero manipolata (o come altro si vuol definirla),lecuiomissioniinficianola descrizione deglieventi.

10 Tale descrizione della realtà produce realtà che a sua volta indirizza opinione pubblica. Il sistema dei partiti, preso il controllo diretto o per influenza su l intero apparato dell informazione, indirizzaladescrizionedellarealtàeconessaproduceprodomosua una nuovarealtà,propedeuticaaiprogrammielettorali. Il risultato è il consenso raccolto in base ad una realtà RIdescritta adhoc,dasfruttareperfinielettorali,postoche comeha scritto R. De Giorgi (19) definendo il paradosso della sovranità popolare ilpopoloèsovranoperchéèprivodipotere,alsistema dipotereservelasolalegittimazioneagovernare. Sièinpresenzadiunsurplusdiinformazionefinancosterile,non vièalcunarricchimentodisenso,sitrasferisceinformazionechenon informa circa i corollari di un evento(motivi, cause, effetti ecc), ma solo del verificarsi dello stesso, i cui corollari sono lasciati alla discussionepolitica(attraversoimedesimi mezzi dicomunicazione di massa), alla eterna propaganda elettorale: sicché ogni parte politica,fasuo ilmerito efadell avversariola causadiundanno. Ilparadossodell opinionepubblicaèche ètantomenoinformata quantopiùfagocitataèl informazione (20). Si è detto che la realtà della società è soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione. Se non si è inclusi in tale realtà alla percezione dell opinione pubblica non si esiste. Eventi scomodi sono esclusi, come eventi favorevoli sono inclusi. Dove la dialettica inclusione/esclusione equivale a esistere/non esistere. RI descrizionedellarealtà. Con il controllo dell informazione, si sono sviluppate, sempre più raffinate tecniche di raccolta del consenso. I temi sfruttati, divengonoprestodue: Ilrischio e lafiducia. (19)R. DE GIORGI,cit.p17 (20)CosìsiesprimeR. DE GIORGI,cit.p77

11 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà Cos è Fiducia? Fiducia è un dispositivo, un meccanismo, una tecnica che operaerendepossibilioperazioninellasocietàmoderna[ ]daultimo comeunoschemadellacostruzionediaspettative (21). Lafiduciahaachefareconiltempo,essaèunvincolodeltempo: E una possibilità di costruzione del futuro, permette di affrontarlo utilizzando il non sapere di cui disponiamo al presente (22). Il complesso semantico della fiducia si evolve, dalla fiducia nella divinità al XIX secolo: il secolo della fiducia : I sindacati incanalano la fiducia degli operai; nelle fabbriche si cerca di instaurareunrapportodifiduciatradatoredilavoroelavoratore;il costituzionalismoinstauralo statodidiritto ela democrazia,così chelapoliticasiapreallafiducia,ristrutturandosicome luogodella fiducia, in cui riporla. Cosicché al sistema politico si da fiducia,e si legittimaa prenderedecisioni propriosull ontadiquellafiducia. Come ha scritto De Giorgi (23), si sviluppa la certezza della partecipazione alla costruzione del futuro attraverso l autoinclusione nellaparadossalecircolaritàdellapolitica :Sihafiducianellafiducia nellapolitica, nellacontinuitàdell agirepolitico,nellarealtàcheesso sicostruisce.siriponefiduciainunafictio. Perquellochesivuoledire,cisidevefermarequi: Fiducianella politica (24). (21)SivedaR. DE GIORGI,inEvoluzionedellafiduciaeperiferiedell accadere,pubblicato intemidifilosofiadeldiritto,2006cit.p25. (22)Sivedalanotaprec. (23)R. DE GIORGI,cit.p31. (24) Si ha l occasione, però, di specificare quanto scritto prima a proposito della legittimità del potere, nel senso seguente: Legittimità a governare, implica cercare il riconoscimento della sua autorità nei cittadini, proprio attraverso la retorica della fiducia ( vedi molto più sapientemente e specificatamente R. DE GIORGI, Fiducia nella fiducia.riduzione della complessità e orizzonti dell incertezza, pub. in Temi di fio., cit. p 46).Unparadosso,sesipensachefiduciaimplicaunasortadiaccettazione,un sapere dellealternative,cheilsingolononha.

12 Ricerca del consenso, è tentativo di ispirare fiducia, essa si è detto legittima l esercizio del potere. Questa operazione della politica, si può svolgere con l azione, ergo: azione produce dei risultati, questi possono essere positivi o negativi, a loro volta positività o negatività del risultato è determinato soggettivamente. Risultati positivi importano fiducia, negativi fanno perdere fiducia. Ma questa è una semplificazione che non regge, se non affiancata daglialtri modi per guadagnarefiducia. Questi hanno a che fare con la realtà, con i mezzi di comunicazione di massa financo con il controllo dell informazione dapartedellapolitica. Si è definito fiducia uno dei mezzi che utilizzano i media della comunicazione, per garantire il consenso a parti del sistema politica. Si è anche detto come il sistema della comunicazione utilizzato dai media di massa, ri descriva la realtà che verrà poi percepita dai destinatari delle informazioni; effettuando questo insieme di operazioni è possibile implementare la fiducia nei confrontidiunapartedelsistemapolitica. Ciò è tanto vero quanto una serie di eventi o azioni che producono risultati negativi o siano essi stessi negativi, producano perdita di fiducia, succede che vengono taciute o descritte senza nessunaproduzioneulterioredisenso. Capitacheazionisiano descritte inuntalmododarisultarenon tanto negative quanto dovrebbero esserlo, la comprensione è il risultato della comunicazione, e la prima (la comprensione) è ciò che contiene le informazioni relative ad una determinata azione, informazione su informazione di azione su azione, formano una opinione (di colui che compie le azioni o le ispira), da qui, scaturisceuna decisione :Quelladidareonondare fiducia. Ingeneralesipotrebbedirechela realtà[creata]daimediadella comunicazione implementifiducia verso ilsistemadipoterechela controlla. Mafiduciaprodottainbaseadazioniconsideratepositive(o ridescritte comepositive,osenegativenon descritte affatto )nonè l unico mezzo per implementare la fiducia in un determinato movimentopolitico:hascrittor.degiorgi lafiduciamodernaache fareconilrischio (25) (25)CosìR. DE GIORGI,cit.p50

13 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale Come lafiduciamodernaachefareconil rischio,cosìessohaachefare con l azione (26), e conseguentemente con l imputazione delle conseguenze di un azione o di un agire sbagliato o, financo di una strategiadell agire sbagliata. Ciò è tanto più centrale in un sistema democratico stante la c.d. responsabilità politica che ogni rappresentante ha davanti agli elettori,checoncedendofiduciasonorimasti delusi. Succedechela ri descrizione dellarealtàpossamitigareanche questieffettiallapercezionedeicittadini. Rischio è una minaccia del pericolo di un risultato negativo nel futuro.senonfossacosìogniprogetto,dunque,ogniazionepotrebbe essere programmata e portata a compimento secondo le previsioni iniziali. Ma il rischio interrompe quest ordine, e se c è deve essere eliminato,quantomenomitigato,attraverso misuredisicurezza. Il sapere del possibile verificarsi di un rischio impone di prevenirlo, l orizzontelungoilqualesivalutalarischiositàdelrischio èlasicurezza[ ]l alternativaalrischio,insommaèlasicurezza (27). Il rischio ha a che fare anche con la percezione della realtà. La stessa percezione del rischio ha a che fare con il sistema della comunicazione di massa. A che titolo? Questi ultimi nel ridescrivere la realtà hanno imparato a implementare la percezione sociale di determinati rischi piuttosto che altri; rischi a cui puntualmente la politica si è dedicata con tanto di politiche di sicurezza (se penso alla recente campagna mediatica contra extracomunitari),chenonsonoaltrocheidiscorsichelegittimanola c.d. tolleranzazero. (26)Suirapportitrarischioeazionesiesprimecosì R. DE GIORGI,cit.p50: Ilrischio esponeilfuturoall azione[ ]ilrischiononc èprimadell azione[ ]ilrischiopresuppone l azionechepresupponeilrischio.ilrischio,quindistafuori.[ ]Lacomplessatecnologia delrischio,però,rendepossibilel azione.questastranacircolarità,questoparadossoci permettediagire,comesidice,insituazionidiincertezza.eancora: Lafiduciamoderna trasferisceilrischiosulleproprieaspettative.essainveste,cioèrischia,sulleaspettative cheorientanol azione.sitrattadiuninvestimentorazionaleperchérendepossibile l azione[ ]. (27)MoltochiaramenteR. DE GIORGI,cit.p58oveindicacomelasicurezzacome alternativaalrischio,èaltamenterischiosa.

14 Tali modus operandi hanno gravi conseguenze nella costruzione delfuturo,allequalicontinuamentelavoranoisingolisistemisociali (28), si potrebbe parlare di rischio del rischio costrutto della comunicazione sociale (29) : La percezione del rischio alterata, non permette una osservazione della realtà obiettiva, a sua volta implementando il rischio che una percezione distorta dei rischi nella realtà (descritta dai media dell informazione) implementi una fiducia in chi millanta una risoluzione di un rischio che potrebbe anchenonessereunrischio.questoperchéla fiduciaapparebasata suunarealtà ri descritta,nellaqualeil rischioimplementatodalla comunicazione di massa non è altro che una parte dell opera di alterazionedellarealtàstessa. Non è escluso che tutto ciò possa portare all occultamento di rischi reali o di quelli che pur immanenti alla realtà non si vedono. *Questo tentativodiriflessione,nascedallaletturadeltesto Temi difilosofiadeldiritto diraffaeledegiorgi,esiproponeuntentativo disviluppodiunaproblematicaattualeutilizzandoitemitrattatinel testoacuifrequentementeildiscorsosirichiama. (28)CosìDE GIORGI,cit.p63;Unesempioattualeilc.d. allarmesicurezza. (29)R. DE GIORGIhadefinitoilrischio costruttodellacomunicazionesociale.

15

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti,

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti, Marco Lombardi Vivere col rischio La sfiducia nella razionalità e nel progresso, tipica della postmodernità, ha portato all affermazione del concetto di rischio e ci ha convinto a sviluppare scale di misurazione

Dettagli

Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5

Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5 Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5 Co-apprendimento e co-evoluzione in gruppo di Daniela Patruno * L individuo è parte di una rete comunicativa sociale, un piccolo punto nodale in questa rete,

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza Pietro Greco Trieste, 25.01.2007 La scienza sui media (un esempio: anno 2002 in Italia) Media Spazio o tempo (in % sul totale) Tg 3,9

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Segreteria del Consiglio Nazionale

Dettagli

A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni

A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni Intervista a Gregorio Arena A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni a cura di Francesca Amadori e Federica Frioni L art. 118 u.c. della Costituzione recita Stato,

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO Annunziata Gemma PREMESSA La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere

Dettagli

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Mita Marra Università di Salerno Visiting Scholar Trachternberg Schol of Public

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Introduzione Né colpevoli né vittime

Introduzione Né colpevoli né vittime Introduzione Né colpevoli né vittime di Sexyshock Appena preso in mano Temporaneamente tua, ci sono balzate agli occhi innanzitutto le differenze con la stragrande maggioranza delle (poche) pubblicazioni

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

AMALIA TELEFONO SPECIALE

AMALIA TELEFONO SPECIALE AMALIA TELEFONO SPECIALE prevenzione rinuncia alla vita PER UN GIORNALISMO DELLA SPERANZA PENSARE GLOBALMENTE, ORGANIZZARE NAZIONALMENTE, AGIRE LOCALMENTE (10 settembre 2008, Giornata Mondiale della Prevenzione

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

I cambiamenti nel decennio 1980-1990

I cambiamenti nel decennio 1980-1990 LA STORIA DI LUCCA 2 CIRCOLO I cambiamenti nel decennio 1980-1990 Per opera del dimensionamento dei plessi scolastici avviato dal M.P.I. ed a causa del calo demografico della popolazione scolastica degli

Dettagli

Approfondimenti. Percorso F. Come si ottiene il marchio Ecolabel. Nuovo progetto turismo. Lezione 1 La qualità dell impresa turistica

Approfondimenti. Percorso F. Come si ottiene il marchio Ecolabel. Nuovo progetto turismo. Lezione 1 La qualità dell impresa turistica Nuovo progetto turismo 1 Approfondimenti O N S E Approfondimenti Percorso F Lezione 1 La qualità dell impresa turistica Come si ottiene il marchio Ecolabel L Ecolabel europeo identifica una struttura ricettiva

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico?

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Alberto Martini alberto.martini@sp.unipmn.it Sintesi: La valutazione intende offrire ai decisori pubblici

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI DOS SANTOS Janaildes Maria Secondo voi quali sono gli elementi chiave per la produzione dei conflitti nei rapporti sociali? PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI Ascoltiamo

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano

Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano A me dispiace non poter portare un contributo concreto come quelli interessantissimi che sono stati presentati. Io penso che soprattutto i dati

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona. Bellinzona, 20 aprile 2012

All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona. Bellinzona, 20 aprile 2012 All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona Bellinzona, 20 aprile 2012 Onorevoli Consiglieri di Stato, è con piacere che il comitato del

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI DISTINTIVI E CONCORRENZA -------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FONTI LEGISLATIVE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca PSYLAZIO.AOO1.REGISTRO UFFICIALE.0004537.28-06-2011 Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca A cura dell Ordine degli Psicologi

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo VADEMECUM PER LA SICUREZZA FARMACIE PREMESSA Le rivendite di farmaci e di presidi sanitari, in quanto esercizi che movimentano quotidianamente consistenti volumi di denaro contante, costituiscono obiettivi

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

Federalismo, spesa e investimenti nel sistema di istruzione II parte di Franco De Anna

Federalismo, spesa e investimenti nel sistema di istruzione II parte di Franco De Anna Federalismo, spesa e investimenti nel sistema di istruzione II parte di Franco De Anna LEP e politiche di spesa Ovviamente il finanziamento a prestazione non è certamente esauriente per il funzionamento

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO Pagina 1 di 6 CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE La Cooperativa CFP Soc. Coop. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli affari compromettono la reputazione della stessa Società ed ostacolano

Dettagli

Stefano Calicchio. Il manuale del CUSTOMER EVANGELIST

Stefano Calicchio. Il manuale del CUSTOMER EVANGELIST Stefano Calicchio Il manuale del CUSTOMER EVANGELIST Come promuovere i tuoi prodotti, le tue idee o la tua azienda usando i principi del marketing evangelist 2008 Edizione Ebook www.marketingeditoriale.com

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

CODICE ETICO (ANCPL)

CODICE ETICO (ANCPL) Aggiornamento al 02.07.2012 CODICE ETICO (ANCPL) APPROVATE LE MODIFICHE CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 04/09/2012 Firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - A proposito di social network! Osserviamo due esempi di pagine Facebook." Cercate di pensare a qual è la differenza principale tra queste due pagine." Esempio

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Le pubbliche relazioni e le tradizioni

Le pubbliche relazioni e le tradizioni CONSIGLIO DEI FIDUCIARI DEI SERVIZI MONDIALI_ BOLLETTINO #25 Le pubbliche relazioni e le tradizioni Ciò che segue non sono delle linee guida emesse dal Consiglio dei Fiduciari dei Servizi Mondiali; ha

Dettagli

Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano

Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano BOZZA Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano Diritto e questioni di genere a cura del Centro Diocesano per la Pastorale Familiare e dell Ufficio Catechistico

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Anna Rita Colasanti 25 maggio 2013 Scopo Favorire un approccio alla realtà adolescenziale proattivo e propositivo e consentire, al contempo, un distanziamento

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

RIFORMA DELL EDITORIA

RIFORMA DELL EDITORIA RIFORMA DELL EDITORIA Il sistema normativo che regola l intervento dello Stato nel settore dell editoria e dei prodotti editoriali è caratterizzato da una serie di provvedimenti legislativi che traggono

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE B: REATI SOCIETARI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

Il dividendo sociale di Meade

Il dividendo sociale di Meade MOVIMENTO FEDERALISTA EUROPEO -UFFICIO DEL DIBATTITO Il dividendo sociale di Meade Dal debito al patrimonio pubblico Alfonso Iozzo 11/10/09 Il ciclo della rivoluzione industriale si è chiuso ed è iniziata

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

PROGETTARE, INSEGNARE E VALUTARE PER COMPETENZE IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI EUROPEI DI COLLABORAZIONE ON LINE. Dino Cristanini

PROGETTARE, INSEGNARE E VALUTARE PER COMPETENZE IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI EUROPEI DI COLLABORAZIONE ON LINE. Dino Cristanini PROGETTARE, INSEGNARE E VALUTARE PER COMPETENZE IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI EUROPEI DI COLLABORAZIONE ON LINE Dino Cristanini Indicazioni nazionali k per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento

INDICE. Introduzione 9. Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento INDICE Introduzione 9 Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento Dal D.LGS 626/94 al D.LGS 81/08 15 Il D.LGS 81/08 ovvero il Testo Unico sulla Sicurezza 18 Campo di applicazione e obblighi fondamentali

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni ***********

REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni *********** REGIONE LAZIO Comitato Regionale per le Comunicazioni *********** REGOLAMENTO PER L ACCESSO RADIOFONICO E TELEVISIVO REGIONALE Approvato dal Corecom Lazio con delibera n. 1 del 19 settembre 2011 Articolo

Dettagli

PRIMA LINGUA STRANIERA A LIVELLO PRIMARIO: LINGUA NAZIONALE O INGLESE?

PRIMA LINGUA STRANIERA A LIVELLO PRIMARIO: LINGUA NAZIONALE O INGLESE? TEMA INSEGNAMENTO DELLE LINGUE STRANIERE PRIMA LINGUA STRANIERA A LIVELLO PRIMARIO: LINGUA NAZIONALE O INGLESE? La Svizzera non applica una regolamentazione uniforme in materia d insegnamento delle lingue

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

IL FUTURO DELLA DEMOCRAZIA di Norberto Bobbio

IL FUTURO DELLA DEMOCRAZIA di Norberto Bobbio IL FUTURO DELLA DEMOCRAZIA di Norberto Bobbio Einaudi, marzo 2005 220 pp., 11 euro Premessa all edizione 1984 Il volume raccoglie alcuni scritti dell autore sulle trasformazioni della democrazia. L autore

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli