IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene."

Transcript

1 Cooperative, Preferenze Sociali e Controllo Ottimo: La PRODUZIONE DI SQUADRA (PS) L'analisi della PS consente di illustrare l'interazione a n persone e comprendere come contratti efficienti e preferenze sociali (vergogna, sensi di colpa, dispetto, ) possano, a volte, vincere i problemi di coordinamento. Nelle economie moderne, ci sono molti esempi di PS. Essi sono inquadrabili come un problema di risorse di proprietà comune. ESEMPI: gruppi di (anche molti) produttori impiegati nella stessa impresa o un'impresa cooperativa di cui sono proprietari i lavoratori. La squadra può essere anche composta da poche persone. Ad esempio gli studi notarili, medici, ecc. IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene. SCHEMA DELL INTAREZIONE PRODUZIONE Il livello di prodotto (q) dipende dall'azione (a=sforzo sul lavoro) posta in essere dagli n membri, azione definita con a i [0,1], secondo la seguente funzione di produzione: q = gσa i - k = ga - k dove a = Σa i rappresenta la somma per gli n membri e g e k sono costanti positive e note agli n membri (k ha segno meno: es. k=costo fisso). Dato che i componenti della squadra sono identici, trascureremo gli indici, con l esclusione del caso in cui siano necessari per evitare ambiguità. Non vi sono altri input a parte le azioni dei membri della squadra (pensiamo ad una compagnia di danza che si esibisce in luoghi pubblici). UTILITA Le funzioni di utilità, identiche per tutti i membri, sono u é crescente (u q >0) e concava (u qq <0) in q. u é decrescente (u a <0) e convessa (u aa >0) in a. u = u(q,a), La posizione di riserva di ciascun membro è data da z. 1/29

2 Ricordo che la posizione di riserva=fallback option è quella posizione/opzione che rende indifferente tra lavorare in squadra o da soli. Nel caso dei due pescatori era quella posizione/opzione che rendeva indifferente tra pescare o lavorare nella città vicina=next best alternative. ALLOCAZIONE I membri della squadra cercano una strategia di allocazione del guadagno prodotto dal loro lavoro, riconoscendo la possibilità che alcuni membri potrebbero approfittarsi dello sforzo dei compagni di squadra (i free riders). BENCHMARK I membri della squadra implementano un esperimento, rispolverando il sempre utile caso di Robinson Crusoe, il quale, vivendo isolato, non deve preoccuparsi di problemi di coordinamento ed è quindi in grado di trovare una soluzione efficiente. Insomma Crusoe è, al solito, il benchmark. Le assunzioni e le conclusioni standard sono spesso usate come termine di riferimento per chi le vuole migliorare. Ad esempio, noi lo abbiamo visto nella teoria del prospetto che ha come benchmark l UA. L approccio con benchmark è comune ad altre Scienze: pensiamo alla somiglianza dello studio della Fisica in assenza di gravità e dell Economia senza frizioni. MASSIMO VINCOLATO STANDARD Gli agenti sanno che se la produzione potesse avvenire ad opera di un unico produttore (=> levo la i), proprietario del prodotto finale, il proprietario-produttore farebbe questi consueti calcoli lagrangiani: e arriverebbe alla seguente FOC: L = u(q,a)+ (q - ga + k) L/ q = u q + = 0 L/ a = u a - g = 0 u q =- u a + gu q = 0 => u q g + u a = 0 => g = (u a /u q ) Robinson uguaglia la produttività marginale dell'azione (g) al SMS tra disutilità dello sforzo (u a ) e utilità del bene prodotto (u q ): sforzandosi di più sta peggio=u a ma produce=g, ricava=q e sta meglio=u q 2/29

3 I membri della squadra cercano di replicare Robinson e, quindi, di implementare l'allocazione (il livello dello sforzo=a) che deriva da tale condizione di primo ordine per ogni membro. Come fare? Idea: sciogliamo la squadra in modo che ogni membro possa lavorare da solo come farebbe Crusoe. Problemi: COSTI FISSI. C è una ragione per l'esistenza della squadra: ripartire i costi fissi tra i partecipanti. Per esempio, assumiamo che l'esistenza di un costo fisso, per l appunto k, faccia sì che il livello dello sforzo implementato dalla condizione di primo ordine di cui sopra, a*, sia tale che q = ga* - k <0 (i.e. sforzo ottimo conduce a costi>ricavi) ovvero, in termini di utilità: u=u(q,a*)= u(ga*-k,a*)< z E chiaro che la soluzione Crusoe non sarebbe possibile dati gli alti livelli del costo fisso. INFORMAZIONE L informazione sulle azioni intraprese dagli altri membri non sono pienamente osservabili o, più in generale, l'informazione sul comportamento degli altri potrebbe non essere sufficiente a rendere vincolante e verificabile un contratto di lavoro che ha per oggetto lo sforzo lavorativo (nel jobs act di Renzi sono previste, tra l'altro, nuove opportunità per il datore di lavoro di monitorare il lavoratore. Squinzi ha applaudito, Camusso, no). Ma, a parte il caso particolare di impedimento tecnico da costi fissi, se i membri riuscissero a raggiungere un accordo credibile essi potrebbero implementare la soluzione Crusoe come soluzione cooperativa. IPOTESI DI ACCORDO VINCOLANTE Supponiamo, dunque, che i membri della squadra si incontrino per trovare una soluzione nella forma di un contratto enforceable. 3/29

4 Che tipo di contratto potrebbe essere discusso? La squadra offre ai suoi membri un contratto al quale ciascun membro reagisce secondo i criteri della best response. Si noti la somiglianza con il problema ipotetico del regolatore sociale nella tragedia dei pescatori. Stipulare un contratto giusto richiede che, per ogni contratto proposto, il gruppo prima determini le migliori risposte dei membri e poi li aggreghi per ottenere il prodotto totale che risulterebbe, dato il contratto e data la produzione ottima dei vari membri. DUE VINCOLI DA CONSIDERARE Il contratto deve fornire ai membri della squadra un livello di utilità non inferiore a quello della loro posizione di riserva, soddisfacendo quindi i loro vincoli di partecipazione. Anche le funzioni di miglior risposta costituiscono dei vincoli definiti vincoli di compatibilità agli incentivi - del problema di ottimo della squadra. Tra breve vedremo perché. PRIMO TENTATIVO DI CONTRATTO La squadra come unico soggetto ha, come osservato, il ruolo del first mover. Supponiamo che i membri considerino una proposta che consiste nel dividere equamente il prodotto (q=y/n) al netto di x, offrendo a ciascun membro un reddito (y) per periodo pari a y = (q-x)/n dove x 0 rappresenta l'ammontare che la squadra decide di allocare per i progetti comuni. E ovvio che il singolo agente parteciperà al progetto comune se e solo se non gli si leva una x così grande che gli impedirebbe di ottenere almeno z. Ovvero: se lavorando da solo ottengo z, lavoro in squadra se e solo se ottengo di più. Insomma, x è selezionato per soddisfare il vincolo di partecipazione dei membri della squadra. In ulteriori termini: dando la miglior risposta rispetto al contratto proposto (da cui gli asterischi), ogni agente produce l ottimo output q* con l ottimo sforzo a*. A ciò non può essere levato un x eccessivo rispetto a z e, quindi x deve essere tale da verificare la disuguaglianza che trovate nel testo di Bowles: 4/29

5 NB la funzione di utilità ha per argomenti costi e benefici. Inoltre, se x è tale da far rispettare il vincolo di partecipazione, che sia y=q/n oppure y=[(q/n)-(x/n)] qui non incide. Cioè, x incide solo sulla decisione di se partecipare. Come funziona il contratto? Il problema di ottimo di ciascun membro consiste nel variare a i per massimizzare u i Notate che è ricomparso l'indice dell'agente i. Ciò è perché, anche se tutti gli agenti sono identici, ciascuno di essi agisce indipendentemente e considera le azioni degli altri come esogene nel momento in cui prende la propria decisione. Insomma, ciascun agente i deve risolvere il summenzionato problema di massimo per conto suo. OTTIMO VINCOLATO Ora la fz. di utilità è: u(y,a) Ora la fz di produzione è: y= (ga k)/n Come di consuetudine, cerchiamo la FOC via Lagrange: L = u(y,a)+ (y ga/n + k/n) dl/dy = u y + = 0 dl/da = u a - (g/n) = 0 g/n = (u a /u y ) che è la solita uguaglianza: prodotto marginale dell'azione (g) uguale all SMS. Solita, ma non identica: 5/29

6 PROBLEMA DELL 1/N Confrontiamo le due FOC ottenute (Crusoe vs Squadra): g = (u a /u y ) vs g/n = (u a /u y ) E chiaro che gli incentivi forniti dal contratto proposto vengono sminuiti essendo spartiti tra i membri del team. Ovvero, più siamo noi (grande n), meno io mi sforzo (piccolo a i *). Questo esempio di free riding viene chiamato il problema 1/n nella produzione di squadra. SECONDO TENTATIVO DI ACCORDO La squadra, però, non si scoraggia e continua a cercare il contratto appropriato. Qualcuno propone di pagare a ciascun membro l'intero prodotto (q) meno una costante v: y = q* v dove v è una costante tale che deve far verificare la seguente uguaglianza: q* n(q* v) = x. Come prima, x è ciò che rimane per i progetti comuni una volta che tutti i membri sono stati pagati e, come prima, gli asterischi indicano i valori finali una volta che i membri hanno agito secondo i criteri della miglior risposta al contratto proposto. QUAL E IL RUOLO DELLA COSTANTE v? Far agire l individuo come se avesse di fronte il problema di Crusoe evitando il problema 1/n. Vediamo perché, ricordando che q* n(q* v) = x e che y = q* v. ny=q* implica che n(q* v)=q* => v = [(n-1)/n]q* Sostituendo questa v in q* n(q* v) = x otteniamo q*-n(q*-[(n-1)/n]q*)=x => q*-nq*+(n-1)q* = 0 = x Cioè, sottraendo v, x vale zero. Intuitivamente, il problema torna ad essere quello di Crusoe e i membri della squadra, massimizzando in modo indipendente la propria utilità, calcolano le FOC di Robinson Crusoe, ovvero u y g + u a = 0. Il problema 1/n è superato. 6/29

7 Altrimenti detto, il problema 1/n è superato poiché l inclusione di v nel contratto fa sì che l individuo si appropri di tutto il prodotto marginale (g) che, a differenza di prima e grazie a v, non deve essere più diviso con gli altri. Pertanto l individuo non ha più disincentivi a portare il suo contributo marginale fino al punto di Crusoe. Questo contratto implementa un risultato efficiente perché induce ciascun membro a considerare nella sua utilità il suo intero contributo marginale alla produzione e non solo un n-esimo di esso (cioè g/n). Queste soluzioni, che implementano un ottimo paretiano, sono chiamate contratti ottimi. Ma perché u y g + u a = 0 è P-ottimo? Vediamolo organizzando le definizioni: -u a = disutilità marginale dello sforzo dell individuo u y = utilità marginale del reddito (assunta uguale per tutti gli individui) g = prodotto marginale da dividere tra i membri della squadra g/n = extra reddito che va a ogni membro della squadra se g viene equidistribuito u y (g/n) = incremento nell utilità marginale di ogni membro per ogni extra sforzo pro capite nu y (g/n) = u y g = incremento nell utilità sociale (infatti nella società ci sono n membri uguali) Ora, per avere una situazione P-ottima, si deve avere che il beneficio marginale sociale (u y g) deve essere pari alla disutilità marginale dello sforzo (-u a ). Ma, come visto, questa è anche la FOC di Crusoe: u y g + u a = 0 => u y g = -u a Per cui, l ottimo individuale u y g + u a = 0 è anche P-ottimo. QED. PROBLEMA COL CONTRATTO OTTIMO: IL RISCHIO Forte della brillante idea, l ideatore del contratto ottimo è sicuro che i compagni di squadra lo approvino. Ma loro non lo fanno. Perché? Risposta breve: per la presenza di rischi. Vediamo meglio. Supponiamo che il prodotto ora abbia una componente stocastica: 7/29

8 q = {ga -k}(1 +ε) dove ε è l'elemento stocastico a media zero e varianza σ conosciuta dai membri della squadra. Se ε fosse osservabile il contratto precedente, scritto in termini del prodotto atteso anziché realizzato, potrebbe essere implementato a condizione che l'impresa sia in grado di prendere a prestito il necessario per permettere il pagamento di ga-k-v ad ogni membro. Infatti, atteso vuol dire realizzato in media, per cui ci saranno momenti produttivi più bassi della media che devono essere finanziati. In caso contrario, il contratto dovrebbe essere scritto necessariamente in termini del prodotto effettivo. Supponiamo comunque che il contratto ottimo assicuri che i membri della squadra ricevano un guadagno atteso sufficiente a soddisfare il loro vincolo di partecipazione (=> in media è ok). Il problema è che, data la natura stocastica del prodotto e se la squadra ha una dimensione significativa, allora il guadagno realizzato in ogni periodo potrebbe oscillare molto rispetto al guadagno atteso. In altri termini, shock alla produzione totale farebbero sì che i membri della squadra sarebbero soggetti, in certi periodi, al pagamento di un ammontare notevole alla loro squadra. A meno gli agenti siano neutrali al rischio o abbiano un accesso illimitato al credito, due casi non proprio diffusi in realtà, essi non accetteranno una situazione così rischiosa in cui il vincolo di partecipazione potrebbe non sempre essere soddisfatto. Si può dire che qui il problema è la varianza che, se eccessiva rispetto al tipo di propensione al rischio e/o alla capacità di credito, genera l inaccettabilità di un contratto altrimenti ottimo. TERZO TENTATIVO DI ACCORDO I membri allora provano un altro approccio: il monitoraggio alla pari. Lavorando insieme, ciascun membro ha informazioni su cosa stanno facendo i suoi compagni di squadra e potrebbe usarle per implementare un accordo riguardante il livello di sforzo da profondere attraverso l'uso di sanzioni informali come la disapprovazione sociale oppure persino delle multe imposte dai membri verso coloro che contribuiscono meno di quanto stipulato nell'accordo. PROBLEMA: i membri della squadra hanno pochi incentivi a punire coloro che non rispettano l'accordo: mentre i costi vanno a ricadere sull'individuo punito, i benefici vanno divisi tra tutti i membri della squadra. Per cui anche la norma che punisce i violatori dell'accordo sembra presentare lo stesso problema 1/n che induce free riding nella scelta sul livello di sforzo. 8/29

9 Comunque, che ci sia questo genere di problema oppure no dipende dalla natura dell'uomo. E noi ormai sappiamo che l Uomo è molto più ricco di emozioni dell Homo economicus standard. In merito, infatti, sia l Ultimatum Game che il Gioco dei Beni Pubblici dimostrano che le persone sono desiderose di punire coloro che violano una norma. Il gioco dei beni pubblici lo abbiamo visto nelle precedenti lezioni basate sul libro di Hey. Vediamone ora la versione di Bowles (Capitolo III). 9/29

10 IL GIOCO DEI BENI PUBBLICI (Cap. III di Bowles) Come l Ultimatum Game, questo gioco suggerisce che l Homo economicus non segue poi così strettamente le assunzioni dell economia standard. Il gioco dei beni pubblici è talvolta chiamato dilemma del prigioniero con n-partecipanti perché ne condivide la struttura di incentivi. Se gli agenti si conformano La previsione dell assioma dell interesse personale (c i = 0 per i) è contraddetta invariabilmente in vari esperimenti. Nei giochi one-shot i contributi sono in media circa metà della dotazione, mentre nei giochi multiperiodali i contributi iniziano verso metà e poi diminuiscono, così che, in un gioco con dieci round, la maggioranza dei giocatori non contribuisce per nulla nel round finale. Una spiegazione è che molti avevano interpretato la diminuzione nei contributi come il riflesso del disappunto per le aspettative che altri avrebbero contribuito di più, assieme con il desiderio di punire 10/29

11 chi contribuiva poco (o almeno di non essere sfruttati) in una situazione in cui ciò può essere effettuato solo riducendo il proprio contributo. Una sorta di spirale perversa verso la 0-contribuzione. Inizialmente si pensava che questa diminuzione nella contribuzione confermasse il modello convenzionale: l idea era che, una volta che i soggetti avessero compreso il problema, non avrebbero contribuito per nulla. Tuttavia, esperimenti fatti riproponendo inaspettatamente un secondo gioco dei BP a giocatori che avevano appena finito di giocarne uno mostrano che i giocatori sembrano NON tener conto dell esperienza fatta nel primo gioco. Cioè, invece di ripartire da come si erano comportati alla fine del primo gioco, essi si comportavano come se fosse il loro primo gioco: al primo round del secondo gioco i contributi ricominciavano ad essere circa la metà e poi diminuivano fino a zero nel decimo e finale round. In ogni caso, sia il gioco del BP che quello dell ultimatum suggeriscono che gli agenti potrebbero voler punire chi vìola le regole comuni. 11/29

12 INTERAZIONI E PREFERENZE SOCIALI Torniamo a noi. Si è visto che ci sono motivi per cui i membri della squadra non sono incentivati a punire coloro che non rispettano l'accordo. Si è però anche visto che la natura dell Uomo può far decidere altrimenti. UN ESEMPIO, DUE OBIETTVI OBIETTVI 1. le preferenze possono attenuare il problema di coordinamento nelle produzioni di squadra. 2. le preferenze sociali possano essere usate nell'analisi delle interazioni sociali. ESEMPIO Preferenze sociali Supponiamo che i membri della squadra abbiano le seguenti motivazioni. Essi possono essere auto-interessati e quindi si preoccupano solo del proprio guadagno. Possono essere, incondizionatamente, altruistici o maligni (dispettosi) e quindi attribuiscono un certo peso, positivo o negativo (o zero), ai guadagni degli altri indipendenti (è perciò che altruismo/dispetto sono incondizionati) dai beliefs o sul tipo o sui passati comportamenti degli altri. Possono essere reciprocatori e quindi attribuire al benessere degli altri un valore che dipende da quanto i reciprocatori (che quindi sono condizionati) credono che gli altri siano persone brave/gentili/educate, o cattive: se sei OK, ti premio; altrimenti ti punisco (ricordate l Ultimatum Game). Possono avere norme riguardo a quanto dovrebbero contribuire: se violano la norma possono avere dei sensi di colpa. Infine, se violano la norma e vengono puniti pubblicamente, possono provare vergogna. Queste motivazioni (a parte il dispetto) possono indurre i membri della squadra a internalizzare l'effetto delle loro azioni sugli altri: La reciprocità induce il membro della squadra a punire i free riders. La vergogna può aumentare l'effetto indotto da una punizione imposta dagli altri. Il senso di colpa può indurre un più alto livello di contributo alla produzione. 12/29

13 Schema dell interazione sociale Consideriamo una squadra con due membri, i e j. La produzione della squadra varia linearmente con la produzione dei singoli membri. Ciascuno di essi riceve un ammontare pari a <1 volte la somma dei contributi. Ciascuno può allocare una frazione a k [0, 1] per k=i,j di un'unità di sforzo alla squadra e il rimanente (1 a k ) a un progetto privato. Dopo che ciascuno ha scelto un'allocazione, i contributi di ciascuno al progetto vengono resi pubblici e i può imporre una penalità μ ij su j, mentre j può imporre una penalità μ ji su i al costo di cμ 2 /2. PARTE OGGETTIVA Astraendo per il momento dal costo μ ij, il guadagno materiale di i è: PARTE SOGGETTIVA - Senso di colpa Ogni membro soffre a causa di un costo attribuito al senso di colpa pari a γ(a* a) 2 se il suo contributo devia dal contributo stabilito dalla norma (a*). NB se a* = a => senso di colpa =0. Può sembrare strano che si possa provare colpa per aver contribuito troppo al progetto comune (a*>a). Però lavorare (a*>a) implica contribuire meno di quanto sarebbe ottimo dedicare al progetto privato e, cioè, meno di (1 a*). Se ora immaginate che il progetto privato potrebbe consistere, per esempio, nel badare ai propri figli, potete capire il senso di colpa: papino, ho la recita dell asilo: mi vieni a vedere? Di seguito assumeremo che i membri contribuiscano meno del livello della norma, ma questa è una semplificazione, volta solamente a facilitare l'interpretazione del risultato. - Benevolenza e Reciprocità Come nel caso della funzione di utilità basata sulla reciprocità del capitolo III, il peso β ( benevolenza ) che ciascun membro attribuisce all'utilità dell'altro dipende sia dall'altruismo (o malignità) incondizionato sia dalla reciprocità. La benevolenza del membro i verso j è 13/29

14 α i [ 1,+1] rappresenta il dispetto o l'altruismo incondizionato di i, λ i [0, 1] è il grado di reciprocità di i. Il livello della motivazione reciproca dipende, quindi, da quanto j ha deviato dal contributo fissato dalla norma di i: Se j ha contribuito al progetto comune più della norma di i (a j >a i *) e se λ i >0, allora i diviene benevolente verso j ( ij >0) e valuta positivamente il benessere di j nel suo calcolo dell'utilità; Se, invece, j ha contribuito meno di a* allora i diventa malevolente nei confronti di j (β ij < 0) e la sua utilità aumenta se il benessere di j diminuisce. NB Rispetto a quanto trovate nell espressione del capitolo III, λ i é stato eliminato dal denominatore per ridurre la notazione e la confusione nei calcoli. Dunque, l agente i valuta anche il payoff di j. Assumiamo che, nel valutare il payoff di j, i non valuti il costo che j dovrebbe sostenere per punirlo. Ciò poiché sembra poco plausibile pensare che i possa incrementare il proprio contributo poiché 1) i è interessato a j e poiché 2) i sa che j deve affrontare dei costi nel punirlo se lui (cioè i) non contribuisce in misura sufficiente. - Vergogna La vergogna è un'emozione sociale evocata dal disprezzo degli altri, disprezzo misurato dalla volontà degli altri di incorrere in costi per punire un comportamento vergognoso. La vergogna è misurabile come segue: Quindi, σ é una misura della suscettibilità di i alla vergogna di essere punito dagli altri (μ ji ). Considerato tutto quanto detto finora, dunque, la punizione ad opera degli altri infligge sia un costo sia materiale (μ ji ) che un costo soggettivo (s i ). La misura totale del costo del la punizione ad opera degli altri è data da μ ji (1+σ i (a i * a j )). Per semplicità, nel caso numerico considerato di seguito, assumiamo che i due contributi stabiliti dalle rispettive norme siano identici e anche che α i e α j siano entrambe non negative. 14/29

15 Combinando le informazioni di cui sopra, otteniamo la funzione di utilità dell'individuo i: L'utilità di i è quindi espressa, nell ordine di cui alla formula, come la somma algebrica di: guadagno materiale di i (includendo il costo di essere puniti), valutazione, da parte di i, del guadagno materiale individuale di j, valutazione soggettiva, da parte di i, del proprio senso di colpa, valutazione soggettiva, da parte di i, della vergogna che prova egli stesso, costo sofferto da i nel punire j Una funzione analoga descrive l'utilità di j (basta cambiare i con j e viceversa). Si noti che i fa due scelte: 1) sceglie a i, poi, sulla base di quanto ha contribuito j, 2) decide se e in che misura punire j. Se j decide di contribuire per un ammontare tale per cui allora i punirà j. Il livello di punizione che massimizza l'utilità di i é dato da cμ ij = β ij. Infatti, questa uguaglianza rispetta la condizione che la scelta del livello ottimo di punizione deve essere tale che il costo marginale della pena (cμ ij ) sia proprio uguale al beneficio marginale della pena che, in altri termini, è la valutazione negativa del benessere altrui ( β ij ). Ciò, ovviamente, fintantoché β ij < 0: altrimenti si sceglie un livello di punizione pari a zero. 15/29

16 Quando la punizione è positiva essa, come atteso, è positivamente correlata a λ e negativamente correlata a α. Assumiamo ora che i sappia che la punizione inflittagli da j, se positiva, sarà μ ji = β ji /c. Sostituendo tale valore nella funzione di utilità di i, costui arriverà a calcolare il livello ottimo di contributo. Per capire l algebra di seguito riporto, per memoria, sia la funzione di utilità che altre equazioni già viste: Ricordiamoci ora la funzione di utilità nella quale vanno sostituiti i summenzionati valori: Sostituendo e ponendo uguale a zero la derivata della funzione di utilità post-sostituzioni rispetto ad a i, si arriva alla seguente: La condizione 4.18 richiede che a i * venga scelto in modo da uguagliare il costo e il beneficio marginale del contribuire. Infatti: 1+ (1+β ij ) = costo marginale del contributo alla produzione sul proprio guadagno individuale e quello dell'altro, quest'ultimo valutato dalla benevolenza di i nei confronti di j, λ j /c = riduzione marginale della punizione derivante dal contribuire di più (se, cioè, a i >a i *), 2 j (.) = variazione marginale del senso di colpa (varia solo se a i a i *), 16/29

17 i {.}=riduzione del senso di vergogna derivante sia dall'avvicinarsi al contributo stabilito dalla norma (a i > a i *) che dall invocare una minore punizione. Ricordando che β ij =α i + λ i (a j a i *), se λ i > 0 allora la differenziazione totale della condizione di primo ordine (cfr. equazione 4.18) rivela che (da i /da j )>0, per cui il contributo di i è crescente rispetto al contributo di j. Inoltre è anche vero che, per a i * > a i, si ha che (da i /dγ i )>0 e (da i /dσ i )> 0, per cui un aumento del senso di colpa e della suscettibilità alla vergogna di i ne incrementano il contributo. L'utilità del membro j implica considerazioni analoghe. Le funzioni di miglior risposta implicate dalle condizioni di primo ordine di i e j sono mostrate in figura 4.6. Figura 4.6. I contributi di equilibrio al progetto di squadra con preferenze sociali. Le linee tratteggiate illustrano gli effetti di statica comparata di: uno spostamento verso l'alto della funzione di miglior risposta di j indotto da un aumento del senso di colpa = Δγ j uno spostamento verso destra della funzione di miglior risposta di i causato da un incremento del livello di altruismo di i = Δ i. Se i motivi sociali fossero assenti, nessun membro contribuirebbe poiché, fintantoché <1, il beneficio materiale marginale sarebbe minore del costo marginale di contribuire (cfr. la parte oggettiva ). 17/29

18 Invece, livelli significativi di reciprocità inducono i membri a punire coloro che hanno contribuito in misura minore e questo motivo, da solo o in aggiunta al sentimento di vergogna, può indurre alti livelli di contribuzione. Insomma, reciprocità, vergogna e altri motivi sociali aumentano i contributi di tutti i membri. Il modello è facilmente generalizzabile ad una squadra a n membri. Anche in assenza della punizione, l'altruismo o il senso di colpa possono indurre i membri a contribuire di più. Poiché la loro interazione è talvolta complessa, sembra una buona idea controllare che effettivamente esista un equilibrio di Nash plausibile. ESEMPIO DI CONTROLLO (di esistenza di un NE) Assumiamo che i e j siano identici (=>tralascio gli indici) per cui a i =a j =a*. Dunque, la funzione di utilità si semplifica: e si ha anche che β ij =α i => ij =-α i /c Ricordando che il guadagno materiale è i =1-a i + (a i +a j )- ij, sostituiamo il tutto nella funzione di utilità semplificata e otteniamo: Poniamo ora: = 0.6, α = 0, a i =a j =a* = 0.5, λ = 0.3, γ = 0.6, σ = 0.6, c=0.75. Mettendo i valori dei parametri di questo esempio nella fz. di utilità ora trovata si ha che essa si riduce ulteriormente: u i = =0.1 (per j i calcoli sono simili). Ciò implica che se l agente i contribuisce come da norma e cioè a*=0.5 - allora costui otterrà 1.1 che è una cifra maggiore di quella che otterrebbe contribuendo zero e, cioè, 1. Viene 1 poiché gli agenti sono identici: a i =a j =0. Per cui u=1= (0+0). Dunque conviene contribuire. 18/29

19 Ne risulta che a N = 0.5 ovvero, i membri implementano reciprocamente le contribuzioni stabilite dalle norme comuni e, come risultato, non provano né senso di vergogna né senso di colpa né si puniscono l'un l'altro. In termini di benefici materiali netti (cioè -a) derivanti dal loro contributo al progetto, entrambi guadagnano 0.1: i -a i =1-a i + (a i +a j )- ij -a i =0.1= ( ) (per j i calcoli sono simili). COSA SUCCEDE SE GLI AGENTI VIOLANO LA NORMA (i.e. se a* 0.5) E' importante ricordare che in assenza di preferenze sociali (e fintantoché <1), i membri della squadra non avrebbero contribuito affatto al progetto comune. Il fatto che con preferenze sociali si contribuisca indica i) che queste preferenze sono importanti e che ii) sono importanti anche a prescindere dal fatto che in equilibrio gli agenti non provino né senso di colpa, né vergogna o benevolenza. Come conferma, consideriamo gli stessi due individui in uno stato di disequilibrio, in cui j contribuisce 0.4 e i contribuisce solamente 0.1. A seguito di tale comportamento, i guadagna 0.2 in termini di benefici materiali netti derivanti dal progetto (ovvero, 0.2=0.6( )-0.1). Tuttavia j svilupperebbe una forte malevolenza verso i (β ji < 0 ) e, come risultato, lo punirebbe duramente, infliggendogli costi materiali pari a 0.16=( 2 /2c)=(0.5 2 /2*0.75). Ciò, inoltre, indurrebbe un senso di vergogna in i che arrecherebbe ulteriori costi, questa volta soggettivi, pari a Va anche aggiunto l ulteriore costo soggettivo dovuto al senso di colpa (0.10). Insomma: si parte da guadagni oggettivi pari a 0.2 ma, sottraendo i costi soggettivi, si arriva ad una utilità totale di -0.1 (= ). Dunque, la miglior risposta di i è data da un aumento del contributo al progetto. Non c è nessuna ragione a priori per cui le preferenze sociali non possano persistere in equilibrio (anche se sembra improbabile che alti livelli di vergogna, colpa o punizione reciproca siano persistenti). Però, di fatto, non è così. Per capire perché di fatto non compaiono in equilibrio, supponiamo che i due membri si attengano a due norme di contribuzione differenti, con a j * > a i *. Queste norme sono di equilibrio e quindi nessuno degli agenti prova senso di vergogna o di colpa. Ma, a tali valori di equilibrio, il fatto che i contribuisca meno rispetto a j, può indurre j a punirlo e questa punizione fa parte degli incentivi per i ad aderire alla norma. Insomma, non si può parlare di 19/29

20 equilibrio definitivo e l equilibrio deve prevedere che le emozioni non possano più giocare alcun ruolo. QED. Vi sono alcuni attributi del modello degni di nota. PRIMO: l'altruismo e la reciprocità si possono controbilanciare. Infatti, un membro reciprocatore che è sufficientemente altruistico, non punirebbe un suo compagno di squadra, anche se questi contribuisse in misura inferiore. Comunque, potrebbe nutrire una benevolenza (netta) nulla nei confronti di quest'ultimo. Come risultato, si avrebbero bassi livelli di contribuzione da parte di entrambi. SECONDO: una persona che contribuisce poco, a causa di un livello basso di contribuzione definito dalla propria norma, a*, sarà anche meno reattivo ad una punizione. Ciò si può evincere dall'effetto della punizione sull'utilità, ovvero, 1 σ i (a i * a j ). TERZO: quando uno o più membri sono reciprocatori, l'interazione presenterà degli effetti positivi, in quanto le azioni di un membro inducono cambiamenti sulle azioni degli altri. La figura 4.6 descrive un NE unico in presenza di tali effetti. Non è comunque difficile pensare a tali interazioni in presenza di equilibri stabili molteplici, alcuni con un alto livello di contribuzione ed altri con un livello basso. 20/29

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro)

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Mio Prologo Ripeto i concetti della prima lezione: Nessun uomo dovrebbe essere un'isola:

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli