IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene."

Transcript

1 Cooperative, Preferenze Sociali e Controllo Ottimo: La PRODUZIONE DI SQUADRA (PS) L'analisi della PS consente di illustrare l'interazione a n persone e comprendere come contratti efficienti e preferenze sociali (vergogna, sensi di colpa, dispetto, ) possano, a volte, vincere i problemi di coordinamento. Nelle economie moderne, ci sono molti esempi di PS. Essi sono inquadrabili come un problema di risorse di proprietà comune. ESEMPI: gruppi di (anche molti) produttori impiegati nella stessa impresa o un'impresa cooperativa di cui sono proprietari i lavoratori. La squadra può essere anche composta da poche persone. Ad esempio gli studi notarili, medici, ecc. IPOTESI: Una squadra di n persone identiche tra loro produce congiuntamente un bene. SCHEMA DELL INTAREZIONE PRODUZIONE Il livello di prodotto (q) dipende dall'azione (a=sforzo sul lavoro) posta in essere dagli n membri, azione definita con a i [0,1], secondo la seguente funzione di produzione: q = gσa i - k = ga - k dove a = Σa i rappresenta la somma per gli n membri e g e k sono costanti positive e note agli n membri (k ha segno meno: es. k=costo fisso). Dato che i componenti della squadra sono identici, trascureremo gli indici, con l esclusione del caso in cui siano necessari per evitare ambiguità. Non vi sono altri input a parte le azioni dei membri della squadra (pensiamo ad una compagnia di danza che si esibisce in luoghi pubblici). UTILITA Le funzioni di utilità, identiche per tutti i membri, sono u é crescente (u q >0) e concava (u qq <0) in q. u é decrescente (u a <0) e convessa (u aa >0) in a. u = u(q,a), La posizione di riserva di ciascun membro è data da z. 1/29

2 Ricordo che la posizione di riserva=fallback option è quella posizione/opzione che rende indifferente tra lavorare in squadra o da soli. Nel caso dei due pescatori era quella posizione/opzione che rendeva indifferente tra pescare o lavorare nella città vicina=next best alternative. ALLOCAZIONE I membri della squadra cercano una strategia di allocazione del guadagno prodotto dal loro lavoro, riconoscendo la possibilità che alcuni membri potrebbero approfittarsi dello sforzo dei compagni di squadra (i free riders). BENCHMARK I membri della squadra implementano un esperimento, rispolverando il sempre utile caso di Robinson Crusoe, il quale, vivendo isolato, non deve preoccuparsi di problemi di coordinamento ed è quindi in grado di trovare una soluzione efficiente. Insomma Crusoe è, al solito, il benchmark. Le assunzioni e le conclusioni standard sono spesso usate come termine di riferimento per chi le vuole migliorare. Ad esempio, noi lo abbiamo visto nella teoria del prospetto che ha come benchmark l UA. L approccio con benchmark è comune ad altre Scienze: pensiamo alla somiglianza dello studio della Fisica in assenza di gravità e dell Economia senza frizioni. MASSIMO VINCOLATO STANDARD Gli agenti sanno che se la produzione potesse avvenire ad opera di un unico produttore (=> levo la i), proprietario del prodotto finale, il proprietario-produttore farebbe questi consueti calcoli lagrangiani: e arriverebbe alla seguente FOC: L = u(q,a)+ (q - ga + k) L/ q = u q + = 0 L/ a = u a - g = 0 u q =- u a + gu q = 0 => u q g + u a = 0 => g = (u a /u q ) Robinson uguaglia la produttività marginale dell'azione (g) al SMS tra disutilità dello sforzo (u a ) e utilità del bene prodotto (u q ): sforzandosi di più sta peggio=u a ma produce=g, ricava=q e sta meglio=u q 2/29

3 I membri della squadra cercano di replicare Robinson e, quindi, di implementare l'allocazione (il livello dello sforzo=a) che deriva da tale condizione di primo ordine per ogni membro. Come fare? Idea: sciogliamo la squadra in modo che ogni membro possa lavorare da solo come farebbe Crusoe. Problemi: COSTI FISSI. C è una ragione per l'esistenza della squadra: ripartire i costi fissi tra i partecipanti. Per esempio, assumiamo che l'esistenza di un costo fisso, per l appunto k, faccia sì che il livello dello sforzo implementato dalla condizione di primo ordine di cui sopra, a*, sia tale che q = ga* - k <0 (i.e. sforzo ottimo conduce a costi>ricavi) ovvero, in termini di utilità: u=u(q,a*)= u(ga*-k,a*)< z E chiaro che la soluzione Crusoe non sarebbe possibile dati gli alti livelli del costo fisso. INFORMAZIONE L informazione sulle azioni intraprese dagli altri membri non sono pienamente osservabili o, più in generale, l'informazione sul comportamento degli altri potrebbe non essere sufficiente a rendere vincolante e verificabile un contratto di lavoro che ha per oggetto lo sforzo lavorativo (nel jobs act di Renzi sono previste, tra l'altro, nuove opportunità per il datore di lavoro di monitorare il lavoratore. Squinzi ha applaudito, Camusso, no). Ma, a parte il caso particolare di impedimento tecnico da costi fissi, se i membri riuscissero a raggiungere un accordo credibile essi potrebbero implementare la soluzione Crusoe come soluzione cooperativa. IPOTESI DI ACCORDO VINCOLANTE Supponiamo, dunque, che i membri della squadra si incontrino per trovare una soluzione nella forma di un contratto enforceable. 3/29

4 Che tipo di contratto potrebbe essere discusso? La squadra offre ai suoi membri un contratto al quale ciascun membro reagisce secondo i criteri della best response. Si noti la somiglianza con il problema ipotetico del regolatore sociale nella tragedia dei pescatori. Stipulare un contratto giusto richiede che, per ogni contratto proposto, il gruppo prima determini le migliori risposte dei membri e poi li aggreghi per ottenere il prodotto totale che risulterebbe, dato il contratto e data la produzione ottima dei vari membri. DUE VINCOLI DA CONSIDERARE Il contratto deve fornire ai membri della squadra un livello di utilità non inferiore a quello della loro posizione di riserva, soddisfacendo quindi i loro vincoli di partecipazione. Anche le funzioni di miglior risposta costituiscono dei vincoli definiti vincoli di compatibilità agli incentivi - del problema di ottimo della squadra. Tra breve vedremo perché. PRIMO TENTATIVO DI CONTRATTO La squadra come unico soggetto ha, come osservato, il ruolo del first mover. Supponiamo che i membri considerino una proposta che consiste nel dividere equamente il prodotto (q=y/n) al netto di x, offrendo a ciascun membro un reddito (y) per periodo pari a y = (q-x)/n dove x 0 rappresenta l'ammontare che la squadra decide di allocare per i progetti comuni. E ovvio che il singolo agente parteciperà al progetto comune se e solo se non gli si leva una x così grande che gli impedirebbe di ottenere almeno z. Ovvero: se lavorando da solo ottengo z, lavoro in squadra se e solo se ottengo di più. Insomma, x è selezionato per soddisfare il vincolo di partecipazione dei membri della squadra. In ulteriori termini: dando la miglior risposta rispetto al contratto proposto (da cui gli asterischi), ogni agente produce l ottimo output q* con l ottimo sforzo a*. A ciò non può essere levato un x eccessivo rispetto a z e, quindi x deve essere tale da verificare la disuguaglianza che trovate nel testo di Bowles: 4/29

5 NB la funzione di utilità ha per argomenti costi e benefici. Inoltre, se x è tale da far rispettare il vincolo di partecipazione, che sia y=q/n oppure y=[(q/n)-(x/n)] qui non incide. Cioè, x incide solo sulla decisione di se partecipare. Come funziona il contratto? Il problema di ottimo di ciascun membro consiste nel variare a i per massimizzare u i Notate che è ricomparso l'indice dell'agente i. Ciò è perché, anche se tutti gli agenti sono identici, ciascuno di essi agisce indipendentemente e considera le azioni degli altri come esogene nel momento in cui prende la propria decisione. Insomma, ciascun agente i deve risolvere il summenzionato problema di massimo per conto suo. OTTIMO VINCOLATO Ora la fz. di utilità è: u(y,a) Ora la fz di produzione è: y= (ga k)/n Come di consuetudine, cerchiamo la FOC via Lagrange: L = u(y,a)+ (y ga/n + k/n) dl/dy = u y + = 0 dl/da = u a - (g/n) = 0 g/n = (u a /u y ) che è la solita uguaglianza: prodotto marginale dell'azione (g) uguale all SMS. Solita, ma non identica: 5/29

6 PROBLEMA DELL 1/N Confrontiamo le due FOC ottenute (Crusoe vs Squadra): g = (u a /u y ) vs g/n = (u a /u y ) E chiaro che gli incentivi forniti dal contratto proposto vengono sminuiti essendo spartiti tra i membri del team. Ovvero, più siamo noi (grande n), meno io mi sforzo (piccolo a i *). Questo esempio di free riding viene chiamato il problema 1/n nella produzione di squadra. SECONDO TENTATIVO DI ACCORDO La squadra, però, non si scoraggia e continua a cercare il contratto appropriato. Qualcuno propone di pagare a ciascun membro l'intero prodotto (q) meno una costante v: y = q* v dove v è una costante tale che deve far verificare la seguente uguaglianza: q* n(q* v) = x. Come prima, x è ciò che rimane per i progetti comuni una volta che tutti i membri sono stati pagati e, come prima, gli asterischi indicano i valori finali una volta che i membri hanno agito secondo i criteri della miglior risposta al contratto proposto. QUAL E IL RUOLO DELLA COSTANTE v? Far agire l individuo come se avesse di fronte il problema di Crusoe evitando il problema 1/n. Vediamo perché, ricordando che q* n(q* v) = x e che y = q* v. ny=q* implica che n(q* v)=q* => v = [(n-1)/n]q* Sostituendo questa v in q* n(q* v) = x otteniamo q*-n(q*-[(n-1)/n]q*)=x => q*-nq*+(n-1)q* = 0 = x Cioè, sottraendo v, x vale zero. Intuitivamente, il problema torna ad essere quello di Crusoe e i membri della squadra, massimizzando in modo indipendente la propria utilità, calcolano le FOC di Robinson Crusoe, ovvero u y g + u a = 0. Il problema 1/n è superato. 6/29

7 Altrimenti detto, il problema 1/n è superato poiché l inclusione di v nel contratto fa sì che l individuo si appropri di tutto il prodotto marginale (g) che, a differenza di prima e grazie a v, non deve essere più diviso con gli altri. Pertanto l individuo non ha più disincentivi a portare il suo contributo marginale fino al punto di Crusoe. Questo contratto implementa un risultato efficiente perché induce ciascun membro a considerare nella sua utilità il suo intero contributo marginale alla produzione e non solo un n-esimo di esso (cioè g/n). Queste soluzioni, che implementano un ottimo paretiano, sono chiamate contratti ottimi. Ma perché u y g + u a = 0 è P-ottimo? Vediamolo organizzando le definizioni: -u a = disutilità marginale dello sforzo dell individuo u y = utilità marginale del reddito (assunta uguale per tutti gli individui) g = prodotto marginale da dividere tra i membri della squadra g/n = extra reddito che va a ogni membro della squadra se g viene equidistribuito u y (g/n) = incremento nell utilità marginale di ogni membro per ogni extra sforzo pro capite nu y (g/n) = u y g = incremento nell utilità sociale (infatti nella società ci sono n membri uguali) Ora, per avere una situazione P-ottima, si deve avere che il beneficio marginale sociale (u y g) deve essere pari alla disutilità marginale dello sforzo (-u a ). Ma, come visto, questa è anche la FOC di Crusoe: u y g + u a = 0 => u y g = -u a Per cui, l ottimo individuale u y g + u a = 0 è anche P-ottimo. QED. PROBLEMA COL CONTRATTO OTTIMO: IL RISCHIO Forte della brillante idea, l ideatore del contratto ottimo è sicuro che i compagni di squadra lo approvino. Ma loro non lo fanno. Perché? Risposta breve: per la presenza di rischi. Vediamo meglio. Supponiamo che il prodotto ora abbia una componente stocastica: 7/29

8 q = {ga -k}(1 +ε) dove ε è l'elemento stocastico a media zero e varianza σ conosciuta dai membri della squadra. Se ε fosse osservabile il contratto precedente, scritto in termini del prodotto atteso anziché realizzato, potrebbe essere implementato a condizione che l'impresa sia in grado di prendere a prestito il necessario per permettere il pagamento di ga-k-v ad ogni membro. Infatti, atteso vuol dire realizzato in media, per cui ci saranno momenti produttivi più bassi della media che devono essere finanziati. In caso contrario, il contratto dovrebbe essere scritto necessariamente in termini del prodotto effettivo. Supponiamo comunque che il contratto ottimo assicuri che i membri della squadra ricevano un guadagno atteso sufficiente a soddisfare il loro vincolo di partecipazione (=> in media è ok). Il problema è che, data la natura stocastica del prodotto e se la squadra ha una dimensione significativa, allora il guadagno realizzato in ogni periodo potrebbe oscillare molto rispetto al guadagno atteso. In altri termini, shock alla produzione totale farebbero sì che i membri della squadra sarebbero soggetti, in certi periodi, al pagamento di un ammontare notevole alla loro squadra. A meno gli agenti siano neutrali al rischio o abbiano un accesso illimitato al credito, due casi non proprio diffusi in realtà, essi non accetteranno una situazione così rischiosa in cui il vincolo di partecipazione potrebbe non sempre essere soddisfatto. Si può dire che qui il problema è la varianza che, se eccessiva rispetto al tipo di propensione al rischio e/o alla capacità di credito, genera l inaccettabilità di un contratto altrimenti ottimo. TERZO TENTATIVO DI ACCORDO I membri allora provano un altro approccio: il monitoraggio alla pari. Lavorando insieme, ciascun membro ha informazioni su cosa stanno facendo i suoi compagni di squadra e potrebbe usarle per implementare un accordo riguardante il livello di sforzo da profondere attraverso l'uso di sanzioni informali come la disapprovazione sociale oppure persino delle multe imposte dai membri verso coloro che contribuiscono meno di quanto stipulato nell'accordo. PROBLEMA: i membri della squadra hanno pochi incentivi a punire coloro che non rispettano l'accordo: mentre i costi vanno a ricadere sull'individuo punito, i benefici vanno divisi tra tutti i membri della squadra. Per cui anche la norma che punisce i violatori dell'accordo sembra presentare lo stesso problema 1/n che induce free riding nella scelta sul livello di sforzo. 8/29

9 Comunque, che ci sia questo genere di problema oppure no dipende dalla natura dell'uomo. E noi ormai sappiamo che l Uomo è molto più ricco di emozioni dell Homo economicus standard. In merito, infatti, sia l Ultimatum Game che il Gioco dei Beni Pubblici dimostrano che le persone sono desiderose di punire coloro che violano una norma. Il gioco dei beni pubblici lo abbiamo visto nelle precedenti lezioni basate sul libro di Hey. Vediamone ora la versione di Bowles (Capitolo III). 9/29

10 IL GIOCO DEI BENI PUBBLICI (Cap. III di Bowles) Come l Ultimatum Game, questo gioco suggerisce che l Homo economicus non segue poi così strettamente le assunzioni dell economia standard. Il gioco dei beni pubblici è talvolta chiamato dilemma del prigioniero con n-partecipanti perché ne condivide la struttura di incentivi. Se gli agenti si conformano La previsione dell assioma dell interesse personale (c i = 0 per i) è contraddetta invariabilmente in vari esperimenti. Nei giochi one-shot i contributi sono in media circa metà della dotazione, mentre nei giochi multiperiodali i contributi iniziano verso metà e poi diminuiscono, così che, in un gioco con dieci round, la maggioranza dei giocatori non contribuisce per nulla nel round finale. Una spiegazione è che molti avevano interpretato la diminuzione nei contributi come il riflesso del disappunto per le aspettative che altri avrebbero contribuito di più, assieme con il desiderio di punire 10/29

11 chi contribuiva poco (o almeno di non essere sfruttati) in una situazione in cui ciò può essere effettuato solo riducendo il proprio contributo. Una sorta di spirale perversa verso la 0-contribuzione. Inizialmente si pensava che questa diminuzione nella contribuzione confermasse il modello convenzionale: l idea era che, una volta che i soggetti avessero compreso il problema, non avrebbero contribuito per nulla. Tuttavia, esperimenti fatti riproponendo inaspettatamente un secondo gioco dei BP a giocatori che avevano appena finito di giocarne uno mostrano che i giocatori sembrano NON tener conto dell esperienza fatta nel primo gioco. Cioè, invece di ripartire da come si erano comportati alla fine del primo gioco, essi si comportavano come se fosse il loro primo gioco: al primo round del secondo gioco i contributi ricominciavano ad essere circa la metà e poi diminuivano fino a zero nel decimo e finale round. In ogni caso, sia il gioco del BP che quello dell ultimatum suggeriscono che gli agenti potrebbero voler punire chi vìola le regole comuni. 11/29

12 INTERAZIONI E PREFERENZE SOCIALI Torniamo a noi. Si è visto che ci sono motivi per cui i membri della squadra non sono incentivati a punire coloro che non rispettano l'accordo. Si è però anche visto che la natura dell Uomo può far decidere altrimenti. UN ESEMPIO, DUE OBIETTVI OBIETTVI 1. le preferenze possono attenuare il problema di coordinamento nelle produzioni di squadra. 2. le preferenze sociali possano essere usate nell'analisi delle interazioni sociali. ESEMPIO Preferenze sociali Supponiamo che i membri della squadra abbiano le seguenti motivazioni. Essi possono essere auto-interessati e quindi si preoccupano solo del proprio guadagno. Possono essere, incondizionatamente, altruistici o maligni (dispettosi) e quindi attribuiscono un certo peso, positivo o negativo (o zero), ai guadagni degli altri indipendenti (è perciò che altruismo/dispetto sono incondizionati) dai beliefs o sul tipo o sui passati comportamenti degli altri. Possono essere reciprocatori e quindi attribuire al benessere degli altri un valore che dipende da quanto i reciprocatori (che quindi sono condizionati) credono che gli altri siano persone brave/gentili/educate, o cattive: se sei OK, ti premio; altrimenti ti punisco (ricordate l Ultimatum Game). Possono avere norme riguardo a quanto dovrebbero contribuire: se violano la norma possono avere dei sensi di colpa. Infine, se violano la norma e vengono puniti pubblicamente, possono provare vergogna. Queste motivazioni (a parte il dispetto) possono indurre i membri della squadra a internalizzare l'effetto delle loro azioni sugli altri: La reciprocità induce il membro della squadra a punire i free riders. La vergogna può aumentare l'effetto indotto da una punizione imposta dagli altri. Il senso di colpa può indurre un più alto livello di contributo alla produzione. 12/29

13 Schema dell interazione sociale Consideriamo una squadra con due membri, i e j. La produzione della squadra varia linearmente con la produzione dei singoli membri. Ciascuno di essi riceve un ammontare pari a <1 volte la somma dei contributi. Ciascuno può allocare una frazione a k [0, 1] per k=i,j di un'unità di sforzo alla squadra e il rimanente (1 a k ) a un progetto privato. Dopo che ciascuno ha scelto un'allocazione, i contributi di ciascuno al progetto vengono resi pubblici e i può imporre una penalità μ ij su j, mentre j può imporre una penalità μ ji su i al costo di cμ 2 /2. PARTE OGGETTIVA Astraendo per il momento dal costo μ ij, il guadagno materiale di i è: PARTE SOGGETTIVA - Senso di colpa Ogni membro soffre a causa di un costo attribuito al senso di colpa pari a γ(a* a) 2 se il suo contributo devia dal contributo stabilito dalla norma (a*). NB se a* = a => senso di colpa =0. Può sembrare strano che si possa provare colpa per aver contribuito troppo al progetto comune (a*>a). Però lavorare (a*>a) implica contribuire meno di quanto sarebbe ottimo dedicare al progetto privato e, cioè, meno di (1 a*). Se ora immaginate che il progetto privato potrebbe consistere, per esempio, nel badare ai propri figli, potete capire il senso di colpa: papino, ho la recita dell asilo: mi vieni a vedere? Di seguito assumeremo che i membri contribuiscano meno del livello della norma, ma questa è una semplificazione, volta solamente a facilitare l'interpretazione del risultato. - Benevolenza e Reciprocità Come nel caso della funzione di utilità basata sulla reciprocità del capitolo III, il peso β ( benevolenza ) che ciascun membro attribuisce all'utilità dell'altro dipende sia dall'altruismo (o malignità) incondizionato sia dalla reciprocità. La benevolenza del membro i verso j è 13/29

14 α i [ 1,+1] rappresenta il dispetto o l'altruismo incondizionato di i, λ i [0, 1] è il grado di reciprocità di i. Il livello della motivazione reciproca dipende, quindi, da quanto j ha deviato dal contributo fissato dalla norma di i: Se j ha contribuito al progetto comune più della norma di i (a j >a i *) e se λ i >0, allora i diviene benevolente verso j ( ij >0) e valuta positivamente il benessere di j nel suo calcolo dell'utilità; Se, invece, j ha contribuito meno di a* allora i diventa malevolente nei confronti di j (β ij < 0) e la sua utilità aumenta se il benessere di j diminuisce. NB Rispetto a quanto trovate nell espressione del capitolo III, λ i é stato eliminato dal denominatore per ridurre la notazione e la confusione nei calcoli. Dunque, l agente i valuta anche il payoff di j. Assumiamo che, nel valutare il payoff di j, i non valuti il costo che j dovrebbe sostenere per punirlo. Ciò poiché sembra poco plausibile pensare che i possa incrementare il proprio contributo poiché 1) i è interessato a j e poiché 2) i sa che j deve affrontare dei costi nel punirlo se lui (cioè i) non contribuisce in misura sufficiente. - Vergogna La vergogna è un'emozione sociale evocata dal disprezzo degli altri, disprezzo misurato dalla volontà degli altri di incorrere in costi per punire un comportamento vergognoso. La vergogna è misurabile come segue: Quindi, σ é una misura della suscettibilità di i alla vergogna di essere punito dagli altri (μ ji ). Considerato tutto quanto detto finora, dunque, la punizione ad opera degli altri infligge sia un costo sia materiale (μ ji ) che un costo soggettivo (s i ). La misura totale del costo del la punizione ad opera degli altri è data da μ ji (1+σ i (a i * a j )). Per semplicità, nel caso numerico considerato di seguito, assumiamo che i due contributi stabiliti dalle rispettive norme siano identici e anche che α i e α j siano entrambe non negative. 14/29

15 Combinando le informazioni di cui sopra, otteniamo la funzione di utilità dell'individuo i: L'utilità di i è quindi espressa, nell ordine di cui alla formula, come la somma algebrica di: guadagno materiale di i (includendo il costo di essere puniti), valutazione, da parte di i, del guadagno materiale individuale di j, valutazione soggettiva, da parte di i, del proprio senso di colpa, valutazione soggettiva, da parte di i, della vergogna che prova egli stesso, costo sofferto da i nel punire j Una funzione analoga descrive l'utilità di j (basta cambiare i con j e viceversa). Si noti che i fa due scelte: 1) sceglie a i, poi, sulla base di quanto ha contribuito j, 2) decide se e in che misura punire j. Se j decide di contribuire per un ammontare tale per cui allora i punirà j. Il livello di punizione che massimizza l'utilità di i é dato da cμ ij = β ij. Infatti, questa uguaglianza rispetta la condizione che la scelta del livello ottimo di punizione deve essere tale che il costo marginale della pena (cμ ij ) sia proprio uguale al beneficio marginale della pena che, in altri termini, è la valutazione negativa del benessere altrui ( β ij ). Ciò, ovviamente, fintantoché β ij < 0: altrimenti si sceglie un livello di punizione pari a zero. 15/29

16 Quando la punizione è positiva essa, come atteso, è positivamente correlata a λ e negativamente correlata a α. Assumiamo ora che i sappia che la punizione inflittagli da j, se positiva, sarà μ ji = β ji /c. Sostituendo tale valore nella funzione di utilità di i, costui arriverà a calcolare il livello ottimo di contributo. Per capire l algebra di seguito riporto, per memoria, sia la funzione di utilità che altre equazioni già viste: Ricordiamoci ora la funzione di utilità nella quale vanno sostituiti i summenzionati valori: Sostituendo e ponendo uguale a zero la derivata della funzione di utilità post-sostituzioni rispetto ad a i, si arriva alla seguente: La condizione 4.18 richiede che a i * venga scelto in modo da uguagliare il costo e il beneficio marginale del contribuire. Infatti: 1+ (1+β ij ) = costo marginale del contributo alla produzione sul proprio guadagno individuale e quello dell'altro, quest'ultimo valutato dalla benevolenza di i nei confronti di j, λ j /c = riduzione marginale della punizione derivante dal contribuire di più (se, cioè, a i >a i *), 2 j (.) = variazione marginale del senso di colpa (varia solo se a i a i *), 16/29

17 i {.}=riduzione del senso di vergogna derivante sia dall'avvicinarsi al contributo stabilito dalla norma (a i > a i *) che dall invocare una minore punizione. Ricordando che β ij =α i + λ i (a j a i *), se λ i > 0 allora la differenziazione totale della condizione di primo ordine (cfr. equazione 4.18) rivela che (da i /da j )>0, per cui il contributo di i è crescente rispetto al contributo di j. Inoltre è anche vero che, per a i * > a i, si ha che (da i /dγ i )>0 e (da i /dσ i )> 0, per cui un aumento del senso di colpa e della suscettibilità alla vergogna di i ne incrementano il contributo. L'utilità del membro j implica considerazioni analoghe. Le funzioni di miglior risposta implicate dalle condizioni di primo ordine di i e j sono mostrate in figura 4.6. Figura 4.6. I contributi di equilibrio al progetto di squadra con preferenze sociali. Le linee tratteggiate illustrano gli effetti di statica comparata di: uno spostamento verso l'alto della funzione di miglior risposta di j indotto da un aumento del senso di colpa = Δγ j uno spostamento verso destra della funzione di miglior risposta di i causato da un incremento del livello di altruismo di i = Δ i. Se i motivi sociali fossero assenti, nessun membro contribuirebbe poiché, fintantoché <1, il beneficio materiale marginale sarebbe minore del costo marginale di contribuire (cfr. la parte oggettiva ). 17/29

18 Invece, livelli significativi di reciprocità inducono i membri a punire coloro che hanno contribuito in misura minore e questo motivo, da solo o in aggiunta al sentimento di vergogna, può indurre alti livelli di contribuzione. Insomma, reciprocità, vergogna e altri motivi sociali aumentano i contributi di tutti i membri. Il modello è facilmente generalizzabile ad una squadra a n membri. Anche in assenza della punizione, l'altruismo o il senso di colpa possono indurre i membri a contribuire di più. Poiché la loro interazione è talvolta complessa, sembra una buona idea controllare che effettivamente esista un equilibrio di Nash plausibile. ESEMPIO DI CONTROLLO (di esistenza di un NE) Assumiamo che i e j siano identici (=>tralascio gli indici) per cui a i =a j =a*. Dunque, la funzione di utilità si semplifica: e si ha anche che β ij =α i => ij =-α i /c Ricordando che il guadagno materiale è i =1-a i + (a i +a j )- ij, sostituiamo il tutto nella funzione di utilità semplificata e otteniamo: Poniamo ora: = 0.6, α = 0, a i =a j =a* = 0.5, λ = 0.3, γ = 0.6, σ = 0.6, c=0.75. Mettendo i valori dei parametri di questo esempio nella fz. di utilità ora trovata si ha che essa si riduce ulteriormente: u i = =0.1 (per j i calcoli sono simili). Ciò implica che se l agente i contribuisce come da norma e cioè a*=0.5 - allora costui otterrà 1.1 che è una cifra maggiore di quella che otterrebbe contribuendo zero e, cioè, 1. Viene 1 poiché gli agenti sono identici: a i =a j =0. Per cui u=1= (0+0). Dunque conviene contribuire. 18/29

19 Ne risulta che a N = 0.5 ovvero, i membri implementano reciprocamente le contribuzioni stabilite dalle norme comuni e, come risultato, non provano né senso di vergogna né senso di colpa né si puniscono l'un l'altro. In termini di benefici materiali netti (cioè -a) derivanti dal loro contributo al progetto, entrambi guadagnano 0.1: i -a i =1-a i + (a i +a j )- ij -a i =0.1= ( ) (per j i calcoli sono simili). COSA SUCCEDE SE GLI AGENTI VIOLANO LA NORMA (i.e. se a* 0.5) E' importante ricordare che in assenza di preferenze sociali (e fintantoché <1), i membri della squadra non avrebbero contribuito affatto al progetto comune. Il fatto che con preferenze sociali si contribuisca indica i) che queste preferenze sono importanti e che ii) sono importanti anche a prescindere dal fatto che in equilibrio gli agenti non provino né senso di colpa, né vergogna o benevolenza. Come conferma, consideriamo gli stessi due individui in uno stato di disequilibrio, in cui j contribuisce 0.4 e i contribuisce solamente 0.1. A seguito di tale comportamento, i guadagna 0.2 in termini di benefici materiali netti derivanti dal progetto (ovvero, 0.2=0.6( )-0.1). Tuttavia j svilupperebbe una forte malevolenza verso i (β ji < 0 ) e, come risultato, lo punirebbe duramente, infliggendogli costi materiali pari a 0.16=( 2 /2c)=(0.5 2 /2*0.75). Ciò, inoltre, indurrebbe un senso di vergogna in i che arrecherebbe ulteriori costi, questa volta soggettivi, pari a Va anche aggiunto l ulteriore costo soggettivo dovuto al senso di colpa (0.10). Insomma: si parte da guadagni oggettivi pari a 0.2 ma, sottraendo i costi soggettivi, si arriva ad una utilità totale di -0.1 (= ). Dunque, la miglior risposta di i è data da un aumento del contributo al progetto. Non c è nessuna ragione a priori per cui le preferenze sociali non possano persistere in equilibrio (anche se sembra improbabile che alti livelli di vergogna, colpa o punizione reciproca siano persistenti). Però, di fatto, non è così. Per capire perché di fatto non compaiono in equilibrio, supponiamo che i due membri si attengano a due norme di contribuzione differenti, con a j * > a i *. Queste norme sono di equilibrio e quindi nessuno degli agenti prova senso di vergogna o di colpa. Ma, a tali valori di equilibrio, il fatto che i contribuisca meno rispetto a j, può indurre j a punirlo e questa punizione fa parte degli incentivi per i ad aderire alla norma. Insomma, non si può parlare di 19/29

20 equilibrio definitivo e l equilibrio deve prevedere che le emozioni non possano più giocare alcun ruolo. QED. Vi sono alcuni attributi del modello degni di nota. PRIMO: l'altruismo e la reciprocità si possono controbilanciare. Infatti, un membro reciprocatore che è sufficientemente altruistico, non punirebbe un suo compagno di squadra, anche se questi contribuisse in misura inferiore. Comunque, potrebbe nutrire una benevolenza (netta) nulla nei confronti di quest'ultimo. Come risultato, si avrebbero bassi livelli di contribuzione da parte di entrambi. SECONDO: una persona che contribuisce poco, a causa di un livello basso di contribuzione definito dalla propria norma, a*, sarà anche meno reattivo ad una punizione. Ciò si può evincere dall'effetto della punizione sull'utilità, ovvero, 1 σ i (a i * a j ). TERZO: quando uno o più membri sono reciprocatori, l'interazione presenterà degli effetti positivi, in quanto le azioni di un membro inducono cambiamenti sulle azioni degli altri. La figura 4.6 descrive un NE unico in presenza di tali effetti. Non è comunque difficile pensare a tali interazioni in presenza di equilibri stabili molteplici, alcuni con un alto livello di contribuzione ed altri con un livello basso. 20/29

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

della funzione obiettivo. Questo punto dovrebbe risultare chiaro se consideriamo una generica funzione:

della funzione obiettivo. Questo punto dovrebbe risultare chiaro se consideriamo una generica funzione: Corso di laurea in Economia e finanza CLEF) Economia pubblica ************************************************************************************ Una nota elementare sulla ottimizzazione in presenza di

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Proprietà contratti e potere

Proprietà contratti e potere Proprietà contratti e potere Le istituzioni formali e informali Definiscono le regole dello scambio Possono risolvere i problemi di free riding Hanno effetti redistributivi 1) Definiscono e difendono i

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che:

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che: Teoria dei Giochi, Trento, 2004/05 c Fioravante Patrone 1 Teoria dei Giochi Corso di laurea specialistica: Decisioni economiche, impresa e responsabilità sociale, A.A. 2004/05 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli