periodico di resistenza studenteska.. anno scolastico 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "periodico di resistenza studenteska.. anno scolastico 2011/2012"

Transcript

1 periodico di resistenza studenteska.. anno scolastico 2011/2012 Ricominciare. E' questo lo scopo delle nostre feste, ricominciare. Lo scoglio mentale che ci porta a vedere quel giorno come un termine, una conclusione di qualcosa, di cosa di preciso nessuno lo sa; quasi una piccola morte, un bagno purificatorio per lavare i panni lerci e riporre nella soffitta della mente quelli che ventiquattrore prima sono esperienze vive, due giorni dopo cose passate, vicine ma gradevolmente lontane, circondate da un alone caldo e un po' sfocato, un lenitivo da conservare per i giorni amari. Non è un caso che Natale cada in questi giorni, è la festa del sole,che celebra il riinizio, è un rito ancestrale che si identifica perfettamente nel capolavoro che è la frase " a natale sono tutti più buoni": la gente ha bisogno di una scusa per sentirsi meglio, una giustificazione per mettere una pietra sopra la cattiveria di ogni giorno e contemporaneamente non rinunciarci, una frontiera più che sul calendario, nella nostra mente: "fino a Natale ci siamo arrivati, poi si vedrà". E di qui il rito commerciale, di qui il regalo ad ogni costo, di qui le riunioni forzate di parenti mai (o mal) visti, di qui il senso di allegria forzata. Sono celebrazioni imposte e spesso mal tollerate, ma sorprendentemente o forse neanche tanto, in quanti ci rinunciano? La società impone felicità, specialmente quando questa si misura in tredicesime sputtanate in consumi più che inutili. Ma questa iniezione programmatica di allegria artificiale appena serve a trattenere le persone dalla ribellione, dalla presa di posizione nei confronti di questa società ridicola; una valvolina di sfogo in un grande paiolo di rabbia. Perciò, il venticinque, quando vi sveglierete tutti contenti pensando che è Natale, chiedetevi se vale la pena stordirsi solo per sopportare lo stress di tutto un anno. Prendete il vuoto, e il vago senso di nausea, che provate ogni giorno, e che vorrebbero annegare nei sorrisi freddi, nelle risate false, nelle calche grottesche dei centri commerciali: che eruttino, e dopo chissà. Auguri. fix.

2 Vorrei incominciare l'articolo con una breve premessa: parlerò del tempo, non per angosciarvi con l'ennesima constatazione nostalgica del fatto che passa in fretta, i soliti "mi sembra ieri di aver iniziato il liceo ed invece sono già in quinta" e affini, ma per riflettere su quanto questo influisca su un aspetto fondamentale della vita: la ripetitività. "Il mondo intero è un palcoscenico, e tutti gli uomini e le donne semplicemente attori: hanno le loro entrate e le loro uscite di scena. Un uomo nella sua vita recita diverse parti.( ) All'inizio è un poppante che geme e rigurgita tra le braccia della nutrice. Quindi uno scolaretto piagnucoloso, con la sua cartella ed il viso illuminato, avanzando come una chiocciola malvolentieri verso la scuola. Poi l'amante, che sospira come una fornace, con una sciocca poesia dedicata al sopracciglio della sua bella. Dopo il soldato, fedele a strani giuramenti con la barba di una fiera, custode dell'onore, svelto e pronto alla rissa, che cerca un effimera reputazione anche nella bocca del canone. Quindi la giustizia, in una pancia bella paffuta rimpinzata di buon cappone, con occhi severi e taglio formale di barba, piena di saggi proverbi e istanze moderne. ( ) L'ultima scena di tutte, che termina questa strana storia a tappe è la seconda infanzia ed il semplice oblio, senza denti, senza occhi, senza gusto, senza niente." Shakespeare in "As you like it" descriveva così il concetto di ripetitività di cui ho parlato prima. Se ci pensate infatti tutti noi siamo stati e siamo tutt'ora attori senza un copione, che si sono trovati sul palcoscenico del mondo costretti a improvvisare goffamente le varie parti che il destino ha assegnato loro nello spettacolo, senza intervalli e senza repliche, della vita. Ogni personaggio, cercando di immedesimarsi alla meglio nel suo ruolo, inizialmente spaesato e un po' confuso, ha preso esempio dai commedianti più grandi ed esperti, ha acquisito sicurezza, consolidato le proprie battute migliori, per poi occupare a sua volta il posto di modello per i più giovani. Per ogni interprete che va a vestire i panni di una figura nuova, un' altro va ad indossare quelli da lui lasciati, per ognuno di essi che abbandona il palco un altro fa il suo debutto, creando un meccanismo di ricambio continuo e reiterante. Ma qual'è, dunque, la funzione del tempo all'interno di quest'ingranaggio? Ecco, se la vita è uno spettacolo, il tempo ne è il regista, colui che decide quando è il momento per noi di uscire scena e quando farvici rientrare con una parte nuova, colui che decide quando aprire il sipario e dare inizio alla rappresentazione e quando poi richiuderlo e decretarne la fine. Freddo e distaccato, impone la durata degli atti della nostra esistenza, mentre lascia a noi la totale libertà di interpretazione: lui sceglie il quanto, noi il come. Ogni suo provvedimento è indiscutibile ed inderogabile, è inutile lamentarsi di un ruolo troppo breve o troppo lungo assegnatoci, nulla gli farà mai cambiare idea, è importante invece sfruttare al meglio l'occasione che ci è concessa e dare il massimo finchè siamo sul palcoscenico. Questo, dunque, è il fondamentale di una grande performance: che la tua esibizione duri per anni, o che tu sia una semplice comparsa, non è rilevante quanto tempo tu abbia a disposizione, ma come lo usi per rendere speciale il tuo personaggio, poiché, come ha sempre detto la mia insegnante di teatro: "Non esistono piccole parti, ma solamente piccoli attori". pix.

3 Eccomi qua, a scrivere il mio primo Vox Minorum. Mi posso considerare un autolesionista, nonostante non sia una persone a cui piaccia farsi del male, di prima categoria, per il semplice fatto che ho accettato di fare questo articolo. E stata un impresona riuscire a mettere insieme qualche idea decentemente decente [causa criceto molto lento nel far girare la ruota], ma ce l ho fatta. Mentre scrivevo alcune righe di tutto questo, riguardavo per l ennesima volta Zeta la formica [:3], cartone animato assai colto ed istruttivo. Chiudo questa pessima parentesi ed inizio, chè altrimenti qualche superiore potrebbe uccidermi per la divagazione sull argomento [non vorrei mai,e sottolineo MAI, che la mia vita finisse per mezzo di Chiara o Fix! O, peggio ancora, del capo supremo, la prof. Rossi!]. Tacuma. Cos è il tempo? Inizio subito con il dire che questa cosa fa sì che ci poniamo delle domande, complesse o meno, ma che ci fanno, in tutti i casi, ragionare molto. Ciò che ci succederà in futuro è già prestabilito? Il passato, anche il più lontano, come da bambini, influisce parzialmente sul nostro presente? O addirittura completamente? Il tempo è in perenne cambiamento, facendo sì che ci sia un presente in continua evoluzione? E altre. Ma cos è davvero il tempo? Einstein diceva che il tempo è quella cosa che si misura con l orologio, grande affermazione, anch io avrei detto ciò [e magari mi bastasse per chiudere l articolo!]. E, forse, la forza più grande dell intero Universo, che ci accompagna per tutta la vita, o forse la base dei cambiamenti e delle evoluzioni, o una semplice invenzione umana, o ancora, la più grande illusione. Può essere percepito direttamente con i sensi fisici? Ecco, no, poiché è qualcosa di creato e immaginato da noi, e dunque non reale e non percepibile fisicamente. Si può dire che è possibile sentirne l esistenza indirettamente attraverso la parte degli oggetti creati o dei movimenti, che sono visibili per i sensi fisici. Questo mi riporta a pensare che il tempo è un illusione ed un invenzione. Il tempo agisce, in qualche modo, sulla nostra vita, e si può perciò considerare come una quarta dimensione, della nostra coscienza o della realtà. Il tempo è un invenzione, poiché giorni, ore minuti, eccetera sono frutto della nostra immaginazione. Ognuno percepisce il tempo a modo suo: un ragazzo ha una percezione diversa da quella di un anziano, anche gli animali lo percepiscono diversamente, un cane, ad esempio, non capisce se sia passata un ora o sia passato un giorno. Il tempo è l infinito, che ha come principio il nulla e come fine la stessa cosa. Ed essendo l infinito, ciò che è successo in passato, prima o poi, tornerà. E un po come un circolo vizioso, apro il cassetto dove tengo i biscotti, ne prendo uno, richiudo il tutto, però poi mi viene voglia di prenderne un altro, così riapro il cassetto e ricomincia il circolo, fino a quando non finisco i biscotti o i miei mi dicono che se ne mangio un altro non mi salariano più per fare shopping. Cosa, a parer mio, orrenda se la mettiamo sul piano dei biscotti, ma dato che non sono l argomento trattato, beh il tempo come circolo vizioso è fantastico da dire, lo si può intendere come cosa positiva! Però non sono sicura, anzi ne sono certa, che in un dato contesto sia una cosa tutt altro che positiva. Ci sono state guerre terribili, persone orrende al comando di qualche diversa Nazione, uhm, no no! Preferisco che non sia tale, per questo aspetto! Se si pensa, però, a persone che hanno cambiato la storia del Mondo in senso positivo, allora, e solo allora, accetterò l idea che succederà nuovamente tutto. Cosa dire ancora di questo argomento, per il quale servirebbero almeno cinque o sei pagine? Nulla! E già tanto se ho scritto una pagina! Dico io, accontentatevi!u.ù Un ultima cosa da dire però ce l ho: cos è per me il tempo? Beh, come diceva Sant Agostino, se nessuno me lo chiede, lo so; se dovessi spiegarlo, non lo so. francesca.

4 Ciao a tutti, siamo dei vostri compagni di scuola che, purtroppo, stanno concludendo il periodo più bello della loro vita. State pensando che siamo forse idioti? Beh, forse un pò sì... ma non del tutto! Nel corso dei cinque anni abbiamo avuto l'opportunità di partecipare a vari laboratori, ma quello che ci è stato più a cuore è stato il cosiddetto "progetto Peer Education". Vi state chiedendo che cosa sia? E' presto detto. Nel lontano 2009 si sono presentati alle porte del liceo tre oscure figure: una psicologa dell'asl ALBA-BRA e due educatori. Attraverso una lezione alternativa, composta di giochi, brainstorming e molte discussioni, ci hanno spiegato che Peer Education è proprio quello che significa la parola stessa, "educazione tra pari". Ci hanno fatto capie che tramite i loro metodi di lavoro possiamo conoscere, possiamo "educarci" sul mondo in cui viviamo. La nostra sete di conoscenza ci ha permesso di concentrarci su delle problematiche a noi vicine e care: partecipazione, futuro, stili di vita e libertà. Abbiamo sviscerato questi quattro temi in una serie di incontri pomeridiani, portandoci all'organizzazione di due eventi da noi denominati "laboratori trasverali", nei quali abbiamo raccontato attraverso video, immagini, canzoni il mondo degli anni '50 e '60. La novità di questi eventi è stata quella di parlare di quei decenni attraverso la voce delle menti di spicco di quegl'anni, mettendo in luce gli stili di vita di quel tempo. Grazie a queso lavoro abbiamo conosciuto personaggi ritenuti più o meno importanti dal programma scolastico, quali Kerouac, Rosa Parks, Che Guevara, JFK e compagnia bella. Ma non è finita qui! La Peer Education ci ha offerto l'opporunità di confrontarci e conoscere ragazzi con gli stessi interessi provenienti da ogni dove (Francia, Verbania, ma soprattutto LIGURIA e SVIZZERA). Affinchè il lavoro di questi tre anni non vada perso, ci rivolgiamo alle nuove menti liceali, invitandole a partecipare a questo splendido progetto che è la Peer Education! Vi amiamo tutti (o quasi!) i peer educators. Ormai è diventata una ricorrenza recarsi al carcere di Saluzzo per assistere allo spettacolo teatrale animato dai carcerati stessi. E al di là delle battute di circostanza come "Divertitevi!" o "Vi riportano a casa!", assicura veramente un'esperienza fantastica. Siamo abituati a vedere i carcerati come "criminali", come persone che non meritano nessuna assoluzione. E, sia beninteso, lo spettacolo teatrale non è un modo per perdonare nessuno. Né per fare del buonismo. È un modo, senz'altro originale, per avvicinare due mondi completamente differenti: il mondo dei giovani, dei liceali, che (com'è naturale che sia) vedono distante il mondo della criminalità, della cronaca nera e delle prigioni e il mondo di chi ha fatto delle proprie colpe e dei propri efferati delitti la memoria ineluttabile del tempo. Con cinismo efferato spesso affermano che nessun carcerato merita il laboratorio teatrale e come già ribadito, molti sostengono che meritano solo di "marcire dietro le sbarre". Questo spettacolo dimostra il contrario. Dimostra che non è possibile cancellare e perdonare le loro colpe ma che è possibile cambiare sé stessi. E con sé stessi, intendo dire che lo spettacolo ha cambiato sia noi che loro. Grazie al laboratorio teatrale infatti è stato possibile fare uscire la rabbia, la noia e il rancore ed esorcizzarli. Trasformare le persone, mi dispiace, ma credo sia un'utopia irrealizzabile. Ma migliorarle, proporre loro un modo per mettere a nudo le proprie capacità e mostrare un'altra parte di sé, sconosciuta ai più, questo sì. E ce lʼhanno dimostrato. Ci hanno mostrato come soffocare le proprie paure e incanalarle allo stesso tempo nei gesti, nella musica, nelle parole. In quel momento non erano criminali, non cʼera lʼassassino, il mafioso, il ladro, il pedofilo. Erano uomini. Quelli che oggi la società, secondo me, ha dimenticato già da troppo tempo. E il teatro secondo me, è il miglior modo per purificare il proprio passato. Non cancellarlo, non sarebbe giusto nei confronti di nessuno, ma accettarlo invece sì. Un trampolino di lancio verso unʼesperienza insolita che trasporta la mente di ognuno, anche solo per qualche minuto, via da quella spoglia stanza adibita a palcoscenico. Una chimera ad occhi aperti. Dove è difficile dirlo. Questo è compito di ognuno individuarlo. Intanto ho imparato come convivere con gli errori del passato, ho imparato come la musica e lʼarte, come diceva già il triste Schopenhauer, sono lʼunico modo per evadere dalla realtà e sentirsi contemporaneamente parte di essa. E, sinceramente, imparare dai carcerati era lʼultima cosa che mi sarei immaginato di quella mattinata. fabio.

5 E' giunto il tempo di mostrare chi siamo, ormai è giunta l'era dell'anticonformismo. Forse è la società troppo opprimente e soffocante che obbliga i giovani a trovare nuovi mezzi per dire 'ci sono anch'io'. Dobbiamo imparare a farci sentire, a farci vedere, dobbiamo svevgliarci e parlare. Sia nel vero senso della parole che con il nostro corpo. La body art nasce più o meno con l'uomo, perchè già nel Neoltico in Polinesia si vedono le prime forme di decorazioni sul corpo. Successivamente galeotti e marinai sviluppano quest'arte come simbolo di ribellione o semplicemente per mostrare il numero di donne conosciute in un porto. Oggigiorno i tatuaggi si vedono ovunque, addosso alle persone più inimmaginabili, è diventata la forma d'arte per eccellenza per esprimere il proprio io, un vero e proprio fenomeno di massa. Tramite i tatuaggi i giovani danno svago alla loro fantasia, mostrano il loro carattere in base al tipo di disegno che si fanno tatuare e li usano anche per ricordare una persona o una data a loro particolarmente importante. Il corpo è una sorta di tabula rasa dove linee e colori si intrecciano e si mischiano tra loro. Ogni persona può manifestare il proprio gusto del bello, mostrando indirettamente la propria parte nascosta a tutti. Insomma, i tatuaggi posso essere considerati i momenti più importanti, i ricordi più frequenti impressi sulla pelle, di modo che possano ritornare in mente ogni volta che l'occhio cade sul disegno. Mostrano la felicità o la malinconia che ha segnato quel momento in cui hai deciso di fare quesa pazzia. Una pazzia che però ti porti addosso per sempre, una pazzia che rimarrà sempre con te, cucita sulla tua pelle. Negli ultimi anni l'arte dei tatoos essi posso essere anche considerati un vero e proprio capolavoro, diventando una dimostrazione di bravura e di originalità. Esistono infatti veri e propri maestri tatuatori famosi in tutto il mondo, che ogni giorno aiutando il fenomeno dei tatuaggi a diffondersi come new art. La tecnica oggi è così perfetta che un buon tatuaggio è pura arte. Bisogna essere però coscienti che un tatuaggio è per sempre (un pò come un diamante :D). Essendo un disegno permanente, bisogna fare ben attenzione a ciò che si ha in mente di farsi tatuare! (Perciò occhio a tatuarvi il nome del/della vostro/a ragazzo/a perchè non si sa mai! :D), quindi evitate orsetti, cuoricini, o un disegno senza significato particolare, perchè nel giro di qualche anno potrebbe stufarvi. Occhio anche al posto! Se ci pensate quanto stufa indossare sempre gli stessi vestiti, le stesse scarpe, avere lo stesso taglio di capelli? Pensate un tatuaggio! Immaginate di indossare la stessa maglietta per tutta la vita, non vi stufereste subito? Ergo, pay attention! Anche perchè in questo bel paese chiamato Italia i tatuaggi, se fatti troppo in vista, possono essere causa di problemi sul posto di lavoro. I rischi legati alle infezioni son anche molto importanti, non sottovalutate mai il vostro povero corpo, che potrebbe non essere molto favorevole all'idea di un tatuaggio. Con la tecnologia odierna è possibile rimuovere un tatoo, ma comunque rimane il segno del primo passaggio dell'ago. Quindi fate attenzione, non fatevi prendere dalla foga del momento, dalla moda, o dal 'perchè lui ce l'ha e io no', usate la testa e cercate di non cadere nel pentimento, perchè tornare indietro non si può: vi ritroverete poi da vecchi a dire: 'ma perchè mi sono fatto 'sto coso?' Come dicono gli articolo 31, "I tatuaggi fanno male anni dopo che li hai fatti, ma per quello che ricordano.." dede.

6 Carissimi liceali, dopo il grande incendio provocato da numerose code di paglia, divampato fra i corridoi del Liceo e non solo, abbiamo deciso di gettare un po d acqua fresca per chi in questo momento sta cercando ansiosamente il suo nome e non vuole che siano svelate le proprie carte, benchè ovvie. Essendo, quindi vicini a Natale e a Natale si è tutti un po più buoni (o almeno così si dice), ci concentreremo nelle prossime righe sulle felici e spensierate coppiette, come il vero Spirito natalizio impone d essere. Ormai è ufficiale: siamo entrati nel periodo da piumone, cioccolata calda, sclero da Dobbiamo avere voti perchè il trimestre è ormai finito, serate al cinema o rinchiusi in un bar a fare due chiacchiere con le stesse persone che si vedono tutti i giorni a scuola, ansia da Cosa facciamo a Capodanno? e mille corse per riuscire a trovare la cosa perfetta da regalare al proprio amato. Chissà se avranno di questi problemi le numerosissime coppie del Liceo che amoreggiano fra i nostri banchi e non solo... coppie come Alice Fiorini (IVB) e Beppe Garone (ex liceale), Sara Gerbino (VA) e Enrico Gramaglia (VB), Francesca Rozzi e Jacopo Aimo (ex liceale), Anna Rossotti (VA) e Marco Parisotto (ex liceale), Dede D Apice (VA) e Luca Mascarello (ex liceale), Alessia Gullino e Marco Cuni Cugnolio (VA), Riccardo Corbia (IIIA) e Mara Stroppiana (IVB), Marcella Zorniotti (IIIC) e Tunna (IVB), Max Tormo (IIIE) e Elena Degani (ex liceale), Federica Perronace e Fabio Ravera (IIIA), Elisa Paschetta (ID) e Carlo Cosmai (ex liceale), Sibona Matteo (IVA) e Erica Allocco (IVA), Mauro Pagliasso e Elena Mulassano (IIIC), Edoardo Bertello (ex liceale) e Eleonora Zorniotti (VA), Federica Oberto (IVE) e Alessandro Pai Rosso (ex ragio), Luke Paki Cotza (ex liceale) e Marta Muscolo (IVE), Andrea Carrabino (ex liceale) e Genta Pemaj (I classico), Ravera Erica (IVD) e Edoardo Cuniberto (VB), Mattia Beltrami (IVA) e Erica Fadda (IVA), Groppo Sabrina (IVD) con Fabio Genta (ex liceale), Chiara Genta e Filippo Cipriani (ex liceale), Eleonora Defereria (IIIC) con Ivan Granzotto (ex liceale), Luca Spagnuolo (IVB) e Bhagya Fissore (VC), Francesca Panuele (VD) e Gabriele Sales (ex liceale), Francesca Faccio e Alessandro Magnano. Speriamo solo che, con l arrivo delle vacanze di Natale e con la speranza che qualche fiocco di neve cada, tutti questi innamorati si tengano stretti l un l altro per resistere anche alla notte più scoppiettante dell anno: Capodanno. E invece per tutti quelli che un partner non ce l hanno ancora e che sperano in queste feste di trovare l anima gemella o anche solo un mordiefuggi, sicuramente Capodanno potrebbe essere un buon momento per allungare l occhio. C è anche da dire che questa atmosfera addobbata di luci colorate, ghirlande, Babbi Natale appesi ovunque, è veramente suggestiva e come tutti gli anni qualche amore sboccia (causa forze maggiori!)...quindi guys non è proprio il momento di deprimersi davanti al camino! Speriamo possiate passare al meglio Natale e che possiate iniziare bene l anno nuovo, lasciandovi alle spalle un 2011 che per molti è stato difficile. Dunque siate un po come alberi di Natale: addobbatevi di buoni propositi, tenete ben salde le radici perchè i terremoti non lasciano scampo neanche agli alberi più belli. Liceo, buon Natale e felicissimo anno nuovo! le baccanti.

7 tanto tutti :P siete brutti

8 ..orribilebruttostranovomitevoleindesiderato.. Il pigiama di Hello Kitty! (Rebecca Venere, ID) Quando ero piccola, la barbie dell Inter io che sono del Milan, con una barbie dell Inter! (Francesca Bonura, V E) Un albero di natale.-. (Beatrice Porro, I E) Da piccola, aspettavo una barbie vera, ma mi è arrivata un imitazione! E stata una vera delusione e anche bruttissimo! (Prof. Paganotto) Un profumo ma era un deodorante, per ambienti! E puzzava pure! (Sara Chiavassa. II A) Una chitarra finta, di plastica, con 7 tasti, ognuno dei quali emetteva un suono scrausissimo! (Andrea Balestrini, II C) Una maglia con scritto D&C invece che D&G. (S, 1D) Delle mutande ROSA. (Teo, 2C) Visto che tanti di loro, dopo aver risposto, mi hanno chiesto quale fosse il mio, ci ho riflettuto su, e a parte rose mummificate e palloncini a forma di pony-cornuti (o unicorni, dipende dai punti di vista!) il mio preferito è quello che ho ricevuto dal mio migliore amico l'anno scorso. Dopo 10 anni di amicizia, è riuscito a regalarmi, per il mio 15esimo compleanno, un Chupa-chups alla CocaCola (che ho contribuito a pagare, mettendo 5 cent. di tasca mia!). Viva la sfacciataggine! (Elena Bertola) Delle corna d alce. (Ettore Ferrero 1B) Un anno un mio amico di MIlano mi ha regalato un maialino nano.. peccato che Giulio ha tentato di mangiarlo e abbiamo dovuto darlo via! (Prof. Rossi) Alessandro 1A) Una cariola giocattolo. (D Aiuto Andrea 1F) Spiderman giocattolo non funzionante. (Visconti Una borsa (fatta dalle amiche) di plastica della PINCO, si, scritto con la C! (Lavinia, 3A) Una torta di cartone (impacchettata!). (Cecilia, 3A) Delle calze (brutte!) marroni e gialle. (Tamy, 2D) Lenzuola. (Amica di Tamy, 1E) Le scarpe di Action Man di due numeri più piccole. (Milano Enrico 1A) La casa di Hamtaro.(Bottacin Alberto 1A) Crema solare e olio solare entrambi protezione 50. (Biffo Nicolò 4A) Una maglia di Titti e Silvestro. (Milanesio Marco 3C)

9 Una maglia bruttissima da parte di mia zia. (Amy Skoku) Un orologio rosso a forma di cuore con tutti i brillantini spesso e pesante come un mattone. (Dede VD) Abbonamento di un anno alla settimana enigmistica (Recalenda Edoardo 3C) Una torcia elettrica. (Decosimo Giuseppe 1C) Un fottutissimo pigiama con gli orsetti. (Pietro Oricco 1C) Un cappellino dei Beyblade. (Alex Rinero 1C) Un berretto con sopra la testa di un orso posseduto. (Beatrice Bogdan 1C) Un orrenda tuta da maschio (Noemi Lavalle 1B) Il CD di Justin Bieber (Luisa Iovinella 1A) Un fondotinta scurissimo nonostante io abbia la pelle chiara (Anonimo) Un serpente di gomma. (Anonimo) Un DVD di Twilight (Siligardi Stefano 1C) Uno zaino di Yu-gi-oh per la 3 media.(barbuto Giuseppe 1F) Un pupazzetto del toro mentre la squadra che tifo è la Juve. (Nicola Davide 2B) Una borsa con disegnate sopra delle tartarughe. (Boggione Selena 1C) eleonora, simone, elena, francesca Ciao Liceali! siamo i vostri adorati rappresentanti d'istituto e volevamo salutarvi in modo adeguato dato che tra pochi giorniinizieranno (finalmente) le mitiche vacanze natalizie. Prima di congedarci volevamo ricordarvi che abbiamo organizzato per voi una veglia coi fiocchi! Si svolgerà il 22 Dicembre in riunione per spiegare ai ragazzi di I, II,IV ev ginnasio il funzionamento di questo nuovo tutoraggio. Come promesso arriveranno (sempre nell'anno nuovo) le FELPE LICEALI! Passeremo noi 4 a dirvi il costo e a prendere i nominativi e le taglie degli interessati. Non ci resta che salutarvi e augurarvi delle splendide vacanze di Natale con la una nuova e sorprendente location il "Mangia Bevi e Bala", ricordate di comprare le prevendite così, se Dio vuole, riusciremo a dare una mano ai colleghi del giornalino! I nostri progetti dell'anno nuovo sono già in costruzione: primo tra tutti il tutoraggio, cogliamo l'occasione per dire ai ragazzi di III,IV,V,Icl,IIcl,IIIcl che si farà una riunione assieme ai rappresentanti delle classi sopraelencate per spiegare come funziona e raccogliere i nominativi degli interessati, successivamente faremo un'altra speranza di un felice anno nuovo! P.S. Ricordiamo inoltre che si accettano i vostri suggerimenti e le vostre critiche nel SuggeriBox, che si trova sulla cattedra delle bidelle all'ingresso della sede dello Scientifico e del Linguistico, mentre al Classico saranno presto presenti 2 bacheche di sughero! Scriveteci! Auguri!!!! riky, bella, teto e patty.

10 ODDENINO. *Adesso fate un bel cerchio tipo Mediolanum. *Skoku fai pena! Vieni interrogata tutti i giorni, poverina. Domani vieni a casa mia, così ti interrogo di nuovo! BLUA. *Prima sono scoppiata a ridere, poi mi è venuto da piangere leggendo il tuo riassunto. No ma sentite sentite. La luna guardava il mare! E nel frattempo la sultana apriva la finestra e la luna entrava dentro! RUGGERI. *A-Prof non ci hanno abituato fin da subito a una cosa del genere! Ruggy-Veramente. Io mi sto commuovendo! Dico sul serio! *Ecco qua! (Disegnando un grafico sulla lavagna) A-Una sinusoide! Ruggy-Eh? No veramente è una cosa che sale e che scende. *Io vi massacro sempre, dalla prima io massacro. Sempre! *Questo è bagagliaio culturale! *È ovvio che la battuta precedente l'ho detta solo perché così fornisco materiale al giornalino. A-Perciò ora ci fa fare la pausa? Ruggy-No. ALOCCO. *Alex ogni tanto è un po' nevrastenico. Sarà causato dal trasloco! *E la rivoluzione cosa portò? Fiorellini e baci di dame?! *Il problema è che a Fabio non posso nemmeno togliere voti! *Ma la lettrice cosa vi fa terrorismo a fare?! *Non sono una bastarda! *Non vengo dai Baluba! *"Tiziana non cedere!", ora me lo devo scrivere. *"The Germ" is like Tutti Giù. BRUNO M. *But are you drunk? Have you smoked something? *It is in your quadernetto! *Non so ancora mettere le note sul computer, ma presto imparerò! *You are like a cartoon character! *You are late! Stavamo parlando male di te, sai? GRANERIS. *Lasciamo Stroppiana che ha le visioni! (Parlando di un esercizio della verifica) *Tu cosa avevi perso? Al: Ma io non l'ho proprio fatto. G: Ah! Zero proprio! *Quelli là al fondo saranno subito spostati eh! Al: Verremo pestati?! *Non è venuto a nessuno? Ma proprio a nessuno? Però zitti e mosca! non dite mai nulla! * Ma sei cretino?! Al: Prof, lei mi insulta sempre! Perchè fa quella faccia schifata? G: Hai fatto un disegno orribile! MARTINI. * Rolfo metti via quel giornale alla velocità della luce se non vuoi essere eiettato fuori dalla finestra! (dopo cinque minuti) * Rolfo vai a prenderti una boccata d aria! * Non sono un vigilatore d infanzia! *Un attimo di pazienza, oggi il computer è più lento del solito! Spero di non dover aspettare la venuta del Messia! dentemente hai cambiato pusher! FIORAMONTI. *Oh porca pala! *A marzo siete nella cosiddetta 'cacca mistica'! citazione... FASANO. *Uno dice butano, uno esano, uno pentano, mo' s'incazza Fasano! *Il carbonio si eccita... eh... non quel tipo di eccitazione...

11 GARONE. *Chi è che era assente alla scorsa lezione? STUD: Io! Garry- Vabbè, tanto tu anche quando sei presente è come se fossi assente! (dopo mezz ora) * Signorina, segua! STUD: Ma io sono assente! Garry- Gli assenti non parlano! Non ci sono! *-STUD: Prof. La sospenda per aria! Garry: Muuuuuuuuuuuuuuuu.. STUD:..to devo stare! Garry- Ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh! * Bimbe! E bimbi! STUD: Teenager, per cortesia! RAMPADO. *Bruno hai capito? STUD: Ancora?! Rampy-Eh sì, hai una faccia stralunata! STUD: Ma no, ho solo invertito i colori allora faccio un po di confusione! Rampy- Ahhhh, è solo un problema di arredamento! * Come diceva un mio vecchio professore Nel mondo dei ciechi, chi ha un occhio solo.. STUD: Ci vede poco! (la classe ride) Rampy- Un applauso a Fasciglione! * Il logaritmo naturale di x.. STUD: Possiamo chiamarlo Ln? Rampy-Ma potete chiamarlo anche Gertrude!! * E poi lei era quella che prima diceva Vada pure avanti, non servono altri esempi! * Rolfo ma perché ti giri sempre? ROLFO: Eh, mi chiamano! * Il richiamo della foresta! NIKO: Robin Hood e Little John van per la foresta, urca urca tirulero, oggi splende il sol! *Questa è la carica di prova. Perché è chiamata così? Stud-Perché ci prova! Rampy-Bravo Ramasso! Questa mi è piaciuta! Scrivila un po'! *Uh li conterò tantissimo gli esercizi. Ma non preoccupatevi...la salute prima di tutto. *La spinta di Archimede funziona solo fuori dall'acqua? Allora mi metto una saliera in testa e sto a galla come Gesù. *Dai che Hammonds ne sta per dire una bella! *Anni e anni di meditazione per i monaci buddhisti per raggiungere il Nirvana...e a voi bastano solo due ore! ROSSI. *Cos'avevano gli Assiri che i Sumeri non avevano? *Rahul: il cavallo trainato dai carri *Imparare il latino con Rahul: per lui procellas diventa porcellas! *Ma secondo voi è normale sognare di abbuffarsi di cibo tutte le notti?? come per esempio affogare nelle mozzarelle di bufala o mangiare una sacher e godersi fino all'ultimo boccone?? CONTERNO. *Magliano, noto con grande dispiacere che evidentemente hai cambiato pusher! PRANDI. *Una vestita da poliziotta o è carnevale, o sta andando a una festa di Berlusconi, o è una poliziotta! Si ringraziano: FABIO RA- MASSO. Andrea Gullino. Roby Bruno. Martina Marengo. Elena Bertola. Alessandro Fissore.

12 Adesso comunque c'è un nuovo metodo per educare i bambini. Se urlano di notte bisogna solo andare a farsi vedere dalla porta per tranquillizzarli! (Infastidita dal rumore del traffico) *Ma siamo sulla Salerno-Reggio Calabria?! *Pelizza, puoi tornare in uno stato catatonico? *Il computer mi dice che sono scaduta e fallita! *Deve venirvi voglia di vomitare! Anzi, mi chiedo perchè non vomitiamo tutti un po' di più. -(classe rumorosa) *Ma neanche all asilo! Facciamo il gioco del silenzio con il gessetto?! * Che erroracci nelle verifiche! [ ] Per esempio, Milanesio ha scritto ALL LORO ARCHE E non contatemela con la storia della fretta! Non è che quando uno sta camminando e si accorge di essere in ritardo si mette a strisciare! -(sempre riferito alle verifiche) * E poi, scrivere il cognome prima del nome.. Siamo individui prima che specie!! *A-Ma perché a noi hanno sempre insegnato a mettere sempre prima il cognome del nome! Angy: Ma no! Nel registro degli indagati semmai! *Noi lavoriamo per loro (gli anziani), il problema è che sono tanti e soprattutto, non muoiono mai! "I cinesi quando ridono sembra che non abbiano gli occhi! Non bisogna mai farli ridere altrimenti..." "Per risolvere un sistema ci vuole sempre "cu..", nel senso che ci vuole Q" "Pìu per pìu fa sempre pìu, lo capirebbe anche un pulcino!" "Un mio compagno di classe un giorno è venuto a scuola vestito da Babbo Natale, perchè suo padre aveva un supermercato e aveva anche i costumi. Io sono andato a chiamarlo, perchè andavamo a scuola insieme, e mi sono visto scendere Babbo Natale con la mountain bike! Ma si è messo solo il vestito da Babbo Natale con niente sotto, perchè Babbo Natale non può essere interrogato! Infatti quando il prof l'ha chimato, gli ha chiesto di togliersi il costume, e lui gli fa "Ma prof, guardi che sotto non ho niente!" e il prof "Non ci credo!" allora lui ha cominciato ad aprirsi la maglia, e il prof non l'ha interrogato. Non ha fatto una bella fine! Adesso lavora in un supermercato, e si traveste da Babbo Natale in questi giorni. Ce l'aveva nel sangue!" "l'altro giorno sono andato a torino e ho visto una pescheria che si chiamava "Carpa Diem", che tristezza!" *due giorni dopo* Ieri a torino ne ho vista una ancora peggio, l'- hanno chiamata Dulcis in Findus..!" Poi mentre spiegava le disequazioni di secondo grado.. "Quando vedete la disequazione scritta così si dice che è in Forma Fattorizzata, e si scrive F.F. da non confondere con Forza Fossano...oppure con Fossano Forever!" L'errore è umano anche in questo senso: gli animali sbagliano raramente, anzi mai tranne i più intelligenti fra loro. Georg Lichtenberg

13 La città si ornava. In ogni dove si potevano vedere luci natalizie dalle forme più particolari, decorazioni festose ed allegre si riversavano ovunque. Il contrasto era più che mai evidente, quella miriade di luci stagliate contro il cielo bigio e livido di Dicembre, spesso privo di qualsivoglia connotazione allegra. La gente si ornava. Frenetiche e insoddisfatte, le persone contratte dall ansia accorrevano per i regali dell ultimo minuto, tiravano fuori i vestiti più belli, quelli da festa, per essere eleganti e rispettabili in quel momento così importante. E mai il contrasto era più evidente, tra l esteriorità e i pensieri. A Natale siamo tutti più buoni, vero? chiese il piccolo Kevin, guardando incuriosito la madre che si stava accingendo agli ultimi acquisti per la festa della sera. Non essere sciocco! A Natale DOBBIAMO essere tutti più buoni, lo sai. Rispose irritata la signora. - Di questo passo mi salteranno i nervi molto presto! sempre più frustrata, la madre di Kevin frugava senza successo nelle offerte dell affollatissimo centro commerciale. Proprio non si rendevano conto i suoi parenti che lei era una donna molto impegnata, e non aveva tempo, non aveva proprio tempo per pensare a loro. Eppure tutti gli anni bisognava preparare il cenone di Natale. Bisognava prepararlo, era una necessità fondamentale che tutto fosse perfetto, altrimenti cosa si sarebbe detto di lei! La signora si avviò frettolosamente alla cassa per pagare, pronta a tornare a casa a tutta velocità per mettere a punto gli ultimi preparativi. Era quasi tutto pronto. Già quasi. Kevin si ritrovò smarrito nella folla che accalcava il centro commerciale. Senza sapere dove fosse la madre, con l angoscia che gli stringeva il petto come una morsa d acciaio. Dopo molti sforzi riuscì a uscire. Ma nulla era cambiato. Era perso, esattamente come prima. Non capiva. Ci provava, ma davvero non riusciva a comprendere gli adulti, il perché di quei comportamenti così scostanti, così sgarbati con alcuni, così affabili con altri. Avrebbe voluto vedere. Vedere davvero però, dentro la cose, dentro le persone, capire il senso dei ciò che lo circondava, la sua natura intima e nascosta. Camminando lungo la strada si imbattè in un vecchio e paffuto signore dall aria oscura. Buon Natale! Ciò che successe dopo fu vagamente confuso, fatto stà che il mondo attorno al bambino sembrò cambiare. Le luci natalizie si spensero e così il mondo apparve com era. Giunto quasi senza essersene reso conto a casa, si sentì in preda al terrore. Quelli che vide non erano esseri umani. Nessuno si curò del bambino che entrò nel salotto luminoso e sfarzosamente addobbato. Tanto meno la madre, ridotta inspiegabilmente a una sorta di cadavere ambulante. Putrefatta da dentro era ricoperta dalla sua aura di gentilezza. Come tutti d'altronde. Ora Kevin capiva. Nulla in quel giorno era vero. Le persone coprendosi quanto più potevano, non facevano che rivelare ciò che era rimasto di loro: un guscio vuoto, pronto a essere riempito da qualsiasi cosa, pronto a essere ricoperto da qualunque cosa. Pur di nascondersi. Le anime erano in vendita, e mentre venivano rapidamente cancellate, le identità aderivano ai manichini esposti, a quelli più adeguati. Ce n erano per ogni occasione, bastava scegliere accuratamente, ed essere pronti a sbarazzarsi di se stessi per poter essere, apparire con gli altri. Come gli altri. I sorrisi dipinti avevano da tempo sostituito le smorfie di dolore, di rabbia, di tristezza sepolte sotto una miriade di luci colorate. Perché a Natale bisogna essere più buoni. Perché a Natale non si può, ma si deve fare di più. Per questo, la gente si orna, la città si orna. Scomparire, per poter apparire. Non essere, per poter vivere, sopravvivere. andrea.

14 Ariete: Iris Murdoch ha scritto in uno dei suoi romanzi: Conduceva una doppia vita. Questo lo rendeva un bugiardo? No, non si sentiva un bugiardo, era un uomo con due verità. Se anche tu hai intenzione di condurre una doppia vita nel prossimo anno, sappi che il giudizio delle Stelle (e dell umanità intera) inizierà sempre con la B ma sarà molto meno politically correct. Gemelli: Nei vecchi cartoni animati Looney Tunes, Willy Coyote insegue continuamente Beep Beep, senza mai riuscire a prenderlo. Quando Willy pensa di averlo già in pugno, va a sbattere contro la roccia e scopre che l ingresso della grotta è solo un disegno molto realistico. Credo che nel prossimo anno avrai lo stesso potere di Beep Beep: dipingere ingressi di grotte molto realistici. Cancro:Se vuoi avere un litro di latte direttamente dalla fonte, devi spremere le mammelle di una mucca più di trecento volte. Ti consiglio di tenerlo presente per il 2012: smettila di fare il salutista! La campagna è bella, ma le macchinette del Liceo sono così comode! Sagittario: il giornalista David Brinkley ha detto: Una persona di successo è quella che riesce a creare solide fondamenta con i mattoni che gli altri gli tirano addosso. Ebbene caro Sagittario, segno avvisato, mezzo salvato forse non era uno zoccolo di Rudolph quello che ti ha colpito. Toro: Ecco uno haiku di Cor van den Heuvel: La bambina / appende tutte le decorazioni / al ramo più vicino. È sicuramente un immagina bellissima e dolcissima, ma forse un po riduttiva: è ora, vigoroso Toro liceale, di allargare i tuoi orizzonti: il prossimo anno prova a mettere sotto i piedi quel grosso libro con scritto Latino-Italiano e ammira la tua nuova visuale. Leone: qualche anno fa le autorità del Liech tenstein negarono a Snoop Dog la possibilità di affittare l intero territorio del Paese per la registrazione di un video musicale perché non lo aveva richiesto con sufficiente anticipo. Per il 2012 impara dagli errori degli altri e ricorda: se vuoi affittare il Liech tenstein parti in anticipo!! Vergine: È possibile che ci sia un messaggio per te sul vetro appannato della finestra? No. Sono solo gli effetti del mattone che hai lanciato in testa al tuo amico Sagittario..ma non disperare pudica Vergine, un 2012 in prigione potrà comunque essere utile Bilancia: Ti chiedi se faresti bene a immagazzinare la tua energia e a trattenerla in tutta la sua intensità in attesa di un momento più opportuno? Certo che no! Dovresti aspettare di avere ulteriori dati prima di trarre una conclusione definitiva? No e poi no! Le Stelle dicono che tanto il problema non lo risolvi neanche nel

15 Scorpione: È una libellula o una foglia d acero / che si sta posando dolcemente sull acqua?, si chiede in un suo componimento la poetessa Amy Lowell. E se invece fosse solamente il tuo I-phone che cade in una pozzanghera? Attento alla poesia velenoso Scorpione: l ira dei tuoi genitori ti perseguiterà per tutto l anno prossimo e non la troverai di certo decantata nel libro di letteratura. Capricorno:Voi capricorno non finite mai di stupire: siete allegri, simpatici, vivaci, ma anche profondi, intelligenti e scandalosamente belli. Inoltre gli Astri vi avvisano che non tutto è perduto, e vi ricordano che 'Luca era gay, ma adesso sta con lei'. Ecco il vostro compito per l anno venturo: diventate lei! Acquario: Una mente di terz ordine è felice solo quando pensa come la maggioranza. Una mente di second ordine è felice solo quando pensa come la minoranza. Una mente di prim ordine è felice solo quando pensa.così ha scritto A..A. Milne, il creatore di Winnie the Pooh; ora, liquido Acquario, prova a pensare alla tua condizione e se non ti ritrovi in nessuna di queste categorie eccoti un consiglio per il 2012: inizia a preoccuparti! Pesci: Scommetto che nel 2012 la tua memoria non svolgerà un ruolo così eccellente nella tua vita come ha fatto finora. Ma questo accadrà solo dal prossimo anno, squamoso segno quindi non preoccuparti se il tuo moroso/a ti guarda con ira e cerca ti strozzarti con una calda sciarpina fatta a mano con le vostre iniziali non puoi ancora esserti scordato di San Valentino!!!

16 -Nome? Emanuele. -Cognome? Forzinetti. -Soprannome? Forzi (come mio figlio ). -Facoltà universitaria? Perchè?Lettere e Filosofia, perché di filosofia a scuola non capivo quasi niente. Allora mi sono incaponito e ho detto 'devo capirci qualcosa!'. -Perché ha deciso di fare il professore?per poter incontrare della gente come voi no, seriamente prof..beh.. perché bisogna pur campare! io avrei voluto vivere anche senza lavorare, pero'.. -Se lei fosse ministro dell Istruzione, che cosa cambierebbe o vorrebbe cambiare?dunque, uno toglierei molti finanziamenti al ministro della difesa e li concentrerei sul ministero dell istruzione; due renderei piu' autonome le singole scuole che devono anche essere responsabili di ciò che producono e treinvestirei in tecnologia a livello universitario.. quando mi danno l incarico da ministro? -Cosa faceva nei suoi pomeriggi da studente?leggevo parecchio, romanzi, cose varie non c era la playstation e guardavo la tv forse era ancora in bianco e nero rai1.forse stava nascendo rai2 -Cosa avrebbe voluto fare se avesse potuto scegliere?un viaggio immaginario per il mondo il giro del mondo in 80 giorni anche se non in mongolfiera fa un po freddo.. -Che tipo di musica ascoltava?dunque, io ascoltavo non hard rock o ste porcate lì, ma rock melodico tipo EMERSON LAKE PAL- MER, GENESIS, GETROTAL, EAGLES e poi avevo un certo interesse per il folk americano, quindi il primo BOB DILAN, NEIL YOUNG e via dicendo.. Cravero e' inutile che mi guardi cosi', lo so che non stai capendo niente di cosa sto dicendo.. -Un suo idolo? É bello vivere senza idoli -Che stile seguiva? Nessuno particolare jeans e maglietta, ma non facevo parte di nessun gruppuscolo. -Cosa pensava del liceo quando lo frequentava? Che era una cosa mediamente noiosa e che non mi chiedeva piu' del poco che le davo per l università era diverso -Cosa fa nei suoi pomeriggi da professore? Correggo i compiti! Cosa farebbe nei suoi pomeriggi da professore? Quello che faccio scrivo, faccio ricerche d archivio- m interesso di varie cose, pubblicherò dei libri -Consigli per i nostri lettori liceali?scegliersi un giornale migliore di questo -Un consiglio per i maturandi?essere fortemente motivati, credere in quello che si fa meglio fare una cosa in cui si crede che dieci perché te le caricano addosso come il cammmello di Nietzsche.. -Un opera che l abbia ispirato? Un libro, la Biblioteca di Babele di Borges di sicuro, letta più volte.. - Cosa pensa che gli studenti pensino di lei?tutto il bene possibile naturalmente, se no non sarei qui -Ne è convinto prof?si vive di speranze e di illusioni non possiamo stare simpatici a tutti in questo mondo. e poi, perché uno dovrebbe essere simpatico a tutti? -Sogno nel cassetto? Perché?Andare a vivere a Gerusalemme, perché è la città più bella del mondo secondo me. -Un periodo che vorrebbe rivivere? L università, perché ero fortemente motivato e facevo delle cose che mi interessavano decisamente. -Ultima domanda: considera questa intervista utile o inutile? Perché?Inutile, perché mi avete fatto perdere un intervallo! ovviamente era una battuta! Il male principale dell'uomo è l'inquieta curiosità delle cose che non può conoscere, e per lui è peggio trovarsi in questa inutile curiosità che nell'errore. Blaise Pascal.

17 -Nome? Antonio -Cognome? Viale -Soprannome?..Non lo so..non ne ho! -Facoltà universitaria?perchè? Conservazione beni culturali. Perché sono sempre stato innamorato di questa materia, che è la storia dell arte, da quando avevo la vostra età. -Perché ha deciso di fare il professore? Perché è il lavoro che volevo fare fin da piccolo, beh da piccolo no! Da ragazzino, da ragazzo e poi da studente e perché ritengo che sia uno di quei lavori che ti lasciano ancora molto spazio di libertà. - Se lei fosse ministro dell Istruzione cosa cambierebbe o vorrebbe cambiare?sì, io dalla scuola leverei tutta la burocrazia, ovvero tutte quelle cartacce inutili che noi insegnanti dobbiamo compilare a malloppi! E lascerei tutto lo spazio dedicato alla didattica. Poi..posso dire una cosa politicamente non corretta? Io abolirei i voti, sono proprio una cosa che toglierei dalla scuola. -Cosa faceva nei suoi pomeriggi da studente?...studiavo poco! -Cosa avrebbe voluto fare se avesse potuto scegliere? Le stesse cose che facevo... -Compreso lo studiare poco?...beh probabilmente si! -Che tipo di musica ascoltava? Ascoltavo tanta roba, ne ascolto ancora tanta, tanti generi e mi piaceva molto un gruppo proprio della provincia di Cuneo (sai io sono di Salerno) che sono i Marlene Kuntz. Ora ascolto ancora molto musica, magari un po più noiosa perché sono diventato un po più noioso io! -Un suo idolo? Di idoli non ne ho, alla vostra età mi piacevano cantanti, attori, non lo so attrici soprattutto, ma non per un fatto di idoli! -Che stile seguiva? Esattamente lo stesso di ora, un po trasandato, un po stile la prima cosa che trovi nell armadio la mattina. - Cosa pensava del liceo quando lo frequentava? Mi piacevo molto, tra l altro io ho fatto l artistico che ritengo sia una scuola che a differenza di altre ti lascia molto spazio per formarti come individuo. -Cosa fa nei suoi pomeriggi da professore? Eh..tante cose..tutta la burocrazia di cui parlavo prima, preparo compiti, lezioni e poi vado a correre, esco, sto con gli amici..boh..le cose che fanno tutti gli esseri umani! -Cosa farebbe nei suoi pomeriggi da professore? Beh viaggerei molto! -Consigli per i nostri lettori liceali? Leggete tanto..e non solo il giornalino! -Un consiglio per i maturandi? Ai maturandi vorrei passare questo messaggio: sarete maturi, ma dovete ancora crescere e formarvi, quindi ritagliatevi degli spazi di interesse tutti vostri, al di là dell esame di maturità! Quest età non ve la ridarà più nessuno, quindi seguite i vostri interessi, le vostre passioni, appassionatevi a qualcosa e non perdete di vista ciò che vi piace! Insomma questo vale un po per tutti! -Un opera che l abbia ispirata? Se penso ad un opera in generale, intesa come qualsiasi espressione dell arte, ho un panorama talmente vasto a cui rifarmi che non riesco a risponderti di getto Uno stile magari? Beh, a me piace molto quello del Caravaggio. -Cosa pensa che gli studenti pensino di lei? Ah, questa è cattiva! Penso di avere un impatto tutto sommato positivo, forse perché sono giovane e per il modo in cui cerco di essere vicino agli studenti, molti però magari pensano bene di cogliere l occasione per non fare più nulla e poi gli risulto antipatico quando scoprono che non regalo i voti e voglio in ogni caso far passare qualcosa a chi mi sta di fronte. Ma siccome i miei studenti dell anno scorso mi vogliono bene, credo di non essere visto malaccio dagli studenti! -Sogno nel cassetto? Ah guarda, i sogni nel cassetto non mi riguardano, nel senso che quello che faccio mi gratifica molto ed è già un sogno realizzato, i miei sogni più arditi potrebbero risultare una sfilza di cose banali che chiunque potrebbe dirti, ma il mio più grande sogno, come ho detto, si è già realizzato! -Un periodo che vorrebbe rivivere? Quello che sto vivendo! -Ultima domanda: considera quest intervista utile o inutile? No! Divertente! -Perché? Perché almeno loro (riferendosi agli studenti impegnati in un compito) possono copiare un po senza che io gli rompa le scatole!

18 A bike = Ora guardo A new lot = Tipo di pasta ripiena A steam = All'incirca, approssimativamente An both = L'una At sent = Ti ascolto, (Egli ti ascolta) Back = Il becco (idiom. Sarah's back!: Taci, una buona volta!) b Bay = Belli, di gradevole aspetto Be-cell = Bicchiere Been = Bene Bike-a = Guarda Bike-a-been = Guarda con attenzione Bike-a-lee = Guarda li' Bike-a-sea = Guarda qui Board = Bordo, margine Book = Foro Book indoor = Boccuccia d'oro (vezz.) Boot-a-lean = Botticella (fig.: Persona rotondetta e di bassa statura) Brass = Braccio Brass-a-let = Bracciale Brick = Altura, picco inaccessibile Broad = Brodo a Bruce = Formaggio fermentato piccante Bus = Basso, piccolo Bus in = Catino, mastello But = Picchia! Percuoti! But-easter = Battista (esempio: Me soon But-easter / Il mio nome è Battista) Call = Collo (fig. Man a call / Aggressione fisica. C Come palm man a call / lett. "Egli si comporta in modo manesco") Can a got = Cane e gatto (fig. Soon can a got /Antipatia profonda e reciproca) Can cell = Infisso metallico Cake 'cause = Qualche cosa Car = Costoso, caro Car lean = Diminutivo di Carlo Care-ask = Comune di Cherasco (CN) Cartoon = Carro a trazione animale (fig.veicolo in pessimo stato di manutenzione) Cent = Ascolta (esempi: Cent see, Cent been, Cent so see) Cheat = Piccolo (vezz.: Figliolo). Been cheat / Molto piccolo Chess = Ritirata, gabinetto Cigar-soon = Questi lavoranti (Cigar-soon soon fort /Questi lavoranti sono muscolosi) Cigarette = Questi tacchi (Cigarette soon out-bus /Questi tacchi sono alti-bassi)

19 Dance = Viscoso Do rest = D'altra parte Do set = Vino Dolcetto (Boone's doset sea / E' buono questo Dolcetto) Dust = Astigiano D Hey pence = Ci penso Home = Uomo H Human tell... = Lett.: "Li abbiamo nel..." (Human cell-let /Li abbiamo sul letto; Human tell grass / Li conserviamo nel grasso) F Fair = Ferro Fall = Scemo, infermo di mente Fans-out = Fai/Fare un salto (Fans-out been out, ecc.) I I = Aglio I a seen = Calli Fast-tree = Lett. "Fa schifo" Fee Dick = Fegato Feel = Cordicella, filo Jaw-an = Giovanni Jew-an-hot = Giovanotto J Feet = Pigione affitto (An feet cream-in-all / Un canone esorbitante) Few lean = Ragazzino Flip = Filippo (dim.: Flip-hot) Fool-and-run = Zuzzerellone Freak an do = Persona particolarmente ingenua Freezer = (Pron. Americana) briciola L Lee moon = Limone (Soon car sea leemoon / Questi limoni costano cari) Let = Letto, giaciglio Light = Latte Look at = Luchetto Lord = Alticcio, ubriaco Love-trees = Lavatrice G Goes = Gas Got in = (Pron. Americana) Micetto Got us = (Pron. Americana) Gattaccio a cura del piemontese più piemontese di tutti i piemontesi e anche del piemonte stesso: olivero matteo! Grease = Grigio, spento Group = Nodo Harry's pet = "Rispetto a..." He corn = Le corna

20 Domanda: Scritta la letterina?. Risposta: una risata e la porta chiusa in faccia. Interlocutori: la sottoscritta e un cuginetto di 7 anni non particolarmente toccato dallo spirito natalizio (a voi l assegnazione reciproca delle due battute). Conclusione: AAA cercasi (disperatamente) Babbo Natale. Sparito nel nulla. Ha fatto puff come Glad micro spray. Ogni tanto si hanno delle riapparizioni in perfetto stile Lazzaro, ma nulla più. WHERE R U? Mi manca il tuo ohoh troppo ohohso. Hai evaso il fisco dopo aver venduto tutto il carbone e ti sei dato alla bella vita in qualche caraibica isoletta sperduta? Mi immagino la tua foto sulle bacheche dei distretti di polizia co sta panza e la barba bianca e cespugliosa con impigliati qua e là rimasugli di un panettone del 1982 e sotto la scritta WANTED e sotto ancora vivo o morto. Cosa mi combini? Non vorrai mica darmela a bere che ti sei adattato alle mode del momento? Non credo proprio che negli anni cinquanta tu abbia comprato un furgoncino dai colori psichedelici della Wolkswagen e andavi in giro per il Polo Nord con una fascetta fucsia sulla testa, occhialetti alla Ozzy Osburn e un fare particolarmente sciallo millantando la pace del mondo e l amore (per questo ora ci sono le aspiranti Miss Italia). Stai finendo nel dimenticatoio come la grammatica italiana dai profili Netlog, pure il bimbetto della pubblicità del panettone Motta è passato dal e-se-si-fa-malebuttati-che-èmorbido a dammi-una-lamettache-mi-taglio-levene. Cos è il Natale senza di te? Scena: Fabio Frizzi ne I soliti ignoti, -Lei, lei con la faccia tonda e le guanciotte, la voce roca e il vestito rosso.. E lei Platinet? D: Tu sei come Jessica Fletcher all ora di pranzo durante le vacanze estive! Cominci ad avere degli acciacchi alla schiena per la vecchiaia e passare una notta intera su una slitta non sarebbe particolarmente ottimale? Mettiti in affari con Bartolini: ci pensa lui alle consegne! Gli elfi scioperano per il caro vita e la precarietà sul lavoro e non hai più la manifattura? So che c è una piccola azienda nei pressi della Svezia, non di fama mondiale ma sufficiente ad aiutarti; mi pare AKEA.. UKEA.. Mmmm qualcosa del genere! Che dici? Pure il Papa si è fatto regalare dall Ucraina un bonsai da circa cinque tonnellate che l Enel è ben contento di mantenere acceso, solo per farsi portare le scarpe di Prada nuove da te. roby.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Scrivere nella scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Scrivere per. Informare: Cartelli, indicazioni stradali, insegne Avvisi, comunicati, orari, bollettini Testi di carattere tecnico-scientifico Cronache,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI Elisa Riedo conversa con Maria, 8 febbraio 2007. Il nome della paziente e ogni altro dato che possa permetterne l identificazione è stato alterato per rispettarne la

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli