A.T. QUEIRUGA, Ripensare la risurrezione, ;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.T. QUEIRUGA, Ripensare la risurrezione, 103-114;"

Transcript

1 A.T. QUEIRUGA, Ripensare la risurrezione, ; 2.1. Il dilemma della trattazione tradizionale L'esegesi attuale coincide totalmente nell'ammettere il carattere teo-logico delle prime confessioni pasquali. La risurrezione è innanzitutto e soprattutto un'azione di Dio, che libera Gesù dal potere della morte. Questo situa il discorso davanti al problema formidabile dell'azione di Dio. Problema difficile in se stesso, e qui doppiamente perché non si tratta dell'agire in un avvenimento propriamente storico - come nel caso della croce -, bensì di un agire trascendente e, nel suo stesso risultato, non sottoposto alle coordinate spazio-temporali. Nella situazione premoderna, dove l'azione divina era concepita con tutta naturalezza come se interferisse nei processi mondani - Dio mandava la pioggia o allontanava la peste -, questa caratteristica non faceva problema. Oggi, a partire dalla coscienza irreversibile dell'autonomia delle leggi fisiche che reggono il mondo, non è più possibile pensare così. Proprio per rispetto al suo carattere trascendente, è necessario respingere con forza ogni visione interventista di un Dio che opera in base a ingerenze puntuali o azioni di parte, interferendo con la causalità intramondana. Lontano dall'esaltare, come potrebbe sembrare a prima vista, la sua onnipotenza, questa visione finirebbe in realtà per trasformare Dio in una causa - molto grande, questo sì - tra le cause del mondo. Rudolf Bultmann l'ha espresso molto bene: «Il pensiero dell'agire di Dio come di un agire non-mondano e trascendente può essere preservato da malintesi, solo se non è pensato come un muoversi fra l'agire o gli avvenimenti mondani, bensì come un agire che si realizza in essi». ; x O, per dirla con parole di Karl Rahner, che a loro volta rimandano espressamente a Tommaso d'aquino, si tratta di un Dio che «agisce il mondo, ma non che agisce nel mondo» 1. Nel loro tenore generale queste idee sono già entrate nella teologia, così che, di principio, sono comunemente accettate, sino al punto che, secondo le forti parole di Walter Kasper, un Dio che agisse in altro modo «non sarebbe più Dio, ma un idolo» 2 Cambia così radicalmente la concezione del miracolo, che ora non è concepito come intervento fisico - o psichico - che sconvolge il corso naturale del mondo. Il cambiamento è entrato anche nella teologia della risurrezione che, per fortuna, ha abbandonato - si può dire definitivaniente - la sua trattazione in termini di avvenimento miracoloso (come «il miracolo più grande» dei trattati classici). Ma, proprio per la sua acutezza e importanza, è qui che si fa sentire specialmente la tipica incoerenza della transizione fra paradigmi. L'affermazione di principio, infatti, tende poi a sfumarsi nella pratica. A volte, viene negata proclamando la risurrezione come la grande eccezione, come «una solitaria colonna di roccia» in un panorama senza miracoli. Di norma, appare diluita sulla base di espressioni senza profilo netto, più o meno ambigue, tendenti a indicare che non si tratta di un «evento meraviglioso» o di un «miracolo esorbitante» e col ricorso a giri elusivi di parole, del tipo che le apparizioni sono «esperienze di fede», ma che «non sono riducibili senz'altro a espe rienze di fede» o affermando che sono «incontri con Cristo presente nello spirito». Le espressioni indicate appartengono a Walter Kasper che, proprio per la moderazione niente affatto estremista del suo pensiero cristologico, 13 rispecchia molto bene questa situazione. Ciò appare ancora più chiaro nella sua discussione con Rudolf Pesch, della quale vale la pena citare alcuni paragrafi: «Queste apparizioni non è in alcun modo necessario rappresentarle miracolosamente. Al contrario, se s'intendono le apparizioni come un miracolo esorbitante, che semplicemente atterrano i discepoli, questo allora significherebbe che i primi testimoni della fede sarebbero stati dispensati dalla 1 Rahner, Cff. 2 Kasper, GC

2 fede. Per questo si parla spesso di un vedere credente. Si dovrebbe parlare, meglio, dell'esperienza credente dello Spirito di Gesù che è attivo sia prima che dopo, e di Gesù che è vivo e attivo nello Spirito - [...] Per questo processo completo e assolutamente personale, concetti come apparizioni, visione oggettiva o simili sono descrizioni oggettivanti, altamente rozze ed equivoche» 3 All'enfasi su ciò che non è corrisponde la nebulosità di ciò che si dice essere, senza che il lettore abbia un punto a cui afferrarsi. Non esiste niente d'intermedio fra un avvenimento soggetto nella sua realtà fisica alle leggi empiriche (fisiche o psicologiche) e uno che prescinda da esse: non datur tertium. Sfuggire mediante ricorsi puramente verbali al dilemma non conduce a nulla e, troppe volte, leggendo questo tipo di ricorsi, si capiscono le parole di Karl Jaspers quando lamenta risultargli impossibile discutere con i teologi. Naturalmente, è giusto riconoscere, a favore dei teologi, che que sta situazione non è frutto di un capriccio, ma è prodotta dalla difficoltà di affrontare la riflessione con un unico e irriducibile tipo di attività, per la quale non esiste altro riferimento che se stessa. Non si può negare la gravità del dilemma, ben espressa da Hans Küng: «È possibile superare il dilemma che qui si pone? Bisogna accettare, da un lato, le esperienze dei discepoli con Gesù dopo la sua morte e respingere, dall'altro, ogni intervento soprannaturale che implichi la sospensione delle leggi naturali?» 4. Fortunatamente, la teologia attuale non nasconde la differenza. Riconosce che la questione di come «un avvenimento sensibile-storico possa, nonostante la sua inevitabile contingenza, mediare realmente la presenza di Dio in questo mondo, continui a essere un problema irrisolto».quantomeno però il problema è già espressamente posto. Jürgen Werbick, occupandosi in concreto della discussione attuale, ha dedicato al tema uno studio illuminante. 52 Partendo dal riconoscimento del cambiamento operato dalla modernità, segnala che «tali questioni sono da più di quarant'anni al centro delle discussioni circa gli avvenimenti pasquali», e sottolinea la loro connessione con la problematica del miracolo e della rivelazione; sino a ritenere che costituisca il punto cruciale in entrambi i casi. Ripercorre lungamente tanto le diverse posizioni filosofiche a partire da Hume, Lessing, Spinoza e Kant, quanto i tentativi teologici a partire da Schleiermacher, tentando di mettere allo scoperto le possibilità che si sono aperte, soprattutto dal punto di vista morale iniziato da Kant e dalla nuova coscienza della «causalità religiosa» in Schleiermacher. Alla fine trova una buona articolazione dell'agire di Dio nello stesso realizzarsi della storia e della libertà, senza concorrenze né interventismi. Dio si scopre presente e attivo là dove ci si rende conto «del dramma del suo farsi solidale con l'uomo», quando si comprende che solo contando su di lui come di chi sostiene e promuove la realtà, l'uomo può sperare di non fallire totalmente il suo destino. Vale a dire che le vie di soluzione sono già lì e attendono solamente di essere conseguentemente e coerentemente integrate nella nuova situazione culturale. Cerchiamo di chiarirlo brevemente. 3 Pesch. 4 Küng, Essere cristiani

3 2.2. II superamento del «deismo interventista» La scoperta dell'autonomia delle leggi fisiche, iniziata nell'astronomia, si estese poco alla volta a tutta la realtà mondana, compresa quella sociale, psichica e morale. La prima reazione fu il deismo che, impressionato dalla scoperta, intese rispettare a tal punto I'autonomia da escludere ogni azione di Dio, dopo che, come grande e saggio Architetto, aveva creato un mondo che camminava ormai da sé. La teologia si venne a trovare a un bivio. Da una parte, non poteva accettare una visione incapace di fare giustizia sia al vissuto religioso che alla presenza salvatrice di Dio nella storia umana. dall'altra, non le era neanche possibile negare la validità della nuova scoperta che spezzava in maniera radicale la concezione precedente. Come sempre in questi casi, ciò che si chiedeva era una rivoluzione, ma quello che si fece fu un aggiustamento. In realtà, si andò imponendo una specie di deismo interventista. «Deismo», perché non era possibile continuare a mantenere l'idea di continui interventi da parte di Dio - o degli angeli o dei demoni -- nella trama del mondo fisico, nella ripartizione dei ruoli sociali o nei meandri del funzionamento psichico. Ma «interventista», perché si continuava a pensare la sua presenza alla maniera di interventi occasionali, per circostanze concrete. Non sempre lo si formula in modo così esplicito. Basta, però, fare un po' di attenzione per rendersi conto che questa mentalità impregna tutta la pietà, che infatti «ricorre a Dio» nelle necessità concrete, chiedendogli che intervenga, cercando perfino mediatori - «per intercessione di...» - o cercando d'impietosirlo mediante offerte o sacrifici; non è assente neanche dalla teologia, che è andata avanti operando quasi sempre con questo schema. Schema presente anche in molte trattazioni del miracolo, che costituisce il caso più tipico di deismo interventista. Senza notare che, davanti a un Dio che sta sempre e con tutto il suo amore lavorando per il bene della sua creazione, è fuori luogo pensare ad attuazioni puntuali e suppletorie. Non, ancora una volta, per le tipiche discussioni se Dio de potentia absoluta possa o non possa fare determinate cose, ma semplicemente perché la questione non ha senso (senso ontologic o, perché implicherebbe un dio passivo, che ha bisogno di passare all'atto; e, soprattutto, senso teologico, perché implicherebbe un dio «taccagno» - Se gli è possibile, e sono tanto tremende e tragiche le necessità, perché non opera di più? Perché non opera sempre? e «favoritista» - Perché ad alcuni sì e ad altri no? Perché non a tutti?. a concezione corrente, insisto, è molto condizionata dall'immaginazione. Appare dominata, in effetti, da una specie di «schema» in qualche modo kantiano. Rivela la persistenza di un immaginario spontaneo, che influisce decisivamente sulla formazione dei «concetti»: Dio è là, separato e inattivo - si pensi semplicemente all'influsso continuativo della nostra preghiera fondamentale: «Padre nostro, che sei nei cieli» -, mentre noi, qui stilla terra, siamo gli attivi, coloro che si affannano a lavorare e a portare avanti il mondo. Nel migliore dei casi, pensiamo che egli ci accompagni e aiuti; di norma, vogliamo che «incominci ad aiutarci» o che aumenti il suo aiuto quando c'imbattiamo in una difficoltà o in una impossibilità (per questo glielo «ricordiamo» e cerchiamo di «convincerlo»: Signore, ascolta e abbi pietà). Ripeto, si tratta di uno schema immaginativo, non sempre cosciente, che molti respingerebbero se si formulasse in maniera esplicita. A niente però servirebbe negare la sua presenza e il suo influsso sulla pietà, sulla prassi e sullo stesso pensiero teologico (influsso continuamente rafforzato dal tenore letterale delle stesse preghiere liturgiche e della maggior parte delle letture religiose). In ogni caso, ciò che è decisivo, ancorché fosse falsa la diagnosi, è che questa considerazione indica la vera nscita: prendere sul serio e con tutte le conseguenze il cambiamento di paradigma su questo punto. Cambiamento che, del resto, non ci allontana dalla nostra fede, ma ci porta al suo più autentico e radicale fondamento: Dio che ci crea - che ci sta creando e sostenendo - per amore. Allora comprendiamo che lo schema cambia totalmente. Dio non è separato, dato che ci sostiene costantemente e attivamente come nostro fondamento assoluto, «più intimo della nostra stessa intimità»;' 1 non è passivo, dato che è lui che nella sua creatio continua e con la forza instancabile del suo amore sta potenziando, dinamizzando e chiamando il nostro essere - e

4 l'essere del mondo intero - verso la sua migliore e piena realizzazione. Di modo che, contro l'evidenza superficiale che colonizza I'immaginazione comune, ogni attività umana è già sempre risposta all'iniziativa divina; «nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre mio» (Gv 6,65). È quasi con pudore che si ricordano idee tanto elementari dal punto di vista cristiano. Ma era importante, perché esse, proprio per la loro evidenza e comune accettazione, fanno comprendere che il problema dell'azione di Dio si pone normalmente alla rovescia e che, proprio per questo, ha bisogno di una inversione radicale. L'azione di Dio, precisamente perché «fa essere» il mondo, non solo rispetta, ma fonda l'autonomia delle sue leggi (era questa la giusta preoccupazione che ha dato origine al deismo). Per questo è reale senza essere «interventista», perché Dio non «sta nel cielo», né ha bisogno di «entrare» nel mondo per agire, ma è già sempre in esso e opera senza intermissione. Lontano dall'implicare la visione di un dio aristotelicamente passivo, l'idea di creazione significa esattamente fede in Dio che è attivo in massimo grado. Dio dell'universo e della storia che, da parte sua, sta facendo tutto quanto è possibile: «poeta del mondo», cerca di portarlo alla massima realizzazione permessa dai limiti e dalle incompatibilità inerenti alla sua finitezza: «grande compagno», sostiene e promuove la libertà, perché accetti il suo compito nella lotta contro il male e nella realizzazione positiva del bene. Curiosamente, questo «lo sappiamo» da sempre, poiché nessun credente dubita che, se qualcosa fa difetto nel mondo, non è per colpa di Dio, ma per impotenza o peccato della creatura. Ma, portati dallo schema immaginativo e forse confusi dal fallimento del nostro sforzo, non ne facciamo l'applicazione: allora, inconsciamente e incoerentemente, invertiamo la situazione e diamo per scontato che Dio non fa quanto basta e che potrebbe, se volesse - «se ascoltasse e avesse pietà!», intervenire sistemando le cose. Di nuovo, noi siamo gli attivi e Dio il passivo... Questo quando è evidente che passività e resistenza, se esistono, possono esserci solo da parte nostra, che non possiamo o non vogliamo collaborare con la perenne chiamata e il costante impulso di Dio che è atto puro, attività amorosa e senza restrizioni: «il Padre mio agisce anche ora» (heos arti: «da sempre, fino a ora», Gv 5,17). So per esperienza che questa insistenza sulla massima e piena attività di Dio, che già da sempre sta facendo quanto è possibile, dà a molti l'impressione di un Dio passivo (non avendo senso chiedere che faccia «di più», dato che sta già facendo tutto quanto dipende da lui, sembra che non faccia niente e ci lasci disperati: di qui la resistenza a rive dere la preghiera di petizione). A un livello pi (i speculativo, può suscitare il fantasma di un «dio aristotelico», con l'obiezione che a questo modo si paralizzerebbe e annullerebbe la storia, la quale esige iniziativa, cambiamento e novità. Ma è una strada sbagliata cercare di risolvere la difficoltà giocando al ribasso, usando la scorciatoia d'introdurre qualche forma di passività o di evoluzione in Dio. La vera soluzione può venire solo dalla comprensione e dal profondo rispetto dell'autentico rapporto fra Dio e la creatura. Allora si capisce che la storia e la novità -- come guadagno di essere o di possibilità che prima non esistevano sono qualcosa di reale, ma solo da parte della creatura, perché su questo si fonda giustamente la sua realizzazione. Dio, invece, proprio perché consiste nella pienezza dell'essere, è in se stesso la novità sempre nuova: l'attivo, pieno. illimitato e sempre attuale dispiegarsi delle potenzialità della sua vita infinita. Precisamente grazie al fatto che egli è così, può essere nella creatura, aiutandola a superare la sua passività radicale e suscitando in essa e con essa la novità della storia. La vera storia di Dio con 1'umanità si realizza là dove comprendiamo e accogliamo la sua azione salvatrice, in modo che egli diventa per noi quello che è già sempre in se stesso. Allora sì, misurando l'impotenza del nostro linguaggio e tenendo conto che si tratta di una «prerogativa assoluta», si può, con Karl Rahner, parlare di una novità in Dio, di una realizzazione nell'altro-da-sé: «L'immutabile in se stesso può a sua volta essere mutabile nell'altro» 5 ; - beninteso che «questa possibilità non dev'essere pensata come segno d'indigenza, bensì come vertice della sua 5 Rahner, Cff

5 perfezione». La novità e il progresso storico si costituiscono così in una possibilità reale e in un processo sempre aperto. Ogni volta che la creatura si apre all'impulso del suo creatore, non effettua solo un avanzamento nella sua realizzazione, ma apre nuove possibilità per una nuova e più ampia accoglienza di questo impulso. Nel cammino della creatura verso la sua realizzazione ogni passo è la condizione indispensabile per i passi ulteriori. Così camminano la vita degli individui e la storia dei popoli: così avanzano ugualmente la storia della salvezza e la coscienza della sua rivelazione L'azione di Dio nella risurrezione Se si conserva la lucidità e non si trascura la coerenza, appare subito che questo modo di concepire l'azione di Dio può essere di aiuto nello sforzo di rinnovare e attualizzare la comprensione della risurrezione. In primo luogo c'è la coerenza generale: per affermare come reale l'azione di Dio che risuscita Gesù, non si deve pensare a un intervento categoriale. Non si tratta di un miracolo più o meno spettacolare, bensì dell'atto trascendente - e per questo reale in massimo grado - che sostiene creaturalmente la persona di Gesù, impedendo che sia annichilita dalla morte. Il peculiare e difficile di questo atto, a differenza di qualunque altro realizzato entro la storia, è che la realtà contingente che lo rende manifesto - la persona psico-somatica di Gesù - scompare dalle coordinate del funzionamento mondano. L'immediatamente visibile è piuttosto il contrario: il venir meno di questa realtà - Gesù di Nazaret come organismo umano vivo - che sembra perdersi come tale, seguendo il comune destino degli organismi. Che cessano di esistere, dato che una volta morti si disintegrano in elementi mondani persistenti, ma che ormai non sono più organismi. La risurrezione, nonostante 1'«orribile evidenza del cadavere» e l'innegabile parziale distruzione che ciò significa, afferma invece che questo visibile venir meno non significa scomparsa della persona in quanto tale, ma - paradossalmente - la sua definitiva e suprema affermazione. Sul come sia possibile questa affermazione, si fonda, sicuramente, la massima difficoltà nella comprensione teorica della risurrezione. Beninteso, questa difficoltà non è esclusiva della visione che stiamo cercando di proporre, ma è intrinseca al concetto stesso e pertanto riguarda ogni teoria. Tutt'al più, riguarda in maniera speciale l'insieme di teorie - compresa quella che sottostà al pensiero biblico - che si basano su un'antropologia unitaria e che hanno un carattere più decisamente storico (le quali, d'altra parte, risolvono meglio altre azione divina apre nuove possibilità di comprensione. Si chiarisce molto bene, per esempio, il fatto che, nonostante la comprensione decisamente teologica, nel Nuovo Testamento, dove Dio è colui che risuscita, compaiano formule nelle quali Gesù stesso passa a essere soggetto della risurrezione, come nella confessione, probabilmente pre-paolina, di 1Ts 4,14: «Gesù morì e. risuscitò» e in numerose allusioni del Quarto vangelo. L'azione creatrice, per il suo carattere trascendente, non fa concorrenza alla creatura, ma la «fa essere» e si esplica nella sua stessa azione: quanto più Dio risuscita Cristo, tanto più è Cristo stesso che risuscita. 66 Si capisce che, mano a mano che va crescendo la coscienza dell'esaltazione di Cristo e della sua identificazione con Dio nello Spirito, si possano - allora e solo allora - moltiplicare questo genere di espressioni. C'è però un'applicazione più importante, che si riferisce al modo concreto dell'azione di Dio in Gesù. Si vede bene, quando si osserva, come questa visione permetta di ovviare le contraddizioni suscitate dall'incisiva discussione fra Hansjürgen Verweyen e Hans Kessler riguardo all'azione risuscitatrice di Dio, se ebbe luogo già nella vita di Gesù o «dopo la morte». II primo pensa che «un'azione posteriore di Dio per la salvezza e addirittura per la legittimazione di colui che, essendo innocente, fu martirizzato sino alla morte (sia da carnefici umani sia

6 dall'onnipotente stesso), non possa giustificare le sue sofferenze» 6. Kessler, invece, insiste: «La fede pasquale conta pertanto non solo su un operare di Dio nel mondo attraverso il Gesù terreno, ma anche con un operare di Dio in Gesù nella sua morte: là dove finiscono tutte le possibilità del mondo e solo Dio stesso può incominciare qualcosa di radicalmente nuovo, che spezza i limiti delle possibilità mondane e non è quindi direttamente constatabile all'interno di questi limiti». Non interessa entrare ora nella discussione. Per il momento importa unicamente segnalare come, dal punto di vista ontologico che ci impegna, queste posizioni non sono inconciliabili. Verweyen insiste sulla continuità e Kessler sulla novità. In realtà, ogni autore non fa che accentuare uno degli aspetti inseparabili dell'azione di Dio nelle creature: la continuità sempre attuale del sostentamento creatore da parte di Dio e la discontinuità nelle tappe della sua accoglienza da parte della creatura. È chiaro, con il primo, che l'azione di Dio sostenendo Gesù risorto era sempre e decisamente presente in lui: dopo essersi chiesto «dove la fede cristiana faccia vedere che Gesù sia stato in qualche momento separato di Dio», afferma che «già il "Gesù terrenodurante la sua vita sulla terra portava in tal modo la vita di Dio in sé che la morte non aveva alcun potere su di lui».' 1 Guardando A alla parte di Dio», questo è sicuramente vero. Ma non mancano ragioni neanche a Kessler, quando, guardando «dalla parte di Gesù», insiste sulla spaccatura che la sua morte fisica presuppone; essendoci perciò ; un cambiamento profondo in Gesù - e la morte presuppone un cambiamento abissale -, bisogna parlare di una novità nell'azione di Dio, in quanto ricevuta e realizzata da Gesù nella sua risurrezione. Vale la pena citare le adeguate parole con le quali si esprime l'autore: «Sulla croce Gesù ha sofferto una morte spaventosa, che si è trasformata in un grido unico verso il Padre, a cui ha consegnato il suo intero essere in un ultimo atto di fiducia. Ma questi - come confessa la fede pasquale - non lo ha abbandonato nella morte, piuttosto lo ha sostenuto nel momento di morire -in altre parole: lo ha risuscitato - con il suo amore divino e creatore. In modo che non ha dovuto soccombere all'annichilazione, ma è stato conservato come la stessa persona (in altre parole: corporalmente), in quanto ha ricevuto la vita nuova ed eterna. Nel morire di Gesù è avvenuto, dunque, ]"incontro definitivo della libertà di Gesù e della libertà di Dio; e in questo modo nella morte di Gesù sono avvenute le due cose: consegna della sua vita e inizio di nuova vita». 7 ' Da questa prospettiva difficilmente ci si può esprimere meglio. Senz'altro, questa posizione - credo per mancanza di consequenzialità totale nell'assunzione del nuovo paradigma - comporta implicazioni non troppo evidenti quando si cerca d'interpretare il modo della sua rivelazione a nostro favore. Sono quelle che suscitano le riserve di Verweyen, che sottolinea esplicitamente che è qui che si concentra soprattutto la sua preoccupazione. 73 Sarà anche per noi oggetto del punto seguente. 6 Kessler, La resurrezione di Cristo

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

IL TERZO GIORNO RISUSCITÒ DA MORTE

IL TERZO GIORNO RISUSCITÒ DA MORTE ILTERZOGIORNORISUSCITÒDAMORTE At2,22 32 1Cor15,1 26 Lc24,1 12 Risurrezione:originedellaComunità Dicendo:"Ilterzogiornorisuscitòdamorte",lafedecristianadichiaraqualè: ilsuofondamentoe lasuaorigine. La fede

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1.a tappa: prepar azione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio scheda di approffondimento 3. i Sacramenti della Fede Cristiana Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14.

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14. Gesù e la sua croce necessaria Ha previsto Gesù la sua morte? Che senso vi ha attribuito? E come l'ha integrata nella sua missione? Lo spunto per porre queste domande mi è stato offerto da uno studio di

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

EVANGELIZZAZIONE e SACRAMENTI

EVANGELIZZAZIONE e SACRAMENTI 14 EVANGELIZZAZIONE e SACRAMENTI "Predicate il vangelo ad ogni creatura" (Mc 16,15) "Ogni discorso rimane a mezzo" (Qo 1,8) 1 Edizione "pro manuscripto" Didaskaleion - TORINO - Non commerciabile - Questo

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI Vi comunico un esperienza vissuta in tanti anni di impegno con persone in difficoltà e di verifiche con operatori che mi hanno aiutato a crescere. ora le vivo

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

Redenzione ( polútrwsij) Liberazione ( leuqeroàn)

Redenzione ( polútrwsij) Liberazione ( leuqeroàn) TESI XVI L interpretazione sacrificale della morte di Gesù Cristo in croce costituisce il compimento della teologia veterotestamentaria ed è la critica d ogni culto sacrificale post Iesum crucifixum. La

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Lo studente è tenuto a rispondere alle domande qui presentate, preparando un esposizione orale ordinata di circa 5 minuti per ciascuna

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita LE FORME E LE ESPRESSIONI DELLA PREGHIERA NEL TEMPO DELLA CHIESA S. Tommaso d Aquino 8 gennaio 2002 Schema della riflessione tenuta da Nasca Michelangelo INTRODUZIONE Il cristiano che non prega più deve

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli