Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su www.parrocchiaredentore.it"

Transcript

1 Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su n 4 - Aprile 2014 progetto43 43ANNO Racconto di Pasquanel campo che è il mondo Le uova di Pasquale di don Natale Quella mattina Pasquale andò al podere sul presto, caricò il carretto coi meloni e girò il cavallo. Avrebbe fatto una sorpresa ai bambini appena svegliati. Di colpo, uno dei tanti squattrinati gli tese la mano. Sapevano che Pasquale dava sempre qualcosa di soldi, anche se lo faceva più per dovere che per pietà, senza mai guardare in faccia l avventore. Non andava a messa a pagare la sedia e così ricuperava la coscienza sdebitandosi alla In Questo numero Il racconto di don Natale Le uova di Pasquale la spalla di Don Alessandro Giovani e servizio Uscire dal Tunnel Un aiuto dai gruppi Al-Anon Diamoci la mano Il nostro Centro di Ascolto Calendario parrocchiale Tutti gli appuntamenti del mese Nella vigna del Signore Attività del Consiglio Pastorale Dalla lettera pastorale del card. Scola Il Campo è il Mondo La Newsletter da una nostra missione L importanza delle radici Dall archivio parrocchiale Chi arriva, chi si sposa, chi ci lascia Cyberbullismo Incontro nella Casa del Pellicano Freschi di stampa Libri appena usciti letti per voi Sintesi di Atlantide Essere e Avere Cineforum I nostri film Il segno dei cristiani Croce e Resurrezione Indirizzi utili bell e meglio. E vero che per una volta era stato in chiesa al funerale di Cristoforo, suo suocero e compagno a lavorare la terra, ma poi l acquasantiera non l aveva più toccata. Quella volta però, trovandosi leggero nelle tasche, disse breve non ho spicciolo e tirò via dritto. Arrivato, trovò la Pina già in cucina, con una qualche agitazione in corpo come se avesse le pulci: M è venuto in sogno mio padre e pensa un po, mi ha detto che ti ha allungato la mano e tu nemmeno un melone gli hai dato!. Le lagne della Pina, specie in prima mattina, gli davano noia, ma questa volta si trovò con il sangue gelato. Non disse né uno né due e si rimise in strada. Ora di sera aveva dato via tutti i meloni. Che sorpresa la mattina dopo quando vide nel podere che ne erano cresciuti altri, come a essere i primi. Ricomin- Segue nella seconda pagina di Comunità aperta Giovani e servizio di don Alessandro Un cartello di sei metri dice tutto è intorno a te ma ti guardi intorno e invece non c è niente. Jovanotti (Fango) Il mercato delle cose vorrebbe farci credere che tutto è rivolto a noi, che siamo proprio al centro del mondo, ma la realtà è che non sono le cose a prendersi cura della nostra vita, bensì le persone. E proprio nella presenza delle persone al nostro fianco che si misura il reale stato di crisi o di prosperità di una società e di un epoca. Segue nella seconda pagina Vincent Van Gogh, Il seminatore. Olio su tela, Van Gogh Museum, Amsterdam.

2 Segue dalla prima pagina ciò la distribuzione, trovando ogni mattina meloni da caricare e ogni giorno altrettanti compari da rifornire. La gente diceva Pasquale è già in pensione, perché non lavorava più, almeno come si intendeva normalmente. Più che altro aveva cambiato lavoro e stava in giro tutto il tempo. Lo strano è che il podere produceva meloni quotidiani nella quantità giusta da stare sul carro e Pasquale, allargando il giro, arrivava a sera vuoto. La gente diceva Dio ha benedetto Pasquale e intanto metteva via i meloni che piovevano ormai fuori stagione. Pasquale aveva anche cambiato sistema: dando il melone ora guardava in faccia le persone, eccome se le guardava, scrutando bene le rughe, se mai avesse incrociato Cristoforo, per pagare finalmente il suo debito. La gente diceva Pasquale ci guarda, ma lo diceva in senso benevolo, perché Pasquale si era fatto morbido: aveva preso ad avvolgere i meloni in larghe foglie e poi anche in carta colorata per poter offrire il melone in regalo e non come se buttasse lì un sacco. Passavano gli anni e Pasquale faceva la spola tra il suo podere e tutto il resto della piana. La gente diceva Il campo di Pasquale è il mondo dal tanto che arrivava a tutti. Non diceva parole, scrutava il volto, dava il melone e andava. Per la gente era sempre bello perché i meloni incartati sembravano piuttosto uova di Pasqua e i bambini si facevano intorno al carretto appena arrivava in una piazza. La gente non diceva più arriva Pasquale ma arriva Pasqua anche se era Natale. E Pasquale aveva imparato a sorridere, contento di rimanere indietro. Ormai era di casa per il quinci e il quindi di tutto il marchigiano e nessuno aveva paura, anzi facevano a gara ad aspettarlo sulla strada perché si dava da fare di continuo per gli altri a renderli lieti e la gente diceva Pasquale non va mai in pensione. Spesso lo vedevano appena fuori da un paese, nel crepuscolo, indugiare sui lineamenti dell ultimo viandante a cui consegnava il melone, nella speranza di riconoscere Cristoforo prima che facesse scuro. La gente non conosceva il suo segreto, ma poteva dire nome e cognome dei beneficiati perché i paesi erano piccoli. Una sera però non sapevano nemmeno loro chi fosse il forestiero che ebbe in mano l ultimo melone sulla collina e trovarono strano che Pasquale fosse particolarmente disteso. Lo videro la mattina addormentato sereno sul carretto che non respirava Segue dalla prima pagina E oggi possiamo riconoscere i segni chiari di una paura profonda: quella che nessuno abbia a cuore il fratello. E così ci si riscopre diffidenti, pronti a dubitare di chi ci passa accanto, facili allo scatto d ira, al nervosismo in automobile e al parlare sgarbato e offensivo: è il segno di un mondo che non si fida perché i suoi abitanti non sentono la presenza attenta e amorevole di qualcuno. Nel progetto educativo di un Oratorio non può quindi mancare una forte attenzione su questo punto: formare dei giovani che non si aspettano che il mondo giri loro intorno attraverso i beni che posseggono ma siano disposti a fare come il nostro maestro: il Signore Gesù, che gira intorno ai discepoli con grembiule e catino, mettendosi al loro servizio. In questa dimensione del servizio c è il riscatto non solo di una vita ma di un intera società. Ma attraverso quali strade questo servizio è possibile? Come lo si più già dalla sera prima. La gente diceva Pasquale è morto contento. E al funerale presero i semi dal carretto e con i meloni che ne nacquero nei loro campi si fecero l un l altro doni avvolgendoli in carte colorate, come avevano visto fare da Pasquale e non sapevano più se erano meloni o uova. E il loro incontro fu più che altro una festa. PS: Questa breve narrazione di fantasia si basa su un nucleo iniziale raccontato come veramente accaduto. Per i discepoli di Gesù il nucleo della Pasqua ha reso vera la storia successiva trasformandoli in apostoli del Risorto. Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano (Mc 16, 19-20). Don Natale potrebbe incarnare in una proposta praticabile per un giovane che vive a Milano oggi? Non è una domanda scontata. Spesso si invoca la presenza dei giovani senza conoscere realmente ciò che vivono! Più che delle persone vengono considerati come il prezzemolo, alla stregua di spezie che insaporiscono comunque qualsiasi minestra. Invece è importante che l educazione alla carità di un giovane passi attraverso un percorso nel quale si può proiettare immaginando la sua vita. La vocazione non è forse la forma definitiva che assuma una vita che si spende per l altro? Se questo è l insegnamento di Gesù, le proposte concrete per i giovani, anche a partire dall Oratorio, devono mettersi in relazione essenzialmente con l evolversi del loro percorso di discernimento. La comunità dovrà fornire al giovane degli strumenti per tentare percorsi di servizio, ma sempre nella continua esigenza di verifica e di rimessa in gioco del vissuto, alla luce di quello che il Signore sta progressivamente rivelando al giovane. In secondo luogo, i luoghi del servizio non possono essere artificiosi, ma devono relazionarsi con una robusta Uscire dal tunnel con l aiuto di Al-Anon Sono la mamma di un alcolista... so bene che la mia testimonianza non aggiunge nulla al tanto che già è stato detto, ma è la mia sofferenza, come è mia la ricenca di qualcosa che mi porti fuori dal dolore. Per tanto tempo ho camminato in uno stretto tunnel di cui non vedevo via d uscita. Cercavo una fessura, un buco, anche piccolo, che facesse passare un pò di luce, quel tanto chiaro che mi inducesse a pensare alla salvezza... ma niente, niente! Poi un giorno un medico della ASL mi parlò di Al-Anon. Ricordo ancora a distanza di tempo l imbarazzo che dovetti vincere

3 esperienza della realtà. Una comunità dunque ha anzitutto il compito di vagliare, attraverso la preghiera e l esercizio di una commossa attenzione (come Gesù), dove ci sia realmente bisogno di spendersi, e solo allora può chiamare un giovane a mettersi in mezzo con la propria libertà. Quali percorsi apriremo in seno alla nostra parrocchia per aiutare i giovani a trovare il loro cammino, nella ricerca del proprio modo di farsi prossimi? Un giorno Gesù si fermò al pozzo perché aveva sete e incontrò una donna. Dopo poche parole la donna aveva lasciato la brocca a terra e Gesù aveva scordato di mangiare. I suoi discepoli lo invitano a prendere del cibo ma lui non ha più fame guarda avanti, e sogna: guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. Bisogna sognare forte per immaginare percorsi che non vengano da noi ma dallo Spirito, e speriamo di averne il coraggio per accompagnare i giovani di oggi a essere gli uomini liberi e forti di domani. Don Alessandro per andare alla prima riunione. Dovevo trovare il coraggio, l umiltà di ammettere la mia resa, il mio bisogno di aiuto. Dovevo fare il primo passo. Ce l ho fatta. Oggi sono ancora nel tunnel, ma non sono più da sola. Quando lo sconforto mi prende e mi butta giù, ci sono tante braccia a sostenermi. Ci sono sorrisi, voci che mi incoraggiano. C è la speranza... c è Al-Anon. I Gruppi Al-Anon sono un associazione di familiari ed amici di alcolisti, che si riuniscono per condividere esperienza, forza e speranza allo scopo di risolvere i problemi comuni. A Milano in via Palestrina, 5, è aperto da 30 anni un gruppo. Ci riuniamo tutti i sabati dalle alle Diamoci la mano Il nostro Centro di Ascolto è per tutti... E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me (dal Vangelo secondo Giovanni). a proprio tutti! Generosi e malvagi, ricchi e poveri, bianchi, neri e M gialli, uomini e donne, umili e potenti. E proprio a tutti, a tutte le esigenze e bisogni è aperto il nostro Centro di Ascolto. Lo stile del Centro è quello dell ascolto attivo volto a prendersi in carico le storie di sofferenza morale e materiale per definire progetti di liberazione dallo stato di bisogno. Il primo obiettivo delle nostre volontarie è quello di restituire dignità e speranza a chi magari pensava di averle perdute. Si adoperano per accogliere le persone che si rivolgono al Centro per orientarle verso la comprensione delle proprie reali esigenze, ricercare le soluzioni più indicate e indirizzarle verso i servizi più adeguati presenti in Parrocchia e sul territorio. A volte è necessaria una prima risposta per i bisogni più urgenti e anche questa risposta può essere fornita attraverso il coinvolgimento della comunità parrocchiale. L anno appena trascorso è stato un anno che ha messo in evidenza il peggioramento della situazione socio-economica sia dei residenti nel territorio parrocchiale sia di chi trovandosi nelle vicinanze della nostra chiesa, si accorge dell esistenza del Centro di Ascolto e spera di trovarvi una risposta concreta a situazioni spes- so al limite della più completa indigenza. Nel 2013 sono avvenuti oltre 250 incon- tri,per il 42% con persone di nazionalità italiana e per il 58% con stranieri. Quasi il 19% è senza fissa dimora o alla ricerca di una abitazione. Il 49% evidenzia un reddito inesistente o insufficiente rispet- to alle normali esigenze. Oltre il 50% è alla ricerca di un lavoro. Per circa il 60% dei casi sono state av- viate attività progettuali che nel 22% dei casi, relativi a residenti sul territorio parrocchiale, hanno dato adito anche ad interventi di sussidio da parte di gruppi e servizi presenti in Parrocchia e sul terri- torio comunale. Anche i bisogni, purtroppo, non hanno nazionalità: sono presenti nella stessa proporzione tra i cittadini italiani e quelli stranieri! Il Centro di Ascolto CALENDARIO PARROCCHIALE Aprile Sabato 5 e domenica 6 Mercatino della San Vincenzo Domenica 6 V domenica di Quaresima di Lazzaro Venerdì 11 alle 16 e alle 18, 30 Celebrazione comunitaria della Penitenza Sabato 12 alle in Duomo, Veglia diocesana dei giovani Domenica 13 Domenica delle Palme nella Passione del Signore alle 9.30 Processione delle Palme Giovedì 17 Inizio del triduo Pasquale alle S. Messa per i ragazzi alle celebrazione della Cena del Signore Venerdì 18 Nella Passione del Signore Digiuno e magro alle Celebrazione della Passione e morte del Signore alle via crucis di Decanato Sabato 19 Sabato santo- alle Veglia pasquale Domenica 20 PASQUA NELLA RESURREZIONE DEL SIGNORE Lunedì 21 lunedì dell Angelo (non di precetto) S. Messe alle Domenica 27 II domenica di Pasqua Maggio Giovedì 1 Festa dei lavoratori - alle inizia la recita del S. Rosario in oratorio Venerdì 2 1 venerdì del mese Domenica 4 domenica di Pasqua

4 Nella vigna del Signore Attività del Consiglio Pastorale Sessione del 5/3/2014 L Ordine del Giorno si proponeva un unico scopo e cioè quello della formazione di due Gruppi di lavoro con alcuni Consiglieri per approfondire le due tematiche guida scelte per il nostro Anno Pastorale, e cioè Liturgia e Territorio. Per la prima l Assemblea ha discusso in dettaglio quanto emerso nel precedente CPP alla luce delle indicazioni fornite dal Parroco Don Natale per migliorare quanto si fa nella nostra Chiesa per gli ambienti, per il modo di pregare, la partecipazione al canto, la cura e la preparazione delle S. Messe, la formazione e lo stile degli operatori impegnati nel servizio liturgico. Si è evidenziata l importanza del nuovo libro dei canti, comune per tutt e tre le corali della nostra Chiesa, che contiene anche testi per le celebrazioni eucaristiche, preghiere e salmi. Un sussidio importante da usare sia per la nostra partecipazione collettiva sia per la nostra meditazione personale nella casa del Signore. In genere si ritiene che le nostre Messe siano ben preparate, anche se qualcosa di meglio si può fare per una maggiore partecipazione dell Assemblea ai canti e per una miglior intelligibilità del messaggio proclamato nelle letture. Anche la diversità delle varie Messe è ritenuta un valore aggiunto, in quanto sono preparate su misura per i fedeli che le frequentano, giovani, maturi o anziani rispettivamente, in modo da coinvolgerli appieno nella celebrazione. Si chiede da alcuni la possibilità di qualche spazio di silenzio in più per poter meditare personalmente sul grande mistero che si ricorda nella S. Messa. Suggerimenti sono stati dati anche sulla direzione delle tre corali, sulla figura di un referente per ogni Messa per coordinare i vari operatori liturgici alternandoli opportunamente e reclutandone di nuovi, sulla formazione e sull informazione per tutti. Ne dovrà tener conto il Gruppo Liturgico che si è costituito con la guida di Don Natale e Don Luigi e formato da tre Consiglieri e da un giovane-adulto ancora da identificare e cooptare. Al Capitolo dei Sacerdoti è affidato il compito di rivedere gli orari delle Messe domenicali, onde dare un po di tempo ai fedeli per prepararsi ed eventualmente per ascoltare le prove dei canti ed impararne bene il motivo. Per il tema Chiesa e Territorio si è fatta presente la necessità di integrare il Gruppo già esistente guidato da Don Piero e formato ora soltanto da due Consiglieri, una giovane e un adulto, dopo le defezioni conseguenti allo scioglimento della Comunità Pastorale con S. Gregorio Magno. La missione dei laici è indispensabile per la diffusione del messaggio cristiano sul territorio, nelle famiglie che ci vivono e che non frequentano la Parrocchia se non occasionalmente, nelle case dove spesso non si conoscono neppure i vicini, coi quali si scambiano solo frettolosi e freddi saluti. L idea da sviluppare è quella che in ogni casa vi sia più che un solo referente (e oggi non c è neppure in tutte) un gruppo di famiglie, che facciano da ponte tra gli abitanti del territorio e la Parrocchia, per coglierne le esigenze, segnalandole ai sacerdoti o ai Gruppi parrocchiali, per fornire loro assistenza con carità fraterna nei momenti di difficoltà o di dolore, per partecipare alle loro gioie. Entrambi i Gruppi si riuniranno durante la Quaresima per esaminare quanto sopra in modo da poterne poi riferire al CPP nella prossima sessione del 7 Maggio. Roberto Bosisio Dalla lettera pastorale del cardinale Scola Guardiamo a Maria Vergine, a san Giu- Il Campo è il Mondo seppe e a tutti i santi per capire chi siano i testimoni. L Evangelo incarnato nella loro Il seguito e nei prossimi numeri di Progetto, una sintesi della lettera pastorale del cardinale Scola. Chi desidera leggerla per intero la può trovare al banco della Buona stampa, situato all interno della nostra chiesa. Cap. 4 Gesù Cristo Evangelo dell umano. Paragrafi f), g). f) Testimoni del Risorto Esporre se stessi, rischiare la propria libertà, questo, che si chiama testimonianza, ci è chiesto da Gesù. Una testimonianza che si riduca alla sola, pur importante, coerenza con alcuni principi di comportamento, non risulta convincente. Il necessario buon esempio non basta a renderci testimoni autentici. Si è testimoni quando attraverso le nostre azioni, parole e modo di essere, un Altro appare e si comunica. Si può dire che la testimonianza è il mezzo con cui la verità dell amore di Dio raggiunge l uomo nella storia, invitandolo ad accogliere liberamente questa novità radicale (Benedetto XVI). Il testimone rinvia a Cristo, sommamente amato, non a sé. In quanto testimone il cristiano non può chiamarsi fuori dalla vita, né prendere le distanze dai suoi fratelli; la testimonianza stabilisce legami e crea luoghi di convivenza, dove sia possibile sperimentare una umanità rinnovata, un modo più vero di sentire la vita, di essere amati e di amare. vita manifesta in pienezza quanto sia desiderabile seguire Cristo e proporlo in ogni ambito dell umana esistenza. g) Un apertura a 360 Il testimone, quando è autentico, fa sempre spazio all interlocutore e a tutte le sue domande. Non è certo un ripetitore di teorie o di dottrine cristallizzate, ma vive delle stesse domande del suo interlocutore perché è immerso in quel medesimo campo che è il mondo. Non esistono infatti domande dei nostri contemporanei che non siano nostre. In questa prospettiva, aprendoci al confronto leale con tutti e in tutti gli ambienti dell esistenza, faremo maturare il buon seme seminato nel campo. Se la fede si rafforza donandola, la testimonianza consente di gustare ancora di più la bellezza della vita cristiana.

5 Dalle nostre missioni L importanta delle radici, volto di Dio Valentina e Marco, la coppia di nostri parrocchiani che hanno scelto di lavorare per tre anni come laici fidei donum ad Açailandia, in Brasile, ci inviano loro notizie. Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono con il cattolicesimo. A Santa Rosa dos Pretos, nello stato del Maranhào vive una comunità fondata dagli schiavi africani fuggiti dai loro padroni e lottano ancora oggi per il diritto alla terra e per mantenere vive le tradizioni dei paesi di origine. Con loro abbiamo partecipato alla festa di Santa Barbara in cui si evocano, attraverso alcune donne chiamate figlie di santo, alcune entità e figure mitiche che fanno parte della vita delle persone del posto. La guida spirituale è chiamata madre di Santo e vive in una sorta di spazio sacro. Al nostro arrivo siamo stati accompagnati lungo un percorso che parte dalla casa della madre di Santo e termina con una fonte sacra. La festa è durata tutta la notte, con danze senza sosta di venti donne in abiti tradizionali al suono di tamburi e strumenti tradizionali suonati solo da uomini. Cosa significhi tutto ciò per queste persone è difficile capire. Per noi è stata un occasione per intuire l importanza delle proprie radici, per scoprire il volto di un Dio palpabile nei canti e nel rullo dei tamburi che riempivano l aria. E per intuire che di modi per vivere il rapporto con gli altri e quello con Dio ce ne sono davvero un infinità e che chi ci salva è un Dio che può assumere aspetti diversi a seconda delle tradizioni, del tempo e del luogo in cui si incarna. E che va al di là degli schemi che il nostro orizzonte occidentale ci impone. Nascono tre nuovi gruppi di giovani Con il nuovo anno nella parrocchia dove lavoriamo sono nati tre nuovi gruppi di giovani, due in una zona agricola e un altro nel quartiere di Piquià de Baixo. In tutti e tre i casi si tratta di una bella sfida. Nelle zone agricole i giovani sono spesso costretti ad organizzarsi in tutto e per tutto, anche perché si tratta di comunità lontane dalla città dove nessuno ha il computer, dove non prende il cellulare e dove non si può restare se si vuol continuare a studiare. Tuttavia una ventina di giovani sono riusciti a mettere in piedi un gruppo dove possono divertirsi, riflettere, pregare e soprattutto iniziare a confrontarsi e crescere insieme. Anche a Piquià il caso è complesso. La comunità infatti cambia continuamente perché tutti quelli che ne hanno la possibilità scappano a causa dell inquinamento della fabbriche siderurgiche. Chi rimane tenta di sopravvivere e in attesa che un giorno non lontano possa andarsene anche lui. In questa difficile situazione i giovani continuano a sperare inventandosi nuove strade per cercare di sbrogliare insieme una realtà così complicata. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Lo scorso novembre abbiamo cambiato casa. Si è trattato di un trasloco facile perché siamo andati in un posto vicinissimo. Eppure il cambiamento si è sentito. Eccome. Prima di tutto perché la casa è molto più piccola e poi perché i bambini della zona hanno eletto lo spazio davanti a casa - e la stessa casa - a loro posto preferito per giocare. Così le porte e le pareti sono cadute e ci ritroviamo con ragazzini e ragazzine, i loro genitori e i giovani che stiamo accompagnando che entrano e escono continuamente. Anche se talvolta non è facile, la cosa ci piace perché ci dà la possibilità di avvicinarci di un altro passettino alle persone del posto. Dalla Newsletter di Marzo di Marco e Valentina. Se desideri riceverla, manda un a uno di questi indirizzi: o I nostri contatti Skype sono: marcoratti o valentina.caperdoni. DALL ARCHIVIO PARROCCHIALE Sono rinati battezzati in Cristo Giorgia Bergamino Vittoria Gandini Miranda Manzetti Matteo Morandotti Ci hanno preceduto nella casa del Padre: Maria Ada Costacurta di anni 88 Rosa Lissoni 97 Rosella Ceci 67 Carla Teresa Lischetti 83 Marco Ebbene 27 Livia Merini 65 Luca Gabriele Righini 73

6 Come prevenire bullismo e comportamenti violenti Superare la difficoltà del relazionarsi Domenica 16 Marzo presso il salone nuovo dell oratorio nella nostra Parrocchia, il gruppo di genitori della Casa del Pellicano ha presentato il 5 incontro sul tema Cyber-bullismo; relatrici, la psicologa psicoterapeuta e coach familiare dott.ssa Laura Rolla e la docente di religione Giovanna D ecclesiis. L alta affluenza di pubblico presente in sala dimostra quanto le tematiche affrontate in questo appuntamento siano di grande interesse e attualità. La dott.ssa Rolla ha esposto dal punto di vista psicoanalitico le peculiarità del fenomeno bullismo in senso generale e quindi ha parlato dei comportamenti vessatori reiterati nel tempo, dell intenzionalità e dell asimmetria di potere tra il bullo e la vittima. Ha inoltre sottolineato che i comportamenti violenti, per chiamarsi bullismo, devono avvenire tra coetanei e il ruolo fondamentale del gruppo come identità allargata che il ragazzo/a bullo cerca di portare dalla sua parte per sentirsi forte e sostenuto nelle sue azioni. Il bullo infatti sceglie di essere leader negativo usando l aggressività per mettersi in mostra, per trasgredire le regole, perché attaccando una minoranza è come se dicesse a tutti io faccio parte di una maggioranza e quindi sono più forte. Ha illustrato poi il profilo psicologico facendo notare che i comportamenti violenti e prevaricatori vengono messi in atto da ragazzi/e psicologicamente deboli, con scarsa stima di sé e delle proprie capacità, che hanno bisogno di umiliare l altro per affermarsi, con la presenza di problemi di relazione e difficoltà di gestione delle proprie frustrazioni. Ha ribadito inoltre che il gruppo, se in alcuni casi fa da supporto al bullo, fortunatamente in molti altri, può svolgere un azione positiva e di aiuto nei confronti della vittima, oltre a stimolare il ragazzo/a bullo a prendere maggior consapevolezza dei propri comportamenti ed aiutarlo a sviluppare maggior empatia. Si è parlato infatti di questo aspetto come uno dei più importanti per aiutare i bambini, futuri ragazzi e giovani adulti ad identificarsi con l altro, nella sofferenza dell altro, a percepire le emozioni e i sentimenti del coetaneo, a far crescere in loro un autonomia emotiva e di pensiero cosciente e ragionata. A tal proposito la professoressa D ecclesiis ha presentato un video, tratto da un esperienza realmente vissuta, dove una ragazza bulla, leader negativo capo di un gruppetto che tiranneggia e offende ripetutamente altre compagne, rivolgendosi ad un insegnante con una lettera riesce poi a modificare il proprio comportamento riflettendo su se stessa e iniziando a provare empatia per gli altri. Inoltre si è parlato del più recente cyber bullismo, legato alle nuove tecnologie (sms, mail social network, video, immagini) come nuova forma del bullismo di portata vastissima e delle tipologie di questo fenomeno, della sua specificità e del disimpegno morale che questa modalità può favorire. Infine si è voluto dare un messaggio positivo riguardo la rete e gli strumenti tecnologici, fornendo alcuni consigli ai genitori per stare vicini e sostenere i propri figli : questi sono appunto solo strumenti e sta alla maturità, alla coscienza e all intelligenza di ciascuno saperli usare in modo positivo e costruttivo. Dato l argomento molto corposo e il tempo tiranno, purtroppo non è stato possibile lasciare spazio alle domande che possono, per chi fosse interessato, essere dirette all indirizzo mail: Laura Rolla Freschi di stampa Giuseppe Militello LA CHIESA CHE VORREI Paoline edizioni pp. 152, 14,00 Il desiderio di riprendere la sfida della «nuova evangelizzazione» attraverso alcune riflessioni alla scoperta di quello che la Chiesa è: una Chiesa fraterna, gioiosa, missionaria, attenta alle esigenze di tutti. I libri consigliati in questa rubrica sono disponibili al Banco della Buona Stampa situato in chiesa. Alex Zanotelli SOLDI E VANGELO Editrice Missionaria Italiana pp. 64, 5,00 Lettura attualizzata e sferzante del capitolo 16 di Luca, la pagina più «economica» dei Vangeli. Alla luce dell odierna situazione di crisi, l autore fa risuonare la voce di Gesù. Anselm Grun MOMENTI DI FELICITÀ QUOTIDIANA Queriniana edizioni pp ,00 La felicità non è inarrivabile: è lì, a disposizione, al centro della nostra vita. Passa attraverso cose semplicissime: un azione piacevole, un sonno salutare, un bagno rigenerante, un amicizia, una preghiera. Rosetta Calì PALLA AL CENTRO! Paoline edizioni, pp. 232, 14,00. Lo sport visto come un collettore di valori che nobilitano la vita come la solidarietà; luogo di socializzazione e di competitività, ma sempre nel rispetto dell altro.

7 Scegliere Sintesi da Atlantide tra Essere ed Avere Un estratto dal giornale di opinione che viene esposto all interno della nostra chiesa e sul sito web della parrocchia; temi che affrontano e discutono l attualità che ci circonda, perchè talvolta soffermarsi e approfondire il pensiero aiuta la fede e la nostra coscienza. L impulso dell uomo a produrre e consumare è un fatto atavico, che ha caratterizzato molte civiltà: il concetto di possedere e di scambiare è richiamato dalle immagini degli scambi di doni tra popoli diversi o ai regali che hanno tradizioni antiche. È tuttavia mutato il rapporto sociale con il consumo. In passato esistevano meccanismi sociali per educare e orientare l impulso al consumo, mentre nella società contemporanea la spinta sembra differente, con l individuo indotto a produrre e consumare senza possibilità di resistenza, e a vivere in una dimensione euforica e ottusa, con la falsa libertà di poter scegliere tra prodotti diversi. Ciò appare in particolare vero per alcuni beni cosiddetti posizionali, che non sono acquistati per il loro uso tipico, ma per gareggiare e confrontarci con altri e posizionarci nelle gerarchie sociali. Come evidenzia l economista Luigino Bruni in un recente editoriale su Avvenire, molti studi ci mostrano ormai da oltre un decennio che il denaro e le energie spese per consumi posizionali procurano un aumento di piacere che dura finché dura la novità, cioè pochi giorni (telefonini) o pochi mesi (auto e case). Eppure persino Epicuro, filosofo che nel pensiero comune viene associato alla vita comoda e dedita ai piaceri, avvertiva nella Lettera sulla Felicità di guardarsi dai falsi condizionamenti: quando dunque diciamo che il bene è il piacere, non intendiamo il semplice piacere dei goderecci, [ ] ma il lucido esame delle cause di ogni scelta o rifiuto, al fine di respingere i falsi condizionamenti che sono per l animo causa di immensa sofferenza. In tempi più recenti, la psicanalisi ha identificato due modalità fondamentali dell esperienza, definite l Avere e l Essere: ma solo la seconda ha come presupposto la libertà e l autonomia, che finalizza gli sforzi alla crescita e all arricchimento della propria interiorità. Alcuni odierni condizionamenti sociali spingono però nella categoria dell Avere. Poniamo che un tale si rivolga a uno psicoanalista scrive Erich Fromm ed esordisca con la frase: «Dottore, io ho un problema; ho l insonnia. Benché abbia una bella casa, bravi figli, un matrimonio felice, ho molte preoccupazioni». Qualche decennio fa, anziché dire «ho un problema», con ogni probabilità avrebbe detto: «Sono agitato»; anziché «ho l insonnia» avrebbe detto «non posso dormire» e in- René Magritte, L amico dell ordine. Olio su tela, Belgio, vece di «ho un matrimonio felice», avrebbe usato l espressione «sono felicemente sposato». Riflessioni di questo genere sono presenti anche in economia: il Paradosso della Felicità enunciato nel 1974 da Easterlin evidenziò che nel corso della vita la felicità delle persone non dipende dalle variazioni di reddito e di ricchezza. Col crescere del benessere economico la felicità umana aumenta fino ad un certo punto, poi diminuisce. E necessario il recupero di ciò che ci è stato tramandato per interpretare il mondo alla luce di ciò che veramente conta. Se ci lasciamo sedurre e intorpidire dall esperienza dell avere, e dai condizionamenti dei beni posizionali, rinunceremo a una fede consapevole e autentica, che rischia di farci smarrire la strada della salvezza, oltre che quella della felicità. La Redazione di Atlantide Cineforum I film selezionati e proiettati questo mese nelle sale della nostre parrocchie. Cinema PALESTRINA Via Palestrina, 7 Milano - proiezione pomeridiana h proiezione serale con presentazione e dibattito h a cura di G. Zappoli (My Movies) e A. Autieri (Box Office). 3 aprile QUANDO MENO TE LO ASPETTI di Agnès Jaoui - Francia Comm. 10 aprile LES MISERABLES di Tom Hooper - GB Sala GREGORIANUM Via Settala, 27 Milano - proiezione domenicale h proiezione del martedì con presentazione e dibatitto h info: 8 aprile MOLIERE IN BICICLETTA di Philippe Le Guay con F. Luchini, L.Wilson, M. Sansa. Francia Comm. 15 aprile STILL LIFE di Uberto Pasolini con E. Marsan, J. Froggatt, K. Drury, A. Buchan, N. D Souza. Italia, Regno Unito, Comm. 29 aprile PHILOMENA di Stephen Frears con J. Dench, S. Coogan, S. Kennedy Clark. USA, Regno Unito, Francia Dramm. 6 maggio IL CAPITALE UMANO di Paolo Virzì con V. Bruni Tedeschi, F. Bentivoglio, V. Golino. Italia, Comm.

8 anche un altra dimensione del dolore del Crocifisso: Gesù si rivolge a Dio con il nome di Padre. Il perché diventa il grido fiducioso nelle tue mani ed allora l esperienza dell abbandono da parte del Padre diventa abbandono di sé fra le braccia di Lui. Gesù abbandonato vive il suo dolore in profonda comunione con tutti i crocifissi della terra, ma nello stesso tempo si offre fiducioso al Padre per amore del mondo e così il perché della sofferenza umana prende senso alla luce della sofferenza di Cristo. Non è da solo che Cristo salva il mondo, ma con l adesione di ognuno di noi alla sofferenza e alla croce. Dice San Paolo: Io compio nella mia carne i sacrifici che mancano alla passione di Cristo. Il Segno del cristiano è il crocifisso Croce e Resurrezione La crocifissione e la morte di Gesù storicamente sono un atto di violenza da condannare, ma per chi ha fede sono il più grande atto d amore, perché nessuno ha un amore più grande di chi dà la vita per i propri amici (Gv 15,13) Nei vangeli Orari S. Messe Feriali: (escluso settembre) Prefestivi: Festivi: Segreteria Parrocchiale da lunedì a sabato solo il mercoledì Tel Fax Sagrestia Centro Ascolto Caritas Martedì e Giovedì: Tel Casa Accoglienza Associazione GRATIS di Marco e Matteo Gesù crocifisso si rivolge a Dio con il grido: perché mi hai abbandonato?. Questa domanda è carica del tormento che attraversa la sofferenza; è il tormento di non comprenderne il senso. Ma le parole riportate da Luca lasciano trasparire PARROCCHIA SS. REDENTORE - Numeri e Indirizzi Utili ORATORIO da lunedì a sabato e domenica Tel SCUOLA MATERNA Direzione Tel Fax Suore Comunità SACERDOTI Don Natale Castelli (Parroco) Don Gigi Colombo (Vicario) Don Alessandro Noseda (Vicario) Don Piero Denna (Residente) Don Luigi Parisi (Residente) Così da quel venerdì santo noi sappiamo che la storia delle sofferenze umane è anche storia del Dio con noi. Egli è presente a patire con l uomo e a trasmettergli il valore immenso della sofferenza offerta per amore. Dio ha fatto Sua la morte, perché il mondo facesse sua la vita, quella vera, la vita eterna grazie alla Sua Risurrezione. Anche oggi ho ricevuto la Santa Comunione e mi è sembrato di essere uno dei discepoli di Emmaus, perché dopo quella Santa Pasqua ogni Santa Comunione è un miracolo, un incontro prodigioso con nostro Signore. Questa è la Pasqua del Signore che dà senso alla sofferenza dell umanità perché l ha assunta e redenta e dà senso alla vita degli uomini e questo senso è l Amore. Emma Della Valle Mella progetto di Comunità Aperta Parrocchia SS. Redentore via L. Palestrina 5 - Milano Direttore responsabile Margherita Faustinelli Per contatti: Registrato presso il Tribunale di Milano n 426 del Stampa Pixart.it

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

INDICE. Premessa... 7

INDICE. Premessa... 7 INDICE Premessa... 7 GIOVEDÌ SANTO Schema della Celebrazione... 12 I Santi Padri... 13 Agostino: Vi do un comandamento nuovo... 13 Efrem: L agnello figura e l Agnello vero... 16 Cirillona: La gioia di

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Relazione Caritas Parrocchiale al Consiglio Pastorale

Relazione Caritas Parrocchiale al Consiglio Pastorale C A R I T A S P A R R O C C H I A L E G A M B E T T O L A Relazione Caritas Parrocchiale al Consiglio Pastorale Martedì 13 gennaio 2009 Parrocchia di S. Egidio Abate Gambettola Martedì 13 gennaio 2009

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco Carissimi amici, Hogar San Francisco sarà da oggi uno strumento per sentirci uniti, un semplice foglio informativo della nostra missione in Venezuela. Perché questo nome? Sostanzialmente perché, con i

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli