GLI EROI CHE CI DANNO SPERANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI EROI CHE CI DANNO SPERANZA"

Transcript

1 Anno 16 numero 2 novembre 2012 SENTITAMENTE GRAZIE! CALENDARIO MEZZAGHESE 2013 A Dicembre verrà distribuito da persone autorizzate il calendario 2013 Il tema del calendario sarà il Centenario dell'asilo Ferrario Antonio Solcia Dopo averla guidata per nove anni, Antonio Solcia ha lasciato la Presidenza dell Associazione Volontari di Mezzago, per sopraggiunti impegni di famiglia. Non intendiamo limitarci ad un elenco, più o meno lungo di cose fatte: ma, soprattutto far conoscere le modalità con cui ha svolto questo ruolo. Se volessimo dare una definizione potremmo rifarci a Cavour: il tessitore. Ha ereditato un associazione in pieno sviluppo, impegnata su vari fronti, basata sull entusiasmo di un gruppo di giovani (più per l entusiasmo che per l anagrafe), e ne ha, a sua volta guidato la crescita, e la diffusione sul territorio. In questo percorso ha dovuto prestare particolare attenzione a controllare gli entusiasmi e l esuberanza dei volontari, cercando, nello stesso tempo, di favorire l inserimento dei nuovi arrivati e l affiatamento con i vecchi (ovviamente per l anzianità di iscrizione e non per l anagrafe). Per garantire un servizio e un servizio fatto bene, infatti, non sempre è sufficiente dire di sì: occorre anche verificare le risorse disponibili, organizzare le persone tenendo conto delle loro qualità e disponibilità, tenendo tuttavia presenti anche gli aspetti di rispetto delle normative, e di correttezza per quanto riguarda la parte amministrativa e quella economica, ma soprattutto delle necessità degli utenti per far si che si instaurasse un rapporto di amicizia tra i volontari e gli utenti stessi: non solo quindi utenti di un servizio ma anche amici che si danno una mano. Per questo Antonio Solcia ha svolto, questo ruolo di tessitore, senza particolari protagonismi, ma con tutta la propria disponibilità, assicurando il coordinamento dei volontari dentro l associazione e il collegamento tra l associazione, le istituzioni e la popolazione, garantendo tutte le premesse per poter effettuare i servizi che venivano richiesti all associazione. Va, infatti, tenuto presente che gli utenti di molti dei servizi svolti dall Associazione sono in modo (segue in ultima pagina) Copertina Calendario Mezzaghese 2013 GLI EROI CHE CI DANNO SPERANZA Il Corriere della sera di sabato uno settembre ha pubblicato l ultima intervista del cardinale Martini, scomparso dolorosamente... Due tematiche toccate nell intervista, nelle intenzioni del Cardinale devono essere affrontate dentro la Chiesa ma, al tempo stesso, secondo lo spirito di questa figura, non possono essere tralasciate nella riflessione laica, nella società civile e, perché no, nella politica. La prima è la tematica del ritardo.., e l altra è la tematica delle figure eroiche. Su entrambe rivolgiamo alcune domande al nostro Sindaco affinché risponda con parole di rassicurazione o, almeno, di speranza per la comunità in questi giorni in cui tutti abbiamo bisogno di qualche certezza. Gentilissimo signor Sindaco, mi rivolgo a Lei citando la severa affermazioni del Cardinale Martini, La Chiesa è indietro di 200 anni senza trionfalismo, perché in questa nostra attualità, purtroppo, se la Chiesa è in ritardo, la politica, o i politici che ci governano, non brillano per celerità e lungimiranza nelle decisioni. A suo parere, quali potrebbero essere attualmente le decisioni più urgenti e vicine ai problemi della politica locale? In questi anni di amministrazione ho spesso trovato una comunità forte, con una tradizione viva e ricca di umanità. Ho incontrato persone pronte al dialogo con un apertura culturale e spirituale che anche gli accadimenti avversi di questi anni non sono riusciti a sradicare. Oggi, leggendo i giornali, si è portati a pensare che si stia sprofondando sempre più in basso. L immoralità è dilagante, a tutti i livelli della società; la disattenzione verso la politica è crescente ed è aumentata la voglia di dire la propria. Dovremmo però purificare lo sguardo, magari aiutati da mezzi di comunicazione più coraggiosi. I cambiamenti avvenuti sono tanti, ma vanno letti in modo accorto: il progressivo impoverimento delle famiglie ma, al tempo stesso, l aumento della pratica della solidarietà; il peggioramento delle prospettive di stabilità per il lavoro dei giovani ma, insieme, le accresciute opportunità formative e culturali; l aumento della ricchezza per pochi, l indebitamento crescente per molti. I deboli oggi sono gli anziani, le persone sole, gli immigrati, le famiglie che faticano ad avere le risorse (segue in ultima pagina)

2 LA VOCE DEI GRUPPI CONSILIARI SPENDING REVIEW e AUMENTO IMU Le ragioni di scelte impopolari A luglio il decreto legge n 95/2012, meglio conosciuto come SPENDING REVIEW, ha determinato un taglio ai trasferimenti che, unito al meccanismo di compensazione tra introiti IMU e Fondo Sperimentale di Riequilibrio, comporta minori entrate per circa euro sul bilancio di previsione già approvato. Questo taglio non può sommarsi all azione di contenimento della spesa che da anni abbiamo messo in campo, senza avere conseguenze importanti sull erogazione dei servizi; specialmente perché ci costringe a tagliare sull anno in corso, con impegni già assunti e servizi già operativi. L Amministrazione non intende fare ulteriori tagli alla scuola e ai servizi sociali che riguardano principalmente i minori e gli anziani; vuole mantenere l impegno con le associazioni culturali e sportive e con il Centro di Aggregazione Giovanile che svolgono un ruolo importante per i giovani mezzaghesi e le loro famiglie; vuole confermare l importanza della Biblioteca come luogo di cultura e aggregazione sociale. Al momento del taglio il Governo aveva già consegnato ai Comuni lo strumento con cui poter ovviare alla riduzione dei servizi: l aumento delle aliquote IMU, consentito fino al 31 ottobre La scelta che abbiamo assunto è stata quella di aumentare fino al 5 per mille l aliquota IMU sull abitazione principale, perché secondo noi la categoria altri fabbricati è già stata pesantemente colpita (l imposta è più che raddoppiata rispetto al 2011), e perché in molti casi il sistema delle detrazioni sull abitazione principale azzera l imposta dovuta. In termini generali con l aumento approvato il gettito dell IMU sulle abitazioni principali sarà uguale al gettito della vecchia ICI sulla prima casa dell anno Alcuni esempi ricavati da casi reali aiutano a capire l entità dello sforzo che richiediamo ai cittadini: - immobile di categoria catastale A7 classe 2 (abitazione in villini) con rendita catastale di 540,00 senza figli paga su base annua 287,20 al posto di 189,76, un aumento pari a quindi 97,44 l anno; - immobile di categoria catastale A2 classe 2 (abitazioni di tipo civile) con rendita catastale di 500,00 senza figli paga su base annua 253,60 al posto di 162,88, un aumento pari a quindi 90,72 l anno; - immobile di categoria catastale A3 classe 3 (abitazione di tipo economico) con rendita catastale di 302,00 senza figli paga su base annua 83,92 al posto di 27.13, un aumento pari a quindi l anno; - immobile di categoria catastale A4 classe 2 (abitazione di tipo popolare) con rendita catastale di 188,51 senza figli non ha dovuto pagare niente con la vecchia aliquota e continuerà a non pagare. Il quadro di incertezza economica e le nuove misure che saranno introdotte dal Governo anche per i Comuni sotto i abitanti, (applicazione del Patto di Stabilità, riduzione della possibilità di indebitamento, obbligo di accorpamento delle funzioni, ulteriore riduzione dei trasferimenti, ecc..) renderanno l azione di governo dei piccoli Comuni ancora più difficoltosa e in sostanza priva di qualsiasi autonomia nelle scelte amministrative. Sarà quindi sempre più difficile in uno scenario privo di risorse programmare investimenti in nuove opere o in manutenzioni straordinarie. Nel futuro il lavoro dell Amministrazione sarà rivolto a garantire i servizi ai cittadini; le priorità e le nostre attenzioni saranno poste soprattutto verso la scuola, i servizi sociali agli anziani e all utenza più fragile, all impegno verso i giovani e verso le associazioni presenti sul territorio. Giorgio Monti Un aiuto concreto ai terremotati dell'emilia CAMPOSANTO, COMUNE IN PROVINCIA DI MODENA, VUOLE RIPARTIRE DALLE SCUOLE Incontro con gli Amministratori Comunali Il 5 agosto una delegazione mezzaghese ha fatto visita al Comune di Camposanto, in provincia di Modena. Camposanto si trova nella zona più colpita dai sismi del maggio scorso, con danni tutt oggi visibili e con ancora alcune decine di persone accolte nella tendopoli della Protezione Civile. I contatti con l Amministrazione Comunale di Camposanto sono nati quasi per caso all interno di una assemblea tra le associazioni mezzaghesi, e subito ci siamo interessati alla campagna di raccolta fondi per ricostruire il polo scolastico del paese, dopo che i due terremoti hanno pesantemente compromesso il vecchio edificio delle scuole. Il Sindaco, signora Antonella Baldini dopo averci raccontato di quei giorni e di come si è dovuta confrontare con l emergenza e con un esperienza tanto nuova quanto drammatica, ha tenuto a sottolineare l importanza di ripartire dalle scuole e dai bambini, per tornare alla normalità e alla serenità. Alcune associazioni e realtà mezzaghesi hanno subito dimostrato la loro solidarietà destinando alcune risorse a questo progetto, durante la nostra visita abbiamo anche messo a disposizione del Sindaco Antonella Baldini l esperienza di Mezzago sulla bioarchitettura, dato che la ricostruzione delle scuole seguirà questa impostazione Per chi volesse contribuire alla campagna di raccolta fondi, ecco le modalità: Bonifico intestato a: Comune di Camposanto Causale: ADOTTIAMO LE SCUOLE IBAN: IT 76 Q CC BEATI GLI ULTIMI!! FORSE ANCHE I PRIMI. Basta un confronto con i Comuni a noi vicini per capire dove stanno gli ultimi e i primi. Ultimi nell aver realizzato un isola ecologica degna di questo nome. Ultimi nell aver realizzato una quasi circonvallazione esterna al paese per altro senza una pista ciclopedonale. Ultimi nell avere un camposanto strutturato in maniera decente nonostante gli ultimi interminabili interventi e con vasche di acqua stagnante con pesci (poveri animali) che dovrebbero ovviare all inconveniente delle zanzare, ma forse le troppo zanzare si sono mangiati i pesci. Ultimi ad avere un servizio di vigilanza sottodimensionato di personale, con grande difficoltà per chi svolge ora questo servizio indispensabile per la comunità. Ultimi ad avere indirizzi e laboratori tecnologici nella scuola, senza considerare un mondo del lavoro che cambia per i nostri giovani, perché musica e giornalismo risulteranno essere il futuro di pochi, la maggioranza dei nostri giovani sarà sicuramente indirizzata su temi diversi. Primi nel devolvere soldi delle tasse dei cittadini alle solite associazioni delle quali sono in pochi a beneficiarne. Primi nel verde pubblico, sì, quello sui marciapiedi, che a volte nasconde le troppe buche e c è anche il verde nelle aiuole che nasconde la vista a chi viaggia in automobile. Primi nell avere una viabilità a dir poco sconvolgente con strade dissestate e con evidente carenza di parcheggi. Primi nell avere un elevato numero di incidenti in così poco tempo sulla nuova circonvallazione considerata pericolosa da molti cittadini. Buona fortuna a tutti i cittadini, ne abbiamo veramente bisogno, perché in qualche cosa bisognerà pur cambiare. I consiglieri PDL-LEGA 2

3 COMITATO GENITORI MEZZAGO Il Comitato Genitori di Mezzago impegnato nella collaborazione con la scuola. L anno che si è chiuso a giugno é stato un anno impegnativo per tutti: corpo docente, genitori, lavoratori della scuola, studenti, tutti messi alla prova dai continui tagli perpetrati da più parti; ormai è sempre più difficile poter offrire ai nostri figli un istruzione di qualità, la scuola pubblica è in debito d ossigeno e le previsioni sono tutt altro che positive. Il Comitato Genitori, da parte sua, ha cercato e cercherà nei prossimi anni se ci verrà ancora consentito sia con offerte culturali che con campagne informative, di coinvolgere genitori e studenti in attività che possano in qualche modo integrarsi con il Piano di Offerta Formativa della nostra scuola. Il percorso LEGALITÀ e DINTORNI realizzato nell anno scolastico ha permesso ai nostri studenti e, in alcune occasioni, anche a noi genitori, di incontrare personalità di rilievo quali l ex magistrato Gherardo Colombo, Don Gino Rigoldi, Nando Dalla Chiesa, gli scrittori e giornalisti Anna Sarfatti, Alex Corlazzoli, Alessandro Robecchi, Luigi Garlando e molti altri. Tutto ciò è stato possibile grazie ad un lavoro di rete che il Comitato Genitori ha voluto ed è riuscito a realizzare solo grazie alla collaborazione di realtà quali la Biblioteca, il Bloom ed il prezioso sostegno e contributo del Comune di Mezzago senza il quale nulla sarebbe stato possibile: il percorso non ha infatti avuto alcun costo né per la scuola né per i genitori ma il suo Gherardo Colombo con i rappresentati del Comitato Genitori e l'assessore all'istruzione Roberta Brioschi valore crediamo sia da ritenere considerevole. Non meno importante ci sembra sia stata la campagna informativa relativa alle prove Invalsi, indipendentemente dall opinione che ognuno ne abbia: come sempre abbiamo sostenuto, il nostro obiettivo è fornire un informazione corretta affinché i genitori possano decidere liberamente quale scelta assumere; per tale ragione ci auguriamo che in futuro, in caso di opinioni divergenti, si scelga la via del dialogo e del confronto che certamente risulterà essere più costruttiva e propositiva per tutta la scuola (genitori, studenti, docenti, dirigenza). Certi del buon riscontro del percorso Legalità e Dintorni il Comitato Genitori di Mezzago sta già lavorando ad un nuovo progetto per questo anno scolastico che avrà come tema conduttore Le Passioni : ancora una volta sarà un lavoro realizzato in rete, con il coinvolgimento e la collaborazione di tutte le realtà locali che vorranno partecipare e dare il loro contributo. Mezzago è un paese ricco di associazioni e di persone desiderose di partecipare e di esserci: il Comitato Genitori, quindi, Vi aspetta per organizzare insieme iniziative o anche solo perché siate presenti. Indirizzo mailing list: COMITATO GENITORI MEZZAGO INTERCULTURA, UN OCCASIONE DI CRESCITA Studenti viaggiano e studiano ospiti in famiglia Cosa ha spinto Mario e Fabiana Rusconi ad ospitare per un anno una ragazza di Hong Kong che ha frequentato il liceo linguistico Vanoni a Vimercate, mentre la loro figlia Alessia, studentessa del liceo sociopsicopedagogico è stata un anno in Brasile, a Porto Alegre? Le ragazze stesse ci spiegano con entusiasmo le finalità di Intercultura, l associazione a cui hanno aderito per realizzare questa esperienza, che ha già costituito una tappa importante della loro vita. Le incontriamo presso la Comunità famiglia di villa Brasca, abitazione di Alessia, e ancora Alessia Rusconi ed Helena Cheung per qualche giorno anche di Helena, prima che ritorni ad Hong Kong. Helena, nata nel 1995,qui in Italia non ha frequentato la terza, ma la seconda ed ha avuto un programma adattato alle sue esigenze e alla sua limitata conoscenza dell italiano, a cui ha dovuto dedicare molto tempo. Ora lo capisce bene e lo parla, con qualche incertezza: Io sono una ragazza timida, questa esperienza mi ha reso più sicura, ho più iniziativa, sono più coraggiosa. La didattica è stata molto impegnativa per lei, ma a scuola si è trovata molto bene, soprattutto con gli studenti, attraverso il Centro di Monza ho conosciuto anche altri ragazzi ospiti qui di Intercultura: tedeschi, svizzeri e anche brasiliani e dominicani. Alessia è più estroversa, esprime con entusiasmo gli aspetti positivi di questa esperienza: Conosco la cultura brasiliana, parlo portoghese, ho acquisito maggiore apertura mentale, vedo il mondo più piccolo. Il cambio di famiglia ha significato per lei anche apprendere alcune competenze pratiche come le pulizie di casa o lavare i piatti. Per Helena venire a Mezzago ha significato entrare in una dimensione in cui la vita ha ritmi più lenti e le persone sono molto più tranquille: Hong Kong e più veloce ed è tutta di cemento, qui ho assaporato il rapporto con la natura. Alessia ha fatto meno riferimento al Centro locale di Intercultura, inoltre ha approfittato di una visita dei suoi genitori, ed ha visitato con loro Rio de Janeiro, Iguassu e ha toccato anche L Argentina e il Paraguay. Mentre arriva un gruppo di ragazze a salutare la tranquilla e composta Helena, la comunità si appresta ad una grigliata di commiato in giardino in suo onore. Intercultura, movimento internazionale di volontariato di circa 3000 Soci Volontari, riuniti in 130 Centri Locali (tra cui quello di Monza), è un associazione culturale, (nata nel 1955) riconosciuta Ente Morale con decreto del Presidente della Repubblica n. 578 del e posta sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri. L Associazione organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento sugli scambi culturali per presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni. Inoltre ha ideato per prima gli scambi scolastici con l estero per studenti delle scuole medie superiori e da più di cinquant anni manda ogni anno oltre 2000 ragazzi italiani a vivere presso una famiglia e a studiare in un altro Paese ed accoglie in famiglie italiane circa 600 giovani di tutto il mondo. Tutto questo per favorire l incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo, infatti la mission di Intercultura è contribuire alla pace nel mondo favorendo la conoscenza fra giovani di culture diverse. AA Direttore responsabile Antonio Colombo Capo redattore Alberto Aquili Registrazione al Tribunale di Monza N 1805 del 23/05/2005 Consulente informatico Nick Radaelli Fotografie Studio Giudicianni & Biffi Progetto grafico e Stampa Tipolitografia Riva Villasanta Hanno collaborato Associazione Mondo a colori, Alice Filippelli, Andrea Brambilla, Alberto Baldrighi, Anne Colette Ricciardi, Davide Ravanelli, Francesca Cicogna, Giancarlo Brioschi, Gianenrico Passoni, Giorgio Iannucci, Giorgio Monti, Giulia Fumagalli, Lorenzo Oggionni, Luca Vitali, Maria Mesh, Marta Carzaniga, Matteo Gironi, Maurizio Salamana, Michele Bonanomi, Roberta Brioschi, Rosa Bavetta, Sonia Riva, Tiziano Favalli, Ivan Fedeli e i Mezzaghini. 3

4 TAGLIO DEL NASTRO PER LA NUOVA PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA XXV APRILE. Un traguardo importante per l amministrazione comunale, per CEM Ambiente e per tutti i cittadini di Mezzago che possono ora disporre a pieno titolo di un servizio essenziale per una corretta e efficace gestione dei rifiuti. Grazie alla nuova struttura, organizzata, pulita ed efficiente, sarà infatti possibile conferire con semplicità le diverse tipologie di rifiuti / materiali che troveranno nuova vita grazie al riciclo o che potranno essere smaltiti in tutta sicurezza e nel rispetto dell ambiente. Fondamentale come sempre la collaborazione dei cittadini che dovranno conferire le frazioni di rifiuti suddividendoli per tipologia ed utilizzando gli appositi contenitori, provvedendo in maniera autonoma alle operazioni di scarico ed attenendosi alle indicazioni fornite dal personale. Realizzata da CEM Ambiente SpA su metri quadrati di superficie, di cui 163 adibiti a tettoie per la raccolta dei rifiuti urbani pericolosi, la piattaforma è di proprietà CEM Ambiente che ne curerà anche la gestione. Costata euro è la quarantaduesima di 43 piattaforme ecologiche CEM. A Mezzago si potranno depositare sino a 19 tipologie di rifiuti compresi i RUP (rifiuti urbani pericolosi) e i RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ). Ecco in dettaglio l elenco dei materiali da portare in piattaforma: Carta e cartone, Vetro (bottiglie e lastre) Plastica dura (arredi e materiali da giardino, cassette della frutta, giocattoli, ecc ) Polistirolo espanso e polietilene Rottami ferrosi e metallici Pile scariche e batterie per moto e autovetture Televisori e lampade al neon Componenti elettrolitici ed elettronici Cartucce e toner per stampanti e fotocopiatrici (con alcune limitazioni) Rifiuti chimici domestici (contenitori per collanti, vernici, T o F, ecc ) Residui vegetali (erba, fogliame, ramaglie) Oli e grassi vegetali e animali Oli e grassi minerali Medicinali scaduti Siringhe usate Rifiuti domestici ingombranti Elettrodomestici in genere, frigoriferi, frigocongelatori e simili Inerti - macerie - (con alcune limitazioni) Legno. Orari di apertura martedì giovedì sabato orario estivo 1/04-30/ orario invernale 1/10-31/ L accesso in piattaforma è regolamentato e consentito solo ai cittadini residenti a Mezzago e più precisamente: - a tutte le utenze domestiche - alle utenze non domestiche quali le aziende artigianali, commerciali o produttive di servizi e provenienti da insediamenti civili in genere (fabbricati con destinazione abitativa) intendendosi per tali: edifici che non rientrano nel settore degli impianti industriali. Attualmente la verifica della residenza e la registrazione degli ingressi è affidata al personale addetto alla piattaforma. È in programma, entro la fine del 2012, la messa in funzione di un controllo automatico degli ingressi mediante l utilizzo della Carta Regionale dei Servizi (tessera sanitaria) per le utenze domestiche o della CEM Card per le utenze non domestiche. In dettaglio le norme per l accesso e l utilizzo della piattaforma sono descritte nell apposito regolamento disponibile in municipio e sul sito web comunale. Con l apertura della nuova piattaforma ecologica non sarà più possibile conferire alcuna tipologia di rifiuto presso il vecchio centro ingombranti di via Pace o presso la stazione ecologica di Bellusco. Con l occasione segnaliamo un ulteriore piccolo ma innovativo servizio a supporto della raccolta differenziata, il DIZIONARIO DEI RIFIUTI, uno strumento gratuito che permette di consultare l elenco dei rifiuti del proprio Comune; un sito e un applicazione per smartphone che risolve ogni dubbio sul corretto conferimento dei rifiuti. Ci si collega (www.dizionariodeirifiuti.it) si inseriscono due dati e in un attimo si è geolocalizzati, si digita il nome del materiale da riciclare (quelli che ci si ostina a chiamare rifiuti) e viene subito indicato come dove e quando conferirlo. ll Dizionario dei Rifiuti contiene ad oggi più di 1000 tipologie di materiale ed è valido in tutta Italia avendo raccolto la catalogazione dei rifiuti delle principali aziende di raccolta rifiuti italiane. Mezzago è uno dei primissimi comuni in Lombardia a sperimentare tale strumento. I riferimenti si trovano alla home page del sito comunale. Michele Bonanomi Assessore a Territorio, Ambiente e Sostenibilità I cittadini partecipano all inaugurazione Il Sindaco Colombo al taglio del nastro con la Presidente del CEM 4 Servizio fotografico Studio Giudicianni & Biffi

5 IL SINDACO DI RIACE AL BLOOM PER LA RASSEGNA RESTIAMO UMANI Domenica 23 settembre Il BLOOM, all interno del ciclo di incontri dal titolo Restiamo umani ha invitato il sindaco di Riace, Domenico Lucano,per presentare un modello atipico di governo locale e di accoglienza nei confronti degli immigrati. Al tavolo dei relatori erano presenti il Sindaco di Mezzago e il presidente provinciale di Libera. Numerosa la partecipazione di cittadini. Presenti tra il pubblico anche i sindaci di Carnate e di Ronco Briantino. L associazione interculturale Mondo a Colori di Bernareggio, aveva divulgato l esperienza di Riace già nel febbraio 2011, proiettando il film Il volo di Wim Wenders, che ben rappresenta lo spirito che anima Domenico Lucano e i suoi concittadini. Riace, piccolo paese della Locride, è conosciuta per i famosi Bronzi, emersi dal profondo del suo mare. Dallo stesso mare sbarcano, nel 1998, i primi profughi curdi. Domenico Lucano non è ancora sindaco, sarà eletto la prima volta nel Insieme con i suoi concittadini ritiene che vada data una risposta ai bisogni di queste persone. Fondano un associazione interculturale e insieme iniziano a lavorare. Riace è un paesino quasi deserto a causa dall emigrazione dei sui cittadini. Case vuote si affacciano dalla collina che domina il mare. Case abbandonate e cadenti. I pochi cittadini sostengono le proposte di Domenico e, in modo creativo, danno concretezza all accoglienza. Vengono ristrutturate alcune case vuote col permesso dei loro proprietari emigrati al nord e vengono assegnate ai Il Sindaco di Riace Domenico Lucano profughi; aprono laboratori artigianali recuperando arti e mestieri del passato. Offrono così opportunità di lavoro a giovani locali e a immigrati nella produzione di manufatti e prodotti tipici;aprono la scuola di italiano e, in attesa dei fondi statali a sostegno del loro progetto, stampano cartamoneta per permettere ai nuovi cittadini di acquistare i generi di necessità presso i negozi locali. Domenico Lucano nella sua testimonianza ha spesso ripetuto che per lui e per i suoi cittadini quanto fatto rientra nella normalità della vita. Ora Domenico è sindaco per la seconda volta e l accoglienza conosce nuove sfide, sollecitata dai continui sbarchi. Una bella storia, che purtroppo si scontra ogni giorno con innumerevoli ostacoli. Lucano e un suo collaboratore hanno dovuto ricorrere allo sciopero della fame per sbloccare i fondi stanziati a sostegno del suo progetto. Ha subito intimidazioni pesanti da parte della criminalità organizzata, ma non è mai sceso a compromessi. Sulla porta del suo ufficio in municipio si legge: Il sindaco riceve sempre tutti i cittadini e, se a qualcuno capiterà di visitare Riace, scoprirà che l accoglienza è un valore per tutti i suoi cittadini. Grazie Domenico, grazie Riace. Ci state insegnando che la politica, a tutti i livelli, ha un senso alto quando offre ai più deboli la speranza di una vita dignitosa. Avete dato speranza a molte persone e un esempio alle nostre ricche città. Associazione Interculturale Mondo a colori Bernareggio I BAMBINI BIELORUSSI ANCORA UNA VOLTA A MEZZAGO Un progetto che si consolida grazie al volontà e all'aiuto dei mezzaghesi Il nostro è un comitato che fa riferimento all associazione Help for children di Cornate d Adda, associata Anpas (associazione nazionale di pubblica assistenza). Lavoriamo da anni sul territorio di Mezzago per accogliere bambini, provenienti da zone della Bielorussia particolarmente colpite dal disastro di Chernobyl, per dei soggiorni di salute. Il progetto iniziale prevedeva l accoglienza dei bambini in famiglia con una formula di affido temporaneo. Dal 2010 però abbiamo deciso di ridare vitalità al comitato e all iniziativa che, piano piano, stava andando scemando: le famiglie che ospitavano i bambini erano sempre meno e i volontari che si occupavano dell associazione anche. Così grazie all aiuto consistente del Comune di Mezzago e della Pro Loco siamo riusciti ad organizzare una nuova tipologia di accoglienza: i bambini, provenienti da uno stesso villaggio (Pribor), vengono ospitati per un mese intero tutti insieme all interno della struttura scolastica mezzaghese, con una loro insegnante di scuola (Irina) e una traduttrice (Olga). Affinchè il progetto funzioni nel migliore dei modi, un gruppo di volontari si incontra durante tutto l anno all incirca ogni due settimane per organizzare al meglio ogni dettaglio: iniziative per raccolta fondi, logistica, programma della permanenza estiva, etc. Per quanto riguarda quest anno in I bambini Bielorussi con le accompagnatrici Irina, Olga e col genitore italiano di cui Olga è stata ospite per diversi anni Palazzo Archinti : cena organizzata dai volontari della Pro Loco particolare, i bambini che abbiamo ospitato erano 10 (5 maschi e 5 femmine) di età compresa fra gli 8 e i 9 anni. Hanno pernottato nella scuola elementare in due aule adibite a stanzette, con lettini e armadi. Durante la settimana frequentavano l oratorio feriale, avendo così la possibilità di intrattenere relazioni anche con i bambini italiani, che incuriositi chiedevano molte informazioni alla traduttrice su come vivano i bambini in Bielorussia. A questo riguardo è importante dire che il nostro progetto vuole puntare soprattutto all integrazione. Crediamo fortemente che l accoglienza debba creare soprattutto uno scambio culturale e debba tendere a una maggiore integrazione, qualcosa di fondamentale al giorno d oggi. A questo scopo organizziamo incontri nelle classi elementari e medie di Mezzago per spiegare ai bambini cosa sia stato il disastro di Chernobyl, come si possano aiutare i nostri ospiti, come si possa comunicare con loro nonostante l ostacolo della lingua. Durante in periodo di permanenza dei bambini bielorussi inoltre programmiamo attività di ogni tipo nei week end aperte a tutta la cittadinanza e rivolte soprattutto alle classi elementari (equitazione, gita a Leolandiapark, attività di manipolazione a scuola, etc.). Per quanto riguarda gli aspetti logistici ci affidiamo alle strutture presenti sul territorio di Mezzago. Quest anno i bambini pranzavano alla mensa comunale (gli anni precedenti in oratorio invece) e cenavano a palazzo Archinti, dove un gruppo affiatato di volontari della Pro Loco ci ha dato un aiuto molto consistente, non solo cucinando per i bambini ma anche creando un ambiente gioioso e accogliente. Altra iniziativa importante sono state le visite mediche: i bambini hanno avuto la possibilità di essere visitati da un dentista ma soprattutto da medici pediatrici del San Gerardo di Monza. Andrea Brambilla 5

6 UN INTERVISTA CONDIVISA Alberto Aquili e Maria Mesch Noi ti conosciamo come artista milanese con radici in Brianza, confermi? Non mi sento tanto milanese, al momento forse di via Padova e dintorni, e poi di tanti luoghi un pò l alta Franconia e Selb dove sono nata, un pò i luoghi dove ho vissuto tanto o poco. Dopo 11 traslochi penso che le radici vere sono quelle che ci lasciano i luoghi e le persone infatti sono tornata a Mezzago a distanza di anni e mi sono ritrovata come se i dieci e passa anni trascorsi non fossero poi cosi tanti. Maria Mesch Ok, ma le radici artistiche? Vanno di pari passo con la vita quotidiana, però hai ragione: mentre ho studiato a Milano e fatto piccole cose in spazi occupati poi sono venuta a vivere prima a Osnago poi a Lomagna, gli anni brianzoli se penso a Mezzago, al Bloom, a Osnago dove ho incontrato uno dei miei maestri di vita, Alberto Casiraghy, sono stati anni veramente significativi, mi ricordo Giuseppe Valcamonica, Gigliola Tomasina ma anche Mavi Ferrando, Philopat, Giorgio del Basso e Museo Teo e altri di Milano, conosciuti però a Mezzago. In quegli anni era facile proporre, realizzare... se penso a Gira L arte con installazioni per tutta Mezzago, ne ho parlato giusto con Teresa durante i lavori dell installazione. Era una delle prime iniziative in cui ho chiesto patrocinio a un comune, e allora come ora ho trovato un accoglienza, un attenzione che fa si che poi le cose vengano bene, che è molto molto difficile trovare altrove... E a Milano ora, come va con Pisapia? Aiuto, è una cosa delicata ma in effetti durante i lavori per la nostra installazione ci ho riflettuto molto, vivendo giornate a Mezzago. Con un bimbo piccolo ti chiedi delle volte se il luogo dove farlo crescere bene sia quello giusto. Sicuramente in via Padova il solo fatto che non ci siano più i militari è un sollievo. In inverno stavano con motore acceso sul marciapiede bloccando le strisce pedonali, e nei giorni di bel tempo controllavano assieme alla polizia i documenti degli adulti, anche mamme con bambini in uscita da scuola al Trotter. E dobbiamo ricordarcelo che quindi va meglio in ogni caso, cambiare una città così grande, con così tanti problemi è impossibile in un anno e mezzo. Mezzago la potrei pensare come luogo ideale per viverci. E il primo pensiero è quello di dare il merito alla piccola dimensione: come fa una città di oltre un milione di persone a funzionare come una di poco più di tremila: invece non è vero che tutte le cittadine sono cosi. Quindi è proprio la storia delle persone, del luogo, l attenzione reciproca a fare di Mezzago un posto speciale. In fondo anche qui in città le cose possono cambiare man mano Questa esperienza di fornire a tutti gli strumenti per esprimersi, l hai sperimentata a Mezzago per la prima volta? Poi ti racconto delle installazioni, ma prima... Vuoi testimoniare tu, Alberto, come si sente un autore? Beh, è bellissima questa situazione in cui l artista vero ti passa il testimone e ti dice: Vai, adesso puoi farlo anche tu, che cos hai da dire?, tra l altro io ho un forte legame con Spazio Giovani, oltreché con Mezzago, e mi ha molto emozionato lasciare una traccia sul muro, ti devo proprio ringraziare... Ora continua tu... prima del 2000 mi avevano commissionato un installazione all Ufa Fabrik di Berlino, sculture realizzate in accordo/collaborazione/condivisione con coloro che abitavano e vivevano quegli spazi. Poco dopo ho realizzato un installazione in Cascina Autogestita Torchiera, analoga, ma già con un impronta importante di Luigi Zedda, che partecipando alla colata l installazione finale l ha resa nostra, e una parte dei lavori erano parte integrante della facciata della sua abitazione. Nel 2001 per la nuova sede dell Naga - Har, centro per rifugiati politici e vittime della tortura invece sono stati una parte di frequentatori a mettersi in proprio, inizialmente davano una mano per l armatura e la colata, dopo poco erano loro a realizzare le proprie sculture per il loro luogo. A Gorgonzola già l incarico iniziale era quello di realizzare l installazione per l auditorium intergenerazionale assieme ai cittadini, e presi dall entusiasmo, abbiamo realizzato alcune più piccole per l asilo nido e la biblioteca, su richiesta dei partecipanti. Ora a Mezzago, oltre alla partecipazione intensa e numerosa, nella situazione di reciproco aiuto dovuto all alto numero di sculture, si è creato un vero guerrilla sculpturing team (courtesy La Biblioteca), un gruppo di persone che inizialmente mi ha assistito, volontari e volontari della Pro Loco, ma poi abbiamo veramente lavorato assieme, affinché l installazione fosse realizzata. Quindi se anni fa ero partita io dalla Brianza, da Mezzago, stavolta potrebbe essere che da Mezzago ripartiamo in gruppo per realizzare installazioni condivise, grazie alla collaborazione di Adriano Solcia, Chiara Mente, Dario Biffi, Enea Testa, Enrico Giudicianni, Ernesto Vitali, Iannucci Francesco, Gianmaria Monti, Monti Giorgio, Piera Biffi, Vincenzo Caramuscia. Servizio fotografico Studio Giudicianni & Biffi MURI PIÙ BELLI CON LA GUERRILLA SCULPTURING! 6 Fino a qualche mese fa chi osservava i locali di Spazio Giovani, della Sala prove, della Pro Loco, o di Pollicino non poteva che trovarli un pò grigi. Scattava automatico il paragone con i locali più nobili della biblioteca e subito si arrivava alla conclusione: In fondo sono i locali dove vanno soprattutto i giovani, e loro li preferiscono così.. e si pensava che quei muri sarebbero sempre stati così. Poi, a sorpresa, l Amministrazione ha deciso di abbellire il retro-biblioteca facendo ricorso, in tempo di crisi, a una legge che prevede che il 20% dei costi degli edifici vadano al loro abbellimento estetico. Ora potete ammirare il corridoio semi-interrato che brilla di colori vivaci ed è una piccola galleria di installazioni murali. Il lavoro è stato completato realizzando il progetto Ci siamo dell artista Maria Mesh. Si tratta di un progetto di arte condivisa in cui il ruolo dell artista è quello di coordinare tutti coloro che vogliono partecipare per lasciare un semplice segno e contribuire a rendere più accogliente lo spazio che quotidianamente vivono. Lo strumento lo fornisce l artista, che spiega come utilizzare gli attrezzi che servono per creare, in questo caso, una piccola scultura murale in cemento armato. Oltre cinquanta persone hanno accettato l invito di Maria a realizzare le sculture e quattro volontari hanno lavorato per quasi un mese per allestire l installazione. L obiettivo dichiarato dell Amministrazione era proprio quello che i cittadini e gli utenti dei servizi apprezzassero, anche esteticamente, il lavoro svolto, e provassero piacere a stare in un ambiente che hanno contribuito a rinnovare. Ora tutta la struttura appare più omogenea e chi passa è piacevolmente sorpreso dalla vivacità dei colori.

7 Le opere di Mario Bacchiocchi in Biblioteca ESPOSIZIONE DI... QUADRI SENZA TITOLO Mario Bacchiocchi eccomi pittore. Nel mese di aprile la Biblioteca di Mezzago ha ospitato una mostra di pittura di Mario Bacchiocchi, cittadino mezzaghese ed artista polivalente che aveva affiancato Sergio De La Pierre nelle interviste da cui è stato tratto il materiale per il libro su Mezzago: anche le riprese in video costituiscono un documento importante della società mezzaghese. Come è nata la sua passione per la pittura? In verità già da giovane mi ero dedicato alla pittura. Io ho origini milanesi e alla fine degli anni 60 avevo partecipato ad una collettiva a Milano in via Spaventa. Questa mia passione è stata alimentata in quegli anni dalla frequentazione di Umberto Croce, una cara persona, collezionista, amante dell arte, pittore e amico di grandi pittori. Intorno ai 33 anni ho frequentato per due anni il liceo artistico serale, che però ho dovuto abbandonare con grande rammarico per gli impegni di lavoro e con la famiglia. Di recente la mia collaborazione con l associazione culturale HEART di Vimercate e la frequentazione di artisti del nostro territorio, ma non solo, hanno risvegliato in me questa vecchia passione e quindi: Nella mostra vengono esposti quadri senza titolo.. In occasione di una mia mostra nello spazio espositivo che l amico Antonio Testa tiene nel suo negozio, avevo dato un titolo sia alla mostra sia ai quadri. Durante l inaugurazione i visitatori guardavano il quadro e leggevano il titolo: in questo modo si facevano un idea di quello che io volevo esprimere. Opera "Senza titolo" Questo mi ha fatto riflettere perché non era quello che volevo. La mostra in biblioteca è stato un percorso di sottrazione del segno del materiale e del colore: piano piano, quadro dopo quadro sono arrivato a ottenere, forse, quello che in quel momento desideravo e cioè arrivare al bianco. Non c è colore che meglio si sposi a questa ricerca. A questo punto non serve più un titolo: Esatto, voglio evitare che una forma di riconoscimento del mio lavoro possa inibire le suggestioni che spero di suscitare. Direi quasi che questi quadri sono ambigui, perché il visitatore pensa a qualcosa di figurativo, mentre per me rappresentano un lavoro fisico, materico.. Si richiama ad artisti che hanno sperimentato una ricerca del colore e della luce, come Monet? Si.., però non esageriamo, non mi sento così importante. Vorrei sottolineare che mi sento vicino agli artisti che ho anche frequentato, quelli del nostro territorio come: Giancarlo Bulli, Armando Fettolini, Gaetano Orazio e Andrea Cereda. AA IL GIALLO A MEZZAGO La Biblioteca di Mezzago ha ospitato dal 6 al 27 maggio una mostra intitolata al colore Giallo. Esposte opere di autori di diversa cifra stilistica unite dalla capacità di rappresentare i molti volti di questo colore. Fraquelli, Scaccabarozzi, Pardi e Cascella sono alcuni degli autori di cui abbiamo ammirato le opere. La mostra era collegata ad altre cinque, tutte intitolate ad un colore, che nello stesso periodo sono state allestite in diversi comuni del nostro territorio: Vimercate, Osnago, Burago di Molgora, Brivio e Paderno d Adda. Il Mostra Colori, Il giallo : le opere di Arturo Vermi progetto e le esposizioni, organizzate e gestite dall associazione Heart si sono ispirati alle Olimpiadi svoltesi a Londra a partire dal 27 luglio. I colori dei cinque cerchi hanno suggerito l idea per questa avventura a più dimensioni con le mostre monocromatiche sui colori degli anelli, con l aggiunta del bianco, accompagnate da una serie di conferenze e da una mostra fotografica itinerante. Infatti nello stesso pomeriggio dell inaugurazione della mostra il folto pubblico si è spostato da Via Biffi al Palazzo Archinti, dove ha potuto ammirare le fotografie d autore sul tema dei colori. AA Roberta Brioschi presenta un nuovo romanzo CELEBRATA LA RESISTENZA CON LA FIGLIA DEL PARTIGIANO. Nella vita di Isa, adolescente in subbuglio, compaiono due belle sorprese: il diario che la nonna, da tempo malata, aveva scritto da adolescente in tempo di guerra, quella contro i tedeschi, e una nuova amica, Salika, di origine indiana. Così nonna Uliana, figlia del partigiano Pablo, diventa due volte protagonista: nel diario ci conduce nei tempi bui e gloriosi della lotta contro i nazifascisti, mentre nell attualità sostiene Isa e la giovane Salika nella lotta per il diritto all autonomia e all emancipazione. Questa, in sintesi, la trama del romanzo La figlia del partigiano, la seconda opera, dopo L acchiappasogni, che Roberta Brioschi ha presentato ai lettori, mezzaghesi e non. Anche quest opera ha il pregio di rivolgersi a un pubblico giovane, di trattare temi molto importanti con una scrittura frizzante e coinvolgente. Il libro è stato presentato in sala civica domenica 27 maggio in una simpatica cornice che ha reso onore ai protagonisti della resistenza. Presenti, tra gli altri Patrizia Zocchio, vicepresidente dell ANPI Monza e Brianza e Francesco Colombo, membro del consiglio di presidenza dell ANPI. AA 7

8 Le pagine dei mezzaghini I ficcanaso, questo il simpatico nome del gruppo di ragazzi che hanno lasciato a giugno la scuola media. I nomi dei ragazzi, partendo dall'alto a sinistra (scendendo in senso orario), sono: Barelli Jessica Carbone Elisa Bianco Giorgia Ciminello Francesca Scarabelli Nicole Scomparin Giulia Costanzo Giuseppe Parolini Filippo Gironi Matteo Locatelli Alessandro Oggioni Lorenzo Donnarumma Giacomo Ganzerla Stefano Stucchi Samuel Il Gruppo de "I ficcanaso" INTERVISTA A GIACOMO Abbiamo intervistato il nostro compagno Giacomo per conoscere la sua esperienza alla Scuola Laboratorio Carta d identità: Giacomo Donnarumma nato: il 10/01/1998 a: Vimercate residenza: Busnago Giacomo Donnarumma Passato: Hai sempre frequentato la scuola di Mezzago? Sì. Hai fratelli? Sì, un fratello, Armando e due sorelle gemelle che si chiamano Antonietta e Filomena che sono nate a Vicenza. Come mai le tue sorelle sono nate a Vicenza? Perché mia mamma e mio papà hanno vissuto e si sono conosciuti a Vicenza. Da quanto abiti a Busnago? Da un anno, mi è dispiaciuto andare a vivere a Busnago perché non conoscevo nessuno. Visto che sei il più piccolo, sei sempre stato trattato con più attenzione? Sì, i miei mi viziano. Hai mai pensato di andare a scuola a Busnago? Mia mamma me lo ha proposto ma io ho scelto di venire a Mezzago perché ho fatto anche le elementari e conosco tutti. Chi ti porta a Mezzago la mattina? Prima andavo in bici e ora mi accompagna mia sorella Antonietta. Hai mai avuto animali domestici? Sì, ho avuto un cane, Bobby, ma ora è morto, ho avuto anche un altro cane, Jhonny, che era il mio preferito ma è morto anche lui, mi commuove ricordare la sua morte. Ora ho due cani, Jerry e un jack russel, Perla. C è qualcosa del tuo passato che vorresti cambiare? Sì, vorrei che non fosse morto Jhonny. Presente: Come ti trovi nella scuola laboratorio? Bene, ma qualche volta non mi piace. Che corso frequenti? Nel primo quadrimestre ho frequentato cucina e arte grafica mentre ora frequento elettrico, tipografia, meccanico e teatro. Hai le basi per il tuo futuro lavoro? Sì, sto imparando a cucinare. Futuro: Che scuola farai l anno prossimo? Farò la scuola di cuoco all ENAIP per tre anni per prendere il diploma. Cucinerai anche per hobby? Sì, cucinerò a torso nudo le crespelle. Cosa vuoi fare da grande? Sono indeciso se diventare cuoco o meccanico. NANDO DALLA CHIESA: LOTTA ALLE CONVERGENZE Il giorno martedì 15 maggio, alle ore 21, si è tenuto un incontro con il giudice Nando Dalla Chiesa, che è venuto nella Sala Civica della Biblioteca per parlare ai mezzaghesi e ai ragazzi della scuola media, della convergenza (su cui ha scritto l omonimo libro). All incontro era presente il vicesindaco di Desio, Lucrezia Ricchiuti, che ha raccontato la sua esperienza di Amministratore e dei rapporti tra politica e mafia, proprio in relazione ai fatti accaduti a Desio. Nando Dalla Chiesa ha spiegato cos è la convergenza : l interesse di molti cittadini a creare rapporti di collusione e di interesse comuni con le mafie. La convergenza, quindi, crea un humus dove la mafia cresce e diventa sempre più potente. Ci sono diversi tipi di convergenze, ha proseguito Dalla Chiesa, tutti basati sulla complicità, che costituisce la forza della mafia, anche se i complici sono fuori da essa; questo spiega come gli ingranaggi mafiosi continuino a funzionare nonostante i tentativi da parte della giustizia di estirpare questa piaga. Nando Dalla Chiesa ha sottolineato che Falcone, Biblioteca Sala Civica : Nando Dalla Chiesa presenta libro "Le Convergenze" prima di morire, era la nuova scuola, ovvero il nuovo volto della giustizia, nonostane molti, anche all interno dello Stato, fossero contro di lui e volessero destituirlo dall incarico di responsabile del pool anti-mafia che lui stesso aveva organizzato. Nonostante ciò Falcone e Borsellino hanno dato dei colpi alla mafia durante il maxi processo contro la cupola. Anche Nando Dalla Chiesa ha cercato di denunciare l uccisione del padre, ma gli hanno detto di tacere e che non poteva parlare o chiedere giustizia perché era un orfano : motivazione incredibile! Così il giudice si è chiesto dove fosse la forza della mafia, rispondendo nella convergenza, che è, in realtà, un insieme di convergenze. Ha spiegato che ci sono anche delle convergenze raffinate che vedi solo se hai l istinto, e che riconosci: distinguendo senza dividere e unendo senza confondere. Ha aggiunto che i cittadini devono frantumare le convergenze, fino a lasciare la mafia sola e più vulnerabile. Sono state poste domande alle quali Nando Dalla Chiesa ha risposto distribuendo ai ragazzi un librettino che parlava della mafia. Gli applausi e gli autografi si sono sprecati. 8 DUE EROI Il giorno 22 maggio, in occasione del 20 anniversario della strage di Capaci, le lezioni si sono fermate per ricordare e onorare Falcone e Borsellino. La loro lezione è fortemente sentita, soprattutto dopo i fatti di Brindisi, all ingresso della Scuola Morvillo e Falcone, dopo è stata barbaramente uccisa Melissa Bassi, una di noi. La scuola ha il dovere di formare i futuri cittadini queste le parole del Preside e del Sindaco, intervenuti alla cerimonia di piantumazione dell albero di Falcone. Hanno preso parte alla cerimonia tutti gli alunni e i docenti dell Istituto. Gli allievi hanno letto e simbolicamente deposto dei pensieri ai piedi dell albero di Falcone. Un gesto semplice e pieno di significato a testimonianza dell impegno di tutta la scuola e di ciascuno di noi a dire un forte no a ogni tipo di mafia.

9 ALL OMBRA DEL GATTOPARDO XIª puntata Romanzo a puntate di ROSA BAVETTA Facce note e facce sconosciute di paesani e non, di studenti e non, ci accolsero al nostro ingresso. Stralunate, addormentate e abbuttate, posarono i loro occhi sui nostri sguardi. Persino quelle di Glenda e Maria, letteralmente trasecolate. Quando l uscio si richiuse alle nostre spalle e il cono di luce sparì, ci ritrovammo immerse nel buio. Intanto la musica continuava assordante, mentre le luci psichedeliche lanciavano sprazzi rossi e blu a ritmo sfrenato. Fu in una di quelle luci momentanee che mi parve di intravedere l oggetto della nostra incursione. C era, buttato in un angolo, ma saldamente avvinghiato ad una bionda sottile, niente poco di meno che lui! Ebbi un sussulto, ma consapevole della necessità di una rapida ripresa, afferrai il braccio di Venia sussurrandole: - Missione compiuta, Sherlock Holmes!- Il ragazzo si staccò dalla tipa e, superato l attimo di stupore, balzò in piedi. Mi afferrò per un braccio spingendomi verso l uscita, proferendo un unica parola: -Fuori!- Nessuno sembrava curarsi di noi mentre, trasparenti come vetro, ci ritrovammo alla porta. Manco il tempo di capire, perlustrare, indagare, che la missione finiva lì, con un fidanzato prontamente ritrovato e un tizio felino che ci spingeva fuori tutti e tre. Anche lui adesso era coi piedi inzuppati nel rigagnolo di salamoia come noi, a respirare a pieni polmoni l aria densa di salsedine e fetore del porto. Giusto per riprendersi un pò, disse, lo choc a quell età è vissuto al pari di una tragedia greca, anche quando si possiede una notevole faccia di bronzo. Si sentiva di fottere, chiaro, per essere stato colto in flagrante con un altra, da una mezza ammaccata come me! Dopo le mille frenate davanti casa mia che erano state più di una promessa! Non mi stavo inventando nulla, funzionava proprio così, uno ti passava davanti casa, ti faceva l occhiolino, ti lanciava qualche bigliettino, impennava il motorino, frenava, ripartiva sgommando, ritornava più volte ed era cosa fatta! Quindi io ero nel pieno diritto di esigere una spiegazione! Pensieri più veloci della luce attraversavano la mia mente, non sapevo se sbottare o aspettare che iniziasse, ma lui ebbe occhi solo per Venia, solo per trafiggerle lo sguardo e intimarle: -Prendi sta stronza e andatevene via!- -Troppo comodo!-disse Venia. -Troppo comodo!-ripetei con un un eco che raggiunse la petroliera. Senza scomporsi, cacciò fuori un incredibile frase da vecchio: -Vi proibisco di interferire nella mia vita privata!- Fu in quel momento che Venia decise saggiamente di allontanarsi, andandosi ad appollaiare sul culo di una barca rovesciata, mentre un sonoro ceffone andava ad interferire con la guancia del mio innamorato perduto. Ebbene sì, lo avevo preso a sberle e tante altre gliene avrei mollate se non avessi incrociato i suoi occhi stranamente lucidi. -Li carti sunnu mali pigghiati, eh?- gli dissi, perché altro non mi veniva da dire. In fondo, si trattava di un perfetto sconosciuto, a rifletterci su, tutta la storia sapeva di ridicolo. Ma per quale motivo, dunque, le nostre barzellette erano così tragiche? Certo, non si poteva negare l evidenza, lui era con un altra, mentre io avrei dovuto essere a scuola, io studiavo e lui invece no. Forse era questo il motivo, se studi non puoi pensare all amore. Pian piano si fece più vicino a me, si lisciò la guancia e il mento per un paio di volte e mi fissò dicendo: -Sei una babba maligna. Io stavo lavorando!- Trattenni a stento una risata e dall esprimere il mio vero iò, decisa a dare fondo a tutte le mie risorse per fare il punto della situazione: -Io mi metto con uno, tu ti metti con una, noi ci mettiamo insieme l una con l altro, poi l una lo aspetta ma l altro sparisce perché va con un altra, e lo ritrova infatti abbracciato alla troia e fumato come una ciminiera, e l una si riscopre di colpo cornuta! Mi spieghi perché sarei io la maligna?- Lo scioglilingua gli strappò una risata, ma tornò subito serio. -Io lavoro- disse- e volevo scordarmi di te. Che mi mettevo a jettari lu bannu? È un occasione che non potevo perdere, e tu mi saresti stata d impiccio.- -Lo spacciatore fai?- -No no, nessuno osa toccare il regno di Turiddu è roba seria la mia, ma tu te ne devi andare senza chiedermi niente.- -E chi ti chiede niente? Io penso, ascolto e sto zitta.- -Tu muta devi stare.- -Muta sono, basta che parli tu!- -Tu sei intelligente, Imma, parli come un libro stampato- continuò, con tono grave e profondo come chi è in procinto di tirare le cuoia colto da un malore in crescendo. -Quasi quasi mi commuovo.- ironizzai. Cominciammo a camminare verso il molo, immersi in interminabili minuti di silenzio, mentre si alzava il vento e gli schizzi del mare agitato sembravano volerci afferrare per tirarci giù. Dalla linea dell orizzonte avanzavano grosse nuvole nere gonfie di pioggia, ma a nessuno dei due sembrava importare. Poi si fermò in un punto preciso, lo guardai fissare attento la burrasca che sbatteva e strappava i cavalloni guarniti di alghe scure, ramoscelli, conchiglie e altro lerciume e pensai: Adesso si butta giù! Ma lui non si scompose, quasi leggendomi nel pensiero disse, additando un relitto lontano: -Ecco lo vedi? Io sono quel pezzo di legno nel marepoi si girò verso la città alta puntando il dito verso il cielo: -Mentre tu sei lassù sulla montagna! Ecco la differenza che c è fra me e te!- Quanto sei patetico e ridicolo! pensai. Ma stavolta i suoi occhi buttarono fuori una goccia quasi obbligata, una lacrima pescata, chissà, forse dal fondo dell ormai vuoto repertorio di cortese innamoratò e mi morsicai le labbra per non sfotterlo. Lo lasciai lì, su una strada che non si sarebbe mai più incrociata alla mia, sperando che la bionda lo raggiungesse ed insieme decidessero di buttarsi giù. Mi avviai in silenzio verso la mia amica ancora seduta sulla barca a farsi frustare dai marosi, poi mi girai a guardarlo per un istante. Era sempre lì. Continuai a proseguire quasi correndo e, nella fretta che m era presa, mi scontrai con un uomo che andava nella direzione opposta alla mia. -Mi scusi- feci a fil di fiato, e accelerai il passo. Mi rigirai nuovamente per guardare il punto dove lo avevo lasciato, e vidi lo stesso uomo di prima che lo chiamava agitando la mano mentre si dirigeva verso di lui. Allora mi fermai, curiosa come una capra, a godermi la scena. Li vidi andare l uno incontro all altro, avvicinarsi, abbracciarsi, baciarsi Pure finocchio?! pensai sbalordita. No no non poteva essere! Aguzzai la vista poggiando il bordo delle mani sulla fronte e mettere meglio a fuoco la scena. Ora la visuale era più nitida. Vidi l uomo allungare le braccia verso di lui e lui baciargli le mani. LE CASTAGNE DEL POLLICINO SONO PROPRIO BUONE! Anche oggi, tornando a casa Rachele mi ha detto: Mamma, guarda il mio nido, possiamo vederlo un pò? E così ci siamo fermate dietro al cancello a guardare. Il giardino, da qualche anno rinnovato e ancora più bello: con l erba, le piante, i giochi, la casetta e i ricordi dei mille giochi inventati insieme ai compagni. Un giardino che d inverno era pieno di neve e allora si diceva alle mamme di portare la tuta e guanti così la neve la si poteva schiacciare, toccare, lanciare e persino portare dentro! Un giardino che col sole era pieno di voci, di risate, di divertimento e in estate persino di piscine e allora si diceva alle mamme di portare il costume, la crema da sole e l asciugamano e si facevano un sacco di bagni, persino alle bambole! Un giardino con una stradina nel mezzo che aveva la giusta pendenza che faceva correre i cagnolini con le ruote per fare le gare, o i passeggini con le bambole per giocare a fare le mamme! Uno spazio completato dal portico: riparo per le giornate di troppo sole, soluzione per le giornate di troppa pioggia, teatro di mille laboratori e attività con tavoli e seggiole. Alla fine della stradina si entra, mano nella mano con la mamma, con un pò di emozione, sempre, anche gli ultimi giorni, la porta è pesante, ma non per le mamme. Non è difficile trovare il proprio armadietto perché c è la nostra foto che lo identifica. Ed è venuto il momento di prepararsi ad entrare, le ultime chiacchiere con la mamma, il buongiorno ai compagni, gli esperimenti di autonomia (le scarpe le tolgo da sola!), il pieno di coccole e i baci, il saluto a fratelli e i mitici azzurri, i sovra scarpe che facevano le fini più improbabili! Siamo pronte, tutte e due, possiamo entrare, oltre la porta ci aspettano le educatrici e tutti i nostri amici: è sempre emozionante ritrovarsi, ma è troppo bello raccontarsi, sorridersi e sedersi insieme nell angolo morbido. Il saluto alla mamma non è sempre facile, a volte ci viene nostalgia, a volte si fatica a lasciare il suo profumo, a staccare la mano dalla sua, ma al nido ci aiutano tutti: la seggiolina che mi fa stare più alta, quindi posso vedere e salutare la mamma dalla finestra; la finestra stessa che, se non fa troppo freddo, si apre e quindi posso anche toccare la mamma un ultima volta e poi le educatrici che mi fanno sentire accolta, al sicuro e mi abbracciano anche. Quante cose ci sono al nido! La cucina, le bambole, il cerchio per le canzoni, il trenino con la pista, i libri da leggere sui cuscinoni, i tavolini per disegnare, le scatole di cartone, le stoffe e i cappelli strani per travestirmi, le borse da signora, i teli per i travasi, le tempere, i burattini per il teatrino delle storie. il bagno, la sala nanna: è proprio come casa mia! Sono tante le occasioni in cui torniamo al nido tutti insieme, con mamma, papà e i fratelli: la festa di Natale, i pomeriggi a tema, le riunioni, la castagnata di ottobre, gli open day, così tutti possono vedere quanto è bello il nostro nido. Possiamo andare ora Rachele? Si però io voglio venire ancora al nido a mangiare le castagne! Ed è per tutto questo che il 26 ottobre alla castagnata organizzata dal Nido Pollicino c erano tantissimi bambini (grandi e piccoli) mamme, papà e nonni! Che nostalgia! Francesca (con Rachele, Giacomo, Camilla e Cecilia) 9

10 Un angolo di mondo Luca Vitali ci descrive le sue emozioni a Londra durante le Olimpiadi. Se mi fermo un momento a pensare, mi sembra di avvertire nuovamente l atmosfera d attesa e d ecciatzione che era già palesemente palpabile sette anni fa quando mi sono trasferito a Londra. Queste sono alcune delle sensazioni che accarezzo con la mia mente quando, dopo molti mesi di lontanza, mi ritrovo nuovamente nel bel mezzo di Stratford. Questa volta però Stratford non è più il posto che ho chiamato casa per quasi tre anni ma, per un breve periodo, questo quartiere multietnico ad est di Londra è il centro del mondo. Nonostante la televisione abbia tentato di descrivere l atmosfera di giubilo, lo spirito di collettività e lo stato di festa che circonda le olimpiadi, l arrivo al parco olimpico ha colto le mie emozioni ed aspettative di sorpresa: la miriade di persone che mi circonda ha uno straodinario effetto contagioso che non mi fa smettere di sorridere facendomi sentire come un bambino in un negozio di caramelle. Il percorso verso il parco olimpico non poteve essere più piacevole: le orde di volonatari che costeggiano la strada verso il parco olimpico non la smettono di sorridere, di ripetere a chiunque messaggi di benvenuto, di fornire informazioni a quelli che si sentono un pò smarriti e insicuri e di coinvolgere anche i più timidi che, invano, cercano di rimanere un pò in disparte. I quasi settantamila volontari che gli organizzatori dei giochi olimipici (LOCOG) hanno impiegato durante le olimpiadi hanno svolto impeccabilmente il loro lavoro, ricevendo gli elogi degli atleti, del pubblico, della stampa e delle più alte cariche dello stato, tra cui il Primo Ministro David Cameron. Ingresso al Parco Olimpico L arrivo nel parco olimpico mi vede con il morale alle stelle ed un sorriso a "centomila denti": l atmosfera d attesa, di festa e trepidazione non dà segni di cedimento: sembra quasi che l intera folla sia una singola entità che Luca Vitali condivide le stesse emozioni! Ogni angolo, bar, negozio e ristorante pullula di persone che sorregono bandiere di ogni nazione: in un paio di occasioni non ho neppure riconosciuto le bandiere che mi sventolavano sotto il naso, ma non è un problema: il mondo è riversato in un piccolo sobborgo di Londra e nonostante la competitività dei giochi olimpici la folla non sembra avvertire nessuna frontiera! Dopo essermi ubriacato d emozioni, mi faccio strada verso l Aquatics Centre dove i preliminari dei tuffi da dieci metri individuali maschili è in procinto d iniziare. La sfilata degli atleti prima della gara è stata la conferma che la folla, nonostante tutto, non ha colori: ogni atleta è stato accolto con grandi applausi e grida di entusiasmo anche se, senza sorpresa, i tuffatori Britannici hanno ricevuto ovazioni paragonabili ad una finale di coppa del mondo! Nonostante la gara sia durata quasi tre ore, il pubblico non ha mai perso l entusiasmo di applaudire e gridare sia per i tuffi di straodinaria eccellenza, sia per tuffi di straodinaria bruttezza! Uscendo dall Aquatics Centre non ho potuto fare a meno di ammirare l armonia che è stata creata fra la natura e le costruzioni artificiali: infatti il parco olimpico è stato ideato su progetti che hanno incessantemente cercato di mantenere l equilibrio fra quelle parti del parco che erano già riserve naturali per svariate specie e quelle parti che, alla fine, sono diventate il parco olimpico. Sulla via di casa vengo salutato dai volontari che mi augurano un buon viaggio: che grande esperienza! Molti hanno detto che le olimpiadi sono un evento al quale si può prendere parte una volta sola nella vita; quella volta nella vita è capitata a me! Nonostante sia stato seduto a mille miglia di distanza dalla piattaforma dei tuffi, l esperienza che ho vissuto non è paragonabile con nessun altro evento al quale abbia partecipato! Luca Vitali SUCCESSO PER LE INIZIATIVE DELL ACCADEMIA DI MUSICA ALBERTO MOZZATI Sono già a pieno regime le attività dell'accademia di Musica Alberto Mozzati. Oltre alle lezioni del coro, sono ripresi i corsi pluriennali di pianoforte, violino, canto, chitarra, percussioni e batteria, affiancati ai corsi propedeutici di strumento e il corso Giocare con la musica per bambini anche in età prescolare. Ma ripercorriamo insieme le attività appena scorse. Grande successo ed appassionante partecipazione giovanile per la quarta edizione del Corso Estivo di Chitarra Città di Mezzago, coordinata dagli insegnanti Marco Ramelli, Marta Dolzadelli e Tommaso Iannello. La manifestazione, tenutasi nell'accademia di Musica Alberto Mozzati a Palazzo Archinti, ha richiamato un buon numero di giovani chitarristi da tutta la Lombardia. Oltre alle lezioni di chitarra singole e d orchestra, ai laboratori monografici ed alle attività ludiche, si sono tenute delle lezioni concerto e delle conferenze che hanno visto all opera interpreti di spicco del panorama musicale come i chitarristi Andrea Dieci, Paolo Pugliese e l inglese Laura Browne., oltre a Marianna Bettinelli, Stefano Sanzogni, Marco Cristofaro e Matteo Rigotti. Grande successo anche per l'interessantissima rassegna concertistica Musica in Accademia svoltasi nell'ambito del Maggio Mezzaghese, sette concerti nei quali abbiamo potuto ascoltare tutte le sonate e le variazioni di Johannes Brahms. Negli applauditissimi concerti, organizzati in collaborazione con l'istituto Superiore di Studi Musicali Monteverdi di Cremona, si sono alternati giovani talenti emergenti e musicisti affermati. Il ciclo di concerti è stato l'occasione per iniziare una costruttiva sinergia con l'associazione Spazio Heart di Vimercate, che ha ospitato nei suoi locali due conferenze introduttive alla rassegna. Tra le iniziative organizzate in collaborazione ricordiamo l'evento "Liszt et l'italie", viaggio attraverso le arti dove il M Alberto Baldrighi, direttore dell'accademia, ha illustrato i legami tra alcuni capolavori poetici e delle arti figurative e una scelta di brani pianistici del grande compositore ungherese suonati dal M Federico Porcelli. Importanti risultati anche per il Coro Polifonico dell'accademia che in maggio ha collaborato, insieme alla Corale S. Giovanni Battista di Cernusco Lombardone, alle celebrazioni di Padre David Turoldo a Sotto il Monte eseguendo salmi precedentemente incisi in edizione discografica. Sempre in maggio ha tenuto anche un concerto alla Chiesa di Arlate in favore di Amnesty International. Vi aspettiamo numerosi il prossimo 16 dicembre per il Concerto in ricordo di Alberto Mozzati, grande pianista e didatta di cui ricorre il trentennale dalla scomparsa, con la partecipazione dei docenti dell'accademia: un appuntamento da non perdere. Per informazioni: tel , Gli Amici della Musica di Mezzago 10

11 Sport I ragazzi di Mezzago in campo a Reilingen UNA PARTITA GEMELLATA Dalla viva voce di un protagonista Comincio questo articolo con la premessa che non vorrei fare una semplice telecronaca della partita, ma piuttosto raccontare le mie sensazioni in prima persona. Per chi non lo sapesse, tutto é nato grazie alla Pro Loco, che con questa iniziativa ha permesso a me e ai miei compagni di squadra di approfondire il rapporto di conoscenza con i ragazzi del paese con cui siamo gemellati, cioè Reilingen, attraverso lo sport che ci piace e ci accomuna: il calcio. Questo, a mio parere, conferma ancora di più una grande verità che al giorno d oggi sembra aver perso credibilità: il calcio unisce e non divide, purché sia praticato nel rispetto delle regole, dell avversario e del gioco. Durante la partita da noi disputata, infatti, una cosa che tutti hanno notato, oltre alla superiorità tecnica e fisica dei nostri avversari, è stata la correttezza e il fairplay che ha contraddistinto la nostra squadra e la loro. I giovani calciatori di Mezzago a Reilingen Adesso però è arrivato il momento di parlarvi un pò di come sono andate le cose sul campo. Per prima cosa, ci tengo a precisare che non giocavamo contro il Reilingen ma contro una squadra selezionata e di categoria superiore alla nostra, paragonabile alla nostra Atalanta, per intenderci. Noi però, pur riconoscendo la superiorità dell avversario, abbiamo giocato a viso aperto, anche se non mi va di precisare il numero dei gol che abbiamo incassato. In compenso però mi sono tolto la soddisfazione di segnare l unico gol a favore nostro: il cosiddetto gol della bandiera, che per me ha avuto un significato particolare come volesse dire : ANCHE NOI C ERAVAMO!!!. Davide Ravanelli DI NUOVO ORIENTEERING!! Sabato 12 maggio a Mezzago era in calendario la 1a prova 2012 del trofeo dei Centri Storici Lombardi (TCSL). La gara di C-O, inserita tra le altre manifestazioni della Sagra dell Asparago, si è svolta nel pomeriggio, per facilitare la partecipazione studentesca. Era organizzata dalla locale A.S.D. PromoSport6, con la collaborazione tecnica di alcuni orientisti. Temperature già estive e forse anche per questo la partecipazione non è stata eccezionale. Tuttavia l impegno degli agonisti iscritti è stato grande, e alla fine i risultati sono andati sostanzialmente secondo i pronostici. Vincono infatti Eleonora DE FAVARI (Punto Nord) e Francesco MAGENES (Besanese) rispettivamente in W/M16; Cristina ELLI (Unione Lombarda) e Giorgio Iannucci in posa con i premiati Giuseppe MAGENES (Besanese) in W/M 40; Daniela FRIGERIO (Besanese) e Eugenio PESSINA (Punto Nord) in W/M50 e infine Barbara GIUGAGNINO (CUS Parma) e Christopher GALLO (Monza OK) in W/ MA. Per quanto riguarda le scuole medie di Mezzago abbiamo: la prima coppia classificata Carbone, Sandeva, grandi appassionate di questo sport, ed a seguire la seconda e terzo coppia Giovinazzi, Perego e Uali Alami, Zevallos. Premi in natura: vasetto di fiori per i secondi e terzi arrivati, mentre per i primi vincitori confezioni dei famosi Asparagi Rosa di Mezzago. Giorgio Iannucci Ambientalisti e pescatori furiosi I PESCI DELL ADDA RISCHIANO L ESTINZIONE Fauna acquatica in seria diminuzione Preoccupazioni dei pescatori e degli ambientalisti per la diminuzione di pesci autoctoni nell Adda. Le principali cause sono l inquinamento, i cormorani e l immissione di nuovi pesci provenienti dall Asia. Nell ultimo decennio, nel corso del fiume Adda, la diminuzione di pesci nostrani continua; sono molte le cause che hanno portato all attuale situazione e, per rimediare, l aiuto di Legambiente, anche se non appoggiato dalla regione Lombardia, è fondamentale. Per quanto riguarda le componenti chimiche, derivanti da attività umane, in particolare azoto e fosforo, l inquinamento delle acque è preoccupante, specie nel corso inferiore del fiume. Gravissima la situazione alla confluenza con l altrettanto inquinatissimo Serio. Eppure basterebbe completare i sistemi di depurazione, eliminare gli scarichi civili, valorizzare le sponde e le golene, per ripulire l Adda. Molti pesci, infatti, si stanno estinguendo perché hanno bisogno di acqua pulita per riprodursi. Pesci piccoli come arborelle, pighi, vaironi e savette, si sono ormai estinti e hanno portato alla diminuzione di pesci predatori come lucci, persici, trote, complice anche l aumento della temperatura che ha costretto i cormorani, uccelli pescivori, a spingersi fino in pianura. Un contributo determinante l hanno dato anche persone che hanno portato dalla Russia dei pesci siluro che si nutrono esclusivamente di altri pesci. Un siluro, infatti, può mangiare al giorno metà del suo peso (che può arrivare fino a 440 kg.) La situazione sta diventando insostenibile. Ora bisogna agire. Fortunatamente non tutti i fiumi e i laghi sono inquinati: il laghetto artificiale di Mezzago è un perfetto esempio di bioma naturale ancora intatto. A noi, che siamo pescatori, piace molto di più andare a pescare al laghetto di Mezzago che all Adda, perchè, non essendo inquinato, rispetta l equilibrio naturale della riproduzione dei pesci. Inoltre la pulizia dell acqua permette alla carpe di riprodursi e ai pesci più vecchi di sopravvivere a lungo. Lorenzo Oggionni e Matteo Gironi. 11

12 L'angolo della cucina INVOLTINI DI VERZA Ingredienti per sei persone, cioè dodici involtini: brodo vegetale 1 lt burro 30 gr carote 1, cipolla 1 piccola cavoli verza, 150 gr e 12 foglie grandi olio extravergine di oliva 4 cucchiai parmigiano Reggiano grattugiato 80 gr pepe, sale q.b. riso vialone nano 280 gr salsiccia 350 gr sedano 1 costa vino bianco 200 ml Preparazione Mettete sul fuoco un tegame capiente con dell acqua salata e portatela a bollore. Staccate dalla verza, molto delicatamente, 12 foglie esterne, piuttosto grosse e, senza romperle, eliminate con un coltellino la venatura centrale; fatele sbollentare due minuti, mettendole in pentola una sopra l altra e scolatele. Prendetele una per volta ed adagiatele in un colapasta. Prelevate dal cuore della verza 150 gr di foglie più tenere e tagliatele finemente. Sgranate la salsiccia e tenetela da parte. Fate sciogliere in un tegame capiente il burro nell olio e poi aggiungete un trito finissimo di carota, cipolla e sedano. Lasciate appassire a fuoco basso le verdure per almeno minuti senza che prendano colore, poi alzate il fuoco, versate all interno il riso e fatelo tostare per tre minuti. Sfumate con il vino bianco, poi aggiungete la salsiccia sbriciolata, lasciate che rosoli mescolando e poi unite poco brodo vegetale e 150 gr di verza tagliata finemente. Salate, pepate e cuocete il riso al dente, aggiungete il parmigiano grattugiato ed amalgamate. Prendete una foglia di verza ben aperta, mettete al centro di quest ultima una bella cucchiaiata di riso, che avrete diviso in 12 cucchiaiate, e chiudete a pacchetto, quindi riponete l involtino, con la parte ripiegata verso il basso, in una pirofila che avrete precedentemente cosparso con un filo d olio e mezzo mestolo di brodo vegetale. Riponete tutti gli involtini vicini l uno con l altro fino a riempire la pirofila. Cospargete con il burro fuso e il formaggio grattugiato. Infornate in forno già caldo a 200 per circa 15 minuti e poi ultimate la cottura accendendo il grill per 5 minuti. Sfornate gli involtini e serviteli dopo averli fatti riposare per 10 minuti. SENTITAMENTE GRAZIE! (segue dalla prima pagina) particolare soggetti appartenenti alle categorie più sensibili, come, ad esempio, anziani, soggetti fragili, immigrati, persone diversamente abili e persone che necessitano di terapie mediche. Si è anche preoccupato di valorizzare e sostenere, alcune iniziative che si avvalgono dell abilità e della disponibilità di singoli volontari come, ad esempio, i lavori svolti dalle donne della terza età e la visita alle persone alloggiate presso le RSA. Non ha inoltre tralasciato di sensibilizzare e coinvolgere l associazione, sia come intervento diretto sia come supporto a gruppi e associazioni locali, nel sostegno ad iniziative di solidarietà in paesi del sud del mondo, dove altre persone non hanno le cose basilari per poter vivere. La quantità ma soprattutto la qualità dell attività dell associazione nello svolgimento della sua attività è sotto gli occhi di tutti, così come anche l entusiasmo dei volontari. L essere riuscito a mantenere e a sviluppare queste attività è, almeno in parte, anche merito suo: quindi da parte della redazione del mezzaghero, dell Associazione Volontari e di tutta la popolazione, un sincero grazie. Resta inteso che l Associazione Volontari avrà ancora bisogno a lungo del suo supporto. Maurizio Salamana GLI EROI CHE CI DANNO SPERANZA (segue dalla prima pagina) economiche e, purtroppo, i giovani: i giovani sono preoccupati per la mancanza di prospettive serie di lavoro, di famiglia, di stabilità, insomma si sentono poveri di futuro. In questo, purtroppo, il Paese è peggiorato. Chi governa dovrebbe avere il coraggio, la forza morale e la determinazione di impostare le manovre che assicurino una vera speranza ai giovani, all infanzia, alla scuola. Se vogliamo che il futuro del Paese sia migliore, è qui che occorre con priorità indirizzare le energie. Sempre in questa estate che ci ha lasciato siamo stati allietati dalle immagini delle Olimpiadi di Londra, immediatamente seguite dalle Paralimpiadi. In entrambe le manifestazioni, nelle cerimonie di apertura e di chiusura un applauso caloroso ha avvolto e ringraziato le migliaia di volontari che hanno consentito il perfetto funzionamento di tutti gli ingranaggi organizzativi. Allora, tornando alle parole di Martini, saranno gli uomini liberi e vicini al prossimo e le persone piene di generosità che daranno sale a questo presente insipido e al futuro incerto. Lei può confermare che queste parole non sono lontane dallo spirito che aleggia nella nostra comunità grazie proprio alle figure dei volontari? Le parole di Martini, ci esortano a non dimenticare le molte persone che ogni giorno testimoniano la loro passione per il bene comune, per la voglia sincera di servire e migliorare il proprio Comune, il territorio, il Paese. Certamente nella nostra comunità quella tradizione viva e ricca di umanità che ricordavo all inizio si ritrova completamente nel lavoro quotidiano svolto dai nostri Volontari. Con la loro naturalezza ed essenzialità sono persone capaci di rendere credibile il rapporto con la gente, di entrare in relazione di ascolto e di comprensione con la comunità locale. La loro presenza nel curare le attenzioni agli anziani, ai malati, ai più deboli, testimonia uno stile di sobrietà a cui anche il successore di Martini, il Cardinale Tettamanzi, si raccomandava nel suo incontro con gli amministratori del milanese nel gennaio del 2009: Immagino la sobrietà come una via privilegiata che ci conduce alla solidarietà, alla condivisione vera e concreta, per vivere secondo la dignità umana In questo senso una comunità civile si costituisce anzitutto sulla coscienza di questo profondo legame che ci chiama alla responsabilità, cioè a rispondere, con tutto il nostro vivere, a quanti possono avere bisogno di noi. È proprio questo lo spirito che aleggia nelle persone che si sono dedicate in tutti questi anni a prestare la propria opera di volontariato al servizio della nostra comunità. Voglio spendere l occasione di queste poche righe sul nostro giornale per ringraziare dell impegno e della passione profusa il presidente dell Associazione Volontari Antonio Solcia, che dopo 9 anni ha lasciato l incarico. Faccio un grande augurio di buon lavoro al nuovo presidente Maurizio Salamana. AA RICHIESTE DI LAVORO - da Marta Carzaniga responsabile del progetto di integrazione culturale Tessere relazioni. Uomo italiano di 45 anni, esperienza nei bar e ristoranti, anche come guardia; disponibilità a fare i turni. Recapito telefonico: 392/ Ragazza 23 anni, rumena, cerca lavoro per pulizie a Mezzago e nei paesi limitrofi. Patentata e automunita. Recapito Signora Egiziana cerca lavoro come baby-sitter, come aiuto per le persone anziane, nelle ditte e nella ristorazione. Esperienze precedenti come centralinista, portineria e custodia. 12 La responsabile del progetto si rende disponibile anche come riferimento per offerte di lavoro. Recapito: Ricordiamo che, grazie al circuito della Caritas, nella bacheca dell'oratorio vengono affisse numerose richieste di lavoro

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli