RASSEGNA STAMPA Martedì 21 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA Martedì 21 ottobre 2014"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA Martedì 21 ottobre 2014 ESTERI INTERNI LEGALITA DEMOCRATICA RAZZISMO E IMMIGRAZIONE SOCIETA BENI COMUNI/AMBIENTE INFORMAZIONE CULTURA E SCUOLA INTERESSE ASSOCIAZIONE ECONOMIA E LAVORO CORRIERE DELLA SERA LA REPUBBLICA LA STAMPA IL SOLE 24 ORE IL MESSAGGERO IL MANIFESTO AVVENIRE IL FATTO IL RIFORMISTA PANORAMA L ESPRESSO VITA LEFT IL SALVAGENTE INTERNAZIONALE

2 L ARCI SUI MEDIA Da Repubblica.it del 21/10/2014 Lavoro, Cgil: "Un milione di persone pronte a scendere in piazza contro Jobs Act" Il dato emerge da un sondaggio effettuato da Tecné per il sindacato di Corso d'italia. Camusso: "Mi aspetto tante persone in piazza". Stoccata a Padoan: "800 mila posti di lavoro? l'aveva già detto Berlusconi" ROMA - La Cgil si prepara alla grande manifestazione del 25 ottobre contro le politiche del governo ( e in particolare contro la riforma del lavoro). Una manifestazione che potrebbe avere numeri importanti: secondo un sondaggio realizzato da Tecnè per il sindacato guidato da Susanna Camusso potrebbero arrivare a Piazza San Giovanni a Roma un milione di persone. Resta sullo sfondo l'ipotesi dello sciopero generale, che nei giorni scorsi la Camusso non ha escluso, nella speranza che anche Cisl e Uil si uniscano alla protesta contro il governo. Alla giornata di lotta ha aderito anche l'arci. Secondo il sondaggio il 70% della popolazione italiana giudica positivo lo slogan scelto dalla manifestazione indetta dalla Cgil peri il 25 ottobre: "Lavoro, dignità, uguaglianza, per cambiare l'italia". Una percentuale che sale al 79% tra gli iscritti al sindacato. "Mi aspetto tante persone in piazza - ha detto la leader Cgil Susanna Camusso - ma non siamo appassionati ai numeri e continueremo a non dare numeri. Mi aspetto una bella, grande, colorata manifestazione, con tante donne, tanti uomini e soprattutto con tanti giovani", ha aggiunto. E oggi alla direzione del Pd sono arrivate parole distensive dal premier Renzi verso la Cgil: "Abbiamo un profondo rispetto di quella piazza, a prescindere dal dibattito che c'è tra di noi". Al momento però i numeri sono diversi: le prenotazioni reali sono per ora 120mila escluso il Lazio, ma la Cgil sottolinea che si stanno chiedendo pullman anche in altre nazioni. Sono stati organizzati pullman, sette treni straordinari e una nave che partirà dalla Sardegna. Sono previsti due cortei, da Piazza della Repubblica e da Stazione Ostiense, che confluiranno in Piazza S.Giovanni, dove è previsto il comizio che si concluderà con l'intervento del segretario generale della Cgil. Prevista anche la presenza sul palco dei Modena City Ramblers per un accompagnamento musicale. "Sarà una grande manifestazione - ha aggiunto Camusso - aperta a tutti coloro che condividono la nostra piattaforma", lasciando così la porta aperta ai dissidenti dem, come Stefano Fassina, che hanno annunciato la loro presenza in piazza. Camusso però ha messo le mani avanti e ha invitato a non fare paragoni con il marzo 2002 quando il sindacato portò al Circo Massimo 3 milioni di persone: "Sono passati sette anni di crisi e ci sono tre milioni di disoccupati", ha sottolineato la leader Cgil, che non ha rinunciato ad una nuova stoccata all'esecutivo: "800mila posti di lavoro creati dalla legge di stabilità? L'aveva gia detto Berlusconi: 1 milione di posti di lavoro" è stato il commento di Camusso all'annuncio fatto ieri dal ministro dell'economia Pier Carlo Padoan. "La legge di stabilità - secondo Camusso - non cambia il quadro rispetto alla disoccupazione e non è una nostra malignità perchè se guardiamo la nota di aggiornamento prevede il tasso di disoccupazione ancora all'11,2% nel 2018". Il governo, per la leader Cgil, deve spiegare da dove arriveranno gli 800mila posti di lavoro. "Senza investimenti, pubblici e privati, vedo difficile ridurre di un terzo la disoccupazione" ha spiegato. Bocciato anche il bonus bebè promesso ieri dal premier in tv: "Non so se 2

3 l'intervento potrà essere coperto dal fondo previsto nella legge di stabilità e mi colpisce che non si decida mai una politica organica sulla povertà". onte_ad_andare_in_piazza_contro_jobs_act_tl_fv_20-ott-14_13_49_nnnn_eco_legge_s /?ref=search Da Repubblica.it del 21/10/2014 Lo "ius soli temperato" di Renzi: tanto fumo e poco ius Il vice presidente dell'arci analizza e commenta gli annunci sul diritto di cittadinanza per i figli di stranieri nati e cresciuti in Italia. Viene subordinato per i ragazzi stranieri il completamento della scuola dell'obbligo, cioè a 16 anni. In pratica, dopo tante chiacchiere, dalla nascita ai 16 anni i figli di immigrati continuerebbero a essere considerati stranieri di FILIPPO MIRAGLIA * Caro direttore, Il metodo è sempre lo stesso: l'annuncio calcolato nei tempi e nei modi per avere il massimo impatto sui media (e magari spostare l'attenzione dai problemi del giorno), i tempi di realizzazione rimandati a un futuro non meglio definito, l'uso improprio dei termini per descrivere un provvedimento che con la definizione che gli viene attribuita ha poco a che fare. Stiamo parlando della dichiarazione del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sulla volontà di introdurre lo ius soli "temperato", ma temperato al punto che di "ius", cioè di diritto soggettivo, conserva ben poco. Tanto fumo per abbassare la soglia di 2 anni. Viene infatti subordinato, per i ragazzi stranieri nati e/o cresciuti in Italia al completamento di un ciclo di studi: scuola dell'obbligo - da noi contemplata fino ai 16 anni - per chi è nato in Italia, oppure la scuola secondaria superiore per chi è arrivato adolescente (dando per scontato che chi arriva abbia completato il precedente ciclo di studi nel suo paese d'origine o che debba frequentare qui l'intero ciclo scolastico preuniversitario). Una autentico bluff che, rispetto alla situazione attuale (a 18 anni chiunque sia nato in Italia può presentare richiesta di cittadinanza), abbasserebbe nel migliore dei casi solo di due anni l'età di accesso alla cittadinanza: in pratica, dopo tante chiacchiere, dalla nascita ai 16 anni i figli di immigrati continuerebbero a essere considerati stranieri nel Paese dove sono nati e cresciuti. Eppure, ci sono 200 mila firme per lo "ius soli". Si continua poi a fare scientemente confusione sulle condizioni che dovrebbero, per temperare lo ius soli, riguardare i genitori, e quelle che invece riguardano i bambini e le bambine che continuerebbero ad essere considerati cittadini di serie B. Il tutto, mentre in Parlamento giace da anni una proposta di legge di iniziativa popolare di riforma della cittadinanza per la quale la campagna L'Italia sono anch'io ha raccolto ben 200mila firme, che prevede sì uno ius soli temperato, ma condizionato soltanto alla residenza di uno dei genitori da almeno un anno. E mentre la competente Commissione della Camera, dopo varie audizioni di organizzazioni sociali che sul tema lavorano (compresa la Campagna citata) sta lavorando a un testo unificato da portare in Aula. Il gioco del consenso. Insomma, oltre al solito metodo un po' furbesco di affrontare argomenti così seri e che riguardano la vita di centinaia di migliaia di giovani stranieri, si conferma, da parte di Renzi, il solito fastidio non solo per il parere dei cittadini (in questo caso addirittura firmatari di una proposta di legge), ma anche per il lavoro del Parlamento. Non è più accettabile che per acquisire consenso si giochi sulla pelle delle persone, 3

4 mentre nel paese rimangono divisioni, ingiustizie, discriminazioni e crescono le pulsioni razziste. Una legge che riformi l'attuale normativa sulla cittadinanza va fatta presto e bene, per il futuro non solo di quei giovani, ma di tutti noi. * Filippo Miraglia è il vicepresidente nazionale Arci /?ref=search Del 21/10/2014, pag. 3 Lavoro, dignità, eguaglianza. Prima tappa in San Giovanni Roma Calling. La Cgil presenta (con sondaggio) la manifestazione di sabato. Camusso: "Sarà l'inizio di una stagione di mobilitazione, perché non ci rassegniamo al fatto che la strada per l'uscita dalla crisi sia quella della riduzione delle tutele e dei diritti. Doppio corteo per centinaia di migliaia. Riccardo Chiari Sabato sarà l inizio di una stagione di mobilitazione, perché non ci rassegniamo al fatto che la strada per l uscita dalla crisi sia quella della riduzione delle tutele e dei diritti. Susanna Camusso presenta un 25 ottobre che non vuole essere una tappa isolata. E che non sarà solo della Cgil: C è un attenzione che va ben oltre i nostri iscritti. La sottolineatura è l effetto di un sondaggio commissionato da Corso Italia a Tecnè. Su un campione di mille maggiorenni, iscritti e non iscritti al sindacato, i risultati indicano che il 54% degli italiani (75% degli iscritti Cgil) ritiene che sia meglio estendere le tutele, perché ridurle non favorisce l occupazione. A seguire il 64% (70% iscritti) pensa che la delega al governo per la riforma del lavoro non farà crescere l occupazione. Ancora, il 51% (74% iscritti) è d accordo con il sindacato nel ritenere che i rapporti di lavoro devono continuare ad essere a tempo indeterminato, e che la flessibilità deve essere limitata nel tempo. Il 55% (79% iscritti) si dice d accordo con la proposta Cgil di estendere la cassa integrazione a tutti i lavoratori, e di dare l indennità di disoccupazione a tutti con una durata rapportata agli anni effettivamente lavorati. Infine l 80% complessivo è pessimista sul 2015: il 55% pensa che la disoccupazione aumenterà ancora nei prossimi dodici mesi, e il 25% che resterà sui livelli attuali. Agli occhi di un un sindacato che ha quasi tre milioni di tesserati attivi e altrettanti pensionati, il sondaggio indica inoltre che le organizzazione sindacali non sono considerate inutili: Sono invece l unica barriera alla frantumazione del corpo sociale e all idea di divisione osserva Camusso del tutti contro tutti. Per questo la manifestazione Libertà, dignità, uguaglianza. Per cambiare l Italia viene considerata come una prima risposta a un governo la cui riforma del lavoro è bocciata senza appello: Mira a abbassare i salari senza creare nuovo lavoro ma peggiorando quello attuale, visto che le stesse stime dell esecutivo nel Def indicano un tasso di disoccupazione nel 2018 dell 11,2%. Quanto alle politiche economiche, la segretaria generale è altrettanto esplicita: Mancano nuove politiche industriali, e gli investimenti, pubblici e privati, sono azzerati. Senza quelli non si esce dalla crisi. Infine un passaggio in risposta alle ultime promesse di palazzo Chigi, dal bonus di 80 euro alle neo mamme (Renzi) agli 800mila posti di lavoro (Padoan): La legge di stabilità non cambia il quadro rispetto all occupazione: non sono certo gli incentivi a pioggia a crearla, altrimenti avremmo dovuto avere incrementi altissimi con le misure dell ex ministro Tremonti. Intanto si va avanti con l organizzazione del 25 ottobre. Con 4

5 i consueti problemi logistici: Ci sono difficoltà per i pullman, li stiamo cercando all estero. E la riduzione del servizio ferroviario sta penalizzando il sud. Numeri? Dalla Cgil offrono le cifre di venerdì scorso e solo del sindacato (120mila prenotati), senza considerare Roma e il Lazio, gli studenti e gli autorganizzati. Fra le adesioni sono già arrivate quelle dell Arci e di Rifondazione, previsti due concentramenti alle 9 in piazza della Repubblica e piazzale dei Partigiani. Da Adnkronos del 20/10/2014 Immigrati: Arci, su ius soli da Renzi solito bluff per avere consensi L'annuncio fatto dal presidente Renzi sull'apertura allo 'ius soli temperato', è "un autentico bluff che, rispetto alla situazione attuale, abbasserebbe nel migliore dei casi solo di due anni l'età di accesso alla cittadinanza", ed è stato fatto con il metodo di sempre: calcolato nei tempi e nei modi per avere il massimo impatto sui media e magari spostare l'attenzione dai problemi del giorno, con tempi di realizzazione rimandati a un futuro non meglio definito e con un uso improprio dei termini". Lo dichiara Filippo Miraglia, vicepresidente nazionale dell'arci.il riconoscimento della cittadinanza viene infatti subordinato, prosegue Miraglia, "per i ragazzi stranieri nati e/o cresciuti in Italia, al completamento di un ciclo di studi: scuola dell'obbligo, da noi contemplata fino ai 16 anni, per chi è nato in Italia, oppure la scuola secondaria superiore per chi è arrivato adolescente, dando per scontato che chi arriva abbia completato il precedente ciclo di studi nel suo paese d'origine o che debba frequentare qui l'intero ciclo scolastico preuniversitario".in pratica, continua il vice presidente dell'arci, "dopo tante chiacchiere, dalla nascita ai 16 anni, i figli di immigrati continuerebbero a essere considerati stranieri nel paese dove sono nati e cresciuti. Si continua poi a fare scientemente confusione sulle condizioni che dovrebbero, per temperare lo ius soli, riguardare i genitori, e quelle che invece riguardano i bambini e le bambine che continuerebbero ad essere considerati cittadini di serie B. Il tutto, mentre in Parlamento giace da anni una proposta di legge di iniziativa popolare e mentre la competente commissione della Camera sta lavorando a un testo unificato da portare in Aula. Non è più accettabile che, per acquisire consenso, si giochi sulla pelle delle persone, mentre nel paese rimangono divisioni, ingiustizie, discriminazioni e crescono le pulsioni razziste", conclude. Da Redattore Sociale del 20/10/2014 "Novo modo", 600 persone alla kermesse sulle responsabilità comuni Tanti visitatori per i tre giorni di incontri promossi da Acli, Arci, Banca Popolare Etica, Caritas Italiana, CISL, Fondazione Culturale Responsabilità Etica e Legambiente FIRENZE - Si è conclusa ieri a Firenze la prima esperienza di Novo Modo Responsabilità di Tutti, tre giorni di incontri intensi e costruttivi per mettere le basi di una ricerca condivisa di nuove soluzioni. Questo è stato infatti l obiettivo fin da subito dichiarato degli organizzatori (ACLI, ARCI, Banca Popolare Etica, Caritas Italiana, CISL, Fondazione Culturale Responsabilità Etica e Legambiente): riportare la responsabilità al centro del 5

6 nostro agire, cercare un nuovo modo di leggere ed affrontare le conseguenze della crisi prendendo spunto da chi, quotidianamente, è abituato a riflettere su questi temi ma anche ad agire. Nell auditorium di Sant Apollonia si sono alternati decine di relatori e di chi ha portato la propria testimonianza ma soprattutto si sono alternati oltre 600 visitatori che hanno ascoltato, partecipato ai laboratori, visitato la mostra dei ragazzi di Casal di Principe e della Terra dei Fuochi. Proprio la presenza di questi ragazzi, insieme a quella del sindaco di Casal di Principe, ha dimostrato la fondamentale importanza di mettere in rete le esperienze virtuose: nel corso del confronto su mafie e legalità, il direttore della Galleria degli Uffizi, Antonio Natali, si è infatti impegnato a portare una mostra, organizzata dal museo fiorentino, proprio nel comune campano. Una piccola ma grande dimostrazione di come sia indispensabile declinare assieme un novo modo di affrontare le sfide come cittadini e come organizzazione della società civile. Uno sguardo alle problematiche italiane ma anche a quelle europee e globali che ci impongono una scelta di responsabilità. Si è parlato di Europa, un'europa lontanissima da quella immaginata dai padri fondatori, percorsa da innumerevoli frontiere, non solo geografiche ma anche economiche, sociali, democratiche. Un'Europa dei diritti ambientali e sociali, minacciati dall'accordo TTIP con gli USA nel nome dei diritti delle imprese multinazionali. E' emersa la consapevolezza dei danni e degli impatti di queste e altre frontiere, e la necessità di abbatterle dando vita ad un approccio, nei diversi ambiti, fondato sulla solidarietà e la cooperazione. Infine, nella giornata in cui migliaia di persone si sono messe in marcia per la pace, un messaggio di responsabilità verso l'atteggiamento che ciascuno di noi deve avere nel perseguimento di azioni di pace intesa come ricerca di libertà, verità, giustizia e fraternità. Si tratta di creare una cultura della pace proponendo la nonviolenza come stile di vita e strumento di contrasto rifiutando la logica della violenza vs. violenza. Mettere in relazione le comunità, socializzare le problematiche, aprire un confronto vero per proseguire questo percorso - questo il filo rosso che ha legato le tre giornate fiorentine. Novo Modo s'è rivelato essere il luogo in cui portare avanti questo percorso anche attraverso una mappatura legata a ciò che è veramente nuovo e a ciò che si può mettere davvero in rete e relazione, uscendo dalla logica di leggere la realtà attraverso un unico punto di vista. Da qui partirà il futuro di Novo Modo che è poi il futuro di tutta la società civile e di coloro che realmente vogliono impegnarsi per il bene comune Da Vita.it del 20/10/2014 AZZARDO Quel misterioso protocollo d intesa di Lorenzo Maria Alvaro Il riassunto di tutto quel che c è da sapere sull accordo tra la campagna Mettiamoci in Gioco e Sistema Gioco Italia (Confindustria)in cui tutte le associazioni sono firmatarie ma nessuna lo ammette. Ma qualcosa si muove, l'auser per esempio... Sembra proprio che Confindustria abbia deciso di firmare un protocollo d'intesa con un buon parroco e poco più. O almeno è questa la conlcusione cui porta la lettura della sfilza di comunicati con cui le associazioni partecipanti a Mettiamoci in Gioco stanno prendendo in questi giorni le distanze dai fatti. 6

7 Ma andiamo con ordine. Il 15 ottobre scorso la campagna contro il gioco d'azzardo Mettiamoci in Gioco (in cui si raccolgono Acli, Ada, Adusbef, Alea, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Aupi, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Cgil, Cisl, Cnca, Conagga, Ctg, Federazione Scs-Cnos/Salesiani per il sociale, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Fondazione Pime, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Ital Uil, Lega Consumatori, Libera, Rete della conoscenza, Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie Terre di mezzo, Shakerpensieri senza dimora, Uil, Uil Pensionati, Uisp) firma un protocollo d'intesa con Sistema Gioco Italia, il settore di Confindustria che riunisce i pricipali marchi e protagonisti dell settore del gioco d'azzardo legalizzato dandone notizia sul proprio sito. Un protocollo che mira ad «elaborare insieme proposte su illegalità e infiltrazioni mafiose, pubblicità, minori e sistemi di cura», come spiegano sempre dalla Campagna. Ma tra le tante cose che il testo dice c'è anche il vincolo per i partecipanti a non utilizzare più il termine azzardo ma il più consono «gioco con alea con vincite in denaro». A questo si aggiunge una clausola di riservatezza per cui la comunicazione di quanto i due attori si diranno da qui in poi sarà concordato. Per capire come sia stato accolto il testo dell'accordo dal mondo di chi si batte contro l'azzardo legalizzato basta leggere quella che a riguardo hanno scritto Luigino Bruni e Leonardo Becchetti. Tornando ai fatti, nelle ore successiva alla firma del protocollo d'intesa, su Vita.it il nostro giornalista Marco Dotti riprende il Comunicato della Campagna Mettiamoci in gioco e del suo portavoce Don Armando Zappollini, presidente di Cnca, il Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza. Avendo dato notizia dell'accordo anche criticandolo abbiamo poi pubblicato una lunga intervista in cui il prete spiega la ratio che ha portato all'accordo. Spiega lo stesso Zappollini che ci sono voluti 8 mesi di trattive e incontri, cui hanno partecipato anche i delegati di tutte le associazioni partecipanti a Mettiamoci in Gioco e che compaiono come firmatarie. Ed è a questo punto che la faccenda, al di là dei contenuti del Protocollo, diventa un caso. Perché Vita, contattando i presidenti delle associazioni firmatarie scopre che, in sostanza, il protocollo è stato firmato a loro insaputa. O almeno è questo che i presidenti delle associazioni sostengono. Riassumendo: And e Alea smentiscono di essere al corrente dell'accordo sia per voce di Daniela Capitanucci presidente e socia fondatrice che con comunicati ufficiali. Sulla stessa posizone anche Azione Cattolica che si dissocia via comunicato. Il presidente di Acli, Gianni Bottalico non sa nulla della faccenda e ci rimanda al delegato Antonio Russo, che non smentisce la firma ma non spiega il perché la presidenza non ne sia informata. Il presidente di Auser, Enzo Costa, sconfessa il contenuto annunciando che l'accordo sarà al centro di discussione dentro e fuori l'associazione. Anche Don Mimmo Battaglia, presidente di Fict, non conosce il contenuto dell'accordo e ci rimanda al suo delegato. Poi c'è chi non risponde al telefono, come la presidente di Arci, Francesca Chiavacci. Insomma Don Zappollini è sempre più solo. Gli rimane il suo mondo di riferimento, cioè Libera, che è anche capofila di Mettiamoci in Gioco. E invece no, perché venerdì scorso a Vita arriva una lunga lettera di Don Luigi Ciotti, padre dell'associazione, che assesta il colpo finale: «del protocollo d intesa firmato dalle realtà di Mettiamoci in gioco non sapevo assolutamente nulla e tuttora ne ignoro i contenuti». Don Ciotti annuncia anche comunicati ufficiali da parte di Libera e Gruppo Abele che infatti arrivano, anche qui dissociandosi dalla firma del Protocollo (qui) C'è poi la posizione di Don Colmegna (anche lui tra i firmatari e anche lui a "sua insaputa ), che sulla faccenda ha voluto parlare solo durante un convegno sull'azzardo a 7

8 Milano sabato scorso. Una breve intervento in cui si è detto estraneo alla firma per poi sottolineare che si deve favorire l unità al contrasto dell azzardo. Posizione questa ricalcata anche dall ultimo comunicato di Mettiamoci in Gioco che già dal titolo fa capire quanta sia la confusione: Nessuna alleanza con i concessionari di Confindustria. Un solo obiettivo: la legge quadro sul gioco d azzardo. Proprio in queste ore Renzi propone di innalzare la tassazione Preu (le tasse su slot e Vlt) ed è in approvazione il ddl Binetti sul contrasto al Gap. Perchè allora parlare con Confindustria quando la politica dimostra di essere sul pezzo? In conclusione c'è da dire che tutte queste smentite non cambiano lo stato delle cose: c'è un protocollo d'intesa firmato. Ad oggi infatti tutti i partecipanti a Mettiamoci in Gioco sono contraenti di un accordo con Confindustria. Per stralciare la propria posizione un comunicato non basta, occorrerebbe il coraggio di dire: stracciate quell'accordo. Non in mio nome. Qualcosa di simile viene finalmente detto da Auser in un Comunicato arrivato poco fa in redazione. Eccolo: L Auser nazionale ritiene che la gestione dei contenuti del protocollo sia un fatto non condivisibile e contraddittorio rispetto a quanto sostenuto fino ad oggi tale che, se portato avanti, determinerà l uscita dell Auser dalla Campagna stessa. Finalmente una posizione coerente e coraggiosa. 8

9 INTERESSE ASSOCIAZIONE Del 21/10/2014, pag. 9 La Perugia-Assisi conferma la forza del sentimento pacifista italiano Marcia della pace. Nonostante gli F35 e le spese militari in aumento Emanuele Giordana Se la voglia di pace si misura anche numericamente, la scorsa domenica sembra confermare che questo sentimento rimane importante nel cuore profondo dell Italia. Centomila secondo gli organizzatori, ben oltre per Andrea Ferrari, presidente degli Enti locali per la pace, sarebbero stati i partecipanti della 40ma Marcia della pace Perugia Assisi, percorso di 16 chilometri che dal 1961, quando Aldo Capitini lanciò la prima camminata simbolica con la bandiera a strisce colorate, ricorda che in questo Paese la Costituzione ripudia la guerra. Agenzie e televisioni confermano. Così le nubi che si erano addensate su un evento che compie 53 anni tra distinguo, polemiche e addirittura dissociazioni si dissolvono in una giornata solare a conferma che anche la ritualità ha un suo perché e che dentro quella marcia ci stanno le varie posizioni che si legano al pacifismo italiano. In effetti il timore che qualcosa andasse storto c era: alla vigilia il Movimento Nonviolento si sfila contestando una ritualità senza contenuti e lo stesso fa l Agesci, la maggior associazione degli scout italiani che lascia così il campo al Masci, un movimento scoutistico di sola matrice cattolica. Infine c è una crisi che attraversa il movimento per la pace e una crisi economica che forse rende difficile anche metter la benzina. E, per dirla tutta, c è anche un governo che dovrebbe tradursi nella sinistra al potere dove però balenano fulmini bellicisti come dimostra la recente polemica tra il ministro della Difesa Pinotti e L Espresso che paventa un ritorno dei nostri soldati in Irak e l Italia sembra andare nella direzione opposta a quella indicata dall articolo 11. Ma forse, proprio per questo malessere diffuso tra «missioni di pace», F-35 e spese militari sempre in aumento, la gente si muove, esce di casa, cammina. I numeri, ancora un volta, sono confortanti. Alla marcia hanno aderito 117 scuole, 277 enti locali, tutte le Regioni italiane e un totale di 526 città. E ancora, 479 associazioni di cui 80 nazionali. Al tavolo di una conferenza stampa che fa il punto dell evento c è evidente soddisfazione: una lettera del capo dello Stato e una del Papa. La presidente della Camera che, dopo un tiraemolla, arriva e si mette in marcia. Migliaia di persone che fanno la camminata, altre che arrivano fino in pullman sin sotto la città di Assisi per far soltanto la salita alla Rocca. Alex Zanotelli, l ispirato ex direttore di Nigrizia che fu cacciato per le sue posizioni radicali, ci mette giustizia e ambiente e se la prende con un pianeta che divora se stesso con un 10% che mangia per il resto del 90. Luigi Ciotti, un uomo che quando passa in mezzo alla gente solleva ovazioni e applausi, ci mette legalità e lotta alla mafia. Flavio Lotti ringrazia le scuole che, in effetti, sono le grandi protagoniste dell evento: Aluisi Tosolini, il preside che ha organizzato la loro adesione, rivendica con orgoglio che questi giovani studenti ce n è per tutte le età a lezione studiano la Costituzione. Padre Fortunato, del sacro convento di Assisi anfitrione storico della marcia elargisce sorrisi. Dunque per ora le polemiche si mettono da parte. Del resto ci sono sempre state. A margine del Salone dell Editoria sociale a Roma negli stessi giorni Goffredo Fofi sorride sornione di un ricordo: quando alla terza Perugia Assisi, lui che aveva fatto anche la prima, decise addirittura una contromarcia (che poi non si fece) da Assisi a Perugia «per- 9

10 ché dice il Pci ci aveva messo il cappello sopra e non era questo lo spirito». Anche le polemiche, forse, sono un segno di vitalità. Del 21/10/2014, pag. RM V Il prefetto ordina: Cancellate le nozze gay L ultimatum al sindaco perché provveda in tempi brevi è destinato a cadere nel vuoto: Marino pensa al ricorso Ue Ma il Viminale studia la procedura per l annullamento. Le coppie trascritte sabato: Andremo dal giudice GIOVANNA VITALE L ORDINE è perentorio: «Per evitare irregolarità sul registro di stato civile» il sindaco Marino cancelli subito «le trascrizioni dei matrimoni contratti all estero tra persone dello stesso sesso» effettuate sabato scorso in Campidoglio, altrimenti sarà la prefettura ad avviare d ufficio l iter di annullamento. Stavolta Giuseppe Pecoraro fa sul serio. Constatato il fallimento della moral suasion esercitata per giorni sul primo cittadino, caduto nel vuoto l invito a desistere messo per iscritto alla vigilia della cerimonia, il rappresentante territoriale del governo ha dato seguito alle indicazioni ricevute dal ministro dell Interno e inviato all inquilino di palazzo Senatorio una richiesta formale di dietrofront. Che però Marino, ancora a Cracovia con gli studenti, sarebbe orientato a lasciar scadere. Anche perché la lettera «non dà una data entro cui ottemperare, ma usa una formula generica», fanno notare i suoi. Dice cioè di provvedere «in tempi rapidi». Come a far intendere che forse sulla direttrice Viminale- prefettura non hanno ancora le idee chiare. E se pure le aves- sero, non sarebbe un problema: l arma del ricorso alla Corte di giustizia europea («A causa della potenziale discriminazione contenuta in un azione di cancellazione di un atto civile, eseguito legalmente in un paese Ue, solo sulla base del sesso dei contraenti») resta sempre carica. In realtà negli uffici di Alfano, dove in mattinata è stata convocata una riunione ad hoc, sono decisi ad andare fino in fondo: dalla loro ci sarebbero non solo diverse sentenze (della Corte Costituzionale e della Cassazione) che depongono per l illegalità delle trascrizioni dei matrimoni gay, ma soprattutto un Dpr (il 396 del 2000) che all articolo 9 recita: «L ufficiale dello stato civile è tenuto a uniformarsi alle istruzioni che vengono impartite dal ministero dell Interno», specificando al comma seguente che «la vigilanza sugli uffici dello stato civile spetta al prefetto». Una norma che si adatta alla perfezione al caso Roma, secondo i tecnici del Viminale. Per i quali, finché non interverrà una legge specifica, sarà impossibile registrare all anagrafe le nozze tra omosessuali contratte all estero. L unica cosa che resta da decidere, visto che è la prima volta che si presenta un caso del genere, è la procedura: ossia come provvedere materialmente a un eventuale cancellazione degli atti di stato civile ordinata dal prefetto. Ma le coppie che sabato scorso sono state riconosciute marito& marito-moglie&moglie dal sindaco Marino non ci stanno. «Siamo pronti a far partire una diffida», annunciano i legali di una di esse. «Tecnicamente spiega l avvocato Antonio Rotelli della Rete Lenford il prefetto non può procedere con la cancellazione perché è una attività che spetta esclusivamente ad un giudice e non ad un autorità amministrativa, neanche al ministro. In caso contrario, siamo pronti a impugnare tutto e a rivolgerci alla magistratura». Puntano invece sulla mozione degli affetti Jeff e Domenico, attivisti di Gay Center e sposi in Campidoglio: «Caro Prefetto ci incontri, non siamo un problema di ordine pubblico», l appello lanciato ieri. «Siamo solo una coppia. Non possiamo essere coniugi in Belgio e single a Roma». 10

11 Del 21/10/2014, pag. 4 Varese, agenti in tribunale per la morte di Uva. Ci sono voluti 6 anni Mario di Vito Imputati, in aula. Sei anni e mezzo dopo la morte di Giuseppe Uva, per la prima volta i due carabinieri e i sei poliziotti che lo arrestarono e lo portarono nella caserma di via Saffi, varcano le soglie dell aula bunker del tribunale di Varese. Contro di loro le accuse sono pesantissime: omicidio preterintenzionale, abuso di potere, arresto illegale e abbandono d incapace. Una vittoria già così, visti i sei anni di fatiche dolorosissime patite dalla sorella della vittima, Lucia Uva, che in più occasioni si è scontrata con i procuratori Agostino Abate e Sara Arduini, che hanno messo sotto inchiesta tutti (medici, giornalisti, la stessa Lucia) ma mai hanno voluto sfiorare gli uomini in divisa: per loro avevano chiesto due volte l archiviazione, trovando sempre l opposizione del gip di turno. Anche il pm che arrivò in loro sostituzione, Felice Isnardi, concluse che Giuseppe non era stato pestato, ma, anche in questo caso, alla fine il gup Stefano Sala decise per il dibattimento in aula. La giornata a Varese è cominciata con l ammissione delle telecamere di Raitre e dei microfoni di Radio Radicale, che potranno trasmettere il processo in differita. La Corte d Assise di Varese, presieduta dal giudice Vito Piglionica, ha anche ammesso i parenti di Uva come parti civili, escludendo però l associazione A Buon Diritto del senatore Luigi Manconi. L avvocato degli agenti (nonché consigliere regionale eletto con il Pdl) Luca Marsico ha cercato di opporsi a entrambe le istanze, parlando apertamente di «processo mediatico» e cercando di mettere subito sotto accusa lo stile di vita di Giuseppe Uva. Tutto era cominciato con una bravata, la notte del 14 giugno 2008, Giuseppe e il suo amico Alberto Biggiogero, ubriachi, stavano spostando una transenna in mezzo alla strada. Arrivò una pattuglia, un agente disse: «Uva, proprio te cercavamo». Poi l arresto, le ore in caserma tra urla e secondo l accusa sevizie, il Tso, il ricovero in ospedale e la morte. Adesso sarà un processo a stabilire cosa successe quella notte. L aspettativa è grande: tra il pubblico si sono visti i ragazzi di Acad (Associazione contro gli abusi in divisa), Domenica Ferrulli (figlia di Michele, morto durante l arresto, a Milano, nel 2011), Paolo Scaroni (il tifoso del Brescia picchiato brutalmente dalla celere dopo la partita, a Verona, nel 2005), oltre a Biggiogero: tutti lì a sostenere Lucia Uva e la sua battaglia. C era anche Gianni Tonelli, leader del Sap, a testimoniare la solidarietà sua e del sindacato di polizia ai colleghi finiti alla sbarra. Un copione che si ripete sempre uguale: furono proprio i militanti del Sap a tributare cinque minuti con standing ovation agli agenti condannati per l omicidio Aldrovandi, durante l ultimo congresso, lo scorso aprile. «La sua presenza non ci disturba ha detto l avvocato di Lucia, Fabio Ambrosetti l udienza è pubblica, chiunque può venire a vedere». La giornata, ad ogni modo, è stata buona: «A noi basterebbe una condanna in primo grado per poter dimostrare che quella notte ci furono violenze. La Corte ci ha dato l idea di voler fare in fretta». I primi testimoni saranno sentiti il prossimo 14 novembre, a parte l omicidio preterintenzionale, tutti i reati contestati agli agenti andranno in prescrizione il 15 dicembre del 2015: c è tempo per fare un processo, ma non per superare tutti e tre i gradi di giudizio. 11

12 ESTERI Del 21/10/2014, pag Il reportage La feroce internazionale dei jihadisti dell Is accende sogni nei Paesi arabi. Ma anche la paura in Occidente che la guerra possa provocare un terremoto geopolitico. Il presidente turco non muove i tank alla la frontiera per non rafforzare i ribelli del Pkk Avvantaggiando così il nemico storico Assad Califfi immaginari, tagliagole e curdi Ecco gli incubi del sultano Erdogan BERNARDO VALLI ISTANBUL È UN califfato immaginario quello proclamato il 29 giugno nella valle del Tigri e dell Eufrate. Nella sua traduzione pratica è invece una macchina infernale. E immaginario perché risveglia il ricordo della città islamica nell età classica, spesso associata all idea di un epoca d oro dell Islam, al paradiso perduto, alla potenza svanita, alla comunità dei credenti ancora unita. Insomma un messianismo emblematico della crisi che attraversa il mondo arabo. E al tempo stesso in concreto, oggi, è un entità cosmopolita con confini instabili e ambizioni sterminate, composta da fanatici religiosi, giovani in cerca d avventura, tagliagole, stupratori, mercenari e buoni combattenti. Un internazionale formatasi in prossimità dei luoghi dove furono ambientate alcune delle bellissime pagine di Mille e una notte. Dunque accende fantasie e paure. Sogni e incubi. Le grandi istituzioni sunnite e ancor meno quelle sciite non gli riconoscono la minima autenticità. Secondo i grandi lettori del Corano, il testo sacro dettato da Dio a Maometto, tramite l Arcangelo Gabriele, non parla mai di istituzione politica con quel termine. La parola «khalifa» al singolare appare soltanto due volte a proposito di Adamo e di Davide. E il suo significato si avvicina a «luogotenenza». Per questo i primi successori del Profeta adottarono il titolo di califfo. La storia ha fatto il resto fino all abolizione del califfato decretata (1924) da Ataturk allo scioglimento dell Impero ottomano. Questo preambolo spiega, almeno in parte, la complessità e le contraddizioni della guerra del califfato immaginario. I fronti caldi, in cui si combatte, si decapita e si violenta, sono due: quello siriano e quello iracheno. Ma il conflitto può estendersi in modo più o meno cruento in altre regioni del mondo musulmano. Dove la jihad, intesa all origine come mobilitazione spirituale, rischia di diventare per emulazione violenta. Sul piano geopolitico è un autentico terremoto, perché è esploso in un area in cui i confini tracciati dagli occidentali un secolo fa, sulle spo- glie dell Impero ottomano, frantumano gruppi etnici e religiosi e spaccano nazioni ansiose di nascere o rinascere. Senza i richiami messianici che rimbalzano in comunità frustrate alla ricerca di un rifugio nel remoto passato religioso, l impatto militare del califfato immaginario sarebbe più modesto di quel che appare. Nelle città del Kurdistan turco, a Diyarbakir, sulle rive del Tigri, a Batman, a Bingol, a Van, all inizio del mese almeno trenta manifestanti sono stati uccisi, e più di cento feriti, mentre esprimevano solidarietà ai curdi siriani impegnati a difendere Kobane dai jihadisti del califfato. Era anche una protesta contro la passività delle truppe turche schierate lungo la frontiera con il solo non nobile compito di impedire il passaggio degli aiuti alla città aggredita e a portata di mano. Senza l autorevole invito alla calma di Abdullah Ocalan, il leader curdo imprigionato da anni, la situazione si sarebbe aggravata in Turchia. Questo è l aspetto etnico del conflitto che trabocca dal campo di battaglia siro iracheno. In questo 12

13 caso la religione non c entra: si tratta infatti di uno scontro tra sunniti alimentato dal patriottismo represso. La posizione turca appare ambigua. «Zero problemi con i vicini» era la formula riassuntiva della dottrina del ministro degli affari esteri Ahmet Davutoðlu. Il quale nel frattempo è diventato capo del governo all ombra di Recep Tayyip Erdoðan, eletto presidente. In quanto alla formula del ministro filosofo (Davutoglu si è definito kantiano) adesso appare non solo superata ma ridicola. I problemi con i vicini infatti non si contano. Da quando lo Stato islamico, o califfato, si è impegnato in un offensiva contro Kobane, diventata una città simbolo, il governo turco si è chiuso in un rifiuto non sempre decifrabile. E paradossalmente la posizione potrebbe appesantirsi se i jihadisti dovessero perdere terreno e i curdi finissero col vincere la battaglia. Se Kobane resterà nelle mani dei suoi naturali abitanti e gli aggressori subiranno una sconfitta e dovranno abbandonare i sobborghi che occupano, per Erdoðan sarebbe una scommessa perduta. Pur moltiplicando gli appelli a un intervento terrestre oltre che aereo, Erdoðan è rimasto immobile per sei settimane. E fermi, silenziosi sono rimasti i suoi carri armati sulle colline turche dominanti la città siriana assediata. Rivelandosi operativi soltanto per impedire ai curdi di Turchia di soccorrere i loro amici oltre confine. Nelle ultime ore c è stata tuttavia una svolta. In seguito a una lunga e pare tempestosa telefonata di Barack Obama a Erdoðan avvenuta domenica, il ministro degli Esteri, Mevlut Çavuþoðlu, ha annunciato che i curdi iracheni, i peshmerga, potranno raggiungere Kobane per battersi a fianco dei curdi siriani contro i jihadisti del califfato. Erdðan ha dovuto cedere, almeno in parte, alle richieste del presidente americano, e tener conto dei severi giudizi internazionali per il suo comportamento davanti a quel che accade appena al di là della sua frontiera. E ha messo sul tappeto, come un abile giocatore, i curdi iracheni, con i quali ha buoni rapporti, perché non minacciano l integrità della Turchia e gli vendono direttamente il petrolio, senza passare per Bagdad. Per queste loro virtù e perché buoni combattenti i peshmerga sono autorizzati a raggiungere Kobane. Diversa la posizione dei curdi di Turchia, ai quali non è concesso di soccorrere i fratelli siriani. Erdogan si augura il crollo del regime di Bashar al Assad ed anche la sconfitta di Daesh (acronimo arabo di Stato islamico), ma al tempo stesso non vuole rafforzare troppo i combattenti curdi di Kobane, molti dei quali sono affiliati al Partito di unione democratica (PYD), sezione siriana del Partito dei lala voratori curdi (PKK) di Turchia, il quale è fuori legge e schedato come movimento terrorista dopo decenni di lotta contro il governo di Ankara. Da qui la preferenza data ai curdi dell Iraq, estranei alle vicende turche. Anche sui curdi siriani pesano forti sospetti. Hanno legami con i fratelli turchi e soprattutto usufruiscono già di una larga autonomia. Un loro successo sul campo di battaglia equivarrebbe alla prima pietra di un futuro Kurdistan indipendente, capace di esercitare una forte attrazione su tutte le comunità disperse nei vari Paesi del Medio Oriente. Non esclusi i circa dodici milioni che vivono in Turchia. Affiancati alla città di Kobane ci sono altri due centri curdi autoamministrati, Afrin e Diezireh. L insieme del territorio semi indipendente è chiamato Rojava. Per Ankara è un grosso fastidio. Questo spiegherebbe l atteggiamento di Erdoðan. Nel passato recente il suo governo ha aiutato i gruppi jihadisti impegnati contro il regime di Damasco e simultaneamente contro i curdi. Con lo scoppio della guerra civile siriana la sua politica è diventata zigzagante. A tratti ambigua. Di recente non ha neppure esitato a rifiutare, almeno per ora, l uso della base aerea di Incirlik agli Stati Uniti che la chiedevano per poter intervenire più facilmente a Kobane. E ha suggerito invano agli americani di creare una no-fly zone per privare Bashar al Assad della superiorità aerea che gli consente di bombardare senza rischio i ribelli risparmiati dalle incursioni americane. Washington ha deciso che la no-fly zone è troppo costosa. È una strana guerra quella del califfato immaginario: Bashar al Assad e 13

14 Barack Obama, avversari dichiarati, si spartiscono il compito di attaccare dal cielo i ribelli che a terra si combattono tra di loro, trascurando spesso il nemico originario, il regime di Damasco. Il quale per ora esce abbastanza bene dalla mischia, poiché controlla metà del Paese e la maggioranza della popolazione. Il caso della Turchia è bizzarro ma non è l unico. È senz altro particolare e decisivo per la forza militare di cui dispone il paese. Il quale è membro della Nato ma rifiuta agli alleati americani l uso di una base aerea che faciliterebbe le loro incursioni in Siria. Autorizzato dal Parlamento a intervenire in Siria, il presidente Erdoðan rimane immobile lungo il confine siriano con i suoi carri armati. Con il risultato che a trarre vantaggio della situazione è proprio Bashar al Assad, che Erdoðan considera il suo principale avversario. Essendo lui, Erdoðan, un sunnita fervente, e Assad un alawita, quindi dell area religiosa sciita. Ma a prevalere in questo caso è soprattutto la realpolitik. La religione c entra poco. Il Medio Oriente è come una vasta sabbia mobile, da cui emerge una nazione frantumata e sommersa: il Kurdistan. Erdoðan se lo sogna di notte, anche se per adesso è uno dei tanti fantasmi della regione. Dai Paesi arabi, come del resto dalla Turchia, sono partiti i primi aiuti ai numerosi gruppi islamisti armati avversari del regime di Damasco. I sunniti dell Arabia saudita, degli Emirati del Golfo e del Qatar, spesso in competizione, hanno aiutato i gruppi islamisti armati per colpire il regime di Assad, alleato degli ayatollah di Teheran, capitale sciita alla quale si è affiancata Bagdad, dopo l invasione americana, da cui è spuntato un governo sciita. In tre anni di guerra civile i movimenti islamisti hanno neutralizzato la vera forza moderata d opposizione (il Libero esercito siriano) e si sono immersi in una rissa senza fine tra di loro, favorendo di fatto il loro nemico dichiarato, il regime di Assad. Non è poi tanto azzardato sostenere che Daesh, ossia il califfato, sia un alleato obiettivo di Bashar al Assad. La notte dei lunghi coltelli islamisti oppone i Fratelli musulmani ai salafiti (musulmani integralisti), e la vecchia Al Qaeda ai discepoli infedeli di Daesch. Se sul terreno, in Siria e in Iraq, è in corso una mischia non sempre decifrabile, le coscienze di molti musulmani sono in tumulto. Stando a un sondaggio la stragrande maggioranza dei sauditi, appartenenti a un Paese che partecipa alla coalizione guidata dagli americani, giudica il califfato «conforme ai valori dell Islam e alla legge islamica». Le famiglie dei giovani sauditi morti combattendo nelle file jihadiste li considerano martiri e quindi ne sono fiere, e invece di esprimere dolore non esitano a manifestare l orgoglio per quei figli destinati al paradiso riservato a chi muore per l Islam. Nonostante la condanna delle autorità religiose la vendita di indumenti con scritte inneggianti al califfato e invitanti alla jihad hanno un notevole successo, anche perché pubblicizzati sugli website. Enfatizzato da generazioni di teologi e di letterati come un «paradiso perduto», il califfato sia pur immaginario sollecita le fantasie. Favorisce il fenomeno la difficoltà intellettuale e politica a pensare o a creare dei modelli alternativi, e quindi la naturale propensione a ricorrere a movimenti messianici rivolti al passato. Gli Stati Uniti non hanno mai partecipato a una guerra del genere. Si tratta di bonificare politicamente e di ridisegnare una regione, che va da Bagdad, dove muoiono per attentati una trentina di persone al giorno, a Raqqa, dove un califfato immaginario è retto da un chierico che si ispira al Settimo secolo, ma che è un esperto o quasi in comunicazione di massa. Spegnere questo conflitto sorvolando e bombardando il campo di battaglia, senza mettere piede a terra. Questo è il quesito posto agli strateghi del Pentagono. Ma una politica condotta Paese per Paese, tesa ad isolare quella che gli storici hanno battezzato la Mezzaluna fertile, la curva striscia di terra adesso insanguinata che taglia il Tigri e l Eufrate, è probabilmente la strada più intelligente da seguire per arrivare col tempo a un risultato. Che non sarà comunque una vittoria. 14

15 Del 21/10/2014, pag. 15 Kobane, la svolta di Ankara Sì al passaggio dei peshmerga dopo il pressing americano ALIX VAN BUREN LA TURCHIA di Erdogan, costretta all angolo da una bufera di critiche internazionali, apre a sorpresa il passaggio ai curdi iracheni, autorizzandoli a soccorrere i curdi siriani assediati a Kobane dallo Stato islamico (Is). Il ripensamento di Ankara, accusata di inerzia se non di complicità con l Is per il rifiuto di intervenire a sostegno di Kobane malgrado l insistenza degli alleati, e di sigillare le frontiere al passaggio dei jihadisti, avviene dopo un formidabile pressing americano. Nella notte fra domenica e lunedì, tre C-1-30 Usa paracadutano ai curdi siriani 27 carichi di armi, munizioni e farmaci. È la risposta di Washington a Erdogan, il quale aveva appena escluso ogni aiuto all Ypg, l esercito del Kurdistan siriano, definito da Ankara «terrorista». L intervento Usa è preceduto da una «aspra» conversazione telefonica fra il presidente Obama e il turco. Il segretario di Stato Kerry lancia un altra stoccata: «Sarebbe difficile sotto il profilo morale» negare sostegno «ai valorosi curdi», dice. È allora che Ankara inverte la rotta: come, però, e da dove passeranno i peshmerga è tutto da stabilire: «I colloqui sono ancora in corso», è vago il ministro degli Esteri Çavuþoðlu. Washington opera una scelta di campo: i combattenti dell Ypg siriano stanno rivelandosi le più efficaci forze di terra nella guerra della Coalizione contro l Is. In 36 giorni, hanno pressoché respinto l offensiva dei jihadisti nonostante i rinforzi che questi hanno ricevuto da Raqqa, la capitale siriana dell autoproclamatosi califfato. Ieri i curdi siriani costringono l Is ad arretrare nel quartiere di Kaniye Kurda vicino al valico di confine a Kobane; lo stesso accade sui fronti meridionale e orientale. Catturano mitra, munizioni e lanciagranate. Per il secondo giorno di fila, da Kobane non arriva l eco assordante delle armi. L Is sarebbe stato allontanato da gran parte della città: alle spalle ha il deserto, dov è facile bersaglio dei raid aerei Usa. Di fronte ha le vie del centro di Kobane, dove sono appostati uomini e donne dell Ypg. L avanzata jihadista ora sembra arenarsi. Da Roma papa Francesco al termine di un Concistoro dedicato al Medio Oriente descrive «un fenomeno di terrorismo di dimensioni prima inimmaginabili»; denuncia orrori e persecuzioni «purtroppo nell indifferenza dei più». E ammonisce: «Non possiamo rassegnarci a pensare al Medio Oriente senza i cristiani, che da duemila anni vi confessano il nome di Gesù». Del 21/10/2014, pag. 8 La Turchia apre la frontiera ai peshmerga Iraq/Siria. A Kobane i primi aiuti militari: dai jet Usa sganciate armi e munizioni. In Iraq sotto attacco la città sacra sciita Karbala e Baghdad: 50 morti Chiara Cruciati Dopo un mese d assedio a Kobane arrivano i primi aiuti militari. Dal cielo e da terra: domenica jet statunitensi hanno sganciato sulla città kurda a nord della Siria armi, munizioni e medicinali inviati dalla regione autonoma del Kurdistan iracheno per «permettere la continuazione della resistenza contro l Isis», si legge in un comunicato dell esercito Usa. 15

16 Da Irbil giungono anche combattenti: un gruppo di peshmerga attraverserà la frontiera tra Turchia e Siria per raggiungere la città nella regione di Rojava, coordinati con le autorità turche. Lo ha fatto sapere ieri il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu: «Stiamo aiutando i peshmerga ad entrare a Kobane. Non è nostro desiderio che la città cada». Una decisione che stravolge la politica di immobilismo adottata finora da Ankara e che segue, secondo l agenzia stampa kurda Rudaw, alla richiesta del presidente del Kurdistan iracheno Barzani, ma soprattutto alla pressioni Usa nonostante il palese fastidio espresso dal presidente Erdogan per la consegna di armi ai kurdi delle Ypg, le Unità di protezione popolare del Partito di Unità Democratica (Pyd), estensione siriana del Pkk. La Casa Bianca aveva riportato di una telefonata, sabato, tra il presidente Obama e Erdogan con la quale si annunciava il lancio di aiuti militari su Kobane: «Comprendiamo la preoccupazione turca per il tipo di gruppi, compresi quelli kurdi, che sono stati impegnati in un conflitto [con la Turchia] ha commentato un funzionario Usa Tuttavia, riteniamo che Stati uniti e Turchia si trovino di fronte un nemico comune, l Isis». La reazione era scontata: «Il Pyd è per noi uguale al Pkk ha detto Erdogan ad un gruppo di giornalisti Un organizzazione terroristica. Sarebbe un errore per gli Stati uniti con cui siamo amici e alleati nella Nato aspettarsi da noi un sì al sostegno di un organizzazione terroristica». L apatia turca nei confronti della resistenza di Kobane è frutto dell alleanza tra i kurdi siriani e il Partito Kurdo dei lavoratori di Abdullah Ocalan: per Ankara ogni fucile consegnato a Rojava è un fucile nelle mani del Pkk. Per questo, il permesso di ingresso in Siria è stato accordato ai soli kurdi iracheni e lascia fuori i combattenti del Pkk che da settimane tentano di passare la frontiera. Per ottenere quel sì dalle autorità turche, ha ricordato ieri il premier Davutoglu, è necessario che la coalizione globale guidata dagli Usa accetti le precondizioni di Ankara: no-fly zone sul cielo della Siria e zona cuscinetto dentro il territorio siriano. Precondizioni figlie del reale obiettivo turco, far cadere il presidente Assad. Sul fronte Damasco, ieri, è stata l Unione Europea a muoversi di nuovo: i ministri degli Esteri dei paesi membri hanno aggiunto alla lista nera di Bruxelles altre 16 personalità legate al regime di Assad. E se a Kobane si continua a combattere l assedio che nonostante l intensificazione dei raid aerei non cessa (135 i bombardamenti sulla città), sul fronte iracheno si assiste ad una recrudescenza dell offensiva islamista. Protagonista torna Sinjar, la comunità yazidi che all inizio di agosto attirò l attenzione del mondo: peshmergae coalizione aprirono un corridoio umanitario per salvare migliaia di persone intrappolate sul monte Sinjar, ma 5mila yazidi furono uccisi e altri 7mila soprattutto donne finivano nelle mani dei miliziani di al-baghdadi, venduti al mercato degli schiavi o costrette a matrimoni con i combattenti islamisti. Oggi l assedio dello Stato Islamico soffoca di nuovo la minoranza irachena: sarebbero 700 le famiglie yazidi ancora in trappola sul monte Sinjar. Nelle stesse ore target dell Isis era la città sacra sciita di Karbala, considerata da Teheran la linea rossa che lo Stato Islamico non dovrebbe superare. Ieri è stata colpita da 5 autobombe che hanno ucciso 15 persone in zone commerciali e parcheggi vicino a uffici governativi. Bombe anche a Baghdad: almeno 22 le vittime di un esplosione in un mercato nel quartiere di al-taramiya e 10 in un attentato suicida contro una moschea sciita nel distretto di Sinak, colpita dopo la preghiera di mezzogiorno. La serie di attacchi è giunta dopo l attentato di domenica contro un altra moschea sciita a Baghdad, nel quartiere di Harthiya. Un attentatore suicida si è fatto saltare in aria durante un funerale, uccidendo 21 persone. Baghdad è da giorni teatro di sanguinosi attacchi che colpiscono al cuore il potere centrale e le sue istituzioni: in un mese e mezzo sono stati 31 gli attentati suicidi nella capitale. 16

17 Del 21/10/2014, pag. 8 Libia, Haftar e jihadisti alla resa dei conti Bengasi in fiamme. I miliziani di Ansar al Sharia al contrattacco, 80 le vittime Giuseppe Acconcia I jihadisti di Ansar al Sharia vanno al contrattacco. Dopo l offensiva dell ex agente Cia, Khalifa Haftar, che la scorsa settimana ha costretto alla ritirata temporanea i miliziani combattenti che nel luglio scorso avevano conquistato Bengasi, una serie di attentati ha dilaniato il capoluogo della Cirenaica. Sarebbero almeno 75 i morti negli attacchi suicidi, avvenuti negli ultimi cinque giorni di combattimenti. Le milizie islamiste avevano lanciato una serie di appelli ai loro sostenitori nell est della Libia e a tutti i combattenti armati a mobilitarsi per dare «una risposta alle bande del criminale Khalifa Haftar». Nell appello, citato dai media libici, si chiede di contattare al più presto i capi delle brigate armate e di scagliarsi contro i miliziani che hanno appoggiato l ex militare, soprattutto i Zintani che hanno sostenuto per primi il tentativo di colpo di stato perpetrato da Haftar nel maggio scorso. Anche una donna è rimasta uccisa in uno degli attacchi dinamitardi contro una residenza, nel centro di Bengasi, del generale Khalifa Haftar. Un altra combattente è rimasta ferita. Tra i morti c è anche il coordinatore umanitario per il sostegno ai rifugiati di Bengasi, Omar Amsib el Mashiti. L operatore è stato trovato morto dai servizi di sicurezza libici. L uomo sarebbe stato freddato con un colpo d arma da fuoco. Mashiti era stato rapito lo scorso martedì davanti alla sua casa di al Kwarsha, a ovest di Bengasi; aveva accusato di recente funzionari del consiglio municipale di Bengasi di aver sottratto i fondi destinati all assistenza agli sfollati della città. Secondo l Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr), sono oltre 300 mila gli sfollati interni in Libia dopo lo scoppio delle violenze l estate scorsa. Centinaia di profughi hanno tentato negli ultimi giorni di lasciare la Libia. In particolare, 196 migranti sono stati arrestati mentre tentavano di superare il confine libico attraverso il deserto che separa la Libia dall Egitto. Il ministero degli esteri egiziano ha rinnovato l allerta agli egiziani di lasciare il paese e a camionisti e agenti commerciali di non passare dal porto di Tobruk per questioni di sicurezza. Decine di egiziani, tra cui sia sostenitori dei Fratelli musulmani sia ufficiali dell esercito, sono accusati di aver preso parte ai combattimenti nelle fila delle milizie islamiste Scudo di Misurata, 17 febbraio, Ansar al Sharia, o per le milizie pro-militari tra cui i più agguerriti guerriglieri di Zintan. Molti di questi combattenti egiziani sono stati arrestati con l accusa di immigrazione illegale e marciscono nelle carceri libiche. Con l aggravarsi della crisi, si susseguono gli appelli per un cessate il fuoco tra militari e islamisti. «La situazione in Libia si è molto deteriorata», ha detto l Alto rappresentante uscente per gli Affari esteri dell Unione europea, Catherine Ashton. Anche i governi di Francia, Italia, Germania, Regno Unito e Usa, i cui rappresentanti diplomatici in molti casi hanno lasciato il paese, condannano le violenze che si stanno commettendo in Libia e chiedono un immediata cessazione delle ostilità. I firmatari del comunicato hanno condannato «i crimini commessi dai gruppi Ansar al-sharia e gli attacchi di Khalifa Hafter a Bengasi». Con l inviato speciale per la Libia dell Onu, Bernardino Leon, questi paesi sono pronti ad adottare, «sanzioni individuali contro coloro che minacciano la stabilità in Libia». 17

18 Del 21/10/2014, pag. 5 Spagna, da movimento a partito, Podemos verso l assalto L'assemblea fondativa. Nel week-end con 7mila militanti. Primi problemi sulla leadership. Pablo Iglesias pronto per la segreteria, ma c'è chi punta a una direzione collegiale Giuseppe Grosso <<Il cielo non si conquista con il consenso, ma con un assalto». È iniziata parafrasando Marx l assemblea fondativa di Podemos, anche se di sinistra e di destra, di mostri sacri del passato e di etichette, nessuno vuol sentire parlare tra le fila del movimento, diventato ormai partito. E non potrebbe essere altrimenti per una formazione senza storia (un vantaggio e uno svantaggio al contempo), spuntata quasi all improvviso nel solco tracciato dagli indignados del 15M. Tutto è nuovo, tutto è all insegna di un iconoclastia a volte un po inquietante nel partito che «cambierà il Paese», come ha promesso Pablo Iglesias, giovane professore di scienze politiche, principale ideologo e leader di Podemos. L assalto è previsto per il 2015, data delle elezioni generali che potrebbero segnare uno spartiacque nella storia democratica della politica spagnola. Prima ci sarebbero le consultazioni municipali, ma la periferia politica non rientra nei piani di conquista, che puntano dritto alla giugulare del sistema. «Occupare il centro dello scenario politico»: questo è l obiettivo che Pablo Iglesias ha riaffermato davanti a circa 7mila militanti accorsi all assemblea costituente di Podemos, che si è svolta tra sabato e domenica a Madrid. Un obiettivo ambizioso, ma non irraggiungibile. A legittimarlo ci sono l emorragia di voti dei partiti maggioritari, spinti nel baratro dai dilaganti scandali di corruzione, il logorio inarrestabile del sistema bipartitico, e soprattutto i numeri: 1,2 milioni di voti alle scorse europee, che hanno mandato ben cinque deputati a Strasburgo, sconvolgendo la superficie stagnante e paludosa della politica spagnola. Ed è proprio l effetto «rottamazione» a seminare lo sconcerto nell ancien régime, impreparato a contrastare (al di là delle facili accusa di populismo) uno dei pochi progetti capaci, a livello europeo, di (ri)avvicinare le persone alla politica. Di creare secondo la definizione di Iglesias aspettative «tra quella maggioranza sociale che vuole che i ricchi paghino più tasse, che sa che per porre fine alla corruzione è necessario democratizzare l economia e che è cosciente che la crisi deriva dal fatto che siamo stati governati per anni da ladri». Le intenzioni, insomma, sono buone, ma vari ostacoli si intravedono fin d ora sul cammino. Il più insidioso viene dall interno, e riguarda la leadership del partito. Iglesias ha in mente un organizzazione gerarchica tradizionale con una segretaria unipersonale (a cui ovviamente aspira), mentre altre correnti del partito, rappresentate dall europarlamentare Pablo Echenique, vorrebbero affidare la direzione a organi collegiali, difficili da conciliare con la carismatica personalità di Iglesias, spesso incline a vestire i panni del padre padrone. «Per vincere contro Rajoy o Pedro Sánchez (segretario del Psoe, ndr), non ci vogliono tre segretari, ma uno», ha tagliato corto. La questione è stata comunque sottoposta all assemblea e fino a domenica prossima gli iscritti potranno votare via internet il modello di partito da adottare. Sulla base dei risultati saranno presentate le candidature e il 15 novembre si saprà già il nome del primo segretario di Podemos. Iglesias ha dichiarato che se la sua proposta non dovesse passare rinuncerà alla candidatura, ma al momento è difficile immaginare il partito senza il suo principale ideologo al timone. Al voto degli iscritti (circa ) anche altre importanti questioni etiche e organizzative: la partecipazione alle municipali (la corrente dominante si asterrebbe), un tetto salariale 18

19 per i dirigenti, la rinuncia al finanziamento bancario e uno dei punti più controversi lo sbarramento che impedirebbe a militanti di altre formazioni l accesso agli incarichi direttivi. Una scelta appoggiata da Iglesias, che sembra fatta apposta per sigillare il partito e tagliare fuori la corrente di Izquierda plural, formazione cofondatrice di Podemos. Intanto alcune direttive fondamentali sono già state ratificate durante l assemblea. Podemos si impegnerà a universalizzare la sanità pubblica e a sospendere la riforma della scuola del Pp, proponendo un testo alternativo che valorizzi l istruzione pubblica; sul piano della lotta per la trasparenza, si lavorerà per iscrivere tra i reati penali quelli riguardanti la corruzione, istituendo il reato di associazione a delinquere per le malversazioni commesse da gruppi politici. Tra le priorità, anche il diritto alla casa, fronte su cui Podemos ha sempre combattuto in prima linea: in agenda il contrasto agli sfratti e allo strapotere bancario e l universalizzazione del diritto alla casa. Sul piano economico, l obiettivo sarà invece la rinegoziazione del debito pubblico che prevede una revisione delle scadenze e dell entità del debito, considerato in parte illegittimo. Del 21/10/2014, pag. 5 Turingia, la prima volta della Linke Germania. Via libera dell Spd al governo di coalizione rosso-rossoverde. Ramelow verso la presidenza del Land Jacopo Rosatelli L annuncio atteso è arrivato: ieri i vertici del partito socialdemocratico (Spd) in Turingia hanno dato il via libera alla formazione di un governo progressista di coalizione con alla testa un esponente della Linke. Il piccolo Land della Germania orientale è ormai vicinissimo a diventare la prima regione tedesca guidata da un membro della formazione lontana discendente dalla Sed, il partito-stato della Ddr. Giusto venticinque anni dopo la caduta del Muro di Berlino. Una notizia che era nell aria: la scorsa settimana si erano positivamente conclusi i colloqui fra le delegazioni di Linke, Spd e Verdi (rispettivamente 28%, 12% e 6% alle regionali) sui temi di una possibile intesa, e la maggioranza degli osservatori scommetteva sulla decisione di ieri. Tecnicamente, gli incontri di vertice non erano ancora vere e proprie consultazioni di coalizione, ma soltanto «dialoghi esplorativi»: la politica tedesca vive di molte ritualità, e ogni passo viene compiuto con prudenza. Nella sostanza, però, la scelta di ieri significa un «sì» della Spd all accordo con la Linke, anche se formalmente è solo una semaforo verde per «ufficiali» trattative di coalizione. Il benestare dei Verdi, partner minore della futura maggioranza, appare scontato. Passeranno dunque ancora settimane di negoziato sul programma, e poi il 58enne Bodo Ramelow dovrebbe diventare salvo sempre possibili sorprese il primo dirigente della Linke (forza che si batte «per il superamento del capitalismo») a ricoprire il ruolo di ministerpräsident, cioè capo del governo di un Land. Nel sistema federale della Germania è un ruolo decisamente più importante di quello di un presidente di regione in Italia. La novità ha un grande valore politico per molte ragioni, in primo luogo di tipo simbolico: se Ramelow verrà eletto, finirà quella sorta di conventio ad excludendum che ha relegato il partito più a sinistra dello spettro politico tedesco ai margini della scena per molti anni. Pur in presenza ancora di molte tangibili differenze Est-Ovest sul piano sociale, potrà dirsi compiuta davvero la normalizzazione post-1989 almeno nella dimensione istituzionale. Oltre ai simboli, c è il dato puramente politico: la Linke alla guida di una coalizione di sinistra in un Land significa che una maggioranza alternativa alla grosse Koalition a livello 19

20 federale non è più fantascienza. Non accadrà nella legislatura in corso, purtroppo: ma non è impossibile che, se l eventuale gabinetto Ramelow darà buona prova di sé, la Spd prenda finalmente in considerazione alle prossime elezioni politiche (nel 2017) l ipotesi di stringere un patto tripartito con Verdi e Linke. Fino ad ora, infatti, tra le regole non scritte che definivano il rapporto di non-collaborazione fra socialdemocratici ed «estremisti» della Linke c era il rifiuto da parte della Spd di entrare in governi regionali guidati dal partito ritenuto «troppo a sinistra». Ora questo tabù è caduto, e il segnale è inequivocabile. Naturalmente, tutti i protagonisti della vicenda si stanno affrettando a dire che «ciò che accade in Turingia riguarda solo la Turingia»: la Spd nazionale non vuole prestare il fianco alle accuse di «deriva massimalista» (e di «oltraggio alla memoria») che possano arrivarle dagli alleati della Cdu di Angela Merkel, e la Linke sa che i motivi di contrasto con i socialdemocratici a Berlino sono moltissimi. Allo stesso modo, tutti sanno che se un giorno vedrà mai la luce un governo federale «rosso-rosso-verde» in Germania, la decisione di ieri sarà ricordata come il primo passo che avrà condotto a quel risultato. Del 21/10/2014, pag. 6 Contro Ebola scendono in pista i rapper africani. E la Nigeria è virus-free Ebola. Dopo il Senegal, un altro paese dichiarato "fuori pericolo" dall'oms. L Europa si dota di un coordinatore unico, Cuba invia altri medici. E in Liberia è la musica a informare sui rischi dell'epidemia Marco Boccitto Prime buone notizie da quando si assiste all escalation di Ebola in Africa occidentale e oltre. Innanzitutto dalla Nigeria, la nazione più popolosa del continente: dopo sei settimane in cui neanche un nuovo caso è stato segnalato, il paese è stato dichiarato «virus free» dall Organizzazione mondiale della sanità (Oms), i cui responsabili ad Abuja parlano finalmente di «una straordinaria storia di successo». Analoga (buona) sorte è toccata al Senegal nei giorni scorsi, essendo anche qui passati 42 giorni che equivalgono a due periodi di incubazione completi dall ultimo caso. Ma l emergenza continua a mietere vittime in Liberia, Sierra Leone e Guinea-Conakry, i paesi di gran lunga più colpiti dall epidemia, e i meno preparati ad affrontarla, nei quali si concentrano la maggioranza delle oltre vittime registrate, con punte di mortalità che superano il 70%. E qui l Oms con un ritardo proporzionale a quello con cui è stata messa in campo una qualche risposta all emergenza ha ammesso i suoi iniziali errori di valutazione, dovuti a un misto di incompetenza, paludi burocratiche e mancanza di informazioni attendibili. Ma lo fa indirettamente, in un documento interno che doveva restare segreto. Tornando alle buone notizie, lo è sicuramente il fatto che anziché aspettare le campagne di sensibilizzazione dell Oms e dei loro governi, in Liberia, Sierra Leone e Guinea sono scesi in campo rapper e radio comunitarie, voci che in una certa misura hanno ereditato il prestigio e la capacità di penetrazione che nella tradizione erano appannaggio dei griot, la casta dei cantastorie itineranti. Carlos Chirinos, direttore della Soas Radio alla University of London e ricercatore nel campo delle connessioni tra radio, musica e sviluppo sociale in Africa, segnala che almeno una dozzina di canzoni recenti con relativi videoclip -, tempestive e di successo, sono incentrate su Ebola. E cita in particolare Ebola in town dei liberiani Shadow, D-12 and Kuzzy of 2kings. Con l invito, rivolto agli esperti chiamati a fronteggiare l emergenza, di collaborare più con gli artisti che con i politici, se l obiettivo 20

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali Attentato di Parigi 13 novembre 2015 Documento del corso Relazioni Internazionali Il lavoro della sezione RIM è finalizzato a sostenere la Pace tra i Popoli PEACE NOT WAR I FATTI Gli attentati del 13 novembre

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo.

Bando di concorso UISP. Gioco per gioco. UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Bando di concorso UISP 1. Premessa UISP aderisce a Mettiamoci in gioco campagna nazionale contro i rischi del gioco d azzardo. Campagna nata nel 2012 per sensibilizzare l opinione pubblica e le istituzioni

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015 Andrea Tozzi 12 febbraio 2015 METODOLOGIA DELLA RICERCA Istituto Piepoli realizza per conto di Confturismo-Confcommercio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli strumenti

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI CONSIGLIO COMUNALE. DELIBERAZIONE N. : 129 del 13/11/2014

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI CONSIGLIO COMUNALE. DELIBERAZIONE N. : 129 del 13/11/2014 COMUNE DI RIMINI - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. : 129 del 13/11/2014 Oggetto : ORDINE DEL GIORNO INERENTE: ''SOSTEGNO ALLA COMUNITA'

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE

SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE Via A. Diaz, 2 16129 GENOVA Tel.0105366356 FAX 010/8600173 genova@sap-nazionale.org www.sap-nazionale.org COMUNICATO STAMPA Per la sicurezza dei cittadini

Dettagli

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Advocacy e volontariato

Advocacy e volontariato Advocacy e volontariato Fabio Ragaini Condizioni e strumenti Con questo contributo si intende intervenire nei confronti della retorica, spesso insopportabile, che accompagna la riflessione sul ruolo delle

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

Meeting 1000 giovani per la pace PaceLavoroFuturo

Meeting 1000 giovani per la pace PaceLavoroFuturo 150 anniversario dell Unità d Italia * 50 anniversario della Marcia per la pace Perugia-Assisi * 2010-2011 Anno Internazionale dei Giovani * 2011 Anno Europeo del Volontariato * nell ambito dell insegnamento

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

La questione curda. Introduzione: Territorio e Popolo

La questione curda. Introduzione: Territorio e Popolo La questione curda Introduzione: Territorio e Popolo Territorio: Kurdistan Il Kurdistan è un vasto altopiano sito nel Medio Oriente e più precisamente nella parte settentrionale e nord-orientale della

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Storia e valori del servizio civile

Storia e valori del servizio civile Storia e valori del servizio civile Il servizio civile nazionale rappresenta l ultimo passaggio in Italia del lungo viaggio durato oltre 50 anni dall obiezione di coscienza al servizio militare Il dovere

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

A Prato il confronto tra i rappresentanti di Centria e sindacati sul futuro dei 42 lavoratori. USB Toscana pronta a dare il proprio sostegno alla mobilitazione. Firenze riparte a sinistra e Sì Toscana

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta?

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta? Direttore Domenico Delle Foglie Servizio Informazione Religiosa MANOVRA ECONOMICA Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e una Carta dedicata. Sarà la svolta? 23 dicembre 2015

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani di Abdel Fattah Hasan - Il Sussidiario del 5/11/2010 PDF di LibriSenzaCensura Messa in una chiesa egiziana ÄSiamo pronti a sfidare Al

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli