COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO"

Transcript

1 COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 1 Del L'anno duemilatredici addì ventinove del mese di gennaio alle ore 18:30, in TORRI DI QUARTESOLO, nella sala delle adunanze; Alla Prima convocazione, sessione Ordinaria, seduta Pubblica, si è riunito il Consiglio Comunale così costituito: MARCHIORO DIEGO P PANATO NADIA P TRIVELLA LUISA A ZAUSA STEFANO P GHIRIGATTO GIANLUCA P ZARANTONELLO FRANCO P CIGNACCO ALESSANDRO P GHIOTTO GIAN LUIGI P LUCATELLO ANDREA P ANTONINI FRANCO A PASINATO ANGELA P MIGLIORANZA RINO P FRIZZO STEFANIA P LANARO ANTONIO P CARLI GIANFRANCO P CARAMPIN SILVIA P TAGLIAPIETRA PIETRO P PAVAN PIETRO P FRACCA ELEONORA P GOBBI GIACOMO P MENEGOTTO ANDREA P P=presente A=assente Assume la presidenza il Signor MARCHIORO DIEGO in qualità di Sindaco assistito dal segretario generale DE VITA DOTT. MARIO. Il Presidente, riconosciuta legale l'adunanza, invita il Consiglio Comunale a deliberare sull'oggetto suindicato

2 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 1 del : Insediamento Consiglio comunale dei ragazzi. Intanto do il benvenuto anche a tutti i membri del Consiglio comunale dei ragazzi, adesso noi ci sposteremo dalle nostre posizioni per lasciare il posto ai componenti del Consiglio comunale dei ragazzi, quindi a mano a mano che venite chiamati, ragazzi venite qua al vostro posto e noi naturalmente ci siederemo alle spalle. SEGRETARIO: Pilastro, Giachin Alex, Ruggero Tobia, Siviero Roberto, Genovesi Alessia, Genovesi è assente, Quaroni, Baggio Anna, Maculan Vittoria, Battaglia Andrea, Zarantonello Matteo, Brusaporco Alessandro, è assente pure Brusaporco, Zolla pure è assente, Cavion Giulia, Grai Caterina è assente? Gasparinetti Gabriele, assente? Rigon Kevin, Pintonato Lorenzo, assente? Busato Eleonora, Arsego Greta, Bortolan Bernardo, assente pure lui e Giacon Rebecca. ASSESSORE FRIZZO: Buonasera a tutti. Consiglio comunale dei ragazzi decimato, abbiamo a Marola la gita scolastica per le seconde medie e dovevamo comunque fare l insediamento perché effettivamente questo Consiglio comunale dei ragazzi ha già iniziato la sua attività ed era giusto dare anche l avallo ufficiale per iniziare il lavoro per l anno scolastico L attività del Consiglio comunale dei ragazzi di Torri di Quartesolo è un'attività che ha ormai 10 anni, è nato nel 2002 è che vede coinvolti un rappresentante per ogni classe delle scuole medie di Marola. Abbiamo iniziato ormai da un paio d anni, forse tre anni anche un attività proprio di crescita personale rispetto alle istituzioni. Mi soffermo soltanto sull ultimo progetto che stiamo portando avanti con l Amministrazione che vede coinvolto tutto il Consiglio comunale e nella fattispecie la minoranza e la maggioranza insieme perché noi accompagniamo questi ragazzi nei luoghi della democrazia, nei luoghi più importanti dal punto di vista istituzionale. Abbiamo iniziato l anno scorso con la visita in Regione del Veneto, siamo stati accolti dal Presidente del Consiglio regionale del Veneto e quest anno invece abbiamo aperto i lavori con la visita in Prefettura, la settimana scorsa siamo stati accolti dal Prefetto che ha aperto, per l occasione, i suoi appartamenti così che i ragazzi potessero toccare con mano. Continueremo questo percorso andando in visita dal Colonnello provinciale dei Carabinieri che ci accoglierà il 15 di febbraio, mentre poi il 15 di marzo andremo in Questura, ospiti del Questore Angelo Sanna e concluderemo i lavori i prima di aprile quando saremo ricevuti dal Presidente del Tribunale di Vicenza che, per l occasione, farà visitare ai ragazzi il nuovo Tribunale di Vicenza quindi al massimo della sua attività quando sarà completo il trasloco dal vecchio al nuovo tribunale appunto. Oltre a questo, i ragazzi hanno tutta un attività che programmano loro, che culminerà nella festa che loro hanno già organizzato l anno scorso e continueranno anche quest anno. Hanno già cominciato i preparativi anche quest anno; questa festa nasce per voler fare amicizia e quindi salvare i rapporti - 2 -

3 tra la scuola di Marola e la scuola di Torri. L anno scorso hanno dimostrato grande serietà e maturità nella preparazione, sono aiutati dai ragazzi di Torrilab, quindi ragazzi un po più grandi, nel fare questo momento di aggregazione, soprattutto sono sostenuti dal comitato genitori di Marola e di Torri. Io adesso darei la parola al nostro Sindaco. Pilastro, che è il Sindaco nuovo del Consiglio comunale dei ragazzi, sarà affiancata nelle sua attività dal vice Sindaco Alex Giachin. Io do la parola al Sindaco per il giuramento, per l insediamento del nuovo Consiglio comunale dei ragazzi. PILASTRO: Giuro di assolvere l incarico conferitomi con dedizione, impegno e spirito di servizio nel rispetto delle decisioni del Consiglio comunale dei ragazzi, nell interesse degli istituti compressivi Torri 1 e Torri 2 e del bene comune. ASSESSORE FRIZZO: Adesso se il nuovo Sindaco insediato se vuole raccontarci qualcosa, i suoi impegni e l'idea che ha per questo anno scolastico. PILASTRO: Buonasera a tutti, sono Betelehem Pilastro e attualmente frequento la terza media dell istituto Giovanni XXIII di Torri di Quartesolo. Sono molto felice di essere qui presente e ancora di più di avere la fortuna e la soddisfazione di essere stata eletta Sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi e insieme al mio amico, nonché vice Sindaco Alex Giachin e ai miei amici Consiglieri, cercherò di adempiere al mio compito occupandomi dei due istituti di Torri e Marola. Cercherò di migliorare entrambe le sedi instaurando il rapporto di amicizia e collaborando per ottenere grandi risultati concretamente. Ci aiuteremo a crescere, a maturare valutando ogni problema, affrontandolo insieme senza avere dubbi o pregiudizi che a volte rendono noi ragazzi superficiali, così facendo cominceremo noi stessi e gli altri che, se ci impegniamo davvero in quello che facciamo, potremmo rendere veramente le nostre scuole migliori. Noi del Consiglio comunale dei ragazzi in questi anni abbiamo imparato ad essere noi stessi, ad esprimere le nostre opinioni senza timore di essere giudicati, abbiamo discusso di argomenti che a volte andavano al di là della nostra portata, tutto questo perché siamo cambiati e cresciuti insieme. ASSESSORE FRIZZO: Se c è qualche altro ragazzo che ha preparato un discorso che vuole dire all assemblea, per parlare bisogna prenotarsi, come vi hanno insegnato in Provincia, si deve premere il tasto e quando la luce è rossa si può parlare d accordo? Qualcuno che rompe il ghiaccio! - 3 -

4 BATTAGLIA: Buonasera a tutti, sono Andrea Battaglia, sono rappresentante di classe della II C, anch io di Torri di Quartesolo. Sono stato eletto rappresentante perché ho proposto delle belle idee per migliorare la vita qui a scuola, spero di non deludere chi mi ha votato e tutti gli altri. Mi piace fare il rappresentante, mi è piaciuto anche perché bisogna prendersi un bell'impegno e bisogna portarlo a termine e quindi spero di non deludervi. BAGGIO: Buonasera sono Anna Baggio, sono rappresentante della II B di Torri di Quartesolo e sono in carica ormai da due anni. Ho scelto di candidarmi perché ho sempre voluto dare il mio contributo e vista l opportunità che ci è stata data, non ci ho pensato due volte. Credo che noi rappresentanti possiamo dare il nostro contributo proponendo idee che possono cambiare e migliorare i piccoli problemi che ci vengono riferiti dai nostri compagni e questa esperienza mi sta dando molta soddisfazione. RUGGIERO: Salve e buonasera, sono Tobia Ruggiero anch io della scuola secondaria di Torri di Quartesolo. Io sono stato eletto rappresentante della mia classe I A per la mia voglia di salvare la natura e oltre a salvarla imparare cose nuove. Io avrei voglia di fare, in ogni scuola Marola e Torri, almeno un giorno dell anno una giornata che riguarda la natura, fare una gita in montagna, in campagna dove più piace, con delle guide professionali e imparando anche il lavoro dei rangers che adesso stanno difendendo il nostro pianeta in tutto il mondo e così facciamo imparare anche alle nuove generazioni che cosa significa natura. CAVION: Buonasera a tutti, io sono Giulia Cavion dell istituto comprensivo Torri 1, è la mia prima esperienza e sono Consigliere per il primo anno e rappresento la classe I E. I miei compagni sono stati molto convinti nella votazione e sono molto felice che ho avuto la maggioranza dei voti, spero che questa esperienza sia per me positiva. Nell ambiente scolastico vorrei migliorare le condizioni di vita degli alunni nel caso sorgano dei piccoli problemi. GIACHIN: Buonasera, io sono Alex Giachin della scuola di Marola, sono il rappresentante della III A, io non mi sono preparato nessun discorso. Sono contento di essere il vice Sindaco, questa esperienza è al terzo anno e mi è piaciuta molto, non ho grandi propositi, solo quello di ascoltare le idee e i progetti dei miei compagni e cercare di portarli avanti e di realizzarli nel Consiglio comunale

5 RIGON: Buonasera, sono Kevin Rigon e sono rappresentante della I B, sono stato eletto da molti dei miei compagni, voglio continuare a fare il Consigliere per molti motivi, per aiutare i miei compagni in difficoltà e un giorno avere anche la possibilità di sostituire il Sindaco. BUSATO: Buonasera, sono Elena Busato e rappresento la III B di Marola, questo è il mio terzo ed ultimo anno di carica come Consigliere e spero di contribuire insieme ai miei compagni nel miglioramento della scuola. Questa è stata un esperienza molto bella per me, mi ha fatto crescere e mi ha fatto capire cosa vuole dire prendersi delle responsabilità per tutti i miei compagni. QUARONI: Buonasera a tutti, sono Maddalena Quaroni, frequento la I B del Comune di Torri 1, questa è la mia prima esperienza. Ho scelto di prendere questo incarico perché voglio dare un aiuto concreto per risolvere i problemi all interno dell ambiente scolastico e dare un aiuto ai miei compagni di scuola e di dare un aiuto anche agli altri

6 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 5 del : Approvazione variante al P.R.G. per diversa classificazione area in via Madre Teresa di Calcutta (Variante 2/2012). Ricordo al Consiglio che questa variante l abbiamo proposta, la realizziamo per rendere disponibile un lotto edificabile nel quartiere Madre Teresa per poter mettere a disposizione il lotto edificabile ad ATER Vicenza con la quale concluderemo, firmeremo una convenzione che prevede che ATER finisca i lavori di costruzione della caserma dei carabinieri. Quindi, questo è funzionale, è una trasformazione funzionale a questo accordo che viene concluso fra Comune, ATER e Regione Veneto. Mi sembra di non avere altro da dire perché è una cosa che abbiamo già discusso in precedenza, per cui apro la discussione. CONSIGLIERE GHIOTTO: Nell altro Consiglio mi sono molto dilungato perché in qualche maniera volevo capire proprio l aggancio di questa trasformazione. Lei ha detto adesso, ha confermato che il lotto serve per darlo all ATER e sappiamo che la caserma per finirla necessita di una spesa di , il milione dovrebbe arrivare dalla Regione. A me risulta che comunque, al di là di un atto deliberativo non ci siano ancora documenti firmati, C è stato qualche incontro però non mi risulta che abbiate firmato carte. La domanda è semplice: lei si ricorda che l altra volta il nostro gruppo ha votato contro. Io le faccio una semplice domanda: il lotto che noi andremo a dare ad ATER lo diamo gratuitamente oppure l ATER ce lo paga nei termini che stabilirà la Regione? Perché l ATER sappiamo perfettamente che non paga a prezzo di mercato ma paga a prezzo concordato, a prezzo che sarà stabilito dalla Regione. La domanda è semplicissima, ce la paga oppure oltre a ritornare i 300 mila euro noi daremo gratuitamente anche il lotto? La domanda è diretta e semplice. ATER è previsto che ci paghi, naturalmente il prezzo definitivo non è ancora stabilito ma comunque sarà un prezzo convenzionale naturalmente perché ATER deve avere il lotto ad un prezzo molto di favore, per poter poi espletare il suo compito che è quello di mettere a disposizione appartamenti di edilizia convenzionata. Quindi, naturalmente, non può pagare a prezzo di mercato il terreno altrimenti non riuscirebbe a dare questi appartamenti a prezzi di affitto agevolato, semplicemente. Non ho in questo momento la cifra però chiaramente un piccolo indennizzo al Comune viene riconosciuto. CONSIGLIERE GHIOTTO: Amplio un po la domanda perché devo capire perfettamente. In questo caso cerchiamo di circoscrivere il problema senza ricordarsi che è agganciato alla caserma. Noi questa sera approviamo un lotto che è a destinazione edilizia popolare e lo diamo all ATER

7 Sì, esattamente edilizia sovvenzionata. CONSIGLIERE GHIOTTO: Sovvenzionata. Nel momento in cui io cedo il lotto c è una differenza, cioè verrà fatta una trattativa. Sappiamo perfettamente che l ATER pagherà un lotto così senza essere agganciato a qualsiasi altro lavoro potrebbe pagare al massimo il 50% non lo paga di più del valore di mercato. L altra volta, vede Sindaco, nell'evoluzione della discussione è emerso che dal momento che l ATER anticipa i 300 mila euro, noi dovremmo in qualche maniera pagare un po di interesse perché loro anticipano i soldi. Lì c era un discorso di gratuità del lotto, questa sera lei afferma che in qualche maniera verrà trattato, il lotto verrà pagato come fosse un lotto normale che noi cediamo all ATER perché vi costruisca alloggi popolari o convenzionati. Lei afferma questo. Il discorso è questo. ATER naturalmente ha vari tipi di proposta da fare: c è l edilizia popolare che viene messa a disposizione ad esempio per l affitto a prezzi assolutamente legati al reddito della famiglia e con tariffe assolutamente popolari. Ci sono appartamenti che vengono ceduti per 50 euro al mese o giù di lì, affidati, quindi si tratta di edilizia sovvenzionata. Consigliere Ghiotto le sto rispondendo: per i lotti di edilizia popolare ATER non dà un centesimo alle Amministrazioni che mettono a disposizione, normalmente non li paga, li richiede gratuitamente mentre, per Torri, è previsto che ci siano degli appartamenti che vengono messi a disposizione ad affitto agevolato e questo significa che ATER può riconoscere al Comune un indennizzo ripeto piuttosto basso ma comunque un indennizzo. Adesso vogliamo fare una cifra globale, non ricordo quanto sia la proposta grezza al metro quadrato, però si parlava di un controvalore di circa 75 mila euro per il lotto, non di più. Ripeto, però, questa è una cifra assolutamente da confermare. Fino a questo momento si è parlato di una cifra di questo tipo, non di più, quindi lo dico in maniera cumulativa per dire questo è, più o meno, quello che si potrà ricavare, però la definizione del prezzo non è ancora stata discussa. CONSIGLIERE GHIOTTO: Faccio la dichiarazione di voto. L altra volta noi abbiamo votato contro, questa volta ci asteniamo, perché non è che lei non sia stato convincente, ma la convinzione sua non è basata su documentazione, purtroppo ad un dato momento mi prendo tutte le responsabilità di gruppo e dico aspettiamo e vediamo. Consigliere Lanaro

8 CONSIGLIERE LANARO: Dichiarazione di voto. Coerentemente con la precedente votazione, il gruppo Lega Nord, Liga Veneta voterà a favore in quanto motiviamo il nostro voto favorevole all obiettivo che ha portato questa manovra. Coniugare l accesso all edilizia pubblica di eventuali aventi diritto e nel contempo portare finalmente a termine questa caserma dei carabinieri, visto e considerato particolare momento, di tragico e particolare momento in cui vediamo un escalation potenzialmente pericolosa, nella micro e macro criminalità, anche per fame, sicché un deterrente come la caserma dei carabinieri a livello territoriale è quanto meno auspicabile. Grazie Consigliere. Ci sono altre dichiarazioni? Per l approvazione della variante 2/2012: Contrari? Astenuti? Per l immediata eseguibilità. Contrari? Astenuti? All unanimità

9 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 6 del : Approvazione accordo di programma tra i Comuni del distretto est dell ULSS 6 di Vicenza per la delega comunale delle funzioni in materia di protezione, tutela e cura del minore e della famiglia nell ambito del distretto socio-sanitario est - decorrenza Assessore Pasinato. ASSESSORE PASINATO: Buonasera a tutti. In realtà si tratta proprio di una ratifica. Noi avevamo già questa convenzione anche negli anni scorsi e adesso di sostanziale è cambiato proprio la durata dell accordo: prima era solo triennale, poi si è visto che facendo con questa cadenza, gli operatori potevano cambiare di volta in volta, quindi per dare continuità al servizio non abbiamo più dato una tempistica mettendo però una clausola che può essere, si può addivenire alla recessione del contratto con sei mesi di preavviso sia da parte dell ULSS sia da parte dei Comuni. Quindi ci siamo un po dati una via di fuga, per così dire, se dovessero esserci dei contenziosi a questo livello. Se ci sono domande, io non vorrei dire altro perché è già in atto da diversi anni e si cambia solamente la durata del contratto. E' scritto in delibera che è all unanimità quindi siete costretti. Per l approvazione del piano: Contrari? Nessuno. Astenuti? Nessuno. Per l immediata eseguibilità anche questo. Contrari? Nessuno. Astenuti? Nessuno

10 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 7 del : Regolamento per la compartecipazione alla spesa delle persone seguite dal dipartimento di salute mentale dell ULSS 6 di Vicenza inserite in comunità alloggio e gruppi appartamento. Assessore Pasinato. ASSESSORE PASINATO: In questo caso invece c è una novità, in questo senso. Queste persone con la disabilità mentale, fino a due anni fa, erano era completamente a carico del servizio sanitario. Poi, il servizio sanitario ha trovato una legge ancora del 2004 mi pare o del 2006, che sostanzialmente diceva che per questo gruppo di persone in comunità alloggio la quota sociale doveva spettare all utente ed in secondo ordine al Comune di appartenenza. Sono state fatte tutta una serie di riunioni da parte della Commissione e si è arrivati a questo protocollo, che succintamente vi descrivo. Le persone in situazione di grave auto-insufficienza e disabilità, sostanzialmente per quanto riguarda la quota sanitaria rimane invariata come prima, per quanto riguarda la quota sociale appunto ci sono due gruppi, persone ultrasessantacinquenni o con gravi disabilità e persone inferiori ai 65 anni con disabilità meno grave. Per quanto riguarda il primo gruppo di persone la quota sociale va valutata sul reddito delle persone stesse, indipendente dalla famiglia, qualora questo non sia sufficiente ci si rivale sull Amministrazione comunale del Comune di residenza. Mentre per quanto riguarda le persone in situazione di meno grave disabilità e più giovani di 65 anni, la quota sociale viene chiesta come partecipazione anche alla famiglia, in base a quello schema che voi vedete accluso al protocollo in ultima pagina, percentualmente sul reddito della famiglia. E' stato fatto un lungo lavoro per arrivare a questa definizione. Le Amministrazioni si sono trovate lo scorso anno sostanzialmente improvvisamente a dover ripianare la quota sociale, e quindi la quota alberghiera, di queste persone con disabilità, con un grave problema da parte delle Amministrazioni che non avevano previsto questo nel loro bilancio. In qualche modo si è trovata una via di fuga chiedendo all ASL di soprassedere per l annualità del 2012 e di poter iniziare dal Questo è quanto. Per l Amministrazione di Torri volevo precisare noi non abbiamo nessun caso in questo momento. Se ci sono interventi. Comunque questo si inserisce nel generale azzeramento dei fondi per la disabilità operato nel corso di più anni, degli anni scorsi, quindi è un problema di carattere nazionale questo che dobbiamo assorbire diciamo come Comuni

11 ASSESSORE PASINATO: Obiettivamente anche questa è una delle tante situazioni che è piovuta sulle Amministrazioni, di cui le Amministrazioni, prima del 2012, non avevano notizie perché era solamente una quota sanitaria. Questo regolamento, fra l altro, poi sarà anche il regolamento un po della disabilità in generale, che verrà nell arco dei prossimi mesi. Se non ci sono interventi ulteriori io metto in votazione l approvazione del regolamento per la compartecipazione alla spesa delle persone seguite dal dipartimento di salute mentale USL 6 Vicenza inserite in comunità alloggio e gruppi appartamento. Contrari? Astenuti? Per l immediata eseguibilità. Contrari? Astenuti? Grazie

12 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 8 del : approvazione regolamento Comunali sui controlli interni. Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 9 del : integrazione al regolamento di contabilità per disciplina del controllo degli equilibri finanziari. Abbiamo ancora due regolamenti: il regolamento Comunale sui controlli interni e l integrazione al regolamento di contabilità per disciplina del controllo degli equilibri finanziari. Questi sono, in particolare il regolamento comunale sui controlli interni, è diretta conseguenza delle ultime disposizioni normative relative agli ultimi provvedimenti fatti nel corso del 2012, negli ultimi tempi del 2012, dal Governo Monti. Segretario, le chiederei magari di fare lei una piccola presentazione perché questa è una cosa che comunque abbiamo già discusso in Commissione. Di fatto sono controlli che abbiamo già in atto sostanzialmente, ma che sono stati precisati dalla norma di legge. Prego Segretario. SEGRETARIO: Sarò breve, visto che la materia è stata già lungamente sviluppata in Commissione statuto e regolamenti, perché la materia dei controlli meriterebbe una trattazione più ampia, a partire dalla storia dei controlli. Sta di fatto che in Italia noi siamo passati da un eccesso all altro per quanto riguarda i controlli sui Comuni. Erano sostanzialmente spariti, nel 2001 con la riforma del titolo V e l abolizione del Co.Re.Co. (comitato regionale di controllo), i controlli sugli atti dei Comuni erano sostanzialmente spariti, sostituiti da controlli interni, non disciplinati organicamente come quelli che andremo a disciplinare questa sera. Adesso siamo passati ad un eccesso, che direi forse opposto, perché la legge prevede sei tipologie di controlli: il controllo di regolarità amministrativa e contabile, che a sua volta poi è preventivo e successivo. Poi il controllo di gestione, il controllo sugli equilibri di bilancio: queste tre tipologie di controllo si applicano a tutti i Comuni, indipendentemente dalla loro entità demografica. Poi ce ne sono altre tre specie di controlli che sono: i controlli sulle società partecipate, i controlli sulla qualità dei servizi e il controllo strategico. Questi ultimi tre controlli invece si applicano scaglionati nel tempo agli altri Comuni, cioè dal 2013 si applicano ai Comuni da 100 mila abitanti in su, dal 2014 la fascia si allarga perché vengono ricompresi pure i Comuni da 50 mila abitanti in su e dal 2015 da 15 mila abitanti in su, quindi quelli che sono sotto questa soglia, come Torri di Quartesolo, non sono obbligati a questi tre controlli. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile come dicevo è preventivo e successivo. Il controllo preventivo già si esercita, già si svolge, forse è l unico al quale siamo abituati, perché già viene effettuato, diciamo che dal Testo Unico del 2000 in poi, ma già prima con la Legge 142 del 90 erano stati introdotti i visti sulle proposte di deliberazione. Comunque, dicevo, qui non abbiamo grandi novità, se non quella che riguarda il parere di regolarità contabile che precisa l art. 49, come riformulato dal Decreto 174, va espresso su tutte le delibere che direttamente, su tutte le proposte di deliberazione che direttamente o indirettamente possono avere impatto sulla gestione finanziaria dell ente, sia per l entrata che per la spesa, quindi di fatto tutte le proposte di deliberazione hanno

13 una qualche incidenza sulla gestione del bilancio e quindi noi le sottoponiamo di routine tutte quante al parere del ragioniere, il responsabile del servizi finanziari, che poi, nel caso non ravvisi che sussista questo effetto sul bilancio, sarà lui a dire, ad attestare che non ha riflessi sulla gestione finanziaria. Poi il controllo di regolarità contabile invece è sulle determinazioni, che sono gli atti che assumono i dirigenti o i dipendenti incaricati di funzioni dirigenziali e che vanno ad impegnare concretamente il bilancio. Il controllo, in quel caso, si attua con il visto di regolarità contabile, l apposizione del visto che rende esecutiva la deliberazione. Però, in questo caso, diciamo che il visto si limita a una mera certificazione, cioè si limita a dire: la spesa è impegnata, ha copertura o non ha copertura nel bilancio. I controlli successivi invece vengono svolti sotto la direzione ed il coordinamento del Segretario comunale. Questa è una novità, perché devono essere svolte dice la legge con motivate tecniche di campionamento. Poi abbiamo cercato di capire pure cosa siano le motivate tecniche di campionamento. Questa è l espressione che usa il legislatore: per motivate tecniche di campionamento non si intende la mera casualità, perché è previsto che si effettuino con metodo casuale, cioè a sorteggio, però ci vuole pure una logica nel fare i controlli. Come a dire: non puoi mettere assieme nello stesso vaso da cui vai a pescare poi gli atti soggetti al controllo successivo tutti gli atti indistintamente. Devi fare un ragionamento e quindi si dirà: controllo con più attenzione o controllo una percentuale più ampia di atti che siano rilevanti per esempio sulla gestione del bilancio, quindi le determine, che importano impegni di spesa, superiori magari a una certa entità. Quelle le controllo per una percentuale, con una periodicità maggiore, per una percentuale più alta, almeno il 7, 8, 10%. A rigore, poi, il controllo di legittimità successivo andrebbe svolto pure su altri atti. Quindi in teoria pure su permessi di costruire, ordinanze, però lì magari sempre questa scelta non immotivata, non così pensata, cioè una scelta meditata indurrà a sottoporre a controllo quegli atti sui quali magari si è sviluppato più frequentemente un contenzioso, per fare in modo che quell apporto collaborativo che nasce dal controllo sia utile per migliorare l azione del Comune o possa essere utile se si arriva in tempo per stimolare per esempio l attività di autotutela. Quindi, intervenire prima che arrivi una sentenza, una pronuncia di condanna, con magari uno strascico di risarcimento danni, indurre l autore del provvedimento a rivedere le sue determinazioni, perché magari c è qualcun altro, in questo caso il Segretario, che gli fa notare magari qualche impostazione errata, qualche presunto vizio di illegittimità. Il controllo sugli equilibri finanziari: ne parliamo adesso così poi l abbiamo già trattato, invece sarebbe propriamente di competenza del regolamento, la sua sede è il regolamento di contabilità. Dice il 147 quinquies se non sbaglio, come modificato sempre da questo Decreto Legge, 174. Cosa significa? Che è importantissimo oggi, inutile che mi dilunghi sui problemi nei quali si dibatte la finanza locale, è importante che il mantenimento degli equilibri di bilancio sia costantemente monitorato per tutta la gestione. Perché chiudere, come si dice, la stalla quando i buoi sono scappati non è un operazione di sana amministrazione contabile. Allora questo controllo è fatto sotto la direzione e la responsabilità del responsabile dei servizi finanziari, sul quale poi esercita una vigilanza anche l organo di revisione contabile, il Revisore dei Conti. Quest ultimo, ovviamente, non lo fa in solitudine, perché tutti i responsabili di servizio devono essere responsabilizzati sulla sana gestione non solo per il versante spesa, ma pure per il versante entrate, perché per fare un esempio che pure abbiamo fatto in altre sedi, se in bilancio noi prevediamo, è antipatico questo capitolo, ma lo citiamo perché ci aiuta a capire, prevediamo 200 mila euro di proventi di sanzioni amministrative, le multe in poche parole, arriviamo a giugno, e di questi 200 mila ne sono arrivati solo 20 mila, è chiaro che lì si profila una situazione di potenziale squilibrio. Ma di questo potenziale squilibrio il primo ad essere consapevole deve essere proprio il responsabile, il comandante della polizia locale e deve farlo non perché glielo fa notare il responsabile dei servizi

14 finanziari, ma come dirigente responsabile del servizio e anche dei proventi che arrivano dal servizio devi farlo tempestivamente per suggerire o per correre ai ripari. Come si prevede che si effettuino questi controlli? Che ci siano delle riunioni periodiche. Se lui non lo segnali è chiaro che la responsabilità maggiore purtroppo resta in capo al responsabile dei servizi finanziari, però se per esempio a domanda risponde come dicono i carabinieri, se il responsabile dei servizi finanziari organizza questi incontri periodici, per esempio con una scheda, che consegna ai responsabili dei servizi, ai quale chiede qual è l andamento dei capitoli di entrata affidati alla loro gestione e il responsabile della polizia locale non segnala tempestivamente che l andamento dei proventi, di cui ho detto prima, registra delle criticità, è chiaro che poi il secondo è chiamato a rispondere direttamente di questa negligenza. Insomma, c è, ripeto, una chiamata in responsabilità importante. L ultimo controllo è il controllo di gestione: quello parte dal PEG, dall individuazione degli obiettivi, poi prosegue con il monitoraggio dell andamento dello sviluppo dell attuazione di questi obiettivi e dei relativi riflessi di spesa sulla gestione, il rapporto costi/benefici e impiego efficiente delle risorse. Mi fermo qua. Spero di essere stato chiaro. Dopo questa esposizione precisa del Segretario se vi chiederanno i cittadini che cosa facciamo in municipio dite: ci controlliamo. ASSESSORE GHIRIGATTO: Da quel che ho capito sarà molto più difficile fare il bilancio di previsione. I dirigenti all inizio dell anno prevedono un montante di entrate, dopodiché non è mica colpa nostra se sono entrate meno risorse rispetto a quello previsto. Tu dovevi intervenire sulle spese invece, praticamente, sono diminuite le entrate ma tu le spese le hai fatte e addirittura le hai caricate e la forbice si è allargata. Allora la domanda è: un sistema di controlli incrociati così serve a evitare che si verifichino casi del genere? Perché alla fine poi i fenomeni di sperpero di denaro pubblico non hanno riguardato i Comuni come i nostri, hanno riguardato la cronaca, lo dicono chiaramente i grossi Comuni, città capoluogo, senza distinzione a questo punto tra nord e sud, perché abbiamo visto che di recente anche alcuni Comuni dell Emilia Romagna sono stati interessati da questi fenomeni. Milano ha una coperta sopra, ma sappiamo benissimo che Milano ha un indebitamento pazzesco. Parma è molto peggio di Catania, Reggio Calabria è peggio di Catania. In ogni caso scusate, scusate il bisticcio, i casi sono molteplici. E vero quello che sta dicendo l Assessore Ghirigatto, ci sono state gestioni veramente delinquenziali, questo è vero. Passiamo all approvazione: regolamento comunale sui controlli interni. SEGRETARIO: Solo una piccola precisazione. Avete visto poi che dopo la Commissione abbiamo fatto qualche altra piccola modifica condivisa via , e l ultima cosa, il piano che viene approvato dalla

15 Giunta sui controlli noi abbiamo previsto che si faccia entra il 31 gennaio, il primo piano ovviamente lo faremo entro il 31 marzo perché il 31 gennaio è già passato. Per il regolamento comunale sui controlli interni: Contrari? Astenuti? Nessuno. Immediata eseguibilità. Contrari? Astenuti? Grazie. Per l integrazione al regolamento di contabilità per la disciplina di controllo degli equilibri di controllo degli equilibri finanziari: Contrari? Astenuti? Per l immediata eseguibilità. Contrari? Astenuti? All unanimità. Naturalmente non diciamo chi ha condotto quei Comuni, fa parte della cronaca

16 Trascrizione della registrazione della discussione e degli interventi relativi alla deliberazione n. 10 del : richiesta sostituzione di un Consigliere comunale in Commissione del territorio. Qui abbiamo la richiesta di sostituire un membro della Commissione del territorio da parte del gruppo Intesa. Facciamo presentare la richiesta o comunque. La richiesta fatta dal gruppo Intesa, a seguito dimissione del Consigliere comunale, signor Lanaro Antonio, dal gruppo di minoranze Intesa, non essendo più rappresentativo di questo gruppo, così come il signor Consagro Luigi, il sottoscritto Gianluigi Ghiotto quale Capogruppo chiede che al prossimo Consiglio comunale venga messo all ordine del giorno, vengano messi all ordine del giorno le sostituzioni in seno alle sotto indicate Commissioni di nomina del Consiglio comunale: Commissione comunale del territorio e Commissione statuto e regolamenti. La richiesta è di sostituire il Consigliere Lanaro Antonio con il Consigliere Rino Miglioranza per la Commissione territorio e di sostituire fra i quattro esperti il signor Consagro Luigi con il signor Ernesto Ferretto. Con l occasione chiedo che venga inoltre sostituito anche il signor Venturini Umberto con il signor Olivero Tarcisio in quanto Umberto Venturini ha presentato le dimissioni dalla Commissione. Queste sono le richieste fatte. Per quanto riguarda, adesso io non leggo tutta la risposta perché mi dilungherei inutilmente direi, è chiaro che i membri sono di nomina consiliare e devono essere nominati a scrutinio segreto, per quanto riguarda la prima sostituzione il Consigliere comunale in Commissione territorio. Il Segretario mi chiede di precisare comunque di leggere l ultima parte della risposta, credo che questa lettera del Segretario comunale l abbiate ricevuta comunque. VOCI: No. La risposta alla richiesta è del 23, porta la data del 23 gennaio. SEGRETARIO: Mi pare impossibile. La proposta di delibera, quella è arrivata? La relazione del Segretario?

17 SEGRETARIO: Se non l hanno ricevuta Sindaco... Se non l avete ricevuta ve la leggo tutta. SEGRETARIO: O la leggiamo oppure rinviamo. Possiamo fare un invio? Tanto, voglio dire non è che abbiamo scadenze particolari. Faremo avere appunto la risposta del Segretario. SEGRETARIO: La relazione la leggono con calma perché interessati e contro interessati possano valutarla. La questione non è di quelle che hanno, come dire, la norma puntuale che prevede il caso, c è da fare un ragionamento. Non avevo dato lettura proprio perché davo per scontato che l aveste già ricevuta. Allora direi di rinviare entrambi i punti al prossimo Consiglio. Allora sentite, io propongo quindi il rinvio in maniera che possiate avere l invio della lettera e della relazione in maniera da essere edotti tutti delle decisioni da prendere. Chiudiamo il Consiglio e poi decidiamo sulla seduta del 12, d accordo? Se siete d accordo ne discutiamo dopo, alla chiusura del Consiglio sulla seduta del 12. Io comunicazioni non ne ho di pronte, quindi lasciamo stare, per cui chiudiamo la seduta con il rinvio dei due ultimi punti. Mi dice l Assessore Frizzo che per la visita al comando provinciale dei carabinieri previsto nel programma del Consiglio comunale dei ragazzi il 15 di febbraio alle dobbiamo avere il nominativo o i nominativi di chi dei gruppi di minoranza intende essere presente perché in caserma si va solamente dando il nome prima perché c è una procedura e anche un assicurazione dei presenti che è previsto. Comunicate all Assessore Frizzo chi intende partecipare, per tempo naturalmente, grazie. Chiudiamo. Per quanto riguarda il rinvio dei due punti siamo tutti d accordo? Non votiamo perché tanto diamo per approvato. Scusate, io ho detto, chiudiamo il Consiglio soffermandoci un attimo, dobbiamo decidere sull eventuale rinvio della seduta del 12 o rinvio o anticipo

18 SEGRETARIO: C è però da decidere se è Consiglio che convochiamo formalmente a tutti gli effetti precisando che è in seduta segreta o se invece facciamo come l altra, come pure abbiamo fatto, era un Consiglio, come dire, informale, vengono invitati tutti i Consiglieri, discussione aperta, non si registra, a parte che non lo faremo neppure con la seduta segreta e quindi come preferite. Chiedo ai componenti della Giunta di fermarsi un momento perché abbiamo un paio di delibere urgenti

19 IL PRESIDENTE DIEGO MARCHIORO IL SEGRETARIO DE VITA MARIO Certificato di Pubblicazione La presente deliberazione è in corso di pubblicazione per 15 giorni da oggi all Albo Pretorio di questo Comune. Torri di Quartesolo, li IL SEGRETARIO DE VITA DOTT. MARIO

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione Oggetto: SURROGA DEL

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 42 In data 25.09.2014 Prot. N. 14229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013 ORIGINALE COMUNE DI ANNONE VENETO Provincia di Venezia Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA I COMUNI DI PRAMAGGIORE, ANNONE VENETO

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO

COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO COMUNE DI TORRI DI QUARTESOLO VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Del 30.09.2013 L'anno duemilatredici addì trenta del mese di settembre alle ore 20:30, in TORRI DI QUARTESOLO, nella sala

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA 1/7 MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA La seduta inizia alle 15.50. Audizione della dottoressa Patrizia Rabatti, rappresentante della Camera di commercio di Firenze.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015 Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015 OGGETTO: RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI AL 1 GENNAIO 2015. - PRESA D`ATTO.- L'anno

Dettagli

COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena

COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena C O P I A DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 40 Data 30/07/2015 Prot. N. 6892 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF - DETERMINAZIONE ALIQUOTA ANNO 2015

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA Nr. 30 del 07/06/2010 COPIA Prop. n. 20274 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: INTERROGAZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Provincia di Alessandria COPIA Deliberazione n. 58 del 10.12.2014 ore 21.00 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RIDETERMINAZIONE DELL ALIQUOTA ADDIZIONALE IRPEF. Previo esaurimento

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. Passiamo al quarto punto all ordine del giorno: Modifica cespiti patrimoniali.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 OGGETTO: I DIRETTIRVA GENERALE PER LA GESTIONE ADOTTATA AI SENSI DELL'ART. 7, CO. I, LETT. C) DEL VIGENTE REGOLAMENTO DEGLI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe

Dettagli

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997)

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata EFrem Economia di riconciliazione Onlus Organizzazione Non Lucrativa

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIOMBINO DESE PROVINCIA DI PADOVA C O P I A COMUNE DI PIOMBINO DESE PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 Sessione ordinaria seduta pubblica di 1^ convocazione Verbale letto, approvato e sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) Delibera N. 54 del 30/11/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione - Seduta pubblica OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI LAJATICO VERBALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 1 DEL 21-01-2015 OGGETTO: LOCALI PER CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI. DETERMINAZIONE L anno duemilaquindici addì ventuno del

Dettagli

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Consiglio Comunale del 28 Settembre 2012 VERBALE DI SEDUTA RESOCONTO INTEGRALE ( t r a s m e s s o a i C a p i g r u p p o C o n s i l i a r i i n d a t a 1 0 o t

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA

COMUNE DI SAN POLO D ENZA COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio nell Emilia COPIA DELIBERAZIONE N. 40 Del 31/07/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTA DELL ADDIZIONALE COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 7 DEL 03/04/2009 Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA L'anno duemilanove, addì tre del mese di aprile

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - N. 5/11 Sessione ordinaria - Seduta Pubblica di 1 a convocazione Reg. Pubbl. N. REFERTO DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 18 In data 23/05/2012 Prot. N. 7819 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

COMUNE DI SORI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38

COMUNE DI SORI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 COMUNE DI SORI (Provincia di Genova) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Regolamento comunale per la gestione dell'imposta Unica Comunale - approvazione modifiche.

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - N. 3 Sessione ORDINARIA - Seduta PUBBLICA di PRIMA Convocazione F:to Verbale letto, approvato e sottoscritto.

Dettagli

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 OGGETTO GARANZIA SUSSIDIARIA PER L ASSUNZIONE DI MUTUO DA PARTE DELL UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA PER LA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI MANERBA DEL GARDA Provincia di Brescia

COMUNE DI MANERBA DEL GARDA Provincia di Brescia DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MANERBA DEL GARDA Provincia di Brescia N. 49 DEL 30.09.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009 PROVINCIA DI PISTOIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Atto N. 28 Seduta del 27 GENNAIO 2009 OGGETTO: INTERROGAZIONE ORALE DEL CONSIGLIERE CARDELLI SU SPAZI PUBBLICITARI SULLE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica DELIBERA 31 DEL 29/09/2014 RICOGNIZIONE STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI E VERIFICA DEGLI EQUILIBRI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 69 del 21/05/2013 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO *------------------------------------* Prot.n. del *------------------------------------* COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 14/01/2008 ========================================================================

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COPIA Deliberazione n. 018 In data 27.03.2013 Data pubblicazione 26.04.2013 COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza

Dettagli

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013 Copia Albo Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013 OGGETTO: D.LGS. N. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA A NORMA

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 84 In data: 27/11/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Seduta pubblica straordinaria di prima convocazione OGGETTO: VARIAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO Provincia di Palermo ********** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA N. 07 DEL 26/04/2011 PRESA ATTO SURROGA DEL CONSIGLIERE DIMISSIONARIO VETRANO OGGETTO: VINCENZO,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 87 del 29/09/2014 Oggetto: APPROVAZIONE COSTITUZIONE DI UN'UNICA SEDE DI SEGRETERIA COMUNALE FRA I COMUNI DI NOALE

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Codice Ente CO-35032 COPIA DELIBERAZIONE N. 37 in data: 17.07.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUI REDDITI

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 29 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E AL BILANCIO PLURIENNALE 2011/2012/2013. 1 PROVVEDIMENTO.

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 del 22/05/2012 OGGETTO: APPELLO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria Seduta Pubblica di I^ convocazione

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria Seduta Pubblica di I^ convocazione COPIA Delibera N. 63 COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria SERV.FIN./S.G./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria Seduta Pubblica di I^ convocazione OGGETTO:

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 OGGETTO REALIZZAZIONE DI IMPIANTO SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE NELL AMBITO DELL ESTENSIONE RETE DI RACCOLTA IN VIA ROMA (S.P. 34): VARIANTE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 40 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Stipula convenzione con il Consorzio Lavoro Ambiente Società Cooperativa con

Dettagli

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità ALLEGATO A STATUTO Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, in seguito chiamata per brevità associazione.

Dettagli

Comune di Crespellano Provincia di Bologna

Comune di Crespellano Provincia di Bologna Comune di Crespellano Provincia di Bologna Copia dell ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 61 DEL 25/08/2010. OGGETTO: RICORSO AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA CONTRO

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

CITTA DI COSSATO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

CITTA DI COSSATO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CITTA DI COSSATO COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PUNTUALE CORRISPETTIVA PER LA COPERTURA DEI COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI VERBALE DI

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 176 In data: 05/11/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SVOLGIMENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO ART. 37, C. 9 DEL D.LGS.

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 4

COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 4 COMUNE DI SALUGGIA ******************************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 4 OGGETTO: ************************************ Servizi pubblici a domanda individuale. Ricognizione

Dettagli

Regolamento collegio docenti

Regolamento collegio docenti Regolamento collegio docenti I.P.S.S.A.R. K. Wojtyla Castrovillari Prudenza e Giustizia Pietro Perugino (1496-1500) Collegio del Cambio, Perugia Quei prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi,

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Bozza REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Art.1 Composizione Il Collegio è composto da tutti i docenti in servizio a tempo determinato ed indeterminato alla data della riunione e dal Dirigente Scolastico che

Dettagli

COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale N. 37 del 17/11/2015 COMUNE DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015. Pareri art. 49 D.Lgs n 267 REGOLARITA' TECNICA

Dettagli

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Ordinaria - Pubblica

COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Ordinaria - Pubblica COPIA Deliberazione n 58 in data 21/12/2011 COMUNE DI FUMANE PROVINCIA DI VERONA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Ordinaria - Pubblica Oggetto: NOMINA REVISORE UFFICIALE DEI CONTI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O C O P I A Comune di Bovolenta Provincia di Padova Deliberazione n. 3 in data 09-02-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 73 OGGETTO: MOZIONI Il giorno Ventinove del mese di Novembre dell anno 2010 - alle ore 19,30 - nella sala delle adunanze consiliari, sotto la Presidenza

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 45 OGGETTO: ART.193 COMMA 2 DEL D.LGS.VO N.267 DEL 18 AGOSTO 2000 ED ART.46 DEL REGOLAMENTO CONTABILE. SALVAGUARDIA

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. ISTAT COM 42011 DELIBERAZIONE NUMERO 53 DEL 27-10-14 OGGETTO: MODIFICA REGOLAMENTO PER CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO AL MERITO ALLA MEMORIA DEL PROF. ANTONIO

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA Nr. 70 del 26/11/2009 COPIA Prop. n. 19478 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: L.R. 20/08/1987 N. 44.DESTINAZIONE DELL'8%

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 181 DATA 15/12/2014 Oggetto: Adeguamento contributo commisurato al costo di costruzione ai sensi dell

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE 2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE 2013 COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 15 DEL 29/04/2014

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia Reg. Pubbl. N. 15 COMUNE DI CASALGRANDE Provincia di Reggio Emilia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 2 DEL 18/01/2012 COPIA OGGETTO: AREA SOCIALE: SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 65 Del 03-04-2007 Oggetto: PROPOSTA DI COLLABORAZIONE CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO. L'anno

Dettagli

COMUNE DI TERMINI IMERESE. Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015

COMUNE DI TERMINI IMERESE. Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015 COMUNE DI TERMINI IMERESE Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CAMPAGNA: Per favore, sedetevi che iniziamo l adunanza. Ricordo che si tratta di una seduta di prosecuzione;

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 17 del 29 Luglio 2015 OGGETTO:ADDIZIONALE COMUNALE PER L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE.

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 220 DEL 25/11/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 07 In data 13.01.2015 Prot. N. 866 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI VICOFORTE (PROVINCIA DI CUNEO)

COMUNE DI VICOFORTE (PROVINCIA DI CUNEO) COMUNE DI VICOFORTE (PROVINCIA DI CUNEO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 OGGETTO: INTERVENTI A SOSTEGNO FAMIGLIE BISOGNOSE SU SERVIZI SCOLASTICI (MENSA E TRASPORTO ALUNNI) - A.S. 2012/2013.

Dettagli