1. INTRODUZIONE. Il rachide. Modello matematico del rachide. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano sagittale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE. Il rachide. Modello matematico del rachide. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano sagittale"

Transcript

1 1. INTRODUZIONE Il rachide Lo studio della colonna vertebrale risulta molto complesso, a causa della sua struttura e delle funzioni statiche e cinematiche che svolge. Il rachide è l'elemento che collega la testa e gli arti superiori con gli arti inferiori, trasferendo al suolo tutte le azioni statiche e dinamiche del corpo; è la struttura di attuazione cinematica dei movimenti del tronco, in particolare della rotazione e della torsione; è una struttura di sostegno e di protezione per gli organi più delicati. A livello biomeccanico lo studio della colonna deve tener conto dei particolari elementi che la compongono: la struttura metamerica, costituita dalle vertebre, differenziate dal sacro al cranio, intervallate dai dischi, è avvolta da legamenti e sottoposta all'azione meccanica dei muscoli e delle costole della gabbia toracica. In particolare le possibilità dinamiche del rachide sono limitate dalla disposizione anatomica delle articolazioni tra le vertebre; queste, poste su un piano obliquo, sono incastrate tra loro, poiché le articolazioni della vertebra superiore sono incuneate tra quelle dell'inferiore. Considerando specificatamente il segmento rachideo lombare si nota una maggior libertà di movimento sul piano sagittale, rispetto a quello frontale; ancora minori sono le possibilità di rotazione fisiologica sul piano orizzontale, limitata dal contatto tra le faccette articolari e dalla resistenza passiva del disco che viene sollecitato a torsione. I valori medi valutati per i movimenti rachidei sono di 83 per la flesso-estensione, 40 per l'inclinazione laterale, 16 per la rotazione assiale. Strutturalmente la colonna si può descrivere come una trave a tripla curvatura vincolata alla sua estremità inferiore al bacino. Quindi, poiché il bacino rappresenta il basamento su cui è incastrata la colonna, si possono studiare le modificazioni della struttura rachidea rispetto al suo movimento, considerandolo come un cedimento di vincolo che induce uno stato deformativo nella colonna. A differenza delle ossa lunghe come il femore, la colonna non è un corpo rigido, ma una struttura flessuosa, che si deforma sotto l'azione muscolare, per mantenere una condizione di equilibrio stabile rispetto alle azioni gravitarie e per conservare l'orizzontalità del campo visivo. Gentile, De Giorgi, Mantriota, Cinnella hanno sviluppato un modello matematico, basato sul metodo agli elementi finiti, che permette di studiare le modificazioni nell'assetto della colonna in base a movimenti del bacino. Modello matematico del rachide L'intero rachide, collegato al bacino e alla gabbia toracica, è stato schematizzato ricorrendo a 948 elementi di tipo trave colleganti 668 nodi. Il vincolo cinematico, imposto dalle faccette articolari, al moto relativo di due vertebre consecutive è stato rappresentato tramite un sistema articolato a doppio pendolo. Con questo modello si è voluto determinare quanto i parametri più significativi dell'assetto del rachide siano influenzati da un diverso orientamento del bacino. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano sagittale I parametri reputati più significativi sono: l'angolo sacrale, formato da S1 con un piano orizzontale; l'angolo di lordosi; l'angolo di cifosi;

2 la freccia di lordosi; la freccia di cifosi. L'angolo sacrale indeformato per il normotipo è di 40, si è quindi variato questo parametro, dando al modello matematico un cedimento angolare del vincolo ad incastro della colonna vertebrale sul bacino. Si evince dal modello (supportato dai dati sperimentali) che una variazione di 10 di BS determina una analoga variazione nell'angolo di lordosi. L'andamento del valore angolare della lordosi quindi dipende dall'angolo sacrale, sia per l'antiversione che per la retroflessione. Questo risultato permette di valutare clinicamente l'angolo di lordosi, cioè il valore fisiologicamente corretto per il normotipo deve essere valutato rispetto all'angolo sacrale: un diverso valore di S1 con l'orizzontale si ripercuote sulla colonna, determinandone una diversa conformazione biomeccanicamente corretta. Non esiste invece alcun legame funzionale tra BS e l'angolo di cifosi. Analoghi risultati sono stati ottenuti per quanto riguarda la dipendenza delle frecce da BS: la freccia di lordosi si modifica di circa 4mm per una variazione di 10 di BS, mentre quella di cifosi risulta invariata. Influenza dell'assetto del bacino sulla deformazione nel piano frontale I parametri reputati più significativi sono: l'inclinazione del bacino nel piano frontale; la differenza di altezza tra le creste iliache; i gradi Cobb della curva lombare; la rotazione della vertebra apicale; il disassamento della vertebra neutra craniale; la rotazione del bacino nel piano orizzontale. E' stata imposta una rotazione del bacino nel piano orizzontale in senso antiorario fino ad un massimo di 7.

3 La massima variazione in altezza delle creste iliache osservata è di 12.8 mm. Il parametro più significativo in questo caso è dato dall'angolo di Cobb: ad una rotazione di 1 del bacino corrisponde un incremento di circa 1.5 Cobb. E' importante però sottolineare che tali valori indicano una "normale" deformazione del rachide a seguito dell'inclinazione del bacino, pertanto non sono valori patologici indicanti la presenza di un curva scoliotica. In merito agli altri parametri si può dire che ad una rotazione di 1 di BF la rotazione della vertebra apicale è di 1.2, il disassamento della vertebra neutra è di circa 1.7 mm. Inoltre, a causa dei vincoli intermetamerici del passaggio lombo-sacrale, una flessione laterale del bacino provoca sia una rotazione dei metameri stessi, che una rotazione del bacino, nel piano orizzontale; ciò è dovuto a una coppia, intorno all'asse verticale, che si introduce a seguito di una rotazione del bacino sul piano frontale. In particolare una rotazione di 1 nel piano frontale implica una rotazione di circa 1.2 attorno ad un asse verticale. Non si hanno invece ripercussioni a livello sagittale dell'assetto del rachide, cioè le curve di lordosi e cifosi non vengono modificate da variazioni dell'angolo BF.

4 I valori dei parametri ricavati in questo studio, al variare dell'angolo del bacino, sono utili per determinare l'assetto biomeccanicamente corretto del rachide e, quindi, per evidenziare eventuali stati patologici come l'ipercifosi e la scoliosi. I diversi gradi di mobilità della colonna, riscontrati rispetto ai piani sagittale, frontale e orizzontale, influenzano il comportamento della curva scoliotica: nella fase iniziale l'ampia possibilità di movimento sul piano sagittale permette l'aumento della lordosi fisiologica, che, con l'evolversi della curva scoliotica, può diminuire e addirittura invertirsi in cifosi. La minore mobilità sul piano frontale fa sì che non si superino, se non raramente, i 90. Apparentemente in contraddizione con la scarsa possibilità rotazionale, la curva scoliotica lombare presenta rotazioni molto più importanti di una curva toracica di ugual grado. Questo comportamento viene spiegato da Caillet (1968), che divide il rachide lombare in due parti, con differente possibilità di movimento: l'area superiore è caratterizzata da maggiori possibilità di movimento rotatorio, mentre al di sotto di L4-L5, a causa della presenza dei legamenti ileo-lombari, si ha minor mobilità, sia sul piano frontale, che su quello orizzontale. Ciò spiega inoltre perché non si hanno scoliosi con vertebra neutra al di sotto di L5; la rotazione assiale si osserva al di sopra del disco tra L4 ed L5 ed ha il suo fulcro a livello delle apofisi articolari della concavità della curva scoliotica. Le apofisi sono dunque sovraccaricate meccanicamente sia sul piano frontale, sia su quello orizzontale, e ciò si traduce in una sofferenza delle cartilagini articolari dal lato della curva scoliotica e nella tendenza all ossificazione della cartilagine articolare della concavità. Va osservato, quindi, che le alterazioni dell'angolo di lordosi e ogni variazione dell'assetto della colonna portano ad una modificazione della posizione relativa delle vertebre, quindi ad una diversa distribuzione dei carichi dinamici e gravitari. Ciò è particolarmente grave in presenza di scoliosi; in questo caso, infatti, nasce un'importante sollecitazione a taglio, che si scarica sulle faccette articolari e sui dischi, che invece sono "costruiti" per sopportare sollecitazioni di compressione e a lungo andare vengono danneggiati. Eziologia della scoliosi idiopatica Come si evince dal nome stesso la scoliosi "idiopatica" non ha eziologia definita; numerosi studi sono deputati alla ricerca delle cause che determinano questa patologia, ma ancora non sono state ottenute risposte definitive. Dal nostro punto di vista le teorie più interessanti sono quelle "posturali" e meccaniche: Teorie posturali R. Herman (1979) ha evidenziato che nei pazienti scoliotici il sistema vestibolare è meno efficiente; secondo i suoi studi si ha una disfunzione della corteccia motoria, che controlla la postura assiale, derivante da una mancanza di input sensoriali circa l'orientamento spaziale. T. Shalstrand (1979) ha rilevato un'alterazione del sistema vestibolare nel 48% delle scoliosi idiopatiche esaminate. K. Yamada (1984) sostiene che un'alterazione del tono posturale, a qualunque livello si realizzi, può determinare una scoliosi. In particolare su 150 scoliosi lombari il 79% presentava un'alterazione dell'equilibrio. Teorie meccaniche Riguardano la struttura rachidea dal punto di vista del comportamento meccanico, dovuto all'azione dei muscoli, dei tendini, dei legamenti e ai meccanismi compensatori.

5 Proprietà dei tessuti alterate possono alterare la risposta ai carichi meccanici; questa può essere una causa per lo sviluppo della patologia, in particolare si stanno sviluppando ricerche tese a studiare la rigidità assiale, anche se per ora sono limitate all'osservazione di colonne normali, non scoliotiche. In realtà, però, gli studi evidenziano il legame tra questi aspetti e la patologia, sostenendo in più casi che si tratti più probabilmente di effetti, dovuti all'anormalità nella distribuzione dei carichi sui dischi, che di cause primarie. In alcuni casi la scoliosi si può sviluppare a causa della debolezza dei muscoli addominali, che non riescono a sostenere il rachide, ma questo aspetto non è stato molto approfondito. Ancora più controversa è la teoria che vorrebbe i meccanismi compensatori come fattore eziologico della scoliosi; le eterometrie degli arti inferiori determinano una rotazione del bacino: per quelle superiori a 2-3 cm, non compensate, si ha verosimilmente una strutturazione della scoliosi, per quelle minori alcuni autori sostengono che si abbia un tipo di scoliosi non strutturata e non evolutiva, mentre altri ritengono si possa avere una modificazione strutturale, quindi una vera e propria scoliosi. Tanturri et al., che hanno affrontato questo tema, hanno rilevato una completa indipendenza tra l entità dell obliquità pelvica e la gravità della scoliosi, intesa come grado di strutturazione, dimostrato dalla riducibilità angolare e dalla derotazione ottenute nei casi in cui si poteva, con un rialzo, eliminare l obliquità. Infatti, casi con leggere dismetrie (minori di 3 cm) sono associati a lievi deformazioni completamente riducibili con l applicazione di un rialzo, oppure si associano a scoliosi ben strutturate le quali si derotano poco o per nulla dopo il riequilibrio pelvico. Inoltre un grado di dismetria alto non implica necessariamente scoliosi più gravi (si sono riscontrati, infatti, sia casi di scoliosi ben strutturate, che lievi). In alcuni casi, applicando il rialzo, si nota che la reale direzione della curva scoliotica è opposta a quella osservata senza eliminare l obliquità pelvica. Teoria ossea Altra ipotesi avanzata riguarda la supposta inferiorità della qualità dell'osso nei soggetti scoliotici; nonostante questi abbiano ossa con proprietà diverse rispetto al normotipo, non è stato ancora dimostrato se e come questo fatto sia legato alla scoliosi. Con esami per rilevare la densità ossea si evidenzia una sensibile differenza del contenuto minerale medio tra l'emisoma vertebrale della concavità e quello della convessità. Più che dimostrare però la relazione eziologica tra la densità ossea e la scoliosi si può utilizzare questo metodo per valutare l'efficacia dei trattamenti: una buona correzione porta ad un riequilibrio tra le densità dei due emisomi. Posto inoltre che le differenze riscontrate nella densità ossea sono dovute a squilibri meccanici, è necessario porre la colonna da "raddrizzare" nelle migliori condizioni di carico possibile; con questo principio si giustifica l'uso dei corsetti e dei gessi.

6 La densitometria di una paziente scoliotica prima del trattamento con corsetto mostra densitometrico eseguito dopo due anni di contenzione con busto rileva una netta diminuzione della differenza tra concavità e convessità della curva. Ruolo della crescita La scoliosi è spesso associata all'ipocifosi; si è postulato che questa sia dovuta ad uno sbilanciamento della crescita del tratto anteriore rispetto a quello posteriore: le strutture anteriori crescono più velocemente e i corpi vertebrali all'apice, con una flessione in avanti, tendono a spostarsi fuori posto ruotando lateralmente. Diagnosi La diagnosi e lo studio in vivo della scoliosi si avvalgono principalmente di due tipi di esami, la radiografia a raggi x e la T.C.. Per quanto riguarda l esame radiografico si osservano diversità tra soggetti giovani ed adulti. Nei pazienti giovani si possono evidenziare la rotazione e la cuneizzazione vertebrale, con la conservazione degli spazi discali, per l elasticità del disco intervertebrale. Le articolazioni sono ben visibili dal lato convesso, mentre si distinguono difficilmente nella concavità, inoltre si osserva un accentuazione della lordosi lombare. Negli adulti si notano artrosi e formazione di ponti ossei tra vertebre vicine, inoltre la catena delle articolari appare fusa dal lato concavo, dove si ha anche un collasso discale. Spesso, all apice della curva, si hanno laterolistesi con sub-lussazioni vertebrali, causate dal movimento di traslazione-rotazione delle vertebre apicali sottoposte ad un carico asimmetrico. Tutti questi fenomeni rappresentano un aggravamento della patologia e raggiungono livelli molto consistenti se sono associati una modificazione del rachide sul piano sagittale, a causa dell insorgere della curva cifotica. Tramite invece la T.C. si evidenzia la rotazione sul piano orizzontale delle vertebre, che in genere si mantiene notevole sia nella parte apicale, che a livello dorso-lombare; purtroppo questo metodo di indagine non è sfruttabile per l alta quantità di radiazioni cui verrebbe sottoposto il paziente. Un ulteriore metodo per valutare la deformazione del rachide si avvale di un analisi computerizzata che rileva la disposizione delle vertebre, visualizzandola dall alto: in un

7 soggetto normale le vertebre sono ben allineate e inscrivibili in un rettangolo, mentre per un paziente scoliotico ciò non è possibile. Parametri per valutare la scoliosi Per valutare l entità della scoliosi e la sua evolutività il parametro principale utilizzato è il valore dell angolo di Cobb; in particolare una curva si definisce evolutiva quando questo varia almeno di 10 all anno. In realtà però si ritiene che il solo valore Cobb non sia sufficiente per valutare l assetto biomeccanico tridimensionale della curva scoliotica nel suo divenire, infatti l evoluzione non riguarda solo il valore angolare, ma anche la rotazione, con fenomeni degenerativi per le strutture ossee e cartilaginee coinvolte; si può mettere in relazione l angolo di Cobb con la rotazione apicale, la strutturazione dell angolo ileo-lombare ed il disassamento, calcolato come distanza tra il centro della vertebra neutra craniale della curva di scoliosi ed il piano sagittale mediano.

8 2. BUSTI Il trattamento incruento della scoliosi si basa principalmente sull utilizzo dei busti ortopedici; nonostante, infatti, i rapidi progressi nel campo chirurgico, si ritiene opportuno evitare che la deformazione raggiunga una gravità tale da essere operata; negli ultimi tempi, inoltre, grazie agli screening per la diagnosi precoce, i valori delle deformazioni scoliotiche sono rilevati prima di giungere a situazioni critiche, e questo comporta un minor ricorso al trattamento chirurgico per le deformazioni. Le ortesi hanno il compito di agire sul comportamento meccanico del rachide scoliotico, modificandone, con vincoli esterni, la naturale dinamica, al fine di stabilire una migliore distribuzione dei carichi ed evitare una concentrazione di tensioni, mediante la trasmissione di forze che devono riportare la colonna il più vicino possibile alla normale configurazione tridimensionale. I busti non possono agire direttamente sulla colonna, quindi devono operare per mezzo di tessuti ed organi interposti, mediante vincoli e punti di pressione che realizzino azioni di trazione, deflessione, derotazione. Per una corretta applicazione del busto vanno prese in considerazione alcune norme, sia per limitarne l impatto psicologico, sia per avere una buona correzione. Da evitare è sicuramente l ipercorrezione, valutando, più che l angolo di Cobb, l entità e l evolutività della deformità clinica sulla base della prominenza paravertebrale; il valore critico, oltre il quale si ha certezza di evolutività della curva, è di circa 11 mm, se raggiunto in breve tempo. Nella maggioranza dei casi, però, il quadro clinico non è così ben definito, quindi sono necessari controlli periodici per poter cogliere una eventuale tendenza evolutiva. Tali controlli sono fatti sulla base di un accurata misura della prominenza paravertebrale, per evitare l eccessiva esposizione a radiazioni, necessarie per valutare l angolo di deformazione. Se, infine, si nota tramite una valutazione tridimensionale della deformità un aggravamento delle curve sagittali, occorre ricorrere ad un trattamento chirurgico precoce. In genere si utilizza il busto a tempo pieno durante tutto il periodo di rapido accrescimento puberale, evitando in tal modo la perdita di correzione e la regressione della deformità. Nel caso di una scoliosi strutturata ancora non evolutiva l uso del corsetto può essere limitato alle sole ore notturne, per prevenire il rischio di una trasformazione in deformità sicuramente progressiva. Un accorgimento ulteriore nell uso dei corsetti è quello di evitare busti con ampie superfici rigide a contatto con la gabbia toracica, che causano deformità toraciche e un ridotto sviluppo polmonare. Esempio negativo di ciò è il busto Lyonese. Per il trattamento della scoliosi lombare si preferisce l uso dei busti bassi.

9 Riviera Le forze correttive di questo corsetto agiscono in tre punti: la pelotta situata posterolateralmente all apice della curva, la presa pelvica ed il supporto sotto-ascellare dal lato opposto. I principi meccanici su cui si basa sono sia attivi che passivi, come nel modello Milwaukee. Per consentire la traslazione del tronco si sfrutta l azione pressoria del montante laterale dal lato opposto alla pelotta lombare; l applicazione inoltre di una pelotta toracica previene un possibile aggravamento della curva di compenso. Questo corsetto, che realizza la stessa correzione del Milwaukee, è migliore dal punto di vista dell occultabilità, quindi offre un minor impatto psicologico. Milwaukee Il busto Milwaukee ribassato, cioè senza il supporto al collo, viene utilizzato al posto del Riviera nei casi in cui ci sia scoliosi lombare con concomitante ipercifosi toracica molto accentuata oppure con curva di compenso molto strutturata, o ancora in casi di iperlordosi lombare.

10 Michel-Allégre a tre valve L elemento innovativo del metodo di Michel-Allègre è stato quello di considerare il bacino non più come semplice appoggio di un corsetto, ma come parte integrante della deformità. Questo tipo di corsetto è indicato nelle scoliosi lombari e toraco-lombari al di sotto di 40 Cobb e presenta il vantaggio di avere ingombro minimo rispetto ad altri tutori. Il meccanismo di azione di tale corsetto è basato su tre punti: in primo luogo la spinta sul bacino dal lato opposto alla convessità della curva con effetto di traslazione sul piano frontale, quindi la spinta ileo-lombare ad L sulla convessità della curva e sulla ala iliaca con effetto di apertura dell angolo ileo-lombare e correzione della deviazione scoliotica, infine la spinta toracica. L azione meccanica del corsetto è tanto più valida quanto più bassa è la deformità, poiché il bersaglio terapeutico dell ortesi è la riduzione dell angolo ileo-lombare, oltre che della curva di scoliosi. La valutazione dei risultati si basa sull analisi di radiogrammi fatti in momenti differenti (inizio del trattamento, momento della migliore correzione in corsetto, abbandono dello stesso e controllo a distanza); i parametri considerati in tali radiogrammi sono 4: il valore angolare della curva in gradi Cobb, la rotazione della vertebra apicale, l angolo ileo-lombare ed il disassamento della vertebra superiore della curva, rispetto all asse di simmetria del bacino. Correzione percentuale relativa ai 4 parametri; (i = inizio del trattamento; c = migliore correzione in corsetto; a = abbandono del corsetto; d = controllo a distanza). Come si evince dalla figura, l angolo ileo lombare è il parametro che presenta la migliore correzione; la rotazione è il parametro meno influenzato. E interessante notare come si siano ottenuti risultati differenti a seconda che il trattamento sia stato intrapreso prima o dopo il menarca. In generale, il corsetto è risultato più efficace se applicato già in epoca pre-menarca, grazie alla presenza di una colonna vertebrale più mobile. Addirittura, per il valore angolare di Cobb ed il disassamento, il guadagno terapeutico ha raggiunto un rapporto di 3 : 1 nelle pazienti pre-menarca rispetto a quelle post-menarca. Meno netto, ma sempre presente, risulta il guadagno nella correzione degli altri due parametri.

11 I risultati esaminati hanno quindi mostrato come il corsetto a tre valve abbia piena validità terapeutica a condizione che siano rispettate le indicazioni (in particolare la curva sia bassa) e che l inizio della terapia sia precoce, dati gli effettivi vantaggi del periodo pre-menarca. Spesso, se l utilizzo incomincia nel post-menarca, si ottiene soltanto la stabilizzazione dei valori di partenza, senza quindi reali guadagni. Boston Brace La peculiarità di questo modello è la presenza dell azione simultanea di spinte anteriori e posteriori che, realizzando una coppia di forze, inducono lo svolgimento delle curve mediante un movimento elicoidale. I risultati ottenuti hanno mostrato la piena validità di questo corsetto: la correzione media (su un campione di 100 pazienti) oscilla intorno al 70% dei valori angolari iniziali; mentre, dopo 4 anni dalla rimozione del corsetto, si è sostanzialmente ottenuta la stabilità della curva nel 93% dei casi.

12 Scoliosi lombare trattata con Boston Brace Inizio cura con 30 Cobb (13 anni);regressione pressoché completa della curva(17 anni); stabilizzazione sui 23 Cobb a 23 anni. L effetto correttivo del Boston Brace si basa sull associazione di un meccanismo statico ad uno dinamico. Il primo è legato al principio dei tre punti di spinta rappresentati dalle pads poste al suo interno. Le pads stesse evocano una reazione dinamica autocorrettiva da parte del paziente. Inoltre, mediante un meccanismo di tipo elicoidale sul piano orizzontale, si ottiene un azione derotante e di conseguenza una deflessione della scoliosi stessa, con apertura dell angolo ileolombare. Per valutare l azione derotante del Boston Brace sulle scoliosi lombari si sono eseguite TAC lombari in casi con e senza il corsetto B.B.. Le TAC eseguite hanno mostrato una buona correzione della rotazione vertebrale lombare, a volte anche con un guadagno di correzione del 50% circa; ciò conferma che il B.B. possiede un effetto significativo di miglioramento della torsione vertebrale nella scoliosi. Questa azione derotante appare fondamentale ai fini della correzione se si considera che esistono mutui rapporti di connessione tra rotazione assiale e inclinazione laterale a livello del rachide lombare. (A)Scoliosi lombare sinistra di 35.(B)In corsetto la curva si corregge a 12.(C)Controllo TAC che evidenzia un angolo di rotazione di 17.(D)Controllo TAC in corsetto mostra una correzione della rotazione di 4,6 pari al 27% del totale.

13 Tra i vantaggi del Boston Brace si ricordano la rapidità di realizzazione che, necessitando della sola manodopera del tecnico ortopedico, riduce i costi del trattamento e la buona tollerabilità (specie se si ha l accortezza di non eccedere con la tensione delle cinghie). Gli effetti negativi si riscontrano nella nascita della cellulite delle cosce e nell appiattimento delle curve sagittali (problemi peraltro comuni alla maggior parte dei corsetti), oltre che nelle esofagiti e nelle amenorree secondarie dovute alla compressione addominale. Corsetto Lombare Bolognese, CLB Il corsetto CLB ha come caratteristiche essenziali la realizzazione su calco gessato, l altezza al di sotto delle braccia (caratteristica comune a tutti i cosiddetti busti bassi), l azione correttiva mediante il principio dei 3 punti. Caratteristica peculiare del corsetto CLB è di essere personalizzato, realizzato per ogni paziente su calco gessato. Una corretta posizione del paziente durante la confezione del corsetto gessato è molto importante. Il paziente porta in alto l arto superiore dal lato concavo della curva scoliotica, correggendo in tal modo la curva vertebrale; allo stesso tempo assume un atteggiamento di modesta flessione anteriore del tronco per correggere la lordosi lombare. Al termine del confezionamento si applica all interno del busto un cuscinetto imbottito, posizionato subito al di sotto dell apice della curva in posizione paravertebrale; un pezzo metallico posto all interno del cuscinetto permette di controllare il livello della spinta nei controlli radiologici. Altra caratteristica del corsetto CLB è l altezza al di sotto delle braccia: questo rende il CLB ben accetto ai giovani pazienti, perché si nasconde facilmente sotto i vestiti e non ostacola le attività sia di studio che ricreative dei ragazzi. L azione correttiva del corsetto CLB si esplica mediante il principio dei tre punti, rappresentati dal lato della convessità della scoliosi dal cuscinetto da spinta lombare subito dopo l apice della curva, e dal lato opposto dalla controspinta toracica e dalla faccia laterale del bacino. I parametri determinanti per una buona riuscita sono il valore angolare e lo stadio di Risser al momento dell applicazione del busto: un valore angolare inferiore a 30 ed uno stadio di Risser compreso tra 0 e 1 hanno consentito buoni risultati a fine cura e soprattutto una correzione stabile a distanza. Il CLB è indicato nel trattamento delle curve basse, rappresentate dalle curve lombari e toracolombari. E possibile l impiego del CLB anche nelle curve doppie primarie, quando la curva toracica è minore e con scarsa strutturazione. Un indicazione limite e molto particolare del corsetto CLB è rappresentata dalle doppie primarie con una curva toracica strutturata, in ragazzi difficili che rifiutano un trattamento con corsetto Milwaukee: è possibile venir loro incontro utilizzando il CLB per il giorno e limitando l uso del busto alto per la notte.

14 Il corsetto CLB viene usato a scopo preventivo solo nelle ore notturne se sono presenti curve idiopatiche lievi ancora inferiori a 20, ma con preoccupanti segni di strutturazione. L uso solo notturno del CLB consente un controllo della curva e mette al riparo dai rischi di un possibile aggravamento con un modesto sacrificio del paziente. Si ricorre ad un impiego part-time del corsetto se la curva presenta un valore angolare attorno ai 20 e soprattutto una strutturazione maggiore. Il trattamento part-time va continuato fino al raggiungimento della maturità scheletrica, dal quale si aumentano le ore di libertà per arrivare ad un trattamento notturno, condotto per i successivi 1-2 anni. P.A.S.B. Il P.A.S.B. (progressive action short brace) rappresenta un nuovo modo di affrontare il trattamento incruento delle curve dorso-lombari e lombari. L idea di base è che opportune variazioni delle distribuzioni dei carichi, ottenute modificando la geometria del tratto di colonna interessato e condizionandone in modo mirato la natura dinamica, siano in grado di incidere in modo significativo sul comportamento evolutivo della scoliosi. Il trattamento, basato sulle considerazioni appena fatte, si divide quindi in due fasi: la prima, di riduzione parziale della deformità mediante azioni indotte dall esterno, viene seguita da una seconda fase di correzione dinamica. Inizialmente vengono usati uno o più apparecchi gessati, mentre il paziente viene posizionato semiseduto, così da ottenere l appianamento della lordosi lombare, e posto in lieve trazione, mediante mentoniera. Nella figura seguente si evidenzia il posizionamento del paziente e la disposizione delle stecche gessate durante il confezionamento del busto.

15 Due stecche gessate, agganciate alla barra di appoggio, hanno il compito di stabilizzare il bacino (stecca A) e di deflettere la curva (stecca B). Alcune bende gessate vengono usate per imprimere un momento derotante. Al completamento del gesso, prima della sua solidificazione, vengono applicate manualmente le ultime spinte. Sul lato convesso si agisce dall alto verso il basso e in senso postero-laterale in corrispondenza del tratto di rachide al di sotto dell apice della curva, mentre dal lato opposto si esercita una controspinta più in alto, in corrispondenza delle coste fluttuanti. In tal modo si genera una coppia torcente che completa l azione derotante delle fasce gessate e permette di ottenere, a gesso consolidato, sezioni orizzontali asimmetriche di tipo ellittico, necessarie alla realizzazione della correzione dinamica della seconda fase. Questa è indirizzata ad ottenere un continuo sviluppo di azioni correttive. L effetto dinamico del corsetto si realizza imponendo al tronco del paziente direzioni obbligate, durante gli spostamenti che questo compie nello svolgimento della sua attività quotidiana. L aspetto innovativo del P.A.S.B. è caratterizzato da una geometria che renda liberi i movimenti della colonna che favoriscono un azione correttiva nei confronti della rotazione delle vertebre e della deviazione laterale della curva; vengono invece impediti tutti i movimenti che potrebbero contribuire ad un ulteriore flessione e torsione del rachide, responsabili dell ingobbamento e della cuneizzazione dei dischi. La geometria del corsetto lascia il paziente libero di effettuare i movimenti di flessione laterale del tronco nel verso della convessità, inducendo sul rachide scoliotico, per i vincoli costituiti dal corsetto, una duplice azione: deflessione del segmento di curva sovrastante la vertebra apice; spostamento del tratto sottostante verso la perduta verticalità. Questo spostamento viene stimolato dall azione di un insieme di forze distribuite, generate dal vincolo della zona superiore del corsetto (cfr. fig.).

16 Rappresentazione delle azioni indotte dal corsetto P.A.S.B. nei movimenti di flessione laterale del tronco. Posteriormente, il bordo relativo alla zona superiore presenta un risalto attivo che fa compiere al paziente uno spostamento in avanti per sottrarsi al fastidio di tale rilievo. Anteriormente, la zona superiore è sagomata secondo un profilo discendente che copre le coste dal lato della concavità, lasciando libere, nei limiti consentiti dall estensione della curva, quelle dal lato opposto. Questa geometria asimmetrica vincola parzialmente i movimenti di flessione anteriore del tronco, consentendoli solo se associati ad una rotazione in direzione della correzione della curva. La geometria delle sezioni orizzontali del corsetto è ellittica, ma asimmetrica. Pertanto le componenti delle forze agenti, costituite da spinte laterali, esercitano una azione derotante grazie ai loro momenti di rotazione. A differenza dei corsetti tradizionali, nei quali vengono applicate forze esclusivamente esterne al rachide, il P.A.S.B. presenta un continuo sviluppo di azioni interne, risultanti dalla dinamica imposta dal tronco. Sono queste azioni interne, poi, che permettono di esercitare forze di verso opposto a quelle sviluppate dalla deformità, grazie alla ridistribuzione della concentrazione delle tensioni sulla vertebra scoliotica. Valutazione sull'uso dei corsetti Nonostante si abbiano buoni risultati con l'uso delle tecniche incruente, la loro applicabilità è limitata: come valori di riferimento si può dire che il trattamento con gessi e/o corsetti inizia da valori angolari di deviazione di 15 con tendenza evolutiva e strutturazione clinica e radiografica, fino ad arrivare a valori di 40-45, oltre i quali si ritiene necessario l'intervento chirurgico.

17 All'interno di questo intervallo vengono utilizzati diversi tipi di corsetti, in base alla localizzazione della curva scoliotica, alla sua strutturazione, al valore angolare, etc.. E' sufficiente, per esempio, l'uso del corsetto basso, per valori fino a 25-30, se la deformazione interessa solo il rachide lombare; se è presente invece una curva dorsale di compenso è preferibile l'uso del Milwaukee Brace. Per valori superiori a 30, ben strutturati e con elevata rigidità si adotta, invece, il localizer cast corto di Risser. Altre situazioni richiedono invece interventi combinati: nel caso, per esempio, in cui la correzione con corsetto amovibile si presenti insufficiente occorre ricorrere all'uso di busti gessati a spinte localizzate. Ancora, si può invertire l'ordine di applicazione, cominciando con l'applicazione del busto gessato, seguito dal corsetto amovibile. Questi metodi sono sicuramente efficaci, sempre che vengano adottati in modo tempestivo, in particolare hanno il miglior risultato nel periodo di massima crescita vertebrale, durante il quale si ottiene una più corretta ristrutturazione dei corpi vertebrali. Altro particolare da evidenziare è che il raggiungimento di buone correzioni non è sufficiente, se queste non si mantengono nel tempo: si ha infatti un regresso fisiologico, che si cerca di mantenere a livelli più bassi possibile (si sono osservate regressioni di circa 1-2, cioè contenute, in pazienti che hanno seguito scrupolosamente le indicazioni terapeutiche); particolarmente dannosa, in relazione a questo fenomeno, è la precoce rimozione del corsetto, che può provocare sia la perdita della correzione fin lì ottenuta, sia una progressione delle curve. Per evitare questo fenomeno si cerca di rendere progressivo l'abbandono del mezzo correttivo, anche alla fine del trattamento.

18 3. INTERVENTI Lo scopo della tecnica chirurgica, che si avvalga o meno dell'uso di strumentali, è quello di eliminare la deformità della colonna, riportandola il più possibile nella corretta posizione tridimensionale: si vuole eliminare la deviazione laterale, ma anche la rotazione del rachide, inoltre se ne vuole raggiungere una compensazione statica. A tal fine con l'uso delle tecniche operatorie si cerca di raggiungere una completa e perfettamente delimitata fusione delle vertebre interessate dalla deformità, solo così infatti si può avere una correzione stabile nel tempo. E' importante però stabilire correttamente il numero di vertebre da bloccare con la fusione: è auspicabile ridurre al minimo il numero di vertebre coinvolte, in modo da non produrre una eccessiva e dannosa limitazione funzionale del rachide; d'altro canto, però, un'artrodesi troppo corta può portare ad una perdita di correzione, a causa di un'insufficiente stabilizzazione della curva, o ancora può causare un peggioramento della scompensazione statica, aggravando le curve di compenso. In genere si deve evitare di coinvolgere nell'artrodesi le vertebre delle curve di compenso. Altri fattori molto importanti da controllare con l'applicazione delle diverse tecniche chirurgiche sono quelli che riguardano le eventuali modificazioni delle curve di lordosi. Anche qui, come nel caso della valutazione dell'azione dei busti, bisogna elaborare i dati in base alla maturità scheletrica del paziente. Risser, senza strumentali Nonostante i progressi della tecnica chirurgica nel campo dell'utilizzo dei mezzi di sintesi, molti considerano tuttora valido l'approccio di Risser. La tecnica di Risser consiste nel consentire la formazione di un'area di artrodesi grazie ad un trapianto osseo preceduto e seguito da un periodo di immobilizzazione con busti di gesso, rispettivamente di 2 e 7 mesi, per mantenere la colonna nella posizione corretta, non scoliotica. Lo scopo dell'immobilizzazione pre-operatoria è quello di mobilizzare la curva e scegliere l'area di artrodesi. Con la tecnica Risser si è osservata una riduzione della lordosi lombare indotta dall'artrodesi, che, però, viene compensata grazie all'azione dei segmenti mobili, anche se in modi diversi nei soggetti più o meno giovani: nel gruppo più giovane si ha una maggior apertura dell'angolo discale tra le vertebre L5-S1, rispetto a quello tra L4-L5 (spiegabile con un diverso comportamento elastico dei dischi poiché nei soggetti più adulti il tratto L5-S1 risulta meno elastico). Si ha inoltre una bassa correzione della rotazione; anche in questo caso si nota una sostanziale differenza tra i soggetti giovani ed adulti: per i primi si ha una correzione del 26%, che si mantiene nel tempo, per gli altri l'iniziale correzione del 22% si perde nel tempo. Un ulteriore vantaggio nell'uso di questa tecnica sta nel trattamento delle scoliosi a doppia curva, in quanto permette di limitare l'artrodesi ad una sola delle due; ciò è possibile quando il paziente è molto giovane, perché si deve agire prima che le curve di compenso si aggravino e perché si può sfruttare il potenziale accrescitivo del rachide per la correzione della curva scoliotica non artrodesizzata. La massima correzione possibile ottenibile con Risser può essere calcolata dai parametri radiologici pre-operatori: COBB STANDING - 3*(COBB STANDING - COBB RECUBMENT) = RISULTATO FINALE

19 Ciò permette di valutare a priori se intraprendere questo tipo di intervento, o se applicare altre tecniche correttive. Per valutare questa tecnica a fronte di quelle più recenti si può considerare un raffronto con i risultati ottenuti con la tecnica Harrington, la più documentata anche per quanto riguarda il follow up. I parametri utilizzati per valutare la riuscita dell'intervento sono l'entità della curva lombare primitiva e di quella di compenso, la rotazione vertebrale, l'angolo discale all'apice della curva e l'entità della lordosi. Da tali confronti è emerso un favorevole giudizio per i risultati ottenuti con Risser; in particolare si evince dai dati statistici che la perdita di correzione si mantiene intorno ai 2.5, ottenendo risultati migliori di quelli di Harrington. Sempre confrontando i due approcci, a sfavore di Risser si sottolinea la necessità di immobilizzazione relativamente lunga con busti gessati, sia in fase pre, che post-operatoria. In realtà questa necessità spesso sorge anche con l'uso della strumentazione, inoltre la validità dei risultati, unita a scarse complicanze, anche nel follow up, porta a considerare come relativo il disagio dell'immobilizzazione. Un ulteriore punto a favore di Risser è proprio dato dall'assenza dello strumentale, cioè dall'assenza di un voluminoso apparato metallico che sottrae spazio per la formazione della massa di fusione; Risser quindi permette lo svilupparsi di un'artrodesi qualitativamente migliore, sia perché vi è maggior spazio per l'attecchimento dei trapianti, sia perché si realizzano microsollecitazioni funzionali, che danno un contributo positivo alla formazione dell'artrodesi. Per quanto riguarda la lunghezza della fusione, Risser permette di limitare maggiormente il numero di vertebre coinvolte, quindi permette una migliore mobilità del rachide. L'assenza dello strumentale inoltre evita il manifestarsi di sovraccarichi funzionali in altre parti della colonna, che spesso causano una sintomatologia dolorosa. Questa soluzione chirurgica, quindi, rappresenta un valido metodo correttivo; con ciò, però, non si può dire che sia la risposta a tutti i casi di scoliosi, in particolare per i casi di più gravi deformità e nelle ipercifosi; in tal caso infatti si ha un peggioramento della cifosi, causata da un cedimento dell'artrodesi, poiché viene sollecitata in modo abnorme a flessione. Harrington La tecnica di Harrington e quelle successive si avvalgono dell'utilizzo di strumentali di metallo, che agiscono effettuando una distrazione del tratto di colonna interessata dalla deformazione scoliotica. Progenitrice di queste tecniche è l'osteosintesi vertebrale ideata da C.M. Zuco, realizzata attraverso due placche metalliche dentellate, ricurve all'estremità, a formare un uncino, che venivano fatte scorrere l'una sull'altra con una speciale pinza detrattrice, e solidarizzate con l'estensione voluta.

20 Tale tecnica non si è diffusa per i problemi di rottura a fatica, in corrispondenza degli uncini, e per la necessità della saldatura elettrica durante l'intervento. La tecnica di Harrington si basa sull'elongazione applicata dagli uncini agli estremi della curva. Anche in questo caso l'entità della correzione dipende dall'età cui è stato praticato l'intervento: i risultati migliori si hanno con pazienti al di sotto dei 15 anni circa. La massima correzione si ottiene per le scoliosi lombari, perché non è presente la rigidità data dalla gabbia toracica deformata; l'efficacia del metodo diminuisce inoltre nei casi in cui aumenta molto il numero di vertebre coinvolte. I risultati peggiori si hanno se si usano due barre giustapposte per le scoliosi con curve doppie, poiché si instaura una curva cifotica nella zona di transizione tra le due barre. Oltre a ciò, legato al fatto che con questo metodo si può solo effettuare un'elongazione della curva, si ha un effetto derotante molto esiguo e si ha poco controllo delle curve sagittali, a meno di non usare barre sagomate e cerchiaggi metallici sublaminari. Altro svantaggio si presenta a causa della poca stabilità nel post-operatorio, che comporta la necessità di un periodo, seppur breve, di immobilizzazione. Tra le complicazioni riscontrate sono da sottolineare 2 casi di sganciamento dell'uncino (su 165 casi raccolti) e 3 casi di rottura di barra. Harrington, però, è semplice, di veloce applicazione e, non da ultimo, economica. Uno dei maggiori vantaggi che offre è quello di essere poco ingombrante, di lasciare quindi ampio spazio ai trapianti, che poi sono lo scopo dell'intervento, in quanto permettono la fusione vertebrale.

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA Stefano Negrini, Umberto Selleri 53 L origine della cura della scoliosi risale agli albori della medicina, mentre la cinesiterapia come trattamento

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione Catalogo 2014/2015 1 a edizione Fondata nel 1980, RO+TEN è specializzata in ortesi e presidi ortopedici d avanguardia. Passione, ricerca scientifica, competenza tecnica, cura meticolosa dei dettagli, forza

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI 1 LIVELLO IN FISIOTERAPIA Presidente: Prof. Andrea Ferretti LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DELLA LOMBALGIA Relatore Prof.ssa Maria Chiara

Dettagli