di Giuseppe Del Giudice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giuseppe Del Giudice"

Transcript

1 Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazionedella realtà. Falsa fiducia e rischio del rischio costrutto della comunicazionesociale.degenerazionedelsistema?* digiuseppedelgiudice SOMMARIO:1.Ilsistemadellacomunicazionesocialeemanipolazione della realtà 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale 3. I media moderni costruttori di nuova realtà. 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale 1. Il sistema della comunicazione sociale e manipolazione della realtà. Larealtàdellasocietàèsoltantolarealtàdellarealtàdei media della comunicazione (1), s identifica così la realtà della società nel mondo, di un mondo che Nietzsche definì falso, scompaginatodagliuominicheiviviabitano. L evoluzione storica che vorrei ora lato sensu intendere come evoluzione del sistema del potere ha inventato nuovi metodi di raccoltadelconsenso : L ottocento disegnò, sotto la spinta illuminista, una nuova concezionedisocietas,universalitàdellaragioneecostruzionediun nuovoordinepolitico giuridico.ilmondoeradivisointerritorinei qualilo stato esercitavalasua sovranità.icittadinieranocittadini delle nazioni, considerati nell uguaglianza come esseri razionali. L ordine del mondo era l ordine degli stati e quindi la coesistenza delle nazioni (2). Ben presto la ragione che assicurava che si sarebberocostruitecondizionigiusteperl umanità razionalmente, tendendo al un bene comune, venne sfigurata all inizio del secolo dal bisogno di sicurezza che si manifestò come guerra. Arrivò il tempodellederivetotalitarielacuirisoluzioneinnescònuove derive fredde nei rapporti tra nazioni, che a loro volta generarono altre guerre. (1) Così scrive R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006,p35. (2) R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nella società del mondo,pubblicatointemidifilosofiadeldiritto,2006,p14.

2 Allora l ordine del mondo non corrisponde più all ordine della ragione (3),essanonriescearegolarelacomplessitàdell ordinedel mondo stesso; si era immaginato un mondo in cui uguaglianza, giustizia e diritto avrebbero realizzato il bene comune, in cui la ragioneavrebbedirettoilcamminoevolutivo: Ilmondosirivelainvececomeinafferrabileorizzontediirriducibili indeterminatezze (4).Ancora evoluzione. Tecnichediraccoltadelconsenso miparesipossachiamarle,le sperimentazionigrazieallequali,ilsistemadelpotere reinventato dal Rousseau come legittimo o legittimato proprio dal consenso popolare (principio accolto poi dal costituzionalismo moderno italiano,ancheseinformadiversadaquellateorizzatadalrousseau) sigarantiscelagovernabilitàdiunanazione. Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, avvenuta di pari passo all invenzione del sistema rappresentativo; dallo stato monoclasse,allostato pluriclasse delledemocraziepluralisteedei partitipoliticidimassa : L evoluzione del sistema della rappresentanza, ha inventato un nuovo modo di raccolta del consenso e parimenti nuovi sistemi dell agire istituzionale. Ma evoluzione del sistema della rappresentanza significa evoluzione del diritto del cittadino, del diritto di voto, di scelta del proprio rappresentante alla guida della comunità: il Suffragio universale (nel quale a sua volta è immanente un evoluzione dell attenuazione delle differenze sociali uomo donna).ipartitidimassa,divengonobenpresto cacciatoridel consenso popolare ; si sviluppano ideologie, e si inventano le linee dipartito concoerenzaversoisostenitori votanti delmovimento. Ecco che divengono convogliatori di richieste, rappresentanti di partidisocietà.peroracisifermiqui. (3)CosìsiesprimeR. DE GIORGI descrivendoun ordinedelmondo che non corrisponde più all ordine della ragione; ragione di un illuminismo che assicurava che si sarebbero costruite razionalmente condizioni giuste per l umanità, mentre ora la ragione si rivela incapace di controllare l indeterminabile complessità che si riversa su un mondo che era stato immaginato come una connessione di organizzazioni uguali e liberamente ordinatesecondogiustiziaedirittoesirivelainvececomeinafferrabileorizzonte di irriducibili indeterminatezze in Condizioni della descrizione della complessitànellasocietàdelmondo,pubblicatoin Temidifilosofiadeldiritto, 2006,p.16ss. (4)R. DE GIORGI,cit.p18(vedinotaprec.)

3 La simultaneità dell accadere produce più eventi di quanto non è possibile controllare con l attenzione: Questo eccesso di possibilità la chiamiamocomplessita (5) (6).ParafrasandoancoraDeGiorgiper acquisizione evolutiva si intende che la società evolve, rectius: si producono trasformazioni la cui caratteristica comune è la non programmabilità : Per evoluzione, allora, si intende un processo attraverso il quale improbabilità si rendono possibili da se, dove per improbabilità si intende trasformazioni non programmate che siproducononellasocietàcheevolve. Insieme alla società che evolve, anche la percezione dell accadere si migliora, si struttura, assume la forma dell informazione,elestrutturedell informazionesidiffondonofinoa rendere possibile una simultaneità dell accadere : Dalla mera percezione della complessità della piccola comunità fino a permetterelaconoscenzadellacomplessitàdelmondo. Larealtà diviene complessa. Ma cosa si intende nel senso qui accolto perrealtà? Pertentaredirispondereaquestointerrogativo,siabbisognadi unapremessanecessaria: Accadimentinelmondo,lontani nelsensofisico dachiriceve l informazione, non possono essere nient altro che ricostruzioni o descrizioni di un fatto accaduto (che evidentemente suscita interesseneldivulgarlo),operadiuominiperaltriuomini.dunquesi comprende facilmente, come possa anche essere soggettiva la ricercaelaraccoltadiunanotizia,eancorapiù soggettivo il modo di descrivere un determinato accadimento al destinatario dell informazione. Il soggetto fisicamente lontano dall ubicazione dell accadimento del fatto è informato: è destinatario di una descrizione dell accadimento stesso. Esso è destinatario di una descrizionedellarealtà,quest ultimaintesacome descrizionediun evento (ecorollari) odiunaseriedieventi cosìcome riportati dall autoredelladescrizione. (5)Sulproblemadella riduzionedellacomplessitàdelmondo eil sistemasociale,si vedalateoriasociologicadin. LUHMANN,trattatanellavorodiR. DE GIORGI,Scienzadel dirittoelegittimazione,lecce,pensamultimedia,ristampa2005pp217ss (6)CosìR. DE GIORGI cit.

4 Talemodusoperandi,sidiffondeeinteresocietàsonoinformatecirca una parte dell incommensurabile quantità di accadimenti che simultaneamente si verificano nel mondo, ed è informata conseguentemente circa le motivazioni di parte, le cause, le responsabilità, i meriti ecc. insomma: i corollari entro cui il dibattito cheilsistemadell informazioneoffre sisnoda. Nellasocietàdelmondo sièdetto lapercezionedell accaderesi trasforma, si struttura, evolve : Assume la forma dell informazione, dunque può essere considerata mera descrizione soggettiva della realtà;macomesidiffondenellasocietàmodernal informazione?e, soprattutto,qualiiprodotti? Domanda banale ma centrale la prima: Si potrebbe dire evoluzione del sistema dell informazione attraverso i mezzi, quest ultimi prodottodell invenzioneumana hannorivoluzionato il sistema. Naturalmente è con il diffondersi dei giornali prima, e della radio poi,chetalesistemahaimplementatolasuaimportanza. La società moderna ha conosciuto lo sviluppo tecnico informatico: nasceinternetconipersonalcomputer,e sovrana la televisione. Quest ultima, ha implementato fortemente la descrizione dell accadere, mezzo che nella societas moderna ( la società del modo hascrittodegiorgi (7) )haconsacrato piùdiognialtro la possibilità della simultaneità dell accadere in tutti i luoghi civilizzati del pianeta: La possibilità dell informare in tempi brevi e con una semplicità implementata, con tutti i confort propri di una nuova sperimentazione dell uso dell immagine e del linguaggio, che facilita la descrizione dell accadere. Così che giorno dopo giorno, il sistema d informazione della televisione che intanto è stata inventata come sevizio pubblico, perché pubblico non è descrive l accaderee offre tale descrizione (chepurdevedirsi soggettiva, non potendo essere mai obiettiva, o in assoluto conforme alla realtà)all esercenteilservizio. (7) Si consulti il lavoro di R. DE GIORGI, Condizioni della descrizione della complessità nellasocietàdelmondo,trad.ita.intemidifilosofiadeldiritto,pensamultimedia,2006.

5 Descrizionedieventi dopo descrizionedieventi si descrivela realtà, che altro non diventa che descrizione della realtà da parte dei media dell informazione, questo perché la simultaneità dell accadereelacomplessitàimmanenteallasocietàdelmondo,non permette di analizzare ogni accadimento o fatto o evento che descrivelarealtàautenticadapartediunosservatore. Una realtà vera, pura, è impossibile vederla, ma è possibile percepirne una meno descritta o ri descritta solo all interno di un sistema sociale molto molto ristretto. In esso la complessità è estremamente ridotta, tale da poter essere trattata, conosciuta direttamente dall individuo (8) : ciò elimina il raccontatore, il medium che descrive la realtà per il destinatario di quella informazione. Non è ipotesi remota che quel racconto si riveli aberrante. Queste operazioni di descrizione dell accadere, assumono una funzione centrale in quella che si potrebbe dire percezione della realtàdapartedell individuo (chenonosserva),nelmomentoincui la comprensione del senso della comunicazione (9), è assunto dal destinatario come vero, autentico, e si accoglie il senso prodotto dai mezzi di informazione(coloro che hanno intenzione di comunicare, chetrasferisconoun informazione)comelarealtàassoluta,come ciò cherealmentestaaccadendointorno. (8)Unarealtàchesiailmenopossibile descritta daaltriadaltri(attraversoilsistema della comunicazione sociale), è possibile solo in presenza di un livello di complessità molto minimo, tale da poter controllare la complessità degli eventi, trattarli e comprenderli direttamente.cambialapercezionestessadell accaderema,credo,non sipossamaidiredipoter conoscerelarealtàpura,neancheinpresenzadiunaminima complessità.isistemiodierni naturalmente nonpermettonociò,dunque,partedella realtà ovverociòchevienepercepito,postalacomplessitàprodottadallasimultaneità dell accadere del sistema mondo e del sistema nazione è destinata ad essere raccontata daaltriadaltrisfruttandoilsistemadellacomunicazione. (9) Si chiama COMUNICAZIONE SOCIALE un operazione elementare che producesenso. Per descrivere la STRUTTURA DELLA COMUNICAZIONE, si deve far riferimento a tre elementifondamentali: a)attodelcomunicare:puòesserequalsiasiattopresoinconsiderazioneper osservareeprodurresignificato; b) INFORMAZIONE: Differenza che produce una differenza (non una differenza di quellochesihainorigine); c) COMPRENSIONE: E una prestazione di colui che comprende; è il risultato di comunicazione,chepuòessereutilizzatadaunaltroosservatore,soltantoseapartireda essasiattivaun operazionedicomunicazione.

6 Il tutto ciò che accade intorno è ancora più considerato autentico, tanto più la pluralità dei media dell informazione (10) lo descrive allostessomodooinmodosimile,senzachelalogorroicainsistenza sulla mera descrizione degli eventi contribuisca all arricchimento delsenso (11) (Sulpuntopiùspecificatamentedopo). Paradossale, tutto ciò, se si pensa al ruolo centrale all interno della società, di un media come il sistema televisivo, finestra sul mondo e sull Italia da dove guardare ogni ora del giorno e ogni giorno dell anno. E aberrante che da questa finestra, non si possa vedere la realtà, ma solo la realtà costrutto della comunicazione socialedeimediadell informazione: Provandoarispondereallaprecedentedomanda,cosasiintende nel senso qui accolto per realtà? Rispondo con quanto hanno avutoascriverer.degiorgien.luhmann: Larealtàdellasocietàè soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione (12), come società del mondo è il prodursi, l accadere, il verificarsi del mondonellecomunicazioni (13). (10) Si è detto pluralità dei media dell informazione: Si intende la stessa descrizione (rectius:ri descrizione)dellarealtàoperata(neimodioradetti,apareredichiscrive) non solo dal mezzo d informazione più diffuso (la TV), ma anche dalla stampa. Naturalmente il modus operandi rimane il medesimo, e ciò non può che affidare maggiore autenticità alla descrizione agli occhi del destinatario. Attraverso l apporto descrittivo di più fonti che intervengono a correggere una descrizione, smentendo la veridicità dell informazione data, riproponendola, magari esponendosi ad una nuova integrazione o correzione,sipervieneaduna arricchimentodisenso,e quellache pursempreunadescrizionerimane puòaccogliersicome piùplausibile. (11) Ha scritto R. DE GIORGI, in Evoluzione della fiducia e periferie dell accadere, pubblicato nel volume Temi di filosofia del diritto, p. 35. Un continuo surplus di comunicazione,quasiuncontinuonecessarioinsisteredellacomunicazionesenzachela ridondanzachesiproducecontribuiscaallaimmissionedivariazione,all arricchimento delsenso.[ ]Ladimensionetemporaledellacomunicazionesiespandeecomprime[ ] la dimensione materiale, quella che permette di determinare il senso, di osservarlo, di indicarlo. Una comunicazione paradossale nella quale l osservatore esterno può osservarecheillivelloalqualesitrattailtemadellacomunicazione[ ]èsempremeno rilevante,sfumacontinuamente,siperde[ ]Mentresisenteel osservatoreavvertitolo puòosservare,chelacomunicazionecomunicasemprequalcosadinoncomunicato. (12)R. DE GIORGI,cit.p35 (13)CosìNIKLASS LUHMANN: WeltgesellschaftistdasSich ereignenvonweltinder Kommunikationen.

7 2. Il deficit democratico italiano e il controllo della comunicazione sociale. Ci si era fermati nel racconto dell evoluzione che ha interessatoilc.d.sistemadellarappresentanza nelmomentoincuii partiti politici inventano nuove tecniche di raccolta del consenso, ove la forma di governo democratica accoglie il principio della sovranitàpopolare(art.1,co2,cost.)èstabiliscelalegittimazionedei rappresentantiagovernarepreviadesignazionepopolareespressada libereelezioni.l eserciziodelpoteredigovernosifondasull opinione pubblica. I partiti, convogliatori di richieste, ma anche interpreti dei bisognideglielettori,inizialosfruttamentodei temi :Lecondizioni sociali disagiate, dunque povertà ecc., i tassi di criminalità, la diminuzionedeisalari,ecosìindicando.tutti temi chesicuramente risultano rispecchiare, le difficoltà e i bisogni di una società, si in evoluzione,maperquestoespostaalmutareignotodellacondizioni inmelius/inpeius: Tecnichediraccoltadelconsenso. I cittadini concedono il consenso alla formazione partitica che meglio ha saputo interpretare i bisogni e proporre (o promettere) unasoluzionerazionaleaidisagi.concedonofiducia. Ben presto ai problemi non si trovano le soluzioni, e questo costituisce perdita di consenso, l opinione pubblica, cambia, a favore di un altro promettitore. Altrettanto in fretta, si comprende come l occultamento della verità, può nascondere a sua volta un cattivooperato,magarireinventarlocomebuono.quest ultimoviene rivenduto nellacampagnaelettorale. I strateghi dellaraccoltadelconsenso,reinventanouna nuova politica,sipotrebbedirechelapoliticasiristruttura.essa ordine fornito di un alto potenziale adattivo si evolve: La politica si è ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosiallacontinuarevisionedeisuoiprogrammi (14). (14)CosìR. DE GIORGI,inIldirittonellasocietàdelrischio,pubblicatoinTemidifilosofia deldiritto,pensamultimedia,lecce,2006,cit.p75(lasottolineaturaèmia).

8 Evoluzione delle tecniche di raccolta del consenso, trasformazioni, ristrutturazioni, nuove intuizioni portano ad orientare l attenzione al sistema che più di ogni altro comincia ad orientare l opinione pubblica, e ancor più centrale la realtà: Il sistemadellacomunicazionesocialeattraversoimedia. E tale struttura di operazioni che produce senso, descrive gli eventi passati, futuri (che potrebbero accadere come risultato di scelte),soprattuttopresenti:e unastrutturachehaachefareconil tempo. Per raccogliere consenso al presente non si può far altro che seguire la realtà descritta dai media. Si rivedono interi programmi elettorali, si reinventano slogan. Si comprende che se si vuole esistere si deve essere inglobati nella descrizione della realtàperpetuatadaimedia. Il costituzionalismo moderno, aveva compreso l importanza del poteredell espressioneliberadelpensiero, conlaparola,loscrittoe ogni altro mezzo di diffusione, direttamente esplicitando che la stampanonpuòesseresoggettaadautorizzazioniocensure (art21, co 1, 2 Cost.). La costituente formula l art 21 Cost., memore delle campagne fasciste di censura, della stampa, ma anche di ogni barlumedipensierochenonsiapropedeuticoalregime.unprincipio fondamentalediunamodernademocrazia. L evoluzione del sistema porta a trasformazioni non programmabili (15), così come non programmabile è stato il nuovo assetto del sistema della comunicazione; un nuovo campo ove esercitareildiritto adesprimereliberamenteilpropriopensiero. Il sistemadellapolitica,conia moltosagacemente una nuova formula : dopo essersi come su detto ristrutturata cognitivamente orientandosi all opinione pubblica e alla realtà prodotta dai media della comunicazione di massa e disponendosi alla continuarevisionedeisuoiprogrammi,propendeper ristrutturare la realtà prodotta dai media della comunicazione di massa, disponendola alla sua continua revisione, in base ai suoi programmi. Talemodusprocedendi,verrà,chiamato controllodell informazione. (15)HadettoDE GIORGI delleimprobabilitàchesipossonocostruiredase.

9 3.Imediamodernicostruttoridi nuovarealtà. La realtàprodotta dai media della comunicazione di massa (16), produce opinione pubblica. Trattare quest ultima è fondamentale per il potere, dal momentoincui,sièristrutturatocomesistemadellarappresentanza legittimatoalpoteredal votopopolare. Laparadossalitàdella realtàdelpresente (17) èuna realtà (ciò che esiste, ciò che è) che non è realtà. Ma un paradosso è inosservabile. Per superarlo si deve trovare una distinzione. Una distinzionenonfaaltrocheoccultareunparadosso.diversamentela circolarità non ci consentirebbe di osservare ciò che vogliamo osservare:la realtàdelpresente. Si potrebbe dire: realtà descritta (18) e realtà ri descritta. Proverò perciòchequipremedimostrare asvolgerelaseconda partedelladistinzione. Si è detto sino ad ora, che i media della comunicazione descrivono l accadere. Che la comprensione da parte dei destinatari dell informazione produce percezione dell accadere, frutto pur sempre di descrizioni. E compito dei mezzi di informazione descrivere gli accadimenti, gli eventi, ai destinatari, posto che altrimenti la percezione di ciò che accade in luoghi distanti non potrebbe verificarsi (e naturalmente vi è interesse alla conoscenza di ciò che accade, anche solo dal punto di vista istituzionale,peresercitarealmeglioipoteriderivati dallasovranità popolare ). (16) Si veda quanto detto in questo scritto a proposito della sistema della comunicazionesocialee manipolazione dellarealtà. (17)Siintendela realtàdelpresente,comepercezionedell accaderecheilsingoloha, in conseguenza alla descrizione dell accadere perpetuato dai media della comunicazione. (18)Comedettoprima,miparesipossadirechelapercezionediunarealtà nazionale ofinanco mondiale pura,vera,nonpuòpercepirsi,perilsempretroppoaltogradodi complessità immanente in questi sistemi. Conseguentemente non posso che tentare di definireuna distinzione trauna realtà (descrizionediunaseriedieventiecorollari), sìdescritta,ma pensata capaceadavvicinarsiallarealtà(diqueideterminatieventie corollari), e una realtà RI DESCRITTA, ovvero manipolata (o come altro si vuol definirla),lecuiomissioniinficianola descrizione deglieventi.

10 Tale descrizione della realtà produce realtà che a sua volta indirizza opinione pubblica. Il sistema dei partiti, preso il controllo diretto o per influenza su l intero apparato dell informazione, indirizzaladescrizionedellarealtàeconessaproduceprodomosua una nuovarealtà,propedeuticaaiprogrammielettorali. Il risultato è il consenso raccolto in base ad una realtà RIdescritta adhoc,dasfruttareperfinielettorali,postoche comeha scritto R. De Giorgi (19) definendo il paradosso della sovranità popolare ilpopoloèsovranoperchéèprivodipotere,alsistema dipotereservelasolalegittimazioneagovernare. Sièinpresenzadiunsurplusdiinformazionefinancosterile,non vièalcunarricchimentodisenso,sitrasferisceinformazionechenon informa circa i corollari di un evento(motivi, cause, effetti ecc), ma solo del verificarsi dello stesso, i cui corollari sono lasciati alla discussionepolitica(attraversoimedesimi mezzi dicomunicazione di massa), alla eterna propaganda elettorale: sicché ogni parte politica,fasuo ilmerito efadell avversariola causadiundanno. Ilparadossodell opinionepubblicaèche ètantomenoinformata quantopiùfagocitataèl informazione (20). Si è detto che la realtà della società è soltanto la realtà della realtà dei media della comunicazione. Se non si è inclusi in tale realtà alla percezione dell opinione pubblica non si esiste. Eventi scomodi sono esclusi, come eventi favorevoli sono inclusi. Dove la dialettica inclusione/esclusione equivale a esistere/non esistere. RI descrizionedellarealtà. Con il controllo dell informazione, si sono sviluppate, sempre più raffinate tecniche di raccolta del consenso. I temi sfruttati, divengonoprestodue: Ilrischio e lafiducia. (19)R. DE GIORGI,cit.p17 (20)CosìsiesprimeR. DE GIORGI,cit.p77

11 4.Lafalsa fiducia basatasuuna ricostruzione dellarealtà Cos è Fiducia? Fiducia è un dispositivo, un meccanismo, una tecnica che operaerendepossibilioperazioninellasocietàmoderna[ ]daultimo comeunoschemadellacostruzionediaspettative (21). Lafiduciahaachefareconiltempo,essaèunvincolodeltempo: E una possibilità di costruzione del futuro, permette di affrontarlo utilizzando il non sapere di cui disponiamo al presente (22). Il complesso semantico della fiducia si evolve, dalla fiducia nella divinità al XIX secolo: il secolo della fiducia : I sindacati incanalano la fiducia degli operai; nelle fabbriche si cerca di instaurareunrapportodifiduciatradatoredilavoroelavoratore;il costituzionalismoinstauralo statodidiritto ela democrazia,così chelapoliticasiapreallafiducia,ristrutturandosicome luogodella fiducia, in cui riporla. Cosicché al sistema politico si da fiducia,e si legittimaa prenderedecisioni propriosull ontadiquellafiducia. Come ha scritto De Giorgi (23), si sviluppa la certezza della partecipazione alla costruzione del futuro attraverso l autoinclusione nellaparadossalecircolaritàdellapolitica :Sihafiducianellafiducia nellapolitica, nellacontinuitàdell agirepolitico,nellarealtàcheesso sicostruisce.siriponefiduciainunafictio. Perquellochesivuoledire,cisidevefermarequi: Fiducianella politica (24). (21)SivedaR. DE GIORGI,inEvoluzionedellafiduciaeperiferiedell accadere,pubblicato intemidifilosofiadeldiritto,2006cit.p25. (22)Sivedalanotaprec. (23)R. DE GIORGI,cit.p31. (24) Si ha l occasione, però, di specificare quanto scritto prima a proposito della legittimità del potere, nel senso seguente: Legittimità a governare, implica cercare il riconoscimento della sua autorità nei cittadini, proprio attraverso la retorica della fiducia ( vedi molto più sapientemente e specificatamente R. DE GIORGI, Fiducia nella fiducia.riduzione della complessità e orizzonti dell incertezza, pub. in Temi di fio., cit. p 46).Unparadosso,sesipensachefiduciaimplicaunasortadiaccettazione,un sapere dellealternative,cheilsingolononha.

12 Ricerca del consenso, è tentativo di ispirare fiducia, essa si è detto legittima l esercizio del potere. Questa operazione della politica, si può svolgere con l azione, ergo: azione produce dei risultati, questi possono essere positivi o negativi, a loro volta positività o negatività del risultato è determinato soggettivamente. Risultati positivi importano fiducia, negativi fanno perdere fiducia. Ma questa è una semplificazione che non regge, se non affiancata daglialtri modi per guadagnarefiducia. Questi hanno a che fare con la realtà, con i mezzi di comunicazione di massa financo con il controllo dell informazione dapartedellapolitica. Si è definito fiducia uno dei mezzi che utilizzano i media della comunicazione, per garantire il consenso a parti del sistema politica. Si è anche detto come il sistema della comunicazione utilizzato dai media di massa, ri descriva la realtà che verrà poi percepita dai destinatari delle informazioni; effettuando questo insieme di operazioni è possibile implementare la fiducia nei confrontidiunapartedelsistemapolitica. Ciò è tanto vero quanto una serie di eventi o azioni che producono risultati negativi o siano essi stessi negativi, producano perdita di fiducia, succede che vengono taciute o descritte senza nessunaproduzioneulterioredisenso. Capitacheazionisiano descritte inuntalmododarisultarenon tanto negative quanto dovrebbero esserlo, la comprensione è il risultato della comunicazione, e la prima (la comprensione) è ciò che contiene le informazioni relative ad una determinata azione, informazione su informazione di azione su azione, formano una opinione (di colui che compie le azioni o le ispira), da qui, scaturisceuna decisione :Quelladidareonondare fiducia. Ingeneralesipotrebbedirechela realtà[creata]daimediadella comunicazione implementifiducia verso ilsistemadipoterechela controlla. Mafiduciaprodottainbaseadazioniconsideratepositive(o ridescritte comepositive,osenegativenon descritte affatto )nonè l unico mezzo per implementare la fiducia in un determinato movimentopolitico:hascrittor.degiorgi lafiduciamodernaache fareconilrischio (25) (25)CosìR. DE GIORGI,cit.p50

13 5.Il rischiodelrischiocostruttodellacomunicazionesociale Come lafiduciamodernaachefareconil rischio,cosìessohaachefare con l azione (26), e conseguentemente con l imputazione delle conseguenze di un azione o di un agire sbagliato o, financo di una strategiadell agire sbagliata. Ciò è tanto più centrale in un sistema democratico stante la c.d. responsabilità politica che ogni rappresentante ha davanti agli elettori,checoncedendofiduciasonorimasti delusi. Succedechela ri descrizione dellarealtàpossamitigareanche questieffettiallapercezionedeicittadini. Rischio è una minaccia del pericolo di un risultato negativo nel futuro.senonfossacosìogniprogetto,dunque,ogniazionepotrebbe essere programmata e portata a compimento secondo le previsioni iniziali. Ma il rischio interrompe quest ordine, e se c è deve essere eliminato,quantomenomitigato,attraverso misuredisicurezza. Il sapere del possibile verificarsi di un rischio impone di prevenirlo, l orizzontelungoilqualesivalutalarischiositàdelrischio èlasicurezza[ ]l alternativaalrischio,insommaèlasicurezza (27). Il rischio ha a che fare anche con la percezione della realtà. La stessa percezione del rischio ha a che fare con il sistema della comunicazione di massa. A che titolo? Questi ultimi nel ridescrivere la realtà hanno imparato a implementare la percezione sociale di determinati rischi piuttosto che altri; rischi a cui puntualmente la politica si è dedicata con tanto di politiche di sicurezza (se penso alla recente campagna mediatica contra extracomunitari),chenonsonoaltrocheidiscorsichelegittimanola c.d. tolleranzazero. (26)Suirapportitrarischioeazionesiesprimecosì R. DE GIORGI,cit.p50: Ilrischio esponeilfuturoall azione[ ]ilrischiononc èprimadell azione[ ]ilrischiopresuppone l azionechepresupponeilrischio.ilrischio,quindistafuori.[ ]Lacomplessatecnologia delrischio,però,rendepossibilel azione.questastranacircolarità,questoparadossoci permettediagire,comesidice,insituazionidiincertezza.eancora: Lafiduciamoderna trasferisceilrischiosulleproprieaspettative.essainveste,cioèrischia,sulleaspettative cheorientanol azione.sitrattadiuninvestimentorazionaleperchérendepossibile l azione[ ]. (27)MoltochiaramenteR. DE GIORGI,cit.p58oveindicacomelasicurezzacome alternativaalrischio,èaltamenterischiosa.

14 Tali modus operandi hanno gravi conseguenze nella costruzione delfuturo,allequalicontinuamentelavoranoisingolisistemisociali (28), si potrebbe parlare di rischio del rischio costrutto della comunicazione sociale (29) : La percezione del rischio alterata, non permette una osservazione della realtà obiettiva, a sua volta implementando il rischio che una percezione distorta dei rischi nella realtà (descritta dai media dell informazione) implementi una fiducia in chi millanta una risoluzione di un rischio che potrebbe anchenonessereunrischio.questoperchéla fiduciaapparebasata suunarealtà ri descritta,nellaqualeil rischioimplementatodalla comunicazione di massa non è altro che una parte dell opera di alterazionedellarealtàstessa. Non è escluso che tutto ciò possa portare all occultamento di rischi reali o di quelli che pur immanenti alla realtà non si vedono. *Questo tentativodiriflessione,nascedallaletturadeltesto Temi difilosofiadeldiritto diraffaeledegiorgi,esiproponeuntentativo disviluppodiunaproblematicaattualeutilizzandoitemitrattatinel testoacuifrequentementeildiscorsosirichiama. (28)CosìDE GIORGI,cit.p63;Unesempioattualeilc.d. allarmesicurezza. (29)R. DE GIORGIhadefinitoilrischio costruttodellacomunicazionesociale.

15

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Intervento di: FRANCO PASQUALI Coordinatore Retinopera PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Accolgo volentieri la sollecitazione di Mario Capanna a riflettere sul rapporto tra scienza, scientismo e democrazia,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA

LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA La lista che segue, elaborata dai curatori, intende solo fornire alcune indicazioni sui volumi che, negli ultimi anni, sono stati pubblicati

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Qualità, sicurezza, integrità ed immodificabilità del documento informatico. I temi che tratteremo. Corrado Giustozzi

Qualità, sicurezza, integrità ed immodificabilità del documento informatico. I temi che tratteremo. Corrado Giustozzi Corrado Giustozzi 1 Chi ha inventato il documento informatico? Qualità, sicurezza, integrità ed immodificabilità del documento informatico Corrado Giustozzi PSG, ENISA 1 I temi che tratteremo Il documento

Dettagli

F. BIONDI, Il finanziamento pubblico dei partiti politici. Profili costituzionali, Milano, Giuffrè, 2012, pp. 232.

F. BIONDI, Il finanziamento pubblico dei partiti politici. Profili costituzionali, Milano, Giuffrè, 2012, pp. 232. F. BIONDI, Il finanziamento pubblico dei partiti politici. Profili costituzionali, Milano, Giuffrè, 2012, pp. 232. O gni analisi scientifica indipendentemente dalla sua neutralità e dalla volontà di porre

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Il primo ascolto del minore

Il primo ascolto del minore Progetto I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Il primo ascolto del minore Dott.ssa Concetta Rossi ASL Caserta, Coordinamento Materno-Infantile, Servizio Psicologia Giuridica Distribuzione

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Il supporto a una Direttiva Europea per il Pluralismo dei Media. La nostra azione comune. Oggetto della proposta

Il supporto a una Direttiva Europea per il Pluralismo dei Media. La nostra azione comune. Oggetto della proposta Iniziativa dei Cittadini Europei proposta dalla coalizione Iniziativa Europea per il Pluralismo dei Media La nostra azione comune Questo testo costituisce una proposta per un Iniziativa dei Cittadini Europei

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5

Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5 Learning News Maggio 2009, anno III - N. 5 Co-apprendimento e co-evoluzione in gruppo di Daniela Patruno * L individuo è parte di una rete comunicativa sociale, un piccolo punto nodale in questa rete,

Dettagli

I cambiamenti nel decennio 1980-1990

I cambiamenti nel decennio 1980-1990 LA STORIA DI LUCCA 2 CIRCOLO I cambiamenti nel decennio 1980-1990 Per opera del dimensionamento dei plessi scolastici avviato dal M.P.I. ed a causa del calo demografico della popolazione scolastica degli

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Un approccio per sviluppare applicazioni di E Democracy basato su ruoli per

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA Carta dei Musulmani d Europa La Federazione delle Organizzazioni Islamiche in Europa (FIOE) ha cominciato a parlare della stesura di una Carta dei Musulmani d Europa fin dall

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti,

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti, Marco Lombardi Vivere col rischio La sfiducia nella razionalità e nel progresso, tipica della postmodernità, ha portato all affermazione del concetto di rischio e ci ha convinto a sviluppare scale di misurazione

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura

La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura Pina Montesarchio Fare filosofia con i bambini è vivere un altra relazione educativa che trova nel non sapere

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione La presenza dei valori in tutti i campi di vita del bambino implica il dovere da parte dell insegnante e degli

Dettagli

WiMAX: una vicenda da analizzare con attenzione

WiMAX: una vicenda da analizzare con attenzione WiMAX: una vicenda da analizzare con attenzione Premessa Prima di entrare nel vivo della trattazione dei temi che caratterizzano lo sviluppo della vicenda WiMAX in Italia, è opportuno ricordare che, grazie

Dettagli

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Mita Marra Università di Salerno Visiting Scholar Trachternberg Schol of Public

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica Mavi Ferramosca Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti Partigiani s.n., 70126 Bari E-mail: mavi.ferramosca@alice.it Un uso

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo La Commissione parlamentare per l indirizzo generale e la vigilanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell informazione, della comunicazione e dell editoria TESI DI LAUREA IN Sociologia della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso?

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? Livello A2 Unità 10 La costituzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? - Ciao Carlo, in questi giorni l Italia festeggia i 150 anni di unità e naturalmente

Dettagli

PERCORSI DI LINGUA. DARE FORMA AL PENSIERO. IL PENSIERO E LE AZIONI

PERCORSI DI LINGUA. DARE FORMA AL PENSIERO. IL PENSIERO E LE AZIONI Costanza Parisella Raso PERCORSI DI LINGUA. DARE FORMA AL PENSIERO. IL PENSIERO E LE AZIONI Come si comincia, come si procede. Come si dice come si legge come si scrive? Costanza Parisella Raso, Percorsi

Dettagli

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells

*La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells *La pubblicità* La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Herbert George Wells 1 Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Il Mulino, 2004 3. La comunicazione di massa *La

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza Pietro Greco Trieste, 25.01.2007 La scienza sui media (un esempio: anno 2002 in Italia) Media Spazio o tempo (in % sul totale) Tg 3,9

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali I denominatori comuni di tutti i problemi La presenza di una richiesta, o di una sfida, che crea una

Dettagli

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 LA FAMIGLIA VA MALE QUANDO La coppia è impegnata in conflitti reciproci C è un solo genitore I genitori

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

MODELLO AZIENDALE E VALORI

MODELLO AZIENDALE E VALORI MODELLO AZIENDALE E VALORI Modello Aziendale La nostra strada verso il successo Il modello aziendale descrive l identità di EVVA e fornisce un punto di riferimento per l organizzazione nel suo complesso.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

Recensione di Irith Davidzon Giugno 2007. Abstract. Recensione

Recensione di Irith Davidzon Giugno 2007. Abstract. Recensione Perticari Paolo, Attesi Imprevisti: Uno sguardo ritrovato su difficoltà di insegnamento/apprendimento e diversità delle intelligenze a scuola, Bollati Boringhieri, Torino,1996, pp. 431 Recensione di Irith

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo 1. Ritrattazione o mancanza di conferma Una persona non va alla ricerca di aiuto se non si trova di fronte a un problema come, ad esempio,

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Metodologie di programmazione in Fortran 90

Metodologie di programmazione in Fortran 90 Metodologie di programmazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: Metodologie di programmazione DIS - Dipartimento di

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless CONFLITTO DI RUOLO Gioco di Ruolo Diceless Willoworld 2007 1 LE REGOLE DEL GIOCO 1. Intro Un gioco di ruolo diceless è l evoluzione ultima del gioco di ruolo classico, un confronto tra personaggi dove

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

I diritti sociali tra status civitatis, cittadinanza europea e integrazione sociale. Una introduzione di Antonio Di Stasi

I diritti sociali tra status civitatis, cittadinanza europea e integrazione sociale. Una introduzione di Antonio Di Stasi I diritti sociali tra status civitatis, cittadinanza europea e integrazione sociale. Una introduzione di Antonio Di Stasi Nel ragionare su esclusione e inclusione, espulsione e accoglienza, discriminazione

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli