Al papà Giorgio. Valentina Pes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al papà Giorgio. Valentina Pes"

Transcript

1 Al papà Giorgio Valentina Pes 1

2 1^ edizione - anno 2009 Copyright 2009 Italia Press Edizioni srl Via Larga, Milano tel Cell fax sito: Per il Sud America: Italia Press edizioni srl Rua Duque Costa, 365 AP.23 blocco Saô Paulo-SP Brasil tel: Gabriella e Claudio Caruso Fava Chagas Impaginazione Sascia L. Katlewicz Stampa The Pool srl Milano - via Col di Lana, 12 tel fax Tutti i diritti riservati - Printed in Italy 2

3 Ottobre 1969; Scuola elementare Rinnovata Pizzigoni di Milano. Di fianco alla porta d ingresso è inciso il motto del metodo Pizzigoni : TEMPIO: LA NATURA; SCOPO: IL VERO; METODO: L ESPERIENZA. Solo molti anni dopo il mio primo giorno di scuola ho compreso davvero il significato di queste parole. Cari remigini Questa frase del direttore Manzi è il primissimo ricordo che ho delle elementari; nel cortile pieno di sole, già divisi per classi, sotto i platani, con un impegnativo grembiulino turchese e altri 31 seienni appartenenti alla 1 A, capitanati dalla vecchissima signorina Antonia Aiolfi, allora quarantaquattrenne, alta come un granatiere, con un rossetto rosso sangue e un filo di perle. Per me, insieme alla mia mamma, era già la più bella donna del mondo. 3

4 Il periodo passato con lei, presente dalle 9 alle 16,30, dal lunedì al venerdì per 5 anni, è stato assolutamente determinante per il resto della vita, e meraviglioso. A parte la scuola fantastica (agraria, animali, letteratura straniera, nuoto, disegno, laboratorio di fisica, tempo pieno quando la signora Gelmini non era neanche nata), c era una sorta di incubo: la REFEZIONE. L odore nauseabondo che fluttuava nei corridoi del pianterreno era in grado di far indietreggiare qualunque soldato non disposto ad una missione suicida. Ma lei, inflessibile: che fosse minestrone non meglio identificato, brasato non si sa di quale bestia, o il famigerato pollo in gelatina, non c erano santi: se si poteva masticare e inghiottire era commestibile, e andava mangiato. TUTTO. Avendo noi il tempo pieno, i bambini fortunati, di bocca buona, che finivano di mangiare in tempi ragionevoli, avevano diritto ad un ora di ricreazione in giardino. I poveri cristi come la sottoscritta, che a casa aveva la sfiga di essere straviziata e la cui nonna, pur di farle mangiare la frutta, sbucciava e toglieva i semi dei chicchi d uva, se la passavano peggio. All improvviso si bloccava l epiglottide e non c era verso che potesse scendere neanche una briciola. Il risultato era un enorme stanzone, con decine di tavoloni da trenta persone, vuoti, e tre o quattro solitari bambini che, sotto lo sguardo feroce dei maestri, cercavano di nascosto di infilare carne o gnocchi in tutte le tasche a disposizione per poter uscire a giocare almeno un quarto d ora. A casa, poi, si trattava di scrostare grembiulini e vestiti, con una madre stupita, che non capiva. Ma non puoi dire alla maestra che non ti piace? Beata innocenza; evidentemente, quando andava a scuola lei, nel 1941, c erano altri problemi (che ne so, i bombardamenti, la gente impiccata per la strada, il pane fatto con la segatura ) L Aiolfi non era solo un granatiere, un capitano e un aguzzino; ma anche una gran ficcanaso e una vice mamma meravigliosa. Il primo giorno della seconda elementare me lo ricordo come fosse adesso: tutti coi nostri grembiulini o le nostre casacche turchesi, a turno dovevamo andare di fianco alla cattedra e raccontare al resto della classe le nostre vacanze, o quello che delle vacanze ci aveva colpito di più. Ogni interrogatorio durava circa 10 minuti, in classe eravamo in 32, e per amore di disciplina e di comodità si andava in ordine alfabetico. Era un attività lunga, impegnativa e piuttosto noiosa. Il momento più angosciante è stato 4

5 l interrogatorio del penultimo bambino: Allora, Roberto, cosa hai fatto tu quest estate, raccontaci. Eh, sono stato con la mia mamma, che non stava tanto bene Ah sì, e poi? Eh, poi è morta Non c è limite all imbarazzo, e tutto sommato va anche bene sapere di doversi fermare ad un certo punto; credo che per un bel pezzo la signorina non abbia osato interrogare Roberto nemmeno sulla tabellina del 3. Abitando lontano da scuola, avevo bisogno che qualcuno mi accompagnasse tutte le mattine. Mia madre era abitualmente in stato semicomatoso fino circa alle 10, infatti i suoi pazienti non arrivavano mai prima delle 11, così l autista era mio padre, e ci divertivamo un sacco lungo il tragitto: cantavamo e ci raccontavamo storie surreali. Questo, quando la FIAT 850 color nebbia, partiva; diciamo che il 60% delle volte partiva con grande, grandissimo ritardo, quindi la mia entrata in classe avveniva spesso dopo tempo massimo, cioè dopo le I bambini potevano cominciare a entrare in classe alle 8,45, e visto che io spesso arrivavo verso le 9.30, mi sono persa un abbondante fetta di vita scolastica. Ho attraversato gli anni delle elementari in una specie di limbo: ero considerata un po tonta, molto, molto distratta e con qualche rotella fuori posto, ma tanto buona e gentile, come diceva sempre la signorina alla mia mamma, cercando di consolarla per i miei 4 in matematica. Da sempre adoravo gli animali, e questo deve aver determinato nei miei genitori la scelta della scuola. (A 15 anni abbiamo poi capito la ragione del mio intontimento: ho avuto la mia prima crisi epilettica, dopo che, da 12 anni, in seguito a una febbre cerebrale, i miei neuroni subivano un assenza di un secondo ogni sei. Vale a dire 10 secondi ogni minuto, cioè 10 minuti ogni ora. Un autentica stordita). Inoltre ero considerata assolutamente negata per qualunque attività manuale, dal disegno al ricamo, oltre che nelle materie come il canto e la danza. Per quel che riguardava il ricamo o la danza non c erano dubbi: avrei preferito mille volte, nell ora di lavoro, fare mosaico o legatoria, come i miei compagni maschi, e, piuttosto del balletto, era di sicuro più divertente giocare a pallone o a pallavolo. 5

6 Ma cantare, e soprattutto disegnare, mi è sempre piaciuto; anche se l opinione della signorina Aiolfi era fortemente contraria: Questa bambina non sa neanche tenerla in mano, una matita! Figurarsi disegnare!. A nulla valevano le ragioni dell insegnante di disegno: Ma guarda com è creativa! E un po originale, ma non guasta Certo, a te vanno bene le cose strane; sei una comunista! A sette anni non si può inventare, bisogna disegnare le case e le persone come Dio comanda, non devono volare per aria! E con i capelli verdi, poi! Nazim Hikmet, Shakespeare, Leopardi, Carducci, Neruda avevano un significato entusiasmante e umano, con lei studiavamo sicuramente più volentieri la letteratura che la matematica, almeno per ciò che mi riguarda. Quindi il passaggio alla scuola media, è stato totalmente traumatico; lasciando perdere il fatto che fosse una classe tutta femminile, già di per sé cosa piuttosto angosciante, le attività generali si possono considerare NON PERVENUTE. Come profitto ero una bestia, non combinavo niente e gli argomenti che mi interessavano esulavano dal programma ministeriale. Speravo sempre che ad un certo punto sarebbero comparsi personaggi tipo Hemingway, Joyce, Dostoevskij. Quando mi sentivo rispondere, quando sarai al liceo, ci rimanevo malissimo e non capivo tutto quest interesse per D Annunzio, pochi altri, rigorosamente italiani; oltre all inspiegabile interesse della professoressa per queste perenni domeniche o vacanze al mare di ognuna di noi, di cui era costretta a leggere nei nostri banalissimi temi. Le insegnanti non brillavano per fantasia, entusiasmo e voglia di fare, e il mio eroe del momento era Don Lorenzo Milani, con la sua grinta e il suo coraggio. In realtà sono sempre stata affascinata dalle immagini; le prime che ho cercato di copiare sono state i fotogrammi di Bambi e di Biancaneve, e non posso dire con quale risultato. Avevo circa 5 anni ed ero convinta di aver prodotto delle autentiche opere d arte: passavo interi pomeriggi e serate a copiare coniglietti, cerbiatti e puzzole e la cosa che mi preoccupava di più era come rendere il senso di morbidezza della coda di Tippete. 6

7 Normalmente si pensa che la vita di un bambino, in un paese più o meno pacifico, scorra piacevolmente tra amichetti giocosi, qualche compito e atmosfere fiabesche tipo Mulino Bianco. Per quel che ricordo, non ho mai avuto emozioni così profonde, nel bene e nel male, come nei miei primi anni. Avevo, inoltre, una davvero precoce consapevolezza del tempo che passa, anche se i sentimenti troppo intensi venivano stemperati dall amore e dalla levità delle persone che mi circondavano, soprattutto il papà Giorgio e la nonna Bice, la mamma di mia mamma. Solo l ironia, la leggerezza e l amore del mio papà mi hanno impedito di andare fuori di testa dall ansia e dalla paura di perdere la mamma Fulvia, gravemente malata di cuore da quando aveva ventitre anni. Ogni volta che la vedevo a letto con l influenza, invece che nel suo studio di strizzacervelli, pensavo che sarebbe morta durante la notte; il rischio era reale, perché anche adesso ha una capacità polmonare di circa il 15%, unita ad un funzionamento cardiaco del 20% e, attualmente, ad una memoria che non raggiunge il 2%, avendo ormai l Alzheimer da quattro anni. Mio papà era giudice alla Corte dei Conti, fino a 57 anni, quando decise che era meglio fare l avvocato, ma per tre settimane al mese lavorava a Milano invece che a Roma e spesso si fermava a scrivere a casa. Normalmente si svegliava alle sei, faceva colazione con uova, fagioli e gli avanzi della cena del giorno prima. Poi, per mezz ora, flessioni e vogatore: forse sperava di bruciare tutte le calorie appena inghiottite. Di solito, prima di uscire di casa, ci lasciava un disegno: una vignetta in cui raccontava cosa avrebbe fatto durante la giornata. Erano meravigliose, lo rappresentavano in pieno, ma, soprattutto, rappresentavano perfettamente la 7

8 cosa più impressionante, e che stupiva persino me: la sua dedizione a mia madre. L aveva conosciuta nel 54, lui aveva 31 anni e lei 22. Le aveva chiesto di sposarlo mentre le batteva a macchina la tesi di storia medioevale. Mia madre, molto prosaica e indaffarata, era contenta, ma aveva troppo da fare. Lavorare, fare le sue cose, viaggiare per conto suo; come prima cosa, dopo la laurea in lettere, (si è laureata in psicologia 15 anni più tardi) si era trasferita a Napoli a fare l operaia e poi a Milano dove lavorava come copywriter per la Thompson. 8

9 Mio papà lavorava a Roma. Dopo 6 anni e centinaia di lettere di mio padre, lei finalmente ha accettato di sposarlo, e dopo tre anni di ripensamenti sono nata io. Ripensamenti, perché, anche dopo sposati, mia madre lavorava a Milano e mio papà faceva avanti e indietro da Roma. La lettera che è riportata qui vicino, rappresenta in maniera impressionante l atteggiamento e il modo di pensare di mia madre nel Quello che faceva più colpo del papà Giorgio, su chi lo conosceva erano la sua allegria, la sua leggerezza e la sua capacità di godersi la vita. Erano qualità contagiose. Gli piaceva il suo lavoro, ma la sua passione erano la pittura, la musica e giocare con me, esattamente come in futuro sarebbe stato giocare. Aveva decorato i muri della mia camera, dipingeva nel tempo libero, scriveva poesie buffe e inventava storie e avventure. Io ne ero totalmente innamorata e mi pareva un papà scintillante, molto presente, che si prendeva cura, con passione, di me e della mia mamma, ma, purtroppo, pensavo che fosse assolutamente nella norma. I miei trentotto anni con lui sono stati allegri, giocosi e molto fisici, gli anni con a mia mamma, comunque segnati dalla sua perenne condizione di pericolo di vita, sono, ancora adesso che si può solo 9

10 intuire il suo pensiero, improntati ad una continua analisi del perché e del percome di ogni azione. Col risultato, ovvio, che con lei sono sempre stata molto più chiusa che con mio papà. Quando si parla di deformazione professionale 10

11 Mia madre è triestina, e da sempre, alla fine della scuola (a volte anche prima), venivo depositata a casa della mia meravigliosa nonna Bice, in campagna vicino a Trieste. Abitudine che è andata avanti con infinito amore da parte di entrambe fino al 1989, quando lei ha deciso di morire. Lì passavo circa 4 mesi beati; come si fa con i maiali, venivo messa sulla bilancia il giorno in cui arrivavo: la nonna scuoteva la testa, sconsolata, lamentandosi del mio deperimento (allora, e fino a circa 15 anni fa, ero gravemente sottopeso) e iniziava la cura ingrassante Pane, burro, marmellata, cioccolato, festoni di caramelle Rossana, che al mio arrivo mi faceva trovare appesi in giro per casa a mo di ghirlande natalizie. Oltre, naturalmente, a dosi doppie di pasta, carne, verdura e frutta di tutti i generi. La nonna Bice era un cuorcontento : quando uscivamo per andare a passeggio o al mare, fermava tutti i bambini che incrociavamo, mi presentava, allora avevo circa 4 anni, e chiedeva se volevano diventare miei amici. 11

12 Diciamo che aveva una tale dolce fermezza, che i malcapitati non avevano altra scelta. Dovevano dire di sì, per forza. Per prendere più di un piccione con una fava, all inizio dell estate ordinava una ventina di pizze margherite nella pizzeria sotto casa, un paio di cassette di gazzosa alla fabbrica di bibite del nonno, e batteva l intera pineta in riva al mare, chiamando a raccolta chiunque volesse una pizza e una gazzosa. In questo modo avevo la compagnia assicurata per la stagione e con molti di loro sono passata dall età della paletta e del secchiello attraverso il calcio, i flirt, la fidanzata, i figli e il divorzio. Naturalmente erano quasi tutti maschi, anche perché negli anni 70, di bambine che passavano l estate a giocare a pallone non ce n erano molte. La mia fortuna era che, all epoca, il mio aspetto era piuttosto mascolino e molto poco squinzio, per cui venivo accettata senza problemi. Le estati, quindi, le passavamo a giocare a pallone, fare i bagni, allevare mantidi religiose e lucertole e raccontarci storie del terrore sotto casa, possibilmente in piena notte, mentre d inverno, durante le vacanze di Natale, con fuori la bora e le strade ghiacciate, ci rintanavamo a turno nelle varie cucine a disegnare. Sono stati anni meravigliosi, in cui ho cominciato ad affinare i miei gusti artistici e a razionalizzare quello che, all inizio, era solo un sogno poco chiaro. Sapevo che vivere con i pennelli e i colori non sarebbe stata una cosa semplice; ma, come ha detto una volta il mio amico inglese Alex a mia figlia Anna, She believes. Avevo anche diviso in due un foglio, come si fa sulla lavagna a scuola, con una riga verticale in mezzo: di qua i favorevoli, di là i contrari. Tra i favorevoli c erano i miei amici d infanzia, ovviamente mio padre, e pochi altri. Tra i contrari il mondo intero, con in testa mia madre, davvero troppo razionale e poco incline a fantasticherie irrealizzabili. Dopotutto diceva, non sei mica Leonardo. Per il liceo non avevo dubbi. Mi interessava moltissimo la letteratura, amavo scrivere e avevo una chiara idea di quello che sarebbe stato il mio futuro. Volevo disegnare, scrivere, lavorare in team, avere tanti amici e girare il mondo. Quindi l unico percorso possibile era il liceo classico perché apre la mente. Avevo un concetto molto vago di cosa si intendesse con traduzione di greco e latino. Andavo a senso e le declinazioni o l ablativo assoluto erano per me delle oscure minacce che andavano combattute e vinte. I risultati delle mie impari lotte erano una sfilza di 4 e 5. Ma le letterature andavano benissimo. E in storia dell arte avevo un insegnante, tuttora mia amica, che aveva capito, anche prima di me, quale sarebbe stata la mia strada. Per anni avevo avuto così tanta paura di non riuscire a realizzare il mio sogno, che non avevo neanche affrontato il problema. In più, nel maggio del 1981, a 48 anni, tanto per coronare uno stato di salute non proprio eccellente, la mamma Fulvia aveva avuto il suo primo ictus. 12

13 Il più grave: ha polverizzato il centro di Broka e le uniche parole che era ancora in grado di dire erano ciao e Valentina. Per una persona con due lauree era davvero troppo poco. In una situazione del genere, qualunque pensiero che non riguardasse la vita e la salute di mia madre non veniva, giustamente, nemmeno preso in considerazione. Se voleva ricominciare a parlare, e quindi a lavorare (almeno in italiano, visto che aveva resettato completamente anche inglese, francese e tedesco) doveva farlo con i libri di Richard Scarry, dove, ad ogni oggetto disegnato era affiancata la sua definizione. Per un anno, tutti i pomeriggi, è venuta a casa nostra una logoterapista, e mia madre ha ricominciato a parlare l italiano e a curare i suoi pazienti. Un impresa nella quale non sarebbe mai riuscita senza l entusiasmo, l incoraggiamento e la complicità di mio padre, anche nel costringerla a giocare a Scarabeo per esercitarsi. In questo foglio è rappresentato il punteggio di una loro partita. La prima, dopo 3 mesi dall ictus, in cui mia madre sconfisse mio padre. Hanno continuato a giocare per oltre 20 anni, indipendentemente dalle prescrizioni mediche. In una situazione familiare così incasinata, il rapporto con mio padre era diventato ancora più esclusivo, ormai i genitori eravamo io e lui, e insieme, per un anno, ci siamo occupati della mamma, che aveva soprattutto gravi problemi di disistima. Alla fine del liceo mi sono fiondata da mio padre e gli ho detto, quasi furente perché avevo paura che dicesse di no: Io voglio andare a Firenze a studiare restauro. Lui ha sollevato gli occhi e il cucchiaio di legno dal risotto che stava mescolando (scelgo sempre dei momenti fantastici per informare le persone delle mie scelte di vita) e mi ha detto solo: VA BENE. Il papà Giorgio era una persona di grande spessore umano, ma non ha mai parlato molto. A settembre abbiamo caricato tutto (gatto, libri, vestiti, musica e vecchie foto) sulla macchina (non più la FIAT 850 del 1969 ma una bellissima ALFA ROMEO) e siamo approdati a Firenze, in Via Marconi 34, a dieci minuti a piedi dalla mia scuola, sulla strada per Fiesole. Mia madre era incazzatissima, dopo l ictus il suo carattere era cambiato parecchio, quando sono partita non mi ha quasi salutato (atteggiamento che si è mantenuto, praticamente invariato, per i miei tre anni fiorentini), ma quel che è peggio, temo che abbia tenuto il muso anche al papà per un bel pezzo. 13

14 Nel 1985 Firenze era meravigliosa e io ero pazzamente innamorata del mio futuro ex marito. Un lungo, doloroso, amore che è durato per oltre quindici anni. Avevo conosciuto Roberto solo 1 anno prima, ad un concerto di Guccini, ma senza nemmeno sapere il suo nome avevo deciso che avremmo avuto una figlia insieme; mi ero innamorata dei suoi occhi sorridenti e della sua vulnerabilità. Soprattutto immaginavo una grande empatia e comunicazione la possibilità di divertirci e di affrontare insieme le difficoltà. Praticamente auspicavo una situazione clonata da quella che vedevo tutti i giorni tra i miei genitori. La vita a Firenze era straordinaria: immersa fino al collo in qualcosa che pensavo esistesse solo nei libri o nelle mie fantasticherie; la luce, le persone, l atmosfera, il paesaggio, il mondo che sapevo sarebbe durato poco: il tempo della scuola. E, incredibilmente, a distanza di tempo e di spazio, ero per caso riuscita a trovare ciò che avevo avuto in mente per anni: un luogo esteticamente straordinario, persone di ogni parte del mondo che condividevano con me gli stessi interessi (non a caso il nome della scuola era Università Internazionale dell Arte), una vita quasi autonoma (quando non andavo a scuola avevo un lavoro part-time come apprendista da un restauratore di Borgo Pinti). 14

15 Insomma un esistenza piena e soddisfacente nella città più bella del mondo, con la consapevolezza di prepararmi a fare il lavoro migliore in assoluto. Ma con un neo. La certezza che l amore della mia vita, che abitava a Milano, non sarebbe mai stato in grado di condividere la mia passione. Il vecchio discorso della lavagna adesso riprendeva corpo, dolorosamente. Non potevo immaginare la mia vita senza Roberto e, purtroppo, sapevo che lui, come il 90% delle persone che conoscevo, considerava il restauro un capriccio passeggero. A Firenze lavoravo, disegnavo, studiavo, scrivevo, leggevo, ascoltavo musica, andavo al cinema o alle mostre con i miei amici; a scuola era una gioia: oltre al fatto di poter lavorare in cantieri come la Madonna del Carmine, c erano ore e ore di laboratorio con personaggi che oggi non esistono più. Restauratori di 60 o 70 anni che ci trasmettevano i segreti di una vita di lavoro e lo facevano con amore e passione. Avevo una vita da studentessa gaudente dal lunedì al venerdì. Il venerdì sera mollavo tutto, prendevo il mio gatto Romeo, salivo sul treno e mi precipitavo a Milano, dal mio amore. Passavamo insieme dei bellissimi week end da piccioncini e molti nostri amici ci portavano da esempio come coppia felice. Ma a 22 anni conoscevo, a Milano anche troppe persone disincantate, deluse dalla vita e depresse. E, purtroppo, me la prendevo maledettamente. Per loro io ero una poco di buono, andata via di casa senza essere sposata, da sola, in una città lontana, che frequentava gente poco seria e andava a suonare la chitarra, la sera, in Piazza Signoria. Ero davvero poco raccomandabile; (sì, perché ero anche un po stronzetta: una volta capito che tipi erano, mi divertivo a provocarli raccontando loro tutto quello che facevo). 15

16 Dopo tre anni, finita la vita studentesca, avrei potuto, comunque, proseguire con la vita fiorentina. Il lavoro part time si era consolidato, e molti miei insegnanti restauratori, che si occupavano di Masaccio, Andrea del Sarto e personaggi affini, mi avevano proposto di collaborare con loro. Poteva essere un buon inizio, ma in quel momento, per me, il cuore era molto più importante. Così ho chiuso la casa da studentessa gaudente, e, sono tornata a Milano, felice, con Romeo e una lettera di presentazione per la signora Pinin Brambilla. Da lei ho iniziato a lavorare per davvero; a Palazzo Reale, dove si occupava di parecchie tele in contemporanea con il cantiere del Cenacolo, ho trascorso 4 mesi, insieme ad altri 6 restauratori. I compiti iniziali erano le stuccature su un gigantesco quadro del Bellini e le basi su qualche sconosciuto, mentre le sue ragazze, con lei da decenni e ormai quasi mummificate, erano addette al ritocco pittorico sul manto della Madonna del cardellino di Raffaello. Era un luogo fuori dal mondo, e mi rendevo perfettamente conto della fortuna toccatami. Al mio ritorno a Milano ero certa che sarei tornata a casa, in camera mia, con i miei genitori. Sia perché non sapevo dove altro andare, sia, soprattutto, perché mi mancavano; ma una sorpresa poco piacevole mi aspettava: Mi dispiace - mi ha detto mio papà al mio ritorno sei grande (in effetti avevo 24 anni); in questi anni siamo stati benissimo da soli. E ora che ti trovi un altra casa. Per qualche settimana sono andata in giro a cercare un bilocale che coincidesse più o meno con il budget che mi avevano messo a disposizione i miei genitori, finché una sera, tornati da una cena fuori con gli amici (negli anni della mia assenza erano diventati ancora più conviviali, e stavano vivendo una seconda giovinezza), mi hanno detto: Abbiamo visto una casa bellissima. Esce parecchio dalla cifra che abbiamo in mente, ma, se ti piace, te la prendiamo volentieri. E così, in anni in cui era ancora fattibile, mi sono ritrovata ad essere proprietaria di una casa di ringhiera sul Naviglio (col posto auto). 16

17 Contemporaneamente alla gioia di poter fare un lavoro per il quale avevo studiato, che sentivo mio fino in fondo all anima, e che già consideravo come un vecchio amico, dovevo fare i conti con un martellante atteggiamento distruttivo, messo quotidianamente in atto da molte persone. Praticamente da chiunque non facesse il restauratore per vivere. Un po per volta, il mio grado di autostima, stava raggiungendo cifre negative. E molto meglio se vai in un ufficio, ma dai, ma sei sempre tutta impolverata, ma è faticoso, ma non è un lavoro sicuro, ma tanto non sei capace, ma a chi vuoi che interessi far restaurare un quadro o un affresco. E sempre piacevole avere vicino qualcuno che ti incoraggia amorevolmente e ha fiducia in te Il problema era anche riuscire a lavorare in un mondo dove, ad ogni colloquio di lavoro veniva argutamente espressa la convinzione che io NON fossi un maschio. Sì, il suo curriculum è ottimo, ma lei è una donna; sa, è un lavoro faticoso, tipo muratore. Peggio di quando, a 12 anni, ero felice di sembrare un maschio per giocare a pallone in santa pace: allora potevo bluffare, a 25 anni era un po più complicato. In genere, però, una volta appurato che ero indubitabilmente una donna, le persone erano contente. Il primo lavoro, finito lo stage dalla Brambilla, era a Milano. Dopo un paio di telefonate, durante le quali, pur mascherando la voce, non riuscivo a farmi passare per Giovanni, devo aver stressato a tal punto il signor Giacomelli, che ha accettato di vedermi e di farmi entrare a far parte del team che lavorava a palazzo Litta, la sede delle ferrovie dello Stato, in corso Magenta. Eravamo 5 restauratori (di cui 2 donne), lavoravamo nel cortile, su facciate e colonne, ed eravamo perennemente in lotta con i muratori. Era una questione di velocità. Avevamo dei tempi da rispettare per la consegna dei lavori, come sempre, e, naturalmente, la considerazione dei muratori per noi signorine, come venivano definiti i restauratori, indipendentemente dal sesso, era pari a zero. E davvero tutto relativo. Ogni tanto, d inverno, il cantiere rimaneva deserto perché le scalette gelavano e non si poteva salire sul ponteggio, senza il rischio, quasi la certezza, di volare di sotto. La vita di cantiere era, ed è, faticosa, scomoda e disagevole; se una persona deve fare pipì, magari preferisce rimandare di qualche ora, a rischio di esplodere, piuttosto che farsi 6 o 7 piani e spogliarsi in uno sgabuzzino gelido. Nel mio caso poi era particolarmente tragico: all inizio soffrivo di vertigini e così salivo sul ponteggio con un cappellino da baseball calcato in testa e gli occhiali da sole, per non vedere altro che gli scalini davanti a me. 17

18 Ma è comunque straordinaria: esiste tutto un mondo, un contorno, un intreccio di rapporti e di amicizie che durano ben oltre la consegna dei lavori. A volte succedeva che la stessa ditta avesse in piedi più di un cantiere e allora, visto che alla fine degli anni 80 i restauratori di affreschi e di materiali lapidei non erano moltissimi, ci veniva velatamente chiesto di avere il dono dell ubiquità. Le ditte non potevano, e non volevano, rifiutare un appalto e, normalmente, non si preoccupavano più di tanto di quante persone fossero necessarie per portare avanti i lavori. Finito il cantiere di Palazzo Litta, ho cominciato a lavorare anche per conto mio. Ormai da qualche anno abitavo sul Naviglio: avevo il mio appartamento, ma, soprattutto, uno spazio dove circondarmi di boccettini pieni di sol enti e vernici, infilarmi il camice e accendere la radio, senza dover rendere conto a nessuno di quello che facevo, se non a me stessa. Roberto e io praticamente vivevamo insieme, e lui accettava il mio comportamento un po strampalato quasi senza riserve. Ero sempre più decisa ad andare avanti per la mia strada, anche se, spesso, mi sono trovata a dover scegliere tra la libertà e la tranquillità economica. Dopo tanti anni sono sempre convinta che la libertà non abbia prezzo. Nel 1993, alla fine del mio primo trompe l oeil, a casa del mio ginecologo, ho cominciato a non stare troppo bene la mattina. Mi dava veramente fastidio, sono abituata a essere sempre in forma e ho parecchia energia: questi malesseri dimezzavano la mia carica e non li sopportavo. Non la concepivo nemmeno, l ipotesi più ovvia in una persona di 30 anni con una normale vita sessuale: che potessi essere incinta. 18

19 A me la convivenza andava benissimo, ma per Roberto e la sua famiglia l arrivo di un bambino comportava assolutamente il matrimonio. Così nel giugno del 1993 ci siamo sposati e il 17 novembre è nata Anna. All epoca, la famiglia era composta dal gatto Romeo, mio compagno già a Firenze, Witz ( barzelletta in tedesco) un cagnolino meticcio trovato nella spazzatura e allevato dal suddetto gatto, con conseguente grave crisi d identità, Anna, Roberto e la sottoscritta. Io avevo deciso d intensificare il mio lavoro privato, trompe l oeil e restauro di quadri, piuttosto che i cantieri, perché ci tenevo a passare i primi tre anni della vita di mia figlia con lei. Era un grosso impegno, lavorare, stare con Anna, impedirle di bersi il contenuto dei miei affascinanti boccettini (trementina, acetone e roba del genere) e, contemporaneamente, avere un qualche barlume di equilibrio mentale, ma, in fin dei conti, a distanza di 15 anni, penso di esserci riuscita e non ho nessun rimpianto. E inoltre i miei genitori e mia suocera erano dei bravissimi nonni e baby-sitter. In quegli anni anche il matrimonio andava piuttosto bene; eravamo soddisfatti della nostra vita, passavamo insieme parecchio tempo piacevole e durante le vacanze facevamo dei bellissimi viaggi avventurosi. Avevo la fissazione del nord Europa, e ho sempre trascinato la mia famiglia in Inghilterra, Germania, Francia e Norvegia, a girare in lande desolate dove gli unici turisti eravamo noi tre. Ci siamo divertiti, abbiamo visto posti magici e conosciuto persone meravigliose. 19

20 Soprattutto, siamo stati insieme, come famiglia, in un modo molto intenso, e condividendo esperienze che nessuno al mondo potrà mai toglierci, anche se, col tempo, le nostre strade si sono allontanate. Mentre ancora ero incinta, avevamo deciso che Anna sarebbe andata alla scuola inglese, e mi ero presentata al primo incontro con un attonita preside sui 60 anni, che, molto educatamente, cercava di farmi capire che l iscrizione era prematura. Ero convinta che fosse fondamentale, per un bambino, avere un impostazione anglosassone, e l atteggiamento accondiscendente e sdolcinato che vedevo nelle insegnanti degli asili vicino a casa mia, non mi piaceva affatto. Da sempre ho l impressione che, in Italia, i bambini vengano trattati come ceramiche da collezione, e che intorno ai anni gli venga richiesto di punto in bianco di essere grandi. Il risultato è, spesso, un enorme quantità di bambini straviziati, che si sentono autorizzati e giustificati a fare qualsiasi cosa. (E sufficiente trovarsi in un ristorante dove siano presenti 2 o 3 seienni, per rendersene conto. Di solito la risposta della mamma alle timide proteste di chi gradirebbe mangiare in santa pace, senza energumeni che si lanciano palline di carta o posate, è: Eh, ma sa, cosa vuole, sono bambini Col risultato di far sentire l altro una specie di Erode senza cuore). Di botto, poi, verso i 13 anni, quando la creatura si è trasformata in un marcantonio con cui è pericoloso discutere, agli stessi bambini che si lanciavano i coltelli, viene richiesto un comportamento da Piccolo Lord. Sono dell idea che il rispetto per gli altri e quella piccola cosa comunemente nota come senso di responsabilità, debbano essere trasmessi prima possibile. 20

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Questa giornata per te è stata:piena di significato, mi ha fatto capire che noi donne siamo veramente importanti un modo per conoscere cose

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli