Anche quest anno un Confeugo di buon auspicio per il futuro!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anche quest anno un Confeugo di buon auspicio per il futuro!"

Transcript

1 PERIODICO DELL ASSOCIAZIONE LIGURI NEL MONDO - ANNO XXI - N. 4/2010 REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA REGIONE LIGURIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n 46) art. 1 comma 2, DCB Genova. Estero: Taxe Percue - Tariffa riscossa CMP1 Ge Brignole La tradizionale conviviale natalizia Servizio a pag. 3 Il Lûnäio zeneize dell Editore Valenti in regalo ai lettori Inserto a pag. 7-8 La vita dell Associazione ha bisogno del contributo di ognuno: versa la tua quota associativa! BANCA CARIGE IT95G BANCO DI SAN GIORGIO IT46V BANCO POSTA IT52F L impegno di tutti contro la crisi di FELICE MIGONE Ogni Associazione attraversa momenti particolari a causa di problematiche sia interne che esterne. Sulla situazione interna è da tempo che diamo lealmente e concretamente la nostra completa disponibilità a trovare soluzioni che coinvolgano tutte le risorse presenti in uno sforzo comune che arricchisca nel concreto l Associazione. Questo richiamo assume a nostro giudizio una rilevanza particolare in questo momento di difficoltà generale che tocca ovviamente in maniera tangibile anche noi. Infatti, la crisi economica non risparmia nessuno e i maggiori impegni richiesti a ognuno e in ogni settore valgono anche per la nostra Associazione. Sono di questi giorni le precisazioni dell assessorato regionale alle Politiche del lavoro e dell Emigrazione sulle diminuite disponibilità economiche che l Ente regionale stesso può riservare alle attività delle associazioni estere e nazionali del nostro settore. Ciò però non deve scoraggiarci, anzi deve dare più forza e determinazione al nostro impegno, in quanto sappiamo che, pur essendoci nuove difficoltà, la Regione Liguria intende continuare il suo sostegno soprattutto a chi si adopera all estero per tenere viva la cultura e le tradizioni dei liguri, sforzandosi di conciliare le esigenze di bilancio con le opportunità economiche da offrire. Il nostro impegno quindi è rivolto principalmente al superamento di questo particolare e difficile momento; di qui l invito a un maggior impegno di tutti ad aderire concretamente all Associazione arricchendola di nuove e fresche forze e contribuendo col proprio apporto economico attraverso il tesseramento. Il 2011 è anche l anno del 25esimo di fondazione dell Associazione e, pur nella situazione di generale difficoltà sopra descritta, intendiamo farne un momento celebrativo importante. Stiamo quindi valutando i programmi e le possibili occasioni di incontro per offrire una degna celebrazione. Tutto questo però potrà avere successo solo a una condizione: che ognuno di noi si renda concretamente disponibile nel rispetto reciproco, consapevole del fatto che la forza dei singoli, pur determinata che sia, è poca cosa se non supportata dalla comune convinzione che essa deve essere al di sopra delle singole posizioni. Solo così si potrà creare uno spirito in cui prevalga la disponibilità e l azione di tutti verso il nostro sodalizio. Anche quest anno un Confeugo di buon auspicio per il futuro! Sabato 18 dicembre ha avuto luogo a Genova la cerimonia del Confeugo, dedicato quest anno a Santa Caterina Fieschi Adorno (Genova, ) e presentato dal cintraco Marco Pepé. Come lo scorso anno, il giorno prima c era stato un forte abbassamento della temperatura e aveva anche nevicato, ma stavolta non abbastanza da compromettere lo svolgimento completo della cerimonia. Alle 9,30 di un bel mattino freddo ma sereno, è partito da via San Vincenzo il corteo di figuranti con l Abate del Popolo, impersonato con convinzione dal Ecco Francesco, l ultimo arrivato nella famiglia di Cesare Rosso, l ex direttore di Gens: da tutti i Liguri nel Mondo congratulazioni a mamma Angelisa Rosso e al papà Luca, genitori già di Federica, Anna Chiara e Simone, e ai supernonni! Il 13 dicembre si è svolta nella sede della nostra Associazione la presentazione del libro Via delle Americhe, prima opera letteraria dell autrice Mirella Zolezzi, originaria di Riva Trigoso. Il libro, pubblicato da Gammarò Editori di Sestri Levante, è dedicato alla storia dell emigrazione in Perù vissuta dalla famiglia dell autrice. Il racconto è sospeso fra la Liguria, con il borgo marinaro di Riva Trigoso, e Lima, capitale del Perù dove, nel periodo a cavallo fra Otto e Novecento si erano trasferiti molti familiari dell autrice. L incontro si è aperto con una breve introduzione del socio Paolo Torazza, che ha curato l organizzazione presidente de A Compagna Franco Bampi, in piedi sul tradizionale carro trainato da un cavallo. In piazza Matteotti, intanto, il pubblico in attesa era piacevolmente intrattenuto dal Gruppo Folclorico Città di Genova (nato nel lontano 1912) e dalla Fortunato Family Band (papà italiano che suonava l organino di Barberia, mamma giapponese che suonava la fisarmonica e cantava Ma se ghe penso, e uno dei quattro figli che completano l organico con altri strumenti). L arrivo del corteo è stato accolto con l esibizione degli sbandieratori dei sestieri di Lavagna e Corinna Bellone, consultore de A Compagna, ha raccontato in genovese la storia del Confeugo (che si può leggere sul sito internet Dopodiché è avvenuto l incontro dell Abate con il Doge-sindaco di Genova Marta Vincenzi, con l offerta rituale del ramo d alloro e lo scambio di saluti: Ben trovòu Messé ro Duxe, Ben vegnùo Messé l Abbòu. Il ceppo d alloro, asperso di vino e incendiato, ha fatto una bella fiammata e un alta e diritta colonna di fumo chiaro, tutti segni di buon auspicio per l anno venturo (dovuti anche alla Il 13 gennaio è mancata Rosaria Ponte, la moglie di Giancarlo Ponte, colonna della nostra associazione. Ricordiamo Rosaria sempre al suo fianco, oltre che nella loro lunga vita matrimoniale, anche nella vita associativa, in ogni occasione importante o conviviale e ricreativa del nostro sodalizio. Una unione solida e duratura come la loro non può certo finire così: Giancarlo sentirà ancora e sempre Rosaria al suo fianco. Porgiamo a lui, ai figli e alle loro famiglie, con grande affetto, le condoglianze dell Associazione tutta. buona preparazione del ceppo da parte de A Compagna : insomma, simbolicamente, aiùtati che Dio t aiuta!). Poi tutti su, nel salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, non senza aver prima raccolto qualche rametto di alloro bruciato, che porta buono. Franco Bampi ha dato atto al sindaco Marta Vincenzi di aver tenuto conto dei consigli (nuovo nome dato ai tradizionali mugugni) dell anno passato e ha toccato quest anno l argomento metropolitana per collegare finalmente tutta la città, Continua a pag. 2 PRESENTATO NELLA SEDE DEI LIGURI IL PRIMO LIBRO DI MIRELLA ZOLEZZI Emozionante incontro sulla Via delle Americhe Il socio Paolo Torazza e il presidente Felice Migone introducono il libro La via delle Americhe con l autrice Mirella Zolezzi. dell evento, seguita dall intervento del presidente Felice Migone, che ha illustrato ai presenti le peculiarità dell emigrazione ligure, in particolare di quella rivierasca, esponendo le ragioni storiche e socio-economiche alla base dell esodo di tanti nostri corregionali verso il Sud America e gli Stati Uniti. Il presidente ha inoltre sottolineato che opere di questo tipo sono fondamentali per mantenere vivo il ricordo di questa pagina della storia della nostra regione. Pur essendo storie individuali e familiari, tuttavia esse rappresentano un patrimonio per tutta la comunità ligure e forniscono una fotografia di un fenomeno e di sentimenti collettivi. Continua a pag. 2

2 2 Dicembre vita associativa 2010 vita associativa Dagli ulivi liguri ai copihues cileni: l emozionante storia dei Solari di Leivi Il 13 novembre scorso, nei locali Dopo una lettura di alcuni brani della Società Economica di Chiavari, il Centro culturale L Agave Solari hanno concluso la presentazio- dell opera, Andreina Solari e Bruno ha curato la presentazione del libro ne con due interventi molto significativi, in cui hanno esposto le emozioni Dagli ulivi ai copihues di Andreina Solari, dedicato al tema dell emigrazione ligure in Cile. epistolare e la redazione del libro. provate durante questa loro amicizia L incontro, dopo i saluti di Mirna Bruno Solari, in particolare, ha voluto Brignole, presidente del centro culturale organizzatore, e del sindaco memoria del padre e dei suoi antenati rendere omaggio con quest opera alla di Leivi Vittorio Centanaro, si è per lasciare una piccola indelebile sviluppato con gli interventi dello traccia alle generazioni future, italiane scrittore Luigi De Rosa, che ha curato e cilene, e affinché i sacrifici dell emigrante non vengano dimenticati col la prefazione del libro, e dello storico locale Giorgio Getto Viarengo, che trascorrere del tempo. hanno inquadrato il contesto storico e L autrice Andreina Solari tra Bruno Solari e Luigi De Rosa. sociale in cui si svolge la narrazione. Il racconto narra la storia di Pierino Solari, nativo di Leivi, che emigrò in ASSOCIAZIONE LIGURI NEL MONDO ONLUS - GENOVA Associazione Liguri nel Mondo Via San Lorenzo, 23/ Genova Tel e Fax: pagine web: Quota sociale: 60,00 BANCO POSTA IBAN: IT52F BANCA CARIGE, agenzia IBAN: IT95G BANCO DI SAN GIORGIO IBAN: IT46V Modulo di iscrizione sulle pagine web * Gens Ligustica in Orbe Organo ufficiale dell Associazione ONLUS C. Fiscale Direttore editoriale e Direttore responsabile Felice Migone Caporedattore Alessandra De Gregorio Autorizz.Tribunale di Genova n 5/95 del 16 febbraio 1995 Direzione, Redazione, Amministrazione c/o Associazione Liguri nel Mondo. Fotocomposizione e stampa: Grafica L.P. Via Pastorino, r Genova Tel Fax Anno XX n. 4/2010 Stampato in gennaio 2011 Il simbolo dell Associazione è stato ideato da Mara Catalano Capaccio Questo numero di Gens Ligustica è spedito in 43 Paesi dei 5 Continenti. Cile agli inizi del Novecento, quando migliaia di italiani erano costretti ad emigrare per cercare un lavoro e una vita migliori. Il titolo del libro prende spunto dagli alberi di ulivo che simboleggiano la Liguria e da copihue, fiore simbolo del Cile. Infatti, aveva soltanto 16 anni Pierino Solari quando abbandonò i suoi ulivi sulla collina di Leivi (paese della provincia di Genova affacciato su Chiavari e sul Golfo del Tigullio) e tutti i suoi affetti familiari per andare a cercare fortuna sulle coste del Pacifico. La poetessa leivese Andreina Solari ha scritto il libro grazie al fondamentale contributo dell ingegnere cileno SEGUE DALLA PRIMA PAGINA Anche quest anno un Confeugo di buon auspicio per il futuro! da Voltri a Nervi a Pontedecimo e a Prato. La risposta del sindaco è stata realistica: i soldi che ci sono non basterebbero per completare l intera rete sotterranea, ma serviranno per avere entro pochi anni i treni urbani potenziando la rete ferroviaria esistente, mentre in Val Bisagno si farà la tramvia. È stata poi la volta Quindi Mirella Zolezzi ha descritto le ragioni che l hanno spinta a realizzare questo romanzo storico dedicato alla vita dello zio paterno Lorenzo Policario Zolezzi nato a Lima nel L autrice ha raccontato di essere stata spinta dal desiderio di calarsi nell esperienza di questo suo familiare L attrice Martina Pittaluga legge alcuni passi scelti dal libro. Bruno Solari, figlio del protagonista del libro, con cui per circa tre anni ha mantenuto un fitto scambio di corrispondenza a mezzo , raccogliendo le informazioni necessarie a rendere il romanzo più aderente alla realtà. Il costante scambio di notizie, immagini ed emozioni dal Cile all Italia hanno consentito di dare forma a questo racconto documentato da notizie storiche e fotografie autentiche. All incontro era presente lo stesso Bruno Solari, arrivato dal Cile per la presentazione del libro dedicato al padre, accompagnato da una folta rappresentanza di parenti leivesi. di Maria Vietz, vicepresidente de A Compagna, di cantarle al sindaco in rima genovese. A seguire: lo scambio di doni, il tondo de Natale realizzato da Elena Pongiglione offerto da A Compagna e ricambiato dal sindaco con il cartulario (che en palanche!); il gran cancelliere de A Compagna Emozionante incontro sulla Via delle Americhe la cui esistenza è sempre stata in bilico fra la sua condizione di emigrante e il desiderio di creare le condizioni per tornare alla terra natia. La signora Zolezzi nell infanzia era rimasta colpita dalla figura di questo zio; pertanto oggi, anche grazie a molta corrispondenza e documentazione ritrovata fra i ricordi familiari, è riuscita a ricostruirne in modo accurato l esistenza, riconoscendogli questo tributo affettivo. Ma l intento dell autrice era anche quello di lasciare una testimonianza ai propri giovani nipoti affinché il ricordo, non solo di questo antenato, ma anche delle complesse vicende migratorie della propria famiglia si perpetui nel tempo. Il socio Paolo Torazza ha quindi informato che sono in corso contatti con Gino Amoretti, direttore del periodico Il Messaggero Italo Peruano, con lo scopo di riuscire a realizzare una versione in lingua spagnola del libro da distribuire a Lima a beneficio dei discendenti dei nostri immigrati. A tal fine, Gino Amoretti sta cercando, dopo aver tradotto alcuni brani dell opera, di Maurizio Daccà ha illustrato la figura di Santa Caterina, col sottofondo musicale dell arciliuto suonato dal maestro Gian Enrico Cortese; i piccolissimi alunni della scuola per l infanzia San Paolo di Castelletto, sezione B, hanno eseguito con le loro maestre una danza su musica di una Cantigas dei pellegrini di Monserrat ; trovare uno sponsor o un istituzione disponibile a realizzare il progetto. La Zolezzi ha quindi riferito di aver perso purtroppo i contatti con i suoi parenti peruviani e che sta cercando, anche grazie alla collaborazione della nostra associazione, di ritrovare qualche lontano cugino. Il libro, nonostante sia fresco di stampa, ha già conseguito il premio Marengo d oro al Premio letterario Ida Baruzzi Bertozzi dove si è classificato al primo posto fra i racconti inediti. Bruno Solari col papà nel loro negozio a Valparaiso in una fotografia d epoca. Mirella Zolezzi L incontro è stato arricchito dalla presenza dell attrice teatrale Martina Pittaluga che ha quindi letto i brani più significativi dell opera, regalando ai presenti una forte emozione. Verso il termine dell incontro si è avuto un colpo di scena: il nostro socio cileno Emilio Toro Canessa ha riferito Matteo Merli ha cantato due brani in genovese, Santa Caterina e Bon Natale ; il Gruppo Folclorico Città di Genova si è esibito nell antica danza Moresca. Infine, tutti in piedi a cantare Ma se ghe penso e poi nel loggiato il brindisi con focaccia, vino bianco e pandolce offerti dagli sponsor. a Mirella Zolezzi di aver conosciuto, nel corso dell ultimo corso di Italiano di Santa Margherita Ligure, Alvi Zolezzi, ragazza peruviana originaria di Lima. Proprio sull ultimo numero della nostra rivista era presente un articolo sui partecipanti al corso corredato di fotografie: Emilio mostrava quindi a Mirella Zolezzi l immagine della giovane studentessa che, secondo quanto risultava, era ancora presente a Genova. L Associazione si è impegnata per contattarla e favorire un incontro con Mirella Zolezzi in modo da poter verificare la presenza o meno di un rapporto di parentela fra le due. L incontro fra Alvi e Mirella Zolezzi è avvenuto pochi giorni dopo la presentazione del libro ed è risultato che la giovane peruviana è effettivamente lontana parente di Mirella Zolezzi. Il destino ha fatto sì che le due donne si potessero ritrovare e che i due rami della famiglia Zolezzi, dopo oltre un secolo, si potessero riabbracciare. Senz altro il miglior regalo di Natale che Mirella Zolezzi si potesse augurare.

3 vita associativa Dicembre IN UN PRESTIGIOSO HOTEL DI NERVI LA TRADIZIONALE CONVIVIALE NATALIZIA Canti, danze e auguri di buone feste aspettando il 25ennale dell Associazione In una splendida cornice fra mare e monti immersi nel buio di una notte genovese, nelle sale dell Hotel Pagoda di Nervi venerdì 3 dicembre è stato rinnovato l incontro dei nostri soci per lo scambio di auguri in occasione delle feste natalizie e di fine anno. Presenti anche liguri provenienti dal Sud America. La serata è iniziata con un caloroso benvenuto ai presenti del nostro segretario generale Gianvittorio Domini. Il Presidente Felice Migone, salutando i presenti e ricordando lo scopo primario della nostra Associazione, ha espresso soddisfazione per il ruolo che il trimestrale Gens Ligustica in Orbe svolge nel tener vivi i contatti e i rapporti col mondo. Ha poi portato i saluti e gli auguri pervenuti dall assessore Enrico Vesco, dalla Consulta Ligure per l Emigrazione e dalle sedi all estero. Anche per il 2011, aggiungeva Felice Migone, che vedrà il rinnovo della Consulta per l Emigrazione della Regione Liguria e la celebrazione del 25esimo anniversario della nostra Associazione, sarà posta particolare cura ai rapporti e collegamenti, alle attività dei liguri all estero e al coinvolgimento dei giovani nelle associazioni consorelle. Giovani che stanno dimostrando un profondo legame con la terra di origine sono spesso in rapporto con la nostra Associazione e questo è palese segno di garanzia del mantenimento dei valori e delle tradizioni liguri nel mondo. Con lo scambio di saluti, auguri e con un brindisi al nuovo anno si è poi passati al momento conviviale molto apprezzato dai partecipanti. Le danze hanno coinvolto giovani e meno giovani sino alle ore piccole in un clima particolarmente gioviale. Non sono mancati virtuosismi e passi di danza eleganti e ben impostati ) L elegante sala al momento dell aperitivo. 2) Il nostro socio Renzo Dellepiane con i signori Olivieri a sinistra e con i coniugi Ghiglione a destra. 3) Il presidente Felice Migone con (alla sua destra) il nostro socio Alessandro Camicione e altri soci. 4) Da sinistra, Gianvittorio Domini, nostro segretario generale, vicino a un socio, i coniugi Olivari dall Argentina, il nostro socio Luis Vaccaro con la moglie Anna, un socio ed Emilio Toro Canessa dal Cile. 5) I nostri soci (da sinistra) Ferruccio Oddera, Mauro Becchi e Silvio Costa con le rispettive consorti. 6) Un gruppo di convitati da Genova e dal Levante Ligure. 7) Da destra: i nostri soci Valerio Santagata, Paolo Torazza e Luciano Dellacosta con la moglie e altri due soci. 8) Da sinistra il socio fondatore Dario Casassa, due soci, le signore Mazzitelli e Ghiglione da Pontedecimo, Nicola Mazzitelli, i nostri soci Renzo Dellepiane, appena visibile Gianfranco Ghiglione e Martino Denegri. 9) Il duo che, con musica, canti e danze ha intrattenuto il numeroso e vivace pubblico. 10) Un momento di danza che ha coinvolto molti soci.

4 4 Dicembre servizi 2010 servizi Da Santa Margherita a Trujillo. L impronta indelebile dei Larco in Perù di JUAN JOSÉ OLIVARI (traduzione di Isabella Descalzo) Fra gli immigrati italiani del XIX secolo ci fu una famiglia le cui attività finirono per essere tra le più importanti nell ancor giovane Repubblica del Perù, così come le posizioni che molti dei suoi componenti occuparono nella società peruviana, in ambito politico, sociale, economico, culturale e filantropico. La famiglia Larco è originaria di Santa Margherita Ligure (Genova), e fu Andrés Larco Bruno che giunse a Lima come commerciante nel 1838, per lavorare con suo zio Francisco Larco Lastreto. Si sa che, mentre trafficava nella capitale peruviana, fu promotore dell Ospedale Italiano di Lima, presidente fondatore del Banco Italiano e sindaco del distretto di Miraflores. Antonio Larco Bruno si dedica al commercio in Perú come rappresentante della ditta Susoni & Larco fino al 1866, quando disgraziatamente muore durante una rivolta di coolíes (immigrati cinesi) nella tenuta Cajalenque (Chocope-La Libertad). I suoi fratelli Andrés e Rafael giunsero dall Italia intorno al 1850 per portare avanti le attività commerciali in Lima lasciate dal fratello Andrés. Alla fine degli anni 60 dell Ottocento si trasferirono a Trujillo (capitale della regione La Libertad), dove acquistarono la tenuta San Ildefonso, e fu lì che si accorsero che le opportunità economiche offerte dall industria zuccheriera - in qual periodo in espansione - erano interessanti. Già nel 1872 i due fratelli presero in affitto la tenuta Chiquitoy di 1250 fanegadas (nell Ottocento in Perù una fanegada equivaleva a circa 6459,6 mq, n.d.t.), situata nella valle Chicama. Estendendo considerevolmente le 200 fanegadas che il precedente affittuario della tenuta coltivava a canna da zucchero, ricavarono un utile che investirono nel 1878 nell acquisto delle tenute Tulape e Cepeda, oltre ad ottenere la conduzione del fondo Mocollope. Rafael Larco si prese l amministrazione di Chiquitoy, mentre Andrés Larco ribattezzò le tenute Tulape e Cepeda chiamandole Roma in onore della capitale italiana. Durante la guerra con il Cile (originata dall ambizione di detronizzare il Perú dalla sua posizione di potenza dell America del Sud, favorita dal boom del guano e del nitrato di potassio), Rafael Larco sentì di avere degli obblighi nei confronti del paese che gli aveva dato l opportunità di fare fortuna e si arruolò nell esercito peruviano come Colonnello della Riserva, fatto che causò un contraccolpo economico ai suoi affari, che alla fine grazie ai suoi vincoli di fratellanza europei con la ditta inglese Graham & Rowe, poterono uscire dalla crisi al cessare delle ostilità. Nel decennio successivo i Larco acquistarono e/o presero in affitto otto grandi tenute che accorparono alla próspera Roma. I nuovi terreni ne raddoppiarono l estensione da 2 a 4 mila fanegadas. Durante gli anni 90 continuarono ad espandersi, sebbene l azienda familiare si fosse divisa in due rami nel Questa divisione avvenne alla morte di Rafael nel La liquidazione finale della sua eredità assegnò la tenuta Roma a suo fratello Andrés, mentre la tenuta Chiquitoy fu destinata alla vedova di Rafael e ai suoi sei figli, che formarono la società Vedova Larco e Figli. Víctor Larco Herrera (Trujillo Santiago del Cile 1934), figlio maggiore di Rafael Larco, assunse l amministrazione di questa nuova impresa. Nel 1901 ci fu una crisi nelle famiglie proprietarie terriere. La ditta Vedova Larco e Figli fu liquidata quell anno a causa delle liti che in merito all amministrazione dell azienda erano divampate per diversi anni tra Víctor, amministratore della ditta, e Rafael, un fratello minore al quale era stata affidata l amministrazione della tenuta Chiclín. L accordo che ne risultò attribuì i diritti sulla rendita di Chiquitoy a Víctor, mentre le tenute Chiclín e Molino de Bracamonte andarono alla vedova e ai rimanenti cinque figli, con Rafael che assunse la direzione della nuova ditta. 1 2 In seguito, quello stesso anno, Víctor Larco Herrera comprò la tenuta Roma da suo zio Andrés Larco, diventando il più grande proprietario terriero della valle di Chicama. Nel 1921 Víctor Larco ebbe difficoltà economiche. Oppresso dagli scioperi dei lavoratori, decretò un aumento generale dei salari di circa il 33%. Quando si accorse che non aveva i fondi necessari per erogare questo aumento, Larco lo rescisse. La notizia della riduzione dei salari fu accolta molto male dai lavoratori, che iniziarono uno sciopero che mandò in rovina la capacità produttiva della tenuta, la risposta fu l uso della forza. Fallita questa tattica, Víctor Larco decise di fermare gli impianti della tenuta e lavorare la canna della Roma nell impianto di Casa Grande (di proprietà della famiglia tedesca Gildemeister), e di licenziare molti operai che avevano partecipato allo sciopero, ma il danno economico per Larco fu considerevole e fallì nel 1927 vedendosi costretto a vendere le sua proprietà a Casa Grande, che con il tempo diventerà la tenuta più grande d America. Tra le sue opere filantropiche si annovera nel gennaio del 1918 l inaugurazione a Lima dell asilo Colonia de la Magdalena, denominato dal 1930 Hospital Víctor Larco Herrera dal nome del suo benefattore. Questo ospedale fu il primo centro psichiatrico in America Latina ad applicare i più moderni trattamenti dell epoca. In Perù fu l unico nosocomio specializzato nell assistenza psichiatrica fino al ) Victor Larco Herrera con la famiglia. 2) ll treno Trujillo fermo alla stazione di Huanchaco. Victor Larco Herrera fece anche costruire una linea ferroviaria che collegava Trujillo a Huanchaco passando per Buenos Aires (fonte: historiadocumental detrujillodelperu.blogspot. com). 3-4) A sinistra una foto d epoca dell asilo Colonia de la Magdalena (fonte: blog.pucp.edu.pe) oggi ospedale psichiatrico intitolato a Víctor Larco Herrera (nella foto a destra, l ingresso attuale). 3 4

5 servizi ULTIMA PUNTATA DEL RACCONTO DI VIAGGIO IN BRASILE DELL ANTROPOLOGO GENOVESE PAOLO GIARDELLI Il bioma Pampa, una realtà affascinante Dicembre e in pericolo Lasciata Caxias do Sul, meta a quanto saprò in seguito di altri ricercatori genovesi dopo la mia partenza, inizia l ultima e più intensa parte del mio viaggio. Scendo nuovamente a sud e, dopo molte ore di pullman, arrivo a Pelotas. Situata al margine di grandi lagune, è la terza città del Rio Grande do Sul, ma fu in altra epoca la capitale economica, grazie alle numerose charquedas (fabbriche di carne secca). Un prestigio evidenziato dai barocchi e coloratissimi palazzi storici che ne testimoniano le glorie passate. Qui è fondamentale l incontro con il professor Althen Texeira Filho, ordinario di anatomia presso la locale Università. Da lui e dalla sua bella famiglia, tra cui trovo un collega nel figlio Felipe, ricevo calda ospitalità. In sua compagnia vado alla scoperta del Pampa più emozionante e segreto, entro nelle case dei piccoli agricoltori e vengo a conoscenza delle loro difficoltà. Ho modo di verificare di persona i danni ambientali, sociali e culturali che le attività delle multinazionali provocano sull agricoltura familiare e sul bioma Pampa, un ambiente unico al mondo, la cui sopravvivenza è gravemente minacciata. Althen, dotato di grande intelligenza e generosità, impegna il suo tempo, le sue energie, il suo denaro, mosso esclusivamente da un desiderio di giustizia. La salvaguardia dell ambiente, la lotta alla disuguaglianza sociale, la genuinità dei prodotti alimentari, il rispetto delle radici culturali di un popolo riguardano ogni essere umano nella grande casa comune che è la nostra Terra. I piccoli agricoltori da me incontrati sono persone mosse da grandi valori morali e capacità non comuni: il loro impegno è rivolto alla tutela del bioma Pampa, ad un giusto riconoscimento economico del loro lavoro, alla battaglia per conservare le loro sementi locali, minacciate da quelle transgeniche imposte dalle multinazionali. Uno di loro, Claudio Antonio Marques Duarte, mi mostra il suo campo di ortaggi, dove ogni fogliolina è così bella e integra, da rievocare nella minuziosa perfezione le opere degli artisti fiamminghi. Il segreto sta nella polvere di granito che, senza bisogno di alcun veleno pesticida, fertilizza il suolo e allontana gli insetti nocivi. Una pratica suggerita dalla lettura di un libro dal significativo titolo: Pane dalle Pietre, opera di un celebre chimico agricolo tedesco della fine del secolo XIX, Julius Hensel. L immagine che si presenta alla mente di noi tutti al pensiero di una foresta è istintivamente associata alla natura, alla varietà della vegetazione e alla vita degli animali che la abitano. Ma esiste una foresta artificiale che non ospita alcuna vita al suo interno, al contrario distrugge la pianura del Pampa. Centinaia di migliaia di ettari di alberi clonati cancellano la straordinaria varietà di flora dei campi, provocano l estinzione di specie rare di fauna locale, distruggono la mata ciliare, la foresta vergine, questa sì autentica, che cresce molto fitta lungo le sponde dei fiumi. Alberi tutti uguali, fonte di lucro al servizio delle multinazionali della cellulosa, formano una barriera impenetrabile, chiudendo gli infiniti orizzonti che i gaúchos nel percorrere il Pampa a cavallo, hanno sempre visto spalancarsi davanti ai loro occhi. L agricoltura familiare è costretta a cedere, sotto la pressione delle imprese, e deve abbandonare la propria terra. L attività della cellulosa non genera impiego, e i piccoli agricoltori emigrano nelle periferie delle città, alla ricerca di un improbabile occupazione, non avendo altra esperienza che quella del campo. Dove si moltiplicano le piantagioni, non può esistere allevamento, così la cultura dei gaúchos entra in crisi. All impatto ambientale provocato da questo deserto verde, responsabile tra l altro di prosciugare le risorse idriche, si aggiunge quello sociale. Althen mi guida nell interno prima a São Sepé e poi a Encruzilhada do Sul, dove vengo ospitato dalla famiglia di Neuro Pereira da Silva. La moglie e la mamma di lei, Maristela e Hilda, appartengono al movimento Via Campesina ; mi raccontano della lotta per l uguaglianza tra uomini e donne e per il diritto alla terra in Brasile. Il nostro colloquio avviene all aperto, nella proprietà dei suoceri. Nell aria un cinguettio assordante, mentre, dietro le spalle degli intervistati, la telecamera registra un passaggio continuo di animali: cavalli, pecore, mucche, galline. La fattoria mi sembra un pezzetto di Eden, sfuggito alla punizione divina seguita al peccato originale. Encruzilhada è gravemente esposta alle coltivazioni forestali dell agroindustria. A Canguçu esiste la più grande concentrazione di agricoltori familiari dell America Latina. Qui entro in contatto, sempre grazie alla collaborazione del professor Texeira, con l Unaic, l Unione delle Associazioni Comunitarie dell interno di Canguçu, impegnata in difesa delle sementi 2 locali e dell agricoltura familiare, minacciate non solo dalla cellulosa, ma dalle coltivazioni transgeniche e dalle imprese di tabacco. In questo territorio s incontrano discendenti di Portoghesi, Spagnoli, Italiani, Tedeschi e Francesi; si possono ascoltare lingue rare, come quella pomerana; si convive con le comunità dei Quilombolas, discendenti degli schiavi fuggiti dalle piantagioni, e con quelle degli Indios. Una straordinaria ricchezza di culture, lingue, saperi che nella diversità si integrano in armonia. André F. dos Santos, presidente dell Unaic, mi spiega di avere rifiutato un cospicuo finanziamento da un impresa di cellulosa per motivi etici. Da molto tempo non sentivo pronunciare questa parola: Etica. Dopo avere viaggiato di fattoria in fattoria, di etnia in etnia, di cultura in cultura, di idioma in idioma parto per Bagé. Qui trovo alloggio nella chácara das roseiras, dove sono guidato dal proprietario Ricardo De Souza Lopes all esplorazione del Pampa dall insolita visuale (per me) della sella di un cavallo. Il gaúcho e il cavallo sono una sola cosa ed è difficile entrare in contatto con i gaúchos restando a piedi. Ad approfondire i valori più autentici della tradizione sono due appassionati cultori, Eron Mattos e Lisandro Amaral. Mi cantano anche versi bellissimi, carichi di saudade, di grandi poeti sudamericani. Del resto gaúcho vuol dire colui che canta triste. È tempo di rimettersi in movimento, anche se fermo non rimango mai, per raggiungere São Miguel das Missões, storico insediamento gesuita, la cui riduzione contava migliaia di Indios. Dell antico villaggio restano solo alcune rovine e l imponente chiesa barocca. Il sito è stato proclamato patrimonio dell umanità dall Unesco. A questa riduzione si è ispirato il film Mission di Jeremy Irons, con Robert de Niro, anche se la maggior parte delle riprese sono state girate altrove. Il locale museo ospita pregevoli sculture di santi e sante cristiane, opera di Indios che agivano alle dipendenze dei gesuiti. I discendenti Mbya-Guarani incontrano molte difficoltà. Senza mata (foresta) per cacciare e senza terra per coltivare, affidano la loro 1 sopravvivenza alla vendita di oggetti artigianali. Con due grosse borse della spesa, per lo scambio rituale imposto dalle regole della visita, salgo a visitare il loro villaggio. L incontro con il giovane cachique Ariel è in qualche momento difficile e aspro, molta diffidenza verso os brancos, giuste lamentele contro le multinazionali, che minacciano la loro esistenza, i loro riti e la loro vita. I giorni a mia disposizione si assottigliano. A Esteio visito Expointer, la più grande fiera dell allevamento dell America Latina, e assisto all emozionante finale del Freio de Ouro, che ha come protagonista il cavallo di razza crioula. La consueta ospitalità brasiliana mi concede tutti i pass per entrare nel cuore della manifestazione. Mi muovo come una pallina da flipper sul territorio del Rio Grande do Sul. A Piratini fotografo una delle residenze di Garibaldi. Per ultimo ho lasciato due appuntamenti molto importanti a Porto Alegre. La visita nella vicina Guaiba alla fabbrica e alle piantagioni di eucalipto dell impresa CMPC Celulosa Riograndense e quella ai loro acerrimi avversari, l MST, il Movimento dos Trabalhadores Sem Terra. La partita che si gioca travalica situazioni settoriali e contingenti, per andare al cuore dello sviluppo futuro del Brasile: la riforma agraria. Sul Bioma Pampa mi è stata ottima guida la biologa Maria Carmen Sestren Bastos, appartenente all istituto di studi ambientali InGá, la prima persona da me intervistata in Brasile, a cui sarò sempre grato. Torno a visitarla a Porto Alegre sul luogo di lavoro, nel parco naturale Morro do Osso, un isola biologica salvata all urbanizzazione. Occasione per un ultimo churrasco. Partecipo ad una riunione serale nel Quilombo di Porto Alegre, dove si denunciano vessazioni e intimidazioni a cui gli abitanti sono sottoposti da parte delle forze dell ordine. Il fondato sospetto è che il loro storico insediamento abbia il torto di essere ubicato in un area residenziale di grande pregio, appetita dagli speculatori. Sono invitato ad una manifestazione di protesta nei giorni seguenti davanti al municipio. Con rammarico devo declinare l invito, un aereo mi aspetta l indomani per riportarmi in Italia. Con me un sentimento di saudade e gratitudine. Di recente, alla manifestazione Terra Madre, a Torino, la prima presentazione della mia ricerca sul Pampa. PAOLO GIARDELLI 1) Il prof. Althen Texeira Filho, sullo sfondo lo splendido paesaggio della mata ciliare. 2) La chiesa della riduzione di São Miguel das Missões. 3) Esteio, una delle prove per l aggiudicazione del Freio de Ouro. 4) La biologa Maria Carmen Sestren Bastos, insieme ad un collaboratore, nel Parco Naturale Morro do Osso. 5) Casa tradizionale guarani nell Aldeia Alvorecer Mbya.

6 6 Dicembre notizie 2010 notizie Liguri eccellenti nello sport: orgoglio per tutti i corregionali all estero! Paola Fraschini Alla campionessa genovese di pattinaggio solo dance Paola Fraschini, della Asd Sportiva Sturla Pattinaggio, è andato il premio Lo Sportivo Ligure dell Anno promosso dall assessorato allo Sport della Regione Liguria e giunto alla diciottesima edizione. La cerimonia di premiazione si è svolta lo scorso 13 dicembre nel Teatro della Gioventù di Genova. Paola Fraschini, prima classificata al Campionato Mondiale di Pattinaggio assoluto solo dance di Friburgo, in Germania, nel novembre 2009, ha conquistato anche il titolo italiano della specialità nel luglio scorso. La Fraschini ha poi bissato il titolo mondiale nei giorni scorsi a Portimao, in Portogallo. Un riconoscimento speciale è andato ad Andrea Cadili Rispi, campione d Italia nella categoria non vedenti ai campionati assoluti estivi di nuoto. L atleta ha attraversato lo stretto di Messina. Altri riconoscimenti sono andati nella stessa occasione a un centinaio di giovani atleti liguri segnalati dalle federazioni sportive per i titoli vinti, e agli atleti liguri di accertato talento sportivo : Giulia Enrica Emmolo, Martina Cararro, Viola Risso, Ilaria Scarcella, Benedetta Bellio, Eleonora Tassarotti, Rosella Loiacono, Denise Zacco, Gabriele Bino, Margherita Truglia, Andrea Gamenara, Margherita Ramella, Matteo Siccardi, Silvia Lambruschi, Alberto Regazzoni, Federica Torresi, Martina Balducchi, Veronica Curto, Rachele Gerardi, Chiara Sabattini, Davide Re, Mara Rattone, Sara De Alti, Giulia Gorlero, Federica Santandrea. I liguri nel mondo in numeri Dall ultima edizione del Rapporto italiani nel Mondo (edizione Migrantes ) si ricavano alcune notizie sui compatrioti e sui nostri corregionali: ecco alcuni dati aggiornati alla metà del Gli italiani nel mondo regolarmente iscritti all Aire (anagrafe presso ogni comune degli italiani residenti all estero) sono , di cui liguri Oltre la metà di tutti gli italiani nel mondo risiedono in sole quattro nazioni: Argentina, Germania, Svizzera e Francia. Dato che la popolazione residente attualmente in Liguria è di , i liguri residenti all estero rappresentano quindi il 6,3 % della popolazione (la media nazionale è 6,7%) Gli undici comuni liguri con il maggior numero in assoluto di cittadini residenti all estero sono: Genova (27.649, il 4,5% della popolazione del comune); Rapallo (4.572, il 15% della popolazione del comune); La Spezia (3.985; 4,2%); Sanremo (3.962; 7%); Chiavari (2.937; 10,8); Ventimiglia (2.843; 11%); Savona (2.793; 4,5%); Sestri Levante (1.947; 10,4%); Imperia (1.628; 3,9%); Santa Margherita Ligure (1.607; 15,9%); Zoagli (1.242; 48,3%). Il Rapporto italiani nel Mondo non elenca i dati di ciascuno degli comuni italiani e quindi l ordine seguente indica solo alcuni comuni liguri con una percentuale congrua di iscritti all Aire (ma certo esistono non pochi comuni montani della Liguria con percentuali maggiori): eccone alcuni: Monterosso al Mare (La Spezia; 694, ovvero il 45,2% della popolazione del comune); Dego (Savona; 753; 37,5); Camogli (Genova; 1.121; 19,9%); Cogorno (Genova; 778; 14%); Finale Ligure (Savona; 1.168; 10%); Bordighera (Imperia; 1.048; 9.8%). Dove vivono i liguri all estero? Al primo posto troviamo l Argentina (15,3%), seguita da Cile (13,2%); Uruguay (13,2%); Francia (9,2%); Svizzera (6,2%); Gran Bretagna (4,9%); Perù (4,8%); Spagna (4,8%); Germania (4,5%); USA (4,3%). Fra il 2,7% e l 1% figurano Equador, Brasile, Belgio, Monaco, Venezuela, Australia, Olanda e Canada; sotto l 1% vari altri Paesi, fra cui Paraguay, Messico, Colombia, Repubblica Domenicana, Svezia. Adotta un documento e salva l Archivio di Stato di Genova Ogni anno, dal 1991, si celebrano in oltre 50 Paesi del continente europeo le Giornate Europee del Patrimonio : l iniziativa, lanciata dal Consiglio d Europa, è dal 1999 un azione congiunta del Consiglio d Europa e della Commissione Europea e prevede l apertura di edifici storici normalmente chiusi al pubblico; possono contribuire al programma anche quelli che sono aperti tutto l anno, a condizione che offrano attività speciali, come visite guidate, mostre, concerti, conferenze. Le visite devono essere gratuite o offerte a un prezzo ridotto. L Archivio di Stato di Genova, che ha sede in via di Santa Chiara nel complesso monumentale di Sant Igna- Il Premio Mario Novaro per la Cultura ligure è stato assegnato lo scorso ottobre nella splendida cornice di Villa Hanbury al diplomatico, giornalista, scrittore e musicista jazz Boris Biancheri, originario di Ventimiglia. Il Premio è destinato ogni anno, dal 1991, a una personalità, nata o attiva in Liguria, che con la sua opera abbia esaltato i valori della cultura in qualsivoglia forma o linguaggio espressivo. Nato a Roma il 3 novembre 1930 da famiglia ligure per parte di padre (l antenato Giuseppe Biancheri fu presidente della Camera dei Deputati al tempo del neonato Regno d Italia) e russa per parte di madre, Boris Biancheri ha iniziato la sua carriera zio, ha allestito per l occasione dal 21 settembre al 3 ottobre scorsi una mostra intitolata La cultura ritrovata. Pergamene e carte di reimpiego dell Archivio di Stato di Genova. Nei secoli passati era infatti consuetudine riutilizzare fogli di pergamena già scritta, staccati da codici più antichi, per rilegare registri, manoscritti o volumi a stampa o per tenere assieme le minute degli atti notarili (le cosiddette filze ): è stato perciò possibile riportare alla luce pagine di testi sacri, di antichi statuti, di uno dei più antichi manoscritti della Divina Commedia, degli storici latini, dei filosofi dell epoca classica e medievale, di messali e codici musicali. Queste carte, pur essendo state A Boris Biancheri il Premio Novaro 2010 Boris Biancheri tagliate e sciupate nel reimpiego, recano capilettera miniati e decorazioni floreali di grande bellezza, realizzati con l impiego di foglia d oro e colori brillanti che testimoniano lo splendore e la ricchezza della committenza dei secoli XIII-XVI. Le pergamene che man mano vengono recuperate necessitano naturalmente di un minuzioso restauro conservativo e per far fronte al relativo costo, che sarebbe insostenibile con il solo finanziamento pubblico, l Archivio di Stato di Genova ha avviato l iniziativa Adotta un documento : ditte private, associazioni e semplici cittadini possono contribuire, con una spesa anche modesta (a partire da 100 euro + IVA) alla conservazione diplomatica in Grecia e in Francia ed è stato Ambasciatore italiano a Tokyo, a Londra e a Washington; come direttore generale degli Affari politici del Ministero Affari Esteri è stato negoziatore italiano del Trattato di Cooperazione Politica europea in vista della stesura del Trattato di Maastricht. Con la Liguria, dove torna volentieri, ha un legame profondo, è testimone della sua trasformazione da terra di ulivi a terra di intensa floricoltura, a meta di turismo. Non ha rimpianto per il passato: infatti, dice, «con 21 traslochi alle spalle essere nostalgico sarebbe una tragedia, ma il punto fermo dei tanti luoghi in cui sono vissuto rimane Ventimiglia». di un documento storico. Il nome della persona o ente che sostiene la spesa del restauro viene apposto (previo consenso dell interessato) sulla cartellina di protezione che contiene il documento e sul sito internet dell Archivio di Stato di Genova, ASGE; molte delle carte esposte nella mostra erano infatti accompagnate dal nome dell adottante che ne ha permesso il restauro (le pagine della Divina Commedia sono state restaurate grazie al contributo dell attore e regista Roberto Benigni). Chi volesse aderire all iniziativa e salvare così preziosi documenti di epoca medievale (sec. X-XV) di particolare rilevanza storica, può consultare il sito dell Archivio o chiedere informazioni alla dottoressa Giustina Olgiati e al signor Ignazio Galella, it, tel IL TERZO RADUNO DEI RAPALLIN NEL MONDO Con piacere annunciamo che tra l 8 e il 10 luglio prossimi si svolgerà a Rapallo il terzo raduno mondiale dei Rapallin (www.liguriantighi. it). Tra le principali iniziative previste: un concerto la sera di venerdì 8 luglio; la sera di sabato 9, la Santa Messa solenne, il conferimento del Rapallino d Oro e, a seguire, l incontro conviviale mondiale; domenica 10, il pellegrinaggio al Santuario di Nostra Signora di Montallegro. Il Rapallino d Oro è attribuito a figli (di entrambi i sessi), ovunque residenti, di almeno un genitore con un cognome comparso nel territorio dell antica Podesteria di Rapallo da oltre 500 anni, di cui si riporta in appresso un elenco. L assegnatario dovrà possedere requisiti e meriti stabiliti dallo statuto e dalla direzione dell Associazione. I primi Rapallini insigniti dell onorificenza sono stati, nel 2009, il Giusto tra le Nazioni Mario Canessa, residente a Livorno, e, nel 2010, l imprenditore dell arredamento di Rapallo Alberto De Bernardis. Per informazioni e iscrizioni contattare: oppure telefonare ai numeri 0185/206073, 328/ , 349/

7 LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL lunaio Dicembre VALENTI EDITORE l editore genovese per i genovesi GENOVA - Tel LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL C N

8 8 Dicembre LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL lunaio 2010 lunaio VALENTI EDITORE l editore genovese per i genovesi GENOVA - Tel LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL VALENTI EDITORE l editore genovese per i genovesi GENOVA - Tel LEGATORIA VALENTI EDITORE - VIA R. BIANCHI, 105 (C/8 - C/9) GENOVA CAMPI - TEL C N

9 dalle nostre comunità Dicembre AMERICA LATINA ARGENTINA Buenos Aires Il Giorno dell Immigrato, festa sempre emozionante Lo scorso 10 settembre nella città di 25 Maggio in provincia di Buenos Aires è stato celebrato il Giorno dell Immigrato. La festa ha avuto inizio in serata con la degustazione nel Teatro Spagnolo di piatti tipici della cucina italiana, francese, spagnola e giapponese. Presenti le autorità comunali, tra cui il sindaco Maria Victoria Borrego, e il Coro alpino di La Plata, guidato da Pierino Cabano: da tempo il Coro alpino è stato dichiarato dalla Camera dei Deputati della Provincia di Buenos Aires di interesse culturale per la Provincia (Legge 1523). Lo stesso Cabano, insieme alle Damas de la Bandera presiedute da Maria Mercedes Segura, ha consegnato al sindaco cinque bandiere destinate alle scuole della città di 25 Maggio. A chiusura della serata, sono seguite le esibizioni di artisti francesi, del Coro alpino e di ballerini spagnoli. Il giorno seguente (vedi foto sottostante) il Coro Alpino con Pierino Cabano ha fatto visita alla piazza Bartolomeo Mitre e alla chiesa di Nostra Signora del Rosario con il suo monumento dedicato al lericino Francesco Bibolini, primo parroco di 25 Maggio. Il Coro si è esibito in diversi canti alpini e italiani, sotto lo sguardo del pubblico e dell attuale parroco don Giorgio Graiff, di origini italiane. Junin L Associazione ligure La lanterna di Junin ha cambiato sede e ha un nuovo indirizzo di posta elettronica che comunichiamo di seguito: via Avellaneda 152, Junin (60 00), Buenos Aires Argentina (tel ); Il contatto skype è: ass.ligure la lanterna Junin, mentre su facebook l Associazione è presente come: liguridijuninliguri. JUNIN (Argentina) Un compleanno davvero speciale il quinto dell Associazione La Lanterna di Junin, festeggiato lo scorso 30 ottobre con tanti liguri d Argentina arrivati da Pergamino, La Plata, Rosario, La Pampa, Junin, San Nicolas, San Lorenzo, Santa Fé. All evento si riferiscono le tre fotografie sottostanti. TRACCE PERDUTE Potete rispondere alle richieste dei nostri corregionali ai nostri recapiti oppure direttamente agli indirizzi indicati. Salve, sto cercando la data di nascita della mia bisnonna Maria Averame, nata a Genova nel L ho cercata in tutti i registri civili della Liguria ma senza risultato. Potete aiutarmi? Grazie! Ernesto Gallego (Averame) Provincia de Buenos Aires Salve, vi scrivo dall Argentina. prima di tutto vorrei ringraziare per questa opportunità che mi date per avvicinarmi alle mie radici. Cerco qualche riferimento su Trebino Michele, nato nel 1826 circa e deceduto a Buenos Aires per triste epidemia di febbre gialla che colpì la città nel Ringrazio per il vostro aiuto. Cordiali saluti. Bianco Alessandro CORDOBA (Argentina) Fotografia della consueta festa annuale di fine anno svoltasi lo scorso 4 dicembre a Cordoba. Durante questa conviviale sono state ricordate le attività svolte dall Associazione durante il 2010 e rese note quelle inserite nel programma per l anno La nostra Associazione si complimenta con tutto il direttivo dell Associazione Ligure di Cordoba per l opera svolta nel corrente anno e formula i propri auguri per un operoso e fattivo Tra gli altri, la presidente dell Associazione Celia Dora Bastianon al centro con gli occhiali, Teodosia Nole (tesoriera) e Mariarosa Rebagliati (con il nostro gagliardetto), segretaria. Un gruppo di genovesi, tra cui Juan Danna e Juan Savio (in posa in questa foto), hanno recentemente partecipato all inaugurazione di Piazza Italia nella città di Urdinarrain in provincia di Entre Rios (Argentina). JUNIN (Argentina) I Liguri di Junin hanno partecipato al Torneo nazionale di scacchi per ogni età. Tra 150 partecipanti, al quinto posto si è classificato il rappresentante dell Associazione Raul Ricardo Parodi Cicerchia, a cui vanno i nostri complimenti (nella fotografia, i trofei del Torneo) Sono Carlos Raffo, un cittadino peruviano discendente di bisnonni italiani precisamente liguri. Sto tentando di ottenere la cittadinanza italiana; per ora sono riuscito recuperare alcuni documenti della mia famiglia ma mi manca il certificato di nascita o l attestato di battessimo di questo mio bisnonno; vorrei chiedere il suo aiuto per poter risolvere questo mio problema. Possiedo queste informazioni: mio bisnonno, secondo quello che sappiamo, era della provincia di Sestri levante (Liguria), si chiamava Giuseppe Raffo Podestà e nacque fra a Genova, figlio di Francesco Raffo e Marina Podestà. I suoi fratelli erano Tommaso Raffo Podestà, nato a Genova nel 1855, e Vittorio Raffo Podestà nato a Genova nel Poi si trasferirono definitivamente in America Latina a Lima in Perú. Ringrazio in anticipo, per il tempo e la gentilezza, e per qualsiasi informazione.

10 10 Dicembre 2010 dalle nostre comunità ARGENTINA La Plata Convegno economico con i liguri del Chaco Nell auditorium dell Università Teconologica Nazionale di La Plata ha avuto luogo a fine novembre 2010 la settima edizione del Seminario internazionale sullo sviluppo economicoterritoriale Argentina Italia. Dichiarato di interesse nazionale e organizzato da funzionari della diplomazia, universitari e imprenditori di entrambi i Paesi, l evento ha avuto come tema portante la Cooperazione per la crescita. Tra gli interventi, evidenziamo quello di Humberto Boschetti, presidente del Centro Ligure del Chaco e del Centro di studi internazionali per lo sviluppo (nella foto tra due funzionari italiani). Neuquén Italiani illustri premiati a Neuquén dal Centro ligure Lo scorso 3 settembre nel salone del Consiglio provinciale dell Educazione si è tenuta la Festa degli Immigrati promossa tradizionalmente dal Centro ligure del Alto Valle del Comahue. Al centro della celebrazione quattro italiani che da anni svolgono importanti attività sul territorio: la dermatologa Carmela Mancuso, nata a Maroniti in Calabria ma dall età di otto anni è in Argentina e lavora nella città di General Roca in provincia di Rio Negro; l elettrotecnico Libero Canziani, nato a Venezia e scomparso circa un anno fa nella città di Centenario in provincia di Neuquén; infine, padre Italo Giuseppe Varvello, nato in provincia di Asti e arrivato a Neuquén nel 1967, e sorella Mariuccia Deambrogio, nata in provincia di Alessandria e giunta a Neuquén insieme a Padre Italo, con cui ha fondato la casa Hogar rapito de sol che ospita donne e bambini in condizioni di estrema povertà. Alla celebrazione era presente, tra le varie autorità provinciali, comunali e universitarie, Ana Maria Pechén De Angelo, vicegovernatrice della Provincia di Neuquén. NEUQUEN (Argentina) Carmela Mancuso, Maria Laura Zeballos, Sorella Mariuccia e Padre Italo. NEUQUEN (Argentina) Il pubblico e le autorità provinciali e comunali presenti alla Festa degli Immigrati organizzata ogni anno dal Centro ligure del Alto Valle del Comahue. NEUQUEN (Argentina) Maria Laura Zeballos con la famiglia di Libero Canziani. Paranà Lo scorso 30 novembre si sono conclusi i corsi di lingua italiana tenuti dalla professoressa Maria Andrea Camps e organizzati dal Centro Ligure di Paranà. L ultima lezione si è svolta in un ambiente cordiale e piacevole mentre gli studenti guardavano diapositive e ascoltavano musica italiana. Alla fine della lezione sono stati consegnati gli attestati di frequenza e gli alunni hanno manifestato vivamente l intenzione di continuare il prossimo anno. Rosario Abbiamo il piacere di informarvi che la Fondazione Schiappapietra San Lorenzo ha aperto il suo sito (per ora solo in lingua italiana) al quale è possibile iscriversi gratuitamente. L indirizzo è: org. Nell area di ricerca/ proponi un personaggio si possono caricare biografie e alberi genealogici riguardanti le famiglie che di cognome fanno: Schiappapietra, Schiappa, Pietra, Schiappa-Pietra, Chapa. PARANÀ (Argentina) Foto di gruppo per la conclusione dei corsi di cucina organizzati dal Centro Ligure di Paranà. ROSARIO (Argentina) Con gioia e tanti complimenti pubblichiamo la fotografia della piccola Isabella, nipote di Teresita e Giampaolo Carrea, figlia di Clarissa e Alex. Il coro del Centro ligure E. Devoto di San Lorenzo in concerto Una suggestiva serata, propiziata dalla magia del repertorio dei brani interpretati, ha entusiasmato il pubblico presente il 21 novembre scorso al Teatro Bernardo Perrone di San Lorenzo. Il coro, composto di ben 24 elementi e guidato magistralmente dalla professoressa Gabriela Baduna, ha deliziato gli spettatori che lungamente hanno applaudito le esecuzioni complimentandosi inoltre con gli organizzatori tra i quali degno di menzione l assessore culturale del Centro Ligure Elvio Lentino Lanza. SAN LORENZO (Argentina) L esibizione del coro del Centro Ligure Emanuele Devoto lo scorso novembre a San Lorenzo. SAN LORENZO (Argentina) Fotografia tratta dal Gato encerrado, dramma messo in scena dal gruppo teatrale Il Faro del centro ligure Emanuele Devoto nel teatro Bernardo Perrone di San Lorenzo lo scorso 18 dicembre. È la storia di una violenza familiare con cui si vuole sensibilizzare la società sulla legge ( Io uomo mi impegno a non esercitar né a permettere nel mio gruppo familiare, sociale o di lavoro nessun atto di violenza contro donne e bambine ).

11 San Nicolas Con piacere pubblichiamo questa bella foto che vede riunita la famiglia di Hector e Mimi Campora assieme alle figlie Julieta e Mariela con i rispettivi mariti e figli. La nostra Associazione rivolge a tutti loro un affettuosissimo cordiale saluto. Da sinistra: Alex, marito di Mariela, il nonno Hector con accanto la figlia Julieta e la piccola Emilia; alle spalle, il marito Pablo col primogenito Martino. In basso, tra la nonna Mimi e la mamma Mariola, il piccolo Tomas. A Campomorone un restauro importante anche per San Nicolas Un importante cerimonia si è svolta il 27 novembre scorso nella parrocchia San Bernardo di Campomorone per la ricollocazione di due dipinti dalle nostre comunità ARGENTINA del XVIII secolo magistralmente restaurati davalentina Tonini e Maria Francesca Dufour sotto la direzione della Soprintendenza nella persona di Alessandra Cabella e grazie alla sponsorizzazione del Lions Club Ge- Altavalpolcevera. La cerimonia è stata onorata dalla partecipazione del Cardinale di Genova S.E. Angelo Bagnasco, dal sindaco di Campomorone Giancarlo Campora, dall assessore Angelo Valcarenghi e dal presidente del Lions Altavalpolcevera Mauro Soffientini. Desideriamo condividere questa testimonianza con la numerosa Comunità dei Campora di San Nicolas in Argentina originari di Campomorone alla quale, con l occasione, ci è gradito formulare loro i nostri migliori saluti. Dicembre 2010 LIGURI ILLUSTRI 11 Il genovese Filippo Cevasco fra gli eroi e i pionieri dell Aria Il 10 e 11 ottobre scorso si è svolto presso l aeroporto di Genova l evento celebrativo Geo Chavez, Filippo Cevasco, eroi e pionieri dell Aria, nell ambito del programma di celebrazioni per il centesimo anniversario del volo in Italia e in Europa. Infatti, il genovese Filippo Cevasco fu uno dei padri dell aviazione italiana. L aviatore, nato a Rosso di Davagna nel 1889, emigrò giovanissimo in Argentina, dove fece vari mestieri fra cui il torero. Successivamente tornò in Europa, prima in Francia dove trovo un impiego come meccanico a Mourmelon presso le Officine Morane, e quindi a Torino dove prese il brevetto di pilota nel Con i soldi guadagnati in Sudamerica durante la sua esperienza di emigrante, Cevasco decise di coronare il sogno del volo acquistando un aereo Morane Saulnier. Con questo velivolo nel 1913 partì in volo da Torino alla volta di Roma. Fra le sue imprese più memorabili c è un avventuroso atterraggio a Genova sul greto del torrente Bisagno. Nonostante nel corso di un rocambolesco atterraggio a Pisa avesse perso il velivolo, il pilota ebbe la fortuna di incontrare Giuseppe Gabardini, geniale progettista di aerei, il quale, ammirato dalla sua audacia e professionalità, lo chiamò come pilota collaudatore. Cevasco alla guida dell aereo Gabarda compì numerosi raid come Milano-Roma, Milano-Torino con 3 passeggeri, Milano-Venezia (primato mondiale con 4 passeggeri), Sesto Calende-Roma con idrovolante, Milano-Torino-Genova. La carriera del pilota terminò prematuramente nel 1914, quando egli perse la vita, a soli 25 anni, nel corso del collaudo di un idrovolante sul Lago Maggiore. Da sinistra, il nostro socio Martino De Negri, Giancarlo Campora, sindaco di Campomorone, Stefano Campora, rappresentante del Lions Club Altavalpolcevera e Paola Alpa, dirigente del Comune, con la collaboratrice Rosella Rebora. Santiago CILE Il raduno annuale dei Massone di Pieve Ligure Domenica 7 novembre 2010, nel salone Rossini dello Stadio Italiano di Santiago, si sono riuniti attorno a un grande tavolo i cugini Massone. Il raduno familiare si tiene ogni anno per rendere omaggio ai quattro antenati, i fratelli Luigia, Emanuele e Giulio e il cugino Gaetano, che lasciarono Pieve Ligure alla fine dell Ottocento per emigrare in Cile. Com è accaduto negli anni precedenti i loro discendenti hanno voluto rafforzare i loro legami, stringendo i rapporti di famiglia, amicizia e di orgoglio per la comune origine Zeneize. Sono stati celebrati anche gli splendidi 96 anni della cara Mimi, sposa di Giovanni Massone, che porta di una maniera molto allegra e giovanile. Un raduno brillante, pieno di ricordi e di allegria, in cui intorno ai più vecchi del nucleo, si sono stretti figli, nipoti e pronipoti, presenza viva degli antenati. SANTA ROSA DE LA PAMPA (Argentina) Un momento dell esibizione del gruppo di danza per bambini La Lanterna. Segue a pag. 14

12 12 Dicembre Dicembre 2010 SPECIALE 2010 ALCUNE DELLE PIÙ ANTICHE FAMIGLIE LIGURI SI SONO RADUNATE NEI Pessagno, Rissetto, Pizzorni, Sgorbini: anche da A In questo incontro ci possiamo vedere tutti, faccia a faccia, via internet, attraverso fotografie, filmati e ricordi...se lo spirito di questa riunione familiare continuerà, tutti rimarremo vivi per sempre...il sogno che avevo da bambino, questa utopia di vincere la morte, si sta avverando grazie al nostro amato Congreso Familiar!. Sono questi alcuni dei pensieri che hanno animato Miguel Angel Rissetto quando ha organizzato, sostenuto dalla famiglia, il primo raduno famigliare (COngreso FAMiliar) che si è svolto in Buenos Aires, nella sede della Asociaciòn Genovesa de Carboneros Unidos, il 4 ottobre 2009: il Cofam è nato per riunire una grande famiglia che ha in comune i cognomi Rissetto e Pessagno, originaria di Arzeno (alta Val Graveglia) e ora sparsa in Argentina, Italia, Cile. Incoraggiato dall entusiasmo di questa stravagante proposta, è iniziato un passaparola che ha velocemente raggiunto tutti i famigliari. E così il 4 ottobre 2009 in Buenos Aires si sono incontrate 87 persone (di cui otto provenienti dal Cile e una dall Italia) e, siccome questa è un occasione per accorciar le distanze, grazie a un collegamento in diretta via internet anche il gruppetto riunitosi nella (ex) scuola di Arzeno ha potuto commuoversi dialogando faccia a faccia con fratelli, zii e cugini a migliaia di chilometri di distanza. Sulla scia dell emozione legata a questa prima riunione, è stato organizzato il secondo Cofam ad Arzeno (Comune di Ne), nei locali della (ex) scuola, lo scorso 18 luglio: dall Argentina sono arrivati in 17, capeggiati da Gino Benedetto Rissetto, che ad Arzeno è nato nel gennaio del 1929; altre sette persone sono arrivate dal Cile (in totale 63 persone radunate ad Arzeno) ed anche questa volta la tecnologia è stata d aiuto per far sì che una ventina di Pessagno e Rissetto, riuniti nella sede dei Carboneros a Buenos Aires, potessero condividere una parte della giornata con i Pessagno e i Rissetto radunati in Liguria. Simbolica è stata la passeggiata alla Crocetta, per guardare Arzeno dall alto, significativa e sentita la partecipazione alla festa della Madonna del Carmelo a cui i paesani sono sempre stati molto devoti... Questi incontri sono l occasione per completare un albero genealogico iniziato per gioco molti anni fa, per rispolverare i ricordi, le fotografie, le vecchie ricette, per conoscere meglio le origini e scoprire tante curiosità, come il fatto che anche qualcuno al di là dell oceano da piccolo rideva quando il nonno o il papà, prendendogli le mani e muovendole velocemente, diceva comà, compà, cuxin.. tira violin!. Gli stessi luoghi scelti per queste allegre riunioni sono scrigni colmi di ricordi: molti dei nostri vecchi Arzeno capitale dei Pessagno e dei Rissetto nel mondo che hanno vissuto l esperienza dell emigrazione in Argentina sono stati Carboneros, aiutati da un sostegno reciproco che ha sempre tenuto saldi i rapporti tra le diverse famiglie e, assieme a chi è rimasto in paese, hanno contribuito alla costruzione della Scuola di Arzeno ( circa), con il desiderio che le nuove generazioni potessero sperare in un futuro migliore senza dover lasciare i propri cari per raggiungere terre lontane: è simbolico il gesto compiuto durante il raduno 2010 da Miguel, figlio di emigrante, quando ha dato una nuova collocazione al quadro-ricordo degli emigrati che hanno dato il loro contribuito per la scuola. Non è possibile citare tutti coloro che hanno partecipato ai Cofam, ma un pensiero particolare va a chi, seppur lontano, ha sempre mantenuto vivo il legame con la propria famiglia e le proprie origini: Iva, Juancito, Lina ed Adelbo. Prossimo Cofam in Cile, con la consapevolezza che riuscire a incontrarsi permette non solo di mantenere il contatto con chi è distante e di conoscere le abitudini di altri paesi, ma anche di custodire i rapporti con chi è più vicino! ) Alcuni dei partecipanti al Cofam ad Arzeno il 18 luglio ) Riunione in Buenos Aires in occasione del Cofam ) Nuova collocazione del quadro-ricordo degli emigrati nella scuola di Arzeno. 4) Il sindaco di Ne, Cesare Pesce, consegna a Rissetto Gino Benedetto (partito da Genova sul piroscafo Duilio all età di un anno) una copia del suo atto di nascita e una pergamena in ricordo del Cofam ) Alcuni dei partecipanti al Cofam a Buenos Aires il 4 ottobre 2009: sullo sfondo una fotografia scattata a Buenos Aires intorno al 1926, che ritrae un gruppo di Arzenesi emigrati. 4

13 EVENTI Dicembre Dicembre 2010 MESI SCORSI IN LIGURIA RICHIAMANDO CORREGIONALI DALL ESTERO rgentina, Perù e Cile per toccare la terra degli avi Pizzorni Day, il raduno dei Pizzorni giunti anche dal Perù Dopo circa cinque mesi di contatti e preparativi, domenica 16 maggio si è svolto alla presenza di oltre duecento persone presso la cittadina di Rossiglione in Valle Stura, paese di origine del cognome ormai diffuso in tutto il mondo, il primo raduno dei Pizzorni. L idea della convention è nata dalla creazione di un gruppo di Facebook dedicato a tutti coloro che portano il cognome Pizzorni nel Mondo. Silvio Pizzorni, rossiglionese doc, ha colto la sfida di creare il primo raduno internazionale di tutti i Pizzorni proprio a Rossiglione. Sono arrivate persone vicine, molti i rossiglionesi presenti, ma anche lontante provenienti da diverse parti d Italia, dalla Sicilia, per esempio, e dall estero: New York, Argentina e Perù. L incontro dei partecipanti, svoltosi davanti alla chiesa Parrocchiale di Santa Caterina nella borgata superiore di Rossiglione, è stato un momento emozionante: parecchi presenti hanno riabbracciato dopo molti anni vecchi amici e compaesani e si è subito creata un atmosfera fatta di strette di mano, scambi di cortesie e informazioni. Il Pizzorni day si è aperto con la celebrazione della Santa Messa officiata da Don Rinaldo Cartosio e cantata dalla corale diretta da Claudio Martini alla presenza delle autorità locali. Nel corso della funzione religiosa è stato reso omaggio agli antenati che contribuirono in modo significativo all edificazione della chiesa. Al termine il professor Tomaso Pirlo ha illustrato ai presenti alcuni particolari del locale patrimonio artistico esaltandone l immenso valore. Successivamente si è svolto un rinfresco presso il locale circolo degli Alpini, conclusosi con un brindisi collettivo e il taglio di una torta decorata con lo stemma originale dei Pizzorni. Dopo la conferenza del prof. Pirlo sul ruolo dei Pizzorni a Rossiglione a partire dal Medioevo, sono state consegnate due pergamene in argento: una per il Comune di Rossiglione nella quale sono incise le parole Pizzorni nel Mondo. Sempre fedeli alle nostre radici e alla Comunità a ricordo di questo evento, la seconda a Paolo Pizzorni proveniente dalla città di Lima (Perù) nella quale sono incise le parole: Pizzorni nel Mondo. La tua presenza è la testimonianza che le nostre radici non conoscono confini. Infine sono state consegnate a tutti i Pizzorni le pergamene fatte a mano in carta filogranata con lo stemma familiare in trasparenza offerte dal sindaco così motivate: «La comunità è lieta di accogliere i discendenti di questa antica Parentela che ha contribuito alla nascita e allo sviluppo del nostro paese, nella fierezza della lontana e comune appartenenza». Un concerto del Gruppo Vocale Tiglietese diretto dal maestro Claudio Martini, la visita alla Badia Cistercense di Tiglieto e al Museo Passatempo hanno concluso l intensa giornata. La locale emittente televisiva Telemasone ha seguito la cerimonia con interviste e riprese filmate portando a conoscenza di tutta la Valle Stura l evento dei Pizzorni. Molte sono state le testimonianze di apprezzamento anche attraverso Facebook, che si è dimostrato un mezzo importante di aggregazione. Nelle fotografie, alcuni momenti del raduno dei Pizzorni a Rossiglione lo scorso maggio, la torta e lo stemma dei Pizzorni. discendenti di un antica famiglia ligure, gli I Sgorbini, i cui antenati per motivi politici e di lavoro nei primi decenni del secolo scorso presero la via dell emigrazione in diversi paesi e continenti, dalla Francia al Sudamerica e all Australia, oggi legati esclusivamente dal medesimo cognome e dalla forte volontà di riscoprire le comuni radici, si sono dati incontro lo scorso 4 settembre ad Arcola, il popoloso comune della provincia spezzina nell estremo levante ligure, paese d origine e partenza dei loro avi. L incontro è nato dall idea di un gruppo di portatori dello stesso cognome ad Arcola, oggi costituiti in Associazione. Il lavoro di ricerca sulle origini di questa famiglia, sull etimologia del cognome e quindi sull attuale diffusione nel mondo dei suoi diversi componenti, ha, infatti, favorito lo sviluppo di fitte relazioni tra i diversi membri, soprattutto impiegando la rete e in particolare il sito www. myheritage. com (sito web della famiglia Sgorbini) e quindi consentito di riannodare i legami storici e affettivi tra i discendenti dei nostri connazionali emigrati e la loro antica terra di origine, il comune di Arcola e la Liguria. Lo scopo finale è stato dunque quello di favorire l incontro tra i discendenti viventi e oggi sparsi in numerosi contenti e province italiane, nel paese in cui tutto ha avuto inizio, ad Arcola, per sviluppare reciproche conoscenze e rinsaldare i legami affettivi con la terra di origine. L incontro, che ha conosciuto momenti di visibile commozione, è stato peraltro utile a far conoscere le diverse esperienze vissute dai nostri connazionali all estero nell integrazione con i paesi e le culture ospitanti, fornendo un piccolo contributo alla crescita della cultura dell integrazione tra la nostra gente, in una fase storica che ci vede sempre più impegnati nel ruolo di terra d immigrazione tra popoli diversi. L incontro è iniziato nella mattinata presso la Sala Consiliare del Comune, dove il vicesindaco Argenio Bertucci ha portato il saluto alla fitta delegazione presente e consegnato ai presenti una ricca documentazione storica del Comune e un apprezzato vocabolario del dialetto arcolano editi dall Ente Locale e che si sono sposati bene con una piccola Sgorbini nel mondo, la forza delle radici pubblicazione prodotta dall Associazione sulla ricerca storica svolta sulla famiglia Sgorbini dal 1500 ai primi del Novecento. La giornata è proseguita con visite guidate ai principali monumenti, alle antiche chiese, alla torre pentagonale e al centro storico millenario. Il pranzo si è svolto presso la settecentesca Villa Picedi che ospitava l annuale Rassegna dei Vini e la tradizionale Sagra della Polenta, mentre nel pomeriggio gli ospiti sono stati portati ad ammirare i gioielli del Golfo dei Poeti, dalla Baia di Porto Venere a quella di Lerici; qui si è concluso l incontro alla presenza dell assessore regionale all Emigrazione Enrico Vesco, che ha portato a tutti i partecipanti il saluto della Regione Liguria, sempre vicina e sensibile al raccordo con i Liguri nel mondo. 1) La visita al centro storico di Arcola. 2) Il saluto di commiato alla Baia Blu di Lerici, alla presenza dell Assessore Regionale Enrico Vesco. 3) Davanti al Municipio di Arcola

14 14 Dicembre 2010 Segue da pag. 11 dalle nostre comunità Valparaiso AMERICA LATINA Santiago CILE SANTIAGO (Cile) I Massone del Cile radunati allo Stadio Italiano lo scorso novembre. VALPARAISO (Cile) Fotografie del 52esimo pellegrinaggio italiano al santuario Mariano de Lo Vàsquez (tra Valparaiso e Santiago) svoltosi lo scorso 14 novembre. La Santa Messa è stata celebrata da Padre Giuseppe, che ha ricordato la fede mariana dei nostri avi, i loro pellegrinaggi ai santuari liguri della Madonna della Guardia, di Montallegro, della Madonna dell Orto, di Monteberico. La celebrazione è stata accompagnata dal coro Giuseppe Verdi della Scuola Italiana di Valparaiso e si è conclusa, dopo la benedizione, con l esecuzione del Va Pensiero dal Nabucco di Giuseppe Verdi. Ottavo anniversario del Belvedere Camogli La cerimonia commemorativa dell 8º anniversario del Belvedere Camogli si è svolta nella mattina di domenica 10 ottobre scorso. In tale occasione, in cui è stato ricordato anche il Bicentenario dell Indipendenza del Cile, la comunità della Scuola Italiana di Valparaiso Arturo Dell Oro e l Associazione Ligure di Valparaiso hanno consegnato tre mosaici raffiguranti Valparaiso e la Liguria. Il gruppo Remembranzas de Galicia e la Squadra Folcloristica Ligure si sono esibiti in danze e musica proprie della Spagna e dell Italia, due terre lontane molto legate nell affetto a Valparaiso. Si sono rivolti ai presenti, fra altri, Pablo Peragallo, presidente dell Associazione ligure a Valparaiso; Rodolfo Baffico, presidente dell Associazione Ligure del Cile; Jorge Castro, sindaco di Valparaiso, e la professoressa Carla Mazza Forno, preside della Scuola Italiana di Valparaiso, che ha rafforzato, attraverso le sue parole, l importanza di questo lavoro collettivo. I mosaici sono tre specchi che vengono a riflettere un unica immagine: paesaggi accoglienti abitati da gente semplice, devota delle sue credenze, rispettosa della sua particolare idiosincrasia. Questi pezzi multicolori di Valparaiso e Genova, uniti attraverso il faro che illumina il navigatore e il pescatore, senza distinzione di classi né di credo, parlano di coloro che sono già partiti, ma anche di quelli che continuiamo i loro passi. Ogni pezzo di pietra unito all altro sembra animarsi di una nuova vita che sconosce frontiere ed elimina controversie. Questo progetto è diventato possibile grazie all Associazione Ligure di Valparaiso, che lo ha finanziato, e a un gruppo importante della locale comunità scolastica: professori, genitori, personale ausiliare, ex alunni, e, in particolare, due alunne del terzo anno della scuola media superiore, Susana Melo e María José Vásquez, autrici dei disegni. Due luoghi tanto lontani e apparentemente così dissimili, come sono il Cile e l Italia, si sono fusi in uno solo, grazie all arte. Le immagini di questi mosaici entreranno a far parte, d ora in poi, della storia di Valparaiso. Colombo festeggiato a Valparaiso Lo scorso 11 ottobre i Vigili del Fuoco della Sesta Compagnia di Valparaiso hanno reso omaggio a Cristoforo Colombo scopritore d America e Patrono della Compagnia dei pompieri volontari, tutti di origine italiana. La cerimonia si è svolta alla presenza del sindaco di Valparaiso Jorge Castro e della console onoraria dell Italia a Valparaiso, che hanno deposto due corone di fiori sotto il monumento a Cristoforo Colombo posto in una delle vie principali della città. Sono stati cantati gli inni patri del Cile e dell Italia; poi c è stato il discorso del direttore della Compagnia Pierino Bavestrello. VALPARAISO (Cile) I tre mosaici Migrazione appesi sul muro del Belvedere Camogli. VALPARAISO (Cile) Rodolfo Saffico, presidente dell Associazione Liguri nel Mondo del Cile. VALPARAISO (Cile) La direttrice della Scuola Italiana di Valparaiso professoressa Carla Mazza Forno. VALPARAISO (Cile) Vigili del fuoco della 6ª Compagnia Pompieri di Valparaiso Cristoforo Colombo davanti al monumento a Colombo.

15 ra ss e g n a st a m p a v v v Dicembre

16 16 Dicembre dalle nostre comunità 2010 dalle nostre comunità PERÙ (tredicesima puntata) La crociera dei nostri emigranti sta quasi per volgere al suo termine, ma sa ancora riservare loro qualche bella sorpresa. Forse la nostalgia dei cari e della Liguria si sta attenuando con l aumentare della lontananza e con le attrazioni delle città e dei villaggi del nuovo mondo, che ad ogni sosta del Bologna i passeggeri scoprono con curiosità e coinvolgimento (illustrazione di Anna Maria Di Salvo). Venerdì 15 settembre Stamane ci alziamo contenti perché ci siamo avvicinati per oltre 270 miglia a Callao; alle 7 entrammo nel bel porto di Colon, con ciò abbiamo percorso in tutto miglia. Attracchiamo al molo 8; dirimpetto a noi c è il piroscafo Cristobal e dietro abbiamo il Santa Clara. Giovanni, Angelo e Silvio scendono subito a terra benché pioviggini. Da una carrozza ci facciamo portare subito all ufficio postale dove imbuchiamo fra lettere e cartoline ben 45 pezzi (e poi qualcuno dirà che non ci ricordiamo dei nostri cari!). Andiamo quindi in un ufficio di cambio per cambiare la moneta italiana in dollari e in libbre peruane, dopo di che ritorniamo a bordo in carrozza per fare il primo pasto: pasta asciutta e carne con ceci. Subito dopo scendono a terra Giovanni e signora, Elena, Dobrila, Minghitto, Angelo, Manuelo, Pippo, Silvio e Anna, che vanno a fare un giro per la più bella città del nostro viaggio. Strade ottime tutte asfaltate, case tutte basse e la maggior parte in legno, bei negozi quasi tutti di cinesi, molte automobili e numerosissime carrozze, abitanti quasi tutti cinesi e neri. Le donne entrano nei negozi a fare qualche compera, noi ci accontentiamo di ammirare qualche vetrina. Siccome non ci sono tramvai elettrici, si nota un fortissimo movimento di carrozze e di automobili che tengono tutti con precisione la loro sinistra. Da Lavagna a Callao: diario di un viaggio URUGUAY Prima di tornare a bordo andiamo nuovamente a imbucare un po di posta e a bere qualche bottiglia di Cola, paga Giovanni. Al secondo pasto abbiamo: pasta con ceci, tonno e cipolle e fagioli. Maria e Colomba sono rimaste a bordo. Subito dopo Manuelo, Silvio, il signor Bardi, Cordano, Natalin e Sestri ritornano in città. Girano moltissime vie, entrano a bere in qualche bar e paga Bardi; entriamo in un baltabarin e paga Cordano. Dopo continuiamo a girare per diverse ore, ma non sappiamo ancora che ci troviamo sempre nelle stesse strade..chissà forse non sapevamo più tornare a bordo Fra le tante troviamo un signorina che parla italiano e che ci invita a prendere il caffè a casa sua; rimaniamo un po male quando ci invita gentilmente a pagare un dollaro ciascuno: accidenti come costano cari i caffè a Colon! Ritorniamo a bordo a tarda ora soddisfatti di questa movimentata divertente città. Sabato 16 settembre. Ci alziamo contenti poiché siamo certi che anche oggi passeremo una bella giornata nella divertente Colon. Dopo il caffè scendono a terra Giovanni, Maria e Gulin; anche Manuelo, Silvio e Natalin vanno a passeggiare per la città. Notiamo un forte movimento al mercato, specialmente, pesci, carne e frutta. Maria e Giovanni fanno diverse compere e cambiano moneta italiana in dollari. Ottimo e caratteristico è l ordine con cui passano le numerosissime carrozze e automobili agli incroci delle dritte vie. Al primo pasto abbiamo: tanto per cambiare, riso con fagioli e carne. Per il resto della giornata non abbiamo fatto altro che girare per la città, divertendoci assai. Al secondo pasto abbiamo: pasta in brodo, uova, sardine e cipolle. Alla sera andiamo a visitare i grandiosi depositi di moli ai quali sono attraccati i seguenti piroscafi: Cristobal (Usa), Bologna (Italia); Santa Clara (Usa); Dintelik (Olandese), Colon (Usa), Roman Prince Ruahine Ossequibo (inglese), Imperial (Cileno). Andiamo ancora a fare un giro di piacere, e poi andiamo a riposare. Salto Tutti in posa alla consegna dei diplomi dei corsi di cucina organizzati dall Associazione Liguri di Salto, di cui è presidente Eduardo Supparo (a destra). AMERICA DEL NORD USA San Francisco I Salesiani di San Francisco in un libro A Genova il 16 dicembre scorso è stato presentato il volume di Francesco Motto Vita e azione della parrocchia nazionale salesiana dei SS. Pietro e Paolo a San Francisco ( ). Da colonia di paesani a comunità di Italiani, che prende in considerazione una vicenda italo-americana poco conosciuta, quella dell azione SAN FRANCISCO (Usa) La chiesa di SS. Pietro e Paolo. laborare fin da principio a costruire il futuro Stato, acquisendo posizioni di rispetto nella cultura, nel mercato e nella società. Fra i leader della comunità ligure vanno ricordati: Domenico Ghirardelli ( ) originario di Rapallo, il quale dopo alcune sperienze lavorative in Uruguay e in Perù, verso la metà dell 800 si stabilì a San Francisco dove si affermò nella produzione di cioccolato, dolci, vino e liquori; Andrea Sbarboro ( ) di Chiavari il quale a 13 anni partì da New York alla volta di San Francisco dove aprì un emporio di commestibili. Nel 1868 iniziò i suoi investimenti in beni immobili, divenendo rapidamente La copertina del libro di Francesco Motto presentato a Genova lo scorso dicembre. dei Salesiani incaricati della chiesa nazionale italiana dei SS. Pietro e Paolo di San Francisco (California) nei primi decenni del XX secolo. L opera, curata da Editrice LAS (Libreria Ateneo Salesiano, piazza dell Ateneo Salesiano 1, Roma. E mail it), si colloca nell ambito degli studi storici fermentati attorno alle celebrazioni del 150 dell Unità d Italia. Precedenti opere hanno già preso in esame l attività di alcune parrocchie italiane negli Stati Uniti, collocate prevalentemente nella zona orientale del paese, quella di maggiore densità immigratoria. Mentre New York rappresentava il primo porto di sbarco degli immigrati italiani e qui si fermavano in genere i ceti più poveri, San Francisco invece rappresentava una meta più lontana, obiettivo di coloro che si potevano permettere un costo di viaggio più elevato. Dunque, mentre a New York si formò prevalentemente una comunità composta da italiani provenienti dalle regioni del sud, più poveri e comunque meno disposti ad avventurarsi in terre sconosciute, San Francisco fu meta di immigrati settentrionali, in prevalenza liguri, i quali, grazie anche alle loro doti di navigatori oltre oceano, furono fra i primi a insediarsi in quelle terre così lontane. I liguri, anziché piegarsi a un habitat già costituito come i connazionali che si insediavano della Est Coast, poterono fortunatamente competere ad armi pari, su basi più o meno uguali, con tutti gli altri immigrati e così colpresidente di numerose società di Mutui e Prestiti. Nel 1880 fondò una cooperativa agricola la Italian Swiss Colony che trasformò la cittadina di Asti di California nella capitale del vino californiano; Marco Fontana ( ), nativo di Cerisola di Rezzoaglio in Val d Aveto, arrivato a San Francisco via New York, divenne commerciante di frutta riuscendo a fondare la Fruit Packing Corporation per inscatolare frutta fresca e successivamente avviò la Del Monte; Amedeo Pietro Giannini ( ) nato a San Josè da genitori originati di Favale di Malvaro dopo aver esercitato l attività di intermediazione di prodotti agricoli nel 1904 fondò una propria banca con un fondo di 300 mila dollari raccolti

17 dalle nostre comunità Dicembre fra un centinaio di piccoli azionisti del North Beach. Egli convertì una calamità naturale quale il terremoto del 1906 in sfida offrendo denaro ai propri connazionali per ricostruire le loro case. I dollari del 1904 crebbero sino a diventare 94 milioni nel Nel 1930 l Istituto divenne la Bank of America che nel 1945 era la banca privata più grande del mondo con oltre 3 milioni di depositanti; Frank Marini ( ) di Genova, che divenne presidente per alcuni anni della Società Italiana di Mutua Beneficenza. Riconosciuto come benefattore venne definito il sindaco onorario di North Beach e grazie alla sua mediazione molti italiani ottennero la cittadinanza statunitense; Carlo A. Dondero ( ) di Cicagna, il quale avviò una tipografia a San Francisco e successivamente promosse la fondazione della Camera di Commercio di cui fu segretario fino al 1904; Angelo Joseph Rossi ( ), anch egli di origini liguri fu sindaco della città per ben tre mandati dal 1931 al Fiorista di giorno e studente di notte divenne presto membro del Rotary Club poi presidente dell Ospedale Dante. Molti studiosi sostengono che il raggiungimento di un certo grado di benessere da parte della colonia italiana fu più rapido nella città di San Francisco rispetto alle altre Un Columbus day davvero speciale La sera di venerdì 8 ottobre scorso quasi 300 persone hanno partecipato alla Festa di Columbus Day nella sala del Fratellanza Club nella citta di Oakland, California. La serata è città statunitensi, proprio perché lì gli italiani fecero meglio dei loro connazionali di altre città. Di fronte al riconosciuto successo degli italiani di San Francisco nell economia, nell amministrazione e nell integrazione, l autore dell opera si domanda quale sia stato il contributo della parrocchia salesiana dei SS. Pietro e Paolo, con le sue pratiche, le sue tradizioni, le sue insistenze, le sue iniziative di solidarietà, di socialità e di promozione della leadership. La ricerca investe il periodo storico tra il 1897 (inizio dell attività salesiana a San Francisco) e il 1930, momento di maggior presenza di italiani in città, ma anche di integrazione nel tessuto sociale californiano della comunità italiana. Il volume traccia anzitutto il profilo del fenomeno migratorio tra Italia e Stati Uniti, particolarmente nell area di San Francisco, unitamente alle iniziative messe in atto dalla Chiesa cattolica per la cura pastorale e sociale degli immigrati. La parte centrale dell opera, sicuramente la più consistente, dopo aver analizzato la situazione degli italiani in città, descrive l insediamento dei Salesiani, negli anni dal 1897 al 1906, e il ruolo svolto dalla loro azione pastorale, sociale ed educativa nei confronti della comunità dei nostri connazionali e corregionali. La ricerca si conclude stata organizata dalla San Francisco Chapter dell Associazione Liguri nel Mondo e da il Ligure Club di Oakland. Con l occasione è stata festeggiata anche una trentina di membri dei Sestieri di Lavagna che erano appena arrivati a San Francisco per partecipare alla parata del Giorno di Colombo (vedi articolo nel riquadro). Presente anche con una valutazione interpretativa dei dati, per mettere in risalto «i ruoli prioritari giocati dalla chiesa etnica di San Francisco nella costruzione d una comunità ecclesiale e civile, attenta all educazione: il ruolo religioso, il ruolo sociale, il ruolo salesiano». Ci pare che nessuna ulteriore considerazione possa ritenersi più appropriata di quella contenuta nell introduzione al volume: «Oggi che l ex quartiere italiano di North Beach a San Francisco soccombe all allargarsi della China Town e al proliferare d attività turistiche, oggi che l italianità è colà rimasta nel nome e parzialmente nella religione, oggi che il ricordo di essa si sta perdendo inesorabilmente, anche se lentamente, sia all interno della società statunitense che in quella italiana, presentare una vicenda italoamericana poco conosciuta come quella dell azione dei Salesiani della chiesa nazionale italiana dei SS. Pietro e Paolo di San Francisco che ha coinvolto decine di migliaia di connazionali e li ha fatti Italiani dopo che da decenni era stata fatta l Italia sembra un dovere di giustizia ed un utile fare memoria del nostro passato, oltre che un acquisizione storica che viene a colmare un vuoto proprio alla vigilia del 150 dell Unità d Italia, un Unità invero ancora da costruire». Il volume, che si compone di 500 pagine, è disponibile nelle librerie al costo di 30 euro. il console generale d Italia a San Francisco, Fabrizio Marcelli. La cena, preparata dai cuochi del Ligure club, comprendeva antipasto, pasta al pesto e a u tocco, arrosto di manzo con contorno di verdure e patatine al forno poi il dolce. E vino bianco e rosso in abbondanza generosamente donato per la festa dalla famiglia Achiro, originaria di Sestri Levante e membro dell Associazione Liguri nel Mondo. Mentre i partecipanti cenavano, il master of Ceremony Joe Brignole ha introdotto diverse persone che hanno partecipato alla serata: il console Marcelli, Ubaldo Albino, priore reggente dei Sestieri di Lavagna, Joe Scodella, presidente del Ligure Club, e Joe Gardella, presidente della San Francisco Chapter dell Associazione Liguri nel Mondo che ha parlato nel nostro caro dialetto zeneize. La cena si è conclusa con Ma se ghe Penso cantata dall ottantenne Tony Vignale nativo di Portofino e con molte ripetizioni di Trilli Trilli con quasi tutta la sala ad accompagnare Tony. Dopo la cena la serata è continuata con un ballo liscio come gli anni 40 e 50. Come si dice in America, Everyone had a great time, cioè, tutti i partecipanti si son divertiti tantissimo. Domenica 10 Ottobre, i Liguri nel Mondo, i Sestieri di Lavagna e il Ligure Club si sono nuovamente riuniti per sfilare uno dopo l altro alla parata di San Francisco che onora il grande Navigatore Genovese. Da Bartolomeo Fieschi, compagno di Colombo, ai Sestieri di Lavagna: cinque secoli di Liguria in America Quinta trasferta americana, in ottobre 2010 a San Francisco, per il gruppo storico dei Sestieri di Lavagna che celebra ogni 14 agosto, dal 1949, le tradizioni medievali dei Fieschi conti di Lavagna. Un ritorno, in un certo senso, che ha il valore di un omaggio a uno dei personaggi più celebri della casata: l ammiraglio Bartolomeo Fiesco, compagno di Colombo e comandante della Vizcayna nel quarto viaggio (1502) in cui vennero toccate Haiti, Cuba, l attuale costa dell Honduras e Panama. Bartolomeo Fiesco fu anche protagonista di un avventuroso viaggio alla ricerca di aiuti per Colombo bloccato in Giamaica, e fu testimone della sua morte il 20 maggio del 1506 a Valladolid. I Sestieri, i Fieschi e l America: un legale riallacciato nel 1992 con la prima, grandiosa trasferta del gruppo per il Columbus Day del Cinquecentenario a New York: oltre 170 partecipanti, un centinaio dei quali hanno sfilato in costume medievale per la Fifth Avenue, gli incontri con gli italiani e i liguri di Manhattan capitanati da Carlo Romairone, il ricevimento con musica e danze alla serata di gala del Waldorf Astoria di New York, ospiti d onore David Dinkins, Mario Cuomo, Alberto Tomba, Luciano Pavarotti e Paul Sorvino, poi il gemellaggio con Belleville nel New Jersey, sindaco allora una giovane e brillante avvocatessa italoamericana, Marina Perna. I Sestieri sono diretti dal priore reggente professor Emilio Albino ( ), matematico e informatico genovese, direttore dell Istituto di Matematica Applicata del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Genova: tra i suoi allievi, negli anni 70, anche il primo astronauta italiano, il ligure (di Busalla) Franco Malerba. Il gruppo torna al Columbus Day nel 1995 e nel 1997, poi una lunga pausa servita per celebrare in Italia i cinquant anni della festa che ogni anno porta a Lavagna circa diecimila persone e si è nel corso del tempo allargata fino a proporre nella prima metà di agosto quasi due settimane di eventi storici e non solo quindi il ritorno nel 2009, ancora a New York. Una trasferta preparata con cura, addirittura con una puntata in estate negli Usa, dal nuovo priore reggente Ubaldo Albino, figlio di Emilio, con l assistenza e i consigli dell amico Carlo Romairone. Due le parate che hanno visto il gruppo protagonista: quella, fantasmagorica, del 12 ottobre che nel 2009 cadeva proprio di lunedì e quella dell 11 ancora a Belleville, per rinsaldare i vincoli del gemellaggio con Lavagna. Ancora accolti dall avvocato Marina Perna e salutati dal governatore David Paterson come unico gruppo ligure presente. Sempre l 11 ottobre i ragazzi dei Sestieri capitanati ora - sono stati ospiti della famiglia Zazzali che ha preparato per gli amici liguri un banchetto da re. Della delegazione di Lavagna faceva parte, nel ruolo del conte Opizzo Fiesco, anche l assessore comunale al Turismo, Mauro Armanino. La trasferta ottiene l appoggio concreto e il contributo economico della Regione Liguria nella persona dell assessore all Emigrazione Enrico Vesco, che sosterrà i Sestieri anche per il progetto dell anno successivo. Per il 2010 si decide di cambiare location: a San Francisco il 10 ottobre si celebra la Il priore dei Sestieri di Lavagna Ubaldo Albino a San Francisco durante la serata di gala del Columbus day (ottobre 2010). 142esima Annual ù italian heritage parade, la più antica celebrazione della città e il primo Columbus Day celebrato negli Stati Uniti dal lontano Tra le migliaia di figuranti anche il console italiano Fabrizio Marcelli, che in onore dell industria e dell ingegno italiano ha sfilato su una Fiat Cinquecento decappottabile, ammiratissima. Ancora una volta la trasferta americana dei Sestieri è stata preparata con l aiuto e il supporto di amici liguri: in questo caso Joseph Gardella e Joseph Brignole. Fitto il calendario degli appuntamenti e delle accoglienze riservate ai ragazzi dei Sestieri: tra le principali una cena, l 8 ottobre, con oltre 300 partecipanti e la presenza del console Marcelli. Il 12 ottobre, il gruppo è stato ospite a Sonoma della tenuta-azienda vinicola di Richard Cuneo. Ad attendere i Sestieri un magnifico BBQ (barbecue) preparato da Angelo Ibleto, straordinario chef di Sesta Godano (Val di Vara, La Spezia), a San Francisco dal 1965, vincitore nel 2001 del Campionato mondiale di Bbq. Ibleto, manco a dirlo, è uno storico nome della famiglia Fieschi: sarà una coincidenza? Forse. Fatto sta che Sesta Godano, come tutta la Val di Vara, è un territorio che storicamente è appartenuto ai Fieschi: a Varese Ligure è conservato il caratteristico Borgorotondo dominato proprio dal castello dei Fieschi. Nel corso della giornata ci è stato preparato un BBQ stupendo dove abbiamo avuto l onore di conoscere il mitico Edward Galletti, in gambissima nonostante i suoi 95 anni, fondatore dell omonima pasticceria di Favale di Malvaro, ma soprattutto fondatore dell Associazione dei Liguri nel Mondo: una realtà che ha messo radici in tutto il pianeta e che onora la Liguria e i suoi figli. I Sestieri di Lavagna torneranno negli Stati Uniti prossimamente, per portare ancora una volta le tradizioni, la storia e la cultura della Liguria e incontrare i tanti amici che hanno saputo farsi apprezzare e ben volere con il loro lavoro, con il loro talento, con la loro straordinaria carica umana. Mugugno a parte. MARCO RAFFA eschi.com - Due momenti della parata del Columbus day dello scorso ottobre a San Francisco. I nostri Joe Gardella e Joe Brignole durante la parata. I Sestieri a San Francisco nel 2009.

18 18 Dicembre dalle nostre comunità 2010 dalle nostre comunità EUROPA SVIZZERA La gita annuale della Faels Domenica 19 settembre si è svolta l annuale gita sociale degli iscritti alla Faels. Molto nutrita la partecipazione dei soci, riuniti presso la Società di navigazione del Lago di Zurigo in attesa del presidente della Faels, Franco Barabino, con il suo consueto sorriso e il suo carisma. Lieve brezza mattutina e sole: la gita non si sarebbe potuta programmare per una giornata migliore. Sul battello come in altre occasioni in molti si sono eclissati da bravi monelli in vacanza, venendo così esclusi dalle fotografie di gruppo. Durante il tragitto, il battello ha tocche trovò in Svizzera la sua seconda Patria. La risonanza entusiastica all inaugurazione della Colonna della libertà ideata da un professore svizzero e portata a compimento nel 1868, considerando la buona predisposizione della Svizzera nell accogliere molti profughi polacchi, il Conte investiva la sua influenza e i suoi mezzi finanziari per adibire alcune sale del castello all esposizione permanente della storia polacca; l insieme divenne col tempo un centro di irredentismo di militanza e speranza per tutti i profughi polacchi sparsi in molti Paesi europei e d oltre mare. Alla base della Colonna della libertà è incisa la frase latina Magna res libertas (la libertà è una grande cosa), a testimonianza svizzera in comunanza di ideali con i popoli che lottano per la propria libertà e indipendenza. E il luogo divenne il ritrovo di ogni manifestazione d indipendenza polacca sino al 1927, quando la Polonia divenne nuovamente uno stato indipendente. Seguirono poi dodici anni di pace relativa SERGIO GIOVANNELLI Torneo di bocce Cinque Terre Il 30 ottobre scorso si è svolto il tradizionale torneo di Bocce Trofeo Cinque Terre organizzato dalla Federazione Ligure in Svizzera (Faels) e ogni anno sempre più in pericolo per la mancanza di fondi. Ben 70 i partecipanti di quest edizione, che ha premiato i primi quattro classificati con oggetti in filigrana, e cioè: Juric Ante BC CROAZIA (primo posto), Farina Francesco BC USTER (secondo posto), De Seta Giuseppe UB Winterthur e Azzato Luigi UB Winterthur (terzo posto), Scura Sandro Pro Ticino Zurigo e Cipolla Settimo BC HÖRI (quarto posto). A consegnare i GIBILTERRA Joe Gardella, presidente dell Associazione Liguri nel Mondo di San Francisco (USA), redige con cadenza stagionale un bel notiziario in angloamericano, A Voxe do Cigno, nel quale si trova sempre qualche spunto originale. Nel numero autunnale del 2010 ha pubblicato queste righe sui Liguri a Gibilterra, e crediamo che non gli dispiacerà se ne riportiamo la traduzione italiana su Gens Ligustica. Un paio d anni fa, scrissi un articolo sui genovesi stabilitisi a Gibilterra e sui loro cibi, specialmente la panissetta. Recentemente, mi ha fatto ricordare quell articolo il seguente titolo su premi il presidente della Faels Franco Barabino con il vicepresidente Emilio Balestrero, e il presidente del Gruppo Tony Lombardo (fotografia tratta dal sito Antonio Lombardo, nuovo sindaco di Gibilterra dalle origini Varazzine. Tradotto [dall italiano per i lettori anglofoni, N.d.T.] significa che il nuovo sindaco di Gibilterra, Antonio spezzini di Winterthur Dal Forno. A conclusione delle premiazioni, un aperitivo offerto dalla Federazione. Lombardo, è originario di Varazze. Tony, così è chiamato, è stato educato in Inghilterra. La storia della sua famiglia risale al 1004, in Provenza, Francia. Nel 1974, durante la Rivoluzione Francese, lasciarono la Francia e finalmente si stabilirono a Varazze. si occuparono di costruzioni navali e traffici marittimi con Gibilterra. A quel tempo, la comunità genovese costituiva il 50% della popolazione di Gibilterra. Attualmente, circa il 20% ha un cognome genovese. Il sindaco Lombardo ha promesso di erigere un monumento agli immigrati italiani, per lo più genovesi, perché tutti loro hanno dato il loro contributo a questo piccolissimo avamposto definito Colonne d Ercole. Dopo aver formulato gli auguri di Varazze al nuovo sindaco, l articolo finisce con Zena! Zena!. cato diversi scali sulla rotta di tutta la fascia collinare prospiciente il grande lago definita comunemente Costa dorata per le numerose ville edificate da persone facoltose. Dopo circa due ore di viaggio, si giungeva alla meta finale della gita, la città di Rapperswil e il suo famoso castello, sede anche del Museo Polacco. Turisti fra turisti, ormai si era fatto mezzogiorno, la prima sosta è in un tipico ristorante italiano. Quindi il gruppo si avviava per le vie medievali verso la collina su cui si erge il castello, costruito nel 1200 e teatro di cruenti e sanguinosi passaggi di proprietà fino agli inizi del XVIII secolo. Agli occhi dei gitanti liguri il maniero è risultato alquanto interessante, poiché ha abbracciato genti, luoghi e destini diversi ma con l unico denominatore nella Svizzera Terra d asilo in primis. Alla fine del XVIII secolo la Polonia venne divisa fra la Russia zarista, i reami di Prussia e Austria e dunque, come paese indipendente, spariva dalla carta geografica europea. I moti di ribellione contro le forze occupanti tra il 1830 e il 1863 furono repressi sanguinosamente, costringendo migliaia di patrioti all esilio forzato. Fra loro anche il conte Plater Wladislaw, OCEANIA AUSTRALIA Sydney Domenica 22 agosto 2010, presso l Associazione Napoletani di Leichhardt, l Associazione Liguri nel Mondo ha celebrato il Ferragosto. Il leggero ritardo sulla data di calendario, dovuto a vari motivi, non ha contribuito a far sembrare le condizioni climatiche della giornata più simili al Ferragosto italiano: la giornata era alquanto fredda e i molti partecipanti erano più che contenti di infilarsi letteralmente all interno degli accoglienti locali dell Associazione Napoletani. Un abbondante antipasto e un sostanzioso primo piatto (più qualche bicchiere di rosso) hanno rapidamente riscaldato gli animi. Poi è partito l intrattenimento offerto dal duo Ursino-Emmi, che ha intercalato le successive portate, cucinate come al solito dallo staff di cucina dell Associazione Napoletani. Proprio la regolare e coinvolgente presenza del duo, più altre persone che si sono alternate sulla pista e al microfono, ha reso l atmosfera briosa e allegra. Liscio e musica folk italiana hanno fatto da padroni, interrotti solo dalla consueta lotteria a premi, sempre ben accolta dai presenti. Il pomeriggio, proprio grazie all atmosfera creatasi, si è prolungato più del solito, con buona soddisfazione dei presenti che, purtroppo, uscendo dal locale, si sono nuovamente dovuti rendere conto del fatto che questo Ferragosto non era certamente uguale a quello celebrato in Italia! L Associazione Liguri nel Mondo di Sydney ringrazia come al solito l Associazione Napoletani per l ospitalità e tutti coloro che hanno contribuito a fare della giornata un buon successo. Due momenti della festa di Ferragosto celebrata dall Associazione Liguri nel Mondo di Sydney. Da Sydney un ponte con le Cinque Terre Nonostante lo scandalo che sta circondando le Cinque Terre in questo momento, non bisogna dimenticare tutte quelle persone e sono davvero moltissime che hanno contribuito, in buona fede e spesso disinteressatamente a trasformarle in un gioiello oggi famoso in tutto il mondo. A cominciare dai vecchi che hanno costruito con gran fatica i muretti a secco, ai volontari che hanno sistemato i sentieri a picco sul mare, per continuare con quei giovani che si sono fatti in quattro, lavorando per anni come cuochi, autisti, guide, nei centri di accoglienza e negli uffici senza nessuna garanzia di una carriera nel futuro e senza nessun programma specifico di formazione e che oggi si trovano a rischio di perdere il loro posto di lavoro. Anche dalla lontana Australia è arrivato un contributo su scala internazionale. Stiamo parlando di Barbara Raffellini originaria di Riomaggiore ma che ora vive a Sydney da dove dirige un agenzia di comunicazione. Dal 1999 ad oggi Barbara Raffellini ha elaborato una campagna promozionale ad hoc, consolidando e innovando l immagine delle Cinque Terre in tutto il mondo. Tra le sue iniziative di maggior spicco internazionale, l ideazione e la creazione di alcune delle più originali partnership per il Parco come il gemellaggio con la Grande Muraglia Cinese, le collaborazioni con i parchi nazionali delle Blue Mountains in Australia e il Fiordland in Nuova Zelanda, e Barbara Raffellini gli scambi scientifici e culturali con l Università Monash a Melbourne. All inizio della sua collaborazione con le Cinque Terre nel 1999, Barbara Raffellini aveva presentato una relazione Un tassello di un più vasto disegno. Un approccio olistico per la sfida delle Cinque Terre all Iccrom l ente creato dall Unesco per la tutela dei monumenti e siti di maggior importanza. Il Parco Nazionale delle Cinque Terre non era ancora nato, ma questo documento già sottolineava le sfide del territorio e individuava delle strategie per salvaguardarlo. Tra i numerosissimi suggerimenti spiccava una proposta concreta: creare un ente indipendente che coordinasse tutti gli interventi ed avesse le sue radici nella comunità. Per leggere il resoconto di alcune delle numerose iniziative e attività svolte da Barbara Raffellini per il Parco Nazionale delle Cinque Terre dal 1999 al 2010 si può visitare la pagina web su

19 rassegna stampa Dicembre `

20 20 Dicembre rubriche 2010 rubriche dal Genovesato Splendide ville del Tigullio dalla barca (i.d.) Farida Simonetti, direttrice della Galleria Nazionale di Palazzo Spinola in piazza Pellicceria a Genova, ha ideato una interessante e originale manifestazione, giunta quest anno alla seconda edizione dal titolo Per mare, di villa in villa. Alla scoperta dell architettura della costa. Si tratta di una conferenza in battello, un ora circa di navigazione su una motonave della società di trasporti marittimi Golfo Paradiso, che nell estate del 2009 ha visto quasi mille partecipanti ascoltare attentamente Silvia Barisione, storica dell arte della Wolfsoniana, illustrare le ville costruite tra Eclettismo e Razionalismo lungo la costa tra il Porto Antico e Camogli. Quest anno il tema della conferenza, tenuta da Caterina Olcese della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Liguria, era Grandi Alberghi e Ville della Belle Epoque nel golfo del Tigullio. I partecipanti si imbarcavano a Genova e a Camogli e la conferenza aveva inizio davanti al faro di Portofino, con l osservazione del Castello Brown, dal nome del console inglese a Genova Montague che dal 1870 ne affidò il restauro all architetto Alfredo D Andrade per adibirlo a dimora; della Villa Altachiara, costruita negli anni dell Ottocento per Lord Carnavon, egittologo che finanziò gli scavi della tomba di Tutankamen; del Castello Odero, oggi Costa Ardissone, edificato da Gino Coppedè per l industriale ligure Attilio Odero, proprietario degli omonimi cantieri navali fondati nel 1886; del Castello di Paraggi (poi Bonomi Bolchini), realizzato a fine 800 su un antica fortificazione dall ingegner Tamburelli, in forme neogotiche ed eclettiche, per il fratello di Montague, Frederick Brown. Navigando verso est e oltrepassata dall Imperiese A Imperia festa del gusto e dell eco-sostenibile (i.d.) Il 18 e 19 settembre scorsi ha avuto luogo a Imperia, lungo la Calata Cuneo (nella foto tratta dal sito www. sanremonews.it), la manifestazione MareTerra di Liguria - Il gusto di un territorio, frutto della collaborazione tra Fondazione Carige, Regione Liguria, Slowfood Liguria e altre istituzioni liguri, che si stima abbia avuto già nella prima giornata 5 mila visitatori. L evento era strutturato in modo da focalizzare l attenzione su alcuni aspetti della produzione e del consumo agroalimentare e ittico ligure. Il mercato, con una quarantina di produttori artigianali locali, per ricordare che ogni nostro acquisto di cibo influisce sulle politiche sociali e ambientali, e non solo a livello locale ma addirittura mondiale. L oleoteca, con più di venti aziende presenti a testimoniare la ripresa della coltivazione dell olivo su tutto l arco della nostra regione: molti giovani sono tornati a coltivare oliveti da tempo abbandonati, puntando sulla qualità e con grandi benefici per l occupazione e per l assetto idrogeologico del territorio. L enoteca, con anche qui oltre venti la Cervara, in Santa Margherita si vede la Villa Costa Lo Faro, opera dell architetto Luigi Rovelli che fu anche il costruttore del distrutto Castello Raggio di Cornigliano; e poi il Grand Hotel Miramare, uno dei più sontuosi e antichi alberghi della zona, frequentato da Gabriele D Annunzio e da Eleonora Duse e sede, nel 1933, di alcuni esperimenti di Guglielmo Marconi; la Villa Luxardo, in stile neogotico veneziano; la Villa Durazzo, appartenuta ai Centurione e trasformata in Grand Hotel a inizio Novecento, dove nel 1904 soggiornò la regina Margherita. Proseguendo verso Rapallo (in una foto d epoca) si vede l Imperiale Palace Hotel, costruito nel 1889 come villa della famiglia Costa, che ospitò esponenti di famiglie reali di tutta Europa e dove fu firmato nel 1922 il trattato di Rapallo, che sanciva la pace separata fra Russia e Germania; il Continental Hotel, del 1904, uno dei tanti alberghi fondati dalla famiglia Ciana, giunta da Novara a fine Ottocento, dove fu ospite la moglie di Wagner; la Villa del Trattato, in stile Tudor, fatta costruire nel 1915 dal marchese Ugo Spinola e così chiamata perché lì nel 1920 fu firmato un accordo con il quale l Italia e il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni stabilirono consensualmente i confini dei due Regni, con il congiungimento di Gorizia e Trieste allo Stato Italiano; la Villa Pagana, anch essa a lungo proprietà degli Spinola che la lasciarono nel 1958 all Ordine di Malta. Più avanti ancora il Kursaal, costruito nel 1901 dall architetto Cuneo, ritrovo dei turisti stranieri della Belle Epoque con sale di lettura, da concerto, verande, giardino d inverno, biliardo, cabine per i bagni di mare, collegato con il retrostante New Casino Hotel, poi divenuto l Excelsior Palace, aperto nel 1908, opera dell architetto svizzero Verrey. Nelle vicinanze del Castello di Rapallo si vede l Hotel Europa, il più antico e per molto tempo anche l unico grande albergo della cittadina; era in origine il settecentesco palazzo Serra che ospitò nel 1815 Papa Pio VII e nel 1821 Vittorio Emanuele I; affittato nel 1868 per essere adattato ad albergo, due anni dopo ospitò clandestinamente Giuseppe Mazzini e nel 1877 fu acquistato da Angelo Prandoni, che lo ristrutturò e nel 1901 lo riaprì come Grand Hotel Europe, con ascensore, acqua corrente, riscaldamento centrale, saloni da pranzo, biliardo, fumoir, biblioteca, servizio di vetture per la stazione e per gite e una cappella per i culti non cattolici. Infine, arrivati davanti a Zoagli si vede la Villa Merello, costruita da Gino Coppedè intorno al 1913, e il massiccio Castello di Sem Benelli, realizzato nel 1914 su disegno dell architetto Giuseppe Mancini per l autore de La cena delle beffe. produttori e la possibilità di degustare i tipici vini liguri, in prevalenza bianchi, ottenuti in qualche caso da coltivazioni che sperimentano la progressiva riduzione dell impiego di prodotti chimici, a tutto beneficio dell ambiente e della nostra salute. Gli incontri: con Gian Battista Oliveri, classe 1932 e alassino di Moglio, l ultimo dei tonnarotti, cioè dei liguri che fino alla metà del 900 andavano a fare la stagione nelle tonnare di Carloforte in Sardegna; con Salvatore Marchese, giornalista autore del libro Acciuga regina. Storie e ricette di un pesce turchino ; con Libereso Guglielmi, che divenne giardiniere con il professor Mario Calvino (padre di Italo) nella tenuta di Villa Meridiana a Sanremo, è stato capo giardiniere presso l Università di Londra e ha poi girato il mondo per ampliare e approfondire le sue conoscenze botaniche, che ora ultraottantenne gagliardo mette a disposizione specialmente delle scolaresche; con Mario Buccella, contadino in Ortovero (SV) e Alberto Arossa di Slow Food Italia, che hanno parlato della stagionalità dei prodotti e delle coltivazioni tradizionali e rispettose dell ambiente; con alcuni giovani produttori di vino delle Cinque Terre, sull esperienza del Parco Nazionale e del recupero degli antichi spettacolari terrazzamenti che erano da tempo in progressivo abbandono; con Cinzia Scaffidi, direttrice del Centro Studi di Slow Food e autrice con Silvestro (Silvio) Greco del libro Guarda che mare, conversando di biodiversità, riscaldamento del pianeta, inquinamento, metodi di pesca, specie ittiche in pericolo, possibili soluzioni a livello istituzionale e di comportamenti individuali; infine una tavola rotonda sul progetto ambiente di Slow Food Liguria. Non sono mancati i momenti musicali: con la Bandarotta Fraudolenta, composta da dieci elementi, somigliante più alle street band di New Orleans che alle nostre bande tradizionali; con i Lou Dalfin, un gruppo che, affiancando agli strumenti tipici della tradizione (vioulo, pivo, armoni a semitoun, pinfre, arebebo, viouloun, ecc.) basso, batteria, chitarra e tastiere, si propone di rendere fruibile dal maggior numero di persone la tradizione musicale occitana, ossia della terra di lingua d Oc che si estende in tutto il sud della Francia, da Bordeaux e Tolosa a Nizza e Briançon, fino a comprendere, in Italia, alcune valli alpine in provincia di Cuneo e di Torino. dal Savonese Un santuario dalla storia secolare (i.d.) Il santuario di Santa Maria a Finalpia (nella fotografia), borgo che con Finalborgo e Finalmarina forma il comune di Finale Ligure, conserva di un antecedente chiesa citata già nel 1302 alcuni archi a sesto acuto e il bel campanile a bifore in pietra del Finale, che ben documenta la transizione dal romanico al gotico. Nel 1477, sotto il Marchese Galeotto del Carretto, alla chiesa fu affiancato un monastero per i monaci benedettini olivetani, ampliato successivamente anche in tempi recenti fino a comprendere due grandi chiostri. Nel primo 700 la chiesa fu ricostruita in forme barocche su disegno di Gerolamo Veneziano da Noli, detto il Fontanetta, e arricchita da un sontuoso dallo Spezzino Sarzana città da scoprire prima e dopo il Festival della mente (i.d.) Dal 3 al 5 settembre 2010 si è svolta a Sarzana la settima edizione del Festival della mente, il primo festival europeo dedicato alla creatività, diretto da Giulia Cogoli e promosso dalla Fondazione Carispe e dal Comune di Sarzana. Dalle 12 mila presenze della prima edizione, nel 2004, articolata in 20 interventi nel corso dei quali personalità di spicco nell ambito del sapere umanistico e scientifico, delle professioni, della psicologia e delle neuroscienze, dell arte in tutte le sue espressioni, intrattenevano il pubblico sempre ad alto livello, la manifestazione è via via cresciuta fino ad arrivare alle 40 mila presenze dell ultima edizione. Il festival dura sempre tre giorni, ma gli eventi sono diventati 72, dei quali quasi la metà dedicati a bambini e ragazzi tra i 4 ed i 14 anni. Gli incontri con scienziati, scrittori, artisti, musicisti, psicoanalisti, neuroscienziati, filosofi, storici e attori si sono svolti in vari luoghi del centro storico della città: la bella piazza Matteotti, sulla quale si affaccia altare in marmo policromo donato nel 1728 dai conti Prasca. Nel monastero sono custodite molte pregevoli opere d arte: una Madonna col Bambino di Nicolò da Voltri; una Vergine allattante col Bambino, una Pietà e una Vergine col Bambino e S. Giovanni Battista in ceramica di scuola robbiesca; un grande tabernacolo quattrocentesco con la Crocifissione e quattro Santi laterali; pregevoli arredi lignei cinquecenteschi, fra cui una ricca cornice decorata a grottesche, opera di fra Antonio da Venezia. Nel 1799 l invasione napoleonica portò lo scompiglio nel monastero, che solo nel 1905, dopo vari avvicendamenti tra secolari, olivetani e cassinensi, è stato affidato definitivamente ai benedettini sublacensi. Un libro recente, Abbazia benedettina di Finalpia - restauri e studi (Sagep, 2010), ne ripercorre la storia dalle origini al periodo delle soppressioni, analizzando con particolare attenzione il ricco patrimonio storico-artistico del complesso, i restauri architettonici alla chiesa e al campanile e il restauro delle superfici pittoriche. il Palazzo Comunale, il Chiostro di San Francesco, il Teatro degli Impavidi (il secondo, per capienza, in provincia della Spezia), il cinema Italia, piazza Capolicchio, la Sala Canale Lunense, piazza Cesare Battisti e in diversi ambienti della Fortezza Firmafede, poderosa e integra fortezza della fine del 400. È possibile vedere gratuitamente tutti gli incontri sul sito dal quale ci si può anche iscrivere alla newsletter per essere tempestivamente informati su tutte le novità, in vista dell ottava edizione dal 2 al 4 settembre 2011: per chi fosse intenzionato a partecipare, sul sito ci sono anche tutte le notizie utili per arrivare a Sarzana e per organizzare pasti e pernottamenti, che per l alto numero di presenze è necessario prenotare con largo anticipo. A prescindere dal Festival della mente, Sarzana merita comunque una visita accurata in ogni periodo dell anno, e di questo ci si può rendere facilmente conto navigando un po nel bel sito del Comune, org, dal quale è tratta la piantina della città.

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

da Nelson Spano Spano cerca Piccolo

da Nelson Spano Spano cerca Piccolo da Nelson Spano Il bisnonno Luis Del Piccolo (proprietà Nelson Spano) Spano cerca Piccolo Sono oriundo di emigrati italiani per il Brasile. I miei nonni paterni sono della Basilicata, provincia di Matera,

Dettagli

DA VIGODARZERE EMIGRATI IN SUD AMERICA

DA VIGODARZERE EMIGRATI IN SUD AMERICA DA VIGODARZERE EMIGRATI IN SUD AMERICA Testimonianza di Maria Rosa Ranzato (classe 1937), via Europa Vigodarzere del 20 febbraio 2010: Il giorno 13 giugno 2008 incontrai mio cugino Bepi, presso una trattoria,

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

BAROCCO E...NON SOLO

BAROCCO E...NON SOLO BAROCCO E...NON SOLO 28 Maggio 5 Giugno 2010 Paestum Amalfi L ALBA DEI TEMPI Paestum Area Archeologica Tempio di Nettuno dalla Notte del 28 all Alba del 29 Ore 3,00 L ALBA DEI TEMPI è un evento sicuramente

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

di Lendinara serate del

di Lendinara serate del a 35 sorriso del sagra cucina buona della e di Lendinara dal 10 al 15 luglio 2015 serate del PESCE: 10 11 12 serate del RISOTTO: 13 14 15 2 35 a Sagra paesana di RASA - 10-15 luglio 2015 Cari concittadini,

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

GIOCHIAMO INSIEME 2009

GIOCHIAMO INSIEME 2009 GIOCHIAMO INSIEME 2009 Sport Disabili,2009-10-12 PRESENTATA VI EDIZIONE Sport e disabilità Giochiamo Insieme 2009 - manifestazione provinciale del disabile - GENOVA 12 18 0TTOBRE 2009 Una settimana di

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

La guerra e la bambina 1938-1948

La guerra e la bambina 1938-1948 La guerra e la bambina 1938-1948 Tea Vietti LA GUERRA E LA BAMBINA 1938-1948 racconto Dedico questi appunti di guerra ai miei figli: Antonella e Alberto e ai miei nipoti: Fabio, Luca, e Alessia, perché

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof.

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof. Dopo il successo di Ierilaltro Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno Renzo Zerbato Torna con L ultima farfalla RENZO ZERBATO L ultima farfalla Con la collaborazione del prof. Giuseppe Corrà

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

IL L. C. ROMA PARIOLI E LA CELEBRAZIONE DEL 7 CENTENARIO DELLA SCOPERTA DELLE ISOLE CANARIE

IL L. C. ROMA PARIOLI E LA CELEBRAZIONE DEL 7 CENTENARIO DELLA SCOPERTA DELLE ISOLE CANARIE Newsletter n.1529 del 23 Giu 2012 00:05 Rubrica: Iniziative Lions IL L. C. ROMA PARIOLI E LA CELEBRAZIONE DEL 7 CENTENARIO DELLA SCOPERTA DELLE ISOLE CANARIE Il L. C. Roma Parioli fa da tempo parte del

Dettagli

Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato e delle associazioni private

Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato e delle associazioni private con il Patrocinio di Regione Lazio Assessorato alle Politiche Sociali e Promozione della Salute Presenta Atti del Convegno Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati

Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati Sardegna, la grande diaspora. Il libro di Gianni De Candia, per anni alla guida del Messaggero sardo, il giornale per gli emigrati di Salvatore Tola Nel pomeriggio di lunedì 4 aprile 2016, nella Sala Transatlantico

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 Anche quest anno ormai sta volgendo al termine. Con tanta gioia nel cuore posso

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Roma, 12 settembre 2012 Ai Presidenti provinciali Ai Presidenti regionali Ai Consiglieri nazionali Ai Referenti regionali per il settore pedagogico Alle Segreterie provinciali

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

Racconti popolari giapponesi

Racconti popolari giapponesi Adriana Lisboa Racconti popolari giapponesi traduzione di Natale P. Fioretto Graphe.it edizioni 2013 UN PAIO DI PAROLE DELL AUTRICE S e sei arrivato fino a qui, se hai aperto questo libro, probabilmente

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Lo scorso sabato 1 dicembre 2012 i padiglioni fieristici di Pordenone hanno

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org

20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org 20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org Cari Amici e Benefattori, incominciamo con qualche bella notizia. Layupampa, in BOLIVIA, è un paesino di 500 persone con 150

Dettagli

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo!

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Monza, 30 maggio 2016 Comunicato stampa Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Parco e Autodromo - Sport e Cultura Domenica 12 giugno 2016 FAIrun nasce dalla volontà di unire cultura

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la IV edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la IV edizione del concorso forma Torino, 17 settembre 2014 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la IV edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS Elenco dei Soci aggiornato al 15 marzo 2007...2 Cariche sociali al 15 marzo 2007...2 Consenso al trattamento dei dati personali...2 Lettera ai Soci...3

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore.

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. 1.Nome e Cognome: Francesca Chiaveri Il settore primario: 2.Ragione sociale dell azienda: Per procurarsi un lavoro e costruire un futuro. 3.Sede dell azienda:

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino

Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino ANNIVERSARI Domenica 15 giugno, a Magenta (MI), si è svolta la cerimonia celebrativa del 35 Anniversario del Corpo Volontari del Parco del Ticino.

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

A CHI DI COMPETENZA. Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona. Verona, giugno 2014. Gentili Signori,

A CHI DI COMPETENZA. Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona. Verona, giugno 2014. Gentili Signori, A CHI DI COMPETENZA Verona, giugno 2014 Spettacolo teatrale: ROMEO Le avventure di un gatto di Verona Gentili Signori, Vi sottoponiamo in allegato la scheda dello Spettacolo di Teatro per bambini di figura

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Dipinti, Sculture, Uniformi, Decorazioni, Armi antiche e Documenti Storici in un Percorso Tematico che Racconta la Storia del Regno d Italia www.collezionesabauda.it

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Il Vice Sindaco di Cuorgnè Candido Ghiglieri è icortesemente intervenuto al concerto

Il Vice Sindaco di Cuorgnè Candido Ghiglieri è icortesemente intervenuto al concerto 7 ottobre 2007 Nella chiesa della SS. Trinità, a Cuorgnè, con il Patrocinio della Città, APiCE ha organizzato un concerto lirico in memoria del tenore Emilio Alloero. In apertura il neurologo Prof. Enrico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

GlobalVen la banca dati degli imprenditori e dei professionisti veneti nel mondo

GlobalVen la banca dati degli imprenditori e dei professionisti veneti nel mondo GlobalVen la banca dati degli imprenditori e dei professionisti veneti nel mondo 12 marzo 2013, ore 17.00-18.30 Apindustria Vicenza - Galleria Crispi 45, Vicenza A cura dell Avv. Aldo Rozzi Marin 1 Associazione

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2008. Certificazione riconosciuta dall ICC

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2008. Certificazione riconosciuta dall ICC Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2008 Scrivi il tuo nome e cognome

Dettagli