Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su www.parrocchiaredentore.it"

Transcript

1 Decanato Venezia - Parrocchia SS. Redentore - Disponibile anche online su n 4 - Aprile 2014 progetto43 43ANNO Racconto di Pasquanel campo che è il mondo Le uova di Pasquale di don Natale Quella mattina Pasquale andò al podere sul presto, caricò il carretto coi meloni e girò il cavallo. Avrebbe fatto una sorpresa ai bambini appena svegliati. Di colpo, uno dei tanti squattrinati gli tese la mano. Sapevano che Pasquale dava sempre qualcosa di soldi, anche se lo faceva più per dovere che per pietà, senza mai guardare in faccia l avventore. Non andava a messa a pagare la sedia e così ricuperava la coscienza sdebitandosi alla In Questo numero Il racconto di don Natale Le uova di Pasquale la spalla di Don Alessandro Giovani e servizio Uscire dal Tunnel Un aiuto dai gruppi Al-Anon Diamoci la mano Il nostro Centro di Ascolto Calendario parrocchiale Tutti gli appuntamenti del mese Nella vigna del Signore Attività del Consiglio Pastorale Dalla lettera pastorale del card. Scola Il Campo è il Mondo La Newsletter da una nostra missione L importanza delle radici Dall archivio parrocchiale Chi arriva, chi si sposa, chi ci lascia Cyberbullismo Incontro nella Casa del Pellicano Freschi di stampa Libri appena usciti letti per voi Sintesi di Atlantide Essere e Avere Cineforum I nostri film Il segno dei cristiani Croce e Resurrezione Indirizzi utili bell e meglio. E vero che per una volta era stato in chiesa al funerale di Cristoforo, suo suocero e compagno a lavorare la terra, ma poi l acquasantiera non l aveva più toccata. Quella volta però, trovandosi leggero nelle tasche, disse breve non ho spicciolo e tirò via dritto. Arrivato, trovò la Pina già in cucina, con una qualche agitazione in corpo come se avesse le pulci: M è venuto in sogno mio padre e pensa un po, mi ha detto che ti ha allungato la mano e tu nemmeno un melone gli hai dato!. Le lagne della Pina, specie in prima mattina, gli davano noia, ma questa volta si trovò con il sangue gelato. Non disse né uno né due e si rimise in strada. Ora di sera aveva dato via tutti i meloni. Che sorpresa la mattina dopo quando vide nel podere che ne erano cresciuti altri, come a essere i primi. Ricomin- Segue nella seconda pagina di Comunità aperta Giovani e servizio di don Alessandro Un cartello di sei metri dice tutto è intorno a te ma ti guardi intorno e invece non c è niente. Jovanotti (Fango) Il mercato delle cose vorrebbe farci credere che tutto è rivolto a noi, che siamo proprio al centro del mondo, ma la realtà è che non sono le cose a prendersi cura della nostra vita, bensì le persone. E proprio nella presenza delle persone al nostro fianco che si misura il reale stato di crisi o di prosperità di una società e di un epoca. Segue nella seconda pagina Vincent Van Gogh, Il seminatore. Olio su tela, Van Gogh Museum, Amsterdam.

2 Segue dalla prima pagina ciò la distribuzione, trovando ogni mattina meloni da caricare e ogni giorno altrettanti compari da rifornire. La gente diceva Pasquale è già in pensione, perché non lavorava più, almeno come si intendeva normalmente. Più che altro aveva cambiato lavoro e stava in giro tutto il tempo. Lo strano è che il podere produceva meloni quotidiani nella quantità giusta da stare sul carro e Pasquale, allargando il giro, arrivava a sera vuoto. La gente diceva Dio ha benedetto Pasquale e intanto metteva via i meloni che piovevano ormai fuori stagione. Pasquale aveva anche cambiato sistema: dando il melone ora guardava in faccia le persone, eccome se le guardava, scrutando bene le rughe, se mai avesse incrociato Cristoforo, per pagare finalmente il suo debito. La gente diceva Pasquale ci guarda, ma lo diceva in senso benevolo, perché Pasquale si era fatto morbido: aveva preso ad avvolgere i meloni in larghe foglie e poi anche in carta colorata per poter offrire il melone in regalo e non come se buttasse lì un sacco. Passavano gli anni e Pasquale faceva la spola tra il suo podere e tutto il resto della piana. La gente diceva Il campo di Pasquale è il mondo dal tanto che arrivava a tutti. Non diceva parole, scrutava il volto, dava il melone e andava. Per la gente era sempre bello perché i meloni incartati sembravano piuttosto uova di Pasqua e i bambini si facevano intorno al carretto appena arrivava in una piazza. La gente non diceva più arriva Pasquale ma arriva Pasqua anche se era Natale. E Pasquale aveva imparato a sorridere, contento di rimanere indietro. Ormai era di casa per il quinci e il quindi di tutto il marchigiano e nessuno aveva paura, anzi facevano a gara ad aspettarlo sulla strada perché si dava da fare di continuo per gli altri a renderli lieti e la gente diceva Pasquale non va mai in pensione. Spesso lo vedevano appena fuori da un paese, nel crepuscolo, indugiare sui lineamenti dell ultimo viandante a cui consegnava il melone, nella speranza di riconoscere Cristoforo prima che facesse scuro. La gente non conosceva il suo segreto, ma poteva dire nome e cognome dei beneficiati perché i paesi erano piccoli. Una sera però non sapevano nemmeno loro chi fosse il forestiero che ebbe in mano l ultimo melone sulla collina e trovarono strano che Pasquale fosse particolarmente disteso. Lo videro la mattina addormentato sereno sul carretto che non respirava Segue dalla prima pagina E oggi possiamo riconoscere i segni chiari di una paura profonda: quella che nessuno abbia a cuore il fratello. E così ci si riscopre diffidenti, pronti a dubitare di chi ci passa accanto, facili allo scatto d ira, al nervosismo in automobile e al parlare sgarbato e offensivo: è il segno di un mondo che non si fida perché i suoi abitanti non sentono la presenza attenta e amorevole di qualcuno. Nel progetto educativo di un Oratorio non può quindi mancare una forte attenzione su questo punto: formare dei giovani che non si aspettano che il mondo giri loro intorno attraverso i beni che posseggono ma siano disposti a fare come il nostro maestro: il Signore Gesù, che gira intorno ai discepoli con grembiule e catino, mettendosi al loro servizio. In questa dimensione del servizio c è il riscatto non solo di una vita ma di un intera società. Ma attraverso quali strade questo servizio è possibile? Come lo si più già dalla sera prima. La gente diceva Pasquale è morto contento. E al funerale presero i semi dal carretto e con i meloni che ne nacquero nei loro campi si fecero l un l altro doni avvolgendoli in carte colorate, come avevano visto fare da Pasquale e non sapevano più se erano meloni o uova. E il loro incontro fu più che altro una festa. PS: Questa breve narrazione di fantasia si basa su un nucleo iniziale raccontato come veramente accaduto. Per i discepoli di Gesù il nucleo della Pasqua ha reso vera la storia successiva trasformandoli in apostoli del Risorto. Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano (Mc 16, 19-20). Don Natale potrebbe incarnare in una proposta praticabile per un giovane che vive a Milano oggi? Non è una domanda scontata. Spesso si invoca la presenza dei giovani senza conoscere realmente ciò che vivono! Più che delle persone vengono considerati come il prezzemolo, alla stregua di spezie che insaporiscono comunque qualsiasi minestra. Invece è importante che l educazione alla carità di un giovane passi attraverso un percorso nel quale si può proiettare immaginando la sua vita. La vocazione non è forse la forma definitiva che assuma una vita che si spende per l altro? Se questo è l insegnamento di Gesù, le proposte concrete per i giovani, anche a partire dall Oratorio, devono mettersi in relazione essenzialmente con l evolversi del loro percorso di discernimento. La comunità dovrà fornire al giovane degli strumenti per tentare percorsi di servizio, ma sempre nella continua esigenza di verifica e di rimessa in gioco del vissuto, alla luce di quello che il Signore sta progressivamente rivelando al giovane. In secondo luogo, i luoghi del servizio non possono essere artificiosi, ma devono relazionarsi con una robusta Uscire dal tunnel con l aiuto di Al-Anon Sono la mamma di un alcolista... so bene che la mia testimonianza non aggiunge nulla al tanto che già è stato detto, ma è la mia sofferenza, come è mia la ricenca di qualcosa che mi porti fuori dal dolore. Per tanto tempo ho camminato in uno stretto tunnel di cui non vedevo via d uscita. Cercavo una fessura, un buco, anche piccolo, che facesse passare un pò di luce, quel tanto chiaro che mi inducesse a pensare alla salvezza... ma niente, niente! Poi un giorno un medico della ASL mi parlò di Al-Anon. Ricordo ancora a distanza di tempo l imbarazzo che dovetti vincere

3 esperienza della realtà. Una comunità dunque ha anzitutto il compito di vagliare, attraverso la preghiera e l esercizio di una commossa attenzione (come Gesù), dove ci sia realmente bisogno di spendersi, e solo allora può chiamare un giovane a mettersi in mezzo con la propria libertà. Quali percorsi apriremo in seno alla nostra parrocchia per aiutare i giovani a trovare il loro cammino, nella ricerca del proprio modo di farsi prossimi? Un giorno Gesù si fermò al pozzo perché aveva sete e incontrò una donna. Dopo poche parole la donna aveva lasciato la brocca a terra e Gesù aveva scordato di mangiare. I suoi discepoli lo invitano a prendere del cibo ma lui non ha più fame guarda avanti, e sogna: guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. Bisogna sognare forte per immaginare percorsi che non vengano da noi ma dallo Spirito, e speriamo di averne il coraggio per accompagnare i giovani di oggi a essere gli uomini liberi e forti di domani. Don Alessandro per andare alla prima riunione. Dovevo trovare il coraggio, l umiltà di ammettere la mia resa, il mio bisogno di aiuto. Dovevo fare il primo passo. Ce l ho fatta. Oggi sono ancora nel tunnel, ma non sono più da sola. Quando lo sconforto mi prende e mi butta giù, ci sono tante braccia a sostenermi. Ci sono sorrisi, voci che mi incoraggiano. C è la speranza... c è Al-Anon. I Gruppi Al-Anon sono un associazione di familiari ed amici di alcolisti, che si riuniscono per condividere esperienza, forza e speranza allo scopo di risolvere i problemi comuni. A Milano in via Palestrina, 5, è aperto da 30 anni un gruppo. Ci riuniamo tutti i sabati dalle alle Diamoci la mano Il nostro Centro di Ascolto è per tutti... E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me (dal Vangelo secondo Giovanni). a proprio tutti! Generosi e malvagi, ricchi e poveri, bianchi, neri e M gialli, uomini e donne, umili e potenti. E proprio a tutti, a tutte le esigenze e bisogni è aperto il nostro Centro di Ascolto. Lo stile del Centro è quello dell ascolto attivo volto a prendersi in carico le storie di sofferenza morale e materiale per definire progetti di liberazione dallo stato di bisogno. Il primo obiettivo delle nostre volontarie è quello di restituire dignità e speranza a chi magari pensava di averle perdute. Si adoperano per accogliere le persone che si rivolgono al Centro per orientarle verso la comprensione delle proprie reali esigenze, ricercare le soluzioni più indicate e indirizzarle verso i servizi più adeguati presenti in Parrocchia e sul territorio. A volte è necessaria una prima risposta per i bisogni più urgenti e anche questa risposta può essere fornita attraverso il coinvolgimento della comunità parrocchiale. L anno appena trascorso è stato un anno che ha messo in evidenza il peggioramento della situazione socio-economica sia dei residenti nel territorio parrocchiale sia di chi trovandosi nelle vicinanze della nostra chiesa, si accorge dell esistenza del Centro di Ascolto e spera di trovarvi una risposta concreta a situazioni spes- so al limite della più completa indigenza. Nel 2013 sono avvenuti oltre 250 incon- tri,per il 42% con persone di nazionalità italiana e per il 58% con stranieri. Quasi il 19% è senza fissa dimora o alla ricerca di una abitazione. Il 49% evidenzia un reddito inesistente o insufficiente rispet- to alle normali esigenze. Oltre il 50% è alla ricerca di un lavoro. Per circa il 60% dei casi sono state av- viate attività progettuali che nel 22% dei casi, relativi a residenti sul territorio parrocchiale, hanno dato adito anche ad interventi di sussidio da parte di gruppi e servizi presenti in Parrocchia e sul terri- torio comunale. Anche i bisogni, purtroppo, non hanno nazionalità: sono presenti nella stessa proporzione tra i cittadini italiani e quelli stranieri! Il Centro di Ascolto CALENDARIO PARROCCHIALE Aprile Sabato 5 e domenica 6 Mercatino della San Vincenzo Domenica 6 V domenica di Quaresima di Lazzaro Venerdì 11 alle 16 e alle 18, 30 Celebrazione comunitaria della Penitenza Sabato 12 alle in Duomo, Veglia diocesana dei giovani Domenica 13 Domenica delle Palme nella Passione del Signore alle 9.30 Processione delle Palme Giovedì 17 Inizio del triduo Pasquale alle S. Messa per i ragazzi alle celebrazione della Cena del Signore Venerdì 18 Nella Passione del Signore Digiuno e magro alle Celebrazione della Passione e morte del Signore alle via crucis di Decanato Sabato 19 Sabato santo- alle Veglia pasquale Domenica 20 PASQUA NELLA RESURREZIONE DEL SIGNORE Lunedì 21 lunedì dell Angelo (non di precetto) S. Messe alle Domenica 27 II domenica di Pasqua Maggio Giovedì 1 Festa dei lavoratori - alle inizia la recita del S. Rosario in oratorio Venerdì 2 1 venerdì del mese Domenica 4 domenica di Pasqua

4 Nella vigna del Signore Attività del Consiglio Pastorale Sessione del 5/3/2014 L Ordine del Giorno si proponeva un unico scopo e cioè quello della formazione di due Gruppi di lavoro con alcuni Consiglieri per approfondire le due tematiche guida scelte per il nostro Anno Pastorale, e cioè Liturgia e Territorio. Per la prima l Assemblea ha discusso in dettaglio quanto emerso nel precedente CPP alla luce delle indicazioni fornite dal Parroco Don Natale per migliorare quanto si fa nella nostra Chiesa per gli ambienti, per il modo di pregare, la partecipazione al canto, la cura e la preparazione delle S. Messe, la formazione e lo stile degli operatori impegnati nel servizio liturgico. Si è evidenziata l importanza del nuovo libro dei canti, comune per tutt e tre le corali della nostra Chiesa, che contiene anche testi per le celebrazioni eucaristiche, preghiere e salmi. Un sussidio importante da usare sia per la nostra partecipazione collettiva sia per la nostra meditazione personale nella casa del Signore. In genere si ritiene che le nostre Messe siano ben preparate, anche se qualcosa di meglio si può fare per una maggiore partecipazione dell Assemblea ai canti e per una miglior intelligibilità del messaggio proclamato nelle letture. Anche la diversità delle varie Messe è ritenuta un valore aggiunto, in quanto sono preparate su misura per i fedeli che le frequentano, giovani, maturi o anziani rispettivamente, in modo da coinvolgerli appieno nella celebrazione. Si chiede da alcuni la possibilità di qualche spazio di silenzio in più per poter meditare personalmente sul grande mistero che si ricorda nella S. Messa. Suggerimenti sono stati dati anche sulla direzione delle tre corali, sulla figura di un referente per ogni Messa per coordinare i vari operatori liturgici alternandoli opportunamente e reclutandone di nuovi, sulla formazione e sull informazione per tutti. Ne dovrà tener conto il Gruppo Liturgico che si è costituito con la guida di Don Natale e Don Luigi e formato da tre Consiglieri e da un giovane-adulto ancora da identificare e cooptare. Al Capitolo dei Sacerdoti è affidato il compito di rivedere gli orari delle Messe domenicali, onde dare un po di tempo ai fedeli per prepararsi ed eventualmente per ascoltare le prove dei canti ed impararne bene il motivo. Per il tema Chiesa e Territorio si è fatta presente la necessità di integrare il Gruppo già esistente guidato da Don Piero e formato ora soltanto da due Consiglieri, una giovane e un adulto, dopo le defezioni conseguenti allo scioglimento della Comunità Pastorale con S. Gregorio Magno. La missione dei laici è indispensabile per la diffusione del messaggio cristiano sul territorio, nelle famiglie che ci vivono e che non frequentano la Parrocchia se non occasionalmente, nelle case dove spesso non si conoscono neppure i vicini, coi quali si scambiano solo frettolosi e freddi saluti. L idea da sviluppare è quella che in ogni casa vi sia più che un solo referente (e oggi non c è neppure in tutte) un gruppo di famiglie, che facciano da ponte tra gli abitanti del territorio e la Parrocchia, per coglierne le esigenze, segnalandole ai sacerdoti o ai Gruppi parrocchiali, per fornire loro assistenza con carità fraterna nei momenti di difficoltà o di dolore, per partecipare alle loro gioie. Entrambi i Gruppi si riuniranno durante la Quaresima per esaminare quanto sopra in modo da poterne poi riferire al CPP nella prossima sessione del 7 Maggio. Roberto Bosisio Dalla lettera pastorale del cardinale Scola Guardiamo a Maria Vergine, a san Giu- Il Campo è il Mondo seppe e a tutti i santi per capire chi siano i testimoni. L Evangelo incarnato nella loro Il seguito e nei prossimi numeri di Progetto, una sintesi della lettera pastorale del cardinale Scola. Chi desidera leggerla per intero la può trovare al banco della Buona stampa, situato all interno della nostra chiesa. Cap. 4 Gesù Cristo Evangelo dell umano. Paragrafi f), g). f) Testimoni del Risorto Esporre se stessi, rischiare la propria libertà, questo, che si chiama testimonianza, ci è chiesto da Gesù. Una testimonianza che si riduca alla sola, pur importante, coerenza con alcuni principi di comportamento, non risulta convincente. Il necessario buon esempio non basta a renderci testimoni autentici. Si è testimoni quando attraverso le nostre azioni, parole e modo di essere, un Altro appare e si comunica. Si può dire che la testimonianza è il mezzo con cui la verità dell amore di Dio raggiunge l uomo nella storia, invitandolo ad accogliere liberamente questa novità radicale (Benedetto XVI). Il testimone rinvia a Cristo, sommamente amato, non a sé. In quanto testimone il cristiano non può chiamarsi fuori dalla vita, né prendere le distanze dai suoi fratelli; la testimonianza stabilisce legami e crea luoghi di convivenza, dove sia possibile sperimentare una umanità rinnovata, un modo più vero di sentire la vita, di essere amati e di amare. vita manifesta in pienezza quanto sia desiderabile seguire Cristo e proporlo in ogni ambito dell umana esistenza. g) Un apertura a 360 Il testimone, quando è autentico, fa sempre spazio all interlocutore e a tutte le sue domande. Non è certo un ripetitore di teorie o di dottrine cristallizzate, ma vive delle stesse domande del suo interlocutore perché è immerso in quel medesimo campo che è il mondo. Non esistono infatti domande dei nostri contemporanei che non siano nostre. In questa prospettiva, aprendoci al confronto leale con tutti e in tutti gli ambienti dell esistenza, faremo maturare il buon seme seminato nel campo. Se la fede si rafforza donandola, la testimonianza consente di gustare ancora di più la bellezza della vita cristiana.

5 Dalle nostre missioni L importanta delle radici, volto di Dio Valentina e Marco, la coppia di nostri parrocchiani che hanno scelto di lavorare per tre anni come laici fidei donum ad Açailandia, in Brasile, ci inviano loro notizie. Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono con il cattolicesimo. A Santa Rosa dos Pretos, nello stato del Maranhào vive una comunità fondata dagli schiavi africani fuggiti dai loro padroni e lottano ancora oggi per il diritto alla terra e per mantenere vive le tradizioni dei paesi di origine. Con loro abbiamo partecipato alla festa di Santa Barbara in cui si evocano, attraverso alcune donne chiamate figlie di santo, alcune entità e figure mitiche che fanno parte della vita delle persone del posto. La guida spirituale è chiamata madre di Santo e vive in una sorta di spazio sacro. Al nostro arrivo siamo stati accompagnati lungo un percorso che parte dalla casa della madre di Santo e termina con una fonte sacra. La festa è durata tutta la notte, con danze senza sosta di venti donne in abiti tradizionali al suono di tamburi e strumenti tradizionali suonati solo da uomini. Cosa significhi tutto ciò per queste persone è difficile capire. Per noi è stata un occasione per intuire l importanza delle proprie radici, per scoprire il volto di un Dio palpabile nei canti e nel rullo dei tamburi che riempivano l aria. E per intuire che di modi per vivere il rapporto con gli altri e quello con Dio ce ne sono davvero un infinità e che chi ci salva è un Dio che può assumere aspetti diversi a seconda delle tradizioni, del tempo e del luogo in cui si incarna. E che va al di là degli schemi che il nostro orizzonte occidentale ci impone. Nascono tre nuovi gruppi di giovani Con il nuovo anno nella parrocchia dove lavoriamo sono nati tre nuovi gruppi di giovani, due in una zona agricola e un altro nel quartiere di Piquià de Baixo. In tutti e tre i casi si tratta di una bella sfida. Nelle zone agricole i giovani sono spesso costretti ad organizzarsi in tutto e per tutto, anche perché si tratta di comunità lontane dalla città dove nessuno ha il computer, dove non prende il cellulare e dove non si può restare se si vuol continuare a studiare. Tuttavia una ventina di giovani sono riusciti a mettere in piedi un gruppo dove possono divertirsi, riflettere, pregare e soprattutto iniziare a confrontarsi e crescere insieme. Anche a Piquià il caso è complesso. La comunità infatti cambia continuamente perché tutti quelli che ne hanno la possibilità scappano a causa dell inquinamento della fabbriche siderurgiche. Chi rimane tenta di sopravvivere e in attesa che un giorno non lontano possa andarsene anche lui. In questa difficile situazione i giovani continuano a sperare inventandosi nuove strade per cercare di sbrogliare insieme una realtà così complicata. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Lo scorso novembre abbiamo cambiato casa. Si è trattato di un trasloco facile perché siamo andati in un posto vicinissimo. Eppure il cambiamento si è sentito. Eccome. Prima di tutto perché la casa è molto più piccola e poi perché i bambini della zona hanno eletto lo spazio davanti a casa - e la stessa casa - a loro posto preferito per giocare. Così le porte e le pareti sono cadute e ci ritroviamo con ragazzini e ragazzine, i loro genitori e i giovani che stiamo accompagnando che entrano e escono continuamente. Anche se talvolta non è facile, la cosa ci piace perché ci dà la possibilità di avvicinarci di un altro passettino alle persone del posto. Dalla Newsletter di Marzo di Marco e Valentina. Se desideri riceverla, manda un a uno di questi indirizzi: o I nostri contatti Skype sono: marcoratti o valentina.caperdoni. DALL ARCHIVIO PARROCCHIALE Sono rinati battezzati in Cristo Giorgia Bergamino Vittoria Gandini Miranda Manzetti Matteo Morandotti Ci hanno preceduto nella casa del Padre: Maria Ada Costacurta di anni 88 Rosa Lissoni 97 Rosella Ceci 67 Carla Teresa Lischetti 83 Marco Ebbene 27 Livia Merini 65 Luca Gabriele Righini 73

6 Come prevenire bullismo e comportamenti violenti Superare la difficoltà del relazionarsi Domenica 16 Marzo presso il salone nuovo dell oratorio nella nostra Parrocchia, il gruppo di genitori della Casa del Pellicano ha presentato il 5 incontro sul tema Cyber-bullismo; relatrici, la psicologa psicoterapeuta e coach familiare dott.ssa Laura Rolla e la docente di religione Giovanna D ecclesiis. L alta affluenza di pubblico presente in sala dimostra quanto le tematiche affrontate in questo appuntamento siano di grande interesse e attualità. La dott.ssa Rolla ha esposto dal punto di vista psicoanalitico le peculiarità del fenomeno bullismo in senso generale e quindi ha parlato dei comportamenti vessatori reiterati nel tempo, dell intenzionalità e dell asimmetria di potere tra il bullo e la vittima. Ha inoltre sottolineato che i comportamenti violenti, per chiamarsi bullismo, devono avvenire tra coetanei e il ruolo fondamentale del gruppo come identità allargata che il ragazzo/a bullo cerca di portare dalla sua parte per sentirsi forte e sostenuto nelle sue azioni. Il bullo infatti sceglie di essere leader negativo usando l aggressività per mettersi in mostra, per trasgredire le regole, perché attaccando una minoranza è come se dicesse a tutti io faccio parte di una maggioranza e quindi sono più forte. Ha illustrato poi il profilo psicologico facendo notare che i comportamenti violenti e prevaricatori vengono messi in atto da ragazzi/e psicologicamente deboli, con scarsa stima di sé e delle proprie capacità, che hanno bisogno di umiliare l altro per affermarsi, con la presenza di problemi di relazione e difficoltà di gestione delle proprie frustrazioni. Ha ribadito inoltre che il gruppo, se in alcuni casi fa da supporto al bullo, fortunatamente in molti altri, può svolgere un azione positiva e di aiuto nei confronti della vittima, oltre a stimolare il ragazzo/a bullo a prendere maggior consapevolezza dei propri comportamenti ed aiutarlo a sviluppare maggior empatia. Si è parlato infatti di questo aspetto come uno dei più importanti per aiutare i bambini, futuri ragazzi e giovani adulti ad identificarsi con l altro, nella sofferenza dell altro, a percepire le emozioni e i sentimenti del coetaneo, a far crescere in loro un autonomia emotiva e di pensiero cosciente e ragionata. A tal proposito la professoressa D ecclesiis ha presentato un video, tratto da un esperienza realmente vissuta, dove una ragazza bulla, leader negativo capo di un gruppetto che tiranneggia e offende ripetutamente altre compagne, rivolgendosi ad un insegnante con una lettera riesce poi a modificare il proprio comportamento riflettendo su se stessa e iniziando a provare empatia per gli altri. Inoltre si è parlato del più recente cyber bullismo, legato alle nuove tecnologie (sms, mail social network, video, immagini) come nuova forma del bullismo di portata vastissima e delle tipologie di questo fenomeno, della sua specificità e del disimpegno morale che questa modalità può favorire. Infine si è voluto dare un messaggio positivo riguardo la rete e gli strumenti tecnologici, fornendo alcuni consigli ai genitori per stare vicini e sostenere i propri figli : questi sono appunto solo strumenti e sta alla maturità, alla coscienza e all intelligenza di ciascuno saperli usare in modo positivo e costruttivo. Dato l argomento molto corposo e il tempo tiranno, purtroppo non è stato possibile lasciare spazio alle domande che possono, per chi fosse interessato, essere dirette all indirizzo mail: Laura Rolla Freschi di stampa Giuseppe Militello LA CHIESA CHE VORREI Paoline edizioni pp. 152, 14,00 Il desiderio di riprendere la sfida della «nuova evangelizzazione» attraverso alcune riflessioni alla scoperta di quello che la Chiesa è: una Chiesa fraterna, gioiosa, missionaria, attenta alle esigenze di tutti. I libri consigliati in questa rubrica sono disponibili al Banco della Buona Stampa situato in chiesa. Alex Zanotelli SOLDI E VANGELO Editrice Missionaria Italiana pp. 64, 5,00 Lettura attualizzata e sferzante del capitolo 16 di Luca, la pagina più «economica» dei Vangeli. Alla luce dell odierna situazione di crisi, l autore fa risuonare la voce di Gesù. Anselm Grun MOMENTI DI FELICITÀ QUOTIDIANA Queriniana edizioni pp ,00 La felicità non è inarrivabile: è lì, a disposizione, al centro della nostra vita. Passa attraverso cose semplicissime: un azione piacevole, un sonno salutare, un bagno rigenerante, un amicizia, una preghiera. Rosetta Calì PALLA AL CENTRO! Paoline edizioni, pp. 232, 14,00. Lo sport visto come un collettore di valori che nobilitano la vita come la solidarietà; luogo di socializzazione e di competitività, ma sempre nel rispetto dell altro.

7 Scegliere Sintesi da Atlantide tra Essere ed Avere Un estratto dal giornale di opinione che viene esposto all interno della nostra chiesa e sul sito web della parrocchia; temi che affrontano e discutono l attualità che ci circonda, perchè talvolta soffermarsi e approfondire il pensiero aiuta la fede e la nostra coscienza. L impulso dell uomo a produrre e consumare è un fatto atavico, che ha caratterizzato molte civiltà: il concetto di possedere e di scambiare è richiamato dalle immagini degli scambi di doni tra popoli diversi o ai regali che hanno tradizioni antiche. È tuttavia mutato il rapporto sociale con il consumo. In passato esistevano meccanismi sociali per educare e orientare l impulso al consumo, mentre nella società contemporanea la spinta sembra differente, con l individuo indotto a produrre e consumare senza possibilità di resistenza, e a vivere in una dimensione euforica e ottusa, con la falsa libertà di poter scegliere tra prodotti diversi. Ciò appare in particolare vero per alcuni beni cosiddetti posizionali, che non sono acquistati per il loro uso tipico, ma per gareggiare e confrontarci con altri e posizionarci nelle gerarchie sociali. Come evidenzia l economista Luigino Bruni in un recente editoriale su Avvenire, molti studi ci mostrano ormai da oltre un decennio che il denaro e le energie spese per consumi posizionali procurano un aumento di piacere che dura finché dura la novità, cioè pochi giorni (telefonini) o pochi mesi (auto e case). Eppure persino Epicuro, filosofo che nel pensiero comune viene associato alla vita comoda e dedita ai piaceri, avvertiva nella Lettera sulla Felicità di guardarsi dai falsi condizionamenti: quando dunque diciamo che il bene è il piacere, non intendiamo il semplice piacere dei goderecci, [ ] ma il lucido esame delle cause di ogni scelta o rifiuto, al fine di respingere i falsi condizionamenti che sono per l animo causa di immensa sofferenza. In tempi più recenti, la psicanalisi ha identificato due modalità fondamentali dell esperienza, definite l Avere e l Essere: ma solo la seconda ha come presupposto la libertà e l autonomia, che finalizza gli sforzi alla crescita e all arricchimento della propria interiorità. Alcuni odierni condizionamenti sociali spingono però nella categoria dell Avere. Poniamo che un tale si rivolga a uno psicoanalista scrive Erich Fromm ed esordisca con la frase: «Dottore, io ho un problema; ho l insonnia. Benché abbia una bella casa, bravi figli, un matrimonio felice, ho molte preoccupazioni». Qualche decennio fa, anziché dire «ho un problema», con ogni probabilità avrebbe detto: «Sono agitato»; anziché «ho l insonnia» avrebbe detto «non posso dormire» e in- René Magritte, L amico dell ordine. Olio su tela, Belgio, vece di «ho un matrimonio felice», avrebbe usato l espressione «sono felicemente sposato». Riflessioni di questo genere sono presenti anche in economia: il Paradosso della Felicità enunciato nel 1974 da Easterlin evidenziò che nel corso della vita la felicità delle persone non dipende dalle variazioni di reddito e di ricchezza. Col crescere del benessere economico la felicità umana aumenta fino ad un certo punto, poi diminuisce. E necessario il recupero di ciò che ci è stato tramandato per interpretare il mondo alla luce di ciò che veramente conta. Se ci lasciamo sedurre e intorpidire dall esperienza dell avere, e dai condizionamenti dei beni posizionali, rinunceremo a una fede consapevole e autentica, che rischia di farci smarrire la strada della salvezza, oltre che quella della felicità. La Redazione di Atlantide Cineforum I film selezionati e proiettati questo mese nelle sale della nostre parrocchie. Cinema PALESTRINA Via Palestrina, 7 Milano - proiezione pomeridiana h proiezione serale con presentazione e dibattito h a cura di G. Zappoli (My Movies) e A. Autieri (Box Office). 3 aprile QUANDO MENO TE LO ASPETTI di Agnès Jaoui - Francia Comm. 10 aprile LES MISERABLES di Tom Hooper - GB Sala GREGORIANUM Via Settala, 27 Milano - proiezione domenicale h proiezione del martedì con presentazione e dibatitto h info: 8 aprile MOLIERE IN BICICLETTA di Philippe Le Guay con F. Luchini, L.Wilson, M. Sansa. Francia Comm. 15 aprile STILL LIFE di Uberto Pasolini con E. Marsan, J. Froggatt, K. Drury, A. Buchan, N. D Souza. Italia, Regno Unito, Comm. 29 aprile PHILOMENA di Stephen Frears con J. Dench, S. Coogan, S. Kennedy Clark. USA, Regno Unito, Francia Dramm. 6 maggio IL CAPITALE UMANO di Paolo Virzì con V. Bruni Tedeschi, F. Bentivoglio, V. Golino. Italia, Comm.

8 anche un altra dimensione del dolore del Crocifisso: Gesù si rivolge a Dio con il nome di Padre. Il perché diventa il grido fiducioso nelle tue mani ed allora l esperienza dell abbandono da parte del Padre diventa abbandono di sé fra le braccia di Lui. Gesù abbandonato vive il suo dolore in profonda comunione con tutti i crocifissi della terra, ma nello stesso tempo si offre fiducioso al Padre per amore del mondo e così il perché della sofferenza umana prende senso alla luce della sofferenza di Cristo. Non è da solo che Cristo salva il mondo, ma con l adesione di ognuno di noi alla sofferenza e alla croce. Dice San Paolo: Io compio nella mia carne i sacrifici che mancano alla passione di Cristo. Il Segno del cristiano è il crocifisso Croce e Resurrezione La crocifissione e la morte di Gesù storicamente sono un atto di violenza da condannare, ma per chi ha fede sono il più grande atto d amore, perché nessuno ha un amore più grande di chi dà la vita per i propri amici (Gv 15,13) Nei vangeli Orari S. Messe Feriali: (escluso settembre) Prefestivi: Festivi: Segreteria Parrocchiale da lunedì a sabato solo il mercoledì Tel Fax Sagrestia Centro Ascolto Caritas Martedì e Giovedì: Tel Casa Accoglienza Associazione GRATIS di Marco e Matteo Gesù crocifisso si rivolge a Dio con il grido: perché mi hai abbandonato?. Questa domanda è carica del tormento che attraversa la sofferenza; è il tormento di non comprenderne il senso. Ma le parole riportate da Luca lasciano trasparire PARROCCHIA SS. REDENTORE - Numeri e Indirizzi Utili ORATORIO da lunedì a sabato e domenica Tel SCUOLA MATERNA Direzione Tel Fax Suore Comunità SACERDOTI Don Natale Castelli (Parroco) Don Gigi Colombo (Vicario) Don Alessandro Noseda (Vicario) Don Piero Denna (Residente) Don Luigi Parisi (Residente) Così da quel venerdì santo noi sappiamo che la storia delle sofferenze umane è anche storia del Dio con noi. Egli è presente a patire con l uomo e a trasmettergli il valore immenso della sofferenza offerta per amore. Dio ha fatto Sua la morte, perché il mondo facesse sua la vita, quella vera, la vita eterna grazie alla Sua Risurrezione. Anche oggi ho ricevuto la Santa Comunione e mi è sembrato di essere uno dei discepoli di Emmaus, perché dopo quella Santa Pasqua ogni Santa Comunione è un miracolo, un incontro prodigioso con nostro Signore. Questa è la Pasqua del Signore che dà senso alla sofferenza dell umanità perché l ha assunta e redenta e dà senso alla vita degli uomini e questo senso è l Amore. Emma Della Valle Mella progetto di Comunità Aperta Parrocchia SS. Redentore via L. Palestrina 5 - Milano Direttore responsabile Margherita Faustinelli Per contatti: Registrato presso il Tribunale di Milano n 426 del Stampa Pixart.it

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale) Dalla Comune e Provincia di Milano - Diocesi di Milano - Zona Pastorale Prima - Prefettura Nord - Decanato di Niguarda via Giuseppe La Farina 1-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE L'INCONTRO CON I GIOVANI DI ROMA IN PREPARAZIONE ALLA DOMENICA DELLE PALME

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE L'INCONTRO CON I GIOVANI DI ROMA IN PREPARAZIONE ALLA DOMENICA DELLE PALME La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE L'INCONTRO CON I GIOVANI DI ROMA IN PREPARAZIONE ALLA DOMENICA DELLE PALME Aula Paolo VI - Giovedì, 20 marzo 1997 1. Non sum dignus, non sum dignus.

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

... uscendo per le strade!

... uscendo per le strade! And a r e...... uscendo per le strade! percorsi giovani _ 2015/2016 Azione Cattolica diocesi di Bergamo Carissimo/a giovane, n e l l An n o Sa n t o della Misericordia, t i p r o p o n ia m o a l c u n

Dettagli

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 Anno 2010 Parrocchia dei SS. Lorenzo ed Anna Ramate di Casale Corte Cerro (VB)

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

Dal Progetto alla Regola

Dal Progetto alla Regola Grande gioco FESTA DEL CIAO per GIOVANI e GIOVANISSIMI Dal Progetto alla Regola OBIETTIVO: Il gioco è pensato per trasmettere ai giovani l importanza del percorso formativo che l AC propone a tutti i suoi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli