E' CAMBIATO L'INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DELLA BACHECA. QUELLO NUOVO E' :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E' CAMBIATO L'INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DELLA BACHECA. QUELLO NUOVO E' : bacheca.mcf@fastwebnet.it"

Transcript

1

2 E' CAMBIATO L'INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DELLA BACHECA. QUELLO NUOVO E' : Non mandate più messaggi sul vecchio indirizzo! grazie La Bacheca di MCF è attualmente divisa in tre argomenti: 1. NOTIZIE - APPUNTAMENTI 2. CERCO - SCAMBIO - OFFRO 3. SPAZIO DI CONDIVISIONE La Bacheca di MCF sarà spedita il giorno 1e15diogni mese tramite a tutti coloro che avranno segnalato il proprio indirizzo in segreteria o al recapito della Bacheca, cioè: che è anche l'indirizzo al quale far pervenire le segnalazioni da condividere. Emanuela e Marco Doniselli progetto insieme lettera trimestrale agli Amici della ASSOCIAZIONE COMUNITÀ E FAMIGLIA Redazione: Roberto Bertolina, Giorgio Chiaffarino, Elena Carloni, Emanuela Casiraghi, Marco Doniselli, Marco Frigerio, Rita Isella, Alfredo Longoni, Luca Marchesi, Marco Moreschi, Susanna Paccagnini, Mario Reguzzoni S.I. Coordinatore Giorgio Chiaffarino, Disegni: Giuseppe Ferrario Corrispondenza: progetto insieme Associazione Comunità e Famiglia Piazza Villapizzone, MILANO Ccp: fono-fax: e- mail: sito internet: Si ringrazia la coop il Girasole di Inzago per aver contribuito alla stampa di questo numero. pro - manuscripto 2

3 Per vivere e sperare VEDERE DIO «Beati i puri di cuore perché essi vedranno Dio» (Mt 5,8) Sono due le cose da capire. La prima: quand è che il cuore è puro? Ma il cuore cos è? La seconda: come si fa a vedere Dio? I filosofi antichi dicevano che il cuore è la sede delle sensazioni e delle emozioni; guida privilegiata dell uomo nell ambito della morale, della religione, della filosofia, dell eloquenza, in quanto ha il potere di conoscere i rapporti umani e tutto ciò che da essi nasce; nella filosofia moderna invece il termine «cuore» viene usato scambievolmente con quello di «coscienza» per indicare quella sfera privilegiata in cui l uomo può attingere con certezza assoluta le realtà ultime. In ogni caso, il termine lo si usa in senso figurato per indicare il centro delle facoltà affettive, dei sentimenti, dei vari moti d animo, sede della facoltà di sentire, della sensibilità; centro dei sentimenti, delle passioni, degli affetti; sorgente dell ispirazione poetica e artistica, tanto che finisce con l indicare l indole, l animo, il carattere di una persona e diventa sinonimo di bontà, generosità, compassione, sensibilità, delicatezza d animo. È anche la sede dei moti interiori, intima parte dell animo umano per indicare l interiorità, il segreto della mente, del pensiero, della sensibilità, la memoria dei sentimenti e degli affetti. Diventa persino principio e origine della vitalità, della forza d animo, dell energia e significa allora coraggio, fierezza, ardimento, entusiasmo nell intraprendere un azione. Si capisce perché, con tutti questi significati, la Chiesa cattolica ha sentito il bisogno di onorare il Cuore di Gesù e l università cattolica non ha trovato di meglio per definire se stessa che dire di essere l «Università del Sacro Cuore». Occorre allora spiegare come fa un cuore simile a essere puro. Una cosa è pura quando si presenta allo stato naturale, inalterata, in tutta la sua genuinità, non mescolata con elementi eterogenei che la possono corrompere, guastare, inquinare. L acqua è pura quando si trova così come sgorga dalla sorgente; l aria è pura quando è libera da miasmi, da vapori, da nebbie, da fumi, da esalazioni nocive e quando il cielo è sereno e senza nubi; lo sguardo è puro quando riflette con la sua luminosità il buono stato della salute e la serenità di una coscienza in pace con se stessa; una voce è pura se si distingue per la perfezione del timbro e del tono; il vino (o il latte) è puro se non è annacquato; ma si dice anche che uno è puro se è immune da vizi e difetti, da errori e colpe perché dotato di salde virtù morali ed è privo di malizia; un animo è puro se è innocente e irreprensibile, mentre la coscienza è pura quando è intemerata (cioè non violata, non profanata; vale a dire di assoluta integrità morale, come la Vergine Maria che è Mater intemerata). Infine si dice che uno è puro di cuore per indicare la rettitudine delle sue intenzioni, l intima sua onestà, l assoluta mancanza di malizia. C è stato persino chi (Marino Moretti) nel 1923 ha scritto un libro dal titolo I puri di cuore per parlare del coraggio degli oppressi e del sacrificio silenzioso dei semplici. Per questo Isaia dice: «Lavatevi, purificatevi [ ] togliete la malvagità dalle vostre azioni davanti ai miei occhi, cessate di fare il male. Abituatevi a operare il bene, cercate la giustizia, soccorrete 1 oppresso, giudicate in favore dell orfano, difendete la causa della vedova [ ] allora venite e trattiamo fra noi, dice il Signore. Sebbene i vostri peccati fossero come scarlatto, rimarranno bianchi come la neve; sebbene fossero rossi come la porpora, rimarranno come la lana» (Is 1,11-18; cfr. 33,14-16 e Sal 15). Il salmista poi si domanda: «Chi potrà salire al monte del Signore?» e risponde: «L innocente di mani e limpido di cuore, colui che non rivolge la sua anima alla menzogna né giura al suo prossimo con inganno» (Sal 24,1-6). Forse per questo si dice «il tale è un puro» perché s impegna con tutte le forze nel professare una religione o una ideologia, nel sostenere le sue convinzioni e nell attuare un programma; oppure perché è contrario a compromessi e cedimenti, è intransigente, rigoroso e severo. Ma «puro» si dice anche di chi si presenta con tutti i crismi di un innocenza intemerata, che rivela pudicizia e castità, tranquillità di coscienza e bontà d animo, illibatezza di costumi e onestà di vita, oppure sublimità di ideali. Ma è puro anche chi è immune da errori concettuali o anche religiosi; chi è chiaro, evidente, preciso, veritiero (che dice la verità) e verace (che è veramente tale quale dice il suo nome); insomma, chi è totalmente ed esclusivamente se stesso, chi è in tutto e per tutto quello che è, con esclusione di qualsiasi altra cosa. Alla fin fine, bisogna dire che solo Dio è puro. Per vedere Dio bisogna essere simili a lui, per questo sono pochi coloro che lo vedono. La Sapienza dice che «lo hanno cercato con amore per la giustizia e con cuore sincero e Dio si è lasciato vedere daloro» (Sap 1,ls.). Si tratta di «vedere» Dio attraverso la sua provvi- 3

4 denza salvatrice; si tratta cioè di esperienza interiore, poiché quando Mosè chiede: «fammi vedere la tua gloria», Dio risponde: «Non potrai vedere il mio volto, perché l uomo non può vedermi e continuare a vivere» (Es 33,18.20). Per avere questa esperienza è necessaria la carità che «procede da un cuore puro, da una buona coscienza e da una fede senza doppiezze» (1Tm 1,5). Il cuore deve essere «senza doppiezze, buono, sincero, timorato di Dio e tutto impegnato nel suo servizio» (Ef 6,5-8; Col 2,22-25), allora sì che, se non si capisce cosa sia Dio, si percepisce almeno che senza di Lui non si può vivere e Lo «si vede», come quando si dice «vedo» per dire «capisco». La prima fase quindi di questa «visione» è la familiarità con Dio. Essere familiare con Dio vuol dire essere schietto, semplice, naturale, alla buona con Lui, come avviene nell intimità della vita familiare; vuol dire sentirlo cortese, affabile, alla mano, come uno che è ben conosciuto per lunga pratica e per assidua consuetudine. La seconda fase del «vedere» Dio sarà la «visione beatifica», che non sappiamo cosa sia; sappiamo solo che i credenti, «rispecchiando la gloria del Signore, di gloria in gloria si trasformano pian piano nella sua stessa immagine» (2 Cor 3,18); infatti, «ora vediamo attraverso uno specchio, in enigma, ma allora faccia a faccia» (1 Cor 13,12). Per avere la visione beatifica occorre aspettare che Egli si manifesti: «Guardate di quale amore ci ha fatto dono il Padre, affinché siamo chiamati figli di Dio e lo siamo [ ]; e non è stato ancora manifestato quello che saremo. Sappiamo che, quando ciò sarà manifestato, saremo simili a lui, perché lo vedremo come Egli è» (1 Gv 3,1-2). Il guaio è che, nel nostro linguaggio, questo si chiama «morire». Gesù aveva detto: «Padre, io voglio che quelli che tu mi hai dati, dove sono io siano anch essi con me, perché vedano la mia gloria, che tu mi hai dato» (Gv 17,24). Perché ciò avvenga ho una sola cosa da fare: devo essere un «puro», stavo per dire un «duro», cioè professare il Vangelo, essere fedele alla mia missione fino alla morte, come lui. «Chiunque ha questa speranza in Lui, rende puro se stesso, come Egli è puro» (1 Gv 3,3-6). Anche perché Gesù ha detto che «solo colui che viene da Dio ha visto il Padre» (Gv 6,46) e «nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare» (Mt 11,27); cose queste che sono state nascoste ai sapienti e agli intelligenti e sono state rivelate ai piccoli. Sono loro quelli che vedono Dio. p. Mario Reguzzoni S.I. LA FIGURA DEL DIACONO A chiunque chiedesse che cos è il diaconato si dovrebbe innanzitutto rispondere che esso è una vocazione e in particolare è una vocazione che porta alla ordinazione. Ma se si tratta di una vocazione da cui consegue un ordinazione sacramentale allora non si potrà considerare il diaconato a partire da questioni pratiche, siano anch esse di tipo parrocchiale o diocesano. Il diaconato è, nella sua specificità ma al pari delle altre vocazioni, un evento di grazia. Se le cose stanno in questo modo pensando al diaconato le domande da affrontare non saranno del tipo: a cosa serve un diacono? Che cosa può fare di diverso da un laico? Che cosa fa di diverso, o non fa, rispetto al sacerdote? Ma piuttosto queste altre: chi è veramente il diacono? Perché lo Spirito del Signore ha voluto che il diaconato esistesse nella Chiesa fin dalle origini e che tornasse a esistere ora? Vocazione e ordinazione sacramentale sono dunque i due poli intorno ai quali ruota la realtà del diaconato al suo livello ultimo. Il diaconato, nella sua forma permanente, è realtà nuova e insieme antica. Va considerato un dono provvidenziale che lo Spirito Santo fa oggi alla Chiesa d Occidente (nella Chiesa d Oriente non è mai scomparso), riportando in vita un ministero che in origine aveva un posto importante nella comunità cristiana. A partire dal V secolo, e per circa quindici secoli, il diaconato è rimasto praticamente assente dalla Chiesa d Occidente e solo in questi ultimi decenni, dopo che il Concilio Vaticano II si è espresso a favore di un suo ripristino, è tornato a esistere. Il fatto che il diaconato abbia ripreso a vivere non significa necessariamente che esso sia compreso e valorizzato. La maggiore difficoltà da superare è quella della novità della figura diaconale. È una difficoltà del tutto comprensibile e che va riconosciuta e affrontata con serenità e pazienza. Ci vorranno anni prima che il diaconato venga considerato una realtà del tutto normale all interno della nostra Chiesa. Non avendo punti di riferimento che permettano d immaginare chi sia realmente il diacono e come si collochi all interno della Chiesa, ognuno di noi tende a confrontarlo con figure ecclesiali che già conosce. Lo si paragona al sacerdote, al religioso, al laico impegnato in parrocchia, ma poi ci si accorge che non è possibile identificarlo con nessuna di queste figure. Il diacono non è un sacerdote, inoltre il diacono ha spesso una sua professione e nella maggior parte dei casi è coniugato e ha figli. D altra parte il diacono non è più, come si dice spesso, un semplice laico: riceve infatti il sacramento 4

5 dell Ordine sacro: è un ministro di Cristo a tutti gli effetti. È perciò importante rendersi conto che il diacono non può essere definito a partire da altre figure ecclesiali, procedendo per sottrazione (è meno di un prete), o per addizione (è più di un laico). Si rischierebbe così di ingenerare false classifiche di importanza e di sapere bene cosa il diacono non è ma non chi è effettivamente! Per capire chi sia il diacono occorre mettersi in una prospettiva ben precisa che è quella del primato del Battesimo e dell appartenenza alla Chiesa del Signore. Il diacono è innanzitutto un cristiano, chiamato a essere figlio di Dio in Cristo mediante la fede. Insieme a tutti gli altri fratelli cristiani egli contribuisce alla vita e alla santità della Chiesa offrendo il suo specifico contributo. Il diacono, come ogni altro cristiano, spende tutta intera la sua vita affinché la comunità cristiana sia sempre più Chiesa, crescendo per grazia di Dio in una vera esperienza di comunione e portando l annuncio della salvezza a tutti gli uomini. L atteggiamento allora cambia: invece di domandarsi in che cosa il diacono è meno di un sacerdote e in che cosa è più di un laico, ci si domanderà come il sacerdote, il diacono e il laico devono operare, ciascuno secondo il proprio specifico carisma, affinché la Chiesa sia sempre più comunità di credenti e risponda meglio al suo compito di evangelizzazione. Per riprendere la domanda che ci ha guidato sin qui: Chi è il diacono? facciamoci aiutare dal vocabolario. La parola greca diákonos significa servitore, colui che svolge un servizio a favore di qualcuno. Ecco dunque in che direzione ci si deve muovere per comprendere lo specifico della santità cristiana che il diacono è chiamato a vivere: il volto specifico del ministero diaconale è quello del servo. A qualcuno l affermazione potrebbe sembrare piuttosto generica. Verrebbe infatti da obiettare che l invito a servire è rivolto dal Signore Gesù a tutti i suoi discepoli e non soltanto ai diaconi. È vero! Ma appunto per questo il diaconato esiste, per ricordare a tutti che il cristianesimo è servizio. La riflessione che stiamo conducendo sul diaconato nella sua forma permanente ci porta a toccare un punto molto importante, quello del rapporto tra il diaconato stesso e il matrimonio cristiano. È un dato di fatto che gran parte dei diaconi permanenti e di quelli che si stanno preparando a esserlo sono sposati. Non vi è contraddizione in ciò. Nel caso di persone sposate (esistono anche diaconi, o persone che si stanno preparando a esserlo, celibi) la vocazione al ministero diaconale sorge dentro una vita familiare ormai assodata e quindi a partire da una spiritualità familiare già attiva. Non è perciò immaginabile che tale vocazione prescinda da una simile spiritualità e neppure che, sviluppando una spiritualità diaconale, quest ultima vada a ridimensionare la spiritualità familiare o addirittura ad annullarla. Si dovrà invece ritenere che la spiritualità diaconale conduce la spiritualità familiare a un singolare sviluppo, quindi esaltandola e non penalizzandola. Molto concretamente il primo ambito di esercizio del ministero diaconale è proprio la famiglia. Tre sono le linee portanti della personalità diaconale: l amore per Cristo, l amore per la Chiesa, la passione per il servizio dei poveri. Queste tre linee non possono essere minimamente disgiunte. Il diacono è un uomo che conosce la dimensione contemplativa della vita, un uomo di preghiera, che ama la Parola di Dio. Il diacono è poi una persona che ama la Chiesa. Si sente parte viva di essa e con essa si fa carico dell annuncio del Vangelo di Cristo. Infine il diacono è una persona che ama i poveri. Deve essere una persona che vive e lascia intravedere una sincera e intensa passione per il bene altrui, in particolare dei più sfortunati. E dei più deboli. Il diacono, proprio perché inserito nella normale vita quotidiana di tutti, è uomo di frontiera e deve tenere viva nella comunità cristiana l ansia missionaria. Con queste brevi riflessioni non si è voluto presentare completamente la figura del diacono, anche perché essa si costruirà con il contributo di tutta la comunità cristiana e saranno le esperienze concrete e reali che permetteranno, nel tempo, di comprendere sempre meglio la volontà dello Spirito per il bene di tutti. Dario Gellera PRIMA DI TUTTO L ASCOLTO Facciamo finta di giocare al gioco di avere a disposizione una sola regola. Facciamo finta che essa possa divenire davvero l impegno etico, la bussola interiore, l attitudine da coltivare un intera giornata. Giochiamo al gioco che quella regola oggi sia: prima di tutto l ascolto. Siccome lo sto proponendo, come minimo devo offrire qualche buona ragione che convinca a provare. Vediamo se regge come strategia del buon comunicare. Vediamo se per caso ha a che vedere col nostro essere donne e uomini in ricerca, magari anche della veracità di noi e della verità delle cose. Vediamo se sostiene quel laborioso dialogo tra noi sul come stare al mondo. 5

6 Il tra noi Ascoltare è tante cose quando sono con gli altri. È mettere a disposizione il silenzio di me perché diventi evento il dirsi di un altra persona e, dentro quella sorta di pagina bianca che reciprocamente ci offriamo nel dialogare e nel dirci, deponiamo i fili delle possibilità di incontrarci, di incontrare ciascuno, il dirsi dell altro perché una trama inedita emerga. Senza quel sostare un poco in ciò che l altro ha detto, si fa una replica di se stessi e ciascuno, semplicemente col garbo di farlo a turno, recita il già detto di sé. E si ricama niente di nuovo. E il tra noi non s edifica. Ciascuno resta dov era anche prima che l altro avesse parlato. È fare uno sconfinamento, un pezzo di strada oltre me in quello spazio silenzioso ma non vuoto. Un pezzo di strada con bagaglio diverso: le parole altrui. Le parole altrui accanto alle mie, e poi via via intrecciate fino ad altre parole. Le parole tra noi: né solo mie né solo dell altro. È accogliere chiavi altre per aprire perfino le porte di casa mia. Se prima il silenzio è stato guardato come spazio per coltivare e alimentare la capacità empatica che ciascuno un poco o tanto possiede; se è stato additato come luogo della costruzione del tra noi, ora addirittura arrischio l idea di una ulteriore possibilità. Le altrui parole possono raggiungere di me ciò che di me era sconosciuto. Solo con un po di pazienza e coraggio nella sosta in quelle parole non mie, dell altro, potrei trovarmi tra le mani chiavi per aprire le porte di stanze di casa mia, quelle che neppure sospettavo di avere. Ciò che pare inaccoglibile E quando l altro pronuncia parole che non riesco a portare, a capire? E quando io pronuncio parole che l altro non sopporta o non capisce? Ancor più prezioso un tempo di silenzio che impedisca di cadere nella banale equivalenza ciò che non capisco è stupido o ciò che non riesco ora a portare è improponibile. E ci aspetterebbe subito dopo, dietro l angolo, la spirale della catalogazione: prima inscatoliamo il detto, poi etichettiamo la persona. Così chi ha detto ciò che non si sa ora cogliere e accogliere è superiore, oppure si sta inimicando, oppure è sciocco Ciò che pare inaccoglibile va almeno messo nella regione del possibile. Non mi è richiesto di sposare una causa, ma di non gettare subito nel regno dell esclusione ciò che l altro esprime. Le regioni del possibile sono vaste. Le regioni vaste del possibile mi esercitano ad ammettere che nessuno ha la verità. Ciò che pare inaccoglibile ora è forse qualcosa che turba un mio equilibrio. Forse quel turbamento è per rompere quell equilibrio, spostarmi oltre, raggiungendone un altro. Di inaccoglibile c è solo la pretesa di imporsi e di escludere. Tutto il resto che pare sul momento inaccoglibile forse è una parola-spada che mette a nudo la fatica di lasciarsi spossessare da modi autosufficienti di stare al mondo. Un tra noi abitato E c è chi scommette che il tra noi già sia abitato dalla parola e che gli uomini e le donne diventano tali scoprendo di abitare la parola. Una parola che suscita le nostre, che ha voglia di insediarsi nei nostri idiomi personali, che ascolta non ci zittisce ma ci provoca a dire quella porzione di verità a noi destinata. Una parola che ama essere interpretata, tradotta, rievocata. Non ha paura di essere violata e sciolta nelle nostre parole perché sa risorgere. In esse risorge. È nell alveo dell ascoltare che ciascun piccolo d uomo diventa quell uomo e quella donna che può divenire ed è nell alveo dell ascoltare una parola ricevuta come dono che ciascuno cresce in umanità in modo suo proprio, irripetibile. Ed è nell alveo di una parola suscitatrice delle nostre che il tra noi diventa qualcosa d imprendibile e grande che non s accontenta di essere la somma dei tanti io e tu nella scena del tempo. Quando si osa e si accoglie la responsabilità del reinventare quella parola, il tra noi muore e risorge continuamente, diventando l inedito che Dio desidera. Dunque c è chi scommette sul primato dell ascolto di parole che da soli non possiamo darci, ma che solo insieme possiamo reinventare proprio mentre ci accingiamo a stare al mondo senza pretese di esclusione e di imposizione. Perché scommettere sul primato di quell ascolto non è roba da enunciare, ma è subito modo di vivere il nostro divenire uomini e donne davvero. Eva Maio 6

7 TRA SOBRIETÀ, AUTOPRODUZIONE E CONSUMO Nel ricordare che il 24 novembre scorso si è svolta la giornata del non acquisto (che è cosa un po diversa dallo sciopero dei consumi dello scorso settembre), vorrei riprendere il cammino iniziato da Gianni sullo scorso n 15 ( Libertà e desideri ). Le provocazioni di Gianni hanno echeggiato in me suoni diversi ma sinfonici. Da un lato ciò che già esiste da tempo: il movimento del Consumo Critico e consapevole (http:// pages.inrete,it/cocorico/materiali/cosafacc.htm), dall altro la realtà dei condomini solidali di ACF come possibilità, qui e ora, di offrire una migliore qualità di vita alle persone e alle famiglie, attraverso la fiducia, la sobrietà e la condivisione. Gli aspetti in comune a queste due aree sono, a mio parere, più di quelli che riusciamo a immaginare. E, ne sono certo, possono essere gettati ponti di sinergia e collaborazione tra esperienze che si conoscono poco ma che guardano al medesimo orizzonte. Conti EQUI in famiglia La Campagna Bilanci di Giustizia (http://www.unimondo.org/bilancidigiustizia/index.htm) nasce all Arena di Verona nel 1993 con lo slogan Quando l economia uccide bisogna cambiare! ed è rivolta alle famiglie, intese come soggetto micro-economico. A oggi le famiglie impegnate sono più di 500. La prima cosa che ci accomuna è il fatto di essere famiglie: in questo caso esse si confrontano mensilmente sulle caratteristiche del proprio bilancio familiare per valutare se possono essere apportati miglioramenti coerenti con valori sociali, ambientali o solidali. Poi cercano di valutare se la sobrietà (anche questo termine non dovrebbe esserci estraneo!) può fare davvero rima con felicità e benessere. Le famiglie che hanno inviato i bilanci nel 1999 documentano un consumo mensile individuale medio di a fonte di un pari dato ISTAT di Quindi un risparmio medio mensile individuale di L obiettivo principale però è scegliere i consumi tenendo presente anche la giustizia. Tale atteggiamento è stato documentato nel 1999 con uno spostamento di consumi, da parte delle famiglie partecipanti, per una percentuale del 27,9% sulla totalità dei consumi. Nel contesto dei 6,8 miliardi di consumi rilevati, milioni sono stati spostati, trasferendo la spesa da acquisti giudicati dannosi per la salute, per l ambiente e per i popoli del Sud del mondo a prodotti alternativi, che non danneggiano cicli biologici o che non rappresentano uno sfruttamento ingiusto di persone e di risorse naturali. Le famiglie impegnate nella campagna hanno dimostrato la possibilità di condurre una vita sobria senza compiere sacrifici eccessivi: prova ne sia che la spesa media mensile risulta di inferiore al dato ISTAT 95 sui consumi degli italiani e che, nella sua composizione, è stato rilevato un minore esborso per generi voluttuari, quali l abbigliamento e i regali. Comportamenti ormai consolidati sono risultati la raccolta differenziata dei rifiuti e l acquisto di prodotti delle Botteghe del Mondo, messi in atto dal 60% degli aderenti, insieme alla preferenza per alimenti di stagione e il riuso e scambio (ci dice qualcosa?) di vestiti, abitudini acquisite da quasi il 50%. Consumare insieme, nella responsabilità Un altra iniziativa interessante sono i Gruppi d Acquisto Solidali (GAS Si tratta di gruppi di singoli o famiglie che si uniscono sia per migliorare la qualità e l economia negli acquisti sia per favorire una produzione più equa sul piano sociale, ambientale e solidale. Perché nasce un GAS? Ogni GAS nasce per motivazioni proprie, spesso però alla base vi è una critica profonda verso il modello di consumo e di economia globale ora imperante, insieme alla ricerca di una alternativa praticabile da subito. Il gruppo aiuta a non sentirsi soli nella propria critica al consumismo, a scambiarsi esperienze e appoggio, a verificare le proprie scelte. L istruttoria e la scelta dei produttori (spesso i distributori vengono saltati ) avvengono su criteri quali: la vicinanza al luogo di residenza (favorire i piccoli produttori locali; meno energia e inquinamento prodotti a causa dei trasporti, maggiore tipicità locale dei prodotti); la sostenibilità ambientale dell intero ciclo di vita del prodotto (produzione, distribuzione, uso e smaltimento); la salubrità dei prodotti; la correttezza nel rispetto delle regole dei contratti di lavoro; l inclusione di soggetti svantaggiati nei cicli di produzione. In questi gruppi, molto alla mano, ci si divide i compiti (contatto con i produttori, ricezione della merce, tenuta dei conti ecc.), si discute e decide insieme quali prodotti acquistare e da quali produttori e, periodicamente, si raccolgono gli ordini e, all arrivo della merce, si distribuisce la spesa. Non ci sollecita nulla pensando alle nostre dispense 7

8 comuni? E vero che, a volte, il puro risparmio economico risulta sacrificato in virtu di valori che forse assumono la stessa (o maggiore) importanza. Bisogna ricordare che, nell analisi dei Bilanci di Giustizia, le famiglie destinano agli alimentari una percentuale che oscilla tra il 10 e il 20% del proprio bilancio mensile, come a dire che, se si vuole puntare a un consistente risparmio, occorre puntare su altre tipologie di consumi mentre ci si puo permettere di aumentare di qualche punto percentuale la voce alimentari per scegliere alimenti biologici che rispettano la salute delle persone e della terra dove vengono coltivati. Conclusioni e spunti per MCF Alcuni dati di fatto: due valori fondanti dei condomini solidali di ACF sono la sobrietà e la condivisione; nella vita quotidiana delle convivenze delle famiglie vi sono alcune soluzioni pratiche (la cassa comune, la dispensa comune, la parziale autoproduzione di frutta/verdura, il Banco Alimentare); di norma le famiglie cercano di essere presenti nella comunità locale in cui vivono; in MCF vi sono alcune esperienze di lavoro e di produzione di beni e servizi: la Società Semplice di Berzano (prodotti agricoli, forniti già oggi a diversi GAS), la Piccola Cooperativa di servizi (amministrativi), la Cooperativa Di Mano in Mano (sgomberi e riutilizzo), il negozio di via Durazzo. Le riflessioni 1. Con lo Statuto della nuova Associazione emergono anche nuove attenzioni come la giustizia nella distribuzione delle ricchezze nel mondo e la sostenibilità ambientale nell uso delle risorse: come si coniugano queste attenzioni con, ad esempio, la positiva fiducia nella Provvidenza che porta a volte ad accettare in modo acritico le donazioni in generale e i prodotti del Banco Alimentare e del Banco Telematico? 2. Abbiamo sempre detto che la nostra esperienza può interpellare chiunque ed è aperta a tutti: è importante evitare il rischio di MCF come isola felice, autosufficiente e chiuso su se stesso; dunque procurare che MCF resti aperto al mondo, capace di fare rete con il territorio: potremmo avere un ruolo dignitoso nelle nascenti Reti locali di Economia Solidale, verso la costruzione del nuovo mondo possibile? 3. È possibile ripensare i meccanismi di approvvigionamento dei condomini solidali o delle singole famiglie che camminano in MCF (ad esempio i gruppi di condivisione) alla luce delle proposte dei Gruppi d Acquisto Solidali (GAS)? 4. Il lavoro in ACF: come si misura il necessario equilibrio sul piano dei diritti sindacali, della sostenibilità ambientale nell intero ciclo produttivo, della legalità e della solidarietà? 5. Il tema del bilancio familiare e comunitario (sia sul piano economico sia su quello dell impronta ecologica) può entrare a far parte dei nostri momenti di condivisione, facendo tesoro dell esperienza e del metodo proposto dalla Campagna Bilanci di Giustizia? Come si vede, i temi del denaro, del consumo, della produzione (e dell autoproduzione) ci riguardano da vicino se nel nostro sogno abbiamo una vita felice, accessibile non solo a noi, alla nostra famiglia, al nostro condominio solidale, bensì a tutti gli uomini e donne che condividono oggi il condominio planetario e a quelli che lo abiteranno domani. Per cominciare, dopo il buon successo di partecipazione del seminario su questi argomenti registrato all AGORÀ di giugno scorso, è tempo di rimboccarsi le maniche: vi ricordo il Cantiere che ha svolto i suoi lavori in quel di Villapizzone, il 18 ottobre scorso, con la partecipazione di Mauro Serventi di Fidenza che ci ha introdotto a questi temi nella plenaria pomeridiana dell AGORÀ. Sergio Venezia 8

9 Dalle associazioni LA COMUNICAZIONE NEL MONDO DI COMUNITÀ EFAMIGLIA Qualche riflessione dopo il primo Consiglio Generale di MCF 1 - Chi? I soggetti che si raccontano all interno del Mondo di Comunità e Famiglia, come più volte è stato detto, sono le diverse cordate. Sappiamo che le cordate (Progetto Insieme 14) sono formate da persone che vivono insieme esperienze comuni: la vita quotidiana nelle comunità e nei condomini solidali, il lavoro, gli incontri di condivisione, il servizio nell Associazione, l amicizia e i contatti più o meno regolari, le responsabilità amministrative... Il nome stesso di cordata, di chiara derivazione alpinistica, sottolinea la corda, il legame che ciascun componente del gruppo ha con tutti gli altri. Le cordate esprimono e vivono realtà differenti: qualche gruppo lavora o si conosce da molto tempo, alcune comunità si sono formate diversi anni fa mentre altre sono insieme da poco, alcune esperienze sono ormai consolidate quando altre stanno partendo proprio in questi mesi eccetera. Insomma, come ha ricordato Bruno prima delle vacanze: C è veramente in giro della gente in gamba. Tutti sono in gamba: non tutti (però) sono allo stesso momento di crescita (Progetto Insieme 18). Ebbene, ogni persona, ogni gruppo, ogni esperienza del Mondo di Cominità e Famiglia deve trovare un tempo per raccontarsi, per dire agli altri dove si trova e che tipo di fatica sta facendo. 2 - Perché? Per conoscerci, per esprimere ciascuno la propria identità, per presentarsi agli altri, per far capire chi siamo e che cosa stiamo facendo. E tutto questo diventa un dovere proprio nel momento in cui c è il legame con i compagni della cordata e si può essere d aiuto agli amici delle altre cordate. Ricordiamo due segni che caratterizzano l Associazione, citati dallo Statuto: art. 3.5: L accompagnamento tra famiglie e persone, come reciproco sostegno, come stile e cultura per essere se stessi, per essere famiglia, per essere gruppo, per essere comunità. In altre parole: se vogliamo camminare con qualcuno, è meglio se troviamo il modo di parlare dei legami che ci accomunano, dello stile che ci fa riconoscere, della cultura in cui crediamo! art. 3.8: L impegno personale, come modalità di autopromozione per affrontare le esigenze e i problemi che emergono. Impegno, sostenuto da un clima di fiducia della collettività, alla quale si presenteranno i frutti del proprio operare. In altre parole: la condivisione delle emozioni e delle esperienze deve esplicitarsi in un clima di rispetto e di fiducia, così non può che far maturare i buoni frutti (del proprio operare)! 3 - Quando? Tutte le volte che c è l opportunità di farlo! Ma questo è un grosso problema, perché vuole dire valutare attentamente ogni occasione per decidere che cosa dire, come dirlo e perché. Ho accennato in un altro scritto all importanza della manutenzione dei legami / delle relazioni / degli affetti nella vita di tutti i giorni (Progetto Insieme 17): era una riflessione nata durante uno straordinario incontro di qualche anno fa tra gli amici del Consiglio di Gestione e quelli del Coordinamento dei Gruppi di Condivisione (il cosiddetto Tavolino ). In quella sede si diceva che era molto importante imparare a guardarsi dentro, a parlare di sé in prima persona, ad ascoltare attentamente gli altri (cioè a fare condivisione nel gruppo) per crescere nella consapevolezza e nella capacità di discernimento. Proprio in quell incontro, qualcuno dei presenti aveva avuto l intuizione di definire questa attività comunitaria con le parole fare manutenzione degli affetti, che, io credo, illustrano molto bene questo tipo di sforzo e di fatica. Riguardando indietro le esperienze delle cordate in questi ultimi anni, da più parti è stata segnalata l importanza degli incontri tra i diversi gruppi proprio perché diventavano occasioni di riflessioni e di confronti che, con il metodo della condivisione, portavano maggior consapevolezza in tutti coloro che partecipavano. Credo che lo spirito vincente delle nostre proposte sia un po questo: mettere a frutto gli sforzi e le fatiche di ciascuno all interno di un disegno più grande che piano piano si definisce alla luce di piccoli momenti di incontro e di scambio. In queste situazioni, nelle quali talvolta può prevalere anche una sensazione di grande peso, di fatica, la posizione del singolo si ricolloca in un attività condivisa da tutti: l atto della manutenzione dei propri affetti insieme agli altri. È questa comunione spirituale che vince sulla sensazione di fatica, lasciando il desiderio e la voglia di ritrovarsi ancora, presto. 9

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa.

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa. PROMESSA SCOUT Nella nostra vita quante volte abbiamo fatto delle promesse e quante volte non l abbiamo mantenute; quante volte abbiamo ricevuto delle promesse e quante volte non sono state mantenute.

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli