2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini"

Transcript

1 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 94

2 Le immagini riprodotte sono di Raffaella Vaccari

3 - FLORIANA RAGGI - con il favore di urano diario di una assistente sociale negli ultimi mesi di lavoro

4

5 Premessa La pratica della scrittura, in particolare in forma di diario, appartiene alla mia esperienza personale, pertanto ho accolto con naturalezza l affiorare del bisogno, quasi la necessità, di tenere un diario degli ultimi mesi di lavoro. La scelta di scrivere al computer rivela che, inconsciamente, avevo pensato da subito che questa narrazione potesse avere dei destinatari: anzitutto colleghi assistenti sociali e operatori di servizi socio - sanitari. Che io sappia non esistono testimonianze dirette, dall interno della professione, e può essere utile fare conoscere la specificità del nostro lavoro, così poco visibile e valorizzato, nello svolgersi della realtà quotidiana. La scrittura di questo diario è stata comunque utile a me: mi ha permesso di sopportare la fatica degli ultimi mesi prendendo, da essa, quella distanza che consente la riflessione e la ricerca di significati. Mi ha aiutata a stemperare il coinvolgimento, l investimento emotivo - affettivo e a compiere la separazione. Il termine del periodo lavorativo istituzionale lascerà lo spazio necessario per coltivare altri interessi: l astrologia, le relazioni che nascono nella gestione del bed & breakfast, il giardinaggio, la lettura e la scrittura. Negli ultimi tempi la conoscenza dell Archivio dei Diari di Pieve S. Stefano e la partecipazione a iniziative promosse dalla Libera Università dell Autobiografia di Anghiari, hanno creato preziosi stimoli e nuove gemmazioni. Sentendo ancora fortemente l identità di assistente sociale e credendo nel valore di questo ruolo, non escludo l esercizio della libera professione. I nomi degli utenti sono stati cambiati, così pure, per alcuni di loro, i riferimenti a paesi e luoghi. Ho lasciato per esteso i nomi di amici e conoscenti, mentre ho prevalentemente usato le iniziali per quelli dei colleghi. Nel titolo si fa riferimento a Urano, pianeta che in astrologia è simbolo di rinnovamento, di svolte e tagli con situazioni precedenti. 2

6 Spesso c è bonaccia sulla pagina. Inutile girarla per cercare l angolo del vento. Si sta fermi, il pensiero oscilla, si riparano le cose che la navigazione ha guastato Valerio Magrelli

7 AGOSTO 2005 Venerdì 5 Mi sono svegliata con la chiara percezione che questo è l ultimo mese di agosto in cui sono dipendente della Azienda Usl di Rimini, assistente sociale presso il Settore Tutela Minori sede di Santarcangelo. L ultimo agosto nel quale sono parte di quel servizio pubblico in cui ho molto creduto e in cui ancora credo, ma che vedo sgretolarsi e diventare via via sempre più debole per la mancanza di risorse. Questa messa a fuoco della realtà mi è stata di grande aiuto nella mattinata rispetto alle complesse problematiche poste dalle persone con cui avevo fissato appuntamenti. I limiti oggettivi delle risposte che posso tentare, da sola o insieme alla psicologa, si sono relativizzati ancora di più proprio tenendo conto del limite del mio tempo: non oltre il 1 luglio 2006, poi pensionamento. Per quanto mi riguarda farò dunque quello che posso, se posso, in questo arco di tempo: il limite ridimensiona l onnipotenza, sempre in agguato e nello stesso tempo seda le ansie di prestazione; potenzia, forse, le reali possibilità di risposta ai bisogni. Mi piacerebbe che fosse così. La panoramica delle problematiche? Una situazione nuova, di conflittualità legata a una separazione con conseguenze sui minori; una purtroppo sulla quale siamo coinvolte da anni e che, con l arrivo dell adolescenza, è esplosa in modo tale da essere difficilmente arginabile (ho pensato a una struttura che possa permettere alla ragazzina di allontanarsi da vari famigliari patologici e frustranti); una che sto monitorando con colloqui mensili di sostegno alla genitorialità, presa in carico che sembra dare qualche risultato. Sul piano emotivo oggi mare calmo, ieri invece le mie acque si sono un po agitate in carcere, all ingresso e all uscita: semplicemente perché le regole cambiano a seconda del responsabile di turno. Accompagnavo Samir, magrebino, minore in tutela all azienda, a colloquio con il padre. A differenza delle volte precedenti l attesa è di soli 20 minuti, ma mi viene chiesto di lasciare nell armadietto, oltre al cellulare, anche la collana, l anello, l orologio cosa che faccio anche se informo che le volte precedenti la procedura era diversa. Quando mi dicono che devono perquisirmi mi rifiuto! E chiedo quali siano le regole: quelle di oggi o quelle precedenti? Non mi sanno rispondere. Solamente all uscita, quando nel lasciare dei soldi per il padre di Samir mi viene chiesto di compilare un modulo dove devo segnare anche il numero di serie delle banconote, realizzo che forse queste prassi sono conseguenti alle recenti norme antiterrorismo e riservate a chi è vicino agli islamici sarà così? A chi rivolgersi per avere risposta? Certo, posso telefonare alla direttrice, e poi scendere nella scala gerarchica ma non lo farò, non ho energie da spendere oltre lo stretto necessario. Spesso comunque, nel corso di questi anni - ormai oltre 35 - ho potuto riscontrare l assenza di interlocutori, o la mancanza di quello giusto! Negli ambiti istituzionali questa è la modalità più comune per non affrontare le questioni poste. Così è. Dopo il carcere c è stato un passaggio alla sede centrale della nostra azienda, in quel palazzo rotondo denominato colosseo. Iniziale sosta al bar, sapevo che Samir non 4

8 aveva fatto colazione e io avevo bisogno di tirarmi su con un po di zuccheri. Il bar è stato il punto di riferimento tra me e Samir: lui si è seduto per mangiare con calma e sfogliare un giornale sportivo mentre io parlavo con alcune colleghe lì incontrate; poi sono salita al 2 piano. Trascorsa più di mezz ora sono andata a prenderlo preoccupata che non si sentisse abbandonato e insieme siamo risaliti negli uffici dove ho ultimato i miei impegni. Il ritorno a Santarcangelo ha richiesto un tempo davvero eccessivo per i 10 km di distanza a causa del solito traffico e, una volta arrivati, l incontro con la coppia affidataria, venuta a prendere Samir. Solo nel pomeriggio ho realizzato che non avevo pagato la consumazione del bar! Saggezza dell inconscio! Ma certo. Vivo il bar come un tutt uno con l azienda, visto che è incorporato nello stesso edificio, e rispetto all Azienda evidentemente ho già pagato, ho già pagato abbastanza. Per affrontare la questione sul piano reale ovviamente ho chiamato una collega che riparasse e mi scusasse con i proprietari. Sabato 6 Dei tre appuntamenti di oggi (fissati perché certe persone possono venire a colloquio solo il sabato ) se ne è presentato uno solo! Situazione già sperimentata varie volte e che mi lascia sempre senza parole o con una parola dialettale rivolta a me stessa che è pataca. Ecco, non è una bella sensazione e colora di grigio la giornata del sabato. In compenso la coppia di nigeriani che si è presentata è arrivata in anticipo sfoggiando - lui - un cellulare ultimo modello che ogni tanto squillava suscitando risposte intervallate da larghi sorrisi. Lei - meno sorridente - sente la responsabilità di madre e conosce meglio la dura realtà del nostro paese per esservi immigrata da molti anni. Hanno un bimbo di 6 mesi in affido diurno, rispetto al quale hanno bisogno di essere indirizzati - guidati anche nelle cose più semplici. Lui ha l aspetto di un bambinone che di fronte al nostro mondo di vetrine luccicanti e bei giocattoli non sa resistere attratto e ipnotizzato. Difficile gestire il mensile del lavoro in nero mettendo al primo piano priorità sensate, almeno dal mio punto di vista. Racconta di commerci di auto tra il nostro paese e il suo in cui vorrebbe coinvolgersi una volta ottenuto il permesso di soggiorno. Mi chiede: - Ma quando cambierà questa legge?-, gli rispondo che forse cambierà, se ci sarà un nuovo governo nel prossimo anno. E mentre lo dico penso che i Cpt li ha voluti la legge Turco - Napolitano: forse non si pensava che poi sarebbero diventati dei lager? Eppure la storia dei manicomi e di tutti i luoghi chiusi avrebbe dovuto insegnarci qualcosa! Lunedì 8 E stato proprio piacevole uscire dall ufficio, un momento liberatorio come sempre. Di diverso e accattivante c era quello che la giornata odierna offriva: cielo terso azzurrissimo, gonfio di nubi bianche, aria fresca, leggera, a tratti fin troppo per essere 5

9 nel culmine dell estate. La sensazione di liberazione è continuata nella lunga sosta in giardino dove un leggero venticello ha favorito letture, pensieri, contatti telefonici. Se in questi 10 anni non avessi avuto il mio ortus conclusus a ricompormi e ritemprarmi non avrei potuto tollerare di trascorrere tante ore in un sotterraneo dove la mia finestra inquadra un cartello di divieto di sosta permanente che si staglia contro il cielo. Come dire che, fino a quando sono in quell ufficio, mi è vietato volgere lo sguardo al cielo, al lontano, all ignoto; mi è preclusa la fantasia è sulla cruda realtà che devo focalizzare la mia attenzione! Ed è quello che ho cercato di fare, in questi 10 anni, in quell ufficio! Mercoledì 10 Gli ultimi due pomeriggi sono stati condizionati dalla pesantezza delle mattinate, in particolare oggi. Ho cercato di rilassarmi stando sdraiata a letto, al buio e, cosa insolita, mi sono addormentata. Il risveglio ha richiesto ritmi molto lenti anche se ho cercato di essere operosa: innaffiatura si sperava nella pioggia ma per ora è ancora una promessa e oltretutto l aria è irrespirabile, tutto il contrario di ieri, giorno luminoso. Ho poi preparato una torta che cuocerò stasera e mentre sono in atto le operosità del quotidiano, rimugino le questioni affrontate in mattinata: sfilano davanti a me i visi, le espressioni, le parole, una carrellata di persone aggrovigliate nei loro problemi. In particolare il viso di un ragazzino di 12 anni, serio e severo, molto arrabbiato con la madre e difensore del padre, con cui, dopo la separazione dei genitori, vuole vivere. A motivazione della sua scelta mi porta gli stessi episodi e situazioni di cui mi aveva già parlato il padre, descritti anche con le stesse parole! Il padre rifiuta di venire a colloquio con la ex moglie ci siamo inutilmente parlati per più di vent anni e al momento non riesce a mettere in conto che dovrà comunque farlo, via via che il figlio crescerà e dovrà attraversare l adolescenza e successivamente le altre tappe della vita. Difficile mettere al primo posto il bene del figlio e superare ripicche, rivendicazioni, rancori, competizioni. E difficile essere adulti, rispettosi dell altro, difficile separarsi davvero, internamente, psicologicamente, accettare di essere solo padri, solo madri, senza più aspettative in quanto marito e moglie. Bastassero le carte ufficiali! Però è importantissimo fissare delle regole precise e attenervisi; soprattutto dove la conflittualità è alta, la vaghezza si presta a continuare il perverso gioco coniugale, non aiuta l essere genitori. Gli esplicito questo pensiero e lo invito a riconsiderare l eventualità di incontrare la ex moglie per stabilire accordi rispetto al figlio. Ieri invece io e la psicologa abbiamo potuto constatare, dopo un lungo percorso con una coppia separata, alcune modifiche positive e un clima sereno ritenuto impensabile solo un anno fa. Se ne dicevano di tutti i colori, alimentati dall astio delle rispettive famiglie: denunce, avvocati, carabinieri, tribunali, decreti tutta una messa in scena di comportamenti eccessivi e carichi di livore per poi piano piano giungere a mediazioni, collaborazioni, accettazione del nostro aiuto! Molto ha fatto il bimbo, che ora ha 3 anni, con la sua simpatia e seduzione! E importante è stata la figura di G.Z., l educatrice che ha presenziato agli incontri 6

10 genitori-bambino a cadenza settimanale per un lungo periodo. Ora siamo in fase di svezzamento e la sua presenza è limitata a un incontro al mese. L obiettivo, come per tutti i casi di cui ci occupiamo, è l autonomia da noi, la loro autodeterminazione. Ma spesso, nelle situazioni più deprivate, dobbiamo arrivare al compimento del 18 anno e magari avere lo sconforto, come è successo ieri, di essere contattata da un altro servizio perché Alessio, il ragazzo seguito intensamente per un discreto tempo, è approdato lì, con una sofferenza nuova ma che affonda le radici in quel luogo delle origini, come direbbe Winnicott, sul quale neppure noi, servizio precedente, abbiamo potuto incidere in modo significativo. Giovedì 11 Mi è proprio piaciuto lavorare solamente nel pomeriggio! Ero sola a gestire mamma 1 durante la mattinata, ma avevo deciso comunque di tenerla come tempo per me: il mio bioritmo fa si che le ore del mattino siano le più produttive, perché mai dovrei destinarle sempre alla Azienda Usl? Nel pomeriggio c è, di positivo, la possibilità di concentrazione e dunque è la condizione ideale per scrivere relazioni e ordinare il pensiero su quello che si sta facendo. Poi avevo fissato un appuntamento alle per favorire chi ha orari di lavoro rigidi. Comunque il pomeriggio ha avuto il risvolto negativo dell essere sola, l unica dipendente in servizio (periodo di ferie, ma normalmente siamo pochi in quell orario) tanto che, quando si è allontanata la signora che fa le pulizie, ho chiuso la porta d accesso per riaprirla solo all ora dell appuntamento. La sede, di pomeriggio e in mancanza di luce solare, come oggi, giorno di pioggia e frescura, è davvero inquietante e sono ancora troppo recenti le paure vissute durante la vicenda H.H., le minacce subite, le invasioni costanti non solo del mio ufficio ma in tutta la sede per essere tranquilla quando sono sola. Fortunatamente da qualche mese il nucleo H.H. si è trasferito in un territorio sufficientemente lontano, e ciò mi permette di arrivare al lavoro senza chiedermi cosa succederà oggi? tenendo i numeri di carabinieri e vigili urbani a portata di mano. Purtroppo il nucleo continua a mantenere la residenza qui temo che la cancellazione coinciderà con il mio pensionamento! Venerdì 12 Alessio è fortunato! Ha incontrato una dottoressa motivata, decisa a prendersi a cuore la sua situazione, e oltretutto è anche giovane e carina il che non guasta. E importantissimo fare gli incontri giusti nel momento del bisogno: le istituzioni funzionano se ci sono persone che, all interno dei percorsi ci mettono anima, cura, attenzione.leggo da un saggio sulle virtù di Barbara Mapelli che l attenzione è virtù ardua, richiede lo spogliarsi, il più possibile, da ostacoli, difese interne, timori e paure per predisporsi all accoglienza, allo sguardo libero e all ascolto vero. Durante l incontro con Samir devo avere detto qualcosa che lo ha irritato o ha colpito qualche nervo scoperto tanto che si è chiuso in un atteggiamento mutacico che sono riuscita a sciogliere solo in parte sdrammatizzando la situazione con un atteggiamento 1 Mia madre, 93 anni, affetta da demenza senile, non è autonoma dal : tale condizione richiede, a me che sono figlia unica, presenza costante, impegno e cura. 7

11 affettivo e comprensivo, pur confermando il messaggio che volevo fare passare: la necessità che lui collabori al progetto in corso! Al rientro, in auto, tutta la stanchezza accumulata si è localizzata nel dolore cervicale e nella pesantezza alle tempie Il pomeriggio è terminato con l invio di un sms alla famiglia affidataria temendo che Samir avesse avuto brutte reazioni con loro, avevo comunque bisogno di sapere come stava. La risposta è stata rassicurante, questo mi ha permesso di chiudere con le questioni lavorative per proiettarmi sul ponte ferragostano di ben tre giorni; obiettivi modesti ma di qualità: il nostro entroterra - Valmarecchia e Montefeltro - letture, ritmi lenti per un sano recupero di energie. Giovedì 18 E delizioso trascorrere la mattinata a casa, e con questo clima arioso e tiepido occuparmi delle tante cose da sistemare, dei fiori, dell ospite in partenza dal bed & breakfast 2 che temporeggia, si sofferma in giardino e non se ne vuole andare!!! Nel pomeriggio, dopo due colloqui pesanti, finalmente due visite domiciliari piacevoli: la prima a una coppia con molti limiti cognitivo - organizzativi che sta tentando una propria autonomia di vita con l obiettivo di riportare a casa Marco, il figlio undicenne, allontanato da tempo dal nostro servizio e che ha vissuto in un piccolo istituto insieme alla madre. La seconda visita, a una coppia che funge da sostegno a Marco, il quale si reca da loro tre volte la settimana per una boccata d aria, per respirare un clima famigliare facendo cose semplici e utili per apprendere come si sta al mondo. Al rientro commento con la psicologa la differenza nel modo di accoglierci: nel primo caso non ci è stata offerta neppure una sedia, e abbiamo parlato in piedi, girando da una stanza all altra; nel secondo fin dall ingresso ci ha catturate il profumo di una crostata appena sfornata, che ci è stata offerta molto semplicemente, seduti intorno al tavolo della cucina, intravedendo i panni stesi sul terrazzo, e un certo caos presente nel salotto, testimone di una vitale creatività. Sabato 20 Meritato giorno di recupero dopo un venerdì pienissimo in cui addirittura P.B. è venuta qui a casa per scrivere una delicata relazione di aggiornamento al Tribunale per i Minori con maggiore concentrazione (in sede ci sono troppe interferenze telefoniche e reali); siamo state impegnate fino alle 18. Dobbiamo ancora rivederla per perfezionare alcuni punti: non abbiamo specificato bene i fatti che ci preoccupano e che riguardano una ragazzina in turbolenta fase adolescenziale (e la sorella al momento in fase di quiete, ma anche lei pronta a esplodere, con altre modalità)! Per gestirle con più autorevolezza chiediamo la modifica del Decreto attuale - che già ci dà l affidamento - pertanto occorre circostanziare bene le motivazioni di tale richiesta. E una situazione di lungo rapporto con la famiglia allargata, tante figure intorno, nessuna valida e veramente adulta, in grado di essere 2 Nel 2001 a seguito di una Legge Regionale ho aperto il b&b La lavanda (sito sollecitata dall idea che, non potendo andare verso il mondo, sarebbe stato il mondo a venire verso di me. 8

12 un riferimento educativo. Noi abbiamo sempre offerto uno spazio di ascolto, di confronto tra loro, uno spazio di parola in cui si potevano esplicitare non detti, desideri, rabbie, frustrazioni e li abbiamo sostenuti e guidati in alleanza con le parti sane degli adulti e delle minori. Un lavoro sotterraneo e faticoso, pochissimo visibile e che non ha dato risultati eclatanti tant è che il nonno, nell ultimo incontro famigliare, ci ha accusate di non avere mai fatto niente! Possiamo riempire il vuoto, la voragine, che lascia un padre assente da sempre, e che preferisce trascorrere il tempo libero sempre con nuove fidanzate, ostentandole in giro per il paese sotto gli occhi delle trascuratissime figlie? Possiamo riempire il vuoto di una madre con molti limiti, aggrappata a un nuovo uomo pasticcione e irresponsabile che la mette continuamente incinta sottraendole il tempo da dedicare alle figlie maggiori, già ignorate dal padre, che attraversano l adolescenza come cavalli pazzi? Come possiamo fare in modo che i nonni, uniche figure reali, non siano così deboli da cedere di fronte alle richieste delle nipoti? Di fronte al trionfo del principio del piacere noi dobbiamo garantire un briciolo di super-io che permetta a tutti di fare i conti con il principio di realtà! Mercoledì 24 Poco tempo per la scrittura negli ultimi giorni, non solo per la presenza degli ospiti nel b&b ( il che significa avere cura delle relazioni e della colazione: una torta ogni giorno, e l acquisto di quanto manca) ma anche per essermi dedicata ad aggiornamenti astrologici 3 promessi da tempo. Oggi sono rientrata dal lavoro di pessimo umore per non avere salvato la relazione, anche se, non so come, mi era venuto in mente di stamparla prima che l operaio venuto a riparare qualche aggeggio nella stanza accanto togliesse la corrente! Comunque un danno a metà, in pratica domattina dovrò solo riscriverla, senza doverla rifare daccapo; anche se poi mi succede che nel riscrivere un pezzo, cambio, limo e sono sempre più sulla linea di ripulire ed essere il più possibile sintetica. Credo che uno stile essenziale sia più efficace per gli occhi e le menti dei giudici, del Tribunale o della Procura, che hanno sempre tante carte da leggere! Mi metto sempre nei panni degli altri: è un vizio o una virtù del mestiere? I termini vizio e virtù mi frullano nella mente al pensiero di un seminario ad Anghiari su questi argomenti, tenuto da Duccio Demetrio e Barbara Mapelli che hanno scritto un libro, in merito, che speravo fosse meno faticoso, invece è impegnativo, è una lettura per virtuosi : non appartengo alla categoria. La mente è affollata da troppe cose, idee, sogni, progetti che partono da un semplice bisogno di ordine: riordinare lo spazio in cui vivo mi aiuterà a riordinare anche i miei spazi interni! Penso alla telefonata con P.T. e al mio averle sottolineato quanto sia fortunata a non dovere trattare più con l utenza, con i casi, le famiglie multiproblematiche per svolgere un ruolo di coordinazione che consiste nel tenere rapporti con strutture, istituzioni, agenzie. Un ruolo di Responsabile che sicuramente ha le sue pene ma 3 Mi diletto di tracciare temi astrali individuali (oroscopi) e di interpretarli. 9

13 che ha qualche riconoscimento economico che poi si conserva anche nel pensionamento Nessuna collega della mia età ha, come me, solo funzioni di base come chi inizia ora questa mancanza di carriera quanto è voluta da me? Quanto dai dirigenti Ausl? Sta di fatto che io non ho un buon rapporto con il potere, non mi sento a mio agio in posizioni di Potere - sia pure un piccolo potere come quello cui accede di solito la nostra figura professionale - e sicuramente non l ho cercato. E Lui non è venuto a cercarmi. Ma sono tranquilla, non ho rimpianti, sono solo esasperata, in molti momenti per il troppo di questo lavoro, per la quantità esagerata, la non sostenibilità sul piano delle energie da investire. Già perché anche la qualità è talmente pesante che, come è successo per tutto il 2004, la sola situazione H.H. mi faceva tornare a casa fuori dalla mia ghianda per dirla alla Hillman. Giovedì 25 Mai che durante il rientro a casa mi senta soddisfatta della mattinata, c è sempre qualcosa che avrei dovuto - voluto fare e che non ho fatto. Così oggi: contatti, telefonate che per forza di cose sono rinviate a domani e che annoto sul un foglietto per non dimenticarmi. E invece dovrei essere contenta di come sono riuscita a concentrarmi su una relazione tosta, per la Procura, dove alla fine esprimo un parere per un eventuale intervento che so già che incontrerà molte resistenze nella famiglia e nel ragazzino. Ma in tutta onestà so che è una proposta giusta, conseguente a condizioni che possono trascinare Matteo su una brutta china. Quando ci sono genitori incapaci di mettere sponde educative un Decreto del Tribunale non è il toccasana, ma è meglio di niente, e può dare avvio a un percorso orientato a modificare la situazione, a capire quanto sta succedendo e a individuare modalità esistenziali più sensate per le parti in gioco: in questo caso padre, madre e un figlio unico piuttosto trascurato nei suoi bisogni profondi e lasciato in balia dei suoi impulsi. Venerdì 26 Forse oggi potrei anche dichiararmi soddisfatta, soprattutto per come si è concluso l incontro tra la famiglia affidataria e Samir, il contratto sottoscritto da ognuno, firmato in mia presenza che sancisce impegni, regole a cui attenersi, valide per ognuno. Questo strumento mi è sembrato un buon modo per uscire da una situazione in cui Samir era provocatorio oltre le righe, e loro molto esasperati e un po impotenti. Bene. Riconfermano anche ufficialmente l impegno con lui sottoscrivendo un nuovo affidamento, ancora della durata di un anno, che andrà inviato come al solito al Giudice Tutelare accompagnato da una mia relazione che è già pronta, rinnovo assicurazione ecc ecc. Poi occorrerà che accompagni Samir in Questura per il rinnovo del permesso di soggiorno, che scadrà a fine settembre, anche lì altra documentazione si riuscirà a evitare la fila di attesa? Un anno fa Samir era un ragazzino magro, abbandonico, lasciato a se stesso dallo zio, fuori casa per lavoro tutta la giornata, il padre in un carcere lontano da qui, e che non vedeva da mesi. Adesso è un ragazzone alto e robusto (è aumentato 14 kg, ci tiene a dire niente grasso solo muscoli ) più sicuro di sé, a volte un po spavaldo, orgoglioso di essere 10

14 stato chiamato a giocare in una squadra importante con la quale ha iniziato da pochi giorni gli allenamenti, sembra con commenti positivi da parte del mister. Se questo potesse essere il suo futuro sarebbe fin troppo bello, un buon riscatto sociale. Poi ancora, mi piace di annotare un incontro tra un babbo marocchino e il figlio di 3 anni con una famiglia che già collabora con il servizio accogliendo a pranzo due ragazzini. Da lunedì, si occuperà del piccolo Said durante il giorno, dato il rientro al lavoro del padre dopo le ferie e il proseguimento del lavoro estivo della madre. Il mio ruolo? Quello di tramite, mediazione, facilitazione. Said è stato straordinariamente socievole e comunque una parte importante, per superare l impatto con il nuovo ambiente, è stata svolta da una barboncina simpatica e giocosa che, nel vederlo, si è messa subito in posizione di resa. Mentre ascoltavo discorsi sul cibo: no alla carne, tutti i tipi di carne non solo quella di maiale, ecc. osservavo in un angolo del soggiorno una enorme statua della Madonna, con aureola illuminata, un altra Madonna incorniciata e appesa al muro, forse quella di Medjugorje, una statua di S.Francesco posizionata su una mensola, con una grossa corona intorno al collo. Chissà come mai tutto questo bisogno di ostentare immagini, questo dovere dichiarare il proprio credo a tutti quelli che entrano in quella casa! I musulmani hanno invece un rapporto diretto con il loro Dio, senza troppe mediazioni, una verticalità e intimità che non mi dispiace! Sabato 27 Oggi avrei fatto gli auguri a Giorgio, se la mietitrice non lo avesse portato via da più di un anno, falciato per sempre. Un collega assistente sociale, uno dei rari maschi, conosciuto nel 1974 a Firenze, durante il concorso a seguito del quale, per un breve periodo, abbiamo lavorato insieme presso l ospedale psichiatrico. Ma l amicizia è rimasta fino all ultimo, fino a quei giorni di maggio 2004, in cui, al telefono la sua voce sempre più flebile, stava a indicare che il soffio della vita lo stava abbandonando. Sono stati tanti i compleanni festeggiati qui in Romagna, a Rivabella, perché questo era il periodo del soggiorno al mare dei ricoverati dell ex ospedale psichiatrico, che Giorgio accompagnava. Un esperienza che è andata avanti per oltre vent anni, da lui pensata e organizzata ma pressoché misconosciuta dai medici - psichiatri. Questa scansione ci dava la possibilità di rivederci, riaggiornarci, ritrovarci dopo un altro pezzo di strada fatta. A volte mi devo ancora rendere conto che il suo percorso è terminato. Nella mente molte immagini: la Grecia, Roma, ma soprattutto l Aquila e l Abruzzo saranno sempre legati a lui. Un altra città poi ci accomunava: Trieste, per quella stagione speciale che ha visto messe in atto pratiche psichiatriche alternative al manicomio legate al nome di Franco Basaglia. E proprio oggi, su il manifesto Maria Grazia Giannichedda lo ricorda in un lungo articolo, a venticinque anni dalla morte. Nel commentare lo scenario attuale dice: E un clima, questo, in cui l opera di Basaglia può risultare inattuale, o può magari suscitare più nostalgie che stimoli; può forse indurre alla tentazione di una lettura accademica delle sue idee, che invece sono legate a un forte senso etico della responsabilità sociale, segnate come sono da un rapporto intenso, fondante tra teoria e pratica politica, la sola chiave in cui possono essere capite e spese. Basaglia, che riposa nel cimitero di Venezia (credo 11

15 uno dei più belli al mondo) - città dove casualmente mi trovavo nel giorno del suo funerale, in tempo per vedere la bara scivolare via sull acqua - ha avuto il merito di sottrarre i malati di mente alle ristrette categorie della medicina per restituirli al mondo, alla loro soggettività, alla dignità, alla cittadinanza. Ed è stato così che molti esseri umani, uomini, donne, dopo aver subito per anni reclusione ed esclusione, si sono trovati di fronte a delle possibilità di vita. Certo da operatrice so bene quanto tutto questo processo non sia per niente ideologico ma impegni giorno per giorno, con fatica, in una ricostruzione difficile, dura, di identità a pezzi ma in giro per l Italia ci sono molti puzzle ricostruiti, si possono ascoltare molte testimonianze. Le persone che Giorgio accompagnava al mare, in vacanza con i soldi della loro pensione finalmente nelle loro tasche e non più espropriate dal manicomio, erano la testimonianza dei danni causati dall istituzione totale, per l evidente deterioramento psico - fisico. Ma erano anche la prova vivente di una rinascita, di una riscoperta di sé, una ritrovata voglia di vivere. E lo dimostravano entrando in pieno nel ruolo di turisti, dei tanti turisti che affollano le nostre spiagge, facendo il bagno, la passeggiata la sera, comperando cianfrusaglie nei tanti negozietti, facendo la gita a S.Marino o all Italia in miniatura Giorgio ha avuto il merito di ridare loro delle piccole curiosità generatrici di significato. Non è stato poco, anche perché poi, il rientro all Aquila, negli ultimi anni, era davvero un ritorno a casa, la casa - famiglia, essendo il manicomio chiuso! Lunedì 29 E stato un inizio di settimana difficile, non ho carburato per tutta la mattina, pur insistendo a scrivere una relazione, scarsamente concentrata e compiendo errori continui di battitura meno male che avevamo già fatto tutta la scaletta e poi a compensare il mio stato down c era P.B. efficiente e lucida! Bisogna assolutamente almeno essere in due, anche per il semplice supportarsi in situazioni come queste, oltre che per la necessità del confronto continuo, che le situazioni complesse di cui ci occupiamo richiedono. Giunta a casa, un po prima del solito, lo stato di stanchezza e spossamento è continuato per un po poi c è stata una leggera ripresa nel pomeriggio, ma ora sono in piena crisi e mi sto preoccupando dal momento che ieri è stata una domenica tranquilla e rilassante: forse non mi è bastata, mi serve un tempo più lungo per riassestarmi; le mie stanchezze sono arcaiche, croniche. Mercoledì 31 In permesso! E fino a lunedì non metterò piede nel sotterraneo dove trascorro le mie mattinate e molti pomeriggi da più di dieci anni. La valigia è già pronta, devo solo fare la doccia e controllare le ultime cose. Ho davvero voglia di questo stacco, anche se non è proprio vacanza - vacanza dal momento che sarò ad Anghiari, alla Libera Università per un seminario con Duccio Demetrio e Barbara Mapelli su vizi e virtù. Sono insieme a Giovanna, poi là si conoscono sempre persone interessanti, le si rincontrano insomma, diciamo che è una quasi vacanza. 12

16 Ne ho un grande bisogno tenuto conto della giornata di ieri, con l apice, nella mattinata, delle urla della ragazzina cavallo pazzo, che ha sfogato una parte della sua enorme rabbia, e la fatica del pomeriggio. Con Samir abbiamo raggiunto la Questura per il rinnovo del permesso di soggiorno, non c è stata attesa: favoriti dal mio ruolo una volta tanto! Poi al ritorno l ho accompagnato a casa degli affidatari, luogo bellissimo; ma il caldo e la guida di un auto Ausl, dura come un camion, mi hanno molto stancata. SETTEMBRE Mercoledì 7 Già scorre questo nuovo mese, con rientro al lavoro lunedì 5 dopo una bella pausa. Sempre faticosa la ripresa, tanto che ieri ho timbrato l uscita alle 11 (viste le ore in più da recuperare) e sono corsa da Giò per infilarmi il costume e andare con lei verso il mare, una spiaggia semi vuota, godibile, il mare altrettanto un tantino freddo tanto che abbiamo solo camminato in acqua senza fare il bagno. Così ho cercato di riprendere l attività lavorativa in modo soft, piccole dosi anche se oggi sono arrivate persone nuove, a cui ho fissato appuntamenti. Si è ripresentata la solita realtà di questo periodo, legata alla riapertura delle scuole, e ai problemi connessi: le mense, i trasporti, i libri, spese che molta gente non riesce a sostenere senza qualche aiuto. E servono valutazioni sulla titolarità, o meno, di questi aiuti; compito di noi assistenti sociali Ausl, dal momento che il Comune di Santarcangelo e gli altri Comuni della Provincia non hanno ritirato le deleghe sui Servizi Sociali, unica o rara situazione in Regione. Delle persone con cui ho parlato mi resta l immagine del viso indio di un venezuelano, la dignità, la commozione nel descrivere le peripezie per raggiungere la condizione odierna che gli ha permesso di ricongiungersi con il figlio. Con molte fatiche lo sta crescendo da solo, dal momento che la madre, risposata a Milano, si fa viva molto raramente. Sarebbe bello avere tempo per potere ricostruire più liberamente la sua storia e le storie di tante persone che, in questo ambito e ruolo, vedo in modo finalizzato, sulla base di una domanda precisa, che può diventare anche più estesa e complessa, ma che si declina in una cornice istituzionale. Ho provato a immaginare il suo arrivo in Italia, alla ricerca di un figlio sequestrato dalla madre e di cui non sapeva più niente da un anno, tranne che era stato visto a Milano. E poi il ritrovamento, e il suo cambiamento di obiettivo dopo aver scoperto che il figlio era ormai legato al nostro paese, alla nostra cultura, e che non voleva ritornare Venezuela. Da qui il suo adattarsi ai bisogni, ai desideri del figlio, cercando un lavoro qualsiasi (quando là aveva una attività redditizia che mai lo avrebbe indotto a emigrare) e organizzandosi una vita nuova in un paese non scelto. Oggi è stata proprio una giornata speciale, vista la normale carrellata di uomini incapaci di calarsi nel ruolo di padre! 13

17 Giovedì 8 Ancora in carcere con Samir, che mi sembra sempre più alto, cresce da una settimana all altra in modo visibile! Un bel ragazzino, con il cellulare, regalo dei genitori affidatari per la promozione, sempre in mano in attesa di squilli, sms, carico di foto di coetanee. Uno stato d animo leggero che entrambi abbiamo mantenuto anche con il padre, aiutati dal luogo, non più l asettica stanza dei colloqui ma i gazebo esterni, di legno, nello spazio riservato alle famiglie, arredato con scivoli e una casetta per i più piccoli, sullo sfondo grandi pannelli con i personaggi dei cartoni. Insomma una cornice gradevole, che mi ha permesso di allontanarmi un po, di sedermi al sole mentre loro parlavano fitto fitto in arabo, o meglio, nel dialetto della loro zona di provenienza. Intorno gatti, farfalle multicolori, in sintonia con il mio umore tranquillo, non turbato dai riti assurdi dell ingresso. Memore del nervosismo della volta precedente mi ero premunita presentandomi senza anelli, bracciali, collane invece l agente preposto all ingresso, pur facendoci attendere 45 minuti, ha fatto perquisire solo Samir, senza porre condizioni nei miei confronti. Così l ora del colloquio è scivolata via, e al saluto il padre, che sembra quasi un fratello maggiore di Samir, si è commosso, mi è sembrato che a fatica trattenesse le lacrime. Al ritorno Samir aveva voglia di giocare con lo sportello dell auto, una storica 127 Ausl, eroica per come ancora si arrampica su per le colline, ma di una precarietà preoccupante se si considera lo stato della carrozzeria. Siamo passati da S.Cristina, e S.Ermete alta, così, giusto per fare un giro con fermata al negozio biologico dove io ho preso del pane e Samir un grande panino imbottito di formaggio, triste ripiego dopo la proposta, per lui inaccettabile, di prosciutto salame coppa.. Al rientro in ufficio, una serie di telefonate, poi verifiche e programmazioni con P.B. che, mi ricordava, sono già tre anni che lavora in questa sede! Quanti psicologi sono passati? Quanta fatica ogni volta per introdurli nei casi? E poi, gli stili di lavoro diversi, le diverse formazioni! Non ci voglio neppure pensare, anzi, diciamo pure che basta, basta pensare e scrivere di lavoro; almeno per questa sera. Venerdì 9 Tranne la visita domiciliare a fine orario, tutta la mattinata in ufficio, con la finestra che inquadrava un cielo grigio e piovoso, e il solito cartello di divieto di sosta permanente contro il cielo, a ricordarmi che devo stare a testa bassa, a contatto con la realtà della terra. Tutta la noiosità della compilazione di schede in attesa da tempo, varie telefonate e l arrivo, inatteso: - Possiamo per un saluto? - di madre e figlio che non vedevo da circa due anni e che non avevo riconosciuto! Silvio, oltre che molto carino, occhietti neri, vivacissimi e un fisico da atleta, è davvero un ragazzino a modo. Come abbia fatto a crescere così sano, lo sa davvero solo lui. Per fortuna ha avuto altre figure di riferimento rispetto al padre, un macho (o presunto tale) discotecaro, che ha risposto una sola volta alle numerose convocazioni mostrando limiti abissali rispetto al ruolo di padre, che poi di fatto non ha mai esercitato, neppure sul piano economico! E purtroppo questa condizione è molto diffusa. 14

18 Lunedì 12 Fortunatamente oggi non dovevo scrivere cose impegnative, ma solo relazioni per interventi di sostegno economico: riduzioni per le mense scolastiche e per la scuola materna, più alcune telefonate (una lunghissima, con una educatrice) di raccordi - accordi ecc. La testa e il cuore erano altrove, e negli occhi l immagine di Valeria 4 con Marco, a spasso per il paese, felice, l immagine della felicità. Marco ora, a soli due anni e mezzo, non ha più la sua mamma adorante. Nel pomeriggio lei era in chiesa, coperta di fiori, moltissime persone, la maggior parte giovani coetanei, a dimostrare una vicinanza attonita, senza parole. Mercoledì 14 Pochissima efficienza: mal di gola, raffreddore, un dente curatissimo e da tempo tenuto in piedi con puntelli che è saltato durante la cena di ieri sera, umore compromesso, oltre che dal lutto, dalle malattie di altri parenti. Dunque poca voglia di ascoltare i malesseri altrui, nonostante ciò ho cercato di prestare attenzione a due situazioni nuove, una delle quali più complessa per le tante persone che sono state messe in campo, assessori compresi. Riscontro la difficoltà di attenersi al proprio ruolo di fronte a persone pressanti, che credono di avere solo diritti. E per chi fa il politico dire no è quasi una sconfitta, ma i ni sono poi di rocambolesca gestione! Mentre stavo per lasciare la stanza e concludere, un altra telefonata in arrivo con richiesta di appuntamento: ancora una situazione nuova, coppia da poco separata in grosso conflitto e con figlia che non vuole più abitare con la madre, cui è affidata; e il quesito era: può stare con il padre? A segnalare e a chiedere appuntamento una zia paterna a cui ho detto che senz altro la situazione è molto più complicata di come la stava presentando, che ci vogliono elementi di conoscenza per rispondere, che questi potrò averli dopo che ho incontrato lui, lei, loro due insieme intanto ho fissato un appuntamento con lui - padre. Sono entrata in auto sentendomi stanchissima e senza più capacità di contenere mentalmente tutte queste vicende sulle quali vanno poi prese piccole - grandi decisioni. Scriverne, purtroppo nel mio tempo libero, mi aiuta a prendere un po di distanza emotiva e, guardando il calendario, a darmi coraggio. Inoltre il controllo delle effemeridi dà responsi positivi: Urano in congiunzione al mio Sole e Luna segna il termine del periodo lavorativo come salutare scelta di rinnovamento! Giovedì 15 Potrei essere contenta per come siamo riuscite, io e P.B., a fare una relazione di aggiornamento in un arco di tempo contenuto, completa di tutti gli elementi che volevamo portare, ma sintetica, essenziale. Oltretutto è la descrizione del miglioramento di una situazione, con modifiche significative che stanno portando una coppia molto infantile e in lite, verso una paternità e maternità più consapevoli; tanto di guadagnato per Raffaele, un bimbo vitale, simpatico e socievole, molto seduttivo. 4 Cugina, deceduta all età di 39 anni dopo avere molto lottato, prima per diventare madre, poi per potere accompagnare il figlio nella crescita. 15

19 Con loro abbiamo lavorato e stiamo lavorando molto, mettendo in campo varie modalità, dal colloquio singolo, a quello di coppia, a quello famigliare, all incontro tra le due famiglie, concitatissimo, con fuoriuscite di aggressività senza freni inibitori! Completa il nostro lavoro quello, prezioso e oscuro ancora più del nostro, di G.Z., che, con il suo intervento educativo, ha favorito l avvicinamento del padre al bambino e, a distanza di due anni, la sua presenza si è trasformata in un intervento di sostegno al padre rispetto alle insicurezze sulle quali via via chiede un confronto. Potrei essere soddisfatta, dicevo, se non fosse che continuano ad arrivare casi nuovi che mi creano uno stato d ansia perché, solo numericamente, sono oltre il sopportabile! A conclusione una visita domiciliare a sorpresa, ma legittima, proprio grazie al Decreto di affidamento che abbiamo e che non ha prodotto modifiche: ancora un padre latitante, che non provvede economicamente e moralmente al mantenimento ed educazione della figlia e che da quando si è accasato con una nuova compagna è letteralmente sparito anche dal nostro territorio. Occorrerà rintracciarlo e richiamarlo alle sue responsabilità. Già, le responsabilità! Nel pomeriggio, alla Coop, davanti a me in fila alla cassa, un ragazzone che mi sembra di conoscere: è proprio lui, Alex, dimagrito, bel viso, lo guardo per salutarlo e lui risponde al saluto. Meno male, non so mai quale potrà essere la reazione delle persone di cui mi sono occupata loro malgrado quando le incontro in situazioni esterne all istituzione. Alcune fanno proprio finta di non vedermi, atteggiamento che ha tutta la mia comprensione e il mio rispetto. Comunque Alex aveva anche un po voglia di parlare e mi informava di avere fatto domanda per fare il militare, nei carabinieri, e di stare pensando di rimanere nell arma perché ho fatto tante domande di lavoro ma non ho mai risposte. Penso che sia una buona scelta per lui, così carente di guida e regole, cresciuto in una di quelle famiglie allargate e...allentate, a maglie troppo larghe per produrre esseri umani capaci di stare al mondo con la schiena dritta. Mi sembra che l arma dei carabinieri possa costituire per Alex quel contenitore di cui ha bisogno. Venerdì 16 Troppo stanca, quasi tutto il giorno fuori per lavoro, dato che nel pomeriggio c è stato un incontro a Rimini per promuovere un percorso istituzionale per le donne che hanno subito violenza e per annunciare l avvio di un corso di formazione. Era ora, siamo rimasti gli ultimi in Regione! Martedì 20 Quasi le 20, non è da molto che sono rientrata: ho lavorato solo nel pomeriggio, facendo visite domiciliari; l ultima mi ha creato un blocco allo stomaco che sto cercando di mandare giù bevendo acqua frizzante. Quella donna, 33 anni, senegalese, madre per la prima volta dalla metà di agosto, non potrà continuare a vivere in quelle condizioni. Ho scoperto un palazzo fatiscente che non so quanti cittadini di Santarcangelo conoscano, molto nascosto essendo collocato nella rientranza di una via. Ovviamente è abitato solo da neri, o negri, come vuole che si chiamino gli 16

20 africani Geneviève Makaping, l antropologa che risiede a Rende, e insegna all Università di Calabria, una donna immigrata che è riuscita a costruirsi un bel riscatto. Trecento euro di affitto per una stanza dove, da quando il marito è in carcere, abita sola con il neonato. Un bimbo molto piccolo, nato prematuro, bisognoso di avere intorno un clima di cure e attenzioni femminili. Invece, nell appartamento, le altre tre stanze sono occupate da uomini, che fanno turni per la cucina, le pulizie e mostrano un atteggiamento di indifferenza verso madre -bambino. Dovrò attivarmi prendendo contatti telefonici con varie strutture per trovare un luogo dove lei e il figlio possano vivere in un clima adatto anche perché ha accettato la proposta di un eventuale ingresso in casa - famiglia, anzi, mi sembra che la desideri davvero. Sabato 24 Ben venga il sabato a casa, anche se non di riposo, ci sono sempre cose di cui prendersi cura: la casa, il giardino, la mamma - impegno costante. Così dalla cura per gli utenti, che richiede comunque la capacità di costruire e tessere legami con i famigliari e con la comunità, passo a quel lavoro di donna che tutte ci accomuna e che è ancora troppo sminuito dal pensiero maschile dominante. In una bella intervista su Il manifesto di qualche giorno fa, Theresa Funicello, statunitense, filosofa della politica, femminista, non ancora tradotta in Italia, afferma che la prima cosa da capire è che tutte le donne lavorano [ ] Recentemente la mia riflessione si è concentrata sul fatto che il processo della maternità, dal concepimento alla cura post - natale e oltre, sta alla base del processo di formazione del capitale. Detto nel modo più semplice possibile, le donne producono e mantengono sia i lavoratori che i capitalisti. E a proposito di quello che lei pensa del reddito di cittadinanza dice che non è altro che un reddito garantito per tutti, con una addizionale per coloro che svolgono compiti di cura nei confronti degli altri [ ] Sarebbe un chiaro riconoscimento del lavoro non pagato di milioni di donne. Vederlo riconosciuto adeguatamente rappresenterebbe una vittoria storica. La settimana è stata super impegnata e impegnativa anche per l arrivo della zia di Francia 5 che si è inserita nel fitto palinsesto. Avrei voluto vederla più volte e magari anche da sola, senza il contorno di altri parenti, ma non è stato possibile. Al servizio, ho sostenuto tre primi colloqui che significano, in qualche modo, la necessità di una presa in carico che è impossibile fare come vorrei. Devo comunque dare priorità a Magatte, la donna senegalese con neonato e al loro bisogno di protezione per cui ho preso contatti in più direzioni. Ho cercato di parlare con uno dei conviventi che sembra essere cugino del marito per permettere che l inserimento in struttura sia accettato e visto come scelta ragionevole, almeno per qualche mese che è un tempo indispensabile per conoscere la situazione e valutare come procedere. Le foto che ha portato dal Senegal mostrano una ragazza felice, vesti eleganti, confezionate da antiche sapienze, madre e padre in atteggiamento regale, sorelle sorridenti e prosperose, una ricchezza, soprattutto affettiva, ormai alle spalle. Quando parla con 5 Guerrina Raggi, 91 anni, è emigrata nella zona di Belfort nel 1946 partendo da Poggio Berni con le due figlie per raggiungere il marito: entrambi hanno lavorato come operai. 17

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE Prof.ssa Carla Guatteri IL CASO DI K. K. È UNA RAGAZZA ITALIANA IL SUO PERCORSO SCOLASTICO ALL INTERNO DEL NOSTRO ISTITUTO INIZIO CONCLUSIONE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini 1 modulo CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini Con questo primo modulo si vuole intraprendere un percorso di individuazione di immagini e comportamenti diffusi fra i bambini riguardo alle figure

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli